PROGRAMMA NAZIONALE SCUOLE APERTE a.s. 2007/2008 (C.M. 4026/P5 del 29/08/2007, nota prot. 5906/P5 del 28/11/2007)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA NAZIONALE SCUOLE APERTE a.s. 2007/2008 (C.M. 4026/P5 del 29/08/2007, nota prot. 5906/P5 del 28/11/2007)"

Transcript

1 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale PROGRAMMA NAZIONALE SCUOLE APERTE a.s. 2007/2008 (C.M. 4026/P5 del 29/08/2007, nota prot. 5906/P5 del 28/11/2007) Prot data 27/12/2007 FORMULARIO DI PRESENTAZIONE L ISTITUZIONE SCOLASTICA ( denominazione completa) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE U. FOSCOLO TEANO intende promuovere il Progetto dal titolo: A SCUOLA DI TEATRO La scuola ha ricevuto finanziamenti per progetti affini ( Scuole Aperte regionale, altro. (specificare) [ SI ] X[ NO ] Se si specificare: Anno scolastico Descrizione INFORMAZIONI GENERALI SULLA SCUOLA Dati anagrafici della Scuola Codice scuola Codice meccanografico C E I S E Indirizzo VIA ORTO CERASO Città, c.a.p. prov. TEANO CASERTA Telefono Fax Indirizzo web Codice fiscale scuola Cognome e nome del Dirigente scolastico Cognome e nome del coordinatore del progetto (se diverso dal dirigente) Alessandro Cortellessa 1

2 AMBITO TEMATICO 6 PROMOZIONE DELLE DISCPLINE ARTISTICHE, AD ESEMPIO: TEATRO, DANZA, ARTI FIGURATIVE A. DESTINATARI DEGLI INTERVENTI - Alunni delle scuole del II ciclo dell Istruzione. - Genitori, popolazione giovanile, popolazione adulta del territorio B. AZIONI - Favorire le attitudini di ciascun alunno attraverso la molteplicità dei linguaggi. - Favorire l operatività a carattere laboratoriale (di pittura, di grafica, di manipolazione, fotografia, cinematografia, arte teatrale, danza). - Selezionare le tematiche legate al mondo giovanile e alla realtà contemporanea. - Approfondimento critico per la fruizione delle opere importanti visive, pittoriche e multimediali. C. ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA DI PROGETTO C.1 - Risorse strutturali utilizzate per le attività di progetto n. Strutture Scolastiche Laboratorio di pittura e arti grafiche Laboratorio di danza Laboratorio di fotografia Laboratorio cinematografico/teatrale Interne alla Sede di Presenti nelle scuole della Esterne/territoriali erogazione del Servizio rete [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] Altri specialistici laboratori [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] [ SI ] [ NO ] Gli ambienti indicati garantiscono l accesso a studenti con handicap fisici X [ SI ] [ NO ] Gli ambienti indicati garantiscono postazioni di lavoro ed attrezzature adeguate, nel rispetto delle norme di sicurezza X [ SI ] [ NO ] 2

3 C.2 - Partecipazione delle famiglie Descrizione sintetica delle modalità di partecipazione: Le famiglie saranno coinvolte direttamente nel percorso didattico, collaborando in ogni sua fase C.3 - Ampliamento dell offerta formativa di cui alla C.M. 4026/P5 del 29/08/2007. L ampliamento dell offerta formativa e la piena fruizione delle attrezzature scolastiche saranno realizzati: in orario curricolare [ SI ] [ NO ] in orario extracurricolare [ SI ] [ NO ] C.4 - Principali azioni, curricolari ed extracurricolari, coerenti con il progetto realizzate dalla Scuola negli ultimi anni e/o in corso Il Progetto intende potenziare esperienze/iniziative già realizzate dalla scuola nel corso dei precedenti anni scolastici X [ SI ] [ NO ] Se si specificare: Anno scolastico Descrizione 2006/2007 Laboratorio Teatrale 2005/2006 Laboratorio Teatrale 2004/2005 Laboratorio Teatrale 3

4 D IL PROGETTO D.1 Motivazione dell intervento Descrizione sintetica delle esigenze specifiche del contesto scolastico e del territorio, con particolare riguardo ai seguenti fattori critici: - area a rischio di devianza giovanile; - zona periferica di area metropolitana; - zona con forte carenza di centri di aggregazione giovanile; Antica capitale dei Sidicini, Teanum sidicinum, era la città più grande sulla via latina la sola degna di essere accostata a Capua. Così venne descritta da Strabone. In effetti, la grande area archeologica, delimitata a oriente dal fiume Savone e il sistema dei complessi monumentali romani, sottolineano la ricchezza della città e il suo antico splendore: il teatro romano, l anfiteatro, le terme, i templi, le numerose e ricche necropoli e la complessa struttura dei collegamenti. A tutt oggi solo il teatro è stato, in piccola parte, portato alla luce, ma con l inaugurazione nel 2002 del Museo archeologico si assiste ad un rinnovato interesse per la città antica. La storia di Teano, non finisce con l impero romano. La città divenne, infatti, nell 843, contea longobarda e poi un importante centro medioevale. Teano, sorge alle falde sud-orientali del Massiccio vulcanico di Roccamonfina, che presenta alla base una superficie di 450 kmq. e che si erge fino ad un altitudine di metri. La Comunità che abita il Massiccio vulcanico di Roccamonfina, ha trovato di recente un luogo istituzionale dove esercitare le capacità di ascolto, di tutela, di valorizzazione e di programmazione dello sviluppo socio economico sostenibile: il Parco di Roccamonfina Foce del Garigliano. Il Comune di Teano svolge, sotto questo aspetto, un ruolo trainante e di guida, per la sua storia, le sue ricchezze, i suoi monumenti, la sua agricoltura, benché ancora non perfettamente cosciente delle sue possibilità. L Istituto comprende diversi laboratori dotati di opportune risorse strumentali per lo svolgimento delle numerose attività presenti in tutti gli indirizzi: 4

5 a) 1 laboratorio linguistico video-attivo-comparativo; b) 3 laboratori multimediali; c) 1 laboratorio di fotogrammetria, costruzione, restituzione su carta, pannelli di simulazione per la sicurezza degli edifici. d) antenna parabolica; e) rete di Istituto; L ambiente di riferimento del progetto è caratterizzato da - insufficienza quali-quantitativa di stimoli culturali adeguati - assenza di strutture ludico - ricreativo culturali - assenza di fermenti culturali - impossibilità di molte famiglie di seguire i proprie figli nelle attività scolastiche e d extrascolastiche - presenza di arretratezza economica e culturale disomogeneità delle condizioni sociali e culturali forte presenza di immigrati e mancanza di sistemi di integrazione - dispersione scolastica Descrizione dei bisogni degli utenti cui è rivolto il progetto, soprattutto riferiti ai livelli di dispersione scolastica: Secondo i dati ISTAT Caserta è la provincia campana con la più bassa percentuale di ragazzi tra i 6 e i 14 anni iscritti ad un corso regolare di studi, preceduta - nell ordine pubblicato dall ISTAT dalle province di Salerno, Benevento, Avellino e Napoli. La provincia di Caserta risulta essere anche quella in cui la dispersione scolastica è più elevata con il 5,3% di non iscritti, seguono Napoli e Avellino che, con 4,8% e 4,6%, riportano percentuali superiori la media regionale (4,7%) DATI ISTAT. 5

6 D.2 - Partecipazione e coinvolgimento nella progettazione E stato realizzato il coinvolgimento nella progettazione delle rappresentanze delle famiglie [ SI ] x [ NO ] Nelle scuole secondarie di secondo grado è stato realizzato il coinvolgimento nella progettazione delle rappresentanze degli studenti X [ SI ] [ NO ] D.3 - Destinatari del progetto N alunni coinvolti In percentuale Suddivisi per 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ classe % Altri.. N 42 6

7 D.4 - Obiettivi OBIETTIVI FORMATIVI L istituto con l adesione al progetto Scuole Aperte si propone di favorire e potenziare la funzione della scuola come centro di promozione, di aggregazione, sociale e civile, e di formazione della cittadinanza attiva. Obiettivo ambizioso è quello di migliorare la vita all'interno della scuola, favorire l'aggregazione, la socializzazione, la comunicazione, prevenire il bullismo, la dispersione scolastica, i disagi, la consapevolezza dell'esistenza di una società multirazziale e etnicamente mista. Punto focale del progetto è la promozione del teatro attraverso la realizzazione di un percorso didattico attivo e partecipato, in forma di Laboratorio, da intendersi come una modalità di lavoro che incoraggia la sperimentazione e la progettualità, che coinvolge gli alunni nel pensarerealizzare-valutare attività vissute in modo condiviso e partecipato con altri che può essere attivata sia all interno che all esterno della scuola valorizzando il territorio come risorsa per Il teatro come forma interattiva di linguaggi diversi: verbale, non verbale, mimico, gestuale, iconico, musicale, si configura come prezioso strumento formativo multidisciplinare e interdisciplinare, insostituibile come strumento di attivazione simbolico - semiotica, emotiva, dinamico - relazionale, culturale ed interculturale del discente. L idea di teatro didattico non si riferisce solamente al momento finale della rappresentazione, ma anche e soprattutto all iter dei processi che conducono alle forme rappresentative della realtà. Teatro inteso come ogni possibile forma espressiva che tende a rappresentare la realtà umana e i suoi diversi linguaggi (poetico, narrativo, musicale, pittorico, corporeo), la sua storia, il presente, il passato, il futuro, il sogno, la fantasia, l immaginazione. Così il teatro diventa strumento pedagogico, trasversale a tutti i linguaggi, i saperi e le stesse discipline curriculari. Fare teatro a scuola significa realizzare una concreta metodologia interdisciplinare che attiva i processi simbolici del discente e potenzia e sviluppa la molteplicità interattiva delle competenze e delle abilità connesse sia con la comunicazione sia con il pensiero. Un aspetto pedagogico del teatro consiste, anche, nel rappresentare i sistemi di vita ed i valori non solo della nostra cultura, ma anche delle culture diverse dalla nostra. Rappresentare in forma scenica le culture significa, non solo conoscere profondamente la cultura che si intende rappresentare, ma anche attivare forme rielaborative interculturali. 7

8 Il teatro può rappresentare non solo i tratti visibili delle culture, ma anche quelli non immediatamente percepibili come i miti, le credenze, il senso comune, l ironia, la visione del mondo. Nella nostra realtà sociale ed europea nella quale emergono sempre più fenomeni di intolleranza, di razzismo, di violenza xenofoba, conoscere e rappresentare il diverso come sistema di vita e di valori appare fondamentale in un modello pedagogico dell interculturalità. Un teatro interculturale, quindi, a scopi didattici, non solo per far conoscere le culture, ma anche per educare alla collaborazione, alla solidarietà, all integrazione nella diversità. OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Nel corso del progetto l allievo giungerà a: 1) Sviluppare abilità espressive di tipo gestuale e verbale; 2) Rapportare se stessi agli altri e all interno di uno spazio; 3) Superare insicurezze e paure tipiche dell età giovanile; 4) Creare una coscienza critica ed una capacità di individuare i propri errori ed il modo per correggerli; 5) Approfondire argomenti e problematiche relative ai giovani e alla società suscitando interessi e motivazioni di impegno; 6) Conoscere il teatro nei suoi aspetti e in relazione alla sua storia, evidenziandone il valore e i caratteri rispetto ad altre forme di spettacolo contemporanee; 7) Sviluppare abilità nell ambito umanistico, imparando le tecniche di costruzione di un copione teatrale, anche attraverso l utilizzo di un linguaggio specifico e in relazione alle esigenze della scena; 8) Individuare problemi e superare difficoltà 8

9 D.5 Risultati attesi Breve descrizione dei risultati che il progetto intende conseguire, espressi in termini di attività realmente implementabili Il progetto intende realizzare un Laboratorio di Teatro usufruibile non solo dagli alunni della scuola ma da tutta la popolazione, così la scuola potrà essere luogo di incontro e confronto tra ragazzi, adulti e immigrati presenti sul territorio. L arte del Teatro può rappresentare una grande occasione per superare pregiudizi e barriere razziali, favorendo la comunicare attraverso al recitazione 9

10 D.6 - Contenuti ed azioni Breve descrizione dei contenuti, delle attività e delle azioni che si intendono realizzare FASI DELL INTERVENTO L intervento prevede vari fasi: I ACCOGLIENZA E ORGANIZZAZIONE II LABORATORIO DIDATTICO III RAPPRESENTAZIONE TEATRALE IV DIVULGANDO mostra documentale I FASE: Accoglienza e divisione dei ruoli La prima fase, preliminare a ciascuna attività progettuale, ha la funzione di presentare l'intervento e introdurre i partecipanti al tema scelto. divisione della materia da affrontare e alla divisione in gruppi di lavoro Presentato il progetto si procederà alla All interno dei vai gruppi saranno assegnati ruoli diversi per affrontare le esigenze pratiche del progetto: Docenti che prepareranno il Piano delle Attività e guideranno gli allievi nel processo formativo Allievi organizzati in Gruppi di Ricerca con funzioni diverse (ricerche, stesura testi, organizzazione del materiale) Individuazione di copioni teatrali anche dialettali da allestire 10

11 II FASE: Laboratori didattici Teatro in tour ore 100 LABORATORIO DIDATTICO - In ogni momento della condizione umana, fin dall antichità, il teatro ha sempre avuto una funzione importante e quasi sacra. Nell antica Grecia il teatro aveva una funzione purificatrice degli spettatori, che assistendo nei giorni sacri delle feste a rappresentazioni teatrali nelle quali venivano criticati comportamenti umani che esulavano dal rispetto delle leggi umane e divine, imparavano a non ripetere gli errori del passato e ad assumere atteggiamenti e modi di vita ispirati a sentimenti umani e comportamenti civili. Da sempre il teatro ha avuto il merito di tradurre sulla scena la realtà nelle sue sfumature, da sempre ha permesso all uomo di capire meglio se stesso e gli altri, di educarsi alla comprensione e al rispetto Oggi in una società che, aprendosi agli altri, è diventata multiculturale e multirazziale, il teatro è chiamato ad assolvere il suo ruolo reso ancora più valido e importante dai continui cambiamenti, continui incontri e confronti con gli altri. Al teatro spetta il complesso compito di avvicinare l uomo all uomo, di educarlo al rispetto della conoscenza dell altro, di sollecitare in lui il desiderio di tolleranza e di pace in una visione della società che può crescere e migliorare solo col contributo di tutti, del più vecchio e del più giovane, del nativo e del forestiero, del più importante e del più umile, al di là di ogni provenienza, colore, lingua, religione. Il teatro deve diventare punto di dialogo e di incontro fra uomini e culture. Obiettivi: obiettivo del laboratorio didattico è quello di: 1. guidare gli studenti alla lettura e all'interpretazione di pièces teatrali di autori noti; 2. sviluppare capacità di analisi e di critica artistica 3. promuovere una cultura teatrale e cinematografica 4. informare sulle offerte teatrali proposte dal territorio 5. promuovere l'analisi e lo studio di manifestazioni teatrali proprie della tradizione culturale del territorio di appartenenza, con particolare riferimento alle piéces in dialetto napoletano. 6. organizzare le uscite didattiche per la visione degli spettacoli teatrali 11

12 Contenuti: Fasi iniziali saranno così suddivise: Lettura del testo (Il testo viene letto prima dal docente, per la giusta interpretazione, poi dagli allievi in due momenti successivi: individuale e collettivo.) Verifica della comprensione del testo (Il docente pone una serie di domande agli alunni, facendo intervenire tutti nella conversazione.) Trasformazione del testo in sceneggiatura (E uno dei momenti più importanti del lavoro. Gli allievi sotto la guida del docente, articoleranno il testo in quadri o scene, scriveranno i dialoghi e individueranno la parte di racconto da far reci-tare al narratore, facendo in modo da garantire la recitazione atutti gli attori, inventando opportunamente personaggi e comparse.) Scelta degli attori e assegnazione delle parti La scelta degli attori dovrà essere fatta tenendo in giusta considerazione le capacità interpretative degli alunni.) Lettura del testo sceneggiato (Dopo aver scritto la sceneggiatura e assegnate le parti, è opportuno far leggere varie volte il testo dagli attori, per curare la dizione di ognuno e l interpretazione esatta dei personaggi.) Memorizzazione delle parti assegnate (Ogni attore dovrà memorizzare prima delle prove la parte assegnata, per abbreviare i tempi di preparazione del lavoro.) Verifica, consolidamento e sviluppo della capacità recitativa (Momento importantissimo da non sottovalutare. Verificare la memorizzazione della parte; curare l esatta dizione del testo; apportare le modifiche che si rivelano necessarie per la dovuta cadenza e scioltezza recitativa; consolidare la capacità recitativa degli attori rendendola il più naturale possibile; curare il complesso dei gesti, del movimento del corpo, degli atteggiamenti del volto per rendere l espressione verbale più incisiva ed efficace.) Ideazione e progettazione della scenografia dei vai quadri (Lavoro da affidare ai giovani del gruppo sotto la guida degli adulti, per dare spazio alla loro capacità creativa, guidandoli però verso una scelta di soluzioni possibili e semplici da realizzare.) Realizzazione della scenografia a misura reale (La realizzazione della scenografia permette di organizzare un vero lavoro di gruppo. Ognuno sarà impegnato a seconda delle proprie capacità e apprenderà anche soluzioni che poi gli serviranno quando dovrà lavorare senza una guida. Una scenografia, pur semplice, che riproduca il più fedelmente possibile la realtà rappresentata, l ambiente che fa da sfondo alla storia, consentirà agli attori di raggiungere una maggiore naturalezza nell interpretazio-ne del testo.) Scelta dei costumi (La scelta dei costumi naturalmente è condizionata dalla storia rappresentata. Che sia la più semplice possibile, utilizzando vestiti e stoffe che ogni alunno può rinvenire senza alcun sacrificio particolare, per 12

13 evitare inutili e poco educative dimostrazioni di prosperità familiare. Una scelta particolarmente indovinata dà un tocco di completezza che non guasta mai.) Scelta della colonna musicale (Di solito è il docente che provvede alla scelta delle musiche. Ma se si affida agli alunni questo compito, è un ulteriore occasione che si offre loro per sviluppare e potenziare la capacità estetica e la ricerca di linguaggi musicali.) Reperibilità dei materiali e degli strumenti (E un momento di ricerca individuale e collettiva. Pur invitando gli alunni a ricorrere a materiali e strumenti poveri, indirizzarli però verso soluzioni che si avvicinino il più possibile alla realtà rappre-sentata.) Allestimento dell ambiente della rappresentazione Prove nell ambiente allestito LA III FASE RAPPRESENTAZIONE TEATRALE; Questa fase, prevede, la realizzazione scenica del testo Le tematiche scelte dai ragazzi e adulti coinvolti dovranno essere legate al territorio del progetto, il testo potrà essere anche in dialetto. I partecipanti potranno anche scegliere di rappresentare una commedia in dialetto napoletano di De Filippo, Scarfoglio o altri. Si procede per gruppi di lavoro coordinati ciascuno da un insegnante esperto e da un allievo responsabile del settore. biettivi: 1) Imparare a lavorare in un gruppo rapportandosi alle esigenze e alle capacita degli altri; 2) Acquisire capacità di considerare e valutare il lavoro analiticamente e nella sua globalità; 3) Sapersi muovere in uno spazio; 4) Acquisire capacità interpretative; 5) Acquisire o potenziare abilità espressive; 6) Vincere emotività e timidezza. - 13

14 D.7 Scelte metodologiche Descrizione sintetica delle strategie e della metodologia, con opportuni riferimenti alla didattica attiva e laboratoriale Punto focale del progetto è la promozione del teatro attraverso la realizzazione di un percorso didattico attivo e partecipato, in forma di Laboratorio, da intendersi come una modalità di lavoro che incoraggia la sperimentazione e la progettualità. La metodologia formativa utilizzata sarà di tipo innovativo e incentrata sulla valorizzazione delle dinamiche di gruppo, per favorire il dialogo e la capacità di team working. Nello specifico saranno svolte le seguenti attività: Colloqui individuali; -Colloqui orientativi di gruppo; Scambio di opinioni; Test autovalutativi; Certificazione e bilancio delle competenze; sviluppo del senso di appartenenza d un gruppo sociale sviluppo della percezione delle relazioni interculturali. 14

15 D.8 - Strumenti organizzativi Il progetto prevede l adozione dei seguenti strumenti organizzativi (flessibilità temporale, articolazione modulare del monte ore annuale della disciplina, valenza interdisciplinare, ecc.) Descrivere brevemente Il Laboratorio teatrale prevede la collaborazione di docenti di diverse discipline: Lettere, storia dell arte, Lingua, Arte e immagine. Disegno, ecc. per questo il percorso necessità di essere svolto in orari pomeridiani e con flessibilità modulare per adattarsi alle necessità dei vari docenti. Inoltre è prevista la divisione in moduli delle varie azioni organizzate in base ad uno specifico calendario stabilito dai docenti. I moduli svolti dai Vari gruppi in modo flessibile e autonomo 15

16 D.9 - Tempi di realizzazione Il progetto sarà realizzato a partire dal mese di marzo con durata (barrare la casella) Mensile Trimestrale semestrale con n...ore settimanali con n. 6..ore settimanali con n....ore settimanali Il numero complessivo delle ore di attività programmate è pari a 120. D.10 - Monitoraggio e verifica Criteri qualitativi per misurare l efficacia del processo progettuale: (es.: livello di partecipazione alle attività in termini di motivazione, produzione, costruzione di rapporti e reti tra scuole; qualità dei rapporti tra gli attori dell iniziativa; livello di soddisfazione degli utenti, ecc.) Percentuale di partecipazione tra gli alunni Percentuale di partecipazione tra i familiari Percentuale di partecipazione tra gli adulti Alto livello motivazionale dei partecipanti acquisito con appositi questionari Alto livello di soddisfazione di partecipazione all iniziativa Partecipazione della cittadinanza alla Rappresentazione tearale organizzata dalla scuola Descrizione sintetica delle strategie e della metodologia - della valutazione in itinere, volta a modificare l andamento del processo e ad accertare la validità di tempi, contenuti, modalità operative - della valutazione in itinere, volta a modificare l andamento del processo e ad accertare la validità di tempi, contenuti, modalità operative L obiettivo del sistema di monitoraggio è il controllo dei processi per un miglioramento continuativo dell offerta formativa; il sistema di valutazione risulta costituito da un insieme integrato di strumenti per le attività di rilevazione e di elaborazione dei dati mediante il quale è possibile avere la percezione di come l azione si sta sviluppando sotto il profilo del perseguimento degli obiettivi formativi e dei riscontri qualitativi. Gli oggetti della valutazione saranno: - le competenze in ingresso, - le competenze acquisite, - il clima relazionale, - il raggiungimento di obiettivi progettuali. 16

17 della valutazione ex-post, di tipo sommativo, finalizzata a rilevare i risultati conseguiti nella loro globalità Tale valutazione consentirà al responsabile di progetto di elaborare le disfunzioni,qualora ne fossero emerse, e quantificare i risultati nella loro globalità. Strumenti di verifica Strumenti di verifica utilizzati saranno: - questionari, - colloqui, - test, che saranno somministrati dai docenti. Le prove di verifica tenderanno a valutare: - acquisizione di atteggiamenti e comportamenti professionali; - acquisizione di conoscenze di base/trasversali; - acquisizione di abilità organizzative; - acquisizione di abilità nel problem solving. 17

18 E COMUNICAZIONE E RESTITUZIONE ESITI E.1 - Sensibilizzazione Indicare la tipologia delle iniziative che si intendono adottare per pubblicizzare il progetto: azioni di sensibilizzazione, informazione manifesti e volantini manifestazione finale pubblicizzazione presso il Comune pubblicizzazione presso associazioni Culturali Attivazione rete web Pubblicazione dell evento sul sito della scuola. E.2 - Documentazione Esplicitare le modalità previste per l attività di documentazione.. Tutto il materiale prodotto (cartellonistica, ricerche, approfondimento,, scene, costumi realizzati.) sarà messo a disposizione dell utenza presso il laboratorio teatrale d istituito.sarà realizzato un CD rom con lo spettacolo finale e le attività precedenti E.3 - Restituzione degli esiti E previsto un evento conclusivo al termine delle attività? Si No Se sì specificare (eventi artistici, competizioni, gare, esposizioni, mostre, dibattiti, ecc.) x Rappresentazione teatrale DELIBERA DI APPROVAZIONE DEL PROGETTO: Collegio dei docenti Delibera n 01 del 19/12/200 7 Verbale n. 05 Consiglio di Istituto Delibera n 01 del 22/12/20 07 Verbale n. 03 CONTRATTAZIONE R.S.U.: data 22/12/2007 Verbale n. 21 Timbro 18 scuola Il Dirigente dell Istituzione Scolastica

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli