BILANCIO SOCIALE AGESCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO SOCIALE AGESCI 2012-2013"

Transcript

1 AGESCI ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI BILANCIO SOCIALE AGESCI 22-23

2 Sede nazionale Piazza Pasquale Paoli, 8-86 Roma tel fax agesci.org - it Bilancio sociale AGESCI Introduzione... 2 Nota metodologica... 3 Caratteristiche istituzionali e organizzative Identità Relazioni con il territorio... 6 Il governo e la struttura dell Associazione.... Il sistema di governo e i processi di partecipazione Il livello nazionale: compiti e organi Le risorse umane Compagine sociale... 6 Aree di attività e risultati sociali: il perseguimento della missione... 2 Attività istituzionale... 2 Disegno strategico Premessa: dal progetto al programma Risultati economici... 48

3 Introduzione Esiste una rendicontazione delle cifre, una rendicontazione dei fatti e una rendicontazione dei valori intesi non in senso economico, ma come principi ispiratori della gestione Il Bilancio sociale che troverete in queste pagine, è uno strumento di conoscenza, di partecipazione, di trasparenza ed ha l obiettivo di presentare le strategie e i risultati raggiunti nell anno. Valori etici Attraverso il Bilancio sociale ci poniamo l obiettivoo di garantire trasparenza al nostro operato effettuando una rendicontazione sull uso delle risorse disponibili, sulle attività svolte e sui risultati ottenuti, che integra quella realizzata attraverso il Bilancio di esercizio, insufficiente a documentare adeguatamente il risultato delle attività che vengono svolte in termini di sviluppo umano. Rendere conto delle nostre attività, oltre a sottolineare i valori della missione dell Associazione, vuole essere uno strumento comunicativo e informativo per tutti coloro che hanno rapporti con noi, estendendo l informazione dalla dimensione quantitativa a quella quali-quantitativa, rispetto agli obiettivi perseguiti e alle risorse a disposizion ne. Auspichiamo che ciò possa contribuire allaa crescita del livello o di consapevolezza di condivisione della mission da parte di tutti i soci innanzi tutto e degli Stakeholder e integrare il processo circolare di programmazione e verifica dei risultati. Un dedicato fatti cifre rendicontazione sociale particolare e doveroso riconoscimento a tutti coloro che, a vario livello, hanno parte del loro tempo al fine di rendere possibili tutti i nostri progetti. Il I Comitatoo nazionale AGESCI e a Bilancio sociale

4 Nota metodologica Il periodo di riferimento della presente rendicontazione è l anno sociale che va dal ottobre 22 al 3 settembre 23. Il perimetro di rendicontazionee comprende esclusivamentee quanto svolto dal livello nazionale e non tienee conto di quanto posto in essere dai livelli locali, né dalle altre strutture cui l Associazione è collegata ed esercita un influenzaa significativa. I dati e le informazioni sono di fonte interna, partendo dall analisi dei dati già in nostro possesso. Ispirato ai principi di trasparenza, chiarezza, correttezza, comparabilità e verificabilità, il presente processo di rendicontazione trova il riferimento metodologico nelle Linee guida per la Redazione del Bilancio sociale delle Organizzazioni Non Profit predisposte dall Agenzia per le organizzazioni non lucrative di utilità sociale e possiamo dire che il livello di applicazione delle stesse è buono. Il Bilancio sociale è articolato in 4 sezioni: la prima Identità, illustra l identità, i valori e i principi che orientano l attività l dell Associazione e i portatori di interesse; la seconda Governo e struttura, delinea l assetto organizzato tivo e la governancee dell Associazione, la struttura operativa e le risorse umane, nonché gli andamenti della compagine sociale negli ultimi anni; la terza Perseguimento della missione, riporta un focus particolare sulla visione strategica e gli obiettivi di riferimento relativi al programma nazionale approvatoo in Consiglio nazionale, illustrando le attività svolte nel n periodoo considerato per la realizzazione dello stesso, nonché le ordinarie attività formative per i soci adulti e educative per i ragazzi; la quarta Risorse economiche e finanziarie, costituisce il tramite di relazione tra le informazioni del Bilancio sociale e il bilancio d esercizio. Il piano di comunicazione previsto per la diffusionee e la condivisione del Bilancio sociale è il seguente: realizzazione di una pubblicazione da distribuire ai ConsiglieriC i generali e ai principali interlocutori istituzionali e alle organizzazioni distribuzione (posta elettronica), pubblicazione del Bilancio sociale sul sito. Bilancio sociale

5 Caratteristiche istituzionali e organizzative. Identità PROFILO GENERALE L'Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani (AGESCI), chee conta oltre 76. soci, è un'associazione giovanile educativa che si propone di contribuire, nel tempo libero e nelle attività extra-scolastiche, alla formazione della persona secondo i principi e il metodo dello scautismo, adattato ai ragazzi e allee ragazze nella realtà sociale italiana di oggi. L'AGESCI è nata nel 974, come iniziativa educativa liberamente promossa da credenti, dall'unificazione di due preesistenti associazioni, l'asci (Associazione Scout Cattolici Italiani),, maschile, e l'agi (Associazione Guide Italiane), femminile. MISSIONE: UN IDEALE DII VITA Lo scautismo e il guidismo sono un movimento mondiale: di giovani per i giovani educativo che esprime un ideale di vita. Fin dalla loroo fondazione lo scautismo e il guidismoo sono, nel loro complesso, un movimento educativo non formale di giovani che si proponee come obiettivo la formazione integrale della persona secondo i principi e i valori v definiti dal suo fondatore Lord Robert Baden-Powell, attualizzati oggi dall' Organizzazione Mondiale del Movimento Scout (WOSM/OMMS - World Organization of the Scout MovementM t) e dall'associazione Mondiale delle Guide Esploratrici (WAGGGS/AMGE - World Association of Girl Guides and Girl Scouts). Lo scautismo è quindi un movimento o... in movimento ed è il più numerosoo al mondoo e con la maggior diffusione territoriale. Lo Scautismo si rivolge a ragazzi dai 7-8 anni finoo ai 2-2, articolandosi in tre fasce di età (o "Branche"): da 7-8 a anni i bambini e lee bambinee vivono nel "Branco" o nel "Cerchio" come Lupetti o Coccinelle; dagli -2 ai 6 anni ragazzi e ragazze sono nel "Reparto" come Esploratori e Guide; dai 6-7 ai 2-2 i giovani, uomini e donne, sono nella Comunità R/S prima come Novizi/e, poi come Rover e Scolte. La proposta scout pur identica per tutti i ragazzi del mondo, può essere vissutaa nei diversi contesti culturali e religiosi: i suoi principi ispiratori universali, sono sintetizzati nella Promessa a, nella Legge scout e nel Motto. Bilancio sociale

6 Spirito di servizio La proposta religiosa come via alla felicità Pace e fraternitàà internazionale L'autoeducazione Senso di responsabilità La fiducia, chiave di ogni relazione educativa La Promessa Con l aiuto di Dio prometto sul mio onoree di fare dell mio meglio per compiere il mio dovere verso Dio e verso il mio Paese, per aiutare gli altri in ogni circostanza, per osservare la Legge scout. Il Motto "Eccomi" e "Del nostro meglio" per le Coccinelle e per i Lupetti; "Siate pronti" per gli Esploratori e le Guide; "Servire" per i Rover e le Scolte. La Legge La Guida e lo Scout: pongono il loro onore nel meritare fiducia; sono leali; si rendono utili e aiutano gli altri; sono amici di tutti e fratelli di ogni altra Guida G e Scout; sono cortesi; amano e rispettano la natura; sanno obbedire; sorridonoo e cantanoo anche nelle difficoltà; sono laboriosi ed economi; sono purii di pensieri, parole e azioni. Bilancio sociale

7 2. Relazioni con il territorio STAKEHOLDER I prioritari portatori di interessi (in inglese: stakeholder) dell AGESCI sono prevalentemente soggetti interni all organizzazione stessa. Possiamo considerar rli stakeholder di missione, in quanto le attività istituzionali dell organizzazione sono poste in essere nel loro interesse. soci giovani ragazze e ragazzi, che in essa vivono, con modalità adeguate alle diverse età, una esperienza di crescita personalee e di fede soci adulti donne e uomini che attuano la loro presenza di servizio nei modi propri delloo scautismo realizzando, in quanto membri della Chiesa, la loro vocazione cristiana strutture associative Regioni 22 Zone 644 Gruppi 952 Stakeholder interni I portatori strutturata: di interesse interni sono i livelli locali in cui l Associazione è Regioni (2) Zone (64) Gruppi (952) Regioni, Zone e Gruppi sono autonomii nello sviluppo dellee loro attività. Per questi organismi, il livello nazionale svolge funzioni di: indirizzo educativo, limitatamente alla stesura del Progetto P nazionale, cui questi livelli possono rifarsi per la progettazione delle attività locali; supporto gestionale, attraverso l erogazione di servizi quali laa gestione accentrata delle assicurazioni e dei censimenti; rappresentanza esterna e comunicazione, attraverso l azione dei Presidenti del Comitato nazionale, che sono i legali rappresentanti e i responsabili, nei confronti dei soggetti esterni con cui l Associazione si rapporta. Bilancio sociale

8 AGESCI IN RETE Un associazione educativa comee l AGESCI si esprime innanzitutto attraverso le relazioni che riescee a intrattenere e sviluppare. Il suo operato non è quindi misurabile in termini di produttività, cioè di quantità e qualità dei servizi resi. Obiettivo dell azione educativaa svolta sul territorioo è quelloo di promuovere relazioni educative significative e sviluppo di reti relazionali (familiari, istituzionali, territoriali, associative, ) in grado di generare attenzione, interesse e collaborazione costruttiva per il perseguimento degli scopi statutari. Il livello nazionale dell Associazione mantiene delle relazioni, sia di tipo istituzionale che di tipo progettuale, con numerose associaziona ni, movimenti, e in generale con le reti attraverso le quali si esprime il Terzo Settore, il volontariat to organizzato, la Chiesa Cattolica Italiana. Intrattiene relazioni con numerosi enti e organismi,, partecipando direttamente in qualità di socio o come componente attivo, in molte di esse. La complessa rete di relazioni dell Associazione può essere tracciata su due sfere: a) sfera relazionalee interna al mondo dello scautismo All interno di questa sfera le tre direttrici relazionali sono rappresentatee da: Organismi attraverso cui apparteniamo allo scautismo mondiale FIS WOSM WAGGGS CICS CICG Organismi di supporto all educazione scout FIORDALISO ENTE NAZ. M. CARPEGNA Centri Studi e Documentazione Altre associazioni che si occupano di scautismo CNGEI FSE MASCI AIC Compagnia di S. Giorgio b) sfera relazionalee esterna All interno di questa sfera le tre direttrici relazionali sono rappresentatee da: Ambito ecclesiale/cattolico CEI Consulte pastorali CNAL Retinopera Associazioni Cattoliche Ambito Istituzionale Famiglie Ministerii Osservatori nazionali Ambito civile Tavola della Pace Forum Terzo Settore Forum nazionale Giovani Libera LEP WWF AIFO Legambiente Bilancio sociale

9 LE NOSTRE RELAZIONI Legenda: Stakeholders primari Associazioni Scout Direttamente partecipate Rapporti Istituzionali SOGGETTOO Soci adulti Soci giovani Strutture associative Famiglie RELAZIONE Attività di formazione - Democrazia associativa Attività educativa - Servizi Servizi Democrazia Associativa Coinvolgimento attività educativaa TIPOLOGIA Società civile SOGGETTOO RELAZIONE TIPOLOGIA Dipartimento della Protezione civile Min. Affari esteri Membro effettivo - Comitato nazionale delle Associazioni Volontariato di P. C. - Collaborazione coordinata in caso di calamità Relazionee funzionale alle singole iniziative Min. Lavoro, Salute e Politiche sociali M.I.U.R. - Relazione funzionale ai singoli ambiti/attività sui progetti - Invitatoo permanentee Osservatorio nazionalee del Volontariato Protocolloo maggio 28 Ministero dell Ambiente Ministero della Cooperazione e dell Integrazione Osservatorio nazionale per l infanzia e l adolescenza Protocolloo d accordo 997 (obiettivo riformulazione) Collaborazione Relazionee funzionale alle singole iniziative e progetti, sia in Italiaa che all estero Membro effettivo (presso il Ministero della Solidarietà Sociale e il Dipartimento delle Politiche per la Famiglia della Presidenza del Consiglio C dei Ministri) Forum nazionale dei Giovani Sviluppo progetti cooperazione internazionale UNHCR / ACNUR Protocolloo d accordo Forum Terzo Settore Partecipazione Fondazione per il Sud CAI Collaborazione Protocolloo d intesa Bilancio sociale

10 FOCSIV Libera Banca Etica Tavola della Pace Vita Forum nazionale dei Giovani Comitato Prom. Diritti Umani Festival della Cittadinanza CNCA PIDIDA Retinopera AVIS Lab. Educativo Permanente Nazioni Unite/Obiettivi del Millennio/ /Stand up CNEL Collaborazioni WWF AIFO Comitato Acqua bene comune Legambiente - Collaborazione - Protocollo d intesa Membro effettivo - Partecipazione iniziative proposte (giornata della memoria e dell impegno, ecc.) Socio fondatore - Convenzioni Membro effettivo Comitatoo di redazione Membro effettivo Collaborazione Collaborazione Collaborazione Componente del Coordinamento Membro effettivo Dichiarazione di Intenti Membro Effettivo Collaborazione Collaborazione FUCI CRI Gruppo CRC Telethon Educa Comunità S. Egidio Arciragazzi Lega del filo d oro Mondo dello scautismo SOGGETTOO RELAZIONE FIS Membro effettivo WOSM Membro effettivo WAGGGS Membro effettivo CICS (Mondo Europa) Membro effettivo Membro effettivo CICG (Mondo Europa) Coordinamento regionale europeoo TIPOLOGIA Bilancio sociale

11 CNGEI FSE MASCI AIC Centro Studi Mario Mazza Fiordaliso Ente Mario di Carpegna Collaborazione, compartecipazione FIS - Incontri presidenze - Collaborazione Settimana Sociale dei Cattolici - Collaborazione - Protocollo d intesa Protocolloo d intesa in attesa di sottoscrizione Socio Socio di riferimento Socio di riferimento Rapporti commerciali Gestione immobiliare Appartenenze Ecclesiali SOGGETTOO CEI Progetto culturale CEI Pastorale giovanile CEI Scuola e Università CEI Uff Catechistico nazionale ACLI Azione Cattolica ACR Avvenire Consulta Naz. Aggregazioni laicali TESC RELAZIONE Collaborazione Collaborazione Collaborazione Tavolo interassociativo Membro effettivo Collaborazione Collaborazione (anche per pubblicazioni editoriali) ) Collaborazione Collaborazione Membro effettivo Collaborazione TIPOLOGIA Bilancio sociale 22-23

12 Il governo e la struttura dell Associazione L'AGESCI è un'associazione nonn riconosciuta iscritta al Registro nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale conn sede legale in Roma Piazza Pasquale Paoli n. 8, che si configura dal punto di vista fiscale come un ente e non commerciale di tipo associativo.. Il sistema di govern no e i processi dii partecipazione Sul territorioo nazionale l Associazione si articola inn quattro livelli di coordinamento dell unica realtà unitaria: livello di Gruppo; livello di Zona; livello regionale; livello nazionale. presenza e Il fine primario delle strutture associative, costituite a livelloo di Zona,, Regione e nazionale, è quello di sostenere le comunità capi nel servizio educativo e consentire la partecipazione dei soci alla costruzion ne del pensiero associativo e alla definizione delle strategie di intervento dell Associazione. I rapporti tra i livelli associativi, nell ambito dei compiti affidati dallo Statuto a ognuno di essi, sono ispirati a criteri di sussidiarietà. (art. dello Statuto). Il livello nazionale assicura il riferimento unitario di appartenenza deglii associati; la Regione è la struttura di coordinamento tra le Zone esistenti nel territorio della Regione amministrativa; la Zona scout è la struttura di coordinamento dei Gruppi esistenti e operanti in un ambito territoriale contiguo; il Gruppo è l organismoo educativo fondamentale perr l attuazione del metodo. Bilancio sociale 22-23

13 Organigramma completo dell Associazione Capo Guida Capo Scout GRUPPO LIVELLO ZONALE LIVELLO REGIONALE LIVELLO NAZIONALE elegge Consiglio generale Commissione Economica Convegno/Assemblea Convegno/Assemblea LEGENDA partecipa Commissione Uniformi Collegio nomina Giudicante Nazionale Branco/ Cerchio Presidenti Comitato Metodo Formazione Capi Organizzazione Responsabili Regionali Comitato Metodo Formazione Capi Organizzazione Responsabili di Zona Comitato Incaricati Capi Gruppo Comunità Capi Reparto Incaricati Branche Incaricati Branche Incaricati Settori Incaricati Settori Comunità R/S Consiglio Consiglio Consiglio Bilancio sociale

14 2. Il livello nazionale: : compiti e organi Il livello nazionale assicura il riferimento unitario di appartenenza degli associati. Le strutture del livello nazionalee operano al servizioo degli associati e degli organi degli altri livelli territoriali, e in particolare, realizzano il collegamento tra le Regioni. Sono compitii del livello nazionale: a. definire l indirizzo politico dell Associazione, sviluppando i contenuti dell Patto associativo e rappresentando il sentire comune dei soci adulti; b. custodire il patrimonioo metodologico dell Associazione e curarne l aggiornamento; c. elaborare, in base al patrimonio di esperienze dell Associazione, contributi originali nei confronti del mondoo dell educazione; d. promuovere la formazione dei soci adulti e curarne l unitarietà; e. curare lo sviluppo qualitativo e quantitativo dell Associazione; ; f. promuovere i rapporti tra le Regioni; g. curare l informazione fra f gli associati e fra le strutture associative; h. curare a livello nazionale i rapporti con gli organismi civili ed ecclesiali, con le altre associazioni educative, conn la stampa e gli altri mezzi dii comunicazione; i. curare i rapporti internazionali del guidismo e dello scautismo; j. curare l organizzazione e l amministrazione dell Associazione a livello nazionale e reperire risorse e strumenti economici e patrimonia li a sostegno del funzionamento e delle iniziative dell Associazione. Organi nazionali La Capo Guida e il Capo Scout La Capo Guida e il Capo Scoutt presiedono congiuntamentee l Associazione e ne garantiscono e rappresentano l unità inn Italia e all estero. Consiglio generale Organo legislativo dell Associazione e ne esprime la volontà a livello nazionale Consiglio nazionale Organo di indirizzo politico dell Associazione che unisce il livello nazionale con la partecipazione regionale Comitato nazionale Comitato nazionale allargato Organo esecutivo nazionale Commissione economica Organo associativo di garanzia degli aspetti economici Commissione uniformi Organo di controllo preposto al controllo delle uniformi e distintivi associativi Collegio giudicante nazionale Ha competenza esclusiva per i procedimenti disciplinari nei confronti dei soci adulti, fatti salvi i poteri in materia della Capo Guida e del Capo Scout e nel rispetto delle disposizioni contenute nello Statutoo e nel Regolamento Numero riunion % partecipazionee media aventi diritto 94,74 9,7 85, Bilancio sociale

15 3. Le risorse umane I volontari L AGESCI nazionale, come tutta l Associazione,, opera esclusivamente con volontari per tutti i ruoli educativi, formativi e dirigenziali in tutte lee strutture previste ai vari livelli. Nel 22/23 i volontari soci adulti sul territorio nazionale sono stati n : hanno operato nei Gruppi a diretto contatto coi ragazzi svolgendo il servizio di capi unità o di aiuto capo hanno operato nei Gruppi come capi Gruppo, con c compiti di coordinamento dell attività coi ragazzi e formativi nei confronti dei soci adulti 2.49 hanno operato nei Gruppi come Assistenti ecclesiastici, con compiti pastorali di formazione religiosa nei confronti di d soci adulti e ragazzi 38 hanno operato a livello di Zona, con compiti di coordinamento dell attività dei Gruppi e formativi nei confronti dei soci adulti e dei capi Gruppo 375 hanno operato a livello regionale, con compiti di coordinamento dell attività delle Zone e formativi nei confronti dei soci adulti e dei quadri operanti in Regione e di rappresentanzaa nei confronti del nazionale 4.87 sono stati i soci adulti con compiti diversi dai precedenti p Il servizio svolto dai volontari è assolutamente gratuito, agli stessi vengono erogati esclusivamente dei rimborsi spese a piè di lista secondo delle precise regole interne stabilite nell ottica della essenzialità e della sobrietà che ci contraddistingue. Bilancio sociale

16 La struttura operativaa L AGESCI si avvale di una Segreteria nazionale conn sede in Roma che garantisce l adempimento di tutti i compiti burocratici, organizzativi e logistici, fornendo servizi ai soci nonché a supporto dei volontari del livello nazionale, presso cui operano, coordinati da un Direttore, i seguenti uffici: Informatica Ufficio Stampa Censimenti Logistica Amministrazione Assicurazioni Metodo Formazione Capi Segreteria Comitato I dipendenti Ai lavoratori sono riconosciuti i livelli contrattuali e retributivi adeguati al ruolo e alle mansioni assolte, conformemente a quanto stabilito dal Contratto nazionale di Lavoro del Terziario di mercato, Distribuzione e Servizi. I dipendenti della Segreteria nazionale dell AGESCI sono 29 (di cui n. quadro) ): n. 4 in regime di part-time e n. 25 a tempo pieno, tutti conn contrattoo a tempo indeterminato. 22/23 2/222 2/2 Numero lavoratori a fine anno Uomini 2 Donne /35 Ripartizione per età 36/ / Oltre Ripartizione per anzianità di servizio Oltre turnover Entrati Usciti Contenziosii in essere Giornate medie pro-capite di malattia Infortuni sul lavoro 4, 6, L Associazione si avvale, inoltre, Bilancio sociale di consulenti legali, fiscali e informatici. 5

17 4. Compagine sociale L AGESCI è articolata tutto il territorio nazionale. in.952 Gruppi, raggruppati in 64 Zone, distribuiti su VDA ZONE GRUPPI 4 PIE ZONE 9 GRUPPI 7 LIG ZONE 9 GRUPPI 67 LOM ZONE 3 GRUPPI 8 EMR ZONE 3 GRUPPI 84 TOS ZONE 2 GRUPPI 4 TAAA ZONE GRUPPI 23 VEN ZONE 6 GRUPPI 226 FVG ZONE 5 GRUPPI 58 MAR ZONE 7 GRUPPI 78 UMB ZONE 2 GRUPPI 26 ABRR ZONE 4 GRUPPI 52 LAZ ZONE 3 GRUPPI 72 MOL ZONE GRUPPI 2 PUG ZONE GRUPPII 54 SAR ZONE 5 GRUPPI 59 CAM ZONE GRUPPI 5 BAS ZONE 2 GRUPPI 5 CAL ZONE GRUPPI 4 SIC ZONE 2 GRUPPI 232 Bilancio sociale

18 L Associazione conta soci di cui i soci giovani e i soci adulti M F AE M F M F M F LC EG RS Andamento censiti Andamento soci soci M soci F AE Andamento gruppi Bilancio sociale

19 Andamento totale soci adulti Andamento soci adulti capi M capo F AE Commento Si conferma l aumento dei censiti, in ripresa dalloo scorso anno dopoo il trend in diminuzione del triennio precedente. Quest anno l aumento ha interessato principalmente i soci giovani della Branca R/ /S ed i soci adulti, in modo particolare donne ed Assistenti ecclesiastici. All aumento dei soci non corrisponde un aumento dei Gruppi bensì di unità, soprattutto L/C e R/S. All interno dei gruppi i ragazzi, secondo la loro fascia di età, vengono suddivisi in unità diverse. Andamento totale unità Bilancio sociale

20 Andamento unità unità LC unità EG unità RS I soci giovani, cui è rivolta l attività l educativa sono suddivisi nelle tre Branche e unità. Andamento o soci giovani maschi femmine Andamento totale soci giovani nelle Branche totale LC totale EG totale RS Andamento soci giovani Branca L/C maschi 28 femmine Bilancio sociale

21 Andamento soci giovani Branca E/G maschi femmine Andamento soci giovani Branca R/S maschi femmine 25 Bilancio sociale

22 Areee di attività e il perseguimento risultati sociali: della missione Attività istituzionale FORMAZIONE DEI SOCI ADULTI L Associazione propone al socio adulto (di seguito indicato come capo), dal momentoo del suo ingresso nella comunità di soci adulti (di seguito indicata come comunità capi) e per tutto il tempo in cui svolgerà il servizio, di diventaree artefice e protagonista del proprio percorso formativo secondo unoo stile di progettazione di sé e del proprio cammino di crescita. Il percorso formativoo avvienee attraverso l accompagnamento della propria comunità capi e il sostegno delle strutture associative, con compiti specifici e differenziati. Nel 22/3 si sono proposti:. Eventi formativi per SOCI ADULTI EDUCATORI nelle varie tipologie di seguito descritte. a. Campi di Formazione Associativa (CFA) Eventi realizzati sottoo forma di campo mobile o fisso dellaa durata di 7 giorni, proposti nella terza fase del percorso formativo di d base del capo, allo scopo di consolidare le scelte e le motivazioni ad essere capo c educatore, rielaborare le proprie esperienze, utilizzare le proprie competenze e acquisire maggiore consapevolezza nella relazione educativa capo/ragazzo. Nell anno 22/23 sono stati realizzati tutti i 43 campi previsti: vi hanno partecipato.367 capi. b. Campo Bibbia Il Campo Bibbia è un evento di una settimana rivolto a soci adulti, in cui viene proposto l incontro con la Parolaa di Dio attraverso la lettura e la conoscenza della Bibbia. Offre strumenti per leggere il testo biblico utilizzando gli strumenti tipici del metodo scout. Quest anno è stato programmato Campo Bibbia, al quale hanno partecipato 3 capi. c. Laboratorio Biblico Catechesi Il Laboratorio Biblico è un evento della durata di 2-3 giorni in cui la Parola di Dio viene messa a confronto con un tema significativ vo o di attualità; rivolto a soci adulti che intendono approfondire i temi proposti nelle sue radici bibliche e nei suoi risvolti attuali anche dal punto di vista educativo. Dei 2 Laboratori biblici programmati, ne è stato realizzato con partecipanti. Bilancio sociale

23 2. Eventi per FORMATORI a. NTT (National Training Team) Appuntamento triennale della Formazione capi chee chiama a raccolta i formatori (capi campo, Assistenti ecclesiastici e assistant) di d tutti glii eventi del percorso formativo istituzionale (CFA, CFM, CAM, CFT, Campo perr capi Gruppo) e gli Incaricati regionali alla Formazione capi, per confrontarsi sulle scelte formative f e per individuare insieme progetti e strategie per il futuro. All evento, con titolo Coordinate per il futuro, hanno partecipato oltre 3 formatori che hanno potuto riflettere sui bisogni formativi degli adulti impegnati nel servizio educativo partendoo da un analisi sociologica, sulla realtà dei ragazzi nelle diverse fasce d età interessate dallaa proposta scout. Hanno significativamente partecipato alla progettazione e realizzazione dell evento le tre Branche nei livelli nazionale e regionale. b. Eventi Start per capi campo e per assistant Eventi di formazione per formatori neonominati. Si differenziano, in base al ruolo per il quale sono pensati, in Eventi Start per assistant ed Eventi Start per capi campo. Da quest anno gli Start sono stati proposti decentrati per Aree Territoriali (Nord Ovest, Nord Est, Centro e Tre Mari): sono stati quindi programmati ed effettuati 4 Start capi campo con 58 partecipanti e 4 Start assistant con 55 partecipanti. EVENTI PROGRAMMATI EVENTI EFFETTUATI PARTECIPANTI CFA CAMPI BIBBIA LABORATORI BIBLICI EVENTO START CAPI CAMPO EVENTO START ASSISTANT NTT TOTALI Eventi formativi nazionali CFA CAMPI BIBBIA LABB BIBLICO START CAPI CAMPO START ASSISTANT NTT Bilancio sociale

24 Verifica degli eventi formativi Agli eventi formativi sono stati proposti dei questionari di verifica per accertare il grado di soddisfacimento dei partecipanti e per raccogliere suggerimenti e consigli per migliorare la proposta formativa. Nel dettaglio: NTTT (National Training Team) Numero dei voti da a : Accessibilità delle informazioni su iscrizioni, obiettivi e programma dell evento Rilevanza dei contenuti per il tuo servizioo di formatore Quanto ti sei sentito coinvolto e protagonista dell incontro 7 OrganizzazioneO e logistica Adeguatezza della modalità di lavoro 7 Innovatività dei contenuti Bilancio sociale

25 Strumenti messi a disposizione Soddisfazione delle tuee aspettative iniziali Eventi Start per capi campo In percentuale Sono stati raggiunti i tre obiettivi previsti dall'evento? Processi di apprendimento degli adulti 3,5 5,75 4,75 76, tantissimo Percorsi formativi e la specificità degli eventi 7,38 2,5 3,38 66,75 molto non so Progettazione e valutazione degli eventi 2,3 2,63 85,25 poco per nulla Durante l'evento ti sei sentito quasi sempre estraneo/coinvolto 74,75 2 4,25 3,75 ignorante/sapiente 8,25 2,75 29,75 59,25 annoiato/motivato 7,25 23,5 2,5 3,75 42,25 affaticato/in forma 2,75 4,25 4,75 deluso/soddisfatto 67 3,25,75 totalmente positivo abbastanza positivo abbastanza negativo totalmente negativo Bilancio sociale

26 Come valuti le modalità di realizzazione dell'evento Organizzazione 7,75 36,25 46 ottime Conduzione Scambio tra i partecipanti Modalità di gestione Concetti Rapporto con lo staff 7,5 7,25 6,75 5,,75 6,75,75 4,,25 2,5 38 3,25 35,75 4, ,5 5,25 56,255 58,25 49,25 buone non so mediocri inadeguate Eventi Start per assistantt In percentuale Valutazione evento Possibilità di esprimere idee e proposte Possibilità di esprimere dubbi Modalità di lavoro,25,25,25 2,5 8, ,75 22,25 4,75 46, 75 45,5 64,75 molto soddisfatto soddisfatto non soo insoddisfatto Contenuti trattati 3 7,25 27,25 62,5 molto insoddisfatto Temi chee vorresti approfondire ,75 24,75, 9,,75 9,75 Bilancio sociale

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI L adulto che ha fatto una scelta di servizio quale capo nell Associazione, a partire dall ingresso in Comunità Capi si inserisce in un itinerario di Formazione Permanente

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15 Approvato dal del 10-11 gennaio 2015 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile e verificabile.

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16 Approvato dal del 17-18 ottobre 2015 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile e verificabile.

Dettagli

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona La Zona Valbisagno La Zona conta 9 gruppi e si estende geograficamente lungo tutta la vallata del torrente Bisagno. Per larga parte insiste sul Comune di Genova, nei seguenti municipi: I Centro Est, III

Dettagli

Nell elenco indicato in calce, ci sono delle esemplificazioni relative ai termini più ricorrenti.

Nell elenco indicato in calce, ci sono delle esemplificazioni relative ai termini più ricorrenti. Utilità e uniformità: ecco le due parole guida dalle quali nasce il breve testo che segue. È un sussidio da consultare quando ci viene il dubbio se scautismo si scrive con la a o con la o, se Capo Guida

Dettagli

STATUTO. Titolo Primo Principi

STATUTO. Titolo Primo Principi STATUTO Titolo Primo Principi Art. 1 - L «Associazione Italiana Guide e Scouts d Europa Cattolici» (della Federazione dello Scoutismo Europeo - Fédération du Scoutisme Européen), costituita a Roma il 14

Dettagli

STATUTO PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 - L Associazione L Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani (AGESCI), costituitasi in Roma nel 1974 dall unificazione dell AGI e dell ASCI, è una associazione

Dettagli

STATUTO AGESCI aggiornato al Consiglio generale 2015

STATUTO AGESCI aggiornato al Consiglio generale 2015 aggiornato al Consiglio generale 2015 CONSIGLIO GENERALE 2015 Statuto AGESCI CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 L Associazione L Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani (AGESCI), costituitasi

Dettagli

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 Chi siamo? Il Gruppo Scout Agesci Genova 29 opera nel quartiere genovese di Quarto dei Mille. Le nostre sedi sono rispettivamente

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Prot. n. 3104/P5 Roma, 21 giugno 2007 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di T R E N T O Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA Approvato dall assemblea diocesana del 1 aprile 2006 Dichiarato conforme dal consiglio nazionale del 10-11 giugno 2006 Integrato

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli

Dialoghi sulla formazione con Chiara Romei e Mario Padrin, incaricati nazionali Formazione Capi dell AGESCI

Dialoghi sulla formazione con Chiara Romei e Mario Padrin, incaricati nazionali Formazione Capi dell AGESCI Febbraio 2015, anno IX N. 2 Dialoghi sulla formazione con Chiara Romei e Mario Padrin, incaricati nazionali Formazione Capi dell AGESCI di Antonella Marascia 1 Guardate lontano, e anche quando credete

Dettagli

Progetto Educativo di Gruppo 2013-2016

Progetto Educativo di Gruppo 2013-2016 Progetto Educativo di Gruppo 2013-2016 «Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi ai principi dello scautismo ed al Patto associativo, individua le aree di impegno prioritario per il Gruppo a fronte

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani COMPOSIZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Il gruppo: Numero dei ragazzi per ciascuna unità Quanti della città, quanti fuori La Comunità capi I ragazzi

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012 Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica Venerdì 1 giugno 2012 Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori

Dettagli

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti STATUTO Art. 1 Natura La Caritas diocesana di Locri-Gerace è l organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine dì promuovere latestimonianza della carità della comunità diocesana e delle comunità parrocchiali,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 100.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus opera nella provincia di

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE Regione Piemonte Proposta di legge regionale d iniziativa consiliare Oggetto n. 248 Istituzione dell anagrafe degli eletti Con il presente progetto

Dettagli

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ;

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ; REGIONE PIEMONTE BU32 13/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 35-1688 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa annuale tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico regionale

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010

GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010 GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010 Il Clan, formato attualmente da 8 ragazzi, è una comunità formata da due gruppetti : i vecchi Rover e Scolte, e i Novizi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore CONCLUSIONI Ad un anno dall avviamento del progetto Osservatorio tecnologico, gestionale e formativo per la sicurezza in montagna, per la tutela dell ambiente montano e delle strutture ricettive alpine

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

RELAZIONE DI MISSIONE 2010 SPORT2BUILD

RELAZIONE DI MISSIONE 2010 SPORT2BUILD RELAZIONE DI MISSIONE 2010 SPORT2BUILD 1. MISSIONE E IDENTITÀ DELL ENTE... 3 1.1 FINALITÀ ISTITUZIONALI... 3 1.2 SISTEMA DI VALORI E DI PRINCIPI... 3 1.3 PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ATTIVITÀ ATTRAVERSO LE

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015 Roma, 4 Dicembre 2015 I giovani presi in carico sono 553.507. A più di 239 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 38.000 gli iscritti a dodici settimane dal lancio. A partire

Dettagli

CarpiUno. Gruppo Carpi 1

CarpiUno. Gruppo Carpi 1 Gruppo Carpi 1 CarpiUno Il Progetto Educativo è lo strumento che, ispirandosi ai principi dello scautismo, individua le principali sfide in cui il Gruppo Carpi 1 è chiamato ad impegnarsi per un determinato

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

OSSERVAZIONE: COME VEDIAMO I NOSTRI RAGAZZI!

OSSERVAZIONE: COME VEDIAMO I NOSTRI RAGAZZI! PREMESSA Dallo Statuto dell Agesci 2011: Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi ai principi dello scautismo ed al Patto associativo, individua le aree di impegno prioritario per il Gruppo a fronte

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare Il perché di un Progetto educativo? Lo scoutismo è certamente un avventura affascinante per

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Banca Popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica

Banca Popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori che condividono l esigenza

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO PREMESSA Lo Statuto dell Associazione Consultorio Familiare La Casa Onlus prevede la possibilità di redigere un Regolamento del Consultorio,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 31149/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di lunedì dieci del mese di marzo,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 PREMESSA Il progetto annuale è stato definito secondo il modello di programmazione per sfondo integratore. Il GIRO D

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1 PROGETTO EDUCATIVO Gruppo Scout CHIARI 1 Un esploratore è attivo facendo il bene, non passivo contentandosi di essere buono (B.P.) PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO Il progetto educativo descrive gli obiettivi

Dettagli

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali:

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali: Piano locale per la prevenzione delle dipendenze 2011/2012 Premessa La DGR 9/937 del 1 dicembre 2010 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2011,

Dettagli

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 Dicembre 2011 Maggio 2012 secondo anno di collaborazione Italia Nostra Onlus- MIUR MIUR ITALIA NOSTRA più di 10 anni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca. (di seguito denominato MIUR) e

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca. (di seguito denominato MIUR) e PROTOCOLLO D INTESA tra Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) e Libera. Associazioni Nomi e Numeri contro le Mafie (di seguito denominata Libera) attivare

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli