Seminario sul Teatro dei Burattini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario sul Teatro dei Burattini"

Transcript

1 BURATTINI Seminario sul Teatro dei Burattini di Ciro Cipriano STORIA E una delle più antiche forme di spettacolo. Essa è nata con la storia dell uomo, i quali hanno sentito il bisogno di riprodurre, in diverse dimensioni in tutto simili alla struttura del corpo umano e di donare loro mobilità, utilizzando materiali diversi come l avorio, la pelle, il legno, l argento, la terracotta. Il tessuto, la paglia. In tutti i luoghi del nostro pianeta, dove nell antichità come nell età contemporanea, si trovano tracce di questo particolare linguaggio espressivo che è chiamato Teatro di Figura. I burattini prendono forma nella loro arte espressiva in coincidenza con il teatro delle marionette, il cui periodo di maggiore diffusione si aggira tra il XVI e il XVII secolo. I primi spettacoli si svolgevano nelle piazze, al seguito di saltimbanchi e ciarlatani, i quali si servivano dei burattini come richiamo per il pubblico. Nella seconda metà del XVI secolo le rappresentazioni classiche del teatro dei burattini si legano ai personaggi della commedia dell arte. Questa forma teatrale è caratterizzata da un testo base (detto canovaccio), i cui attori (burattinai) improvvisavano, con i personaggi fissi. Questi personaggi sono; Pantalone, Balanzone, Arlecchino, Pulcinella, etc Pulcinella diventa simbolo del teatro dei burattini, ed è conosciuto in tutta Europa con vari nomi. Il linguaggio dei burattini è stato in passato portavoce del popolo e rappresentava storie di vita quotidiana o esponeva pubblicamente i disagi provocati dal potere e dai suoi esponenti. Ecco perché questa attività era itinerante con spostamenti continui e avventurosi. Successivamente l evoluzione del teatro dei burattini si è esteso verso i testi di letteratura per i ragazzi, soprattutto per la propria sopravvivenza. Questo ha portato alla stesura di nuove sceneggiature, allestimenti più complessi e nuovi materiali. Infatti gli spettacoli (oltre alle piazze) vengono portati in ambienti al chiuso e con strutture adatte alle nuove esigenze. In questi ultimi anni si è accentuato l interesse per questa forma di spettacolo, grazie a molte compagnie che allestiscono stupendi spettacoli (in Italia e all estero) e sottolineando il valore didattico del teatro di figura. PERCHE IL NOME BURATTINO? Nel 1580, compare per la prima volta nella commedia dell arte la maschera Burattin, il suo costume ricorda vagamente Arlecchino.

2 Esordì con la compagnia teatrale, DEI GELOSI DI FIRENZE. Non è sicuro che la maschera dia il nome al burattino o viceversa, ma sta di fatto, le maschere prima del 1580 vengono chiamati burattini. BURATTO: un grosso panno adoperato per la farina, materiale usato per rivestire i burattini, probabilmente ipotesi più credibile, ma privo di alcuna documentazione. Il panno diventa costume, quindi veniva addobbato a seconda del personaggio che si voleva produrre. PULCINELLA Pulcinella è il personaggio più famoso dei burattini, di cui è il simbolo. La maggiore popolarità la gode durante tutto il XVII secolo, tale successo consente di essere popolare in tutta Europa. Già nel XV secolo aveva varcato i confini italiani, grazie ai burattini girovaghi. I maggiori consensi li trova in Spagna, Francia, Inghilterra e Germania. Vari nomi: Spagna - Don Cristobal Francia - Polichinelle Inghilterra - (Punchinello, fino al 1662) Punch Germania - Hans Worst Addirittura in Inghilterra eroe del teatro d animazione con la moglie Judi, la figlia Pretty Polly, il cane Toby. Nonostante le vicissitudini politiche europee, conserva la sua fama, solo nel fine 1789, conosce un periodo di crisi, per l abolizione dei suoi spettacoli definiti troppo aristocratici. Accanto a Pulcinella non bisogna dimenticare le altre maschere italiane, che grazie a Carlo Goldoni elevò a personaggi letterali (Arlecchino, Pantalone, Balanzone, Colombina, Brighella e altri). BURATTINI E MARIONETTE Vengono spessi confusi fra di loro, avendo caratteristiche ben distinti. I burattini esasperano la realtà in chiave grottesca. Le marionette la ripropongono in chiave fantastica e fiabesca. Anche la struttura delle figure è ben diversa, la marionetta è costruita con fattezze umane con un modellato e un costume curato, come il resto della sua animazione. Manovrato dall alto verso il basso da fili, poiché la sua struttura comprende tutto il corpo umano ed è slegata da giunte (Testa, braccia, gambe). Il burattino ha solitamente i lineamenti molto marcati, il modello della testa è molto schematico, il movimento é limitato perché la struttura non permette tutti i movimenti.

3 Manovrato dal basso verso l alto dalla mano del burattinaio. Le marionette al contrario dei burattini, venivano rappresentati in luoghi chiusi a beneficio di nobili e signori aristocratici. Avevano testi elaborati e scritti appositamente, al contrario dei burattini (popolo), il testo era una traccia base, quindi ogni recita era diversa dall altra, come nella commedia dell arte. COSA E IL BURATTINO E la rappresentanza visiva dell uomo, con tutti i suoi difetti, ma anche le sue virtù. Il burattino è caratterizzato da tre elementi fondamentali che sono: mano, movimento, voce. MANO Nascosta nella veste, ma sempre mobile: è l anima del burattino MOVIMENTO Regola le cadenze,stabilisce un azione, l umore i sentimenti. Non c è nessuna regola, ma è sempre opportuno esercitarsi, per rendere più limpido e chiaro il movimento. VOCE E la voce del burattinaio, che può essere una caricatura per sottolineare il carattere del burattino (personaggio). Questi tre elementi legati tra loro, danno vita al burattino (anima e corpo). Trasmettere l emozione attraverso la mano con qualche parola è un momento magico. Il burattino è l essere che da corpo alla storia (fiaba) e da corpo ai personaggi. I personaggi dei burattini hanno ruoli ben distinti e chiari, cioè: buoni e cattivi, tra il giusto e l ingiusto, tra onestà e disonestà. Qualche volta la commedia dell arte privilegia il furbo ai danni dello sciocco, ma sempre a scopo educativo, con una profonda morale alla base di tutto. Come in fondo tutte le altre storie, fiabe o favole, poiché questo tipo di spettacolo è rivolto soprattutto a un pubblico giovane. Infatti il bambino inconsciamente assorbe ciò che il teatro dei burattini insegna e vuole trasmettere. Probabilmente con il tempo saranno dimenticate le storie, ma le emozioni si potranno riscoprire dentro di sé nel rivedere un burattino; si scoprirà un tesoro di umanità e amore, conservati dal nostro cuore.

4 TIPI DI BURATTINI Ci sono vari tipi di burattini, ma la maggior parte sono a guanto BURATTINO A GUANTO Fantoccio di cenci, di legno o entrambi. Manovrato dal basso dalla mano del burattinaio infilata nella veste. A prescindere dal materiale con cui è costruito il burattino, il viso è la parte fondamentale per esprimere i sentimenti del personaggio (bontà, cattiveria, astuzia, o ingenuità), queste caratteristiche vengono chiamate LINEE DEL VOLTO e comprendono il contorno del viso, mentre, la posizione e la forma degli occhi e della bocca PROFILO. Il profilo è determinato a sua volta dalla linea del naso, del mento e dalla fronte. I sentimenti vengono evidenziati dal movimento degli occhi, sopracciglia, bocca e rughe, che vengono definite LINEE MOBILI. Quindi la varietà della scelta di linee mobili possono dare una vasta gamma di emozioni. Esempi: - Cattivo: Un naso adunco. - Avaro: Labbra sottili e strette. Anche le guance rubiconde danno simpatia al personaggio. MATERIALI Il burattino è strutturato in varie parti che sono: Testa, mani, capelli, costume o corpo. - TESTA La testa del burattino si può realizzare con carta di giornale con adesivo, stoffa, cartapesta, gommapiuma, polistirolo, legno, plastica, etc - MANI Legno, stoffa, polistirolo, gommapiuma. - CAPELLI Sono creati con stoffa,lana, materiali sintetici o disegnati sulla testa. - COSTUME O CORPO Normalmente di stoffa o scampoli di varie tipi di stoffe. E consigliabile prima, disegnare il personaggio che si vuole costruire, definire il tipo di materiale che si vuole usare. Ovviamente il legno (testa), è il materiale più indicato, perché sottolinea i lineamenti marcati del viso. I capelli in testa da attaccare o disegnare. Quindi il corpo o costume, che caratterizza l ambiente sociale che occupa il nostro personaggio (ricco, povero, cameriere, principe, lavandaia, etc )

5 Le mani si attaccano alle estremità delle braccia o possono far parte già del corpo in caso siano dello stesso materiale del costume. Inoltre si può arricchire il personaggio con un cappello, sciarpa o oggetti che caratterizzano il personaggio (bacchetta magica, scopa, ascia, bastone, etc ). Il burattino solitamente è senza gambe, ma ci sono burattini anche con gambe, il cui nome originale è KASPERLE TEDESCO. Le gambe sono aggiunte al guanto (il corpo), esse sempre di stoffa e possono essere piene, oppure vuote per essere calzate dalle dita del burattinaio. In questo caso il burattino deve essere animato con due mani, ovviamente il personaggio sarà caratterizzato maggiormente. BURATTINI A BASTONE I burattini a bastone strutturalmente più semplici. Gli elementi che ne costituiscono sono: la TESTA inserita in un bastone di legno, le SPALLE e BRACCIA ad un altro bastone, queste ultime possono essere sostituite da corde, ed il loro movimento comandato da due stecche (es, stecche di ombrello), attaccate alla mani. Questi burattini sono animati con due mani e ciò permette maggiore espressività. Tutto ciò è anche consentito da un corpo più curato e più somigliante al corpo umano, ma la rigidità del bastone pone dei limiti. Anche questi tipi di burattini possono essere costruiti con gli stessi materiali di quelli a guanto. MAROTTES Un altro tipo di burattino è la MAROTTES. Ha le stesse caratteristiche dei burattini a bastone, la differenza è la grandezza (sono grandi il doppio o il triplo rispetto ai burattini tradizionali, in quanto possono raggiungere la dimensione di metà corpo umano), per il motivo che la mano (o le mani) dei burattini, sono quelle dell animatore. Infatti il sostegno dei burattini a due mani non è più il bastone ma lo stesso animatore. MOVIMENTI Parliamo dei burattino a guanto (quello più comune). Questo burattino viene animato dal basso, quindi la testa e le due mani vengono occupate da tre dita. La testa dall indice, il pollice e il medio le due mani. Esercitandosi ci si accorge delle varie espressioni che può assumere il burattino nei suoi movimenti. Voce e sentimento, accentuano maggiormente il movimento. Un errore in cui si può cadere è l altezza del personaggio: definita dalla base della sua uscita visiva, essa è costituita dal braccio dell animatore, i cui cedimenti la possono alterare. La camminata è un semplice movimento di avambraccio (su e giù), che mimano i passi, come la danza. Quando ci si cimenta con i burattini, si fa un spesso un altro errore, si piega la mano all indietro. E consigliabile esercitarsi, per superare queste difficoltà, per rendere

6 i movimenti più fluidi e umani. Poi la voce: caratterizzarla è importante per dare un carattere più preciso al personaggio. LA MESSA IN SCENA Dopo aver costruito dei burattini (personaggi), si può sviluppare o inventare la storia (canovaccio). Un inizio (introduzione), l azione (conflitto) e il finale. Tempo e ritmo vanno misurati per sottolineare l azione, se la musica e la recitazione sono importanti, la gestualità lo è ancor di più. Importante è cercare di non essere troppo ripetitivi nelle azioni, a meno che il ripetersi non sia una caratteristica del personaggio. IL TEATRINO La messa in scena è possibile anche senza un teatrino, basta semplicemente una struttura (es. separè) che sia abbastanza grande per coprire il burattinaio o i burattinai. Il teatrino è una costruzione simile ha un teatro in miniatura. Può essere in legno, plastica, metallo (o sagome di questi materiali, ricoperti da teli dipinti ho colorati), almeno per quattro lati, fronte, lato destro, sinistro e tetto (come una grossa scatola). Il retro deve essere libero, in modo che gli animatori si possano introdurre al suo interno (ciò permette agli animatori di non essere visti dall esterno). E possibile trovare teatrini con la parte superiore del retro anch essa ricoperta, per il suo utilizzo come fondale: ciò permette l installazione di scenografie. La parte superiore (tetto) è utilizzata per eventuali meccanismi scenografici o installazioni particolari o una semplice copertura dalla luce. Il teatrino deve consentire al suo interno di ospitare uno o più animatori (burattinai) a seconda dell esigenza. Una apertura frontale chiamata BOCCASCENA, situata nella parte superiore in corrispondenza del fondale del retro, permette ai burattini di apparire. Il boccascena viene chiuso dal sipario. Il più classico dei sipari è quello greco, cioè, due tendine che si aprono dal centro (come quelle delle finestre). Esso serve per dare inizio e fine dello spettacolo (eventuale fine primo tempo o secondo). La sua chiusura permette anche di cambiare scenografie senza che siano viste dall esterno. Altri tipi di oggetti per uso scenografico, si possono attaccare ai lati o si possono appendere dall alto della struttura, come per esempio le luci per l illuminazione della scena. Poi la musica, effetti sonori, microfoni e altri tipi di strumenti, completano il tutto in modo professionale, dando sfumature più complesse alla storia rappresentata. Quindi la messa in scena lascia spazio alla fantasia dell ideatore.

Gent.mo/a Dirigente, Gentile insegnante

Gent.mo/a Dirigente, Gentile insegnante Soprintendenza ai beni Architettonici e paesaggistici delle Provincie di LE BR TA Gent.mo/a Dirigente, Gentile insegnante Anche quest anno come già fatto negli scorsi anni scolastici, Vi inviamo, il nostro

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

Il carnevale. Venezia, Regina del carnevale. Jules A. Guillaume C.

Il carnevale. Venezia, Regina del carnevale. Jules A. Guillaume C. C'è allegria per il carnevale Ci sono spettacoli con musica La gente balla, canta, mangia Dolci, frittelle, zucchero filato. La gente è travestita Con bellissimi costumi e maschere. Due ragazzi sono travestiti

Dettagli

TEATRO. Canovacci: testi che descrivono solo la trama lasciando il dialogo e l azione scenica all improvvisazione degli attori.

TEATRO. Canovacci: testi che descrivono solo la trama lasciando il dialogo e l azione scenica all improvvisazione degli attori. TEATRO La nascita del teatro è strettamente connessa alla sfera del sacro, in particolare alle pubbliche feste e cerimonie religiose. Tale fu l origine anche del teatro greco, prima di definirsi nei due

Dettagli

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Liberamente tratto da Pierino e il lupo di Prokofiev Regia, realizzazione marionette e animazione Dino Arru Con Dino e Raffaele Arru HO VISTO IL LUPO Gli ultimi

Dettagli

Lunaria cooperativa sociale

Lunaria cooperativa sociale Al Dirigente scolastico Oggetto: Progetto Il teatrino di Lunaria - Spettacolo La favola di Frya La Cooperativa sociale Lunaria nell ambito del progetto Il teatrino di Lunaria ha costituito una compagnia

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE. Laboratori manuali-creativi per insegnanti della scuola dell infanzia e della scuola primaria

CORSI DI FORMAZIONE. Laboratori manuali-creativi per insegnanti della scuola dell infanzia e della scuola primaria CORSI DI FORMAZIONE Laboratori manuali-creativi per insegnanti della scuola dell infanzia e della scuola primaria I corsi sono tenuti da Silvana Ninivaggi che opera da anni nel settore dell illustrazione

Dettagli

Associazione Culturale Teatro ricerche. 5a Conferenza Internazionale Theatre and Drama Education Atene 17, 18, 19 Marzo 2006

Associazione Culturale Teatro ricerche. 5a Conferenza Internazionale Theatre and Drama Education Atene 17, 18, 19 Marzo 2006 2 Associazione Culturale Teatro ricerche 5a Conferenza Internazionale Theatre and Drama Education Atene 17, 18, 19 Marzo 2006 Workshop Picasso Teatro l intercultura dei linguaggi nella propedeutica alla

Dettagli

IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO

IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO Nascita del teatro Nasce come rito legato a celebrazioni di carattere religioso. Cerimonie sacre con cori e danze si svolgevano entro i recinti dei templi. Età antica

Dettagli

ANIMAZIONE TEATRALE. Le Proposte

ANIMAZIONE TEATRALE. Le Proposte ANIMAZIONE TEATRALE Uno degli aspetti rilevanti dell attività di Eventi Culturali è l animazione teatrale nelle scuole, nei centri di aggregazione giovanile, nelle strutture protette per disabili mentali

Dettagli

LE INCREDIBILI TRASFORMAZIONI DELLA NATURA

LE INCREDIBILI TRASFORMAZIONI DELLA NATURA LE MAGIE DI MAGO PISTACCHIO E LE STORIE DELLA GRANDE QUERCIA OVVERO LE INCREDIBILI TRASFORMAZIONI DELLA NATURA PROGETTO INTEGRATO CLASSI SECONDE MATTEI S. UGUZZONE CARNOVALI 1 PRIMO MODULO: Le Magie nella

Dettagli

Il Carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia Il Carnevale di Venezia Adrienn Kádek 11/10/2011 Non sei tu che ti metti la maschera, ma è la maschera a mettersi te... (A. Scarsella) Punti principali Il Carnevale antico Le maschere Le feste Il Carnevale

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

La Squadriglia: 15 anni Seconda classe. V.C.Sq. Valentino Trento 15 anni Seconda classe Tesoriere

La Squadriglia: 15 anni Seconda classe. V.C.Sq. Valentino Trento 15 anni Seconda classe Tesoriere Primo Marzo 2007 Dalle ore 18.30 alle ore 20.00. La Squadriglia: Nome Età Classe Incarico C.Sq. Daniele Riscica 15 anni Seconda classe V.C.Sq. Valentino Trento 15 anni Seconda classe Tesoriere III Gianmarco

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

Biennale Educational 2015 In fila per l arte

Biennale Educational 2015 In fila per l arte La Biennale di Venezia 56. Esposizione Internazionale d Arte All the World s Futures curata da Okwui Enwezor Biennale Educational 2015 In fila per l arte LABORATORI PRATICO-CREATIVI Percorso e laboratorio

Dettagli

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba PRESENTAZIONE Le Acque compagnia teatrale, che svolge dal 1996 la propria attività in ambito artistico, formativo, scolastico e sociale, presenta dei progetti teatrali-educativi per la Scuola Primaria.

Dettagli

TEATRO ALEGRE. Trilogia sulla drammaturgia della figura

TEATRO ALEGRE. Trilogia sulla drammaturgia della figura TEATRO ALEGRE Trilogia sulla drammaturgia della figura LʼAssociazione La Terra Galleggiante organizzatrice in collaborazione con il Comune di Pinerolo, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino del Festival

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CASA DEL TEATRO DI VIA GOLTIERI Teatro degli Acerbi e Alessio Bertoli

CASA DEL TEATRO DI VIA GOLTIERI Teatro degli Acerbi e Alessio Bertoli CASA DEL TEATRO DI VIA GOLTIERI Teatro degli Acerbi e Alessio Bertoli COMUNE DI ASTI TEATRO SCUOLA 2015-2016 con il contributo di Fondazione C.R.Asti in collaborazione con Fondazione TRG Onlus - Progetto

Dettagli

SEMINARI E CORSI 2011. www.lafabbricadarte. it

SEMINARI E CORSI 2011. www.lafabbricadarte. it SEMINARI E CORSI 2011 www.lafabbricadarte. it Corsi per bambini e ragazzi PICCOLA ACCADEMIA TEATRALE Corsi per adulti SEMINARI DI RECITAZIONE PICCOLA ACCADEMIA MUSICALE SEMINARI DI PUBLIC SPEAKING COMPUTER

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Mondi virtuali in multi-utenza e formazione

Mondi virtuali in multi-utenza e formazione varie potenzialità del software potranno arrivare a degli ottimi risultati. Nel sito di Seamless3D 1 è presente un forum in cui gli utenti possono confrontarsi con gli sviluppatori del software o aiutarsi

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine Il nostro gruppo lavoro, formato da persone che da anni operano nel settore dell illustrazione, della grafica e della didattica, propone laboratori di educazione all immagine, rivolti agli studenti delle

Dettagli

Con il contributo della Regione, Assessorato Cultura, Spettacolo e Sport LEGGI REGIONALI N. 32/78 E 17/07 AVVISO PUBBLICO PER LA PRE- SENTAZIONE DI PROGETTI DI PROMOZIONE CULTURALE E DI SPETTACOLO ANNO

Dettagli

Fantavolando. www.fantavolando

Fantavolando. www.fantavolando Fantavolando www.fantavolando LABORATORIO DI EDUCAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un linguaggio che li coinvolge

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno SCHEDA DIDATTICA Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch Compagnia : Il Dottor Bostik/Unoteatro 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno 2. Testo e regia:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio:

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: La bottega è nata nell 89 da un idea di Umberto Carbone e Michi Coralli. Riutilizza

Dettagli

DESCRIZIONE DI PERSONE

DESCRIZIONE DI PERSONE Disciplina: Lingua Italiana Livello: A2 DESCRIZIONE DI PERSONE Gruppo 3 Autori: Colpo Paola, Dalla Rosa Emanuela, Fazzari Giorgia, Nicotra Daniela Destinatari: Percorso indicato per alunni di classe 3

Dettagli

Bimbi & Pupi SPETTACOLO DI TEATRO DI FIGURA: BURATTINI, MARIONETTE E PUPI DI STILE CATANESE, PER BAMBINI DAI 3 AI 10 ANNI.

Bimbi & Pupi SPETTACOLO DI TEATRO DI FIGURA: BURATTINI, MARIONETTE E PUPI DI STILE CATANESE, PER BAMBINI DAI 3 AI 10 ANNI. - MARIONETTISTICA F.LLI NAPOLI - OPERA DEI PUPI - CATANIA - Bimbi & Pupi SPETTACOLO DI TEATRO DI FIGURA: BURATTINI, MARIONETTE E PUPI DI STILE CATANESE, PER BAMBINI DAI 3 AI 10 ANNI. Il Progetto Bimbi

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per l anno scolastico 2015/2016.

OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per l anno scolastico 2015/2016. Allegati n 3 SPETTABILE COMITATO GENITORI E.DANDINI e ISTITUTO COMPRENSIVO FRASCATI OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per

Dettagli

Assessorato alla Qualità Socio - Culturale

Assessorato alla Qualità Socio - Culturale Assessorato alla Qualità Socio - Culturale Febbraio Ragazzi 2011 Il burattinaio magico 4a edizione rassegna di teatro di figura - spettacoli - laboratori - conferenze direzione artistica Vittorio Zanella

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FIABE, FAVOLE E FANTASIA

FIABE, FAVOLE E FANTASIA SCUOLA DELL INFANZIA SACRO CUORE DI NOVARA LABORATORIO DI STORIE FIABE, FAVOLE E FANTASIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONE COCCINELLE (BAMBINI DI 4 ANNI) INSEGNANTE: BRUGNONE MARIA Il progetto laboratoriale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Teatro, Arte e Formazione

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Teatro, Arte e Formazione REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Teatro, Arte e Formazione Direttore : prof.ssa Anna Maria Testaverde Commissione del Corso di Master: prof.ssa Claudia Villa, prof.

Dettagli

LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE

LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE In tutti i paesi ci sono personaggi molto particolari che rappresentano le abitudini del posto o di una certa epoca della storia. Questi personaggi a volte sono reali,

Dettagli

Con il Patrocinio di: Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, IRRE Lombardia, DES - danza educazione scuola

Con il Patrocinio di: Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, IRRE Lombardia, DES - danza educazione scuola TEATRO GIUDITTA PASTA Saronno (VA) 13 e 14 FEBBRAIO 2006 Convegno CREATIVITA E CRESCITA PERSONALE ATTRAVERSO L EDUCAZIONE ALLE ARTI: DANZA, TEATRO, MUSICA, ARTI VISIVE. Idee, percorsi, metodi per l ESPERIENZA

Dettagli

LABORATORIO AMICI MOSTRI

LABORATORIO AMICI MOSTRI LABORATORIO AMICI MOSTRI Laboratorio espressivo-creativo sul riconoscimento, sul contenimento e sulla gestione dell angoscia, della paura e dell ansia LA PROPOSTA Allestire un laboratorio di teatro che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Progetto. Baracca e BurATTIVI

Progetto. Baracca e BurATTIVI Progetto Baracca e BurATTIVI Il contesto. Questo progetto si sviluppa nell ambito del Progetto di Plesso per l anno scolastico 2011-2012, denominato: La terra coi suoi uomini, gli uomini per la loro Terra

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe Summer Per ragazzi dai 6 ai 14 anni School 2014 School of Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe School of PROGETTO OXFORD GROUP SUMMER SCHOOL - Scuole Statali Oxford

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA Scuola infanzia di PALATA PEPOLI PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA DI QUALCHE ANNO FA. Di W:A MOZART Il Flauto Magico Progetto musica e biblioteca Scuola dell Infanzia di Palata Pepoli Destinatari: Luogo: Durata:

Dettagli

PRESENTAZIONE 30 Settembre 2013 tra i 18 e i 40 anni 28 Febbraio 2014 alle ore 18,00

PRESENTAZIONE 30 Settembre 2013 tra i 18 e i 40 anni 28 Febbraio 2014 alle ore 18,00 PRESENTAZIONE Dopo il successo della prima edizione, torna il concorso dedicato alla Commedia Teatrale Italiana. La Commedia d autore contemporanea è solitamente assente nei teatri, nei laboratori e nelle

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO: ViviAMO il Teatro. Spettacoli teatrali e percorsi didattici a scuola

PROGETTO DIDATTICO: ViviAMO il Teatro. Spettacoli teatrali e percorsi didattici a scuola PROGETTO DIDATTICO: ViviAMO il Teatro Spettacoli teatrali e percorsi didattici a scuola 1 CHI SIAMO Egregio Signor Preside e gentili Professori, Teatro dei Navigli rappresenta uno dei centri di produzione

Dettagli

PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI

PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 - PR. PROPEDEUTICA DEL TEATRO ED EURITMIA (1-2 ) - PR. TEATRO ED EURITMIA (3-4 -5 ) - PR. FOTOGRAFIA E DIREZIONE D ARTE. FOTO

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica IL TEATRO ROMANO Struttura architettonica La struttura del teatro romano (theatrum)ricava gli aspetti fondamentali della propria immagine architettonica dalla parallela figura del teatro greco. Tuttavia,

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Chi Siamo. www.compagniadelleombre.it

Chi Siamo. www.compagniadelleombre.it Chi Siamo La Compagnia delle Ombre nasce dal fortunato incontro di professionisti con diversi ruoli e competenze: registi, attori, sceneggiatori, formatori aziendali, esperti di comunicazione e marketing,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

IL TEATRO DELLE EMOZIONI: UN INTERVENTO DI COUNSELLING SCOLASTICO

IL TEATRO DELLE EMOZIONI: UN INTERVENTO DI COUNSELLING SCOLASTICO IL TEATRO DELLE EMOZIONI: UN INTERVENTO DI COUNSELLING SCOLASTICO Oliviero Rossi Psicologo, psicoterapeuta Direttore "Applicazioni Ricerche Studi - Istituto di Gestalt", Roma "INformazione Psicologia Psicoterapia

Dettagli

Giovanna Berardinelli e Tommaso Filippo Latina. con canzoni e musiche originali. scritta, diretta ed interpretata da

Giovanna Berardinelli e Tommaso Filippo Latina. con canzoni e musiche originali. scritta, diretta ed interpretata da fiaba musicale con burattini, canto e musica dal vivo scritta, diretta ed interpretata da Giovanna Berardinelli e Tommaso Filippo Latina con canzoni e musiche originali Scheda Artistica Sinossi Il giovane

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

ABC l italiano per bambini stranieri Prototipo 1.0 in fase di sperimentazione

ABC l italiano per bambini stranieri Prototipo 1.0 in fase di sperimentazione ABC l italiano per bambini stranieri Prototipo 1.0 in fase di sperimentazione Questo software didattico è nato per lavorare con i bambini stranieri sul lessico di base della lingua italiana. Destinatari

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI Una produzione FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI onlus Regia e drammaturgia LUIGINA DAGOSTINO con CLAUDIO DUGHERA DANIEL LASCAR CLAUDIA MARTORE scenografia CLAUDIA MARTORE

Dettagli

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino Claudia Porta Come realizzare una Bambola Waldorf Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino 1 2 3 Le bambole Waldorf sono bambole di stoffa morbide e semplici, realizzate a mano

Dettagli

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro.

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro. PROBLEMI MUSCOLO - SCHELETRICI Sebbene siano più frequenti i problemi di tipo visivo e oculare, da sempre l`attenzione si è principalmente concentrata su problemi di tipo muscolo-scheletrico, come ad esempio

Dettagli

SPETTACOLO TEATRALE MOTORIO

SPETTACOLO TEATRALE MOTORIO SPETTACOLO TEATRALE MOTORIO Da alcuni anni effettuo un progetto di educazione motoria nella scuola elementare della mia città e puntualmente le insegnanti mi chiedono di organizzare un momento di verifica

Dettagli

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i LE FAVOLE DISNEY C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i bambini del villaggio, perché era piena di orologi e giocattoli di ogni tipo, e un bel fuoco ardeva sempre

Dettagli

STORIA DEL TEATRO DAL MEDIOEVO AL 700

STORIA DEL TEATRO DAL MEDIOEVO AL 700 STORIA DEL TEATRO DAL MEDIOEVO AL 700 Dal IV secolo d.c. inizia il declino del teatro. Accanto alla decadenza degli edifici teatrali, abbandonati già dal tardo impero, la condanna della Chiesa, che si

Dettagli

IMPROVVISART L'IMPROVVISAZIONE TEATRALE ED EDUTAINMENT IN PUGLIA

IMPROVVISART L'IMPROVVISAZIONE TEATRALE ED EDUTAINMENT IN PUGLIA IMPROVVISART L'IMPROVVISAZIONE TEATRALE ED EDUTAINMENT IN PUGLIA Improvvisart è una giovane Cooperativa di Lecce nata grazie al bando Principi Attivi 2008 ufficialmente affiliata al circuito nazionale

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI

ESSERE GENITORI OGGI ESSERE GENITORI OGGI II Ciclo di incontri a sostegno della genitorialità 6 0 INCONTRO: Almese 10 Dicembre 2008 TEMA: FAVOLANDO 1 All ingresso del museo dei bambini di Boston c è questa iscrizione: Qui

Dettagli

domenica 17 gennaio ore 16.00 FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI onlus

domenica 17 gennaio ore 16.00 FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI onlus domenica 17 gennaio ore 16.00 FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI onlus MILO E OLIVIA KOLOK I terribili vicini di casa domenica 28 febbraio ore 16.00 TEATRO DELLE APPARIZIONI/TEATRO ACCETTELLA IL TENACE

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PROGETTO MUSICA TEATRO INFANZIA Denominazione del progetto/laboratorio PROGETTO FESTIVITA E RICORRENZE : Rappresentazione

Dettagli

NEL TEMPO ESSERE. Performance multimediale simbolica di Patrizia Tummolo. Nei Giardini Baltimora (Giardini di plastica)

NEL TEMPO ESSERE. Performance multimediale simbolica di Patrizia Tummolo. Nei Giardini Baltimora (Giardini di plastica) NEL TEMPO ESSERE Performance multimediale simbolica di Patrizia Tummolo Nei Giardini Baltimora (Giardini di plastica) 1 Progetto Artistico Culturale: performance multimediale e mostra fotografica e documentaristica

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

Il ritorno dei Burattini di Luzzati e Cereseto in stile operetta LA FAVOLA DEL FLAUTO MAGICO di W. A. Mozart

Il ritorno dei Burattini di Luzzati e Cereseto in stile operetta LA FAVOLA DEL FLAUTO MAGICO di W. A. Mozart Il ritorno dei Burattini di Luzzati e Cereseto in stile operetta LA FAVOLA DEL FLAUTO MAGICO di W. A. Mozart una favola in musica con i burattini di Bruno Cereseto disegnati da Emanuele Luzzati Con Alessandro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

laboratori sensoriali: "GLI ALBERI E NOI"

laboratori sensoriali: GLI ALBERI E NOI laboratori sensoriali: "GLI ALBERI E NOI" I laboratori "Gli Alberi e noi" sono percorsi di tipo sensoriale e immaginativo rivolti a bambini e ragazzi in visita al Parco Naturale di Città della Domenica.

Dettagli

ATELAB ATELIDEA L AVVENTURA DI TRASP COMUNE DI RIMINI IPOTETICHE EMOZIONI COLLEGATE TEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA :

ATELAB ATELIDEA L AVVENTURA DI TRASP COMUNE DI RIMINI IPOTETICHE EMOZIONI COLLEGATE TEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA : COMUNE DI RIMINI TITOLO DEL PROGETTO anno scolastico 2013-2014 ATELAB ATELIDEA L AVVENTURA DI TRASP IPOTETICHE EMOZIONI COLLEGATE Rabbia Paura collegate al tradimento TEMATICA Ludico - motoria SCUOLE DELL

Dettagli

a cura di AGITA e Agenzia formativa A.P.O.Ge.O. srl Durata 40 ore Svolgimento dei corsi Firenze

a cura di AGITA e Agenzia formativa A.P.O.Ge.O. srl Durata 40 ore Svolgimento dei corsi Firenze AREA TEMATICA : BES E DISABILITÀ Laboratorio formativo LA COMUNICAZIONE CREATIVA (TEATRO, MUSICA, ARTI VISIVE) COME STRUMENTO DI INTERVENTO NELLA PREVENZIONE E NEL TRATTAMENTO DEL DISAGIO Aggiornamento

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

RIPARTONO I CORSI DI TEATRO

RIPARTONO I CORSI DI TEATRO RIPARTONO I CORSI DI TEATRO con THEAMA! GIORNATE DI PRESENTAZIONE DEI CORSI: Vuoi conoscerci? Vuoi domandarci qualcosa di più sul teatro? Vuoi sapere come lavoreremo insieme? Ti aspettiamo alle giornate

Dettagli

E ADESSO... Art Counselling

E ADESSO... Art Counselling E ADESSO... Art Counselling l'arte è un' avventura che ci conduce in un mondo sconosciuto. Soltanto coloro che per libera volontà si assumono tale rischio, possono scoprire questo mondo Rothko ANNO 2000

Dettagli

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Sereni"di Porto Valtravaglia

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Serenidi Porto Valtravaglia PROGETTO LETTURA: DALL ANALISI ONIRICA E PROFONDA DEI GRANDI MITI DEL PASSATO, PASSANDO DAL MITO DI ULISSE, FINO A GIUNGERE AI MITI RACCHIUSI NELL OPERA DEI GRANDI CANTAUTORI CONTEMPORANEI Premessa L'immaginario

Dettagli

FORMAZIONE - ATTIVITA' PROFESSIONALI HOBBY - INTERESSI

FORMAZIONE - ATTIVITA' PROFESSIONALI HOBBY - INTERESSI FORMAZIONE - ATTIVITA' PROFESSIONALI Stage URBIS INDUSTRIE Ufficio marketing e comunicazione TIROCINIO: ATTIVITA' LUDICO- EDUCATIVE presso SCUOLA PRIMARIA DI AMMETO Metodo FOR MOTHER corso ARTEMOZIONE

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

LA STORIA DELLA BICICLETTA

LA STORIA DELLA BICICLETTA LA STORIA DELLA BICICLETTA Dalla realizzazione di un disegno di Leonardo da Vinci tratto dal Codice Atlantico, attraverso velocipedi ottocenteschi originali, fino ai prototipi delle grandi case automobilistiche

Dettagli

Il Signor Cubo e i suoi amici

Il Signor Cubo e i suoi amici Il Signor Cubo e i suoi amici Il Signor Cubo e i suoi amici TRACCIA DELL ITINERARIO: 1. Il docente presenta un cubo che ha decorato come se fosse un personaggio. Gli allievi lo trovano in classe e lo descrivono.

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO INVENTIAMO UNA BANCONOTA

RELAZIONE FINALE PROGETTO INVENTIAMO UNA BANCONOTA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO BIANCHI - SCIGLIANO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA PRIMO GRADO - IPA Viale Municipio 87057 Scigliano(CS) Tel. e Fax. 0984/966289 e-mail:csmm22900l@istruzione.it Sito internet: www.omnicomprensivoscigliano.it

Dettagli

Capitolo 3. La messa in scena: costruire il sogno

Capitolo 3. La messa in scena: costruire il sogno Capitolo 3 La messa in scena: costruire il sogno NATURALISTICO LA MESSA IN SCENA PROFILMICO Il profilmico è tutto ciò che si trova davanti alla cinepresa ARTIFICIALE AMBIENTE L ambiente e le figure entrano

Dettagli

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie Acqua T.V.B. TI VOGLIO BERE JUNIOR Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie PREMESSA L ipotesi di progetto è finalizzata ad educare ad un consumo responsabile

Dettagli

ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria

ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria Attività: La nascita dell arte. Dipingere come nella Preistoria. Destinatari: Classi III - Scuola Primaria Obiettivi: Artisti del Paleolitico è un

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA Scuola dell infanzia Andersen 1 circolo Spinea anno sc.2008-09 ESPERIENZE DI LETTURA E SCRITTURA PER I BAMBINI DI 5 ANNI Ins:Anna Aiolfi Marika Quaglietta Documentazione a cura di Anna Aiolfi DISEGNI AFRICANI

Dettagli

INTRATTENIMENTI NATALE 2013

INTRATTENIMENTI NATALE 2013 INTRATTENIMENTI NATALE 2013 LASCERANNO TUTTI A BOCCA APERTA! 2 PARATA NATALIZIA sui trampoli i personaggi delle fiabe di Natale 2 3 Parata di trampolieri con costumi natalizi (Babbo Natale, l albero, il

Dettagli

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini CRE UGOLINI Giacomo Pulcini Giacomo Pulcini è un pasticcione nato! Piccoli errori ed equivoci lo hanno accompagnato per tutta la sua vita. Questi errori, però, chissà come, lo hanno sempre portato a ritrovarsi

Dettagli