Di Giordano Simone, Macrì Federico, Marchetti Giorgia. Classe VD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Di Giordano Simone, Macrì Federico, Marchetti Giorgia. Classe VD"

Transcript

1 Di Giordano Simone, Macrì Federico, Marchetti Giorgia Classe VD

2 Il teatro è un edificio destinato alla rappresentazione di opere liriche o di prosa; il termine deriva dal latino theatrum, che a sua volta deriva dal greco θεατρον, da θεασθαι ossia guardare, essere spettatore. Le rappresentazioni drammatiche, ludi scenici, venivano originariamente tenute in onore di una divinità particolare e sono documentate a partire dal 364 a.c. Le tragedie e le commedie della Grecia classica, come anche le opere dei primi grandi poeti repubblicani, Ennio, Nevio, Plauto e Terenzio, raggiunsero il culmine della popolarità nel II secolo a.c. Il teatro si presenta oggi come una delle più originali e feconde realizzazioni dell architettura romana; in realtà fino a tutto il V secolo a.c. nel Lazio non esistevanoteatri; gli attori tenevano le rappresentazioni nella piazza del villaggio. Quando si volle dare stabilità a questi luoghi teatrali, le strutture che ospitavano gli spettacoli erano provvisorie, di legno e appositamente costruite per i diversi eventi, spesso erette nel circo, davanti ai templi o nelle piazze, e venivano demolite alla fine delle feste per cui erano state erette; intorno ad essi gli spettatori assistevano in piedi agli spettacoli. Sul palcoscenico si esibivano attori, musicisti e, a seconda dello spettacolo, poteva esserci anche il coro. Il palcoscenico era chiuso in fondo da una parete che aveva tre porte, attraverso le quali entravano ed uscivano gli attori. Probabilmente questi teatri erano rettangolari. La costruzione di un teatro in muratura fu intrapresa più volte nel corso del II secolo, ma fallì sempre in quanto il Senato, in quel periodo, era contrario alle rappresentazioni teatrali, perché erano influenzate dalla cultura greca, non gradita allo Stato. Solo nella metà del I secolo a.c. furono costruiti i primi teatri semicircolari, anch essi di legno, mentre la prima costruzione in muratura fu realizzata tra il 55 e il 52 a.c. Fu Pompeo che lo fece costruire, (il teatro di Pompeo) nel Campo Marzio, con il pretesto che le gradinate del teatro dovevano servire da accesso al nuovotempio di Venere, fatto costruire dallo stesso Pompeo. Alcune strutture di questo teatro sono sopravvissute nell interrato dell edificio, ma la pianta ci è giunta tramite la mappa marmorea Severiana di Roma, la Forma Urbis Romae. L edificio era costruito in cemento, le gradinate su una serie di volte curve e radiali. La cavea aveva un diametro di 160 metri e poteva ospitare circa persone. Associato al teatro vi era un grande portico rettangolare che circondava un giardino. Il teatro di Marcello (vedi foto) fu il secondo ad essere costruito in muratura; esso venneiniziato da Cesare e compiuto da Augusto che lo dedicò al genero Marco Claudio Marcello, prematuramente scomparso nel 23 a.c. La struttura aveva un diametro di 150 metri, anche se la capienza era probabilmente di sole persone.

3 Era sostenuto su una struttura a volta, costruita in parte di blocchi di pietra e in parte di cemento ricoperto di opus reticulatum. Il cemento venne utilizzato per le volte a botte, che erano collegate da corridoi e rampe per consentire l accesso alle gradinate. Queste a loro volta erano strutturate su tre ordini, e quello superiore era in legno.la facciata era formata da un sistema di arcate sovrapposte e in origine vi erano almeno due ordini di quarantuno archi. Il palco si elevava sino alla stessa altezza della cavea ed era connesso a questa da entrambi i lati, per creare un edificio chiuso. Questi grandi palchi a palazzo sono tipici dei teatri romani; sono giunti sino a noi alcuni ottimi esempi da vari punti dell Impero; ricordiamo il teatro di Orange in Francia (vedi foto in alto a destra), agli inizi del I secolo d.c., quello di Aspendos in Turchia, nella seconda metà del II secolo d.c. e quello di Palmira in Siria del II secolo d.c. Molto importante e degno di nota è quello di Sabratha (vedi foto a destra) nella moderna Libia con colonne di marmo disposte su tre livelli. L edificio teatrale romano si ispirò a quello greco - ellenistico del III - II secolo a.c.; infatti i primi teatri stabili riproducono più o meno la struttura del teatro greco, anche se con alcune importanti modifiche. A differenza di quello greco, il teatro romano non ha necessariamente bisogno di un pendio su cui appoggiare le gradinate, ma questo viene sostituito da un alto muro esterno, quindi si può costruire su qualsiasi terreno. Ricordiamo la descrizione di Plinio il Vecchio di un teatro provvisorio costruito da Marco Scauro quando era aedilis nel 58 a.c. Il retro del palco era organizzato su tre piani con 360 colonne; il piano inferiore era di marmo, quello di mezzo di vetro e quello superiore di tavole dorate. Inoltre 300 statue ornavano la struttura e poteva contenere persone. Il teatro in muratura ha una forma semicircolare ed è costituito da tre parti: 1. l orchestra, dove si trovano i sedili riservati ai senatori; 2. la scena, (il pulpitum) dove recitano gli attori; 3. la cavea, composta da gradinate per gli spettatori. La cavea a sua volta era suddivisa in tre settori: 1. quello più vicino all orchestra era riservato all ordine equestre; 2. il mediano agli uomini ed ai soldati; 3. il più alto e scomodo alle donne, che terminava con un portico, la cui ombra riparava gli spettatori dal sole. (Ricordiamo che nel teatro greco fino al IV secolo a.c. non esisteva palcoscenico, e gli attori agivano insieme con il coro nell orchestra circolare.) Questa forma chiusa del teatro rendeva possibile anche la copertura dell intero edificio con un velum o velarium per riparare gli spettatori; successivamente i Romani inventarono una tenda frontale, detta auleum che fissata ad un intelaiatura, poteva essere lasciata cadere

4 nell orchestra e sollevata di nuovo; un altro tipo di tenda, conosciuto come siparium poteva essere usato per coprire parti della facciata dietro gli attori. Una tettoia di legno, invece, serviva, oltre che a proteggere gli elementi della scena, anche per trasmettere verso la cavea la voce degli attori; inoltre venivano posti sotto il palcoscenico vasi di bronzo o di terracotta, proprio per ampliare le voci. Dietro al muro della scena vi era sempre un grande quadriportico, con al centro un giardino ornato di statue e fontane, dove gli spettatori potevano passeggiare in attesa che cominciasse lo spettacolo o ripararsi in caso di pioggia. Di solito l edificio si innalzava al centro della città ed era munito di ingressi che davano accesso ai diversi ordini di posti. La cavea, di vasta estensione era suddivisa da corridoi di accesso alla cavea stessa, denominati cripte e da rampe, i vomitoria; in questo modo essa assumeva spesso l aspetto di una serie di piani, ciascuno con il proprio ordine di ornamenti architettonici. ( le cripte che erano coperte corrispondevano nel teatro greco ai parodoi che erano scoperti.) Nelle cripte sotto la cavea furono organizzati successivamente degli ambienti per il pubblico, magazzini per gli attrezzi e stanze per gli attori. L orchestra era spesso chiusa da un muro perimetrale che permetteva di usare tale spazio per spettacoli di gladiatori oppure era riempita d acqua, per finte battaglie navali o balletti acquatici; sembra che fosse anche usuale una scaletta che dal piano della scena portava giù all area chiusa dell orchestra, come è possibile ancora vedere nel teatro di Djemila nell Africa del nord. Le notizie relative alla scenografia romana si basano principalmente sulle testimonianze di Vitruvio; da queste, sembrerebbe che, almeno all inizio, non presentasse una scenografia molto complessa e che fossero gli attori ad evocare ambienti e circostanze diverse, con i loro dialoghi. Gli elementi scenografici che erano sempre presenti erano: 1. il proscenium (la nostra scena) in legno, che comprendeva la parte anteriore, dove recitano gli attori e in genere una via o una piccola piazza; 2. la scenae frons (il nostro fondale ) costituita da una parete dipinta, con un architettura simile alla facciata di un edificio, nella quale si aprivano diversi ingressi, (due o tre porte) utilizzati dagli attori; le uscite sullo sfondo raffiguravano, per così dire, gli interni della vicenda, mentre quella di destra la via che portava al foro e quella di sinistra la via che portava al porto, i due luoghi più importanti della città dal punto di vista commerciale e politico. La convenzione teatrale prevedeva, inoltre che dietro le case, le cui porte si vedevano sul fondale, ci fosse un vialetto, augiportum che permetteva di raggiungere le case stesse attraverso il giardino e comunque per il retro. 3. i periaktoi, di derivazione greca, erano dei prismi rotabili con i lati dipinti con una scena tragica su un lato, comica su un altro e satiresca sul terzo. 4. L auleum, un telo simile al nostro attuale sipario, attestato con sicurezza dall epoca di Cicerone e sconosciuto invece ai Greci; esso consentiva di rivelare improvvisamente una nuova scena, se veniva lasciato cadere dall alto. Secondo alcuni studiosi, invece, questo sipario non veniva calato dall alto, ma semplicemente sollevato sempre dall alto e non era usato per distinguere un atto dall altro, ma solo alla fine della commedia. Le rappresentazioni erano gratuite e si svolgevano di giorno; il sipario si abbassava scomparendo nella fossa al bordo del palcoscenico e si iniziava la rappresentazione. La situazione era molto diversa da quella attuale; infatti, alla luce del sole, nel teatro all aperto, tutto l edificio era visibile e quindi non era possibile creare effetti illusionistici.

5 Gli scenari variavano a seconda delle rappresentazioni: ci potevano essere porticati e templi, vedute di città, grotte con giardini, fontane, ecc.; a volte si usavano macchine teatrali per ottenere degli effetti speciali, come per esempio un gancio legato ad una carrucola posta in alto alla scena, per mezzo del quale apparivano gli esseri volanti e gli dèi; oppure si utilizzava una botola aperta nell orchestra, con un passaggio che conduceva all esterno, tramite il quale era possibile simulare apparizioni dall oltretomba. La storia del teatro latino conosce prima ancora del suo apogeo un lungo capitolo, che si svolge attraverso quattro forme principali: 1. i fescennini ; 2. la satura ; 3. l atellana ; 4. il mimo. Un passo di Livio [VII, 2], molto noto e discusso, ci dice che nel 364 a.c. i Romani, non riuscendo in alcun modo a debellare una pestilenza, decisero d'istituire, fra gli altri accorgimenti per placare l'ira divina, anche ludi scenici per i quali fecero venire appositamente artisti dall Etruria ("ludiones"), che eseguirono speciali danze al suono del flauto, con apposita gesticolazione. Il suddetto passo di Livio ci fornisce, dunque, almeno due preziose indicazioni, che però vanno opportunamente "corrette": la prima è che, in un certo senso, anche per il teatro latino si può e si deve parlare di origini religiose, o quantomeno di originario carattere apotropaico (seppure, in verità, questo carattere "religioso" rimane legato decisamente alla circostanza "esteriore"); la seconda è costituita dall'identificazione dell'evidente influsso etrusco su quelle stesse origini (ma tale influsso non fu specifico solo per il teatro, coinvolgendo - nei primi tempi e almeno fino al 510 a.c. - la totalità della società e della politica romana; di contro, intorno al 240 a.c., in occasione dei Ludi Romani e in seguito ai contatti con la civiltà greca, si cominciarono a rappresentare a Roma drammi sul modello greco, che finirono col fondersi con le altre forme drammaturgiche preesistenti). Il retaggio delle antiche forme di spettacolo si rinviene nello spirito e nel gusto per il divertimento, per il motto scherzoso. E proprio il fatto che nella imitazione dei giovani romani, la danza si sia arricchita di tali modi buffoneschi e grossolane composizioni può dimostrare che s'era visto, nell'elementare azione scenica dei danzatori etruschi, non tanto una celebrazione cultuale quanto piuttosto un fatto etnicamente nuovo, un'espressione insolita, che valeva la pena di raccogliere e continuare in modi propri ed originali. Niente più che un retaggio, dunque, e inevitabilmente proprio a causa della loro natura basata sull'improvvisazione, sulla battuta di scherno, non ci è quasi rimasta alcuna testimonianza o documentazione scritta di queste prime

6 "rappresentazioni". Questo ha reso difficile una ricostruzione certa dello sviluppo della drammaturgia latina. Del resto i generi drammaturgici più antichi, non prevedevano, proprio per tipologia, l'esistenza di un testo e tanto meno di un autore. Per questo, convenzionalmente la data di inizio della letteratura latina è stata fissata intorno al 240 a.c., anno a cui risalgono le traduzioni e gli adattamenti di derivazione greca di Livio Andronico. La data ufficiale d inizio del vero teatro latino viene fatta coincidere con la prima rappresentazione drammatica di Andronico, nel 240 a.c. I fescennini. Sul piano etimologico regna, riguardo questa prima forma di "rappresentazione", la massima incertezza: sono, infatti, tradizionalmente avanzate tre ipotesi. La prima fa derivare la parola dalla città falisca di "Fescennium", al confine fra Etruria e Lazio: era qui diffusa l'usanza che schiere di contadini, nella stagione del raccolto, per festeggiare l'abbondanza, si abbandonassero allo scambio di versi tanto rozzi quanto vivaci e sboccati, che costituivano una primitiva, ma sincera, espressione di ringraziamento alla divinità. Secondo altri, invece, il termine risalirebbe al latino "fascinum", malocchio, quello gettato agli altri carri incolonnati e carichidi uva in occasione della vendemmia (secondo altri ancora, era al contrario la formula per scongiurarlo). La terza ipotesi lo lega, infine, al suo senso fallico, come sinonimo di "veretrum". Ma queste tre derivazioni non si escludono necessariamente a vicenda, almeno per il fatto che è sottesa in tutte un'intenzione evidentemente apotropaica. Il fescennino non si risolse mai in una vera e propria azione teatrale, anche se contribuì enormemente alla nascita della "drammaturgia" latina. La sua mordacità raggiunse tali eccessi che intervenne addirittura la censura delle "Leggi delle XII tavole", comminando la pena di morte a chiunque componesse carmi infamanti contro un cittadino romano: tuttavia il suo carattere licenzioso rimase vivo e vitale e sopravvisse a livello popolare, come canto rivolto dagli amici agli sposi novelli (in segno evidente di buon augurio e fertilità) o come una forma di mordace componimento invettivo-satirico contro personalità in vista. Le fabulae Atellanae. Riguardo a questo genere, occorre dire subito che ci troviamo di fronte ad una forma in cui appare una disciplina ed un'impostazione scenica molto più caratterizzata e definita rispetto alle altre forme. Si può parlare, infatti, di schemi determinati e costanti, quasi a livello della nostra "commedia dell'arte" del1700. L'etimologia non pone problemi sul piano linguistico, in quanto è evidente la derivazione etimologica dalla città campana di Atella, fra Capua e Napoli. La discordia nasce, più che altro, a proposito della natura del legame esistente fra questa cittadina e la fabula che ne mutò il nome: forse derivò dalla "pazza" scelta diatella di schierarsi, durante la II guerra punica, contro Roma, che le riservò una durissima punizione (per cui, quella manifestazione, "pazza" per forme e contenuti, ne prese di riflesso appunto il nome); altri, probabilmente più in modo più opportuno, insistono sul carattere etnico della regione nella quale la cittadina sorgeva, luogo d'incontro delle più svariate e multiformi correnti etniche e culturali, aventi però tutte in comune una certa rustica e genuina vivacità. Per "atellanae", dunque, siintendono almeno nella loro forma primitiva (I metà del III sec. a.c.) improvvisazioni di breve durata, di contenuto farsesco (s'ipotizza, ancora, una loro derivazione dalla farsa fliacica, di origine greca, costituite da scenette mitiche o realistiche). Queste rappresentazioni, popolaresche e vernacolari, servivano (come spesso anche le altre forme) negli spettacoli tragici, come spettacolo finale tendente a ridare agli spettatori quel senso di serenità che le terrificanti scene tragiche avevano spento o attenuato, detto "exodium catartico"; molto simili tra loro, esse erano animate dalla presenza di personaggi fissi con proprie maschere e propri costumi caratteristici: Pappus, il vecchio ridicolo; Maccus, il tipo dello scemo maltrattato; Dossenus, il gobbo astuto ed imbroglione; Bucco, insaziabile tardo e maleducato, spesso relegato al ruolo di servo. Così l'atellana era spesso una

7 creazione di attori professionisti, che sulla scena recitavano a braccio in base ad una sorta di canovaccio, un tessuto di comiche complicazioni ed incidenti, detto "trica" (da cui il nostro "intrigo"); tuttavia, incontrò tanto favore presso i giovani romani, che essi stessi a volte se ne improvvisavano attori; fino a quando Novio e Pomponio, nei primi decenni del I sec. a.c., non ne le diedero definitiva dignità letteraria, sostituendo il testo scritto all'originaria improvvisazione. Il mimo. Il "mimo" era un'azione drammatica di breve durata, di carattere principalmente macchiettistico e caricaturale, e di derivazione (anche etimologica µιµεοµαι= "io imito") greca (ma molto diverso nella forma dal corrispettivo "progenitore"): era particolarmente diffuso presso i Siracusani e i Tarentini e non stupisce perciò che i soldati romani avessero imparato a conoscerlo e ad apprezzarlo specialmente durante la guerra di Pirro e la I guerra punica (ciò spiegherebbe anche la sua datazione, relativamente alta, d'ingresso a Roma). In alcuni casi, esso si trasformava in spettacolo "composito" vero e proprio, anche se la sua parte principale, "istintiva", era costituita più propriamente dal gesto. Pare, inoltre, che ne esistessero vari tipi: dagli "hypothésis", quando cioè avevano una trama precisa, ai "paignia", quando invece consistevano in esercizi di destrezza, da giocoleria a danze ecc., sempre di carattere molto libero e licenzioso. Tuttavia, non è facile ricostruirne con esattezza, in prospettiva storica, la fase e la forma originarie. L'elemento di maggiore differenziazione rispetto all'atellana, con la quale esso si scambiava il posto e la funzione di exodium, sembra consistere nel fatto che, proprio per rimanere nella prospettiva dell "imitazione" della vita reale, esso ignorava l'uso delle maschere e di calzature speciali e ricorreva ad interpreti di sesso femminile per i personaggi femminili mentre nelle altre rappresentazioni questi erano interpretati da attori di sesso maschile. Questi due tratti caratterizzanti necessitano, però, di puntualizzazioni: riguardo al primo, c'è da dire che, se è vero che gli attori non ricorrevano alle maschere, è altrettanto vero che anche questa rappresentazione annoverava personaggi fissi, facilmente distinguibili per via del loro abbigliamento tipico e stabile: il "mimus albus", vestito tutto di bianco, e il "mimus centuculus", dall'abbigliamento al contrario multicolore. Solo ai tempi di Cesare, infine, autori come Decimo Laberio e Publilio Siro fecero assurgere questo genere a definitiva dignità letteraria. La satura. La "satura" nasce, forse, da una particolare evoluzione dei "fescennini versus", quando questi cioè vennero a fondersi con le forme di danza sacrale-liturgica di stampo, come visto, etrusco. La sua etimologia è, fra quelle degli altri generi, certamente la più contrastata. Già il grammatico Diomede, a riprova di ciò, proponeva ben quattro ipotesi di derivazione, poi divenute "canoniche": la prima risulta in connessione con la grafia "satyra", considerata però subito sospetta in quanto "dotta" e volta a sottolineare forzatamente l'accostamento (non provato, del resto) di questo genere all'ambiente dei "Satyri", ovvero al dramma satiresco greco, al fine di documentare una progenie illustre; la seconda ipotesi, "satura lanx", richiamava, per analogia, il piatto ricolmo delle più svariate primizie, dono votivo offerto agli dèi; la terza, "per saturam", alludeva più tecnicamente al carattere "farcito" di quelle rappresentazioni; l'ultima ipotesi, infine, si ricollegava all'espressione "lex satura", per indicare la varietà di soggetti riscontrabile in una composizione poetica. In verità, anche qui, le varie ipotesi etimologiche non si escludono necessariamente a vicenda (almeno le ultime tre), giusto per il fatto che praticamente le accomuna il riferimento alla molteplicità e varietà di argomenti, o comunque di espressioni, che si potevano riscontrare nelle rappresentazioni satiriche: queste, infatti, offrivano al popolo uno spettacolo pieno di svariati elementi, quali, ad esempio, il dialogo, la danza, la musica, il canto, la gesticolazione, il tutto efficacemente coordinato secondo un ritmo musicale. Già le definizioni di Diomede, infatti, distinguono fra due diversi tipi di "satura", l'una più antica, coltivata da Ennio e Pacuvio, e caratterizzata come visto dalla varietà dei temi, l'altra più recente, inaugurata da Lucilio, con carattere più propriamente e decisamente moralistico, di fustigazione dei costumi; di contro, non c'è alcuna allusione alla satira come forma drammatica indigena, risultata dalla fusione della musica e della danza etrusca col "fescennino", come attestato invece da Livio. La commedia. La commedia romana sembra sostanzialmente non discostarsi dalla "commedia nuova" greca, se non per poche innovazioni: l'eliminazione del coro; l'introduzione

8 dell'accompagnamento musicale, peraltro probabile retaggio della tradizione etrusca. Questo tipo di commedia veniva definita "fabula palliata" (così chiamata dal mantello che indossavano gli attori, che riproduceva l'analogo mantello greco: si trattava, quindi, di commedie d'ambientazione appunto greca). I personaggi di questa commedia erano fissi; tra le figure maschili emergono quella del padre, ora severa, ora bonaria, ora libertina; quella del giovane, sempre caratterizzata dall'amore per un'avvenente schiava o cortigiana e dalla mancanza di mezzi ed espedienti per soddisfare la propria passione; quella del soldato, sempre contraddistinta dalla spacconeria; quella dello schiavo, la più variamente atteggiata e completa. Vi sono, infatti, schiavi astuti, vivaci, intelligenti, sinceramente affezionati ai padroncini, per aiutare i quali non esitano a turlupinare i vecchi padroni. Tra le figure femminili, ci sono quella della moglie sempre gelosa; quella ripugnante della ruffiana; quella della bella schiava, che fa spasimare; quella della cortigiana, che vuole spillare denaro. La figura della madre appare poco, ma gli autori, quando la presentano, sentono il bisogno di circondarla di quell'aureola di onestà che era tipica della santità dei costumi domestici della famiglia romana. Accanto a questo tipo di commedia, ne esisteva anche un'altro, di contenuto e ambientazione romana, detta "fabula togata" (dalla "toga", abito nazionale italico) e/o "tabernaria" (dalla "taberna", casa degli umili). Primi, fondamentali autori di commedie furono: Plauto, Terenzio (che, a differenza dei loro predecessori, scrissero solo commedie), Titinio, Afranio, Atta. La tragedia. Il genere della tragedia, molto presto assai apprezzato dal pubblico, fu completamente ripreso dai modelli greci e definito dai romani "fabula cothurnata" (per le particolari calzature, i "cothurni" appunto, indossate dagli attori) se di temi e ambientazione greca; mentre, se di temi ed ambientazione più specificamente romani (con soventi allusioni all'attuale clima politico), erano dette "praetextae" (in quanto gli attori vestivano appunto la "toga praetexta", orlata di porpora, ch'era l'abito distintivo dei magistrati). Gli unici autori di cui si abbia memoria (ma non i testi) sono Ennio, Pacuvio ed Accio. Le tragedie romane, che ci sono pervenute, risalgono ad un periodo decisamente successivo, compreso tra il 30 e il 60 d.c., per lo più opera di Seneca. L'organizzazione degli spettacoli teatrali non era lasciata alla libera iniziativa di autori e compagnie, ma era specifico compito degli "aediles" o in qualche caso del "praetor urbanus", i quali se ne servivano volentieri come mezzo di propaganda elettorale e non di rado si servivano anche del proprio denaro, pur di assicurarne la migliore riuscita. Questo comportava necessariamente l'esercizio di un certo condizionamento da parte del potere politico sulla libertà di pensiero degli autori. In genere, i magistrati acquistavano personalmente il dramma dall'autore e stipulavano una specie di contratto col "capocomico", al quale pagavano una parte delle spese necessarie all'allestimento scenico, salvo a farsi rimborsare in caso d'insuccesso. Da precisare, infine, che non esisteva alcuna forma di tutela continuativa del diritto d'autore, poiché, con la vendita, l'autore stesso perdeva ogni diritto sulla sua commedia. La professione dell'attore godette sicuramente di un grosso prestigio in Grecia, ma certamente non a Roma: qui, gli attori ("grex") di drammi erano schiavi o liberti, mentre quelli delle "Atellanae" erano uomini liberi. Essi, ancora, si dividevano in due categorie principali: gli "histriones" e i "mimi". Quasi certamente, soltanto con Roscio, il più grande attore della romanità, vissuto ai tempi di Cicerone e da lui, anzi, difeso in una famosa orazione, si riuscì a riabilitare tale professione.per quanto riguarda, invece, i primi attori illustri, di Livio Andronico sappiamo con certezza che fu

9 anche prim'attore dei suoi drammi; lo stesso Plauto fu forse in gioventù attore di atellane, mentre è incerto se e quando abbia recitato nelle sue commedie; al contrario, Stazio e Terenzio, quasi certamente, non calcarono mai le scene. Oltre agli attori, delle compagnie teatrali ("catervae") facevano parte il già citato "capocomico" ("dominus grecis"; uno dei più famosi fu Ambivio Turpione, amico di Terenzio), un "conductor", il direttore delle prove, e il "choragus", una sorta di "tuttofare" che forniva i costumi e provvedeva alla messinscena. I costumi. I costumi cambiavano a seconda del genere teatrale. Per tutte le rappresentazioni di ambientazione greca gli "histriones" vestivano abiti che richiamavano molto da vicino gli omologhi ateniesi (in special modo: il "pallio", da cui il termine "palliata" per designare sia commedie che tragedie di questo tipo; e i "cothurni", una speciale calzatura greca, che accresceva la statura e la dignità dell'attore, da cui il termine "cothurnata", sempre per designare tragedie d'argomento greco; nelle commedie si adoperava invece una calzatura più "umile" e bassa, il "soccus"). Invece, per le rappresentazioni di ambientazione romana, gli attori indossavano la classica "toga" (da cui il termine "togata" per designare commedie di questo tipo), talora "praetexta" (l'abito tipico dei magistrati), se si trattava di rappresentazioni a contenuto tragico. Anche il colore delle vesti, insomma, insieme con altri accessori ancora, serviva a caratterizzare i personaggi secondo la loro funzione. A tal scopo, i costumi di certi attori, al di là dello stesso "pallio", erano quasi sempre gli stessi, sicché era facile riconoscerli al loro primo apparire sulla scena: così, il soldato portava la spada e la clamide, il messaggero il tabarro e il cappello, il villano la pelliccia, il parassita il mantello, il popolano il farsetto. Come già accennato, poi, i ruoli femminili (tranne che nei "mimi") erano interpretati da attori maschi. Infine, anche i "mimi" stessi avevano un loro abbigliamento tipico e stabile, che permettesse d'inquadrare immediatamente i personaggi che interpretavano: ad esempio, il "mimus albus", vestito tutto di bianco e il "mimus centuculus", dall'abbigliamento al contrario multicolore. Le maschere. Le maschere romane, sul modello di quelle greche, erano di legno o più semplicemente di tela, con applicata una capigliatura: il loro uso facilitava l'interpretazione degli attori, non solo perché essi dovevano impersonare più ruoli, o personaggi di aspetto simile, ma anche perché i tratti del viso erano esagerati e quindi erano facilmente rilevati dagli spettatori e la bocca era fatta in modo da rafforzare il suono della voce ("ut personaret", da cui, secondo alcuni, deriverebbe il termine con cui la designavano Romani, "persona"); tutto questo era reso necessario dalla ordinaria vastità degli antichi teatri. Un problema particolare è rappresentato dalla controversa origine della stessa maschera e del suo effettivo uso: se è data oramai quasi per scontata la sua derivazione, originaria e funzionale, dagli Etruschi (tanto che il termine "persona", secondo altri, proverrebbe addirittura dal dio etrusco "Phersus"), e se si può attestare che il suo uso era d'obbligo nella tragedia, non altrettanto certo ne appare l'uso nella commedia (anche se ciò non spiegherebbe come gli attori ovviassero a quei casi in cui, come nell'"amphitruo platina, occorrevano sulla scena due personaggi di aspetto perfettamente identico): si è ipotizzato, quindi, ch'essa sia stata introdotta nella commedia solo nel 130 a.c., dal "capocomico" Minucio Protimo, e che il suo uso fosse stato definitivamente stabilizzato solo grazie al già citato Roscio.

10 Alla musica, all'interno dello spettacolo, era affidata una funzione importantissima: il flautista ("tibicen") accompagnava, con apposite melodie, gli attori nelle parti declamate e dialogate ("diverbia") o cantate ("cantica"), tranne in quelle in senari giambici (sembra che i primi suonatori siano venuti a Roma dall'etruria). L'accompagnamento, ch'era più di un semplice corredo musicale, veniva fatto con la tibia: questa era semplice o doppia (costituita, cioè, da due tubi di lunghezza variabile) e si distingueva in "dextera" e "sinistra", a seconda se era suonata tenendola appunto con la destra o la sinistra, o imboccandola dal lato destro o sinistro della bocca. In realtà, l'indicazione finiva col designare il diverso tono dello strumento, rispettivamente l'alto e il basso; i suoni più gravi, ottenuti con tibie di uguale lunghezza, si addicevano maggiormente alle parti serie della commedia, mentre quelli più acuti, ottenuti con tibie di diversa lunghezza, si addicevano alle parti più comiche. L'accompagnamento del musico aveva, inoltre, delle convenzioni molto rigide, infatti, il pubblico era in grado di capire il personaggio che sarebbe entrato, o cosa sarebbe accaduto dalla sola musica di introduzione, e accompagnava lo spettacolo dall'inizio alla fine spostandosi, a volte, insieme ai personaggi. Purtroppo, la musica del teatro romano è andata tutta perduta, e non si è in grado di ricostruire in alcun modo,sotto questo aspetto, lo spettacolo: grave lacuna, che c'impedisce di valutare appieno la natura e il carattere del teatro romano comico e tragico. Da Euripide, che per primo ebbe l'idea dell'uso del "prologo" per illustrare agli spettatori, prima dell'inizio del dramma, l'antefatto dell'azione, l'azione stessa e la sua conclusione, discende una linea retta che porta alla "commedia nuova" e di qui al teatro comico latino: più specificamente in Plauto il prologo avrà per lo più funzione espositiva, mentre in Terenzio esso compirà l'importante e originale funzione di esporre le ragioni artistiche dell'autore, in polemica con avversari e detrattori. Riguardoil "coro", invece, c'è da dire che, se la tragedia conservò grosso modo la struttura dei modelli greci, compresa la divisione in cinque parti, la commedia, invece, si presenta, nella realizzazione degli autori latini, con caratteri compositivi alquanto differenti da quelli dei modelli suddetti. Il coro, appunto, che nella "commedia nuova" esisteva con funzione d'intermezzo, venne abolito, e con esso cadde anche la divisione in atti, mentre presero grande sviluppo, almeno per quanto possiamo valutare da Plauto, proprio le parti cantate dagli stessi attori (i già citati "cantica"), con effetti di grande spettacolarità e di grande presa sul pubblico, mentre nei modelli greci erano per lo più dialoghi o monologhi semplicemente recitati. Il pubblico a cui il teatro romano si rivolgeva non era colto e raffinato né tanto meno socialmente omogeneo, anzi, era prevalentemente plebeo, perché alle rappresentazioni, che erano organizzate dallo stato, potevano accedere tutti, senza alcuna distinzione sociale. Di conseguenza, bisogna sottolineare come fosse difficile attirare l'attenzione di una simile platea, sia per la sua irrequietezza, sia perché, contemporaneamente alle rappresentazioni teatrali, venivano dati anche spettacoli di circo ed esibizioni di giocolieri. Gli spettatori dimostravano di preferire l'intreccio avventuroso, i duelli verbali, preferibilmente scurrili, una scena movimentata da ballerini e cantanti. La genialità di Plauto consistette proprio nell'adattare le forme culturalmente più "mature" del teatro greco a queste grossolane esigenze indigene: di qui, si spiega il suo clamoroso successo. Di contro, si spiegano altrettanto facilmente i continui e dolorosi insuccessi delle rappresentazioni delle opere

11 di Terenzio, che puntava su una caratterizzazione meno volgare e più intima e psicologica dell'intreccio, mal accetto da un pubblico non ancora pronto a questa "raffinata" evoluzione. Anche a Roma, come in Grecia, la maggior parte dell'attività teatrale si svolgeva nel corso delle feste a carattere religioso e, anche se più raramente, in occasione di vittorie militari, consacrazione di pubblici edifici, o per i funerali di importanti personalità. Con la fondamentale differenza che mentre ad Atene la partecipazione agli spettacoli rappresentava per il pubblico il momento più alto ed intenso di un'esperienza insieme religiosa etica e politica, per il pubblico romano fu sostanzialmente divertimento, sia pure di tono più o meno elevato. I Romani, precisamente, dedicavano alle diverse divinità alcuni giorni fissi dell'anno, durante i quali organizzavano, oltre alle celebrazioni di rito, anche spettacoli teatrali, che fossero ornamento e completamento di quelle celebrazioni. Definivano tali periodi "Ludi", accompagnati da un aggettivo che derivava o richiamava in qualche modo la divinità che si celebrava. I più importanti di questi "ludi" erano: - i "ludi Romani", di antichissima istituzione, che si celebravano in settembre, in onore di Giove Ottimo Massimo, nel Circo Massimo (proprio nella ricorrenza del 240, avvenne la già ricordata rappresentazione liviana); alla loro organizzazione erano preposti gli "edili curuli"; - i "ludi plebei", istituiti nel 220, che avevano luogo in novembre nel Circo Flaminio, pure in onore di Giove e per commemorare la riconciliazione del patriziato con la plebe, dopo la famosa secessione dell'aventino; a partire dal 200, vi furono introdotte le rappresentazioni drammatiche, inaugurate con lo "Stichus" di Plauto; alla loro organizzazione erano preposti gli "edili plebei"; - i "ludi Apollinares", istituiti nel 212; si svolgevano in luglio, presso il tempio di Apollo; alla loro organizzazione era preposto il "pretore urbano"; - i "ludi Megalenses", in onore della "Magna Mater"; istituiti nel 204, furono arricchiti di "ludi scaenici" a partire dal 194; alla loro organizzazione erano preposti gli "edili curuli"; - i "ludi Florales", in onore di Flora; in essi predominavano gli spettacoli di mimi (dal 28 aprile al 3 maggio); alla loro organizzazione erano preposti gli "edili plebei". E' stato così calcolato che a Roma c'erano, in media, almeno 11 o 17 giorni di spettacolo all'anno. E questi solo riguardo le occasioni suddette, che potremmo definire "ordinarie".

12 Un secolo prima della nascita di Cristo, Verona era una colonia romana; una città in cui convergevano tre strade consolari (Postumia, Augusta e Gallica) e difesa da una imponente cinta

13 muraria, che in quegli anni di impetuosa espansione territoriale assunse un ruolo chiave nel sistema viario e divenne un punto d incontro fondamentale per i commerci e i traffici. L'urbe era raccolta dentro l'ansa dell'adige mentre il teatro cittadino era posto sulla riva sinistra del fiume, in una posizione parallela al cardine massimo, e centrale rispetto ai due ponti (Pietra e Postumio) che attraversavano il fiume. L'inizio della costruzione del teatro si colloca nell'ultimo quarto del I secolo a.c., in piena età augustea. La costruzione del teatro si protrasse per alcuni decenni e nerisultò un edificio di spettacolare grandiosità, incluso in un complesso urbanistico di grande bellezza. Un teatro che, nonostante un'infelice restauro teso a soddisfare esigenze di ripristino funzionale piuttosto che quelle di vero recupero della struttura originale, rimane uno dei più grandiosi complessi romani dell'italia settentrionale: dalla sua posizione frontale all'ansa dell'adige si può cogliere la città in tutta la sua estensione. Per costruirlo fu necessario adattare l'intero fronte del colle e anche a Verona, seguendo i modelli greci, le gradinate per il pubblico furono ricavate scavando un semicerchio a cono capovolto nella collina. Durante gli anni bui del medioevo le rappresentazioni teatrali furono trasferite nei castelli e sui sagrati delle chiese e quindi scomparve il concetto di teatro inteso come luogo in cui ospitare le rappresentazioni, così questo imponente edificio fu sepolto sotto case e conventi costruiti riciclandone fondamenta e antiche mura. Con il ritrovato amore per le costruzioni di epoca romana e la passione per l'arte tipica del Rinascimento furono fatti i primi studi e le prime ricostruzioni grafiche di come doveva essere il teatro di Verona, ma solo durante la prima metà dell Ottocento iniziò per la zona l'opera di recupero dallo stato di abbandono nel quale era stata abbandonata. Artefice di tale lungimirante iniziativa fu Andrea Monga, un ricco commerciante che acquistò l'intera area del teatro e, fatte demolire molte case che vi erano state edificate sopra, iniziò gli scavi riportando alla luce le terrazze, l'intercapedine, i resti dell'ambulacro, i due scaloni laterali e parte della cavea. Un notevole avanzamento nell'opera di risistemazione del monumentale teatro si ebbe all'inizio del nostro secolo, quando la zona divenne proprietà comunale e furono eseguiti i lavori per ricostruire le arcate della loggetta, recuperare l'intera platea e la prima gradinata, e negli anni immediatamente precedenti lo scoppio della seconda guerra mondiale, quando furono demolite le ultime case ancora esistenti, fu scavata la fossa scenica per gli spettacoli. Il Teatro è costituito dai resti dell edificio scenico, dell orchestra, della cavea, di due ordini di gallerie e di 3 terrazze di raccordo con la sommità del colle. L edificio scenico (di cui oggi si conservano solo i muri portanti in tufo) in origine era alto quanto l intera cavea ed era ornato da statue (ora conservate presso la portineria del Teatro) e da ricche decorazioni architettoniche. Sul frontescena si aprivano 3 porte e 2 parasceni d accesso al palcoscenico (entrambi ancora conservati, quello orientale è utilizzato come ingresso del Teatro). Sotto il palcoscenico si trovava la fossa scenica di cui sono visibili elementi quadrangolari in pietra, coi fori in cui scorrevano le corde che sollevavano e abbassavano il sipario.

14 Tra la gradinata e il palcoscenico si trova il piano semicircolare dell orchestra (nel teatro romano, spazio destinato ai seggi dei personaggi importanti della vita pubblica), l'attuale platea, con resti di pavimentazione in marmi colorati e disegni a motivi geometrici. La cavea era costruita con venticinque gradoni in calcare bianco e veniva divisa attraverso cinque scalette di marmo rosso in sei settori. Della cavea è stata ricostituita solo una parte del settore occidentale: infatti l'ultima parte della gradinata, quella destinata al pubblico, la cosiddetta cavea alta, che in epoca romana era composta da una decina di gradoni, non è stata ricostruita, ma soltanto delineata attraverso un terrapieno. In prossimità della cavea, è rimasto il fossato per il deflusso delle acque piovane. Poiché la cavea non era completamente appoggiata alla collina, vennero costruiti dei muri di sostegno, i cui resti sono ancora visibili. La cavea era isolata dal pendio del colle da una profonda intercapedine che la proteggeva dalle infiltrazioni d acqua e dall umidità (uno scorcio dell intercapedine è visibile da una delle sale del Museo Archeologico). La sommità del colle al quale è appoggiata parte della cavea in epoca romana era occupata da un tempio dedicato a divinità alessandrine, sul quale furono successivamente edificate prima una chiesa paleocristiana dedicata a san Pietro, poi un castello medioevale e infine l'attuale caserma austriaca. Sulla sommità della cavea si trovano l ambulacro coperto e i resti di una sovrastante galleria. Le due gallerie sono coronate da una loggetta ad archetti, che riportanoincisi i nomi delle famiglie abbienti della Verona romana, alla quale si accede attraverso una scalinata, su cui si può ammirare un arco ionico ornato da tori. Oltre alla cavea, il complesso monumentale è completato da tre terrazze in origine lunghe 124 metri (ora inaccessibili) che si aprono sopra il teatro. La prima grande terrazza è la più spaziosa ed è occupata dalle strutture dell ex convento gesuita di S. Girolamo, l attuale sede del Museo; mentre le altre due hanno una funzione puramente estetica. A lato del complesso teatrale sono visibili alcune tracce della facciata dell Odeon, collegato al Teatro, che fu costruito probabilmente insieme al complesso; in età romana era utilizzato per spettacoli musicali e poetici. Dalla loggia, infine, si accede al Museo Archeologico.

15 Nella sede del quattrocentesco convento gesuita di san Girolamo, edificato sull'area del Teatro Romano, all'inizio del periodo fascista è stato istituito il Museo Archeologico di Verona. Il cospicuo materiale esposto proviene da numerose collezioni acquistate dal Comune o ad esso pervenute tramite lascito testamentale tra il Settecento e l'ottocento. All'ingresso del museo sono collocate quattro erme (rispettivamente due di Dioniso, una di Sileno e una di Satiro), elementi decorativi rinvenuti durante la ristrutturazione del teatro e parti dell'acquedotto romano tracciato sul ponte Postumio. Nella sala espositiva, presso l ascensore, sono esposte alcune sculture di marmo del I sec. d.c., mosaici del II e III sec. d.c. e, nelle vetrine, terracotte dal periodo greco al periodo romano. Lungo il corridoio che congiunge la sala al refettorio sono esposti poi ritratti marmorei. Sul corridoio si aprono tre celle conventuali: nelle prime due sono esposti numerosi bronzi etruschi, italici, ellenistici e romani della prima metà del V sec. a.c. Nell ultima cella sono esposti oggetti dell età imperiale romana, usati nelle attività domestiche e nelle onoranze funebri: molti recipienti di vetro soffiato di vari colori, vasi di ceramica e di bronzo e lucerne in terracotta e in bronzo. Nel refettorio sono conservate sculture di marmo soprattutto di provenienza veronese. Inoltre, sul pavimento è stato inserito un mosaico policromo della fine del III sec. d.c., rinvenuto a Verona, con motivi fitoformi e legati al culto dionisiaco; invece nel chiostro sono collocate iscrizioni funerarie romane. Uscendo sul piccolo cortile antistante si passa all'antico chiostro nel quale sono conservate numerose iscrizioni funerarie veronesi. Si passa quindi nella chiesetta, da essa attraverso un corridoio si scende nella sala delle Iscrizioni Sacre. In questa sala sono esposti altari e statue dedicate alle divinità romane venerate a Verona. Da un apertura nel pavimento della sala è possibile vedere parte della grandiosa intercapedine, praticata dai Romani per isolare il Teatro dalle infiltrazioni.

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica IL TEATRO ROMANO Struttura architettonica La struttura del teatro romano (theatrum)ricava gli aspetti fondamentali della propria immagine architettonica dalla parallela figura del teatro greco. Tuttavia,

Dettagli

Teatri ellenistici e romani. Il modello dell antico

Teatri ellenistici e romani. Il modello dell antico Teatri ellenistici e romani Il modello dell antico I Ludi a Roma VI secolo a.c. - VI secolo d.c. Ludi: tutti gli spettacoli e svaghi pubblici, in occasione di feste Ludi romani: 15-19 settembre Saturnalia:

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

IL TEATRO GRECO. Struttura architettonica

IL TEATRO GRECO. Struttura architettonica IL TEATRO GRECO Struttura architettonica La forma classica del teatro greco () risale al IV secolo a. c., quando si ebbe il massimo sviluppo delle rappresentazioni di tragedie e commedie. La caratteristica

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

IL TEATRO ROMANO DI TRIESTE Visita guidata in occasione della Settimana della Cultura 2008

IL TEATRO ROMANO DI TRIESTE Visita guidata in occasione della Settimana della Cultura 2008 IL TEATRO ROMANO DI TRIESTE Visita guidata in occasione della Settimana della Cultura 2008 Visita guidata preparata da alcuni allievi dell I.T.T. Leonardo da Vinci di Trieste che hanno partecipato in qualità

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO

IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO Nascita del teatro Nasce come rito legato a celebrazioni di carattere religioso. Cerimonie sacre con cori e danze si svolgevano entro i recinti dei templi. Età antica

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Gli spettacoli a Roma

Gli spettacoli a Roma Gli spettacoli a Roma I ludi A Roma il teatro non ha propria autonomia artistica, gli spettacoli teatrali si collocano all interno dei ludi. Ludus (s.) = gioco e divertimento nella sua più vasta accezione

Dettagli

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845 Campania illustrata. 1632-1845 TEMPLI E TEATRI L area interessata dalla presenza dei templi è ovviamente quella del foro, quindi è giusto partire dall edificio consacrato a Giove, occupante il lato nord

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Fabrizio Pompei. Le parole del teatro. Glossario ARACNE

Fabrizio Pompei. Le parole del teatro. Glossario ARACNE Fabrizio Pompei Le parole del teatro Glossario ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Nel corso della loro espansione verso il sud dell Italia, tra IV e III secolo a. C., i Romani incontrarono molte città greche che avevano una intensa vita teatrale ed

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

La commedia Dal teatro greco a quello romano, e oltre

La commedia Dal teatro greco a quello romano, e oltre La commedia Dal teatro greco a quello romano, e oltre Appunti di teatro - Prof. Giorgio Aduso Etimologia Commedia deriva dal greco còmos = convito e oidè = canto. Come la tragedia ha origini rituali, ricollegandosi

Dettagli

La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico

La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico Il mondo greco e i principali teatri dell antichità Mappa della distribuzione dei teatri antichi greci e romani nel bacino del Mediterraneo Teatro greco

Dettagli

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO Come è nata Verona? Com'era Verona all'epoca dei romani? Dove è sorto il primo insediamento romano? Che cosa ci

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

PALAZZINA DELL OROLOGIO

PALAZZINA DELL OROLOGIO Un illustre dimora che gode da secoli di fascino e splendore. In Italia non sono molte le residenze d epoca ricche di charme bellezza e di un glorioso passato come Villa Reale. L eleganza senza tempo dell

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro.

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro. BRESCIA ROMANA La città romana Se si pensa alle città romane, costruite su modello dell Urbe, non si può non pensare agli edifici che le accomunano tutte: il foro, la basilica, il capitolium, il teatro

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

Il teatro italiano di prosa dell 800

Il teatro italiano di prosa dell 800 Il teatro italiano di prosa dell 800 L organizzazione del teatro italiano di prosa del secondo Ottocento è gestita da tre poli: - L impresario - L agenzia teatrale - La compagnia L impresario Meno importante

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente CULTURA Introduzione A Prima Porta, località distante pochi chilometri dalla Scuola, a pochi passi dalla piazza Saxa Rubra, su Via della Villa

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone RELAZIONE TECNICA Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone PO FESR SICILIA 2007-2013 DELL OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3 LINEA D'INTERVENTO 3.1.3.3 PROGETTO BIENNALE

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

ROSSINI GIOACHINO Pesaro 29 febbraio 1792 Passy 13 Febbraio 1868

ROSSINI GIOACHINO Pesaro 29 febbraio 1792 Passy 13 Febbraio 1868 ROSSINI GIOACHINO Pesaro 29 febbraio 1792 Passy 13 Febbraio 1868 Gioachino Rossini nasce a Pesaro il 29 Febbraio 1792, figlio di un suonatore d'orchestra e di una cantante d'opera attivi nei teatri di

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca Itinerario della Sicilia Greca La Sicilia è culla di un antica storia che affonda le sue radici nei lontanissimi secoli Ante Christum, quando a dominare erano i greci, diffusori di una cultura fatta di

Dettagli

La commedia dell arte e la riforma goldoniana. Materiali didattici a cura di V. Sciacca

La commedia dell arte e la riforma goldoniana. Materiali didattici a cura di V. Sciacca La commedia dell arte e la riforma goldoniana Materiali didattici a cura di V. Sciacca Parte I La commedia dell arte La commedia dell arte La commedia dell'arte è nata in Italia nel XVI secolo, ed è rimasta

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 Sabato 3 marzo MONTE TESTACCIO Via Zabaglia, 24 / angolo Via Galvani È una collina

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI BASILICA DI SAN PIETRO, TUSCANIA (VT): IL ROSONE DELLA FACCIATA

CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI BASILICA DI SAN PIETRO, TUSCANIA (VT): IL ROSONE DELLA FACCIATA SCHEDA DESCRITTIVA OPERE CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI Marmi dai colori brillanti impreziosiscono gli intarsi geometrici e i motivi a dischi e fasce intrecciate dei mosaici della Cattedrale

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

STORIA DELL ARCHITETTURA CLIMATICA

STORIA DELL ARCHITETTURA CLIMATICA STORIA DELL ARCHITETTURA CLIMATICA Clima mediterraneo Roma antica I teatri Abbiamo voluto includere nella nostra trattazione dell architettura climatica anche i teatri greci e romani perché si presuppone

Dettagli

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica La moda nel tempo Sumeri Egizi Fenici Civiltà minoica Greci Etruschi Romani LAVORO DI STORIA CLASSE 1 A MODA a.s. 2013 2014 Martina Bugiolacchi Sharon Tracanna Eleonora Mastropasqua Michela Socionovo Jasmine

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza

Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza Per consultare l'archivio della sezione Lo stile prospettico della pittura romana di Emanuela Merluzzi* Quando nel Rinascimento si tradussero

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Rif 698 - CASTELLO PIACENTINO Trattativa Riservata PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Piacenza - Piacenza - Emilia-Romagna www.romolini.com/it/698 Superficie: 3150 mq Terreno: 5 ettari Camere:

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c.

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c. GRANDE PALAZZO Palatium Magnum Il Grande o Sacro Palazzo fu impiantato dall imperatore Costantino (324-337). Come modello fu assunto il Palazzo di Diocleziano a Spalato. Si estendeva per 100.000 mq fra

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

Albero di giullari di Paul Gugelmann Ottone, altezza 550 cm, 45 000 franchi

Albero di giullari di Paul Gugelmann Ottone, altezza 550 cm, 45 000 franchi In questi giorni mi viene costantemente chiesto cosa desidero per il mio prossimo 75 compleanno nel 2010. In realtà non mi manca nulla: ho una famiglia fantastica, amici fedeli, una professione che continuo

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Struttura del castello I fossati

Struttura del castello I fossati P robabilmente il castello ebbe origine come ampliamento delle torri che erano costruzioni molto massicce, isolate e situate di solito in posti strategici. I castelli erano circondati da possenti mura

Dettagli

ARTE NELL ANTICA ROMA LA CELEBRAZIONE DEL POTERE

ARTE NELL ANTICA ROMA LA CELEBRAZIONE DEL POTERE ARTE NELL ANTICA ROMA LA CELEBRAZIONE DEL POTERE Dall età repubblicana all et età imperiale ARTE e IMMAGINE - Prof. Antonio Fosca LE ORIGINI La storia dell'arte romana si può dividere in 3 periodi fondamentali:

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità;

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità; Il Neoclassicismo inizia alla metà del XVIII sec., per concludersi nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di quegli anni fu l adesione ai principi dell arte classica. Quei principi di armonia,

Dettagli

Atene Monumenti ed edifici storici

Atene Monumenti ed edifici storici Atene Monumenti ed edifici storici Legenda dei punti riportati sulla mappa A Agorà Akropolis Agorà in greco significa piazza e la piazza nel mondo ellenico era il cuore della città dove si votavano le

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

F.S. La mitica II D a Verona 3

F.S. La mitica II D a Verona 3 Visita guidata autogestita II D 15 febbraio 2008 P R O G R A M M A 8.28 Partenza da Padova in treno 9.33 Arrivo a Verona Porta nuova 9.50 ARENA ROMANA (1-2) MUSEO LAPIDARIO MAFFEI Raduno alle 8.00 in stazione

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria Obiettivi di questo breve approfondimento tematico sono: l esame del mondo femminile nell antichità, mirato

Dettagli

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita Rif 0348 Vecchia Cantina in vendita www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita 150.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Torrita di Siena Siena Toscana Italia Superficie

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico)

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico) Codice meccanografico: F G P S 0 4 0 0 0 4 Anno scolastico 2012 / 2013 Liceo Scientifico Statale G.Marconi Via Danimarca, 25-71122 FOGGIA PROGETTI INTEGRATIVI DI ISTITUTO (Definizione breve dell intervento):

Dettagli

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566 napoli la tavola strozzi illustra il trionfo navale di Ferrante d Aragona del 1464 restituendo una immagine frontale della città da Castel dell Ovo sino al baluardo del Carmine La pianta incisa da S. Duperac

Dettagli

Un poco defilato come conveniva, non tanto per un senso di

Un poco defilato come conveniva, non tanto per un senso di Giuseppe Alfredo Berritto Pompei, Sesso in città 2010 www.vesuvioweb.com Nella meravigliosa città dell amore dedicata a Venere, che l amava più di Sparta, il sesso a pagamento era un libero esercizio nel

Dettagli

1. Il teatro in Grecia (secc. VI-III): I luoghi e le occasioni dello spettacolo

1. Il teatro in Grecia (secc. VI-III): I luoghi e le occasioni dello spettacolo L-FIL-LET/05 - Storia del teatro greco e romano prof. G. Avezzù a.a. 2009-2010 1 1. Il teatro in Grecia (secc. VI-III): I luoghi e le occasioni dello spettacolo Per quanto riguarda l accompagnamento musicale,

Dettagli