Importanza e diffusione della scenografia e della scenotecnica italiana all estero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Importanza e diffusione della scenografia e della scenotecnica italiana all estero"

Transcript

1 Importanza e diffusione della scenografia e della scenotecnica italiana all estero Poco sappiamo sulle scene dei Romani; Vitruvio distingue le scene secondo i generi, tragico (colonne, frontoni, statue), comico (case), satirico (paesaggi). Vi era sempre una scena fissa, ma erano previste mutazioni per mezzo di prismi rotanti laterali. Il teatro classico non sopravvisse alla crisi della cultura e alla disgregazione del mondo antico. Oscuro resta il lungo periodo di trapasso alle forme sceniche medioevali che ci sono sufficientemente note solo dal XIII secolo in poi. Di fondamentale importanza per gli sviluppi della scenografia fu il ritrovamento delle leggi della prospettiva agli inizi del XV secolo; il fondale dipinto permise qualsiasi effetto di lontananza. Cominciò il Brunelleschi come prospettico e come inventore di macchine teatrali dalle quali si svilupparono le infinite soluzioni scenografiche a trucco e i più rapidi spostamenti delle scene mobili barocche; secondo il Vasari inventò ingegni per la rappresentazione dell Ascensione, una macchina composta di mezze sfere giranti in cielo con una serie di lucerne accese, da fare apparire e scomparire agli occhi degli spettatori, con giovanetti legati, manovrati per mezzo di canapi. Nell Annunciazione di Feo Belcari il grande architetto inventò macchine sceniche atte ad abbassare sulla scena le schiere degli angeli e la mandorla con l arcangelo nunziante e a farle risalire agevolmente al cielo. Lo scenario prospettico quale si codifica nel Rinascimento è la raffigurazione illusionistica di un ambiente fittizio, strada, piazza di città o esterni naturali, realizzata con quinte in legno e stucco a mezzorilievo e fondali dipinti. Nel teatro da sala nelle corti di Milano, Ferrara, Urbino, Mantova, ecc. nel secolo XV si realizzano scene di grande effetto; la vita teatrale milanese è dominata verso il 1490 dalla personalità di Leonardo da Vinci che può considerarsi anche un geniale regista teatrale, creatore di effetti speciali. L allestimento della festa del Paradiso, in onore di Isabella, moglie di Galeazzo Sforza, punta sull aspetto visivo, avvalendosi della sorpresa ottica (e perfino dello choc luminoso e sonoro) come elemento di sollecitazione emotiva dello spettatore. Alla caduta del sipario-a lungo si perpetuò la tradizione classica del sipario a caduta, sostituito a partire dal tardo Cinquecento dal moderno telone che si solleva, appariva improvvisamente lo scenario del Paradiso a forma di uovo, abbagliante di luci, con stelle, pianeti, i segni zodiacali, e con canti e suoni molti, dolci et suavi. Leonardo allestì nel 1508 la messa in scena dell Orfeo del Poliziano in onore del 666

2 governatore Charles d Amboise; creò un palcoscenico girevole che restò a lungo un unicum tipologico; una sua scena consisteva in una montagna che, ruotando su un asse mediano con un sistema di contrappesi, lasciava apparire al suo interno la grotta degli inferi, con opportuni effetti di luce e con accorgimenti sonori. L artista realizzò anche un palcoscenico sollevato da terra che consentiva di modificare l ambiente della rappresentazione: la montagna, circondata da colline e da un laghetto, in una grande grotta scavata nella roccia, con porte di uscita e di entrata, e illuminata da fuochi di vari colori. A Pellegrino da Udine, secondo il Vasari, si deve l allestimento di uno spettacolo che segna una data fondamentale nella storia della scenografia; alla Cassaria dell Ariosto, rappresentata nel 1508 in un teatrino provvisorio è legata la prima scena dipinta, storicamente accertata ( di una terra con case, chiese, campanili et cardini che la persona non si può satiare ). Nel 1514 fu costruito in Vaticano un palcoscenico provvisorio per il quale dipinse gli scenari Baldassarre Peruzzi per la rappresentazione della Calandria del cardinale Bibiena. Egli condensa le esperienze degli scenari prospettici precedenti portandole ad un grado di complessità che ne consacra il valore di norma universale; scrive il Vasari fece due scene meravigliose et apersono la via a coloro che ne hanno fatto ai tempi nostri: né si può immaginare come egli in tanta strettezza di sito accomodasse tante strade, tanti palazzi e tante bizzarrie di logge e di cornici così ben fatte che parevano verissime, e la piazza non una cosa dipinta e piccola, ma vera e grandissima. Al Peruzzi si deve perciò l introduzione della scena prospettica realizzata tridimensionalmente che utilizzava il palcoscenico in tutta la sua estensione con l introduzione di una struttura a telari, disposti ai lati del palco, accentuando il senso realistico della finzione teatrale. Il palco comprendeva una zona piana sul davanti, una centrale in declivio, una non praticabile sul fondo. Nasce il boccascena che favorisce l invenzione di illusioni prospettiche, di macchine per effetti speciali e l applicazione di nuovi sistemi acustici e luminosi. Si viene così a poco a poco sviluppando la scenotecnica; d ora in poi la macchinistica, l arredamento e le scene, la luministica e altre tecniche adatte alla rappresentazione procederanno simultaneamente: un unico artefice guiderà l opera teatrale. Partendo dal Peruzzi, Sebastiano Serio nel suo manuale tratta della carpenteria, della luministica e dell organizzazione generale, dettando norme per la costruzione del palcoscenico e per la realizzazione delle scene fin nei minimi particolari. L autore dedica un capitolo ai trucchi scenici (lumi colorati, rumori, fenomeni atmosferici, processioni di musici o cavalieri realizzate con sagome di 667

3 cartone) che apre la strada ai più sofisticati e spettacolari effetti scenotecnica del teatro barocco (quando si costruiranno macchinari per simulare le onde, per fare le nuvole, per sollevare figure, ecc.). Un altro trattatista allora molto seguito fu Leone de Sommi che scrisse in particolare sugli effetti della luce. In Francia a Lione nel 1548 si videro per la prima volta attraverso una compagnia italiana gli scenari dipinti su tele mobili dal Namoccio per la rappresentazione della Calandria, alla presenza di Enrico II e Caterina de Medici allora in visita nella città. A Firenze verso la fine del secolo XVI con Baldassarre Lancia e Bernardo Buontalenti si assiste alle prime mutazioni sceniche a vista, imperniate sul sistema dei periaktoi girevoli (quinte a sezione triangolare con telai dipinti) che, scorrendo su guide, mossi con argani manovrati nel sottopalco, si aprivano a mostrare un nuovo fondale simultaneamente su un lato; si poteva così arrivare alla massima agilità di manovra. Poiché i mutamenti di scena si andavano moltiplicando, la scenografia a rilievo lasciava il posto a quella dipinta su telai mobili; si abbandonava per sempre il tipo di scena classica a fondale murato (fatto di statue, nicchie, colonne) e cominciava il periodo aureo della scenografia dipinta. Con il Manierismo il gusto della metamorfosi, dell inganno, della sperimentazione trovano nel teatro un punto di applicazione privilegiato. La scena è il luogo deputato allo scambio tra realtà e finzione e l artista della Maniera (vedi lez. n.19) si ingegna a rendere questo intreccio una dialettica ininterrotta, all insegna della sorpresa e del prodigio tecnico. Lo scenografo manierista rompe la fissità dello scenario stabile e inventa la scena mutevole; fa dilagare con gli intermezzi lo spettacolo nella platea, coinvolgendo gli spettatori in uno spazio e in un tempo diversi da quelli reali; finge ogni fenomeno naturale, dall albeggiare al sopraggiungere della sera, dal tuono alla neve, dal canto degli uccelli al fruscio delle fronde, dall incendio all inondazione. Con le singulari macchine buontalentiane, esemplari per gli ingegneri di tutta Europa, si favorì la massima razionalizzazione del sottopalco e del retroscena, ingombri di macchinari sempre più complessi. Il Buontalenti fu soprannominato Bernardo delle girandole per la singolare facondia nell inventare stupefacenti giochi pirotecnici (ricordiamo le brocche sferiche di vetro, piene di acqua tinta, per produrre zone di luce concentrata e variamente colorata). Il suo movimento delle macchine ebbe l applicazione più clamorosa nel Rapimento di Cefalo di G. Chiabrera (1600), in cui albe, tramonti, crolli di intere montagne, caverne squarciate, carri sommersi nel mare, si alternarono in un fantasmagorico gioco 668

4 che sembrava vaticinare, ad apertura del secolo nuovo, l avvenire e la natura del teatro secentesco. Il Buontalenti fu chiamato anche a Madrid alla corte di Spagna. La scenotecnica del 600 è legata alle fortune del melodramma, spettacoli richiedenti numerose e improvvise mutazioni. Fantasia poetica, meraviglia scientifica, magia della parola e della tecnica si sommano nel teatro barocco; spesso i telai delle quinte, che potevano essere anche cinquanta, si aprivano a libro; si crearono anche quelli sagomati. L uso dei periaktoi fu codificato dal Danti nel Il manuale più famoso e divulgato del secolo in Europa fu La pratica di fabbricare scene e macchine nei teatri di Nicolò Sabatini, pubblicato nel 1638, da cui è dedotta la scienza scenotecnica moderna. Dalla crescente frenesia per i cambiamenti scenici, nonostante il notevole alleggerimento operato con l adozione della scena a coulisses, conseguì un uso sempre più massiccio delle macchine. Al di là dell arcoscenico, nei soppalchi, dietro le quinte, una complessa strumentazione fatta di mastodontici macchinari e di trucchi scenici trasforma la ribalta teatrale in un campo visivo dove si susseguono a flusso continuo le più mirabolanti illusioni ottiche e sonore. I nuovi prodigi scenotecnici prevalgono su ogni altra componente, letteraria o musicale, del teatro, divenendo essi i protagonisti dello spettacolo. Protagonista d eccezione di questo teatro à machines fu Gian Lorenzo Bernini. L ossessiva ricerca del sorprendente sembrava permeare le sue creazioni teatrali; è noto l episodio della cascata d acqua attuata ne L inondazione del Tevere (1638), che per l improvviso crollo d un argine, procurato ad arte mediante un complesso di occulti congegni, sembrava riversarsi nella sala, minacciando di travolgere gli spettatori, o il violentissimo incendio de La fiera di Farfa (1639), finto con tanta naturalezza che alla prima rappresentazione non mancarono vittime tra il pubblico, per il panico che ne conseguì. In altre occasioni l artista ottenne miracolosi effetti naturali, provocando stupefacenti crolli e rovine, movendo il sole, la luna e le stelle. Numerosi scenografi italiani furono chiamati all estero in epoca barocca; nel 1596 troviamo a Nantes Cosimo Ruggeri; tra il 1610 e il 20 fu a Parigi il Francini che nella grande sala del Louvre produsse, applicando la quinta poliedrica, tre cambiamenti di scena successivi con rotazione ne La liberazione di Rinaldo e adottò elementi di trompe-l oeil con trasparenze come nel balletto di Alcina o con giochi di luce come nel balletto di Tancredi. Nicolò Sabatini creò l ingegno,apparecchiatura meccanica che consentiva il sollevamento di persone,il rapido montare di scene e altri effetti scenografici. 669

5 Nei primi anni del secolo furono nella capitale francese lo stesso Sabatini e Giulio Parigi; nel 45 venne chiamato il celebre Jacopo Torelli con l incarico di allestire le scene per La finta pazza del Sacrati. La sua fantasia ha tratti vivacissimi e particolari; si legge nelle cronache: Alzata la grande tela si rappresentarono i vaghi e deliziosi giardini di Flora; questa scena rese talmente attoniti gli spettatori che confessarono per vere quelle delizie, stupiti per quelle vastità incapaci di sì piccolo teatro; vi erano rappresentati tre stradoni di cipressi che portavano a un lontanissimo palazzo. Negli scenari per l Andromeda di Corneille egli sfruttò il palcoscenico multiplo o almeno a due piani non visibili agli spettatori, con aperture improvvise di Glorie celesti al di sopra dei casamenti; dai cieli (soffitto) sono mosse con contrappeso le macchine aeree, così le quinte scomparivano salendo verso il tetto del palcoscenico. Al Torelli si deve tra l altro l invenzione dei carrelli che argani, manovrati nel sottopalco, fanno scorrere nelle guide del palcoscenico; questi veicoli servivano per trasportare rapidamente in scena e fuori scena le quinte. Cambia anche il fondale che è sempre dipinto secondo le leggi della prospettiva pittorica, ma è fatto con due pezzi di tela, con un apertura attraverso la quale s intravede un secondo fondale. Con questi mezzi il Torelli, chiamato in Francia il grande stregone, arriva a realizzare quarantaquattro cambiamenti di scena in un solo spettacolo. Favorito dal Mazzarino, egli trasformò il palazzo di Anna d Austria (alle Tuileries) in modo da contenere una vasta sala teatrale con un altra per le macchine e per la lunga preparazione dei trucchi scenici a sorpresa che tanto entusiasmavano la corte, come avvenne per la rappresentazione di Les noces de Pelée et Thétis (1654). Questa seconda sala assunse nel 1661 il nome di salle des machines per il gran numero di congegni che vi furono installati dall architetto teatrale Amandini e dal macchinista Gaspare Vigarani, succeduto al Torelli. Il palcoscenico a parità di larghezza risultava lungo circa una volta e mezzo la sala. Proprio per l eccessiva vastità la sala fu duramente criticata dal Bernini che la riteneva acusticamente errata (1665). Il teatro delle Tuileries fu inaugurato nel 62 con l Ercole amante ; il Vigarani nelle sue scenografie anticipò la grazia figurativa settecentesca. I figli Carlo e Ludovico, stabilitisi alla corte di Luigi XIV in occasione della rappresentazione dell opera, descrivono in alcune lettere dalla Francia i preparativi per le scene da loro ideate con il padre. Lo spettacolo richiedeva apparecchi grandiosi: Venere, Giunone ed Ercole apparivano sulle nuvole; Giunone era seduta sopra un enorme pavone che sventagliava la coda sul palcoscenico; la luna era in mezzo alla scena e doveva aprirsi mostrando all interno una grotta argentea dalla quale si snodavano danze di stelle. 670

6 Carlo Vigarani fu impiegato fino al 80 quale inventeur des machines de théatres, ballets e fêtes royales in una serie di spettacoli memorabili per grandiosità, eleganza ed estro, fu nominato direttore insieme a G. B. Lulli dell Accademia reale di musica. Nella sua opera sono di particolare interesse i giochi visivi; con uso magistrale dei giochi pirotecnici e sul ricordo dei giochi d acqua berniniani, egli riusciva a dar vita ad una vorticosa girandola di creature soprannaturali; così lo sfarzo e la magnificenza della corte si unirono alla fantasia e all inventiva italiana. Gli spettacoli furono così intesi come strumento di potere e di persuasione politica; estendendo indefinitamente in profondità lo spazio prospettico-illusivo e collegandolo a quello reale della sala per mezzo di un unico asse visivo centrale, le scene riescono a indurre un artificioso scambio tra verità e finzione ottica e allegorica e a rafforzare l effetto delle ingegnose metafore retoriche proposte nel testo. Ricordiamo altri scenografi italiani come Stefano della Bella che fu chiamato alla corte francese nel 63 e Domenico Mauro che operò in Francia e in Germania. In Inghilterra la scena prospettica mutevole comparve agli inizi del secolo XVII nei modi fiorentini di Alfonso e Giulio Parigi (con il senso del paesaggio ampio e pittorico), grazie alla mediazione di J. Jones, e trovò buon impiego nella messinscena fastosa delle masques di corte. Il primo lavoro rappresentato a Londra con scenari e complicati congegni fu nel 1662 dopo che l attore Betterton andò in Francia a studiare le macchine degli italiani. Nei Paesi Bassi il sovrintendente J. Voss creò nella sala teatrale di Amsterdam un impianto all italiana. A Madrid Cosimo Lotti costruì per la corte di Spagna il teatro del Buen Retiro, fornito di quinte, cieli e fondali alla maniera italiana, con un giardino subito dietro; bastava aprire la parete in fondo per renderlo visibile ogni qualvolta si ritenesse opportuno. Per un opera di Calderòn de la Barca il Lotti inventò un palcoscenico galleggiante, illuminato da 3000 torce; si scrisse: sul laghetto che lo circonda il re e i cortigiani assistono allo spettacolo a bordo di gondole perfettamente uguali a quelle veneziane, ma più decorate; le torce si spengono a tarda sera, ben oltre la fine dello spettacolo teatrale. A Cosimo Lotti, scenografo a Madrid dal 1618 al 50, successe Baccio de Bianco fino al 56; ebbe come collaboratore Antonio Antonazzi, fece le scenografie del Perseo e di El golfo de las sirenas di Calderòn de la Barca. Nel 1675 Dionisio Mantovani curò la scenografia di opere dello stesso autore spagnolo; nel

7 subentrò Francesco Rizzi; tutti crearono anche carros addobbati per gli Autosacramentales. Presso gli Asburgo troviamo Giuseppe Arcimboldi, alla corte di Ferdinando I, Massimiliano II e Rodolfo II a Vienna e a Praga; Pietro de Pomis a Graz, Giovanni Angelini alla corte di Ferdinando III; Baccio del Bianco fu a Praga. Le novità della scenografia italiana furono introdotte da Giovanni Burnacini che era stato compagno e concorrente di Jacopo Torelli a Parigi, con il figlio Ludovico Ottavio. Questi fu un ingegnoso creatore di scene; per le nozze dell imperatore Leopoldo I con Margherita di Spagna rappresentò nel suo nuovo teatro di Vienna nel 1668 Il pomo d oro che ottenne un successo enorme con più di 100 repliche; è il trionfo dello spettacolo barocco. Vi presero parte mille persone, le scene furono quarantasette e i cambiamenti, con moresche e danze di demoni, ventiquattro, con colonnati e statue. La reggia di Giove è vista come un immensa grotta di nuvole, nella quale la vaporosa materia adoperata per l involucro architettonico è resa ancor più soffice ed inconsistente per contrasto, con l introduzione di elementi di arredo e vasellame, adagiati contro le impalpabili pareti. Nel 74 il Burnacini rappresentò Il fuoco eterno con scene di boschi incantati, dalla fantasia strepitosa. La prospettiva si organizza ancora su un asse centrale, con fuoco unico ma situato all infinito in un effetto di lontananza indefinibile entro il quale si perde il gioco ottico; il Burnacini ne fu il massimo creatore. Padre Andrea Pozzo giovò grandemente allo sviluppo di quello che modernamente viene detto il teatro gesuitico, rivolto a educare dilettando, e a conquistare la fantasia dei fedeli, talvolta in paesi lontanissimi, specialmente in India e in Estremo Oriente, terre di missione. Nel 1693 il Pozzo scrisse il trattato Perspectiva pictorum et architectorum, dedicato all imperatore a Vienna, che ebbe grande influenza sulla scenografia del 700, con movimentate e fantastiche architetture illusionistiche, destinate ad aprire la via ad una concezione decorativa di larga fortuna. Ricordiamo anche tra il XVII e il XVIII secolo Mauro Aldrovandini che con Francesco Ferraro allestì gli spettacoli teatrali per le nozze di Leopoldo I a Vienna. Alla stessa corte fu chiamato poi Giulio I Quaglio, il primo rappresentante di una celebre famiglia di scenografi, attivi nei secoli XVIII e XIX in Austria e in Germania. Operò in Austria anche Jacopo Fabris. In Germania si distinsero nel secolo XVII Nunzio Gallizia, Girolamo Sartori, scenografo di corte a Herrenhausen, Tommaso Giusti alla corte di Hannover, Francesco Santurini che a Monaco allestì le scene per l Oronte nel 1657 e per 672

8 l Antiope nel 62. Tra il secolo XVII e il XVIII Andrea Zucchi operò a Dresda, e vi furono attivi anche suo fratello Francesco e suo figlio Lorenzo. Mentre sulla trama comune della prospettiva ad asse centrale si andavano precisando i lineamenti delle diverse scuole europee, in Italia già negli ultimi anni del secolo XVII era maturato un processo rivoluzionario che sovvertì ala base l impostazione ottica e la dinamica illusiva della messinscena barocca. La fuga all infinito aveva dato fondo ad ogni ulteriore possibilità evolutiva della prospettiva a fuoco unico e centrale e s imponeva ormai la necessità d infrangere gli schemi tradizionali. Dalla fine del secolo XVII e per tutto il XVIII con la famiglia dei Galli Bibiena si passa così dalla prospettiva centrale a quella d angolo, al gusto prospettico architettonico, al senso sempre più accentuato dello stupefacente. Richiesti in molte parti d Europa, questi famosi scenografi applicano il nuovo metodo che consiste in questo: non più quinte parallele alla ribalta, ma disposte obliquamente nelle direzioni più diverse, non più un unico punto di fuga al centro del palcoscenico ma più punti di fuga nei più diversi luoghi dello stesso, della sala o del retropalco. E su questo schema si creano massicce costruzioni cariche di ornamenti; nascono altri accorgimenti tecnici e acustici, il piano inclinato, le parapettate, gli spezzati di soffitto, i praticabili, ecc. Giovanni Maria è il primo rappresentante importante della famiglia Galli Bibiena; il figlio Ferdinando Maria, adottando nel 1687 la nuova soluzione, fu il grande rinnovatore della scenografia barocca, chiamato da Carlo III a Barcellona, dalla corte austriaca a Vienna, da dove passò in altri paesi. I suoi due volumi di Direzioni ai giovani, stampati postumi nel 1753 e 77, restarono, come l opera del Serlio nei secoli XVI e XVII, il libro canonico della scenografia barocca. Francesco, fratello di Ferdinando, predilesse Vienna ma fu anche chiamato in Francia e in Germania. Giovanni Carlo, figlio di Francesco, lavorò per molti anni e morì a Lisbona. Giuseppe, figlio di Ferdinando, andò con il padre a Barcellona e a Vienna dove rimase a lungo; lavorò anche a Dresda, Monaco, Bayreuth, Breslavia, Graz, Linz dove nel 1723 introdusse per la prima volta nelle scene le decorazioni trasparenti, a Berlino fece le scenografie delle opere di Graun. Degli altri due figli di Ferdinando, Giovanni Maria e Alessandro, il primo fu attivo a Praga tra il 1739 e il 69, il secondo fu soprattutto a Mannheim presso l elettore palatino. Giuseppe Carlo Sicinio, figlio di Giuseppe, lavorò in Portogallo, avendo come collaboratore Giovanni Bernardi. Antonio, figlio di Alessandro, si diede a girare e ad operare per mezza Europa, da Vienna a Pietroburgo, da Budapest a Belgrado; Carlo, secondo figlio di Alessandro, fu prima al servizio del margravio di Bayreuth, poi a 673

9 Brunswick e a Monaco, quindi in Francia, Olanda, Fiandre, Inghilterra e Russia, e in ultimo a Berlino, prima di tornare in Italia. Nicolò Servandoni dipinse a Lisbona le scene per l opera italiana; a Parigi introdusse la scena per angolo con grandissimo successo; all accademia reale di musica fece le scene per alcune opere come Piramo e Tisbe, Proserpina di Lulli, Orione di La Coste, ecc. Il trionfo riportato con il Fetonte lo fece accogliere nell accademia reale di pittura e scultura (1731); nel 38 l artista fece un primo esperimento di diorama e per questo ottenne dal re la concessione della sala delle macchine nel palazzo delle Tuileries; nel 49 si recò a Londra per organizzarvi un fuoco d artificio in St. James Park e lavorò per il Covent Garden; nel 54 fu invitato a Dresda da Augusto III e nominato primo pittore decoratore; nel 60 fu chiamato a Vienna dove diede tutti i progetti per le feste celebrate in onore del matrimonio dell arciduca Giuseppe con l infanta di Spagna, quindi ritornò a Parigi. Fu scenografo con lui il figlio Nicolò; entrambi contribuirono allo svecchiamento della scenografia francese, dandole autonomia inventiva. La nuova moda, eccentrica, della scena per angolo, continua praticamente per tutto il XVIII secolo fino a ricongiungersi, per vie traverse, con il neoclassicismo (vedi lez. n.41). Ma già verso la metà del secolo, quando ancora la corrente bibienesca è in pieno vigore, la messinscena europea entra di nuovo in crisi, crisi che s identifica con l insorgere della nuova scena-quadro, anteposta dalla tendenza rococò alla macchina prospettica, e che solo nella scuola italiana, attiva in patria e all estero, acquista il sapore dell innovazione reazionaria. La veduta per angolo è sostituita dalla diagonale unica, il fondale si anima di suggerimenti paesistici. Precursore si può considerare Filippo Juvarra; sin dal primo decennio del Settecento le sue invenzioni scenografiche superano i termini prospetticoquadraturistici della maniera per angolo, proponendo spazi liberamente evocativi; l autonomia delle scene trova poi una codificazione specifica nella scena-quadro dei Galliari, dei Fossati, dei Sacchetti, intesa come quadro d ambiente espresso con mezzi prevalentemente pittorici. Nella sua forma strutturale tipica la scena presenta una o più aperture-cornici in primo piano che introducono a fondali ampi e panoramici. Dopo la metà del secolo questa struttura accoglie sia il nuovo gusto per l antichità classica, sia le istanze del razionalismo illuminista. Teorici come Algarotti e Malizia prescrivono con rigore verosimiglianza storica e fedeltà stilistica, prescrizioni che per i neoclassici diventano canoni inderogabili, osservati universalmente. Bernardino e Fabrizio Galliari contribuirono a portare fuori d Italia, specie in Germania, il nuovo gusto scenografico; il primo nel 1770 fu impiegato in vaste 674

10 imprese di spettacoli a Berlino, presso Federico il Grande; fu poi ad Innsbruck e in Francia. I Fossati e Lorenzo Sacchetti lavorarono a Vienna; questi fece le scenografie per la tragedia Coriolano, il figlio Antonio fu a Brno, Praga, Dresda, Berlino, Varsavia anche come pittore decoratore di teatri. Innocente Bellavite, dopo avere lavorato nei teatri di Copenaghen, Praga, Stoccarda, Ludwigsburg (con Giuseppe Baroffio), divenne direttore scenografo nel teatro dell Opera di Federico il Grande a Berlino e a Postdam. Innocenzo Colomba (o Colombo) fu scenografo a Mannheim, Stoccarda, Monaco, Lipsia, Amburgo, Hannover, Magonza e Braunschweig. Antonio Maria Bernardi, scenografo di corte a Düsseldorf, eseguì scene per opere tedesche. Giovan Battista Grone e Cristiano Castelli furono scenografi di corte a Dresda, Alessandro Mauro lavorò per il teatro dell Opera. Giosuè Scotti fu alla corte di Stoccarda; Gian Paolo Gaspari a quella di Monaco. Pietro Gaspari operò in Ungheria. Antonio Joli fu chiamato in Germania, a Londra, a Parigi e al Buen Retiro di Madrid dove successe a Giacomo Pavia; qui fu anche Giacomo Bonavia. Girolamo Bon fu a Bayreuth e in Russia. Roberto Clerici il giovane fu a Vienna, Londra, Parigi e in Portogallo; qui lavorarono anche Giacomo Azzolini, Tommaso Bellotto e Giovanni Bernardi. Lorenzo Quaglio Fu chiamato nel 1750 a Mannheim come successore del Bibiena; nel 78 fu nominato consigliere aulico e invitato a seguire il principe Carlo Teodoro nella nuova residenza di Monaco, ma tornò spesso a Mannheim; nel 86 ebbe un titolo nobiliare, fu membro dell accademia d arte, passò dallo stile tardobarocco a quello neoclassico. Molti esponenti della famiglia Quaglio troviamo all estero dalla fine del secolo XVIII alla metà del XIX: Giuseppe lavorò nel teatro di corte di Mannheim, quindi fu scenografo di corte a Monaco; Giulio III, scenografo del teatro di Mannheim, da lui restaurato dopo il 1795, nel 99 fu chiamato al teatro dell opera di corte di Monaco; Martino fu al servizio delle corti di Mannheim e di Assia-Kassel; di Angelo I si ricordano a Monaco le scenografie per i drammi di Schiller; infine Giovanni Maria II, Domenico II, Simone Quaglio furono scenografi di corte a Monaco. Carlo Ranucci nel 1805 fece scenografie per una rappresentazione al teatro di Varsavia. In Russia verso la fine del secolo XVIII operarono Antonio Peresinotti e Pietro Gradizzi. Pietro Gonzaga (o Gonzago), condotto a Pietroburgo dal principe Jusupov nel 1790, iniziò una vasta attività che ebbe ripercussioni sull arte russa; scenografo ufficiale del teatro imperiale, professore dell accademia, introdusse notevoli innovazioni nel campo dell illuminazione teatrale (alla fine del secolo per 675

11 merito suo la scenotecnica russa è stabilmente formata); il Gonzaga rappresentò il momento di passaggio in Russia dalla scenografia barocca a quella neoclassica. Nel secolo XIX ricordiamo attivi in Portogallo Luigi Chiari, Vincenzo Mazzoneschi, Giuseppe Binetti, Giuseppe Cinatti, Francesco Cocchi e Luigi Mannini; in Spagna Cesare Carnevali, Francesco e Giuseppe Lucini. Figure notevoli furono Domenico Ferri e suo figlio Augusto, scenografi al teatro italiano di Parigi; questi poi lavorò, con Eusebio Lucini, presso il teatro reale di Madrid dove chiamò anche il figlio Cesare, Giorgio Busato e Bernardino Bonardi; fondò una scuola, rinnovando la scenografia spagnola. Cesare operò anche ad Alicante. A Vienna si distinsero Giuseppe e Carlo Brioschi, in Polonia Romano Scotti, Ippolito Stefanini nei teatri di Costantinopoli, Buenos Aires, Guatemala, Rio de Janeiro, ecc. Pietro Bortoluzzi fu scenografo al Metropolitan di New York (sec. XIX-XX). Per concludere citiamo alcuni scenografi stranieri che nel corso dei secoli XVII e XVIII ebbero come maestri gli italiani o imitarono la tradizione italiana: J. Jones nel suo ammirativo attaccamento al teatro del Rinascimento italiano giunse a copiare disegni e bozzetti del Buontalenti; J. Furtenbach, attivo ad Ulma, fu allievo di Giulio Parigi a Firenze, J. O. Harms a Vienna fu influenzato dal Burnacini, J. Platzer (scenografo di Mozart), J. Devoto, L. Desprez, ecc. guardarono ai modi bibieneschi; G. G. Fischer fu allievo a Düsseldorf di Antonio Maria Bernardi, Domenico Schioppetta, portoghese di origine italiana, fu allievo di Mazzoneschi a Lisbona. 676

QUAGLIO. (anche Quaglia, Qualio, Qualia)

QUAGLIO. (anche Quaglia, Qualio, Qualia) QUAGLIO (anche Quaglia, Qualio, Qualia) Famiglia di scenografi e pittori tedeschi di origine italiana, attivi nell'area austro-tedesca per sei generazioni (dalla metà del Seicento alla metà del Novecento)

Dettagli

Saranno le opere di questi autori oggetto di studio del progetto Re Sole

Saranno le opere di questi autori oggetto di studio del progetto Re Sole Il Barocco Francese alla Corte del Re Sole Il tema del Progetto affronta un periodo poco conosciuto ma di grande importanza per l evoluzione della musica europea, quello del Barocco Francese della seconda

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

VIGNA DI LEONARDO CASA DEGLI ATELLANI

VIGNA DI LEONARDO CASA DEGLI ATELLANI CASA DEGLI ATELLANI Casa degli Atellani è un palazzo quattrocentesco risalente all epoca di Ludovico il Moro. E situato a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove è esposto uno dei dipinti

Dettagli

Alessandro Volta e la storia della pila

Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta fu uno dei più famosi fisici della storia: visse tra il Settecento e l Ottocento, inventò e perfezionò la pila elettrochimica e scoprì caratteristiche

Dettagli

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com FERRARA Città d arte e della bicicletta. BATTAGLIE STORICHE Ferrara, per la sua posizione strategica è stata coinvolta in molte battaglie, famosa rimane la guerra di Ferrara ( del 1308 ) tra la repubblica

Dettagli

ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA

ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA Premessa Il teatro musicale è fin dalle sue origini uno dei banchi di

Dettagli

Maestro orologiaio e inventore

Maestro orologiaio e inventore 02 Maestro orologiaio e inventore Passione per la scienza, amore per l orologeria Autentico artista, François-Paul Journe esplora la misura del tempo per soddisfare il suo bisogno di creare. E da quel

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

In ambito popolare: - Riscoperta dell attore professionista - Organizzazione degli attori in compagnie di giro

In ambito popolare: - Riscoperta dell attore professionista - Organizzazione degli attori in compagnie di giro Il Rinascimento Riscoperta del teatro come istituzione In ambito cortese: - l edificio scenico e il pubblico - la drammaturgia - opera in musica - la committenza In ambito popolare: - Riscoperta dell attore

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Pietro Abbà Cornaglia

Pietro Abbà Cornaglia Pietro Abbà Cornaglia (1851-1894) Compositore, organista, didatta e critico musicale Palazzo Ghilini, sec. XIX I primi anni Compositore, organista, critico musicale; nato ad Alessandria (Piemonte) il 20

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

2MOSTRA INTERNAZIONALE DEL TEATRO PER LE SCUOLE LA MOSTRA 4 GRANDI SPETTACOLI. direzione artistica di GINO LANDI IN SCENA TUTTE LE MATTINE

2MOSTRA INTERNAZIONALE DEL TEATRO PER LE SCUOLE LA MOSTRA 4 GRANDI SPETTACOLI. direzione artistica di GINO LANDI IN SCENA TUTTE LE MATTINE 2MOSTRA Dall 8 Novembre al 27 Gennaio 4 GRANDI SPETTACOLI IN SCENA TUTTE LE MATTINE ALL AUDITORIUM DEL MASSIMO via Massimiliano Massimo, 1 - EUR SCOPRI IL CALENDARIO SU: www.mostradelteatro.it www.auditorium.it

Dettagli

Spettacolo teatrale. Totò Sapore. Il cuoco prigioniero

Spettacolo teatrale. Totò Sapore. Il cuoco prigioniero Spettacolo teatrale Totò Sapore. Il cuoco prigioniero La storia della pizza napoletana tra realtà e fantasia. Libero adattamento del testo tratto da Il giovane che entrava nel palazzo di Roberto Piumini.

Dettagli

Genova-Italia 1931-2011

Genova-Italia 1931-2011 LA LIGURIA ALLA MOSTRA DEL GIARDINO A CURA DI ANDREA LEONARDI La Mostra del Giardino Italiano è stata una tappa fondamentale per lo studio dei giardini storici. L iniziativa, svoltasi a Firenze nel 9,

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio ITINERARI IGNAZIANI A ROMA Cf. A.M. De Aldama sj, Roma ignaziana. Sulle orme di sant Ignazio di Loyola, Piemme, Casale Monferrato 1990 Paolo Monaco sj www.raggionline.com 8. Luoghi legati alla Compagnia

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

Arti liberali: grammatica, retorica, logica, aritmetica, geometria, astronomia, musica

Arti liberali: grammatica, retorica, logica, aritmetica, geometria, astronomia, musica Arti liberali: grammatica, retorica, logica, aritmetica, geometria, astronomia, musica Arti meccaniche (Ugo di San Vittore, 1096 ca. 1141): tessitura, armatura (architettura), commercio, agricoltura, caccia,

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: BOPS080005@ISTRUZIONE.IT PROGRAMMA SVOLTO a.s.

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

IL CARRO-TEATRO DELL UNIVERSO DI LEONARDO DIVENTA REALTÀ GRAZIE AI COSTRUTTORI DEL CARNEVALE DI VIAREGGIO

IL CARRO-TEATRO DELL UNIVERSO DI LEONARDO DIVENTA REALTÀ GRAZIE AI COSTRUTTORI DEL CARNEVALE DI VIAREGGIO L opera sarà presentata in anteprima mondiale all Expo di Milano IL CARRO-TEATRO DELL UNIVERSO DI LEONARDO DIVENTA REALTÀ GRAZIE AI COSTRUTTORI DEL CARNEVALE DI VIAREGGIO Il vincitore del concorso dei

Dettagli

LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO

LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO Arch. Simona Martino Urbino, 13 marzo 2014 1 Hermann Hertzberger, architetto, vive in Olanda

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

Artificio-Centro Culturale Urbano Diffuso presenta. Mondi fragili. Laboratorio teatrale e di arti visive con Antonio Catalano

Artificio-Centro Culturale Urbano Diffuso presenta. Mondi fragili. Laboratorio teatrale e di arti visive con Antonio Catalano Artificio-Centro Culturale Urbano Diffuso presenta Mondi fragili Laboratorio teatrale e di arti visive con Antonio Catalano 26-27 aprile 2014 sabato e domenica 9.30-13.30, 14.30-18.30 Accademia Belle Arti

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

I DISEGNI DI LEONARDO

I DISEGNI DI LEONARDO a cura di R. Cardini I DISEGNI DI LEONARDO Il disegno come forma della mente Nella pratica artistica e nella ricerca scientifica di Leonardo (15 aprile 1452 2 maggio 1519) il disegno assume un importanza

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Prima della fotografia

Prima della fotografia LA FOTOGRAFIA Prima della fotografia Gli esperimenti sul rapporto fra luce e immagine cominciano nell'antica Grecia e attraversano tutta la storia della società occidentale. Antenati della foto e del cinema

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e

Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e dall opera di Alberti e di Piero della Francesca. Nella

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

BERNINI E BORROMINI. Rivalità e Trionfo del Barocco

BERNINI E BORROMINI. Rivalità e Trionfo del Barocco BERNINI E BORROMINI Rivalità e Trionfo del Barocco Introduzione BERNINI BORROMINI Nascita: Napoli/1598 Figlio di scultore (Pietro Bernini) Impara l arte dal padre Grande talento artistico Personalità estroversa

Dettagli

REDENTORE 2015 LA PACE È UNA QUESTIONE DI EDUCAZIONE

REDENTORE 2015 LA PACE È UNA QUESTIONE DI EDUCAZIONE REDENTORE 2015 LA PACE È UNA QUESTIONE DI EDUCAZIONE VENERDI 17 LUGLIO ore 15,00 accoglienza a San Simeon, la chiesa di fronte alla stazione di Santa Lucia ore 17,00 spostamento alla Scuola Grande di San

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI PROGETTAZIONE ED ARTI APPLICATE SCUOLA DI SCENOGRAFIA corso di scenografia prof. Alessandro Zicoschi egr. Direttore prof.ssa Giovanna Cassese a seguito

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

SPETTACOLO del 10 novembre 2012

SPETTACOLO del 10 novembre 2012 SPETTACOLO del 10 novembre 2012 CONTRIBUTI DI : presso il teatro Studio Milano Zena Elisa, 4 A scientifico Cantaluppi Giulia, III A classico Scotto Davide, III A classico Gaddi Valentino, I A classico

Dettagli

PIMOFF - Progetto Scuole

PIMOFF - Progetto Scuole PIMOFF - Progetto Scuole Per la stagione 2015/16 il PimOff continua a portare il teatro contemporaneo nelle scuole per far conoscere agli studenti i suoi principali protagonisti (attori, registi, tecnici,

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio Nulla è come appare Viaggio nello Spazio Oggi, 12 marzo 2012 è venuto nella nostra scuola, il dott. Renzo Rancoita, biofisico vegetale nonché studioso e appassionato di scienza e filosofia orientale e

Dettagli

Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi

Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi Francobollo commemorativo emesso il 18 febbraio 2013 in occasione del 270 anniversario della morte di Anna

Dettagli

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T. I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.GATTANELLA Libro di testo: AA.VV. Liberamente G.B.Palumbo Editore - volumi

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli UNDO.NET 4/3/2011 L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli PIO SODALIZIO DEI PICENI, ROMA La mostra ''L'Accademia Russa di Belle Arti'' svela al pubblico fatti, personaggi ed eventi in 3 secoli

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

THE POWER OF X. Un evento che farà notizia e che lascerà il segno nel cuore di una Torino che non potrà dimenticare.

THE POWER OF X. Un evento che farà notizia e che lascerà il segno nel cuore di una Torino che non potrà dimenticare. THE POWER OF THE POWER OF X Un evento che farà notizia e che lascerà il segno nel cuore di una Torino che non potrà dimenticare. 2 THE POWER OF X TORINO! Piazza San Carlo. UNA DELLE PIAZZE PIÙ IMPORTANTI

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

Tour Messico 19 ottobre 3 novembre

Tour Messico 19 ottobre 3 novembre Tour Messico 19 ottobre 3 novembre Immenso e vario come pochi altri paesi sanno essere, terra in cui etnie fiere e culture millenarie si fondono in un unico popolo, tra i più accoglienti e turisticamente

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA. Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova

IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA. Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova Le origini del radicchio rosso di Treviso non sono del tutto note. Benché esistano testimonianze della

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive Edizione 2010 L edizione 2010 del progetto Magia dell Opera Il progetto didattico Magia dell

Dettagli

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive. Magia dell'opera.

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive. Magia dell'opera. Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive Il Barbiere di Siviglia Gioachino Rossini Edizione 2009 L edizione 2009 del progetto Magia dell

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 ASSOCIAZIONE CULTURALE "IFRATELLICAPRONI" Viale Suzzani, 295 20162 Milano tel 02/6473778 333/4791105 contatto Alessandro Larocca alelarocca@virgilio.it Andrea Ruberti

Dettagli

Oscar Niemeyer nasce a Rio de Janeiro nel 1907. Nel 1922 si iscrive al Collegio dei Barnabiti Santo Antonio Maria Zaccaria e termina questi primi

Oscar Niemeyer nasce a Rio de Janeiro nel 1907. Nel 1922 si iscrive al Collegio dei Barnabiti Santo Antonio Maria Zaccaria e termina questi primi Oscar Niemeyer Oscar Niemeyer nasce a Rio de Janeiro nel 1907. Nel 1922 si iscrive al Collegio dei Barnabiti Santo Antonio Maria Zaccaria e termina questi primi studi nel 28. In seguito si iscrive alla

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Storia e filosofia del Body-building

Storia e filosofia del Body-building Storia e filosofia del Body-building Stefano Campitelli STORIA E FILOSOFIA DEL BODY-BUILDING Questo libro è dedicato a mia moglie Emilia, mia sostenitrice nelle gare agonistiche e compagna di vita. Storia

Dettagli

www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE 04 giugno OLD RUGBY

www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE 04 giugno OLD RUGBY www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE OLD RUGBY 2 European Veteran Rugby Series 2016 04 giugno 2016 ipassatelli... PRIGIONIERI E IBERNATI PER TRENT ANNI ABBIAMO FATTO UN VIAGGIO NEL TEMPO E DI COLPO I

Dettagli

Il cannocchiale di Galileo

Il cannocchiale di Galileo Il cannocchiale di Galileo Test Qui di seguito è stato raccolto il materiale relativo ai Test di verifica dei contenuti presenti nelle sezioni Storia e Simula dell applicazione. I testi sono a cura dell

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Vittorio Amedeo II, Filippo Juvarra e la fortuna a Torino di Sebastiano Ricci (Belluno 1659 Venezia 1734) VIAGGI DI

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%)

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%) IL VETRO I primi oggetti in vetro risalgono a circa 3.500 anni fa in Mesopotamia ma la leggenda vuole che siano stati i FENICI ad inventare il vetro per caso Una leggenda narra che dei mercanti FENICI,

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

..PALERMO.. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124,Palermo. Codice fiscale 97225920822. www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus.

..PALERMO.. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124,Palermo. Codice fiscale 97225920822. www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124, Palermo. Codice fiscale 97225920822. Tel./fax 091.9765893 Cell. 3881294191 www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus.it..palermo.. Palermo fu fondata

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi A.A. 2012-2013 Corso di Consolidamento degli edifici storici Prof. Paolo Faccio finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi 1. La Rustica e il cortile

Dettagli