Il Grande Forlanini: un parco possibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Grande Forlanini: un parco possibile"

Transcript

1 sempre on line numero unico autunno 2012 CULTURA Incontriamo Gillo Dorfles LA CITTA DELLE DONNE Obiezione di coscienza in ambito medico NON PROFIT Il volontariato in tempo di crisi COMITATI X MILANO Partecipiamo alla vita di zona a pagina 3 a pagina 6 a pagina 7 a pagina 8 editoriale Informazione e partecipazione di Patrizia Sollini Porta Venezia, Città Studi, Lambrate, ma anche Feltre, Rubattino La zona 3 conta circa residenti, quasi il doppio di Varese o di Como e poi tutti quelli che la abitano, la vivono, ci lavorano o studiano Le facoltà scientifiche dell Università pubblica, i parchi, polmoni verdi per la città, interi quartieri che pullulano di vita e di risorse, scuole, asili, un infinità di associazioni e soprattutto una riserva di energie, di intelligenze, di possibili proposte che troppo spesso non trovano spazio per esprimersi, per farsi sentire. Z3XMI.IT è tutto questo. Uno spazio in rete fatto dai cittadini per i cittadini. Nasce da un gruppo di lavoro del comitato zona 3 con l intento di dotare la zona di un suo strumento di informazione, ma anche di partecipazione attiva. Non un megafono di questo o quel partito, né sito istituzionale, ma una piattaforma di informazione, incontro e dibattito. Uno strumento per mettere in rete intelligenze, per conoscere e discutere proposte, soprattutto un canale per far sapere e per dar voce a chi vuole, con responsabilità e senso civico, partecipare alla casa comune. Z3XMI.IT vive sul web, ha una redazione di volontari e un ventaglio di sezioni attive di cui, in questo numero unico su carta, proponiamo un sintetico saggio. In questo primo anno di vita, giorno dopo giorno, attraverso articoli, commenti, segnalazioni o suggerimenti, si è arricchito del contributo di chi crede nel valore dell informazione come presupposto necessario alla partecipazione. Se vuoi partecipare e arricchire questo concreto esperimento di giornalismo partecipativo iscriviti al sito, scrivici, mandaci notizie, commenta i nostri articoli e il nostro lavoro. La città che vorrei Il Grande Forlanini: un parco possibile di antonio longo Da oltre cinquant anni Milano sta costruendo un grande parco Metropolitano a Est della città, tra viale Argonne e L Idroscalo, attraversato dal Lambro e che attraverso il Lambro si collega a Monza e a Melegnano. Il lavoro è lungo, come tutte le opere Milanesi, come il Duomo, il cantiere non è mai chiuso. Ma il duomo è alto e il cantiere si vede mentre qui tra le cascine, i recinti e i fossi il lento lavoro è invisibile e segue i ritmi della natura e dell agricoltura. È un grande parco fatto di percorsi alberati, canali, boschi, spazi sportivi, con cascine didattiche, antichi mulini, campi e orti curati da agricoltori. Un parco attivo, con spazi per lo sport, canili, bar e ristoranti. Un parco da raggiungere in auto o a piedi e in bicicletta, che può essere collegato da un breve sottopassaggio ai giardini di via Mezzofanti, su cui si affacciano direttamente le future fermate della metropolitana 4 e del passante ferroviario (1). Un parco di Milano e di tutti i cittadini della metropoli. Un isola di silenzio nel rumore della metropoli. (segue a pag.4) Consumo criticotico Gruppi di acquisto solidale In zona 3, più di 400 famiglie hanno messo in comune le loro capacità di acquisto costruendo sul territorio e con i propri fornitori rapporti umani, di aiuto reciproco e di coinvolgimento culturale. di Giuseppe Caravita La madre di Vittoria coltivava l orto, in una Milano di tanti anni fa. Sapori perduti, di semplici verdure, di cui in tanti abbiamo nostalgia ricorda ma che ci sembravano impossibili da ritrovare. Altre, giovani mamme, vivevano con preoccupazione le allergie, alimentari e ambientali dei loro bambini, che ormai si diffondono a Milano. Altri volevano uscire dall isolamento, per iniziare una ricerca culturale, e in comunità, sul cibo, sull agricoltura, l ambiente, la solidarietà. Tutto questo (e altro ancora) sono i Gas, i gruppi di acquisto solidale che associano, su base spontanea, circa 400 famiglie (e single) in Zona 3 e 6mila nell intera città. Un movimento che fa poco parlare di sé ma che è cresciuto con forza dice Ileana Faidutti di Gas Città Studi (ed ex coordinatrice della rete dei gas Milanesi) dalle poche decine di tre anni fa ai circa cento di oggi. E le adesioni, in queste ultime settimane, continuano a crescere, persino in accelerazione. Ma cos è un gruppo di acquisto solidale? All osso è un gruppo di cittadini che mette in comune le proprie capacità di acquisto quotidiane. (segue a pag.5) CHE BELLA MILANO! Racconta la nostra zona con le tue fotografie. I luoghi, gli spazi, i palazzi, le persone... Le opere più interessanti saranno pubblicate sul col vostro nome. Le foto (max 1MB) vanno inviate a L invio autorizza l utilizzo a titolo gratuito e in via definitiva da parte della redazione del giornale. Milano, poesia La 92 È una fortuna la 92 sotto casa. E se mi va prendo il giorno di spalle sul sedile girato all indietro. Giancarlo Consonni (1943) I tram Andava il tram Ventitré verso il cuore, le vetrine della gente, e pareva correre il Quindici incontro a qualche mare, Quegli incrocianti squassati tram del repentaglio e del rassicurare: regalavano la traversata del mondo, e si tornava. Tiziano Rossi (1935-)

2 2 vivere in zona 3 Cultura 3 Un racconto L oggetto di un desiderio oscuro di Adalberto Belfiore La prima era stata una storia sentimentale. Durava dai tempi dell Università. Era iniziata in modo un po ambiguo, è vero. Un incontro occasionale in via Francesco Redi, lo ricordo bene. Di notte. Sembrava abbandonata a sé stessa ed in effetti lo era. Io la presi con trasporto e passione: era proprio quello di cui avevo bisogno in quei giorni. Però, poi era diventata una cosa seria. Non era una qualunque, aveva classe, dote ormai rara. Era elegante e silenziosa come una donna di Bergman. Finì, come tutto finisce, molti anni dopo. Un addio traumatico, che forse potevo evitare, sulla circonvallazione di Viale Romagna. La colpa fu mia, senza dubbio. Avrei dovuto curarla di più. La seconda mi illuse di essere ancora giovane e forte, come ai bei tempi. Era sportiva. Vivevo in Umbria allora, non molti anni fa. Giorni felici, pieni di gusto, visioni solari, aromi, farfalle e sussurri di api. Con lei vagai per quelle verdi colline dove i roseti abbelliscono i filari del Bianco Classico doc, rendendoli unici e raffinatissimi. Tornammo assieme a Milano, ma fu un errore. Sparì dopo pochi giorni. Non voglio parlar male di nessuno, son solo sospetti. Ma avvenne credo dopo una serata in un bar multietnico di Città Studi. Tentai di recuperarla, mi interrogai su dove avessi sbagliato. Sono convinto ancor oggi di aver fatto tutto quanto potevo. Ma il destino è il destino. La terza fu una storia tranquilla, senza eccessi. La portavo spesso al Forlanini. O meglio, era lei che portava me. Assieme per quella pista ciclabile così mal concepita dove più di una volta rischiammo di esser travolti da gente in frettolosa ricerca di un alternativa per i soliti ingorghi in uscita dalla Tangenziale Est. Non mi sarei mai aspettato che la nostra serena, sicura, protetta permanenza in via Aselli fosse turbata da un altro trauma. Ma accadde. La nostra separazione ebbe per scenario lo stesso cortile di casa. Come è stato possibile perdere il controllo così? Perfino la vecchia portiera si dispiacque e nei giorni seguenti mi salutava ogni volta, al vedermi passare, come fossi ormai vedovo. La quarta volta cominciai a sospettare davvero che in me ci fosse qualcosa di guasto, di irrimediabilmente sbagliato. Credo di poter dire di non essere mai stato governato da sentimenti meschini, ma quella volta, dopo tutte le passate esperienze, optai per qualcosa di minor valore. Volevo stare tranquillo. Sentivo il bisogno di una creatura meno vistosa, più banale forse, ma che non mi avrebbe lasciato solo ancora una volta. La curavo però, la sorvegliavo lo stesso, in preda a tutti i demoni del sospetto e, giungo a dire, ai confini del turbamento morale. Tutto inutile. Anche questa prese il volo, senza lasciare nemmeno una traccia, qualcosa da cui partire per ritrovarla. O ritrovare almeno me stesso. Forse, questa volta l errore fu portarla a casa di amici, in porta Erbe spontanee: l artemisia Venezia, e lasciarmi andare per troppo tempo a parlare di vecchi ricordi. Il colpo più terribile fu però la quinta. In soli due mesi cinque volte sono davvero troppe, anche per un inguaribile romantico come me. Fu all uscita da una riunione di redazione. Non era nemmeno la una. Tornai e lei non c era più! Questa volta andai dritto a cercarla dove tutte quelle come lei alla fine si trovano: alla Fiera di Senigallia, che adesso sta in Porta Genova e non so neppure se più si chiami così. Come le mie, ma anche meglio, ma anche peggio, ce n erano tante, tantissime. Tutte accompagnate dai loro come chiamarli, povere anime? Magnaccia, papponi? Macché! Solo ladruncoli. Forse uomini disperati, di tutte le nazionalità. Compresa la nostra, naturalmente. E io che mi sentivo così al sicuro! L avevo lasciata legata a un palo, di quelli del divieto di sosta. Con un buon lucchetto per giunta, di quelli a U. Non so se ci crederete. Il palo giaceva lì abbattuto. In piazza Guardi, non in Perù! La seconda, la terza e anche la quarta le avevo ricomprate nuove, per giunta. Ma accidenti, non sono che un pensionato! Provate a fare un po i conti! Così questa volta decisi di comprarla da loro. C erano quelle di marchi famosi: Bianchi, Bottecchia, Legnano. E quelle più andanti: Magni, Guerciotti, Giuffredi eccetera. La marchetta, quasi per tutte, è di 50 euro. Con poco margine di contrattazione. Siamo a Milano, in fondo, vicino all Europa, non in un qualunque suk! Ma stai facendo ricettazione! Ricettazione, hai capito? È un reato! Così gridava la mia coscienza, o quello che rimane di essa. E allora? Allora vidi una gran quantità di vigili urbani, uomini e donne, eleganti nelle loro uniformi bordate di verde. E le auto coi lampeggianti. Ne contai quattro. Due a un ingresso del mercatino e due all altro. Agente, mi scusi chiesi facendo l ingenuo ma tutte quelle biciclette? Me ne hanno rubate cinque in solo due mesi! E noi che ci possiamo fare? mi risposero allargando le braccia è un bene non registrato! Si sono attrezzati e adesso girano coi furgoni, i tronchesi e le seghe circolari. Mica le portano solo qui. Ormai è un traffico internazionale! Lei faccia denuncia... Ma dico io, nessuno affronta il problema? Il traffico di biciclette è in geometrico aumento nella nostra città. Con buona pace di Vittorio De Sica, buonanima. Altro segno di crisi? A chi mi posso rivolgere? Alla Questura, al Sindaco, a un giustiziere? Io, modestamente, un idea ce l avrei: mettiamo il numero di telaio anche alle bici. Una punzonatura, come alle armi. E chi la lima, la abrade o solo la occulta si mette nei guai. Se qualcuno ha un idea migliore lo dica. Altrimenti, dopo tanti amori spezzati, non mi resterà che un alternativa. Tornare all automobile. Non guardare solo la luna, guarda anche quello che cresce sotto i piedi! Non tutti sanno che negli spazi verdi della nostra zona germogliano spontaneamente molte erbe eduli (buone da mangiare). Impariamo a conoscerle, rispettiamole, trapiantiamole, curiamole, ma attenti! Non bisogna consumarle così come le abbiamo raccolte dalle aiuole: l aria è pesante e la prudenza non è mai troppa. DI Wanda Gradnik Parliamo dell Assenzio volgare (Artemisia vulgaris) e dell Artemisia annua o Erba strega. Erba dedicata ad Artemide, protettrice delle donne, per l uso che ne facevano le mammane. L Assenzio volgare cresce un po ovunque negli incolti, ai margini delle strade, fra le macerie, lungo i fossati. Fiorisce in estate e può essere raccolto tranquillamente, ma va impiegato in piccole quantità, per aromatizzare insalate, minestre, uova all occhio di bue sminuzzandolo come si fa con il prezzemolo. Le foglie sono alterne, lisce, verdi sopra e bianche sotto, stropicciate emanano subito un aroma intenso che ricorda il vermut: infatti questa come tante altre artemisie è molto usata nella preparazione di liquori a sfondo amaro, considerati digestivi. C è un altra Artemisia molto diffusa qui a Milano a sinistra nella foto nelle aree dei cantieri e ai bordi delle strade, io l ho trovata anche tra le aiuole e i tratti erbosi del viale Molise. Le sue foglie sono molto più piccole e appuntite. L ho piantata più volte in vaso per riprodurla perché muore dopo aver prodotto migliaia di piccolissimi fiori e semi. Io la uso nei dolci, sia fresca che secca, perché ha un buonissimo profumo e un sapore di cannella. Pare che sia impiegata in Cina come incenso per disinfettare le stanze degli infermi. i luoghi e le storie In viaggio nella memoria e nel presente dei nostri quartieri, per scoprire insieme quanto ci può ancora stupire e per ricordare quello che ci appartiene. Fausto e Iaio Nella primavera di quest anno sono stati intitolati a Fausto Tinelli e Lorenzo Iaio Iannucci, diciottenni, vittime del terrorismo, i giardini di Piazza Durante, a due passi da via Mancinelli il nostro luogo della memoria dal Più di un murale li ricorda. Milano lo fa spesso per le sue troppe vittime. Vernice per provare a sanare una ferita. Profonda, quella che si è aperta il 18 marzo 1978, diventata lacerante in tanti anni di mancata giustizia. Fausto e Iaio erano due ragazzi come tanti e frequentavano il centro sociale Leoncavallo. Vivevano lì vicino e facevano la vita del quartiere. Quella sera, camminavano insieme in via Mancinelli, quando tre persone gli si fecero incontro. Parlarono un poco tra loro, poi otto colpi di rivoltella lasciarono Iaio senza vita sull asfalto. Fausto, agonizzante, morì sull ambulanza. Radio Popolare diede la notizia, quasi in diretta. Ai funerali c erano 100 mila persone. Furono presto sconfessate le tesi che puntavano sul regolamento di conti fra spacciatori o sulla faida interna alla sinistra. L assassinio di Fausto e Iaio era un fatto, in apparenza incomprensibile, ma in linea con la strategia della tensione di allora. Era di soli due giorni prima il rapimento di Aldo Moro. I due, tra l altro, stavano lavorando a un libro bianco sullo spaccio di eroina con tanto di nomi e cognomi. E la malavita non gradiva, né tanto meno una certa destra. Tra l altro, legata a questa vicenda è anche la morte accidentale di un cronista de l Unità che indagava sul caso. La morte di Fausto e Iaio venne anche rivendicata da varie sigle neofasciste. Ma secondo gli inquirenti, contro la destra eversiva sussistevano significativi elementi indiziari, ma niente di più. Nel 2000 arriva l archiviazione definitiva. Solo nel 2001 Fausto e Iaio sono stati dichiarati vittime del terrorismo. Mi ritorni in mente... di Luca Toccaceli Quarant anni fa, quando largo Rio de Janeiro era ancora una tranquilla piazza di periferia, era facile imbattersi in uno dei protagonisti della vita musicale degli anni 70. Andavano a trovare un loro amico, allora residente nella villetta al numero sei. Ad aprire la porta era quasi sempre Grazia Letizia Veronese, compagna di vita del padrone di casa, l indiscusso dominatore della scena musicale italiana di allora: Lucio Battisti. Milanese di adozione, dal 1964, Battisti si trasferì a Città Studi nel A quell epoca, aveva già interpretato numerosi brani destinati a fare la storia della canzone: Balla Linda, Un avventura, Acqua azzurra, acqua chiara, Dieci ragazze. Ma, ancor prima dei suoi successi personali, Lucio (insieme all inseparabile e milanesissimo Mogol) aveva dato un contributo decisivo, in qualità di compositore o produttore, al successo di altri: Equipe 84 (29 settembre), Dik Dik (Dolce di giorno), Ricky Maiocchi (Uno in più), I ribelli (Per una lira, con Demetrio Stratos al canto), Patty Pravo (Il paradiso). Lucio e Grazia Letizia hanno vissuto in largo Rio de Janeiro sino al 1975 quando, stanchi del costante assedio dei reporter, decisero di lasciare Milano. Ma proprio gli anni trascorsi a Città Studi sono tra i più intensi e proficui: Fiori rosa, fiori di pesco, Emozioni, Anna (1970), Pensieri e parole, La canzone del sole (1971), I giardini di marzo, E penso a te, Il mio canto libero (1972), La collina dei ciliegi (1973). Così come le canzoni scritte per Mina, i Formula Tre, i Dik Dik e Bruno Lauzi. Ma quella casa ha conosciuto, soprattutto, i momenti privati della vita di Lucio: la nascita del figlio Luca, le rose coltivate nel piccolo giardino sul retro, le partite a ping pong con gli amici. La sua storia musicale e umana in zona 3 non sarebbe completa senza ricordare le esibizioni (tenute rigorosamente super-segrete al grande pubblico) che Lucio, in compagnia di Mario Lavezzi e Adriano Pappalardo, fece per i degenti dell Istituto dei Tumori. Nei sotterranei di via Venezian, con chitarra, voce e amici musicisti accanto, Lucio ha regalato lunghe performance agli ammalati. Di quelle serate, io che ebbi la fortuna di assistervi, conservo nella mia memoria di quattordicenne sensazioni di particolare intensità emotiva ma anche artistica, l affiatamento tra i protagonisti e la loro disponibilità a concedere un numero infinito di bis. Tu chiamale se vuoi... Presentiamo qui uno stralcio dell intervista concessa a z3xmi e interamente consultabile sul sito Incontriamo Gillo Dorfles a cura di Giovanni Bonoldi e Massimo Cecconi Centodue anni compiuti nel mese di aprile. Ci accoglie nella sua casa di piazzale Lavater, garbatamente nella penombra del soggiorno, dove campeggia un pianoforte a mezza coda e dove, alle pareti, sono in mostra alcuni capolavori assoluti dell arte italiana del 900. Il professor Dorfles è uno tra i critici d arte più riconosciuti, ma è anche artista, docente universitario, uomo di cultura e di interessi profondi. Che rapporto ha con Milano? Vivo a Milano ormai da 40 anni, dopo Trieste, Genova, dopo aver frequentato l università a Roma (è laureato in medicina, specialità psichiatria), dopo vari viaggi all estero. Milano, ormai, è più che la mia città, anche se non sono affatto milanese. Milano rimane l unica città italiana con una posizione culturale internazionale. Anche se apprezzo molto di più Roma, Napoli, Torino, Milano ha quelle qualità culturali che le altre città non hanno. Ritiene che Milano valorizzi il suo patrimonio artistico e architettonico? È indubbiamente una città importante, ma ha una quantità di limiti dovuti quasi sempre al modo in cui è stata amministrata. Non voglio dire male dei diversi sindaci o assessori, però, certo molto spesso non viene curata la nuova edilizia, per esempio. La zona dove ora costruiscono quegli pseudo grattacieli è ferma da oltre cinquant anni: basterebbe questo per dire che Milano non ha saputo sfruttare le sue possibilità. Il Museo d arte contemporanea non esiste, sono 50 anni che si parla di un museo di Milano. La città ha le cantine pubbliche piene di capolavori che non possono essere esposti. Credo che nessuna città abbia opere d arte che possono riempire un paio di musei, senza avere un museo di arte contemporanea. Poi non parliamo di Brera perché non si finirebbe più. C è il PAC che va bene per fare mostre temporanee, ma non è un museo. Il così detto Museo del Novecento all Arengario, per quanto Teatro dei Martinitt In zona Lambrate, quasi a ridosso della Tangenziale est, opera dall ottobre del 2010 nella sala di circa quattrocento posti all interno dell Istituto dei Martinitt; presenta soprattutto drammaturgia contemporanea italiana, commedie brillanti e comicità. Spazio anche alla danza e a concerti musicali. Teatro Leonardo Si affaccia su piazza Leonardo Da Vinci nel cuore di Città Studi. Nasce come sala parrocchiale di circa 500 posti (anche cinematografo nei tempi passati); dal 1999 è gestito dalla Compagnia Teatrale Quelli di Grock, molto nota ed apprezzata anche come scuola di teatro. Si caratterizza per una programmazione improntata a una particolare rilettura dei classici (Shakespeare, sopra tutti), alla drammaturgia contemporanea italiana e straniera, con particolare attenzione alle emergenze sociali e civili; si definisce un teatro di nuove drammaturgie lontano dagli schemi tradizionali. Spazio Teatro No hma Teresa Pomodoro Dal 2000 si trova in una bella palazzina liberty, Milano è più che la mia città, anche se non sono affatto milanese. Milano rimane l unica città italiana con una posizione culturale internazionale. positivo, è una piccola cosa. Non è un museo d arte contemporanea, è una piccola mostra, utile senz altro Qual è il suo rapporto con la zona dove abita? Questa è una zona simpatica anche dal punto di vista architettonico: ha il Déco e il Liberty, anche se non ha monumenti né antichi e né moderni; è una zona dignitosa, comoda perché molto vicina alla stazione e alla metropolitana. Per fortuna siamo riusciti a salvare il piazzale, il famoso parcheggio è stato finalmente bloccato. Avevano già deciso di buttar giù tutti gli alberi, sarebbe stata una rovina per questa zona. già sede dell Acqua Potabile, in via Orcagna; è stato fondato nel 1994 da Teresa Pomodoro che ne è stata l anima e la guida sino alla sua scomparsa nel Il teatro è da sempre impegnato nella diffusione di tematiche culturali a sfondo sociale, con una particolare vocazione alla multidisciplinarietà. Realizza spettacoli teatrali e musicali, con forte presenza di performance artistiche, eventi e manifestazioni. Tutto gli spettacoli in calendario sono gratuiti. Le piace la musica? Qualche volta vado alla Scala però l opera lirica mi annoia; vado invece a tutti i concerti di musica d avanguardia. Il progetto MITO è un iniziativa molto interessante. Potrei dire che la musica è proprio il settore in cui l offerta milanese è più ricca. Anche il festival organizzato da Luciana Pestalozza (Milano Musica) è una proposta assolutamente di primordine: l unico festival in Italia totalmente dedicato ogni anno a un musicista contemporaneo. E il teatro? Ho sempre seguito il Piccolo Teatro, ma ora ci vado molto meno, anche perché non ritengo che ci siano grandi novità. È finita l epoca di Strehler. A teatro vado poco. Che cosa pensa di Milano da un punto di vista artistico? Milano è certo la città in Italia che ha il maggior numero di gallerie d arte. Quindi, è un punto di riferimento in campo artistico. Purtroppo, alcune delle gallerie più famose, non faccio nomi, non ci sono più. Sotto questo aspetto, Milano in passato ha avuto una grande importanza, più di quanta ne abbia oggi. Comunque ancora oggi ci sono ancora moltissime gallerie di primordine. Vedremo se con l Expo viene fuori qualcosa di interessante. Comunque, Milano ha antichità eccellenti, basti pensare alle sue basiliche e ai suoi palazzi. Purtroppo, non ha molte architetture contemporanee a parte il grattacielo Pirelli e il palazzo della Montecatini; dovrebbe avere molte più architetture contemporanee sul tipo del palazzo realizzato in piazza Meda dallo Studio BBPR; in corso Sempione c è una casa importante (Casa Rustici degli architetti Pietro Lingeri e Giuseppe Terragni). Speriamo che ora la nuova zona in costruzione (Ex Varesine) dia finalmente a Milano l aspetto di città più moderna. FONDAZIONE PER LEGGERE Grazie, Professore. Biblioteche rionali bene comune DI GIOVANNI BONOLDI Letture poetiche, incontri con gli autori, gruppi di lettura e condivisione di saperi ed emozioni. Di poesia e altri fenomeni Zona 3 vanta una nobile ospitalità poetica: nella biblioteca di via Valvassori Peroni 56, ultima nata e più spaziosa tra le 24 rionali, sono arrivati, a leggere e dialogare con il pubblico presente, Vivian Lamarque, Gabriela Fantato, Patrizia Valduga, Franco Loi, Tiziano Rossi, i presidenti delle 2 Case della poesia di Milano (Giusi Busceti del Trotter e Giancarlo Majorino della Palazzina Liberty di piazza Marinai d Italia). Risultato: a contatto diretto coi poeti, alcuni utenti della biblioteca, non lettori di poesia, hanno confessato di esserne rimasti incuriositi e in qualche modo attirati. Allo spazio mostre sono approdate esposizioni divulgative capaci di attirare l attenzione sui poeti milanesi Carlo Porta (fine Settecento/inizi Ottocento) e Antonio Porta (contemporaneo), sulle foto e video della poesia contemporanea (la produzione del video artista Giorgio Longo), e sulla preziosa ma non costosa editoria di poesia e arte del Pulcinoelefante di Alberto Casiraghy da Osnago, 8000 titoli in 30 anni, 8 pagine e 33 copie cadauno, di cui 1500 realizzati con Alda Merini. A metà novembre 2012 la biblioteca ospiterà la mostra I POETI, CHE CINE- MA!, omaggio a registi / videomaker che hanno realizzato filmati / video / docufilm su poeti italiani contemporanei, per lo più milanesi, e ai poeti (Milo De Angelis, Vivian Lamarque, Francesco Leonetti, Franco Loi, Giancarlo Majorino, Alda Merini, Giovanni Raboni, Vittorio Sereni, Andrea Zanzotto) che sono stati oggetto di queste opere video. Il poeta Franco Loi, a Milano nella sua casa (foto Massimo Cecconi) Andare a teatro a piedi o in bicicletta Chi vive in zona 3 ha la fortuna di avere alcuni dei più prestigiosi palcoscenici della città a pochi minuti da casa propria. Ne presentiamo qui alcuni senza pretendere di indicare una scala di valori e rinviando ai rispettivi siti Internet per la programmazione stagionale. di Massimo Cecconi Tieffe Teatro Menotti Tieffe Teatro, che si definisce stabile di innovazione, ha gestito per quasi quarant anni il Teatro Filodrammatici; conclusa quell esperienza, dopo un paio di stagioni al Teatro Oscar, ha trovato, dall autunno del 2010, casa nella sede storica del Teatro dell Elfo in via Menotti 11. Dispone di una compagnia stabile che costituisce l ossatura di una programmazione attenta al nuovo teatro, alle contaminazioni musicali e all attualità; al suo interno opera anche un accademia teatrale. Teatro delle Moire È un associazione culturale fondata nel 1997 che si dedica alle nuove forme di linguaggio teatrale. Era un teatro virtuale cioè occupava spazi e luoghi di altri non avendo un palcoscenico proprio fino al La poetessa Vivian Lamarque, a Milano nella sua casa insieme al regista Silvio Soldini, che su di lei ha reallizzato un docu-film (foto Mario Tedeschi) Leggere e amare Gruppi di lettura. Due alla Biblioteca di via Melzo (qualità certificata), dal settembre 2011: uno alle 21 di un lunedì al mese, l altro alle di un mercoledì al mese. Nell arco di 30 giorni, ogni partecipante legge per proprio conto il libro proposto e scelto insieme agli altri, per poi confrontarsi e parlarne nelle circa 2 ore di incontro mensile del gruppo di lettura. Agli incontri sono presenti a rotazione anche bibliotecari/e col ruolo di animatori e coordinatori delle attività. Per chi vuole saperne di più esiste anche un blog: leggereeamare.blogspot.com. Da 3 anni è attivo un gruppo di lettura anche alla biblioteca di via Valvassori Peroni. I componenti si incontrano ogni 2 lunedì nella parte finale del pomeriggio. Persone di differenti esperienze, saperi ed età, accomunate tutte dal piacere della lettura e della condivisione. Tutto gratis, naturalmente. 2008, quando è stato inaugurato, in via Porpora 43/47, LachesiLAB, un atelier creativo che è anche luogo per residenze, laboratori e incontri; dal 1999 organizza Danae Festival, un interessante rassegna dedicata alla scena contemporanea. Teatro Elfo Puccini Teatro d arte contemporanea, il Teatro dell Elfo venne fondato nel 1973 da un gruppo di operatori che, in gran parte, ancora oggi, lo animano e lo dirigono. Nel 1979 si stabilì presso l ex X Cine di via Menotti, dove col tempo divenne un punto di riferimento della scena nazionale e internazionale. Nel 2010 si è trasferito nella rinnovata sede dell ex Teatro Puccini in corso Buenos Aires 33: lo spazio, adeguatamente ristrutturato, è stato diviso in 3 sale di capienza diversa e permette una programmazione serrata ed estremamente ricca di proposte sia a livello di produzioni proprie che di ospitalità. Questa multisala teatrale rappresenta, oggi a Milano, accanto ad altre esperienze simili, un progetto esemplare di teatro per la città, che punta sull innovazione del linguaggio teatrale, riservando grande attenzione anche al teatro classico.

3 4 la città che vorrei la città che vorrei 5 1 (segue da pag.1) Il Grande Forlanini: un parco possibile Attraverso il parco Sembra impossibile, ma questo parco esiste già anche se pochi lo sanno, tra i cittadini e forse anche tra chi amministra la città. Entrate in via Cavriana (2), a destra dopo il ponte dell Ortica o da viale Corsica, dopo i tre ponti, attraverso via Gatto (3). Fatelo in bicicletta o a piedi e scoprite il Parco Agricolo sud Milano nel punto più vicino al centro della città, appena tre chilometri da Piazza Duomo. Dietro alle case si apre un brano di campagna, strade strette tra i campi, cascine diroccate, bordi di rovi, fossi, aree abbandonate e spazi recintati. Oltre la massicciata ferroviaria si vede la chiesa di Viale Argonne, verso Est il viadotto dell autostrada. I campi ancora curati sono gestiti dalle Aziende Colombo e Martini, che da secoli sono custodi dell integrità agricola di questo piccolo miracolo a Milano e che fornivano il fieno ai cavalli della facoltà di Agraria. Nei campi del tennis Junior (4), tra i filari di tigli, si allenano da generazioni i tennisti milanesi. Nel prato della società Scarioni (5), vicino a un piccolo bosco pubblico abbandonato si allenano i piccoli calciatori. Oltre un cancello di fianco ai vecchi gasometri una centrale di teleriscaldamento dell AEM (6) ci ricorda che energia pulita, tecnologia e parchi possono essere alleati. Spostatevi lungo la ciclabile rossa di via Corelli (7), perché non è oggi possibile camminare lungo i sentieri ai margini dei campi e seguiamo le frecce per il nuovo canile municipale. Seguirete il perimetro di un carcere costruito in fretta tanti anni fa (centro di detenzione temporanea (8) per trovarvi quasi sotto i ponti della tangenziale. Visti da vicino i piloni lasciano intravvedere il corso del Lambro (9). Proseguite verso il parcheggio del canile (10) e guardate verso il centro della città e scoprirete uno spazio aperto straordinario, inaccessibile. Un piccolo dislivello tra i campi fa capire che siamo nella valle del Lambro. Il canile ha tolto spazio all agricoltura, ma dove c era un mulino abbandonato da tre anni accoglie i cani e gatti trovatelli e centinaia di appassionati e volontari. Per proseguire occorre tornare indietro perché il CDT impedisce di passare direttamente per raggiungere il vecchio mulino e la risiera, dove esiste ancora la roggia molinaria (11) e dove Cantiere MM4 6 Continua la battaglia per evitare che occupino preziose aree agricole ai bordi della città di Michele Sacerdoti, Presidente della Commissione Lavoro, attività produttive e sicurezza del consiglio di zona 3 5 Le aree agricole sul lato est di Milano continuano a diminuire. In zona 3 qualche anno fa l ospedale San Raffaele ha ottenuto una vasta area agricola di proprietà del Comune vicina al Parco Lambro per costruire un grande parcheggio a raso, togliendola ai terreni coltivati dall unica cascina ancora in funzione nella zona, la Molino San Gregorio Vecchio. Don Verzè aveva anche intenzione di acquistare la cascina e tutti i terreni agricoli ad est della tangenziale. Tra Pontelambro e la tangenziale est il comune ha deliberato un progetto di edilizia convenzionata per 800 appartamenti che occuperanno 7 ettari del terreno agricolo coltivato dalla Cascina Zerbone, impedendo alle vacche della cascina di pascolare e tagliando il collegamento tra la cascina e i restanti 35 ettari. Tra via Corelli e viale Forlanini Impregilo ha tentato di farsi dare dal Comune 8 ettari delle aree agricole più vicine a Piazza Duomo (3,5 km) comprese nel perimetro del Parco Sud e nel progetto di estensione del Parco Forlanini verso il centro. La forte resistenza dell agricoltore, che ha chiesto il rinnovo per 15 anni del contratto di affitto dei terreni ed il sostegno mio, del comitato Grande Parco Forlanini e del DAM ha spinto l amministrazione comunale a trattare con Valcomp Tre, che ha concesso per tre anni rinnovabili un area ex-militare lungo Viale Forlanini, dietro il muro con il filo spinato. È un area di undici ettari che il demanio ha ceduto a Fintecna, di proprietà del Ministero dello Sviluppo Economico, per valorizzarla. Nel 2009 Fintecna ha costituito al 50% con il gruppo Percassi di Bergamo la società Valcomp Tre a cui l area è stata venduta per 10 milioni di euro. L area è coltivata solo nella parte nord, ed il resto, che verrà utilizzato per il cantiere, misura circa 8 ettari. Tuttavia Impregilo insiste per utilizzare ancora 2 ettari di terreno agricolo tra via Cavriana e lo Junior Tennis per installarvi gli alloggi prefabbricati per 100 impiegati e 380 operai e un parcheggio da 300 posti auto. In tal modo ottiene un ampliamento del campo base che lavora Duilio Forte lo scultore che costruisce paesaggi di legno di tutte le dimensioni. Il Lambro ci separa dal Parco Forlanini che conosciamo già e che non abbiamo ancora raggiunto. Ma non c è un ponte e tra noi e il parco vi sono prati alberi e il fiume. Alle nostre spalle la tangenziale, sotto alla quale dobbiamo passare di nuovo per tornare in Via Corelli. E qui, sotto alla tangenziale possiamo provare a immaginare come utilizzare lo spazio tra le colonne che divide il parco: un parco attrezzato per lo skate e le bmx, uno spazio, uno specchio d acqua come quello costruito di fianco al Lambro a poca distanza da qui, in via Rubattino (12), o potremmo vedere una sposa che vola come nel tempo dei gitani, girato nel 1988 sotto questi ponti da Kusturica e ultima palma d oro (milanese) a Cannes. Oltre il Lambro, che passiamo ancora seguendo la pista ciclabile di via Corelli sulla destra entriamo in via Taverna (13). Lungo la strada un vallo, un muro di terra, lungo un centinaio di metri delimita un immenso quadrato chiuso da filari di pioppi. È il cantiere di un golf (14) incredibilmente concesso dalla giunta Moratti su aree di proprietà del comune di Milano: 12 ettari a poco più di euro all anno di affitto per costruire un piccolo golf con campo prova, 6 buche che per 20 anni sottrarranno all agricoltura o al libero uso dei cittadini ciò che un concorso internazionale di progettazione, pochi anni fa, aveva indicato come l ingrandimento, il raddoppio dell attuale parco urbano Forlanini (15), quello che tutti conoscono e dove si va spesso in macchina, quasi fosse un luogo lontano. Che è qui a pochi metri: con la collinetta, i filari, le aree pavimentate con le lastre di granito teresiano. È il vero parco urbano costruito ormai oltre 40 anni fa, primo lotto di una grande opera dal già dai Piani regolatori dei primi anni 50 e mai completata. Nel parco, ai margini di via Corelli, il grande centro sportivo Saini (16). Oltre le recinzioni si gioca a baseball, a calcio, si nuota, tra poco sarà trasformata la vecchia pista di pattinaggio in uno spazio per manifestazioni pubbliche. E se vogliamo proseguire verso l idroscalo? Oggi non è possibile perché non esistono percorsi protetti e perché in pieno Parco Sud, vicino a una cascina di proprietà del Pio Albergo Trivulzio, su aree dell Ente è stato costruito un immenso parcheggio (17) a basso costo per i viaggiatori di Linate, un vero scempio in aree ancor oggi destinate dalla pianificazione all agricoltura. Il Parco dell Idroscalo non è lontano, l aeroporto è oltre la strada, una barriera non superabile se non a Novegro, dopo avere fiancheggiato il centro fieristico (18) passa da 8 a 10 ettari e la disponibilità immediata dell area, visto che l anziano agricoltore vuole cessare l attività e c è già l autorizzazione del Parco Sud. Ma l interesse della città prescinde dal singolo contadino: un area agricola in cui la terra superficiale è stata rimossa e accatastata per sei anni per sostituirla con una base di ghiaia e asfalto difficilmente può ridiventare produttiva. C è anche il rischio che il cantiere della MM4 duri più di sei anni. Il campo vicino alla Ferrovia, salvato dal cantiere, sarà poi tagliato da un percorso pedonale che collegherà alle nuove stazioni della MM4 e della ferrovia un nuovo parcheggio di corrispondenza su due piani per posti auto, da costruire in via Gatto al posto dell attuale parcheggio Atm a raso da 230 posti auto. Con poca fatica il percorso può essere modificato facendogli costeggiare il campo e allungandolo da 140 a 230 metri. Tra l altro il parcheggio è eccessivamente vicino alla città, dovrebbe essere costruito al capolinea della MM4 a Linate e non vicino ai ponti della ferrovia. Già dalle prossime settimane, sono stati programmati incontri e riunioni fra le diverse associazioni interessate alla salvaguardia dei terreni agricoli della zona est di Milano per discutere del cantiere della MM4. Un percorso verde sogno o utopia? Concepito fin dall 85, questo progetto di un grande parco continua ad incontrare mille ostacoli. DI Giuseppe Caravita Evidentemente, il sogno è rimasto nel cuore, per oltre 12 anni consecutivi, di un buon numero di cittadini milanesi della zona 3 e 4. Il progetto del maggiore parco di Milano (e uno dei più grandi d Europa) capace di connettere, in sequenza, Idroscalo, parco esposizioni di Novegro, parco Forlanini, fino al proseguimento della pista ciclabile protetta fino a Corso Plebisciti e forse Piazza tricolore. Un circuito nel verde, in prevalenza agricolo, dove sono immersi tuttora i parchi, nel silenzio e nel vento. E ampio, e diramato fino al parco Lambro. Questo progetto percorso verde, è del 2000, dodici anni fa, inizialmente concepito dal Greem (il gruppo degli ecologisti dell Est Milano attivo dal 1985), poi formalizzato in proposta insieme a Italia Nostra e Politecnico-Architettura di Milano, quindi convalidato da concorsi internazionali per la riqualificazione del Forlanini indetti dal Comune e dalla Provincia di Milano. Tutto pronto per partire? Qualcuno lo credeva allora, il grande parco sembrava alle porte. E invece nulla, sulla carta gli esecutivi e le tabelle di marcia, in pratica nulla. Rinvii, silenzi e, nei retrobottega del decennio Albertini-Moratti, le tante piccole violazioni allo spirito del progetto. Il Forlanini assediato dai parcheggi, dancing, minigolf, campi di bocce, aree privatizzate varie. E poi, nella scorsa primavera, la ciliegina (un po avvelenata) sulla torta. La scoperta che la Moratti, in barba al progetto di grande parco da lei stessa approvato, aveva concesso a fine mandato (sulla carta ancora, per fortuna) un lotto di ben metri quadri di terreno agricolo per 19 anni a un canone ridicolo, tra il centro Saini e Via Taverna, alla Federazione italiana Golf per la costruzione di un green di addestramento. Terreno da decorticare, passare a prato controllato con diserbanti, pesticidi, sempreverde e infine ben recintato. E piazzato proprio sopra quella dorsale verde anima del progetto Forlanini. Tutto all opposto di quell idea di natura e di agricoltura fruibile e dei sognatori del grande parco. Di qui il loro ritorno. Con l avvio di un comitato di cittadini di zona tre e quattro (comitato Grande Forlanini) che iniziava affiancandosi al consiglio di zona 4 per rifiutare l ipotesi di altri 34mila metri quadri di ampliamento, cruciali per trasformare il progetto del piccolo campo scuola in un vero e proprio (e ben più profittevole) campo di golf. Nel maggio scorso il comitato passava all azione, indicendo un convegno sul futuro del Parco. Presente l Assessore all Urbanistica Lucia De Cesaris che definiva una complicazione la presenza del campo golf, promettendo una revisione della convenzione e, forse, persino un uso diverso per quell area. Questo a maggio. Oggi però il cantiere per il campo da golf sembra, da pochi giorni, partito. Ed è già in corso una raccolta di firme per fermarlo. Ma i nuovi ostacoli sulla strada del grande Forlanini non finiscono qui. Sta per partire il progetto per la quarta linea della metropolitana milanese, che collegherà l aeroporto di Linate con la nuova stazione di Via Mezzofanti, nodo di interconnessione con la rete ferroviaria. Tutto bene, opera necessaria per l Expo E, in prospettiva anche di aumentare l accessibilità al parco Forlanini. Il problema però sta negli otto ettari di campo base per il cantiere che costruirà la stazione e la linea. Secondo il progetto originale dell Impregilo (la società incaricata dell opera) dovrebbe essere collocato tra via Cavriana e la massicciata ferroviaria, dietro la chiesa di viale Argonne. Un area agricola, pienamente parte del progetto del grande Forlanini, che invece per 6 anni verrà occupato da veicoli e container. Con una dubbia restituzione alla sua originale vocazione verde. Di qui la proposta, avanzata dal comitato Grande Parco Forlanini e da un consigliere di zona 3, di usare in alternativa l adiacente area (sterrata) della vecchia caserma Gavirate (la polveriera lungo viale Forlanini) oggi di proprietà della Valcomp 3. E in questi giorni è in corso una complessa trattativa su un possibile accordo per un affitto dell area. E quindi la salvaguardia di una preziosa area agricola, porta d ingresso del grande parco futuro. Il futuro del Centro Sportivo Crespi L importante impianto sportivo di zona ha bisogno di un consistente investimento di riqualificazione. Ma se un gestore privato da un lato garantirebbe gli interventi necessari, dall altro potrebbe mettere a rischio l accesso allo sport per le fasce più deboli. di Paolo Morandi Nel dicembre scorso, l Assessorato allo Sport ha deciso di mettere a bando gli impianti sportivi di Zona Saini e Crespi. Per il primo l intenzione è di verificare la possibilità che sia dato in gestione al CONI e all Università di Scienze Motorie, mentre per il secondo esiste una Delibera (1543/2011), votata negli ultimi giorni del mandato Moratti, che dà come indicazione l assegnazione del Centro Sportivo a Enti di Promozione Sportiva togliendolo alla gestione di MilanoSport. All interno della Commissione Sport del Consiglio di Zona si è aperta così la discussione sui vincoli da apporre al bando. Per aiutare il percorso della Commissione è stato aperto un Gruppo di lavoro sul decentramento. Alla prima seduta ha partecipato anche Jacopo Gandin, collaboratore dell Assessora Chiara Bisconti. Gandin ha raccontato al gruppo la visione strategica dell Assessorato nei confronti dei Centri Sportivi: togliere a MilanoSport la gestione degli impianti, delegandola a gestire le sole piscine; una maggior territorialità nella gestione degli impianti Sportivi, che però dovrebbero essere presi in concessione da Enti di Promozione Sportiva. I soldi a disposizione sono pochissimi, per cui l unica speranza di un miglioramento delle strutture può avvenire solo grazie ai privati. Un esempio è stata la concessione per la gestione del Centro Balneare Caimi di Zona 4, che, per permetterne la riapertura, è stato preso in gestione dalla Fondazione Pierlombardo. Quale fase preparatoria alla discussione del Crespi, il gruppo ha svolto alcune indagini conoscitive, acquisendo bilanci, attuali attività svolte presso il Crespi ed intervistando esperti del settore per capire i possibili scenari. L attuale disavanzo del Crespi, pur importante, non è di fatto proibitivo da colmare, ma a complicare le cose c è il pessimo stato di conservazione in cui versa l impianto: avrebbe bisogno di un consistente investimento per ammodernarlo e renderlo più produttivo. Così il sogno di come vorremmo l impianto sportivo cozza con la realtà delle cose: o c è un piano di investimento oppure è impensabile che in futuro si abbia un impianto a disposizione della zona. I costi di ristrutturazione e manutenzione di un simile impianto sono tali da allontanare qualsiasi pretendente. Le soluzioni sono in pratica due: lasciare l impianto ad un eventuale gestore senza porre nessun obbligo se non quello di riqualificarlo, (segue da pag.1) Gruppi di acquisto solidale Il gruppo compra assieme i prodotti alimentari, da produttori autoselezionati e se li redistribuisce. Detto così, freddamente, sembra un po poco. E infatti c è molto di più. Innanzitutto nel concetto intrinseco di solidarietà. Il Gas infatti compra prodotti direttamente da piccoli produttori agricoli e alimentari di cui i membri del gas hanno conoscenza diretta. Il gruppo quindi verifica periodicamente non solo la qualità alimentare e ecologica dei prodotti e il rispetto delle norme sul lavoro da parte delle imprese ma, anche, spesso ma così la Zona avrebbe di fatto perso la funzione che attualmente svolge, oppure che ci sia un intervento pubblico. L importante è che il Comune faccia fede al programma elettorale e che riconosca il valore sociale dell intervento di base delle attività sportive all interno delle Zone e che, quindi, finanzi l accesso allo sport per le fasce più deboli (anziani, adolescenti, portatori di inabilità, reddito ISEE inferiore ad una determinata cifra). Un altro intervento richiesto è quello di riconoscere tariffe super agevolate sui consumi, premiando quei gestori che intervengono sugli impianti con progetti di risparmio energetico. Altro possibile intervento è quello di destinare un pacchetto di quote di edificabilità della Zona per aste gestite dal Consiglio i cui proventi vadano alla riqualificazione di strutture pubbliche della Zona. Ci auguriamo che queste risorse si trovino, del resto è pura utopia che da un giorno all altro il Comune e MilanoSport (quale gestore attuale degli impianti) possano togliersi l enorme disavanzo di gestione scaricandolo sulle strutture di base, che, per loro stessa natura, sono società che quasi vivono alla giornata. Federazioni ed enti di promozione sportiva sono privi di risorse (notizia recente è il taglio orizzontale del 20% delle erogazioni del Coni verso le Federazioni), quindi è impensabile di scaricare su loro l onere, né, pensiamo, sia la soluzione migliore per la Zona. Ribadiamo quanto già detto, l unica soluzione che vediamo è una cordata di enti di promozione cui fanno capo le società sportive operanti nel Crespi e anche di società non legate ad Enti; intervento del Comune nell aiuto alla gestione; intervento del Comune nel piano di riqualificazione dell impianto. Partendo da queste riflessioni la Commissione Sport di Zona 3 ha lanciato un iniziativa che si configura come il primo esempio a Milano di definizione delle politiche di trasferimento alle Zone delle deleghe relative allo Sport. Il Consiglio di Zona 3 ha infatti approvato una delibera per definire le linee guida di un Bando di Concessione per il Centro Sportivo Crespi. È un passo che servirà anche ad altre Zone per definire linee strategiche nella definizione di Bandi di Concessione che vedano la valorizzazione delle attività sportive svolte dalle Società presenti in Zona. costruisce con i propri fornitori rapporti umani, di aiuto reciproco, di coinvolgimento culturale. E infine il Gas, in molti casi, diviene una comunità che produce cultura sul territorio, organizza incontri (sull alimentazione, la salute, l ambiente, l energia, i beni pubblici.) e iniziative, fino a farsi protagonista, come è stato per il Gas Lola, della raccolta di firme per la difesa dell acqua pubblica. Nella Zona 3 il tessuto dei Gas è vitale. Il sito di Intergas (la rete dei Gas Milanesi,www.gasmilano.org) ne elenca otto, ma altri (che preferiscono non pubblicizzarsi) sono attivi. Quattro esempi, tra tutti. Come il Gas Dem, relativamente recente, <che ancora è in fase di crescita _ spiega Vittoria Cova, una dei suoi coordinatori _ e tendiamo ad accogliere nuovi aderenti> (di solito un gas si stabilizza intorno a una quarantina di soci). E così il Gas Lola, anch esso giovane, <molto orientato anche all aspetto culturale del consumo critico e della sostenibilità _ dice Maurizio Lauro, il suo fondatore _ e della formazione di una rete di rapporti stabili con aziende agricole e produttori biologici>. E poi i gas storici della zona. Come il Città Studi e il Lambrate. Quest ultimo con ben 12 anni di esperienza (uno dei primi a Milano) e organizzatore anche di convegni sull economia e la crisi. E il Lambrate, con la sua coordinatrice Ileana Faidutti, impegnato nella costruzione della rete Intergas, la comunità cittadina del consumo critico che interconnette anche cascine agricole, produttori (per esempio di latticini biologici) e mercati. Ben di più, quindi, dell acquisto di cibo salutare. Il gas è anche un modo per attivarsi reciprocamente (diventando protagonista responsabile della scelta e gestione di un singolo prodotto per gli altri soci) e per partecipare a una ricerca comune su stili di vita migliori.

4 6 la città DELLE donne non profit 7 Universo queer Popolazione omosessuale e realtà italiana Il cammino verso la parità di genere è cominciato, ma la strada da percorrere è ancora lunga. di Eleonora Dall Ovo Un indagine Istat, redatta su incarico del Dipartimento Pari Opportunità, ci restituisce un quadro a luci e ombre del rapporto tra società italiana e omosessualità. Il 61,3% dei cittadini tra i 18 e i 74 anni ritiene che in Italia gli omosessuali siano molto o abbastanza discriminati; l 80,3% afferma che lo sono le persone transessuali, ma che, d altra parte, se gli omosessuali rivestissero ruoli socialmente più rilevanti, questo potrebbe creare problemi a molti: infatti per il 41,4% non è accettabile che un insegnante elementare sia omosessuale, per il 28,1% che lo sia un medico, per il 24,8% un politico, anche se oltre il 70% degli intervistati dichiara di non essere d accordo con affermazioni del tipo l omosessualità è una malattia, immorale, una minaccia per la famiglia. Si riconosce il diritto ad amare una persona dello stesso sesso (65,8%) e a una relazione affettiva e sessuale (59 %), ma si considerao che la discrezione nei comportamenti indispensabile per l accettazione sociale (55,9%). 62,8% concorda nel garantire per legge a una coppia di omosessuali conviventi gli stessi diritti di quelle sposate ma solo il 43,9% ritiene giusto che una coppia omosessuale si sposi e possa adottare dei figli (20%). Sono soprattutto le donne a condannare i comportamenti discriminatori, ad accettare le relazioni affettive di tipo omosessuale (circa 62% in ambedue i casi, contro rispettivamente il 55,2% e il 56,4% dei rispondenti uomini) e a rivendicare il riconoscimento di pari diritti per legge (66% contro il 59,4% degli uomini e lo scarto raggiunge i 7 punti quando si parla di matrimonio). politica e società Nel 2009 il 71,5% dei ginecologi italiani è risultato obiettore con punte che superano 85% in alcune regioni del meridione tanto da esserne privi in alcuni ospedali. Stessa situazione per gli anestesisti con una percentuale di obiettori pari al 51,7%. Trend in crescita anche per il personale paramedico coinvolto nell Interruzione Volontaria di Gravidanza. Dati preoccupanti che si confermano anche a livello regionale. In Lombardia, sono obiettori il 64% dei ginecologi-ostetrici, il 42% degli anestesisti e il 43% del personale sanitario. Insomma, la sanità italiana è fatta essenzialmente da obiettori e le conseguenze sono tangibili: le liste di attesa si allungano con ripercussioni per la donna in termini di stress psico-fisico, difficoltà ed esiti dell intervento per non parlare poi delle povere disgraziate, specialmente in alcune regioni al sud, obbligate a migrare da un ospedale all altro per trovare una struttura con un medico disponibile ad eseguire l intervento, perché, piaccia o meno, è ancora un loro diritto per legge. I medici non-obiettori Sono rimasti in pochi. Le nuove leve, ovviamente, preferiscono fare interventi di alta specialistica piuttosto che abbruttirsi in una manovalanza professionalmente non gratificante e l obiezione di coscienza è un criterio determinante per fare carriera. L obiezione viene di frequente, in modo più o meno ufficiale, richiesta per l assunzione dalla direzione sanitaria e quindi dagli stessi primari. Va ricordato a questo proposito che, giusto in Lombardia, regno incontrastato di Formigoni e quindi con marchio Cl, la maggior parte dei primari, guarda caso, sono obiettori. Gli operatori nei Consultori Familiari... I consultori familiari nati per legge nel 75 sono state strutture innovative per la prevenzione, la tutela della salute della donna. Un passaggio storico voluto fortemente dalle donne, ma anche un modello sanitario realmente innovativo che lavorando sulla prevenzione ha ridotto le interruzioni di gravidanza del 50% negli anni con la conoscenza e consapevolezza contraccettiva. È del 1978 la legge sulla IVG. Stiamo parlando di donne che morivano per aborti clandestini fatti nella migliore delle ipotesi su tavoli di cucina o, per le più fortunate e ricche, all estero (fenomeno paragonabile per certi versi alle attuali migrazioni di coppie sterili per usufruire della fecondazione eterologa vietata per legge in Italia e dai forti poteri della Chiesa e da chi per essa.) È in corso una battaglia politica che, strumentalizzando questo diritto, mira essenzialmente a isolare le donne negando loro il diritto alla interruzione di gravidanza sancito da una legge voluta dalle donne, conquistata con fatica e ora resa quasi totalmente inefficiente. Obiezione di coscienza in ambito medico. Ma è vera obiezione? di Marzia Frateschi Attualmente i consultori non godono di buona salute: decimati, accorpati, sostituiti con leggi regionali ad hoc da consultori di matrice cattolica. Nelle Asl di Roma tra la fine del 2011 e l inizio del 2012, a causa di pensionamenti e trasferimenti, gli operatori dei consultori familiari pubblici sono diminuiti di circa 50 unità. e negli ospedali pubblici A questo scenario si aggiunge il problema degli ospedali pubblici gestiti in parte da ordini religiosi, dove le interruzioni di gravidanza non vengono proprio eseguite, proibiti l inserimento di contraccettivi come la spirale intrauterina ritenuta abortiva, negata la contraccezione d urgenza. Stiamo parlando di ospedali accreditati, che noi contribuenti paghiamo e spesso, come in Lombardia, fiori all occhiello della sanità. Le mozioni presentate Sono state presentate alla camera quattro mozioni sul diritto alla obiezione di coscienza in campo medico, paramedico e con estensione ai farmacisti. Mozione bipartisan sottoscritta, tra gli altri, da Polledri (Lega), Roccella, Di Virgilio e Mantovano (Pdl), Volontè, Buttiglionie e Binetti (Udc), e dal leader dei cattolici PD Beppe Fioroni. Mozione a parte del Pd e Idv, che pur riconoscendo il diritto da parte di medici e paramedici all obiezione di coscienza, chiedono sia garantito allo stesso tempo anche il diritto delle donne a interrompere la gravidanza. Insomma una regia sapiente e geniale. Aggirando la legge sull interruzione di gravidanza non facile, almeno per ora, da abrogare, decimati i consultori pubblici, creata una dinastia di primari per lo più obiettori, viene allargata e legittimata l obiezione di coscienza medica isolandola da un contesto globale di tutela dei diritti della collettività anche in termini di salute e cura. Il punto non è negare il diritto alla obiezione di coscienza in campo medico ma auspicare che, a dispetto di qualsiasi ideologia, venga avviata una discussione costruttiva per promuovere una legge che la regolamenti, allo scopo di migliorarne l esercizio. In realtà, non sta succedendo nulla di tutto ciò e, anzi, siamo spettatori di una iniziativa politica che ipocritamente strumentalizza il diritto alla obiezione al fine di negare lo stesso diritto alla interruzione di gravidanza. E intanto le donne? Beh, pazienza, si arrangeranno, non è affare dei nostri politici... Il volontariato in tempo di crisi Il clima di insicurezza generato dalla crisi economica non risparmia il terzo settore; questa è la realtà fotografata dall indagine Astraricerche sul rapporto degli italiani col volontariato. Ecco i risultati, che emergono dal confronto tra le risposte fornite da un campione di persone (dai 18 ai 69 anni) e quelle di un analoga indagine del 2009: il 10% di volontari in meno; il 9% di donatori in meno; il 30% degli intervistati ritiene eccessivo il numero degli enti questuanti; il 20% teme che le offerte non vadano a buon fine; il 15% non si interessa al volontariato perché non ha fiducia nel futuro; il 10% approva l egoismo come forma di sopravvivenza. Dati pesanti, che ci devono far riflettere sull impatto che la crisi ha anche nel terzo settore e su come affrontarla. D altra parte non bisogna dimenticare che, secondo la stessa indagine, sono 9,3 milioni gli italiani che fanno volontariato (il 23% della popolazione adulta), 9,7 milioni quelli che fanno offerte, 17,7 milioni (+ 6%) quelli che destinano il 5 per mille a enti non profit. E il 14% degli intervistati dichiara di voler cominciare un attività di volontariato nel corso del prossimo anno. Il calcio per tutti Sport inclusivo per imparare a rispettarsi Lo sport collettivo, tout court, è sicuramente l ambito in cui si possono più facilmente trovare occasioni di integrazione: primo fra tutti il calcio è quello che si è dimostrato negli anni il terreno ideale essendo il più trasversale e il meno dispendioso. Se, finora, le diverse esperienze fatte e le manifestazioni svolte con il coinvolgimento di istituzioni (CdZ 14, 4, 3, 9, 1) e associazioni del mondo dell handicap e dello sport, sono state tutte positive, anzi entusiasmanti, ma slegate fra loro, da quest anno, le associazioni promotrici, la As.P.E.S.a sd di Lambrate e il Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana onlus, puntano a renderle permanenti attraverso la costruzione di un circuito stabile che riunisca tutte le esperienze di calcio vissuto come puro divertimento, ma con spirito agonistico e con la capacità di accogliere le diversità e integrarle nel rettangolo di gioco attraverso la formula già ampiamente sperimentata del 5+3. Un impegno consistente, ma proficuo sia per i giovani con handicap che per gli altri, che hanno potuto trovare un ambiente ludicosportivo-agonistico, capace di offrire opportunità di esprimersi secondo le proprie possibilità, in un ambiente positivo e ricco di scambi interpersonali. L idea di base non è quella del normodotato che accoglie l handicappato, ma quella di un rapporto in cui entrambi sono disposti a incontrarsi ricavandone un arricchimento reciproco. E non si fa finta di giocare. Si gioca davvero! e, per questo, ci si diverte: scegliendo condizioni e regole specifiche (numero di giocatori e superficie di gioco ridotti), ma non facilitazioni per i più deboli e che vinca il migliore. (P.S.) Una casa solidale Accoglienza per i piccoli pazienti del Besta e dell INT CasAmica, presente in zona dal 1986, ha una storia bellissima, è cresciuta attraverso un coinvolgimento sempre maggiore dei volontari che si dedicano a offrire ospitalità ai pazienti dell Istituto dei Tumori e del Besta e ai loro familiari provenienti da tutta Italia. La prima casa fu aperta in via Saldini, la seconda nella poco distante via Fucini e, ora, le due ultime presso la famosa Chiesa Rossa in fondo a viale Argonne, dove anche grazie a un contributo di euro della Fondazione Cariplo, le due enormi navate laterali della chiesona sono state chiuse per far posto alle quattro stanze della Casa per i bambini, creata per offrire anche ai più piccoli un luogo dove condurre, nel delicato momento della malattia, una vita normale, per quanto possibile. Nel corso del 2011 la struttura ha ospitato persone, il 61 % delle quali provenienti dal Sud e dalle Isole. A febbraio 2012, l associazione è stata, tra l altro, insignita del Premio Campione di solidarietà 2012 consegnato dal Sindaco Pisapia, nelle mani della signora Vedani, la più antica volontaria di Casamica. A giugno 2012 una folla festante ha partecipato, alla presenza del vescovo Scola, alla cerimonia d inaugurazione del secondo piano della Casa: ad oggi in Via Achilleo sono disponibili, 12 camere con servizi cui si aggiungono una lavanderia e una cucina attrezzata. C è solo da augurarsi che il progetto Città della salute non vanifichi tutto il lavoro fatto per dar vita a questa realtà solidale.cosa sarà di queste case amiche nell eventualità di uno spostamento di Istituto dei Tumori e Besta? Basterà una navetta per colmare la distanza tra i malati e i cittadini solidali? (A.N.) Scuola e integrazione Borse di studio per giovani talenti Ormai da 5 anni lavora in zona 3 l associazione intitolata alla memoria di Fiorella Ghilardotti, dirigente sindacale, già Presidente della Regione e parlamentare europea, scomparsa nel Nell intento di continuarne l impegno sociale, in una prospettiva di multiculturalità, l associazione si dedica a sostenere nel percorso d istruzione superiore giovani, ragazze e ragazzi, che siano capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi come recita la nostra Costituzione. Questi vengono contattati nelle scuole medie di zona a fine corso, a ognuno viene assegnato un tutor per gestire i rapporti scuolafamiglia, seguire l andamento scolastico e risolvere eventuali problemi. Nei primi 3 anni del percorso scolastico ricevono anche una piccola borsa di studio per l acquisto di libri di testo e le spese riguardanti la scuola. Così facendo l Associazione Ghilardotti è riuscita a favorire l integrazione di molte giovani immigrate nella nostra società accompagnandole nel loro difficile percorso. Per capire a pieno la portata di questi interventi, basta pensare alle difficoltà che si incontrano con i nostri adolescenti e moltiplicarle per cento o per mille: contestazione, ribellione, rifiuto, difficoltà a rapportarsi con il reale; occorre comprendere la frustrazione di chi, giunto a metà di un percorso scolastico magari promettente, si ritrova improvvisamente in un altro Paese di cui non conosce la lingua, la cultura, l organizzazione sociale, e si sente emarginato dovendo dipendere dalle elargizioni altrui. Poi, c è anche chi è privo di strumenti culturali e, quindi, incapace di immaginare per sé alternative positive d appartenenza; le conseguenze sono l emarginazione e la perdita d identità senza via d uscita. Se si viene considerati estranei e stranieri e non titolari di diritti uguali, con capacità diverse, ma uguali possibilità, ci si autoesclude facilmente. È forse questa la stupidità umana più grande: l impossibilità di immaginare un futuro in cui esista un ruolo anche per chi viene ora rifiutato. Allora che cosa è meglio: favorire l integrazione oggi o la ribellione domani? (Associazione Fiorella Ghilardotti) Dal bullo al bullone Imparare un mestiere per superare l emarginazione Cidiesse è una cooperativa sociale impegnata da 23 anni nell inserimento lavorativo di giovani con difficoltà sociali e personali. Il progetto Dal bullo al bullone è la nuova sfida che i suoi soci hanno voluto lanciare: partendo dal successo ottenuto nel reinserimento di ex tossicodipendenti hanno deciso di sperimentare un progetto destinato ai minori. Sicuramente è più faticoso ha confessato uno dei responsabili perché questi ragazzi non hanno regole, hanno tutti lasciato la scuola, e nessuno li tiene più : proprio quando sembrerebbe inevitabile gettare la spugna, ecco che l impegno di Cidiesse diventa decisivo per superare l emarginazione attraverso l inserimento lavorativo nella progettazione e costruzione di quadri elettrici, che ad oggi vede impegnati 5 ragazzi, affiancati da operai e dagli psicologi ed educatori inseriti in azienda. Una vera opportunità per chi vorrà provarci: nel laboratorio si lavora duramente, ma le regole valgono per tutti; i ragazzi sono assunti con regolare contratto e seguiti fino all inseriemento in altre aziende. Sebbene l azienda non ricavi direttamente vantaggi da questa scelta e nonostante la crisi che, nel biennio , ha comportato la cassa integrazione, il suo fatturato è cresciuto nell ultimo anno grazie a nuove scelte produttive e commerciali. Il portafoglio clienti della cooperativa è quanto mai vario: dalla multinazionale KSB, al Comune di Milano che, dopo l elezione di Pisapia gli ha commissionato alla Cidiesse materiale per la ristrutturazione del campo nomadi di via Idro. La qualità dei prodotti è certificata UNI EN ISO insomma, siamo di fronte a un modello di efficienza produttiva e sociale. (Antonella Nathanshon) Diritti Una rubrica dedicata al diritto di famiglia e al diritto del lavoro in un ottica che privilegia i principi della tutela della donna e delle pari opportunità. Su z3xmi. it, le Avv. Francesca Agnisetta e Barbara Fezzi affrontando tematiche legali forniscono un reale e concreto servizio di informazione e orientamento alle lettrici. Ecco alcuni esempi: Assegno di mantenimento e convivenza con un nuovo compagno Rapporti sessuali coercitivi nella coppia: reato? Conciliazione tra i tempi del lavoro e quelli della famiglia Tutela della maternità sul posto di lavoro Dove batte il cuore delle donne? Un libro per riflettere sui desideri delle donne rispetto alla politica e nelle istituzioni. Prima più conservatrici degli uomini, poi più progressiste e infine molto berlusconiane. Così è cambiato il voto al femminile in questo scorcio di secolo. Ma dove batte, in realtà, il cuore delle donne? Il libro, scritto a 4 mani da Assunta Sarlo e Francesca Zajczyk, vuole cercare di capire perché le donne sono restie a impegnarsi in politica in prima persona. Dalle conservatrici e parrocchiane che votavano in massa per la Democrazia Cristiana alle supporter di Silvio Berlusconi; in mezzo sta la profonda trasformazione operata dal femminismo nella nostra società che ha aperto la strada al cambiamento delle nuove generazioni. In queste pagine il doppio sguardo, della giornalista e della sociologa, indaga e interpreta, con dati alla mano, il rapporto controverso delle italiane con la politica da quando, tra le ultime nel mondo occidentale, hanno votato per la prima volta nel 46 alle ultime elezioni amministrative. Una fotografia che non lascia dubbi al fatto che «laddove le donne trovano produttivo per le proprie capacità impegnarsi nello spazio pubblico, laddove la politica raccoglie ed emenda il difetto del monopolio maschile e sembra intenzionata a intercettare i bisogni reali della comunità, le donne non fanno mancare la propria presenza e il proprio investimento». veniteci a trovare su e su Facebook la città delle donne di Z3xmi.it Aiutiamoli a vederci chiaro Oltre 100 sussidi ottici, elettronici e informatici, per migliorare la vista a qualsiasi età Dal 1970 è presente in zona 3 l Associazione Subvedenti Onlus (A.N.S. ) che si occupa di subvedenti o ipovedenti con una particolare attenzione all area educativa e tecnologica. A differenza dei ciechi, le persone ipovedenti hanno un residuo visivo, seppur minimo, e hanno bisogno di interventi personalizzati a seconda della patologia, dell acuità visiva (centrale o periferica) e di tutta una serie di variabili che rendono ogni ipovedente diverso dall altro. Per questo l A.N.S. offre ai ragazzi affetti da queste patologie, un servizio di accompagnamento scolastico e servizi specificamente mirati alle scuole in cui questi allievi sono inseriti. Tra questi ci è parso utile presentare i più significativi. L Ausilioteca Tommaso è un servizio localizzato presso la Biblioteca comunale di via Valvassori Peroni 56, che offre, su appuntamento, un percorso di circa un ora, che con il supporto di esperti serve per imparare a conoscere gli oltre 100 strumenti ottici, elettronici ed informatici utili a superare le difficoltà visive e i problemi di dislessia. Robobraille è così chiamato il servizio gratuito, veloce e accurato, che attraverso internet o la posta elettronica, è in grado di convertire in audio mp3 documenti elettronici in svariati formati (dai PDF e alle immagini GIF e JPG) offrendo un insostituibile e immediato supporto dalla didattica per insegnanti e studenti; per poterne usufruire basta una normale connessione a Internet. Per il progetto Robobraille l A.N.S. è partner europeo e funge da contatto per gli operatori scolastici del nostro territorio: è possibile rivolgersi alla sua sede di Milano: L.go Volontari del Sangue, internet: PER SAPERNE DI PIÙ Il non profit è un universo ricco e sorprendente. Su potrete leggere anche Rugby, passione e libertà Nonni felici Salvadanaio Salute Baseball? Sì, ma per ciechi Soleterre. Strategie di pace e molto altro ancora. E se siete una onlus o un associazione che opera in zona e volete farvi conoscere, contattateci a questa mail:

5 8 consiglio di zona Su informazioni sulle attività del CdZ 3 (calendario dei lavori, convocazioni delle Commissioni, delibere). Qui riprendiamo alcune iniziative intraprese nei mesi scorsi e tutt ora valide. Ricordiamo a tutti i cittadini che le riunioni del Consiglio di Zona sono aperte al pubblico. Sportello per il Precariato Un servizio gratuito offerto ai cittadini. In Zona 3, quattro avvocati volontari specializzati in diritto del lavoro si alternano per fornire consulenza: sul lavoro precario o flessibile, ad esempio lavoro in nero, contratti a termine, contratti di collaborazione (co.co.co.), contratti a progetto (co.co.pro.), partite IVA, lavoro tramite agenzia; su ogni altra problematica in materia di lavoro, anche non flessibile, ad esempio licenziamenti, de-mansionamenti, infortuni sul lavoro, mancate promozioni, atti discriminatori, mobbing. Lo sportello è aperto il giovedì dalle ore alle ore 21.00, presso la sede del Consiglio di Zona 3, piano rialzato a destra dell ingresso. Per informazioni e appuntamenti: Settore Zona 3, Sig. Sallustro (tel , da lunedì a venerdì ore 10.00/ /16.00) Due mercati agricoli in Zona 3 Il CdZ 3 ha concesso il patrocinio gratuito all iniziativa dall Associazione Donne in Campo Lombardia, aderente alla Confederazione Italiana Agricoltori che, da aprile 2012, organizza un mercato agricolo in via Spallanzani il primo giovedì del mese dalle 8.30 alle e uno in piazza Durante il secondo sabato del mese dalle 8.30 alle 14. A Milano non erano ancora stati istituiti i mercati agricoli riservati alla vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli previsti dal Decreto del Ministero delle Politiche Forestali del 20 novembre 2007 (Decreto De Castro). Nel febbraio 2012, il Consiglio di Zona 3 ha quindi considerato che, in base alle finalità di Expo 2015 e all obiettivo di sviluppo dell agricoltura intorno a Milano, in particolare nel Parco Sud, fosse opportuno promuovere anche in Zona 3 lo sviluppo di mercati in cui gli imprenditori agricoli nell esercizio dell attività di vendita diretta potessero soddisfare le esigenze dei consumatori, in ordine all acquisto di prodotti agricoli con un diretto legame con il territorio di produzione, situato a una distanza limitata da Milano (filiera corta). L Assessorato alle attività produttive si è reso disponibile a concedere una deroga alla normativa vigente sulla frequenza dei mercati, in attesa che il Consiglio Comunale istituisse i mercati agricoli definendo il loro disciplinare. Da qui, la nascita di questi due nuovi mercati agricoli nella nostra zona. Le cantine del Mercato Comunale di via Rombon a disposizione dei GAS di Zona La Commissione Lavoro e Attività produttive ha preso in esame alcune proposte riguardanti i Mercati Comunali coperti di via Rombon e di largo Fusina. La commissione Lavoro e Attività produttive ha esaminato nella riunione del 13/12/2011 la comunicazione pervenuta dal Settore Commercio, Servizio Mercati Comunali Coperti che contiene l elenco dei posteggi liberi e delle merceologie definite negli incontri con i fiduciari dei mercati e le Associazioni di categoria, in funzione della predisposizione di un bando pubblico per l assegnazione di questi posteggi. La commissione ha ascoltato una relazione del fiduciario del mercato di via Rombon sulle scelte merceologiche proposte e le ha confermate e ha anche confermato la scelta proposta per il mercato di via Fusina. La commissione si è raccomandata che venga rispettato l art. 21 del Regolamento per i mercati comunali coperti che impone che i prezzi delle derrate e altri generi siano inferiori almeno del 5% di quelli praticati nei negozi per generi di uguale tipo e qualità e che vengano riprese le offerte speciali fatte in passato in quattro periodi dell anno. Per quanto riguarda le cantine del mercato di via Rombon, dato che spesso non vengono richieste dagli assegnatari dei posteggi, la commissione richiede che le cantine non assegnate al termine del bando vengano assegnate con il solo pagamento delle spese di gestione del mercato a Gruppi di Acquisto Solidale e Associazioni di Volontariato Sociale che le utilizzino per lo stoccaggio e distribuzione delle loro merci. Attualmente due cantine del mercato di via Rombon sono state assegnate ad ambulanti esterni e il fiduciario del mercato di via Rombon presume che, in base alle merceologie proposte, quattro cantine rimarranno non assegnate. Le cantine hanno una rampa di accesso e quindi consentono un agevole carico e lo scarico delle merci, sono inoltre separabili dai posteggi al piano superiore e quindi utilizzabili anche negli orari di chiusura del mercato consentendo il ritiro delle merci negli orari serali. L utilizzo del mercato di via Rombon anche in ore serali consente inoltre di ridurre la prostituzione esercitata nel parcheggio intorno. Sono pervenute sia a livello centrale che di zona richieste di Gruppi di Acquisto Solidale per strutture gratuite di stoccaggio e il programma del Sindaco contiene un impegno in tal senso. La commissione auspica pertanto che il settore Commercio accolga la richiesta, che potrebbe pervenire anche da altri consigli di zona. Si propone anche di istituire un servizio di consegna degli acquisti a domicilio per gli anziani. Una delibera sulle sale gioco Il 18 febbraio 2012, su proposta della Commissione lavoro e attività produttive, il CdZ 3 ha approvato una delibera sulle sale gioco. A seguito del proliferare di richieste di apertura di Sale Gioco da parte dei privati, il Settore Commercio-Ufficio Sale Giochi ha inoltrato una richiesta al Consiglio di Zona 3 e al Comando zonale di Polizia Locale. Le richieste di apertura non risultano mai corredate di specifiche e puntuali informazioni che spieghino la tipologia di giochi trattati all interno dei locali, la quantità, l utenza potenziale coinvolta e l impatto qualitativo e quantitativo sullo stabile interessato e sul quartiere circostante. Ci sono poi altre considerazioni relative al proliferare di circoli privati ed esercizi pubblici (bar, caffè, etc) che hanno installato slot machines, eludendo così la normale procedura amministrativa prevista per l autorizzazione all avvio della tipologia di queste attività. La situazione socio-economica di molti quartieri ha convinto il Consiglio di Zona a non inserire tali attività: esse sarebbero ben presto diventate calamita e riferimento per una serie di situazioni negative, che è molto difficile contrastare efficacemente e radicalmente a causa della gravità e concentrazione soprattutto in realtà difficili e complesse. Così si è giunti alla valutazione negativa da parte del CdZ 3 sulla possibilità di apertura di sale giochi e all invito alla Giunta e al Consiglio Comunale a rendersi parte attiva nei confronti della Questura di Milano, affinché nella procedura finalizzata al rilascio delle licenze, valuti anche congiuntamente al Comune di Milano, il cosiddetto impatto ambientale che simili esercizi potrebbero avere sul tessuto urbano, sotto il profilo sociale e della sicurezza urbana. Il CdZ3 ha anche chiesto alla Polizia di Stato e Locale di verificare la correttezza delle richieste fatte da circoli privati e locali pubblici. Il CdZ 3 ha portato avanti anche un progetto di apertura di uno sportello gratuito di ascolto per aiutare le vittime della dipendenza da gioco compulsivo e i loro familiari. Il Consiglio di Zona 3 Sede via Sansovino 9, Milano (adiacenze viale Abruzzi, mezzi pubblici: M1-M2 Loreto, Filobus 92) Centralino Tel /58361 Fax Protocollo Tel Fax Sportello Milano Semplice (Anagrafe) Tel /4/5/6/7/8 Fax Polizia Locale Zona 3 Tel Numero unico stampato presso: Lasergraph Srl Via Giuba Milano Sul sito è attivo un Servizio di segnalazioni su problematiche ed eventi della zona. Le segnalazioni pervenute vengono trasmesse agli organi competenti o pubblicate sul webmagazine. Vivere la città x cambiare Milano Nel settembre del 2011 nascevano i Comitati x Milano, un movimento generato dalla straordinaria esperienza di partecipazione dei cittadini milanesi alle elezioni comunali a sostegno di Giuliano Pisapia. di Paolo Burgio I Comitati x Milano intendono anzitutto costituire un ambito in cui incontrarsi e confrontarsi, interagire con le realtà territoriali, i Consigli di Zona, i partiti, le associazioni e le istituzioni, superando appartenenze politiche e distinzioni, mettendo a disposizione conoscenze, professionalità e capacità individuali. Hanno un obiettivo primario: favorire la partecipazione dei cittadini ai processi di trasformazione della città, imposti dai problemi derivanti dal traffico, dal trasporto pubblico, dalla viabilità, dallo sviluppo urbanistico e dalla cura del territorio; nella convinzione che quanto maggiore sarà la partecipazione attiva dei cittadini, tanto maggiore sarà il recupero di un accettabile qualità della vita in città. Comitati: domande e risposte Come operano? Suddivisi nelle nove Circoscrizioni di zona e nei diversi quartieri nelle zone più grandi, seguendo le attività dei Consigli di Zona e delle loro Commissioni, i Comitati x Milano agiscono attraverso gruppi di lavoro che seguono le problematiche relative alla scuola e all educazione, al lavoro, all uso del territorio (parcheggi, piste ciclabili, verde pubblico), all ambiente (traffico, riduzione delle emissioni, recupero energetico), al consumo critico. Chi partecipa? Chiunque voglia mettersi liberamente a disposizione nel rispetto delle linee di azione tracciate dalla Carta Costitutiva (scaricabile dal sito Come sono organizzati? Ogni comitato di zona o di quartiere si riunisce periodicamente, ogni settimana o 15 giorni, per discutere le attività riguardanti le iniziative in corso o da promuovere, gli incontri con altre associazioni, la partecipazione a eventi; la gestione organizzativa, ossia la convocazione delle riunioni e degli argomenti da discutere, è affidata a due o più coordinatori, che a loro volta si incontrano con cadenza mensile per un coordinamento generale a livello cittadino e per la programmazione di un incontro annuale aperto a tutti. Come si finanziano? In proprio, senza ricevere alcun supporto economico esterno, ciascuno partecipa con un piccolo contributo ogniqualvolta si debbano pagare le sedi per le riunioni, la stampa di volantini o altro materiale da distribuire. COMITATO X MILANO ZONA 3 Vanta 400 iscritti alla mailing list e la presenza di almeno 70 attivisti a ogni riunione che, di norma, si svolge il lunedì dalle h.21.00, presso il Circolo Arci Fiocchi di viale Lombardia 65. Al suo interno lavora il Comitato di quartiere Feltre. I lavori sono organizzati in gruppi, ognuno dei quali si occupa di tematiche specifiche: Ascolto/ Comunicazione; Consumo Critico; Lavoro; Mappatura; Territorio; Giovani e scuola; Redazione sito e free press; Biblioteche; Donne e cultura; ONG - Expo dei Popoli.

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015 All incontro hanno partecipato 40 persone registrate (più alcuni

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE

CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE Resoconto di un sopralluogo sull anello Firenze (ponte all Indiano), Scandicci, Lastra a Signa, Signa, San Donnino, Firenze(ponte all Indiano)

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze novembre 2006 SCUOLA PRIMARIA MANZONI

Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze novembre 2006 SCUOLA PRIMARIA MANZONI Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze CITTÀ verde Più natura in città La città di Paderno Dugnano me la immagino con nuovi parchi, con molti alberi e molto

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

dialoghi d Ark Nardo Goffi Architetto presenta: dialoghi d Ark 7 giugno 2011 N a r d o G o f f i a r c h i t e t t o

dialoghi d Ark Nardo Goffi Architetto presenta: dialoghi d Ark 7 giugno 2011 N a r d o G o f f i a r c h i t e t t o dialoghi d Ark Nardo Goffi Architetto presenta: dialoghi d Ark 7 giugno 2011 N a r d o G o f f i a r c h i t e t t o 1 di: Lorenzo Piscopiello Nardo Goffi, classe 1966, dopo una rocambolesca esperienza

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Progetto NuovisPazzi Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Luogo: Padiglione Lavanderia, Ex O.P. Antonini di Limbiate ( Loc. Mombello) Premessa: Non

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

PROGRAMMA per un WE 21 > 22 giugno 2014

PROGRAMMA per un WE 21 > 22 giugno 2014 PRESENTA PROGRAMMA per un WE 21 > 22 giugno 2014 Gli Esercizi di Psicogeografia sono stati previsti come momenti di sosta in un viaggio che, con il prossimo ampliamento del PMVL a Milano e Monza, ha come

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA L OBIETTIVO È CREARE UN POLO AGRICOLO, L OCCASIONE PER RIUNIRE I DIVERSI SETTORI DELL AGRICOLTURA E COLLEGARLI CON UN PUBBLICO ETEROGENEO, CREANDO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Caro amico Se stai leggendo forse è perché sei in cerca di una soluzione abitativa innovativa che si chiama co-housing.

Caro amico Se stai leggendo forse è perché sei in cerca di una soluzione abitativa innovativa che si chiama co-housing. Caro amico Se stai leggendo forse è perché sei in cerca di una soluzione abitativa innovativa che si chiama co-housing. Sono importanti le isole di cooperazione nell abitare, ma anche nel lavoro, che trovano

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Cerchi d acqua e policromie cristalline

Cerchi d acqua e policromie cristalline Cerchi d acqua e policromie cristalline Entriamo nella casa del lago. Vanni scruta l ambiente da esperto. Apre le grandi finestre, lasciando entrare l aria fresca e pulita. Un odore d antico c investe.

Dettagli

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO 1 Argomento FASE STORICA 1 FASE : La prima colonia marina di Ostia nacque nel 1916, su progetto dell'architetto

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 Giugno 2010 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 2 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Mappa Concettuale CREOLIZZAZIONE = RELAZIONE di ELEMENTI ETEROGENEI provenienti da DIVERSITÀ CULTURALE

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Capannori. Speciale lavori pubblici 3. - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori

Capannori. Speciale lavori pubblici 3. - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori Capannori Speciale lavori pubblici 3 - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori Nel trentennale dello spostamento del municipio da Lucca a Capannori festeggiamo una delle più grandi opere

Dettagli

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città.

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. IN GIRO PER LA CITTÀ In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. Allora, ragazzi, ci incontriamo oggi pomeriggio alle 3.00 in

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

W P E VIAGGIO FOTOGRAFICO CHERNOBYL, LA ZONA PROIBITA 26 SETTEMBRE - 3 OTTOBRE. Struttura del Viaggio fotografico

W P E VIAGGIO FOTOGRAFICO CHERNOBYL, LA ZONA PROIBITA 26 SETTEMBRE - 3 OTTOBRE. Struttura del Viaggio fotografico W P E VIAGGIO FOTOGRAFICO CHERNOBYL, LA ZONA PROIBITA 26 SETTEMBRE - 3 OTTOBRE Questo workshop fotografico ci porterà all interno della zona di esclusione di Chernobyl, un luogo entrato tragicamente nella

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono?

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono? io sono l alternativa non alternativa L'Aura Abela è l'artista forse più conosciuta presente nel nuovo cd di Enrico Ruggeri dal titolo "Le canzoni ai testimoni" uscito il 24 gennaio. L'Aura è colei che

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

NUOVI ASILO NIDO A MOSTACCIANO E TORRINO - MEZZOCAMMINO

NUOVI ASILO NIDO A MOSTACCIANO E TORRINO - MEZZOCAMMINO Roma, marzo 2012 Federico Siracusa Vice Presidente del Consiglio MUNICIPIO ROMA XII EUR www.federicosiracusa.it NUOVI ASILO NIDO A MOSTACCIANO E TORRINO - MEZZOCAMMINO I due nuovi asili nido, che si trovano

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Sembra un fiore che giorno dopo giorno ci presenta una sfumatura dei propri petali.

Sembra un fiore che giorno dopo giorno ci presenta una sfumatura dei propri petali. Agosto-- Galliate ( NO ) Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Ogni giorno vediamo crescere la nostra struttura, da semplici fondamenta si

Dettagli

Psoprattutto nella fase di informazione,

Psoprattutto nella fase di informazione, UNA VISIONE DALLA PARTE DELL UTENZA DEBOLE, CICLISTI E PEDONI Marco Passigato FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta rima di iniziare vorrei ringraziare le associazioni che hanno collaborato,

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli