DANIELE LIEVI IL TEATRO. I SEGNI. scenografia. mostra a cura di Bianca Simoni ed Elena Cantarelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DANIELE LIEVI IL TEATRO. I SEGNI. scenografia. mostra a cura di Bianca Simoni ed Elena Cantarelli"

Transcript

1

2 COMUNE DI BRESCIA PROVINCIA DI BRESCIA ASSOCIAZIONE ARTISTI BRESCIANI COMITATO PER IL RICORDO DI DANIELE LIEVI scenografia DANIELE LIEVI IL TEATRO. I SEGNI mostra a cura di Bianca Simoni ed Elena Cantarelli 176 aab edizioni aab - vicolo delle stelle 4 - brescia dall'8 gennaio al 2 febbraio 2011 orario feriale e festivo lunedì chiuso

3

4 Il ricordo di Daniele Lievi Tino Bino Bisogna pur dire: ricordo. La memoria peraltro è la sola fedeltà alla vita. Ricordo come fosse oggi quel novembre di vent anni fa, il giorno dei funerali di Daniele; una giornata di pallido sole sul lago avvolto in una bruma leggera, pacifica, conciliante, che enfatizzava il silenzio del porticciolo di Villa a Gargnano. E ricordo il lungo corteo di amici che lo accompagnarono nell ultimo viaggio: teatranti e spettatori, conoscenti e collaboratori e la gente di Gargnano, increduli per la scomparsa di un così giovane talento della cultura. Sì, Daniele era un talento precoce della scena e della cultura. A quell età, laurea in architettura, aveva già diretto con il fratello Daniele il Burgtheater di Vienna, che è, anche fisicamente, la Scala, il tempio riconosciuto delle macchine teatrali europee. Andai qualche volta a trovarlo nel suo ufficio viennese. E andai a vedere le prime teatrali sue e di Cesare a Berlino, a Francoforte, a Basilea. Daniele e Cesare erano divenuti celeberrimi nei teatri di mezza Europa, dopo l esordio nel teatrino di Gargnano, dove arrivai più sere in compagnia di uno dei loro più affezionati ammiratori, Luigi Bazoli, per vedere e rivedere quel breve, intenso ed emozionante, struggente Barbablù ripreso adesso al Santa Chiara da Cesare come una parte dell omaggio a Daniele, a vent anni dalla scomparsa. Ed è questo l anniversario che giustifica, nella sede dell AAB, la riproposizione di buona parte del suo lavoro, dei suoi bozzetti di scena, delle sue Carte segrete, delle sue scenografie, delle sue geniali composizioni grafiche, del suo naturale talento, condensato nei non molti anni della sua attività. Non perderne la memoria è stato l obiettivo del comitato di amici che firmano questa esposizione; e insieme, in questa sede, consegnare Daniele, definitivamente, alla memoria della pittura e della cultura bresciane. 3

5

6 Daniele Lievi: una vita per l arte Elena Cantarelli Verona, 14 settembre «Ed ora, della mia gita sul lago. Questa si compì felicemente con grande esultanza del mio spirito per lo splendore dello specchio d acqua e della riva bresciana che ne è bagnata. A ponente, dove la montagna non è più a picco ed il suo suolo discende più dolcemente intorno al lago, si stendono in fila per il tratto di circa un ora e mezzo i paesi di Gargnano, Bogliaco, Cecina, Toscolano, Maderno, Gardone e Salò, sdraiati tutti sulla riva. Non è possibile esprimere a parole l incanto di questa lussureggiante riviera.» 1 Con parole piene di meraviglia Goethe descrive la sponda bresciana del lago di Garda, durante il suo viaggio in Italia. Proprio su questa riva, per la precisione a Villa di Gargnano, uno dei piccoli paesi su citati, il 13 marzo del 1954 nasce Daniele Lievi. L infanzia trascorsa a rimirare un simile paesaggio non può che influire sulla formazione estetica del piccolo Daniele e contribuire all inclinazione teatrale del suo sguardo: «Dalla loro casa lo sguardo si posa sul lago che cambia aspetto ad ogni momento, mentre sull altra sponda si vedono le linee morbide del Monte Baldo. È un grandioso paesaggio italiano, davanti al quale la piazza di Villa è come un palcoscenico: un palcoscenico della vita che ha per fondale un immenso scenario naturale. [ ] Quando Daniele, giovane studente di architettura, comincia a disegnare e a dipingere, è questo paesaggio a guidargli la mano.» 2 L educazione artistica ha dunque un inizio precoce; si compone oltre che della poesia dei luoghi anche del gioco al teatro fatto di favole, travestimenti, siparietti costruiti con il fratello Cesare per intrattenere amici e parenti e conduce Daniele, ormai adolescente, a vivere con attesa e ardore le prime temperie culturali con cui il Sessantotto lambisce la piccola provincia bresciana. Daniele frequenta il cineforum locale, affascinato dal cinema di Pasolini, Bellocchio, Godard. Non è però solo la provocazione tematica a toccarne la sensibilità, ma anche forse soprattutto quella strutturale: il montaggio, la possibilità di far convergere diversi linguaggi, le tematiche meta-cinematografiche di cui soprattutto Godard è sapiente autore. A soli quattordici anni Daniele Lievi sa già che non potrà che essere un artista: si iscrive all Istituto 1 Johann Wolfgang Goethe, Viaggio in Italia, Milano, Mondadori, 1983, p Peter Iden, Daniele Lievi, Bühnenbilder, Freie Volksbühne, Schaperstraße, Oberes Foyer, 3-20 maggio

7 d arte del Garda per poi migrare a Venezia, Facoltà di architettura, indirizzo scenografico. Venezia è la seconda tappa dell iniziazione di Daniele. È il 1974, la Serenissima è una delle vetrine più originali del teatro italiano. C è la Biennale, in quegli anni diretta da Luca Ronconi, che porta per la prima volta nel nostro paese l avanguardia internazionale, quella americana di Meredith Monk e del Mama Theatre, l esoterismo di Grotowski, e poi ancora lo sguardo surreale di Bob Wilson. Tutti nomi oggi arcinoti, allora in Italia pressoché sconosciuti. E c è la Biennale di architettura, ove l esplosione postmoderna la fa da padrone. Ma Daniele non si ferma, non gli bastano gli studi accademici; viaggia molto, respira l internazionalità, frequenta i festival europei, in modo particolare quelli francesi, Avignone, Parigi. Suggestioni molteplici e svariate che ripensate, amalgamate, trasformate confluiranno nella sua poetica. Che non ha a che vedere solo con il teatro: scenografo, pittore, grafico, Daniele Lievi nel breve intervallo che la vita gli concede è senza dubbio un artista completo e versatile. Il teatro non vi è dubbio è la sua grande passione, tanto che già alle superiori muove passi significativi in tale direzione 3 e già per questi primi tentativi chiama in soccorso proprio come quando erano bambini il fratello Cesare. Da una parte Daniele studente d arte e architettura, appassionato di pittura, in cerca di continui stimoli per far lievitare la sua immaginazione, dall altra il fratello intellettuale, iscritto alla Facoltà di filosofia, cultore della letteratura classica e dei pensatori tedeschi. Sguardo e parola, occhio e ragione, lo scenografo e lo scrittore (e regista). Ecco la doppia anima che si riversa nel teatro dei fratelli Lievi 4, che avrà un influenza di non poco conto sull opera di Daniele. La sua riflessione artistica è sempre percorsa da una dialettica che solo sulla carta, meglio ancora sulla scena, si concilia: estremismi postmoderni e razionalità classica, visioni che devono già essere parole, la fugacità del teatro e l eternità dell architettura, la libertà del colore e le esigenze della rappresentazione, la vita e la morte, di cui infine resterà solo l Arte, capace di vincere persino la morte. L opera di Daniele è dunque rivolta al teatro, è rivolta al teatro anche nel momento in cui questo è ancora lontano dalla sua vita. I primi lavori che vengono raccolti ed esposti in una mostra organizzata dalla Biblioteca di Gargnano nell agosto del 1978 coincidono con una serie di disegni fatti a penna e pennarello, su carta bianca o gialla con sovrapposizione di piccoli figurini o lettere alfabetiche trasferibili. Figure che 3 L esame di maturità per il corso di Educazione visiva viene svolto in forma di un saggio teatrale tratto da Quanto costa il ferro di Brecht. 4 Denominazione usata dalla critica tedesca dopo l allestimento del Nuovo inquilino di Ionesco (Heidelberg, 1988). 6

8 già cercano di abitare lo spazio del foglio (proprio come gli attori abiteranno di lì a breve le sue scenografie) occupandolo completamente o addensandosi in un suo angolo. E sono altresì figure che rimandano a mondi fantastici, all immaginario fiabesco, legate fra loro da associazioni quasi surreali. Una produzione sì svincolata dal teatro, ma che in certo modo ad esso già guarda o rimanda; non è un caso che troviamo personaggi mascherati, sipari nascosti, tratti di architetture teatrali e non è un caso che molti di questi oggetti andranno a popolare i primi spettacoli dei Lievi (la mezzaluna, l albero, la barca, il sole). Ma più importante per il successivo evolversi di quella che possiamo a buon diritto chiamare la drammaturgia visiva di Daniele Lievi è la componente narrativa disegnata, leggibile attraverso alcuni segni che tengono insieme le figurine di queste prime opere: frecce, linee tratteggiate, segni di legatura come in uno spartito musicale, parole di raccordo stanno chiaramente ad indicare un nesso poetico tra le piccole immagini, che intendono già raccontare una loro storia fatta di legami del tutto insoliti, quelli appunto fiabeschi e spaventevoli tipici di una parte del teatro dei Lievi. Il primo passo decisivo verso la definizione di una carriera più stabile coincide con la fine degli anni Settanta, quando Daniele e Cesare decidono di provare a misurarsi più concretamente con il mondo del teatro. I due hanno innanzitutto bisogno di uno spazio, anche piccolo, dentro il quale poter continuare ad alimentare il loro sogno. Chiedono aiuto al Comune di Gargnano e dopo qualche peripezia ottengono una caserma militare non più in uso. Lasciano un annuncio nelle scuole del quartiere per reclutare gli attori con cui iniziare a costruire una loro compagnia. Primo spettacolo è Passaggi nel filo (1980) 5, elaborazione che Cesare Lievi fa dell Elettra di Sofocle, spettacolo che a sua volta dà avvio al Teatro dell Acqua, nome allusivo e simbolico che omaggia sì l amato lago, ma allo stesso tempo detta le direttive poetiche del giovane ensemble. L acqua nasconde, confonde, non offre certezze, rende l immagine ambigua. In misura analoga il Teatro dell Acqua, fatto da giovani, poco più che adolescenti, che ancora stanno cercando un loro posto nel mondo, non offre risposte precostituite, ma pone interrogativi, lascia spazio al sogno, alla fiaba, alla paura e al desiderio di crescere. Per Daniele il Teatro dell Acqua è anche lo spazio della sperimentazione; libero da esigenze produttive e commerciali il giovane scenografo può creare le soluzioni più svariate e ardite: «[ ] il lavoro artigianale cui era costretto (non si trattava solo di progettare le scene, ma anche di costruirle) e la mancanza di mezzi tecnici e finanziari lo obbligavano a 5 Lo spettacolo viene messo in scena a Villa Gardone, dal momento che la Caserma Magnolini non è ancora agibile. 7

9 sperimentare materiali normalmente ignorati in teatro e a escogitare soluzioni impreviste, accumulando così un patrimonio di idee che, realizzate più tardi in grandi teatri, sorpresero critica e pubblico» 6. Da questo momento ha inizio un legame più stretto tra la creazione artistica di Daniele e la sua attività di scenografo. Un legame, si badi, del tutto originale che non deve far pensare al tradizionale rapporto bozzettoscena. Il bozzetto ossia il disegno preparatorio alla realizzazione scenografica non coincide con la realistica elaborazione grafica della scena teatrale; il bozzetto di Daniele Lievi è intimamente connesso allo spettacolo, ma allo stesso tempo possiede una sua vita autonoma. Rubando ancora una volta le parole a Cesare Lievi potremmo meglio definirlo «il luogo di avvicinamento e circumnavigazione dello spazio scenico alla ricerca della sua definizione, che sarà tutta volumetricospaziale» 7, una sorta di studio sullo spazio e non una sua conchiusa definizione. È con il secondo spettacolo del Teatro dell Acqua L ultima stanza (1980) che la produzione grafica di Daniele si sovrappone a quella per il teatro. Ma già questi primi bozzetti non sono assimilabili ai consueti progetti di scena. Prova ne è la precisione del segno grafico che mira a porsi come linguaggio autonomo; l uso sporco dell acquerello che macchia e allaga il disegno rendendo impossibile leggerlo quale corrispettivo biunivoco della scena teatrale. Questi lavori anticipano per altro quello che sarà un punto nevralgico della produzione matura di Daniele: la dialettica tra razionalità architettonica, che coincide con la naturalistica scatola prospettica, e l anarchia del colore, che deborda, sfonda, dilaga sul segno grafico. Dialettica che lo riporta altresì a una primordiale e ontologica riflessione sulla vita, intesa come tensione di forze contrastanti, che portano a una frattura (nella vita reale insanabile) tra pulsioni individuali anarchiche e irrazionali e loro costrizioni dentro le regole spesso claustrofobiche del mondo sociale. Quale ne sia il senso ultimo, appare comunque evidente la voluta impressione criptica del disegno spaziale. Daniele compie una serie di schizzi, meglio fotocopia il primo e su questo apporta via via modifiche che, anziché chiarire l intenzione di partenza, non fanno altro che confonderla, decostruendo l unità spaziale originale: sfonda pareti, cela parte dell immagine, sino ad aprire la scatola scenica su una macchia blu, un ipotetica volta celeste. Perché Daniele non ha intenzione di limitarsi a tracciare la forma della scena, quanto riflettere su di essa e a un tempo riflettere sul significato profondo del testo, in certo modo comprenderlo dentro le sue raffigurazioni, fermarlo visivamente. L ulti- 6 Cesare Lievi, L ossessione della diagonale. Una biografia, in Daniele Lievi. Scene di teatro, catalogo della mostra, Museo Ken Damy, Brescia, novembre 1992, p Ivi, p

10 ma stanza racconta il testo è ancora di Cesare di un giovane chiuso in una stanza, una soffitta ( l ultima prima del cielo ) dalla quale sogna e immagina mondi infiniti. Percorrendo una strada analoga i disegni di Daniele sovrappongono il luogo della realtà la stanza prospettica, che non a caso coincide con la stanza reale del Teatro dell Acqua con quello dell immaginazione. Un luogo fisico e uno fantastico convivono e si fondono sulla pagina di Daniele. Questo è il significato profondo dei disegni di Daniele, questo per lo scenografo gardesano è il miracolo del teatro, capace di sovvertire e re-inventare la materia di cui è fatto il mondo. Dell uso libero del bozzetto Daniele fa una vera e propria vocazione, sino ad arrivare a comporre quelle che lui stesso chiama Carte segrete, ovvero studi che non necessariamente hanno un legame antecedente al teatro. Queste Carte, così definite per la prima volta in occasione della mostra Spuren in ein Theater presso il Museo dell Architettura di Francoforte (giugno 1987), sono disegni concepiti tra il 1984 e il 1990, che si pongono in un ambivalente relazione con l allestimento scenico. In effetti sino al 1987 Daniele ne parlava in termini di Studi, a indicare il carattere non assertorio e la vicinanza al disegno per la scena. «Le Carte segrete sono quindi studi preparatori [ ], banchi di prova per future realizzazioni sceniche, ma soprattutto coagulatio di elementi destinati a riaffiorare spaiati e spaesati nelle singole scenografie. Sono qualcosa di più rispetto alle realizzazioni sceniche [ ], ma anche qualcosa di meno. Di queste manca la necessaria concretezza mentre vi appare, in modo più articolato e completo anche se astrattizzato, il mondo poetico che sta alla loro base.» 8 Siamo dunque di fronte a schizzi che cercano di mettere su carta una serie di suggestioni derivanti dalla lettura del testo, dallo svolgimento delle prove, dalla realizzazione stessa dello spettacolo. Dentro possiamo trovarvi una serie di possibilità che la scena teatrale non aveva previsto o non aveva voluto usare, talvolta sono solo riflessioni dell autore che poco o nulla hanno a che vedere con quello che c è sul palcoscenico. In pratica le Carte segrete sono realizzate per sovrapposizione di svariate tecniche artistiche: Daniele prendeva un foglio, gli versava sopra della trielina di modo che si formasse spontaneamente una macchia di colore, su questa passava delle pagine di rivista stampata, sì da creare delle fratture dentro la macchia, sulle quali andava infine ad inserirsi con il tratto grafico per disegnare elementi spaziali, più o meno realistici. L intuizione prima è allora la macchia, il caos, l informe. Da questa nebulosa di colore affiora una serie di impronte, linee (quelle disegnate sulle tracce della carta stampata), che la mano umana controlla e usa per inquadrare la materia 8 Ivi, p

11 entro un ordine definito, che però non riesce mai a essere del tutto compiuto: la macchia sborda sempre dai confini che la matita tenta di imporgli. Nella modalità di assemblaggio di queste Carte sta il significato recondito di molte scene di Daniele, che improvvisamente rivelano la presenza di altri mondi, palesando dietro una rigorosa cornice architettonica una prospettiva aberrante e misteriosa (dichiarato nella Caterina e nel Macbeth, ma anche in tutte le scene che si trasformano per modificazione della Stanza, da Tasso alla Clemenza di Tito, o ancora nell utilizzo della Verwandlung). Sovente la ricerca teatrale di Daniele trova una soluzione concreta in spazi scarnificati, essenziali, di impianto rigoroso, che pure lasciano uno spiraglio aperto sulla possibilità di infiniti altri mondi; in maniera analoga la fantasia del giovanissimo Daniele era stata sollecitata dal lago, dal suo lago, luogo dove si ha sempre la sensazione d essere altrove. Le Carte segrete danno modo a Daniele di studiare visivamente il teatro, anche quando non è direttamente coinvolto nelle vesti di scenografo. È quello che accade nel 1987, in occasione della messa in scena di La morte di Empedocle di Hölderlin. In tale circostanza Daniele si trasforma in regista, lavorando a doppie mani con il fratello, mentre le scenografie vengono curate da Nunzio, un noto scultore contemporaneo. Ciò nonostante è proprio in occasione di questo spettacolo che Daniele dà vita a uno dei suoi progetti grafici più elaborati. Dal momento che Daniele non è chiamato a misurarsi in prima persona con le scene, i disegni svolti per l occasione nascono da una riflessione sul testo e sulla particolarità del luogo scenico ove sarà rappresentato. I fratelli Lievi si trovano infatti alle Orestiadi di Gibellina, la città sicula distrutta dal terremoto nel I disegni di Daniele convergono in una serie di fogli, circa una decina, sui quali il nostro artista, partendo da una fotografia dei ruderi della città vecchia, elabora una sorta di mappa geologica dell area. Tutti i disegni mostrano una struttura identica: il contorno dell area della città, attraversato verticalmente da una lunga macchia che somiglia alla forma di un albero sradicato. La variazione gioca sul colore, sull omissione di certi particolari, su brevi tratti spezzati che inseguono linee centrifughe, sull alternanza di segno pittorico e geometrico. Negli ultimi disegni il colore, la macchia quella che abbiamo detto somigliare a un albero finisce per prendere sempre più il sopravvento sulla linea, giusto come accade alla tragedia di Hölderlin, i cui ultimi versi fanno morire il teatro sotto l altezza del verso poetico: «La morte di Empedocle e le tre scene complete dell Empedocle sull Etna sono tra le vette della letteratura fredde, di difficile accesso e di una nobiltà incomparabile. [ ] La loro grandezza stava troppo in alto; perché il teatro potesse continuare a vivere bisognava che l immaginazione 10

12 Barbablù di George Trakl, Brescia, Teatro Santa Chiara, dicembre 2010 scendesse a terra» 9. Ma, in certo modo, la stessa Gibellina testimonia nella tragedia della sua storia l intuizione di Daniele. Tornando ora al Teatro dell Acqua, si giunge finalmente al momento cruciale della sua storia, allorquando Daniele arriva ad elaborare una delle sue scene più note ed ardite, che consente altresì ai due fratelli di fare il grande salto verso il teatro professionistico. Nel 1984 la compagnia gardesana lavora sulla figura di Barbablù dando vita a un duplice spettacolo. Il primo, fatto a Gargnano, unisce le pagine di Ludwig Tieck a quelle di Cesare Lievi e costringe Daniele a sfidare le angustie della sala costruendo un palco nel palco sul quale attori e spettatori possano partecipare a un raffinato gioco metateatrale. Su invito del professor Eugenio Bernardi, in platea è presente il giornalista Franco Quadri che allora direttore della Biennale invita i giovani artisti a lavorare su un tema analogo, da inserire in una sezione del Festival veneziano, dedicato alla Secessione viennese. La scelta cade ancora sul terrifico Barbablù, ora filtrato dai versi del poeta maledetto George Trakl. Questo secondo Barbablù costituisce a un tempo il vertice e il compimento della poetica del Teatro dell Acqua; in esso ritroviamo un po tutte le ossessioni che avevano affastellato l immaginazione di Daniele (e del fratello Cesare) sin dall infanzia: la fiaba come luogo del gioco ma anche della paura, l immaginazione come facoltà creatrice di mondi impossibili e come unico strumento di indagine della realtà, il teatro come fusione di linguaggi diversi, l amore per il cinema e per le sue possibilità tecniche. Il Barbablù è forse il prodotto più alto della drammaturgia visiva di Daniele, risultato esemplare dell osmosi tra il suo lavoro e quello del fratello, coincidenza praticamente perfetta tra immagine e parola. 9 George Steiner, La morte della Tragedia, Garzanti, 2005, pp

13 Superata la concezione spaziale del precedente Barbablù, Daniele unisce lo spazio della realtà a quello della finzione, trasformando la sala teatrale in una grande scatola nera dentro la quale è sito il pubblico, che spia dentro un pertugio realizzato sul palco lo sfilare di una sequenza ininterrotta di immagini oniriche. Dietro l arcoscenico si apre uno spazio ridottissimo, ulteriormente sacrificato dal momento che è continuamente abbassato, scorciato, suddiviso attraverso un complesso sistema di paratie mobili, sipari a ghigliottina, pannelli neri che lasciano scorgere solo porzioni minime della rappresentazione. Il pavimento, di legno chiaro e grezzo, è solcato da tagli orizzontali dai quali compaiono e scompaiono gli attori, più simili a marionette che a esseri umani in carne e ossa, visibili spesso solo a mezzo busto. Verità e finzione, tempi e spazi diversi si sovrappongono in un sapiente gioco, che non prevede una netta separazione tra immaginazione e realtà. Le sequenze si susseguono l una all altra in maniera molto prossima al montaggio cinematografico, toccando tramite segni di grande effetto i punti cruciali della fabula di Barbablù: la voce fuoricampo di un vecchio che ricorda il matrimonio, molteplici veli da sposa, una mano con un coltello insanguinato, una sposa suicida, alberi in fiore e poi di nuovo l incombere della morte con rami secchi e cieli plumbei. La parola di Trakl sopravvive solo in brevi frammenti e la capacità drammaturgica della scena è tale che buona parte della critica loda l incantevole poema visivo, al quale ha appena assistito. Il successo è travolgente. I fratelli Lievi ce l hanno fatta. Hanno superato l impasse dell adolescenza e sono entrati a gran voce nel mondo degli Barbablù di George Trakl, Brescia, Teatro Santa Chiara, dicembre

14 adulti. Ha ora inizio una nuova fase, più matura, in cui le suggestioni fantastiche precedenti si devono coagulare in un magistero più compiuto. Questa seconda parte della storia di Daniele Lievi cambia scenario, si sposta in Germania, dove avrà luogo praticamente tutta l ultima fase della velocissima e straordinaria parabola dello scenografo gardesano. Il sipario si apre ora su Francoforte sul Meno dove i nostri artisti sono giunti grazie all aiuto del critico e studioso Peter Iden per poi spostarsi ad Heidelberg, Vienna, Basilea, acclamati nei templi sacri del teatro europeo. In Germania Daniele si trova per la prima volta a lavorare dentro un teatro vero, insieme ad attori professionisti, la sua opera smussa gli angoli, elimina le insicurezze, si fa più definita, senza per questo perdere il legame con le esperienze precedenti. La sua idea di un teatro creatore di mondi infiniti, di un luogo, l unico luogo, dove è esperibile la convivenza del sogno e della realtà è viva sin dalla realizzazione dei primi esperimenti tedeschi. La ricchezza linguistica offerta dal teatro, già messa alla prova con la scatola nera di Barbablù, rivela ulteriori possibilità a partire da La miniera di Falun (1986), ove per la prima volta Daniele ricorre a un espediente iterato anche nella produzione successiva. Il dramma scritto da Hofmannsthal prevede di fatto due ambienti completamente diversi (uno di impianto realistico, l altro più simbolico) e soprattutto contempla un triplice cambio di scena a sipario aperto (Verwandlung). Da queste ripetute metamorfosi è attratta la fantasia di Daniele, che intravede una grandissima possibilità estetica dietro un trucco apparentemente tecnico. Daniele usa la Verwandlung come aveva usato la scatola del Barbablù; gioca ancora alla variazione veloce di immagini, inglobando questa volta l artificio nello spettacolo e facendolo diventare un ingrediente sostanziale della lettura registica, ma più di ogni altra cosa dà ulteriore forza alla sua idea di un teatro magico, capace di mostrare un luogo che all improvviso si dissolve e si trasforma in un altro. Il potere della Verwandlung tocca uno degli esiti più compiuti nella Caterina di Heilbronn (1988), che insieme al Nuovo inquilino regala a Daniele la qualifica di migliore scenografo dell anno, su indicazione della prestigiosa rivista «Theater heute». La Caterina di Kleist è in buona sostanza una fiaba, con tanto di principe azzurro e strega cattiva, e come tale viene raccontata dai Lievi. La realizzazione scenica di Daniele trasforma il palco in una vera e propria visione pur non facendo ricorso a immagini magiche e illusionistiche, bensì ricorrendo all arsenale di trucchi del teatro: uso poetico e drammatico delle luci, costruzione di sagome giganti di animali, cambi scena realizzati da angeli e cherubini, scenografie che scorciano sull infinito, rendendo impossibile all occhio umano scorgerne la fine. Rispetto alla gran parte delle scene di Daniele, chiuse dentro una stanza, la prospettiva qui si apre. In certo modo è come se la scena volesse mostrare quello 13

15 Barbablù di George Trakl, Brescia, Teatro Santa Chiara, dicembre 2010 che c è oltre, quello che c è fuori dal teatro. Ma ancora una volta l esplicito ricorso alla fiaba non implica una dimensione giocosa dello spettacolo. Come tutti i lavori che l hanno preceduta, anche Caterina ha un fondo tragico che si svela attraverso una lettura più profonda dell immagine. Il mondo dove vagano i protagonisti di questa storia fuor di metafora, il palcoscenico appare immenso: dentro di esso Caterina, il Conte e tutti gli altri risultano piccoli e sperduti. Lo sfondamento della stanza non fa altro che precipitare l essere umano nel vuoto, nello sconosciuto, nell oscurità. La quasi completa mancanza di limiti spaziali e la presenza di superfici riflettenti sul piano del palcoscenico che ripetono ininterrottamente le immagini, proiettano l attore, e con lui lo spettatore, non tanto verso l infinito quanto verso ciò che è in-definito. Al contrario di quanto la graziosa leggerezza dello spettacolo farebbe credere «Daniele racconta una fiaba per non cedere al nero e al vuoto, è come Sharazàd: inventa incessantemente immagini per restare in bilico, per non precipitare.» 10 L esuberanza visiva della Caterina è paragonabile solo a quella del Macbeth (1990) di Verdi, l ultimo allestimento che Daniele riesce a portare a compimento da solo; purtroppo la malattia ha ormai sopraffatto il giovane scenografo e l imminenza della fine ne muta il tratto. A tale proposito può essere utile prendere le mosse dagli studi grafici dell artista, in particolare da alcune delle sue Carte segrete. Al Macbeth corrisponde infatti l ultimo disegno di Daniele. In confronto alle precedenti Carte piene di colori e ombre, di macchie caotiche, ma comunque circoscritte in proporzioni geometriche, non è qui possi- 10 Cesare Lievi, op. cit, p

16 bile non prendere atto di una trasformazione. Quest ultima incisione, che porta a compimento una serie di studi sulla diagonale, riproduce un quadrato definito da linee nere e spaccato in due da una riga verticale; dentro di esso si iscrive un cerchio imperfetto e nascosta da un insieme disordinato e rabbioso di segni si intravede una diagonale che punta verso il basso: «Non ci sono più linee umane [ ]. Daniele giunge al limite. Oltre c è il nulla.» 11 Le scene di Macbeth si situano alla medesima altezza cronologica della Carta suddetta, ma a differenza di essa riescono a sublimare il non sense della vita. L intuizione di Daniele prevede che lo spazio si trasformi a partire da pochissimi elementi: una piattaforma di rigore elisabettiano è lo stage destinato alle scellerate azioni di Macbeth e della Lady. La piattaforma citata è inoltre circondata da acqua (nella scena specchi), il non luogo abitato dalle streghe, ma allo stesso tempo luogo precipuo e specifico dell inganno e dell illusione (il teatro?); infine cinque torri mobili a sezione concava disegnano l emi-perimetro della pedana. Nel primo incontro tra Macbeth e le streghe, queste torri sono disposte su due lati entro un immagine asimmetrica, nello spazio intermedio che ivi si viene a creare si inserisce un albero spoglio, sospeso nel vuoto, calato dall alto: la scena si colora subito di sfumature surreali e inquietanti. I mutamenti successivi si compiono a partire dallo spostamento delle cinque torri e dai giochi della luce. Per costruire la residenza di Forres, per esempio, Daniele colloca tre torri da un lato e tre dall altro, suggerendo allo spettatore che gli specchi delle streghe siano ora un fossato di protezione; il castello di Inverness è reso mediante la copertura di due torri con un velo rosa, mentre nel mezzo viene proiettata la sagoma di un rapace nero. Daniele concepisce per la sua ultima scenografia una metamorfosi visiva mai sperimentata prima e, nonostante il disegno sia più spigoloso, la natura arida, i colori inquietanti, l artista riesce comunque a dominare il Caos, a costringere il disordine in forme rigorose e proporzionate. Se l esuberanza su menzionata può svilupparsi tutta a partire da un unica immagine lo scorrimento delle sei torri è allora vero che ancora una volta la fragilità umana la follia dell ambizione, quanto la disperazione della malattia può per qualche ora restare confinata nella bolla effimera e protettiva del teatro. Da quanto sin qui detto appare evidente che la seconda metà degli anni Ottanta sancisce la fama dei fratelli Lievi, chiamati e plauditi tanto nei teatri di prosa quanto in quelli lirici. Se questa è la situazione all estero, ben diverso è quanto accade in Italia, che ancora fatica a riconoscere il talento dei due gardesani. Pure al nostro Paese è of- 11 Ivi. 15

17 Barbablù di George Trakl, Brescia, Teatro Santa Chiara, dicembre 2010 ferta più di un occasione per ammirare l evoluzione del loro teatro. Tra il 1986 e il 1988 Daniele e Cesare mettono in scena Torquato Tasso e Clavigo di Goethe, la già citata Morte di Empedocle, ma nonostante il buon esito degli spettacoli, il breve viaggio in Italia si conclude con vicende istituzionali poco felici piuttosto in fretta. Il riscatto avverrà poco dopo, nel 1990, quando ai Lievi è finalmente offerta la possibilità di un ritorno in grande stile. Dopo aver visto alcune delle loro regie liriche, Cesare Mazzonis, allora direttore artistico del Teatro alla Scala, li contatta per il Parsifal wagneriano; accanto a loro, a dirigere cantanti e orchestra, ci sarà il maestro Riccardo Muti. Lo spettacolo è destinato ad aprire il teatro milanese il 7 dicembre 1991, certo una delle date più importanti per il mondo del teatro (non solo italiano). La soddisfazione per aver conseguito un simile traguardo e la sospirata risposta italiana è tutto quello che resta a Daniele, che riesce a preparare i bozzetti per Parsifal, ma non a vederne il trionfo. Nel 1990, a soli 36 anni, muore vinto da una malattia incurabile. Sarà la sua arte d ora in avanti a parlare per lui. 16

18 Una mostra di Daniele Cesare Lievi Oltre a creare scenografie sorprendenti per la loro qualità figurativa e spaziale, attività testimoniata qui da alcuni bozzetti (La donna del mare di Ibsen, Caterina di Heilbronn di Kleist) Daniele amava molto disegnare e dipingere liberamente, per proprio diletto, per un bisogno di espressione completamente slegato dalla pratica teatrale e dai suoi bisogni, eppure ad essa unita per contenuto, linguaggio o spirito d esecuzione. Lo faceva a Gargnano nel suo studio di casa o in quello della caserma Magnolini per periodi brevi e intensi, intervallati da lunghe pause, legati, il più delle volte, a momenti di quiete dell attività teatrale e non pensava ad esposizioni, a gallerie: l unica mostra che fece in vita fu quella al Museo dell Architettura di Francoforte diretto da Klotz nel Lo faceva per sé, per la cerchia degli amici a cui li mostrava con piacere ingenuo e consapevole allo stesso tempo e a cui spesso, con lo stesso piacere, li regalava. Non era però un attività minore, anzi. Forse per volontà, affetto e dedizione superava quella teatrale che, per lui, era spesso tormentata nella individuazione e oggettivazione dell idea, ma facile e veloce nella sua articolazione e realizzazione pratica. Lo faceva, forse, perché il teatro non gli bastava, perché il teatro a un certo punto finisce e ci sono ancora cose da dire che non sono state dette, immagini da focalizzare che la scena ha rifiutato, pensieri ed emozioni da fissare ed esprimere, contrasti da illuminare e articolare, elementi e fatti che la regia ha sorvolato e forse anche dimenticato, ma che devono assolutamente essere posti in luce. Lo faceva perché a un certo punto il teatro scompare e di esso non rimane che un ricordo vago, un emozione che si spegne sempre più, una nostalgia. Lo faceva contro il teatro, per lasciare segni, tracce, orme. È così che sono nate le Variazioni su scenografie da realizzare o già realizzate, gli Studi e infine le Carte segrete, centinaia di fogli in cui il teatro è continuamente ricordato, invocato, sfidato e poi negato nella sua capacità di espressione e fissazione d un fatto, un idea, un sentimento, un battito. Lo faceva da sempre anche se il teatro era per lui il senso della vita. Solo negli ultimi mesi, dilaniato dalla malattia, se ne distacca. Nel giugno del 1990 durante le prove del Macbeth di Verdi a Francoforte se ne va via disperato dicendo: basta. Se ne torna a casa e non mette più piede in un teatro. Aveva visto purtroppo precocemente ciò che prima o poi si deve 17

19 vedere. Aveva guardato oltre il sipario e, al posto del solito festoso gioco della scena, aveva visto il buio a cui però per mesi tenta ancora di dare un colore, se non proprio una forma. È così che nascono le sei Grandi carte segrete. Ed è con esse che si apre questa mostra. 18

20 Le Carte segrete, un dono sorprendente Eugenio Bernardi A Daniele piaceva fare regali. Donare i suoi disegni, soprattutto, e donandoli dire qualcosa di sé. Del suo lavoro accanto a quello di Cesare e prima del lavoro di Cesare, che era destinato, per la complessità dell impegno, a diventare predominante. Dire cioè, attraverso linee e colori, che cosa di un testo fosse venuto subito in mente a lui e come questa idea meritasse di essere fissata e ricordata prima della sua utilizzazione e dell inevitabile compromesso con le esigenze di uno spazio concreto e di un azione che, svolgendosi in quello spazio, l avrebbe sommerso di parole, dialoghi, movimenti, gesti. C era nei suoi disegni la pretesa che, a guardarli bene, ci fosse già tutto quello che poi avrebbe riempito il palcoscenico. Tutto e di più. In un disegno, per esempio, regalatomi forse al tempo del Barbablù, il perimetro di una stanza è sì tracciato in modo regolare, ma è attraversato da una specie di nuvolaglia, da strie e sfrangiature, addirittura da sbarre sospese a mezza altezza che sforano le pareti della stanza e, irrealizzabili come sono, suggeriscono direzioni impreviste, evocando prospettive non contenibili nello spazio di calpestio, affini in questo agli echi delle parole. Uno spazio quindi chiuso e aperto nello stesso tempo, al punto che è attraversato da una specie di lingue di fuoco. Ho davanti a me due altri fogli avuti in regalo e pensati uno per Haute surveillance di Genet, l altro per il Torquato Tasso di Goethe. Sono elegantemente incorniciati (un largo passe-partout grigio-perla, la cornice grigio-blu), due quadri di dimensioni notevoli, un regalo degli ultimi anni, e per la sua perfetta confezione un dono ancora più eloquente di quello che ho appena detto: della visione primaria, già esauriente, di uno spazio che di qui avrebbe preso l ispirazione, ma da questa immagine si sarebbe inevitabilmente discostato, affollandolo di gesti, parole, messaggi e prima ancora, durante le prove, adattandolo attraverso sperimentazioni, verifiche, controlli. Da tutto questo invece i disegni (ben più che abbozzi) volevano staccarsi con la pretesa di essere, nella loro scansione, imperturbabili. Come lo sono ancora oggi: di qui si potrebbe ricominciare. Nelle Carte segrete, un dono sorprendente dell ultimo anno (in una cartella con dedica e la scritta Japan ), l intenzione appare del tutto diversa, addirittura opposta. Quella pretesa di fissare la visione originaria è come avesse subito una deflagrazione e lo spazio scandito e ritmato fosse stato travolto da un vortice intorno a cui girano linee ondulate come di uccelli a stormo, prodotte da un inquietante massa nerastra che li disperde violentemente. Come se ora lo spettacolo non fosse 19

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell Jan Patočka, Cristianesimo e mondo naturale e altri saggi, introduzione e traduzione di Riccardo Paparusso, postfazione di Giancarlo Baffo, Roma, Lithos, 2011, pp. 172 di Caterina Di Fazio Il volume curato

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli