?t A. 3 Prs. t Ptp. Wrlot, í vtrcn. Ot qfrpz,68r&f, tv (rlesé SC tfnl " int'tege, ó,l.1twîcq FtSE& Tfcuau. o1utt 'ufit tt,e ccyum,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "?t A. 3 Prs. t Ptp. Wrlot, í vtrcn. Ot qfrpz,68r&f, tv (rlesé SC tfnl " int'tege, ó,l.1twîcq FtSE& Tfcuau. o1utt 'ufit tt,e ccyum,"

Transcript

1 ftbe4lan. O D,4 F-)WuP, SU =tn$or,r ù2úu Wrlot, í vtrcn. Ot qfrpz,68r&f, tv (rlesé SC tfnl " int'tege, ó,l.1twîcq FtSE& Tfcuau. o1utt 'ufit tt,e ccyum,?t A Ùl?rmv ío EA^J)W. 71qtEyr ftn C,q Lee. ls'eé. ttklt,el/c Tu Qttp t rkua Nù -e 5Y0 8,t A I N GLtj ú PL'IC& Pt Ùvtu E0 er:o NL)W IAB, ESíQCT, TEclttos" tvfolfr, ytufitta, O Sc" tirlr. ovltntca D,SVGA\C pe e r_ A ytf) o& Yl trr7npylca ÉC. bllu,a TEQQIA TECNOL, A PP AI W N, PA.t Gg1T. Trs I.*9.T6CN\)L. ED E5E8C, tu etgse f1ff-,zn pnoa tfal/o r\rrr e v*9. îse Qe " : 6YtrBrQ 14eNrlt t Ptp 3 Prs t-ae.vecmou. E0 ESEÙa, PA,offi.YE'N, 0i otqyfulb I n+q,lc.. AP! et n#t, E PP^x-, PfuO. f îalraruo E yo Q,tA I N 6LESI tu-ftntces(, nmey'uftt-rcn

2 I ooooo lstituto di lstruzione Secondaria Superiore ''C. COLAMONICO - N. CHIARULLI'' Acquaviva delle Fonti (BA) l.t.c. Colamonico - Via Colamonico, n. 5 - Tel Fax itccolamonico. - l.p.s.l.a. - l.t.l.s. N. Ghiarulli - Via A. Einstein, 6 - Tel/Fax istitutoch iarulli. it - i E Programma svolto durante I'anno Scolastico Materia d'lnsegnamento Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica Classe 2u PIA sez. A - h. 3 Prove: G. - Prof. Mondelli Vito Libro di Testo: DISEGNO PER LA MODA (IL) 2 IDEAZIONE PROGETTAZIONE - GIBELLINI LUISA TOMASI CARMELA B _ CLITT La giacca nella storia 1.1. Evoluzione dei modelli maschili e femminili 1.2. Latradizione sportiva 1.3. I diversi modelli 1.4. Basico 1.5. Elegante 1.6. Casual, trendy 1.7. Il tailleur 1.8. La giacca sul figurino 1.9. Modelli vari Soprabiti ecappotti 2.1. Evoluzione dei modelli moderni 2.2. ll cappotto maschile, femminile, impermeabile 2.3. Lo stile: basico, elegante, casula, trendy, il trench 2.4. Modelli di cappotto sul manichino 2.5. Particolari tecnici: colli e revers 2.6. Yarianti e particolari: cuciture e impunture 2.7. Le principali linee Stile e mantelle 3.1. I mantello nella storia 3.2. Stile 3.3. Disegno 4. I temi della moda 4.L lspirazione e moda 4.2. lnterpretare un tema

3 Dall'idea al progetto 5.1. Le tendenze della moda 5.2. Il percorso ideativo 5.3. Progettare con il pc La collezione di moda 6.1. Pianificare la nuova collezione 6.2.lter progettuali o^r^,l( g^fn Uq Alunni 4r& S:,.^.g^,.g C*-{Î"' K s"ls\^.-.r-'"ìió1g g1-

4 IISS " COLAMONICO _CHIARULLI" Programma svolto nelle classe 2^plNA Anno scolastico Disciplina: Inglese lf percorso di apprendimento defla lingua inglese nella classe 2^P A/A è stato mirato allo sviluppo delle seguenti competenze: 4. Utilizzare la lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi 5. Produrre testi di vario tipo in relazione ai dífferenti scopi comunicativi 6. Leggere comprendere testidi vario tipo. La seguente programmazione tiene, inoltre, conto dí quanto indicato dalle attuali Linee Guida e dal CEFR ( levela). Dal testo misto in adozione UPBEAT compacr, ed. Longman, aut. vari Starter Unit Modulo di avvio mirato al riciclo e consolidamento delle principalifunzioni linguistiche e strutture grammaticali presentate nel precedente anno scolastico. Functions Exchange greetings Giving personal information Express likes and dislikes Make and respond to requests Name everyday objects Grammar focus Possessive adjectives, demonstrative pronouns, genitive's and s', question words, There is/there are, prepositions of place, prepositions of time, etc. Revision Unit 3 Functions Describe actions Exchange opinions Grammar Present simple Topic Jobs

5 Unit 4 Daily life Functions Descríbe routines Expres surprise and comment Grammar focus Present simple with fixed times Prepositions of time Adverbs of frequency Adverbial phrases of frequency Vocabulary Daily routines Clock times UNIT 6 Functions Describe actions Make and respond to suggestions Grammar focus Present continuous Present simple and present continuous Like,love,hate,prefer + ing. Vocabulary The weather Sport and free{ime activities UNIT 7 PAST EVENTS Function Talk about past events Grammar focus Past simple of verb to be Past simple of regular verbs Questions and answers

6 UNIT 8 TRAVEL Function Talk about holidays and past events Grammar focus Past simple of irregular verbs Vocabulary Holiday activities Phonology Phonetic symbols Correct pronunciation of sounds Basic stress and intonation patterns Gli studenti À*"^^<, Q^q AqE.L C*"rf" L'insegnante 4r\

7 IISS Colamonico/Chiarulli -lstituto Professionale del settore "lndustria e Artigianato -Chiarulli" - Acquaviva delle Fonti (Ba) - A /14 Classe IIPIA/A Disciplina: Scienze Integrate-Chimica lndirizzo: Manutenzione ed assistenza tecnica Docenti incaricati: proff. Carrieri G., Petruzzellis F.. Programma svolto didattica Proprietà della materia * Classificazione della materia: miscugli, sostanze, elementi e composti La struttura dell'atomo * Particelle subatomiche:elettroni, protoni e neutroni * Numero atomico e numero di massa * Gliorbitali atomici e i livelli energetici La tavola periodica degli elementi * La Tavola periodica di Mendeleev,, La legge periodica: 11 Sistema periodico degli elementi, * Laclassificazione degli elementi chimici, * Gli elettroni di valenza Legame chimico * Rappresentazione delle molecole mediante notazione di Lewis; * Legame covalente, ionico e metallico * Nomi (lupac e tradizionali) e formule dei più comuni composti * Metalli: legame metallico e proprietà del materiale. Le soluzioni * La solubilità. * La mole * La concentrazione: gll; M (mol/l) * ph; acidità e basicità; composti con proprietà acide e basiche, calcolo del ph Le reazioni chimiche * Le equazioni chimiche, stechiometria delle reazioni chimiche semplici * Reazioni endotermiche ed esotermiche * Le reazioni di produzione del calore: bilanciamento di semplici reazioni di combustione. * Potere calorifico dei combustibili. Cinetica delle reazioni chimiche * Energia di attivazione delle reazioni chimiche * Dipendenza della velocità di reazione dalla temperatura, dalla suddivisione dei reagenti, dalla presenza di un catalizzatore Laboratorio Le esercitazioni di laboratorio hanno riguardato argomenti sviluppati nella parte teorica. * La reazione chimica: sono state scelte alcune reazioni chimiche ad esempio (preparazioni di ossidi, esotermiche/endotermiche, acido/base, di ossidoriduzione, di precipitazionetc.) * Preparazione di soluzioni di data concentrazione. * Reazioni acido/base: evidenza delle caratteristiche mediante indicatori. Mezzi e strumenti * Libri di testo: Bagatti corradi Desco Ropa-Scopriamo la chimica- Zanichelli Gli Studenti O-rr- Ì...qìì"^.^*-\)ò\>-\ etool /Ít,.1o1,_or-s A^*4* G-"L I Docenti Pror. G. canieri é*u /;<rb "/l,rù "ftrl^ Prof. F. Petruzzeuis. r,/

8 PROGRAMMA DI FISICA SCUOLA : IPSIA t'n. Chiarull.i" - ACQUAVM DELTE FO!f,II CLASSE : 2PLA/A A. S. : 2OL3/2O14 INSEGllAtillII: PROF. FITIPPO CUSCTTO-PROF. MICEELE FABRTZIO SALVATORE DINAMICA : principio di inerzia - principio fondamentale della dinamica nrinrinin di azione e reazione - Moto di un grave su un piano inclinato F! ar\v!tsrv attrito e resistenza del mezzo - velocità limite - forza centripeta e forza centrifuga - lavoro meccanico - favoro motore e resistente - enerqia cinetìca, notenziale eci ela.q1- i r-a - nri nr:i pio Lsrta rq! di conservazione de11'energla vv TERMOLOGIA: calore e temperatura - scale termometricbe - calorimetria: Iegge fondamentale - calore specifico e capacità termica - propagazíone del calore - passaggi di stato OTTICA : natura del-l-a luce - sorgentl luminose - rlflesslone del-la luce ' specchi pianl e sferici - rífrazíone della luce - rifl-essione totale, lenti. sferiche - rjjsoersrone della luce - prismi - ltocchio e la visione (cenni) ELETTROMÀ.GNETISI4O : cenni sui principali fenomeni elettrostatici ed el ettromagnet i-c i LABORATORIO : Verifica speriment.ale del principio fondamentale della dinamica con rotaia a cuscino d'aria - Esperienze sulfa forza centrifuqra - Veriflca sperimenlale principio di conservazione dell'energia con apparecchio per la ^^.r,,f -.rai ^--rrì - F.snerienz.e sulla dilatazione líneare e vohllirica - Esperienza uduulo UEI Ylovr LoIrEr sulfa conduzione del calore con cassetta di fngenhousz - Esperíenza sul-fa convezione del calore - Esperienza sullr irraggiamento - Esperienza sufl"a riflessione di specchi piani e specchi sferici - Esperienze sulia rifrazione e riflessione totale - Esperienze sui prismi e sulle lenti - Esperienze di elettrostatica - Esperienze sugli schermi elettrostatici (gabbia di Faraday) Esperienze con la macchína di Van der Graaf e di l'/imshurst - Esperienze di el-ettromagnetismo Gl-i al-li-evi

9 fsfituto dofsffuzione Superiore "C.Colomoníco - N. Chíarullf' 70021Acquaviva delle Fonti (BA) - Via Albert Einstein, no 6 Dshetto Scolastico no 14 - Codice Scuola 8A Tel./FAX E Presidenza: 08075E27I i:h:ffill9ill PROGRAMM SVOLTO Anno Scolastico: 2013 I z0l4 Prof. lng. Filippo Gassano Materia TECNOLOGTE DELL' NFORMAZ ONE E DELI-ACOMUNTCAZIONE d,insegnamento: Classe: 2 PlA Sez. A Data di presentazione: 31l01l2gi4

10 Istituto d'fsftuzione Superiore "C.Colamonico - N. Chiarullf' 70021Acquaviva delle Fonti (BA) - Via Albert Einrtein, no 6 Distretùo Scolastico no l4 - Codice Scuola 8A150260O4 Tel./FAX 0E07ó O8A Presidenza: 0E Y:Ir#1r93:1 TECNOLOGI E DELL' I NFORMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE MODULO No 1: Uso della base dei dati Unità didattiche e contenuti 1. Cos'è un database 2. Progettare un semplice database 3. Gli strumenti generali dei database 4. Creare tabelle 5. Le caratteristiche dei campi 6. Le prime operazioni con i dati 7. Modificare la struttura delle tabelle 8. Operazioni sui record 9. Interrogare i database(query) 10. Le maschere 11. Ireport MODULO No 2: Strumenti di presentazione Unità didattiche e contenuti l. Comprendere cos'è un progíìmma di presentazione, 2. Gestire una presentazione, 3. Formattare un testo, 4. Gestire le immagini e usare i filmati, 5. Inserire grafrci e tabelle, 6. creare disegni, 7. Usare effetti multimediali, 8. Completar e stampare una presentazione. MODULO No 3: Navigazione web e comunicazione (svolgimento parziale) Unità didattiche e contenutí 1. Internet e World Wide Web 2. Comunicare via Internet 3. Usare il browser 4. Cercare informazioni in Internet 5. Prelevare dati e informazioni da Internet 6. La posta elettronica Acquavíva delle Fonti, 3t lo Le alunne A^En0- fut* F{.te.,.-^ -- t>-'-'ér'i -"pqry Firma del Docente

11 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE SECONDARIA.6C. COLAMONICO. N. CHIARALLr' ( r.p.r.a. - r.t.r. ) /14 CLASSE : II av+fa prof. TRICARICO NATALE 1 TL PARLAMENTO Che cos e' un organo costituzionale? Che cos e' il Parlamento e come si compone? Come vengono eletti i membri del Parlamento? Quali sono le funzioni del Parlamento? I Parlamentari Quale è il ruolo dei partiti? 2 IL GOVERNO Che cos' e' il governo e come si compone Come si forma il governo? Quali sono le funzioni del governo? Le responsabilità di governo 3 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Chi può essere eletto presidente della repubblica Quali sono i compiti del capo del stato Come viene eletto il presidente Le responsabilità del presidente 4 LA MAGISTRATURA Che cosa significa amministrare la giustizia Chi sono i giudici e che compiti hanno Che cosa sono le giurisdizioni La giurisdizione penale La giurisdizione cìvile La corte Costituzionale

12 5 LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Che cos' e' la pubblica amministrazione? Com' e' organizzata la pubblic amministrazione? La pubbica a mm i n istrazione di retta -indiretta 6 GLI ENTI TERRITORIALI Che cosa sono le regioni. Gli organi delle regioni (cenni) Che cosa sono le province,gli organi delle province (cenni) Che cosa sono e come funzionano i Comuni (cenni) Gli organi dei comuni (cenni) Le aree metropolitane 7 LE ORGANIZZAZÎONI INTERNAZIONALI Qualí sono le principali organizzazioni internazionali? Che cos'è I'Unione Europea?Gli organi dell'unione Europea (NozioNI F9NDAMENTALI) L'O.N.U. (organi e funzioni principali). 8 LA MONETA Che cos'è la moneta Che cos'è il valore della moneta Che cos'è l' inflazione Le cause dell' inflazione 9 LE BANCHE E IL MERCATO MONETARIO Che cos'è la banca Le operazioni bancari e la liquidilà bancaria Che cos' è la politica monetaria Che cos' è il mercato della moneta 1O IL MERCATO INTERNAZIONALE Che cos'è il mercato internazionale Che cosa è la valuta Che cos' è I'euro La banca Centrale Europea 12 REDDITO NAZIONALE Che cos' è il reddito nazionale la spesa pubblica Acquaviva delle Fonti, ALUNNi A*gú*

13 rf"l-3 lstituto di lstruzione Secondaria Superiore ''C, COLAMONICO - N. CHIARULLI" Acquaviva delle Fonti {BA} l.t.c. Golamonico - Via Cofamonico. n. 5 - Tel Fax i 1i!;1, i1,1;194.!i'i-lttq11qrygq j1 - :.3!ql,4J1q{,r:g]ai1tl1li,:A,[ LP.S.l.A. - 1.T.1.5. N. Chiarulli - Via A. Einstein- 6 - TeliFax irfli.,i,,v',':'iv.istitutocfrrarlrlli it - infof$iistitutarhiarrrlli it PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2A DISGI PLI NAr MATEMATIGA CLASSE: ll PIA DOCENTE: CASSANO MARIA MODULO La scomposizione in fattori e le frazioni algebriche MODULO 2 I sistemi lineari MODULO 3 I numeri reali e i radicali La scomposizione in faftori dei polinomi Le frazioni algebriche Le operazioni con le frazioni algebriche Le condizioni di esistenza di una frazione algebrica. I sistemi di equazioni lineari ' Sistemi determinati. impossibili, indeterminati. L'insieme nurnerico R. Iradicalieiradicali simili. Le operazioni e le espressioni con i radicali r Le potenze con esponente razionale. Raccoglimento afattore comune. Calcolo del M.C.D. e il m.c.m. fra polinomi. Semplificazione di frazioni algebriche. Openzioni e potenze con le frazioni algebriche. Semplificazione di espressioni con le fuazíoni aleebriche. Riconoscimento di sistemi determinati, impossibili,indeterminati ' Risoluzione di un sistema con il metodo di sostituzione.. Semplifrcazíone di un radicale e trasporto di un fattore fuori o dentro il segno di radice; r Esecuzione di operuzioni con i radicali e le potenze;. Razionalizzazione di un denominatore di una frazione.

14 MODULO 4 Le eqaazioni di secondo grado MODULO 5 I sistemi non lineari. La forma normale di un'equazione di secondo grado. La formula risolutiva di un'equazione di secondo grado. Sisterni di grado superiore al primo. I sistemi di due equazioni. Sistemi simmetrici. Risoluzione di equazioni numeriche di secondo grado. Scomposizione di trinomi di secondo grado. Risoluztone di problemi di secondo grado.. Risoluzione di sistemi di secondo grado r Risoluzione di problemi che hanno come modello un sistema. Problemi geometrici da risolvere con un sistema MODULO 6 Elementi di statistica e di calcolo della probabilità MODULO 7 L'equivalenza delle superfici piane r Dati statistici, loro organizzazione e rappresentazione ' Determinazione della media, mediana e moda ' Definizione classica di probabilità L'estensione delle superfici e 1'equivalenza Il Teorema di Pitagora. r Raccoglimento,organizzazione rappresent azione dei dati I Determrnazione della frequenza assoluta e relativa. Calcolo della probabilità di un evento semplice Applicazione del teorema di e Pitagora MODULO 8 La circonferenza e il cerchio. Definizioni I Le posizioni di una retta rispetto ad una circonferenza. Problemi Acquaviva delle Fonti,9 giugno 2014 ALUNNI V'uC*^qIo ei* DOCENTE /t ") Zfr,O--- fu

15 ARGOMENTI PR*GR.í{M?I4A SVOLTO CIA5ST II PIA sez. A AruHO SCOLAST CO LA6. YSlQct'r, 1) Studkr del figr-rrìno con terminitecnici del corpo ai fini modellistici 2) Attrezzatr-rre rli laboratorio 3) Presa clelle rl:i:ure - Costruzione gonna dritta 4) Costrr:zione rncdellistica gonna svasata e ad anfora 5) Rilevainento del cartamodello e appoggio su tessuto 6) Punti rtri e:ec,-rzione temporanei e permanenti 7) Costrr-rzì':ne rncdellistica gonna con eliminazione ripresa 8) Appogtrlirl su tersuto del cartamodello ed esecuzione dei punti lenti 9) Costrr,r z i o Í,-oe rrrorlell i stica del ci nturi no 10) Defìnizione di tessuto e sue componenti trama ordito e cimosa 11) Gonna r fi-ìezza ruota e a ruota intera 12) Gonir:r scegetto vita rtretta e rrita larga 13) Confezìone clella gonna vita alta imbastitura e assemblaggio 14) Gonne fantasia con spostamenti di ripresa 15) Costrr:z-ìone nroclellistica pantaloni classici 15) Co:truzisne nrodellistica pantalonijeans 17) ÀJrpcggìo su tes:r:to del pantalonclno mod. jeans 18) Confezi':ne ciel pantaloncino rnod, jeans 19) Cosìrr:zione modellistica del corpetto lento 20) Costrr;zionen-lod*llisticadelcorpettomodellato Bari 06 giugno '1.4 Alunne ruj'q.y&, H-,p.^.,.-,- Snì* 4^1l<0* C^rb

16 PROGRAMMA DI ITALIANO Classe 2 PIA/A a.s Mod. I IL TESTO POETICO - Versi, rime e strofe - Dialefe, sinalefe, dieresi, sineresi - Le figure fonetiche - Lametafora - La similitudine r fj. Saba: 'ol-a verità delle parole" o G. Rodari: "Filastrocca impertinente" r o r r P. Valduga: "Mi dispero perché non ho parole" G. D'Annunzio: o'{.jna ballata romantica" P. Cavalli: " L'aria odorava di fuoco appena spento" S. Quasimodo: "Paesaggi delf infanzia" Mod 2 LE TIPOLOGIE TESTUALI Articolo di cronaca Articolo di divulgazione Manuale di istruzioni Saggio scientifico Mod. 3 IL RACCONTO Il racconto fantasy Il racconto d'awentura Il testo drammatico Il testo comico Mod.3IPROMESSISPOSI - Cap. 1-9 GRAMMATICA Il verbo La frase semplice Soggetto Predicato verbale e predicato nominale Complemento oggetto

17 I complementi indiretti Il periodo Coordinazione subordinazione Proposizione soggettiva Proposizione oggettiva [du,{tìr-,ot GLI ALTINNT GD.^r" \o.^o\o V'&l-rùs)t1r2à Ú onu, r,,*. LA DOCENTE /frro't\---

18 PROGRAMMA DI STORIA Classe 2^ PIA/A a.s MOd. 1 DA AUGUSTO AI SEVERI: L'ETA' IMPERIALE Ottaviano e la nascita del prinoipato L'impero nell'età di Augusto Dopo Augusto la dínastia giulio-claudia I Flavie ilprincipato adottivo La vita economica delf impero Società e cultura nell'impero ljna nuova retigione: il Cristianesimo I Severi e la pax romana Mod. 2 CRISI E CADUTA DELL'IMPERO ROMANO D'OCCIDENTE Il terzo secolo: I'impero in crisi Diocleziano: la riforma dell' impero Costantino : la fo ndazione dell' impero cristiano Il Cristianesimo tardo antico L'irnpero assediato dai "barbari" La fine dell'impero d'occidente Mod. 3 L'EUROPA E IL MEDITERRANEO DOPO LA FINE DELL'IMPERO L'Europa romano-germanica L'Italia e la guerra greco-gotica I Longobardi in Italia L'impero d'oriente fra espansione crisi Un nuovo protagonista: l'islam GLI ALUNNI LA DOCENTE.>- n lî, -+o, \arulo.{c*^,o sf"o..nqgq-es \s"t.,:ro / A'Y^)tt4-- ((-r,u

19 PROGRAMMA DI ITALIANO Classel^PIA/A a.s.2013/2014 La lingua e Ia comunicazione Fattori comunicativi Scopi e funzioni della lingua La comunicazione orale L' organizzazione linguistico -grammaticale Il gruppo del nome Il verbo Le parti invariabili del discorso La frase semplice I testi e le tipologie Le caratteristiche di un testo Testi letterari e non Testi descrittivi, narrativi, regolativi, espositivi, argomentativi Stesura di testi Il testo descrittivo La struttura Le sequenze descrittive Descrizione oggettiva e soggettiva La stesura

20 o Il testo narrativo La struttura Le sequenze Fabula e intreccio Tempi_spazi_personaggi Autore_narratore_d estin atario o Lettura e comprensione dei seguenti testi: Lettera ad un adolescente Un bene fragile e delicato Sentirsi belli, sentirsi brutti Semplice, ma non sciocco La figliastra La fortuna di perdere una scarpeila Furba come una volpe Bisogna far festa e rallegrarsi Il rovesciamento delle parti Il grasso e il magro Strumenti di educazione linguistica: V.Andreoli F. Alberoni F. Dolto C.Lapucci A.Afanasjev C.Penault Fedro Luca di Antiochia Anonimo A.Cechov Tecniche di lettura Competenze testuali Tipologie testuali Sintassi Il film come testo Acquaviva delle Fonti uut Rg,;lo- Gli alunni t- r*.\ Lt t-ì,uq., tj\)al tiyr,.l9 v'r.'ù '1.'' n Ladocente \ fuom. Nlf-r

21 ClasselPtA/A a.s.20t3l20t4 Awio allo studio deila storia Viaggiare nella storia La misurazione def tempo I periodidella storia La preistoria L'orígíne della vita L'origíne dell'uomo Paleolitico e Mesolitico La riv oluzio ne neolitica Nomadie sedentari La nascíta defle città Le civiltà fluviali : fa Mesopotamia La Terra disumer llpotere politico e religioso L'invenzione della scrittura lprimiimperi Le civíltà fluviali : I'Egitto L'Egitto, dono del Nilo L'unificazione lantico Regno La religione degti Egizi Lo splendore del Medio Regno Dal Nuovo Regno alla decadenza Popoli e famigfie linguistiche La civiltà cretese

22 La civiltà fenicia Gli Ebrei, il popolo della Bibbia Grandezza e declino di lsraele La civiltà greca Gli antenatidei Greci U n'orig inaf e organizzazione pol itica, la Pol is La religione deglidei dell'olimpo Le poleis greche : Sparta La Costituzione di Sparta Le poleis greche : Atene La Costituzione aristocratica GliAlunni ù.rri f-*r t\r,.,'ìt r- (,tt Qn ts- A;lr*'- "l La Docente {'L.,xrl,Nq{' l

23 PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE Anno scolastico CLASSE I PIA sez. A I.I.S. "N. Chiarulli" Acquaviva From the textbook "UP BEAT" Pearson Unit 1:Hello Functions: Give personal information; say hello and goodbye; order food and drink. Grammar: To be: singular and plural; subject pronouns; possessive adjectives; indefinite Article (a I an); plural (regular nouns); demonstrative pronouns (this/thatlthese/those); Genitive; question words; can (request). Vocabulary: Numbers 1-100; the alphabet, days of the week; countries and nationalities; Compass points; everyday objects; colours; fast food and drink; money Unit2: Homes Functions: Make and respond to request; describe your house. Grammar: There is/ there are; definite article: the; some and any with plural nouns; Prepositions of place: in/ on/ under/ behind/ in front of/ next to. Vocabulary: Rooms, parts of a house and fittings; furniture. Unit 3 : Families Functions: Talk about your family. Grammar: Have got; plural: irregular nouns; prepositions of time: in - on - at. Vocabulary: Family; appearance; months and seasons; ordinal numbers. Unit 4 : Work Functions: Exchange opinions. Grammar: Present simple; object pronouns; question words. Vocabulary: Jobs; places of work; adjectives of opinion. Unit5:Dailvlife Functions: Talk about times and daily routines; express surprise and comment. Grammar: Present simple with fixed times; adverbs of frequency; adverbial phrases offrequency. Vocabulary: Clock times; daily routines. Unit6:Givinghelp Functions: Ask for help in a town. Grammar: Can (ability) + (not) very well; countable and uncountable nouns with some any and no: imperatives. Vocabulary: verbs of ability; food. Gli alunni!"xr--c1*-,try,'z! /aza< ez-+" 4 /2, /i; Prof.ssa Anna Teresa Pantaleo o

24 PROGRAMMA DI FISICA SCUOLA : IPSIA "N. Chiarulli" - ACQUAVfVA DEITL,E FONTI CLASSE : IPIA/A A. S. z 20L3/20L4 INSEGI{AlfllI: PROF. FITIPPO CUSCITO-PROF. MICEELE FABRIZIO SAIVATORE UNITA PROPEDEUTICA : introduzione alla fisica ' grandezza fisica grand,ezze fondamentali e derivate - sistemi di rnisura - errori di misura: errori sistematici ed accidentali, errore assoluto e rel-atlvo -refazioni tra grandezze - grandezze scalari e vettorial-i - operazioni vettoriali (somma e differenza tra vettori, scomposizione di un vettore) la materia ed i suoi stati di aggregazione LE FORZE E LTEQUILIBRIO : concetto di forza - forza peso - Iegge di Hooke - misura statica di una forza - dinamometro - corpo rigido - risul-tante ed equilibrante dl un sistema di forze - momento di una forza - coppia di forze - condizioni di equillbrio di un corpo - baricentro - equilibrio dei corpi sospesi e dei corpi appoggiati - Leve e sue applicazioni STATICA DEI FLUIDI : pressione - peso specifico, densita' assoluta e relativa - principlo di Pascal - torchio idraulico - pressione idrostatica e legge di Stevino - manometri - legge di Archimede - peso apparente e condizione dl galleggiamento - pressione atmosferica - esperienza di Torricelli CINEMATICA: quiete e moto - traiettoria e legge del moto - velocita' media ed istantanea - moto rettilineo uniforme - accelerazione media ed istantanea - moto uniformemente accel-erato - moto circol-are uniforme LABORÀ,TORIO : Determj-nazione de1la densità di alcune sostanze - Esperienze sulle forze di attrito - Verifica sperimentale della legge di Hooke - verifica sperimentale della 2^ condízione di equilibrio col disco dí Weinhold - DeLerminazione sperimentale del baricentro - Esperienze con fe leve - verifica sperimentale del princrpío di Pasca1 - verifica sperimentale defla leggre di Stevin - Verifica sperimentale delta legge di Archimede - Esperienze sul1a pressione atmosferica - Studio della pompa aspirante/premente - Studio del moto rettilineo uniforme - Studio del moto uniformemente accelerato Gli allievi Do'"rrt ** \b\.ccrì"'rp-

25 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE SECONDARIA..C. COLAMONICO - N. CHIARULLI'' ( I.P.I.A. - I.T.I. ) PROGRAMMA DI DIRITTO ED ECONOMIA A.S Classe : I Piat/* prof.tricarico Natale La società e le regole :. Le collettività umane. Culture differenti. Il senso delle noíne. Il diritto. Le norrne giuridiche. Le sanzioni Le fonti del diritto : IL VIVERE CIVILE. Il diritto nell'età moderna (cenni). Fonti di produzione e fonti di cognizione. I rami del diritto (ceni). Lavalidità delle norne Lo Stato :. Gli elementi costitutivi dello stato. I1 territorio ' Il popolo

26 . L'immisrazione t La condizione giuridica degli stranieri. La sovranità Le forme di Stato :. L'evoluzione de1lo stato r Lo Stato democratico. Tinì di Stato F ONIDAMEI\TI DELL'ATTIVITA' E C OI{O SOGGETTI ECOOMICI Bisogni, beni e servizi :. I bisogni economici ' I beni economici. I servizi " Laricchezza: reddito e patrimonio L'evoluzione dei sistemi economici ( cenni Il sistema economico :. Tipi di sistema economico. Gli operatori economici. Le sceite ciei soggetti economici. 11 circuito economico I conti dello Stato : o Lo stato sociale. Le entrate delio stato. Il bilancio deilo Stato. I beni dello stato COSTITUZIONE E CITTADINAZA I soggetti e gii oggeúti clel cliritto. ' I rapporti giulidici

27 . La classificazione dei diritti soggettivi. Le persone fisiche r Le persone giuridiche. I beni giuridici. Il diritto di proprietà I Il contratto ( cenni ) La Costituzione della Repubblica : r Quando e come nasce la Costituzione. La struttura e i caratteri deila Costituzione. I principi fondamentali I diritti di libertà :. Diritti fondamentali e universali. La libertà personale t La libeftà di domicilio t La libertà di corrispondenza t La liber1à di circolazione e soggiorno t La libertà di riunione ed associazione t La iibeftà religiosa t La libertà di manifestazione del pensiero. L'amministrazione della giustizia ( cenni ) Ltorganizzazione della comunità :. Lafamiglia. I figli. Lasalute. Lascuola Lavoro, diritti politici e doveri del cittadino :cenni Acquaviva delle Fonti, Gli alunni rjrdo- thrqrou,o,rte /ùèfue*.zo /4 8d oll docente

28 AR60lide ì'jtl prúgrà1n3,8"' SVfrLTC el.ùs5il I P1;1 5EZ" A Aruî,i8 se*lqstiffi?s3.3-?01s,ft9. lsluoty" 1) Str;'.!ìr:'.1.;l figr.rrii':o eon t*rminit*citici del corpo aí fini nir:clellistir:i 2) A.ttrqzzl ir ir'e,ji l.:i:orat':rio 3) Pre: r,-lelle rnis,,:re - Costruzlotte gr:r'ina dritta 4l Prr.rt-r-rtir-,rrr:.lpi 1;-r11ri-rlntri i:ef r f L// -, èc.earrzinitp nrtrrtì a f1.1?no \l Co.tltTir-ìirè r':or!ellicficî -' fnlnt,!,r/-r ', ' S'l:tSltl e:{ fttf+fa 6) R ì c:v : rl rl r-r I o':l+:l c.t r't ":l r fi od el lo e a pp aggio :r"r tes: uto 7ì Prri-rti rli +.-r.-+r-rì7irìiro loi'ytnnr:ìtìpi p i.rtrrnan+.rnti ú!rr-.tr..t'-t " v 8) Costrutzi':ite ir,:d.d!islic:r gr,rirrti con e!irliil:ìzirlne rf presa 9) Appc;gio rlr le::r.rta ilel crrtanrr:'"lello *d È:cc1:zir:ire ilei J:'.:nli!enti 10) eo:lrr.rzicne rn*clellistica elel cintr:r!no 11) Deflnizl:r're cli tess',ilo e st:e {{lilrllaitcnìi truina r:rdito e {:ìnosa 1?-) Gr:nna ff;ezz.l rltgîir È ;l rrirlt;l inter;r 13) Gcrrr-t :cggtl.tc.ritr:trt:tt,: e vitr!:rg,r 14) Cci:fezionc':!eilr gònila clinpiot-.e, ii-nì:aslitr"rr'{l e lssernbl.:ggio 15) CostrLrzìc:ne ntqelelli:tic.l fonnr a 1:irÌ!*ncin'f, î portafeglio 1rr) Gr-.ilr':e f.:i,.lrrsirr coi'r spostatn*nti cti ripresa 17) La incda e 1l i'n:.-le in lt*ly 18ì "-'l Gr.'iìr-r r teli 19) Cr31tr"17i'fr':*rr:i:d*liislica pantalr:iric!;rssici 20) Cortrr:zlcr:e mc,,lellirtica 1:antirlr:trije nns t'.-l ilari {16 gir rgno 'i..4 r-lrr ;ltunne

29 Istituto d'fstruzione Superiore f.p.i.a. f.t.f. - "N. Chiarullf' 74021Acquaviva dellc Fonti (BA) - Via Albert Einstein, no 6 Dstretúo Scolastico no 14 - Codice Scuola 8A Tel.ffAX 0E ó2978 -Presidenza: "_:Yil:l#l':_o.l:l Anno Scolastico:2013 I 2014 Prof. Ing. Filippo Cassano Materia d'insegnamento: Tecnologie informatiche multimediali Classe: 1^PlA Sez. A PROGRAMMA SVOLTO Data:

30 fsfituto d'istruzione SuperÍore I.P.I.A. f.t.i. - "N. Chiarallf' 70021AcquavÍva delle Fonti (BA) - Via Albert Einstein, no 6 Dshetto Scolastico no 14 - Codice ScrCIla B Tel./FAX E E -Presidenza: 0E i.yil.lt#.19-i:-1 MODULO No 1: Concetti informatici di base L Terminologia e richiami di matematica 2. Sistemi di numerazione 3. Struttura generale del sistema di elaborazione 4. Unita centrale di elaborazione 5. Le memorie 6. Le unita di input e di output 7. Le memorie di massa 8. Il collegamento delle periferiche 9. Software 10. Licenze software MODULO No 2: Sistema operativo Windows 1. Caratteristiche generali 2. Awio e arresto del sistema 3. L'interfaccia standar delle applicazioni 4. Il pulsante Start 5. Il programma per I'editing dei testi 6. Cartelle e file 7. Le operazioni sui file 8. La Guida in linea 9. Gestione di una stampante 10. Connessione rimozione di periferiche MODIJLO No 3:Elaborazione dí testi 1. Il testo 2. Gli oggetti dell'interfaccia grafica 3. La Guida in linea 4. Le operazioni per il trattamento dei testi 5. La composízíone dí una lettera 6. Controllo ortografico e ricerca di parole 7. La composizione di una relazione

31 fsfituto d'istruzione Superiore I.P.I.A. f.t.i. - "N. Chiarullf' 70021Acquaviva delle Fonti (BA) - Via Nberr Einsteín, no 6 Dstretto Scolastico no 14 - Codice Scuola 8A Tel.lFAX ó2978 -Presiderza: 08075E271 iy:illlmtgi':.:' MODULO No 4: II foglio elettronico 1. Il programma Excel 2. La Guida in linea 3. La costruzione di un foglio di calcolo 4. I-arghezza di colonna e altezza di riga 5. Foglio dati e foglio formule 6. Messaggi di errore 7. I comandi per la gestione dei fogli di calcolo 8. Le openzioni di selezione, copia e spostamento 9. I riferimenti alle cette 10. I comandi per il formato dei dati ll.la stampa del foglio di lavoro 12.Il corúrollo delle formule e degli errori ortografici 13. Le funzioni di uso comune e l'ordinamento dei dati 14. Funzioni 15. Grafici MODULO N" 5: Strumenti di presentazione (acquisizione parziale'1 Libro di testo Tecnologie informatiche multimediali Autore: Federico Tibone Case editrice: ZANICHELLI Acquaviva delle Fonti, 31 / Comprendere cos'è un programma di presentazione, 2. Gestire una presentazione 3. Gestire le immaeini e usare i filmati- Gli alunni -t--- -t+iu,.*f-,*t-. \ \s-nrcl-a--- n,8ó it* Firma del Docente (Ing. Fifippo ry\f> Cassano)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Liceo scientifico A. Einstein

Liceo scientifico A. Einstein Liceo scientifico A. Einstein Cervignano del Friuli CLASSE 1^ALSA PROGRAMMA DIDATTICO MODULI REALIZZATI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Prof.ssa Marilena Beltramini Anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMA

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A RELIGIONE 9788810614082 CIONI LUIGI / MASINI PAOLO / PANDOLFI BARBARA PAOLINI LUCA I-RELIGIONE+LIBRO DIGITALE+DVD / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 16,00 Si Si No ITALIANO ANTOLOGIE

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli