proposta teatrale per la scuola primaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "proposta teatrale per la scuola primaria"

Transcript

1 La Terra Galleggiante presenta UN TEATRO NELLO ZAINETTO proposta teatrale per la scuola primaria Anno scolastico LABORATORI SPETTACOLI

2 La Terra Galleggiante è un utopia perseguita con tenacia e concretezza dai suoi ideatori, una piattaforma dedicata al teatro, al teatro di figura e alla musica da cui lanciare uno sguardo sotto la superficie, sulle increspature e sul futuro di queste arti così antiche e nello stesso tempo così intrinsecamente moderne, contemporanee. È del 2008 l inaugurazione del Teatro del Lavoro e del Centro per l Arte Marionettistica, una casa del teatro per attori, marionettisti e musicisti dove con una propria sala teatrale, aule per laboratori e foresteria si concretizzano le iniziative dell associazione, articolate in varie rassegne teatrali, musicali e di documentazione video, attività residenziali di produzione, stage e laboratori di livello internazionale. Lo scopo perseguito con assiduità è la valorizzazione del lavoro dei giovani attraverso la creazione di un ambiente eterogeneo che promuova con naturalezza le affinità tra linguaggi artistici e le possibili contaminazioni, il lavoro di ricerca continuo per una poetica autentica e originale delle figure. Un teatro nello zainetto Per l intervento culturale che il Centro Teatro del Lavoro si prefigge di portare nel territorio è di essenziale importanza costruire un rapporto con gli enti scolastici continuativo e produttivo, che porti alla comune costituzione di criteri di intervento con e per i ragazzi; la disponibilità del centro a fondare metodologie modulari e flessibili all esigenze della scuola nel dettaglio è un elemento caratteristico del nostro lavoro da sempre. Particolare attenzione viene rivolta a quelle sedi scolastiche, che per motivi geografici hanno più difficoltà ad accedere alle proposte culturali. E risaputo che la collocazione periferica è un elemento fortemente svantaggiante da un punto di vista culturale. Il progetto Un teatro nello zainetto vuole essere una prima risposta a questo problema attraverso due strategie: - la riduzione del costo del biglietto di ingresso per partecipare alle attività, concerti o spettacoli, presso il Teatro del Lavoro per gli allievi che arrivino da sedi scolastiche fuori pinerolo - la possibilità di realizzare concerti, spettacoli e laboratori direttamente presso le sedi scolastiche lì dove si riscontrino difficoltà agli spostamenti. Iniziative principali La linea direttrice principale sarà sempre la conoscenza di diversi linguaggi quali la musica, il teatro, il teatro delle marionette, con tematiche che si avvarranno della capacità degli operatori, per far emergere attraverso gli stage, i corsi e gli spettacoli e concerti la sensibilità estetica e poetica che sono parte dell animo dei ragazzi. Le attività proposte di seguito per l anno scolastico in corso vogliono essere un punto di partenza che, riprendendo le esperienze svolte in passato dall Associazione, rendano manifesta al mondo scolastico del pinerolese l esistenza di questo nuovo Centro per l arte musicale e teatrale, aperto e a loro disposizione.

3 Programma attività Le attività proposte potranno realizzarsi sia presso il Teatro del Lavoro a Pinerolo, sia presso le diverse sedi scolastiche Attività di laboratorio Laboratori teatrali come strumenti per stimolare i giovani verso una maggiore attenzione e consapevolezza delle qualità proprie e altrui. spettacoli rassegna Palcoscenico maestro spettacoli teatrali Incontro sul teatro di figura La figura, questa amica secolare un percorso storico-geografico alla scoperta del teatro di figura: le sue origini, le sue tematiche, le sue tecniche.

4 Laboratori Teatrali L approccio al mondo del teatro proposto ad un età così giovane, consente di realizzare una vivace coesione tra la dinamica del gioco ed il rispetto di alcune regole che il teatro ad ogni età richiede. Laboratorio A) LA TERRA DEL GIOCO a cura della compagnia Teatrodistinto INTRODUZIONE E MOTIVAZIONI Il laboratorio è un viaggio di ricerca e sperimentazione nel mondo della comunicazione, dell ascolto e della condivisione, con tutte le difficoltà e le opportunità che lo scambio tra individui comporta. I protagonisti del viaggio sono bambini chiamati quotidianamente a mettere in campo la loro emotività e personalità con adulti e coetanei; questi sentono spesso il bisogno di un sostegno e un confronto nell interazione con il complesso universo giovanile. L aumento e la diversificazione delle problematiche che i ragazzi affrontano, gli stimoli sempre più forti e incontrollati che gli stessi ricevono, le varietà di lingue e culture che si incontrano rendono sempre più importante la creazione di momenti di studio e approfondimento sulle dinamiche relazionali, sulle difficoltà di comprensione ma anche sulla ricchezza di stimoli e di soluzioni che dall ascolto stesso possono giungere. Teatrodistinto, che opera ormai da anni nell ambito della formazione rivolta a giovani ed adulti, intende il laboratorio di teatro come un momento di scambio intenso e profondo. All interno di un micro-mondo in cui non esistono il giudizio né la prestazione, i conduttori accompagnano i partecipanti in un percorso di scoperta di sé e dell altro che passa attraverso il respiro e la condivisione. In tale contesto le difficoltà, le resistenze, i timori e i difetti di ciascuno appaiono come una risorsa importante su cui lavorare; questi, attraverso la creatività di ognuno, prendono vita e divengono azione scenica astratta e poetica. Il filtro che il gioco del teatro offre, fornisce un aiuto nel liberarsi del giudizio razionale di cui quotidianamente ci serviamo, per lasciare spazio alla libera espressione delle proprie caratteristiche ed emozioni. In un alternanza di momenti in cui i membri del gruppo lavorano insieme e singolarmente si dipana il percorso-viaggio. Ne risulta un lavoro in cui il gruppo esperisce nuove modalità comunicative e di espressione, vivendo i diversi momenti come spunti e suggerimenti da riutilizzare nel rapporto con gli altri. Attraverso esercizi singoli e di gruppo, si creano dinamiche relazionali utili ad approfondire alcuni aspetti inerenti al vissuto e alle difficoltà inespresse dei giovani partecipanti, soprattutto in relazione al loro rapporto con il mondo esterno, allo sforzo che comporta conoscere persone nuove, entrare in comunicazione con loro e trovare un terreno comune da percorrere con il dialogo. Il viaggio nella relazione con l altro che viene a crearsi, diviene strumento per la scoperta e la costruzione dell empatia con l altro, elemento fondamentale per la convivenza costruttiva a tutte le età. CONTENUTI

5 Il laboratorio prevede un percorso graduale che parte dalla riscoperta dei propri mezzi comunicativi quale la voce, il racconto emotivo, la memoria percettiva e che giunge al confronto con l altro attraverso l osservazione e l ascolto, in un contesto di forte condivisione. All interno di un gioco in cui la diversità e la reinterpretazione dei colori dell altro sono stimolo e punto di forza per lavorare, la comunicazione è tesa a cogliere, gradualmente e senza forzature, il mondo interiore della propria ed altrui persona. Il clima di collaborazione ed intimità che si crea fa sì che gli esercizi siano svolti con libertà e spontaneità, senza il timore di errori e giudizi, e ciascuno secondo le proprie capacità, esprime debolezze, difficoltà, paure, rabbie insieme ai compagni di viaggio. Gli esercizi, singoli, a coppie e di gruppo, sono stimoli, spunti offerti dai conduttori ai partecipanti. All interno di questi giochi l immaginazione, l autobiografia di ciascuno, l emotività vengono chiamate in campo e utilizzate al fine di creare suggestioni e cercare contatti con il mondo dell'altro,del proprio collega come dei propri ragazzi. Alcuni punti approfonditi nel corso del laboratorio: narrazione attraverso gli oggetti espressione del sé mediante immagini create con elementi di teatro povero gli altri- conoscenza dell altro attraverso l osservazione, il confronto, rapporto con lo spazio e con il prossimo, rispetto dei ritmi altrui e degli altrui difetti le emozioni-riconoscimento della propria emotività ed espressione della stessa attraverso l uso della parola. lo scambio con l altro: la collaborazione su un obiettivo, la dedica, il dialogo ascolto e racconto come gioco l improvvisazione sull emotività : creazione di scene attraverso l utilizzo dell immaginazione quale metafora e occasione di riflessione. SOGGETTI COINVOLTI GRUPPI- CLASSE INSEGNANTI ( durante i corsi la loro presenza è facoltativa, hanno in ogni caso un ruolo nel coinvolgimento dei ragazzi e nella legittimazione dell attività). CONSULENTE ESPERTO: DANIEL GOL / LAURA MARCHEGIANI Tempi percorso modulare, prevede quattro possibilità: 8 incontri settimanali di 2 ore ciascuno. 10 incontri settimanali di 2 ore ciascuno 12 incontri settimanali di 2 ore ciascuno Durata minima di ogni incontro: 2 ore. Luoghi Palestra, sala teatro, auditorium, aule spaziose. Costo orario 65,00 + Iva

6 Laboratorio B) in compagnia a cura della compagnia Teatro Alegre Il laboratorio si propone di avvicinare il bambino al teatro attraverso la messa in scena di brevi storie. La classe diventerà così una compagnia teatrale con la suddivisione del gruppo nelle diverse mansioni: scenografi, costumisti, attori, mimi burattinai, musicisti-rumoristi-cantanti, tecnici luci e del suono. obiettivi - la scoperta delle potenzialità e sensibilità di ciascuno, indirizzando i bambini verso quelle mansioni che sono più vicine al loro animo e nelle quali potranno sentirsi più soddisfatti - imparare a lavorare in gruppo, ascoltandosi con rispetto e aiutandosi - acquisizione di una manualità basica lavorando con materiali quali: gommapiuma, legno, argilla, carta ecc - approccio di base all ascolto e alla musica: i ritmi, i suoni, le evocazioni immaginarie, i canti. Imparare a relazionare musica o rumori con immagini, con stati d animo, con eventi. Prima dell inizio del laboratorio la classe, insieme agli insegnanti, avrà il compito di creare o ricercare un testo, eventualmente collegato al tema oggetto di approfondimento dell anno. Il testo potrà avere parti di semplice narrazione e parti di dialogo. tappe del laboratorio - Analisi e lettura del testo e della storia. - Analisi dei personaggi umani e animali della storia attraverso: Definizione del carattere, voce, struttura fisica con l elaborazione di schizzi e disegni Scelta di quali personaggi rappresentare attraverso una figura: burattino, sagoma, marionetta od ombra Scelta di quali invece potranno essere rappresentati direttamente dai bambini. Possiamo anche tener conto che uno stesso personaggio può essere rappresentato con una figura in una scena e con un attore-bambino in un altra. - Divisione della storia in scene - Ricerca di musiche, canzoni e rumori che potrebbero arricchire il l espressività del racconto. - Realizzazione di bozze di disegno dell ambiente e dell epoca che il racconto ci suggerisce nell immaginario.

7 - Costruzione dei vari elementi che compongono lo spettacolo con la conseguente divisione della classe in gruppi che si occuperanno di: realizzazione di elementi scenografici con materiali poveri, (cartoni, tessuti, carta) che aiutino a situare la storia in un ambiente e in un tempo realizzazione di personaggi con la tecnica di burattini, marionette giganti o teatro d ombre. ricerca o costruzione di semplici strumenti musicali o rumoristici. ricerca di elementi semplici per l aumento del suono, e degli effetti luce (tecnici del suono e luce) - Messa in scena della storia. Divisione dei ruoli in scena e studio del lavoro che ognuno dovrà compiere: memorizzazione del testo per gli attori e burattinai studio dei movimenti in scena individualizzazione dei momenti musicali memorizzazione degli eventuali canti, ritmi, suoni - presentazione al pubblico (altre classi) del risultato del laboratorio SOGGETTI COINVOLTI 1 classe (4 o 5 ) e gli insegnanti Consulente: Georgina Castro Küstner Tempi da 8 a 10 incontri settimanali di 2 ore ciascuno Durata minima di ogni incontro: 2 ore. Costo orario 65,00 + Iva

8 Palcoscenico maestro PROGRAMMA SPETTACOLI scuole primarie presso il Teatro del Lavoro presso le sedi scolastiche giovedì 25 novembre ore 10,30 Semeion teatro- Ombrellina scopre il mondo lunedì 24 gennaio - ore 10,30 Teatrodistinto: Compagni di banco mercoledì 26 gennaio ore 10,30 Oltreilponte : Al paese di Pocapaglia Venerdì 28 gennaio ore 10,30 Oltreilponte-Trevisan: Lunargentina data da definire con gli insegnanti Oltreilponte : Al paese di Pocapaglia data da definire con gli insegnanti Teatrodistinto: Kish Kush data da definire con gli insegnanti Teatrodistinto: Non dirlo a nessuno data da definire con gli insegnanti Oltreilponte-Trevisan: Lunargentina si allegano schede descrittive degli spettacoli Nonostante le comprensibili e involontarie difficoltà a portare all esterno delle sedi scolastiche gli studenti, la nostra associazione ci tiene ad evidenziare l importanza a volte sottovalutata di recarsi fisicamente all edificio Teatro. Soprattutto per i bambini delle scuole primarie che difficilmente hanno avuto occasione di vivere la magia del teatro è occasione di scoprire un luogo altro, diverso e affascinante in cui lo spettacolo acquisisce una rilevanza maggiore grazie ad un impianto luci e un acustica che esaltano la bellezza e malia del gioco teatrale. Info Costo biglietto 4,50, biglietto ridotto 3,50, per le classi che devono affrontare una spesa di trasporto per venire a teatro Teatro del Lavoro Accesso e bagni disabili - via Chiappero 12 Pinerolo Numero massimo di spettatori: 99 Modalità di prenotazione: mediante l invio della scheda prenotazione compilata per fax: per per ulteriori informazioni:

9 SPETTACOLI giovedì 25 novembre ore presso il teatro del Lavoro Compagnia Semeion Teatro Titolo Ombrellina scopre il mondo Genere Teatro di figura e d attore _ consigliato per il 1 ciclo Durata 45 minuti Lo spettacolo è nato dall intuizione di costruire i personaggi, i luoghi e l animazione a partire da un oggetto ben preciso: l Ombrello! Così ombrelli di tutte le fattezze e dimensioni sono stati utilizzati come componenti primi per la realizzazione dell intero spettacolo. La protagonista di questa storia è Ombrellina, che è sempre sola, sempre triste e ha voglia di scoprire il mondo, di conoscere, di giocare con gli altri. Ma come fa un ombrellina a spostarsi dal luogo dove è nata!? Te lo spiego io le dice la cornacchia, basta mettere il becco nella direzione del vento, e poi voli via!. Sarà così, grazie al vento, al sole e alla pioggia, che ombrellina finirà su un isola deserta che poi non è tanto deserta ; finirà in fondo al mare tra pesci, meduse e calamari, in cielo tra aquile, gufi e gabbiani. Incontrerà pinguini, paguri, navi pirata e e la fata Luna che, passo passo, la condurrà a scoprire che non ha bisogno di girare tanto il mondo, ha solo bisogno di un amico tondo tondo. Lo spettacolo mescola teatro d attore e suggestive visioni di teatro di figura; il tutto condito da ritmi comici, musiche evocative e raffinati giochi di luce. Semeion Teatro è un Associazione Culturale che nasce nel 1994 a Settimo Milanese. Le sue attività sono rivolte alla diffusione delle discipline artistiche e teatrali. L Associazione si occupa di: - Promuovere e organizzare corsi di formazione per ogni fascia d età. - Realizzare spettacoli, letture teatrali e animazioni. - Organizzare eventi artistici, maratone di narrazione, rassegne e festival. - Proporre attività formative e culturali presso biblioteche e scuole. Semeion Teatro è costituita da attori professionisti, animatori, burattinai, musicisti, scenografi, ma anche insegnanti, baristi, informatori farmaceutici, assicuratori; tutti accomunati dalla voglia di convergere le proprie esperienze, professionalità ed energie diverse nella grande passione per il teatro con il desiderio di lasciare una traccia, un segno, come si direbbe in greco un Semeion

10 lunedì 24 gennaio ore 10,30 presso il teatro del Lavoro Compagnia Teatrodistinto Titolo Compagni di banco Genere Teatro d attore, gestuale. Durata 50 minuti Era l anno in cui l autunno arrivò piano, poi più forte. Ci stavamo antipatici. Per dispetto e per gioco abbiamo trasformato la nostra classe in un giardino. Le liti si sono intrecciate con l inizio di un amicizia. La maestra ci sgridò insieme. Quell anno i miei genitori dissero: quando arriva l inverno devi cambiare scuola, andiamo a vivere in un altra città. Poi sul nostro banco arrivò la neve. Un adulto entra in scena, osserva una vecchia aula di scuola, indossa un polveroso grembiule, un paio di occhiali. Ritrova il suo banco. Inizia il viaggio nei ricordi di un anno lontano, ancora vivo nella memoria. Un altro adulto entra in scena, segue la traccia di quel ricordo, si unisce al primo. Insieme ripercorrono le tappe del loro legame, attraverso dispetti, contrasti e complicità, creando intervalli fantastici, in cui l autunno entra dalla finestra e inonda la classe con le sue foglie secche. I due, insieme, rivivono momenti e luoghi del loro sentire, regole infrante e affetti scoperti per caso, in silenzio.l amicizia viene interrotta, i due compagni devono separarsi; il primo cambia città, il secondo resta al suo banco, solitario, nostalgico, in attesa di ritrovare il complice di giochi e follie. Compagni di banco è un percorso sensoriale, viaggio metaforico nell eterno passato di ogni uomo-scolaro, e nei segni che lascia. Attraverso immagini e musiche, parole chiave e oggetti evocativi, si riflette sul tema dei rapporti, sulle follie e le trasgressioni di gioventù, e sulla vicinanza che nasce nel misterioso e totalizzante mondo della scuola. RECENSIONI Dopo l'eccellente esito di Kish Kush creazione finalista del premio Scenario Infanzia, Teatrodistinto con "Compagni di banco" conferma lo stile e la poetica del lavoro precedente della compagnia alessandrina, basati su un teatro minimalista che privilegia l'immagine alla parola, cercando di suggerire atmosfere piuttosto che proporre una narrazione di fatti.

11 data da concordare con gli insegnanti presso le sedi scolastiche Compagnia Teatrodistino Titolo Kish-Kush Storia di un incotro e delle sue tracce Progetto finalista a Premio Scenario Infanzia 2008 Genere teatro corporale Durata 50 minuti Quante lingue esistono al mondo; che suoni hanno? Colui che parla in modo diverso, è diverso da me? Com è fatto lo straniero? Quali sono i suoi gusti? Ha nostalgia? Cosa posso creare insieme a lui? Le infinite domande silenziose che possono sorgere in un bambino, che si confronta con un compagno di provenienza straniera, non sempre trovano risposte. Le dinamiche che prendono forma nell incontro con accenti, colori e modalità differenti dalle nostre, necessitano di uno spazio di riflessione, confronto e dialogo. Il progetto KISH-KUSH storia di un incontro e delle sue tracce vuole essere una piccola finestra sul tema della diversità culturale e linguistica, attraverso il gioco del Teatro. Nasce come spazio dinamico tra due personaggi di provenienze diverse, con l obiettivo di condurre i giovani spettatori verso una riflessione e una discussione sul tema della diversità. Kish-Kush, ovvero scarabocchio in lingua ebraica, diventa per noi luogo dell immaginario, spazio neutro, che ospita due personaggi divisi, che non parlano la stessa lingua. Lo spazio di gioco in Kish-Kush, è inizialmente suddiviso in due parti, proponendo agli spettatori due punti di vista differenti dell azione. Attraverso suoni, ombre, e oggetti usati in modo simbolico, le due figure arrivano a confrontarsi, abbattendo il delicato muro di carta che li divide. Hanno così inizio l incontro e lo scambio, che portano alla creazione di immagini e spazi nuovi. Storia di silenzi, di lontananza dalla propria terra, di timore della lingua straniera, Kish-Kush è uno scarabocchio ironico, quel luogo interiore di chi conserva ricordi lontani e tenta di integrarsi a realtà nuove e sconosciute. RECENSIONI Il tema della diversità, del disagio verso l' altro, é alla base di questo spettacolo, considerato come un'allegoria della nostra società, frantumata dal difficile rapporto tra diverse etnie. I due protagonisti ci dimostrano che i pregiudizi possono essere superati grazie alla reciproca voglia di conoscere e conoscersi e, nonostante le forti divergenze, é possibile incontrarsi per poter instaurare una stabile convivenza fondata sul rispetto reciproco.

12 data da concordare con gli insegnanti presso le sedi scolastiche, necessaria una sala oscurabile Compagnia Teatrodistinto Titolo Non dirlo a nessuno Genere: Teatro d attore e d oggetti_ consigliato per il 1 ciclo Durata: 50 minuti Una città minuscola, luogo di segreti nascosti, una bambina e il suo fiume. La messinscena è minimale. Scatole bianche illuminate, contenenti piccoli oggetti evocativi, delineano progressivamente, la nascita di una città fantastica. Un viaggio onirico e simbolico nel mondo delle parole sconosciute che usano i grandi, delle emozioni che tutti proviamo e che vediamo trasformarsi giorno dopo giorno, delle cose non dette, di sorprese e pensieri. Ogni nuova scoperta è un contenitore che si schiude, svelando forme e atmosfere capaci di dar voce a un segreto. Il fiume e la bambina attraversano questo universo immaginario fino al mattino, quando il sole riporta ciascuno nella propria casa, lasciando dietro sé un piccolo mondo incantato. Il Fiume dialoga con la giovane, guidandola attraverso le scatolefermata della vita raccontata, dando una connotazione animista alla metafora del viaggio. Ogni angolo dello spazio immaginario simboleggia un piccolo segreto, un universo di novità che la protagonista deve scoprire. Lo spettacolo acquisisce forza comunicativa qualora venga rappresentato in spazi intimi poichè l interpretazione predilige, infatti, una vicinanza tra pubblico e attori. L'Associazione Culturale Teatrodistinto nasce dall'incontro di due percorsi formativi e lavorativi differenti e complementari, che spaziano dal lavoro puramente artistico e creativo finalizzato alla realizzazione scenica fino a giungere al lavoro in ambito sociale, dove il linguaggio teatrale è utilizzato come strumento di crescita e comunicazione. Dal 2003 Teatrodistinto ha lavorato assiduamente all'ideazione e realizzazione di progetti originali e sperimentali, diversi fra loro per caratteristiche, target cui si rivolgono, obiettivi prefissati, modalità lavorative, strumenti utilizzati. Esistono, tuttavia alcuni elementi, linee guida, comuni a tutti i progetti, che ne costituiscono fondamento concettuale: - La consapevolezza della necessità, sentita dalle persone in ogni ambito, di comunicare e raccontarsi, superando inibizioni, blocchi, paure. - La centralità assoluta data all'individuo e alla ricchezza emotiva di cui esso è portatore: le sue risorse, ma anche le sue difficoltà e i suoi limiti, sono elementi preziosi del lavoro. Attraverso la trasposizione scenica e l'uso della creatività questi acquisiscono colori spesso inaspettati. - La totale assenza di un modello espressivo proposto cui aderire o da imitare, a favore della ricerca, realizzata con ciascun individuo, delle sue peculiarità e ricchezze espressive. - La ricerca dell'astrazione come scelta espressiva privilegiata, utile a superare l'inibizione e mostrare aspetti di sè inesplorati. Dal punto di vista creativo, Teatrodistinto utilizza un registro scarno, allusivo, a tratti onirico, sia dal punto di vista scenografico, sia nella costruzione dei momenti narrativi. Le scelte espressive sono in una continua sperimentazione: le potenzialità espressive del corpo vengono esplorate con modalità non convenzionali, così come l'uso del suono e della parola si trasforma e utilizza la metafora. Alla recitazione intesa in senso classico si predilige uno stile semplice e spontaneo, naturalista e non teatrale.

13 mercoledì 26 gennaio ore 10,30 data da concordare con gli insegnanti presso il teatro del Lavoro presso le sedi scolastiche Compagnia Oltreilponte Titolo Al paese di Pocapaglia Genere Teatro di narrazione e d animazione, con baracca e burattini e musiche originali dal vivo. Durata 55 minuti Pocapaglia è un paese di contadini brontoloni, pigri e sprovveduti. Solo Masino è il più sveglio e benvoluto da tutti, ma ha lasciato il paese per andare in cerca d avventure e non è più tornato. Mentre i paesani attendono il suo ritorno, a Pocapaglia cominciano a succedere fatti misteriosi: ogni sera capita che buoi e vacche vengano rubati dalla masca Micillina, una strega che se ne sta appostata nei boschi sotto il paese. I pocapagliesi impauriti chiedono consiglio al ricco Conte del paese, ma questo nega il suo aiuto e quello dei suoi soldati. Ormai disperati per le continue ruberie della masca, gli abitanti di Pocapaglia decidono di scrivere una lettera per implorare il ritorno di Masino. E proprio una sera Masino ricompare. Parte alla ricerca di Micillina, la trova, la cattura e la porta al cospetto dei pocapagliesi che, con stupore, assistono alla soluzione di un mistero che ha ben poco di soprannaturale. Dopo aver deciso la punizione per il colpevole e aver esortato tutta Pocapaglia a rimboccarsi le maniche, Masino riparte per terre lontane. Da quel momento i pocapagliesi, che hanno capito la lezione, si scoprono meno pigri e cominciano a darsi da fare senza più chiedere aiuto a nessuno. La compagnia OLTREILPONTE TEATRO nasce da una serie di riflessioni maturate sia nel campo del teatro d'attore che in quello del teatro di figura, secondo un percorso di confronto e contaminazione reciproca. Fondatore e direttore artistico è Beppe Rizzo, attore, musicista e drammaturgo piemontese che, dopo un lavoro intrapreso nel 1999, incontra nel 2001 la figura poliedrica di Andrea Rugolo, scenografo, disegnatore e costruttore torinese. Una collaborazione che segna l'inizio di un modo nuovo di pensare al ruolo dei burattini e delle figure nel linguaggio teatrale, assieme a nuove possibilità espressive nella costruzione delle figure. Ricorrendo alla tecnica dell'animazione a vista si tenta di svincolare il burattino dalle forme tradizionali, alla ricerca di particolari drammaturgie che permettano una sempre diversa fusione di attore e figura. Anche quando l'animazione non è a vista, e cioè in quelle forme più vicine alla tradizione, il burattinaio è sempre attore consapevole di sé e del proprio bagaglio. L'incontro di attorialità e burattineria avviene anche col proposito di una relazione tra attore e pubblico diretta ed essenziale, sorretta da un preciso intento comunicativo. Per questo si guarda sovente con favore alle forme che il teatro popolare offre, come quella narrativa, e anche la scelta del repertorio e delle fonti risente di quest'apertura all'elemento popolare. L'utilizzo di musiche inedite, create o elaborate appositamente per la scena ed eseguite dal vivo, diviene parte integrante dell'operare della compagnia, dando luogo a diverse collaborazioni con musicisti di calibro nazionale e internazionale.

14 venerdì 28 gennaio ore 10,30 data da concordare con gli insegnanti presso il teatro del Lavoro presso le sedi scolastiche Compagnia Oltreilponte - Trevisan (Torino) Titolo Lunargentina Piccola storia con un occhio al cielo Ispirato da un racconto di Horacio Tignanelli Con Chiara Trevisan e la regia di Beppe Rizzo Genere Teatro d attore e di figure animate a vista _ consigliato per il 1 ciclo Durata 40 minuti, segue un incontro con il pubblico Una donna, una valigia, un tavolo. Da bambina, quando si sentiva sola, Chiara pensava che parlando alla Luna le sue parole sarebbero volate fino alla sua superficie bianca e brillante. Qualcuno, guardando l astro, le avrebbe ascoltate e sarebbe venuto per giocare. Una Chiara grande insegna a Chiara da piccola, tra ricordi e storie, come si guarda alla Luna. Una Luna che hanno costruito insieme, con forbici e martello, e che le aiuta nella ricerca, a volte spericolata, di un amico perduto, arrivando a fare un lungo viaggio, per raggiungere l Argentina e per non essere mai più sole. Attraverso una narrazione delicata e poetica, a tratti divertente e irriverente, lo spettacolo esplora il tema della solitudine e le risorse che ognuno ha dentro di sé per valorizzare e arricchire quello che altrimenti potrebbe sembrare un vertiginoso spazio vuoto. Tra le due protagoniste, Chiara e Chiara da piccola (un pupazzo che la donna estrae dalla capiente valigia che l accompagna) si intesse un rapporto di complicità affettuosa, sostenuto dalla comprensione quasi materna che l adulta ha nei confronti di se stessa bambina. Lo spettacolo è nato a partire da uno spunto autobiografico dell autrice, l abitudine infantile di parlare alla Luna confidando nell ascolto altrui, e dai laboratori svolti in alcune scuole materne nel 2008 sul tema dell osservazione astronomica. La Luna è il primo oggetto celeste verso cui si dirige l osservazione dei bambini, anche molto piccoli. I suoi continui cambiamenti attraggono l attenzione e scatenano la speculazione, entrambe sostenute, spesso, dall emozione della scoperta. E un elemento familiare e rassicurante, e al tempo stesso misterioso e mutevole. Il co-protagonista ideale per una storia di scoperta e cambiamento. Nel 2008 Chiara Trevisan, una delle poche artiste italiane a cimentarsi nella tecnica sudamericana del teatro in scatola per un solo spettatore, ha unito le forze con Beppe Rizzo, anima della compagnia Oltreilponte Teatro, impegnato da più di dieci anni nello sviluppo di una drammaturgia che, attraverso la tecnica dell animazione a vista, tenta di svincolare il burattino dalle forme tradizionali.

15 La figura, questa amica secolare Un percorso che ci avvia alla conoscenza delle diverse tematiche, tecniche e origini del Teatro di figura (marionette, burattini, ombre) nel mondo. Si parte dalla Guarattella napoletana con Pulcinella, personaggio antesignano di quasi tutti i personaggi tradizionali dell Europa, si passa per tecniche sopraffine quali il Bunraku giapponese, le ombre indiane, i pupi siciliani, per arrivare alle tecniche moderne dei pupazzi in gommapiuma. Un percorso con animatore che contestualmente racconterà anche un pezzo della storia italiana e non solo, attraverso la quale il linguaggio del teatro di figura ha raggiunto, innovandosi sempre, i tempi contemporanei. Durata: 60 minuti Partecipanti: massimo 2 classi ad incontro Luogo: a scelta, presso le sedi scolastiche o presso il teatro del Lavoro Periodo: Primavera, in data da concordare con gli insegnanti Costo: 2,00 per partecipante Per ulteriori informazioni: La terra galleggiante- Teatro del Lavoro tel e fax / Via Chiappero 12 Pinerolo Le adesioni alle diverse proposte potranno essere concordate e inviate, previa compilazione del modulo allegato, via fax o via mail vedi sopra, preferibilmente entro il 6 novembre E possibile visionare le foto degli spettacoli e scaricare il pdf del progetto e la relativa scheda di adesione sul sito della Terra Galleggiante.

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE Autore: Liliana Minutoli PROGETTO DIDATTICO PER APPRENDERE DA SUONI, PAROLE, IMMAGINI, MOVIMENTI CORPOREI A BAMBINI E MAESTRI! Eccoci qui insieme

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli