Introduzione al teatro latino G. Chiarini F. Mosetti Casaretto prima edizione: Mondadori Università, 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al teatro latino G. Chiarini F. Mosetti Casaretto prima edizione: Mondadori Università, 2004"

Transcript

1 Introduzione al teatro latino G. Chiarini F. Mosetti Casaretto prima edizione: Mondadori Università, CARATTERI GENERALI DEL TEATRO LATINO 1.1 PRIMA DEL TEATRO SCRITTO Ludi Romani (festa di metà settembre) del 240 a.c.: Livio Andronico mette in scena una fabula di argomento greco riadattandola dal repertorio attico. La novità fu voluta dagli edili curuli in omaggio a Giove Ottimo Massimo per il successo contro Cartagine (I^ guerra punica, 241 a.c.). Questa data d inizio del teatro latino scritto, non avrebbe segnato una svolta se non fosse stata anticipata da un secolo di teatro accolto nelle feste: un teatro come quello attico (secoli V-IV a.c.) non avrebbe potuto essere riproposto senza una tradizione preesistente. La tradizione risaliva al 364 a.c.: fu introdotto nella festa una forma di teatro, vicino al varietà, chiamata satura (cioè, farcito di numeri), costituita da scenette farsesche, parodie, canti e danze, forse in una scenografia essenziale. Ma anche questa forma era preceduta da secoli di performance musical-teatrali nelle feste agricole dell entroterra laziale. Qualsiasi forma teatrale è preceduta da un qualche rituale di danza, dalla quale tale forma si è, nel tempo, sviluppata. Dobbiamo pensare quindi a antiche danze a carattere apotropaico, con lo scopo di allontanare il malocchio. Le occasioni per queste cerimonie erano le scadenze del calendario agricolo (aratura, semina, primavera, vendemmia). Il carattere apotropaico-protettivo era congiunto a quello propiziatorio: gli dèi dovevano proteggere fecondità di terre e donne. Il tema della festa è la sopravvivenza della comunità. La danza è espressione di gratitudine per il passato e tentativo di controllo dei meccanismi riproduttivi, liberazione di energie psichiche, attenuazione dei contrasti sociali, mimesi dei rituali interfamiliari, incontro tra i giovani della comunità per nuovi legami. 1.2 LA DANZA DELLE DANZE Grazie a testimonianze, ricostruiamo le due coreografie essenziali di queste danze: l Iliade (libro XVIII, vv ) descrive la danza del labirinto, com è raffigurata dal fabbro divino Efesto sullo scudo di Achille. La prima forma è quella in tondo, ancor oggi praticata in molte parti, comporta movimenti circolari. La seconda immagine è in file contrapposte, che si corrono in contro e si allontanano (a ogni movimento, ne corrisponde sempre un altro uguale e contrario). Sui significati si erano già interrogati gli antichi, come il grammatico Aftonio che individua negli antichi canti una strophé (evoluzione), un antistrophé (controevoluzione) e un epodòs (canto eseguito sul posto) finale. Quale fu l origine di questi movimenti? Le ipotesi sono due: alcuni dicono che sia stata istituita da Teseo che, ucciso il Minotauro, cantò imitando nella danza il percorso del labirinto, girando in vari sensi. Altri che col canto così ripartito l uomo imiti l universo: dapprima verso destra, perché il cielo dall alba al tramonto ruota verso destra, poi verso sinistra, come la luna, infine stando fermi, come la terra. In realtà queste due origini sono simili: scampati al caos, gli uomini avevano ripreso a danzare in sintonia con gli astri. Come molti tuttora sono convinti che la danza sia la prima forma di piena espressione artistica, nel monto antico si era convinti che la prima danza fosse stata quella dei corpi celesti alla nascita del mondo ordinato, imitata poi dall uomo. Secondo Licinio (nel dialogo Sulla danza di Luciano di Samosata, II secolo d.c.) «la danza nacque con Eros l Antico, contemporaneamente all universo». Eros Primigenio ha spinto gli elementi ad aggregarsi, e l equilibrio delle rotazioni garantisce l armonia dell universo.

2 Che vi sia connessione tra danza del labirinto e movimenti celesti, lo conferma il testo omerico. La similitudine col vasaio designa la danza in tondo : è la figura-base più diffusa, ancor oggi, e il girare di tali danze è figura imitante del girare dei corpi celesti. Anche la figura dei due semicori che si incontrano e allontanano è diffusa nella danza popolare, specialmente in tondo, e anch essa ripetizione dei movimenti astrali. Quale significato aveva la danza del labirinto? Tesero da Creta approdò a Delo, eseguì sacrifici ad Apollo e danzò coi compagni liberati dalla prigionia del Minotauro. La danza ancor oggi praticata a Delo racconta Plutarco dicono sia un imitazione dei meandri del labirinto, e gli abitanti di Delo la chiamavano gru. Questa denominazione pare dovuta ai danzatori che si tengono per mano, spostandosi in formazione, come le gru. 1.3 CORTEGGIAMENTO, CONTRASTO Quindi le origini della danza hanno a che fare anche con un immedesimazione col mondo animale, e entrambi questi aspetti, celeste e animale, sono al servizio degli equilibri interni alla comunità, prestandosi a esprimere, tramite l avvicinamento e l allontanamento, l incontro/scontro positivo dell amore sia quello negativo politico e militare. Le due dimensioni sono collegate: il giovane maschio si vanta anche del suo essere destinato a un ruolo militare, così le danze di guerra sono anche di corteggiamento, come sembra essere quella descritta nell Iliade. A questa doppia tematica sembrano rinviare i Fescennini versus (etimologia forse connessa con Fescennia, città laziale di cultura affine ai latini), scambi di battute in metriche improvvisate, con accompagnamento di musica elementare. La caratteristica era il motteggio: nel clima euforico della festa agreste era lecito rievocare i fatti del passato recente e criticare i personaggi più in vista. Così trovavano sfogo le tensioni quotidiane. L insistenza su precisi temi anatomici, la volgarità delle metafore, predisponevano lo scambio fescennino anche ad argomenti sessuali: a esercitare la vena scurrile a servizio del contrasto dei sessi. Quando i fescennini passarono alla scena meno tollerante della cittàcapitale, la licenza fescennina divenne insulto, fattore di disordine: scomodi in particolare per i senatori e i magistrati, i fescennini furono presto vietati. Banditi dalle occasioni pubbliche, a Roma restarono a ravvivare il rito privato delle nozze. Evidentemente è la funzione apotropaica delle oscenità di cui erano farciti ad averne favorito la conservazione laddove andava propiziata la fertilità. La donna andava difesa dal malocchio, e pare che l oscenità fosse la forma più efficace. Plutarco spiega che è il carattere bizzarro degli amuleti che indebolisce il malocchio, basta una forma insolita, disarmonica, a proteggere dalla malìa e lo sguardo nemico viene reso innocuo. Negli orti si collocavano statue di Priapo perché il suo membro gigantesco si credeva scacciasse i ladri. L immagine del fallo era appunto il miglior rimedio per il malocchio. Il carattere apotropaico dei fescennini era talmente evidente da far pensare che accanto alla dipendenza etimologica da Fescennia, il termine derivasse da fascinum. Il mantenimento di scambi fescennini nei matrimoni conferma non solo la loro funzione ma anche la pertinenza alla sfera del corteggiamento: non è difficile immaginare contrasti tra giovani contadini e contadine, o tra rivali in amore. Dall aggressività, dalla libertà di parola, ce ne parla anche Orazio in relazione ad una festa della mietitura (Epistole, II 1, ). Nella prospettiva del classicista Orazio, la forza politica dei fescennini avevano toccato punte di aggressività tali da costringere il potere a prendere provvedimenti: questo giovò all arte, preparando il terreno all accoglimento del raffinato teatro attico. A causa del potenziale aggressivo, i politici tennero i fescennini lontano da occasioni festive, e Roma si provò per secoli dell unica forma di teatro di cui disponeva. Seppur ruzza, era comunque una forma di teatro, con parole, dialoghi, camuffamenti, mimica (NB: gli antichi non distinguevano tra danza e mimica): anzi, una caratteristica era la congruenza tra parola e gesto (con

3 accompagnamenti musicali). Quello che mancava ai fescennini era qualità dei versi e assoggettamento ad una disciplina artistica. 1.4 LA NASCITA DELLA SATURA L incontro dei fescennini con l arte avvenne nel 365/4 a.c., a causa di un epidemia di peste (fonte: Tito Livio): furono per l occasione istituiti i primi ludi scenici con ballerini venuti dall Etruria. L importanza di queste danze accompagnate dai flauti fu provocare la gioventù romana a dare dignità artistica ad una forma autoctona che non aveva trovato spazio nella festa cittadina. Grazie all importazione, l improvvisazione fescennina divenne una arte scenica accolta ufficialmente nei ludi. Non sappiamo in che consistesse la satura di questa fase preletteraria, forse una serie di scenette slegate, comunque certamente radicò il teatro in Roma e determinò il formarsi di una tradizione, preparando il terreno per l arrivo di elementi stranieri. 1.5 L INTRODUZIONE DEL TEATRO ATTICO Tito Livio racconta come Livio Andronico per primo prese le mosse dalle saturae per elaborare un dramma a soggetto e che fu anche attore di queste composizioni. In questa occasione (240 a.c., convenzionalmente data d inizio del teatro latino letterario) cantò e recitò «con movimento assai vivace. [ ] Si cominciò a cantare accompagnando i gesti degli istrioni, e alla voce di questi si lasciarono soltanto i dialoghi». Anche Cicerone racconta che Livio Andronico ha per primo messo in scena un dramma [fabulam] proprio in questo periodo. Da questi passi si ricavano due dati certi: 1) con Livio Andronico si passa dalla forma antologica slegata della satira preletteraria all unità del dramma a soggetto (e al modo greco-attico, interamente scritto); 2) alla complessità di veri e propri copioni si accompagnò la studiatezza di modi lontani dalla rusticità fescennina. I Romani per primi trapiantarono un genere (in questo caso, teatrale tragico e comico) in una nuova sede. Così, inventarono la traduzione artistica. Già con la comparsa dei ludiones, i danzatori etruschi, abbiamo visto come la novità straniera subisse immediato adattamento, portando prima un incrocio coi fescennini e poi una forma più complessa (satura). Adesso, l intervento di Livio Andronico utilizza un repertorio straniero che, in quanto scritto, poco si presta a un riadattamento latino, allontanandosi dalla lucidità rituale caratteristica del teatro greco. La gioventù romana torna allora in parte alle origini rifacendosi a una forma non scritta, la farsa Atellana. Ciò mostra che, in una cultura che ha accolto più di un genere, sia generi nuovi che già sperimentati tendono a raggiungere tra loro un equilibrio, che è pur sempre instabile, date le evoluzioni delle esigenze di qualsiasi cultura. Per il teatro latino medio-repubblicano, l affiancarsi degli exodia alle rappresentazioni regolari di tipo attico non è che uno degli episodi che caratterizzano la presa di possesso della nuova drammaturgia: si pensi alla saltuaria apparizione della [fabula] praetexta (tragedia d abito e d argomento romani) il cui compito era sopperire alle mancanze della [fabula] cothurnata (tragedia d abito e d argomento greci, che nei limiti era stata romanizzata). Si pensi anche al tentativo di giustapporre alla [fabula] palliata (commedia d abito e costume greci) una commedia regolare in costume romano (la togata). Volgiamoci ai due modelli importati dalla Grecia: la tragedia (V sec. a.c.) e la commedia (IV sec. a.c.) prodotta ad Atene. 1.6 LA TRAGEDIA ATTICA

4 L etimologia di tragedia (tragodìa) è poco chiara, non letteralmente (tragòs capro e odé canto ) ma per il significato: perché canto del capro? Già gli antichi annaspavano pensando ora che il coro fosse formato da satiri (ma i satiri delle origini erano mezzi cavalli, non caprini), ora che nella preistoria agreste delle gare tragiche si mettesse in palio un capro. È interessante l origine del teatro tragico ateniese. Aristotele fa riferimento al ditirambo, termine di etimo incertissimo: forse una danza per Dioniso affidata a un coro di satiri. Il primo passo fu del poeta lirico Arione di Lesbo (VI sec. a.c.) che aggiunse alla musica e alla danza il canto delle storie mitiche in versi, non legate alla storia ma ad altri dèi ed eroi. Il passaggio successivo fu di Tespi (metà VI sec. a.c.): oltre a un prologo, trasformò il capocoro in un personaggio indipendente (protagonista, primo agonista, cioè primo attore ) che dialogava col coro. A Tespi si attribuisce la prima rappresentazione alle Grandi Dionisie di Atene del 534 a.c. In Tespi il coro dei satiri era stato soppiantato in un coro umano, che variava identità, a seconda del mito trattato: con il protagonista di stirpe regale a avrà dialogato un coro adatto (di cittadini, soldati, donne, prigionieri, ecc.). L origine satiresca non andrò perduta: il drammaturgo Pratina di Filunte, città dell Arcadia, prese a comporre drammi satireschi interamente scritti, con protagonista e coro di satiri: il tema restava mitico e i personaggi erano eroi, ma la trattazione era più vicina a quella delle origini. L esordio di Pratina autore di drammi satireschi è fissato al 515 a.c. La commedia non aveva trovato ancora posto e il pubblico accettò uno spettacolo comico in chiusura di una trilogia tragica, con finalità distensive. Tuttavia, in ragione del soggetto alto e della sua natura comica (bassa) il dramma satiresco rimase prerogativa gli autori tragici. Il balzo verso la pienezza, la tragedia lo aveva compiuto grazie a Eschilo ( a.c., primo di cui abbiamo opere intere). Tecnicamente, le sue innovazioni furono due: 1) affiancò un secondo attore al protagonista (deuteragonista); 2) impose una trilogia tragica coerente (le trame delle tre tragedie erano collegate). La presenza di due attori e un coro moltiplicava il numero di personaggi che agivano, grazie a cambi di maschera. Per esempio, nella prima tragedia pervenutaci, i Persiani, oltre al coro di Vecchi compaiono quattro personaggi (agiti da due attori): la regina Atossa, un messaggero, lo spettro di re Dario e il re sconfitto Serse. Si riduce l importanza del coro a vantaggio di più personaggi, e le trame si complicano. Sofocle (circa /405 a.c.) realizzò altre due innovazioni: introdusse un terzo attore (tritagonista), moltiplicando la complessità delle trame, e portò il coro da 12 a 15 elementi. Il terzo grande tragediografo, Euripide, furono di atmosfera : in metà dei casi opta per un deus ex machina, un dio calato dall alto per sciogliere un nodo inestricabile, e in molti altri il riconoscimento finale e il lieto fine. Sottopose a un analisi disincantata il mito, umanizzandolo e rendendolo imperfetto. Raggiunse così una tragicità accentuata, creando nodi molto complessi. Ma l ironia dell autore si compiacque di esaltare il caso, dimostrandone la superiorità sulla volontà divina. Anche se il lieto fine non riuscì a fare di alcune tragedie di Euripide come l Elena, l Alcesti o lo Ione delle commedie, è certo che prepararono schemi e soluzioni per la successiva commedia borghese dove non resteranno che uomini ad agire in balìa della Tyche (il Caso : il campione in questo sarà il commediografo Menandro). Ospitando il mito, la tragedia era in dialogo con la poesia epica (poemi omerici soprattutto) e con altri generi maturi (come la lirica corale, dalla quale forse deriva il ditirambo). Ma essa era originale nell organizzazione dei materiali mitici: prologo iniziale (recitato da uno o più), parodo ( canto d ingresso ), serie di episodi, ciascuno separato dal successivo, o stasimo, e infine l esodo ( uscita, del coro). Il coro poteva prendere parte all azione dialogando coi personaggi per bocca del corifeo, oppure intercalando col canto il dialogo tra i personaggi. Ciascuna parte aveva metri specifici.

5 Nella scelta dei soggetti, la tragedia preferisce vicende di re e prìncipi mossi da ambizione, avidità, eros, spesso imparentati, che infrangono le leggi della natura o della società. La gravità dell infrazione non dipende dalla consapevolezza: per fare un esempio, le colpe di Edipo che uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta non sono mitigate dal fatto che non conosce le identità dei due. Tale crimine contro il sangue familiare è pagato a caro prezzo, anche dai figli: i due finiranno per uccidersi in duello. 1.7 LA COMMEDIA ATTICA I satiri, personaggi dell allegro seguito di Dioniso, erano versati nella critica sociale, politica, come nell impresa erotica. Essi partecipavano insieme ad altri personaggi camuffati con sederi, pance e falli posticci, a quelle cerimonie della fertilità dette fallororie (phallikà), cioè processioni che portavano in giro il fallo. Tali cortei legati alla mimica dell esuberanza dionisiaca, erano detti kòmoi, e da tale nome deriva komodia (cfr. Aristotele), nel senso di canto festoso. Poiché kòme significava villaggio, altri interpretano commedia canto del villaggio. La carica aggressiva di questi cortei, la loro funzione provocatrice ma anche equilibratrice, spiega perché all inizio della sua storia, la commedia (introdotta negli agoni delle Grandi Dionisiache del 486 a.c.) si occupasse di politica, trascurando l altra tematica fondamentale, della donna e della famiglia, poi fondamentale nel IV sec. a.c. A illustrare questo aspetto della prima commedia ci restano molti scritti di Aristofane, che rispondono ad uno schema: un protagonista si ribella al degrado della vita cittadina ed escogita un idea paradossale che gli consente di rigenerare la polis. Il balzo all utopia riesce davvero: nella Pace Trigeo vola su uno scarabeo, negli Uccelli Pistetero e Evelpide fondano una città in cielo, Nubibaggiania. Sebbene l introduzione della commedia come forma teatrale d alta qualità nelle Grandi Dionisie del 486 a.c. rappresenti già un adeguamento alla tragedia, a ciò non corrisponde un adeguamento strutturale. Mentre a tragedia con Eschilo (vincitore del concorso tragico) aveva raggiunto la sua forma, la commedia fu a lungo libera. Una commedia di Aristofane è divisa in due: una prima parte con prologo, parodo, agone e parabasi; la seconda da scene che proseguono l azione principale dove si realizza il progetto utopico. Il prologo, in forma di dialogo, descrive la situazione di partenza e la nascita dell idea. La parodo integra, non secondo uno schema fisso, quanto appreso nel prologo, nelle forme più consone; il coro entra di corsa come negli Acarnesi, a passo lento come nelle Vespe. L agone è la parte centrale in cui l eroe utopista si confronta col suo antagonista, il nemico del nuovo ordine, in un confronto politico erede dei contrasti delle feste campagnole, è qui che i personaggi in vista vengono attaccati per nome e sconfitti dai buoni. L agone è esclusivo della commedia attica antica, scompare già nell ultimo Aristofane. Solitamente, la parabasi seguiva l agone, il coro qui, toltasi la maschera, si rivolgeva al pubblico: replicando alle critiche per un precedente lavoro, spiegando cose rimaste non chiarite una funzione che non scomparirà nella commedia latina di imitazione greca, la palliata, però sarà confinata nel prologo. Fin dagl inizi, il repertorio elevato della tragedia ha costituito il modello di quello irriverente della commedia, grazie alla parodia dei termini ricercati, delle inarcature nelle frasi, remote al linguaggio d ogni giorno. Ciò era già accaduto nei contrasti campagnoli, in relazione al linguaggio dei capi. Lo stesso accadrà a Roma, dove i servi parleranno come senatori. Già nell ultimo Aristofane si avverte un indebolimento di alcuni meccanismi: il coro si riduce (sparisce la parabasi), il linguaggio è più misurato, le trame si semplificano. Dal Pluto di Aristofane (388 a.c.) al Bisbetico di Menandro (317 a.c.) poco ci è giunto, ma in quei decenni (di commedia di mezzo) l evoluzione verso la tragedia euripidea si è compiuta. Euripide aveva umanizzato gli eroi inserendoli nel gioco del caso e analizzandone psicologicamente il carattere. La commedia menandrea (massima espressione della commedia attica nuova) eleva il basso quotidiano alla dignità della classe media dei

6 benpensanti, calando i personaggi nella dimensione borghese di una vita distante dalle battaglie politiche, analizzandone i caratteri e le reazioni al Caso: la Tyche diventa divinità dominante di questi intrecci e pieni di riconoscimenti finali. L altezza dei risultati raggiunti in questa fase spenda della commedia garantì la sopravvivenza, accanto a molto Aristofane, ad un po di Menandro: a lui guardiamo come tipo imitato da Plauto e Terenzio. In Menandro, la metamorfosi della commedia è compiuta: il pubblico è scomparso, così come il coro, e assistiamo al trionfo del privato. E col recedere del contrasto politico, balza quello amoroso. Dall innamoramento alla rivalità, dai fraintendimenti dovuti al caso alla saggezza di quei pochi che non perdono la testa. Anche in Menandro le trame sono intricati, ma la sua forza sta nei sentimenti e nelle reazioni dei caratteri. L idea-guida è che l amore - anche tra parenti, vicini, ecc. deve vincere, e chi gli si oppone dev essere aiutato a riconoscere i suoi sbagli. 1.8 LA TRAGEDIA A ROMA La tragedia romana non può vantare uno o più generi precedenti. Essendo la tragedia attica arrivata a Roma nel 240 a.c., nasce già adulta, frutto di una decisione artificiale: sia pure per innalzare la qualità del teatro da offrire agli dèi, come gratitudine per la vittoria nella Prima guerra punica. Il coturno (cothurnus) era, nel teatro attico, il calzare a suola alta e allacciato, caratteristico dei personaggi tragici. Ad esso si contrapponeva il socco (soccus), tipo un sandalo, a suola bassa. Il primo finì per designare a Roma il genere tragico mutuato da quello attico, d abito e argomento greco. Livio Andronico, che introdusse la fabula cothurnata, fu un vero maestro della tragedia e ne designò le caratteristiche: 1) indicò la via nella scelta dei soggetti, con preferenza per quelli del ciclo troiano ; 2) ampliò l uso dei metri tragici greci; 3) contribuì ad un linguaggio tragico. Per questo Livio Andronico poté attingere solo alla lingua delle preghiere, delle leggi, degli elogi funebri: a Roma mancava una letteratura alta, una poesia epica che ispirasse. Per questo, molti furono i suoi meriti acquisiti per un linguaggio tragico latino, con la traduzione in metro saturnio dell Odissea. Dopo di lui Nevio allargò la gamma dei soggetti, con temi legati a Bacco (di attualità durante la Seconda guerra punica), proseguì la sperimentazione metrica, compose (in metro saturnio) il primo poema epico, il Bellum Poenicum, e inventà anche una tragedia in abito romano, la fabula praetexta (toga orlata di porpora usata dai magistrati in momenti solenni). Ennio sarà un innovatore decisivo, riformatore sia in ambito epico (con l introduzione dell esametro dattilico) sia tragico: stabilì i canoni validi non solo fino ad Accio (l autore che chiude la fase del teatro latino) ma fino all ultimo in assoluto, Seneca. Questi autori ci sono arrivati in frammenti, solo in citazioni di altri. Il favore accordato dai Romani, alle tragedie sul ciclo troiano e quindi alle vicende della preistoria di Roma, stava a indicare che anche a Roma si sentiva l esigenza di un collegamento coi fatti rappresentati. L impulso a mettersi in scena rimaneva la molla del far teatro. Presto, alla fabula cothurnata si affiancò la fabula praetexta. Diomede, grammatico del IV secolo d.c., definì le preteste drammi nei quali si trattava di condottieri e fatti della comunità romana: vicine alle tragedie per dignità dei personaggi. A differenza dei Greci, i Romani non avevano occasioni di incontro col loro passato mitico: la fabula praetexta, che per la lingua e il metro non si distingueva dalla c., contribuì a consolidare l identità nazionale. Gli autori di p. non si limitarono al solo passato remoto: spinti dagli accadimenti e alle simpatie per i vari partiti o famiglie, scelsero anche temi attuali, e fu il pericolo di un coinvolgimento politico che condizionò la fortuna di questo tipo di tragedia. Nevio ed Ennio composero p. sulle origini di Roma; Accio celebrò la nascita della repubblica;

7 nella prima età imperiale Publio Pomponio Secondo scrisse un Enea. E non mancarono riferimenti al tempo presente. I Romani dell età repubblicana furono ossessionati dal terrore della tirannia. Non c era momento pubblico che non fosse dominato dalla preoccupazione per i miti personali. Nevio si divertì a cogliere Scipione Africano, vincitore di Annibale, l uomo più potente di Roma, in una situazione di normalità, così come Catone il Censore non cessò di osteggiarne l egemonia politica. Identica funzione troviamo nel cerimoniale del trionfo. Nel momento più alto della carriera, sulla quadriga, il generale vittorioso, cinto di alloro, aveva accanto uno schiavo col compito di ammonirlo: Guardati indietro, ricorda che sei uomo!. 1.9 SENECA E IL TIRANNO Sebbene si possa tracciare una storia della tragedia romana, non dobbiamo dimenticare che l unico autore pervenutoci è Seneca. Tra i suoi temi c è quello dell avversione per la tirannia, che in epoca imperiale diventò di rischiosa attualità. Se è probabile che, per la spietatezza neroniana, nessuna tragedia di Seneca sia stata mai rappresentata, la forza con cui egli produsse l atrocità tirannica fu la causa della sua fortuna umanistica e rinascimentale. Il Tieste è la tragedia-chiave. I segni della sua priorità sono evidenti fin dall inizio: affidato all ombra di Tantalo, che ha lasciato il supplizio di eterna fame e sete cui condannata per portare nuovo strazio nella reggia di Argo, suscitando nuovi mali fra Atreo e Tieste, figli di suo figlio Pelope. Il furore dello spettro è lo stesso che a breve si impadronirà dei vivi (nel mondo tragico, il crimine si propaga all intera famiglia). A subire il fascino del furor di Tantalo sarà Atreo. Questi figura come parte lesa: il fratello gli ha sedotto la moglie e sottratto il potere. Adesso che si è ripreso il potere, Atreo si vuole vendicare: per questo ha invitato Tieste coi suoi figli, fingendo un rappacificamento. In realtà trama di ucciderli e imbandire le carni. Le vittime stanno per arrivare e Atreo, pervaso dal furore, si rivolge alla sua anima chiamando a raccolga il male. Poco dopo, Atreo escogita la vendetta. Mentre è al culmine del delirio di vendetta, il coro (depositario, per Seneca, della riflessione) esalta non la regalità della stirpe ma quella della coscienza). La rivalità dei fratelli ha nel potere la causa motrice, ed un ultima esitazione di Tieste lo rivela senza ambiguità. Atreo cerca poi di convincere il fratello delle sue buone intenzione, per sancire il rappacificamento con la prova più certa: metà del regno. Nel farlo, rovescia quanto sentenziato da Tieste: Questo regno basta per due re. I due hanno un solo pensiero, il potere, e usano le stesse parole, ma il non capit dell uno è sincero, il recipit dell altro è falso. Tieste ci crede e accetta. È la volta del coro che medita sull instabilità della sorte e del potere. Intanto Atreo uccide i figli di Tieste e realizza il piano, un servo che ha assistito all orrore lo descrive nel dettaglio. Il coro, sgomento per tanta nefandezza, interpreta un improvviso buio notturno come un ritorno al caos cosmico. In un Inno al Sole che non c è più vengono tratte le conclusioni. Dopo il monologo in cui Atreo si esalta come re, ha luogo l incontro con Tieste per un trionfo finale della vendetta: la rivelazione (le teste dei figli erano state tenute da parte per questo). L opera di Atre è compiuta, la missione di Tantalo anche, il chiarimento serve ad aumentare il dolore di Tieste ed il trionfo di Atreo. La tragedia si chiude con uno scambio di maledizioni. Col salvataggio delle tragedie di Seneca, un vasto repertorio di orrori viene trasmesso al teatro umanistico e rinascimentale, in particolare elisabettiano. Interessante episodio della tragedia come genere scritto è rappresentato dalla tragedia centonaria, tipica del tardo-antico. Si ebbero composizioni centonarie greche, in versi omerici, sia pagane che cristiane, e composizioni latine, in versi virgiliani, sia pagane che cristiane. Tra i centoni latini pagani, alcuni riprendono temi già trattati: come l Alcesta (162 esametri) e la Medea di tal Osidio Geta (II-III sec. d.c.).

8 La Medea osidiana è un centone virgiliano di 461 esametri, con l eccezione dei cori in paremiaci (dimetri anapestici catalettici, dotati di un ritmo adatto alla sentenziosità delle parti corali). L adozione di un metro diverso per il coro, dimostra che il tardo autore intendeva scrivere una tragedia. Di notevole ricordiamo la parte del Nunzio che racconta l evocazione della furia infernale ad Aletto compiuta da Medea dopo gli incontri con Creonte e Giasone, per trarne la forza necessaria a vendicarsi (vv ); la scena in cui Medea uccide i figli dialogando con loro (vv ); e il dialogo tra Giasone e Medea (vv ) LA COMMEDIA A ROMA Fino all ingresso di Ennio, vero fondatore della tragedia romana, le preferenze per il pubblico romano vanno verso la commedia greca (palliata). Come per la tragedia, dove la cothurnata si portò dietro anche una tragedia in costume romano (praetexta), così anche la palliata sarebbe stata affiancata da una commedia romana, la togata, che però fu tardiva e di vita breve. Sappiamo anche perché: nelle commedie in abito nazionale, non era consentito rappresentare servi più intelligenti dei padroni. Ciò contrastava con la scoperta che erano proprio le trame in cui erano i servi a tramare, che riuscivano di più. A valorizzare questa figura a Roma fu Nevio. I frammenti utili sono due. Uno ci mostra uno schiavo che si vanta delle sue imprese (Tarentilla, fr. XXX). L altro consiste in una dichiarazione di intenti, sempre di uno schiavo: «Con libera lingua parleremo nella festa di Libero. [Bacco] Questa tensione alla libertà era propria dell autore, che fu imprigionato per la sua troppa libertà di lingua e come tale fu rievocato da Plauto. Nel Miles gloriosus il servo furbo Palestrione si arrovella per trovare un idea che gli consenta di uscire da un impasse. Vuole convincere il servo del soldato che non ha visto quel che ha visto (cioè l amica appena acquistata dal soldato che si baciava con un altro in realtà col suo innamorato. La lunga meditazione è descritta dal vicino, il libertino Periplectomeno (vv ). Nel momento più difficile, Palestrione ha appoggiato il mento sulla mano: il gesto del pensieroso. Per magia, una dissolvenza fa apparire a Periplectomeno e al pubblico, al posto del servo in scena, Nevio, l autore del Bellum Poenicum e di tragedie, preteste e soprattutto commedie palliatae, anche lui in atteggiamento pensieroso, in prigione. La magia si dissolve non appena Palestrione abbandona quella posizione per assumerne una sospesa di chi forse, anzi sì, ha trovato. Questa evocazione di Nevio valeva come professione di fede nella libertà del teatro oppure era un segnale di allineamento al potere di Plauto? Da una parte il dispiacere per Nevio, dall altra l assicurazione che i suoi servi tirano dritto? Non è semplice rispondere, ma i suoi servi furono dei veri re della scena. Essi potevano vantare un avo reale: Ulisse, il multiforme re di Itaca, il furbo più famoso. Lo rivela Crisalo, il servo delle Bacchides. Dopo aver sottratto del denaro al padrone (Nicobulo) per consentire al padroncino (Mnesiloco) di riscattare la meretrice di cui è innamorato (Bacchide), Crisalo, sul punto di esser punito, riesce con un secondo inganno a portargli via altri soldi e a togliere di mezzo il rivale di Mnesiloco, il soldato Cleomaco. Questa seconda impresa è paragonata da Crisalo esultante alla presa di Troia da parte di Ulisse (Bacchides, ). Questo brano basta a delineare il ritratto del servo furbo. Non abbiamo a che fare solo con la regalità del servo, in Plauto, ma anche con la regalità linguistica del personaggio, la sua facoltà di attingere, dal linguaggio della tragedia, dal linguaggio dei re: «O Troia, o patria, ecc.» è una parodia di «O padre, o patria, o reggia di Priamo!» dell Andromaca di Ennio. Dobbiamo includere anche la pretesta nel repertorio del servus callidus plautino, perché, non di rado, se ne esce inneggiando nella lingua degli elogia dei condottieri. Il servo furbo plautino, oltre che inventore di canovacci, oltre che console-regista di un esercito che guida alla vittoria, è anche altro: lui stesso è capace, in Plauto, di innamorarsi. Ecco Tossilo all inizio del Persiano, preso nei lacci di un amore che rischia di finir male (Persa, 1-6).

9 La conoscenza mitologica del servo innamorato traduce comicamente, anche perché claudicante, lo stato d animo esaltato di Tossilo, che si fa portatore di un principio della comicità plautina: ogni carattere non vale per la sua analisi psicologica, quanto per quantità e qualità deli spunti comici che ne può ricavare. Qui Tossilo, sebbene servo, ha una parte di innamorato, quindi fa l innamorato, spiritosamente: idea beffe, poi guida la compagnia dei collaboratori, come un bravo regista, infine inneggia alla vittoria come un console a capo dell esercito. Questa tendenza riguarda il servo furbo perché è lui l erede latino degli eroi della commedia di Aristofane: un erede che non fonda più città nel cielo, non stipula paci separate, non domina la scena politica, ma quella privata. Il principio che uno stato d animo anormale, esasperato, funziona da pretesto comico vale, seppur in misura minore, anche per altri personaggi. Il personaggio sopra le righe della palliata è il giovane (libero) innamorato (amans ephebus). Prototipo è Alcesimarco della Cistellaria (cfr. vv ). Ancor più sopra le righe è il vecchio che si innamora di una giovane, che l etica destinerebbero a un concorrente d età giusta (amans ephebus), peggio che mai se il vecchio è posato. È il caso del senex della Casina che, invaghitosi della giovane dal nome profumato (Casina = ragazza dal profumo di cannella) canta il proprio amore (cfr. Casina vv ). Il vecchio s illude sul conto della ragazza (cui non piace), ma non su quello della moglie: lei stringe alleanza con la vicina e organizza la beffa punitiva delle nozze maschie. Un altro personaggio sopra le righe, illuso e vanesio, è Pirgopolinice ( Brancatorrione ), il soldato spaccone. L interessata adulazione del parassita Artrotrogo ( Rodipagnotta ) gli fa credere di essere il più grande guerriero e tombeur des femmes (cfr. Miles, vv. 9-68). Un perfetto tipo di pazzo è anche Euclione, l avaro dell Aulularia, in azione nella scena in cui insegue il ladro della sua pentola d oro (vv ). È una trovata scenica (la pazzia dell avaro assorbe nel suo mondo anche chi non è nell azione, in una rottura della quarta parete inversa) che ripropone quel filo diretto autore-pubblico che in Aristofane era nella parabasi e in Menandro rarissimo. Una libertà che Plauto ricava dal suo operare drammaturgico, e consiste in una capacità di mescolare elementi della commedia attica (quella che traduce) con elementi più liberi del repertorio italico. Quanto avviene nella Lisistrata di Aristofane (donne alleate contro i mariti), torna in Plauto. Ad esempio nella Casina, dove all intesa del vecchio col vicino risponde la lega della moglie, Cleostrada, con la moglie del vicino, Mirrina. Il piano del vecchio è dare Casina in moglie al proprio fattore Olimpione e poi godersi la ragazza, ma le matrone fanno in modo che s infili negli abiti nuziali Calino, uno scudiero. Si celebrano le nozze, si recano tutti in campagna, e di notte sia Olimpione che il vecchio cadono nel tranello. La scena in cui le donne e la servetta Pardalisca, aspettano al varco i due sposi, è comicissima (vv ). Terenzio, per la sua indole meno esuberante, e per la comunanza di intenti con gli Scipioni in un apertura filo-greca, rappresentò un ritorno alla commedia attica nuova (Menandro). Più equilibrato nel rapporto di versi tra scena e scena, più misurato con la musica, fu grande psicologo e in grado di rielaborare le trame grazie a un montaggio raffinato, prendendo scene da commedie di trama affine e inserendole in quella prescelta, senza sbavature: un procedimento che i rivali censurarono. Uno dei tratti originali fu crearsi uno spazio in cui rispondere a tali accuse: tolse al prologo la funzione informativa e ripristinò uno dei compiti della parabasi aristofanesca (il dibattito critico). Celebre, il prologo dell Andria (vv. 1-27), il cui invito finale (cercate di seguire la vicenda: / capirete così cosa sperare / dalle nuove commedie del poeta, quelle che scriverà / negli anni che verranno. E capirete / se vorrete vederle, o rifiutarle.) non fu sempre seguito dal pubblico: l anno dopo (165 a.c.) e 5 anni dopo, la sua Hecyra (La suocera) cadrà malamente. La scelta dei personaggi impegnati non incontrava un pubblico che voleva divertirsi. Non venivano

10 apprezzate la perfezione della lingua, la complessità della trama, la psicologia dei personaggi MIMO E PANTOMIMO Tra repubblica e impero il teatro conosce una crisi. Non ci sono più i grandi poeti scenici, la togata e forme minori come l Atellana sopravvivono senza lasciare traccia, il gusto degli spettatori sembra incline verso altro (il circo, l arena, il mimo). Pare che gli autori preferiscono adattarsi al pubblico, più vasto e meno raffinato, invece di creare un teatro nuovo. Al massimo si manteneva in vita il repertorio tradizionale, in forma sempre più dispendiose. Si continuano a scrivere tragedie e commedie alla greca destinate alla lettura, o interpretate in forma antologica in recital di attori famosi. Si ha notizia di una pretesta e qualche togata. Ma era più di moda cantare brani dalle Bucoliche o dall Eneide. In questo clima di strumentalizzazione teatrale della poesia, il genere più diffuso era il mimo. Legato ai toni schietti ma pesanti della comicità popolare, in età augustea fu convertito dal greco Filistione in pornografia, e sotto Caligola giunse a esibire la vista di sangue autentico: nel Laureolo del mimografo Catullo (41 d.c.) la trama, imperniata su un bandito condannato a morte, fu presa con troppo realismo dagli attori. Peggio si fece 40 anni dopo, all inaugurazione del Colosseo (80 d.c.), quando l attore fu sostituito da un vero condannato, crocefisso in scena. Ma la novità del mimo era la presenza di donne, a differenza del teatro letterario, affidato solo a maschi: la presenza di attrici conferiva tratti realistici anche nelle scene più erotiche. Nelle Metamorfosi di Apuleio, Lucio in figura d asino riesce a trovare la libertà in uno spettacolo in cui avrebbe dovuto unirsi ad una donna. Il titolo del mimo è Il giudizio di Paride (Metamorfosi X 29-32; 34-35). Successo maggiore arrise ad uno spettacolo mimico particolare, inventato nel 22 d.c. da Pilade di Cilicia, liberto di Augusto, e Batillo di Alessandra, liberto di Mecenate: la pantomima. Un ballerino interpretava, accompagnato da flauti, nacchere e scabellum tutte le parti, mentre un coro cantava il resto. I libretti per pantomimo (su soggetti mitologici) rendevano più delle composizioni impegnate: Lucano lasciò incompiuta una coturnata su Medea, ma scrisse 14 libretti per pantomimo, così come Stazio. 2 LO SPETTACOLO TEATRALE 2.1 LE OCCASIONI I ludi romani (o magni) si svolgevano dal 15 al 17 settembre in onore di Giove Ottimo Massimo, e restarono a lungo legati a circostanze eccezionali. Nell anno 367 a.c. furono resi annuali per festeggiare la pace tra patrizi e plebei, e fu aggiunto un quarto giorno (cfr. Tito Livio). L estensione rientrava in un potenziamento ad maiorem Iovis gloriam che a fine repubblica portò la durata a 16 giorni. Più ricca era la festa, più stretto il legame tra il dio e il popolo. Così, a due anni di distanza, nel 365/64 a.c., per riannodare un legame indebolito vennero introdotti nel programma alcuni elementi teatrali. Adottare nuove forme era come adottare nuove preghiere per gli dèi, per ringraziarli e ottenerne la protezione. I ludi romani allargarono presto il programma sportivo: secondo Dioniso d Alicarnasso, venne a comprendere gare di quadrighe, bighe e cavalli singoli, più una gara a tre cavalli e una a piedi, riservata ai desultores (assistenti degli aurighi); seguivano gare di corsa, pugilato, lotta. Nel 364 a.c. divennero ludi scenici e un secolo più tardi (264 a.c.) furono introdotti, per i giochi funebri di Giunio Bruto, i combattimenti gladiatori, destinati a immensa fortuna. Nel 240 fu introdotto il teatro regolare alla greca (nel 161 i ludi Romani ospiteranno la prima del Phormio di Terenzio). Nel 220 a.c. furono istituiti i ludi plebei, curato dagli edili plebei nel Circo Flaminio, resi poco più tardi scenici (forse nel 200). Questi si svolgevano a metà novembre e in età imperiale duravano 14 giorni.

11 Presto le occasioni si ampliarono ancora: nel 212 furono istituiti i ludi Apollinares dedicati ad Apollo, curati dal praetor urbanus, ospitati nel Circo Massimo e resi scenici nel 199. Nel 204 si istituirono in aprile i ludi Megalenses, curati dagli edili curuli, sul Palatino, resi scenici nel 194. Tra aprile e maggio aveva luogo una parodia dei ludi circensi chiamata Florales (238 a.c.): invece di gladiatori e atleti si esibivano le prostitute, combattevano contro lepri e capre e gareggiavano tra loro, in particolare in danze, spogliarelli e mimi licenziosi. Ulteriore ampliamento era offerto dall usanza della instauratio ludorum, la ripetizione di festività nella cui celebrazioni venissero ravvisate imperfezioni. Da ricordare anche i ludi trionfali e quelli funebri di grandi personaggi. Per il trionfo di Marco Fulvio Nobiliore (187 a.c.) fu rappresentata la pretesta celebrativa, l Ambracia di Ennio. 2.2 I LUOGHI La maggior produzione drammatica fu rappresentata in teatri di fortuna, ricavati cioè in strutture lignee temporanee, all interno degli spazi destinati ai ludi (il Circo Massimo per i Romani e gli Apollinares, il Flaminio per i Plebeii) e accanto ai templi o altri edifici. Nel 194 a.c. gli edili curuli Aulo Scauro e Lucio Libone resero scenici i Megalenses: quell anno i senatori assistettero ai ludi in posti separati dal popolo (cfr. Tito Livio, XXXIV 54, 3-4). Nel 179 il pontefice massimo e princeps senatus Marco Emilio Lepido fece costruire presso l tempio di Apollo un teatro, in legno, smontato al termine delle rappresentazioni, ma pur sempre il primo costruito a Roma. Nel 174 a.c. i censori Quinto Flacco e Aulo Albino intrapresero la costruzione di un teatro, ma ancora temporaneo. Nel 155 a.c. i censori Gaio Longino e Marco Messala diedero inizio ad un primo teatro in pietra, ma il console Publio Cornelio Nasica ne bloccò i lavori, impedendo anche che a Roma si potesse assistere seduti agli spettacoli, per dimostrare che il maschio vigore dello stare in piedi, proprio della gente romana, si doveva affermare durante i divertimenti. Il primo teatro stabile fu costruito nel 55 a.c. a spese di Pompeo, nelle vicinanze del Campo dei Fiori, e si ispirava alla forma semicircolare del teatro greco. Era un edificio imponente (diametro della cavea: 150 metri), ricco di marmi e colonne. Come altri teatri del I sec. a.c., presentava alcune differenze rispetto allo schema attico: lo spazio per l orchestra era ridotto all emiciclo, verso cui convergevano i cunei delle gradinate, poiché l altro emiciclo era invaso dal palco. Quest ultimo non era più un pulpito limitato ma sopraelevato, che sovrastava l orchestra e sul quale s ergeva la skene attica, ma aveva un ampia pedana secondo i canoni vitruviani, due volte il diametro dell orchestra che fungeva da luogo unico della recitazione. Si andava delineando una forma adatta ad un teatro che aveva abolito la presenza del coro. La scena ci è nota grazie a testimonianze archeologiche d età augustea: rappresentava la facciata di una casa o palazzo dove, al primo livello, si aprivano tre porte (la centrale più grande). Un secondo piano presentava una serie di nicchie con tettoie o cornicioni. Il tutto era arricchito da colonne, statue, piante. Una delle caratteristiche del teatro romano imperiale era la concezione come complesso autonomo, indipendente dalla conformazione del terreno. Raggiunse presto una struttura conclusa, con le gradinate che si saldavano con la parete della scena. Gli accessi all orchestra divennero veri corridoi a volta. A fine repubblica si affermò l uso di velaria sopra la cavea per proteggere gli spettatori: basterò sostituire questi teli con un tetto in travi per far nascere l edificio teatrale moderno. Secondo il grammatico Elio Donato, il sipario è apparso nel 133 a.c. sul modello dei veli dipinti in uso nella reggia di Attalo, una tela rettangolare, sostenuta da aste (aulaeum) che calava (raccogliendosi in un solco) all inizio e si alzava alla fine. Dentro l aulaeum ci poteva essere un siparium, un secondo telo azionato lateralmente, che forse serviva per i cambi

12 scena, ma taluni particolari sono incerti. Probabilmente in quel periodo la scena consisteva in qualcosa di più semplice della scena imperiale a più livelli: di certo vi dovettero essere solo tre porte su fondale, utilizzate e ridefinite contestualmente, a seconda che si trattasse di una tragedia (facciata di un palazzo, un tempio, una grotta) o di una commedia (con una, due o anche tre case). Di fisso, sul palco, c era solo un altare. Quinte girevoli e scenografie dettagliate saranno tardo-repubblicane e imperiali, ma ciò non significa che non si potessero avere invenzioni registiche estemporanee che non lasciarono traccia. Per entrare in scena gli attori disponevano, oltre alle porte del fondale, di due accessi laterali (le parodoi greche). Nel rispetto della prassi attica, l uscita dalla quinta di sx recava ad portum (cioè all estero ) o in campagna (rus) e quella di dx in piazza (ad forum). Ciò valeva per tragedia e commedia alla greca, non sappiamo se nei drammi romani si fossero imposte diverse convenzioni più connesse con Roma o al concreto orientamento del palco. Per informazioni su numero di attori e uso delle maschere, è possibile dire qualcosa di certo solo sulla palliata, l unico genere di cui ci siano rimaste testimonianze integre (20 di Plauto, 6 di Terenzio). 2.3 NUMERO DEGLI ATTORI, USO DELLA MASCHERA, TIPI FISSI I copioni della commedia attica nuova (Menandro, Difilo, Filemone i più famosi) erano composti a differenza di quelli di Aristofane, ma come era già stato per la tragedia di Sofocle per tre attori, anche dove i titoli di scena indicano quattro personaggi. Ciò imponeva una stessa parte divisa tra più attori, che fa pensare a una versatilità degli attori greci, ma anche ad una recitazione poco realistica, stilizzata, e all uso della maschera, che consentiva veloci sostituzioni di personaggi. Nel teatro plautino i personaggi erano interpretati da uno stesso attore, si potevano sostenere più parti solo se ben differenziate. Nel Miles gloriosus l attore A faceva il soldato Pirgopolinice e la particina del servo Lurcione, in scene diverse (si noti che la partizione in atti è umanistica, in Plauto, come in Terenzio e gli altri, l azione si sviluppava senza soste). L attore B faceva il parassita Artotrogo, la meretrice Acroteleuzio e il puer. L attore C il servo Palestrione e nel finale la particina del cuoco Carione. L attore D il vecchio Periplectomeno e la meretrice Filocomasio; l attore E il servo Sceledro e l ancella Milfidippa. L attore F, il giovane innamorato Pleusicle e nel finale l Aguzzino. In certi casi era la diversità canora a decidere che un medesimo attore sostenesse parti simili. A volte, la differenza dei ruoli affidati a un medesimo attore poteva essere di età, sesso, grado sociale: questo criterio che voleva per ciascun personaggio la stessa voce, la stessa presenza e modo di gesticolare, nel teatro romano portò all infrazione della regola attica dei tre attori. Non è difficile supporre una regola già radicata nella tradizione anteriore: è probabile che nell Atellana ogni maschera venisse interpretata da un singolo attore specializzato. La regola dei tre attori, resa non vincolante da una marcata diversità culturale, dovette soccombere. Abolito il limite e non essendovi restrizioni alla consistenza di una troupe, diveniva possibile introdurre personaggi nuovi. Tale possibilità venne sfruttata e portò a innovazioni. Questo maggior realismo va posto in relazione con un altra innovazione del teatro romano: l assenza della maschera. Molti respingono l idea (suffragata da testimonianze) che i Romani avessero accolto il teatro attico in toto, senza aver accolto la maschera. Ma un esame di entrate e uscite dei personaggi rivela che i tempi previsti nella palliata per i cambi di ruolo erano doppi di quelli della commedia menandrea, e che tale durata era proporzionale alla difficoltà dei cambi: se si doveva passare da un ruolo maschile a un altro, i tempi erano più brevi, se si passava a un ruolo femminile, più lunghi. Questo sembra costituire un indizio contro l uso della maschera:

13 un mutamento di parrucca e trucco comportava tempi più lunghi della sostituzione di una maschera. Dall assenza di maschera sembra riconducibile l importanza assunta dalla mimica: guardar sottecchi, annusare, storcere la bocca. Nel De oratore Cicerone afferma che i Romani di un tempo avrebbero preferito senza maschera persino un Roscio (grande attore comico morto nel 62 a.c.), poiché attribuivano importanza alla mimica del volto. Solo presupponendo un teatro senza maschera acquista senso la notizia di Festo che Nevio avrebbe scritto una Personata: erano personati ( mascherati ) gli attori di farse atellane. Quindi una Commedia delle maschere dove eccezionalmente comparivano maschere dell Atellana accanto a personaggi (senza maschera) da palliata. La presenza di un teatro mascherato può esser la causa del mancato accoglimento della maschera greca. Ma vi furono anche altri motivi: la commedia nuova attica disponeva di un repertorio ricco e sfumato di maschere, e perciò di ruoli fissi. Nella classificazione di Polluce (cfr. Onomasticon) i vecchi sono 9, i giovani 11 e i servi 7. A questa complessità, spiegabile solo alla luce della storia interna del teatro attico, dovette corrispondere un numero ristretto di tipi riconoscibili grazie a parrucca, belletto e abito (compresi indicatori come il bastone per il vecchio, il coltello per il cuoco, lo spadone per il soldato). Da questi, l autore o l attore potevano esercitare la propria fantasia con trovate funzionali alla vicenda: ivi incluse eventuali allusioni alle maschere della farsa osca. I ruoli di base sono i seguenti: - il senex, vecchio : padre di famiglia all antica, tirchio, perseguitato da una moglie di ricca dote (uxor dotata). A volte è vedovo, gaudente e disponibile (senex lepidus, vecchio libertino ); se ad assumere questi toni è un pater familias, è destinato a subire uno smacco; - l adulescens, giovane : nello scontro generazionale proposto dalla palliata si oppone al senex, sempre innamorato e al verde; - la meretrix, meretrice o cortigiana : desiderata dall adulescens; - il leno, ruffiano : beona, da cui la meretrix dipende, altro rivale dell adulescens, il leno è assimilabile alla categoria dei senes, la lena a quella delle anus; - il servus, schiavo : presente nelle varianti del servus callidus, servo astuto, che cogli intrighi appoggia i progetti amorosi dell adulescens cui è legato, e il servo senza specifiche, onesto e allocco, che difende i padroni; - l ancilla, ancella : al seguito della meretrix come apprendista, ma a volte anche della matrona, donna sposata nemica del senex e talvolta del figlio, del quale può diventare alleata contro le scappatelle del marito. Altre figure sono il miles gloriosus, soldato spaccone, sfortunato in amore; il parasitus, spiantato che si abbassa ai servigi più umili; il sykophanta, sicofante, doppione in peggio del parassita; e la fidicina, citarista, e il cocus, cuoco, indispensabili alla riuscita del banchetto, e il puer, schiavetto, figura tutta romana per i riempitivi. Altre figure occasionali sono il Banchiere, l Aguzzino, il Marinaio, il Pescatore, il Medico e l Eunuco. Compaiono talvolta, prologanti, anche divinità o soggetti astratti, come il dio Soccorso, il Lare di famiglia, eccetera. 2.4 IL CONTESTO FESTIVO (RISO E PIANTO) Uno dei particolari che più colpiscono è il riproporsi di uno schema misto con momenti seri e solenni, arcaicizzanti, e altri momenti carnevaleschi sorretti dall improvvisazione fescennina. Ciò è evidente nelle cerimonie nuziali: da una parte la deductio, il rito della soglia con l unzione della porta, l assaggio della focaccia di farro, la cena nuziale; dall altra, i versi licenziosi a carattere apotropaico durante la pompa nutialis. Ancor più evidente è nella pompa funebris, dove il banditore precedeva delle prefiche, che cantavano in onore al defunto, seguite da danzatori in abiti burleschi che, al suono dei flauti, eseguivano pantomime

14 comiche. Talvolta uno di essi impersonava il defunto imitandolo. Seguivano poi i familiari, i clienti, i liberti e infine le immagini di cera degli antenati; il corteo era chiuso dalla salma. E non si dimentichi la pompa triumphalis, dal Campo Marzio al Campidoglio: dopo la banda militare, che suonava strumenti musicali militari e il carro dell imperator triumphans con toga di porpora con banda dorata, scarpe dorate e scettro, veniva una schiera di istrioni che eseguivano danze comiche e dietro la moltitudine dei soldati che improvvisavano scambi fescennini su vizi e virtù del trionfatore. Chiudevano il corteo bottino e prigionieri. Ma è da ricordare soprattutto la pompa circensis, che apriva i ludi Romani, secondo la descrizione di Dioniso d Alicarnasso (VII 52). Abbiamo riassunto tutte le possibilità spettacolari delle processioni. Anche in questo caso, il riso fescennino, la mimica, la danza, trovano posto accanto a elementi solenni. Sappiamo da Festo che, oltre ai danzatori, partecipavano e scherzavano con la folla anche personaggi carnevaleschi come il battidenti Manducis e l ubriacona Petraia. Oltre alla compresenza di serio e faceto, si nota il ricorrere a personaggi mascherati. L intero calendario era fitto di occasioni che prevedevano travestimenti: come le Quinquatrus minusculae (13 giugno) coi flautisti in vesti femminili e mascherati, che vagavano ebbri per la città. Il motivo dell inversione dei ruoli e dei sessi ricorreva dal primo giorno di gennaio (Capodanno dal II sec. a.c.) attraverso i Lupercalia (15 febbraio), le carnevalate dei Matronalia (1 marzo) e le schiave vestite da padrone nelle Nonae Caprotinae (7 luglio). 2.5 MUSICA E MODELLI (ESTERNI E INTERNI) Comune e importante è la componente musicale (connessa con la danza). Da lì abbiamo visto prendere le mosse la storia del teatro romano, com è raccontata da Tito Livio (i ludiones etruschi del 365/364 a.c.). Ma l anamnesi dello storico non va disgiunta da quanto sappiamo sull importante ruolo svolto dalla musica fin dalla prima introduzione del teatro alla greca (240 a.c.). La fisionomia già matura è caratterizzata dalla metrica (di origine greca) in Livio Andronico e ci fa presupporre una confidenza coi metri teatrali greci. Affievolendosi l egemonia etrusca e consolidandosene una romana, la sede più idonea a ospitare versi scenici come il senario giambico (dal trimetro giambico greco) e il settenario trocaico (dal tetrametro trocaico catalettico) dovette essere quella, non documentata, della satura. Il vero nodo riguarda se e come la tradizione romana abbia avuto subito, fin dalla fase preletteraria, gli influssi esterni. È il come a costituire oggi un problema per la critica, chiamata a spiegare l immediata maturità metrica del teatro romano. È a influssi del teatro siceliota e magnogreco che si deve pensare, nonché a una precoce conoscenza dei modi ellenistici: come ha indicato Bruno Gentili, l uso di introdurre intere scene mutuate da altre commedie e di musicare e cantare parte destinate alla recitazione, erano già stati greci. I modelli riconosciuti dei drammaturghi latini furono i copioni della tragedia attiva del V sec. e della commedia del IV sec. a.c. Tuttavia dovettero influire le varie forme di quel sottogenere comico che è la farsa: Tito Livio accenna alla farsa osca, o Atellana, introdotta a Roma a fine II a.c., ma ben nota nella sua forma originale sin da fine IV sec e che doveva a sua volta aver accolto altri influssi etrusco-campani. Si saranno poi aggiunti (dalla presa di Taranto, 272 a.c.) contatti col fliace tarentino e col mimo, esso pure introdotto letterariamente più tardi (nel I sec. a.c.) ma già noto dal III sec. Il quadro sarebbe incompleto se non aggiungessimo che questo gioco di modelli non è scindibile dal contesto cultuale cui i drammi erano destinati. Si può affermare che furono proprio gli elementi culturali, riconoscibili nelle varie occasioni, a essere ripresi e rispecchiati nelle tragedie e nelle commedie latine. Roma medio-repubblicana matura una cultura adeguata alle proprie ambizioni, anche grazie alla vitalità del suo teatro.

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli