UN CUORE CHE BATTE - A HEART THAT BEATS ATTRAVERSO L EVENTAIL DI PAOLO FERRUZZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN CUORE CHE BATTE - A HEART THAT BEATS ATTRAVERSO L EVENTAIL DI PAOLO FERRUZZI"

Transcript

1 Accademia di Belle Arti di Roma Anno Accademico 2011/12 Corso di Laurea in Scenografia TESI DI LAUREA NATIONAL ARTS CENTRE IN OTTAWA UN CUORE CHE BATTE - A HEART THAT BEATS ATTRAVERSO L EVENTAIL DI PAOLO FERRUZZI RELATORE Prof.ssa Claudia Federici DISCENTE Alessandra de Angelis Matricola

2 NAC-CNA National Arts Centre Centre National des Arts Locandina per L éventail con le scene,costumi e luci di Paolo Ferruzzi-1973 INCONTRO CON PAOLO FERRUZZI 2

3 Incontro Paolo Ferruzzi nella sua casa a Poggio nell isola d Elba dove è nato e in particolare nello Studio mansardato che si affaccia su quella parte del Continente che da Grosseto va, con lo sguardo, oltre La Spezia. In questo Spazio, che ritrova lasciando sempre più spesso Roma, come Architetto progetta e come Regista e Scenografo cura e mette in scena Autori dimenticati con la Compagnia Teatrale da Lui fondata oltre quindici anni fa. Paolo Ferruzzi nel suo Studio Professore. Solo pochi mesi e sono quarant anni da quando realizzò, su invito, come Scenografo,Costumista e Lightingman L éventail di Carlo Goldoni per il National Arts Centre in Ottawa. Può ricordarci quell esperienza e l incontro con altra cultura e quegli anni? Rispondo come vivendo al presente quel lontano passato. Una licenza poetica per rendermi più partecipe di quanto andavo provando come esperienza proiettata in un mondo lontano e nuovo per me. Avevo 28 anni e da due anni ero Professore Assistente alla Cattedra di Scenografia presso l Accademia di Belle Arti. Roma. Dicembre Via Nazionale. Teatro Ridotto dell Eliseo che nel 1979 verrà a chiamarsi Piccolo Eliseo. Sto mettendo in scena tre Atti Unici per la Compagnia Silvio Spaccesi della quale, da alcuni anni, sono lo scenografo stabile. Sono Atti Unici di Autori diversi come è invalsa la moda in questi anni e precisamente Gli Innamorati di Achille Campanile, L aumento di Dino Buzzati e Il Miracolo di Giorgio Prosperi. Le scene vengono realizzate nel laboratorio-falegnameria dell attiguo fratello maggiore Teatro Eliseo. Il Capo Macchinista è Giulio Sementilli. L ingresso per la falegnameria, i camerini, e il palcoscenico del Teatro dell Eliseo è al n 4 di Via della Consulta. Si sale una scala larga che alla cima si diparte a sinistra verso il palcoscenico e a destra verso la falegnameria dove sono nate tutte le scenografie mie pensate per la Compagnia teatrale che di volta in volta ha assunto il nome di :Teatro Comico, I Ruspanti, Compagnia di prosa Dei Servi, La Compagnia Teatro Comico di Prosa. 3

4 Le vacanze di Natale mi lasciano alcuni giorni liberi per potermi ricongiungere con i miei che si trovano nell isola d Elba. Passa il Natale e le Feste che seguono quando una telefonata mi raggiunge: è di Giulio Sementilli il capo macchinista che mi sollecita a tornare a Roma perché un regista canadese mi vuole conoscere. E stato a teatro, ha visto le mie scenografie allestite sul palcoscenico, sono piaciute e vuole parlare con me. Giulio non perde tempo a specificarne il motivo però il sollecito è talmente determinato che mi convince a tornare a Roma prima del previsto. Appuntamento sulla Tiburtina a voltare a destra su via di Tor Cervara poi su via dei Laghi Sportivi poi una stradina interpoderale e poi poco più in là un cascinale ristrutturato con vicino un laghetto artificiale per la pesca delle trote dove mi aspetta il regista canadese. Così dice Giulio e attacca il telefono. Con la mia Fiat 128 coupé color verde muschio parto e arrivo sulla Tiburtina a voltare a destra su via di Tor Cervara poi su via dei Laghi sportivi poi una stradina interpoderale poi su una piccola strada sterrata e vedo il cascinale. Mi fermo e chiedo del regista canadese di cui però non conosco il nome e tanto meno il cognome o forse me lo sono scordato. Un signore si affaccia e gentilmente mi dice: Si sono canadese ma non sono regista,anzi io con il teatro, con il cinema e tantomeno con la televisione ho niente a che fare. Provo ad insistere ma il risultato è sempre lo stesso: Si sono canadese ma non sono regista,anzi io con il teatro, con il cinema e tantomeno con la televisione ho niente a che fare. Impreco dentro di me ritenendo uno scherzo di pessimo gusto quello fatto alle mie spalle e vedendo già le risate di tutti i macchinisti dell Eliseo al mio tornare in città salgo in macchina e proseguo la stretta strada a cercare uno slargo e fare la manovra per il mio desolato rientro. Una curva e dall alto di una collinetta sulla quale si adagia un casolare vedo una figura che in controluce si sbraccia verso la 128 coupé e la mia persona. E evidente che mi devo fermare e scendo. A cenni alludo se vuole parlare con me e l omino in controluce e sempre a cenni dice di si. Mi avvicino, lui pure si avvicina e quando ambedue siamo a distanza di parola l omino dice : Sorry tu essere Paul Ferruzzi? Sorpreso rispondo :Yes,si,yes!!. Avevo sbagliato cascinale e l omino è il regista canadese che ha chiesto di conoscermi. E Jean Herbiet.! Il Regista Jean Herbiet in una foto del 1972 Jean Herbiet è uno dei registi più importanti del Nuovo Teatro canadese. E di origine belga, francofono, professore d arte drammatica e di storia del teatro all Università di Ottawa e direttore associato del Teatro di 4

5 Prosa che assieme al Teatro Lirico, al Salle de Concert e altri Spazi ludici configura l articolato edificio denominato NAC (National Arts Centre/Centre National des Arts) che nella Capitale è stato concepito per celebrare, nel 1967, il Centenario dell unificazione della Nuova Scozia e New Brunswick a Quebec e Ontario ma realizzato compiutamente nel Ottawa - Il NAC National Arts Centre/Centre National des Arts in una foto del 1972 Jean Herbiet non è alto di statura, ha capelli mossi e lunghi, una barba folta e due occhiali da intellettuale con montatura sottile che non riescono ad attenuare il sorriso che sprigiona da due occhi buoni e sornioni. E subito simpatia reciproca. Mi invita ad entrare nella vecchia casa dove si trova ospite di amici canadesi. L ambiente è caldo per il camino acceso e gioviale per l allegria delle persone distese comodamente su poltrone e divani. Tra un inglese italianizzato, un italiano inglesizzato e qualche bicchiere di vino cominciamo a parlare di teatro e mi chiede se ho mai messo in scenografia opere di Carlo Goldoni. Dell Autore veneziano vuole mettere in scena Il Ventaglio e vuole per questa mise en space uno scenografo-costumista italiano. E venuto appositamente in Italia ha visionato teatri e scenografi, ha visto le mie scenografie impostate al Ridotto dell Eliseo e sono piaciute subito. Per questo mi ha voluto conoscere e ora vuole sapere se ho mai progettato scenografie per Goldoni. No!!! Non ho mai realizzato scenografie per Goldoni, rispondo, ma tre anni prima ho discusso la Tesi di Laurea proprio sull Autore veneto realizzando circa ottanta bozzetti per La triologia della villeggiatura. Herbiet è subito 5

6 interessato a vedere quei bozzetti con le relative progettazioni e ci diamo appuntamento il giorno dopo, alla solita ora e nel solito luogo ma con in più l invito a rimanere per una cena conviviale. Carico di un enorme massa di fogli, di dipinti, di cianografie il giorno dopo, alla solita ora e nel solito luogo mi ritrovo a discutere di Goldoni su un largo tavolo al centro di una grande sala. Bozzetti, cianografie, disegni e appunti sono oggetto di commento non solo del regista ma anche dei suoi ospiti. C è l approvazione generale e entusiasticamente continuiamo a discutere a tavola, a cena e nei particolari di come è bene impostare la nuova messa in scena del Il Ventaglio. Ci lasciamo con una concertazione di idee comuni, con un abbraccio e con l impegno del contratto da firmare che mi sarà inviato tramite posta diplomatica dopo il rientro in Canada. L atteso arrivo del documento è lungo e tanto da farmi credere che tutto quanto ho vissuto in quei due pomeriggi sia stato un sogno, solo un bel sogno. In quegli anni mi sono fatto le ossa anche come scenotecnico realizzando scenografie di altri scenografi come Maurizio Mammì, Cesarini da Senigaglia, Bruno Garofalo scenografo di Eduardo De Filippo e Walter Chiari, e il Maestro Emanuele Luzzati. Sono a casa in via dei Gracchi e squilla il telefono. Non è Ottawa ma il regista Mario Missiroli che vuole portare al Teatro Romano di Verona " Molto rumore per nulla "di W.Shakespeare con le Scene di Bignardi, i Costumi di Santuzza Calì (che anni dopo diventa mia cognata) e con la bravissima Anna Maria Guarnieri con la quale già ho lavorato, assieme all immensa Sarah Ferrati, nella trasposizione televisiva di Un tram chiamato desiderio di Tennesse Williams per la regia di Vittorio Cottafavi. Silenzio dal Canada e quindi accetto di realizzare le scene proposte. Luogo: sempre sulla Tiburtina. Ma questa volta al terzo chilometro e nei sotterranei di una chiesa che, se ricordo bene, è titolata a San Giuseppe Artigiano. Il parroco affitta a Compagnie teatrali gli spazi che si trovano nei sotterranei e le Compagnie là provano e là, per risparmiare, vengono realizzate le scene. In quegli anni Lei insegna all Accademia e contemporaneamente lavora per il teatro? Si!!! E non tanto per questione economica che del resto è sempre la benvenuta ma anche e soprattutto perché ritengo che un buon insegnante debba portare continuamente nelle sue lezioni non solo la componente teorica ma anche e soprattutto l aspetto pratico della professione che solo sul cantiere si ritrova. E solo nel confronto continuo con le maestranze, è solo nelle difficoltà reali della realizzazione di un progetto, è solo nello aggiornamento costante dell aspetto pratico della professione, è solo con tutto questo che puoi trasmettere agli altri la conoscenza diretta e acquisita. E poi perché amo il Teatro e amo stare tra la gente di Teatro e amo stare dietro le quinte. Non solo tutto questo! Dopo aver ottenuto il Magistero in scultura a Firenze, la Laurea in scenografia all Accademia di Belle Arti di Roma ho cercato di andare oltre e proprio per meglio insegnare sono passato anche dall altra parte della Cattedra iscrivendomi alla Sapienza nella Facoltà di Architettura. Solo essendo studente si può capire l essere studente. Perché dico questo? Per far capire la mia giornata tipo di questi anni: dalle otto alle nove di mattina studente di architettura nella Sede di Largo Fontanella Borghese per la parte progettuale, dalle nove alle quattordici professore all Accademia in Via Ripetta, dalle quindici alle sedici di nuovo studente di architettura nella Sede di Via Gramsci per le lezioni teoriche e poi dalle diciassette alle venti nella Sede di via Flaminia dove è locato il dipartimento di Urbanistica. A tutto questo ora devo sommare l accettazione del sopraggiunto incarico per realizzare le scene shakespeariane e che si concretizza da mezzanotte in poi per dare la possibilità agli attori di provare sino a quell ora. Da solo pochi giorni ha inizio la mia attività di scenotecnico nei sotterranei di San Giuseppe Artigiano (nomen omen) quando mi viene recapitato, tramite posta diplomatica, un plico sigillato. Sul plico il logo di due esagoni concatenati. E il NAC!!! Apro!!! Dentro il contratto da firmare per Scene,Costumi e Luci relative alla messa in scena di L éventail de Goldoni. 6

7 La cifra? Molto generosa e tale da non darmi scelta di rimando. Quando lavorare allora? Una sola possibilità : dalle 21 alle 24!! Quando dormire? Dalle quattro alle sette!! Ce la posso fare? Ce la devo fare!! E solo un mese e un occasione così non capita tutti i giorni. Accetto e firmo! Rispedisco una copia in Canada e subito comincio a schizzare su carta disegni e disegni. Disegni di costumi e di scene. Proposte per impostazioni planimetriche e soluzioni per movimenti scenici. Tramite Corriere Diplomatico dell Ambasciata Canadese in Roma riesco a far avere in circa otto/nove ore i disegni preparatori a Jean Herbiet. Aspetto con ansia la sua telefonata! Si discute con davanti ognuno la copia del disegno. Si modifica, si corregge apportando ognuno un qualche cosa in più. Questo per circa un mese. Poi il bozzetto conclusivo che mette in accordo tutte le parti. Bozzetto preparatorio per L éventail de Goldoni 7

8 Ma tutto capita nello stesso momento!!! Sono professore assistente alla cattedra di Scenografia seppur a tempo indeterminato. Esce il Bando per il Concorso a Ruolo di quel posto e all Accademia di Belle Arti di Roma. Devo assolutamente partecipare e per questo predisporre dieci grandi cartelle suddivise in lavori realizzati e titoli di studio; poi prepararmi per l esame teorico che si articola in una lezione accademica da fare di fronte a tre Titolari di cattedra e fissata sul finire del mese di luglio dello stesso anno Anche questo lo ricordo perché, come vedremo, ha parte significante su quanto poi avviene nei mesi che seguono. Ma torniamo alla Scena. Con Jean Herbiet abbiamo concordato sia realistica, non di un realismo crudo ma evocativo. Suggerisco che tutti i luoghi deputati di questa piccola piazza come il Caffè, la Merceria, la Bottega del calzolaio, del carbonaio e cosi via si configurino in prospetto e in pianta a forma di ventaglio e come tale si debba vedere nella controluce dell alba che divide la notte dal giorno assolato. Al bozzetto iniziale rapporto la restituzione prospettica e poi a seguire tutta la progettazione utile a me per farne la Maquette (il modellino plastico) e indispensabile ai macchinisti che dovranno realizzare tutta la scenografia nei laboratori del NAC in Ottawa e che dovrò raggiungere nel mese di giugno e luglio per tutte le direttive. La Prima è prevista per il 17 settembre che per la cultura anglosassone è il giorno più fortunato in assoluto Restituzione della Maquette e Bozzetto nel Palcoscenico del NAC per la definizione della planimetria 8

9 (Si riproduce solo una tavola progettuale delle venticinque eseguite) Esecutivo dei praticabili 9

10 Evariste,Gertrude,Candide, Le Baron del Cedro, Le Comte de Rocca-Marina,Timothée, Jeannine, Suzanne, Couronné, Crépin, Noiraud, Citronnet, Tonin, Brisefer. Interloquire con i quattordici personaggi che animano la place du village de Maisons-Neuves dans le Milanais dove l action toute entière come traduce nella versione francese Michel Arnaud se déroule da la matin a la fin de la matinée per finire en début de soirée du meme jour!!! E disegni preparatori per cercare di capirli; disegni per calarsi dentro di loro; disegni per trasporre i loro tic, le loro manie, i loro desideri e speranze, la loro vita quotidiana. Disegni che si trasformano in altrettanti quattordici costumi quali specchi del loro essere. Bozzetti che prendono corpo attraverso il colore aggiunto; gli accessori indicati per suggerire e definire il carattere individuale; il pezzetto di stoffa spillata sul foglio e scelta a suggerimento prezioso per la sarta che darà corpo al disegno lasciando all attore il soffio dell anima. Tutto è pronto per la partenza. I bozzetti per la scena e per i costumi sono tutti in un ampia cartella così come tutte le cianografie con i radex delle progettazioni e il modellino plastico ben confezionato è dentro un contenitore di cartone. Modellino plastico Aeroporto di Fiumicino. Voli Internazionali Alitalia. Volo Roma-New York, New York-Ottawa. Viaggio in first-class perché così è stabilito nel contratto e il contratto và rispettato. All arrivo nell Airport Macdonald-Cartier di Ottawa due delegati del NAC mi attendono al di là della barriera del controllo doganale. Suscito curiosità e forse invidia negli altri passeggeri che fanno una lunga fila per sottoporsi alla trafila dei controlli vari ma a me viene riservato un privilegiato varco. Sono in Canada, su una macchina con autista, accompagnato da due dirigenti del National Arts Centre che vanno illustrandomi ogni cosa nell avvicinamento dall aeroporto al Centro della città e al Teatro. 10

11 Sono a Ottawa, sono in Canada, Stato multiculturale e bilingue: l'inglese e il francese. Anche la sua più importante e famosa struttura teatrale in bilingua si manifesta : NAC (National Arts Centre) e CNA (Centre National des Arts). NAC/CNA E adagiata sulle sponde del fiume Ottawa a poche centinaia di metri dall isolotto che raggruppa l edifico del Parlamento canadese Il Parlamento canadese La macchina dopo aver fatto un percorso panoramico intorno al complesso architettonico per rendermi partecipe della sua articolata struttura e, ritengo, per rendermelo familiare si dirige verso la foresteria e verso quel villino che da oggi sarà mio alloggio per tutto il soggiorno di lavoro nella Capitale di questo immenso Stato. 11

12 La mattina dopo è convocata la Stampa per la presentazione del progetto dello scenografo venuto dalla lontana Italia terra dell Autore che quest anno apre ufficialmente la stagione teatrale: Carlo Goldoni Dal Dipartimento delle Pubbliche Relazioni alla Stampa 12

13 La sala è gremita di giornalisti che da un lato si contrappongono a un lungo tavolo al quale siedono il Regista Jean Herbiet, il Direttore artistico Jean Roberts, il Direttore di produzione Rae Ackerman, il Direttore di palcoscenico Pierre- Renè Groupil, gli attori Hubert Gagnon (Evariste) Lénie Scoffié (Gertrude) Monique Brasseur (Candide) Jean-Louis Paris (Le Baron Del Cedro) Victor Desy (Le Comte de Rocca-Marina) Gilles Provost (Timothée-apothicaire) Louise Marleau (Jeannine) Herbiet Hedwige (Susanne-mercière e nella vita moglie di Jean Herbiet) Josè Descombes (Couronnéaubergiste) Pierre Collin (Crépin-cordonnier) Philippe Reynal (Noiraud-frère de Jeannine) Marcel Girard (Citronnetgarcon de café) Denis Blais (Tonin-serviteur de Gertrude) Luc Elia ( Brisefer-valet de Couronné) e per décors-costumeséclairages lo Scenografo Paolo Ferruzzi. Paolo Ferruzzi nel 1972 Tutta l attenzione dei fotografi e dei giornalisti è rivolta, quale ospite, verso di me e verso la prima attrice Louise Marleau (Jeannine ne l enentail) e che di se fa bella mostra con la sua intrigante bellezza e dirompente vitalità. Mr. Jean Herbiet comment a t on choisi ce decorateur? È questa la prima domanda rivolta dai giornalisti al regista. C est que, en tournée des théatres italiens cherchait un décorateur sensationnel pour la pièce que je montait. On a été partout unanime à moi recommander M.Ferruzzi. Quel sensazionale abbinato alla mia persona e veste professionale mi mette in imbarazzo data la natura schiva al mio stare in mostra su di un palcoscenico ma, per fortuna mia, altre domande per tutti si accavallano e si incrociano e poi ancora incuriosite domande sul modellino plastico che di se fa bella mostra in un piedistallo lateralmente posto e artisticamente illuminato e molte foto mi vengono richieste accanto. Uno scenografo italiano prepara L éventail al Centro National des Arts 13

14 E poi vengono illustrate le tavole progettuali. E poi ancora i quattordici bozzetti dei costumi nell imbarazzo mio e di alcuni attori ai quali viene chiesto se fa loro piacere radersi la fluente barba ostentata con orgoglio e vanto perché nel bozzetto il proprio personaggio è raffigurato senza! Jean Herbiet taglia corto : Se nel bozzetto il personaggio è raffigurato senza barba vuol dire che Mr. Ferruzzi è così che lo vede e allora l attore deve radersi la barba perché così io voglio. Sgomento negli occhi dell attore e imbarazzo balbettante di tentativo accomodante da parte mia nel manifestato rossore che sale sulle guance ma se questo è quello che vuole il regista a questo non si può discutere. Poi la Conferenza Stampa termina e subito un altro incontro, assai molto più importante per me :quello con le maestranze che dovranno curare e realizzare quanto ho veduto sino a quel momento con la mia fantasia e progettato sulla carta: Peter Horne (Chef d atelier des costumes), Norma Hiebert et Susan Baldwin (Coupeuses) assistées de Lynne Sorge et Pauline Rousso, Pauline Whitehouse (Chef d atelier des accessoires) assistée de Philippe Pointard e avec equipe de Don Macleod Jennifer Hooper Lise Pharand Nicole Bilodeau, Peter Barleben (Chef d atelier des décors) assisté de Keith Boville Brian Campbell Jean Hasselman Alphonse Labonté et Patrick Parente, Peter Woolnough (Peinture des dècors), Pierre Rollin (Enregistrement de la bande sonore), Don Dennison (Coiffures), Gayle Tribick (Chapeaux et tinture) assistée de Penny Hadfield, Yves Neveu (Règisseur). 14

15 Laboratorio dei costumi Laboratorio dei costumi e della scenografia 15

16 E finalmente hanno inizio i lavori per la realizzazione. Finalmente inteso come eufemismo perché subito incontro delle difficoltà e dei problemi. Tutti i miei progetti sono rappresentati in scala metrico/decimale dove appunto l unità di misura è il metro mentre qua le maestranze sono abituate a leggere i progetti con unità di lunghezza e di area come il pollice, il piede, la iarda, il miglio etc. Panico! A un tavolo attrezzato con tecnigrafo in una stanza assegnata come mio Studio pro-tempore ridisegno tutti i miei progetti rapportandoli in quelle misure a me lontane come cultura e come sistema. Ma ogni cosa si supera e anche questo, dopo due giorni, viene risolto. Con un cartellino spillato sulla camicia ho libero accesso in tutti i laboratori e non solo perchè il mio cartellino è particolare: dimostra che solo da me possono essere impartiti gli ordini nei laboratori dove si realizzano le scene e i costumi. In poche parole sono il Capo-Referente e per la mia età e per l essere in un paese straniero non è poca cosa. Sono cercato continuamente da macchinisti, da sarte, da elettricisti, da pittori per richiesta di spiegazioni in una sarabanda alla quale sono però abituato per quanto ho vissuto sino a quel momento nei teatri italiani: anzi!!! Ad ogni bozzetto di costume, come spesso è uso fare, ho spillato un pezzetto di stoffa per suggerire al meglio come voglio sia realizzato. Il brandello di stoffa per Le Comte de Rocca Marina è quanto avevo trovato in un negozio di merceria a Roma vicino a Largo Argentina. Suggerimento, indicazione, ma niente più. Solo qualche giorno dopo lo Chef d atelier des costume angosciato mi ragguaglia che quella stoffa non è riuscito a trovarla in nessun negozio di Ottawa. Rispondo che non è così importante e posso trovare una soluzione. No!!! Bisogna che sia trovata quella perché cosi sono stati approvati i costumi. Appuntamento per il giorno dopo e per un trasferimento. Trasferimento dico io? Si!!! In aereo per Montreal e se là non si trova si prosegue per Toronto e se neppure a Toronto si trova si va a New York. Ebbene è stata trovata a New York e con grande piacere mio che in due giorni e seppur di corsa mi sono visitato le tre più importanti e grandi città del Nord America ma anche con mio grande rammarico perché a tanta affannosa ricerca e a tanti soldi spesi so quale destino va incontro quella preziosa stoffa. Distrutta, stropicciata, invecchiata in un pentolone a bollire con del thè perché così deve apparire il Comte de Rocca Marina nella sua velada scaldacuore vecchia e usata. Iniziano i lavori nell attrezzatissima falegnameria per la realizzazione dell articolata scenografia. Alle pareti vengono affisse le cianografie progettuali per essere lette dal Capo macchinista e da me illustrate ove si presenti la necessità di una spiegazione. Ma è ora di tornare in Italia. Come tornare in Italia? Da come ha rievocato i lavori sono appena iniziati e torna proprio adesso in Italia? Perché Professore? Scadevano i termini per il Concorso nazionale a Ruolo di Professore Assistente alla Cattedra di Roma dove già occupavo il posto ma a Tempo Indeterminato. Avevo fatto domanda. Per me era molto importante e per questo avevo accettato l impegno canadese alla condizione che mi fosse data l opportunità di rientrare in Italia per pochi giorni e sufficienti ad ottemperare a tutte le pratiche burocratiche richieste nel Bando. Mi fu concesso e anche omaggiato il biglietto aereo per questo supplementare viaggio andata per Roma e ritorno in Ottawa. Allora si intrattenne solo pochi giorni a Roma! Si! Pochi giorni a Roma e di nuovo in volo per il Canada. Viaggio particolarmente difficoltoso per motivi tecnici questo e lungo per scali imprevisti. Arrivo a notte inoltrata a Ottawa. Solita macchina con diverso autista che mi porta verso la città che oramai conosco discretamente bene. Sono in grado di dire : Perché ci dirigiamo verso il Teatro e non verso la Foresteria? E tardi e sicuramente a Teatro non vi è anima viva!... mi è stato detto che al suo arrivo devo portarla a Teatro così mi risponde l autista e mi ritrovo al NAC semibuio. 16

17 Sono avvicinato dal Directeur de Production Rae Ackerman con il quale ho instaurato un rapporto di piacevole collaborazione e credo anche di amicizia. Paolo mi dice devi metterti al tavolo da disegno e progettarci le luci perché domani pomeriggio viene montata la scenografia sul palcoscenico e di mattina devono essere allestite tutte le luci. Non ho mai sentito, sino a questo momento, che le luci devono essere progettate. A Roma come in tutti i teatri italiani le luci si fanno in un rapporto diretto con il tecnico e da platea a palcoscenico: A Nando monta quel piazzato, sposta quel mille sull americana in prima e quel duemila sullo stangone in seconda, a quel mille mi metti una gelatina ambra!!!. Questo è quanto sono abituato a fare e ora mi si chiede di progettare le luci!!! Sono accompagnato nel mio Studio pro tempore; sul tavolo c è lo schema del palcoscenico e uno strano righello forato con sagomature varie. Sono gentilmente sollecitato a mettermi a progettare perché, nonostante l ora tarda, domani mattina serve assolutamente lo schema luci pronto per i tecnici. Sono angosciato e sudo freddo. Non capisco. Cerco di guadagnare tempo. Sono stanco per il lungo viaggio e assonnato per il cambio di fuso orario. Prendo conoscenza del righello che altro non ha se non delle sagome di proiettori e riflettori per essere più facilmente riprodotti. Prendo visione della planimetria del palcoscenico e tutte quelle sigle e numeri altro non sono che i corrispettivi stangoni e americane e le postazioni fisse in platea. Comincio a sagomare proiettori e riflettori per dare corpo alla mia scenografia disegnata dentro lo schema del palcoscenico del NAC. Cerco di immaginarmi la mia scena illuminata con proiettori e riflettori che colloco con le loro sagome su stangoni e americane che corrispondono a numeri e sigle. E poi immagino i personaggi che si muovono dentro la scena e li illumino con altri proiettori e considero i loro costumi e i loro colori e se un cappello largo possa far ombra sul viso e anche queste sagome di proiettori vengono collocate su supporti e su stativi distribuiti lateralmente alla scena e anch essi riconoscibili con sigle e numeri. Prevedo quello che saranno nello spettacolo i circa quattrocento cambiamenti di luce a partire dalla notte stellata all alba rosea e al concludersi nel pieno giorno assolato. Ma se dovessi sbagliare Oramai distrutto e con il solo desiderio di andare a sprofondarmi nel letto mi rivolgo agli altrettanto assonnati angeli custodi che vegliano sul mio lavorare. Non puoi permetterti di sbagliare perché sei pagato per questo è la risposta garbata e ferma che ricevo. Finalmente a letto e sogno, credo, centinaia e centinaia di luci. La stessa mattina, è il caso di dire, gli elettricisti, con il mio schema luci cianografato in copia, fanno scendere dalla graticcia tutti gli stangoni, tutte le americane corrispondenti e previste nel mio schema progettuale e a ogni americana e stangone fissano i corrispettivi proiettori e con l inclinata stabilita. A ogni numero uno stangone. A ogni numero un americana. A ogni numero un proiettore Tutto viene predisposto e tutto risale in soffitta. Solo a questo punto entra in palcoscenico la scenografia costruita nei laboratori contigui. Solo a questo punto Jean Herbiet entra in scena e si mette a sedere al centro della platea buia. Accanto vuole solo me e su ripiano illuminato da una piccola lampada viene fissata una copia del mio schema luci utilizzato in prima mattinata dagli elettricisti per la collocazione di quanto stabilito lassù in alto, nella graticcia, al di fuori dello sguardo di quegli che tra pochi giorni saranno ottocento e oltre spettatori esigenti per la Prima del 17

18 L eventail di Carlo Goldoni che viene ad inaugurare la Stagione teatrale al NAC/CNA che in Ottawa è delegato a rappresentare tutta la Cultura dello Stato del Canada. Schema luci limitato alla zona dei praticabili 18

19 Paolo mi dice Jean Fai provare singolarmente ogni punto luce e ogni piazzato nella loro gradazione in resistenza e poi decidiamo cosa fare. In un microfono vicino a me leggo la sigla e il numero del proiettore che vedo sul mio schema luci e il corrispettivo numero dello stangone o americana che sia e come per incanto nel buio del palcoscenico una luce prende forma sbavando da sopra il mantello d arlecchino. Mettila in resistenza a 80.No prova a 75. Bene fissa questa In questa maniera vengo bloccando tutti i piazzati e tutti i punti stabiliti. Ok!!! Partirò dal buio della notte dice Jean Herbiet poi a salire con la musica e lentamente con il chiarore dell alba; il villaggio si risveglia, l ultima luce di una finestra si spegne, sullo sfondo il rumore dell acqua che sgorga da una fontanella, la porta del calzolaio si apre e quella del Cafè e quella della Merceria e poi una finestra e ancora un altra finestra, personaggi che entrano nella piccola piazza, su con la musica, su con la luce Tutto questo, Paolo, in due minuti e mezzo perché è quanto dura la musica e perché voglio che lo spettatore si imbeva di questa atmosfera. Va bene rispondo io ci provo e così dicendo impartisco un ordine come dal ponte di comando di una nave silenziosa e al microfono e allo sconosciuto interlocutore dico tutto in due minuti e mezzo. Come in un sogno. Buio,musica e una luce che lentamente da blu della notte si trasforma in violaceo colore e poi rosato e poi poi un paese che si risveglia e trasmette la gioia di vivere. Un lungo silenzio fa tacere tutto e al fine risvegliato da un applauso di tutte le maestranze e di tutti gli attori che si sono seduti nel fondo-buio della platea. Curioso voglio vedere dove i miei comandi impartiti al microfono andavano a finire. Mi portano in una stanza dove un tecnico manovra un grosso scatolone. E il primo computer che vedo nella mia vita. Festeggiamo il giorno dopo, perché domenica, nel cottage di Jean sulla riva di un piccolo lago, così mi viene detto, nelle vicinanze della città. Un piccolo lago, per loro, che fa sicuramente scomparire il nostro Lago Maggiore. Bistecche enormi alla brace, una specie di minestrone con verdure di tutte le specie e pezzi di manzo bolliti nella birra, e birra ancora per bere. Una chitarra, come sempre in queste occasioni, spunta da qualche parte e qualcuno inizia a cantare e poi tutti lo seguono in coro. Il rientro è a notte fonda e lungo una strada che attraversa un bosco. Dal bosco che fiancheggia l andare delle automobili si affacciano tanti punti luminosi come tante lucciole nostrane ma di dimensioni maiuscole e fisse. Sono gli occhi dei lupi che ci guardano mi dice Jeannine voltandosi indietro verso di me. Mancano pochi giorni alla prima. Ancora ritocchi alla scena. Qualche cosa non mi convince nel colore delle case e non mi sembrano troppo invecchiate le tavole di alcune porte. E pomeriggio e i pittori hanno terminato il loro turno e sono andati via. Sul palco una piccola fiamma ossidrica. Immediatamente realizzo: sono solo; c è la fiamma ossidrica che in altre occasioni e per altre realizzazioni ho usato; sento la necessità di apportare alcuni ritocchi alla scena e ne sono capace. Prendo l accendino; apro la manopola del gas; do fuoco e una fiamma bluastra si sprigiona dal beccuccio. La indirizzo sulle tavole delle porte da invecchiare e incomincio. Bruciacchiatura e terra d ombra e ancora bruciacchiatura e terra d ombra quando all improvviso comincia a piovere. Si!!! Comincia a cadere acqua a catinella perché ho messo in funzione e in allarme, con il calore della fiamma, l impianto antincendio di cui è dotato il teatro. Vengo colto come un ragazzino con le mani nella marmellata ma, nonostante la situazione imbarazzante, vedo, anzi vediamo tutti, quale stupefacente effetto ha dato quella pioggia torrenziale. Scivolando sulle tegole dei tetti e sulle pareti delle case scenografate ha dilavato parte del colore ottenendo un effetto di vissuto che neppure il più esperto di tutti gli scenografi realizzatori avrebbe potuto immaginare. Ancora ultime prove sul palcoscenico. 19

20 Sul palco Louise Marleau (Jeannine) fa le bizze come tutte le prime donne in vicinanza della Prima. E le fa anche perché forte dell amicizia che è attribuita lei con il Primo Ministro Mr. Joseph Philippe Pierre Yves Elliott Trudeau. Non vuole assolutamente rimanere scalza come da me proposto nel bozzetto del suo costume. Vuole mettersi una specie di ballerine per meglio camminare. E neppure Jean riesce nell intento di convincerla. Per favore provaci tu, forse ti ascolta così mi chiede Jean Herbiet stando a sedere in prima fila della platea mentre gli attori sono andati a rinfrescarsi nei loro camerini. In piedi, appoggiato alla ribalta mi lascio andare quasi ad una filippica contro le bizze, gli umori delle prime attrici che si sentono prime donne e bla bla bla!!! Jean ridacchia e sornione, ma in silenzio, approva con gesti. Gli attori rientrano e io mi preparo all opera di convincimento nei confronti di Louise che buon ultima è arrivata. Neppure inizio con il dire Senti Louise che lei con piglio severo mi interrompe : perché le prime attrici si sentono prime donne con le loro bizze, i loro umori e bla bla bla e ripete esattamente tutto quello che ho detto poco innanzi. Divento rosso come un peperone rosso. Una risata di lei allegra, gioviale, frizzante da inizio alle risate di tutti gli altri e a quella ancora più fragorosa di Jean. Loro tutti sapevano e io no che una serie di microfoni riprendono le voci della platea per riportarle nei camerini dove gli attori possono sentire il commento degli spettatori nell intervallo degli spettacoli. E Louise Marleau ha sentito tutto. Una risata, un abbraccio, un occhiolino strizzato e poi a piedi nudi sulla scena in una indimenticabile Jeannine. Dopodomani è il 17 settembre, il giorno della Prima. Devo mantenere una promessa fatta a Roma. Sapendo della mia venuta in Canada mi è stato chiesto da Andrea Negrari, influente politico italiano, di portare saluti personali ad un Ministro, suo amico, del Governo canadese. E sabato e forse il Parlamento è chiuso ma sta a poche centinaia di metri dal NAC e non costa niente provare. Il portone è aperto e a un usciere chiedo se il Ministro X è in sede. Con mio stupore immenso seppur rapportato in questo lontano 1973 l usciere mi dice di andare al piano y percorrerlo tutto sulla destra e in fondo c è l ufficio del Ministro X. Nessun poliziotto, nessun altolà e chi va là. Solo davanti alla porta dell ufficio un altro cortese usciere mi chiede di attendere. Solo due minuti e sono seduto di fronte al Ministro X che affettuosamente ricambia i saluti di Negrari. Signor Ministro sarei onorato di averla assieme alla Sua Signora tra il pubblico dopodomani alla Prima del L éventail al National Art Centre così mi rivolgo e così il Ministro X che mi risponde La ringrazio a nome anche di mia moglie e sicuramente veniamo. Torno al NAC. Mi faccio ricevere dal Chairman. Dico che ho invitato il Ministro X e che sia il caso di riservare due posti. Vada al botteghino e visto che Lei ha invitato il Ministro X e signora è Lei che deve pagare il biglietto mi risponde con fermezza e convinzione. Ma è un Ministro accenno io. A maggior ragione risponde lui. Ho pagato io i biglietti per il Ministro X e signora. 17 settembre 1973 Giorno fortunato il 17 per gli anglosassoni. Il Teatro per la Prosa è tutto esaurito nei suoi

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Liceo Mazzini - La Spezia a. s. /11 classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Nell ambito della programmazione di Laboratorio della Comunicazione, la nostra classe ha svolto

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli