IL LICEO ARTISTICO E. BASILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LICEO ARTISTICO E. BASILE"

Transcript

1 IL LICEO ARTISTICO E. BASILE

2

3 DATI SPECIFICI DEL LICEO ARTISTICO E. BASILE Ordine e grado di scuola: Istituto Secondario di Secondo Grado Denominazione: Liceo Artistico Statale Ernesto Basile Indirizzo: Via Umberto Fiore C.da Conca d Oro, Vill. Annunziata Messina Tel.: 090/ Fax: 090/46744 Codice Fiscale: Codice Meccanografico Istituto: MEIS03100X PEC: Sito Web: Anno Scolastico: 2014 / 2015 Numero allievi: 452 Numero classi: 25 Numero Docenti: 82 Numero Unità Personale ATA: 22 Il Liceo Artistico E. Basile rispetta tutte le norme relative alla Sicurezza sui luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/2008) e all accesso delle persone diversamente abili, secondo quanto dichiarato nel Certificato di prevenzione incendi - Prot. n 4296 del 22/05/2012 rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del fuoco di Messina.

4 STORIA E MISSION DEL LICEO ARTISTICO STATALE Il Liceo Artistico E. Basile di Messina affonda le sue radici nell Istituto Statale d Arte; l Istituto, che negli anni si è consolidato sul territorio, è nato nel 1956 come sezione staccata dell Istituto Statale d Arte di Palermo, sotto la dirigenza dell allora preside Salvatore Castagna. La scuola venne ospitata all interno di alcuni locali dell ex convitto Dante Alighieri in piazza Vittoria, locali che, solo nel 1961, col raggiungimento dell autonomia, vennero ceduti per intero all istituto. Durante l anno scolastico l Istituto d Arte venne intitolato a Ernesto Basile, autorevole esponente del liberty siciliano. L Istituto d Arte, fin dai suoi esordi, si è caratterizzato come scuola dotata di una specificità culturale propria, essendo luogo di formazione artistica e di trasmissione e acquisizione di conoscenze che sottendono esperienze creative di diversa natura, nelle quali la scuola stessa comunica ideali e valori estetici, conoscenze e saperi che hanno antiche origini, idee progettuali che si sostanziano di competenze tecnico esecutive e di abilità manuali. Fin dalla sua nascita, la scuola si è posta come fucina di idee, inserendosi all interno del dibattito artistico e culturale stimolato negli anni Sessanta dalla libreria dell Ospe e da alcuni esponenti della cultura messinese come Salvatore Pugliatti che fece parte, tra l altro, assieme a Salvatore di Giacomo, del consiglio di amministrazione posto a guida dell Istituto. La conoscenza trasmessa si fa dunque oggi come allora pensiero, idea, in grado di tradursi in attività progettuale che richiede specifiche metodologie di lavoro attraverso le quali prenderanno forma le idee destinate ai differenti settori quali quello della moda, del design, della produzione industriale dell architettura, della scenografia e delle arti in genere. Oggi il Liceo Artistico è il luogo ove si forma il pensiero ideativo ed espressivo in grado di intervenire nello spazio della realtà modificandola, di incidere nell esistenza fisica delle cose, di raggiungere l esistenza psichica attraverso la realtà dell oggetto creato che stabilisce una relazione emotiva fra chi progetta e chi fruisce. Nell inscindibilità di pensare e fare, un delicato ruolo è rivestito dalla figura del docente; nella storia del nostro Liceo si rintraccia una continuità tra maestro e allievo, continuità di insegnamento e d arte che ha consentito a molti allievi di affermare le loro professionalità al di fuori della scuola, nel

5 territorio della città ed oltre. E dunque una scuola che consente di dar forma alla dialettica di pedagogia e arte, coniugando i due poli del nuovo e dell antico. Del nuovo attraverso la ricerca di soluzioni progettuali originali che scaturiscono anche da un attenta analisi delle istanze culturali dei tempi in cui viviamo, delle esigenze dell utenza pubblica e privata, delle esigenze del mercato, in rapporto alle quali la scuola tende a proporsi sempre più come realtà imprenditoriale. Scuola intesa come laboratorio che dilata i propri ambiti di ricerca, che moltiplica gli spazi della sperimentazione, entrambe sostenute dagli intrecci interdisciplinari, dalla trama delle conoscenze e delle competenze trasversali fornite dalle singole discipline. Il Liceo Artistico E. Basile di Messina vuole essere un luogo aperto all innovazione, alla ricerca ed alla sperimentazione di nuove modalità di partecipazione. Il suo ruolo è essenziale, in quanto vuole porsi come elemento di promozione culturale, di scambio, di confronto di esperienze, di punto di riferimento formativo anche per i genitori degli alunni, per gli intellettuali e per tutti coloro che volessero offrire il loro contributo umano, culturale, artistico e professionale. Il nostro Liceo rappresenta una risorsa e uno spazio formativo importante per la città: esso incoraggia e sostiene tutte le iniziative di impegno civico, socio-culturale e formativo, offrendo numerosi momenti di collaborazione con il territorio attraverso una serie di attività che vedono la partecipazione di studenti e docenti ad eventi e manifestazioni locali, nazionali e internazionali, a concorsi artistici, mostre didattiche e collettive, anche in collaborazione con le altre scuole. In questo contesto di sinergica relazione con il territorio, il Liceo Artistico E. Basile trova continua occasione di radicarsi nel tessuto messinese e di mostrare il valore del suo contributo culturale nei confronti di questa città d arte, puntando al coinvolgimento attivo delle Amministrazioni Locali nel processo di ricerca educativa, per creare strade di effettiva condivisione e sviluppo delle scelte per la crescita delle nuove generazioni, nel rispetto delle specifiche responsabilità. Essa crea un reale raccordo con Università, Enti, Istituzioni, Associazioni Economiche/Culturali e Privati, allo scopo di valorizzare il percorso formativo e professionale dei giovani e costruire quel rapporto indispensabile per una scelta consapevole della formazione universitaria e delle possibilità di inserimento nell attività lavorativa, nei diversi indirizzi di cui la scuola è costituita.

6

7 LA SEDE E LE RISORSE: ATTREZZATURE E SERVIZI Il Liceo è ospitato in un vasto edificio di moderna ambientazione, con ampia possibilità di parcheggio. La struttura dell intero immobile è disposta su tre livelli pian terreno, primo piano e secondo piano ciascuno dell estensione di m.q. circa. L Istituto rispetta tutte le norme relative alla Sicurezza sui luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/2008) e all accesso delle persone diversamente abili, secondo quanto dichiarato nel Certificato di prevenzione incendi - Prot. n 4296 del 22/05/2012 rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del fuoco di Messina. Esso è inoltre provvisto di un congruo numero di servizi igienici per ciascun livello, diversificati per tipologia di utenti, nonché di ascensore, porte antipanico, uscite di sicurezza, dispositivi antifurto e controllo all ingresso.

8 Tutti i locali scolastici sono serviti da rete wireless e godono di un sistema di riscaldamento. Al fine di realizzare interventi educativi efficaci e moderni, gli ambienti del Liceo offrono la possibilità di realizzare una didattica attiva, giovandosi di vani interni ampi e luminosi, piacevoli da vivere, con spazi adeguati alle esigenze formative degli allievi. La Scuola consta di presidenza, vicepresidenza, tre ambienti per i servizi amministrativi, una sala docenti, un aula per le funzioni strumentali, 5 ambienti per i servizi ausiliari, un infermeria, un magazzino e un ampio cortile interno. Gli ambienti destinati alla didattica sono:

9 un aula magna di 237 m.q., utilizzata per incontri, dibattiti, conferenze e videoproiezioni; una Biblioteca, di prossima apertura al territorio, arredata con armadi e scaffalature contenenti volumi e varie riviste, con sala di lettura; 15 aule comuni, per interventi formativi di tipo teorico;

10 9 aule attrezzate per le Arti figurative; 4 aule attrezzate per il Design dei metalli e del gioiello, di circa 100 m.q. ciascuna;

11 8 aule attrezzate per il Design della moda e del tessuto, di circa 100 m.q. ciascuna; un laboratorio linguistico, annesso alla biblioteca, con 22 postazioni computer; un laboratorio di informatica, di circa 100 m.q., con 29 postazioni computer;

12 un aula di Architettura e ambiente, di circa 100 m.q.; un aula di Scenografia; 4 aule di disegno geometrico; un laboratorio di Chimica e Fisica; un aula attrezzata per le attività di integrazione degli alunni diversamente abili e una serie di servizi che consentono loro una piena, autonoma agibilità degli ambienti; un Centro d ascolto; una palestra coperta, ampia ed attrezzata per lo svolgimento delle attività fisicosportive; ad essa sono annessi ampi spogliatoi, bagni e docce. Per alcune attività viene utilizzata la piscina della Cittadella universitari Tutti i laboratori e gli ambienti enumerati, ai quali accedono gli alunni al fine di conseguire competenze professionali applicative, sono forniti di idonee attrezzature didattiche e di apparecchiature efficienti, moderne e di avanguardia. L Istituto è dotato, inoltre, di diverse LIM (Lavagna Interattiva Multimediale), stampanti laser, scanner, televisori, registratori, lettori DVD, video-registratori con relative video-cassette di

13 carattere scientifico ed umanistico e vari software (Adobe Photoshop, Autocad, Rhinoceros, etc.). L Istituto si pregia, al suo interno, di una Galleria d Arte aperta al territorio, intitolata ai Maestri A. Bonfiglio e S. Castagna, inaugurato a maggio Nella Scuola è fruibile un ampio punto di ristoro, il Caffè delle Arti, gestito da una nota azienda di ristorazione del territorio, e del relativo spazio per la consumazione, al fine di rispondere alle esigenze di alunni, docenti, e di tutto il personale amministrativo, tecnico ed ausiliario. Sono altresì presenti anche distributori automatici di merende e bevande. L'utilizzo degli stessi è regolamentato in maniera tale da non creare disordini durante lo svolgimento delle attività scolastiche. La sede dell Istituto è facilmente raggiungibile sia in auto che in autobus, attraverso il servizio di linea dal capolinea del tram alla Sede. Il Liceo usufruisce inoltre di servizi di trasporto per i ragazzi diversamente abili, con la relativa assistenza igienico-sanitaria fornita dagli operatori di una Cooperativa sociale.

14 Il FABRICATION LABORATORY (FABLAB) La società civile, il mondo della cultura e le tendenze in atto verso la società dell'informazione pongono i giovani a contatto con un contesto comunicativo complesso e connotato da una pluralità di linguaggi, anche nella vita quotidiana, e le attività espressive e artistiche hanno dato prova di offrire un contributo significativo per l'arricchimento dell'offerta formativa e per contrastare il disagio giovanile. Alla luce di queste considerazioni, il Liceo Artistico E. Basile ha realizzato al suo interno un FabLab (abbreviazione per Fabrication Laboratory), espressione utilizzata per la prima volta presso il M.I.T. (Massachusetts Institute of Technology) di Boston, che per primo ne ha formulato il concetto nel corso How to make (almost) everything [trad.: Come realizzare (quasi) tutto], tenuto presso la prestigiosa Università americana, tra gli anni 90 ed il Il FabLab, infatti, è una sorta di ibrido tra officina, laboratorio di ricerca e sviluppo e bottega artigiana, ove è possibile realizzare qualsiasi cosa partendo da un semplice file realizzato in CAD (o altri software analoghi), utilizzando di una dotazione tecnologica di macchine che includono stampanti 3D, laser cutter, frese a controllo numerico e plotter. Esso è una vera e propria palestra per inventori, un laboratorio di creatività, un insieme di strumenti e processi un laboratorio, appunto per costruire qualsiasi tipo di oggetto, da un computer ad un motore di automobili, da un gioiello ad una bicicletta. Il Liceo Artistico E. Basile concede in uso temporaneo locali ed attrezzature, in orario extrascolastico, ad utenti interni ed esterni per lo svolgimento di attività da realizzarsi attraverso la promozione della fabbricazione digitale, a vantaggio degli studenti dell Istituzione scolastica e di terzi utilizzatori. Con l apertura di un FabLab interno, quindi, il Liceo Artistico E. Basile intende sostenere non solo un progetto educativo globale finalizzato alla crescita e allo sviluppo della personalità dei giovani, ma anche attento alle esigenze dei privati e dei piccoli imprenditori, nell ottica di una scuola nuova, aperta al territorio e alla comunità locale. Il Liceo Artistico E. Basile si fa, quindi, interprete dei bisogni dei singoli studenti, delle loro famiglie, dei cittadini e delle aziende; coglie gli stimoli e le sollecitazioni di una complessità culturale e sociale in rapida evoluzione e si impegna a creare una proficua e costante circolazione di idee, di risorse e di professionalità, interpretando le esigenze dell ambiente socio-culturale ed economico e mettendo a disposizione dello stesso i propri laboratori e le attrezzature che ne fanno parte. L Istituto si caratterizza quindi come

15 centro aggregante e di promozione culturale nel contesto territoriale, quale fulcro di un sistema formativo complesso.

16 I RISULTATI DI APPRENDIMENTO SPECIFICI DEL LICEO ARTISTICO Il percorso del liceo artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici e alla pratica artistica. Favorisce l acquisizione dei metodi specifici della ricerca e della produzione artistica e la padronanza dei linguaggi e delle tecniche relative. Fornisce allo studente gli strumenti necessari per conoscere il patrimonio artistico nel suo contesto storico e culturale e per coglierne appieno la presenza e il valore nella società odierna. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per dare espressione alla propria creatività e capacità progettuale nell ambito delle arti (art. 4 comma 1 del D.P.R. 89/2010).

17 LE SCELTE EDUCATIVE DEL LICEO ARTISTICO E. BASILE LE FINALITÀ FORMATIVE GENERALI La vocazione naturale dell istruzione artistica mira ad una formazione culturale completa dell allievo. Compito precipuo di questo tipo di scuola è l educazione all esplicitazione delle proprie capacità creative ed organizzative, che consentano ad ogni singolo studente la costruzione di un proprio iter artistico e professionale, con capacità di auto orientamento, flessibilità ed autonomia, rivolto al mondo del lavoro in prospettiva nazionale ed europea. Tutte le discipline sono fondamentali per i percorsi della conoscenza, della logica e quindi della formazione armonica dell intelletto e per l acquisizione di un ricco bagaglio di strutture cognitive, linguaggi ed azioni. Un processo di formazione completo nasce quando i tradizionali percorsi culturali sono integrati da un azione didattica che promuova il sapere come saper fare e saper vivere socialmente. In quest'ottica appare fondamentale, tanto più in un Liceo artistico che ha una naturale vocazione al rapporto con il territorio, l'esigenza dell'apertura al sociale; l'allievo dovrà pertanto imparare a conoscere e interpretare la realtà sociale che lo circonda, e proporsi in maniera attiva rispetto ad essa. In particolare gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni a tutti i Licei, dovranno: possedere una solida preparazione artistica e culturale, integrata da buone capacità linguistico-espressive, logiche e critiche e caratterizzata dalla pluridisciplinarietà tra le materie culturali e artistiche che permette percorsi formativi, didattici e individualizzati aventi il comune obiettivo di arricchire e valorizzare il processo formativo dello studente; sviluppare la capacità di osservare e vedere, al fine di riconoscere la struttura dei linguaggi visivi e di saperli decodificare; conoscere la storia della produzione artistica e architettonica e il significato delle opere d arte nei diversi contesti storici e culturali anche in relazione agli indirizzi di studio prescelti; cogliere i valori estetici, concettuali e funzionali nelle opere artistiche;

18 conoscere i contenuti, i metodi e gli strumenti delle discipline artistiche, affinché si sviluppi nello studente l attitudine alla progettualità, intesa come percorso di ideazione basato sulla acquisizione delle conoscenze, l assimilazione dei linguaggi specifici e l applicazione delle tecniche operative artistiche, fondamentale presupposto, questo, per consentirgli di esprimere e sviluppare compiutamente le sue doti di creatività, intendendo per creatività quel processo di dinamica intellettuale che ha come fattori caratterizzanti la particolare sensibilità ai problemi, la capacità di produrre idee, l originalità nell ideare e la capacità di definire e strutturare in modo nuovo le proprie esperienze e conoscenze; conoscere le problematiche relative alla tutela, alla conservazione e al restauro del patrimonio artistico e architettonico; essere educati alla lettura, alla comprensione e al rispetto del patrimonio culturale ed artistico; essere orientati verso la scelta che dovranno fare dopo l Esame di Stato, se proseguire il loro percorso di studio o entrare nel mondo del lavoro, consapevoli delle loro attitudini, interessi, capacità e competenze e, nello stesso tempo, avendo ampie e puntuali informazioni riguardo ai corsi universitari, alle Accademie di Belle Arti, agli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche, oppure ai corsi post-diploma presso la formazione professionale o al mondo del lavoro; essere seguiti nello sviluppo della loro personalità e della loro crescita umana e culturale, dando l importanza ai valori etici: collaborazione, solidarietà, tolleranza e rispetto. UNO DEI LABORATORI DI ARTI FIGURATIVE-PITTURA E DECORAZIONE PITTORICA

19 GLI OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI L'istituto, assicurando al suo interno un ambiente educativo ricco e sereno, un clima relazionale capace di tutelare individualità e diversità insieme con gli interessi collettivi, farà sì che l alunno pervenga: - all'adeguata coscienza di sé; - all acquisizione di capacità decisionali con assunzione di responsabilità nelle scelte; - all'accettazione e al rispetto delle norme che regolano la convivenza civile e scolastica; - al rispetto degli altri, dell'ambiente, delle strutture didattiche; - alla capacità di sviluppare e acquisire il concetto di libertà nella collaborazione e nel confronto; - all'acquisizione di metodi di indagine e di studio rispondenti alle esigenze di lettura critica della realtà; - all acquisizione di una mentalità europea (dimensione sovranazionale, atteggiamento interculturale).

20 LA STRUTTURA DEL LICEO ARTISTICO E. BASILE : LE SCELTE CURRICULARI Il nostro Liceo, avendo, a suo tempo, aderito alla sperimentazione del Progetto Michelangelo, aveva, in parte, convertito l assetto ordinamentale dei curricoli tradizionali per presentare alla sua utenza un offerta formativa più qualificata e qualificante. Il corso di studi del Liceo Artistico propone indirizzi diversificati, tutti caratterizzati dalle discipline che ne determinano la fisionomia, qualificandone l offerta formativa e motivandone la scelta. All allievo viene prospettato come ambito di riferimento quello dell Arte che, insieme con gli ambiti umanistico e scientifico, completa un progetto formativo finalizzato all educazione estetica. Il percorso si sviluppa in un primo biennio finalizzato all assolvimento dell obbligo dell istruzione e all orientamento, un secondo biennio ed un quinto anno, per facilitare la personale scelta fra gli indirizzi di studio proposti dalla Scuola, che interessano il terzo, quarto e quinto anno. Si articola nei seguenti indirizzi, tenuto conto delle tabelle di confluenza ministeriali: 1. Architettura ed ambiente 2. Arti Figurative 3. Design dei metalli e del gioiello 4. Design del tessuto e della moda 5. Scenografia 6. Design della ceramica (di nuova attivazione) 7. Design del vetro (di nuova attivazione) Il percorso prevede specifiche modalità per l approfondimento delle abilità e delle competenze richieste per l accesso ai corsi di studio universitari e dell alta formazione, nonché la padronanza di quelle necessarie per l inserimento nel mondo del lavoro.

21 Il Liceo si conclude con un Esame di Stato, secondo le vigenti disposizioni sugli esami conclusivi dell istruzione secondaria superiore. Orario delle lezioni L ingresso a scuola è previsto alle ore 8,00 con uscita alle 14,20. Le lezioni si effettuano dal lunedì al venerdì; il sabato il Liceo Artistico resterà chiuso. In alcuni sabati gli studenti saranno coinvolti in attività ed uscite didattiche, la cui presenza sarà annotata in una scheda, a valere sui meriti, per il Biennio e sui crediti formativi, per il Triennio. Il Liceo viene incontro alle esigenze degli alunni pendolari con opportune autorizzazioni di ingresso posticipato ed uscita anticipata. Il recupero per il raggiungimento del monte-re annuale obbligatorio di lezione è ampiamente documentato dall anticipo dell avvio dell anno scolastico, degli open-day e dal prolungamento delle lezioni nel periodo aprile-maggio in orario pomeridiano.

22 Diritto allo studio Il Liceo Artistico E. Basile favorisce il diritto allo studio, richiedendo solo il contributo economico facoltativo annuale, finalizzato all acquisto di materiali didattici e al sostenimento dei costi organizzativi di mostre e manifestazioni, per l assicurazione contro gli infortuni ed il libretto delle giustificazioni.

23 PROSPETTO DELLE MATERIE E DELLE ORE SETTIMANALI E ANNUALI INDIRIZZO ARCHITETTURA E AMBIENTE Ai sensi dell Allegato A del D.P.R. 89/2010, gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: conoscere gli elementi costitutivi dell architettura a partire dagli aspetti funzionali, estetici e dalle logiche costruttive fondamentali; avere acquisito una chiara metodologia progettuale applicata alle diverse fasi da sviluppare (dalle ipotesi iniziali al disegno esecutivo) e una appropriata conoscenza dei codici geometrici come metodo di rappresentazione; conoscere la storia dell architettura, con particolare riferimento all architettura moderna e alle problematiche urbanistiche connesse, come fondamento della progettazione; avere acquisito la consapevolezza della relazione esistente tra il progetto e il contesto storico, sociale, ambientale e la specificità del territorio nel quale si colloca; acquisire la conoscenza e l esperienza del rilievo e della restituzione grafica e tridimensionale degli elementi dell architettura; saper usare le tecnologie informatiche in funzione della visualizzazione e della definizione graficotridimensionale del progetto; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma architettonica. 1 Biennio 2 Biennio Anno Materie di insegnamento comuni a tutti gli indirizzi Lingua e letteratura italiana Lingua straniera (Inglese) Storia e Geografia Storia Filosofia Matematica (con Informatica al 1 biennio) Fisica Scienze naturali (Biologia, Chimica e Scienze della Terra) Chimica (Chimica dei materiali) Storia dell Arte Design della moda e dell oreficeria Discipline grafiche e pittoriche Discipline geometriche Discipline plastiche e scultoree Laboratorio artistico* Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Totale ore Materie d indirizzo: ARCHITETTURA E AMBIENTE Laboratorio di architettura Discipline progettuali Architettura e Ambiente Totale ore TOTALE COMPLESSIVO ORE * Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno e consiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale o annuale nell arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimediali. N.B. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

24 INDIRIZZO ARTI FIGURATIVE Ai sensi dell Allegato A del D.P.R. 89/2010, gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver approfondito la conoscenza degli elementi costitutivi della forma grafica, pittorica, scultorea e musiva nei suoi aspetti espressivi e comunicativi e acquisito la consapevolezza dei relativi fondamenti storici e concettuali; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva; saper individuare le interazioni delle forme pittoriche, scultoree e musive con il contesto architettonico, urbano e paesaggistico; conoscere, applicare e realizzare i processi progettuali e operativi e utilizzare in modo appropriato le diverse tecniche della figurazione bidimensionale e/o tridimensionale, anche in funzione della necessaria contaminazione tra le tradizionali specificazioni disciplinari e le nuove tecnologie; conoscere le principali linee di sviluppo tecniche e concettuali dell arte moderna e contemporanea e le intersezioni con le altre forme di espressione e comunicazione artistica; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma grafica, pittorica e scultorea. Materie di insegnamento comuni a tutti gli indirizzi 1 Biennio 2 Biennio Anno Lingua e letteratura italiana Lingua straniera (Inglese) Storia e Geografia Storia Filosofia Matematica (con Informatica al 1 biennio) Fisica Scienze naturali (Biologia, Chimica e Scienze della Terra) Chimica (Chimica dei materiali) Storia dell Arte Design della moda e dell oreficeria Discipline grafiche e pittoriche Discipline geometriche Discipline plastiche e scultoree Laboratorio artistico* Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Totale ore Materie d indirizzo: ARTI FIGURATIVE Laboratorio della figurazione Discipline pittoriche e/o Discipline plastiche e scultoree Totale ore TOTALE COMPLESSIVO ORE * Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno e consiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale o annuale nell arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimediali. N.B. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

25 INDIRIZZO DESIGN DEI METALLI E DEL GIOIELLO Ai sensi dell Allegato A del D.P.R. 89/2010, gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: conoscere gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi grafici, progettuali e della forma; avere consapevolezza delle radici storiche, delle linee di sviluppo e delle diverse strategie espressive proprie dei vari ambiti del design e delle arti applicate tradizionali; saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto progetto- funzionalitàcontesto, nelle diverse finalità relative a beni, servizi e produzione; saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla definizione del progetto grafico, del prototipo e del modello tridimensionale; conoscere il patrimonio culturale e tecnico delle arti applicate; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma. Materie di insegnamento comuni a tutti gli indirizzi 1 Biennio 2 Biennio Anno Lingua e letteratura italiana Lingua straniera (Inglese) Storia e Geografia Storia Filosofia Matematica (con Informatica al 1 biennio) Fisica Scienze naturali (Biologia, Chimica e Scienze della Terra) Chimica (Chimica dei materiali) Storia dell Arte Design della moda e dell oreficeria Discipline grafiche e pittoriche Discipline geometriche Discipline plastiche e scultoree Laboratorio artistico* Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Totale ore Materie d indirizzo: DESIGN Laboratorio del Design Discipline progettuali Design Totale ore TOTALE COMPLESSIVO ORE * Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno e consiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale o annuale nell arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimediali. N.B. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

26 INDIRIZZO DESIGN DEL TESSUTO E DELLA MODA Ai sensi dell Allegato A del D.P.R. 89/2010, gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: conoscere gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi grafici, progettuali e della forma; avere consapevolezza delle radici storiche, delle linee di sviluppo e delle diverse strategie espressive proprie dei vari ambiti del design e delle arti applicate tradizionali; saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto progetto- funzionalitàcontesto, nelle diverse finalità relative a beni, servizi e produzione; saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla definizione del progetto grafico, del prototipo e del modello tridimensionale; conoscere il patrimonio culturale e tecnico delle arti applicate; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma. 1 Biennio 2 Biennio Anno Materie di insegnamento comuni a tutti gli indirizzi Lingua e letteratura italiana Lingua straniera (Inglese) Storia e Geografia Storia Filosofia Matematica (con Informatica al 1 biennio) Fisica Scienze naturali (Biologia, Chimica e Scienze della Terra) Chimica (Chimica dei materiali) Storia dell Arte Design della moda e dell oreficeria Discipline grafiche e pittoriche Discipline geometriche Discipline plastiche e scultoree Laboratorio artistico* Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Totale ore Materie d indirizzo: DESIGN Laboratorio del Design Discipline progettuali Design Totale ore TOTALE COMPLESSIVO ORE * Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno e consiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale o annuale nell arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimediali. N.B. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

27 INDIRIZZO SCENOGRAFIA Ai sensi dell Allegato A del D.P.R. 89/2010, gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: conoscere gli elementi costitutivi dell allestimento scenico, dello spettacolo, del teatro e del cinema; avere consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti della progettazione e della realizzazione scenografica; saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto spazio scenico-testo-regia, nelle diverse funzioni relative a beni, servizi e produzione; saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla definizione del progetto e alla realizzazione degli elementi scenici; saper individuare le interazioni tra la scenografia e l allestimento di spazi finalizzati all esposizione (culturali, museali, etc); conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione dello spazio scenico. Materie di insegnamento comuni a tutti gli indirizzi 1 Biennio 2 Biennio Anno Lingua e letteratura italiana Lingua straniera (Inglese) Storia e Geografia Storia Filosofia Matematica (con Informatica al 1 biennio) Fisica Scienze naturali (Biologia, Chimica e Scienze della Terra) Chimica (Chimica dei materiali) Storia dell Arte Design della moda e dell oreficeria Discipline grafiche e pittoriche Discipline geometriche Discipline plastiche e scultoree Laboratorio artistico* Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Totale ore Materie d indirizzo: SCENOGRAFIA Laboratorio di scenografia Discipline geometriche e scenotecniche Discipline progettuali scenografiche Totale ore TOTALE COMPLESSIVO ORE * Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno e consiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale o annuale nell arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimediali N.B. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

28 COSA FARE DOPO IL DIPLOMA Il Diploma del Liceo Artistico consente l accesso diretto a tutti i concorsi pubblici e a qualsiasi Facoltà universitaria (es. Giurisprudenza, Lettere, Chimica, medicina, ecc ). I percorsi indicati nella tabella sottostante, che rappresentano le principali professionalità afferenti all area artistica in alcune sedi universitarie italiane, sono puramente indicativi e non hanno pretesa di essere esaustivi*. Le tematiche di studio incentrate sui problemi della progettazione, della rappresentazione grafica, pittorica e scultorea costituiscono una naturale base per il proseguimento degli studi in: Liceo Artistico ISTITUZIONE CORSO DI STUDI TUTTI GLI INDIRIZZI ACCADEMIA DI BELLE ARTI (Roma, Firenze, Urbino, Macerata, Torino, Venezia, Reggio Calabria, Catania, Palermo, Milano, Napoli, Messina legalmente riconsciuta). ISIA - Istituto Superiore per l Industria Artistica Roma - Faenza - Firenze - Urbino (vari indirizzi). IED ISTITUTO EUROPEO DI DESIGN Milano, Venezia, Torino, Roma, Firenze, Cagliari. D.A.M.S. (Torino, Firenze, Bologna, Padova, Genova, Roma, Messina, Arcavacata di Rende - Cosenza, Palermo). Pittura - Scultura - Decorazione Grafica - Scenografia - Didattica dell Arte - Conservazione e restauro - Nuove tecnologie dell Arte - Comunicazione e valorizzazione del patrimonio artistico contemporaneo. Corsi triennali di primo livello e biennali di secondo livello. Offerta formativa post-diploma del tipo "3+2", con un corso di diploma accademico triennale di primo livello in "Disegno Industriale" e uno biennale di secondo livello in "Design dei Sistemi". DESIGN nei campi: Design del prodotto, Design della Comunicazione, Graphic design. Corsi triennali post-diploma, a numero chiuso e con frequenza obbligatoria nei campi del Design, della Moda, della Comunicazione visiva e del Management. La scuola presenta, oltre a corsi annuali ed estivi, corsi di Formazione avanzata in lingua nazionale e in inglese (Master) e corsi di specializzazione per laureati. Laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo. Corso di Laurea Magistrale in Cinema, Televisione e produzione multimediale. Corso di Laurea Magistrale in Teatro, Musica e Danza. * per maggiori informazioni si consiglia di contattare le sedi di competenza.

29 Liceo Artistico ISTITUZIONE CORSO DI STUDI ARCHITETTURA E AMBIENTE ARTI FIGURATIVE Pittura e decorazione pittorica Ingegneria Edile Architettura (Padova, Ancona, L Aquila, Brescia, Milano, Venezia, Torino, Firenze, Roma, Napoli, Reggio Calabria, Messina, Catania, Siracusa, Palermo). Architettura (Milano, Torino, Genova, Trieste, Venezia, Firenze, Parma, Camerino, Chieti, Roma La Sapienza, Roma Tre, Napoli, Sassari, Reggio Calabria, Palermo, Catania, Siracusa, Enna). Politecnico di Milano Ingegneria, Architettura, Design. ACCADEMIA DI BELLE ARTI (Roma, Firenze, Urbino, Macerata, Torino, Venezia, Reggio Calabria, Catania, Palermo, Milano, Napoli). OPD - Opificio delle pietre dure di Firenze. (accesso per concorso pubblico - numero chiuso). ISCR - Istituto Superiore per la conservazione ed il restauro di Roma. Accademia Albertina Torino. Università della Tuscia (PG). Abadir - S. Martino delle Scale (PA). Università di Torino Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Università di Catania Università di Messina. Corso di laurea magistrale quinquennale a ciclo unico. Laurea magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura. Il corso prepara alle professioni di: Ingegneri edili, Architetti, Urbanisti e specialisti del recupero e della conservazione del territorio, Ricercatori e tecnici laureati nelle Scienze ingegneristiche e dell Architettura. Corso Triennale (Corsi di Laurea in Scienze dell'architettura, Restauro dell'architettura, Scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale). Biennio specialistico (Scienze dell Architettura e del progetto; Architettura del paesaggio; Restauro, conservazione e valorizzazione dei beni architettonici e ambientali; Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale). Architettura ambientale, Arch. delle costruzioni, Arch. e produzione edilizia, Scienze dell'architettura, Urbanistica. Pittura - Scultura - Decorazione - Grafica - Scenografia - Didattica dell Arte Conservazione e restauro - Nuove tecnologie dell Arte - Comunicazione e valorizzazione del patrimonio artistico contemporaneo. Corsi triennali di primo livello e biennali di secondo livello. Restauro e conservazione: materiali lapidei, mosaico e commesso in pietre dure, materiali ceramici e plastici, bronzi e armi antiche, dipinti, disegni e stampe, tessuti, oreficeria e glittica, sculture lignee, pitture murali, arazzi e tappeti. Restauro Scientifico. Conservazione e Restauro. Archeologia e Storia dell Arte. Conservazione e restauro dei beni culturali. Tecnologie per i beni culturali. Scienze per i beni culturali. Scienze e tecnologie per i beni culturali. Scienze dei beni culturali. Operatore dei beni culturali (Lett. e filosofia).

30 Liceo Artistico ISTITUZIONE CORSO DI STUDI DESIGN DEL TESSUTO E DELLA MODA Moda e costume Arte del tessuto Accademia italiana di Arte Moda e design (Roma, Firenze). Accademia Euromediterranea di Catania. IED (Milano, Torino, Firenze, Roma, Cagliari, Venezia). IUAV (Istituto Universitario di Architettura di Venezia). Accademia delle Belle Arti (Bologna, LABA di Brescia, Catanzaro, Como, Cuneo, Foggia, Macerata, NABA di Milano, Napoli, Palermo, ABAV di Viterbo). Accademia del Lusso (Milano, Roma, Palermo, Napoli, Bologna). Fashion design; Design del Tessuto; Design del Costume per teatro, cinema e televisione. Corsi di: Fashion design, Disegno di Moda, Modellistica & Confezione; Fashion CAD. Fashion Design, Accessories Design, Fashion Stylist, Fashion marketing and Communication, Fashion Communication, Fashion project. Lauree magistrali in Design e teorie della Moda. Lauree triennali in Design della moda. Corsi di Fashion design, Costume e disegno; Moda e Costume; Serigrafia; Progettazione della moda. Fashion Design & Coordination - Fashion Styling & Editing - Fashion & Costume Design. Liceo Artistico ISTITUZIONE CORSO DI STUDI SCENOGRAFIA ACCADEMIA DI BELLE ARTI (Bologna, LABA di Brescia, Catanzaro, Como, Cuneo, Foggia, Macerata, NABA di Milano, Napoli, Palermo, ABAV di Viterbo). Facoltà di Architettura di Roma Tre. Accademia Italiana di Roma. Scenografia. Scenografia e scenotecnica. Scenografia e architettura di scena. Scenografia e costume. Progettazione delle scenografie, degli allestimenti e delle architetture d'interno. Scenografia (Teatro, Cinema, Televisione).

31 Liceo Artistico ISTITUZIONE CORSO DI STUDI DESIGN DEI MATERIALI E DEL GIOIELLO Arte dei metalli e dell oreficeria Accademia italiana di Arte Moda e Design di Roma. Accademia Euromediterranea di Catania. IED (Milano, Torino). Accademia delle Belle Arti (NABA Milano, Palermo, Ravenna). NAAP - Nuova Accademia di Arti Pratiche di Catania. LABA (Libera Accademia di Belle Arti) di Firenze. Università di Siena. Distretto Orafo di Valenza Po (Alessandria). Design del gioiello. Jewellery Design, Tecniche orafe, 3D Jewellery Design del gioiello. Corso di Alta formazione in design del gioiello. Corsi di Gioiello e tecniche orafe. Master in Design del gioiello. Master in Storia e Design del gioiello. Corsi di formazione professionale in Design del gioiello.

32 Il LICEO MUSICALE (di futura attivazione) Il Liceo musicale nasce nell ambito della riforma generale della scuola superiore negli anni 2010/2011, con lo scopo principale di superare lo scoglio della doppia scolarità, ovvero della frequenza contemporanea ad una scuola media superiore e ad un Istituto musicale. Finalizzato all apprendimento tecnico-pratico della musica e allo studio del suo ruolo nella storia e nella cultura, il percorso del Liceo musicale vuole guidare lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze, le abilità e le competenze necessarie ad acquisire la padronanza dei linguaggi musicali attinenti agli aspetti della composizione, interpretazione, esecuzione e rappresentazione, nella necessaria prospettiva culturale, storica, estetica, teorica estetica. L istituzione del Liceo musicale intende inoltre dare la possibilità di proseguire il percorso formativo agli studenti che provengono dai corsi ad indirizzo musicale delle scuole secondarie di primo grado e di fornire, in uscita, la possibilità di accesso al Conservatorio Statale di Musica. Possono essere, naturalmente, ammessi anche studenti che abbiano maturato esperienze musicali significative in altri ambiti. Questo indirizzo si configura come un percorso di studi caratterizzato da un approccio liceale alle varie discipline, finalizzato a fornire anche una solida cultura di base. Al termine del ciclo di studi, lo studente avrà acquisito una formazione culturale completa, aperta alla pluralità dei linguaggi, per poter accedere ai corsi di Alta Formazione Artistica Musicale istituiti nei Conservatori di musica (Trienni Accademici) o per proseguire gli studi a livello universitario, anche in corsi non direttamente inerenti alla musica. La normativa vigente prevede tra l altro la possibilità di essere iscritti contemporaneamente agli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale e a qualsiasi altra Facoltà universitaria. Le competenze acquisite nel quinquennio di studi sono spendibili anche in settori legati al mondo dello spettacolo, tecnici del suono/del montaggio audiovisivo, delle manifestazioni concertistiche, organizzazione di venti musicali/consulenza in attività musicali, etc. A naturale e necessario completamento dell attività didattica e dell ampliamento dell offerta formativa, il percorso didattico sarà arricchito da: - attività diversificate, anche al di fuori dell orario scolastico;

33 - scambi culturali con altre scuole nazionali o europee e partecipazioni a concorsi nazionali ed internazionali; - esibizioni degli alunni in concerti e manifestazioni pubbliche di particolare interesse, in ambiti diversi inerenti a progetti deliberati dagli Organi collegiali e su particolari richieste pubbliche e/o private; - partecipazione ad un Saggio di fine anno. La certificazione delle competenze acquisite in ambito musicale per proseguire lo studio degli strumenti sarà effettuata in collaborazione con il Conservatorio Arcangelo Corelli di Messina, con il quale il Liceo stipulerà un apposita convenzione. L iscrizione secondo il Regolamento ministeriale sarà subordinata al superamento di una prova di ammissione. Il 2 ottobre 2014, il Collegio dei docenti dell I.I.S. La Farina-Basile, riunito in seduta comune, ha votato all unanimità a favore dell attivazione del Liceo Musicale, come sezione del Liceo artistico E. Basile ; il Consiglio d Istituto, nella seduta del 10 novembre 2014, approva altresì all unanimità.

34 LE SCELTE DIDATTICHE Il successo formativo dipende dall efficacia dell insegnamento, ossia dalla sua capacità di facilitare l apprendimento. METODOLOGIA Nel riconoscimento delle diverse opzioni metodologiche, l impostazione del metodo di lavoro delle discipline di insegnamento si baserà sui seguenti criteri: programmazione delle attività; centralità dell'alunno; individuazione delle metodologie didattiche in relazione alle singole esigenze degli allievi; collegialità per un lavoro scientifico all'interno del consiglio di classe pur nel rispetto delle specificità delle varie discipline; interdisciplinarità come atteggiamento costante; problem solving; rapporti con il territorio (organizzazione di mostre, mostre mercato, stage, visite ad aziende, etc). MEZZI E STRUMENTI Libri di testo, quotidiani, riviste specializzate, vocabolari, fonti normative, riproduzione di documenti, audiovisivi, dispense, ipertesti, conferenze, seminari, visite guidate, viaggi di istruzione. Utilizzazione attiva e programmata dei laboratori di moda, oreficeria, tessitura e decorazione pittorica, delle attrezzature sportive, della biblioteca, del laboratorio multimediale. Incremento e diffusione di nuove metodologie didattiche. VERIFICA Verifica iniziale All'inizio dell'anno scolastico, soprattutto nelle prime classi, verrà effettuata una valutazione preliminare volta alla conoscenza dei livelli di base degli allievi.

35 Tale valutazione si articolerà attraverso colloqui e test d'ingresso elaborati all interno dei dipartimenti scelti autonomamente dal singolo docente allo scopo di accertare i prerequisiti ed il precedente grado di abilità nelle singole discipline. Verifica in itinere Le verifiche in itinere saranno: coerenti con gli obiettivi, i contenuti e i metodi di lavoro; funzionali al controllo delle conoscenze, delle capacità e delle competenze degli alunni in riferimento ai parametri fissati; formative perché l'alunno comprenda se il suo metodo di studio e di lavoro lo conduce ad un corretto e proficuo approccio con le discipline; frequenti e, preferibilmente, diversificate. Le verifiche verranno effettuate attraverso prove scritte, orali, grafiche e di laboratorio. Possono essere utilizzati: temi, analisi testuali e commenti, saggi, relazioni, articoli di giornali, interviste, lettere, prove di comprensione per la lingua straniera, questionari, prove strutturate, colloqui, discussioni guidate, esposizioni ragionate di problemi, dimostrazioni di tesi, esecuzione di esercizi, prove grafiche, esercitazioni pratiche, stesura di progetti, realizzazione di manifesti. Fra gli strumenti indicati, il docente sceglierà quelli più confacenti alle strategie didattiche che ha adottato. VALUTAZIONE La valutazione, intesa come conclusione e sintesi di un processo formativo, pur se data sinteticamente attraverso il voto, sarà la risultante di parametri valutativi ben precisi che, tenendo in considerazione l impegno, la partecipazione al lavoro in classe, la progressione nell apprendimento, faranno riferimento alle: conoscenze come acquisizione dei contenuti; capacità come abilità raggiunte nei diversi campi disciplinari; competenze come comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali in situazioni di lavoro e/o di studio; le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia. Per evitare difformità di giudizio, il Collegio dei docenti ha individuato i seguenti criteri di valutazione degli studenti:

36

37

38 ASSENZE E VALIDITA DELL ANNO SCOLASTICO Ai sensi dell art. 14 comma 7 del D.P.R. 22/06/2009 n 122 (Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e ulteriori modalità applicative in materia ) ai fini della validità dell anno scolastico, compreso quello relativo all ultimo anno di corso, per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell orario annuale personalizzato. Le Istituzioni scolastiche possono stabilire, per casi eccezionali, analogamente per quanto previsto per il primo ciclo, motivate e straordinarie deroghe al suddetto limite. Tale deroga è prevista per assenze documentate e continuative, a condizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati. Il mancato conseguimento del limite minimo di frequenza, comprensivo delle deroghe riconosciute, comporta l esclusione dallo scrutinio finale e la non ammissione alla classe successiva o all esame finale del ciclo. Il nostro Liceo applica le seguenti deroghe al limite massimo di assenze riferite all orario personalizzato: - assenze per malattia, pari o superiori a 5 giorni, giustificate con certificato medico, - assenze per gravi ragioni di famiglia e/o di salute debitamente motivate e documentate (gravi patologie, lutto di parente stretto, trasferimento di famiglia, donazione del sangue). Le deroghe verranno fatte valere a condizione che le assenze complessive non pregiudichino la possibilità di procedere alla valutazione stessa. Le ore di permesso di entrata posticipata e di uscita anticipata ricadono sul monte ore delle assenze.

39 VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA DEGLI STUDENTI (in riferimento alla delibera del Collegio dei docenti del 21 Gennaio 2010) [Riferimenti normativi: D.L , n. 137, convertito con modificazioni nella Legge , n.169 sul Coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e ulteriori modalità applicative in materia ; D.M. n. 5 del ] La valutazione della condotta degli studenti viene effettuata seguendo i criteri contenuti nella tabella riportata nelle pagine seguenti:

40

41

42

43 L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO Al termine di ciascuno degli ultimi tre anni di corso sarà attribuito a ciascun allievo un punteggio relativo al credito scolastico. Tale punteggio concorrerà alla determinazione del voto finale dell esame di Stato. TABELLA A - D.M. 99/09 Il credito scolastico, nelle bande di oscillazione, verrà attribuito in misura massima in presenza di: media dei voti oltre 0,50: punti 0,20; frequenza assidua (non più di 30 giorni di assenze): punti 0,40; interesse ed impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative: punti 0,30; crediti formativi. punti 0,10. Nel caso in cui il punteggio dovesse raggiungere il valore di 0,50, il Consiglio di classe attribuirà il credito nella misura massima (delibera del C.D. del 21/01/2010).

44 GLI INTERVENTI FINALIZZATI AL RECUPERO Sono programmati dai consigli di classe e si svolgono a diversi livelli: attività in classe programmate da ogni insegnante durante il normale svolgimento delle lezioni (pause didattiche); attività guidate dall'insegnante e svolte autonomamente dagli alunni oltre il normale orario delle lezioni, individualmente o in gruppi, sotto forma di compiti, esercizi, ricerche, ecc.; interventi didattici integrativi deliberati dal Collegio dei docenti e programmati dal Consiglio di classe fuori dall orario di lezione, tenuti o dagli insegnanti della classe o da insegnanti dell Istituto. Le attività di sostegno e di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente del Piano dell offerta formativa (P.O.F.). L Istituto organizzerà quindi, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili, subito dopo gli scrutini intermedi, interventi didatticoeducativi di recupero per gli studenti che in quella sede abbiano presentato insufficienze in una o più discipline, al fine di un tempestivo recupero delle carenze rilevate; gli studenti sono tenuti alla frequenza degli interventi suddetti. Al termine di tali attività saranno effettuate, da parte dei docenti delle discipline della classe di appartenenza, verifiche intermedie delle quali verrà data comunicazione alle famiglie. Qualora i genitori non ritenessero di doversi avvalere dell iniziativa di recupero organizzata dall istituto, dovranno comunicare tale volontà, fermo restando l obbligo per lo studente di sottoporsi alle verifiche di cui sopra. Nei confronti degli studenti per i quali, al termine delle lezioni, è stato constatato il mancato conseguimento della sufficienza in una o più discipline, che non comporti tuttavia un immediato giudizio di non promozione, il Consiglio di classe procederà alla sospensione del giudizio finale. L Istituto comunicherà subito alle famiglie, per iscritto, le decisioni assunte dal Consiglio di classe, indicando le specifiche carenze rilevate per ciascun alunno dai docenti delle singole discipline ed i voti proposti in sede di scrutinio nella disciplina o nelle discipline nelle quali l alunno non ha raggiunto la sufficienza; contestualmente verranno comunicati gli interventi didattici finalizzati al recupero dei debiti formativi che l istituto porterà a termine entro la prima decade di luglio; le relative verifiche si svolgeranno prima dell inizio dell attività didattica dell anno scolastico successivo. Potranno essere esonerati dall obbligo di frequenza gli alunni i cui genitori avranno

45 dichiarato di voler provvedere autonomamente al recupero, fermo restando l obbligo per lo studente di sottoporsi alle verifiche di cui sopra. A conclusione dei suddetti interventi didattici, il Consiglio di classe, in sede di integrazione dello scrutinio finale, procederà alla verifica dei risultati conseguiti ed alla formulazione del giudizio definitivo che, in caso di esito positivo, comporterà l ammissione dell alunno alla frequenza della classe successiva. GLI INTERVENTI FINALIZZATI ALL APPROFONDIMENTO Gli studenti seguono l iter formativo all interno di un processo educativo rafforzato; sono coinvolti in attività di approfondimento finalizzate al perfezionamento delle abilità riguardanti le varie discipline, attraverso l ampliamento di tematiche innovative e tradizionali, onde arricchire l offerta formativa in relazione alla specificità dell Istituto, unico per la tipologia degli indirizzi, nel contesto provinciale. Si prevede un articolazione flessibile dei gruppi classe in alcune discipline. Il gruppo classe sarà scisso in micro-unità accorpate in base alle indicazioni dei docenti e alle attitudini ed inclinazioni dei ragazzi. Si seguirà una programmazione mirata al raggiungimento degli obiettivi formativi coesi con l età, il grado di preparazione, le capacità, le motivazioni degli alunni. La didattica, utilizzando metodologie diversificate ed innovative, contribuirà in misura maggiore, sia in termini quantitativi che qualitativi, alla formazione globale dell alunno. GLI INTERVENTI FINALIZZATI ALL ORIENTAMENTO Nel nostro tempo gli scenari socio culturali cambiano quotidianamente e si rendono necessari continui adattamenti o, addirittura, modifiche di prospettiva di vita. Concetti come flessibilità e mobilità sono recepiti e presenti anche nel mondo della scuola ora chiamata, come prima agenzia formativa, a cambiamenti sostanziali. Il ragazzo non solo è utente di un servizio grazie al quale riceve dei contenuti ed acquisisce delle competenze, ma è anche artefice della sua formazione in qualità di soggetto capace di effettuare in proprio scelte decisive per la sua vita. Tenendo conto di quanto detto, la scuola attiva un percorso di orientamento, un processo continuo di attenzione nei riguardi delle attitudini e delle competenze dell allievo, delle sue

46 aspettative di vita, dei problemi che può incontrare nel tempo in cui la sua formazione è affidata all istituzione educativa. Gli ambiti di realizzazione dell attività di orientamento per l anno scolastico 2014/15 sono: 1. Orientamento in entrata: fornire agli allievi delle scuole medie operanti nel territorio gli elementi necessari ad una scelta ragionevole e meditata. 2. Orientamento in itinere: fornire agli alunni delle seconde liceali, informazioni sugli indirizzi del triennio e sulle modalità di pre-iscrizione; 3. Orientamento in uscita: rapportare l istituto con il territorio inteso nelle sue varie componenti istituzionali, scolastiche, accademiche ed imprenditoriali; 4. Ri-orientamento: indirizzare gli studenti verso scelte scolastiche consapevoli. E stato inoltre siglato un Protocollo d Intesa con l Assessorato alla Pubblica Istruzione di Messina, legato ad un Concorso intitolato Comix Risveglia la tua coscienza ecologista, con cui gli studenti degli Istituti secondari di primo grado di Messina sono stati invitati a frequentare il Laboratorio pomeridiano della Scuola di Fumetto, ospitata all interno dei locali scolastici del Liceo artistico, al fine di realizzare delle story-tellings, aventi come tema l ecologia, il rispetto dell ambiente e le problematiche della sostenibilità ambientale, dando loro modo allo stesso tempo di sperimentare in concreto la propria creatività e di mettere alla prova le proprie abilità artistiche.

47 L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA per l anno scolastico Nell ambito dell autonomia didattica e organizzativa, il Collegio dei Docenti delibera all inizio di ogni anno scolastico attività formative pluri-disciplinari ed extra-curriculari facoltative, con una serie di iniziative che integrano ed ampliano l attività svolta in classe e favoriscono l acquisizione di specifiche conoscenze e competenze. Le proposte e gli interventi di ampliamento dell offerta culturale e formativa sono rivolti agli studenti e riguardano l approfondimento di discipline curriculari o di discipline non comprese nel curriculum scolastico. Coerentemente alla sua mission, l insieme delle attività pluri-disciplinari ed extracurriculari organizzate dal Liceo Artistico E. Basile concorrono alla realizzazione delle finalità della Scuola, rafforzandone il tessuto formativo e l impianto organizzativo. Puntando a sfruttare e a valorizzare le potenzialità artistiche degli studenti, la scelta progettuale è basata sulla validità educativo didattica, nonché formativa degli obiettivi e delle finalità perseguiti dai diversi progetti, i quali pongono attenzione sia all aspetto cognitivo che pratico delle attività da svolgere. Tali Progetti si rivelano altresì indispensabili per il completamento dell offerta formativa in relazione alle nuove esigenze del territorio e del mondo del lavoro. Come già detto infatti il Liceo Artistico E. Basile si apre al territorio cittadino, instaurando forme di collaborazione con le Istituzioni, con gli ordini professionali della città (come l Ordine degli Architetti), con la Provincia Regionale di Messina, con Fai e Legambiente, con l ECAP e con Confindustria. La Scuola porta avanti iniziative con il V Quartiere, con il Museo Regionale, con la Biblioteca regionale, con i Missionari oblati di Maria Immacolata, con l Associazione di promozione sociale Wind of change, con il Centro FARO, con L ASP di Messina, con il Laboratorio psicanalitico Vicolo Cicala, con l Associazione Genitori si diventa - Onlus e con altri Istituti cittadini ed Associazioni ONLUS. Il Liceo, tra l altro, partecipa attivamente a mostre, convegni ed eventi di tipo artisticoculturale organizzati sul territorio di Messina e Provincia, come la Notte della Cultura e la Notte Bianca del V Quartiere.

48 Le attività che la scuola propone sono le seguenti: Lezioni fuori sede Saranno effettuate, su richiesta dei docenti, visite guidate a mostre, musei, aziende,ecc. Progetto Lettura ed Incontro con l Autore Le attività previste dal progetto hanno la finalità di sviluppare le motivazioni e l interesse personale degli studenti alla lettura, attraverso la conoscenza di un opera letteraria e l incontro col suo Autore. I giovani partecipanti saranno altresì stimolati alla riflessione sui fenomeni sociali e politici attuali. Costruire ed abitare la biblioteca Il progetto si propone di offrire agli alunni la possibilità di sviluppare la capacità e la motivazione a leggere per il tramite di attività volte a far scaturire la curiosità ed a promuovere, consolidare, potenziare e sviluppare il piacere della lettura. Lo scopo del progetto è quello di organizzare la biblioteca scolastica come centro di documentazione, laboratorio di lettura, centro di apprendimento di nuovi saperi e di formazione, luogo di aggregazione, aperto alla crescita culturale del territorio e al libero incontro tra giovani, genitori, nonni, animatori, associazioni, centro di educazione all intercultura. Destinatari: tutti gli alunni del Liceo. Abitare e costruire il mondo di oggi Il progetto si propone di imparare a leggere, nella precarietà delle risorse del mondo contemporaneo, le vie di inserimento e di partecipazione all attività sociale; di decodificare la problematicità del mondo odierno per potersi inserire in esso in modo positivo e costruttivo, educando alla condivisione, alla solidarietà, al confronto e al dialogo tra le generazioni. Nel corso degli incontri si organizzerà un momento di ascolto per studenti, docenti, genitori e personale ATA. Saranno, infine, organizzati workshop musicali, laboratori creativi, momenti di aggregazione ed una mostra pittorica aperta al territorio.

49 Destinatari: alunni di tutte le classi del Liceo Artistico E. Basile, del Liceo Classico G. La Farina e giovani frequentanti altri Istituti della città. Foto di casa. Messina e la sua gente nei fondi fotografici privati Il Liceo Artistico E. Basile aderisce al Progetto scuola promosso dalla Biblioteca Regionale Universitaria di Messina, finalizzato ad organizzare una raccolta di immagini d epoca della città di Messina, ma anche dei suoi abitanti, dei suoi luoghi, dei suoi eventi, attraverso le fotografie di famiglia, quelle che si scattano nelle occasioni più disparate e che quasi mai escono fuori dall ambito familiare. L assunto del progetto è che tali immagini, per quanto prive di intenzionalità documentaria, possano costituire, nel loro insieme, una straordinaria chiave d accesso alla storia solvila e di Messina, proprio per il carattere privato, non ufficiale, ingenuo delle messe in forma. La richiesta delle immagini selezionate consentirà di riallacciare i ricordi personali o familiari al quadro storico-sociale, recuperando da frammenti di memorie personali spazi di memoria collettiva. L attività si concluderà con una mostra al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, in cui saranno premiate le foto più belle. Destinatari: alunni di tutte le classi. Il sistema cognitivo in veglia e in sonno in rapporto alle performance scolastiche Studi recenti in campo scientifico indicano come l educazione a rispettare la regolarità dei comportamenti legati al sonno notturno hanno effetti positivi sul benessere psicofisico e sulla memoria a breve termine, incidendo in modo significativo sui fenomeni dell apprendimento. Il progetto si propone lo studio dei rapporti tra alcune funzioni cognitive, come memoria, attenzione, capacità creative e risultati di apprendimento. L intento di questo percorso didattico è quello di far prendere coscienza dell importanza della stretta relazione tra rendimento scolastico e abitudini del sonno nella popolazione scolastica adolescenziale e di sensibilizzare gli studenti nell assunzione di responsabilità nei confronti dei propri comportamenti. Gli incontri saranno tenuti da un Neurologo del Dipartimento di Neuroscienze del Policlinico Universitario di Messina. Destinatari: alunni delle classi prime e terze.

50 Laboratorio del Fumetto Le motivazioni del progetto nascono dall esigenza di avvicinare i ragazzi alla lettura, attraverso un genere attuale, più vicino alla loro esperienza, nonché dal desiderio di farli esprimere utilizzando le competenze artistiche acquisite, dando loro la possibilità di sperimentare nuove forme creative ed espressive. Durante le lezioni, gli studenti potranno costruire una storia (soggetto e sceneggiatura) ed avere un approccio con le fasi specifiche della lavorazione, quali l inchiostrazione, la colorazione, la creazione di una copertina ed, infine, l orientamento verso i principali istituti specializzati nel settore ed il mondo professionale dell editoria. Tali attività consentiranno di acquisire maggiori possibilità lavorative ed una maggiore scelta negli studi post-diploma. Al termine del percorso, gli studenti avranno acquisito la conoscenza delle tecniche e le competenze necessarie per la realizzazione di una story-telling. Destinatari: gli alunni interni ed esterni che hanno già frequentato il primo anno di corso. Laboratorio di recupero delle opere di Giovanni Cammarata Il laboratorio costituisce la naturale prosecuzione di un percorso già iniziato due anni fa con la donazione al nostro Liceo di alcune sculture dell artista messinese Giovanni Cammarata. Nel corrente anno scolastico verrà attivato un laboratorio di intervento sulle opere di questo Artista e verrà contestualmente progettata e realizzata, all interno della scuola, un aulamuseo dedicata a Cammarata. Destinatari: alunni del Liceo. Design per una linea di gioielli: Basileus Il Liceo Artistico E. basile intende proporsi al mercato attraverso la creazione di una linea di gioielli identificata dal marchio Basileus Design, già identificativo della produzione artistica dei vari indirizzi. Il progetto, svolto in orario extra-curriculare, intende adeguare la didattica progettuale all uso delle strumentazioni informatiche 3D, di cui sono dotati tutti gli indirizzi; avviare una produzione che risponda ai canoni di qualità e di design da destinare al mercato per la vendita; preparare gli allievi a confrontarsi con il mercato, attraverso proposte che posseggano le prerogative di produzione necessarie per esservi immessi. Destinatari: n 20 studenti scelti tra le classi quarte e quinte.

51 ArteInCorso Il progetto si propone di inventariare, manutenzionare, restaurare, catalogare quanto recuperato nell archivio della vecchia sede, al fine di valorizzare i manufatti realizzati dagli allievi negli anni trascorsi e recuperati dopo un attenta cernita, rendendoli così fruibili per mostre e manifestazioni presenti nel territorio. Ciò consentirà di restituire alla scuola parte del patrimonio presente e momentaneamente non utilizzabile a cui non è possibile attribuire il giusto valore economico. Destinatari: n 4-5 studenti delle classi VC e VB di pittura, arte del tessuto e moda. Tecniche pittoriche speciali: l Aerografia Il progetto, svolto in orario extra-curriculare, si propone di illustrare attraverso momenti sia teorici che applicativi l arte dell aerografia e l uso dell aerografo. Ogni incontro sarà, infatti, caratterizzato da una parte pratica, in cui verranno presentate e spiegate le tecniche di preparazione del lavoro, le varie parti che compongono l aerografo, le tecniche di realizzazione del prodotto finale, che sarà eseguito sul supporto stabilito dal docente o anche su vari materiali messi a disposizione dall Istituto o dagli studenti stessi (caschi, serbatoi di motociclette, cellulari, magliette, oggetti vari). Destinatari: il corso è rivolto agli allievi di tutte le classi del Liceo artistico e ai docenti interni, quale attività di aggiornamento. La Moda è sempre di moda Tutte le attività concernenti mostre, apertura della scuola al territorio, etc. necessitano di una visione chiara e precisa di quanto è in possesso della nostra scuola. Il progetto, svolto in orario extra-curriculare, si propone, quindi, di attribuire giusto valore e collocazione ai numerosi manufatti risalenti alla nascita dell indirizzo Moda e Costume Teatrale (1954), che sono stati nel corso del tempo integrati e custoditi con attenzione, poiché rappresentano memoria storica e patrimonio della scuola stessa. Per realizzare le finalità del progetto, si svolgeranno attività di laboratorio volte al restauro ed al ripristino degli abiti, predisponendo i relativi fogli di produzione mancanti. Destinatari: massimo n 5 studenti delle quarte e/o quinte classi.

52 TessArte Il progetto, giunto alla seconda annualità e svolto in orario extra-curriculare, si propone di inventariare, manutenzionare, catalogare ed, eventualmente, restaurare quanto presente nei laboratori di Arte del tessuto, tappeto, arazzo e stampa, al fine di valorizzare i manufatti realizzati dagli allievi negli anni trascorsi e renderli così fruibili per mostre e manifestazioni presenti nel territorio. Le attività progettuali prevedono, inoltre, la sistemazione degli spazi e degli arredi già presenti nei locali della scuola o da integrare nelle aule specifiche, le foto dei manufatti, la ricerca dei fogli di produzione ed, eventualmente, l aggiornamento degli stessi. Destinatari: massimo n 5 studenti delle quarte e/o quinte classi. Corso base di fotografia e ritratto Il progetto, svolto in orario extra-curriculare, nasce per poter offrire agli appassionati di fotografia la possibilità di apprendere la cultura dell immagine fotografica. Gli incontri condurranno i partecipanti alla scoperta delle meraviglie e potenzialità di una macchina che tutti usano per fissare un ricorda, trasmettere un messaggio, esprimere la propria creatività. L intento di questo percorso formativo è anche quello di far prendere consapevolezza delle molteplici modalità di impiego delle immagini fotografiche in ambiti professionali legato al mondo della comunicazione e dell informazione (arte, moda, pubblicità, giornalismo, stampa e spettacolo). Il corso sarà effettuato sia nella sede scolastica, sia nei luoghi più suggestivi ed interessanti della nostra città, in modo da offrire l opportunità di osservare, immortalare, valorizzare le risorse ed il patrimonio culturale del nostro territorio, suscitando nell osservatore il desiderio rivisitare i luoghi raffigurati. Sarà allestita, presso i locali del Liceo artistico, una mostra fotografica, in cui saranno esposte le foto più interessanti e creative. Una commissione di esperti valuterà le migliori immagini fotografiche e premnierà il primo classificato di ogni categoria: foto ritrattistica, paesaggistica, urbanistica, naturalistica e fotoreportage (fotocronaca). Gli incontri saranno tenuti dal Sig. Lillo Massimino, noto fotografo professionale e giornalista della nostra città. Destinatari: tutti gli alunni, docenti e personale del Liceo artistico.

53 English for Trinity (Gradi and so on) Il corso ha il fine di sviluppare in modo dinamico l interazione comunicativo-verbale in vari contesti e di esercitare le abilità di Listening and speaking, con l intento di migliorare le capacità di comprendere, esprimere, ed interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti ed opinioni in forma orale e ad assumere i giusti atteggiamenti richiesti, di volta in volta, in base al contesto situazionale in cui ci si ritrova. La metodologia adoperata è quella diretta, con lezioni frontali, interattive, work in pairs, role playing e dramatization. L obiettivo specifico è quello del raggiungimento del livello B1/B2 ed anche superiore, nel quadro delle competenze per la Comprensione (ascolto) e per il Linguaggio parlato (interazione e produzione orale), con la possibilità di conseguire una certificazione finale rilasciata da un Ente accreditato: il Trinity College di Londra, ai fini di un proficuo utilizzo della lingua straniera anche nel mondo del lavoro. Destinatari: il corso è rivolto agli allievi di tutte le classi del Liceo artistico e ai docenti interni, quale attività di aggiornamento finalizzata al consapevole utilizzo della metodologia didattica CLIL. Preparazione Prova INVALSI di Matematica L attività proposta mira a coinvolgere lo studente con esercizi e prove legate ai quesiti delle Prove Invalsi, proponendo applicazioni e regole della matematica, similmente a quanto si riscontra nelle Prove Invalsi predisposte ogni anno dal Ministero, cercando altresì di ricrearne l atmosfera tipica. Destinatari: tutti gli alunni delle seconde classi. Progetto Archimede: exhibit e origami Il progetto mira a diffondere il valore della cultura attraverso un linguaggio artistico pluridisciplinare, proponendo un corso pratico per la realizzazione di un laboratorio informale scientifico ed una mini-mostra interattiva di matematica e fisica. Le attività prevedono, infatti, il coinvolgimento dei partecipanti nella progettazione e realizzazione di modelli sperimentali scientifici, ricorrendo all utilizzo di materiale povero ; la promozione del metodo dell apprendimento cooperativo, che vedrà i partecipanti impegnati contemporaneamente nel duplice ruolo di tutor e docenti; la diffusione del pensiero di Archimede di Siracusa, evidenziandone la fondamentale influenza nella didattica sperimentale; la realizzazione di una mostra interattiva, esportabile nelle scuole primarie e secondarie di primo grado del territorio.

54 E previsto l intervento di esperti esterni. Destinatari: preferibilmente gli studenti delle terze e quarte classi, docenti e personale ATA del Liceo artistico. ScuolAmbiente Il progetto si propone di sensibilizzare gli alunni sulle problematiche dei rifiuti, le tipologie, le strategie per la riduzione e la raccolta differenziata e fa riferimento ai contenuti etici dell Educazione ambientale, non ridotta a semplice studio dell ambiente naturale, ma come azione che propone cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti, sia a livello individuale sia collettivo. Terminata una prima fase rivolta alla formazione ed informazione degli studenti, si passerà ad una fase operativa, in cui saranno nominati dei veri e propri Referenti ambientali. Il percorso si concluderà con una fase concorsuale in cui gli studenti dell Istituto aderendo alla campagna di sensibilizzazione ed utilizzando in modo creativo lo slogan Cambia per me svilupperanno materiali di vario tipo, come cartoline, manifesti, video o altre elaborazioni creative rivolte agli adulti per illustrare i diversi temi educativi legati alla tutela dell ambiente. Destinatari: tutti gli alunni delle prime e seconde classi. Nuoto a scuola Il progetto si articola in orario curriculare e mira a fornire l opportunità agli allievi di svolgere con la scuola quest attività sportiva che non sempre è praticabile nelle ore pomeridiane. Obiettivi principali sono la maturazione della coscienza relativa alla propria corporeità, l acquisizione di una cultura delle attività sportive che tenda a promuovere la pratica motoria come costume di vita, l evoluzione ed il consolidamento di un equilibrata coscienza sociale basata sulla consapevolezza di sé e sulla capacità d integrarsi e differenziarsi nel e dal gruppo e, infine, il miglioramento delle qualità fisiche e l affinamento delle funzioni neuromuscolari. Destinatari: studenti della classe IV-D.

55 Mi esprimo creando Il progetto, in orario curriculare, si propone di offrire ai ragazzi diversamente abili l opportunità di esprimere il proprio mondo interiore ed il proprio vissuto personale utilizzando un linguaggio iconico-creativo consono con il loro modo di comunicare. Si forniranno gli strumenti e le basilari competenze tecniche che permetteranno loro di realizzare, autonomamente, manufatti pittorici. Durante l attività di laboratorio, gli allievi saranno coinvolti in esperienze sensoriali e i manufatti realizzati saranno espressione diretta e immediata del mondo interiore di questi ragazzi che, con una diversa abilità, sapranno raccontarci il mondo reale nel quale viviamo. Il percorso si concluderà con una mostra finale. Destinatari: tutti gli alunni diversamente abili dell Istituto. M.I.A. (Movimento-Integrazione-Autonomia ) Il progetto, in orario curriculare, atto a favorire l autonomia e l integrazione dei diversamente abili, fa leva sull attività motoria per stimolare schemi mentali che riguardino le diverse aree disciplinari e canalizzare le energie fisiche e psichiche dei soggetti in attività costruttive e gratificanti. Destinatari: tutti gli alunni in situazione di handicap che necessitino di tali interventi. Riciclando diversamente Il progetto, in orario curriculare, ha ad oggetto la trasformazione creativa di prodotti e materiali di riciclo. L utilizzo di materiali semplici, poveri, di scarto o naturali consentirà da un lato, di potenziare la fantasia degli alunni, sperimentando come si possa dare nuova vita alle cose partendo dal poco di cui si dispone; dall altro, di sensibilizzare al riciclaggio ed al riuso come gesti importanti per la tutela dell ambiente e delle risorse del nostro pianeta, nel rispetto di ciò che la natura ci offre. I manufatti realizzati attraverso la tecnica del riciclaggio potranno essere utilizzati per vari scopi: estetico-decorativo; di utilizzo domestico; con valenza ludica; etc. Il percorso si concluderà con una mostra finale. I manufatti impiegabili in attività ludicoricreative potranno essere ceduti alle scuole dell infanzia e alle scuole primarie della città, con conseguente visibilità delle attività del nostro Liceo sul territorio. Destinatari: tutti gli alunni diversamente abili dell Istituto.

56

57 GRUPPO SPORTIVO SCOLASTICO Lo scopo dei Gruppi sportivi è quello di promuovere iniziative intese a suscitare e a consolidare nei giovani la consuetudine alla pratica delle attività sportive ed al movimento, considerato come strumento di formazione umana e di crescita civile e sociale. L attività sportiva oltre a consentire agli allievi di migliorare le loro qualità fisiche, affinare le funzioni neuro-muscolari e maturare la coscienza del proprio corpo svolge una forte funzione affiliativa, in quanto accomuna negli interessi e nelle motivazioni gruppi stabili di individui, che si ritrovano insieme con l intento primario di divertirsi giocando e salvaguardando insieme la propria salute ed il proprio equilibrio fisico. Lo sport praticato a scuola tende ad attribuire agli studenti il potere di agire secondo le proprie volontà, nei limiti delle regole definite e liberamente accettate, contribuendo in tal modo alla valorizzazione dei diritti di cittadinanza ed all acquisizione di competenze sociali di particolare rilevanza. Con questi intenti, il Liceo artistico attiva corsi pomeridiani di Pallavolo, Calcio a cinque, Bridge e Takemusu Aikido Iwama Ryu. In particolare, l Aikido attraverso le tecniche di unificazione di corpo e mente può offrire ai ragazzi strumenti semplici e di grande efficacia per imparare a raggiungere in poco tempo uno stato di grande concentrazione senza un eccessivo dispendio di energie. L Aikido aiuta ragazzi e ragazze a rafforzare la fiducia in loro stessi, incoraggiando un atteggiamento di rispetto nei confronti del proprio corpo e delle sue trasformazioni, favorisce la crescita sociale, arricchendo l abilità nello stabilire e mantenere rapporti interpersonali e le capacità di fronteggiare e risolvere pacificamente i conflitti che nascono nella relazione con gli altri. In tutte le attività sarà prestata particolare attenzione agli alunni con situazioni problematiche personali. Il Gruppo sportivo scolastico è destinato a tutti gli studenti dell Istituto, la cui partecipazione è libera e gratuita.

58 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE (ECDL) L Istituto è Test Center AICA per il conseguimento della Patente ECDL, certificazione riconosciuta a livello internazionale, attestante l insieme delle abilità minime necessarie per lavorare su PC nell ambito di un azienda, di un ente pubblico o di uno studio professionale. CENTRO CERTIFICAZIONI TRINITY EXAMS Il Liceo Artistico E. Basile si impegna a migliorare le competenze linguistiche degli studenti anche attraverso la preparazione ad esami prove che permettano il conseguimento di certificazioni riconosciute a livello europeo. Alla luce della crescente richiesta delle aziende di certificare il livello di competenze linguistiche raggiunto, la possibilità di ottenere un riconoscimento di credito formativo a livello universitario, e ai fini della valutazione dell esame di Stato, il nostro Liceo, già da diversi anni, è registrato come Centro del Trinity College London ed organizza corsi per preparare i propri studenti, ma anche i candidati esterni, interessati al conseguimento della certificazione della lingua inglese, secondo i livelli consigliati dai docenti. Il Trinity College di Londra è un ente certificatore riconosciuto in Italia dal Ministero dell Istruzione ed in tutto il mondo.

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli