Il consolidamento negli anni successivi al primo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il consolidamento negli anni successivi al primo"

Transcript

1 Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente dal consolidato degli esercizio precedenti. Tuttavia, il bilancio consolidato degli esercizi successivi è ottenuto sempre e comunque partendo dai nuovi, e quindi ultimi, bilanci di esercizio (i quali non riflettono le rettifiche apportate negli esercizi passati in sede di consolidamento) delle singole società appartenenti al gruppo. Per cui, si rende necessario prima di procedere alle nuove rettifiche di consolidamento, aggiornare i nuovi valori di bilancio (l ultimo bilancio di riferimento) i con le rettifiche che sono state effettuate negli anni precedenti. In altri termini, la ripresa delle rettifiche passate è finalizzata alla realizzazione i di un bilancio i consolidato come se si partisse da bilanci i d esercizio redatti tenendo conto delle rettifiche di consolidamento realizzate negli esercizi precedenti. 1

2 Il consolidamento negli anni successivi al primo Le rettifiche da prendere in considerazione sono quelle di: Pre consolidamento Consolidamento: consolidamento delle partecipazioni p eliminazione delle operazioni infragruppo eliminazione degli utili/perdite interne 2

3 Il consolidamento negli anni successivi al primo Gli effetti prodotti da queste rettifiche negli anni a venire possono essere divisi in due categorie: Effetti di trascinamento Effetti di rovesciamento 3

4 Il consolidamento negli anni successivi al primo: effetti di trascinamento t Per effettiditrascinamentosi intende la ricostruzione dei valori di bilancioi d esercizio i come se i bilancii delle società coinvolte nel consolidamento avessero fatto proprie le rettifiche apportate nei consolidati passati Ad esempio: nel caso di vendita di un immobilizzazione dalla controllata alla capogruppo ad un prezzo superiore al valore contabile si realizza un utile infragruppo che viene eliminato in sede di consolidamento. Nel nuovo bilancio di esercizio della controllata, l immobilizzazione risulta, però, iscritta ancora per il maggior valore, comprensivo quindi della plusvalenza infragruppo. Si rende quindi necessario, in sede di redazione del nuovo consolidato, ripetere l operazione di rettifica. Si noti che gli effetti di trascinamento si riflettono solo sullo S.P., con la conseguenza che i saldi risultano essere aggiornati con le rettifiche apportate negli esercizi passati. N.B. Poiché si tratta di rettifiche che hanno impattato sul risultato d esercizio degli anni precedenti, la loro ripresa negli esercizi successivi genera variazioni della voce riserve o utili/perdite portate a nuovo. 4

5 Il consolidamento negli anni successivi al primo: effetti di rovesciamento Per effetti di rovesciamento si intende l impatto che la ricostruzione dll della situazione contabile bl iniziale, l permezzo del trascinamento delle rettifiche passate, produce sul risultato d esercizio del nuovo consolidato Con riferimento all esempio precedente, una volta ricostruito con il trascinamento delle rettifiche passate il minor valore dell immobilizzazione, e quindi aver eliso la plusvalenza l (Utile) interna, e inquestomodo averdefinito dfii il valore iniziale dell immobilizzazione, si rende necessario adeguare anche le quote di ammortamento. La controllante, infatti, a fine anno (X + 1) ha calcolato le quote di ammortamento sul maggior valore iscritto nel suo bilancio individuale. Occorre quindi diminuire le relative quote di ammortamento e ciò ha un impatto sia sulle imposte sul che sul reddito del nuovo esercizio. Solo dopo aver aggiornato i bilanci con le rettifiche apportate in passato, e quindi aver tenuto conto dell impatto che queste hanno sul consolidato (effettotrascinamento trascinamento e/orovesciamento) si puòpassarepassare adeffettuare le nuove rettifiche di consolidamento 5

6 Trascinamento e rovesciamento delle rettifiche di pre consolidamento Generalmente problemi di trascinamento e/o rovesciamento in sede di pre consolidamento sono circoscritti: alle rettifiche di omogenizzazione dei criteri di valutazione e solo in rari casi alle operazioni di riconciliazione delle date di chiusura 6

7 Esercitazione: l omogenizzazione e il trattamento dei costi di ricerca e sviluppo. La società itàalfa dti detiene una partecipazione i totalitariat i in Beta. Ai fini della redazione del bilancio consolidato X, si constata che la società Beta ha capitalizzato costi di ricerca e sviluppo per 300, ammortizzati in quote costanti ti in 5 anni. La capogruppo Alfa ha, tuttavia, tt imputa tali costi interamente a conto economico. Il carico fiscale è del 50%. Si riportino di seguito le rettifiche necessarie all omogenizzazione dei costi di R & S nell esercizio X, e quelle di trascinamento/rovesciamento i da effettuare ai fini della redazione del consolidato nell esercizio X

8 Svolgimento Ai fini della redazione del consolidato dell esercizio X (colonna 1) occorre imputare interamente a conto economico i costi di ricerca e sviluppo capitalizzati da Beta Ciò comporta un aumento dei costi operativi per 300 e una corrispondente diminuzione delle immobilizzazioni immateriali Inoltre, visto che Beta ha rilevato ammortamenti per 60 su tali costi (300:5) è necessario procedere al loro storno, che significa ridurre i costi operativi per 60 e aumentare le immobilizzazioni per il corrispondente importo Ciò comporta una riduzione del risultato ante imposte di 240 e la rilevazione di un effetto fiscale differito (crediti per imposte anticipate) di 120 8

9 Svolgimento Per quanto riguarda le rettifiche dell esercizioesercizio x+1 bisogna dapprima trascinare gli effetti (ovvero ricostruire gli effetti) della prima rettifica nell anno x+1 sul solo stato patrimoniale (colonna 2) Se nell anno X abbiamo diminuito le immobilizzazioni materiali per 240 queste risulteranno più basse per lo stesso importo (240). L utile dell esercizio X sarà più basso di 240 e le imposte di 120 (mentre i crediti per imposte differite sono più elevati). Poiché l utile dell esercizio precedente viene contabilizzato nelle riserve, è in questa voce che dovremo inserire il valore di 120 9

10 Svolgimento Per quanto riguarda le rettifiche dell esercizio x+1 occorre poi rovesciare gli effetti della prima rettifica nell anno x+1 sia sullo stato patrimoniale che sul conto economico (colonna 3) Beta ha ancora i costi di R&S nel suo stato patrimoniale dell esercizio X+1 e continuerà quindi a calcolare i relativi ammortamenti. Tali ammortamenti vanno stornati nella redazione del consolidato e con essi va stornato il relativo effetto fiscale utilizzando il credito per imposte differite creato nella colonna 2. Nel CE consolidato diminuiranno pertantoi costi operativi (ammortamenti) per 60 e le imposte (50%) per 30 ed aumenterà l utile per 30 Nll Nello SP consolidato, coerentemente, aumenteranno le immobilizzazioni i i materiali per 60, diminuiranno i crediti per imposte per 30 e aumenterà l utile per 30 10

11 Adeguamento del valore delle rimanenze e rilevazione dell effetto fiscale differito nell anno x (1) Rettifiche anno successivo al primo (anno x + 1) Trascinamento effetti della Rovesciamento effetti della prima rettifica prima rettifica Ricavi Costi A B Proventi finanziari Oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Impianti, macchinari, attrezzature. Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie (incluse partecipazioni) Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide Altre attività (inclusi crediti per imposte anticipate) Totale attivo Patrimonio netto : Capitale sociale Riserve -120 Risultato di esercizio Passività: Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Totale passivo e netto (2) (3) 11

12 Esercitazione: l omogenizzazione dei criteri di valutazione La società itàbt Beta è partecipataal t 100% dll dalla società itàalfa. Il valore delle rimanenze scritte nel bilancio di Beta è ottenuto adottando la tecnica del LIFO. La Capogruppo, tuttavia, ha individuato il criterio FIFO come tecnica per valutare le rimanenze del gruppo. In sede di redazione del bilancioi consolidato è necessario pertanto t ricalcolare l il valore delle rimanenze di Beta secondo il criterio FIFO in modo da garantire una omogeneizzazione dei criteri di valutazione. L utilizzo del criterio FIFO fa aumentare il valore delle rimanenze di 500. Si tenga altresì presente che il carico fiscale dll della società àè del 50%. 12

13 Svolgimento Con la rettifica (1) si adegua il valore delle rimanenze finali in seguito all omogenizzazione del criterio di valutazione delle stesse (poiché le RF sono maggiori delle EI di 500 si ha una diminuzione dei costi), un correlato aumento del risultato operativo e del risultato ante imposte. Si calcolano gli oneri fiscali differiti che vanno poi imputati a fondo imposte differite. Con la rettifica (2) si provvede a trascinare gli effetti della prima rettifica. Nell anno prima si è registrato un aumento del valore delle rimanenze finali per 500. Inevitabilmente, l anno successivo, il saldo iniziale di queste non può che essere maggiore di 500. Questo si traduce anche in un maggior utile dll dell esercizio precedente (250), che contabilmente bl avviene imputando tale valore alle riserve,e in un aumento di debiti per imposte differite per lo stesso ammontare. Per quanto riguarda gli effetti del trascinamento (che si riflettono sul solo stato patrimoniale) è come ricostruire lo SP consolidato dell anno X, salvo la presenza dell utile nella voce riserve. In altri termini, con il trascinamento si ricostruisce la situazione contabile iniziale di Beta come se la stessa l anno precedente avesse fatto proprie le rettifiche di consolidamento. Con la rettifica (3) si rovesciano gli effetti della prima rettifica. Ossia si contabilizzano gli effetti che il trascinamento delle rettifiche passate hanno sul risultato d esercizio del nuovo consolidato. Le maggiori rimanenze finali si traducono in maggiori rimanenze iniziali per l anno X + 1. Per cui si rende necessario incrementare i costi operativi per 500 e stornare le rimanenze finali iscritte nello stato patrimoniale i perlo stesso importo. Tale rettifica si riflette sull utile ante imposte t consolidato di x + 1. Occorre, quindi, considerare altresì gli effetti fiscali differiti. Si registra una riduzione delle imposte per 250. Nello stato patrimoniale ciò si riflette in una diminuzione del fondo imposte differite alimentato in sede di trascinamento. N.B. in questo caso si tratta di una vera e propria operazione di rovesciamento della rettifica apportata nel primo esercizio. Si noti che i valori sono ripresi con il segno opposto. 13

14 Adeguamento del valore delle rimanenze e rilevazione dell effetto fiscale differito nell anno x (1) Rettifiche anno successivo al primo (anno x + 1) Trascinamento effetti della Rovesciamento effetti della prima rettifica prima rettifica Ricavi Costi A B Proventi finanziari Oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Impianti, macchinari, attrezzature. Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie (incluse partecipazioni) Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide Altre attività (inclusi crediti per imposte differite attive) Totale attivo Patrimonio netto : Capitale sociale Riserve +250 Risultato di esercizio Passività: Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Totale passivo e netto (2) (3) 14

15 Il trascinamento e il rovesciamento delle rettifiche di consolidamento Eliminazione i i dll delle partecipazioni i inegli esercizi ii successivi al primo Eliminazione dei costi e ricavi, crediti e debiti; negli esercizi successivi al primo L eliminazione Leliminazione degli utili e perdite infragruppo negli esercizi successivi al primo L eliminazione Leliminazione dei dividendi infragruppo successivi al primo Attribuzione del risultatodi pertinenza dei terzi negli esercizi successivi al primo 15

16 Eliminazione delle partecipazioni negli esercizi successivi al primo L eliminazione Leliminazione della partecipazione contro la quota parte del patrimonio netto della controllata deve essere ripetuta a ogni redazione del bilancio consolidato. Tale operazione deve essere ripetuta in maniera identica in ogni esercizio se durante il periodo amministrativo non si sono verificate operazioni che impattano sul valore della partecipazione o del patrimonio netto della controllata (in questa sede si ipotizza che tali operazioni non avvengano). Concretamente il trascinamento dell eliminazione della partecipazione consiste nel rieffettuare la rettifica posta in essere in sede di redazione del primo bilancio consolidato. Anche la rettifica relativa agli ammortamenti sui plus/minusvalori e ai relativi effetti fiscali effettuata nel primo esercizio va trascinata nel secondo con conseguente impatto sugli utili portati a nuovo (riserve). Il riconoscimento dei plus/minusvalori ha un effetto di rovesciamento negli esercizi successivi. È necessario quindi rilevare la nuova quota di ammortamento di competenza di questi. Se l ammortamento è a quote costanti il rovesciamento è assolutamente identico alla rilevazione degli ammortamenti effettuata al termine del primo esercizio. 16

17 Esercitazione: eliminazione di una partecipazione non totalitaria nell esercizioesercizio successivo al primo In data 1.1.X la società Alfa acquista una partecipazione dell 80% nella società Beta, per un valore di acquisizione di Beta al momento dell acquisizione ha un capitale netto contabile di Il fair value delle attività e passività di Beta, alla stessa data, coincide con i valori contabili fatta eccezione per quanto segue: Valore contabile Fair value Plus. Lordo Immobili Brevetti La vita residua degli immobili è stimata in 20 anni quella dei brevetti in 10 anni. La differenza di consolidamento residua è imputata ad avviamento. Si tenga, inoltre, conto che alla data di consolidamento il valore recuperabile dell avviamento è superiore al suo valore contabile. Ai fini del calcolo degli effetti fiscali differiti sui plusvalori è adottata una aliquota fiscale del 50%. La valutazione del P.N. di spettanza dei terzi avviene sul patrimonio netto valutato al fair value, senza riconoscimento del full goodwill. Si riportino qui di seguito le rettifiche relative all eliminazione della partecipazione nell esercizio X e quelle di trascinamento e rovesciamento da effettuare ai fini della redazione del consolidato nell esercizio X + 1 e nell esercizio X

18 Svolgimento (anno X e X + 1) Ormai è noto che occorre dapprima provvede alla eliminazione i i delle partecipazioni contro il patrimonio netto della controllata, alla rilevazione dell effetto fiscale differito e all ammortamento dei plusvalori (colonne 1 e 2). Con la rettifica (3) si trascina l eliminazione della partecipazione che coincide con la rettifica fatta nel primo esercizio. Con la rettifica (4) si trascina la rettifica relativa all ammortamento t dei plusvalori. Si evidenzia che l impatto sull esercizio precedente avviene contabilmente registrando la variazione nelle riserve. In esse è accolto l utile degli esercizidegli anni passati. Infine, nella colonna (5) gli effetti dell eliminazione della partecipazione sono rovesciati sotto forma della nuova quota di ammortamento sui plusvalori. Tale effetto impatta sul conto economico e quindi sul risultato d esercizio. 18

19 Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Eliminazione Ammortamento partecipazione plusvalori (1) (2) Trascinamento rettifica eliminazione partecipazioni (3) Trascinamento ammortamento plusvalenze (4) Rovesciamento dei plusvalori (5) Ricavi Costi A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Attività fiscali differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio i netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti 2000 Totale passivo e netto

20 Svolgimento (anno X + 2) Nelle colonne 6, 7 e 8 si trascinano gli effetti delle rettifiche riportate nelle colonne 3, 4 e 5 del foglio di lavoro relativo all esercizio X + 1. L ultimacolonna(9)riportalarettificadirovesciamento relativa alla nuova quota di ammortamento sui plusvalori (relativa all esercizio X + 2) N.B. Man mano che si procede con gli esercizi successivi, si procede anche con l ammortamento dei plusvalori rilevati, fino a quando quindi ultimi non risulteranno completamente ammortizzati (assorbiti) 20

21 Rettifiche anno x + 2 Trascinamento delle rettifiche dell anno X+1 (6) Trascinamento delle rettifiche dell anno X+1 (7) Trascinamento delle rettifiche dell anno X+1 (8) Rovesciamento relativo alla nuova quota di ammortamento t sui plusvalori Ricavi Costi +300 A B -300 Proventi e oneri finanziarii i Risultato ante imposte -300 Imposte 50% -150 Risultato netto -150 Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Attività fiscali differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio -150 Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti 2000 Totale passivo e netto

22 L eliminazione dei costi e ricavi, crediti e debiti infragruppo negli esercizi successivi al primo I costi e i ricavi, i crediti e i debiti reciproci, qualora i valori risultino i già riconciliati, ili i non danno luogo a rettifiche di trascinamento o di rovesciamento negli esercizi successivi a quelli in cui si è provveduto ad eliminarli. 22

23 L eliminazione di utili/perdite infragruppo negli esercizi successivi al primo L eliminazione li i i di utili e/o perdite infragruppo impattano sul risultato d esercizio consolidato. Si rende quindi necessario evidenziare tali effetti anche negli esercizi successivi a quelli in cui sono stati rilevati. Concretamente ciò avviene apportando le opportune variazioni alle riserve oppure agli utili o perdite portate a nuovo a seconda di dove siano stati contabilizzati 23

24 Esercitazione: eliminazione degli utili infragruppo inclusi nelle rimanenze: effetti sugli esercizi successivi al primo La società itàalfa dti detiene una partecipazione i totalitariat i nella società Beta. Nel corso dell esercizio la società Beta ha venduto ad Alfa al prezzo unitario di 100 n. 200 unità di merce acquistate precedentemente da un azienda esterna al costo unitario di 80. In data dalla contabilità di magazzino di Alfa risulta che solo il 40% della merce è stato venduto a terzi (il debito di Alfa verso Beta risulta regolato). Utilizzando il foglio di lavoro di seguito riportato t si effettuino le sole operazioni di consolidamento relative all operazione descritta. Si tenga presente che le società del gruppo sono gravate da un aliquota fiscale pari al 50%. 24

25 Ricavi Costi (inclusa variazione delle rimanenze) A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Attività fiscali differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Eliminazione degli utili infragruppo (1) Trascinamento rettifica (2) Rovesciamento rettifica (3) 25

26 Svolgimento Con la rettifica (1) si provvede a eliminare gli utili infragruppo (100 80=20 ; 20x200=4000 ; 4000x60%=2400) Con la rettifica (2) si trascinano gli effetti della prima rettifica. Nell esercizio precedente si è ridotto il valore delle rimanenze finali di Questo comporta una riduzione del reddito d esercizio dell anno precedente, che si riflette in quello successivo per mezzo di una opportuna variazione delle riserve. Si deve inoltre tenere conto degli effetti fiscali differiti (crediti per imposte anticipate). Con la rettifica (3) si rovesciano gli effetti della rettifica. Le minori rimanenze finali si traducono in minori rimanenze iniziali per l anno successivo. Questo comporta una riduzione dei costi per 2400 e lo storno della precedente riduzione delle rimanenze finali nello SP. Questa rettifica comporta un aumento degli utili ante imposte consolidato dell anno x+1. Occorre tener conto anche degli effetti fiscali differiti. A tali imposte si correla lo storno delle attività per imposte anticipate precedentemente riconosciuto in sede di trascinamento. 26

27 Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Eliminazione degli utili infragruppo (1) Trascinamento rettifica (2) Rovesciamento rettifica (3) Ricavi Costi (inclusa variazione delle rimanenze) A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Crediti per imposte anticipate Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto

28 Esercitazione:eliminazione di utili infragruppo inclusi nelle immobilizzazioni: effetti sugli esercizi successivi al primo La società Alfa detiene una partecipazione totalitaria nella società Beta. All inizio dell esercizio esercizio X la società Alfa ha venduto un impianto a Beta per 4000 euro. L impianto risulta in parte già ammortizzato e iscritto in contabilità ai seguenti valori: Costo storico 6000 Fondo Ammortamento 3600 Valore netto contabile 2400 A fine esercizio l impanto risulta essere ancora contabilizzato nel bilancio di Beta. La Società Alfa ammortizzava l impanto al 10% annuo a quote costanti (6000:10=600). La Società Beta, invece, ammortizza l impianto ad una aliquota del 20% sempre a quote costanti (4000:5=800). Si tenga presente che le società del gruppo sono gravate da un aliquota fiscale parial al 50%. Si provveda ad eliminare la plusvalenza interna pari a 1600, calcolata come di seguito: Plusvalenza = Valore di vendita valore residuo contabile 1600 = e all aggiustamento degli ammortamenti al fine di pervenire alla redazione del bilancio consolidato 28

29 Svolgimento Con leprime due rettifiche si provvede rispettivamente t a stornare l utile infragruppo (plusvalenza) e ad adeguare gli ammortamenti (maggiori ammortamenti di 200= ), come se l operazione di cessione non fossemai avvenuta. Con la rettifica (3) si provvede a trascinare la rettifica che storna le plusvalenze. Con la rettifica (4) si provvede a trascinare la rettifica relativa all aggiustamento della quota di ammortamento rilevata da Betanell esercizio i X. Con larettifica (5) si rileva il rovesciamento della rettifica (1) tramite l aggiustamento della nuova quota di ammortamento rilevata da Beta. 29

30 Eliminazione della plusvalenza infragruppo (1) Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Adeguamento ammortamenti (2) Trascinamento Eliminazione della plusvalenza infragruppo (3) Trascinamento adeguamento ammortamento (4) Rovesciamento della rettifica (1) tramite rilevazione nuova quota di ammortamento rilevata da Beta (5) Ricavi Costi A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Crediti i per imposte anticipate ii Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto

31 Eliminazione dei dividendi infragruppo negli esercizi successivi al primo Lo storno deidividendiid infragruppo è una operazione necessaria per evitare una doppia contabilizzazione a conto economico dello stesso importo in esercizi consecutivi, prima sotto forma di utili dell impresa controllata che li ha distribuiti, poi sotto forma di dividendi dell impresa che li ha incassati. La rettifica di trascinamento dell eliminazione dei dividendi infragruppo si rende necessaria solo in presenza di minoranze azionarie. Invero, nell ipotesi di una distribuzione di utili in presenza di un controllo totalitario, il trascinamento della rettifica negli anni successivi si traduce in una compensazione all interno delle riserve. La presenza di terzi richiede lo storno della quota di dividendi di competenza delle minoranze dal patrimonio netto, in modo tale che il patrimonio netto di terzi venga calcolatosuleffettivopatrimonio netto di Beta. 31

32 Esercitazione: eliminazione dei dividendi infragruppo in presenza di minoranze: rettifiche di trascinamento La società Alfa detiene una partecipazione i dl del 60% in Beta, società consolidata integralmente. Durante l esercizio X la controllata Beta utilizza riserve accumulate durante l esercizio precedente per la distribuzione di un dividendo complessivo pari a Alfa contabilizza l importo ricevuto tra i proventi finanziari. Prescindendo dalle problematiche fiscali si rediga il bilancio consolidato. 32

33 Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Ricavi Costi A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Crediti per imposte differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto Eliminazione dei dividendi infragruppo (1) Trascinamento dell eliminazione dei dividendi infragruppo e attribuzione dell utile alle minoranze (2) 33

34 Svolgimento Con la rettifica (1) si eliminano i dividendi infragruppo (2000x60%=1200). Contabilmente ciò avviene con la ricostruzione delle riserve della controllata (2000) che ha distribuito i dividendi e l eliminazione del provento finanziario rilevato dalla capogruppo (1200). Inoltre si riconosce la parte di dividendo di spettanza delle minoranze (2000x40%=800). Con la rettifica (2) si è trascinato nell esercizio X + 1 la rettifica (1), ossia lo storno dei dividendi infragruppo. Come tutte le rettifiche di trascinamento, anche questa impatta sul risultato d esercizio precedente e quindi sulle riserve del nuovo bilancio. Se la capogruppo avesse detenuto il 100% della partecipazione non ci sarebbe stato bisogno ditrascinare la relativa rettifica. Poiché si è in presenza di terzi si rende tuttavia necessario stornare la quota dei dividendi a loro distribuiti dal relativo patrimonio netto in modo da giungere ad un consolidato in cui il patrimonio di pertinenza dei terzi sia coerente con quello che risulta nel bilancio della controllata, al netto dei dividendi da questa già distribuiti. 34

35 Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Eliminazione dei dividendi infragruppo (1) Ricavi Costi A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Trascinamento dell eliminazione dei dividendi infragruppo e attribuzione dell utile alle minoranze (2) Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Crediti per imposte differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo 0 0 Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto

36 Attribuzione del risultato di terzi negli esercizi successivi al primo La società Alfa detiene una partecipazione i dl60% del in Beta. Si ipotizzi che, al fine della redazione del bilancio consolidato al X, 12 sia stata attribuita ai terzi una quota del risultato consolidato pari a 800. Tale quota tiene già conto delle rettifiche di consolidamento apportate in sede di redazione del consolidato dell esercizio X e aventi impatto sul risultato dei terzi. Si riportano di seguito le rettifiche relative all attribuzione del risultato dell esercizio X di pertinenza dei terzi, e quelle di trascinamento t da effettuare ai finii della redazione del consolidato nell esercizio X

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità)

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità) Esercitazione II In data 28 Febbraio X la società Alfa S.p.A. acquista una partecipazione del 75% nella società Beta S.p.A. pagando un prezzo di euro 13.000. Lo stato patrimoniale della società controllata

Dettagli

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 -

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 - SOLUZIONI ESERCIZIO 1 Bilancio consolidato In data 01/01/X la società ALFA acquista una partecipazione del 70% in BETA al prezzo di 21.000. Il patrimonio netto contabile di BETA alla data dell operazione

Dettagli

Bilancio consolidato di gruppo. Le rettifiche di consolidamento

Bilancio consolidato di gruppo. Le rettifiche di consolidamento Le rettifiche di consolidamento III parte 1 Eliminazione dei dividendi infragruppo 2 Occorre evitare la duplice contabilizzazione dello stesso utile, sia in capo alla società che lo distribuisce sia in

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato

Dettagli

Bilancio Consolidato

Bilancio Consolidato Bilancio Consolidato II PROVA INTERMEDIA 6 dicembre 2012 SOLUZIONE TOT. 32 PUNTI Cognome.. Nome Matricola VOTO: CORRETTORE: 1 Esercizio 1 - Il bilancio consolidato nell esercizio successivo al primo 10

Dettagli

Il consolidamento con il metodo integrale:

Il consolidamento con il metodo integrale: 1 Il consolidamento con il metodo integrale: - l eliminazione delle operazioni infragruppo - eliminazione di costi e ricavi, debiti e crediti infragruppo - riconciliazione di operazioni infragruppo Esemplificazioni

Dettagli

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000 TEMI D ESAME N.1 QUESITO In data 1 gennaio 2005 Alfa S.p.A. ha acquistato una partecipazione dell 80% in Beta S.p.A., pagando un prezzo pari a euro 60.000. Il patrimonio netto contabile di Beta alla data

Dettagli

Il processo di consolidamento (elaborazioni di consolidamento)

Il processo di consolidamento (elaborazioni di consolidamento) Il processo di consolidamento (elaborazioni di consolidamento) Il processo di consolidamento, si caratterizza per una serie di operazioni complesse e spesso contestuali, che idealmente posso essere così

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

Definita l area di consolidamento il passo successivo è l omogenizzazione, sotto più profili, dei bilanci coinvolti nel processo di consolidamento.

Definita l area di consolidamento il passo successivo è l omogenizzazione, sotto più profili, dei bilanci coinvolti nel processo di consolidamento. Il pre-consolidamento Definita l area di consolidamento il passo successivo è l omogenizzazione, sotto più profili, dei bilanci coinvolti nel processo di consolidamento. ld Questa omogeneità può essere

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * * Economia dei gruppi e bilancio consolidato Esempi di quesiti d esame (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) Q. 1 Il Candidato, ricorrendo alla costruzione del foglio di lavoro di stato

Dettagli

Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE

Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE In data 01/01/2012 la Società Alfa acquista una partecipazione del 90% nella Società Beta al prezzo di Euro 115.000.

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni Cessione infragruppo di merci e servizi: riconciliazioni strumentali all eliminazione delle partite infragruppo La società Alfa detiene una partecipazione

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Al 31.12.2008, il valore durevole della partecipazione ammonta a 65.000

Al 31.12.2008, il valore durevole della partecipazione ammonta a 65.000 ESERCIZIO N 1 Il 17 giugno 2007, l impresa Pacos ha acquistato l intero pacchetto azionario dell impresa Pam ad un prezzo di 60.000. Il consiglio di amministrazione della Pacos ha deciso di considerare

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE. Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE. Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia 1 ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia 2 IL BILANCIO CONSOLIDATO I metodi di consolidamento 6) LE VARIAZIONI SUCESSIVE AL PRIMO

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE Oneri pluriennali Il candidato, sulla base dei seguenti dati, determini l utile distribuibile. Spese di impianto 5.000. STATO PATRIMONIALE t Capitale

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

LE OPERAZIONI INTRAGRUPPO

LE OPERAZIONI INTRAGRUPPO LE OPERAZIONI INTRAGRUPPO Prof. Alessandro Zattoni Università Parthenope Le caratteristiche delle operazioni intragruppo Si definiscono intragruppo le transazioni economiche, riconducibili alla gestione

Dettagli

Esempio Contributi in conto capitale

Esempio Contributi in conto capitale Università degli Studi di Parma Esempio Contributi in conto capitale La formazione del costo i contributi (esempio) La Alfa S.p.A. riceve nell esercizio esercizio un contributo in conto impianti per 5.000

Dettagli

Comunicato stampa Documento Allegato

Comunicato stampa Documento Allegato Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano - MI ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa Documento Allegato Stato patrimoniale consolidato Si

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA.

INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA. INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA. 1 INTRODUZIONE Il presente documento si compone del conto economico consolidato pro-forma dell'esercizio

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

Le imposte nell informativa di bilancio

Le imposte nell informativa di bilancio Le imposte nell informativa di bilancio 1 Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di

Dettagli

4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE

4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE 4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il conto economico, redatto con il supporto delle rilevazioni finanziarie e del prospetto di conciliazione, pone in evidenza un risultato economico

Dettagli

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie III FINANZIARIE 1) Partecipazioni in: - imprese controllate - imprese collegate - imprese controllanti

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO Allegato A/4 Allegato n. 4/4 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO 1. Definizione e funzione del bilancio consolidato del gruppo amministrazione pubblica Il

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/243 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 29. A eccezione dei paragrafi 23 e 24, il presente Principio contabile internazionale è entrato in vigore a partire

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Economia e gestione dei gruppi Anno accademico 2013/2014 IL BILANCIO CONSOLIDATO. Bilancio Consolidato l eliminazione delle operazioni infragruppo

Economia e gestione dei gruppi Anno accademico 2013/2014 IL BILANCIO CONSOLIDATO. Bilancio Consolidato l eliminazione delle operazioni infragruppo Economia e gestione dei gruppi Anno accademico 2013/2014 IL BILANCIO CONSOLIDATO 1 Il metodo integrale l eliminazione delle operazioni infragruppo Il metodo di consolidamento integrale è disciplinato dall

Dettagli

Esempio di determinazione delle imposte correnti

Esempio di determinazione delle imposte correnti Esempio di determinazione delle imposte correnti La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio X presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere ( ) Rimanenze iniziali di merci 55.000

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO: TECNICHE e OPPORTUNITÀ

BILANCIO CONSOLIDATO: TECNICHE e OPPORTUNITÀ CONTABILITà bilancio CONSOLIDATO Guida alla CONSOLIDATO: TECNICHE e OPPORTUNITÀ Obbligati ed esonerati dalla redazione del bilancio consolidato. Formazione del bilancio ed esemplificazione pratica. di

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo di acquisto o di produzione. Nel costo

Dettagli

Concetto di flusso. Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X

Concetto di flusso. Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X Concetto di flusso Valore dell elemento patrimoniale al 1/1/X Valore dell elemento patrimoniale al 31/12/X Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X Il prospetto di sintesi di rappresentazione dei flussi

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (31 marzo 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.291.457,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.035,2 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015 Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 Registro Imprese di Milano n. 09126500967 R.E.A. 2070334 Codice fiscale e Partita IVA 09126500967

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

Il metodo della partita doppia

Il metodo della partita doppia DISPENSA 4 Economia ed Organizzazione Aziendale Il metodo della partita doppia - Parte II - 1 La tecnica di redazione del bilancio Per la definizione delle varie voci di bilancio è necessario contabilizzare

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 COMUNICATO STAMPA RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 VENDITE NETTE: 681,9 milioni (+33,7%) - 510,1 milioni nei primi nove mesi del 2014 EBITDA: 141,3 milioni (+33,7%) pari al 20,7% delle

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012 Esercitazione di riepilogo Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012 Conto Economico della Beta al 31/12/2012 1. Transazioni a. Il 2 settembre 2012 viene acquistato un brevetto per un valore di 35000

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

Immobili strumentali da reddito in leasing e Ias 40 Problematiche contabili, fiscali e di prima applicazione

Immobili strumentali da reddito in leasing e Ias 40 Problematiche contabili, fiscali e di prima applicazione Il Sole 24 ORE Immobili civili e strumentali in leasing Immobili strumentali da reddito in leasing e Ias 40 Problematiche contabili, fiscali e di prima applicazione Giuseppe Rebecca, Studio Rebecca & Associati

Dettagli

ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006

ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006 ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006 1) La società a responsabilità limitata Y chiude l esercizio al 31/12/2005 con la seguente situazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA *********

COMUNICATO STAMPA ********* COMUNICATO STAMPA Comunicato ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile Ad integrazione del comunicato stampa diffuso il 20 gennaio 2009, a seguito del Consiglio di Amministrazione della, si rende noto

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 9 IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO

ESERCITAZIONE N. 9 IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO Le imposte rappresentano una quota del reddito di esercizio da erogare allo Stato. Le differenti normative civile e fiscale, considerano diversamente alcuni componenti di reddito (positivi

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE Il codice civile si prefigge la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della società con chiarezza ed in modo veritiero e corretto mentre

Dettagli

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 Convocazione dell Assemblea degli Azionisti Bilancio consolidato: utile netto di 1,29 miliardi; Bilancio di esercizio: utile netto di

Dettagli

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015 VIANINI LAVORI SPA Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015 Ricavi: 98,1 milioni di euro (102,8 milioni di euro al 30 giugno 2014); Margine operativo

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE

IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE ALESSANDRO MONTRONE * Il contenuto del bilancio di gruppo si caratterizza per la presenza di alcune voci peculiari;

Dettagli