Il consolidamento negli anni successivi al primo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il consolidamento negli anni successivi al primo"

Transcript

1 Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente dal consolidato degli esercizio precedenti. Tuttavia, il bilancio consolidato degli esercizi successivi è ottenuto sempre e comunque partendo dai nuovi, e quindi ultimi, bilanci di esercizio (i quali non riflettono le rettifiche apportate negli esercizi passati in sede di consolidamento) delle singole società appartenenti al gruppo. Per cui, si rende necessario prima di procedere alle nuove rettifiche di consolidamento, aggiornare i nuovi valori di bilancio (l ultimo bilancio di riferimento) i con le rettifiche che sono state effettuate negli anni precedenti. In altri termini, la ripresa delle rettifiche passate è finalizzata alla realizzazione i di un bilancio i consolidato come se si partisse da bilanci i d esercizio redatti tenendo conto delle rettifiche di consolidamento realizzate negli esercizi precedenti. 1

2 Il consolidamento negli anni successivi al primo Le rettifiche da prendere in considerazione sono quelle di: Pre consolidamento Consolidamento: consolidamento delle partecipazioni p eliminazione delle operazioni infragruppo eliminazione degli utili/perdite interne 2

3 Il consolidamento negli anni successivi al primo Gli effetti prodotti da queste rettifiche negli anni a venire possono essere divisi in due categorie: Effetti di trascinamento Effetti di rovesciamento 3

4 Il consolidamento negli anni successivi al primo: effetti di trascinamento t Per effettiditrascinamentosi intende la ricostruzione dei valori di bilancioi d esercizio i come se i bilancii delle società coinvolte nel consolidamento avessero fatto proprie le rettifiche apportate nei consolidati passati Ad esempio: nel caso di vendita di un immobilizzazione dalla controllata alla capogruppo ad un prezzo superiore al valore contabile si realizza un utile infragruppo che viene eliminato in sede di consolidamento. Nel nuovo bilancio di esercizio della controllata, l immobilizzazione risulta, però, iscritta ancora per il maggior valore, comprensivo quindi della plusvalenza infragruppo. Si rende quindi necessario, in sede di redazione del nuovo consolidato, ripetere l operazione di rettifica. Si noti che gli effetti di trascinamento si riflettono solo sullo S.P., con la conseguenza che i saldi risultano essere aggiornati con le rettifiche apportate negli esercizi passati. N.B. Poiché si tratta di rettifiche che hanno impattato sul risultato d esercizio degli anni precedenti, la loro ripresa negli esercizi successivi genera variazioni della voce riserve o utili/perdite portate a nuovo. 4

5 Il consolidamento negli anni successivi al primo: effetti di rovesciamento Per effetti di rovesciamento si intende l impatto che la ricostruzione dll della situazione contabile bl iniziale, l permezzo del trascinamento delle rettifiche passate, produce sul risultato d esercizio del nuovo consolidato Con riferimento all esempio precedente, una volta ricostruito con il trascinamento delle rettifiche passate il minor valore dell immobilizzazione, e quindi aver eliso la plusvalenza l (Utile) interna, e inquestomodo averdefinito dfii il valore iniziale dell immobilizzazione, si rende necessario adeguare anche le quote di ammortamento. La controllante, infatti, a fine anno (X + 1) ha calcolato le quote di ammortamento sul maggior valore iscritto nel suo bilancio individuale. Occorre quindi diminuire le relative quote di ammortamento e ciò ha un impatto sia sulle imposte sul che sul reddito del nuovo esercizio. Solo dopo aver aggiornato i bilanci con le rettifiche apportate in passato, e quindi aver tenuto conto dell impatto che queste hanno sul consolidato (effettotrascinamento trascinamento e/orovesciamento) si puòpassarepassare adeffettuare le nuove rettifiche di consolidamento 5

6 Trascinamento e rovesciamento delle rettifiche di pre consolidamento Generalmente problemi di trascinamento e/o rovesciamento in sede di pre consolidamento sono circoscritti: alle rettifiche di omogenizzazione dei criteri di valutazione e solo in rari casi alle operazioni di riconciliazione delle date di chiusura 6

7 Esercitazione: l omogenizzazione e il trattamento dei costi di ricerca e sviluppo. La società itàalfa dti detiene una partecipazione i totalitariat i in Beta. Ai fini della redazione del bilancio consolidato X, si constata che la società Beta ha capitalizzato costi di ricerca e sviluppo per 300, ammortizzati in quote costanti ti in 5 anni. La capogruppo Alfa ha, tuttavia, tt imputa tali costi interamente a conto economico. Il carico fiscale è del 50%. Si riportino di seguito le rettifiche necessarie all omogenizzazione dei costi di R & S nell esercizio X, e quelle di trascinamento/rovesciamento i da effettuare ai fini della redazione del consolidato nell esercizio X

8 Svolgimento Ai fini della redazione del consolidato dell esercizio X (colonna 1) occorre imputare interamente a conto economico i costi di ricerca e sviluppo capitalizzati da Beta Ciò comporta un aumento dei costi operativi per 300 e una corrispondente diminuzione delle immobilizzazioni immateriali Inoltre, visto che Beta ha rilevato ammortamenti per 60 su tali costi (300:5) è necessario procedere al loro storno, che significa ridurre i costi operativi per 60 e aumentare le immobilizzazioni per il corrispondente importo Ciò comporta una riduzione del risultato ante imposte di 240 e la rilevazione di un effetto fiscale differito (crediti per imposte anticipate) di 120 8

9 Svolgimento Per quanto riguarda le rettifiche dell esercizioesercizio x+1 bisogna dapprima trascinare gli effetti (ovvero ricostruire gli effetti) della prima rettifica nell anno x+1 sul solo stato patrimoniale (colonna 2) Se nell anno X abbiamo diminuito le immobilizzazioni materiali per 240 queste risulteranno più basse per lo stesso importo (240). L utile dell esercizio X sarà più basso di 240 e le imposte di 120 (mentre i crediti per imposte differite sono più elevati). Poiché l utile dell esercizio precedente viene contabilizzato nelle riserve, è in questa voce che dovremo inserire il valore di 120 9

10 Svolgimento Per quanto riguarda le rettifiche dell esercizio x+1 occorre poi rovesciare gli effetti della prima rettifica nell anno x+1 sia sullo stato patrimoniale che sul conto economico (colonna 3) Beta ha ancora i costi di R&S nel suo stato patrimoniale dell esercizio X+1 e continuerà quindi a calcolare i relativi ammortamenti. Tali ammortamenti vanno stornati nella redazione del consolidato e con essi va stornato il relativo effetto fiscale utilizzando il credito per imposte differite creato nella colonna 2. Nel CE consolidato diminuiranno pertantoi costi operativi (ammortamenti) per 60 e le imposte (50%) per 30 ed aumenterà l utile per 30 Nll Nello SP consolidato, coerentemente, aumenteranno le immobilizzazioni i i materiali per 60, diminuiranno i crediti per imposte per 30 e aumenterà l utile per 30 10

11 Adeguamento del valore delle rimanenze e rilevazione dell effetto fiscale differito nell anno x (1) Rettifiche anno successivo al primo (anno x + 1) Trascinamento effetti della Rovesciamento effetti della prima rettifica prima rettifica Ricavi Costi A B Proventi finanziari Oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Impianti, macchinari, attrezzature. Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie (incluse partecipazioni) Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide Altre attività (inclusi crediti per imposte anticipate) Totale attivo Patrimonio netto : Capitale sociale Riserve -120 Risultato di esercizio Passività: Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Totale passivo e netto (2) (3) 11

12 Esercitazione: l omogenizzazione dei criteri di valutazione La società itàbt Beta è partecipataal t 100% dll dalla società itàalfa. Il valore delle rimanenze scritte nel bilancio di Beta è ottenuto adottando la tecnica del LIFO. La Capogruppo, tuttavia, ha individuato il criterio FIFO come tecnica per valutare le rimanenze del gruppo. In sede di redazione del bilancioi consolidato è necessario pertanto t ricalcolare l il valore delle rimanenze di Beta secondo il criterio FIFO in modo da garantire una omogeneizzazione dei criteri di valutazione. L utilizzo del criterio FIFO fa aumentare il valore delle rimanenze di 500. Si tenga altresì presente che il carico fiscale dll della società àè del 50%. 12

13 Svolgimento Con la rettifica (1) si adegua il valore delle rimanenze finali in seguito all omogenizzazione del criterio di valutazione delle stesse (poiché le RF sono maggiori delle EI di 500 si ha una diminuzione dei costi), un correlato aumento del risultato operativo e del risultato ante imposte. Si calcolano gli oneri fiscali differiti che vanno poi imputati a fondo imposte differite. Con la rettifica (2) si provvede a trascinare gli effetti della prima rettifica. Nell anno prima si è registrato un aumento del valore delle rimanenze finali per 500. Inevitabilmente, l anno successivo, il saldo iniziale di queste non può che essere maggiore di 500. Questo si traduce anche in un maggior utile dll dell esercizio precedente (250), che contabilmente bl avviene imputando tale valore alle riserve,e in un aumento di debiti per imposte differite per lo stesso ammontare. Per quanto riguarda gli effetti del trascinamento (che si riflettono sul solo stato patrimoniale) è come ricostruire lo SP consolidato dell anno X, salvo la presenza dell utile nella voce riserve. In altri termini, con il trascinamento si ricostruisce la situazione contabile iniziale di Beta come se la stessa l anno precedente avesse fatto proprie le rettifiche di consolidamento. Con la rettifica (3) si rovesciano gli effetti della prima rettifica. Ossia si contabilizzano gli effetti che il trascinamento delle rettifiche passate hanno sul risultato d esercizio del nuovo consolidato. Le maggiori rimanenze finali si traducono in maggiori rimanenze iniziali per l anno X + 1. Per cui si rende necessario incrementare i costi operativi per 500 e stornare le rimanenze finali iscritte nello stato patrimoniale i perlo stesso importo. Tale rettifica si riflette sull utile ante imposte t consolidato di x + 1. Occorre, quindi, considerare altresì gli effetti fiscali differiti. Si registra una riduzione delle imposte per 250. Nello stato patrimoniale ciò si riflette in una diminuzione del fondo imposte differite alimentato in sede di trascinamento. N.B. in questo caso si tratta di una vera e propria operazione di rovesciamento della rettifica apportata nel primo esercizio. Si noti che i valori sono ripresi con il segno opposto. 13

14 Adeguamento del valore delle rimanenze e rilevazione dell effetto fiscale differito nell anno x (1) Rettifiche anno successivo al primo (anno x + 1) Trascinamento effetti della Rovesciamento effetti della prima rettifica prima rettifica Ricavi Costi A B Proventi finanziari Oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Impianti, macchinari, attrezzature. Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie (incluse partecipazioni) Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide Altre attività (inclusi crediti per imposte differite attive) Totale attivo Patrimonio netto : Capitale sociale Riserve +250 Risultato di esercizio Passività: Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Totale passivo e netto (2) (3) 14

15 Il trascinamento e il rovesciamento delle rettifiche di consolidamento Eliminazione i i dll delle partecipazioni i inegli esercizi ii successivi al primo Eliminazione dei costi e ricavi, crediti e debiti; negli esercizi successivi al primo L eliminazione Leliminazione degli utili e perdite infragruppo negli esercizi successivi al primo L eliminazione Leliminazione dei dividendi infragruppo successivi al primo Attribuzione del risultatodi pertinenza dei terzi negli esercizi successivi al primo 15

16 Eliminazione delle partecipazioni negli esercizi successivi al primo L eliminazione Leliminazione della partecipazione contro la quota parte del patrimonio netto della controllata deve essere ripetuta a ogni redazione del bilancio consolidato. Tale operazione deve essere ripetuta in maniera identica in ogni esercizio se durante il periodo amministrativo non si sono verificate operazioni che impattano sul valore della partecipazione o del patrimonio netto della controllata (in questa sede si ipotizza che tali operazioni non avvengano). Concretamente il trascinamento dell eliminazione della partecipazione consiste nel rieffettuare la rettifica posta in essere in sede di redazione del primo bilancio consolidato. Anche la rettifica relativa agli ammortamenti sui plus/minusvalori e ai relativi effetti fiscali effettuata nel primo esercizio va trascinata nel secondo con conseguente impatto sugli utili portati a nuovo (riserve). Il riconoscimento dei plus/minusvalori ha un effetto di rovesciamento negli esercizi successivi. È necessario quindi rilevare la nuova quota di ammortamento di competenza di questi. Se l ammortamento è a quote costanti il rovesciamento è assolutamente identico alla rilevazione degli ammortamenti effettuata al termine del primo esercizio. 16

17 Esercitazione: eliminazione di una partecipazione non totalitaria nell esercizioesercizio successivo al primo In data 1.1.X la società Alfa acquista una partecipazione dell 80% nella società Beta, per un valore di acquisizione di Beta al momento dell acquisizione ha un capitale netto contabile di Il fair value delle attività e passività di Beta, alla stessa data, coincide con i valori contabili fatta eccezione per quanto segue: Valore contabile Fair value Plus. Lordo Immobili Brevetti La vita residua degli immobili è stimata in 20 anni quella dei brevetti in 10 anni. La differenza di consolidamento residua è imputata ad avviamento. Si tenga, inoltre, conto che alla data di consolidamento il valore recuperabile dell avviamento è superiore al suo valore contabile. Ai fini del calcolo degli effetti fiscali differiti sui plusvalori è adottata una aliquota fiscale del 50%. La valutazione del P.N. di spettanza dei terzi avviene sul patrimonio netto valutato al fair value, senza riconoscimento del full goodwill. Si riportino qui di seguito le rettifiche relative all eliminazione della partecipazione nell esercizio X e quelle di trascinamento e rovesciamento da effettuare ai fini della redazione del consolidato nell esercizio X + 1 e nell esercizio X

18 Svolgimento (anno X e X + 1) Ormai è noto che occorre dapprima provvede alla eliminazione i i delle partecipazioni contro il patrimonio netto della controllata, alla rilevazione dell effetto fiscale differito e all ammortamento dei plusvalori (colonne 1 e 2). Con la rettifica (3) si trascina l eliminazione della partecipazione che coincide con la rettifica fatta nel primo esercizio. Con la rettifica (4) si trascina la rettifica relativa all ammortamento t dei plusvalori. Si evidenzia che l impatto sull esercizio precedente avviene contabilmente registrando la variazione nelle riserve. In esse è accolto l utile degli esercizidegli anni passati. Infine, nella colonna (5) gli effetti dell eliminazione della partecipazione sono rovesciati sotto forma della nuova quota di ammortamento sui plusvalori. Tale effetto impatta sul conto economico e quindi sul risultato d esercizio. 18

19 Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Eliminazione Ammortamento partecipazione plusvalori (1) (2) Trascinamento rettifica eliminazione partecipazioni (3) Trascinamento ammortamento plusvalenze (4) Rovesciamento dei plusvalori (5) Ricavi Costi A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Attività fiscali differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio i netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti 2000 Totale passivo e netto

20 Svolgimento (anno X + 2) Nelle colonne 6, 7 e 8 si trascinano gli effetti delle rettifiche riportate nelle colonne 3, 4 e 5 del foglio di lavoro relativo all esercizio X + 1. L ultimacolonna(9)riportalarettificadirovesciamento relativa alla nuova quota di ammortamento sui plusvalori (relativa all esercizio X + 2) N.B. Man mano che si procede con gli esercizi successivi, si procede anche con l ammortamento dei plusvalori rilevati, fino a quando quindi ultimi non risulteranno completamente ammortizzati (assorbiti) 20

21 Rettifiche anno x + 2 Trascinamento delle rettifiche dell anno X+1 (6) Trascinamento delle rettifiche dell anno X+1 (7) Trascinamento delle rettifiche dell anno X+1 (8) Rovesciamento relativo alla nuova quota di ammortamento t sui plusvalori Ricavi Costi +300 A B -300 Proventi e oneri finanziarii i Risultato ante imposte -300 Imposte 50% -150 Risultato netto -150 Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Attività fiscali differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio -150 Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti 2000 Totale passivo e netto

22 L eliminazione dei costi e ricavi, crediti e debiti infragruppo negli esercizi successivi al primo I costi e i ricavi, i crediti e i debiti reciproci, qualora i valori risultino i già riconciliati, ili i non danno luogo a rettifiche di trascinamento o di rovesciamento negli esercizi successivi a quelli in cui si è provveduto ad eliminarli. 22

23 L eliminazione di utili/perdite infragruppo negli esercizi successivi al primo L eliminazione li i i di utili e/o perdite infragruppo impattano sul risultato d esercizio consolidato. Si rende quindi necessario evidenziare tali effetti anche negli esercizi successivi a quelli in cui sono stati rilevati. Concretamente ciò avviene apportando le opportune variazioni alle riserve oppure agli utili o perdite portate a nuovo a seconda di dove siano stati contabilizzati 23

24 Esercitazione: eliminazione degli utili infragruppo inclusi nelle rimanenze: effetti sugli esercizi successivi al primo La società itàalfa dti detiene una partecipazione i totalitariat i nella società Beta. Nel corso dell esercizio la società Beta ha venduto ad Alfa al prezzo unitario di 100 n. 200 unità di merce acquistate precedentemente da un azienda esterna al costo unitario di 80. In data dalla contabilità di magazzino di Alfa risulta che solo il 40% della merce è stato venduto a terzi (il debito di Alfa verso Beta risulta regolato). Utilizzando il foglio di lavoro di seguito riportato t si effettuino le sole operazioni di consolidamento relative all operazione descritta. Si tenga presente che le società del gruppo sono gravate da un aliquota fiscale pari al 50%. 24

25 Ricavi Costi (inclusa variazione delle rimanenze) A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Attività fiscali differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Eliminazione degli utili infragruppo (1) Trascinamento rettifica (2) Rovesciamento rettifica (3) 25

26 Svolgimento Con la rettifica (1) si provvede a eliminare gli utili infragruppo (100 80=20 ; 20x200=4000 ; 4000x60%=2400) Con la rettifica (2) si trascinano gli effetti della prima rettifica. Nell esercizio precedente si è ridotto il valore delle rimanenze finali di Questo comporta una riduzione del reddito d esercizio dell anno precedente, che si riflette in quello successivo per mezzo di una opportuna variazione delle riserve. Si deve inoltre tenere conto degli effetti fiscali differiti (crediti per imposte anticipate). Con la rettifica (3) si rovesciano gli effetti della rettifica. Le minori rimanenze finali si traducono in minori rimanenze iniziali per l anno successivo. Questo comporta una riduzione dei costi per 2400 e lo storno della precedente riduzione delle rimanenze finali nello SP. Questa rettifica comporta un aumento degli utili ante imposte consolidato dell anno x+1. Occorre tener conto anche degli effetti fiscali differiti. A tali imposte si correla lo storno delle attività per imposte anticipate precedentemente riconosciuto in sede di trascinamento. 26

27 Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Eliminazione degli utili infragruppo (1) Trascinamento rettifica (2) Rovesciamento rettifica (3) Ricavi Costi (inclusa variazione delle rimanenze) A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Crediti per imposte anticipate Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto

28 Esercitazione:eliminazione di utili infragruppo inclusi nelle immobilizzazioni: effetti sugli esercizi successivi al primo La società Alfa detiene una partecipazione totalitaria nella società Beta. All inizio dell esercizio esercizio X la società Alfa ha venduto un impianto a Beta per 4000 euro. L impianto risulta in parte già ammortizzato e iscritto in contabilità ai seguenti valori: Costo storico 6000 Fondo Ammortamento 3600 Valore netto contabile 2400 A fine esercizio l impanto risulta essere ancora contabilizzato nel bilancio di Beta. La Società Alfa ammortizzava l impanto al 10% annuo a quote costanti (6000:10=600). La Società Beta, invece, ammortizza l impianto ad una aliquota del 20% sempre a quote costanti (4000:5=800). Si tenga presente che le società del gruppo sono gravate da un aliquota fiscale parial al 50%. Si provveda ad eliminare la plusvalenza interna pari a 1600, calcolata come di seguito: Plusvalenza = Valore di vendita valore residuo contabile 1600 = e all aggiustamento degli ammortamenti al fine di pervenire alla redazione del bilancio consolidato 28

29 Svolgimento Con leprime due rettifiche si provvede rispettivamente t a stornare l utile infragruppo (plusvalenza) e ad adeguare gli ammortamenti (maggiori ammortamenti di 200= ), come se l operazione di cessione non fossemai avvenuta. Con la rettifica (3) si provvede a trascinare la rettifica che storna le plusvalenze. Con la rettifica (4) si provvede a trascinare la rettifica relativa all aggiustamento della quota di ammortamento rilevata da Betanell esercizio i X. Con larettifica (5) si rileva il rovesciamento della rettifica (1) tramite l aggiustamento della nuova quota di ammortamento rilevata da Beta. 29

30 Eliminazione della plusvalenza infragruppo (1) Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Adeguamento ammortamenti (2) Trascinamento Eliminazione della plusvalenza infragruppo (3) Trascinamento adeguamento ammortamento (4) Rovesciamento della rettifica (1) tramite rilevazione nuova quota di ammortamento rilevata da Beta (5) Ricavi Costi A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Crediti i per imposte anticipate ii Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto

31 Eliminazione dei dividendi infragruppo negli esercizi successivi al primo Lo storno deidividendiid infragruppo è una operazione necessaria per evitare una doppia contabilizzazione a conto economico dello stesso importo in esercizi consecutivi, prima sotto forma di utili dell impresa controllata che li ha distribuiti, poi sotto forma di dividendi dell impresa che li ha incassati. La rettifica di trascinamento dell eliminazione dei dividendi infragruppo si rende necessaria solo in presenza di minoranze azionarie. Invero, nell ipotesi di una distribuzione di utili in presenza di un controllo totalitario, il trascinamento della rettifica negli anni successivi si traduce in una compensazione all interno delle riserve. La presenza di terzi richiede lo storno della quota di dividendi di competenza delle minoranze dal patrimonio netto, in modo tale che il patrimonio netto di terzi venga calcolatosuleffettivopatrimonio netto di Beta. 31

32 Esercitazione: eliminazione dei dividendi infragruppo in presenza di minoranze: rettifiche di trascinamento La società Alfa detiene una partecipazione i dl del 60% in Beta, società consolidata integralmente. Durante l esercizio X la controllata Beta utilizza riserve accumulate durante l esercizio precedente per la distribuzione di un dividendo complessivo pari a Alfa contabilizza l importo ricevuto tra i proventi finanziari. Prescindendo dalle problematiche fiscali si rediga il bilancio consolidato. 32

33 Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Ricavi Costi A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Crediti per imposte differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto Eliminazione dei dividendi infragruppo (1) Trascinamento dell eliminazione dei dividendi infragruppo e attribuzione dell utile alle minoranze (2) 33

34 Svolgimento Con la rettifica (1) si eliminano i dividendi infragruppo (2000x60%=1200). Contabilmente ciò avviene con la ricostruzione delle riserve della controllata (2000) che ha distribuito i dividendi e l eliminazione del provento finanziario rilevato dalla capogruppo (1200). Inoltre si riconosce la parte di dividendo di spettanza delle minoranze (2000x40%=800). Con la rettifica (2) si è trascinato nell esercizio X + 1 la rettifica (1), ossia lo storno dei dividendi infragruppo. Come tutte le rettifiche di trascinamento, anche questa impatta sul risultato d esercizio precedente e quindi sulle riserve del nuovo bilancio. Se la capogruppo avesse detenuto il 100% della partecipazione non ci sarebbe stato bisogno ditrascinare la relativa rettifica. Poiché si è in presenza di terzi si rende tuttavia necessario stornare la quota dei dividendi a loro distribuiti dal relativo patrimonio netto in modo da giungere ad un consolidato in cui il patrimonio di pertinenza dei terzi sia coerente con quello che risulta nel bilancio della controllata, al netto dei dividendi da questa già distribuiti. 34

35 Rettifiche anno x Rettifiche anno x + 1 Eliminazione dei dividendi infragruppo (1) Ricavi Costi A B Proventi e oneri finanziari Risultato ante imposte Imposte 50% Risultato netto Attività: Immobili, impianti e macchinari Trascinamento dell eliminazione dei dividendi infragruppo e attribuzione dell utile alle minoranze (2) Avviamento Altre Immobilizzazioni immateriali Partecipazioni Crediti per imposte differite Rimanenze Crediti commerciali Disponibilità liquide e altre attività Totale attivo 0 0 Patrimonio netto della capogruppo Capitale sociale Riserve Risultato di esercizio Patrimonio netto di terzi Capitale e riserve Passività: Fondi oneri e rischi Fondo imposte differite passive Debiti commerciali Altre passività correnti Totale passivo e netto

36 Attribuzione del risultato di terzi negli esercizi successivi al primo La società Alfa detiene una partecipazione i dl60% del in Beta. Si ipotizzi che, al fine della redazione del bilancio consolidato al X, 12 sia stata attribuita ai terzi una quota del risultato consolidato pari a 800. Tale quota tiene già conto delle rettifiche di consolidamento apportate in sede di redazione del consolidato dell esercizio X e aventi impatto sul risultato dei terzi. Si riportano di seguito le rettifiche relative all attribuzione del risultato dell esercizio X di pertinenza dei terzi, e quelle di trascinamento t da effettuare ai finii della redazione del consolidato nell esercizio X

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE

IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE ALESSANDRO MONTRONE * Il contenuto del bilancio di gruppo si caratterizza per la presenza di alcune voci peculiari;

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1 PARTECIPAZIONI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Art. 2424 b iii immobilizzazioni finanziarie. Partecipazioni Crediti Altri

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Matteo Pozzoli Premessa: La presente dispensa è specificamente indirizzata agli studenti del corso di Contabilità e Bilancio per i percorsi MII e

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Gli interessi legali di mora ex D.Lgs. n. 231/2002 così come modificato dal D.Lgs. n. 192/2012 sono

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli