ll Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards alla Fonderie di Le Mans

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ll Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards alla Fonderie di Le Mans"

Transcript

1 ll Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards alla Fonderie di Le Mans Gruppo di lavoro: Claudia D Angelo, Ginevra Giachetti, Giulia Randone, Valerio Rupo, Matteo Tubiana, Giulia Vaudagna. Traduzione dal francese di Claudia D Angelo. Fotografie di Giulia Randone. Un gruppo di studenti dell Università di Torino, allievi del Prof. Antonio Attisani, è stato invitato a trascorrere un mese di studio, dal 13 giugno al 17 luglio, presso la Fonderie di Le Mans (Francia), che in quel periodo ospitava il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards. Nell articolo che segue, proponiamo un sintetico resoconto dell esperienza e un intervista con Laurence Chable, storica attrice del Théâtre du Radeau e tra le fondatrici della Fonderie, un «luogo di creazione, di lavoro, di incontro, di scambio, d esperienza» che dovrebbe costituire un modello per chiunque fosse interessato al teatro, all arte e alla relazione tra esseri umani. Alla memoria di Lisa Wolford Wylam ( ) Nei mesi di giugno e luglio del 2011 il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards ha trascorso un periodo di residenza presso la Fonderie di Le Mans, Francia, su invito di Laurence Chable e François Tanguy, del Théâtre du Radeau. Uno scorcio della Grande Salle alla Fonderie. Nell arco di un mese gli spazi della Fonderie hanno ospitato un fitto calendario di spettacoli e performance, seminari teorici e pratici, proiezioni di film, discussioni e un simposio internazionale. Erano presenti molti artisti e studiosi di queste realtà e anche un gruppo di studenti dell Università di Torino con il loro docente di Storia del teatro, Antonio Attisani, storico compagno di strada del Radeau prima e del Workcenter poi. In questa cornice, il gruppo di lavoro denominato Open Program, guidato da Mario Biagini, ha mostrato le sue creazioni I am America, Not History s Bones But Vocal Tones, Electric Party Songs ed Electric Party, mentre il Focused Research Team on Art as Vehicle, con la guida di Thomas Richards, ha proposto The Living Room. Gli ospiti hanno avuto anche la rara opportunità di vedere e discutere le registrazioni audiovisive di alcuni spettacoli di Jerzy Grotowski Akropolis, Il principe costante, Apocalypsis cum Figuris e un documentario sui luoghi d infanzia del regista polacco e del lavoro di Thomas Richards e Mario Biagini negli anni in cui Grotowski era ancora vivo (Art as Vehicle, del 1989) e in epoca successiva (Action in Aya Irini e Action in Vallicelle, 2004 e 2006, e Dies Irae: The Preposterous Theatrum Interioris Show del 2006). 1

2 Vale la pena segnalare ancora due momenti. Il primo è il dibattito che si è svolto a inizio luglio e che ha visto la partecipazione di numerosi amici e conoscenti delle due formazioni teatrali, e di diversi studiosi e praticanti delle arti dinamiche. La discussione ha preso l avvio da due interrogativi: «Quali sono le relazioni tra la ricerca condotta al Workcenter e la nostra comprensione del teatro come lo conosciamo oggi?» e «Qual è la correlazione, l identificazione possibile, al di là del mestiere di artista, tra il processo di questa ricerca e me stesso in quanto individuo e cittadino?». Hanno provato a rispondere a queste domande, tra gli altri, i filosofi Carlo Sini, Florinda Cambria e Bruno Tackels, alcuni rappresentanti dell IMEC (Institut Mémoires de l Édition Contemporaine) e dello Spectacle Laboratoire (collettivo di attori e registi guidati da Anatolij Vassiliev) e gli studiosi Jean-Paul Manganaro, Tatiana Motta Lima e Fernando Mencarelli. Alcuni degli ospiti del simposio internazionale. Da sinistra: Carlo Sini, Dominique Bénard, Mario Biagini, Florinda Cambria, Thomas Richards, Bruno Tackels, Antonio Attisani, Tatiana Motta Lima, François Kahn e Fernando Mencarelli. Il secondo appuntamento che ci preme ricordare ha avuto luogo all Espal, il teatro costruito nei Sablons, uno dei quartieri più disagiati e problematici di Le Mans. L Espal è un organizzazione attiva nella città, che promuove non solo il teatro come sede d incontro, quindi fucina di cittadinanza, ma anche molte attività di recupero rivolte alla realtà difficile del quartiere. Grazie a Electric Party Songs la presenza del Workcenter ha dato modo a molti operatori del volontariato, che collaborano con l Espal, di confrontarsi in un atmosfera festosa. La residenza del Workcenter a Le Mans avrà una seconda tappa all inizio dell anno prossimo. 2

3 Abbiamo pensato che il modo più efficace e sintetico per riferire di questa esperienza sia quello di proporre un intervista con Laurence Chable nella quale si toccano tutti i temi fondamentali sollevati in questo incrocio di esperienze. 1 Puoi raccontarci la storia della Fonderie? Laurence Chable: È stato il Radeau a venire qui per primo. Eravamo già stati in diversi garage per auto, uno dopo l altro, la città ce li prestava perché stavano per essere demoliti. Siamo arrivati qui quasi per caso. Credo fosse il Dovete immaginare questo spazio senza pareti divisorie, fatta eccezione per alcuni stanzini, come nella Salle Noire, dove ce n è ancora uno con una porta e alcune piccole finestre. Abbiano iniziato occupando una parte della Salle Noire, ma in modo estremamente precario. A separarci dal resto c era una tenda, non avevamo il riscaldamento, non avevamo attrezzatura, soltanto un vecchio registratore e qualche riflettore. Questo mentre intorno c erano attività legate alla città: questo garage per autoveicoli era appena stato acquistato dalla comunità urbana, ovvero dal comune di Le Mans e dai comuni limitrofi. Per esempio in quello che è diventato il refettorio ci tenevano le uniformi dei pompieri, di fianco a noi c erano autobus, spazzaneve; dove ora ci sono le camere c erano uffici in cui lavorava il personale dell amministrazione municipale. Quindi c era una vita intorno e noi eravamo in tutto questo: nel fumo quando partiva l autobus, nel rumore. E all inizio eravamo convinti di non restare, di trovarci qui provvisoriamente. Lavoravamo su Shakespeare, in quel momento su Sogno di una notte di mezza estate. Incontrammo il direttore del Teatro al Ministero della Cultura, Robert Abirached, un grande uomo, molto conosciuto nel mondo del teatro europeo e una figura molto importante. Ci disse: «Se volete, posso aiutarvi. Non per farvi avere denaro per il funzionamento, ma se trovate un luogo, uno spazio in cui sistemarvi». Ha funzionato, con François (Tanguy) abbiamo iniziato a cercare spazi in città, poi improvvisamente ci siamo chiesti perché non fare richiesta per iniziare a costruire qualcosa in quello che all epoca chiamavamo il garage. La parola Fonderie non esisteva. Abbiamo fatto una prima proposta di lavori, un dossier in cui collaboravano il ministero, la città, il dipartimento e la regione. Così è stata costruita una prima parte, che corrisponde al cucinino con l ufficio al piano di sopra, alla sala mensa e a circa metà della Grande Salle in cui ci troviamo. Era uno spazio che serviva esclusivamente alle prove del Théâtre du Radeau. Non ricordo mai le date, potrebbe essere che tutto questo abbia avuto inizio nel Così avevamo un primo spazio. Con il tempo ci siamo detti che andava molto bene avere una sala prove, ma c era bisogno di aprire al pubblico. Abbiamo rifatto una richiesta per aprire al pubblico e abbiamo spostato il muro per fare la Grande Salle. Ci siamo accorti che man mano il luogo si svuotava dei servizi per la città e che esisteva un progetto demenziale, che prevedeva una sorta di atelier di artisti diversi e un museo fotografico finanziato dalla Kodak. Una cosa immonda. Ci siamo detti che era ora di 1 3

4 reagire, perché ci eravamo resi conto di avere voglia di vicinanza, di non essere soli e che a quel punto toccava a noi riflettere sul resto dello spazio. C era un tacito accordo, non scritto, con il presidente della comunità urbana dell epoca, che ci sosteneva e che poi è diventato sindaco. Ci disse: «Ascoltate, se volete continuare con questa politica, utilizzando degli spazi per creare, fatelo. Quando uno spazio si libera, occupatelo. Fateci dentro delle cose, mostrando che quello spazio vi è utile, e poi facciamo il dossier per assegnarvelo, per abilitarvi a farlo». Questo tacito accordo è valso circa otto o dieci anni. In questi dieci anni ci sono stati tre o quattro volte i lavori, ogni volta un dossier, che hanno permesso poco a poco di far nascere la Fonderie. Abbiamo spiegato che il Théâtre du Radeau non voleva restare solo, che volevamo incontrare altre persone, permettere ad altri artisti di venire e vivere con noi. E abbiamo finito per chiamare tutto ciò Fonderie, perché questa succursale Renault era stata una fonderia, la via si chiamava rue de la Fonderie e c era una fonderia anche dall altra parte della strada. In tutto ciò la fortuna è stata che le cose non sono andate come avviene di solito quando nelle città si creano spazi definiti culturali o teatrali: in questi casi ogni volta c è un sorta di progetto con un architetto della città o con un architetto noto, che lavora con il sindaco per fabbricare vetrine, in una visione dall esterno. La nostra fortuna e la nostra volontà sono state che, dal momento in cui abbiamo trovato questo accordo con il presidente della comunità urbana, ogni volta che abbiamo aperto un nuovo spazio, sapevamo perché lo facevamo, e che questo tempo, circa dieci anni, ci ha permesso di pensare le cose a partire dalle necessità della scena. Tutto in una visione non esteriore, ma partendo dai bisogni più elementari. Quando si inizia a lavorare e si desidera essere il più autonomi possibile si comprano macchine per tagliare il legno per esempio, per costruirsi le scenografie; abbiamo comprato dei proiettori e abbiamo creato il luogo in cui costruire. Avevamo bisogno dei costumi, quindi ci serviva un posto per fare i costumi. Ci voleva un ufficio, ma doveva essere vicino, perché le persone che ci lavoravano non dovevano essere lontane dalle prove, soprattutto se a lavorare nell ufficio eravamo noi stessi. Quindi era anche una questione legata a ciò che è una compagnia. In Francia i teatri e le maison de la culture funzionano per qualche anno con compagnie permanenti, ma più i luoghi si arricchiscono, più si svuotano degli artisti. Si creano staff di tecnici, una segreteria per le relazioni pubbliche, con la caffetteria gestita dal commerciante all angolo, ma si separano le persone, si svuotano i luoghi della loro vita, della ragione primaria per la quale esistono. Si pensa al pubblico, a far piacere al pubblico, a come accoglierlo, si mette la moquette dappertutto, i cordoni per impedire che gli spettatori vadano di qua e di là. Noi per esempio abbiamo lottato molto per lavori come il riscaldamento, le tubature, forniti dalla città o da imprese sostenute dalla città, mentre per tutto il resto abbiamo detto: «No, lo facciamo noi». Siamo stati noi a fare le assi del pavimento, abbiamo rivestito questa sala con il legno. Se li avessimo ascoltati, il bar sembrerebbe un reparto maternità, con la maiolica dappertutto, perché deve essere pulito, igienico, e noi lo abbiamo ricoperto di assi di legno. Dovevamo lottare ogni volta. Andando avanti ci siamo resi conto che si trattava di 4

5 lavorare, costruire, mangiare, dormire. Questo che cosa significa? Come può fluire? La Fonderie si è costituita così: a partire dalle necessità. Se arrivano artisti da fuori, è molto più intelligente mangiare con loro, stare con loro, trascorrere insieme questi momenti, che sono molto importanti. Tutti questi interstizi Permettere loro di costruire senza essere costretti a chiedere aiuto all esterno. Bisogna sempre osservare, fare domande, essere critici e non funzionare su commissione. Sono cose molto semplici. Se vengo da lontano, è molto più economico stare qui che mangiare al ristorante e andare a dormire in albergo. Tutto ciò inoltre crea una vita, è qui che nasce la questione dello strumento. Che cos è? Nelle grandi maison tutto ciò si è sclerotizzato o è diventato molto corporativo (i tecnici, tutto sotto chiave), noi ci siamo detti: «Qui deve essere aperto, non chiuso a chiave». Non puoi andare in nessun teatro in Francia senza scontrarti con il fatto che l ufficio chiude, che è chiuso a chiave, e che se vedi un attore con un martello gli chiedi e ti chiedi che cosa stia facendo La prima volta che abbiamo portato il lavoro a Strasburgo il teatro nazionale della città montava le scenografie; dopo due giorni i tecnici del teatro ci hanno chiesto: «Ma quando arrivano gli attori?», abbiamo risposto: «Siamo qui». Stavamo montando le scenografie con loro, e allora? Tutto ciò ha molto alimentato la riflessione. Sì è trattato di andare sempre verso la semplicità. Semplicità è una bella parola, ma bisogna metterla all opera. Se parliamo di autonomia, significa che le persone che vengono a lavorare qui non sono semplici dipendenti, certo, ci sono alcuni responsabili. All inizio non c era il responsabile tecnico, ognuno faceva ciò che poteva, ma accogliere e rendere responsabili dello strumento, rendere le persone autonome sono gesti importanti. Bisogna rispettare il tempo del lavoro; in qualunque teatro francese, alle sei, se non c è un apertura al pubblico, ti si dice che è tutto finito, i tecnici se ne vanno, non si può più provare. Qui se le persone vogliono provare fino all una di notte provano fino a quell ora, sono loro a spegnere le luci, a chiudere le porte, sono loro a controllare, a verificare il buon funzionamento dello strumento. La Fonderie è tutto questo: il modo in cui ri-poniamo le necessità a partire dal palcoscenico, il modo in cui ci si guarda reciprocamente, il modo in cui, se non c è un rapporto di dipendenza, le cose vibrano. Significa che un attore può partecipare alla costruzione di una scenografia, e non è questione di doveri o di imposizioni, è un modo di considerare le cose. E ci si rende conto che le persone che vengono a lavorare qui, coinvolte in questo flusso, sono portate a porsi diversamente la questione del loro essere in scena. Non ci si limita ad aprire la porta e andare in scena, dicendo buongiorno al guardiano, al pubblico, al segretario... è qualcos altro. Tutto circola diversamente, ci si incontra, ci si perde. È uno spazio pieno di piccole cellule, come ciò che stiamo facendo qui adesso, che non impedisce che qui di fianco ci sia l Open Program che prova. Si tratta anche di ritmi. È questo che ci interessava: trovare il modo di abbattere frontiere che sono state create poco per volta, erette, organizzate in luoghi dei quali si dice che sono centri di un pensiero critico e dove in realtà si fa esattamente il contrario, con una gerarchia di programmazione: magari c è una persona preposta a occuparsi dei bisogni della compagnia, cosa che va bene, è molto gentile, ma lì la gentilezza diventa una professione. Nei luoghi istituzionali ci sono ragazze pagate per essere gentili con le compagnie; queste cose 5

6 diventano uno status, lo status diventa una mia proprietà, la mia funzione: è spaventoso, toglie tutto l ossigeno della vita normale. Quando le persone dicono che questo posto è eccezionale io dico che è normale, ciò che accade qui è normale. Diversamente non ha senso. Ecco come è stata fatta la Fonderie, tecnicamente e in una economia davvero incredibile. Oggi ci vorrebbero milioni e milioni di euro. All epoca, negli anni ottanta e novanta, si parlava di meno di nove milioni di franchi. Anche questo fa parte della politica, significa che anche se non abbiamo il controllo degli appalti, l abbiamo avuto per la Caisse à musique, abbiamo sempre fatto in modo di poter sorvegliare le cifre e di fare sempre economia. Sono soldi pubblici, abbiamo fatto in modo che non mettessero la moquette dappertutto... Certo, bisogna controllare tutto ciò che riguarda la sicurezza, le porte anti-incendio eccetera, che costano una fortuna, è obbligatorio. Ma nel gesto bisogna resistere a qualcosa. Una notte per esempio, tornavamo da una tournée e scoprimmo che avevano murato la porta tra l ufficio e il petit bar. Abbiamo abbattuto il muro e rimesso la porta. Se lasci fare viene fuori di tutto e ha un costo folle. Non sono soldi della Fonderie, sono soldi pubblici. Anche la questione economica diventa una questione politica. E la questione politica è legata alla questione del gesto: come fare, a che ritmo fare, chi fa che cosa. Non è che perché sei attrice aspetti con le tue scarpette l arrivo della costumista, controlli anche se ci sono cose da lavare. L istituzione è questo ora. Anche questo è politica. E significa che una compagnia di passaggio può partecipare, verniciare una porta, posare le assi, non è andare a lavorare in banca. Come siete arrivati a creare il Radeau? Questa è ancora un altra storia. È stato con un amico, in una maison des jeunes et de la culture che esiste ancora. Volevamo lavorare su Woyzeck e abbiamo messo un annuncio su un giornale: «Chi vuole lavorare con noi su Woyzeck?». Ci siamo ritrovati in trenta. In città non c era niente, a parte il teatro di strada. Abbiamo sperimentato così, per tre o quattro anni, è stato meraviglioso. È stato così anche perché il direttore ci lasciava fare tutto, potevamo stampare i volantini di notte per esempio. Avrebbero dovuto dirci di andarcene, non avevamo le chiavi. C era una vecchia tipografia di giornali, con tutte le letterine in piombo; imparare a fare tutto ciò, costruire le necessità, non ci rivolgiamo costantemente a uno specialista. Visto che non si tratta di chirurgia, puoi permetterti di fare cose diverse, impari. Io ho imparato subito il lavoro collettivo, per questo non ho voluto frequentare una scuola per attori. È enormemente più interessante imparare la vita insieme. Facevamo anche la programmazione, il direttore ci permetteva di invitare delle compagnie, è stato davvero importante. François è arrivato nel Che cosa è successo con queste trenta persone? 6

7 Abbiamo lavorato su Büchner, Brecht, Marivaux Quando la città è passata a sinistra volevano fare un festival di poesia locale, noi abbiamo detto che non ci interessava, che però c erano persone arrestate in Marocco, in Sudafrica, nelle prigioni di Mosca, in Argentina e in Cile. Abbiamo annunciato: «Noi parliamo di questo». Abbiamo mostrato film proibiti, abbiamo fatto venire persone che lavoravano con Armand Gatti per andare oltre, visto che la città era passata a sinistra. Era il momento di farsi molte domande. Per questo festival di poesia abbiamo fatto uno spettacolo che si chiamava Poète non-ministrable. È andato bene, bisognava trasgredire, non è che perché è una città di sinistra bisogna compiacere, era questa la questione. Come è nata l idea di invitare il Workcenter? Abbiamo conosciuto Mario (Biagini) quando abbiamo fatto Coda, quindi sette anni fa. Mario era venuto con Paola (Nervi) e ci siamo conosciuti. Thomas è venuto dopo, era andato all IMEC e Mario gli aveva detto di fermarsi alla Fonderie. Né io né François conoscevamo il lavoro. Ovviamente avevo sentito parlare di Grotowski, avevo degli amici, registi, attori, che lo avevano incontrato. Io non l ho mai incontrato, neanche a una conferenza, mai. Non ne sapevo nulla, e neanche François. Un giorno Antonio (Attisani) e Paola sono venuti da noi, Antonio mi ha raccontato che andava spesso a Pontedera e mi ha detto: «Bisogna fare qualcosa con il Workcenter». Eravamo tutti e quattro intorno a un tavolo, Antonio, Paola, François ed io, e ci siamo detti: «Voilà, bisogna farli venire». Ci avevamo già pensato due anni fa, poi non è stato possibile. Ho parlato con Thomas (Richards) e sono andata a Torino. Ho visto il film di Dies Iræ all università e a teatro ho visto I am America, poi con Marc (Pérennès) sono tornata a Pontedera. Marc ha cercato i fondi e, voilà, abbiamo iniziato a lavorare, lavorare, lavorare. E riprendiamo l anno prossimo. E la tente? La tente è arrivata nel È una storia molto legata a François. La Fonderie era molto occupata e quando il Radeau iniziava una creazione di solito ci volevano nove mesi. Non volevamo nessuno. Invadevamo tutto e non c erano ancora tutti questi spazi, non c era il mezzanino, non c era il refettorio. Questa è una delle ragioni. Avevamo incontrato il Théâtre Dromesko, non so se lo conoscete. Ci siamo trovati a Rennes, François voleva lasciare il teatro. Noi recitiamo per duecento spettatori al massimo, quindi bisognava sempre dividere la sala, era complicato e François era diventato abbastanza radicale in questo suo 7

8 proposito. Sognava ciò che chiamavamo il campement, l accampamento. Abbiamo iniziato a viaggiare insieme, con Igor e Lili (Dromesko), con la Baraque di Dromesko. Il ministero ci ha aiutato a comprare questa tente, a farla costruire per essere più precisi. Ha viaggiato, è andata a Bruxelles, a Bordeaux, a Weimar, a Praga, a Venezia, a Strasburgo, a Nancy, a Montpellier, a Marsiglia. A volte con tutto il campement, altre da sola, soltanto con noi. Ora viaggia molto meno, costa troppo, è il luogo di creazione del Radeau. Da quando esiste non siamo mai tornati a creare qui alla Fonderie. Proviamo sempre nella tente. François ci tiene, vuole essere autonomo, tranquillo, poter lavorare solo la notte. Per il Brasile cosa avete fatto? Quando si va così lontano è impossibile portare la tente, è impossibile farle attraversare l oceano, costa davvero troppo. Ancora una volta, non possiamo, anche se ci sono sistemi di sovvenzione, arriva il momento di riflettere e non di sperperare soldi in questo modo. Quando siamo andati in Brasile abbiamo mostrato il lavoro in un posto molto bello, magnifico. Se ci sono le condizioni non è necessario. Qual è il rapporto tra Radeau e Fonderie? Sono due identità giuridiche distinte, sono due associazioni che hanno finanziamenti particolari. Uno è per la creazione, il Radeau, che funziona con i festival e le tournée. La Fonderie è legata al funzionamento, che costa molto: il riscaldamento, l elettricità... A livello di stipendi, fatta eccezione per l équipe de création, negli uffici ci sono alcune persone pagate dal Radeau, altre pagate dalla Fonderie, ma lavorano per entrambi, in base alle necessità del momento. In cambio dei finanziamenti vi si chiede qualcosa? No, non lo ha mai fatto nessuno. È una fortuna straordinaria. Con il passare degli anni si sono sempre fidati di noi. Sempre. Hanno sempre accettato di concedere i finanziamenti. Va detto che la città non ha aumentato la sua sovvenzione dal 1993, questo significa che l ha ridotta. Per il ministero è diverso, per molti anni la regione ha completamente ignorato la Fonderie, da quattro o cinque anni la sovvenziona. Il consiglio regionale ha concesso un finanziamento 8

9 eccezionale per il Workcenter. Anche se ci sono molte sovvenzioni, tutto funziona in economia. Se mettiamo a confronto le sovvenzioni che arrivano qui con quelle di un Centre Dramatique National, il nostro è quattro o cinque volte inferiore. A livello di attività non è di più, è lo stesso, dal punto di vista dell intensità del lavoro, della forza del lavoro è enorme. Funzioniamo grazie alla intermittence du spectacle, che non esiste in Italia. Si tratta di un assicurazione sociale speciale, per gli artisti. È unica in Europa e vogliono eliminarla. Funzioniamo anche grazie a questo. Perché il Théâtre du Radeau si chiama così? L abbiamo chiamato così per ciò che è, una zattera (radeau) è qualcosa di precario, è fatta di assi di legno, è necessariamente contemporanea rispetto a ciò che passa, il vento, l acqua. Avevo proposto a François, quando è arrivato, quando era ormai chiaro che sarebbe stato il regista, che se il nome lo disturbava avrebbe potuto cambiarlo. All inizio disse di volerlo cambiare, poi invece: «No, lo teniamo». Chi ha scelto i testi di Ricercar [penultima creazione del Radeau]? È un processo molto lungo. Spesso è François a fare le proposte. La scelta parte da lui e si diffonde. Ci sono prove che possono essere fatte con alcune persone, due, tre o quattro. C era un frammento del filosofo danese Kierkegaard, abbiamo provato molto anche una cosa che non si vede, un dialogo con Cézanne, il pittore. Poi qualcosa prende forma e diventa una realtà di lavoro. È come un esercizio. Non è che se qualcosa funziona, diventa il tuo oggetto di lavoro. Ci vuole molto tempo. Sui frammenti si lavora in modo del tutto indipendente, come fossero cellule indipendenti. Poi François guarda come tutto ciò si fonde con lo spazio e decide che uno verrà prima e l altro dopo, questo qui, quello là. E ogni tanto: «Questo non esiste più», e gli attori piangono, sono frustrati. François costruisce l illuminazione, le scenografie, tutto? Tutto allo stesso tempo? Sì, François si occupa soprattutto dei materiali, dei telai per esempio. Ma poi, quando il lavoro inizia, è tutto lì e tutti gli elementi lavorano insieme. Questa è una fortuna. Dal momento in cui l attore mette piede in scena è già in costume, è in uno spazio, è nella luce e François lavora da 9

10 subito con le persone e sul suono. Il suono c è subito. Tutti gli elementi lavorano insieme fin dall inizio. È davvero una gran cosa. Per lui è indispensabile, penso che non potrebbe fare altrimenti. È lui che fa le luci, è lui che fa la scenografia. C è un rapporto molto stretto tra François e il tecnico del suono, è François che dice sì o no. Tutto ciò significa che François si occupa di molte cose, si può dire di tutto. Quindi è normale che qui, occupandosi di molte cose, senza fare appello a uno scenografo, a un creatore delle luci, a un creatore del suono o a una costumista, sia molto diverso rispetto a ciò che fanno molti registi, per i quali tutto ciò in genere avanza passo dopo passo, facendo sì che le fasi del lavoro siano in funzione del lavoro a fianco di ognuno degli artigiani. Qui è completamente diverso, perché è François a occuparsi di tutto, è possibile avere la percezione immediata degli elementi. Questo ti pone subito in una alterità: com è che sei di colpo in qualcosa? Questo ti guida, ti sostiene e forse ti dà anche una velocità. In effetti nel vostro lavoro si vede, c è qualcosa che vi attraversa e che attraversa la materia che è intorno a voi. Come hai trovato il workshop con Thomas Richards e il team che lavora con lui? È incredibile. È stato molto importante, perché volevo capire alcune cose. Avevo letto il libro di Thomas e avevo visto il lavoro. Ho visto The Living Room, I am America, Electric Party e volevo capire meglio il lavoro. Penso di esserci riuscita. È stato molto importante vedere Thomas lavorare con le persone. Vedere il loro corpo al lavoro, osservare le persone nel lavoro aiuta molto. Ritengo che Thomas sia incredibile, con la sua dolcezza e la sua disponibilità. Questa pedagogia, che incarnazione, che pazienza, è incredibile! E allo stesso tempo è cosi sicuro, così competente. Sono anni e anni di lavoro. Come Motion, quando l ho visto ero sbalordita, Mario mi ha detto che ci sono voluti anni di lavoro. Capisco la grandissima dolcezza esigente di Thomas: cinque giorni di seminario con Thomas e vedi gli anni di lavoro. Mi ha colpita molto Downstairs Action. Lo adoro, non saprei spiegare perché, mi ha colpita, si capiscono molte cose. Si capisce dove questa ricerca debba andare, questa ricerca che non finisce e che non si ferma mai. Lo trovo molto bello. Ciò che ho imparato è essenzialmente questa via di mezzo tra l aspetto del laboratorio, lavorare insieme senza essere visti, e tutto ciò che cambia nell approccio della percezione, nel momento in cui qualcuno è accolto a guardare. È davvero molto diverso da ciò che facciamo noi per esempio. Ci sono tutte queste parti della ricerca che sono esclusivamente interne. Persone che lavorano insieme. Ed è così lungo che il modo di accogliere colui che è chiamato spettatore è obbligatoriamente diverso. Questo mi interessa molto. La cosa che mi interessa più di tutte, che ho iniziato a capire durante il workshop con Thomas, è questo capovolgimento del canto. È esattamente il contrario di tutto ciò che si vede nel nostro 10

11 mondo occidentale in un coro che canta. È tutto il contrario, la questione del ritmo, quella che Thomas chiama la vita interiore del canto. Ed è magnifico, è splendido, unico. Non avevo mai visto niente di simile altrove. Dovrebbe lavorare con i cantanti lirici. Comunque i confronti vanno fatti soltanto se se ne sente davvero l esigenza, altrimenti tutto diventa letteratura. Per anni ci hanno messo a confronto con Kantor, con Bob Wilson. Era fastidioso, c erano i pannelli e tutti pensavano a Kantor, o perché in scena c erano dei manichini. Per quanto mi riguarda amo molto parlare del lavoro con François e Maguy Marin, con i danzatori, perché secondo me ci sono alcune cose in comune, sotterranee, nella percezione dell attore in scena e nel modo in cui ci si ferma prima di diventare virtuosi, prima di spingere la percezione. François si ferma sempre nel momento in cui c è ancora un po di goffaggine, prima che diventi illustrazione, laddove si sente ancora il peso del corpo. Con François non si deve arrivare a fare una immagine, mai recitare in una immagine. Note 1. Mentre per una panoramica critica delle recenti realizzazioni del Workcenter si rimanda a I sensi di un teatro, Bonanno, Acireale-Roma 2010, piccolo volume che raccoglie i testi di Lisa Wolford Wylam, Igor Stokfiszewski, Kris Salata, Iwona E. Rusek, Riccardo Facco, Florinda Cambria, Antonio Attisani. 11

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014

La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014 La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014 Intervista estratta dalla Tesi di Master in Teatro nel Sociale e Drammateriapia dal titolo: Teatro Sociale e Competenze Trasversali: per lo sviluppo degli

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

A cura di Mario Fortunato

A cura di Mario Fortunato MILENA AGUS VINCENZO CONSOLO IVAN COTRONEO ANDREA DE CARLO PAOLO DI PAOLO DACIA MARAINI MARIA PACE OTTIERI SANDRA PETRIGNANI PULSATILLA ELISABETTA RASY L ATTESA A cura di Mario Fortunato 2010 Fondazione

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

Test di progresso in italiano

Test di progresso in italiano Test di progresso in italiano 1. Noi le ragazze ungheresi. A) siete B) sono C) siamo D) sei 2. Giuseppe, sono senza soldi,..? A) ha 10 euro B) hai 10 euro C) ho 10 euro D) abbiamo 10 euro 3. -Cosa oggi

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Racconti fiabeschi, mostre, laboratori creativi, burattini, performance teatrali e narrative, eventi e libri che svelano magie

Racconti fiabeschi, mostre, laboratori creativi, burattini, performance teatrali e narrative, eventi e libri che svelano magie Associazione Agenzia Arcipelago Onlus Comune di Campodimele Festival internazionale della fiaba UN PAESE INCANTATO VIII edizione 2016 (diretto da Giuseppe ERRICO) Racconti fiabeschi, mostre, laboratori

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 Ho seguito, insieme ai miei alunni, due percorsi differenti che poi si

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers ( Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text FE Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato. Che serata magnifica!

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE...

Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE... Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE... Questo e' il primo reporter che rivelo per un perido di tempo limitato: ''Gratuitamente'' a seguire nelle pagine del sito troverai gli altri 6. @ Se tu

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

dialoghi d Ark Nardo Goffi Architetto presenta: dialoghi d Ark 7 giugno 2011 N a r d o G o f f i a r c h i t e t t o

dialoghi d Ark Nardo Goffi Architetto presenta: dialoghi d Ark 7 giugno 2011 N a r d o G o f f i a r c h i t e t t o dialoghi d Ark Nardo Goffi Architetto presenta: dialoghi d Ark 7 giugno 2011 N a r d o G o f f i a r c h i t e t t o 1 di: Lorenzo Piscopiello Nardo Goffi, classe 1966, dopo una rocambolesca esperienza

Dettagli

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni?

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Qualunque sia la tua risposta, Voglio una vita straordinaria è la strada giusta per trovare nuove energie e urlare: Voglio essere io il regista

Dettagli

COMMEDIA POLIZIESCO DI FANTASCIENZA THRILLER D AVVENTURA D AMORE. 1. Io l ho visto con mia sorella. a. Perché no?

COMMEDIA POLIZIESCO DI FANTASCIENZA THRILLER D AVVENTURA D AMORE. 1. Io l ho visto con mia sorella. a. Perché no? QUADERNO DEGLI ESERCIZI 3 Unità 1 1 Scrivete, per ogni genere, il titolo di due film che avete visto di recente o che vi sono piaciuti particolarmente. COMMEDIA POLIZIESCO DI FANTASCIENZA THRILLER D AVVENTURA

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia 35 Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia internet: www.teatrinodeifondi.it e-mail: cisd@teatrinodeifondi.it Gertjan Durmishi

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L

SCUOLA SECONDARIA I GRADO Gen E. Baldassarre Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015 Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio Gli alunni della 2^L La docente di lettere prof.ssa Alessandra de Robertis PRESENTANO

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore. di Salvatore Coddetta

L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore. di Salvatore Coddetta L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore di Salvatore Coddetta Estrarre i bisogni e le esigenze dei clienti potenziali acquirenti è uno degli aspetti più

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online PRONOMI RELATIVI E MISTI

www.iluss.it - Italiano online PRONOMI RELATIVI E MISTI I pronomi relativi rappresentano un nome o un intero concetto e mettono in relazione tra loro due proposizioni. I principali pronomi relativi sono: CHE, IL QUALE, LA QUALE, I QUALI, LE QUALI, CUI, CHI,

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli