Modelli di ottimizzazione per il controllo in tempo reale dei consumi energetici di utenti residenziali per le future Smart Grid

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modelli di ottimizzazione per il controllo in tempo reale dei consumi energetici di utenti residenziali per le future Smart Grid"

Transcript

1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Dipartimento di Elettronica e Informazione Modelli di ottimizzazione per il controllo in tempo reale dei consumi energetici di utenti residenziali per le future Smart Grid Relatore: Prof. Antonio CAPONE Correlatori: Dott. Antimo BARBATO Dott. Giuseppe CARPENTIERI Tesi di Laurea di: Marco LENTINI Matr Anno Accademico

2 Indice Elenco delle figure Elenco delle tabelle III IV Abstract 1 Sommario 2 Introduzione 3 1 Stato dell Arte Smart Grid Meccanismi di gestione dell energia per utenti residenziali BEE Project: Scenario Applicativo Sistemi di domotica BEE Project Modelli di gestione dell energia Introduzione ai modelli Formulazioni Definizione dei modelli di ottimizzazione Modelli on-line Singolo time slot con gestione batterie Multi-time slot con gestione batterie Singolo time slot con gestione batterie e scheduling delle attività. 44 I

3 3.5 Multi-time slot con gestione batterie e scheduling delle attività Fattore di comfort Test e risultati Scenari d uso Generazione dell errore Errore sulla predizione di energia prodotta Errore sullo scheduling delle attività Risultati numerici Errore sulla predizione di energia prodotta Errore sullo scheduling delle attività Conclusioni e sviluppi futuri 70 A Codice AMPL 74 A.1 Singolo time slot con gestione batterie A.2 Multi-time slot con gestione batterie A.3 Singolo time slot con gestione batterie e scheduling delle attività. 80 A.4 Multi-time slot con gestione batterie e scheduling delle attività.. 83 A.5 Fattore di comfort

4 Elenco delle figure 1.1 Esempio di Smart Grid Architettura del sistema BEE per una singola casa Esempio di profilo di carico di un attività Potenza generata nell arco della giornata da un pannello da 1 kwp Andamento percentuale dell errore sulla produzione da PV Errore sul PV: influenza dello scheduling nei vari modelli Errore sul PV: confronto fra i vari modelli proposti III

5 Elenco delle tabelle 4.1 Attività presenti nello scenario domestico Errore sul PV, singolo time slot con gestione batterie Errore sul PV, multi-time slot con gestione batterie Errore sul PV, singolo time slot gestione batterie e scheduling Errore sul PV, multi-time slot gestione batterie e scheduling Errore sul PV: fattore di comfort Errore sullo scheduling: istanze senza batterie Errore sullo scheduling: istanze con batterie Errore sullo scheduling: fattore di comfort IV

6 Abstract The management of the energy consumption of residential users, currently responsible for a significant portion of the world s energy consumption, can play a key role in improving the efficiency of the entire electrical system. Indeed, the optimization of houses energy plans can allow achieving positive effects for the grid performance, such as reducing the high peaks of the overall energy demand and facilitating the integration of renewable sources. To achieve these goals it s necessary to control home devices and storage systems in an intelligent way, through both the definition of energy plans for future periods and the real-time control of energy resources. In this work I propose some optimization models designed for efficiently managing, in real-time, the energy plan of residential buildings, taking into account also renewable energy sources and storage systems. These models, in particular, are used to react in real-time to events incorrectly predicted or not predictable, with the final goal of executing the energy plan previosuly defined in an off-line phase of the home energy management system. Finally, I show the results obtained from applying the proposed models on realistic data taken from the italian electricity market. 1

7 Sommario La gestione dei consumi e della produzione di energia di utenze residenziali, ad oggi tra le maggiori responsabili del consumo elettrico mondiale, assume un ruolo chiave per aumentare l efficienza dell intero sistema elettrico. Una gestione più efficiente delle risorse energetiche può permettere di ottenere effetti positivi per gli operatori di rete, quali, ad esempio, la riduzione dei picchi di potenza della domanda complessiva di energia o una maggiore facilità di integrazione di fonti rinnovabili. Per perseguire questo obiettivo è necessario controllare in maniera intelligente i dispositivi presenti nell abitazione e i sistemi di accumulo di energia, sia tramite la definizione di piani energetici per periodi futuri che attraverso il controllo in tempo reale delle risorse energetiche. In questo lavoro di tesi propongo dei modelli di ottimizzazione che consentono di gestire in maniera efficiente i dispositivi domestici, tenendo conto anche della presenza di fonti di energia rinnovabile e di sistemi di accumulo. Questi modelli, in particolare, sono utilizzati per reagire in tempo reale ad eventi erroneamente previsti o non predicibili, con l obiettivo finale di rispettare i piani energetici definiti in una precedente fase di lavoro del sistema domestico di gestione dell energia. Infine, si illustrano i risultati ottenuti dall applicazione di tali modelli sulla base di dati realistici ricavati dal mercato elettrico italiano. 2

8 Introduzione Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un crescente interesse verso l utilizzo di fonti di energia rinnovabili come solare ed eolico. In Europa, ad esempio, nel 2010 sono stati costruiti impianti per un totale di circa 58,8 GW di potenza, di cui il 40% da energie rinnovabili [1]. L utilizzo di tali fonti alternative, per loro natura discontinue e talvolta decentralizzate, rende necessario ripensare l intero sistema elettrico sulla base dei vincoli imposti dalla rete di distribuzione e dall integrazione della stessa con queste nuove fonti energetiche. In questo nuovo scenario che si va a delineare, i sistemi centralizzati su grande scala, come le centrali nucleari, e i sistemi decentrati dovranno necessariamente cooperare fra loro; questo permetterebbe di gestire efficacemente la discontinuità delle fonti rinnovabili e di far fronte a situazioni in cui le risorse locali non siano sufficienti. Un altra importante problematica associata alle reti elettriche attuali consiste nel sovradimensionamento delle reti stesse per sostenere i picchi di carico. Tale problema deriva sia dall assenza di batterie efficienti in grado di stabilizzare la produzione e distribuzione dell energia, sia alle caratteristiche intrinseche dei profili di domanda dell energia tipicamente anelastici e altamente correlati. La presenza di picchi di carico provoca un aumento notevole dei costi di costruzione e manutenzione delle infrastrutture, spesso sottoutilizzate durante i periodi non di punta. Infine, la rete elettrica tradizionale soffre di diversi problemi legati ad una distribuzione non efficiente. Una frazione considerevole di energia, infatti, viene sprecata a causa di perdite in fase di trasmissione ed erogazione [2]. Per far fronte a questi problemi si è reso necessario ripensare il concetto della 3

9 Introduzione rete elettrica tradizionale. Stiamo così assistendo ad una reingegnerizzazione della rete elettrica a favore di una struttura intelligente, detta Smart Grid. In questo nuovo scenario il singolo utente abbandona il ruolo passivo che rivestiva nelle reti elettriche tradizionali, diventando un attore principale. Grazie all utilizzo di smart meter, l utente è ora in grado di reperire in real-time dati sull attività ed il consumo energetico dei dispositivi all interno dell abitazione, e di fornire così alla rete informazioni utili ai distributori in fase di pianificazione. Questo approccio necessita di un integrazione efficiente tra le tecnologie dell informazione e le telecomunicazioni, in modo da rendere visibili e fruibili all utente i vantaggi derivanti dal nuovo sistema elettrico. Le Smart Grid, in particolare, abilitano una serie di meccanismi, quali ad esempio quelli relativi ad una gestione efficiente della domanda di energia (Demand Side Management, DSM), che svolgeranno un ruolo chiave per migliorare l efficienza della distribuzione di energia e il suo utilizzo. I sistemi DSM inoltre, possono essere utilizzati per massimizzare l utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili locali, che si trovano più vicine ai consumatori, riducendo così le perdite. Il settore residenziale rappresenta uno degli scenari più promettenti per l implementazione di sistemi DSM. Le abitazioni, infatti, costituiscono il 40% del consumo totale annuo nella maggior parte dei paesi occidentali [3][4]; una gestione più accurata della domanda può ridurre tale consumo. I sistemi DSM si differenziano in due principali categorie: off-line ed on-line. Nello scenario off-line, realizzato sulla base di previsioni su ciò che accadrà nel prossimo futuro (ad esempio, produzione da pannelli fotovoltaici e futuro utilizzo dei dispositivi), il sistema definisce il piano ottimale di energia per periodi a venire. Nel caso on-line invece, la gestione della domanda ha lo scopo di definire in tempo reale il piano energetico, sulla base della situazione reale del mercato dell energia e sulle effettive esigenze degli utenti. La rete può beneficiare di una gestione più efficiente delle proprie risorse tramite, ad esempio, la riduzione dei picchi di potenza assorbita dalla rete. In tal 4

10 Introduzione modo è possibile evitare sovraccarichi e cadute di tensione elettrica. In questo ambito si pone il BEE Project [5], un progetto di ricerca del Politecnico di Milano, che definisce dei modelli di ottimizzazione dei consumi energetici di utenze residenziali con l obiettivo di migliorare l efficienza della rete elettrica e di apportare benefici alle utenze stesse. A tal fine è stato definito un meccanismo DSM basato su modelli di ottimizzazione, con il compito di programmare, ogni giorno, l attività degli elettrodomestici nelle abitazioni e gli scambi con la rete per le successive 24 ore. In particolare, al fine di definire il piano energetico per il giorno successivo, i modelli di ottimizzazione necessitano delle previsioni sia sulla produzione di energia da pannelli fotovoltaici che sull utilizzo futuro dei dispositivi domestici. I risultati di questi modelli off-line sono dei profili energetici, utili al fornitore per ottimizzare la gestione della rete. Purtroppo le previsioni utilizzate dai modelli off-line non saranno mai al 100% corrette, poichè possono essere soggette ad errori dovuti ad errate previsioni o al verificarsi di eventi non predicibili. Per questo motivo diventa indispensabile introdurre meccanismi che siano in grado di reagire in tempo reale a tali eventi, cercando di riprogrammare il consumo di energia in modo coerente con ciò che era stato precedentemente definito. Obiettivo della tesi In questo lavoro di tesi propongo alcuni modelli di ottimizzazione dei consumi energetici in ambito residenziale. Questi modelli reagiscono in tempo reale a comportamenti non conformi a ciò che previsto nella fase off-line, con l obiettivo di rispettare il piano off-line e minimizzare le variazioni riscontrate. In particolare, vengono presentati due diversi modelli di ottimizzazione: il primo compensa tali variazioni con il solo ausilio di sistemi di accumulo di energia (batterie), mentre il secondo èanche in gradodi modificarelo scheduling dei dispositivi al fine di perseguire l obiettivo in esame. Inoltre, per ognuno di questi casi, due diverse varianti 5

11 Introduzione vengono proposte a seconda che la minimizzazione delle variazioni sia realizzata nel singolo time-slot di tempo preso in considerazione, o sull intera giornata. Infine, sulla base di scenari d uso e dati realistici, ho valutato le prestazioni dei modelli proposti con differenti errori di previsione. Piano della tesi La tesi è suddivisa nel seguente modo: Capitolo 1: descrive le principali caratteristiche delle Smart Grid ed i meccanismi di gestione dei consumi proposti in letteratura; Capitolo 2: descrive lo scenario applicativo, analizzando ampiamente il progetto di cui questo lavoro di tesi fa parte; Capitolo 3: descrive nel dettaglio i modelli utilizzati per la risoluzione del problema; Capitolo 4: descrive i risultati ottenuti dai test effettuati con i modelli presentati nel precedente capitolo; Capitolo 5: presenta le considerazioni finali sul lavoro svolto ed indica i possibili sviluppi futuri. 6

12 Capitolo 1 Stato dell Arte In questo capitolo verrà illustrato il concetto di Smart Grid ed i principali metodi di gestione dell energia presenti in letteratura. 1.1 Smart Grid Figura 1.1: Esempio di Smart Grid. Le idee ed i modelli proposti in questo lavoro vanno inseriti in un contesto nel quale la rete elettrica non è la classica in cui l utente viene visto solo come un carico passivo, piuttosto il sistema elettrico nel suo complesso deve essere considerato 7

13 CAPITOLO 1. STATO DELL ARTE come una rete intelligente. Una rete elettrica infatti non è un entità singola ma un aggregato di diverse reti, di molteplici compagnie che ne gestiscono la generazione e di diversi operatori per la trasmissione e la distribuzione. Con l ampliarsi dell utilizzo di fonti rinnovabili, anche in ambito domestico, si rende sempre più necessaria una rete di produzione aggiuntiva che si deve ben integrare con quella tradizionale già presente. Questo si traduce in un controllo sul territorio non più centralizzato ma distribuito, in flussi di potenze bidirezionali e in reti attive. Di conseguenza non sarà più sufficiente avere un controllo della produzione a carattere nazionale ma sarà necessario, anche a livello locale, monitorare e gestire la distribuzione di energia prodotta in bassa e in media tensione, nonché integrare quella proveniente da fonti rinnovabili. Per questo motivo non è più sufficiente la rete elettrica esistente, concepita solo per il trasporto unidirezionale dell energia dalle grandi centrali ad un utenza passiva, ma è necessaria la creazione di una rete intelligente, detta smart grid. La smart grid aumenta la connettività, l automazione ed il coordinamento tra i gestori, i distributori, gli utenti e la stessa rete, permettendo una maggiore competizione tra fornitori, un maggiore e più efficiente utilizzo delle energie rinnovabili ed un controllo maggiore su una porzione di rete fondamentale, quella di distribuzione, finora non controllabile. Le principali caratteristiche di una smart grid sono [6]: Auto riparazione: grazie ad un continuo monitoraggio ed un controllo costante della potenza, la rete può individuare (ed anticipare) problemi di sovraccarico o interruzione di energia; Interazione: il sistema permette l interazione tra distributori e utenti, consentendo il flusso bidirezionale di energia ed informazioni; Robustezza: la rete garantisce una migliore identificazione ed una più celere risposta ad eventi di interruzione manuale della fornitura elettrica o causata da disastri naturali, consentendo di isolare le aree coinvolte e 8

14 CAPITOLO 1. STATO DELL ARTE redirezionare il flusso energetico verso altre reti; si garantisce inoltre una maggiore protezione e sicurezza delle informazioni; Ottimizzazione dei guadagni: le smart grid permettono un uso più efficiente della rete e, riducendo le perdite di potenza, una riduzione dei costi di manutenzione e di investimento; Compatibilità: la generazione di potenza, la sua distribuzione e l accumulo di energia diventano compatibili; Integrazione: include i processi di ottimizzazione, integrazione dell informazione e la standardizzazione ed il miglioramento della gestione della rete. Per rendere tutto ciò possibile, le smart grid utilizzano un ampia gamma di nuove tecnologie (tecnologie per il controllo della rete, tecnologie dell informazione e tecnologie di gestione) che coinvolgono tutti gli aspetti della rete: dalla generazione di energia, alla sua trasmissione e distribuzione, alla raccolta di informazioni, raggiungendo così un alto grado di integrazione tra il flusso di energia e di informazioni. Tuttavia, essendo una tecnologia relativamente recente, non esiste una definizione univoca di smart grid nel mondo [6]. Se in America l obiettivo è principalmente quello di ringiovanire la vecchia rete di distribuzione, migliorando il livello del servizio e l interazione con l utente, in Europa si cerca di promuovere l uso delle energie rinnovabili in modo che l industria dell energia diventi più efficiente, flessibile e integrata con l ambiente in cui opera. Alcuni recenti standard IEEE e NIST [7],[8],[9] ne descrivono l ossatura principale definendo i seguenti domini: Generazione: dominio che comprende tutti i siti preposti alla produzione di energia in grande quantità. Le sorgenti possono essere classificate in rinnovabili variabili (solare ed eolico), rinnovabili non variabili (idrico, biomasse e geotermico), o non rinnovabili (nucleare, carbone e gas). Possono 9

15 CAPITOLO 1. STATO DELL ARTE essere inoltre sfruttati dei sistemi di accumulo dell energia per una successiva distribuzione. Trasmissione: dominio a cui appartiene la rete di trasporto di grandi quantità di energia attraverso linee di trasmissione su lunga distanza, connettendo i luoghi di generazione ai centri di consumo della rete. In questo stadio sono anche contenute le sottostazioni di trasmissione e distribuzione. Distribuzione: dominio che comprende la parte di rete che garantisce la fornitura elettrica agli utenti finali ed il prelievo di quella prodotta dagli utenti attivi. La rete di distribuzione è in grado di comunicare con gli smart meters e con tutti i dispositivi intelligenti installati, grazie ad una connessione bidirezionale (wireless o cablata). Può inoltre gestire la connessione con gli apparati di accumulo di energia e con risorse energetiche alternative a livello di distribuzione. Utenti: dominio di cui fan parte tutti gli utenti finali (domestici, commerciali ed industriali) che sono connessi alla rete di distribuzione tramite gli smart meters. Questi controllano e gestiscono il flusso di energia da e verso gli utenti e forniscono informazioni circa i loro profili di consumo. Ogni utente può inoltre generare, immagazzinare e gestire l uso dell energia e dei propri dispositivi connessi alla rete. Operatori: dominio degli operatori che gestiscono le dimensioni e controllano il flusso di corrente nella rete. Usano una rete di connessione bidirezionale per comunicare con le sottostazioni, gli utenti finali ed i dispositivi; ciò ne consente il monitoraggio, il controllo e la supervisione. Tutte queste informazioni raccolte possono rivelarsi fondamentali come supporto alle decisioni. Mercato: dominio che coordina e gestisce i partecipanti al mercato elettrico. Provvede alla gestione del mercato, alla vendita, alla distribuzione e alle 10

16 CAPITOLO 1. STATO DELL ARTE contrattazioni circa i servizi elettrici. Si interfaccia con tutti gli altri stadi e si assicura che essi siano coordinati in un mercato competitivo. Service Provider: gestisce tutti gli operatori nel proprio dominio (come ad esempio gli utenti finali tramite un portale web per la gestione efficiente e la fornitura dell energia, lo scambio di dati e la gestione dei dispositivi). Il primo esempio di smart grid è stato installato in Italia da Enel S.p.A.. Il progetto, completato nel 2005, è ad oggi il più ampio esempio di smart grid esistente al mondo [10]. 1.2 Meccanismi di gestione dell energia per utenti residenziali La gestione delle smart grid è un concetto introdotto in letteratura solo recentemente. I differenti punti di vista sono correlati ai diversi aspetti del mercato dell energia che caratterizzano ogni paese, alle differenti fonti di energia analizzate ed a molti altri fattori. In [11],[12],[13],[14],[15] si discute dell importanza di una gestione ottimizzata dei consumi per migliorare le prestazioni dell intera rete. In particolare, tramite l introduzione di un controllore locale, si provvede all ottimizzazione delle decisioni locali tenendo però conto dei bisogni dell intera rete. Il controllore gestisce i punti chiave per la generazione locale ed i dispositivi di accumulo e fornisce all utente un interfaccia per la partecipazione al mercato elettrico ed il coordinamento con le condizioni di mercato. Le informazioni sono ricevute dal controllore attraverso una connessione o immesse manualmente dall utente. Il controllore deve operare in maniera consapevole rispetto ai parametri commerciali, quali le tariffe delle utility, le condizioni del mercato elettrico ed i prezzi dell energia ricavata da fonti alternative. La capacità di gestire tali informazioni è un requisito chiave per un coordinamento intelligente delle risorse distribuite in una smart grid, specialmente in un ambiente competitivo come 11

17 CAPITOLO 1. STATO DELL ARTE quello del mercato elettrico. Tuttavia, il controllore gestisce esclusivamente la rete elettrica di distribuzione considerandola quindi come una parte isolata dal resto del sistema. L ambiente domestico viene analizzato in numerosi articoli scientifici. In [16],[17],[18] vengono presentati dei modelli matematici con l obiettivo di massimizzare i prodotti derivanti dalla partecipazione al mercato elettrico. Una più intelligente gestione dell energia può infatti portare notevoli guadagni [19],[20],[21]. Il progetto Multisol, descritto in [16], ha come obiettivo la gestione dei consumi dell utente domestico (che avrà una partecipazione attiva al mercato) in relazione alla produzione dei pannelli fotovoltaici. In particolare questa architettura attua una separazione tra i lati produzione e consumo. Le risorse per la produzione (pannelli fotovoltaici, sistemi di accumulo di energia, etc.) sono connesse alla Power production control board per fornire la potenza ai carichi attraverso una classica linea di alimentazione. Un modulo di gestione integrato nel lato produzione regola i vari flussi di potenza. Sono inoltre essenziali gli apparati di misura e per le telecomunicazioni. Il sistema di predizione è infatti il cuore che riceve i dati, calcola la strategia da attuare e invia le istruzioni agli apparati. Tuttavia non vengono analizzate le prestazioni complessive del sistema e non viene realizzata una descrizione matematica degli utenti, i cui carichi non sono perciò ottimizzati. Inoltre viene introdotto un modello di mercato molto semplificato non corrispondente alla realtà né italiana, né di alcun altro paese dell Unione Europea. I meccanismi di gestione della domanda (Demand Side load Management, DSM) sono oggetto di studio da parte della comunità scientifica, per via dei possibili vantaggi realizzabili attraverso questo tipo di meccanismo [22], come il peak shaving [23] e lo spostamento del carico [24]. L avvio degli elettrodomestici, per esempio, può essere rinviato arrecando solo un piccolo disagio agli utenti; anche solo ottimizzare questa procedura può portare a riduzioni significative del picco [25]. I sistemi DSM sono generalmente divisi in due categorie: off-line e on-line. 12

18 CAPITOLO 1. STATO DELL ARTE Nel primo scenario tali meccanismi si basano su dati frutto di previsioni per periodi futuri. In[26] ad esempio, uno scenario di programmazione dinamica si propone di bilanciare il livello di comfort degli utenti e il loro stile di vita con un algoritmo in grado di ridurre la spesa necessaria per l energia elettrica utilizzata per soddisfare tali preferenze. Il modello proposto gestisce il consumo di energia elettrica su archi temporali di minuti o secondi, valutando, negli stessi periodi, l andamento del prezzo di mercato e le previsioni meteorologiche per definire una soluzione ottima per periodi futuri. Inoltre, un interfaccia tra utility e consumatori è in grado di attivare/disattivare i dispositivi domestici, secondo accordi presi con lo scopo di ottenere un effetto di riduzione del carico. Questo lavoro viene esteso in [27], in cui è presentata una soluzione più generalizzata per ottimizzare la gestione dell energia, supponendo che tali decisioni siano prese senza che le previsioni siano note. I meccanismi DSM off-line però, devono tener conto delle possibili discrepanze fra i dati frutto di previsioni e ciò che si verifica in tempo reale. Per questa ragione sono stati introdotti algoritmi on-line, con l obiettivo di ridefinire in tempo realeil piano energetico edi reagireagli eventi che si verificano durante il giorno. In [28] ad esempio, è presentato un modello di ottimizzazione per regolare il carico orario di un utente residenziale in base alla variazione dei prezzi del mercato dell elettricità. La gestione della domanda in tempo reale è anche discussa in [29]. In questo lavoro si descrive un modello di ottimizzazione multilivello per la gestione della domanda di carico di un gruppo di case. L algoritmo di controllo fornisce le previsioni del consumo di energia, il cui profilo può essere modificato in real-time per far fronte alle variazioni riscontrate rispetto alle previsioni. In [30] è illustrato il metodo chiamato Energy on Demand : in tale sistema le necessità di carico vengono soddisfatte da un sistema basato su esplicita richiesta. Con l applicazione di questo metodo è possibile ridurre il consumo di energia senza ridurre la qualità della vita delle famiglie. Inoltre, i fornitori di energia sono autorizzati ad impostare e modificare i limiti di carico sottoscritti con i propri clienti. L ap- 13

19 CAPITOLO 1. STATO DELL ARTE plicazione di meccanismi di DSM al settore residenziale attraverso una struttura multi livello è discussa in [29],[31],[32]; il consumo energetico viene controllato usando la flessibilità dei vari servizi che hanno la possibilità di essere modificati e controllati, riuscendo in tale modo a ridurre i picchi di energia. Il controllo viene gestito come un problema di scheduling in cui l energia è considerata come una risorsa condivisa dalle applicazioni non tenendo tuttavia conto delle preferenze dell utente. L idea principale dei meccanismi di controllo multi-livello è quella di utilizzare più livelli di controllo. Il sistema elettrico è infatti composto da molti elementi spesso eterogenei tra loro come le differenti fonti di energia ed il sistema di distribuzione, dall alta alla bassa tensione che raggiunge i consumatori. Inoltre all interno delle case sono presenti numerose applicazioni (sistema di ventilazione e condizionamento, sistema di illuminazione, elettrodomestici). Un sistema che possa gestire tutti questi aspetti simultaneamente risulta molto complesso ed il problema diventa difficile da risolvere. La suddivisione in più livelli permettere al sistema di decomporre il problema in tanti problemi più piccoli per trovare una soluzione molto vicina a quella ottima. Il flusso di informazione fra i vari livelli permette la loro sincronizzazione ed il coordinamento tra di essi. In [29] vengono analizzati due schemi di decomposizione, lungo l asse spaziale e temporale. Prima il sistema di distribuzione dell energia viene diviso in tanti livelli che rappresentano la realtà domestica; successivamente ognuna di queste realtà viene suddivisa in tanti strati rappresentanti le diverse applicazioni. Questi livelli sono poi suddivisi in due livelli temporali, uno predittivo ed uno reattivo. Mentre il livello predittivo predice i consumi, quello reattivo si occupa dell allocazione real time, seguendo le previsioni e reagendo alle perturbazioni. I problemi di DSM sono NP-difficili da risolvere e perciò in [33] sono affrontati con metodi di tipo Tabu Search. Questi sono utilizzati per risolvere un algoritmo di controllo che consiste nella ricerca della soluzione globale per il problema della gestione dell energia in ambito domestico. Il sistema di automazione domestico controlla i dispositivi determinandone 14

20 CAPITOLO 1. STATO DELL ARTE il tempo d inizio ed alcune caratteristiche del loro funzionamento (per esempio la temperatura dei sistemi di condizionamento). L ottimizzazione dell uso dell energia in ambito domestico è anche realizzata con modelli di ottimizzazione [34] e con la teoria dei giochi [35],[32]. Con questo tipo di algoritmi anche se tutti i giocatori sono egoisti, cercando di raggiungere il proprio obiettivo finiscono per raggiungere anche l obiettivo globale. Tuttavia, in tutti i lavori svolti finora non è mai stato considerato l intero ambiente domestico, con carichi e generatori, insieme alla disponibilità di energia ed ai prezzi di mercato. Inoltre, lo scenario costituito da più utenze cooperative, è stato analizzato solo in maniera superficiale, senza approfondire i reali vantaggi che potrebbero essere determinati da un tale tipo di approccio. 15

21 Capitolo 2 BEE Project: Scenario Applicativo In questo capitolo verrà descritto lo scenario applicativo, analizzando ampiamente il progetto di cui questo lavoro di tesi fa parte. 2.1 Sistemi di domotica La Home Automation, più comunemente detta domotica, è la scienza che si occupa della gestione e dell automazione delle attività domestiche al fine di migliorare la qualità della vita, la sicurezza domestica, ridurre i costi e risparmiare energia in ambito residenziale. Il perseguimento di tali obiettivi richiede l apporto di molte tecnologie e professionalità, tra le quali ingegneria edile, elettrotecnica, elettronica, delle telecomunicazioni ed informatica. Negli ultimi anni, nel campo della domotica e del risparmio energetico sono stati sviluppati numerosi strumenti per aumentare la consapevolezza degli utenti riguardo i consumi domestici in un ottica di risparmio energetico. Grazie a sistemi automatici di lettura dei consumi e di controllo dei dispositivi domestici, l utente è in grado di avere in qualsiasi momento ogni dettaglio sull utilizzo degli elettrodomestici, aumentando così la consapevolezza dei propri consumi energetici. È stato dimostrato che un semplice utilizzo più responsabile e consapevole degli elettrodomestici possa portare ad 16

CALBATT. Sito web: www.calbatt.com Email: info@calbatt.com Telefono: +39 0984 494273 LinkedIn: CalBatt

CALBATT. Sito web: www.calbatt.com Email: info@calbatt.com Telefono: +39 0984 494273 LinkedIn: CalBatt CALBATT CalBatt è una società spin-off dell'università della Calabria. La Società è stata fondata nel 2011 per valorizzare il know-how e la proprietà intellettuale nel campo dei sistemi elettronici, sviluppati

Dettagli

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Smart Grids: definizione, applicazione e modelli: l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Perché le Smart Grids Gli obiettivi i della politica energetica europea come

Dettagli

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Presentazione del progetto www.smartgen.it Scopo: Contesto:

Dettagli

Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale

Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale Giordano Torri Nidec-ASI Fondazione Megalia. Convegno su L uso razionale dell energia negli edifici civili e nel terziario. Milano,

Dettagli

Smart Grid. Marco Sgroi So.Tel srl Universita Roma Tre, 18 Maggio 2011

Smart Grid. Marco Sgroi So.Tel srl Universita Roma Tre, 18 Maggio 2011 Smart Grid Marco Sgroi So.Tel srl Universita Roma Tre, 18 Maggio 2011 Cos e la Smart Grid? Source: http://www.oe.energy.gov/smartgrid.htm Rete elettrica capace di distribuire energia in modo piu efficiente,

Dettagli

NASCE IL NUOVO SISTEMA SOLARE Energy Independence

NASCE IL NUOVO SISTEMA SOLARE Energy Independence L ENERGIA CAMBIA IL MONDO, ENERPOINT CAMBIA IL MONDO DELL ENERGIA L evoluzione tecnologica deve essere qualcosa che permette a tutti di poter accedere a risorse sempre maggiori e di qualità sempre più

Dettagli

Smart Microgrid per l Efficienza Energetica nelle Aziende

Smart Microgrid per l Efficienza Energetica nelle Aziende Smart Microgrid per l Efficienza Energetica nelle Aziende Relatore Prof. Ing. Emilio Ghiani Gruppo Sistemi Elettrici per l Energia Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università degli Studi

Dettagli

Energy Storage ed Efficienza Energetica

Energy Storage ed Efficienza Energetica Energy Storage ed Efficienza Energetica Giordano Torri, Claudio Brocca, Enrico Gatti Nidec-ASI - Milano 7a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie. Milano, 23 Aprile 2015 Introduzione Autoconsumo

Dettagli

Abstract. Il mercato dell Energy & Utilities: l offerta Reply. Scenario

Abstract. Il mercato dell Energy & Utilities: l offerta Reply. Scenario Abstract Il mercato dell Energy & Utilities in Italia è stato completamente liberalizzato da alcuni anni. A valle di pluriennali processi di unbundling gestionale e societario, gli operatori sono ormai

Dettagli

FORUM TELECONTROLLO 2013

FORUM TELECONTROLLO 2013 FORUM TELECONTROLLO 2013 Relazione Titolo: Sulla strada per la Smart City Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Relazione: Le città si stanno trasformando in

Dettagli

Agenda. Smart Meter per Smart Grid 22/12/2011. Smart Grid. Introduzione allo smart metering. Gli Smart Meter: caratteristiche

Agenda. Smart Meter per Smart Grid 22/12/2011. Smart Grid. Introduzione allo smart metering. Gli Smart Meter: caratteristiche Corso Di Formazione In Smart Grid Per La Gestione Efficiente Delle Risorse Energetiche 22 dicembre 2011 Smart Meter per Smart Grid Ing. Maurizio Spadavecchia Gruppo Misure elettriche ed Elettroniche Politecnico

Dettagli

Smart & Green Building

Smart & Green Building Smart & Green Building Daniele Pennati ANIE FEDERAZIONE Napoli - 28 marzo 2014 Elettricità futura Crescita sostenibile e sviluppo del settore elettrico FEDERAZIONE ANIE Federazione ANIE rappresenta da

Dettagli

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Sottotitolo: Il contributo degli accumuli per aumentare la quota di autoconsumo dei consumatori con impianto di generazione FV Autori: Renato Urban,

Dettagli

Energy M anager. Il sistema di controllo per impianti fotovoltaici connessi alla rete monofase e trifase

Energy M anager. Il sistema di controllo per impianti fotovoltaici connessi alla rete monofase e trifase WATER MOBILITY ENERGY INDUSTRIAL LIGHTING 5 CONTO ENERGIA READY! Energy M anager L ELETTRONICA DELLA GREEN ECONOMY Il sistema di controllo per impianti fotovoltaici connessi alla rete monofase e trifase

Dettagli

SMA Solar Technology Energy that Changes. SMA Solar Technology

SMA Solar Technology Energy that Changes. SMA Solar Technology Energy that Changes Disclaimer 2 La nostra visione Le energie rinnovabili diventeranno sempre più importanti a livello mondiale. L energia generata in modalità distribuita dai sistemi fotovoltaici giocherà

Dettagli

Energy Storage System: una soluzione reale a supporto delle smart grids.

Energy Storage System: una soluzione reale a supporto delle smart grids. Energy Storage System: una soluzione reale a supporto delle smart grids. Loccioni in numeri FONDATA 1968 PROPRIETA Famiglia Loccioni STAFF SEDI 364 collaboratori 47 % laureati 33 anni età media Moie di

Dettagli

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Fabrizio De Nisi, IC (Integrated Circuit) Consultant Il rapido sviluppo industriale in atto in numerose parti del mondo, sta generando

Dettagli

La città senziente: l'internet delle cose per una città connessa Bologna, giovedì 23 ottobre 2014, ore 14.30

La città senziente: l'internet delle cose per una città connessa Bologna, giovedì 23 ottobre 2014, ore 14.30 La città senziente: l'internet delle cose per una città connessa Bologna, giovedì 23 ottobre 2014, ore 14.30 RES NOVAE: Un caso reale di integrazione di soluzioni per la Smart City Automazione di Rete

Dettagli

READY! Energy M anager

READY! Energy M anager WATER MOBILITY ENERGY INDUSTRIAL LIGHTING 5 CONTO ENERGIA READY! Energy M anager Control Network L ELETTRONICA DELLA GREEN ECONOMY Il sistema di controllo per impianti fotovoltaici connessi alla rete monofase

Dettagli

HACKATHON del 21 23 Nov. 2014

HACKATHON del 21 23 Nov. 2014 Tema della Hackathon Smart Home vista come un eco sistema di dispositivi connessi e di servizi integrati per il cliente finale. Ecosistema che integra dai sistemi di gestione della sicurezza e del comfort

Dettagli

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Coordinatore scientifico del Progetto RES NOVAE

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Coordinatore scientifico del Progetto RES NOVAE Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae Mauro Annunziato ENEA Coordinatore scientifico del Progetto RES NOVAE Obiettivo RES NOVAE Sviluppare e dimostrare una soluzione integrata

Dettagli

Le Soluzioni Offerte. Italia. Germania. Outsourcing Servizi IT [ Progettazione, Fornitura, Gestione di Infrastrutture Complesse ]

Le Soluzioni Offerte. Italia. Germania. Outsourcing Servizi IT [ Progettazione, Fornitura, Gestione di Infrastrutture Complesse ] DIVISIONE ENERGIA Le soluzioni apportate da operatori dell Information Technology hanno un ruolo fondamentale nel monitoraggio e gestione dei consumi energetici. Le Soluzioni Offerte Italia Outsourcing

Dettagli

Soluzioni per energie rinnovabili convertitori statici. by BORRI

Soluzioni per energie rinnovabili convertitori statici. by BORRI Soluzioni per energie rinnovabili convertitori statici by BORRI Perché sceglierci Una gamma completa da 20 kva a 2 MVA Customer engineering altamente qualificato R&D multidisciplinare e produzione made

Dettagli

Sistemi di accumulo di energia. Nuove soluzioni per l energia in un nuovo ambiente

Sistemi di accumulo di energia. Nuove soluzioni per l energia in un nuovo ambiente Sistemi di accumulo di energia Nuove soluzioni per l energia in un nuovo ambiente Semplificare l integrazione dell energia rinnovabile L aumento della quantità di elettricità prodotta da fonti rinnovabili

Dettagli

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro.

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Reti intelligenti Reti intelligenti Generalità Una rete elettrica intelligente è in grado di integrare le azioni di tutti gli attori connessi, produttori

Dettagli

SUNNY DAYS Padova 29 maggio 2014

SUNNY DAYS Padova 29 maggio 2014 SUNNY DAYS Padova 29 maggio 2014 SUNNY BOY SMART ENERGY La migliore soluzione che integra un inverter fotovoltaico e un sistema di accumulo energetico PERCHE SCEGLIERE UN SISTEMA CON ACCUMULO INTEGRATO

Dettagli

Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities. Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011

Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities. Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011 Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011 Uso: Riservato Outline Introduzione Le Smart Grids e Smart Cities Progetti Smart Grids di Enel

Dettagli

Il contributo degli elettrodomestici intelligenti alle future Smart Grid

Il contributo degli elettrodomestici intelligenti alle future Smart Grid Il contributo degli elettrodomestici intelligenti alle future Smart Grid Workshop Ceced Italia Energy Lab Casa dell Energia Piazza Po, 3 Milano 5 aprile 2013 Elettrodomestici Smart: cosa sono? Un elettrodomestico

Dettagli

SUNNY DAYS Bologna 18 set embre 2014

SUNNY DAYS Bologna 18 set embre 2014 SUNNY DAYS Bologna 18 settembre 2014 SUNNY BOY SMART ENERGY La migliore soluzione che integra un inverter fotovoltaico e un sistema di accumulo energetico PERCHE SCEGLIERE UN SISTEMA CON ACCUMULO INTEGRATO

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Ready to control your energy. InfoENERGY

Ready to control your energy. InfoENERGY Ready to control your energy InfoENERGY ENERGY is an OPPORTUNITY InfoENERGY aiuta le organizzazioni a risparmiare sui costi dell energia La Direttiva Europea 2012/27 rende vincolante l'obiettivo di migliorare

Dettagli

Rinnovabili: oltre gli incentivi

Rinnovabili: oltre gli incentivi Rinnovabili: oltre gli incentivi Presente e futuro della manutenzione e della gestione degli impianti ABB Power Sytems Division Luca Cicognani, Piergiorgio Guidi, Gabriele Nani Forum Telecontrollo Reti

Dettagli

Le reti energetiche Energia elettrica: smart grids

Le reti energetiche Energia elettrica: smart grids Le reti energetiche Energia elettrica: smart grids Roberto Napoli Dipartimento di Ingegneria Elettrica Politecnico di Torino 1 La rete elettrica èla più grande infrastruttura creata dall uomo, per: complessità

Dettagli

GridSense. L energia gestita con intelligenza.

GridSense. L energia gestita con intelligenza. GridSense. L energia gestita con intelligenza. GridSense è la tecnologia intelligente del futuro che segnerà una svolta in campo energetico. Gestisce gli apparecchi elettrici quali pompe di calore, boiler,

Dettagli

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti 84 Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti Le centrali ibride, elemento chiave per poter realizzare e controllare le microreti ad alta penetrazione di Fonti Energetiche

Dettagli

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities RES NOVAE Obiettivo Sviluppare e dimostrare una soluzione integrata

Dettagli

Integrazione ed elaborazione di dati real-time

Integrazione ed elaborazione di dati real-time 76 Integrazione ed elaborazione di dati real-time Le nuove tecnologie dell automazione hanno permesso di acquisire e rendere disponibili enormi quantità di segnali. Spesso risulta complesso utilizzare

Dettagli

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Torna al programma Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Tecnologie e sistemi di comunicazione per il controllo di generatori distribuiti e reti L. Capetta Definizione

Dettagli

L Italia si colloca all avanguardia sul tema della Telegestione Elettrica. Cos è la telegestione?

L Italia si colloca all avanguardia sul tema della Telegestione Elettrica. Cos è la telegestione? group Telegestione CONTESTO BENEFICI CARATTERISTICHE OFFERTA CASE HISTORY CONTESTO BENEFICI CARATTERISTICHE OFFERTA CASE HISTORY Cos è la telegestione? La Telegestione, che si colloca nell attività di

Dettagli

L evoluzione della rete verso le smart grids. Danilo Moresco Consigliere ANIE Energia Bolzano - 20 settembre 2013

L evoluzione della rete verso le smart grids. Danilo Moresco Consigliere ANIE Energia Bolzano - 20 settembre 2013 L evoluzione della rete verso le smart grids Danilo Moresco Consigliere ANIE Energia Bolzano - 20 settembre 2013 Agenda La rete allo stato attuale Le sfide di oggi Sistemi, tecnologie e soluzioni per l

Dettagli

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto.

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto. Energy Efficiency Country Team Italia, Febbraio 2012 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del

Dettagli

L Azienda Ippocrate AS S.r.l. Alternative and Sustainable IPPOenergy IPPOenergy ESCo IPPOenergy IPPOenergy IPPOenergy Quick Solar

L Azienda Ippocrate AS S.r.l. Alternative and Sustainable IPPOenergy IPPOenergy ESCo IPPOenergy IPPOenergy IPPOenergy Quick Solar L Azienda Ippocrate AS S.r.l. nasce nel 2004 a Catania, AS è l'acronimo di Alternative and Sustainable, ossia energie alternative e sviluppo sostenibile. E chiamata IPPOenergy ed è una società di ingegneria

Dettagli

Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi

Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi Politecnico di Milano, 28 Settembre 2015 Michele Salaris, Gianluca Sapienza Enel Distribuzione Tecnologie di Rete

Dettagli

Efficientamento Energetico

Efficientamento Energetico Efficientamento Energetico L efficientamento energetico consiste nell insieme delle azioni volte a consumare meno, in modo migliore, ottenendo gli stessi risultati avuti con i normali comportamenti abituali.

Dettagli

Smart Grid. La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore. M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010

Smart Grid. La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore. M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010 Smart Grid La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore Angelo Frascella ENEA, angelo.frascella@enea.it M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010 Sommario Perché le Smart Grid? Le Smart

Dettagli

Storage ed efficienza energetica

Storage ed efficienza energetica Storage ed efficienza energetica Francesco A. Amoroso Convegno ANIE/GIFI e Università della Calabria Fotovoltaico e Sistemi di Accumulo: sfide e opportunità del mercato oltre il Conto 11 Luglio 2013, Università

Dettagli

Building Management System (BMS)

Building Management System (BMS) Building Management System (BMS) L importanza dei sistemi di monitoraggio e controllo nel settore della climatizzazione con fonti rinnovabili Alessandro Veronesi Samuele Da Ros Introduzione Non si può

Dettagli

Ing. Giovandomenico Caridi

Ing. Giovandomenico Caridi PRODUZIONE COGENERATIVA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE DA FONTI RINNOVABILI: OTTIMIZZAZIONE DI RETI ELETTRICHE E DI CALORE SULLA BASE DELLO SVILUPPO DELLE RINNOVABILI Ing. Giovandomenico Caridi CONFERENZA

Dettagli

SVILUPPO DELLE SMART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE

SVILUPPO DELLE SMART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE SVILUPPO DELLE SART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE prof. aurizio Delfanti ing. Valeria Olivieri SVILUPPO DELLE SART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE L innovazione

Dettagli

Ettore Cinarelli, Margherita Converso Golder Associates Srl www.golder.it

Ettore Cinarelli, Margherita Converso Golder Associates Srl www.golder.it Smart building: il miglioramento dell efficienza energetica in edifici civili e del terziario mediante la gestione, il monitoraggio e la supervisione degli impianti Ettore Cinarelli, Margherita Converso

Dettagli

Fotovoltaico, autoconsumo, storage e SEU: evoluzione di un sistema integrato. Valerio Natalizia Vice Presidente ANIE Gifi Milano, 20 maggio 2014

Fotovoltaico, autoconsumo, storage e SEU: evoluzione di un sistema integrato. Valerio Natalizia Vice Presidente ANIE Gifi Milano, 20 maggio 2014 Fotovoltaico, autoconsumo, storage e SEU: evoluzione di un sistema integrato Valerio Natalizia Vice Presidente ANIE Gifi Milano, 20 maggio 2014 Indice Fotovoltaico in Italia mercato e benefici Fotovoltaico

Dettagli

Impianti Residenziali e Accumulo

Impianti Residenziali e Accumulo Impianti Residenziali e Accumulo Sunny Days 2014 AG 7 maggio 2014 IMPIANTI RESIDENZIALI E SISTEMI DI ACCUMULO Presentazione servizi Portfolio prodotti SMA Smart Home Il nuovo sistema di accumulo integrato:

Dettagli

SMART-E MICRO-GRIDE LA GESTIONE DELLA DOMANDA ATTIVA

SMART-E MICRO-GRIDE LA GESTIONE DELLA DOMANDA ATTIVA SMART GRIDS PER LA GENERAZIONE DISTRIBUITA Prof.ssa Maria Dicorato SMART-E MICRO-GRIDE LA GESTIONE DELLA DOMANDA ATTIVA Le origini della Generazione Distribuita Negli ultimi due decenni, i sistemi elettrici

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

LE INIZIATIVE DELL AUTORITA PER LO SVILUPPO DELLE SMART GRIDS. Roberto Malaman Direttore Generale Autorità per l energia elettrica e il gas

LE INIZIATIVE DELL AUTORITA PER LO SVILUPPO DELLE SMART GRIDS. Roberto Malaman Direttore Generale Autorità per l energia elettrica e il gas LE INIZIATIVE DELL AUTORITA PER LO SVILUPPO DELLE SMART GRIDS Roberto Malaman Direttore Generale Autorità per l energia elettrica e il gas 1 REGOLAZIONE DEGLI INVESTIMENTI SULLE RETI Contributi pubblici

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di Laurea Specialistica in INGEGNERIA ENERGETICA STRATEGIE DI OTTIMIZZAZIONE PER L INCREMENTO DELLA PENETRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI IN UN SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

La Smart Grid: tecnologie abilitanti e potenziale di mercato in Italia

La Smart Grid: tecnologie abilitanti e potenziale di mercato in Italia La Grid: tecnologie abilitanti e potenziale di mercato in Italia Federico Frattini 26 Febbraio 2014 Sistema elettrico «integrato» ove le azioni di tutti gli utenti connessi alla rete sono fra di loro coordinate

Dettagli

IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE ZEM ZUCCHETTI ENERGY MANAGEMENT

IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE ZEM ZUCCHETTI ENERGY MANAGEMENT IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE 02 IL SISTEMA DEDICATO ALL ENERGY MANAGEMENT CHE RIDUCE COSTI E CONSUMI Gestione intelligente delle informazioni energetiche degli

Dettagli

DOMOTICS Division. L internet della Casa

DOMOTICS Division. L internet della Casa DOMOTICS Division L internet della Casa Innovation Day 2014 Milano 25/09/2014 Fabio Nappo Direttore Divisione Domotics Agenda Ambiti applicativi: Smart Home & Smart Building Smart Home: oggi Smart Home:

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica DIPLOMATO INDIRIZZO Elettronica ed Elettrotecnica FIGURA PROFESSIONALE Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica con specializzazione in domotica Denominazione della figura professionale Descrizione sintetica

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto

La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto Oggi si sente parlare sempre più spesso di case domotiche. Ma cos è esattamente la casa domotica? Come funziona? Quali sono i suoi

Dettagli

CISNET ENERGY ENGINEERING S.r.l.

CISNET ENERGY ENGINEERING S.r.l. CISNET ENERGY ENGINEERING S.r.l. Energy Management Lʹenergia è un valore aggiunto Gli impianti di Pubblica Illuminazione, come è noto, rappresentano una fondamentale dotazione urbana, che se efficientati,

Dettagli

s.d.i. automazione industriale s.r.l. o www.sdiautomazione.it

s.d.i. automazione industriale s.r.l. o www.sdiautomazione.it ID 33 PROGETTO R&S UTILTEC Tecnologie innovative per i servizi di pubblica utilità Contatto: Email: m.dechirico@sdiautomazione.it s.d.i. automazione industriale s.r.l. o www.sdiautomazione.it MICRO SYSTEM

Dettagli

Uno strumento innovative per l Energy Management negli Edifici Scolastici

Uno strumento innovative per l Energy Management negli Edifici Scolastici VERYSchool: Valuable EneRgY for a smart School Uno strumento innovative per l Energy Management negli Edifici Scolastici Alfio Galatà Settimana della Bioarchitettura e della Domotica 2014. 19 Novembre,

Dettagli

Le reti intelliggenti. ABB 2009-03-27 SG_Presentation_V4.ppt 1

Le reti intelliggenti. ABB 2009-03-27 SG_Presentation_V4.ppt 1 Le reti intelliggenti 2009-03-27 SG_Presentation_V4.ppt 1 Sviluppo nella progettazione delle reti Dalle reti tradizionali a quelle del futuro Reti tradizionali Generazione centralizzata Flusso unidirezionale

Dettagli

La rivoluzione della generazione distribuita: l integrazione di rinnovabili in smart micro-grids

La rivoluzione della generazione distribuita: l integrazione di rinnovabili in smart micro-grids La rivoluzione della generazione distribuita: l integrazione di rinnovabili in smart micro-grids Enrico Sangiorgi Dipartimento di Ingegneria dell Energia Elettrica e dell informazione «Guglielmo Marconi»

Dettagli

Soluzioni Siemens per le reti intelligenti

Soluzioni Siemens per le reti intelligenti Soluzioni Siemens per le reti intelligenti Siemens S.p.A. Danilo Moresco Dario Brusati Strategia Siemens per lo sviluppo delle Smart Grid la nostra strategia? Porre il consumatore al centro della rete

Dettagli

DA DOVE ARRIVIAMO CHI SIAMO SERVICE IN PLANTS GREEN VISION

DA DOVE ARRIVIAMO CHI SIAMO SERVICE IN PLANTS GREEN VISION VISION l Page 2 CHI SIAMO DA DOVE ARRIVIAMO La nostra società detiene un back-ground maturato in oltre trent anni nei settori di produzione e gestione impianti, manutenzione e conduzione macchine. Facendo

Dettagli

Produrre e risparmiare energia nei sistemi urbani interconnessi. Interventi su città, aree e distretti territoriali: il ruolo delle reti

Produrre e risparmiare energia nei sistemi urbani interconnessi. Interventi su città, aree e distretti territoriali: il ruolo delle reti ENERGY & the TOWN Produrre e risparmiare energia nei sistemi urbani interconnessi Interventi su città, aree e distretti territoriali: il ruolo delle reti Green City Energy Green City Energy Bari, 3 dicembre

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico - Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione e Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 1 Giugno 2015 Osservazioni

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE PRComunicazione.com RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. Perchè rifasare? Nei circuiti elettrici, la corrente risulta in fase

Dettagli

Verso infrastrutture intelligenti per le utility. Vincenzo.Lecchi@Alcatel-Lucent.com 22 Aprile 2010

Verso infrastrutture intelligenti per le utility. Vincenzo.Lecchi@Alcatel-Lucent.com 22 Aprile 2010 Verso infrastrutture intelligenti per le utility Vincenzo.Lecchi@Alcatel-Lucent.com 22 Aprile 2010 L ambiziosa iniziativa Green Touch @ mira a limitare di un fattore 1.000 le future emissioni legate alla

Dettagli

Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro. ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009

Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro. ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009 Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009 gli albori: prime applicazioni locali e industriali dell energia elettrica cenni sulla distribuzione di energia elettrica

Dettagli

Smart Panel for Smart Grids Giorgio Grasso Direttore Fondazione CIFE

Smart Panel for Smart Grids Giorgio Grasso Direttore Fondazione CIFE Smart Panel for Smart Grids Giorgio Grasso Direttore Fondazione CIFE 1 1 2 2 Problemi associati alle fonti rinnovabili ed in particolare al fotovoltaico: Intermittenza Difficoltà nella predizione della

Dettagli

PROFILE COMPANY. Innovatec. Servizi. Plus

PROFILE COMPANY. Innovatec. Servizi. Plus COMPANY PROFILE Innovatec Tecnologia, prodotti e servizi per Smart Grid, Smart City e Smart Home rivolti alla clientela corporate e retail; tecnologie e attività di ricerca e sviluppo nell ambito della

Dettagli

FV e Sistemi di Storage 17 October 2014

FV e Sistemi di Storage 17 October 2014 FV e Sistemi di Storage 17 October 2014 Stefano Luciani Western CO. Who is Western CO? Who is Western CO? Who is Western CO? L auto-produzione di energia è sostenuta da autorevoli organizzazioni di scenari

Dettagli

Il progetto ADDRESS. Intervento di Paola Petroni. Sintesi

Il progetto ADDRESS. Intervento di Paola Petroni. Sintesi Il progetto ADDRESS Intervento di Paola Petroni Sintesi Il Progetto ADDRESS Sintesi degli interventi Tavolo degli Esperti del Laboratorio Smart Grid Giovedì 13 Ottobre 2011 Università Politecnico di Milano

Dettagli

Sunny Home Manager. SMA Solar Technology

Sunny Home Manager. SMA Solar Technology Sunny Home Manager Sunny Home Manager Gestisce in modo intelligente l utilizzo di energia in ambito domestico Consente di incrementare il guadagno derivante dall autoconsumo dell energia prodotta dall

Dettagli

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici.

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. L'idea Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. Gli impianti tecnologici contribuiscono in modo molto rilevante ai

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 20 NOVEMBRE 2014 574/2014/R/EEL DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DEI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS

Dettagli

Le micro reti intelligenti per la gestione efficiente dell'energia in impianti industriali.

Le micro reti intelligenti per la gestione efficiente dell'energia in impianti industriali. Le micro reti intelligenti per la gestione efficiente dell'energia in impianti industriali. Giordano Torri Nidec-ASI Fondazione Megalia, 6 Giornata sull efficienza energetica Milano, 14 Maggio 2013 www.nidec-asi.com

Dettagli

Hackathon Smart@Home. Torino 21-23 Novembre 2014

Hackathon Smart@Home. Torino 21-23 Novembre 2014 Hackathon Smart@Home Torino 21-23 Novembre 2014 www.midorisrl.eu info@midorisrl.eu IDEA Problema Un sistema SmartHome NON può essere basato su decine di smartplug o sul fatto che un utente decida di volere

Dettagli

1 Smart tgidi Grid International ti lforum

1 Smart tgidi Grid International ti lforum 1 Smart tgidi Grid International ti lforum Valerio Natalizia, Presidente ANIE/GIFI Roma 1 Dicembre 2010 Contenuti. L attività Lattività del GIFI Cambio di scenario Impatto del FV nella rete di distribuzione

Dettagli

Towards the large scale integration of RES: Smart grid & storage solutions

Towards the large scale integration of RES: Smart grid & storage solutions Towards the large scale integration of RES: Smart grid & storage solutions Simone Franzò Energy & Strategy Group Rome, July 18th 2013 N Sistema elettrico «integrato» ove le azioni di tutti gli utenti connessi

Dettagli

Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012

Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012 Il ruolo delle infrastrutture nelle Smart Cities Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012 L evoluzione delle Infrastrutture Smart Electricity it Transportation Gas Communication

Dettagli

Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA

Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA «Competitività e Sostenibilità. Progetti e tecnologie al servizio delle reti di

Dettagli

Wiser. Schneider Electric propone una soluzione innovativa, basata

Wiser. Schneider Electric propone una soluzione innovativa, basata Wiser Schneider Electric propone una soluzione innovativa, basata su protocollo ZigBee, che consente di massimizzare i risparmi energetici, e aumentare il comfort e la sicurezza all interno delle unità

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD M. Delfanti, G. Monfredini, V. Olivieri Politecnico di Milano Introduzione Le smart grid, basate su strutture e modalità operative fortemente

Dettagli

DOMOTICA E INTELLIGENZA NELLE CASE. Vittorio Cecconi Palermo 8 giugno 2012

DOMOTICA E INTELLIGENZA NELLE CASE. Vittorio Cecconi Palermo 8 giugno 2012 DOMOTICA E INTELLIGENZA NELLE CASE Vittorio Cecconi Palermo 8 giugno 2012 1 Domotica (domotics in inglese, domotique in francese) è un neologismo, ottenuto per contrazione di domotronica parola composta

Dettagli

Soluzioni ABB per l efficienza energetica

Soluzioni ABB per l efficienza energetica Flavio Beretta, Senior Vice President ABB Full Service and Global Consulting, Aprile 2013 Soluzioni ABB per l efficienza energetica Il sistema di misura come strumento per la gestione dell energia Dicembre

Dettagli

Seminario Fotovoltaico O&M

Seminario Fotovoltaico O&M Venerdì 18 luglio 14 Seminario Fotovoltaico O&M 1! Seminario Fotovoltaico O&M Avvio, Piano e Gestione del Servizio di Operation & Maintenance di impianti fotovoltaici v2.0 Roma, 26 maggio 2014 Ing. M.

Dettagli

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE S. Grillo (1), L. Cicognani (2), S. Massucco (1), S. Scalari (3), P. Scalera (2), F. Silvestro (1) stefano.massucco@unige.it

Dettagli

Misura profila Trasmette Attiva

Misura profila Trasmette Attiva WATER MOBILITY ENERGY INDUSTRIAL LIGHTING Misura profila Trasmette Attiva CONOSCENZA DEI CARICHI OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI RISPARMIO ENERGETICO AUMENTO EFFICIENZA CONTROLLO DEI PROCESSI L APPARATO PER

Dettagli

Energy Management: Le reti per la città del futuro. Dicembre 2014

Energy Management: Le reti per la città del futuro. Dicembre 2014 Energy Management: Le reti per la città del futuro Dicembre 2014 Enel Distribuzione Leadership nell innovazione della rete Smart Metering Integrazione delle rinnovabili Mobilità Elettrica Illuminazione

Dettagli

Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013

Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013 Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013 I temi scelti Il risparmio e l efficienza energetica applicati agli stabilimenti industriali; L utilizzo intelligente

Dettagli

Gestione e controllo della generazione distribuita da fonti rinnovabili nelle reti elettriche

Gestione e controllo della generazione distribuita da fonti rinnovabili nelle reti elettriche Gestione e controllo della generazione distribuita da fonti rinnovabili nelle reti elettriche OUTLINE Stato e funzionamento del sistema elettrico. Gestione energia elettrica da nuove fonti/ nuovi generatori:

Dettagli

Soluzioni ABB per l efficienza energetica

Soluzioni ABB per l efficienza energetica Sammy Saba, ABB Energy Efficiency Country Team, Novembre 2013 Soluzioni ABB per l efficienza energetica Il sistema di misura come strumento per la gestione dell energia novembre 21, 2013 Slide 1 Fasi del

Dettagli

Soluzione per la gestione integrata degli impianti domotici

Soluzione per la gestione integrata degli impianti domotici Soluzione per la gestione integrata degli impianti domotici SOLUTION esigenze dettate dall ambiente in cui viviamo (sicurezza, risparmi, Come nasce la soluzione Le confort etc.) ci sollecitano ad ampliare

Dettagli