I sistemi elettrici per l energia: origini storiche, stato attuale, prospettive future.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I sistemi elettrici per l energia: origini storiche, stato attuale, prospettive future."

Transcript

1 I sistemi elettrici per l energia: origini storiche, stato attuale, prospettive future. Cristian Bovo, Davide Falabretti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia

2 Outline 2 Il sistema elettrico: un infrastruttura particolare Reti Elettriche e Generazione Diffusa Smart Grid Il nuovo ruolo del DSO

3 Introduzione all energia elettrica Una storia Illuminata

4 La rivoluzione sociale 4????

5 Efficienza della rete & qualità dell energia 5

6 Il sistema elettrico: una combinazione unica di attributi tecnici ed economici 6 L energia elettrica non è immagazzinabile: il consumo deve essere soddisfatto istantaneamente tramite una produzione opportunamente localizzata per tenere conto dei limiti di transito della rete di trasmissione. Ogni singola azione può ripercuotersi su tutte le altre attività di rete. Il guasto di un elemento può causare, a cascata, il collasso dell intero sistema. Il coordinamento fra gli utenti della rete è indispensabile (assicurato da TERNA + DSO) Le caratteristiche fisiche del sistema elettrico impongono contromisure assunte pressoché istantaneamente. L imperativo che domina la gestione del sistema elettrico è di essere pronti a fronteggiare ogni imprevisto necessario che vi sia sempre un ammontare di capacità di produzione e di trasmissione ridondante.

7 Affidabilità del sistema elettrico interdipendenza sicurezza/adeguatezza 7 28 settembre novembre 2006 Adeguatezza Normale funzionamento del sistema Sicurezza 26 giugno 2003

8 Blackout del 28/9/2003: dopo una apertura di linea separazione del sistema italiano : :25 Airolo-Mettlen (740 MW) e altre linee ad Airolo. 3.25:33 Soverzene-Lienz RondissoneIl Ticino è disconnesso dalla rete svizzera (309 MW). Albertville ( MW): separazione 3.25:34 Redipuglia-Divaccia (646 MW): dalla Francia connessione asincrona con la Slovenia 3.25:28 Avise-Riddes (281 MW) e RiddesValpelline (299 MW) 3.25:32 Albertville-La Coche (F): instabilità di tensione, crollo della frequenza 3.25:33 Le Broc CarrosCamporosso (248 MW) 3.26:30 scatto di un collegamento a 132 kv: completa separazione

9 Blackout del 28/9/2003: Transitorio di frequenza fino allo spegnimento 9 f [Hz] 50,5 50,0 49,5 49,0 48,5 48,0 47,5 47,0 46,5 Monfalcone=-327MW Entracque+S.Massenza+S. Fiorano+Presenzano=2159 Edolo=538 Montalto+Trino+Livorno=-677MW Bargi+Roncovalgrande+Anapo=1157 P.Tolle=-496 MW La Spezia=-622 MW TVDN=-502 MW P.Tolle=-400 MW Trino=-105 MW Trino=-105 MW ISAB=-180 MW 0,1 0,0-0,1-0,2-0,3-0,4 df/dt [Hz/s] 46,0-0,5 03:25:30 03:25:40 03:25:50 03:26:00 03:26:10 03:26:20 03:26:30 03:26:40 03:26:50 03:27:00 03:27:10 03:27:20 03:27:30 03:27:40 03:27:50 03:28:00 Time Collasso del sistema per corretto intervento delle protezioni dei generatori

10 Blackout del 4/11/2006: dopo un apertura di linea in centro Europa, problemi con le FER Il 4 novembre 2006, l apertura di una linea in centro Europa ha determinato una serie di fenomeni a catena, con conseguente separazione della rete UCTE in 3 distinte aree, tra loro asincrone Area 3 Area 2 Area 1 In Europa Occidentale, la perturbazione ha causato il distacco di circa 10,9 GW di generazione.

11 Outline 11 Il sistema elettrico: un infrastruttura particolare Reti Elettriche e Generazione Diffusa Smart Grid Il nuovo ruolo del DSO

12 FER e GD in Italia: un caso significativo nel contesto europeo 12 Gli impianti FER in Italia al 2013 hanno una potenza complessiva di oltre 50 GW a cui corrispondono circa 112 TWh prodotti. [GWh] Molti di questi impianti sono sulle reti di distribuzione MT/ BT Contesti rurali/alpini PAN 2020 SEN 5084,7; 31% 947,2; 6% Idraulica Eolica Solare Geotermica Bioenergie Il 92% degli eolici è connesso alle reti AT 150/132 kv Per il FV, circa 900 MW sulla AT e MW sulle reti MT e BT (dati 2012) AT MT BT 10388; 63%

13 L impatto della Generazione Diffusa sulle reti Hosting Capacity = Capacità della rete di accogliere GD 13 Un crescente sfruttamento della generazione da rinnovabili è essenziale nell ottica di un evoluzione dei sistemi elettrici verso un nuovo paradigma, rispettoso dell ambiente e indipendente dalle fonti fossili. Tuttavia, la Generazione Diffusa (GD) può avere una serie di effetti negativi sull esercizio delle reti: sovratensioni nel punto di connessione della GD e lungo-linea; infrazione dei limiti di transito dei conduttori/trasformatori; variazioni rapide di tensione a seguito di distacchi repentini della GD; incremento delle correnti di cortocircuito; aumento delle probabilità di isola indesiderata;.

14 Un esempio di problematica dovuta alla GD Protezione di interfaccia con logica passiva 14 In caso di equilibrio tra generazione e carico: Area di non intervento

15 Un esempio di problematica dovuta alla GD Protezione di interfaccia con logica passiva 15 Se la perturbazione in tensione/frequenza si mantiene all interno dei range consentiti, la protezione di interfaccia non interviene. Problema nel caso di apertura intenzionale della protezione di linea da parte del DSO su feeder attivi. In caso di perturbazioni AT, si può avere il superamento dei limiti prestabili Distacco accidentale della GD Black-out!

16 Protezione di interfaccia Contributo ai recenti black out nazionali 16 Evento scatenante: disservizio sulla AT Effetto sulla rete: perturbazione di V e F su «tutta la rete» Effetto Domino: le protezioni di interfaccia della GD (ad oggi oltre MW in Italia) sentono la perturbazione e disconnettono i relativi generatori Conseguenza: Black out NAZIONALE Esempi: Black out ITALIANO 2003 Black out EUROPEO 2006

17 OUTLINE 17 Il sistema elettrico: un infrastruttura particolare Reti Elettriche e Generazione Diffusa La regolazione spinge alle Smart Grid Il nuovo ruolo del DSO

18 Il nuovo contesto regolatorio 18

19 Il nuovo contesto regolatorio 19

20 Il nuovo contesto normativo Norma CEI 0 16e normacei

21 Il nuovo contesto normativo Norma CEI 0 16e normacei In Italia la normativa ha già fatto un grosso «passo in avanti», sia rispetto alla rete MT che rispetto alla rete BT.

22 Smart Grid: un futuro lontano o una necessità a breve? 22 Data ICT 22 New protections Negligible impact DG penetration [%] Source: SIEMENS

23 OUTLINE 23 Il sistema elettrico: un infrastruttura particolare Reti Elettriche e Generazione Diffusa Smart Grid Il nuovo ruolo del DSO

24 Progetti pilota: Smart Grid, mobilità elettrica, sistemi di accumulo 24

25 Progetti pilota Smart Grid 25

26 Funzioni innovative dei progetti pilota Smart Grid 26 L obiettivo dei progetti Smart Grid è sperimentare funzionalità innovative sulle reti di distribuzione: incremento dell affidabilità del SPI della GD mediante telescatto con logica fail safe; gestione dei guasti con selettività logica con gli apparati di protezione lungo linea; regolazione della tensione con logica centralizzata; limitazione/modulazione in emergenza della potenza attiva; monitoraggio/controllo delle iniezioni da GD da parte del DSO/TSO, anche attraverso l impiego di algoritmi di previsione; utilizzo di sistemi di accumulo per fornire servizi ancillari alla rete; sperimentazione di strategie di demand response con gli utenti finali.

27 Ultimi provvedimenti 27

28 I possibili modelli di dispacciamento per l approvvigionamento delle risorse 28 Dispacciamento Centralizzato Esteso (Modello 1) è effettuato a livello centrale nella responsabilità del TSO e l utente (UP convenzionale e FRNP) è responsabile della presentazione di offerte sul MSD (direttamente, come singola UP, o tramite un eventuale trader). Dispacciamento Locale del DSO (Modello 2) è effettuato a livello locale dal DSO che è responsabile nei confronti del TSO della presentazione di offerte sul MSD acquistando la capacità tramite un MSD_D a cui partecipa la GD (direttamente o per il tramite di un trader). Profilo di scambio AT/MT Programmato (Modello 3) è effettuato a livello centrale dal TSO coinvolgendo le sole unità connesse alla RTN, mentre il DSO è responsabile di mantenere, nel tempo reale, lo scambio di energia con la RTN il più possibile simile a quello definito in fase di programmazione.

29 Allegato M CEI 0 16: distacco della GD su comando del DSO di riferimento per far fronte a criticità di rete 29 TSO Centro Operativo DSO 1 Centro Operativo DSO 2 In situazioni di criticità (basso carico e elevata produzione da FRNP): Gateway TSO DSO Rete MT il centro di controllo di Terna (tramite operatore o automatismo del Sistema di Difesa) invia un comando di distacco al sistema del DSO; il DSO smista tale ordine ai produttori GRDM tramite modem GSM/GPRS; Cabina Primaria Modem GSM/GPRS GD 1 Modem GSM/GPRS GD 2 il modem elabora il segnale ed emette un comando al SPI in modo da consentire il distacco (apertura DDI) e l inibizione dei gruppi di generazione;

30 Qualche spunto di riflessione: prospettive per le reti di distribuzione 30 Le reti di distribuzione mutano profondamente, verso le smart grid: i progetti pilota servono per indirizzare lo sviluppo estensivo La velocità di evoluzione dei sistemi elettrici in questo periodo storico è decisamente elevata («unprecedented») ENTSO E, codice europeo per i generatori (RfG) avvento dei veicoli elettrici (ormai sul mercato ) regole di gestione delle reti e di connessione (Del. 84; allegato A.70; CEI 0 21 da luglio; futura CEI 0 16 a fine anno): sperimentazione di sistemi di accumulo (Del. 199/11) nuove prospettive per il dispacciamento delle FER La capacità di reazione mostrata dal sistema Italia rispetto alla tempesta in atto ha condotto a una situazione di assoluta avanguardia Verso un dispacciamento in tempo reale della GD (DSO di riferimento) Servono infrastrutture di rete di distribuzione (con TLC) gestite in maniera innovativa dal DSO, che dovrà avere competenze e capacità operative maggiori che in passato dimensione internazionale dimensione nazionale

31 31 GRAZIE PER L ATTENZIONE! (comments are welcome) ANY QUESTIONS

Le FRNP sulle reti elettriche: un problema, o una risorsa futura? Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia

Le FRNP sulle reti elettriche: un problema, o una risorsa futura? Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Le FRNP sulle reti elettriche: un problema, o una risorsa futura? Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Mercoledì 19 Giugno 2013 Indice 2 Lo sviluppo delle FRNP e i problemi sul

Dettagli

IL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE VERSO LE SMART GRIDS: POSSIBILITÀ DI CRESCITA PER IL MERCATO E PER LE INDUSTRIE DEL SISTEMA ANIE

IL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE VERSO LE SMART GRIDS: POSSIBILITÀ DI CRESCITA PER IL MERCATO E PER LE INDUSTRIE DEL SISTEMA ANIE IL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE VERSO LE SMART GRIDS: POSSIBILITÀ DI CRESCITA PER IL MERCATO E PER LE INDUSTRIE DEL SISTEMA ANIE Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Venerdì 08

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD M. Delfanti, G. Monfredini, V. Olivieri Politecnico di Milano Introduzione Le smart grid, basate su strutture e modalità operative fortemente

Dettagli

LA GENERAZIONE DIFFUSA E LE SMART GRID

LA GENERAZIONE DIFFUSA E LE SMART GRID Tecnologie delle comunicazione e sostenibilità ambientale: Green ICT & ICT for Green LA GENERAZIONE DIFFUSA E LE SMART GRID Maurizio Delfanti, Andrea Silvestri Dipartimento di Energia Outline 2 Impatto

Dettagli

Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power

Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power M. Delfanti, D. Falabretti, M. Merlo, V. Olivieri - Dipartimento di Energia Politecnico di Milano M. Ambroggi - Thytronics

Dettagli

Il coordinamento DSO TSO e l osservabilità della GD

Il coordinamento DSO TSO e l osservabilità della GD Il coordinamento DSO TSO e l osservabilità della GD Terna Rete Italia Milano, 28 Novembre 2013 1 Fonti rinnovabili Crescita Eolico e Solare: anni 2005 2012 2 Fonti rinnovabili Crescita Eolico e Solare:

Dettagli

La gestione delle rinnovabili nel sistema elettrico italiano

La gestione delle rinnovabili nel sistema elettrico italiano La gestione delle rinnovabili nel sistema elettrico italiano Giorgio Maria Giannuzzi Responsabile Analisi dell Esercizio Terna Rete Italia 1 Evoluzione della Generazione Distribuita 2 L impatto della Generazione

Dettagli

L evoluzione in corso: verso le smart grid. prof. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi.

L evoluzione in corso: verso le smart grid. prof. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi. L evoluzione in corso: verso le smart grid prof. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi.it 1 Indice 2 L impatto della GD sul Sistema Elettrico Nazionale

Dettagli

il progetto Milano Wi-Power

il progetto Milano Wi-Power 22 Aprile 2010 - Roma Verso infrastrutture intelligenti per le utility Telecomunicazioni innovative nel controllo e protezione della GD: D. Falabretti,, G. Monfredini, V. Olivieri, M. Pozzi Dipartimento

Dettagli

Evoluzione dei sistemi di automazione di stazione per l integrazione degli impianti alimentati da fonte rinnovabile

Evoluzione dei sistemi di automazione di stazione per l integrazione degli impianti alimentati da fonte rinnovabile Evoluzione dei sistemi di automazione di stazione per l integrazione degli impianti alimentati da fonte rinnovabile M. Petrini, G. Bruno, L. Campisano, L. Ortolano, E. Casale Terna Rete Italia, Direzioni

Dettagli

Progetto pilota Smart Grid S. Severino Marche

Progetto pilota Smart Grid S. Severino Marche Progetto pilota Smart Grid S. Severino Marche M. Fiori Milano, 28 novembre 2013 A.S.SE.M. SpA (Azienda San Severino Marche SpA) Scambi in Cabina Primaria Settembre 2013 Attività: distribuzione dell'energia

Dettagli

SVILUPPO DELLE SMART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE

SVILUPPO DELLE SMART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE SVILUPPO DELLE SART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE prof. aurizio Delfanti ing. Valeria Olivieri SVILUPPO DELLE SART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE L innovazione

Dettagli

Sviluppo delle smart grid: opportunità per le aziende italiane del settore

Sviluppo delle smart grid: opportunità per le aziende italiane del settore Sviluppo delle smart grid: opportunità per le aziende italiane del settore Maurizio Delfanti, Valeria Olivieri Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Mercoledì 04 Dicembre 2013 Sviluppo delle smart

Dettagli

Smart Grid. Tra normativa tecnica e regolazione: lavori in corso in Italia. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia

Smart Grid. Tra normativa tecnica e regolazione: lavori in corso in Italia. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Smart Grid. Tra normativa tecnica e regolazione: lavori in corso in Italia Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Genova, 30 Novembre 2012 Perché la GD complica la gestione delle

Dettagli

Prospettive e primi esempi in Italia. Politecnico di Milano Dipartimento di Energia

Prospettive e primi esempi in Italia. Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Prospettive e primi esempi in Italia Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Evoluzione/rivoluzione delle reti: perché? Sviluppo iniziale dei sistemi elettrici basato su forme di

Dettagli

Dalle smart grid. Maurizio Delfanti Dipartimento di Energia Politecnico di Milano. Giovedì 26 giugno 2014

Dalle smart grid. Maurizio Delfanti Dipartimento di Energia Politecnico di Milano. Giovedì 26 giugno 2014 Dalle smart grid alle smart city Maurizio Delfanti Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Giovedì 26 giugno 2014 La GD installata in Italia al 2012 qualche informazione Gli impianti FER in Italia

Dettagli

Perché le smart grids

Perché le smart grids Massimo Gallanti Perché le smart grids Nuovi drivers del sistema elettrico Incrementare lo sfruttamento delle fonti rinnovabili (in particolare sfruttando la Generazione Distribuita (GD)) Nuovi impieghi

Dettagli

Impatti trascurabili Profili di tensione. direzionali) Assenza di fenomeni di isola indesiderata Integrazione informativa GD non necessaria

Impatti trascurabili Profili di tensione. direzionali) Assenza di fenomeni di isola indesiderata Integrazione informativa GD non necessaria Confronto Generazione - Carico Scenari attuali e futuri Carico Equilibrio Generazione technology focus DAGLI INVERTER INTELLIGENTI ALLA SMART GRID Progetti ed esigenze dei per la gestione della rete in

Dettagli

Intelligenza della rete al servizio delle fonti rinnovabili un caso concreto

Intelligenza della rete al servizio delle fonti rinnovabili un caso concreto Intelligenza della rete al servizio delle fonti rinnovabili un caso concreto Smart grids: sviluppo delle reti elettriche di distribuzione Bolzano, 9 novembre 2012 Sommario Presentazione di Selta SpA Obiettivi

Dettagli

Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application

Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application Maurizio Delfanti, Davide Falabretti, Marco Merlo Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Introduzione:

Dettagli

L accumulo elettrochimico in Italia: contesto regolatorio, progetti in corso, prospettive di sviluppo

L accumulo elettrochimico in Italia: contesto regolatorio, progetti in corso, prospettive di sviluppo L accumulo elettrochimico in Italia: contesto regolatorio, progetti in corso, prospettive di sviluppo Marco Pigni CEO PILA sas - Como Convegno assorinnovabili Casi concreti di SEU: dagli impianti a fonti

Dettagli

PROGETTI PILOTA SMART GRID Lambrate e Gavardo. ing. Enrico Fasciolo Milano, 28 novembre 2013

PROGETTI PILOTA SMART GRID Lambrate e Gavardo. ing. Enrico Fasciolo Milano, 28 novembre 2013 PROGETTI PILOTA SMART GRID Lambrate e Gavardo ing. Enrico Fasciolo Milano, 28 novembre 2013 Ampiezza del progetto: utenti attivi coinvolti e Cabine Lungo Linea CP Lambrate (Milano) e CP Gavardo (Brescia)

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Energia

POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Energia POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Energia Studio condotto per Autorità per l energia elettrica e il gas POSSIBILI MODALITÀ INNOVATIVE DI APPROVVIGIONAMENTO DELLE RISORSE PER IL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO

Dettagli

Smart Grids, passaggio obbligato per l integrazione delle rinnovabili in rete

Smart Grids, passaggio obbligato per l integrazione delle rinnovabili in rete Smart Grids, passaggio obbligato per l integrazione delle rinnovabili in rete Massimo Gallanti Rimini, 11 novembre 2011 Perché le smart grids Nuovi drivers del sistema elettrico Incrementare lo sfruttamento

Dettagli

Progetto pilota Smart Grid DEVAL: CP Villeneuve

Progetto pilota Smart Grid DEVAL: CP Villeneuve Progetto pilota Smart Grid DEVAL: CP Villeneuve Andrea Bianchin DEVAL Davide Falabretti, Marco Merlo Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia La proprietà intellettuale del presente documento allegato

Dettagli

Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani. Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012

Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani. Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012 Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012 Agenda La Realtà di A2A Reti Elettriche I Progetti Smart Grid

Dettagli

INTERVENTI REGOLATORI PER L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO: Smartgrid, Storage, Autoconsumo e Mercato

INTERVENTI REGOLATORI PER L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO: Smartgrid, Storage, Autoconsumo e Mercato INTERVENTI REGOLATORI PER L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO: Smartgrid, Storage, Autoconsumo e Mercato Luca Lo Schiavo e Gervasio Ciaccia Autorità per l energia elettrica e il

Dettagli

LE SFIDE DEL F NAZIONALE

LE SFIDE DEL F NAZIONALE LE SFIDE DEL F NAZIONALE Con una produzione che nel 2011 ha raggiunto i 14 TWh, il fotovoltaico necessita di una rete sempre più attiva, in tutti i livelli di tensione, e una presenza sempre maggiore d

Dettagli

Smart Grids, passaggio. delle rinnovabili in rete

Smart Grids, passaggio. delle rinnovabili in rete Smart Grids, passaggio obbligato per l integrazione delle rinnovabili in rete Massimo Gallanti Il problema energetico: stato e prospettive Pavia, 16 novembre 2011 Il ruolo delle reti nel futuro scenario

Dettagli

Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi

Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi Politecnico di Milano, 28 Settembre 2015 Michele Salaris, Gianluca Sapienza Enel Distribuzione Tecnologie di Rete

Dettagli

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico Milano, 6 febbraio 2014 Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed

Dettagli

La delibera 84/2012/R/eel: interventi urgenti relativi in particolare agli impianti di GD per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale

La delibera 84/2012/R/eel: interventi urgenti relativi in particolare agli impianti di GD per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale La delibera 84/2012/R/eel: interventi urgenti relativi in particolare agli impianti di GD per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale Convegno AEIT Trentino - Alto Adige Sudtirol Bolzano,

Dettagli

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Smart Grids: definizione, applicazione e modelli: l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Perché le Smart Grids Gli obiettivi i della politica energetica europea come

Dettagli

SMART DISTRIBUTION SYSTEM: PROMOZIONE SELETTIVA DEGLI INVESTIMENTI NEI SISTEMI INNOVATIVI DI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA. Orientamenti iniziali

SMART DISTRIBUTION SYSTEM: PROMOZIONE SELETTIVA DEGLI INVESTIMENTI NEI SISTEMI INNOVATIVI DI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA. Orientamenti iniziali DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 255/2015/R/EEL SMART DISTRIBUTION SYSTEM: PROMOZIONE SELETTIVA DEGLI INVESTIMENTI NEI SISTEMI INNOVATIVI DI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Orientamenti iniziali Documento

Dettagli

Valutazione dei progetti Del. 39/10: obiettivi di breve e medio termine

Valutazione dei progetti Del. 39/10: obiettivi di breve e medio termine Valutazione dei progetti Del. 39/10: obiettivi di breve e medio termine Paolo Pelacchi, Fabrizio Pilo, Roberto Turri Smart Grid Technical Issue BAU Distribution Network Active Distribution Network Voltage

Dettagli

Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT.

Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT. Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT. La nuova regola tecnica di connessione BT: Norma CEI 0-21 La Norma

Dettagli

Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione

Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione Smart Distribution System Milano, 28 settembre 2015 Agenda Premessa Gli sviluppi della rete elettrica e gli ambiti

Dettagli

C. Arrigoni D. Manocchia. S. Liotta S. Alessandroni. C. Michelangeli C. Carlini

C. Arrigoni D. Manocchia. S. Liotta S. Alessandroni. C. Michelangeli C. Carlini Il progetto pilota Smart Grid di ACEA Distribuzione: criteri innovativi nel controllo delle reti elettriche di Media Tensione in presenza di generazione distribuita S. Liotta S. Alessandroni C. Arrigoni

Dettagli

LE RINNOVABILI E LA GESTIONE DELLA RETE ELETTRICA

LE RINNOVABILI E LA GESTIONE DELLA RETE ELETTRICA Le rinnovabili e la gestione della rete elettrica 1 LE RINNOVABILI E LA GESTIONE DELLA RETE ELETTRICA Brescia, 20 ottobre 2015 Carlo Ansaloni, A2A SPA Prima dell elettrificazione Le rinnovabili e la gestione

Dettagli

Problematiche specifiche della connessione della generazione distribuita

Problematiche specifiche della connessione della generazione distribuita Problematiche specifiche della connessione della generazione distribuita Emanuele Forte, SMA Italia Workshop STARGRID, Milano 30.10.2013 Disclaimer 2 Agenda 1 2 Evoluzione dei sistemi elettrici con introduzione

Dettagli

Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e

Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e lo sviluppo dell energiaenergia rinnovabile Terna - Rete Elettrica Nazionale Domodossola, 28 Ottobre 2011 1 Il sistema elettrico nazionale La Rete elettrica

Dettagli

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE La nuova Norma CEI 0-21: novità per la connessione di utenti attivi alle reti di distribuzione BT (prog. C1058) A.Cerretti Enel Distribuzione S.p.A.

Dettagli

Smart Grids: impatto sulla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale

Smart Grids: impatto sulla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale Smart Grids: impatto sulla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale Sviluppo delle reti intelligenti in Italia MILANO, 29 MAGGIO 2009 Agenda Smart Grid concept Caratteristiche rete elettrica futura Sfide

Dettagli

Sistemi di accumulo energia

Sistemi di accumulo energia Sistemi di accumulo energia Progetti ed iniziative in corso Dott. Enrico Senatore Responsabile Battery Storage Terna Plus Rimini, 09.11.2012 1 Il Gruppo Terna Quotata nella Borsa Italiana dal 2004, ha

Dettagli

Sistemi fotovoltaici

Sistemi fotovoltaici Sistemi fotovoltaici e connessione in rete Roberto Caldon Università degli Studi di Padova Contrastanti esigenze della GD e della rete Da parte dei Produttori: Poter collegare senza formalità aggiuntive

Dettagli

Dispacciabilità delle risorse di carico/generazione mediante sistemi di accumulo

Dispacciabilità delle risorse di carico/generazione mediante sistemi di accumulo Dispacciabilità delle risorse di carico/generazione mediante sistemi di accumulo M. Delfanti, D. Falabretti, M. Merlo Politecnico di Milano, Via La Masa, 34-20156 Milano davide.falabretti@polimi.it P.

Dettagli

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili Generazione Diffusa: Impatto sulla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale Sviluppo della generazione diffusa in Italia MILANO, 30 APRILE 2009 Pianificazione e Sviluppo Rete / Pianificazione Rete 1 La

Dettagli

Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE

Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE 21 marzo 2012 - Milano 1 Perché le Smart Grids? Nuovi drivers del sistema elettrico Incrementare lo sfruttamento

Dettagli

Esperienza di gestione di reti con Generazione Distribuita

Esperienza di gestione di reti con Generazione Distribuita Università di Pisa DESE La programmazione dell immissione in rete della produzione da fonti rinnovabili e il Virtual Power Plant 21.02.2011 Firenze Esperienza di gestione di reti con Generazione Distribuita

Dettagli

PROGETTO GAVARDO. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS)

PROGETTO GAVARDO. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS) PROGETTO GAVARDO A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS) RELAZIONE FINALE Relazione finale progetto Gavardo A2A Reti Elettriche 1 SOMMARIO 1. Descrizione generale del progetto dimostrativo...

Dettagli

Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica

Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica Francesco Groppi Conferenza dell Industria Solare Italia 2009 Roma, 5-65 Principali aspetti e problematiche

Dettagli

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE. Progetti ed iniziative sperimentali di smart grids in Italia; tendenze a livello europeo

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE. Progetti ed iniziative sperimentali di smart grids in Italia; tendenze a livello europeo Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE Progetti ed iniziative sperimentali di smart grids in Italia; tendenze a livello europeo Ing. Alberto Cerretti, Enel Distribuzione Prof. Maurizio

Dettagli

PROGETTO GAVARDO. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS)

PROGETTO GAVARDO. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS) PROGETTO GAVARDO A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS) RELAZIONE SEMESTRALE GIUGNO 2013 (V RELAZIONE SEMESTRALE) Sommario 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO DIMOSTRATIVO... 4 1.1 Finalità...

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica GESTIONE EVOLUTA DELLE PROTEZIONI DI INTERFACCIA PER LA SICUREZZA DEL SISTEMA ELETTRICO

Dettagli

Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi

Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. (MI) http://www.norma016.it/cei/index.asp?page=documentazione&type=2

Dettagli

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita FederIdroelettrica Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed efficienza energetica Autorità

Dettagli

L impatto delle rinnovabili sul sistema elettrico

L impatto delle rinnovabili sul sistema elettrico L impatto delle rinnovabili sul sistema elettrico Generazione distribuita l esperienza del Gruppo HERA Paolo Manià Direzione Energia & IP Esercizio Fabrizio Rossi Direzione Gas ed energia elettrica Venezia

Dettagli

Progetto Smart Grids. A.S.SE.M. SpA. Cabina Primaria di San Severino Marche (MC)

Progetto Smart Grids. A.S.SE.M. SpA. Cabina Primaria di San Severino Marche (MC) Progetto Smart Grids A.S.SE.M. SpA Cabina Primaria di San Severino Marche (MC) RELAZIONE SEMESTRALE GIUGNO 2013 (V RELAZIONE SEMESTRALE) SOMMARIO 1. DESCRIZIONE DEL PROGETTO DIMOSTRATIVO... 1 1.1 Finalità...

Dettagli

Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI.

Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI. Bologna 20 luglio 2015 Spettabile Autorità per l energia elettrica il gas ed il sistema idrico Piazza Cavour, 5 20121 Milano Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI. Gentili

Dettagli

Il Dimostrativo Italiano del Progetto Europeo Grid4EU

Il Dimostrativo Italiano del Progetto Europeo Grid4EU Il Dimostrativo Italiano del Progetto Europeo Grid4EU Un sistema di controllo innovativo per l integrazione della generazione distribuita nella rete di distribuzione MT Lilia Consiglio Enel Distribuzione

Dettagli

Smart Grid: i primi progetti pilota in Italia

Smart Grid: i primi progetti pilota in Italia Smart Grid: i primi progetti pilota in Italia Maurizio Delfanti, Davide Falabretti, Marco Merlo, Gabriele Monfredini, Valeria Olivieri, Mauro Pozzi Politecnico di Milano Dipartimento di Energia, via La

Dettagli

Le smart grid nella ricerca per il sistema elettrico

Le smart grid nella ricerca per il sistema elettrico Le smart grid nella ricerca per il sistema elettrico Massimo Gallanti RSE Bologna, 8 giugno 2011 1 RSE e la Ricerca del sistema elettrico RSE (Ricerca sul Sistema Energetico S.p.A.) svolge attività di

Dettagli

"FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI?

FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? "FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? CONVEGNO DEL 30/05/2012 Novità per dimensionamento impianto Principali novità per dimensionamento: regole tecniche di connessione Passaggio dalle Normative di riferimento

Dettagli

PROGETTO LAMBRATE. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI)

PROGETTO LAMBRATE. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI) PROGETTO LAMBRATE A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI) RELAZIONE SEMESTRALE GIUGNO 2013 (V RELAZIONE SEMESTRALE) Sommario 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO DIMOSTRATIVO... 4 1.1 Finalità...

Dettagli

Struttura della rete elettrica di potenza - 1

Struttura della rete elettrica di potenza - 1 Struttura della rete elettrica di potenza - 1 Centrali di produzione dotate di alternatore collegato alla rete di trasmissioneinterconnessione mediante un trasformatore elevatore (tensione tipica dell

Dettagli

La programmazione in rete della produzione da fonti rinnovabili.

La programmazione in rete della produzione da fonti rinnovabili. La programmazione in rete della produzione da fonti rinnovabili. VIRTUAL POWER PLANT La connessione alle reti elettriche di impianti da fonti rinnovabili Ing. Pier Francesco Zanuzzi Terna S.p.A. IL SISTEMA

Dettagli

SVILUPPO DELLE SMART GRIDS: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE

SVILUPPO DELLE SMART GRIDS: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE SVILUPPO DELLE SMART GRIDS: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE dicembre 2013 In collaborazione con il Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano www.polimi.it Studio sponsorizzato da:

Dettagli

Claudio Francescon ABB s.p.a. Power Product Division CEI 0-16, Versione 3 Regole Tecniche di connessione in Media Tensione

Claudio Francescon ABB s.p.a. Power Product Division CEI 0-16, Versione 3 Regole Tecniche di connessione in Media Tensione Claudio Francescon ABB s.p.a. Power Product Division CEI 0-16, Versione 3 Regole Tecniche di connessione in Media Tensione Apporto della GD NUMERO DI IMPIANTI GD POTENZA DA IMPIANTI GD FONTE AEEG 2010

Dettagli

Smart Grids. Strategie di sviluppo del sistema elettrico verso le reti attive ed intelligenti

Smart Grids. Strategie di sviluppo del sistema elettrico verso le reti attive ed intelligenti Smart Grids Strategie di sviluppo del sistema elettrico verso le reti attive ed intelligenti Roberto Turri Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Padova Seminario SEL SMART GRIDS:

Dettagli

Prospettive del nascente mercato dei sistemi di storage nel panorama italiano

Prospettive del nascente mercato dei sistemi di storage nel panorama italiano Prospettive del nascente mercato dei sistemi di storage nel panorama italiano Giordano Torri Membro Gruppo Sistemi di Accumulo ANIE Energia Napoli 18 giugno 2015 ANIE Energia chi siamo Aderisce a Confindustria

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 7 AGOSTO 2014 421/2014/R/EEL ULTERIORI INTERVENTI RELATIVI AGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE DISTRIBUITA FINALIZZATI A GARANTIRE LA SICUREZZA DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO CONGIUNTO SOSTENIBILITÀ. Generazione distribuita e Smart Grid

GRUPPO DI LAVORO CONGIUNTO SOSTENIBILITÀ. Generazione distribuita e Smart Grid GRUPPO DI LAVORO CONGIUNTO SOSTENIBILITÀ Generazione distribuita e Smart Grid Sommario Cenni al sistema di distribuzione Problemi del sistema attuale La generazione distribuita Le Smart Grid 2 Il sistema

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT N 01 1 di 23 IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione N 01 2 di 23 INDICE 1.

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA RETE ELETTRICA PER LA DIFFUSIONE DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA

L EVOLUZIONE DELLA RETE ELETTRICA PER LA DIFFUSIONE DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA L EVOLUZIONE DELLA RETE ELETTRICA PER LA DIFFUSIONE DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi.it Perché rivoluzionare le reti?

Dettagli

I Sistemi di Accumulo (SdA) elettrochimici sono applicazioni con un forte contenuto di innovazione:

I Sistemi di Accumulo (SdA) elettrochimici sono applicazioni con un forte contenuto di innovazione: LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTERS Fiera Milano 8 maggio 2014 La normativa tecnica per l accumulo elettrico Maurizio Delfanti Comitato

Dettagli

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA N 02 1 di 13 REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione 02 03/08/2012 Chiarimenti interpretativi N 02 2 di 13 INDICE

Dettagli

Smart Grid Come cambia il business per chi gestisce le infrastrutture. Antonio Michelon - Capgemini

Smart Grid Come cambia il business per chi gestisce le infrastrutture. Antonio Michelon - Capgemini Smart Grid Come cambia il business per chi gestisce le infrastrutture Antonio Michelon - Capgemini Contesto di riferimento Smart Grid: aree di intervento Smart Grid: tecnologia e infrastruttura Smart Grid:

Dettagli

La generazione distribuita nel sistema elettrico

La generazione distribuita nel sistema elettrico La generazione distribuita nel sistema elettrico Evoluzioni e sfide per la rete del XXI secolo Di Nicolò Rossetto IUSS ALDAI - Milano 23 ottobre 2014 1 Sommario Introduzione: che cosa è la generazione

Dettagli

L. Ambrosi, L. Caldera, C. Guenzi, M. Di Fiore, A. Latorre, F. Zanellini Siemens SpA

L. Ambrosi, L. Caldera, C. Guenzi, M. Di Fiore, A. Latorre, F. Zanellini Siemens SpA La crescente penetrazione della generazione distribuita alimentata in particolare da fonti rinnovabili non programmabili pone per gli addetti del settore energetico nuove sfide legate all esercizio delle

Dettagli

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Presentazione del progetto www.smartgen.it Scopo: Contesto:

Dettagli

PROGETTO LAMBRATE. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI)

PROGETTO LAMBRATE. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI) PROGETTO LAMBRATE A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI) RELAZIONE FINALE Relazione finale progetto Lambrate A2A Reti Elettriche 1 SOMMARIO 1 Descrizione generale del progetto dimostrativo...

Dettagli

Le reti energetiche Energia elettrica: smart grids

Le reti energetiche Energia elettrica: smart grids Le reti energetiche Energia elettrica: smart grids Roberto Napoli Dipartimento di Ingegneria Elettrica Politecnico di Torino 1 La rete elettrica èla più grande infrastruttura creata dall uomo, per: complessità

Dettagli

Dispositivi di Interfaccia Problemi e Soluzioni

Dispositivi di Interfaccia Problemi e Soluzioni Dispositivi di Interfaccia Problemi e Soluzioni Rev. 02 30 Giugno 2012 Premessa Il presente documento è una guida pratica per essere d aiuto nella configurazione dei relè di protezione degli impianti di

Dettagli

SMART GRID & SMART STORAGE Il nuovo supporto alle Rinnovabili

SMART GRID & SMART STORAGE Il nuovo supporto alle Rinnovabili SMART GRID & SMART STORAGE Il nuovo Antonio Zingales SAET ANIMP Milano 26 Giugno 2012 Gestione della Rete energie rinnovabili e mercato del gas: quali risposte dai cicli combinati? La fotografia dei recenti

Dettagli

Evoluzioni della normativa tecnica italiana. Maurizio Delfanti (CEI CT 316) Politecnico di Milano Dipartimento di Energia

Evoluzioni della normativa tecnica italiana. Maurizio Delfanti (CEI CT 316) Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Evoluzioni della normativa tecnica italiana Maurizio Delfanti (CEI CT 316) Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Giovedì 28 Novembre 2013 Nuovi scenari per la regolazione (AEEG/ACER) e per la normazione

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2013 243/2013/R/EEL ULTERIORI INTERVENTI RELATIVI AGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE DISTRIBUITA PER GARANTIRE LA SICUREZZA DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE. MODIFICHE ALLA DELIBERAZIONE

Dettagli

Struttura Sistema Elettrico Reti elettriche di distribuzione e archittettura della rete AT/MT

Struttura Sistema Elettrico Reti elettriche di distribuzione e archittettura della rete AT/MT Marzio Grassi Distribution Automation. March 2014 Struttura Sistema Elettrico Reti elettriche di distribuzione e archittettura della rete AT/MT June 3, 2014 Slide 1 Quanto è importante il Sistema Elettrico?

Dettagli

Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro. ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009

Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro. ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009 Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009 gli albori: prime applicazioni locali e industriali dell energia elettrica cenni sulla distribuzione di energia elettrica

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 2 AGOSTO 2012 344/2012/R/EEL APPROVAZIONE DELLA MODIFICA ALL ALLEGATO A70 E DELL ALLEGATO A72 AL CODICE DI RETE. MODIFICA DELLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Dettagli

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti 84 Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti Le centrali ibride, elemento chiave per poter realizzare e controllare le microreti ad alta penetrazione di Fonti Energetiche

Dettagli

Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico

Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico Le attività di RSE sulle Smart Grids nella ricerca per il sistema elettrico Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico SMART GRIDS: rivoluzione nella distribuzione dell energia

Dettagli

Il progetto ISERNIA (Cabina Primaria di Carpinone)

Il progetto ISERNIA (Cabina Primaria di Carpinone) Il progetto ISERNIA (Cabina Primaria di Carpinone) Il Progetto Isernia Inquadramento un progetto che integra diversi elementi chiave delle Smart Grids Integration of renewables Storage Customer Engagement

Dettagli

Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Franco Corti SIEMENS S.p.A. (Italia)

Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Franco Corti SIEMENS S.p.A. (Italia) Nuove funzioni di Smart Grid nel Sistema di Telecontrollo degli impianti di trasformazione e distribuzione dell energia elettrica di ENEL Distribuzione Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Responsabile

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 8 MARZO 2012 84/2012/R/EEL INTERVENTI URGENTI RELATIVI AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA GENERAZIONE DISTRIBUITA, PER GARANTIRE LA SICUREZZA

Dettagli

EVOLVERE LE RETI VERSO LE SMART GRID: RETI DI ENERGIA E RETI DI INFORMAZIONE

EVOLVERE LE RETI VERSO LE SMART GRID: RETI DI ENERGIA E RETI DI INFORMAZIONE PIANO D AZIONE PER LO SVILUPPO DELLE FONTI RINNOVABILI l'italia e l'imminente attuazione della direttiva europea: il contributo degli istituti di ricerca nazionali EVOLVERE LE RETI VERSO LE SMART GRID:

Dettagli

CAPITOLO 3 - GESTIONE, ESERCIZIO E MANUTENZIONE DELLA RETE

CAPITOLO 3 - GESTIONE, ESERCIZIO E MANUTENZIONE DELLA RETE CAPITOLO 3 - GESTIONE, ESERCIZIO E MANUTENZIONE DELLA RETE INDICE CAPITOLO 3 - GESTIONE, ESERCIZIO E MANUTENZIONE DELLA RETE.2 3.1 OGGETTO 2 3.2 AMBITO DI APPLICAZIONE..2 3.3 ATTIVITA DI GESTIONE ED ESERCIZIO..2

Dettagli

SMART GRID: Internet dell Energia

SMART GRID: Internet dell Energia SMART GRID: Internet dell Energia 1 Rete Elettrica Tradizionale Il termine GRID tradizionalmente è usato per una rete elettrica che supporta tutte o in parte le seguenti operazioni: 1) Generazione dell

Dettagli

IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Roma, 27 Giugno 2014 Ing. Cristian Cattarinussi EscoEspe S.r.l. PREMESSA

Dettagli