Il terremoto Aquilano dell aprile 2009: primi risultati e strategie future

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il terremoto Aquilano dell aprile 2009: primi risultati e strategie future"

Transcript

1 Workshop Il terremoto Aquilano dell aprile 2009: primi risultati e strategie future Chieti, 4 giugno 2009 Università G. d Annunzio di Chieti-Pescara Auditorium del Rettorato (Campus Universitario di Chieti scalo) A breve distanza dal terremoto dell Aquila del 6 aprile 2009 (Mw 6.3), il Dipartimento di Scienze della Terra dell Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara organizza un Workshop sugli aspetti scientifici dell evento sismico. L obiettivo è quello di fare il punto sulle analisi fino ad ora svolte e di promuovere lo scambio scientifico dei dati raccolti anche per meglio pianificare le indagini future, nel massimo rispetto della filosofia di un Workshop. Il Workshop tratterà argomenti riguardanti varie discipline delle Scienze della Terra, fra cui: - contesto sismotettonico dell area colpita; - dati di macrosismica e sismologia strumentale; - deformazione inter-sismica, co-sismica e post-sismica da dati geologici di terreno e geodetici, effetti secondari, dati geochimici ed idrogeologici; - pericolosità sismica; - scuotimento ed effetti di sito. GLI ORGANIZZATORI: Paolo Boncio Francesco Brozzetti Giusy Lavecchia Alberto Pizzi 1

2 PROGRAMMA 8:50 Saluto degli organizzatori ed inizio lavori 1) 9:00 9:15 BONCIO P., LAVECCHIA G., BROZZETTI F., PACE B., DE NARDIS R. & VISINI F.- Contesto sismotettonico della sequenza sismica Aquilana dell'aprile ) 9:15 9:30 ROVIDA A., GALADINI F., STUCCHI M. - Rileggendo i dati storici dei terremoti abruzzesi. 3) 9:30 9:45 GALLI P. & QUEST (QUICK EARTHQUAKE SURVEY TEAM) - Il rilievo macrosismico del terremoto del 6 Aprile: considerazioni sulla distribuzione del danneggiamento. 4) 9:45 10:00 DOLCE M., NICOLETTI M. & STAFF TECNICO DEL DPC-UFFICIO SISMICO-SERVIZIO MONITORAGGIO Il monitoraggio accelerometrico del DPC in occasione della sequenza aquilana. 5) 10:00 10:15 CHIARABBA C. & CNT WORKING GROUP - Terremoto de L'Aquila: il contributo della sismologia. 6) 10:15 10:30 BIANCONI A., CAPUTO M., INNOCENTI D., IOVENITTI M., POCCIA N., RICCI A. - Heterogeneity and anomalous critical indices in the aftershocks distribution of L Aquila earthquake 10:30 11:00 Pausa caffé e discussione poster 7) 11:00 11:15 EMERGEO WORKING GROUP, INGV - Coseismic effects on the natural environment associated to the April-May 2009 Abruzzo seismic sequence. 8) 11:15 11:30 PIZZI A., BONCIO P., BROZZETTI F., POMPOSO G., LAVECCHIA G., DI NACCIO D. & FERRARINI F. Deformazioni di superficie rilevate nella zona epicentrale della sequenza sismica aquilana del 2009 nell immediato post-sismico. 9) 11:30 11:45 BLUMETTI A.M., COMERCI V., DI MANNA P., ESPOSITO E., GUERRIERI L., PICCARDI L., PORFIDO S., VITTORI E., VIOLANTE C., SACCHI M., BERLUSCONI A., LIVIO F., MICHETTI A.M., SILEO G. - Gli effetti ambientali della sequenza sismica dell Aprile 2009 in Abruzzo. 10) 11:45 12:00 FARABOLLINI P., AGOSTA F., ARINGOLI D., MATERAZZI M., PIERANTONI P. & TONDI E. - Il terremoto aquilano del 6 aprile 2009: rilievi geologici di superficie e prime considerazioni. 11) 12:00 12:15 D'AGOSTINO N., AVALLONE A., CALCATERRA S., CHELONI D., D'ANASTASIO E., GAMBINO P., GIULIANI R., MANTENUTO M. & MATTONE M. - Deformazione intersismica e cosismica nella zona Aquilana del terremoto del 6 aprile ) 12:15 12:30 ATZORI S., CHINI M., HUNSTAD I., STRAMONDO S., BIGNAMI C., TOLOMEI C., SALVI S., SAROLI M. - Risultati dell'analisi interferometrica dei dati SAR e vincoli per la sorgente. 13) 12:30 12:45 CAPORALI A.- Time series of coordinates of CGPS stations in the area of the Abruzzo earthquakes. 12:45 14:00 Pausa pranzo 14) 14:00 14:15 DOMINICI D., FASTELLINI G. & RADICIONI F. - Terremoto dell'aquila del 6 Aprile 2009: prime valutazioni sugli spostamenti superficiali attraverso l'elaborazione di osservazioni satellitari GNSS da stazioni permanenti. 2

3 15) 14:15 14:30 CRIPPA B., TROISE C., PINGUE F., AOUDIA K., DALLA VIA G. & DE NATALE G. - I terremoti d Abruzzo: dislocazione sulle faglie principali e trasferimento di sforzo sulle strutture adiacenti. 16) 14:30 14:45 QUATTROCCHI F., CINTI D., GALLI G., MAGNO L., PIZZINO L., SCIARRA A., VOLTATTORNI N. - Degassamento in superficie durante e dopo il terremoto dell'aquilano: Implicazioni sismotettoniche e primi dati sperimentali dagli acquiferi e gas nei suoli. 17) 14:45 15:00 ADINOLFI FALCONE R., FALGIANI A., MANETTA M., MARCHETTI A., PARISSE B., PETACCIA R., PETITTA M., RUSI S., SCIANNAMBLO D., SPIZZICO M. & TALLINI M. - Effetti idrogeologici post terremoto del 6 aprile 2009 sulle grandi sorgenti del Gran Sasso e aree limitrofe. 18) 15:00 15:15 GREGORI G.P., PAPARO G., POSCOLIERI M., RAFANELLI C., VENTRICE G. & DE SIMONE S. - I dati di emissione acustica (AE), registrati ad Orchi (Foligno-Umbria) e Valsinni (Basilicata): correlazioni con il terremoto de L'Aquila. 19) 15:15 15:30 TRAMUTOLI V., ALIANO C., CORRADO R., COVIELLO I., FILIZZOLA C., GENZANO N., LACAVA T., MARCHESE F., MAZZEO G., LISI M., PACIELLO R. & PERGOLA N. - Analisi RST dell'emissione termica terrestre sull'italia Centrale da osservazioni satellitari EOS-MODIS, NOAA-AVHRR e MSG-EVIRI nel periodo Marzo-Aprile ) 15:30 15:45 PERESAN A., KOSSOBOKOV V., ROMASHKOVA L., ZUCCOLO E. & PANZA G.F. - Previsioni a mediotermine spazio temporale dei terremoti in Italia: sei anni di sperimentazione in tempo reale mediante gli algoritmi CN ed M8S. 21) 15:45 16:00 BOTTIGLIERI M., LIPPIELLO E., DE ARCANGELIS L. & GODANO C. - Correlazioni tra le magnitudo e valutazione della pericolosità sismica del terremoto dell'aquila. 22) 16:00 16:15 PACE B., PERUZZA L., VISINI F., BONCIO P., LAVECCHIA G. - A fault-based earthquake forecast model: is it the right way to explore the probability of occurrence? Remarks after the 6th April 2009 L'Aquila earthquake. 23) 16:15 16:30 MUCCIARELLI M., MASI A. & CHIAUZZI L. - Pericolosità sismica e parametri ingegneristici del terremoto dell'aquila. 16:30 17:00 Pausa caffé e discussione poster 24) 17:00 17:15 AKINCI A. & MALAGNINI L. - Strong Ground Motion Characteristics from the 6 April 2009 L Aquila earthquake, Italy. 25) 17:15 17:30 AMERI G., BINDI D., D ALEMA E., LUZI L., MARZORATI S., MASSA M., PACOR F. & PUGLIA R - Parametri strong-motion relativi agli eventi principali della sequenza sismica aquilana. 26) 17:30 17:45 MILANA G. & GRUPPO DI LAVORO INGV-ROMA1, CETE MÉDITERRANÉE (NIZZA) - Valutazione degli effetti di amplificazione locale in alcune zone della Valle dell'aterno. Primi risultati delle attività svolte da: INGV Roma, Osservatorio sismico di Arezzo, CETE Méditerranée. 27) 17:45 18:00 GALLIPOLI M.R., PISCITELLI S., GIOCOLI A., ROMANO G., MUCCIARELLI M. & GFZ-TASK FORCE - Evidenze preliminari di forti effetti di sito 28) 18:00 18:15 ORTOLANI F., PAGLIUCA S. & SPIZUOCO A. - Elementi strutturali, effetti locali e danni ai manufatti nell area abruzzese interessata dal sisma del 6 aprile

4 29) 18:15 18:30 DE FERRARI R., FERRETTI G., BARANI S., SPALLAROSSA D. & EVA C. - Stima della risposta sismica locale presso le aree di Paganica e Tempera, l Aquila. 30) 18:30 18:45 VACCARI F. - Modellazione preliminare del moto del suolo e degli effetti locali per il terremoto Abruzzese del 6 aprile ) 18:45 19:00 RAINONE M.L., SIGNANINI P., CASO C., GRECO P., MARINO A., PIZZICA F., TORRESE P. & PETACCIA R. - Prime considerazioni sugli effetti di sito. 32) 19:00 19:15 MICCADEI E., FARABOLLINI P., PIACENTINI T. & CAVINATO G.P. - Il ruolo del rilevamento geomorfologico negli studi di microzonazione sismica. POSTER discussione: 10:30-11:00 e 16:30-17:00 COPPOLA E. & PERESAN A. - Il terremoto dell Aquila del 6 aprile 2009 e le sue repliche: eventi previsti, prevedibili o inattesi? ELTER F.M., KRAUS R.K., PADOVANO M., DE FERRARI R., SCAFIDI D. - Può un sistema Riedel N-S giustificare la sequenza sismica abruzzese? FINZI-CONTINI G. - Modellistiche geofisiche di geostrutture appenniniche sepolte interessate da fluidi a viscosità nonlineari (Kelvin e Maxwell) in pressione idrostatica possono simularne anche prolungate evoluzioni temporali. MARTURANO A., CUBELLIS E., CARLINO S. - Terremoto aquilano del 6 aprile 2009: indagini macrosismiche e livelli di avvertibilità in Campania. SILEO G., BARBA S., BERLUSCONI A., BLUMETTI A.M., CAMPEDEL P., COCCO S., COMERCI V., COWIE P., DI MANNA P., ESPOSITO E., GUERRIERI L., GUZZETTI F., LA ROCCA L., LIVIO F., LOLLINO G., MC KAFFREY K., MICHETTI A.M., PHILIPS R., PICCARDI L., PORFIDO S., ROBERTS G., SACCHI M., VIOLANTE C., VITTORI E., WILKINSON M., WRIGTH T. - Monitoraggio delle deformazioni post-sismiche della sequenza dell Aprile Maggio 2009 sulla faglia di Paganica attraverso l uso del Laser Scanner terrestre. 4

5 5

CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA

CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-PESCARA Con il patrocinio di ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA GIUGNO 2011 Parco Paglia

Dettagli

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità sismica DiSGG, Università della Basilicata ReLUIS, Rete di Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica CRiS, Centro di Competenza sul Rischio

Dettagli

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV 1 Monitoraggio sismico a scala Nazionale: La rete sismica nazionale 2 Monitoraggio sismico

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico.

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico. Qui DPC M. Dolce 1 Il monitoraggio sismico del Dipartimento della Protezione Civile (2) - L Osservatorio Sismico delle Strutture Nel precedente numero di QuiDPC si è fornita una sintetica descrizione della

Dettagli

Livello di prevedibilità dei terremoti alla luce della recente sequenza sismica abruzzese culminata con l evento del 6/4/2009

Livello di prevedibilità dei terremoti alla luce della recente sequenza sismica abruzzese culminata con l evento del 6/4/2009 Pereto, 8 Agosto 2009, ore 16:00 Livello di prevedibilità dei terremoti alla luce della recente sequenza sismica abruzzese culminata con l evento del 6/4/2009 Angelo De Santis, Roma Università G. D Annunzio,

Dettagli

SISMICITÀ STORICA DELL ITALIA DI NORD-EST

SISMICITÀ STORICA DELL ITALIA DI NORD-EST CIRCOLARE - marzo 2008 SISMICITÀ STORICA DELL ITALIA DI NORD-EST STATO DELL ARTE DELLE CONOSCENZE SUL TERREMOTO DI VERONA DEL 1117 E SULLA SISMICITÀ DELL ITALIA NORD ORIENTALE Convegno con relazioni ad

Dettagli

PER SEZIONI RETTANGOLARI INFLESSE IN C.A.

PER SEZIONI RETTANGOLARI INFLESSE IN C.A. 306 COEFFICIENTI αα (r) e ββ (t) PER SEZIONI RETTANGOLARI INFLESSE IN C.A. 307 308 309 310 311 312 313 314 Bibliografia Fascia F. Iovino R. (2008) LA STRUTTURA IN CEMENTO ARMATO PER L ARCHITETTURA ed.aracne;

Dettagli

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello»

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Perché questo incontro Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Emergenza di comunicazione: sei membri della Commissione Grandi Rischi sotto

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza

Università degli Studi di Roma La Sapienza CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FALCUCCI EMANUELA VIA NETO 41, 00040 POMEZIA (RM) Telefono 06/9192852 Cellulare 347/9384700 E-mail falcucci@mi.ingv.it Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 . conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 1 Terremoto dell Aquila 6 aprile 2009 Mr = 5,9 Mw = 6,3 Tr = 300-350

Dettagli

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche Coordinatore: Prof. Paolo GASPARINI Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II LINEA 9 Monitoraggio

Dettagli

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Enzo Boschi Venezia, 1 febbraio 2007 Crustal Plate Boundaries Sismicità crostale e profonda del Mediterraneo La Rete Sismica Nazionale Come si generano i terremoti

Dettagli

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + ATTIVITÀ DELLA RETE SISMICA MOBILE (RSM) La RSM nasce nei primi anni 70 come struttura finalizzata

Dettagli

1.3 Il terremoto del 6 aprile e le conoscenze sulle faglie attive dell Appennino centrale

1.3 Il terremoto del 6 aprile e le conoscenze sulle faglie attive dell Appennino centrale Azione sismica ed effetti di sito 1.3 Il terremoto del 6 aprile e le conoscenze sulle faglie attive dell Appennino centrale F. Galadini 1, D. Pantosti 2, P. Boncio 3, P. Galli 4, P. Messina 5, P. Montone

Dettagli

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Paolo Comelli OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale 6 MAGGIO 1976-2011 convegno per il 35 anniversario

Dettagli

Sequenza Sismica Aquilana (2009): variazioni in frequenza della risposta di sito (intra-evento) osservata sulle registrazioni accelerometriche.

Sequenza Sismica Aquilana (2009): variazioni in frequenza della risposta di sito (intra-evento) osservata sulle registrazioni accelerometriche. Sequenza Sismica Aquilana (2009): variazioni in frequenza della risposta di sito (intra-evento) osservata sulle registrazioni accelerometriche. R. Ditommaso 1, M. Mucciarelli 1, M. Bianca 1, R. Puglia

Dettagli

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami A. Armigliato (1), S. Tinti (1), G. Pagnoni (1), G. Mastronuzzi (2), C. Pignatelli

Dettagli

Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion.

Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Elenco dei partecipanti Responsabile: Paolo Augliera - Primo Ricercatore INGV. Ezio

Dettagli

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Presso la sede INGV si riuniscono i responsabili dei task del progetto S4. Sono presenti Luca Malagnini (INGV, coordinatore) Daniele Spallarossa (DIPTERIS,

Dettagli

DOCUMENTI SULLA CONDANNA DELLA C.G.R.

DOCUMENTI SULLA CONDANNA DELLA C.G.R. DOCUMENTI SULLA CONDANNA DELLA C.G.R. Quali sono i capi d accusa in base ai quali la C.G.R. è stata condannata? La Pubblica accusa ha chiesto la condanna, a quattro anni di carcere, in quanto la C.G.R.

Dettagli

MICROZONAZIONE SISMICA

MICROZONAZIONE SISMICA Regione Abruzzo Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile MICROZONAZIONE SISMICA PER LA RICOSTRUZIONE DELL AREA AQUILANA Parte i e ii Gruppo di Lavoro Microzonazione sismica

Dettagli

La Banca Dati Accelerometrica Italiana

La Banca Dati Accelerometrica Italiana DPC-INGV 2007-09: Progetto S4 La Banca Dati Accelerometrica Italiana Coordinatori Francesca Pacor (INGV Milano Pavia) Roberto Paolucci (Politecnico Milano) INGV Referenti DPC Antonella Gorini Adriano De

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

Effectiveness of Soil Parameters for Ground Response Characterization and Site Classification

Effectiveness of Soil Parameters for Ground Response Characterization and Site Classification 28 Convegno GNGTS, 16-19 Novembre 2009, Trieste Simone Barani Università di Genova - Dip.Te.Ris. Roberto De Ferrari Gabriele Ferretti Claudio Eva Università di Genova - Dip.Te.Ris. Università di Genova

Dettagli

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Paolo Augliera, Ezio D Alema,, Domenico Di Giacomo, Simone Marzorati,, Marco Massa Brescia 14 novembre 2006 L INGV http://www.ingv.it.

Dettagli

MODELLAZIONE DELLE DISTRIBUZIONI DI SCORRIMENTO SU PIANI DI FAGLIA BASATA SU DATI GEODETICI

MODELLAZIONE DELLE DISTRIBUZIONI DI SCORRIMENTO SU PIANI DI FAGLIA BASATA SU DATI GEODETICI S. Santini (1) e M. Dragoni (2) (1) Istituto di Fisica, Università di Urbino, Via S.Chiara 27, Urbino (2) Dipartimento di Fisica, Università di Bologna, Viale Berti Pichat 8, Bologna MODELLAZIONE DELLE

Dettagli

Verso un Ecomuseo dei Castelli Romani Storia geologica, rischio sismico e da emanazioni gassose nei Colli Albani

Verso un Ecomuseo dei Castelli Romani Storia geologica, rischio sismico e da emanazioni gassose nei Colli Albani INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Laboratorio di Didattica e Divulgazione Scientifica Verso un Ecomuseo dei Castelli Romani Storia geologica, rischio sismico e da emanazioni gassose

Dettagli

Convegno finale Progetti Sismologici. 25 settembre 2013

Convegno finale Progetti Sismologici. 25 settembre 2013 Convegno finale Progetti Sismologici 25 settembre 2013 9:00-9:15 Argnani A. Introduzione al Progetto S1 9:15-9:30 Molinari I., Argnani A. D1/a1 - Simplified geological model of the Po Plain subsurface,

Dettagli

Sisma dell Aquila ed effetti locali: dove finisce la natura comincia la mano dell uomo

Sisma dell Aquila ed effetti locali: dove finisce la natura comincia la mano dell uomo Sisma dell Aquila ed effetti locali: dove finisce la natura comincia la mano dell uomo Franco Ortolani, Ordinario di Geologia, Università Federico II di Napoli Silvana Pagliuca, ISAFOM-CNR, Ercolano (NA)

Dettagli

La Banca Dati Accelerometrica Italiana

La Banca Dati Accelerometrica Italiana INGV DPC-INGV 2007-09: Progetto S4 La Banca Dati Accelerometrica Italiana Coordinatori Francesca Pacor (INGV Milano Pavia) Roberto Paolucci (Politecnico Milano) Referenti DPC Antonella Gorini Adriano De

Dettagli

IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014

IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014 AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L'ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014 a cura di S. Paolini, G. Bongiovanni, P. Clemente, S. Hailemikael, G.

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN INGEGNERIA ANTISISMICA (MIA)

MASTER DI II LIVELLO IN INGEGNERIA ANTISISMICA (MIA) MASTER DI II LIVELLO IN INGEGNERIA ANTISISMICA (MIA) in memoria del Prof. Giovanni Beolchini 1. CARATTERISTICHE GENERALI Durata: un anno accademico, corrispondente a 60 CFU Lingua: italiano Sede didattica:

Dettagli

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica a cura di Giovanna Cultrera, Antonella Cirella, André

Dettagli

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano La piattaforma GEOSIS E uno strumento di sintesi e di consultazione rapida di informazioni relative agli eventi

Dettagli

Progetto S2 La Pericolosità Sismica Fault-Based e Time-Dependent nell Appennino Meridionale Coordinatore: Aybige Akinci (INGV, Roma)

Progetto S2 La Pericolosità Sismica Fault-Based e Time-Dependent nell Appennino Meridionale Coordinatore: Aybige Akinci (INGV, Roma) Progetto S2 La Pericolosità Sismica Fault-Based e Time-Dependent nell Appennino Meridionale Coordinatore: Aybige Akinci (INGV, Roma) BOZZA PRELIMINARE (30.05.2012) 1. Obiettivo Lo scopo del sottoprogetto

Dettagli

NTC 2008 DM 14-01-2008 Nuova normativa tecnica per le costruzioni Le indagini geologiche nel rispetto della nuova normativa

NTC 2008 DM 14-01-2008 Nuova normativa tecnica per le costruzioni Le indagini geologiche nel rispetto della nuova normativa NTC 2008 DM 14-01-2008 Nuova normativa tecnica per le costruzioni Le indagini geologiche nel rispetto della nuova normativa Genio Civile di Massa Carrara Paolo Cortopassi NTC 2008 DM 14-01-2008 Nuova normativa

Dettagli

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60.

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60. Strumenti di prevenzione a livello nazionale: l art. 11 della L. 77/2009 Mauro Dolce Direttore Generale - Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio sismico e vulcanico Ordinario di Tecnica delle

Dettagli

CORSO DI MICROZONAZIONE SISMICA E VALUTAZIONE DELLA TERREMOTO. Dario Albarello. Università degli Studi di Siena dario.albarello@unisi.

CORSO DI MICROZONAZIONE SISMICA E VALUTAZIONE DELLA TERREMOTO. Dario Albarello. Università degli Studi di Siena dario.albarello@unisi. CORSO DI MICROZONAZIONE SISMICA E VALUTAZIONE DELLA RISPOSTA SISMICA LOCALE PER LA RICOSTRUZIONE POST- TERREMOTO La pericolosità sismica Dario Albarello Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

corso di consolidamento degli edifici storici

corso di consolidamento degli edifici storici Università IUAV di Venezia corso di consolidamento degli edifici storici Alcune considerazioni sulla definizione di azione sismica 8 marzo 2012 luisa berto Definizione di azione sismica e risposta degli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MM. FF. NN. Dipartimento di Geoscienze TESI DI LAUREA TRIENNALE IN GEOLOGIA LA SEQUENZA SISMICA EMILIANA NEL CONTESTO DELLA SISMICITA ITALIANA Relatore:

Dettagli

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE INDICE CONTENUTI Pag. PREMESSA 1 Cap. 1 I TERREMOTI 2 Cap. 2 STRATEGIE 4 2.1 Abaco storico delle osservazioni sismiche 5 2.2 Il territorio di CAGNANO VARANO 7 2.3 Storicità degli eventi sismici 9 Cap.

Dettagli

Legenda colonna Tema ambientale

Legenda colonna Tema ambientale Cap 9B Rischio sismico Legenda colonna Tema ambientale Tema ambientale Rischio sismico Pericolosità sismica Vulnerabilità sismica Esposizione Quadro sinottico degli indicatori DPSIR Tema Nome Altre aree

Dettagli

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA Maurizio Pignone, Raffaele Moschillo, Rocco Cogliano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sede Irpinia Abstract

Dettagli

L evento sismico del 6 aprile 2009:

L evento sismico del 6 aprile 2009: L evento sismico del 6 aprile 2009: pericolosità sismica della zona di L Aquila Atelier: Ritorno d esperienza del terremoto dell Aquila Torino, 23 settembre 2010 Giuseppe Di Capua Istituto Nazionale di

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda

Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda Progetto Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda Garda ISTITUTO DI GEOFISICA E BIOCLIMATOLOGIA SPERIMENTALE DEL GARDA CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA Provincia di Brescia Studio ambientale del

Dettagli

Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale RESPONSABILI WP 1-2- 5-6 - 9

Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale RESPONSABILI WP 1-2- 5-6 - 9 Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale RELAZIONE PER LA STAZIONE DI CONTROLLO 2 10 MESI

Dettagli

Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS)

Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS) Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS) M.Stella Giammarinaro Dipartimento di Geologia e Geodesia-Università di Palermo Introduzione La crescente vulnerabilità delle

Dettagli

Vademecum per la verifica sismica. di edifici esistenti

Vademecum per la verifica sismica. di edifici esistenti Vademecum per la verifica sismica di edifici esistenti a cura di Giuliano Panza Professore Ordinario Dipartimento di Matematica e Geoscienze, Università degli Studi di Trieste panza@units.it Fabio Romanelli

Dettagli

Convegno finale Programma Sismologico DPC-INGV. 4 giugno 2015. 11:30-12:00 coffee-break - visita posters.

Convegno finale Programma Sismologico DPC-INGV. 4 giugno 2015. 11:30-12:00 coffee-break - visita posters. Convegno finale Programma Sismologico DPC-INGV 4 giugno 2015 10:00-10:20 Di Bucci D., Montone P. Inquadramento generale del Convegno nell'ambito delle attività DPC- INGV (Convenzione 2014-2015, voce C)

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI M. Frisenda (1) e R. Madariaga (2) (1) DIP.TE.RIS., Dipartimento per lo Studio del Territorio e delle sue Risorse, Genova, Italy (2) ENS, Ecole Normale Superieure, Paris, France MODELLAZIONE NUMERICA 3D

Dettagli

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ANALISI DEL RAPPORTO ON THE POTENTIAL FOR INDUCED SEISMICITY AT THE CAVONE OILFIELD: ANALYSIS OF GEOLOGICAL AND GEOPHYSICAL DATA, AND GEOMECHANICAL MODELING di L. Astiz, J.H. Dieterich, C. Frohlich, B.H.

Dettagli

Redazione della Mappa di Pericolosità Sismica. Rapporto Conclusivo. prevista dall'ordinanza PCM del 20 marzo 2003, n. 3274, All.1. bozza - aprile 2004

Redazione della Mappa di Pericolosità Sismica. Rapporto Conclusivo. prevista dall'ordinanza PCM del 20 marzo 2003, n. 3274, All.1. bozza - aprile 2004 Redazione della Mappa di Pericolosità Sismica prevista dall'ordinanza PCM del 20 marzo 2003, n. 3274, All.1 Rapporto Conclusivo bozza - aprile 2004 Via di Vigna Murata 605-00143 Roma tel 06518601 - fax

Dettagli

Romanengo. per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI GAS NATURALE

Romanengo. per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI GAS NATURALE ENEL_BROCHURE_A4 def (originale)_layout 1 08/11/11 12.08 Pagina 1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Romanengo per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO

Dettagli

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

Scenari di danno sismico per l esercitazione nazionale di Protezione civile Terremoto Val d Agri 2006

Scenari di danno sismico per l esercitazione nazionale di Protezione civile Terremoto Val d Agri 2006 Scenari di danno sismico per l esercitazione nazionale di Protezione civile Terremoto Val d Agri 2006 A. Masi, C. Samela, G. Santarsiero, M. Vona DiSGG, Università degli studi di Basilicata, Campus Macchia

Dettagli

La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK. R. Camassi, INGV Bologna

La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK. R. Camassi, INGV Bologna La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK R. Camassi, INGV Bologna 1 La sismicità recente dal 1981 al 2008 Terremoti con Ml>1.6 CSI e www.iside.ingv.it 2 I forti terremoti

Dettagli

Corso di. La di in. mico. a cura di:

Corso di. La di in. mico. a cura di: Corso di Formazione Professionale La progettazione di opere geotecniche in campo sism mico L organizzazione e la gestione del La progettazione geotecnica in campo sismico è a cura della Regione Emilia

Dettagli

Potenza. 20-22 novembre 2012 Teatro Comunale F. Stabile. ATTI Tema 2: Caratterizzazione sismica del territorio

Potenza. 20-22 novembre 2012 Teatro Comunale F. Stabile. ATTI Tema 2: Caratterizzazione sismica del territorio 1 Potenza 20-22 novembre 2012 Teatro Comunale F. Stabile ATTI Tema 2: Caratterizzazione sismica del territorio IL BLOG INGVTERREMOTI: UN NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE PER MIGLIORARE L INFORMAZIONE SUI

Dettagli

Applicazioni dell'ew per la Protezione di Edifici Ospedalieri

Applicazioni dell'ew per la Protezione di Edifici Ospedalieri PROGETTO RELUIS-DPC 2005-2008 2008 ASSEMBLEA ANNUALE 2006 - UDINE 22-23 23 NOVEMBRE 2006 SVILUPPI DELL INGEGNERIA SISMICA A TRENT ANNI DAL TERREMOTO DEL FRIULI La Ricerca Applicata in Italia: Risultati

Dettagli

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani?

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? Il monitoraggio dei vulcani Osservatorio Vesuviano INGV 16 aprile 2011, Napoli Auditorium Porta del Parco Bagnoli HUB Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? L obiettivo principale del monitoraggio

Dettagli

Lo studio fornisce un'attività specialistica

Lo studio fornisce un'attività specialistica I professionisti di Energeo realizzano studi geologici, idrogeologici, geotecnici e sismici, ai sensi della legislazione vigente; questi costituisco uno strumento indispensabile e preliminare per tutte

Dettagli

Sismicità Indotta! questa grande sconosciuta in Italia!

Sismicità Indotta! questa grande sconosciuta in Italia! Sismicità Indotta! questa grande sconosciuta in Italia!! Marco Mucciarelli! Direttore Centro Ricerche Sismologiche! Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale ! All'ultima conferenza europea

Dettagli

1.1 Introduzione. 1.2 Monitoraggio Stutturale

1.1 Introduzione. 1.2 Monitoraggio Stutturale Relazione di fine tirocinio formativo curricolare: MONITORAGGIO STRUTTURALE presso ABBAZIA DI CASAMARI A VEROLI (FR) Studentessa: NOEMI FIORINI (mat. 404740) Tutor Universitario: Prof. GIANMARCO DE FELICE

Dettagli

La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio. Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico

La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio. Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico La microzonazione sismica prima del 2008 MS dopo evento

Dettagli

Enrico Priolo, Carla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan. Roberto de Franco, Adelmo Corsi, Antonio Morrone, Alberto Tento

Enrico Priolo, Carla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan. Roberto de Franco, Adelmo Corsi, Antonio Morrone, Alberto Tento Studi geofisici per la microzonazione della città di Perugia Enrico Priolo, arla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan Ist. Naz. di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale OGS Dip. entro di Ricerche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-PESCARA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E GEOLOGIA CURRICULUM DOTT. TOMMASO PIACENTINI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-PESCARA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E GEOLOGIA CURRICULUM DOTT. TOMMASO PIACENTINI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-PESCARA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E GEOLOGIA CURRICULUM DOTT. TOMMASO PIACENTINI DATI GENERALI Ricercatore nel Settore scientifico-disciplinare GEO/04 Geografia

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione

Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione A seguito del violento terremoto che ha colpito l isola di Haiti il 12 Gennaio

Dettagli

I principali riferimenti normativi

I principali riferimenti normativi I principali riferimenti normativi Delibera dell Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna n. 112 del 2 Maggio 2007 Indirizzi per gli studi di microzonazione sismica in Emilia Romagna per la pianificazione

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

Elementi di sismologia

Elementi di sismologia Elementi di sismologia Sismologia e Rischio Sismico Anno Accademico 2009-2010 Giovanna Cultrera, cultrera@ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Parametri per descrivere il movimento del

Dettagli

tecnici apporti Progettazione e realizzazione del Centro Operativo Emergenza Sismica (COES) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

tecnici apporti Progettazione e realizzazione del Centro Operativo Emergenza Sismica (COES) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2010_Numero 172 apporti tecnici Progettazione e realizzazione del Centro Operativo Emergenza Sismica (COES) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele

Dettagli

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico - Numerical and experimental methods for estimating ground motion amplifications Alessandro Pagliaroli CNR-IGAG, Istituto

Dettagli

Previsione probabilistica operativa dei terremoti: stato delle conoscenze e linee guida per l utilizzo

Previsione probabilistica operativa dei terremoti: stato delle conoscenze e linee guida per l utilizzo Previsione probabilistica operativa dei terremoti: stato delle conoscenze e linee guida per l utilizzo COMMISSIONE INTERNAZIONALE SULLA PREVISIONE DEI TERREMOTI PER LA PROTEZIONE CIVILE Executive summary

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO FORMATIVO E CURRICULARE

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO FORMATIVO E CURRICULARE RELAZIONE DI FINE TIROCINIO FORMATIVO E CURRICULARE Monitoraggio strutturale procedure ed analisi dei dati TUTOR UNIVERSITARIO: Prof. Gianmarco De Felice STUDENTE: Tiziana D Arienzo - matricola: 453966

Dettagli

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 V2.1 - Dinamica dei magmi, dei fluidi e delle rocce Studi sperimentali sulla reologia dei fusi silicatici. Studi sperimentali sui processi interazione tra rocce

Dettagli

GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA

GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA Studi di Microzonazione sismica: Teoria e Applicazioni GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA Prof. Claudio Eva Corso di aggiornamento per geologi: Aosta 18-19 Ottobre 2011 Elementi legislativi

Dettagli

Definizione dell input sismico nei territori toscani della Lunigiana e Garfagnana

Definizione dell input sismico nei territori toscani della Lunigiana e Garfagnana Definizione dell input sismico nei territori toscani della Lunigiana e Garfagnana Carlo G. Lai,* Claudio Strobbia,** Andrea Dall Ara*** Sommario L esecuzione di analisi dinamiche non-lineari per la valutazione

Dettagli

La gestione del rischio sismico in Italia

La gestione del rischio sismico in Italia La gestione del rischio sismico in Italia Mauro Dolce Direttore Generale, Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di

Dettagli

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Workshop sullo Stoccaggio Geologico della CO2 3/1272012 Palazzo Doria Pamphilj, Valmontone (Rm) Salvatore Lombardi Perché l Italia: Gli scenari geologici

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

STRATEGIE E PRIORITÀ DI INTERVENTO PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DELLE SCUOLE A LIVELLO TERRITORIALE

STRATEGIE E PRIORITÀ DI INTERVENTO PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DELLE SCUOLE A LIVELLO TERRITORIALE STRATEGIE E PRIORITÀ DI INTERVENTO PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DELLE SCUOLE A LIVELLO TERRITORIALE PROGETTO Friuli Venezia Giulia prof. Stefano Grimaz Coordinatore progetto Università degli Studi

Dettagli

Corso di Perfezionamento in: MICROZONAZIONE SISMICA e le nuove Norme Tecniche per le Costruzioni Urbino, Campus Scientifico 21 e 22 settembre 2006

Corso di Perfezionamento in: MICROZONAZIONE SISMICA e le nuove Norme Tecniche per le Costruzioni Urbino, Campus Scientifico 21 e 22 settembre 2006 Corso di Perfezionamento in: MICROZONAZIONE SISMICA e le nuove Norme Tecniche per le Costruzioni Urbino, Campus Scientifico 21 e 22 settembre 2006 OBIETTIVI: Il corso affronterà gli aspetti dell analisi

Dettagli

La nuova rete accelerometrica della Svizzera

La nuova rete accelerometrica della Svizzera La nuova rete accelerometrica della Svizzera La rete accelerometrica della Svizzera nel 2019 Blu: prima fase del progetto (2009 2013), 30 stazioni installate. Rosso: seconda fase del progetto (2013 2019),

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE

INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE INQUADRAMENTO GENERALE 5 INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE La possibilità di applicare e di approfondire, sotto il profilo della ricerca, alcuni dei concetti teorici

Dettagli

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI dal latino terrae motus ossia movimento della terra. CO): deriva dal greco seismos ossia scuotimento. : deriva dal latino Tellus che era la dea romana della Terra. significano

Dettagli

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento.

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento. Assessorat des Ouvrages publics, de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica Presidenza della Regione Direzione Protezione

Dettagli

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Saie Built Academy: scienze e tecnologie per costruire città e territorio Bologna 22 Ottobre 2014 Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Matteo Berti Dipartimento BIGEA -

Dettagli

Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO

Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO Aggiornamento Professionale Continuativo Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO 1. Utilizzo del metodo semplificato per la definizione degli spettri elastici, ai sensi NTC08. 2.

Dettagli

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO B. GRILLO 1, C. BRAITENBERG 1, R. DEVOTI 2, D. ZULIANI 3, P. FABRIS 3, I. NAGY 1 1 Dipartimento di Geoscienze - Università degli Studi

Dettagli

Ordine dei Geologi - Regione del Veneto. Commissione G.I.S. Per il convegno sono stati richiesti 4 crediti APC.

Ordine dei Geologi - Regione del Veneto. Commissione G.I.S. Per il convegno sono stati richiesti 4 crediti APC. Ordine dei Geologi - Regione del Veneto Commissione G.I.S. Per il convegno sono stati richiesti 4 crediti APC. Descrizione dell evento: Nell ambito dei lavori della commissione tecnica G.I.S. dell Ordine

Dettagli

Per e ch c é un u ana n lisi del e la perico c losità sism s ica a locale? Luca Martelli

Per e ch c é un u ana n lisi del e la perico c losità sism s ica a locale? Luca Martelli Perché un analisi della pericolosità sismica locale? Luca Martelli Gli strumenti di programmazione territoriale e pianificazione urbanistica devono fornire indicazioni per la riduzione del rischio sismico

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli