4 CORSO ISSMI - TESI INDIVIDUALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 CORSO ISSMI - TESI INDIVIDUALI"

Transcript

1 4 CORSO ISSMI - TESI INDIVIDUALI 1 a SEZIONE TITOLO Le operazioni di supporto aereo ravvicinato. Il terrorismo islamico. L iter formativo del personale appartenente al ruolo Marescialli della Marina Militare e prospettive di impiego futuro. Le risorse NATO. Principi e dottrina dei movimenti e dei trasporti in ambito Alleanza Atlantica. L Attività di R/S ed approvvigionamento: criteri di base ed elementi significativi in riferimento ai principali programmi della Cavalleria dell aria. Il Centro Nazionale Amministrativo nel quadro del programma di informatizzazione globale dell Arma dei CC. Le operazioni interforze. Indennità di missione; proposte di una nuova disciplina. La legge che professionalizza l Esercito Italiano. L introduzione dei costi nella P.A.: cambiamenti ed implicazioni per la Difesa. I flussi finanziari provenienti dalla Criminalità Organizzata: analisi e misure di contrasto. DRUMCREE- un problema dell Irlanda del Nord, dove gli orangisti sfilano nei quartieri cattolici. L utilizzazione dei poligoni al di fuori del territorio nazionale. L Africa occidentale cerca di assicurare la propria stabilità.

2 Un esempio di managerializzazione di un settore non operativo della F.A. ( settore sportivo). I rapporti militari Italo Ungheresi dall Unificazione italiana ai giorni nostri. Partecipazione dell Esercito argentino in operazioni di sostegno alla pace. Razionalizzazione ed integrazione degli organi di Commissariato M.M. in ambito interforze. Formazione del personale della Marina Militare nella componente subacquea. Mantenimento ed ammodernamento/rinnovamento del parco infrastrutture dell E.I.. Excursus storico della PESC. Principi e caratteri della Logistica NATO. Le operazioni di recupero del personale non combattente dalle aree di crisi. L aeromobilità. Il trattamento di fine servizio ed il trattamento di fine rapporto; cos è cambiato nel sistema previdenziale. L assicurazione di qualità nei contratti della Direzione Generale degli Armamenti terrestri. La Marina Militare: competenze in materia di incidenti con inquinamento marittimo. Human resources management ; l E.I. verso una politica di impiego del personale in un quadro di integrazione nel modello europeo. Natura e compiti dell Antitrust. Il G8 ed i summit internazionali: esperienze a confronto. Il ground environmment della difesa aerea. Kosovo: un conflitto moderno. Difesa passiva delle Unità Navali militari.

3 La bonifica da ordigni esplosivi: aspetti qualitativi e quantitativi del problema e prospettive future. Terrorismo internazionale: ETA, un problema transnazionale. Le operazioni anfibie: il prodotto di una indispensabile cooperazione interforze. Organizzazione e sistema dell Aeronautica Coreana; prospettive future. La sicurezza 2001: un radicale cambiamento di vedute. EUAFA: un tentativo di formazione integrata tra Accademie Aeronautiche Europee. Il combattente francese del futuro : il sistema FELIN. Le tendenze future delle telecomunicazioni marittime NATO. Il programma di sostituzione dei velivoli aerorifornitori in A.M.. Il concetto di Combined Joint Task Force. Il soccorso aereo dell Aeronautica Militare: genesi, situazione e prospettive. Il ruolo di una forza MN nella gestione Post Conflitto. Il Kosovo e la Bosnia H. L iter formativo e di impiego dell Ufficiale inferiore del Corpo di Stato Maggiore. Lo sviluppo dell assetto S.E.A.D/ETS in ambito A.M.: passato, presente e prospettive future. Le attività di Human Intelligence (HUMINT). La cooperazione Italia Albania nel settore militare. Strutture sanitarie dell Esercito: origini, impiego attuale, problematiche, evoluzione. Le Forze Speciali: lineamenti di impiego. La Laurea in Scienze Strategiche, riorganizzazione del processo formativo degli Ufficiali subalterni dell E.I..

4 2 a SEZIONE TITOLO La Task Force elicotteri come strumento operativo della Combined Joint Task Force nell operazione Joint Guardian. Le molestie sessuali nelle Forze Armate. Conoscerle per prevenirle. Aeromobilità e Dintorni Progetto HRF HQ, criteri, struttura, sviluppo. Il supporto logistico integrato: dottrina e strumento per il manager militare. L IT. BATTLE GROUP nell'ambito dello operazoni JOINT FORCE in BOSNIA- HERZEGOVINA: struttura.attività,problematiche. Il nuovo sistema di Comando e Controllo delle Forze Aeree Nato (AIR COMMAND AND CONTROL SYSTEM) La Simulazione constructive La logistica dei Sistemi d Arma complessi. L importanza della comunicazione all interno del cambiamento organizzativo delle Forze Armate. Supporto informativo alle operazioni: elementi organizzativi per un supporto joint in tempo reale. La Forza Navale di intervento rapido della NATO nel Mediterraneo (STANAVFORMED). Il Comando Operativo di Vertice Interforze. Funzionamento attuale, problematiche e possibili sviluppi futuri. The Operational Maneuver From The Sea Il nuovo concetto di sbarco anfibio degli Stati Uniti e i riflessi sulla dottrina dei Fucilieri Navali Brasiliani. Operazione ALLIED FORCE: problematiche ed esperienze del 36 Stormo dell'aereonautica

5 Militare Italiana. La costituzione dell Italian High Readiness HQ (Land) di Solbiate Olona (con cenni anche sulla certificazione degli High Readiness HQ Land). I carristi dell Esercito Italiano. Passato presente e futuro di una stirpe di eroi. La sicurezza nei Sistemi di trattamento delle informazioni. Velivolo AWACS durante la Allied Force: svolgimento di una missione operativa reale. Ruolo e gestione dei mezzi di comuniccazione nell'impiego dello strumento militare nelle O.O.T.W. Sicurezza nel Mediterraneo e stabilizzazione nel Medio Oriente. UNMOGIP (UNITED NATIONS MILITARY OBSERVER GROUP IN INDIA/PAKISTAN): 50 anni al servizio della pace tra realtà ed anacronismo. Il problema logistico nelle Operazioni O.T.W. L impiego del personale dell Esercito Italiano Caratteri generali impiego Ufficiali all estero e con titolo ISSMI, previsioni sviluppo futuro. Requisiti e criteri di impiego delle Telecomunicazioni nelle missioni Fuori Area. La Forza Multinazionale Terrestre: una forza di pace nel cuore della Mitteleuropa. Le nuove figure sulla scena antinfortunistica introdotte dalla L. n 626/94, con particolare riguardo al Cte/datore di lavoro e sue responsabilità. Attività antiterrorismo nell Arma, il Gruppo Intervento Speciale: struttura, compiti, impiego e prospettive. Trasformazione dell'esercito americano e la capacità di proiettare la Forza. Intenzione, problematiche emerse, risultati e conseguenze della preparazione dell esercitazione di pianificazione FUREX 2001 per comandi di livello superiore della Brigata. La E-3 A Component di Geilenkirchen nell operazione ALLIED FORCE.

6 La compagnia internazionale di polizia e sicurezza di SHAPE. Un reparto ad integrazione interforze ed internazionale totale. Vantaggi, limiti ed eventuale utilizzo come modello per altri reparti. Il ricorso a ditte esterne della Amministrazione Difesa, con particolare riguardo alle esigenze, in tempo di pace, di sicurezza e difesa delle installazioni militari, alla luce dei crescenti impegni della Forza Armata in attività di elevato contenuto operativo. Banca dati geografica. Utilizzo in ambito nazionale ed internazionale. Il tirocinio pratico-applicativo ad ogni livello ordinativo nell'arma dei C.C. con confronto con le analoghe esperienze in alcuni Paesi esteri. Il ruolo dei sommergibili nel nuovo scenario internazionale. L Attività contrattuale della P.A., con particolare riferimento alla procedura in economia nell ambito dell A.D. Il 18 Reggimento bersaglieri nell Operazione Joint Guardian : prima unità dell Esercito Italiano ad entrare in Kosovo. Il dispositivo aeronavale della Guardia di Finanza a difesa degli interessi dell Unione Europea. L impiego dei complessi corazzati nelle operazioni di supporto alla pace o di gestione delle crisi. Il soccorso a sommergibile sinistrato: potenzialità italiane, cooperazone internazionale, il futuro ruolo della Nato. Le problematiche delle ROE nelle operazioni di crisi (esempio: SOUTHERN WATCH e DENY FLIGHT). Esperienza di lavoro in un contesto di multinazionale ed interforze: Comando della Stabilization Force (SFOR) in Bosnia Erzergovina ed in particolare il Joint Operation Center (JOC). Punto di situazione sulla difesa da missili tattici balistici (TBMD) tra scetticismo e realtà La gestione amministrativo-contabile dei contingenti proiettati fuori area: il Centro Amministrativo d Intendenza.

7 Il trasporto aereo militare: uno strumento essenziale per la politica di difesa italiana nello scenario geo-politico post bipolare Joint Air Strike: Elementi essenziali di coordinamento e di integrazione fra le forze aeree operanti da unità portaeromobili e forze aeree basate a terra. Operazione ALBA: pianificazione e condotta.lezioni apprese per la futura pianificazione operativa della difesa. L adeguamento del servizio veterinario militare alle nuove esigenze della Forza Armata: l esempio delle PSO e dell attività zooiatrica. La strategia della Cina antica:sun Tzu e il contenuto centrale del suo pensiero militare.

8 3 a SEZIONE TITOLO La politica militare dell Albania. Passato, presente, futuro. Professionalizzazione dell Esercito Italiano Analisi dell obiettivo in funzione delle risorse umane. Operazioni idrografiche in Antartide: attività scientifico militari joint e combined. CRO: il militare in operazioni in ambiente sconosciuto. Le interrelazioni nel panorama multietnico- religioso. Armamento intelligente in dotazione alle forze aerotattiche dell AMI: limiti attuali e prospettive future. Spunti di riflessione sulla logistica NATO con riferimento al CJ4 SFOR HQ. L impiego del Reggimento genio ferrovieri nelle operazioni di sostegno alla pace. Caratteristiche odierne della minaccia subacquea. Aspetti internazionali del money loundering. L esperienza coloniale italiana in Libia. La comunità intelligence ed il problema della condivisione delle informazioni. La leadership nell Arma dei Carabinieri. I principi del Regolamento Generale. Le ali dell Esercito (la Cavalleria dell aria). Nel contesto della professionalizzazione delle F.A., analisi di alcune anomalie nelle meccaniche di funzionamento dei ruoli del personale. I principi dell arte della guerra. Genesi e sviluppi. L istituto della piattaforma continentale e la territorializzazione dei mari. Il problema del Mediterraneo.

9 Gli accertamenti bancari nell attività di verifica fiscale. Nuove strategie della logistica con particolare riferimento al supporto logistico integrato. La componente corazzata dell Esercito Italiano: situazione attuale e prospettive future. La gestione del rischio come efficace strumento di prevenzione per l attività di volo. Forze Armate e reati penali militari con riferimento al rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare. La Combined Joint Military Task Force (CJCMTF) in Bosnia Erzegovina. Operazione Essential Harvest : uno strano raccolto. Lineamenti generali del sistema pensionistico. L impiego delle Truppe Alpine nelle PSO. Il programma HORIZON. L aeromobile Nelle Convenzioni di Ginevra e nei Protocolli addizionali. Le relazioni interpersonali nell ambiente militare. La riorganizzazione della NATO. La libertà di movimento nelle CRO. Le esperienze personali nell ambito dell operazione Joint Forge in Bosnia e Croazia. Il Tornado ECR durante l operazione Allied Force. Comando e controllo (C2): le molte realtà di una sigla e delle sue derivate. Riflessioni sull etiologia e patogenesi dei più frequenti disturbi psichiatrici accertati in Aeronautica Militare. I nuovi concetti di protezione sui futuri veicoli tattici dell E.I.. La Mine-Warfare - Cenni storici e riflessioni strategico-tattiche.

10 Il recupero della dimensione geopolitica nelle relazioni internazionali. Il supporto e la partecipazione della Forza Armata venezuealna allo sviluppo del Paese. CJTF (Combined Joint Task Force) Un concetto, una realtà, una ragione di continuità. Il trattato CFE. Il problema della diffusione delle armi leggere nel Corno d Africa. Il comandante di aeromobile (doveri e responsabilità). La merceologia nell abbigliamento militare. L organizzazione dell Esercito coreano. L immigrazione clandestina: allarme sociale in Italia. Oriente ed Occidente: guerre sante e terrorismo. La Forza Armata di Malta: dottrina militare ed organizzazione. L intelligence: esigenza imprescindibile e vitale per uno Stato. Aspetti metodologici e procedurali dell attività informativa. Il Venezuela e la guerriglia colombiana. Global Positionong System (GPS): tecnologia militare all avanguardia. La formazione del pilota militare. La riorganizzazione dell artiglieria contraerei.

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA MISSIONE NATO OPERAZIONE INDUS PAKISTAN SOMMARIO

Dettagli

FORMAZIONE MILITARE. Come migliorare le competenze e la qualità delle prestazioni applicando la metodica del Management by project

FORMAZIONE MILITARE. Come migliorare le competenze e la qualità delle prestazioni applicando la metodica del Management by project Aeronautica Militare Comando Generale delle Scuole FORMAZIONE MILITARE Come migliorare le competenze e la qualità delle prestazioni applicando la metodica del Management by project Relatore : Colonnello

Dettagli

Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI

Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI A SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli affari militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI

Dettagli

SCHEMA Decreto Legge

SCHEMA Decreto Legge SCHEMA Decreto Legge «Proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative

Dettagli

CRONOLOGIA ESSENZIALE

CRONOLOGIA ESSENZIALE CRONOLOGIA ESSENZIALE 1992: MISSIONI DI PETERSBERG, ambito UEO; (adottate nel Trattato di Amsterdam - 1997) 1993: NASCITA DI EUROCORPS 1996: NASCITA DI EUROFOR, EUROMARFOR, EUROGENDFOR. 1996: ACCORDI DI

Dettagli

Indice sommario. Codice dell Ordinamento militare

Indice sommario. Codice dell Ordinamento militare Indice sommario Premessa..................................................................... p. 7 Indice sommario...............................................................» 9 Indice sistematico articolo

Dettagli

SMA-ORD-005 (SMA 115-1-2000)

SMA-ORD-005 (SMA 115-1-2000) STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA 1 REPARTO - Ordinamento e Personale (SMA 115-1-2000) ISTRUZIONI E PROCEDURE PER L INOLTRO DELLE PROPOSTE DI CONCESSIONE DELLE CROCI COMMEMORATIVE PER IL MANTENIMENTO DELLA

Dettagli

DA MARE NOSTRUM A TRITON

DA MARE NOSTRUM A TRITON DA MARE NOSTRUM A TRITON CONTROLLO FLUSSI MIGRATORI DAL 1959 DAL 2004 DAL 2004 DAL 18 OTT 2013 AL 31 OTT 2014 VIGILANZA PESCA OPERAZIONE NAZIONALE CONSTANT VIGILANCE PER IL CONTROLLO DEI FLUSSI MIGRATORI

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I Reparto Personale Ufficio Condizione Militare

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I Reparto Personale Ufficio Condizione Militare STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I Reparto Personale Ufficio Condizione Militare Indirizzo Postale: Via XX Settembre, 11 00187 Roma Posta elettronica: stamadifesa@smd.difesa.it All.: //; Ann.: 2 PdC. Cap. RANUCCI

Dettagli

Il processo di trasformazione e modernizzazione

Il processo di trasformazione e modernizzazione PANORAMA INTERNAZIONALE La trasformazione delle Forze Armate Rumene Gen. B. Giuseppe Santangelo Addetto per la Difesa a Bucarest Cap. Nicola Piasente Frequentatore Università della Difesa di Bucarest Il

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M D GMIL IV 15 0348596 Roma 3 agosto 2009 PDC: Col. Giovanni SANTORELLI tel.: 5.0440 (06517050440)

Dettagli

Allegato A ELENCO INDIRIZZI

Allegato A ELENCO INDIRIZZI Allegato A A ELENCO INDIRIZZI SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli Affari Militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio del Consigliere Militare MINISTERO DELLA

Dettagli

POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA

POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA 1. Che cos è la consulenza giuridica La consulenza giuridica dell Aeronautica Militare si esplica come attività di supporto all azione di comando, volta ad assistere

Dettagli

Forze Armate IL PREMIO PIÙ AMBÌTO

Forze Armate IL PREMIO PIÙ AMBÌTO Forze Armate IL PREMIO PIÙ AMBÌTO MARIELE FLORIS 4 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2012 INTERVISTA AL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA FORZE ARMATE 5 L attuale strumento militare non è più sostenibile.

Dettagli

La trasformazione delle forze militari della NATO. Lt.Gen. (r) Carlo Cabigiosu

La trasformazione delle forze militari della NATO. Lt.Gen. (r) Carlo Cabigiosu La trasformazione delle forze militari della NATO Lt.Gen. (r) Carlo Cabigiosu Nel corso degli interventi di questi due giorni di Convegno si è parlato a lungo dell evoluzione dell Alleanza dal punto di

Dettagli

Capo III DISPOSIZIONI FINALI. Art. 8. Copertura nanziaria NAPOLITANO

Capo III DISPOSIZIONI FINALI. Art. 8. Copertura nanziaria NAPOLITANO Capo III DISPOSIZIONI FINALI Art. 8. Copertura nanziaria 1. Agli oneri derivanti dall articolo 1, dall articolo 5, commi 1 e 4 e dall articolo 6, pari complessivamente a euro 265.801.614 per l anno 2013,

Dettagli

Genio ALTRE ARMI E CORPI

Genio ALTRE ARMI E CORPI ALTRE ARMI E CORPI I Caduti varesini che militavano in altre Armi, Corpi e Servizi, oltre alla Fanteria e all Artiglieria, furono 487 così suddivisi: Genio Zappatori 73 Genio Telegrafisti 31 Genio Pontieri

Dettagli

Ministero della difesa

Ministero della difesa Ministero della difesa TRASMISSIONE DI DOCUMENTI:... 2 RICHIESTE DI PARERE PARLAMENTARE:... 4 RICHIESTE DI PARERE SU PROPOSTE DI NOMINA:... 5 RITIRO DI RICHIESTE DI PARERE SU PROPOSTE DI NOMINA:... 6 TRASMISSIONE

Dettagli

c. Le prime esperienze dei LEGAD delle FF.AA.

c. Le prime esperienze dei LEGAD delle FF.AA. IL RUOLO DEL LEGAL ADVISOR PER LA TUTELA DEI MILITARI IMPIEGATI IN OPERAZIONI INTERNAZIONALI Intervento svolto nel corso del seminario di studi : Quali garanzie per i militari impiegati nelle operazioni

Dettagli

N. 2852 di prot. Roma, lì 12.09.2005. OGGETTO: Partecipazione dell Associazione Nazionale Finanzieri d Italia alle cerimonie militari.

N. 2852 di prot. Roma, lì 12.09.2005. OGGETTO: Partecipazione dell Associazione Nazionale Finanzieri d Italia alle cerimonie militari. N. 2852 di prot. Roma, lì 12.09.2005 OGGETTO: Partecipazione dell Associazione Nazionale Finanzieri d Italia alle cerimonie militari. A TUTTE LE SEZIONI A.N.F.I. = LORO SEDI = e, per conoscenza: AI VICEPRESIDENTI

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0147779 All.: 1; ann.: //. Roma,

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL II 5 1 2012 0248948 Roma, 4 giugno 2012

Dettagli

Denominazione dei Dipartimenti e degli uffici

Denominazione dei Dipartimenti e degli uffici (unità amministrative dell Amministrazione federale senza le commissioni extraparlamentari) Assemblea federale Assemblea federale Servizi del Parlamento Segreteria delle commissioni delle finanze e della

Dettagli

NATO COMMUNICATIONS AND INFORMATION AGENCY: LA COMUNICAZIONE DIVENTA STRATEGICA

NATO COMMUNICATIONS AND INFORMATION AGENCY: LA COMUNICAZIONE DIVENTA STRATEGICA NATO COMMUNICATIONS AND INFORMATION AGENCY: LA COMUNICAZIONE DIVENTA STRATEGICA di Roberta Muzio e Daniela Volpecina 20 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 5/2013 Dall emergenza Libia all operazione Active Endeavour:

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di Corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0416819 All.: 1; ann.: //. Roma,

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

Il Centro di Programmazione. della Marina Militare. nell architettura di M&S della Difesa

Il Centro di Programmazione. della Marina Militare. nell architettura di M&S della Difesa 7 CONVEGNO NAZIONALE MIMOS 6-8 NOVEMBRE 2007 - ROMA Il Centro di Programmazione della Marina Militare nell architettura di M&S della Difesa Ing. Mario Loiarro 7 Rep. SPMM 3 Uff. ISdC INTRODUZIONE INIZIATIVE

Dettagli

2. Reparto Genio dell'aeronautica Militare - Ufficio Affari Amministrativi. 3. Reparto Manutenzione Velivoli - Sezione Amministrazione

2. Reparto Genio dell'aeronautica Militare - Ufficio Affari Amministrativi. 3. Reparto Manutenzione Velivoli - Sezione Amministrazione ENTI IN CONTABILITA' ORDINARIA CODICE_UNIVOCO DENOMINAZIONE_UO AX3M3B Comando Scuole dell'a.m. - 3a Regione Aerea - Quartier Generale - Servizio Amministrativo OSMJ93 2. Reparto Tecnico Comunicazioni dell'aeronautica

Dettagli

LA POWER PROJECTION DELLO STRUMENTO MILITARE ITALIANO: DA DESERT STORM ALL OPERAZIONE LEONTE FABRIZIO COTICCHIA FORZE ARMATE 41

LA POWER PROJECTION DELLO STRUMENTO MILITARE ITALIANO: DA DESERT STORM ALL OPERAZIONE LEONTE FABRIZIO COTICCHIA FORZE ARMATE 41 40 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 2/2010 LA POWER PROJECTION DELLO STRUMENTO MILITARE ITALIANO: DA DESERT STORM ALL OPERAZIONE LEONTE FABRIZIO COTICCHIA FORZE ARMATE 41 Le Forze Armate italiane sono state impiegate

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LANZA MASSIMO MARIA Indirizzo 7, Via Corta, 00059, Tolfa (RM), Italia Telefono +3947353162 Fax +390647353146

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI 10 U FFICI RELAZIONE CON IL PUBBLICO

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI 10 U FFICI RELAZIONE CON IL PUBBLICO MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI 10 U FFICI La pubblicazione è stata realizzata da: Lorenzo MARCHESI, Antonella SCOTTO, Vincenzo GESUALDI

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL

FORMATO EUROPEO PER IL FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Antonio Maria Tambato Data di nascita 27 agosto 1975 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente II fascia Ministero dello Sviluppo

Dettagli

consapevole Il coraggio VI. . RODOLFO SGANGA

consapevole Il coraggio VI. . RODOLFO SGANGA Il coraggio VI. consapevole. RODOLFO SGANGA Il Tenente Colonnello Rodolfo Sganga è un Ufficiale dei Paracadutisti in servizio di Stato Maggiore. È nato a Varese il 23 gennaio 1967. Ha frequentato il 169

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA MISSIONE NATO KOSOVO FORCE - KFOR della OPERAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Aeronautica Militare Italiana. Relatore : Colonnello AAran Paolo RIZZO

Aeronautica Militare Italiana. Relatore : Colonnello AAran Paolo RIZZO Aeronautica Militare Italiana Relatore : Colonnello AAran Paolo RIZZO Aeronautica Militare Italiana COMUNICARE E CONDIVIDERE: L IMPORTANZA DELLO STRUMENTO NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Relatore : Colonnello

Dettagli

STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO

STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO REPARTO PIANIFICAZIONE GENERALE E FINANZIARIA Ufficio Organizzazione delle Forze Oggetto: Piano per la Revisione dello Strumento Militare Terrestre trattato nel corso della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3786 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DI STANISLAO Disposizioni concernenti l istituzione di servizi per l assistenza psicologica

Dettagli

Tecnologia I SISTEMI UNMANNED MARITTIMI ANTONIO EVANGELIO

Tecnologia I SISTEMI UNMANNED MARITTIMI ANTONIO EVANGELIO Tecnologia I SISTEMI UNMANNED MARITTIMI ANTONIO EVANGELIO 52 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 2/2012 TECNOLOGIA 53 Le esigenze derivanti dall applicazione del concetto Difesa e Deterrenza garantiscono che l Alleanza

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Pubblica Informazione Informazioni della Difesa

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Pubblica Informazione Informazioni della Difesa STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Pubblica Informazione Informazioni della Difesa I GARIBALDINI DELL ARGONNE di Piero Crociani Allo scoppio della Grande Guerra, nell agosto 1914, molti italiani emigrati

Dettagli

STATO MAGGIORE DELL ESERCITO

STATO MAGGIORE DELL ESERCITO STATO MAGGIORE DELL ESERCITO DIRETTIVA SULL ISTITUTO DELLO STRAORDINARIO E COMPENSI CONNESSI ALL ORARIO DI LAVORO 1^ serie Aggiunte e Varianti Sostituire: - pagine 18, 30, 31, 38 e 39; - allegati V, W,

Dettagli

00187 Roma, 29 AGO. 2U12 All.l-Anx. I poc: Ten.Col. CIAMPI (tel. 3/8121) massi mo.ciampi@esercito.difesa.it

00187 Roma, 29 AGO. 2U12 All.l-Anx. I poc: Ten.Col. CIAMPI (tel. 3/8121) massi mo.ciampi@esercito.difesa.it STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO I Reparto Affari Giuridici ed Economici del Personale Ufficio Trattamento Economico, Condizione Militare e Coordinamento Via XX settembre, 123 / A - 00 187 Roma Indirizzo telegrafico:

Dettagli

CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME

CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME 1 CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME Dopo l ottima e significativa collaborazione con il Cedoc (ex Distretto Militare di Milano, ora Centro Documentale) avvenuta ad Ossona (MI) nella primavera scorsa; i due

Dettagli

3.1 ARTICOLAZIONE DELLE SPESE DELLA DIFESA 3.2 FORMAZIONE DEL BILANCIO 3.3 LE SERIE STORICHE 3.4 COSTI 3.5 CONCLUSIONI/CONSIDERAZIONI

3.1 ARTICOLAZIONE DELLE SPESE DELLA DIFESA 3.2 FORMAZIONE DEL BILANCIO 3.3 LE SERIE STORICHE 3.4 COSTI 3.5 CONCLUSIONI/CONSIDERAZIONI PARTE III L ECONOMIA 3.1 ARTICOLAZIONE DELLE SPESE DELLA DIFESA 3.2 FORMAZIONE DEL BILANCIO 3.3 LE SERIE STORICHE 3.4 COSTI 3.5 CONCLUSIONI/CONSIDERAZIONI 3.1 Articolazione delle spese della Difesa Le

Dettagli

Università Popolare UNINTESS Università Internazionale Scienze Sociali 46100 MANTOVA (MN) Strada Diga Masetti, 28 Tel. 03761586049 Fax 03761581035

Università Popolare UNINTESS Università Internazionale Scienze Sociali 46100 MANTOVA (MN) Strada Diga Masetti, 28 Tel. 03761586049 Fax 03761581035 Università Popolare UNINTESS Università Internazionale Scienze Sociali Dipartimento di Relazioni Internazionali Capo Dipartimento: Amb. Antonio BANDINI MASTER IN CRISIS MANAGEMENT DALLA DIPLOMAZIA ALLA

Dettagli

"Riforma strutturale delle Forze armate, a norma dell'articolo 1, comma 1, lettere a), d) ed h), della legge 28 dicembre 1995, n.

Riforma strutturale delle Forze armate, a norma dell'articolo 1, comma 1, lettere a), d) ed h), della legge 28 dicembre 1995, n. Decreto Legislativo 28 novembre 1997, n. 464 "Riforma strutturale delle Forze armate, a norma dell'articolo 1, comma 1, lettere a), d) ed h), della legge 28 dicembre 1995, n. 549" pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Università degli Studi di TORINO. Laurea Specialistica in SCIENZE STRATEGICHE E LOGISTICHE

Università degli Studi di TORINO. Laurea Specialistica in SCIENZE STRATEGICHE E LOGISTICHE Università degli Studi di TORINO Laurea specialistica in SCIENZE STRATEGICHE E LOGISTICHE attivato ai sensi del D.M. 21 dicembre 1999, n. 509 valido a partire dall anno accademico 2012/2013 ART. 1 Premessa

Dettagli

SCUOLA INTERFORZE PER LA DIFESA NBC. Workshop COPIT TECNOLOGIE DUALI PER LA SECURITY: STRATEGIE LOCALI E PROSPETTIVE EUROPEE (Roma, 04 marzo 2009)

SCUOLA INTERFORZE PER LA DIFESA NBC. Workshop COPIT TECNOLOGIE DUALI PER LA SECURITY: STRATEGIE LOCALI E PROSPETTIVE EUROPEE (Roma, 04 marzo 2009) SCUOLA INTERFORZE PER LA DIFESA NBC Workshop COPIT TECNOLOGIE DUALI PER LA SECURITY: STRATEGIE LOCALI E PROSPETTIVE EUROPEE (Roma, 04 marzo 2009) Gen. B. Giuseppe ADAMI 1 SOMMARIO INIZIATIVE DI RISPOSTA

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

INFORMAZIONI DELLA DIFESA 3/ 2013

INFORMAZIONI DELLA DIFESA 3/ 2013 38 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 3/ 2013 CENTOQUARANT ANNI IN NOME DI CAVOUR di Stefania Elena Carnemolla Il 6 dicembre 2012 nella Sala Vespucci dell Arsenale Marittimo di La Spezia si è svolta, alla presenza

Dettagli

security studies Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica

security studies Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica security studies Corso per Analisti di Studi Strategici ed Internazionali Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica Il Corso in Security Studies si tiene a Roma nella prestigiosa

Dettagli

LA SIMULAZIONE COME STRUMENTO ADDESTRATIVO *

LA SIMULAZIONE COME STRUMENTO ADDESTRATIVO * LA SIMULAZIONE COME STRUMENTO ADDESTRATIVO * Nel quadro dei nuovi scenari operativi e delle conseguenti esigenze di ammodernamento dei mezzi, dei materiali e delle tecniche addestrative, lo Stato Maggiore

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Via Gioeni 55, 92014 Porto Empedocle (AG) - Centralino: 0922 531811-531812 - Sala Operativa: 0922

Dettagli

Professionisti e specialisti per la fornitura di servizi di sicurezza Leader nella fornitura di servizi di sicurezza di massima eccellenza la S.A.S.

Professionisti e specialisti per la fornitura di servizi di sicurezza Leader nella fornitura di servizi di sicurezza di massima eccellenza la S.A.S. Professionisti e specialisti per la fornitura di servizi di sicurezza Leader nella fornitura di servizi di sicurezza di massima eccellenza la S.A.S. INVESTIGATION con sede a Dimaro (TN) è una società presente

Dettagli

CHI SIAMO E COSA FACCIAMO

CHI SIAMO E COSA FACCIAMO www.forzearmate.org www.sideweb.org - www.sideweb.it Portale privato di libera informazione indipendente-gratuita e servizi professionali dedicati per il personale dei Comparti Difesa e Sicurezza. Tutela

Dettagli

MONTE CERVINO DISTINTIVO

MONTE CERVINO DISTINTIVO CREST RICAMATI ALPINI...2 ALTI COMANDI...4 ARTIGLIERIA...8 ASSOCIAZIONI MILITARI...11 CARRISTI E CAVALLERIA...12 CORSI ACCADEMICI E SCOLASTICI...15 FANTERIA, GRANATIERI, BERSAGLIERI E PARACADUTISTI...20

Dettagli

PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA PROVA ORALE

PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA PROVA ORALE Allegato 4 PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA Elaborato su argomenti ricompresi tra le materie oggetto della prova orale. PROVA ORALE Diritto amministrativo - Il diritto amministrativo e le sue

Dettagli

Ali sul mare di Giampiero Maria Fabretti

Ali sul mare di Giampiero Maria Fabretti Ali sul mare di Giampiero Maria Fabretti della Marina nasce il L Aviazione 27 giugno del 1913, per iniziativa dell ammiraglio Paolo Thaon di Revel, all epoca Capo di Stato Maggiore della Forza Armata,

Dettagli

TechFOr 2009 Relazione conclusiva

TechFOr 2009 Relazione conclusiva TechFOr 2009 Relazione conclusiva Con il patrocinio di Con la fattiva collaborazione di Con il contributo scientifico Media partner Comando Generale dell Arma dei Carabinieri Grazie agli importanti risultati

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLA DIFESA al

LA COMUNICAZIONE DELLA DIFESA al Federazione Nazionale della Stampa Italiana LA COMUNICAZIONE DELLA DIFESA al Col. Riccardo Cristoni Capo Ufficio Pubblica Informazione Ufficio Generale del Capo di SMD ROMA 17 giugno 2014 1 AGENDA STATO

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

VIRTUAL - REGIONAL MARITIME TRAFFIC CENTRE. Capitano di Vascello Luca BERCINI (FORUM P.A. ROMA, 11 MAGGIO 2006)

VIRTUAL - REGIONAL MARITIME TRAFFIC CENTRE. Capitano di Vascello Luca BERCINI (FORUM P.A. ROMA, 11 MAGGIO 2006) Stato Maggiore della Marina VIRTUAL - REGIONAL MARITIME TRAFFIC CENTRE Capitano di Vascello Luca BERCINI (FORUM P.A. ROMA, 11 MAGGIO 2006) REGIONAL MARITIME DOMAIN INTERESSI STRATEGICI ITALIANI TEATRO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA. Gruppo di Progetto - Task Force per la valorizzazione e la dismissione degli immobili non residenziali del Ministero della Difesa.

SCHEDA INFORMATIVA. Gruppo di Progetto - Task Force per la valorizzazione e la dismissione degli immobili non residenziali del Ministero della Difesa. SCHEDA INFORMATIVA Gruppo di Progetto - Task Force per la valorizzazione e la dismissione degli immobili non residenziali del Ministero della Difesa. 1. Generalità. La Task Force per la valorizzazione

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI II Reparto - Coordinamento Amministrativo 2 Ufficio

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI II Reparto - Coordinamento Amministrativo 2 Ufficio MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI II Reparto - Coordinamento Amministrativo 2 Ufficio All.: // Indirizzo Postale: Via XX Settembre, 123/a 00187

Dettagli

BILANCI E INDUSTRIA DELLA DIFESA: TABELLE E GRAFICI

BILANCI E INDUSTRIA DELLA DIFESA: TABELLE E GRAFICI BILANCI E INDUSTRIA DELLA DIFESA: TABELLE E GRAFICI Roberta Maldacea, Alessandro Marrone, Paola Sartori Luglio 2015 QUADRO GENERALE INDUSTRIA AEROSPAZIO,SICUREZZA E DIFESA QUADRO ITALIANO Istituto Affari

Dettagli

INVESTIRE IN SICUREZZA

INVESTIRE IN SICUREZZA INVESTIRE IN SICUREZZA FORZE ARMATE: UNO STRUMENTO IN EVOLUZIONE I.R. allegato al mensile Tecnologia & Difesa n 19 /2005 - Sped. abb. Post. 45% art. 2 comma 20/b legge 662/96 - Filiale di Firenze - Tassa

Dettagli

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE:

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE: www.forzearmate.org SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza pluriennale di coloro che hanno operato per anni nelle organizzazioni di tutela individuale e collettiva, contribuendo

Dettagli

Legge 23 marzo 1983, n. 78 Aggiornamento della legge 5 maggio 1976, n. 187 1 2 (Pubblicata nella G.U. 28 marzo 1983, n. 85)

Legge 23 marzo 1983, n. 78 Aggiornamento della legge 5 maggio 1976, n. 187 1 2 (Pubblicata nella G.U. 28 marzo 1983, n. 85) Legge 23 marzo 1983, n. 78 Aggiornamento della legge 5 maggio 1976, n. 187 1 2 (Pubblicata nella G.U. 28 marzo 1983, n. 85) 1. Area di applicazione. In relazione alla peculiarità dei doveri che distinguono

Dettagli

Ufficiali in Ferma Prefissata

Ufficiali in Ferma Prefissata Allievi Ufficiali in Ferma Prefissata Questo nuovo ruolo è stato introdotto recentemente in sostituzione della quasi centenaria figura dell Ufficiale di Complemento, abolita in seguito alla sospensione

Dettagli

UN NUOVO ANNO PER UN NUOVO ESERCITO

UN NUOVO ANNO PER UN NUOVO ESERCITO 4 Rivista Militare UN NUOVO ANNO PER UN NUOVO ESERCITO Nel leggere l ultimo numero di «Rivista Militare», è maturato in me il convincimento di utilizzare questa prestigiosa e seguitissima «vetrina» per

Dettagli

DIPENDENZE. Ministero Difesa. infrastrutture militari. Ministero Interno per i compiti di tutela dell ordine e della sicurezza pubblica.

DIPENDENZE. Ministero Difesa. infrastrutture militari. Ministero Interno per i compiti di tutela dell ordine e della sicurezza pubblica. Raffronto tra l Arma dei Carabinieri, la Gendarmeria Nazionale Francese e la Guardia Civil Spagnola. Notizie generali sui Paesi del G-6 COMANDANTE/DIRETTORE GENERALE ARMA DEI CARABINIERI GENDARMERIA NAZIONALE

Dettagli

INDIRIZZI IN ALLEGATO

INDIRIZZI IN ALLEGATO MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DELLA PREVIDENZA MILITARE, DELLA LEVA E DEL COLLOCAMENTO AL LAVORO DEI VOLONTARI CONGEDATI Viale dell'esercito 186-00143 - Roma Prot. n M_D/GPREV/I/! A /1000/335/95

Dettagli

Programma di GIORNALISMO INTERNAZIONALE

Programma di GIORNALISMO INTERNAZIONALE Stato Maggiore della Difesa Institute for Global Studies Programma di GIORNALISMO INTERNAZIONALE 8 Nicola Pedde Presidente di IGS Karim Mezran Vice Presidente di IGS Gino Falleri Vice Pres. ODG Lazio Gen.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI INDICE SOMMARIO Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... pag. V VII I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili...

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO Premessa... V INTRODUZIONE 1. Sistema inter-statale, diritto internazionale e valori comuni dell umanità... 1 2. Piano del lavoro e linee direttrici... 2 PARTE I SISTEMA DEGLI STATI E GOVERNO

Dettagli

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE a cura dell Istituto Affari Internazionali Saggio presentato nell ambito de Osservatorio Transatlantico a cura dell Istituto Affari

Dettagli

IL GIAPPONE RIPRENDE LA CORSA AL RIARMO

IL GIAPPONE RIPRENDE LA CORSA AL RIARMO IL GIAPPONE RIPRENDE LA CORSA AL RIARMO LE TENSIONI CON CINA E COREA DEL NORD PORTANO AD UNA REVISIONE DEI PROGRAMMI DELLA JAPANESE SELF DEFENSE FORCE (JSDF) di Giuliano Da Frè 54 INFORMAZIONI DELLA DIFESA

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA III REPARTO POLITICA MILITARE E PIANIFICAZIONE UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA III REPARTO POLITICA MILITARE E PIANIFICAZIONE UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA III REPARTO POLITICA MILITARE E PIANIFICAZIONE UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI Catalogo dei principali corsi di formazione aperti al personale militare straniero per richieste

Dettagli

LA DIFESA CIVILE ERA SOLO IL SISTEMA PAESE

LA DIFESA CIVILE ERA SOLO IL SISTEMA PAESE La Difesa Civile LA DIFESA CIVILE ERA SOLO IL SISTEMA PAESE che si organizzava per contribuire alla difesa nazionale in stretto raccordo con la difesa militare. Dopo la II guerra mondiale, la guerra fredda

Dettagli

Tirano 12 gennaio 2010

Tirano 12 gennaio 2010 Regione Carabinieri Lombardia Comando Provinciale di Sondrio Tirano 12 gennaio 2010 TEMA BREVI CENNI SULLA STORIA E ORGANIZZAZIONE DELL ARMA. LE MISSIONI UMANITARIE SVOLTE PER IL MANTENIMENTO DELLA PACE.

Dettagli

Gen. Isp. Capo Domenico ESPOSITO Roma, 01/02/2012

Gen. Isp. Capo Domenico ESPOSITO Roma, 01/02/2012 Camera dei Deputati 17 Audizione 6 ALLEGATO Presentato da: SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA / DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI Gen. Isp. Capo Domenico ESPOSITO Roma, 01/02/2012 Informazioni Non Classificate

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Contributi del Ministero della Difesa a enti, istituti, associazioni e fondazioni per l'anno 2013 Atto del Governo 73

Contributi del Ministero della Difesa a enti, istituti, associazioni e fondazioni per l'anno 2013 Atto del Governo 73 Contributi del Ministero della Difesa a enti, istituti, associazioni e fondazioni per l'anno 2013 Atto del Governo 73 dossier n 57 - A.C. 45, A.C. 933 e A.C. 952 13 gennaio 2014 Informazioni sugli atti

Dettagli

Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa

Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Mario ARPINO Signor Ministro, gentili signore, Autorità e cari colleghi, la cerimonia di oggi è un appuntamento annuale particolarmente gradito

Dettagli

CURRICULUM VITAE AGGIORNATO AL 23 APRILE 2015

CURRICULUM VITAE AGGIORNATO AL 23 APRILE 2015 INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE AGGIORNATO AL 23 APRILE 2015 Nome e cognome Data di nascita 22/01/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Annamaria MARANGI Dirigente di II fascia Numero

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE AL CONCORSO DI ALLIEVO MARESCIALLO DEI CARABINIERI

CORSO DI PREPARAZIONE AL CONCORSO DI ALLIEVO MARESCIALLO DEI CARABINIERI CORSO DI PREPARAZIONE AL CONCORSO DI ALLIEVO MARESCIALLO DEI CARABINIERI Il nostro corso on line, della durata di 120 ore di lezioni, in diretta, con i nostri tutor e registrate e fruibili in versione

Dettagli

Capacità Tecnologiche per l Homeland Security: la piattaforma G8 e le infrastrutture critiche Milano, 5 Febbraio 2010

Capacità Tecnologiche per l Homeland Security: la piattaforma G8 e le infrastrutture critiche Milano, 5 Febbraio 2010 Capacità Tecnologiche per l Homeland Security: la piattaforma G8 e le infrastrutture critiche Milano, 5 Febbraio 2010 Ing. Francesco Vinelli Ingegneria Grandi Sistemi 2009 SELEX Sistemi Integrati Confidential

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T Æ Giovanni Minervini

C U R R I C U L U M V I T Æ Giovanni Minervini C U R R I C U L U M V I T Æ Giovanni Minervini D A T I P E R S O N A L I Stato civile: coniugato Nazionalità: italiana Luogo di nascita: Bari Data di nascita: 23/01/1964 Codice fiscale: MNRGNN64A23A662D

Dettagli

Roma, 17 18 Gennaio 2014

Roma, 17 18 Gennaio 2014 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN GEOPOLITICA E ORIGINE DELLE MINACCE CONVENZIONALI E NON CONVENZIONALI Roma, 17 18 Gennaio 2014 L Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe (OSDIFE) e l Università degli Studi

Dettagli

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 771 IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM 22 settembre 2014 INDICE 2 Introduzione Mare

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE / " MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE Pro!. n. M_D GMIL_OS IV l1s--id1r ~ )\ Roma, ~ 1 lu G. L00 S OGGETTO: Legge 23 agosto 2004,n. 226. Trattamento economico del personale

Dettagli

I.S.I.S.S. Giovanni Maironi da Ponte Orientamento in Uscita anno scolastico 2012-2013

I.S.I.S.S. Giovanni Maironi da Ponte Orientamento in Uscita anno scolastico 2012-2013 I.S.I.S.S. Giovanni Maironi da Ponte Orientamento in Uscita anno scolastico 2012-2013 COMUNICAZIONE Presezzo, 20/12/2012 AD OGNI STUDENTE comunicazione n.5 di CLASSE 4ª e 5ª tramite la classe OGGETTO:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, FILOSOFICO-SOCIALI, DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO Via Columbia 1, 00133 Roma Corso di perfezionamento in giornalismo per

Dettagli

I COMPONENTI Prof. Adriano De Maio Dr. Marco Di Fonzo

I COMPONENTI Prof. Adriano De Maio Dr. Marco Di Fonzo CHI SIAMO Il Centro di ricerca sui sistemi aeromobili a pilotaggio remoto (CR-SAPR) è istituito presso la Link Campus University con lo scopo di promuovere la ricerca in ambito universitario ed il dibattito

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Picariello Fabrizio Data di nascita 11/10/1963. Dirigente - Settore Polizia Locale e Attività Produttive

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Picariello Fabrizio Data di nascita 11/10/1963. Dirigente - Settore Polizia Locale e Attività Produttive INFORMAZIONI PERSONALI Nome Picariello Fabrizio Data di nascita 11/10/1963 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia COMUNE DI AVELLINO Dirigente - Settore Polizia

Dettagli

HLA: passato, presente e futuro Tavola rotonda Roma, 24 Febbraio 2006

HLA: passato, presente e futuro Tavola rotonda Roma, 24 Febbraio 2006 HLA: passato, presente e futuro Tavola rotonda Roma, 24 Febbraio 2006 Applicazioni HLA in Alenia Aeronautica: da Exercise First WAVE al Network Centric Environment Ing. Marco Fracchia Simulazione e Operabilità

Dettagli

LA FORZA TATTICA DELL ESERCITO STATUNITENSE PER IL SUD EUROPA

LA FORZA TATTICA DELL ESERCITO STATUNITENSE PER IL SUD EUROPA LA FORZA TATTICA DELL ESERCITO STATUNITENSE PER IL SUD EUROPA SETAF Public Affairs Office (SOUTHERN EUROPEAN TASK FORCE, AIRBORNE) (SETAF) Vicenza, Febbraio 2004 Pagina 1 of 7 STORIA DELLA SETAF La Forza

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Diramazione fino ai minimi livelli di Comandante di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/II/5/1/30001/L52 Roma, li 17 gennaio 2003 OGGETTO: Decreto legislativo

Dettagli

Cambio Comando al 72 Stormo e consegna del nuovo Drappo della Bandiera d Istituto. Il Col. Antonio Felicissimo subentra al Col. Leonardo Barone.

Cambio Comando al 72 Stormo e consegna del nuovo Drappo della Bandiera d Istituto. Il Col. Antonio Felicissimo subentra al Col. Leonardo Barone. Cambio Comando al 72 Stormo e consegna del nuovo Drappo della Bandiera d Istituto Il Col. Antonio Felicissimo subentra al Col. Leonardo Barone. Testo Cap. Pil. AArnn Carla ANGELUCCI Foto Raffaele Fusilli

Dettagli