Obiettivi Il corso intende fornire a ragazzi e adulti informazioni base necessarie per l uso corretto del PC, guidandoli con gradualità:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obiettivi Il corso intende fornire a ragazzi e adulti informazioni base necessarie per l uso corretto del PC, guidandoli con gradualità:"

Transcript

1

2 ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA Finalita Usare il PC è diventato sempre più facile grazie alla standardizzazione dell hardware e del software. La potenza dei microprocessori permette di gestire oltre al testo e alle immagini fisse, anche suoni e immagini in movimento. Così è possibile raccogliere in un unico documento diversi tipi di linguaggio, realizzando quel tipo di comunicazione noto come multimedialità. Ma per favorire l accesso dei ragazzi a una fruizione attiva degli strumenti multimediali è necessario introdurli a un approccio metodico all uso del computer. Obiettivi Il corso intende fornire a ragazzi e adulti informazioni base necessarie per l uso corretto del PC, guidandoli con gradualità: 1. nell acquisizione dei concetti di base della tecnologia dell informazione; 2. nell uso del computer e nella gestione di file (Windows); 3. nell elaborazione di testi (Word); 4. nell uso del foglio elettronico (Excel); 5. nella gestione di database (Access); 6. nell uso di strumenti di presentazione (Power Point); 7. nella navigazione in Internet e nell uso della Posta elettronica. Ogni modulo ha carattere interdisciplinare. Prevede ampie esercitazioni (a seconda della capacità degli alunni) e simulazioni delle prove per l eventuale conseguimento della Patente Europea Del Computer (ECDL). Gli allievi interni saranno inoltre impegnati nella costruzione del Sito web del Progetto Scuole Aperte, mediante l uso di programmi specifici, come Front Page per la costruzione di pagine web e WS_FTP Pro per la gestione di siti web. Destinatari Alunni iscritti di scuola media e adulti

3 Tempi Tre ore settimanali pomeridiane da novembre a maggio. Il corso ha durata triennale. Risorse Docenti interni Strumenti -laboratorio di informatica connesso a internet software licenziato Windows XP Office, di cui uno Server con masterizzatore DVD e -stampante a colori -proiettore -fotocopiatrice Prodotto finale Sito Web del Progetto Scuole Aperte Opuscoli Il Coordinatore Prof. Guido De Rosa

4 PROGETTO CORRIERE JUNIOR MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO Questo progetto nasce dalla necessità di rispondere : 1. alle attese dell utenza circa l utilizzo delle computer 2. ai bisogni di una platea scolastica che,deprivata socialmente e culturalmente non conosce o conosce male l importanza dei mezzi di informazione. FINALITA ED OBIETTIVI promuovere l uso del computer come momento trasversale alle varie discipline. Favorire la familiarizzazione con le vie telematiche (internet) Promuovere l utilizzazione del software del windows-office Sapersi connettere in rete e saper cercare informazioni utili Favorire la progettazione, l organizzazione e la realizzazione di un lavoro comune utilizzando le potenzialità del PC. DESTINATARI Alunni delle classi di scuola media e scuola elementare divisi in gruppi di 10. ATTIVITA PROGETTUALE Per tale attività verrà utilizzata una delle sale informatiche della scuola in orario extrascolastico,una volta la settimana per 3 ore per un totale di 24ore. Sono previste n.2 lezione introduttiva sull uso dell office e power point, del collegamento ad internet e all uso di un qualsiasi motore di ricerca. Le restanti lezioni saranno dedicate alla progettazione del giornale: scelta della testata,del numero di fogli, degli eventuali articoli, del tipo di impaginazione e alla ripartizione dei compiti. Gli allievi in piena autonomia sceglieranno gli argomenti da trattare.

5 ESITI ATTESI Al termine di questa attività laboratoriale gli allievi dovranno saper lavorare in gruppo,aver acquisito una certa dimestichezza nel ricercare su internet informazioni,fotografie, saper utilizzare publisher, excel, power point oltre ad aver acquisito i primi rudimenti sull impaginazione di un giornale. VALUTAZIONE La valutazione sarà effettuata attraverso la verifica degli obiettivi e dei livelli di apprendimento raggiunti attraverso tutte le fasi della progettazione del giornalino, il gradimento dello stesso e la ricaduta sulla didattica e sulla offerta formativa. L esperienza sarà indicata sul curriculum dell alunno e rappresenterà comunque un credito formativo. PRODOTTI FINALI E PUBBLICIZZAZIONE Realizzazione di un giornalino scolastico (almeno 2 numeri) in forma cartaceo e in power point. Il giornalino verrà distribuito a tutte le classi di scuola elementare e media Il Coordinatore Prof.ssa B. Ingenito

6 Leggo e creo ( progetto di lettura e informatica) Il progetto si propone di far avvicinare gli alunni al mondo dei libri e al linguaggio informatico motivandoli allo stesso tempo al piacere per la lettura. Far scoprire i libri attraverso la produzione di altri libri OBIETTIVI 1) saper progettare (porsi domande, trarre una sintesi, sperimentare, discutere ); 2) imparare a valutare i propri sforzi; 3) sviluppare la capacità di saper fare e saper dire ; 4) sviluppare la sensibilità estetica; 5) manipolare materiali di diverso tipo e utilizzare tecniche pittoriche; 6) elaborare e raccontare testi di tipo narrativo con le parole con le immagini; 7) conoscere e utilizzare diversi stili linguistici; 9) partecipare ad un lavoro collettivo; 10) utilizzare la video scrittura 11) utilizzare il paint ORGANIZZAZIONE SPAZI: laboratorio informatico- biblioteca aula scolastica TEMPI incontri settimanali di 3 ore ciascuno per n 24 ore complessive da effettuarsi dalle ore alle ore 17.00

7 DESTINATARI Alunni della della scuola primaria divisi per gruppi non superiore a dieci METODOLOGIA Gli alunni si avvicinano al libro attraverso attività ludiche. Ogni incontro deve permettere loro di fantasticare, di incontrare le proprie emozioni, di ritrovare nel libro il personaggio che li spinge a riflettere sulla situazione incontrata e a rielaborarne un altra più vicina alle proprie emozioni e fantasie e nel tempo stesso lo conduca a provare piacere per la lettura. Prima della lettura fatta dall insegnante si procede all elaborazione di ipotesi del contenuto del testo, si continua,poi, con commenti fatti sulle situazioni man mano incontrate e se ne inventano nuove altre che concludono il testo allontanandosi dall originale. La rappresentazione grafica cartacea e quella informatica concluderà il percorso VERIFICA Presentazione dei materiali prodotti durante l attività di laboratorio, corredati da foto e cartelloni esplicativi contenenti le considerazioni di tutti i bambini partecipanti, libri prodotti manualmente e al computer Docente responsabile del progetto Angela Mellace

8 I REALLY WANT TO BE GOOD AT ENGLISH INTERVENTO DI ARRICCHIMENTO E DI POTENZIAMENTO DELLA LINGUA INGLESE 1 e 2 anno ANALISI DEL CONTESTO E DEI BISOGNI AMBIENTALI In un Europa sempre più multietnica, l apprendimento delle lingue straniere rappresenta una reale necessità non solo per la comunicazione, ma anche per il potenziamento e lo sviluppo di una coscienza multiculturale e aperta alla tolleranza ed alla collaborazione. L inglese è una delle lingue ufficiali più utilizzate nella comunicazione internazionale, quindi ne va implementato l apprendimento fino dalla più tenera età. ANALISI DELLE MOTIVAZIONI L infanzia rappresenta l età evolutiva più idonea per l apprendimento della lingua straniera ed i vantaggi di tale apprendimento, in questa fascia di età, sono numerosi. Si impone l esigenza di calibrare l intervento didattico seguendo un metodo globale proprio perché si tratta di un tipo di alunni appartenenti ad una fascia così peculiare per età ed interessi. Pertanto è importantissima la MOTIVAZIONE proprio perché l interesse ad apprendere è direttamente relazionato al raggiungimento di traguardi formativi. E essenziale il coinvolgimento diretto ed il parlare di ciò che è familiare tenendo nel giusto conto altri aspetti come quello ludico ed affettivo. L insegnamento della lingua straniera sarà il veicolo principale attraverso il quale si potrà realizzare l educazione interculturale che avrà come suo scopo primario quello di fare comprendere ed accogliere l esistenza di norme culturali diverse. FINALITA Potenziamento della capacità di comunicare in situazioni realistiche sapendo interagire su argomenti familiari di routine, sviluppare il senso della cittadinanza europea; integrazione ed acquisizione di valori universali. OBIETTIVI GENERALI Permettere all alunno di comunicare con una lingua diversa dalla propria, potenziando l acquisizione di un effettiva competenza comunicativa. Avviare l alunno, attraverso lo strumento linguistico, alla comprensione di una cultura diversa, affinché possa fruire e confrontarsi con esperienze storico culturali del mondo anglosassone. Arricchimento formativo, potenziamento delle competenze di ricezione, interazione e produzione orale e scritta. Potenziamento della motivazione a comunicare in lingua straniera e della capacità di comunicare in situazioni realistiche diverse ed articolate mediante la presentazione di nuove e più complesse strutture. Potenziamento delle quattro abilità linguistiche.

9 Approfondimento di nozioni grammaticali e linguistiche. OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ED ABILITA Acquisizione e potenziamento delle quattro abilità ASCOLTARE E COMPRENDERE Comprensione e decodificazione di brevi messaggi. Ascolto e comprensione di brevi dialoghi, canzoni testi. Ascolto, comprensione ed esecuzione di semplici comandi, divieti, richieste. PARLARE E COMUNICARE Chiedere e dare informazioni. Sostenere semplici conversazioni. Simulazione di ruoli. Rispondere a semplici quesiti. LEGGERE E SCRIVERE Acquisizione di semplici costrutti grammaticali ( alfabeto e relativa pronuncia, uso di articoli, aggettivi, pronomi, aggettivi numerali, coniugazione dei tempi semplici dei verbi maggiormente usati). Riconoscimento e lettura di fonemi, parole, frasi, trascrizione di semplici frasi. Scrittura sotto dettatura e scrittura autonoma di parole e frasi. ITER PROGETTUALE Il corso, che prevede ore divise in due ore settimanali in orario extrascolastico da novembre a maggio, si articola in blocchi tematici che trattano le aree di interesse degli alunni: saluti e presentazioni, presentazione degli altri, la famiglia, gli amici, il tempo libero, lo sport, il corpo, i vestiti, l alimentazione, stati psicofisici. Presentazioni di vita quotidiana al fine di sviluppare competenze comunicative e culturali in inglese. Rinforzo della pronuncia e del lessico attraverso esercizi controllati di ripetizione orale di dialoghi ed espressioni (corali-gruppo-individuali) Attività di simulazione attraverso esercizi pratici semi-controllati come simulazione di situazioni ed interpretazione di ruoli. Attività canore per il rinforzo della pronuncia. Attività ludiche, giochi di memoria, flash cards e cruciverba. METODOLOGIE E STRATEGIE Saranno proposte metodologie e strategie di apprendimento linguisticocce uniscano simulazioni reali di comunicazione; attività ludiche ascolto di brani originali mediante cd contenenti brevi dialoghi ognuno dei quali presenterà una particolare funzione, attività ad esse relative; chain work, lavori di gruppo; pair work.

10 SUSSIDI Testi in lingua originale (book e workbook) utilizzo del registratore per sviluppare le capacità di comprensione e dell ascolto, cartellonistica e fotocopie DESTINATARI ( 1 anno) Alunni scuole elementari (IV e V ) e scuola media DESTINATARI ( 2 anno) Alunni scuola media che hanno già frequentato il primo anno; alunni che hanno frequentato e concluso la scuola media; alunni esterni. VERIFICA E VALUTAZIONE E prevista una verifica in itinere attraverso esercizi di trasformazione, completamento, comprensione, produzione; conversazioni con le insegnanti e tra gli alunni su confronti, usi ed abitudini di civiltà diverse includendo ricerca e raccolta di tutto quanto possa implementare la loro conoscenza della cultura angloamericana. Avendo il progetto un taglio squisitamente comunicativo, la valutazione si focalizzerà sulla capacità degli allievi di comprendere e comunicare in lingua, attraverso role plays che li caleranno in varie situazioni di vita quotidiana, mostrando, così, una capacità di saperle gestire in modo fluente e disinvolto. RESPONSABILE DEL PROGETTO PROF..MARGHERITA MAIONE

11 Jugar,cantar y divertirse Hablando espa ήol L Europa divenuta crocevia delle moderne migrazioni,è ormai un continente multirazziale e multietnico,colmo di innumerevoli diversità antropologiche, tali da rendere necessario progettare e realizzare un sistema formativo di ampio respiro ed aperto alla cooperazione educativa. In questo contesto C apprendimento delle lingue straniere rappresenta una risorsa insostituibile non solo per la comunicazione, ma anche per il potenziamento e lo sviluppo di una coscienza multiculturale ed aperta alla tolleranza. La valorizzazione della diversità deve rappresentare la base di partenza per un sistema pedagogico che ha a cuore la formazione di persone complete nella loro complessità. A tale fine un positivo approccio alla diversità, si esplicita anche attraverso l'apprendimento di una o più lingue straniere, quali ad esempio lo spagnolo, da considerarsi non solo come strumento comunicativo, ma anche come mezzo di conoscenza ed apertura a valori di altre culture. Lo spagnolo è una delle lingue ufficiali più utilizzate nella comunicazione internazionale ed è la terza nei rapporti di politica internazionale.economici e culturali, oltre ad essere la lingua madre di circa 350 milioni di persone, e lingua ufficiale in 21 paesi. Attualmente, circa 100 milioni di persone parlano lo spagnolo come seconda lingua. ANALISI DELLE MOTIVAZIONI C) a più parti si sostiene che l'infanzia rappresenti l'età evolutiva più idonea per l'apprendimento della lingua straniera, proprio perché i bambini hanno la capacità di acquisire nuove forme linguistiche in maniera quasi analoga o quello dei nativi. Lo spiegazione di ciò risiede nel fatto che prima di una certa età non è ancora presente quella divisione specialistica dei due emisferi celebrali che avviene in un secondo momento, vale a dire quando le funzioni analitiche e linguistiche sono concentrate nell'emisfero sinistro, mentre quelle spaziali nell'emisfero destro. Ne deriva che, non essendo ancora presente questa settorializzazione, e risiedendo in entrambi gli emisferi tutte le potenzialità linguistiche, i vantaggi per l'apprendimento di una seconda lingua risultano essere numerosi. Dal momento in cui s'intraprende l'insegnamento della lingua straniera nello scuola primaria, s' impone l'esigenza di calibrare l'intervento didattico seguendo un metodo globale proprio perché si tratta di un tipo di alunni appartenenti ad una fascia d'età così peculiare per età ed interressi. A tale proposito, non occorre ricordare quanto sia utile fare leva sulla motivazione, proprio perché l'interesse ad apprendere è direttamente relazionato al raggiungimento dei traguardi formativi. Come da più parti è stato spesso ribadito, per fare in modo che l'interesse sia stimolato, è conveniente che i bambini si sentano direttamente coinvolti e, per garantire tale coinvolgimento, è essenziale che si parli di ciò che a loro è familiare. Quindi, di là dall'esigenza di apprendere una seconda lingua, intesa come codice linguistico diverso do quello che il bambino utilizza abitualmente, se si vogliono conseguire risultati positivi bisogna tenere nel giusto conto altri aspetti, come potrebbero essere quello ludico ed affettivo.

12 Un approccio ludico è davvero essenziale nel processo di apprendimento-insegnamento della L2, in quanto ne! bambino, a differenza dell'adulto, viene meno la determinazione dell'utilità strumentale che l'apprendimento di' una seconda lingua può comportare e ciò avviene perché sostanzialmente il bambino è portato ad apprendere solo quello che realmente gli interessa. A fronte di questa considerazione va anche detto che l'apprendimento di una seconda lingua è oggi un'esigenza molto sentita; non a caso molti paesi europei si sono preoccupati di elaborare riforme e progetti scolastici che comprendessero l'insegnamento obbligatorio di almeno una lingua straniera comunitaria a livello di scuola primaria. D'altra parte chiari segnali sull'importanza dell'apprendimento di una seconda lingua, già a livello di scuola primaria, provengono dal l'incrementata produzione di materiale linguistico specifico, realizzato proprio in conformità ai bisogni emergenti. E inutile ribadire che la società contemporanea si avvia verso un sempre più diffuso modello multirazziale e multiculturale, da cui deriva la pressante necessità da parte dell'individuo di adeguarsi al nuovo ambiente plurilingue. A seguito della mutata realtà sociale, per integrarsi nella nuova prospettiva culturale, il bambino dovrà essere in grado di comprendere il mondo che io circonda, ed accettarne (e diversità. L'insegnamento della lingua straniera sarà i! veicolo principale attraverso il quale si potrà realizzare l'educazione interculturale che avrà come suo scopo primario proprio quello di far comprendere ed accogliere l'esistenza di norme culturali diverse. Nel processo di insegnamen+o-apprendimento della seconda lingua, così come in tutte le altre discipline, è fondamentale avere ben chiaro il conseguimento degli obiettivi che s'intendono raggiungere e soprattutto lo fascia d'età a cui ci si rivolge. Per intraprendere un percorso formativo che possa includere una serie di attività finalizzate anche allo sviluppo ed al potenziamento delle abilità strumentali, è necessario che i bambini abbiano almeno un'età compresa tra gli otto e i dieci anni, in quanto a tale epoca dello sviluppo evolutivo i bambini già sono portatori di esperienze proprie: essi sono m grado di' riconoscere e rappresentare ciò che li circonda e di interagire con i compagni. accogliendone i! punto di vista. Il mondo dei pre-adolescenti è a volte di difficile penetrazione do porte degli adulti, che non sempre riescono a comprenderne fino in fondo i bisogni. L'utilizzo della lingua pertanto, dovrà essere conforme a quel mondo e soprattutto a quegli interessi che sono peculiari di quella determinata fascia d'età. In linea generale, dunque, sulla base di quanto è stato detto, è possibile progettare dei percorsi che consentono al bambino di poter realizzare quelle attività che gli interessanoe che sono porte integrante del suo mondo anche nella propria lingua materna. La necessità di socializzare, unito ai bisogno di partecipazione, darà al bambino la possibilità di sperimentare in modo naturale e spontaneo l'utilizzo di un differente codice linguistico. OBIETTIVI GENERALI > Avviare l'alunno, attraverso lo strumento linguistico, alla comprensione di una cultura diversa, affinchè possa fruire e confrontarsi con esperienze storico-culturali del mondo ispanico > Permettere all'alunno di comunicare con una lingua diversa dalla propria, potenziando l'acquisizione di un effettiva competenza comunicativa. OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: Conoscenze e abilità Apprendimento dei primi rudimenti di lingua spagnola. Acquisizione e potenziamento delle quattro abilità; Ascoltare e comprendere (Escuchar y comprender): Comprensione e decodificazione di brevi messaggi. Ascolto e comprensione di brevi dialoghi, canzoni e filastrocche. Ascolto, comprensione ed esecuzione di semplici comandi.

13 Parlare e comunicare (Hablar y comunicar) Chiedere e dare informazioni. Sostenere semplici conversazioni. Simulazione di ruoli. Rispondere a semplici quesiti. Leggere e Scrivere (Leer y escribir) Acquisizione basilare della fonetica spagnola e semplici costrutti grammaticali (alfabeto e relativa pronuncia, uso degli articoli, uso di aggettivi e pronomi, aggettivi Riconoscimento e lettura di fonemi, parole, frasi. Trascrizione di semplici frasi, Scrittura sotto dettatura e scrittura autonoma di parole e frasi. Destinatari del progetto Gruppi di alunni delle classi quarta e quinta della scuola primaria Gruppi di alunni della scuola secondaria di primo grado METODOLOGIE E STRATEGIE L'approccio comunicativo sarà alla base del corso, in quanto strategia essenziale ai fini di un apprendimento rapido e sistematico. L'attività ludica nell'apprendimento della seconda lingua è il mezzo attraverso il quale si possono realizzare una serie di finalità linguistiche: Creare un'atmosfera piacevole di gioco realizza nel bambino una gratificazione immediata, perché si sente coinvolto socialmente ed emotivamente, oltre ad essere motivato a decodificare e produrre messaggi, e al tempo stesso di avere la possibilità di potenziare lo sviluppo delle sue abilità linguistiche. Anche se la scuola primaria, per suo natura, non è così rigidamente strutturata per quanto riguarda l'insegnamento della seconda lingua, tuttavia, non può disattendere quel necessario raccordo organizzativo e metodologico che intercorre tra i due gradi detta scuola dell'obbligo, in quanto le finalità di tipo cognitivo, strumentale e culturale, ricorrono in entrambi i gradi. A tale proposito la continuità metodologica rappresenta un elemento di raccordo essenziale nel processo di insegnamento-apprendimento della L2 e di conseguenza l'insegnante non deve mai perdere di vista l'importanza dell'aspetto linguistico. Saranno proposte metodologie e strategie di apprendimento linguistico che uniscono attività ludiche all'acquisizione di competenze di tipo comunicativo; a tale proposito saranno utilizzati che contenenti brevi dialoghi, ciascuno dei quali presenterà una particolare funzione, con attività ad essa relazionata. L'apprendimento della lingua sarà inoltre perseguito attraverso un sistematico monitoraggio dello standard di apprendimento raggiunto dagli alunni. nonché attraverso interventi di rinforzo linguistico individualizzati. Le attività di rinforzo e consolidamento linguistico saranno ulteriormente potenziate attraverso l'approccio multimediale. CONTENUTI E ATTIVITÀ' > II corso si articola in 6 blocchi tematici che trattano le aree di interesse degli alunni: saluti e presentazioni. Sa famiglia, gii animati, (a scuola, i giocattoli, il corpo e i vestiti. > Presentazione di situazioni di vita quotidiano al fine di sviluppare competenze

14 comunicative e culturali in spagnolo. > Riferimenti alla cultura ed alla civiltà spagnola che rendano testimonianza di abitudini, usi e costumi del mondo ispanico, dai quali prendere spunto per ulteriori e più ampi approfondimenti conoscitivi ed operativi. Approccio fonetico e grammaticale. Rinforzo della pronuncia e del lessico attraverso esercizi controllati di ripetizione orale (corale, a gruppi o individuale) di dialoghi ed espressioni. Attività di simulazione (Ficción), attraverso esercizi di attività semi-controllate, quali simulazioni di situazioni ed interpretazione di ruoli. Attività canore (Canciones y Video Karaoke), per il rinforzo della pronuncia, del lessico e delia lettura dei testo. L'utilizzo del mezzo televisivo nelle classi elementari risponde sia all'esigenza di metodi nuovi ed efficaci per l'insegnamento delle lingue, sia all'importanza dell'esposizione al documento originale per l'apprendimento di una lingua straniero.attività grafico- manipolative (Comics), attraverso (a realizzazione di fumetti. Attività ludiche (Juegos), semplici indovinelli, giochi di mimo, giochi di memoria, cruciverba, domino delle parole. collegamento tra immagine e frase, telefono senza fili e+c.. Attività multimediali di rinforzo e consolidamento linguistico. Saranno fornite agli alunni competenze basilari per l'apprendimento dello spagnolo attraverso l'uso del PC, proponendo giochi interessanti ed attività multimediali, stimolando (a comunicazione orale direttamente in lingua spagnola attraverso l'intervento diretto del docente specialista. MEZZI E STRUMENTI II corso prevede l'adozione di un testo per l'apprendimento dello spagnolo come lingua straniera contenente 6 blocchi tematici di 5 lezioni ciascunom. L. Hor+elano. E. Gonzóles "La Pandilla" ^Edelsa 6rupo Didascalia, S.A. Pack L. Aiuwno ^ C. Actividades Cb Audio Video "Karaoke" 2La? Trotamundos 1, Edelsa Grupo Didascalia, S.A Saranno utilizzati CD audio composti prevalentemente da dialoghi tra bambini, più una videocassetta 'Xarao/»"contenente 14 canzoni rappresentative del mondo ispanico ("La Macarena", "La Bomba", "El Mambo" "El Porompompero" efc..} per cantare, ballare ed imparare divertendosi, nonché videocassette di classici Disney in lingua spagnola, al fine di creare un legame di affettività ai personaggi dei cartoni animati e dare l'opportunità di vivere un approccio divertente con lo studio della lingua. Per quanto riguarda i( materiale sono necessari : PC, Stampante, televisore, videoregistratore, oltre alla possibilità di usufruire di una macchina fotocopiatrice. SPAZI NECESSARI Aule, Sala video, aula multimediale, biblioteca VERIFICHE IN ITINERE Verifiche in forma orale e scritta, attraverso esercizi alternativi e paralleli a quelli svolti nelle diverse fasi delle unità didattiche.verifiche FINALI E PRODOTTO Realizzazione di un piccolo recital di canzoni tipiche spagnole e rappresentazione di alcune brevi scenette in lingua spagnola

15 MODALITÀ" E TEMPI DI ATTUAZIONE II progetto avrà la durata di otto mesi, da Ottobre 2007 a Maggio 2008 e sarà svolto durante l'orario extrascolastico. La durata totale del corso sarà di 30 ore. Il calendario degli incontri sarà deciso all'inizio del corso secondo le disponibilità espresse dall'utenza e dalla dirigenza. Responsabile del progetto Prof. Rosangela D Ischia

16 PROGETTO DI POTENZIAMENTO DELLA LINGUA SPAGNOLA PER LA SCUOLA MEDIA DI PRIMO GRADO FINALIZZATO AL CONSEGUIMENTO DEL D E L E Diploma de Español como Lengua Extranjera Anno scolastico. 2007/2008 DENOMINAZIONE DEL PROGETTO ANALISI DEL CONTESTO E DEI BISOGNI AMBIENTALI L'Europa, divenuta crocevia delle moderne migrazioni, è ormai un continente multirazziale e multietnico, colmo di innumerevoli diversità antropologiche, tali da rendere necessario progettare e realizzare un sistema formativo di ampio respiro ed aperto alla cooperazione educativa. In questo contesto l'apprendimento delle lingue straniere rappresenta una risorsa insostituibile non solo per la comunicazione, ma anche per il potenziamento e lo sviluppo di una coscienza multiculturale e aperta alla tolleranza. La valorizzazione della diversità diventa la base di partenza per un sistema pedagogico che ha a cuore la formazione di persone complete nella loro complessità. A tale fine, un positivo approccio alla diversità si esplicita anche attraverso l'apprendimento di una o più lingue straniere, quali ad esempio lo spagnolo, da considerarsi non solo come strumento comunicativo, ma anche come mezzo di conoscenza ed apertura a valori di altre culture. Per centinaia di milioni di persone in circa venti paesi del mondo lo spagnolo costituisce già un patrimonio di enorme valore; insieme formiamo una comunità molteplice, aperta a tutti, che la lingua comune unisce e identifica. ( ) Oggi più che mai lo spagnolo deve essere un invito all amicizia e alla comprensione, uno strumento di concordia e tolleranza, un terreno di creazione e di intesa tra persone e culture. Da un discorso di Sua Maestà il Re Juan Carlos pronunciato dinanzi al comitato patrocinatore dell Instituto Cervantes Lo spagnolo è parlato da 400 milioni di persone, in più di venti paesi; è al quarto posto tra le

17 lingue più parlate nel mondo, e al secondo posto tra le lingue di comunicazione internazionale. Attualmente, circa 100 milioni di persone in tutto il mondo studiano lo spagnolo per il suo valore pratico e la sua crescente utilità nella vita professionale, ma anche perché è una grande lingua di cultura e di dialogo. ANALISI DELLE MOTIVAZIONI Alla luce di tali premesse si rende utile e necessario il potenziamento della lingua spagnola come ulteriore proposta formativa, che abbia come finalità il conseguimento del Diploma di spagnolo come lingua straniera DELE, livello iniziale. COS È IL DELE? Il DELE è il titolo ufficiale riconosciuto in ambito internazionale che attesta il livello di conoscenza dello spagnolo come lingua straniera. Si tratta di un diploma rilasciato dal direttore dell Instituto Cervantes in quanto rappresentante del Ministero per l Educazione e la Scienza della Spagna. Ogni anno si presentano agli esami per il Diploma circa candidati. Gli esami si tengono due volte l anno, a maggio e a novembre, presso 400 centri d esame presenti in oltre 100 paesi del mondo. Gli esami comprendono esercizi di: Comprensione scritta Espressione scritta Comprensione orale Grammatica e vocabolario Espressione orale Sono previsti tre livelli: Inicial (escolar), Intermedio e Superior. I diplomi attestano che il candidato possiede la competenza linguistica sufficiente a gestire: Per il livello Inicial/ escolar: situazioni che richiedano un livello di comunicazione elementare. Per il livello Intermedio: situazioni abituali della vita quotidiana. Per il livello Superior: situazioni che richiedano un uso avanzato della lingua spagnola ed una conoscenza della sua cultura. Il modello di iscrizione per sostenere la prova del DELE, deve essere inviato presso il centro d esame più vicino al luogo di residenza dei candidati (Istituto Cervantes, Napoli), e deve comprendere i seguenti documenti: Modello d iscrizione compilato correttamente e firmato dal candidato Fotocopia di un documento che certifichi l identità del candidato Copia di un documento che certifichi il pagamento della tassa d esame. OBIETTIVI GENERALI Dare all alunno la possibilità di disporre di un diploma valido a livello internazionale Dare all alunno la possibilità di poter contare su un credito formativo nel proprio percorso di

18 studio Permettere all'alunno di comunicare con una lingua diversa dalla propria, potenziando l'acquisizione di un effettiva competenza comunicativa in spagnolo. OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: Conoscenze e abilità Acquisizione e potenziamento delle seguenti abilità: Comprensione del testo (Comprensión de lectura): Saper comprendere e decodificare testi brevi e semplici il cui contenuto sia relazionato ai diversi ambiti comunicativi, che fanno parte del mondo degli adolescenti. Espressione scritta (Expresión escrita) Saper produrre brevi e semplici testi (100 parole circa) di carattere pratico. Comprensione orale (Comprensión auditiva) Saper comprendere e decodificare brevi dialoghi o testi di argomento quotidiano Espressione ed interazione orale (Expresión e interacción orales) Saper sostenere una conversazione di 10/15 minuti su argomenti di vita quotidiana Conoscenza e uso delle funzioni e strutture linguistiche (Gramática y vocabolario) Saper usare correttamente le funzioni e le strutture linguistiche di base. METODOLOGIE E STRATEGIE L'approccio comunicativo sarà alla base del corso, in quanto strategia essenziale ai fini di un apprendimento rapido e sistematico. Saranno proposte metodologie e strategie di apprendimento linguistico che uniscono attività ludiche, all'acquisizione di competenze di tipo comunicativo; a tale proposito saranno utilizzati sussidi audio contenenti dialoghi o testi, ciascuno dei quali presenterà una particolare funzione, con attività ad essa relazionata. L'apprendimento della lingua sarà inoltre perseguito attraverso un sistematico monitoraggio dello standard di apprendimento raggiunto dagli alunni, nonché attraverso interventi di rinforzo linguistico individualizzati e finalizzati al superamento delle prove d esame. Le attività di rinforzo e consolidamento linguistico saranno ulteriormente potenziate attraverso l'approccio multimediale. CONTENUTI ED ATTIVITA' Corso di potenziamento della lingua spagnola e preparazione al DELE, Diploma di spagnolo

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

PROGETTO LET S PLAY AND TALK

PROGETTO LET S PLAY AND TALK PROGETTO LET S PLAY AND TALK FINALITA Il progetto Let s play and talk riguarda tutti i plessi di scuola primaria. Esso intende avvicinare gli alunni alla comprensione ed all uso della lingua straniera

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI?

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI? Secondo numerose ricerche psicolinguistiche e pedagogiche, imparare una seconda lingua in età infantile è un processo più semplice, efficace ed immediato rispetto all età adulta perché i bambini sperimentano

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

CONTENUTI:GNOMI E FOLLETTI AMICI PERFETTI!

CONTENUTI:GNOMI E FOLLETTI AMICI PERFETTI! Sezione: A Disciplina: AREA1 Scuola: Infanzia De Amicis Campo d esperienza n 1 : IL SE E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme Obiettivi 1. Sviluppare il senso dell'identità personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 013-14 SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE madrelingua COMPETENZE DISCIPLINARI Interagisce oralmente nella lingua italiana

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

Curricolo di Inglese I.C. Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015

Curricolo di Inglese I.C. Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 Curricolo di Inglese Scuola secondaria di primo grado TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE CLASSE TERZA L alunno comprende oralmente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E L apprendimento di due lingue comunitarie permette

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA SCUOLA DELL INFANZIA - I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA PRIMARIA - LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA I GRADO - LINGUE COMUNITARIE - LINGUA

Dettagli

PASSWORD FOR OUR FUTURE Progetto per l apprendimento della lingua inglese

PASSWORD FOR OUR FUTURE Progetto per l apprendimento della lingua inglese ISTITUTO COMPRENSIVO SAVIGNANO S. P. Via Don Gherardi, 1-41056 Savignano s.p. (MO) Tel 059730804 Fax 059730124 E-Mail - MOIC81400E@istruzione.it E-Mail certificata - MOIC81400E@pec.istruzione.it C.F. 80013950367

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

I.C. ARBE -ZARA. Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano. a.s. 2015/2016

I.C. ARBE -ZARA. Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano. a.s. 2015/2016 I.C. ARBE -ZARA Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano a.s. 2015/2016 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI INGLESE CLASSI 1A - 1B Docente: DANIELA BAIO 1 1. COMPETENZE Tenendo

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE Titolo: TURISTA CURIOSO TRA I TRULLI! Destinatari: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia. Risorse professionali: docenti dell ordine di scuola Compito unitario:

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Progetto Bambino oggi, cittadino domani

Progetto Bambino oggi, cittadino domani Istituto Comprensivo Pescara 3 Progetto Bambino oggi, cittadino domani Progetto per l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione in un percorso curricolare verticale anno scolastico 2014/2015 Presentazione

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

Programmazione Educativo-Didattica anno scolastico 2015-2016 INGLESE

Programmazione Educativo-Didattica anno scolastico 2015-2016 INGLESE Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione Educativo-Didattica anno scolastico 2015-2016 CLASSE PRIMA

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Picchi Maria Letizia Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione: A.e B. anni 4 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO SCUOLA PRIMARIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO SCUOLA PRIMARIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio CLICCA E IMPARA SCUOLA PRIMARIA Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Piano dell Offerta Formativa 2014-2015 1 Indice Presentazione della scuola... 3 Carta di identità... 3 Finalità... 3 Filosofia della scuola... 3 AGeSC... 4 Contratto formativo... 5 Premessa... 5 Docenti...

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI. PROGETTO Lingua Inglese

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI. PROGETTO Lingua Inglese Denominazione del progetto/laboratorio English time Responsabile di progetto D Aniello Michelina PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO Lingua Inglese SCUOLA Primaria

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

Scuola primaria. Imparare ad imparare Comunicare Collaborare e partecipare Individuare collegamenti e relazioni

Scuola primaria. Imparare ad imparare Comunicare Collaborare e partecipare Individuare collegamenti e relazioni classe 1^ L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 I nostri spazi 5 sezioni 2 bagni con servizi igienici

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE INGLESE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA A. ASCOLTARE E COMPRENDERE 1. Riconoscere e discriminare suoni e fonemi simili. 2. Ascoltare e comprendere comandi e semplici frasi inseriti in un contesto situazionale.

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Svolge i compiti secondo

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

PROGETTO DI RETE : INDICAZIONI PER IL DELTA

PROGETTO DI RETE : INDICAZIONI PER IL DELTA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PORTO TOLLE Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria 1 del Comune di Porto Tolle Via Brunetti, 17-45018 Porto Tolle (Ro) Tel.0426/81259 Fax 0426/391160 E-mail segreteria@scuolabrunetti.it

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) L apprendimento della lingua inglese e di una

Dettagli

LIBRI IN FILASTROCCA

LIBRI IN FILASTROCCA SST SILENZIO PARLANO I LIBRI MOTIVAZIONE: LIBRI IN FILASTROCCA I miei libri sanno a memoria Qualsiasi storia. Loro sanno tutti i perché: perché la luna c è e non c è, perché il sole scompare in fondo al

Dettagli

LA FABBRICA DELLE PAROLE

LA FABBRICA DELLE PAROLE 74 Circolo didattico, Roma Plesso scolastico Via del Calice Classi seconda A e seconda B LA FABBRICA DELLE PAROLE Laboratori multiespressivi di creatività scolastica 1 PROGETTO La Fabbrica delle parole:

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale)

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale) TRIENNIO: classe prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno : comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari descrive oralmente e

Dettagli

SESSA AURUNCA PROGETTO INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO CORIGLIANO

SESSA AURUNCA PROGETTO INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO CORIGLIANO I. C. SAN LEONE IX SESSA AURUNCA PROGETTO INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO CORIGLIANO A.S. 2013/2014 Happy English HAPPY ENGLISH Progetto Lingua Inglese per gli alunni di 4 e 5 anni Scuola dell'infanzia

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti...

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti... Scuola Statale dell'infanzia di "Lammari" Progetti educ.-did. anno scolastico 2010/2011 ********************************************************** AREA P.O.F. Linguaggi espressivo_creativi AREA P.O.F.

Dettagli