A cura di Emilio Ghiggini. Paolo Fresu. Non c era una volta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di Emilio Ghiggini. Paolo Fresu. Non c era una volta"

Transcript

1 GHIGGINI EDIZIONI

2

3 A cura di Emilio Ghiggini Paolo Fresu Non c era una volta Testi di Mario Chiodetti Enrico Colombo Silvana Cova Andreani Romano Oldrini Chiara Palumbo Luigi Piatti Riccardo Prina GHIGGINI EDIZIONI

4 Paolo Fresu, Emilio Ghiggini, Angelo Branduardi e Giorgio Faletti all'inaugurazione della mostra del 2004 alla Ghiggini

5 C onobbi Paolo Fresu diversi anni fa. Me lo presentò Rodolfo Budicin, storico rappresentante di importanti produttori di cornici, amante dell'arte, da sempre frequentatore della bottega Ghiggini: uno oramai di famiglia. Venne in galleria con alcuni lavori dell'artista astigiano e da lì iniziò una proficua collaborazione sfociata nella mostra del 2004, Presenze e sogni, un simpatico momento di incontro con il pubblico della galleria, Paolo Fresu e i suoi inseparabili amici Giorgio Faletti e Angelo Branduardi. Eccoci ora a un nuovo appuntamento che si caratterizza per l'impostazione della mostra. In un primo momento pensavo di presentare Fresu illustratore dando un canovaccio di favola su cui lui potesse operare. Ma il bello dell'essere artista è la libertà di creare e di esprimersi. Paolo ha realizzato 22 opere nella quali ha messo un input tematico. Ho contattato 7 amici che hanno in comune la passione per l'arte, la frequentazione della galleria e per i quali nutro una profonda stima coinvolgendoli nella stesura dei testi del volume che accompagna la mostra. Ad ognuno di loro ho affidato alcune tavole con il compito di interpretarle con la massima libertà espressiva. Il risultato del lavoro qui raccolto è un omaggio alla bravura di Paolo Fresu nel trasmettere emozioni e alla capacità interpretativa dei 7 recensori cui va il mio più sincero grazie. Emilio Ghiggini Varese, ottobre 2007

6 GHIGGINI VARESE Galleria d arte Organizzazione: Daniela Daverio Eileen Ghiggini Chiara Palumbo Catalogo stampato da Artestampa, Galliate Lombardo GHIGGINI 1822 via Albuzzi 17, Varese 16 novembre - 7 dicembre 2007 orario: 10-12,30; 16-19,15 tel fax

7 Mario Chiodetti Mario Chiodetti, giornalista e fotografo, autore e interprete di spettacoli teatrali e musicali, ha curato mostre d'arte e scritto testi per cataloghi d'artista. Collabora alle pagine culturali de "La Provincia di Varese" ed è appassionato collezionista di libri, dischi e spartiti d'epoca. Ha 48 anni e due gatte.

8 Tat tanananina nina nina Una volta per giocare e parlare si scendeva in strada, si usciva dal cancelletto di ferro dietro la siepe e il Pippo era già lì, piccolo e scuro, con la sua faccia da furetto e le figurine in tasca. Una volta non c erano i numeri e tutte quelle cose da digitare, la memoria non era contenuta in schede e noi sapevamo tutto l album dei calciatori e quello degli animali a mente, ci passavano davanti agli occhi Domenghini e il facocero, indistintamente. Ogni sera dopo cena, la mamma ci dava le chiavi e l estate profumava ancora di fiori quando salivamo i gradini della casa del Dodo, dalla misteriosa e tetra cantina, piena di gatti, luogo di punizione per chi faceva la spia e doveva entrarci fino in fondo, e farsi vedere affacciato alla finestrella che dava sul cortile. Pippo era lì e voleva giocare a nascondersi, ma non era veloce ad arrivare alla toppoli, messa ad arte dietro i quattro gradini dell ingresso, e raggiunta dopo uno zig zag intorno a un aiuoletta. Ci trovava presto, aveva un padre carabiniere e qualcosa dello sbirro gli era rimasto attaccato, ma Dodo lo batteva quasi sempre in corsa e anch io me la cavavo se scattavo per tempo appena toppolato, venendo giù a rotta di collo dalla discesina e superandolo alla svolta dei gradini, dove al quarto si fermava, lasciandomi campo libero. La discesina era strategica, c erano sempre macchine parcheggiate in fila, ci si acquattava tra la fiancata e il muro e si aspettava quello che era sotto in quel momento. Lo si vedeva arrivare guardingo e la mamma dal balcone ci faceva segnali muti per segnalare l intruso a ore tre. Vivevamo per quegli scatti in discesa, per quei cinquanta metri di libertà assoluta percorsi in apnea, prima dei gradini del Dodo, dove il fiato si rompeva e rischiavi di inciampare al traguardo della serpentina finale e del libero per tutti. Alle volte ci spingevamo nel boschetto arrampicandoci come caprioli tra le piante di robinia e se il nascondiglio era buono non c era storia, e Pippo si aggirava sperduto tentando il bluff con un debole vi vedo, so che siete lì, senza avere il coraggio di salire per snidarci. Allora, seduto tra i sambuchi, parlavo col Dodo della sua bicicletta, dipinta di arancione vivo, senza freni e senza parafanghi, con il manubrio in grado di compiere il giro completo, come accadeva ai clown. Lui era l Omino, ci separava un anno di età, ma la sapeva più lunga,

9 tirava di rigolo assieme al Lanzini, vecchio partigiano dai baffi a tricheco, nel campo di bocce vicino casa, ed era veloce, di gamba e di cervello. Verso le cinque di pomeriggio, immancabilmente risuonava per la discesa il suo tat taninanina nina nina, alternativa vocale al campanello, naturalmente mancante sulla vecchia Willier trasformata in un arnese da circo. Se era in vena, l Omino impennava appena prima della curva e, se il cambio di figurine era andato bene, all impennata aggiungeva un paio di giri del manubrio in volo e un occhiata alla finestra della mia cameretta, prima di scomparire mentre ancora risuonava l eco del tanina nina come di un grido dei lancieri. Quel suo vivere a morsi faceva di lui il nostro arlecchino, e le ammaccature, i graffi e i ginocchi perennemente sgarbellati erano i colori del suo star bene col mondo, del gettarsi a capofitto in ogni intrapresa, con la bici arancione dai copertoni lisi lanciata a tutta manetta anche se il secondo era lontano, umiliato e sbuffante. Un poco di quelle tinte, accese e quasi sonore, di un ormai trascorsa fanciullezza, si posava su di me come il pulviscolo di un ala di farfalla e

10 la sera, prima di addormentarmi, pensavo alla prossima discesa dell Omino, a come imitarne l impavida cavalcata e magari frenare proprio all ultimo, appena oltre la curva. La mia Ganna rosso metallizzato era troppo educata per comportarsi da cattiva ragazza, ma un giorno di quelli ci avrei provato, magari nel tempo vuoto del tardo pomeriggio, appena prima di mangiare, quando per la strada non passava nessuno. Avrei volato come lui per una volta, lasciando per un attimo il manubrio, a ruota libera giù fino in fondo, e per frenare avrei risalito per forza d inerzia un pezzo della strada del cimitero, come faceva il Dodo a fine corsa. Ma anche gli arlecchini, come i fringuelli, possono mutare le piume, perdere i colori smaglianti dell età dell oro e aggirarsi di colpo giallognoli, con una diversa fisionomia e anche il tanana nina cambiato di tonalità e simile a un gracidare di cornacchia. Era passata qualcuna di quelle estati infinite, in cui la vita respirava veloce e le ortensie gonfiavano i giardini, colme di umori, noi non giocavamo più a nasconderci tra il muro e le macchine, ma passavamo nella zona d ombra dell adolescenza, senza sapere che da lì sarebbero incominciate le salite. L Omino si vedeva poco, si era come stirato, diventato nodoso e fumava di sfroso. Portava i pantaloni lunghi e aveva dimenticato la bici in un angolo, con una gomma sgonfia, diceva che non si poteva più riparare. Pippo e io ci sedevamo sul muretto davanti al piccolo cancello dietro la siepe, lo aspettavamo per qualche mezz ora, assieme all Antonio e al Marino, due che a nascondino, ai tempi, li superavi già ai dieci metri, senza nemmeno vederli. Adesso erano grossi e avevano le guance già scure, parlavano del Benelli che il Ciao era da femmine, e se il discorso cadeva sul Dodo si facevano omertosi, tirando fuori mezze parole e ammiccamenti. Finché, una sera, lo vedemmo uscir di casa, con la k-way rossa e i capelli tutti da una parte, e prendere per il centro, quasi di corsa, senza salutare nessuno. Fu la voce vetrosa dell Antonio a svelarci che l amico era perduto e una nuova stagione della vita incominciata: Ragazzi, l Omino c ha la donna!.

11

12

13 Enrico Colombo Enrico Colombo è attore, pittore e burattinaio da trent'anni, ha portato i suoi spettacoli in tutta Italia ed Europa, pedagogista e formatore, dirige il Piccolo Teatro di Cazzago Brabbia in compagnia di Arteatro, Associazione Culturale fondata nel Allevatore di cavalli Haflinger, guida equestre ambientale, ama sognare tra i 3000 e i 4000 metri naturalmente a cavallo!

14 Principessa Luisona che il gigante abbandona per un principe turchino forse ancora troppo bambino, lei è un'artista questo si sa, e il gigante pianger fa, troppo spesso s'allontana per alzar la sua sottana, di giganti lei ne ha tre uno,due e il terzo è un re, si fatica in baracca ogni tanto lei si stacca. La baracca e i burattini sono roba da bambini questo lei ben sa e per questo se ne va. Il gigante Belisario arriva sempre sul primo binario, con baracca e burattini, l'aspettan con gioia le autorità e tanti bambini. Il gigante Belisario è un grande artista, con Pulcinella e Arlecchino rider fa ogni bambino guida svelto la sua bici con in mano l'ombrellino. Il gigante Belisario è rosso e bello e lui lo sa, con tre piume sul cappello tutte le donne impazzire fa.

15

16 Il gigante Baracca di lavorare non si stracca tre marionette agita insieme racconta storie dolci e blasfeme. Guarda tutti con sogghigno leggero, prima di mandare la regina al cimitero. Al gigante Baracca gli scappa la cacca, dice piano a sua maestà di andare avanti, che lui non ce la fa. La marionetta rovina per terra e la sua corona svelto afferra. Il gigante Baracca dalla panza non si stacca, veglia la scena, molto attento, un prelato assai sgomento di vedere il cavaliere che si perde in un bicchiere. Il gigante Baracca ora si sbianca nel veder la principessa intenerita e cotta lessa, del prelato innamorata e da lui troppo guardata. Il gigante Baracca chiude la panza, finito il suo teatro, la principessa piange, il principe arrabbiato, ma dove mai sarà il prelato?

17

18

19 Silvana Cova Andreani Laureata in Lingue e Letterature straniere all Università Bocconi, docente di Inglese e Francese nella scuola secondaria. Ha seguito percorsi di approfondimento all approccio della produzione artistica sia in Italia sia all estero, soprattutto in Francia. L andar per arte è una consuetudine del suo vivere.

20 Non c era una volta... Titolo di un percorso artistico di per sé intrigante. Rimanda infatti alle favole, al mondo innocente e nel contempo crudele dell infanzia. Proprio da questa dicotomia si diparte il viaggiare tra personaggiburattini, immagini che, a primo acchito, emanano una sorta di impatto ludico anche se pervaso da un aura triste. Essi riportano alla struttura della fiaba a rovescio: lo sbagliare in modo premeditato la figura di un personaggio, rovesciando così il tema fiabesco, ne consegue un prodotto, che risulta inedito, differente, quasi una parodia per cui il soggetto di ogni opera è libero di svilupparsi autonomamente. Il re, simbolo di equilibrio e potere, acquisisce i tratti di un fool Shakespeariano, diventando matto, burattino, mosso da invisibili fili che gli impediscono di agire; un imperatore che non attua piani strategici, ma si rimette alla ricetta del dottore sino ad essere definito un po sciocco!. L aspetto fisiognomico delle figure di Fresu avvalora questa lettura: osservando gli occhi, essi ci rimandano sguardi talora miti, altri fugaci da non personaggi; essi, più che mai sembrano voler trasmettere un messaggio benevolmente triste, quasi ironico.

21

22 L immaginario fiabesco viene soprattutto sottolineato dall approccio cromatico, in cui la tensione del colore permea le opere di una magica malia. La forza espressiva dei colori sottolinea le caratteristiche dei visi e delle vesti, accentuando così nuove configurazioni cromatiche: le tonalità svelano sfumature, mentre contrasti azzardati sono risolti in misurate armonie, così da divenire una sorta di strategia comunicativa dell espressione. Sotto il segno del rosso-arancio si accendono tonalità materiche come i bordeaux, gli ocra, i marroni; si ravviva la gamma dei gialli sino all armonico gioco dei chiaroscuri. Il risultato è uno sfoggio cromatico sontuoso che brilla di inserti preziosi, di pizzi lievi, che la tecnica mista evidenzia in modo sfarzoso e che ci aiuta a vedere queste figure, inserite in un mondo simbolicoallegorico dove tutto è vanitas: fragilità umana, l essere illusorio delle cose e, per conseguenza, la delusione che esse riservano all uomo.

23

24

25 Romano Oldrini Già giocatore di calcio, già sindaco, già medico, già innamorato della pittura astratta, già sfegatato per la musica rock, tutt'ora impelagato nella scrittura, da anni sta tentando (invano!) di governare le impudicizie del mondo, da anni sta tentando (invano!) di tornare bambino.

26 Prima fila di palchetto quasi le mani a toccare i sogni gli occhi che frugano e i volants e le passamanerie tra gli anfratti ahimè violati. Eppure quell occhio a calare e la mano incerta sul dolore, un collo forse di cigno che non sa non vuol sapere di un velo bianco di cipria a marezzare il nero del buio. Qualcuno l ha detto in tempi non sospetti. Cadere fino al fondo per poi risalire e che sull ultima coda sta il veleno migliore. L orco gentile, il maglio che carezza, l ossimoro in aiuto alla penna che reclina.

27

28 Chi sta vincendo al tavolo del mondo. Se il desco è già pronto l occhio già rapace. La malizia di corpi solo intravisti oltre le guepières le promesse mancate. Forse già sanno. La lunga vita del desiderio la sua secolare vittoria.

29

30

31 Chiara Palumbo 28 anni. Acquario. Tendenzialmente rissosa. Laureata in Scienze dei Beni Archeologici e Storico Artistici. Collabora con la Galleria Ghiggini dal Attualmente lavora presso la Provincia di Varese e si occupa da due anni della conservazione e della valorizzazione del paese dipinto di Arcumeggia. Prosegue indipendentemente l approfondimento della storia dell arte a cavallo tra 800 e 900. Venera l artista austriaco Egon Schiele. Si immedesima nelle modelle del preraffaellita Dante Gabriele Rossetti. Il suo pensiero ricorrente: Lodovico Pogliaghi e la sua casa-museo a Santa Maria del Monte a Varese.

32 C era una volta e forse non c è più un re di nome Narciso con pizzetto e baffi all insù. Una dorata corona gli cingeva la testa, scettro in mano e gorgiera a ogni festa; però sempre solo si presentava poverino, al suo fianco mai nessuna dama in ermellino! Finché un giorno, stanco di essere da tutti deriso, decise di escogitare un piano ben preciso. Fu così che diede un gran ballo e per l occasione si fece costruire una regina di cartone. Tutti gli invitati la ammirarono per la bellezza vera, fino a quando non si accorsero che era una chimera; uno fra tutti si dimostrò il più cattivo, un cardinale dall aspetto inizialmente schivo che si presentò innanzi al re tutto baldanzoso canzonandolo e beffeggiandolo con fare odioso: Solo di te stesso sei innamorato Re Narciso, nessuna donna mai ti bacerà il viso! Il prelato però non si accorse che nella foga del camminare aveva perso una scarpina che si affrettò subito a cercare. Re Narciso non si lasciò sfuggire l occasione Cardinal Cenerentolo urlò nel mezzo del salone e la folla incominciò a ridere così apertamente tanto da dimenticar la regina inesistente! La morale di questa buffa storia di cui ancora oggi si deve aver memoria sta proprio nell insegnare che mai del male si deve fare. Chi semina vento raccoglie tempesta Questo è un detto che bisogna sempre aver in testa!

33

34 Questa è una breve filastrocca che a molti potrà sembrar di certo sciocca. Narra della storia assai bislacca di Rebecca, la baldracca! Nata dalla fantasia di un artista astigiano che disegna con assai abile mano. Essa racconta l abitudine curiosa di una donna assai formosa che in un grande castello rinchiusa viveva dove principi, cardinal e cavalieri riceveva. Tutti ai suoi piedi con doni e rose rosse mentre le altre dame spiavano un po scosse; dalle finestre stavano a curiosare ciò che Rebecca era solita fare: Accogliere i suoi ospiti festosamente e alzar la gonna prontamente. Baci, carezze e tanta attenzione a chi si lasciava travolgere dalla sua passione. Visse così tutta la sua vita e non si sentì per questo mai pentita. Non approfittò mai dei suoi spasimanti grazie ai quali si ricoprì di diamanti ma ai quali offriva in cambio il suo amore fosse solo per una notte lunga delle ore che non potevi per nulla dimenticare e che ben presto da lei ti avrebbe fatto tornare!

35

36

37 Luigi Piatti Io sottoscritto Luigi Piatti dichiaro di essere invidioso di Aldo Alberti, pittore novantacinquenne, nato a Busto il 21 novembre 1912, sempre vispo come un gabbiano in volo. Nato sedici anni e un giorno dopo di lui, non riesco a stargli dietro quando cammina; mi sono pertanto ripromesso di andare in giro con lui soltanto in automobile. Che guido io. Aggiungo che la mia carta d'identità può apparire a molti un documento "falso". Due i motivi si legge Luigi e nato a Comerio. Allora, perché tutti mi chiamano Ginetto? Un abuso collettivo? Il fatto poi di Comerio è che io sono nato a Barasso in via Roma n 2 che oggi, per via dell'inflazione, è diventato 12. Me lo dichiarò mia madre appena divenni capace d'intendere. Però più di me e di mia madre comandava il Duce che aveva deciso Comerio e, anche se proprio tanto tanto tanto non mi va, così fu. Da grande feci il dirigente industriale perché incontrai il Gran Giovanni Borghi. Per Lui misi la mia voglia d'arte in un bel freezer della Ignis che me la conservò intatta e sana sino alla pensione. E spero di costare ancora tanto all'inps per poter continuare a scrivere bene degli artisti che stimo e sempre tacere, senza fatica, di tutti gli altri. Ciao!

38 Emilio Ghiggini, avendo deciso di allestire una mostra di Paolo Fresu, mi rifilò tre opere di questo favolista, pittore, scultore, scenografo e ceramista astigiano da commentare. La prima ha per titolo:... Era talmente intelligente che parlava sempre e forbitamente... e non diceva niente. E' un'opera che mi piace molto perché nella veste di una donna dal naso lungo e dalla treccia pure lunga mi ricorda alcuni politici: quelli che parlano parlano parlano, raccontano il niente con frasi astratte (tipo la quadratura del cerchio, la circolatura del quadrato, eccetera) che la gente comune anche con due lauree non capisce; quelli, insomma, che praticamente nulla dicono, proprio nulla; cioè, per la verità vera, soltano parole parole parole. Sono i politici più onesti, più rispettosi del popolo perché nulla, assolutamente nulla promettono. Gli "altri", non proprio tutti ma, potrebbero anche prometterci l'autostrada Barasso, Oltrona, Cazzago, con il "sorvolo" del lago di Varese, e mai realizzarla. Giacché tutto va bene per agguantare un voto. E allora, meglio i primi. O no? Incastrato dall'emilio devo continuare con la seconda opera: La bella Virginia, solo una volta al mese, concedeva le sue grazie al conte di Varese. Ecco, come si permette questo astigiano Fresu di interferire con ivizielevirtù del conte della mia città? Cosa ne sa? Una volta al mese perché innamorato pazzo della Virginia ed escludeva, di conseguenza, le altre donne o una volta al mese perché aveva impegnato tutti gli altri giorni con altre donne? Fresu non sa che c'è la Privacy che proibisce di entrare nell'altrui intimità? O è una storia di altri tempi senza le leggi di oggi? Cosa fa Fresu, il cronista o lo storico? P.S. Fosse cronista rideremmo di più.

39

40 La terza opera è decisamente Storia, proprio con la S maiuscola: C'era una volta il re del mondo che regalò metà del regno al suo generale per poterselo poi riconquistare. Evidentemente era, questo re, proprio un re con le palle, tante palle, certamente di cannone. Un guerrafondaio che, consapevole della propria forza, regalava per riavere. Ovviamente uccidendo. Ritengo che Fresu qui ci dia la sua morale: non si facciano più guerre giacché la storia racconta che i generali le perdono. Anche quelli ai quali qualche volta capita di vincere. Napoleone docet. E allora? Nasce una proposta: nelle Accademie militari si arrivi al grado di sergente. E ci si fermi lì, per favore! O no?

41

42

43 Riccardo Prina Attualmente responsabile del sito Artevarese.com. Alle spalle, in gioventù, una tesi su Picasso, di fianco, la notte, un Rothko (riprodotto) che mi guarda da destra. E Francesca, Leonardo ed Arianna. P. S. La Chiara citata nel testo è Chiara Dattola. Le matite e i pennelli sono fin dai tempi dell'asilo i suoi migliori amici e non ha mai smesso né di disegnare né di sognare.

44 La prima cosa è la conferma di esistere. Poi, lo spazio del dialogo. Guardo i lavori meno recenti di Fresu, il veliero rampante, il teatrino dei Teatrini, il barcone di Mangiafuoco, il cavallino rotante. E vedo volti sdoppiati. Vedo occhi che guardano dietro di sé, a sinistra, a destra di sé. Non mi comunicano. Non mi parlano direttamente. Ma comunicano ansia e domande. Si guardano, ma si guardano da cosa? Che tipo di certezze chiedono, sbirciandosi di sbieco gli uni con gli altri? Sono scenografie di un paese interiore mi dice la mia amica Chiara quelle di Fresu, che popola sogni e incubi allo stesso tempo. Li popola di facce grottesche e ricercate, di giochi meschini ed iracondi. Brava, lei, lei stessa che vive di sogni e, volendo, di incubi, e li fa vivere usando gli stessi trucchi da povero diavolo che povero non è. Ma per me, da questa parte, è più difficile. Guardo le ultime e il gioco è cambiato, mi sembra. Abbandona il teatro, la storia si addensa, le figure si ergono. E loro mi guardano. Anzi mi sbaglio. Non guardano proprio, non guardano ancora, ma sento che sono, che sono più forti di prima, che non son di cartone e tra loro si intendono. Il cavaliere con l alto prelato, il re piedi piatti tutto pizzi e parrucca con il cardinale. Se la raccontano. Umani, buffi come un mistero, ma certi di esistere. Chiara mi puntualizza: Non da ora. Non vedi le labbra rosse e carnose delle sue donne. Perfino la fata turchina accarezza Pinocchio con fare equivoco. Ecco la sfumatura. L equivoco del teatro, l equivoco di me che guardo senza vedere. Io la prendevo alla larga. Già pensavo a Rabelais, chissà perché ma ci pensavo, e devo confessare anche un po a Cervantes; o alla nave dei folli, tra le prime cose; e la Franza e la Spagna purché si magna...si lo ammetto, ho rimuginato anche su questo. Ma anche Fellini, se questo può rimediare alla caduta di stile. Di re-stanchi e recessi, di Geppetti di prelati e farmacisti. Quasi illustrazioni di Decameron, mi incalza Chiara.

45

46 Ecco no, il Decameron, no, non lo avevo pensato. E forse era solo una questione di pelle e di vibrazioni: l inclinazione dello sguardo, la carezza dello sguardo, la feroce, carezzevole ironia dello sguardo, la fuggente, carezzevole ironia dello sguardo. Anche sensuale, a volte. Certo. E io, l ho letto, davanti all affermazione del critico il cubismo di Fresu, mi sono fatto prendere all amo. Cubista, cubista, cubista. Mi sa che non è quella la strada per mettersi a guardare lo spettacolo. Allora dov è l entrata? Guarda il segno veloce, mai approssimato mi dice il mio Virgilio, Mentre il prelato ritorna alla mente e si confonde col Bacon dei tempi che furono. Il re crociato corre senza sosta con il suo segno stampigliato di rosso sull'uniforme e Paolo Fresu continua a giocare. Tutto bello, comincio a vedere e a girare, mi sembra una giostra. Ma ci manca una rima. Eccola, mi fa Chiara Gioca fra i pizzi e i merletti, gioca fra i nastri ed i rossetti. Finisce qui? No! Racconta in un gesto sapiente la storia del mondo e le sue codardie. Niente rima, ma va bene così.

47

48 Angelo Branduardi e Paolo Fresu all'inaugurazione della mostra del 2004 alla Ghiggini

49 N ato ad Asti il 13 novembre 1950 Paolo Fresu frequenta prima il liceo artistico di Torino poi l Accademia Albertina. Interrompe gli studi per dedicarsi alla scenografia teatrale, cinematografica e televisiva lavorando con artisti del calibro di Luigi De Filippo, Giorgio Faletti, Andy Luotto e infine per RAI UNO al programma Fantastico 90. Con il Gruppo Teatro Asti idea scene e costumi per Il malato immaginario di Molière e Il mercante di Venezia. A partire dagli anni 60 fino agli 80 sviluppa la sua espressività artistica mediante sperimentazioni matericocromatiche, passa dalla china al pastello, dal disegno alla scultura, fino alla creazione di ulteriori impreziosimenti con il collage e gli assemblaggi polimaterici d influenza surreale. Nel 1992 realizza il manifesto e la scultura-premio della rassegna teatrale Astiteatro 14. Tre anni dopo dà vita ad un grande pannello in esposizione permanente presso l atrio della stazione ferroviaria della sua città natale. Dipinge i due drappi del Palio di Asti (1997). Numerose sono le personali tenute sia in Italia che all estero e recenti gli allestimenti antologici che hanno avuto luogo nella sua città natale: Foyer del Teatro Alfieri (1992), Antico Battistero di San Pietro (1997). Altre due personali si sono tenute in Alessandria presso il complesso conventuale di san Francesco (2000) e al Teatro di Moncalvo nel Segue una mostra presso il Palazzo Robellini dal titolo Lo specchio di Tersicore ed una ad Albissola marina presso la galleria Il Bostrico(2003). Inizia nel 2004 la collaborazione con la GHIGGINI 1822 con l esposizione personale intitolata Presenze e sogni. Nel dicembre le sue opere sono state presentate nella Sala Esposizioni del Teatro Ariston di Sanremo. Nel 2007 realizza il manifesto per la VII edizione di Incontri del cinema d'essai ad Asti e nell'autunno 2007 espone a Macerata alla Quadreria Blarasin e a Roma con la mostra Steatrando al Museo Burcardo. Fresu è un artista poliedrico: favolista, scultore, scenografo e ceramista. Animano i suoi disegni e le sue sculture generali, reali, prelati e personaggi delle fiabe più popolari: personaggi di un mondo a metà tra il reale e l immaginario, simboli dei vizi e delle debolezze dell uomo moderno che per evitare il confronto con la realtà si nasconde dietro la maschera della mediocrità. Con la sua opera propone allegoricamente temi e situazioni dal carattere esistenziale il tutto però sdrammatizzato dalla chiave ironica e leggera con cui Fresu legge e rielabora le sue idee e fantasie. Attualmente vive ad Asti dove ha sede il suo atelier.

50 Non c'era una volta, 2007 incisione cera molle di Paolo Fresu incisa su lastra di zinco di mm. 210x150 tirata su torchio a mano realizzata in occasione della mostra alla GHIGGINI 1822 in cento esemplari numerati da 1 a 75 e da I a XXV abbinata alle prime copie del catalogo. copia n.

51

52

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Classi II A e B scuola primaria «F. Socciarelli» Carchitti anno scolastico 2015/16

Classi II A e B scuola primaria «F. Socciarelli» Carchitti anno scolastico 2015/16 Classi II A e B scuola primaria «F. Socciarelli» Carchitti anno scolastico 2015/16 Pinocchio nel paese dei diritti è un libro pubblicato dall UNICEF sui diritti dell Infanzia in cui, ripercorrendo la storia

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i LE FAVOLE DISNEY C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i bambini del villaggio, perché era piena di orologi e giocattoli di ogni tipo, e un bel fuoco ardeva sempre

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

CLEMENTE FANTASMINO TRASPARENTE/favole d arte

CLEMENTE FANTASMINO TRASPARENTE/favole d arte PINACOTECHE - SCUOLA PRIMARIA Accogliamo i bambini di scuola primaria con percorsi differenziati tra primo e secondo ciclo. Create per i più piccoli lasciatevi guidare dalle nostre favole d arte per una

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

Produzione Compagnia dell'arpa Organizzazione Aurora Tilaro Direzione Artistica Filippa Ilardo & Elisa Di

Produzione Compagnia dell'arpa Organizzazione Aurora Tilaro Direzione Artistica Filippa Ilardo & Elisa Di liberamente ispirato al genio di Gianni Rodari uno spettacolo di e con Sergio Beercock & Sabrina Sproviero Produzione Compagnia dell'arpa Organizzazione Aurora Tilaro Direzione Artistica Filippa Ilardo

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Baj 2. Capolavori ad arte

Baj 2. Capolavori ad arte Baj 2 Capolavori ad arte Ai bambini di anni 4 é stato proposto un quadro del pittore Baj, chiedendo loro di rielaborarlo con l unica clausola : utilizzare la lana per riprodurre i capelli la lana. Ecco

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Unità IX Il corpo. Contenuti - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi. Attività AREA ANTROPOLOGICA

Unità IX Il corpo. Contenuti - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi. Attività AREA ANTROPOLOGICA Unità IX Contenuti Il corpo - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. L Orsoroberto introduce L Orsoroberto si tocca il naso e chiede ai bambini di fare lo stesso. Poi si tocca

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

domani 1 cortometraggio Petali

domani 1 cortometraggio Petali domani 1 cortometraggio Petali regia: Giacomo Livotto soggetto: Luca Da Re sceneggiatura: Giacomo Livotto montaggio: Franco Brandi fotografia: Michele Carraro interpreti: Erika Cadorin, Fabio Degano, Giacomo

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Rosaria Campanale Si ringrazia per la collaborazione

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO PROGETTO CONTINUITÀ Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO I primi giorni di aprile, tornati dalle vacanze di Pasqua, il postino ci porta

Dettagli

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO)

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) ATTIVITA ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CON LA COLLABORAZIONE DELL INSEGNANTE VANIA

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città.

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. IN GIRO PER LA CITTÀ In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. Allora, ragazzi, ci incontriamo oggi pomeriggio alle 3.00 in

Dettagli

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA Scuola infanzia di PALATA PEPOLI PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA DI QUALCHE ANNO FA. Di W:A MOZART Il Flauto Magico Progetto musica e biblioteca Scuola dell Infanzia di Palata Pepoli Destinatari: Luogo: Durata:

Dettagli

PAUL KLEE E L ITALIA

PAUL KLEE E L ITALIA PAUL KLEE E L ITALIA Componi un Diario di forme e colori! Per bambini dai 7 ai 10 anni Paul Klee, viaggiatore appassionato, ha visitato più volte l Italia e ci ha raccontato avventure, emozioni e sogni

Dettagli