TuccioTrader Trader Calabrese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TuccioTrader Trader Calabrese"

Transcript

1 1 TuccioTrader Trader Calabrese

2 2 La Guida su Multicharts e l'analisi dei volumi

3 3 Indice Introduzione a Multicharts...4 Configurare il QuoteManager...5 Configuare Multicharts...11 Introduzione all'analisi dei volumi...17 Parte 1 Istogramma dei volumi...18 Parte 2 - Volume Weighted Average Price (VWAP)...22 Parte 3 - Le basi del trading con il VWAP...27 Parte 4 - La Deviazione Standard...28 Parte 5 - Ancora sulla Deviazione Standard...31 Parte 6 - Tolleranza al rischio...33 Parte 7 - Breakout Trades sul PVP...35 Parte 8 - Trades contro trend in distribuzioni simmetriche...38 Parte 9 Scalping...41 Indicatori su Multicharts...42

4 4 Introduzione a Multicharts Multicharts è una piattaforma di analisi tecnica professionale che è stata affinata e sviluppata negli anni utilizzando come standard Tradestation ed ora con l'uscita della versione 6 (per la precisione 6.01 rilasciata il 9 agosto 2010) ha raggiunto elevati standard qualitativi, da molti è di fatto considerata una piattaforma d eccellenza. Dal sito di MultiCharts si può ottenere una demo di 30 giorni per provare il software: Per usare Multicharts in tempo reale dobbiamo necessariamente collegarlo ad una fonte che gli fornisca un flusso dati (le quotazioni) non filtrato ne aggregato, un ottimo fornitore/data-vendor professionale di dati unfiltered in questo caso è Zen-Fire: Zen-Fire provides the speed, reliability, and unfiltered tick data necessary to compete in the futures markets. Traders around the world are discovering why professional traders demand Zen-Fire for their trading solution Anche Zen-Fire ci permette di provare il suo flusso dati gratuitamente per 30 giorni dalla pagina: (La prova viene fornita gratuitamente per 30 giorni insieme al software NinjaTrader per testare il flusso dati in tempo reale, ma noi tralasceremo per adesso quel software perchè useremo Zen-Fire per alimentare Multicharts). Questi sono i mercati disponibili in real time su Zen-Fire: (eurex, cme, etc...) Ora abbiamo 30 giorni di tempo per provare sia Multicharts che Zen-Fire gratuitamente!

5 5 Configurare il QuoteManager Dopo aver fatto rischiesta dal sito di Zen-Fire per ottenere un periodo di prova di 30 giorni per usufruire del servizio delle quotazioni in tempo reale dovremmo riceve una con il nome utente e la password per collegarci al server di Zen-Fire: Dear TuccioTrader, Thank you for registering for your free demo of Ninja Trader and Zen-Fire. To get started, a link is provided for downloading your desired platform with installation instructions. Your username / password for your simulated account are: Username:... Password: Una volta scaricata e installata la demo di Multicharts versione 6 possiamo subito metterci al lavoro per configuare e collegare Multicharts a Zen-Fire. Nella figura che segue vedete le applicazioni che fanno parte della suite di Multicharts tra qui anche l'applicazione QuoteManager che andremo ora a configurare.

6 6 Lanciamo l'applicazione QuoteManager e rimuoviamo tutti i simboli presenti selezionandoli e cancellandoli. Ci ritroveremo una finestra completamente vuota. Andiamo nel menù TOOLS >> DATA SOURCES... ci apparirà una finestra dove possiamo selezionare il data vendor (quelle che vedete sono le varie DLL per permettere la connessione ai vari data vendors) in questo caso scendiamo e selezioniamo Zen-Fire clicchiamo poi su Setting...

7 7 Nella finestra che appare nel campo "Login" e "Password" inseriamo i dati che Zen-Fire ci ha mandato per e clicchiamo su OK. Ora possiamo inserire il simbolo dello strumento di cui vogliamo monitorare la quotazione in tempo reale. Cliccando sul primo pulsante in alto a sinistra (con il simbolo + e la freccietta in basso) appare un menù contestuale, cliccare su "Manually..." apparirà la finestra "Add Symbol"

8 8 Nel campo "Data Source" selezionamo "Zen-Fire" nel campo "Symbol" digitiamo il ticker dello strumento che ci interessa, in questo caso il future EURO STOXX 50 scadenza marzo 2011 "FESX0311", nel campo "Category" selezioniamo "Futures" e infine nel campo "Exchange" selezioniamo il mercato dove viene scambiato lo stumento in questione, in questo caso "EUREX" e clicchiamo OK. Ci apparirà un ulteriore finestra "Edit Symbol" che editeremo come segue nelle tre diverese tabs:

9 9

10 10 Per quanto riguarda i tabs "Settings" e "Sessions" possiamo fare riferimento alla seguente tabella per configurarli a seconda dello strumento: Potete trovare la lista di alcuni simboli disponibili per Zen-Fire dal sito: Investor/RT Ora possiamo caricare tutti i simboli che ci interessano! Man mano che li aggiungiamo i simboli sono visibili nella finestra principale del QuoteManager facciamo click con il tasto destro sul simbolo scelto e nel menù contestuale che appare clicchiamo su "Connect Symbol". Come potete vedere il simbolo è collegato al server ed inizia a ricevere vari pacchetti di informazione in tempo reale...

11 11 Configuare Multicharts Una volta settati i simboli (nel QuoteManager) di cui ci interessa vedere le quotazioni in tempo reale possiamo spostarci in Multicharts (riducendo a icona il QuoteManager). Lanciamo Multicharts, noteremo subito nella barra in alto (vicino ai 3 pulsanti per ridurre a icona o chiudere la finstra) la scritta "Powered by OMNE" e nella status bar in basso la scritta "Trading Platform by Rithmic", abbiamo quindi la conferma che il programma è collegato correttamente a Zen-fire e sta ricevendo i dati. Chiudiamo tutti i workspace aperti dal menù FILE >> CLOSE WORKSPACE (ripetiamo finchè l'area di lavoro risulti vuota) e provvediamo a creare il nostro workspace personalizzato, dal menù FILE >> NEW >> WORKSPACE ci apparirà in basso nell'area di lavoro una linguetta a cui daremo un nome a piacere e salviamo (icona del floppy disk sulla barra delle icone). Per aggiungere un grafico andiamo nel menù FILE >> NEW >> CHART WINDOW si aprirà una finestra dove andremo a selezionare il simbolo (strumento) che vogliamo visualizzare nel grafico. Nel tab "Instrument" alla voce "Data Source" selezioniamo Zen-Fire. In basso apparirà lo stumento selezionato, in questo caso il FESX scadenza marzo 2011 che avevamo aggiunto in precedenza nel QuoteManager. Selezionare "Future EURO STOXX 50" e cliccare su OK. Il grafico mostra il future in questione con time frame 1 minuto usando una visualizzazione a barre.

12 12

13 13 Per cambiare l'aspetto del grafico (in primo piano) andiamo nel menù FORMAT >> INSTRUMENT e nella finestra che ci appare clicchiamo sul tab "Settings" dove possiamo cambiare il time frame alla voce "Resolution". Nel tab "Style" possiamo cambiare il tipo di grafico (io ho scelto "Hollow Candlestick Chart") mentre nel tab "Scaling" possiamo decidere come il grafico si debba adattare alla finestra. Infine nel tab "Volume Profile" possiamo decidere come avviene la visualizzazione del Volume Profile e la larghezza delle barre in punti o pixel (Per aggiungere il Volume Profile ad un grafico andare nel menù FORMAT >> WINDOW e nella finestra che ci appare selezionare il tab "Volume Profile" da li possiamo decidere se posizionarlo a destra o a sinistra del grafico e la lunghezza ed il colore delle linee).

14 14 Se si vuole aumentare la dimensione del grafico (le barre e la larghezza tra le barre) andare nel menù FORMAT >> INCREASE BAR SPACING e ripete l'operazione più volte...

15 15 Per inserire un indicatore/oscillatore ad un grafico (in primo piano) andiamo nel menù INSERT >> STUDY... e nel tab "Indicator" selezionare l'indicatore che si vuole aggiungere al grafico. Una volta inserito l'indicatore si può modificarlo (o eliminarlo) cliccando con il tasto destro all'interno della sua area e selezionare "Format Studies..." apparirà una finestra "Format Objects" dove nel tab "Studies" sono presenti tutti gli indicatori che abbiamo aggiunto/plottato sul grafico, da quì possiamo procedere a modificarli (tasto "Format...") o eliminarli (tasto "Remove").

16 16 In generale, cliccando con il tasto destro all'interno del grafico possiamo modificare la finestra, lo strumento (il simbolo) e l'indicatore/oscillatore, infatti nel menu contestuale che ci appare troviamo: "Format Window...", "Format Instrument..." e "Format Studies..." (Possiamo aggiungere il Volume Profile andando in "Format Window..." e nella finestra che ci appare selezionare il tab "Volume Profile" da li possiamo decidere se posizionarlo a destra o a sinistra del grafico e la lunghezza ed il colore delle linee). Per modificare l'aspetto della finestra che contiene il grafico andare nel menù FORMAT >> WINDOW e modificare a piacimento...

17 17 Introduzione all'analisi dei volumi Mettiamo da parte momentaniamente Multicharts e introduciamo il discorso sull'analisi dei volumi. Sul forum americano TradersLaboratory.com nella sezione "The Technical Laboratory" tempo fa ho trovato dei post che ho ritenuto molto importanti per capire il concetto di distribuzione dei volumi e come farne un buon uso per il trading intraday. Nello specifico in quella sezione del forum mi hanno molto colpito i messaggi, le immagini e i video postati dall'utente JPERL che in USA è un'assoluta autorità in materia di volumi. Nei prossimi post seguirà una mia traduzione in italiano di alcuni dei messaggi più significativi scritti dall'utente in questione (i video non li ho tradotti ma vi assicuro che sono di facile comprensione!). Una volta chiariti i concetti base su come analizzare i volumi rimarrete illuminati e probabilmente cambierà per sempre il vostro modo di fare trading intraday! (Per la cronaca, si può notare come l'utente JPERL nei suoi video e nelle immagini usi la piattaforma Ensign Software per svolgere l'analisi dei volumi, ma quegli stessi indicatori sono stati scritti anche per Multicharts e verranno menzionati nei miei post successivi)

18 18 Parte 1 Istogramma dei volumi Questo post e quelli a seguire descriveranno l'uso delle statistiche dei mercati come uno strumento per ottenere segnali operativi intraday. Lo scopo del seguente testo è di introdurre delle nuove idee che forse non sono state mai trattate prima d'ora. Inoltre, alcune delle mie considerazioni potrebbero tornare utili a coloro che sono interessati alla formazione dei prezzi e alle relative statistiche. Penso che siamo tutti d'accordo nell'affermare che la "probabilità" è la componente fondamentale dietro alla formazione dei prezzi e la domanda che viene più spontanea è la seguente: quali sono le probabilità che il prezzo di uno strumento finanziario si muova al rialzo o al ribasso nell'immediato futuro? Per rispondere a questa domanda è necessario avere una buona conoscenza della distribuzione delle probabilità dei prezzi o dei volumi. La forma della distribuzione insieme a dove si trova il prezzo all'interno della funzione di distribuzione può suggerirci in quale direzione possiamo operare. Se il prezzo si trova in una regione ad alta densita (alta probabilità), semplicemente non operate. Sembra facile, ma vi assicuro che non è per niente così! Guardiamo la figura 1. Vediamo un grafico a candele con time frame a 2 minuti per il future E-mini Russell La distribuzione dei volumi è disegnata sulla sinistra. La lunghezza delle barre è determinata dalla quantità di volumi movimentati su quel livello di prezzo. Naturalmente, più lunga è la barra, più volumi sono stati movimentati su quel prezzo. A prima vista sembra assomigliare al Market Profile, ma per il resto il Volume Profile è differente. Alcune cose che vorrei farvi notare: 1) La distribuzione dei volumi è approssimativamente simmetrica rispetto al peak volume price (PVP) a (indicato dalla linea rossa nel centro) con picchi più piccoli di volumi sia al di sopra (a e ) che al di sotto (a e ) del peak volume price.

19 19 2) La distribuzione mostra che c'è bassa movimentazione di volumi nelle aree in alto e in basso. Faccio notare questa simmetria nella distribuzione soprattutto perchè non capita spesso. Più che altro, di solito il peak volume price non si manifesta al centro di una distribuzione di volumi. La regione colorata in verde nella distribuzione dei volumi rappresenta il 70% degli scambi, mentre in celeste il resto. Immagino che quel 70% sia stato scelto come "Value Area" in quanto è vicino al valore di 68.30% ovvero 1 deviazione standard nella distribuzione normale. La distribuzione normale è simmetrica rispetto al peak volume price. Sono state fatte numerose ipotesi su come operare quando il prezzo si muove avanti e indietro per la value area soprattutto se queste aree di valore sono state formate nei giorni precedenti.

20 20 All'inizio, potrebbe sembrare una buona idea entrare long dove la distribuzione dei volumi è bassa (al di sotto di ) e uscire quando il prezzo ritorna nell'area di volume ad alta densità, magari vicino al peak volume price, ma la realtà è ben diversa. Questo perchè ad esempio un area di volume bassa ora, potrebbe diventare un area di volume più densa in seguito. Per farla breve, nessuno può sapere come si evolverà la distribuzione dei prezzi più in la nel tempo. Guardiamo la figura 2 che mostra lo stesso grafico di prima, sempre time frame 2 minuti, ma 2 ore più in avanti. Il peak volume price è a e l'ultima barra ha chiuso in un area di volume a bassa densità, più precisamente a Notiamo anche che la distribuzione sembra abbastanza simmetrica. Cosa fare allora? Entriamo long! Ma presto ci accorgiamo che non è stata per niente una buona operazione in quanto il prezzo scende come mostrato nella figura 3 e ci ritroviamo in loss. Liquidiamo la posizione.

21 21 Ma cosa è successo in pratica? In pratica è successo che la funzione di distribuzione si è espansa. Si è espansa così tanto che il peak volume price si è perfino spostato in basso. Non avremmo mai dovuto intraprendere quel trade! Il perchè verrà discusso in seguito quando introdurremo il concetto di "volume weighted average price", ovvero il VWAP.

22 22 Parte 2 - Volume Weighted Average Price (VWAP) Nel precedente post abbiamo introdotto la funzione di distribuzione dei volumi nella forma di un istogramma dei volumi plottata sul grafico sull'asse dei prezzi. La lunghezza delle barre che si estendono verso destra rappresentano l'ammontare di volume movimentato su quel livello di prezzo durante la giornata di trading. La distribuzione ha dei picchi che chiameremo "peak volume price" (PVP). La distribuzione dei volumi è una funzione di probabilità; di conseguenza gli scambi avvengono meno frequentemente nelle aree a bassa densità di volume rispetto alle aree ad alta densità. Tuttavia, la funzione di distribuzione è dinamica e la forma stessa della distribuzione varia durante la giornata di trading e infatti la posizione del PVP può cambiare improvvisamente. Questo per dire che se il prezzo si sta formando in un area a bassa densità di volume (regione dei prezzi a bassa probabilità) non vuol dire che debba per forza ritornare nell'area ad alta densità di volume (regione dei prezzi ad alta probabilità). La stessa funzione di distribuzione potrebbe semplicemente espandersi e continuare a muoversi nella stessa direzione portando ad un movimento improvviso e brusco del PVP. Per mettere più in risalto questo concetto introduciamo il "volume weighted average price" o più semplicemente VWAP. Il VWAP è noto ai trader istituzionali che lo usano per migliorare le loro performance sui mercati. Naturalmente, può diventare molto utile un suo uso anche in ambito intraday. Il VWAP è semplicemente la media della funzione di distribuzione dei volumi. Le figure in basso mostrano alcuni esempi di VWAP. La linea rossa rappresenta il PVP della distribuzione mentre la linea celeste il VWAP. Di seguito, alcune caratteristiche del VWAP: 1) essendo la media dell'intera distribuzione, il volume movimentato al di sopra del VWAP è identico al volume movimentato al di sotto del VWAP.

23 23 Quindi in termini di funzione di distribuzione e funzione di probabilità significa che quando il prezzo si trova sul VWAP ci sono eguali probabilità che il prezzo si muova verso l'alto o verso il basso. Possiamo quindi affermare che: 2) se il VWAP si trova al di sopra del PVP allora sono stati movimentati più volumi al di sopra del PVP. La funzione di distribuzione è perciò inclinata (skewed) vero l'alto e l'aspettativa sul prezzo, che si trova sul livello del PVP, è rialzista. Guardiamo la figura in basso: Alla fine della giornata il VWAP (la linea celeste) si trova a mentre il PVP si trova a Il VWAP è maggiore del PVP quindi sono stati maggiori i volumi movimentati al di sopra del PVP.

24 24 3) Viceversa, se il VWAP si trova al di sotto del PVP significa che sono stati maggiori i volumi scambiati al di sotto del PVP; di conseguenza la funzione di distribuzione è inclinata a ribasso e l'aspettativa del prezzo, che si trova sul livello del PVP, è ribassista come si può notare nela seguente figura: Il VWAP si trova a mentre il PVP a quindi il VWAP è inferiore al PVP. Il livello di inclinazione è dato dalla differenza tra il VWAP e il PVP.

25 25 4) Quando il VWAP si trova, anche approssimativamente, sullo stesso livello del PVP allora possiamo dire che la funzione di distribuzione è simmetrica. In questo caso quando il prezzo è sul livello del PVP non c'è nessuna aspettativa ne rialzista ne ribassista ma bensì ci si aspetta che il prezzo faccia oscillazioni minori intorno al VWAP, come si può vedere nell'immagine di seguito: VWAP = e PVP = Le oscillazioni intorno al VWAP sono state frequenti durante la fase pomeridiana degli scambi. 5) Il VWAP e la sua relazione con il prezzo determinano inoltre il trend del mercato in questo modo: a) se il prezzo si trova al di sopra del VWAP, allora il trend è rialzista b) se il prezzo si trova al di sotto del VWAP, allora il trend è ribassista.

26 26 6) Infine, non importa su quale scala temporale usate la funzione di distribuzione e la relativa VWAP. Sia che usiate un grafico a 1 minuto o 1 tick la distribuzione e di conseguenza il PVP e il VWAP saranno gli stessi. Il vostro obiettivo quindi è di guardare il VWAP e come è relazionato al prezzo, questo vi aiuterà a capire il trend del mercato. Ora vi presenterò vari esempi su come usare queste informazioni per operare in intraday. Ma prima daremo spazio ai novizi del trading dato che sono coloro che necessiato di più aiuto. In seguito, prenderemo in considerazione situazioni più complesse usando solamente la funzione di distribuzione e il VWAP.

27 27 Parte 3 - Le basi del trading con il VWAP In questo e nei prossimi post vengono presentati diversi video per dimostrare come usare la funzione di distribuzione e la relativa "Peak Volume Price" (PVP) ed il "Volume Weighted Average Price" (VWAP) come strumenti per fare trading. Per adesso poniamo l'attenzione sulle entrate e sugli stop per quanto riguarda i novizi del trading. Infatti chiameremo con il nome di "NEWBIE" un immaginario trader. Dimostreremo come NEWBIE dovrebbe tener conto della relazione tra il PVP e il VWAP per determinare: 1) la regione/area del prezzo dove può fare trading 2) la direzione del suo trade (long/short) 3) gli eventuali entry points per piazzare il suo trade. Di seguito trovate un video in lingua inglese che vede protagonista il nostro trader NEWBIE che non sa assolutamente nulla di statistiche dei mercati e che sta tradando il future E-mini Russell 2000 alla cieca. Il trader in questione pensa di sapere la direzione che prenderà il future basandosi sul pre-market e sulla prima mezzora di scambi. Le sue uniche conoscenze sono le "trend lines" ed il motto "Trend is your Friend" perciò entra long sul future imposta un take profit ed uno stop loss. Guardate il video e scoprite cosa succede. Se anche voi siete dei novizi del trading vediamo se vi riconoscete nel trader NEWBIE. Il video termina con una breve discussione su quello che il trader avrebbe potuto fare se avesse avuto una minima conoscenza delle statistiche dei mercati, invece di tradare alla cieca!

28 28 Parte 4 - La Deviazione Standard Fin quì abbiamo discusso dell'uso della distribuzione delle probabilità (sotto forma di funzione di distribuzione dei volumi) come strumento per fare trading. La forma della distribuzione delle probabilità è dinamica e cambia continuamente durante la sessione di trading. In generale, tutte le informazioni relative al prezzo e alla formazione del prezzo sono contenute all'interno di questa funzione di distribuzione. Qualsiasi cosa vogliate sapere sul prezzo (e la sua formazione) la potete scoprire analizzando la funzione di distribuzione. Per adesso abbiamo analizzato e descritto la distribuzione usandone due proprietà: il "peak volume price" (PVP) ed il "volume weighted average price" (VWAP). Entrambe cambiano e si aggiornano dinamicamente durante la sessione di scambi così come avviene per la funzione di distribuzione. In precedenza abbiamo dimostrato come la relazione tra VWAP e PVP può essere usata per studiare le entrate a mercato. Ovviamente, c'è molto altro da prendere in considerazione e le domande che spesso un trader si chiederà sono: 1) una volta individuato il punto di ingresso, dove andiamo a posizionare il punto di uscita del trade? 2) oltre a quelli identificati con l'uso del VWAP, quali e quanti altri punti di entrata a mercato ci sono? 3) come si può riconoscere un imminente "Reversal"? 4) come si può riconoscere un imminente "Breakout"? 5) come si può fare trading all'apertura dei mercati?

29 29 6) quando si può fare "Scalping"? 7) dove posizioniamo gli stop loss? Anche se non risponderemo subito a tutte queste domande, le risposte si possono ottenere analizzando la funzione di distribuzione dei volumi. Per fare questo, abbiamo bisogno di introdurre un ulteriore concetto, un ulteriore proprietà della funzione di distribuzione dei volumi; la "deviazione standard" del VWAP. La deviazione standard (SD) è calcolata con la seguente equazione: (se volete approfondire l'argomento su "deviazione standard" e la "varianza" ecco la relativa pagina su wikipedia: e fate riferimento ad essa) Allora, cosa ci dice questa deviazione standard? La deviazione standard ci dice quanto distante il prezzo si può muovere dal VWAP. Perciò, se si guarda il VWAP per capire la formazione del prezzo e per entrare a mercato, possiamo piazzare il take profit (o lo stop loss) ad 1 deviazione standard di distanza. la deviazione standard è quindi una misura di volatilità del mercato nel periodo in cui è calcolato il VWAP e può fornire al trader delle buone indicazioni operative.

30 30 Nel video che segue troviamo ancora il nostro trader NEWBIE che ora aggiunge, oltre al PVP e al VWAP, anche le deviazioni standard e finalmente realizza come può orientarsi nel mercato e dove può posizionare il take profit. Finalmente il trader ha una visione diversa del mercato e inizia a capire quali possono eventualmente essere dei buoni punti per entrare e fare trading.

31 31 Parte 5 - Ancora sulla Deviazione Standard Il nostro trader NEWBIE ha fin quì fatto un ottimo percorso e si sta allontanando dall'uso della mera analisi tecnica per trovare spunti operativi. Ora il nostro trader non fa più trading alla cieca ed inizia ad avere una buona padronanza grazie alle nuove conoscenze sulle statistiche dei mercati. Il trader è consapevole che la funzione di distribuzione dei volumi contiene tutte le informazioni necessarie per operare nei mercati e sa che tenendo d'occhio il PVP e l'evoluzione del VWAP può seguire l'evolversi della sessione di scambi sul mercato. Inoltre, grazie all'uso delle deviazioni standard (calcolate sul VWAP) può misurare e rendersi conto della volatilità in qualsiasi momento. Il trader è anche in grado di monitorare l'inclinazione riazista o ribassista del mercato (skew) dalla differenza tra il VWAP e il PVP (la skew è proporzionale alla differenza tra VWAP e PVP). Infine, ha una semplice strategia di trading dove può calcolare i punti di profit grazie alle deviazioni standard e sa dove piazzare gli stop. (per chi volesse approfondire l'argomento sulla the free encyclopedia) skew Tuttavia, ora il trader vuole sapere di più. Infatti ha scoperto che le entrate sul VWAP non sono così frequenti durante la giornata di trading. Il trader si rende conto che potrebbe ottenere di più dal mercato se solo sapesse quali altri punti di entrata sono possibili oltre al VWAP. Supponiamo di entrare short mentre il prezzo si trova sul VWAP e di uscire alla prima deviazione standard. Cosa fa poi il mercato? Se non dovesse tornare sulla VWAP allora può solo che scendere al di sotto della prima deviazione standard, ne consegue che: Un altro punto di entrata può essere benissimo la prima deviazione standard stessa!

32 32 Ci rendiamo conto quindi che può essere un buon punto di ingresso perchè la funzione di distribuzione dei volumi essendo inclinata a ribasso (VWAP-PVP<<0) rimarrà inclinata al ribasso purchè il prezzo rimanga al di sotto della VWAP. Questa condizione cambierà solo se: 1) il mercato va in stallo vicino alla prima deviazione standard così che il PVP si sposta bruscamente verso la prima deviazione standard 2) il prezzo ritorna verso la VWAP (magari tagliandola a rialzo) Discuteremo in seguito di queste due condizioni ma prima vi consiglio di guardare questo video di 31 minuti dove si vede il trader NEWBIE intraprendere un trade sulla prima deviazione standard. Dove avrà posizionato il take profit? A causa dell'alta volatilità il take profit può essere posizionato solo sulla seconda deviazione standard. Il trader NEWBIE sta per fare un'altra scoperta. Il trader sta per imparare come trasformare un trade potenzialmente negativo in un trade vincente cambiando la sua idea iniziale su dove piazzare lo stop loss.

33 33 Parte 6 - Tolleranza al rischio Nel video appena mostrato ci si chiedeva cosa potesse fare il trader se, dopo essere entrato sulla prima deviazione standard, il mercato gli si fosse riggirato contro. Ho risposto che data la situazione, la risposta corretta poteva essere solo una, la discuteremo adesso. Prima però vorrei parlare di un argomento strettamente collegato chiamato "risk tolerance". Iniziamo a dire quello che il risk tolerance non è. Il risk tolerance non è uno stop loss, che si pone per un trade, basato su qualche sorta di punto di supporto o resistenza che avete scelto guardando il grafico del titolo. Spesso infatti, questo tipo di stop loss finisce nel trovarsi nel posto sbagliato. Questi stop loss non sono quasi mai basati sulla volatilità del mercato ma più che altro su punti che sembrano obbligatori ad esempio un minimo relativo (per chi è long) ed un massimo relativo (per chi è short) e spesso risultano essere i peggiori stop che si possano posizionare. Purtroppo, anche la cultura letteraria a riguardo porta il trader a fare questo tipo di sbagli e a scegliere stop loss che niente hanno a che fare con la volatilità del mercato. Ma allora, un day trader cosa dovrebbe fare per piazzare degli stop loss sensati? Per chi è agli inizi, sarebbe sicuramente sensato piazzare uno "stop di sistema". Ovvero uno stop che piazzato a mercato, lontanto dalla propria posizione (long/short che sia), gli permetta di proteggersi da fatalità come un crash del computer e l'assenza di corrente. Si può notare che non ha molto a che fare con il trade di per se, ma la verità è che ogni altro tipo di stop loss va tenuto nella propria mente, nel proprio cervello. Ma dove dovrebbe andare questo "stop a mente"? Sicuramente, dovrebbe essere una percentuale della vostra liquidità sul conto, tipicamenete potrebbe essere 1% o 2%. Lo stop "mentale" deve essere flessibile. Ad esempio, se la direzione del trade sta rendendo un guadagno, lo stop a mente può diventare un trailing stop.

34 34 Ora il trader si rende conto che tenere uno stop a mente gli permetterà di mediare (scale-in) il trade senza sentirsi angosciato, purchè la mediata sia all'interno della sua "risk tolerance". Un trader dovrebbe sempre avere un piano per "mediare" o "reversare" un trade e il prezzo post mediata dovrebbe essere considerato come il prezzo a cui sarebbe stato meglio entrare a mercato in principio. I concetti di "tolleranza al rischio" e "mediare il prezzo" potrebbero far storcere il naso ad alcuni traders anche perchè richiedono un cambiamento di paradigma nel modo di vedere e gestire i vari trades. Ma una buona gestione del trade di certo non è impostare stop loss/profit e sedersi a guardare il mercato, bensi è richiesta una partecipazione attiva. Se state perdendo soldi a causa degli stop loss forse sarebbe ora di cambiare tattica. Ora che il trader si è fatto un idea sulla tolleranza al rischio, cosa può fare, dopo che la sua entrata sulla prima deviazione standard con un contratto future, il prezzo torna sulla VWAP piuttosto che andare verso la seconda deviazione standard? Un tempo probabilmente avrebbe piazzato uno stop, che sarebbe stato puntualmente preso dal mercato. Ma adesso che conosce meglio il concetto di "risk tolerance" appare più chiaro cosa si può fare. Dato che il mercato è ancora inclinato a ribasso il trader entra short per la seconda volta sulla VWAP sapendo che la sua tolleranza al rischio è ancora ampia. Ora in totale si trova short con 2 contratti future. Questo è chiamato in gergo "Scale-In" (mediare). A questo punto le sue aspettative sono che il prezzo torni almeno verso la prima deviazione standard. Credo che sia molto importante che un trader comprenda l'importanta del mediare in certe situazioni.

35 35 Parte 7 - Breakout Trades sul PVP Siamo arrivati al punto in cui possiamo discutere alcuni aspetti del trading riguardandi le entrate vicino al PVP. Tenendo sempre presente che trades intrapresi in questa area possono rivelarsi molto pericolosi se non si è consapevoli al 100% di quello che si sta facendo. Ma perchè tutta questa attenzione? Se siete ancora ad un livello novizio come traders e da poco operate sulla VWAP e sulle deviazioni standard potreste ritrovarvi nei guai se piazzate un trade in questa piccola area intorno al PVP. Ma se amate le emozioni forti si possono fare dei soldi in questa area molto ristretta! Arriviamo al punto, si tratta di posizionare dei trades sul PVP oppure intorno al PVP. Il PVP come avete modo di leggere nei post precedenti è il punto che suddivide la distribuzione dei volumi in area ad alta densità di volumi movimentati e area a bassa densità. Fin quì l'operatività discussa era incentrata su trades intrapresi sulla skew del mercato prendendo come riferimento il VWAP e le sue deviazioni standard. Ma quando i prezzi si formano intorno al PVP le cose cambiano totalmente, infatti è il momento in cui il mercato sta per prendere una decisione. Il mercato si potrà muovere in una direzione o nell'altra, può tornare nella sua area ad alta densità di volumi oppure andare verso un nuovo sentiero. Ma come fa il prezzo a finire sullo stesso livello del PVP? Due possono essere le motivazioni: 1) il PVP si è improvvisamente spostato dove sta avvenendo la formazione del prezzo 2) il prezzo va verso il PVP.

36 36 In entrambi i casi, se siete nel mercato dovrete sapere cosa fare ovviamente, ma se non siete ancora entrati a mercato e volete fare un esperienza esilarante ecco la vostra possibilità! Cosa può succedere? La skew può all'improvviso invertire la sua inclinazione da rialzista a ribassista o viceversa (ricordate che la skew è proporzionale al VWAP - PVP). Anche se le inversioni di skew possono manifestarsi in qualsiasi momento, spesso possono capitare all'apertura dei mercati quando la distribuzione dei volumi è appena iniziata. Avvolte, questo è un segno di imminente "reversal". Cosa fare se sono dentro al mercato e si manifesta un inversione di inclinazione improvvisa? Semplice, uscite immediatamente dal mercato (anche in loss)! Quando si formano vicino al PVP e come se i prezzi fossero dentro un "sandwich" tra il VWAP e la prima deviazione standard. Noterete che i prezzi oscilleranno frequentemente avanti e indietro tra il VWAP e la deviazione standard passando atraverso il PVP. Significa che il mercato sta prendendo una decisione. Conviene avventurarsi in questa area che si crea all'interno del "sandwich" oppure e meglio fare le cose più facili? Il miglior consiglio sarebbe di aspettare che prima il mercato decida cosa fare e solo dopo prendere voi la decisione sul da farsi. In questo video vediamo che il prezzo si sta formando vicino al PVP mentre il VWAP si trova al di sotto. Il video mostra quando si può entrare a mercato a rialzo sulla rottura della prima deviazione standard.

37 37 In questo secondo video, di nuovo vediamo che il prezzo si trova vicino al PVP solo che questa volta il prezzo taglia attraverso il VWAP. Molto importante notare come viene applicata la tecnica denominata "Shapiro" per entrare a mercato. Infine, in questo terzo video mostriamo un inversione della skew dove il PVP improvvisamente si muove nell'area dove si sta formando il prezzo. Può darsi che il trader sia entrato e uscito dal mercato prima che si manifestasse l'inversione, ma se ancora non lo ha fatto dovrebbe uscire dal mercato appena avviene l'inversione. Anche se il prezzo si spostasse verso il PVP o viceversa l'effetto è sempre lo stesso. Entrare in questo momento può essere pericoloso quindi state ben attenti!

38 38 Parte 8 - Trades contro trend in distribuzioni simmetriche Nella discussione sul VWAP abbiamo introdotto il concetto di inclinazione (skew), una misura di come la distribuzione devia da una distribuzione normale o simmetrica. Il segno della skew permette al trader di decidere in quale direzione intraprendere l'entrata. Una skew positiva significa che bisogna ponderare solo entrate long, al contrario una skew negativa suggerisce che sarebbe meglio entrare short. Ma dobbiamo ancora considerare alcuni aspetti nei mercati con distribuzioni simmetriche. Così come per i trade sui "breakout" precedentemente discussi, fare trading su distribuzioni simmetriche è un concetto molto avanzato. Una distribuzione simmetrica è quella nella quale la skew e molto piccola se non nulla: Skew = (VWAP-PVP)/SD ~= 0 Ci sono alcune considerazioni da fare: 1) una skew piccola o nulla significa che il VWAP è molto vicino al PVP 2) supponiano ci sia una skew nulla, probabilmente il prezzo ha attraversato il VWAP almeno una volta, altrimenti la distribuzione non sarebbe simmetrica. 3) se la distribuzione rimarrà simmetrica, probabilmente il prezzo continuerà ad oscillare attraverso il PVP e perciò anche attraverso il VWAP.

39 39 Una buona tecnica operativa quindi potrebbe essere la seguente: 1) se il prezzo si sposta verso la prima o la seconda deviazione standard al di sopra del VWAP potete considerare di entrare short. 2) se il prezzo si sposta verso la prima o la seconda deviazione standard al di sotto del VWAP potete considerare di entrare long. Ma la situazione può anche complicarsi perchè le condizioni della distribuzione simmetrica possono variare, naturalmente. Non c'è garanzia infatti che la skew rimarrà così piccola. Ad esempio, proviamo a immaginare una skew molto sottile ma leggermente positiva mentre il prezzo si muove dalle parti della prima deviazione standard al di sotto del VWAP. Come appena detto, una buona idea potrebbe essere di entrare long aspettando che il prezzo torni dalle parti del VWAP. Tuttavia, c'è la possibilità che il prezzo continui a scendere e che il VWAP si sposti al di sotto del PVP (skew negativa). Così come per i trades sui "breakout", fare trading sulla distribuzione simmetrica può essere molto pericoloso! Per natura, un trade intrapreso verso il VWAP in una distribuzione simmetrica si definisce come "contro trend". Guardate questo video e scoprite se il trader riesce a capire se la distribuzione è simmetrica:

40 40 Un consiglio: se volete andare contro trend in una distribuzione simmetrica usate la tecnica di "Shapiro" discussa nel precedente post per decidere l'entrata. Se il trade contro trend è intrapreso sulla prima deviazione standard al di sotto del VWAP ma si rivela un trade errato (il prezzo continua effetivamente a scendere) allora ci sono due possibilità: 1) reversare il trade e impostare un take profit sulla seconda deviazione standard 2) aspettare e mediare (scale-in) sulla seconda deviazione standard purchè poi il prezzo rimbalzi. Il trader nel primo video si sentiva così sicuro che ha rifiutato l'idea di andare short. Guardate il secondo video e scoprite cosa pensa il trader adesso. Nel secondo video il trader intraprende diversi trade, il primo su un normale "breakout" dal PVP, il secondo un trade contro trend ed il terzo nella direzione del trend dopo un ritracciamento. Gli ultimi due trade dimostrano l'uso della tecnica di "Shapiro" quando la distribuzione è simmetrica. Ovviamente, fare trading su distribuzioni simmetriche può essere difficile come fare trading sui "breakout". La scelta a volte può risultare abbastanza contraddittoria!

41 41 Parte 9 Scalping Se avete compreso fin quì tutti i post, dalle basi del VWAP e le deviazioni standard fino a trade più complessi sui "breakout" e "contro trend" allora siete pronti per entrare nel veloce e furioso mondo dello "scalping". La definizione classica dello scalping è fare trading sui ticks. La mia visione dello scalping è un pò differente; di fatto la mia definizone è più quantitativa e basata sul periodo sul quale calcolo la distribuzione dei volumi, ad esempio: 1) se inizio il calcolo dei volumi all'apertura del mercato e continuo fino alla chiusura, allora quella è una classica giornata di trading non da scalper 2) se imposto la distribuzione dei volumi in ogni momento dopo l'apertura del mercato e la inquadro per periodi brevi allora sto facendo scalping. Fino ad ora avevamo discusso della distribuzione dei volumi da quando apre il mercato, fino a quando chiude. Tuttavia, niente ci impedisce di impostare la distribuzione dei volumi in qualsiasi momento della giornata, lasciarla andare ad esempio per 15 minuti, fare qualche trade in questo breve periodo di tempo e ricominciare. Questo è quello che intendo per scalping. Così facendo faccio riferimento alle statische del mercato per un breve periodo di tempo applicando le tecniche fin quì discusse. Il risultato sarà che farò molti più trade su deviazioni standard molto più piccole. Questo è quello che intendo per: "fare trading sui tick"! Fare scalping richiede entrate, uscite, mediate, reversate, il tutto con un veloce click del mouse con il richio di perdere una buona opportunità. Guardate questo video dove faccio scalping usando un book verticale (DOM - Depth of Market):

42 42 Indicatori su Multicharts Torniamo a Multicharts e vediamo come caricare gli indicatori relativi ai concetti trattati nei post precedenti: PVP, VWAP e deviazioni standard. Prima però impostiamo due grafici come quelli quì sotto dove andremo in seguito ad aggiungere gli indicatori: un grafico ad 1 tick con l'istogramma dei volumi (volume profile) sulla destra (ho premuto ripetutamente i pulsanti "decrease bar spacing" e "compress price scale" per adattare il grafico alla finestra)

43 43 un grafico a due minuti con l'indicatore classico dei volumi in basso (anche quì ho premuto i pulsanti "decrease bar spacing" e "compress price scale") Ora dobbiamo aggiungere una funzionalità extra ai grafici di Multicharts scaricando e installando la libreria ELCollections 1.05 da questo indirizzo: All'interno del file zip troveremo la DLL ELCollections.dll che sposteremo nella cartella principale di Multicharts (C:\Programmi\TS Support\Multicharts\)

44 44 Poi apriamo l'applicazione PowerLanguage e carichiamo l'indicatore ELCollections.ELD dal menù FILE >> IMPORT Ora che abbiampo potenziato Multicharts possiamo passare a caricare gli indicatori che ci interessano per fare trading; il più importante TICKPVPVWAPSD.ELD contiene tutto quello che ci serve e lo potete scaricare da questo indirizzo (salvate con il tasto destro in caso dopo che si fosse aperta la pagina di altervista):

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures Manuale operativo Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. MERCATO REGOLAMENTATO DEI FUTURES O FOREX? Vediamo qual è la differenza tra questi due mercati e soprattutto

Dettagli

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente 1 MetaTrader 4/5 per Android Guida per l utente 2 Contenuto Come ottenere il MT4/5 App per Android... 3 Come accedere al vostro Conto Esistente oppure creare un nuovo conto Demo... 3 1. Scheda Quotes...

Dettagli

Guida per lo Smart Order

Guida per lo Smart Order Guida per lo Smart Order (Novembre 2010) ActivTrades PLC 1 Indice dei contenuti 1. Informazioni Generali... 3 2. Installazione... 3 3. Avvio l`applicazione... 3 4. Usi e funzionalita`... 4 4.1. Selezionare

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX DailyFX Strategies Breakout e medie mobili Davide Marone, Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Breakout e medie mobili Davide Marone INTRO Prima di costruire una qualsiasi

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone PRIMI PASSI Se è la prima volta che aprite l'applicazione MAIL vi verrà chiesto di impostare o creare il vostro account di posta e le gli step

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Indice 1. Riguardo al MARCHIO... 2 2. Piattaforme di Trading... 3 3. Su cosa si Opera nel Mercato Forex?... 4 4. Cos è il Forex?... 4 5. Vantaggi del Mercato Forex...

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3

1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3 METATRADER4 INDICE 1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3 1.1 FLESSIBILITÀ, CONVENIENZA, POTENZA...3 1.2 ANALISI TECNICA PROFESSIONALE E PERSONALIZZAZIONE DI INDICATORI 3 1.3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI.3 2.

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser.

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Se vogliamo accedere alla nostra casella di posta elettronica unipg.it senza usare un client di posta (eudora,

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Guida pratica all utilizzo della gestione crediti formativi pag. 1 di 8 Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Gentile avvocato, la presente guida è stata redatta per

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00

Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00 Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00 Istruzioni per visualizzazione codici di particella, simboli e linee tratteggiate in ArcGis 8.x 9.x 1- Da pannello di controllo in Windows installare

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Manuale per METATRADER5

Manuale per METATRADER5 Manuale per METATRADER5 2 INDICE 1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER 5.3 1.1 FLESSIBILITÀ, CONVENIENZA, POTENZA.3 1.2 ANALISI TECNICA PROFESSIONALE E PERSONALIZZAZIONE DI INDICATORI 3 1.3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI.3

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email.

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email. Mail da Web Caratteristiche generali di Virgilio Mail Funzionalità di Virgilio Mail Leggere la posta Come scrivere un email Giga Allegati Contatti Opzioni Caratteristiche generali di Virgilio Mail Virgilio

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Nonostante esistano già in rete diversi metodi di vendita, MetaQuotes il programmatore di MetaTrader 4, ha deciso di affidare

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO 13 Edizione del corso FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO L unico corso che ti accompagna passo dopo passo fino a selezionare, affittare, gestire un trading

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli