COMUNE di MAGREGLIO Provincia di Como - Regione Lombardia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE di MAGREGLIO Provincia di Como - Regione Lombardia"

Transcript

1 COMUNE di MAGREGLIO Provincia di Como - Regione Lombardia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R. 12/2005 Allegato 1 - PIANO DELLE REGOLE Aprile 2013 SCHEDE COMPARTI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA CRU Adozione in data con delibera di Consiglio Comunale n del Approvazione in data con delibera di Consiglio Comunale n del Il Sindaco Arrigoni Giovanna Il Segretario Comunale Dott. ssa Vignola Maria 1

2 Gli ambiti individuati nella modalità d A, soggetti a PCC TABELLA 1. CRU 1 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE Via Armando Diaz e Via Torquato Sironi - Destinazione funzionale prevalente residenziale Intervento urbanistico diretto - Permesso di Costruire Convenzionato (PCC) Superficie Territoriale mq 870 Volume massimo edificabile mc 400 PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Superficie fondiaria mq 780 Superficie coperta mq 140 Superficie permeabile mq 462 Tipologia di Obiettivi specifici di Nuova Edificazione Riqualificazione paesistica dell area; Realizzazione spazi pubblici a parcheggio lungo via A. Diaz. Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Alta - Grado 4 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Aree di rispetto beni storico - culturali (art. 18 PTCP) - parziale. Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. Ambito all'interno del centro storico, valgono le prescrizioni dell'art. 34 e art. 35 delle presenti Norme di Attuazione. Z4c - Zona morenica con presenza di depositi granulari e/o coesivi Positivo - Compatibile L area per i parcheggi, comprensiva di opere (pavimentazioni, cordoli ecc) dovrà essere ceduta a titolo 2

3 PIANO DELLE REGOLE - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - ALLEGATO 1 gratuito al Comune, contemporaneamente all attuazione del CRU. Tale area non sarà computata al fine del calcolo degli standard minimi. E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' ammessa la realizzazione di piano interrato o seminterrato compresi all'interno della area edificabile. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 1 - Rilievo fotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 3

4 TABELLA 2. CRU 2 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE Via Strejet - Destinazione funzionale prevalente residenziale, è collocato nella posizione centrale dell ambito edificato. Intervento urbanistico diretto - Permesso di Costruire Convenzionato (PCC) Superficie mq 5370 Territoriale Indice di edificabilità If mc/mq 0,80 PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Superficie fondiaria mq 4670 Superficie coperta mq 573 Superficie permeabile mq 3035 Tipologia di Nuova Edificazione ad uso abitativo Obiettivi specifici di Riqualificazione paesistica dell area; Realizzazione di nuova viabilità locale di servizio a carico del richiedente; Sistemazione del verde. Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Media - Grado 3 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. Inedificabilità nella zona piantumata. Z4c - Zona morenica con presenza di depositi granulari e/o coesivi Positivo - Compatibile L area per la strada di congiungimento tra la Via Principi e la Via Maestroni, comprensiva di opere di urbanizzazione primaria (pavimentazione in asfalto, illuminazione pubblica, fognatura, acquedotto, rete gas metano e servizi in genere), dovrà essere ceduta al comune gratuitamente in proporzione al lotto di proprietà. 4

5 Tale area non sarà computata al fine del calcolo degli standard minimi. E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo. Verifica della compatibilità con l'autorità forestale competente ( Comunità Montana Triangolo Lariano) Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 2 - Rilievo fotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 5

6 TABELLA 3. CRU 3 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE Via Castagneti - Destinazione funzionale prevalente residenziale, Intervento urbanistico diretto - Permesso di Costruire Convenzionato (PCC) Superficie Territoriale mq 630 Volume massimo edificabile mc 300 PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Superficie fondiaria mq 579 Superficie coperta mq 100 Superficie permeabile mq 347 Tipologia di Ampliamento casa esistente Obiettivi specifici di Realizzazione di parcheggio pubblico lungo via Castagneti a carico del richiedente; Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. Inedificabilità nella zona piantumata. CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Molto Alta/Elevata - Grado 5 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 3 - Sottoclasse 3A CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Z1b - Zona caratterizzata da movimenti franosi quiescenti Positivo - Compatibile L area per i parcheggi, comprensiva di opere (pavimentazioni, cordoli ecc) dovrà essere ceduta a titolo gratuito al Comune, contemporaneamente all attuazione del CRU. Tale area non sarà computata al fine del calcolo degli standard minimi. E' consentita in accordo con 6

7 l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 3 - Aerofotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 7

8 TABELLA 4 CRU 4 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE Via Brianza - Destinazione funzionale prevalente residenziale, Intervento urbanistico diretto - Permesso di Costruire Convenzionato (PCC) Superficie Territoriale mq 600 Volume massimo edificabile mc 300 PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Superficie fondiaria mq 522 Superficie coperta mq 100 Superficie permeabile mq 313 Tipologia di Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Realizzazione di parcheggio pubblico a parcheggio lungo via Brianza a carico del richiedente; Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Bassa - Grado 2 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. Inedificabilità nella zona piantumata Z1b - Zona caratterizzata da movimenti franosi quiescenti Positivo - Compatibile L area per i parcheggi, comprensiva di opere (pavimentazioni, cordoli ecc) dovrà essere ceduta a titolo gratuito al Comune, contemporaneamente all attuazione del CRU. Tale area non sarà computata al fine del calcolo degli standard minimi. E' consentita in accordo con 8

9 l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 4 - Aerofotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 9

10 TABELLA 5 CRU 5 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Via Campolungo - Destinazione funzionale prevalente residenziale, Intervento urbanistico diretto - Permesso di Costruire Convenzionato (PCC) Superficie mq 2180 Territoriale Indice di edificabilità If mc/mq 0,40 Superficie fondiaria mq 1611 Superficie coperta mq 120 Superficie permeabile mq 966 Tipologia di Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Riqualificazione e sistemazione del verde con le speci autoctone del luogo. Inserimento di una parte delle lotto nella Rete Ecologica Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Molto Alta/Elevata - Grado 5 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 2 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. Vincolo della Rete Ecologica secondo art. 11 del PTCP sulla parte inserita. Aree di rispetto beni storico - culturali art. 18 del PTCP - vincolo parziale. Inedificabilità nella zona piantumata. Z1b - Zona caratterizzata da movimenti franosi quiescenti Positivo - Compatibile E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico 10

11 PIANO DELLE REGOLE - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - ALLEGATO 1 secondo quanto previsto dalla L.R. 12/ Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 5 - Rilievo fotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 11

12 TABELLA 6 CRU 6 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE Via Castagneti - Destinazione funzionale prevalente residenziale, Intervento urbanistico diretto - Permesso di Costruire Convenzionato (PCC) Superficie Territoriale mq 374 Volume massimo edificabile mc 300 PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Superficie fondiaria mq 374 Superficie coperta mq 100 Superficie permeabile mq 112 Tipologia di Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Realizzazione di parcheggio a carico del richiedente lungo via Del Vitt; Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. Fascia di rispetto Reticolo Idrico Minore - 10,00 m Richiesta perizia idrogeologica CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Molto Alta/Elevata - Grado 5 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 3 - Sottoclasse 3A CLASSE ACUSTICA Classe 2 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Z4b -Zona pedemontana di falda di detrito, conoide alluvionale Positivo - Compatibile L area per i parcheggi, comprensiva di opere (pavimentazioni, cordoli ecc) dovrà essere ceduta a titolo gratuito al Comune, contemporaneamente all attuazione del CRU. Tale area non sarà computata al fine del calcolo degli 12

13 standard minimi. E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 6 - Aerofotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 13

14 TABELLA 7 CRU 7 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE Via Castagneti - Destinazione funzionale prevalente residenziale, Intervento urbanistico diretto - Permesso di Costruire Convenzionato (PCC) Superficie Territoriale mq 1600 Indice di edificabilità If mc/mq 0,40 PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Superficie fondiaria mq 1356 Superficie coperta mq 100 Superficie permeabile mq 954 Tipologia di Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Realizzazione di parcheggio a carico del richiedente lungo la strada Via Castagneti. Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Alta - Grado 4 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. Aree di rispetto beni storico - culturali art. 18 del PTCP - vincolo parziale. Inedificabilità nella zona piantumata Z4b -Zona pedemontana di falda di detrito, conoide alluvionale Positivo - Compatibile L area per i parcheggi, comprensiva di opere (pavimentazioni, cordoli ecc) dovrà essere ceduta a titolo gratuito al Comune, contemporaneamente all attuazione del CRU. Tale area non sarà computata al fine del calcolo degli 14

15 standard minimi. E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 7 - Aerofotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 15

16 Gli ambiti individuati nella modalità d B, soggetti a PA TABELLA 8 CRU 8 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE Via Strejet - Destinazione residenziale funzionale prevalente PRESCRIZIONI ATTUATIVE PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Intervento urbanistico preventivo - Piano Attuativo Superficie Territoriale Indice di edificabilità If mq 7185 mc/mq 0,80 Superficie fondiaria mq 3900 Superficie coperta mq 900 Superficie permeabile mq 2340 Tipologia di Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Completamento parco urbano; Realizzazione delle piste ciclopedonali e parcheggio pubblico a carico del richiedente; Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Media - Grado 3 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. Vincolo della Rete Ecologica secondo art. 11 del PTCP sulla parte inserita. Inedificabilità nella zona piantumata Z4c - Zona morenica con presenza di depositi granulari e/o coesivi Positivo - Compatibile Area per servizi (area a completamento parco urbano, parcheggio, percorso pedonale/ciclopedonale) dovrà 16

17 essere ceduta a titolo gratuito - su richiesta dell'amministrazione Comunale anche anticipatamente rispetto l'attuazione del CRU, qualora l'acquisizione risultasse necessaria per il completamento dei programmi di realizzazione di opere pubbliche. Tale aree non saranno computate al fine del calcolo degli standard minimi. E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo, oltre la definizione esatta del tratto della pista ciclopedonale. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 8 - Aerofotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 17

18 TABELLA 9 CRU 9 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Via Menaresta - Destinazione funzionale prevalente residenziale e compatibili Intervento urbanistico preventivo - Piano Attuativo Superficie Territoriale mq Indice di edificabilità If Superficie fondiaria Superficie coperta Superficie permeabile PL PL mc/mq 0,80 mq mq mq PL PL PL1-450 PL2-450 PL PL Superficie di vendita max. Tipologia di mq 150 mq per ogni PL Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Realizzazione spazi a parcheggio pubblico e tratto delle pista ciclopedonale a carico del richiedente; Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004. CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Media - Grado 3 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 / Classe 3 - Sottoclasse 3B CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Z4b - Zona pedemontana di falda di detrito, conoide Alluvionale / Z2 - Zona caratterizzata da terreni di fondazione scadenti, cedimenti e/o liquefazione Positivo - Compatibile L area per i parcheggi, comprensiva di opere (pavimentazioni, cordoli, servizi e sottoservizi, ecc) dovrà essere ceduta a titolo gratuito al Comune, 18

19 PIANO DELLE REGOLE - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - ALLEGATO 1 contemporaneamente all attuazione del CRU. Tale aree non saranno computate al fine del calcolo degli standard minimi. E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo, oltre la definizione esatta del tratto della pista ciclopedonale. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 9 - Rilievo fotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 19

20 TABELLA 10 CRU 10 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Via Campolungo - Destinazione funzionale prevalente residenziale e compatibili Intervento urbanistico preventivo - Piano Attuativo Superficie Territoriale Indice di edificabilità If mq mc/mq 0,80 Superficie fondiaria mq 8550 Superficie coperta mq 1500 Superficie permeabile mq 5130 Superficie di vendita max. Tipologia di mq 150 Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Realizzazione servizi a parcheggio pubblico a carico del richiedente; Estratto Tavola N. 4.0 Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004; Vincolo della Rete Ecologica secondo art. 11 del PTCP sulla parte inserita; VINCOLI Fascia di rispetto Reticolo Idrico Minore - 10,00 m per parte; Richiesta perizia idrogeologica; Inedificabilità nella zona piantumata. Media - Grado 3/Molto Alta - Elevata - Grado 5 (parte CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA soggetta all'art. 11 del PTCP) CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 3 -Sottoclasse 3B / Classe 4 ( rispetto RIM) CLASSE ACUSTICA Classe 2 ZONA SISMICA Z2 - Zona caratterizzata da terreni di fondazione scadenti cedimenti e/o liquefazione 20

21 PIANO DELLE REGOLE - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - ALLEGATO 1 GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Positivo - Compatibile L area per i parcheggi, comprensiva di opere (pavimentazioni, cordoli, servizi e sottoservizi, ecc) dovrà essere ceduta a titolo gratuito al Comune, contemporaneamente all attuazione del CRU. Tale aree non saranno computate al fine del calcolo degli standard minimi. E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo, oltre la definizione esatta del tratto della pista ciclopedonale. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 10 - Rilievo fotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 21

22 TABELLA 11 CRU 11 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Via delle Grigne - Destinazione funzionale prevalente residenziale e compatibili Intervento urbanistico preventivo - Piano Attuativo per la Nuova Costruzione, PCC per ampliamento dell'edificio esistente Superficie mq 2490 Territoriale Indice di edificabilità If mc/mq 1,00 Superficie fondiaria mq 1725 Superficie coperta mq 250 Superficie permeabile mq 1120 Superficie di vendita max. Tipologia di mq 150 Ampliamento dell'edificio esistente - Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Realizzazione dei servizi a parcheggio pubblico a carico del richiedente; Riqualificazione del verde Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Media - Grado 3 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004; Inedificabilità nella zona piantumata. Z2 - Zona caratterizzata da terreni di fondazione scadenti cedimenti e/o liquefazione /Z4c -Zona morenica con presenza di depositi granulari e/o coesivi Positivo - Compatibile L area per i parcheggi, comprensiva di opere (pavimentazioni, cordoli, servizi e sottoservizi, ecc) dovrà 22

23 essere ceduta a titolo gratuito al Comune, contemporaneamente all attuazione del CRU. Tale aree non saranno computate al fine del calcolo degli standard minimi. E' consentita in accordo con l'amministrazione Comunale la monetizzazione delle aree per servizi di interesse pubblico secondo quanto previsto dalla L.R. 12/2005. E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree cedute all'amministrazione prima del rilascio del titolo abilitativo, oltre la definizione esatta del tratto della pista ciclopedonale. Documentazione progettuale richiesta da presentare secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. CRU 11 - Rilievo fotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 23

24 TABELLA 12 CRU 12 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE PRESCRIZIONI QUANTITATIVE Via Castagneti - Destinazione funzionale prevalente residenziale e compatibile Intervento urbanistico preventivo - Piano Attuativo Superficie Territoriale Indice di edificabilità If mq 2620 mc/mq 0,40 Superficie fondiaria mq 2620 Superficie coperta mq 300 Superficie permeabile mq 1572 Superficie di vendita max. Tipologia di mq 150 Nuova Costruzione Obiettivi specifici di Riqualificazione e sistemazione del verde sulla ex area adibita a raccolta dei rifiuti; Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004; Vincolo Idrogeologico (Richiesta perizia idrogeologica) CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Molto Alta/Elevata - Grado 5 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 2/3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Z4c -Zona morenica con presenza di depositi granulari e/o coesivi Positivo - Compatibile E' necessaria la riordinazione e la rettifica dei confini per le aree di proprietà dell'amministrazione e quelle dei privati prima dell'inizio lavori. Documentazione progettuale richiesta secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. 24

25 PIANO DELLE REGOLE - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - ALLEGATO 1 CRU 12 - Rilievo fotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 25

26 TABELLA 13 CRU 13 INDRIZZO DI ASSETTO E DESCRIZIONE PRESCRIZIONI ATTUATIVE CA DEL TAY o Lobbie, edificio di antica formazione (ultimo esempio di architettura contadina) posto nel centro storico attualmente in un stato di abbandono e degrado. Destinazione funzionale prevalente residenziale e compatibile Intervento urbanistico preventivo - Piano di Recupero -UMI Tipologia di Manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro e risanamento conservatorio Obiettivi specifici di Riqualificazione paesistica dell area; Valorizzazione degli elementi architettonici di antica formazione; Messa in sicurezza dell ambito e del contesto limitrofo. Estratto Tavola N. 4.0 VINCOLI CLASSE SENSIBILITA' PAESISTICA Alta - Grado 4 CLASSE DI FATTIBILITA' GEOLOGICA Classe 2 CLASSE ACUSTICA Classe 3 ZONA SISMICA GIUDIZIO DI COPATIBILITA' VAS PRESCRIZIONI SPECIALI Vincolo Bellezze d'insieme art. 136 della D. Lgs. 42/2004; Proposta Vincolo Soprintendenza per i Beni Architettonici ai sensi della D. Lgs. 42/2004 Z4c - Zona morenica con presenza di depositi granulari e/o coesivi Positivo - Compatibile Valgono le prescrizioni secondo art delle seguenti norme. Documentazione progettuale richiesta secondo art. 8 delle NTA Tutte le indicazioni sono vincolanti. 26

27 CRU 13 - Rilievo fotogrammetrico dello stato di fatto del luogo 27

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO Art. 1.03 DEROGHE ALLE PRESENTI NORME Deroghe alle presenti norme sono ammissibili nei limiti e nella forma stabiliti dall art. 41 quater, L. 17/8/1942 n. 1150,

Dettagli

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15 PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15 ESTRATTO NORME DI ATTUAZIONE ESTRATTO NTA - Raffronto Prima Adozione Delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA 00304260409 DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE Settore Pianificazione Attuativa ed Edilizia Residenziale Pubblica U.O. Piani Attuativi Privati NORME TECNICHE DI

Dettagli

2. VINCOLI E PIANI SOPRAORDINATI L area è compresa nella zona di tutela dei corpi idrici superficiali e sotterranei.(art. 23 del PTCP).

2. VINCOLI E PIANI SOPRAORDINATI L area è compresa nella zona di tutela dei corpi idrici superficiali e sotterranei.(art. 23 del PTCP). Var. 89 Scheda norma B 24 Rossi e Catelli ex As2 (Tav. P.R.G.29). PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA L'area di intervento è posta a sud ovest della città. A nord è

Dettagli

Tipologia strumento attuativo. Soggetto attuatore

Tipologia strumento attuativo. Soggetto attuatore AMBITO DI TRASFORMAZIONE ATR 1 Tipologia strumento attuativo Ubicazione Soggetto attuatore PL Via Umberto I Privato Destinazione prevalente Residenziale Superficie territoriale St (1) Mq. 13.975 Indice

Dettagli

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m.

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. studio SALMASO & ASSOCIATI d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. G i a n p a o l o COMUNE DI FOSSÒ PROVINCIA DI

Dettagli

NUOVA BADIA U.M.I. N.1

NUOVA BADIA U.M.I. N.1 COMUNE DI BAGNOLO CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA Piano Attuativo di iniziativa privata residenziale-commerciale Ambito di Trasformazione Residenziale 2 ai sensi della l.r. 12/2005 e ai sensi dell art. 5

Dettagli

1 Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

1 Studio tecnico arch. Marielena Sgroi DOCUMENTO DI PIANO 1 P. d. C n 10 VIA ALLA PISCINA c a b 144 a b c 145 P. d. C n 10 VIA ALLA PISCINA Descrizione dell area L ambito interessa un comparto ubicato tra la piscina di interesse sovraccomunale

Dettagli

PIANO ATTUATIVO SCHEDA NORMA 39.1 TIRRENIA VIA DELLE GIUNCHIGLIE

PIANO ATTUATIVO SCHEDA NORMA 39.1 TIRRENIA VIA DELLE GIUNCHIGLIE & A S S O C I A T I COMUNE DI PISA PIANO ATTUATIVO SCHEDA NORMA 39.1 TIRRENIA VIA DELLE GIUNCHIGLIE Relazione - Norme attuative COMUNE DI PISA PIANO ATTUATIVO SCHEDA NORMA 39.1 TIRRENIA VIA DELLE GIUNCHIGLIE

Dettagli

PERIZIA DI STIMA COMUNE DI QUINZANO D OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA AREA SERVIZI PER IL TERRITORIO

PERIZIA DI STIMA COMUNE DI QUINZANO D OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA AREA SERVIZI PER IL TERRITORIO COMUNE DI QUINZANO D OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA AREA SERVIZI PER IL TERRITORIO OGGETTO: DETERMINAZIONE DEI VALORI DELLE AREE EDIFICABILIAI AI FINI DEL CALCOLO DELL IMPOSTA MUNICIPALE UNICA. PERIZIA DI

Dettagli

P.E. VIA 4 NOVEMBRE Variante al P.E. originario approvato con Delibera del C.C. n. 4 del 06/04/2004

P.E. VIA 4 NOVEMBRE Variante al P.E. originario approvato con Delibera del C.C. n. 4 del 06/04/2004 COMUNE DI TREMEZZO Provincia di Como P.E. VIA 4 NOVEMBRE Variante al P.E. originario approvato con Delibera del C.C. n. 4 del 06/04/2004 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA REVISIONE GENNAIO 2014 in seguito

Dettagli

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI funzioni attinenti la produzione di beni e di servizi, sia pubblici sia privati, purché le attività svolte o previste non siano tali da costituire fonte di inquinamento atmosferico, del suolo o sonoro,

Dettagli

COMUNE DI LONDA. (provincia di Firenze )

COMUNE DI LONDA. (provincia di Firenze ) COMUNE DI LONDA (provincia di Firenze ) VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNALE PER RICONFERMA DEL Comparto AT1- Via degli Imberta 1- RELAZIONE TECNICA ARCH. ALESSANDRA BOCCHERINI Via Brunelleschi

Dettagli

- Funzioni principali H1 Funzioni ricettive Funzioni direzionali tutte

- Funzioni principali H1 Funzioni ricettive Funzioni direzionali tutte Art. 54 - Ambito di completamento 1 Via Milano Ambito di completamento Area di localizzazione dell edificazione Area verde in cessione Area verde privato a. Obiettivi di progetto Obiettivo generale d intervento

Dettagli

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 PARTICOM UNO SPA OMISSIS ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 L ambito comprende le aree per la riqualificazione e la reindustrializzazione dell insediamento ex Alfa

Dettagli

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005)

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005) COMUNE DI TRIUGGIO (MILANO) VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art. 25 - L.R. N. 12/2005) DOC. N 1 - DELIBERAZIONE DI ADOZIONE E APPROVAZIONE DOC. N 2 - AZZONAMENTO VIGENTE - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - Finalità Le presenti norme hanno lo scopo di definire la disciplina degli interventi per l'attuazione del piano particolareggiato convenzionato di iniziativa privata,

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

Piano Regolatore Generale

Piano Regolatore Generale Comune di San Giuliano Terme Provincia di Pisa Piano Regolatore Generale Regolamento Urbanistico ADEGUAMENTO AL 31 DICEMBRE 2009 - Piano Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari dell Ente Variante al Regolamento

Dettagli

L'area d intervento dell intero piano è sita in Comune di Villa Estrense (PD) nella frazione, identificata catastalmente al:

L'area d intervento dell intero piano è sita in Comune di Villa Estrense (PD) nella frazione, identificata catastalmente al: PREMESSA: Gli elaborati che si accompagnano al presente progetto sono presentati dal Sig. Gallana Aniceto, via della Commenda, n 8, 39049 Vipiteno BZ, C.F. GLLNCT34H16L937H. Il tecnico incaricato è l architetto

Dettagli

Il rischio idrogeologico nella Pianificazione Comunale d Emergenza

Il rischio idrogeologico nella Pianificazione Comunale d Emergenza Il rischio idrogeologico nella Pianificazione Comunale d Emergenza Geologo Davide Semplici 2013 Strumenti Conoscitivi SCALA DI BACINO PAI Piano Assetto Idrogeologico Adbpo (http://www.adbpo.it) SCALA REGIONALE

Dettagli

PERIMETRAZIONE AMBITO - PIANO DI RECUPERO PER DEMOLIZIONE CON RICOSTRUZIONE E AMPLIAMENTO DI FABBRICATO RESIDENZIALE - COMMERCIALE DITTA: BOSCARO EZIO

PERIMETRAZIONE AMBITO - PIANO DI RECUPERO PER DEMOLIZIONE CON RICOSTRUZIONE E AMPLIAMENTO DI FABBRICATO RESIDENZIALE - COMMERCIALE DITTA: BOSCARO EZIO PERIMETRAZIONE AMBITO - PIANO DI RECUPERO PER DEMOLIZIONE CON RICOSTRUZIONE E AMPLIAMENTO DI FABBRICATO RESIDENZIALE - COMMERCIALE DITTA: BOSCARO EZIO RELAZIONE ILLUSTRATIVA OTTOBRE 2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

PERIZIA ESTIMATIVA VALORE VENALE AREE DI PROPRIETA' COMUNALE SUSCETTIBILI DI ALIENAZIONE

PERIZIA ESTIMATIVA VALORE VENALE AREE DI PROPRIETA' COMUNALE SUSCETTIBILI DI ALIENAZIONE 20080 Casarile (MI) Piazza Comunale, 4 Comune di Casarile Area Tecnica Telefono 02-905793 1 Fax 02-900 920 21 tecnico@comune.casarile.mi.it www.comune.casarile.mi.it Casarile, 26.03.2014 PERIZIA ESTIMATIVA

Dettagli

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE VIGENTE ART. 2 INDICI E PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI St: Superficie territoriale (mq) E la superficie complessiva delle aree necessarie per l'attuazione degli interventi, comprensiva di tutte le aree

Dettagli

- - - - - 1 - 2 - - - - 3 - - 4 - 5 - - 6 - - 7 - 8 PROGETTO SPECIALE n.6 - Caionvico Inquadramento dell area Localizzazione: Quadrante est della città Via S. Orsola Stato di fatto: L ambito interessa

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO SINTESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO SINTESI RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE FUNZIONALI AGLI EDIFICI DEL PRIMO COMPARTO DELL INTERVENTO DENOMINATO ALPI AZZURRE A LIMONE PIEMONTE ZONA URBANISTICA 9/TR2/G.1

Dettagli

11.1 AREA TN VIA DEI COMPARINI UTOE 11

11.1 AREA TN VIA DEI COMPARINI UTOE 11 11.1 AREA TN VIA DEI COMPARINI UTOE 11 1 AMBITO D'INTERVENTO Dati metrici St = 8.450 mq Descrizione dell'area Obiettivi Carichi insediativi massimi Area localizzata lungo la via Aurelia sud, angolo via

Dettagli

Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Area Tecnica e Sviluppo del Territorio Via Dante 21, Robecco sul Naviglio (Mi) Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi

Dettagli

Comune di Strozza SCHEDE AMBITI DI TRASFORMAZIONE. Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni

Comune di Strozza SCHEDE AMBITI DI TRASFORMAZIONE. Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni Comune di Strozza SCHEDE AMBITI DI TRASFORMAZIONE Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005 1 IL PROGETTISTA Dott. Cosimo Caputo PIANIFICATORE TERRITORIALE

Dettagli

COMUNE DI TREVIOLO. Provincia di Bergamo. Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola

COMUNE DI TREVIOLO. Provincia di Bergamo. Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola COMUNE DI TREVIOLO Provincia di Bergamo Oggetto: Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola RELAZIONE MOTIVATA AI FINI DELL'ESCLUSIONE DALLA PROCEDURA

Dettagli

COMUNE DI TREVIOLO Provincia di Bergamo

COMUNE DI TREVIOLO Provincia di Bergamo COMUNE DI TREVIOLO Provincia di Bergamo PIANO ATTUATIVO A.T.R.3 RELAZIONE TECNICA PROPRIETA : - Viviani Battista residente a Treviolo in via Ambrosioni, 15 loc. Roncola OGGETTO: Ambito di trasformazione

Dettagli

Comune di Zibido San Giacomo. DOMANDA DI PIANO ATTUATIVO Ai sensi degli artt. 12,13,14,46 e 47 della Legge Regionale 16/03/2005, n.

Comune di Zibido San Giacomo. DOMANDA DI PIANO ATTUATIVO Ai sensi degli artt. 12,13,14,46 e 47 della Legge Regionale 16/03/2005, n. Comune di Zibido San Giacomo Provincia di Milano N.P.G. Settore Tecnico Piazza Roma, 1 C.A.P. 20080 Tel. 02 90020241 Fax 02 90020221 DOMANDA DI PIANO ATTUATIVO Ai sensi degli artt. 12,13,14,46 e 47 della

Dettagli

1 AMBITO D'INTERVENTO

1 AMBITO D'INTERVENTO Ze NUOVO CENTRO SISTEMA T.D.L. 1 AMBITO D'INTERVENTO Dati metrici St = 56.000 mq Descrizione dell'area Obiettivi Carichi insediativi massimi Area localizzata tra via Manzoni, via Giovanni XXIII, via Carducci

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:... 1 SCHEDA AU_03_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE -

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - ART. 1 Le presenti norme integrano e si coordinano con quelle previste

Dettagli

ANALISI URBANISTICA DEL COMPARTO INQUADRAMENTO TERRITORIALE E AMBIENTALE

ANALISI URBANISTICA DEL COMPARTO INQUADRAMENTO TERRITORIALE E AMBIENTALE Comune di PESCHIERA BORROMEO ANALISI URBANISTICA DEL COMPARTO INQUADRAMENTO TERRITORIALE E AMBIENTALE Sintesi dei documenti estratti dal: PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA

Dettagli

IreBuilding S.r.l.s. Sede operativa: Via Genova n , Pescara (PE) - Tel C.F., P.IVA e n. di iscrizione al registro delle

IreBuilding S.r.l.s. Sede operativa: Via Genova n , Pescara (PE) - Tel C.F., P.IVA e n. di iscrizione al registro delle C.F., P.IVA e n. di iscrizione al registro delle imprese di Pescara 02155990688 - email Irebuilding@gmail.com - email certificata Irebuilding@pec.it QUADRO A - INFORMAZIONI GENERALI a.1. - Descrizione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TAVOLA 1: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - ELEMENTI COSTITUTIVI DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO Sono elementi costitutivi del Piano Particolareggiato gli elaborati grafici e gli allegati qui di seguito

Dettagli

versione definitiva marzo 2003 a seguito approvazione

versione definitiva marzo 2003 a seguito approvazione 349 350 8.3.6. SS.106: COMPLETAMENTO RESIDENZIALE L intervento si localizza sul bordo meridionale del tessuto edilizio residenziale localizzato lungo il fronte meridionale della SS. 106 declassata, verso

Dettagli

Ex colonia dei Martinitt Piano Rancio - Bellagio

Ex colonia dei Martinitt Piano Rancio - Bellagio Bellagio Inquadramento Territoriale Como Piano Rancio Lecco Bellagio Piano Rancio Milano SP 41 Piano Rancio Alt. 987 m s.l.m SS 36 del lago di Como Lecco Como SP 342 Briantea Como Inquadramento Piano Rancio

Dettagli

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica COMUNE DI VIAREGGIO Ufficio progettazione urbanistica VARIANTE AL PIANO ATTUATIVO PEEP MIGLIARINA APPROVATO CON DEL. C.C. N. 68 DEL 30.09.1996 - LOTTO 4 - PER REALIZZAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole COMUNE di TAVERNOLE S/MELLA Provincia di Brescia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009 VARIANTE 2011 Piano delle Regole Estratto Norme tecniche di attuazione modificate a seguito

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Progettista: Dott. Ingegnere Ricci Christian nato a Lucca il giorno 8 marzo 1973, con studio in Lucca via Domenico Chelini n. 49, inscritto all Albo degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

Comune di Bollate. Piano dei Servizi

Comune di Bollate. Piano dei Servizi Comune di Bollate Provincia di Milano Piano di Governo del Territorio 2010 Piano dei Servizi SP03 Relazione Proposta Variante puntualevariante parziale n. 2 Settembre 2013 Maggio 2014 Adottato dal C.C.

Dettagli

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi 0 NOTA : LE PARTI MODIFICATE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI MODIFICATE A SEGUITO ACCOGLIMENTO ERRORI MATERIALI VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI STRALCIO DEL P.T.R.

Dettagli

OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA PER INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DEPOSITO - SCHEDA NORMATIVA H Comparto 4 Vigente PRG

OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA PER INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DEPOSITO - SCHEDA NORMATIVA H Comparto 4 Vigente PRG OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA PER INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DEPOSITO - SCHEDA NORMATIVA H Comparto 4 Vigente PRG Normativa - Legge n. 1150 del 17 Agosto 1942 Legge Urbanistica e

Dettagli

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Urbanistica NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE TESTO UNICO DELLE NORME DI ATTUAZIONE Parte operativa STRALCIO Gruppo di lavoro:

Dettagli

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Comune di Barzio Allegato A alle Disposizioni attuative del del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi agli ambiti di pianificazione convenzionata 2012 Localizzazione ecografica:

Dettagli

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA Comune di San Lazzaro di Savena Bologna INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO SOSTITUTIVO 06/02/2014 Art. 1 ELEMENTI COSTITUTIVI Il presente

Dettagli

Nuova edilizia convenzionata, residenze universitarie, centro sportivo ed aree a parco pubblico

Nuova edilizia convenzionata, residenze universitarie, centro sportivo ed aree a parco pubblico P.I.I. VIA PARRI, VIA NITTI, PARCO DEI FONTANILI Nuova edilizia convenzionata, residenze universitarie, centro sportivo ed aree a parco pubblico L'ambito del progetto si trova all estrema periferia occidentale

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA E DI FATTIBILITA

RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA E DI FATTIBILITA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO LINC Tra COMUNE DI ZIBIDO SAN GIACOMO e LINC SRL RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA E DI FATTIBILITA Il Programma Integrato di Intervento insiste su un lotto edificato della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Comune di STRA Provincia di VENEZIA Richiedente: EMMEDUE SRL Progetto: PROPOSTA DI ACCORDO PUBBLICO_PRIVATO IN ATTUAZIONE DELL ART.6 DELLA L.R. N.11/2004 E ART.6 NORME TECNICHE DEL P.A.T. Località dell'intervento:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

RELAZIONE TECNICA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA RELAZIONE TECNICA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 1 D.P.R. n. 160/2010 OGGETTO: Progetto in variante al piano regolatore generale per l ampliamento di un edificio produttivo sito in Loc. Amandole, Sassoferrato,

Dettagli

COMUNE DI CAZZAGO SAN MARTINO

COMUNE DI CAZZAGO SAN MARTINO COMUNE DI CAZZAGO SAN MARTINO Provincia di Brescia Via Carebbio 32 - Cap. 25046 - P.I. 00724650981 - C.F. 82001930179 Tel. 030/7750750 - Fax 030/725008 E-mail: municipio@comune.cazzago.bs.it sito comune:

Dettagli

Art. 1 - Finalità e campo di applicazione. Art. 2 - Riferimenti normativi. Art. 3- Elaborati costitutivi il Piano attuativo

Art. 1 - Finalità e campo di applicazione. Art. 2 - Riferimenti normativi. Art. 3- Elaborati costitutivi il Piano attuativo 1 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Finalità e campo di applicazione Riferimenti normativi Elaborati costitutivi il Piano attuativo Parametri urbanistici del Piano attuativo Prescrizioni

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.P.I.PR. P.G /2005 P.R. 4864/2005 APRILE 2013

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.P.I.PR. P.G /2005 P.R. 4864/2005 APRILE 2013 PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN ZONA C2 - SCHEDA PROGETTO BAURA - TAV. 2b/33 NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.P.I.PR. P.G. 78959/2005 P.R. 4864/2005 APRILE 2013 ART. 1 - Destinazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO PIANIFICAZIONE URBANISTICA inserire mascherina del Piano attuativo NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (Bozza di riferimento per le

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI VIAREGGIO Ufficio progettazione urbanistica VARIANTE AL PIANO ATTUATIVO PEEP MIGLIARINA APPROVATO CON DEL. C.C. N. 68 DEL 30.09.1996 - LOTTO 4 - PER REALIZZAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise settembre 2016 LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise Progetto Ubicazione: Padova, zona Mortise, via Polonio Lotto edificabile: Residenziale Perequazione Urbana. Volume urbanistico: 670 metri cubi. Progetto

Dettagli

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02 Progettista via dell'autostrada n. 9 51019 Ponte Buggianese (PT) COMUNE DI ALTOPASCIO Provincia di Lucca VARIANTE PUNTUALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ai sensi dell'art.8 del DPR n.160/2010 e dell'art.

Dettagli

Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO. costruire D.I.A N. Protocollo n.

Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO. costruire D.I.A N. Protocollo n. Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO Permesso Domanda del costruire D.I.A N. Protocollo n. - al RESPONSABILE S.U.E. 1 VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Art. 2 Volumetria, Superficie lorda di pavimento e Superficie Coperta massima realizzabile

Art. 2 Volumetria, Superficie lorda di pavimento e Superficie Coperta massima realizzabile Art. 1 Ambito del Programma Integrato di Intervento TS1 Le presenti norme disciplinano gli interventi relativi alle aree comprese all interno del perimetro del P.I.I. di vi Papa Giovanni XXIII, denominato

Dettagli

LA GIUNTA. VISTA la scheda norma 7/9 approvata, tra le altre, con la suddetta deliberazione;

LA GIUNTA. VISTA la scheda norma 7/9 approvata, tra le altre, con la suddetta deliberazione; Oggetto: Adozione di piano attuativo relativo all area posta in Pisa, via Venezia Giulia, via Puglia di cui alla scheda norma 7/9 del vigente Regolamento Urbanistico. LA GIUNTA VISTA la proposta di piano

Dettagli

3.7-AO8 - SESTRIERE COLLE - PROGETTISTI

3.7-AO8 - SESTRIERE COLLE - PROGETTISTI MODIFICATO IN BASE ALLE OSSERV. ALLE CONTRODEDUZIONI PRESENTATE AL PROG. PRELIM. ADOTTATO CON DELIB. CC. N. 9 DEL 7.4.2009 IN BASE ALLE OSSERV. ALLE CONTRODEDUZIONI PRESENTATE AL PROG. PRELIM. RIPUBBLICATO

Dettagli

Seminario - Approfondimenti geologici per la valutazione degli effetti sismici locali nel territorio dell Oltrepò mantovano

Seminario - Approfondimenti geologici per la valutazione degli effetti sismici locali nel territorio dell Oltrepò mantovano Seminario - Approfondimenti geologici per la valutazione degli effetti sismici locali nel territorio dell Oltrepò mantovano Mantova, 10 ottobre 2013 Il terremoto nel mantovano: riflessioni sulla normativa

Dettagli

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1 Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano Indice Aree di trasformazione di interesse pubblico...3 TRP Area per la localizzazione di servizi per l istruzione...4 TRP - Nuova area a servizi tecnologici

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 REGIONE CAMPANIA Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 v. anche legge regionale n. 1 del 5 gennaio 2011; DGR n. 145 del 12 aprile 2011 (Linee guida per la valutazione della sostenibilità energetica

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE DIREZIONE MUNICIPALITA LIDO PELLESTRINA Via S. Gallo 32/a 30126 Lido di Venezia tel. 041-2720511 fax 041-2720540 CODICE INTERVENTO 13065 C. I. 13065 MANUFATTI ADIBITI A STRUTTURE DI PERTINENZA ATTIVITA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA PLANIVOLUMETRICO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA PLANIVOLUMETRICO PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO OGGETTO: PALNIVOLUMETRICO del Comparto 3t-13 - insediamento in area a destinazione commerciale direzionale servizi in Rosignano Solvay località Le Morelline,

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO GENNAIO 2009 AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO LOCALIZZAZIONE AREA STRADARIO DI ACQUI TERME Area con destinazione residenziale

Dettagli

P.d.L. Eredi Tescari. Piano di Lottizzazione. di iniziativa privata Zugliano Centro - via San Bernardino RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

P.d.L. Eredi Tescari. Piano di Lottizzazione. di iniziativa privata Zugliano Centro - via San Bernardino RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA COMUNE DI ZUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.d.L. Eredi Tescari Piano di Lottizzazione di iniziativa privata Zugliano Centro - via San Bernardino PROPRIETA : Sig. ra Bortoloso Maria Maddalena Sig. ra Tescari

Dettagli

VARIANTE AL VIGENTE P.R.G.C ex art. 17bis comma 6 L.R. 56/77 s.m.i. e art. 19 d.p.r. 327/2001

VARIANTE AL VIGENTE P.R.G.C ex art. 17bis comma 6 L.R. 56/77 s.m.i. e art. 19 d.p.r. 327/2001 COMUNE DI BARDONECCHIA PROVINCIA DI TORINO PROGETTO DEFINITIVO REALIZZAZIONE PASSERELLA CICLO-PEDONALE SUL TORRENTE DORA IN CORRISPONDENZA DELLA FONTANA GIOLITTI VARIANTE AL VIGENTE P.R.G.C ex art. 17bis

Dettagli

Programma di Riqualificazione Urbana. Tor Bella Monaca

Programma di Riqualificazione Urbana. Tor Bella Monaca Programma di Riqualificazione Urbana Tor Bella Monaca Le premesse Il quartiere Tor Bella Monaca L attuale stato del quartiere L attuale stato del quartiere Il PdZ 22 Tor Bella Monaca, costruito a partire

Dettagli

SCHEDE NORMATIVE E DI INDIRIZZO PROGETTUALE Comune di Sansepolcro Regolamento urbanistico

SCHEDE NORMATIVE E DI INDIRIZZO PROGETTUALE Comune di Sansepolcro Regolamento urbanistico SCHEDE NORMATIVE E DI INDIRIZZO PROGETTUALE Comune di Sansepolcro Regolamento urbanistico SCHEDE NORMATIVE E DI INDIRIZZO PROGETTUALE Comune di Sansepolcro Regolamento urbanistico STATO ATTUALE SCHEDA

Dettagli

LOTTIZZAZIONE "STORNELLA"

LOTTIZZAZIONE STORNELLA PROVINCIA: PIACENZA COMUNE DI: CADEO OGGETTO: STUDIO TECNICO GEOM. BERNINI ANDREA LOTTIZZAZIONE "STORNELLA" VARIANTE ALL'Ex P.P.I.P. (P.U.A.) - CONVENZIONE 27/01/2009 n 94028 COMMITTENTE: EDILBATTECCA

Dettagli

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO COMUNE DI MODENA 2003DI INTERVENTO PROGRAMMA INTEGRATO Tav. N PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO VIA EMILIA EST PEEP N 9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA Adottato con Del. di C.C. n. 71 del

Dettagli

ALLEGATO A PARTE PRIMA: A PROGETTAZIONE E ATTIVITA TECNICHE CONNESSE ALLA PROGETTAZIONE

ALLEGATO A PARTE PRIMA: A PROGETTAZIONE E ATTIVITA TECNICHE CONNESSE ALLA PROGETTAZIONE ALLEGATO A PARTE PRIMA: A PROGETTAZIONE E ATTIVITA TECNICHE CONNESSE ALLA PROGETTAZIONE A SEZIONE I: SETTORE EDILE a Arredo urbano Attività di progettazione per la b Edilizia residenziale realizzazione,

Dettagli

Comune di Montemarciano Provincia di Ancona

Comune di Montemarciano Provincia di Ancona Comune di Montemarciano Provincia di Ancona VARIANTE PARZIALE AL P.R.G. PER L AREA DELLA PARROCCHIA DI SANTA MARIA DELLA NEVE E SAN ROCCO LOCALITA MARINA - P.02 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RAFFRONTO PRG

Dettagli

ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA

ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA RELAZIONE Con istanza acquisita al protocollo comunale in data 10/4/2015 al n. 6514, il sig. Oliviero Francesco nella qualità di Procuratore

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DELL AREA EX MATTATOIO COMUNALE Scheda 24.Ri GAVORRANO PR MATTATOIO COMUNE DI GAVORRANO PIANO DI RECUPERO DELL AREA EX MATTATOIO

PIANO DI RECUPERO DELL AREA EX MATTATOIO COMUNALE Scheda 24.Ri GAVORRANO PR MATTATOIO COMUNE DI GAVORRANO PIANO DI RECUPERO DELL AREA EX MATTATOIO COMUNE DI GAVORRANO PIANO DI RECUPERO DELL AREA EX MATTATOIO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Pagina 1 di 11 INDICE Art. 1 Campo di applicazione Art. 2 Natura del Piano di Recupero Art. 3 Elementi costitutivi

Dettagli

COMUNE DI GAVIRATE. Milano, 03 aprile Relazione Paesaggistica

COMUNE DI GAVIRATE. Milano, 03 aprile Relazione Paesaggistica COMUNE DI GAVIRATE Milano, 03 aprile 2013 Progetto: nuova stazione di servizio carburanti e metano con annessa autofficina per la riparazione di autoveicoli con accesso dalla strada interna del centro

Dettagli

Comune di Rapolano Terme

Comune di Rapolano Terme ( P r o vi n c i a d i S i e n a ) TARIFFE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER ATTI ED ATTESTAZIONI IN MATERIA EDILIZIA, URBANISTICA ED AMBIENTE ( e x. A rt 1 0, D. L. 1 8 / 0 1 / 1 9 9 3, n 8 c o n v e r t

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 69

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 69 CITTA DI GRUGLIASCO CITTA' METROPOLITANA DI TORINO ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 69 OGGETTO: APPROVAZIONE DI VARIANTE AL PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO APPROVATO CON D.C.C.

Dettagli

P.R.G. Leggi istitutive Elaborati e contenuti Iter di approvazione Proposte di innovazione

P.R.G. Leggi istitutive Elaborati e contenuti Iter di approvazione Proposte di innovazione Prof. Paolo Fusero corso di Fondamenti di urbanistica Facoltà di Architettura Università degli Studi G. D Annunzio - Pescara P.R.G. Leggi istitutive Elaborati e contenuti Iter di approvazione Proposte

Dettagli

RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE

RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE COMUNE DI PISA Ufficio Speciale del Piano REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDA-NORMA PER LE AREE DI TRASFORMAZIONE SOGGETTE A PIANO ATTUATIVO scheda n 31.1 RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE D.M.1444/68: ZONA OMOGENEA

Dettagli

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Allegato A alle Disposizioni attuative del del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi agli ambiti di pianificazione convenzionata Elaborato adeguato rispetto alle osservazioni approvate

Dettagli

S c h e d a t e c n i c a

S c h e d a t e c n i c a Modello 2 Comune di SAN BENIGNO CANAVESE 10080 - P.zza Vittorio Emanuele II n 9 P.IVA 01875020016 Tel. 011-988.01.00 011.988.00.54 fax 011-988.77.99 e-mail: direzione.utc@comunesanbenigno.it Area Tecnica

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA PROPRIETA : ROSIGNOLI NORME TECNICHE D ATTUAZIONE PROGETTISTA : ARCHITETTO RICCARDO PALESTRA 1 Articolo 1 Competenza delle norme Le presenti norme tecniche di attuazione

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE Comune di MARIANO COMENSE TAV: Provincia di Como Oggetto: PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE ADOTTATO CON DELIBERA N. IN DATA PUBBLICATO DAL AL APPROVATO CON DELIBERA N. IN DATA IL TECNICO

Dettagli

CITTÀ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso

CITTÀ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso CITTÀ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso Area Governo del Territorio e Sviluppo Attività Produttive PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PARZIALE ai sensi dell art. 50 comma 4 lett. h) L.R. n.61/1985 e s.m.e.i.

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE

PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE DI ADEGUAMENTO AL P.A.I. redatta ai sensi della L.R. 1/2007 PROGETTO PRELIMINARE Sub area Val Germanasca Comune

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Norme tecniche per l attuazione del Piano di Lottizzazione La seguente relazione ha lo scopo di delineare le norme tecniche, per l attuazione del Piano di Lottizzazione,

Dettagli

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici TORINO Via Bistagno, 10 Palazzo uffici Aprile 2013 Localizzazione 2 Descrizione Il complesso immobiliare occupa un intero isolato, di forma romboidale, delimitato a nord-est da Via Monbasiglio, a est da

Dettagli

COMUNE DI PINEROLO PROVINCIA DI TORINO SETTORE URBANISTICA. Vista la domanda presentata dal sig. in data e protocollata il al n. ;

COMUNE DI PINEROLO PROVINCIA DI TORINO SETTORE URBANISTICA. Vista la domanda presentata dal sig. in data e protocollata il al n. ; COMUNE DI PINEROLO PROVINCIA DI TORINO SETTORE URBANISTICA Vista la domanda presentata dal sig. in data e protocollata il al n. ; Visto il D.P.R. n. 380 del 6 giugno 2001; Visto il piano regolatore generale

Dettagli

STIMA PARAMETRICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA COMPARTO P11-EX AREE FERROVIARIE-BORGO VERDE

STIMA PARAMETRICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA COMPARTO P11-EX AREE FERROVIARIE-BORGO VERDE STIMA PARAMETRICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA COMPARTO P11-EX AREE FERROVIARIE-BORGO VERDE La stima dei costi è stata dedotta da interventi analoghi realizzati ed è comprensiva dei costi dei lavori

Dettagli

ESTRATTO DELLE NUEA VOLUME I - ART. 14 STATO ATTUALE E VARIANTE

ESTRATTO DELLE NUEA VOLUME I - ART. 14 STATO ATTUALE E VARIANTE VARIANTE AL P.R.G. IN ACCORDO DI PROGRAMMA A46 (AI SENSI DELL'ART. 34, DEL D.LGS 267/2000 S.M.I.) AMBITO MIRAFIORI A ESTRATTO DELLE NUEA VOLUME I - ART. 14 STATO ATTUALE E VARIANTE Abc Abc testo vigente

Dettagli

Norme Speciali di Attuazione

Norme Speciali di Attuazione Comune di Pieve Emanuele Piano Attuativo dell Ambito di Trasformazione Campus della Pieve Norme Speciali di Attuazione 12 luglio 2013 Proprietà: PIEVE S.R.L. Via Manzoni 56 Rozzano (MI) Progettisti: Arch.

Dettagli

Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia

Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia Piano Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia Il Comune di Brescia con delibera n. 196 del 12 ottobre 2009 ha

Dettagli

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti NORME TECNICHE EDIFICATORIE Art. 1 Ambito di applicazione Le presenti norme si applicano all interno di un ambito per nuovi insediamenti urbani (ANS1) destinato prevalentemente alla funzione residenziale

Dettagli