Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria"

Transcript

1 Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future Prof. Ing. Guido Calenda 11 giugno 2014

2 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA Il rischio dovuto alle inondazioni deve essere valutato considerando due componenti: a) la probabilità delle piene che producono inondazione in funzione della loro intensità, b) il danno che queste piene producono sul territorio per effetto della sua vulnerabilità. Nel caso delle inondazioni del Tevere a Roma una valutazione del danno non è attualmente possibile, perché l area inondabile non è stata ancora definita con l attendibilità necessaria. Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future Prof. Ing. Guido Calenda 11 giugno 2014 pag. 2

3 DISTRIBUZIONE DI PROBABILITA DEI COLMI DI PIENA DEL TEVERE A ROMA Piene dal 1921 al 1989 Studio delle scale di deflusso con modello stazionario tarato con le misure di portata M. Bencivenga, G. Calenda, C.P. Mancini, Ricostruzione storica delle scale di deflusso delle principali stazioni di misura nel bacino del fiume Tevere, SIMN, 2001) 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 3

4 Massimi annuali della portata di piena al colmo dal 1921 al 1989 (disponibili misure di portata) demodulazione di Corbara anno portata (m 3 /s) anno portata (m 3 /s) anno portata (m 3 /s) giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 4

5 VALUTAZIONE DELLE PIENE STORICHE DEL FIUME TEVERE A ROMA Valutazione di tutti i massimi annuali dal 1782 al 1920 Valutazione delle piene storiche eccezionali* dal 1422 al 1870 * Che hanno superato i 16 m all idrometro di Ripetta 5

6 Piene eccezionali a Roma dal 1000 a.d. anno mese e giorno altezza (m) 1180 gennaio (?) > febbraio 1 > novembre 6 > gennaio (?) > novembre (?) > 16 (?) 1379 novembre 9 17 (?) 1422 novembre 30 17, gennaio 8 17, dicembre 5 16, novembre 13 > ottobre 8 18, settembre 15 18, novembre 10 > dicembre 24 19, gennaio 23 18, febbraio 22 17, dicembre 24 16, novembre 5 17, novembre 6 16, gennaio 2 16, dicembre 10 16, dicembre 29 17,22 6

7 Lapide col segno della piena del 1277 Il vecchio porto di Ripetta 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future Livelli dielle piene storiche su una colonna del porto di Ripetta 7

8 LA GRANDE INONDAZIONE DEL 1870 INFORMAZIONE DISPONIBILE Rilievo dell alveo da Roma al mare Rilevo della città antica con quote Rilevo del profilo di corrente del fiume fino alla foce Rilievo dei massimi livelli di piena in città Foto storiche delle rive del fiume 8

9 Rilevo dell alveo (atti del Comitato del 1871) 9

10 Rilevo della città (1871) Il più antico rilevo quotato esistente 10

11 Rilevo della città (1871) (dettaglio) 11

12 Rilievo dell area inondata (atti del Comitato del 1871) 12

13 Rilievo dell area inondata (dettaglio) 13

14 Fiume Tevere a Roma (1870) Introduzione delle modifiche nel modello: muraglioni Fiume Tevere a Roma oggi 14

15 Crollo del Lungotevere degli Anguillara nel dicembre

16 Muraglioni sul Tevere a Roma (1900) Introduzione delle modifiche nel modello: banchine Crollo del Lungotevere degli Anguillara nel dicembre

17 Introduzione delle modifiche nel modello: ponti 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 17

18 TARATURA DEL MODELLO CON LA GRANDE PIENA DEL 1870 I fase profilo di corrente monodimensionale (1D) attuale: - taratura degli indici di scabrezza usando misure di portata profilo di corrente (1D) del 1870 usando indici di scabrezza modificati per: - l alveo del fiume - l area inondata Prima valutazione della portata attraverso l area inondata 18

19 17 stage at Ripetta (m) time (days) GRANDE PIENA DEL 1870 usata per la taratura 19

20 progressiva (km) z (ms.m.) Ponte dell'industria Ponte Senatorio Ponti Fabricio e Cestio Ponte Sisto Ponte dei Fiorentini Ponte S.Angelo Idrometro di Ripetta 11 rilievo sezioni rilievo profilo modello 10 35,0 35,5 36,0 36,5 37,0 37,5 38,0 38,5 39,0 39,5 40,0 40,5 41,0 41,5 42,0 42,5 43,0 43,5 progressiva (km) Livelli idrici osservati e calcolati nel tratto urbano: Q = 3065 m 3 /s 20

21 VALUTAZIONE DELLA PORTATA AL COLMO DELLA GRANDE PIENA DEL 1870 II fase Modello bidimensionale (2D) del fiume e dell area urbana Taratura della viscosità turbolenta nell alveo 21

22 Griglia del modello 22

23 Griglia georeferenziata: dettaglio dell area urbana

24 elevations (m s.l.) E = Pa*s E = 5000 Pa*s E = 4000 Pa*s E = 2000 Pa*s Ripetta 1D model at Ripetta ,0 39,5 40,0 40,5 41,0 41,5 42,0 42,5 43,0 43,5 distance from the sea (km) Taratura della viscosità turbolenta (E): livelli medi sulla sezione 24

25 19 observed by Canevari water surface elevation (m s.l.) maximum computed water elevation minimum computed water elevation Ponte Rotto Ponte Cestio Ponte Sisto Ponte dei Fiorentini Ponte S. Angelo Ripetta , , , , ,5 44 distance fom the sea (km) Profilo idrico modello (2D) e livelli al colmo osservati 25

26 (a) piena del 1870: livelli idrici (a) velocità (b) Linea nera: limite osservato dell area inondata (b) 26

27 Piena del 1870 profondità: dal Vaticano a Piazza del Popolo

28 La portata che transita fuori alveo è trascurabile Piena del 1870 profondità : Panteon e Piazza Navona

29 Piena del 1870 profondità : Isola Tiberina e Trastevere

30 Distribuzione delle velocità vicino all Isola Tiberina 30

31 Primo rilievo dell alveo del Tevere, ad opera di A. Chiesa and B. Gambarini, 1744 a.d.

32 Primo rilievo dell alveo del Tevere, ad opera di A. Chiesa and B. Gambarini, 1744 a.d. Castel S. Angelo e il suo ponte Isola Tiberina con i ponti Cestio e Fabricio

33 quote fondo (m s. m.) P. Sisto P. Garibaldi P. Fabricio P. Palatino P. Sublicio P. Testaccio P. Ferroviario P. dell Industria quote fondo (m s. m.) P. Milvio P. Duca d Aosta P. Risorgimento P. Matteotti P. Margherita P. Cavour P. Umberto I P. S. Angelo P. Vitt. Eman. II P. A. Sav. Aosta P. Mazzini Quote fondo del Tevere a Roma: confronto tra le sezioni del 1744, il rilievo del 1870 e quello attuale (2005) distanza (m) RILIEVI distanza (m) 33

34 Vista del Ponte Rotto (XVIII century) Il ponte Senatorio, crollato durante la piena del 1557 a.d. (A. Dosio)

35 Mappa di Roma di Leonardo Bufalini, 1551 d.c. 35

36 Stampa antica I mulini ad acqua Fotografia del tardo giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 36

37 Massimi annuali della portata di piena al colmo dal 1782 al 1920 Muraglioni in costruzione pressoché ultimati anno portata (m 3 /s) anno portata (m 3 /s) anno portata (m 3 /s) anno portata (m 3 /s) giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 37

38 ESEMPIO: LA GRANDE PIENA DEL 1598 L inondazione del 1598 è stata la più grave dal Medio Evo Durante la piena il Ponte Senatorio, noto oggi come Ponte Rotto, crollò e non fu mai più ricostruito 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 38

39 Floodings of 1598 and 1870 in Rome (by R. Canevari)

40 (a) Piena del 1598: livelli idrici (a) velocità (b) Linea nera: limite osservato dell area inondata (b) 40

41 41 Piena del 1598 profondità: dal Vaticano a Piazza del Popolo

42 Piena del 1598 profondità: Panteon e Piazza Navona 42

43 43 Piena del 1598 profondità : Isola Tiberina e Trastevere

44 : observed in the river water level (m s.l.) : observed in town 1958: computed in town Ponte Senatorio Ponte Cestio Ponte Sisto 1598: 4020 m 3 /s 1870: 3060 m 3 /s Ponte S. Angelo Ripetta , , , , ,5 44 distance from the mouth (km) Profilo idrico modello (2D) e livelli al colmo osservati 44

45 Portata al colmo delle piene estreme Roma dal XV secolo Anno Mese e giorno Portata al colmo (m 3 /s) Anno Mese e giorno Portata al colmo (m 3 /s) Novembre Dicembre Gennaio Novembre Dicembre Novembre Novembre Gennaio Ottobre Dicembre Settembre Dicembre Novembre Dicembre Dicembre Febbraio Gennaio Dicembre Febbraio Settembre giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 45

46 PERICOLO DI PIENA A ROMA 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 46

47 P(Q) Q (m 3 /s) Frequenza cumulata dei massimi colmi annuali in tre periodi successivi 47

48 variabile di Gumbel portata (m 3 /s) Distribuzione di probabilità delle piene a Roma dal XV secolo osservazioni normale-gumbel I normale-gumbel II Gumbel > portata (m 3 /s) 48

49 deviazione standard troncamento Distribuzione di probabilità delle piene a Roma dal XV secolo deviazione standard della stima serie estesa ( ) Gumbel Q > 2550 normale-gumbel T(2550) tempo di ritorno (anni) 49

50 troncamento variabile di Gumbel. Tempi di ritorno delle portate di piena al colmo a Roma B osservazioni normale-gumbel Gumbel > portata (m 3 /s) tempo di ritorno (anni) portata (m 3 /s)

51 Probabilità di accadimento in durate assegnate di eventi con tempo di ritorno assegnato tempo di ritorno (anni) durata (anni) ,651 0,878 0,958 0,995 1,000 1,000 1,000 1,000 1, ,401 0,642 0,785 0,923 0,994 1,000 1,000 1,000 1, ,288 0,492 0,638 0,816 0,966 0,999 1,000 1,000 1, ,183 0,332 0,455 0,636 0,867 0,982 0,998 1,000 1, ,096 0,182 0,260 0,395 0,634 0,866 0,951 0,993 1, ,049 0,095 0,140 0,222 0,394 0,633 0,778 0,918 0, ,033 0,065 0,095 0,154 0,284 0,487 0,633 0,812 0, ,020 0,039 0,058 0,095 0,181 0,330 0,452 0,632 0, ,010 0,020 0,030 0,049 0,095 0,181 0,259 0,394 0, giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 51

52 25 20 tevere tevere1 t e v e r e I T R D tevere Tevere Legend WS Max WS Ground Left Levee Right Levee Elevation (m) P.te Magliana P.te Marconi P.te dell'industria P.te Testaccio P.te Sublicio P.te Palatino P.te Garibaldi Ponte Mazzini P.te principe Amedeo P.te Umberto I P.te Margherita P.te Matteotti P.te Risorgimento P.te Duca D'Aosta P.te Milvio P.te Flaminio Ponte Foro Italico - Tor di Quinto Ponte Ferroviario Ponte ACEA Ponte tubo Castel Giubileo Main Channel Distance (m) Profili idrici e arginali della piena da 3500 m 3 /s con T = 200 anni da Castel Giubileo al Ponte della Magliana 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 52

53 20 tevere tevere1 t e v e r e I T R D tevere Tevere Legend WS Max WS Ground Left Levee Right Levee 10 Elevation (m) 0-10 P.te Magliana P.te Marconi P.te dell'industria P.te Testaccio P.te Sublicio P.te Palatino P.te Garibaldi Ponte Mazzini P.te principe Amedeo P.te Umberto I P.te Margherita P.te Matteotti P.te Risorgimento P.te Duca D'Aosta P.te Milvio P.te Flaminio Ponte Foro Italico - Tor di Quinto Ponte Ferroviario Ponte ACEA Ponte tubo Castel Giubileo Main Channel Distance (m) Profili idrici e arginali della piena da 3700 m 3 /s con T = 300 anni da Castel Giubileo a Ponte della Magliana 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 53

54 PROSPETTIVE FUTURE Roma non è completamente difesa per l evento T = 200 anni. POSSIBILI INTERVENTI Alzare i livelli arginali a monte della città è oneroso e stravolgente dal punto di vista urbanistico. Riservare il serbatoio di Corbara per la difesa di Roma dalle piene è molto oneroso, per la necessità d indennizzare il gestore. 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 54

55 riduzione portata al colmo portata al colmo (m 3 /s) Costruire casse di espansione a monte della città, è un provvedimento che per essere efficace richiede una progettazione e una gestione molto delicata. NON SI PUO PROGETTARE IN SICUREZZA Piena da 3500 m 3 /s L = 100 m L = 200 m L = 250 m L = 300 m quota media sfioratore (ms.m.) Tra l altro si rischia di bruciare questa possibilità per compensare l espansione delle aree urbanizzate nella vallata in nome del principio dell invarianza idrologica soluzione 1 soluzione 2 soluzione 3 senza casse variazione del fondo (m) 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 55

56 Aumentare la resilienza alle inondazioni della città per mezzo di provvedimenti non strutturali o a basso impatto strutturale. E necessario individuare gli obiettivi di particolare valore e vulnerabilità. Le vite umane, e quindi la gestione dei seminterrati. Roma è città d arte, e quindi la protezione del patrimonio artistico, storico e documentario. 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 56

57 La resilienza è rafforzata tramite: mappatura dettagliata, strada per strada dei livelli idrici in diversi scenari di piena e relativo inviluppo. identificazione e mappatura dettagliata degli elementi a rischio interventi di prevenzione: messa in sicurezza, predisposizione di misure rapide di protezione. interventi di protezione civile in tempo reale, basati sul preannuncio (allarme, evacuazione). L efficacia degli interventi richiede una precisa definizione delle competenze e la predisposizione delle procedure da attuare in caso di allarme. 11 giugno 2014 Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future 57

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana.

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana. AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE 00185 Roma, Ufficio Piani e Programmi Via V. Bachelet, 12 tel. 06.49249221 fax 06.49249300 Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PER LA SALVAGUARDIA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA IN CASO DI ONDA DI PIENA SULLE BANCHINE DEL FIUME TEVERE INTERESSATE DALLE

PIANO DI EMERGENZA PER LA SALVAGUARDIA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA IN CASO DI ONDA DI PIENA SULLE BANCHINE DEL FIUME TEVERE INTERESSATE DALLE PIANO DI EMERGENZA PER LA SALVAGUARDIA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA IN CASO DI ONDA DI PIENA SULLE BANCHINE DEL FIUME TEVERE INTERESSATE DALLE MANIFESTAZIONI DELL ESTATE ROMANA Tratto Ponte Umberto I Ponte

Dettagli

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera Camera dei Deputati - Palazzo Marini Sala delle Colonne ASPETTI PROGETTUALI E CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO Torino, 9-10 Ottobre 2013 Ing. S. Rossato L'impianto idroelettrico Corso

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Dott. Aldo Guadagnino Dirigente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa

Dettagli

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

CAMIS Final Conference. Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority. Trenta March 19 th 2015.

CAMIS Final Conference. Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority. Trenta March 19 th 2015. CAMIS Final Conference Trenta March 19 th 2015 Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority Marco Gamba CAMIS Attivita coordinate per la gestione del fiume Isonzo

Dettagli

Lario, 15. io Idrogeologico

Lario, 15. io Idrogeologico Seminario proposto ost dall Ordine dine degli Architetti tti PCC Monza e Brianza col Patrocinio io della la Consulta Architetti ttiti Lombardi Durata presentazione enta ne : 1 ora Sala conferenze enze

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica

Relazione Tecnica Idraulica Studio delle zone a rischio idraulico assoggettate alla normativa del Piano di Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Relazione Tecnica Idraulica Per conto: COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Settore Pianificazione

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Corso di Perfezionamento Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino Venezia 20 aprile 2012 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof.

Dettagli

The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D. Corso FLO-2D PRO

The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D. Corso FLO-2D PRO POWERED BY EUROPE The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D Novembre 2013, Perugia Corso FLO-2D PRO Date: novembre, 2013 Luogo: Università per Stranieri di

Dettagli

In occasione della 21esima edizione della Maratona di Roma il trasporto pubblico subirà variazioni di servizio. Ecco la guida al trasporto:

In occasione della 21esima edizione della Maratona di Roma il trasporto pubblico subirà variazioni di servizio. Ecco la guida al trasporto: In occasione della 21esima edizione della Maratona di Roma il trasporto pubblico subirà variazioni di servizio. Ecco la guida al trasporto: COME MUOVERSI IL GIORNO DELLA GARA: nella giornata di domenica

Dettagli

Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5

Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5 Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5 Relazione di sintesi - aggiornamento Dicembre 2014 RELAZIONE DI SINTESI

Dettagli

Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994. Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000

Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994. Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000 Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994 Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000 Pavia Alluvione del 2000 Sistema di preannuncio dei livelli del Fiume Ticino a Pavia Pavia Borgo Ticino (ingresso di via

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Valutazione Globale Provvisoria

Valutazione Globale Provvisoria REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Territorio e Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO Attuazione della direttiva 2007/60/CE

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

MARATONA DI ROMA. Domenica 17 marzo 2013. (in rosso le strade non presenti nell edizione 2012, o percorse in tratti diversi)

MARATONA DI ROMA. Domenica 17 marzo 2013. (in rosso le strade non presenti nell edizione 2012, o percorse in tratti diversi) MARATONA DI ROMA Domenica 17 marzo 2013 (in rosso le strade non presenti nell edizione 2012, o percorse in tratti diversi) Partenza: Via dei Fori Imperiali - Via dei Fori Imperiali - Piazza Venezia - Piazza

Dettagli

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Convegno formativo sulla protezione civile per gli Enti Locali 2 Luglio 2010 Centro Incontri Provincia di Cuneo IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

Dettagli

Rischio Idraulico. Fabrizio Savi Università degli Studi La Sapienza, Roma. Scuola in Ingegneria dell Emergenza

Rischio Idraulico. Fabrizio Savi Università degli Studi La Sapienza, Roma. Scuola in Ingegneria dell Emergenza Rischio Idraulico Fabrizio Savi Università degli Studi La Sapienza, Roma Scuola in Ingegneria dell Emergenza schio Idraulico Il Danno D causato da evento di piena, è definito come: D = E V R t = E(D t

Dettagli

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma.

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. ROMA IMPERIALE Incontro dei partecipanti con le guide davanti all ingresso principale del Colosseo -13.00

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO 1 RACCOLTA E VALIDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE 1.1 Cartografia e dati di base I dati cartografici e topografici di base per l aggiornamento

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

LE PIENE DEL TEVERE A ROMA DAL V SECOLO a.c. ALL ANNO 2000

LE PIENE DEL TEVERE A ROMA DAL V SECOLO a.c. ALL ANNO 2000 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER I SERVIZI TECNICI NAZIONALI SERVIZIO IDROGRAFICO E MAREOGRAFICO NAZIONALE Pio Bersani Mauro Bencivenga LE PIENE DEL TEVERE A ROMA DAL V SECOLO a.c.

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA

VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA AUTORITÀ DEI BACINI REGIONALI ROMAGNOLI VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA RELAZIONE Prof. Ing. Armando Brath Collaborazioni: Ing. Giuliano

Dettagli

LA DIFESA DAL RISCHIO ALLUVIONALE IN ITALIA. PROBLEMI E PROSPETTIVE

LA DIFESA DAL RISCHIO ALLUVIONALE IN ITALIA. PROBLEMI E PROSPETTIVE Giornata di studio Prospettive nella gestione della risorsa idrica e del rischio di inondazione" LA DIFESA DAL RISCHIO ALLUVIONALE IN ITALIA. PROBLEMI E PROSPETTIVE Armando Brath Università di Bologna

Dettagli

Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara

Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE BONIFICHE ALGHERO

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

Decreto Capo Protezione Civile 5marzo 2009 Attività A.6 Tabella I

Decreto Capo Protezione Civile 5marzo 2009 Attività A.6 Tabella I Ordinanza del Presidente Consiglio dei Ministri n. 3734 del 16/01/2009 "Primi interventi urgenti di protezione civile diretti afronteggiare idanni conseguenti agli eventi atmosferici che hanno colpito

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO Dario TRICOLI (*), Nicola COSCINI (**), Nicola DEL SEPPIA (**), Enzo DI CARLO (**), Andrea MORELLI (**) (*) Autorità di Bacino

Dettagli

Ing. Stefàna ROSSI. Via XX Settembre, 34-18038 Sanremo (IM) 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO...

Ing. Stefàna ROSSI. Via XX Settembre, 34-18038 Sanremo (IM) 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO... INDICE Pag. 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO... 2 2.1 IL TRATTO INDAGATO... 2 2.2 AREE OGGETTO DI INTERVENTO... 5 3. OPERE IN PROGETTO... 5 4. INQUADRAMENTO

Dettagli

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso Pagina 1di 16 1. PREMESSA... 3 2. SINTESI DESCRITTIVA DEL RISCHIO IDRAULICO INDIVIDUATO... 3 3. INDIVIDUAZIONE DELLE CRITICITA... 6 4 OPERA DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO: GENERALITA' E SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO MODULO 2 FORMAZIONE DELLA PIENA (AFFLUSSI E DEFLUSSI) ALCUNI CONCETTI E TERMINI DI IDRAULICA FLUVIALE DIFESA DALLE PIENE: TIPOLOGIA DI INTERVENTI Interventi strutturali (modificano le caratteristiche degli

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità.

Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità. Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità. Marco Volpin Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Torino, 9-10 Ottobre 2013 Consorzio

Dettagli

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO 1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO Il settore di città Flaminio Foro Italico è compreso nell ansa del Tevere definita a nord da Piazzale di Ponte Milvio, dal sistema del Foro Italico e dello stadio

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

Problemi di applicabilità ed esportabilità di un modello rispetto all'ambito di utilizzazione

Problemi di applicabilità ed esportabilità di un modello rispetto all'ambito di utilizzazione La validazione nella modellistica idraulica ed idrologica Problemi di applicabilità ed esportabilità di un modello rispetto all'ambito di utilizzazione Rende 7/8 giugno 2012 A. Brath, A. Domeneghetti Introduzione

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Risultati preliminari Luino F., Biddoccu M., Cirio C. G. fabio.luino@irpi.cnr.it CNR-IRPI Strada delle Cacce 73-10135 (TO) http://www.irpi.to.cnr.it/

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

ATTIVITÀ DEL POLITECNICO DI TORINO

ATTIVITÀ DEL POLITECNICO DI TORINO Valutazione del Rischio Idrogeologico ATTIVITÀ DEL POLITECNICO DI TORINO Gruppo di Lavoro: Pierluigi Claps Francesco Laio Daniele Ganora Paola Allamano Argomenti Contributi su analisi regionale di frequenza

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

Manuale operativo sulla vulnerabilità idraulica dei ponti

Manuale operativo sulla vulnerabilità idraulica dei ponti Cliente Progetto Vulnerabilità Ponti Azioni per il controllo delle condizioni di sicurezza idraulica dei ponti della Provincia di Torino ricadenti nelle Fasce Fluviali PAI Manuale operativo sulla vulnerabilità

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA RELAZIONE TECNICA IDROLOGICA-IDRAULICA INDICE 1. PREMESSA...3 2.

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

Roma Capitale ha adottato un Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile per garantire lo sviluppo e la

Roma Capitale ha adottato un Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile per garantire lo sviluppo e la Il caso di Roma Capitale: interventi prioritari nell area metropolitana e regionale Stazioni, città e ferrovie verso l Europa - Bologna, 17 ottobre 2012 Piano Strategico della Mobilità Sostenibile Roma

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Ingegneria Sanitaria Ambientale Previsione di Rischio Alluvione Progettazione Geotecnica Pianificazione Urbanistica Difesa del Territorio Sistemazioni Ambientali Trasporto degli Inquinanti Progettazione

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA SEMINARIO NAZIONALE La tutela della risorsa idrica in montagna Applicazione della direttiva acque negli ambienti alpini italiani STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA Tolmezzo,

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

SORELLA ACQUA. Collaborazione. Consorzio Tevere Nera / Scuola

SORELLA ACQUA. Collaborazione. Consorzio Tevere Nera / Scuola PROGETTO FORMAZIONE SORELLA ACQUA Collaborazione Consorzio Tevere Nera / Scuola 14 Settembre 2012 Scuole Materne Progetto Goccia su Goccia Numero scuole: Rataplan, Campomaggiore, Valenza, Narni Scalo,

Dettagli

ENERGIA DALL ACQUA ENERGIA DELL ACQUA

ENERGIA DALL ACQUA ENERGIA DELL ACQUA ENERGIA DALL ACQUA ENERGIA DELL ACQUA Con il patrocinio di Engineering& Environment ISMES, CESI A cura di: Ing. Katia Bernardi, Arch. Chiara Murano ACQUA ED ENERGIA Acqua ed Energia: risorse naturali fortemente

Dettagli

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell

Dettagli

1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del

1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del 1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del canale deviatore Lamasinata, a tal fine è stato effettuato

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE INDICE 1. Premessa... 2 1.1. Dati di base utilizzati per l implementazione dei modelli idraulici... 2 2. Studi idrologici-idraulici di interesse effettuati sul territorio comunale... 4 2.1. Studi sul fiume

Dettagli

Nota informativa 06 Aprile 2007 1

Nota informativa 06 Aprile 2007 1 Nota informativa 06 Aprile 2007 1 Situazione della disponibilità idrica nel bacino del Fiume Adige. 1) Invasi artificiali regolati 2 Tabella 1 Confronto fra i volumi invasati 3 Figura 1 Confronto fra i

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

PIANO STRUTTURALE. comune di montevarchi - provincia di arezzo

PIANO STRUTTURALE. comune di montevarchi - provincia di arezzo comune di montevarchi - provincia di arezzo avvio del procedimento Del.C.C. n.55 del 15.05.2008 valutazione iniziale Del.G.C. n.171 del 17.07.2008 valutazione intermedia e rapporto ambientale preliminare

Dettagli

PREMESSA 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE

PREMESSA 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE INDICE Pag PREMESSA... 1 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 1 STUDIO IDROLOGICO... 3.1 Obiettivi... 3. Fiume Chiani a monte del Torrente Sorre... 4 Metodologia... 4 Il modello... 4 Regionalizzazione delle

Dettagli

Dott. Ing. Alessandro Cappelli

Dott. Ing. Alessandro Cappelli Alessandro Cappelli si è laureato in Ingegneria Civile, indirizzo Idraulica Ambientale, presso l'università degli Studi Roma TRE nel luglio 2002, con una Tesi di Laurea in Protezione Idraulica del Territorio

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE IDRODINAMICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO

CARATTERIZZAZIONE IDRODINAMICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO CARATTERIZZAZIONE IDRODINAICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO SSD ICAR Prof. Ing. Greco ichele Ing. irauda Domenica Ing. Pannone arilena TEA DI RICERCA Analisi delle oscillazioni e dei campi di moto di strutture

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Tabella 1 Altezze idrometriche minime raggiunte durante la magra estiva del 2003 e valori minimi assoluti in alcune sezioni del fiume Po.

Tabella 1 Altezze idrometriche minime raggiunte durante la magra estiva del 2003 e valori minimi assoluti in alcune sezioni del fiume Po. SULLA MAGRA ESTIVA DEL FIUME PO NELL ANNO 2003 Silvano Pecora, Alessandro Allodi* (Versione sintetica) Sommario L andamento idrometrico del fiume Po durante i mesi di giugno e luglio 2003 sta caratterizzando

Dettagli

relazione sicurezza idraulica sintesi

relazione sicurezza idraulica sintesi Dgr n. 2587 del 7 agosto 2007 Allegato A3 relazione sicurezza idraulica sintesi Assessorato alle Politiche per il Territorio Segreteria Regionale Ambiente e Territorio Direzione Pianificazione Territoriale

Dettagli

Studio idraulico a scala di sottobacino dei bacini dell Ovest Mella confluenti nel T. Gandovere e Roggia Mandolossa. Relazione Idraulica

Studio idraulico a scala di sottobacino dei bacini dell Ovest Mella confluenti nel T. Gandovere e Roggia Mandolossa. Relazione Idraulica Studio idraulico a scala di sottobacino dei bacini dell Ovest Mella confluenti nel T. Gandovere e Roggia Mandolossa Relazione Idraulica Gennaio 2013 Prof. Ing. B. Bacchi- Dott. Ing. A. Bonfadelli Dott.

Dettagli

Componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio Art. 57 - Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12

Componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio Art. 57 - Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI TACENO Via Roma n. 4 23837 Taceno (LC) Componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio Valutazione della pericolosità idraulica

Dettagli

PIANO STRALCIO DI DIFESA DALLE ALLUVIONI BACINO VOLTURNO RELAZIONE. Settembre 99

PIANO STRALCIO DI DIFESA DALLE ALLUVIONI BACINO VOLTURNO RELAZIONE. Settembre 99 PIANO STRALCIO DI DIFESA DALLE ALLUVIONI BACINO VOLTURNO RELAZIONE Settembre 99 PIANO STRALCIO PER LA DIFESA DALLE ALLUVIONI BACINO FIUME VOLTURNO INDICE DEI CAPITOLI 1. INTRODUZIONE 3 1.1. Finalità. 3

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe Bombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 16: Le precipitazioni (parte seconda) Anno Accademico

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Il Parco fluviale Capoprati di Legambiente

Il Parco fluviale Capoprati di Legambiente Il Parco fluviale Capoprati di Legambiente Oggi il Parco fluviale Capoprati è un Centro di Educazione Ambientale di Legambiente, meta di visite guidate, dove si svolgono progetti didattici per le scuole

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE.

CORSI DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. Adeguamento sismico di edifici in CA con controventi dissipativi Viscoelastici - Sviluppo di una Procedura Progettuale per il Dimensionamento di Controventi Dissipativi Viscosi Lineari (tesi sperimentale

Dettagli

PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI

PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI PROFILO del GRUPPO La Società di Ingegneria ETATEC s.r.l., l Associazione professionale STUDIO PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI e le altre Regione Lombardia - Cassa espansione del F. Lambro a Briosco (1999)

Dettagli

APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO.

APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO. APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO. A chiusura del Piano comunale di P.C. Rischio idrogeologico si riporta la valutazione

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Quadro normativo Prof. Ing. elena.volpi@uniroma3.it Rischio Rischio: valutazione del danno legato a fenomeni di

Dettagli

DELIBERAZIONE G. P PROT N. 18547/2010

DELIBERAZIONE G. P PROT N. 18547/2010 DELIBERAZIONE G. P PROT N. 18547/2010 OGGETTO: INTESE CON L'UNIVERSITA' DI TRENTO - CUDAM - PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO MATEMATICO PER IL MONITORAGGIO IDROLOGICO- IDRAULICO DEL NODO FLUVIALE DI IVREA.

Dettagli