RFId e Sanità Ambiti di utilizzo attuali e prospettive future

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RFId e Sanità Ambiti di utilizzo attuali e prospettive future"

Transcript

1 RFId e Sanità Ambiti di utilizzo attuali e prospettive future RFId Happy Hour 12 Ottobre 2011

2 RFId Happy Hour Marzo Le tecnologie NFC e le soluzioni di Mobile Payment 15 Luglio RFId: Fashion-Retail e Made in Italy Ambiti di utilizzo attuali e prospettive future 12 Ottobre RFId e Sanità Ambiti di utilizzo attuali e prospettive future Novembre RFId attivi e WSN

3 Il programma di oggi Introduzione ICT in Sanità: Uno Scenario di Riferimento Osservatorio ICT in Sanità RFId in Sanità: benefici e ambiti applicativi emergenti - Cosa può fare l RFId, con alcune dimostrazioni pratiche Aperitivo!

4 RFId Solution Center L RFId Solution Center è un centro di ricerca universitario, nato nell Ottobre del 2006 da una comune visione del Politecnico di Milano, nelle sue due componenti della School of Management e del Dipartimento di Elettronica e Informazione La missione dell'rfid Solution Center è sviluppare attività di ricerca applicata finalizzata alla realizzazione di progetti di valutazione delle tecnologie RFId presso significative aziende o filiere del mercato italiano ed internazionale L RFId Solution Center combina competenze gestionali e tecnologiche in un approccio integrato

5 Lab di Indicod-Ecr Il Lab di Indicod-Ecr è il laboratorio per lo studio e la diffusione delle tecnologie RFId promosso da Indicod-Ecr, consorzio che raggruppa circa aziende operanti nel settore dei beni di largo consumo e che rappresenta in Italia GS1 Si tratta di una partnership strategica, in virtù di natura, finalità ed ambiti di elezione fortemente sinergici - Indicod-Ecr si propone di diffondere tra le imprese associate l adozione dello standard EPCglobal (EPC = Electronic Product Code) e della radiofrequenza nei propri processi di business - L RFId Solution Center si interessa di tutte le applicazioni RFId, dalla LF alle Wireless Sensor Networks, purché abbiano un carattere di innovatività e di estendibilità a filiere significative

6 Attività di RFId Solution Center RFId Assessment - Studi di fattibilità completi e tecnologicamente indipendenti volti a dimostrare la realizzabilità tecnologica e il valore economico delle applicazioni basate su tecnologie RFId all interno dei processi dell azienda committente Ricerca applicata - Sviluppo di metodologie, modelli e strumenti finalizzati ad erogare in modo più efficiente ed efficace servizi specialistici ed attività di RFId assessment Servizi specialistici - Supporto all analisi di valutazione dell investimento in RFId, comparazione delle soluzioni tecnologiche, benchmark con applicazioni italiane e internazionali, verifica della fattibilità tecnologica, misure dei limiti di funzionamento degli apparati RFId Demo Lab - Realizzazione di uno showroom, con diversi contributi: Il laboratorio dell RFId Solution Center Il Lab di Indicod-Ecr

7 Progetti Industry /company Application area Type of analysis Year Pharma / Neologistica Food / Undisclosed Automotive / Undisclosed Oil & Gas / Undisclosed Oil & Gas / Undisclosed 2 Item Level Tagging, Farmaco salvavita Technological tests 2007 Logistica in ingresso dei colli, conteggio e conformità DDT Process analysis and ROI 2007 Tracciatura motori e linee assemblaggi Technological tests Process analysis and ROI 2007 Asset Management Controllo accessi Technological tests 2007 Supporto operations e logistica prodotti lubrificanti Technological tests 2007 Food / Nestlé Ice-Cream Controllo catena del freddo Process analysis and ROI 2007 Cosmetics/ ICR Pharma / Dafne Automotive / Undisclosed Isothermal containers/ Monetti Electronics/ Undisclosed Pharma / Dafne 2 Logistica interna singoli Item e casse, anticontraffazione Logistica in ingresso dei colli, conteggio e conformità DDT Id. e localizz. veicolo, merchandising, wind tunnel Asset management, supporto produzione e logistica interna Technological tests Process analysis and ROI 2008 Technological tests Process analysis and ROI 2008 Technological tests Process analysis and ROI 2008 Technological tests Process analysis and ROI 2008 Supporto operations e logistica interna Technological tests 2008 Logistica in ingresso, controlli in ingresso Pilot (Neologistica Comifar) 2008

8 Progetti Industry /company Application area Type of analysis Year Hydrothermal-sanitarium/ Baxi Textile/ Rinascente Logistica interna singoli Item Logistica interna singoli Item Distribuzione Technological tests Process analysis and ROI 2008 Technological tests Process analysis and ROI 2008 Textile/ Miroglio Localizzazione pallet di tessuto Technological tests 2008 Food / Nordiconad Tracciabilità RTI (Return Transport Items) Process analysis and ROI 2008 Healthcare/ Spedali Civili di Technological tests Brescia Sacche di sangue Evaluation of the effectiveness benefits 2009 Item Level Tagging, Textile/ Undisclosed anticontraffazione, logistica and distribuzione Technological tests Process analysis and implementation 2009 Item tagging level - Automotive / Undisclosed Monitoraggio-Tracciatura di filiera Technological tests 2009 Item Level Tagging, Tracciatura di filiera e risk Technological tests, process re-design (workflow), Pharma / Undisclosed management evaluation of the benefits 2009 Food (Wine) / Consorzio Tuscanica Item Level Tagging, Tracciabilità Technological tests 2009 Textile/ Miniconf Item Level Tagging Technological tests 2010 Automotive / Undisclosed Case Level Tagging, asset management Technological tests Process analysis and ROI 2010 Textile/ Undisclosed Item Level Tagging, Presentazione dei prodotti Technological tests Process analysis and ROI 2010 Textile/ Cisalfa Item Level Tagging, Logistica interna Technological tests

9 ICT in Sanità: Uno Scenario di Riferimento Con il contributo di Osservatorio ICT in Sanità RFId Happy Hour 12 Ottobre 2011 In collaborazione con Con il patrocinio di Partner Sponsor

10 ICT in Sanità: l innovazione in cerca d autore Indice dei contenuti L Osservatorio ICT in Sanità Il budget ICT delle strutture sanitarie ICT ed efficacia dei Sistemi Sanitari Regionali I principali ambiti di innovazione ICT Mobile and Wireless in Sanità ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

11 ICT in Sanità: l innovazione in cerca d autore Indice dei contenuti L Osservatorio ICT in Sanità Il budget ICT delle strutture sanitarie ICT ed efficacia dei Sistemi Sanitari Regionali I principali ambiti di innovazione ICT Mobile and Wireless in Sanità ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

12 L Osservatorio ICT in Sanità Principali obiettivi q Studiare l innovazione abilitata dall ICT nella Sanità q Favorire il confronto e promuovere una migliore collaborazione tra gli operatori del settore sanitario q Costituire un punto di riferimento per i decisori del settore sanitario ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

13 L Osservatorio ICT in Sanità Deliverables Report Community Convegni e workshop Articoli su Stampa Premio ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

14 ICT in Sanità: l innovazione in cerca d autore Indice dei contenuti L Osservatorio ICT in Sanità Il budget ICT delle strutture sanitarie ICT ed efficacia dei Sistemi Sanitari Regionali I principali ambiti di innovazione ICT Mobile and Wireless in Sanità ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

15 Il budget ICT delle strutture sanitarie italiane Distribuzione delle spese correnti e degli investimenti Investimenti Campione 11: 100 CIO Spese correnti ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

16 Il budget ICT delle strutture sanitarie italiane Distribuzione delle spese correnti e degli investimenti x > 5 Mln Spese correnti % 11% 15% 100% 23% 16% 7% % 12% 15% 100% 23% 17% 5% 2,5 Mln < x < 5 Mln 1 Mln < x < 2,5 Mln 0,5 Mln < x < 1 Mln 0,25 Mln < x < 0,5 Mln x < 0,25 Mln 1 Mln ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

17 Il budget ICT delle strutture sanitarie italiane Distribuzione delle spese correnti e degli investimenti 0,5 Mln x > 5 Mln % 11% 100% 28% 18% 5% Investimenti % 16% 100% 22% 19% 5% 2,5 Mln < x < 5 Mln 1 Mln < x < 2,5 Mln 0,5 Mln < x < 1 Mln 0,25 Mln < x < 0,5 Mln x < 0,25 Mln ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

18 Il budget ICT delle strutture sanitarie italiane Andamento degli investimenti ICT nei prossimi 3 anni % % Trend % Investimenti % 16% 100% 22% 19% 5% ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

19 Il budget ICT delle strutture sanitarie italiane Andamento degli investimenti ICT nei prossimi 3 anni Nessuna variazione Lieve diminuzione Lieve aumento Media diminuzione Medio aumento 11% 17% 18% 39% 15% Diminuzione Trend Aumento Campione 11: 96 CIO ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

20 Il budget ICT delle strutture sanitarie italiane Totale dei budget ICT delle aziende sanitarie italiane Totale dei Budget ICT delle aziende sanitarie Totale dei Budget ICT delle Regioni Totale dei Budget ICT del Ministero Centro 17% Sud e Isole 19% 920 Mln Nord-Est 25% Nord-Ovest 39% Totale dei Budget ICT dei MMG/PLS ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

21 Il budget ICT delle strutture sanitarie italiane Budget ICT procapite delle strutture sanitarie italiane. Sud e Isole 9 /cittadino Nord Ovest 22 /cittadino Media Italiana 15 /cittadino Media Italiana 15 /cittadino Sud e Isole 19% Nord-Ovest 39% Centro 17% 920 Mln Nord-Est 25% Centro 12 /cittad. Nord Est 20 /cittadino Media Italiana 15 /cittadino Media Italiana 15 /cittadino ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

22 Il budget ICT delle strutture sanitarie italiane Quota del budget ICT sulla spesa complessiva Media 1,05% 0,5% < Quota < 1% 1% < Quota < 1,5% Quota < 0,5% 32% 19% 1,5% < Quota < 2% 27% 8% 14% Quota > 2% Campione 11: 77 CIO ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

23 ICT in Sanità: l innovazione in cerca d autore Indice dei contenuti L Osservatorio ICT in Sanità Il budget ICT delle strutture sanitarie ICT ed efficacia dei Sistemi Sanitari Regionali I principali ambiti di innovazione ICT Mobile and Wireless in Sanità ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

24 Gli investimenti ICT e l efficacia dei sistemi sanitari regionali Matrice efficacia-efficienza. Regioni del Nord-Ovest Regioni del Nord-Est Regioni del Centro Regioni del Sud e Isole 62% % Persone molto soddisfatte dell assistenza medica ospedaliera ricevuta Rielaborazione ISTAT Health for All % 42% 32% 22% 2100 Molise Trentino A.A. Valle d Aosta 2025 Friuli V.G. Lazio Liguria Toscana Sardegna Abruzzo Piemonte Campania 1800 Emilia Romagna Lombardia Veneto Umbria Marche Calabria Basilicata Puglia Sicilia Spesa pubblica sanitaria corrente procapite Rielaborazione ISTAT Health For All 2008 ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

25 Gli investimenti ICT e l efficacia dei sistemi sanitari regionali Totale dei budget ICT delle strutture sanitarie / Popolazione regionale. Regioni del Nord-Ovest Regioni del Nord-Est Regioni del Centro Regioni del Sud e Isole 62% % Persone molto soddisfatte dell assistenza medica ospedaliera ricevuta Rielaborazione ISTAT Health for All % 42% 32% 22% Molise Trentino A.A Valle d Aosta Friuli V.G. Lazio Liguria Toscana Sardegna Abruzzo Piemonte Campania Emilia Romagna Spesa pubblica sanitaria corrente procapite Rielaborazione ISTAT Health For All Lombardia Umbria 11 Calabria Basilicata Puglia 9 11 Veneto Sicilia Marche 1650 ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

26 ICT in Sanità: l innovazione in cerca d autore Indice dei contenuti L Osservatorio ICT in Sanità Il budget ICT delle strutture sanitarie ICT ed efficacia dei Sistemi Sanitari Regionali I principali ambiti di innovazione ICT Mobile and Wireless in Sanità ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

27 I principali ambiti di innovazione ICT in Sanità Investimenti medi e andamento per i prossimi 3 anni CCE +47% Gestione informatizzata dei farmaci Gestione amministrativa -16% +92% Sicurezza ICT Virtualizzazione risorse ICT Integrazione con FSE Supporto relazione col paziente Gestione e sviluppo RU Clinical Governance Conservazione sostitutiva Business Intelligence +8% +7% +16% +34% +70% +38% +112% +30% Investimento medio ultimi 3 anni Incremento prossimi 3 anni Decremento prossimi 3 anni Medicina sul territorio e assistenza domiciliare Fatturazione elettronica +73% +139% Campione 11: 91 CIO Cloud Computing +112% ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

28 I principali ambiti di innovazione ICT in Sanità Investimenti e maturità dei diversi ambiti + Emergenti CCE Strategici Investimenti prossimi 3 anni Medicina sul territorio e ADI Gestione informatizzata dei farmaci Supporto relazione col paziente Clinical Governance Fatturazione elettronica Conservazione Sostitutiva Integrazione con FSE Gestione amministrativa Gestione e sviluppo RU Business Intelligence Marginali Consolidati + Maturità soluzioni ICT Campione 11: 88 CIO ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

29 ICT in Sanità: l innovazione in cerca d autore Indice dei contenuti L Osservatorio ICT in Sanità Il budget ICT delle strutture sanitarie ICT ed efficacia dei Sistemi Sanitari Regionali I principali ambiti di innovazione ICT Mobile and Wireless in Sanità ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

30 Mobile and Wireless in Sanità Impiego di soluzioni Mobile and Wireless Presente 100% Introduzione prevista 80% 40% 60% 40% 20% 53% 3% 38% 0% 18% 10% Wifi Rete cellulare RFId Campione 09: 60 CIO ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

31 Mobile and Wireless in Sanità Le tecnologie Mobile a supporto della CCE Altri terminali mobili Introduzione prevista Presenza RFId Computer mobili Rete cellulare WiFi Campione 10: 81 CIO ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

32 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Mobile and Wireless in Sanità Le Barriere all implementazione Rete cellulare RFId WiFi Livello degli investimenti Sicurezza dati e informazioni Limiti nell'infrastruttura ICT Necessità di cambiamenti organizzativi Livello degli investimenti Necessità di cambiamenti organizzativi Scarsa conoscenza servizi/strumenti Difficoltà identificare/valutare benefici Livello degli investimenti Difficoltà identificare/valutare benefici Limiti nelle tecnologie disponibili Necessità di cambiamenti organizzativi 15% 15% 19% 22% 26% 24% 31% 30% 29% 38% 48% 55% Campione 09: 54 CIO ICT in Sanità: uno scenario di riferimento 12 Ottobre 2011

33 ICT in Sanità: Uno Scenario di Riferimento Con il contributo di Osservatorio ICT in Sanità RFId Happy Hour 12 Ottobre 2011 In collaborazione con Con il patrocinio di Partner Sponsor

34 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Asset Target Farmaci e dispositivi Sangue e tessuti Pazienti

35 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Target Pazienti Sangue e tessuti Farmaci e dispositivi Riconoscimento dei pazienti tramite un tag passivo, tipicamente contenuto in un braccialetto elettronico, finalizzata all identificazione statica tramite letture occasionali Si garantisce la corretta identificazione del paziente, tipicamente durante il giro visite oppure prima di un intervento Altri ambiti: corretta identificazione e associazione madre-bambino Tecnologia utilizzata: HF, LF Asset Consolidato Innovativo

36 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Target Sangue e tessuti Farmaci e dispositivi Asset Pazienti Supporto alla gestione della logistica dei farmaci e dei dispositivi medici, a livello centrale e di reparto Supporto ai processi di raccolta, lavorazione, distribuzione e assegnazione di sangue ed emocomponenti Gestione banche tessuti Permette di ottenere una riduzione dei costi di processo, migliorandone la sicurezza e l efficacia Tecnologia utilizzata: HF, UHF Consolidato Innovativo

37 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Pazienti Target Sangue e tessuti Farmaci e dispositivi Asset Supporto alla tracciabilità ed alla gestione inventariale di un ampia gamma di asset elettrobiomedicali (come i defibrillatori) e non (come i letti) Obiettivo è limitare gli smarrimenti di asset di alto valore, in particolar modo in aree trafficate come i Pronto Soccorso Tecnologia utilizzata: UHF, tag attivi (USA) Consolidato Innovativo

38 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Target Pazienti Sangue e tessuti Farmaci e dispositivi Monitoraggio temperatura di trasporto / stoccaggio di sangue ed emocomponenti Certificazione qualità dell emocomponente Riduzione rischio reazioni avverse Tecnologie utilizzate: tag semipassivi, attivi Asset Consolidato Innovativo

39 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Pazienti Target Sangue e tessuti Farmaci e dispositivi Riconoscimento dei pazienti presso la loro abitazione durante l assistenza domiciliare attraverso la lettura della Carta dei Servizi tramite smartphone Si garantisce la corretta identificazione del paziente e si certifica l avvenuta visita Tecnologia utilizzata: HF-NFC Asset Consolidato Innovativo

40 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Target Sangue e tessuti Farmaci e dispositivi Asset Pazienti Riconoscimento e localizzazione dei pazienti all interno dei confini della struttura ospedaliera/residenza assistita/abitazione domestica tramite tag attivi, che possono essere anche dotati di sensori per il monitoraggio della postura (in movimento, sdraiato, caduto, ecc.) e dei parametri vitali (saturazione, frequenza cardiaca, ecc.) Si permette una maggiore mobilità del paziente all interno della struttura senza per questo inficiare la qualità delle cure o la tempestività dell intervento in caso di necessità Si garantisce un adeguato controllo dei pazienti ricoverati in strutture per la lunga degenza, con personale insufficiente per seguirli costantemente di persona Ritardo dell ospedalizzazione dell anziano fragile Sostegno all utente caratterizzato da disabilità lieve (sia fisica sia cognitiva) consentendogli di raggiungere un adeguato livello di autonomia personale e sociale assicurando nel contempo la sua sicurezza Consolidato Tecnologie utilizzate: WiFi, Zigbee, Ultra Wide Band Innovativo

41 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Target Sangue e tessuti Farmaci e dispositivi Asset Pazienti Localizzazione tramite tag attivi di apparecchiature mediche portatili (es. defibrillatori, carrelli delle emergenze, ma anche letti, sedie a rotelle, ecc.) Permette di ridurre il rischio di non avere a disposizione immediatamente le apparecchiature necessarie per rispondere ad esempio a un emergenza Tecnologie utilizzate: Consolidato WiFi, Zigbee, Ultra Wide Band Innovativo

42 Gli ambiti applicativi dell RFId in Sanità Attività Identificazione Supporto processi operativi Localizzazione Monitoraggio Tracciabilità percorso di cura Target Sangue e tessuti Farmaci e dispositivi Asset Pazienti Applicazioni volte a tracciare la corretta associazione tra il paziente e il percorso di cura e che prevedono quindi l identificazione tramite RFId del paziente e di tutto ciò che viene utilizzato per la cura (sangue, farmaci, dispositivi medici, ecc.) Obiettivo è ridurre il rischio clinico tramite la prevenzione degli errori a livello di somministrazione di farmaci, perdita di strumenti chirurgici, ecc. ma anche per richiamare in tempi rapidi i pazienti a cui è stato applicato un dispositivo difettoso Tecnologia utilizzata: HF-NFC, UHF Consolidato Innovativo

43 RFId e Internet of Things Internet of Things esprime un percorso già avviato dello sviluppo tecnologico umano in cui, attraverso la rete Internet (e le sue future declinazioni), potenzialmente ogni oggetto della nostra esperienza quotidiana diventa: - Identificabile - Localizzabile - Indirizzabile - Programmabile per interagire con il mondo ad esso circostante (misura e/o capacità di azione) Tale paradigma è applicabile in una pluralità di ambiti applicativi tra cui anche l ehealth

44 Internet of Things - ehealth Le principali applicazioni in ambito ehealth riguardano: Telemonitoraggio pazienti - Monitoraggio parametri vitali - Rilevazione cadute - Diagnosi da remoto - Monitoraggio abitudini a scopi diagnostici - Progetti prevalentemente volti a monitorare lo stato di salute di malati cronici domiciliati (es. Sweetage) o di persone anziane (es. Abitare sicuri Città di Bolzano) Alcune applicazioni anche all interno di ospedali, per pazienti che necessitano di un monitoraggio continuo ma possono muoversi all interno della struttura

45 I benefici dell RFId in Sanità BENEFICI Efficienza Efficacia Produttività personale Costo materiali indiretti Costo gestione scorte Riduzione rischio clinico Soddisfazione pazienti Adempimenti normativi Visibilità Soddisfazione dipendenti Come cogliere appieno i benefici dell RFId? - Applicazioni estese, non focalizzate su un singolo processo o su una singola fase del percorso clinico del paziente - Integrazione con i sistemi informativi ospedalieri (es. collegamento con Cartella Clinica Elettronica)

46 Identificazione dei pazienti Non è solo un problema tecnologico Può avvantaggiarsi della tecnologia RFId mediante: - Braccialetti RFId - Carta Nazionale dei Servizi -

47 Tracciabilità nella filiera del sangue Banca del sangue/servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Donatore Validazione Paziente Raccolta Produzione Stoccaggio Distribuzione Trasfusione Utilizzo delle tecnologie RFId per automatizzare l identificazione delle sacche di sangue lungo la filiera, al fine di garantire qualità e sicurezza 47

48 Tracciabilità nella filiera del sangue Ridisegno dei processi grazie all RFId - Supporto alle attività lato paziente per ragioni di sicurezza - RFId sulle sacche di sangue può essere utilizzato per I1 Donatore migliorare la tempestività del processo, soprattutto presso la banca del sangue (grandi volumi) Sacche di sangue C2 Gestione C1 Raccolta C3 Requisiti per C6 ID donatore emergenze domenicale la donazione C5 Esigenze SIMT/PO Etichette barcode racc. dom. C21 Parametri donatore C22 Colore tappo provette C23 Peso sacca C4 Congruenza C10 Procedure dati donatore/ mediche-inferm. sangue C13 Normativa C9 Procedure amministrative C11 Procedure tecniche C16 Dati etichetta C17 Cartella C18 Consenso clinica Informato O2 Consenso alla donazione I2 Tessera AVIS I9 Barcode operatore I3 Sacche non utilizzate e restituite I4 Richiesta da AO/PO diversi I 5 Richiesta nominativa I8 Prescrizione medica RACCOLTA M1 Risorse Umane A1 Campioni di sangue in provette Segmento etichettato (plt) Bolla di accomp. Sacche SI e plasma A in contenitori termici I6 Campione di sangue paziente Prescrizione esami Esami effettuati presso altri servizi VALIDAZIONE Indicazione all eliminazione dell unità C15 Parametri C27 di riferimento Tempo di prelievo Esiti sierologia A2 Piastrine da aferesi I7 Paziente Emocromo Irraggiamento effettuato da servizio diverso LAVORAZIONE Emocomp. Buffy coat Definizione del in attesa di non tempo utilizzabili A3 validazione Campione massimo che può sacca di sangue Richiesta nominativa C24 Giorno del prelievo Segmento etichettato (plasma) M2 Attrezzature e strumentazione C12 Indicazioni CRCC intercorrere tra 2 attività. Se CONSERVAZIONE superato, la procedura A4 viene interrotta per ragioni Autorizzazione alla conservazione di sicurezza Sacche di emocomponente da consegnare M3 Sistema Informativo O4 Donatore non idoneo O7 Campioni C14 non idonei Convenzioni e accordi ASSEGNAZIONE/ DISTRIBUZIONE NODO: A0 TITOLO: PROCESSO TRASFUSIONALE N.: 2 C8 PRSP, PNSP A5 O3 Donatore da ristorare Compatibilità accertata Foglio di accompagnamento M4 Presidi Medico-Chirurgici Emocomp. richiesto O6 Non conformità rilevate O5 Referti cartacei TRASFUSIONE O1 Aggiornamento dati donatore su Emonet O8 Sacche non idonee O14 Creazione concentrato piastrinico a sist. Inf. C20 Congruenza paziente-sangue C19 ID paziente O9 Sacche scadute o deteriorate O10 Plasma B o C all industria A6 O13 Rapporto trasfusionale O11 Documenti di consegna O12 Paziente O15 Aggiornam. cartella clinica 48

49 Tracciabilità nella filiera del sangue Metodo basato sul rischio per valutare l impatto dell RFId su: - Sicurezza del paziente - Qualità del sangue - Continuità di servizio - Cura del donatore Il miglioramento delle performance dipende prevalentemente dalla capacità di disegnare meglio (in modo più sicuro) processi e attività Si riscontra un Emazie concentrate miglioramento delle performance, specialmente nelle attività lato paziente Emazie Filtrate (meno standardizzate) Emazie Lavate Emazie Irradiate Emazie Congelate Q PS SC DC Q PS SC DC Q PS SC DC Q PS SC DC Q PS SC DC Q PS SC DC Q PS SC DC Collection Validation Processing Storage D&I Transfusion in ward Residual risk Risk reduction Transfusion in UTIC 49

50 Tracciabilità dei dispositivi in reparto Processo di approvvigionamento di dispositivi medici e relative criticità Richiesta dispositivi alla farmacia Ricevimento presso magazzino di reparto Rifornimento armadi di sala Utilizzo dispositivo su pazienti - Scarso supporto dal SI ospedaliero - No tracking ordini - Controlli in ingresso non supportati da tecnologie di identificazione - No dati aggiornati su giacenze in SI - In caso di indisponibilità un infermiere deve uscire dalla sala (ambiente sterile) per prelevare il prodotto da magazzino - Onerosa registrazione dei materiali utilizzati - Tracciabilità parziale (non sempre tracciato lotto o numero di serie) Taggatura RFId delle confezioni dei dispositivi e inventario automatico presso gli armadi di sala

51 Tracciabilità dei dispositivi in reparto La possibilità di ottenere informazioni tempestive ed accurate sul livello di giacenza e il consumo dei dispositivi abilita benefici riconducibili a due macro aree - Ottimizzazione del sistema attuale - Modifica delle logiche di gestione delle scorte Livello di giacenza media Riduzione giacenza media Disp1: -34% Disp4: -16% Dispositivo 1 Dispositivo 2 Dispositivo 3 Dispositivo 4

52 Tracciabilità dei dispositivi in reparto La possibilità di ottenere informazioni tempestive ed accurate sul livello di giacenza e il consumo dei dispositivi abilita benefici riconducibili a due macro aree - Ottimizzazione del sistema attuale - Modifica delle logiche di gestione delle scorte Composizione costo di gestione Costo totale gestione scorte: - 18% Costo mantenimento scorte: 16% Costo assicurativo: 14% Costo obsolescenza: -100% Costo immobilizzazione finanziaria: 14% Costo annuo emissione ordini: -2% Costo annuo Controlli Inventariali: - 83%

53 Localizzazione di pazienti e asset Permette di conoscere la posizione in tempo reale della di un tag all'interno di un edificio o comunque di un area delimitata Tecnologie principali WIFI - Sistemi basati sulla potenza emessa dagli access point WIFI durante il normale funzionamento ZigBee - Basate su ancore ZigBee disposte negli ambienti da monitorare UWB - Sfrutta il tempo di volo di un segnale RF

54 Localizzazione di pazienti e asset Architettura hardware: Wireless Sensor Network (Zigbee) - Rete di piccoli sensori a basso costo e basso consumo - Rete auto-configurante in caso di guasti ai nodi - Possibilità di installare sui nodi sensori di diverso tipo ( movimento, sensori biomedici, ecc.) Due tipi di nodi: - Ancore: fissati alle pareti - Tag: associati alle risorse da localizzare

55 Localizzazione ZigBee - Hardware Perché Zigbee? - Giusto compromesso tra costi e prestazioni - Paragonabile a WI-FI, ma meno interferenze. - Prestazioni decisamente migliori di RFId passivi ed ultrasuoni - Costo inferiore ai sistemi UWB

56 Localizzazione ZigBee - Software Caratteristiche della soluzione software - Auto-calibrante: non è richiesta una fase di calibrazione iniziale. - Possibilità di variare i parametri dei nodi da remoto tramite interfaccia di controllo (frequenza di invio dati, frequenza localizzazione, ecc.) - Possibilità di controllare lo stato della rete (stato alimentazione, guasti, dati istantanei o storici acquisiti dai sensori posta sia sulle ancore che sui tag, ecc.) Funzionalità - Visualizzazione della posizione dei tag su una mappa in formato digitale - Visualizzazione dei dati provenienti dai sensori - Visualizzazione dello stato dei tag - Possibilità di impostare regole di intrusione o vicinanza - Segnalazione di eventi anomali - Possibilità di creare dei binari su cui vincolare la posizione dei tag

57 Localizzazione ZigBee - Prestazioni Localizzazione e Tracking - L algoritmo di localizzazione utilizzato consente di ottenere un errore inferiore ai 3 metri. - L errore dipende principalmente dal numero di ancore installate Durata batterie nodi target: - Fortemente dipendente dalla frequenza di aggiornamento (più di un 1 Hz con 2 batterie AA da 1.5 V). - Possibilità di tag con batterie ricaricabili via USB.

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Internet Of Things: come migliorerà la nostra vita e le nostre aziende

Internet Of Things: come migliorerà la nostra vita e le nostre aziende Internet Of Things: come migliorerà la nostra vita e le nostre aziende Che cos è l internet degli oggetti intelligenti? Quali sono gli ambiti di applicazione? Come possono le aziende trarre vantaggio da

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Manufacturing Execution Systems

Manufacturing Execution Systems Manufacturing Execution Systems Soluzioni per la gestione della produzione FAST SpA, azienda leader nel settore dell automazione industriale dal 1982, è in grado di affiancare alla fornitura di sistemi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Osservatorio Internet of Things

Osservatorio Internet of Things Osservatorio Internet of Things Internet of Things, mercato e applicazioni: quali segnali dall Italia e dal mondo? Angela Tumino, angela.tumino@polimi.it Innovation Day, 25 Settembre 2014 L Internet of

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli