Allegato - A2 profili delle discipline AREA ARTI VISIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato - A2 profili delle discipline AREA ARTI VISIVE"

Transcript

1 Allegato - A2 profili delle discipline ABAV01 AREA ARTI VISIVE ABAV02 TECNICHE DELL'INCISIONE - GRAFICA D'ARTE I contenuti artistici e tecnico scientifici del settore riguardano lo studio dei linguaggi visivi e percettivi, l analisi dei processi creativi e grafico espressivi nell accezione analogica metaforica, antropologica e simbolica delle molteplici forme della comunicazione, nell interazione fra segno e messaggio. Il settore include competenze e ambiti di ricerca relativi alla lettura storica e contemporanea dei linguaggi visivi, nonché lo studio del segno nella complessità tonale e semantica, la prassi progettuale e logico formale del disegno, fino ai processi artisticotecnicoculturali della divulgazione e fruizione dell immagine. La prassi laboratoriale si avvale della conoscenza metodologica di strumenti, mezzi, supporti e materiali tipici della stampa e dell elaborazione delle matrici grafiche, dall acquisizione della manualità delle tecniche calcografiche, xilografiche, litografiche e digitali, alla stampa manuale; dalla copia unica alla produzione seriale, fino alla sperimentazione delle più innovative pratiche tecnologiche e multimediali della contemporaneità, compresi gli aspetti seriali, tecnico-industriali, editoriali e di ricerca propria del processo dell immagine in ambito visivo. ABAV02 Illustrazione Il corso intende fornire allo studente le cognizioni e gli strumenti grafici essenziali per comprendere ed utilizzare il linguaggio dell illustrazione. L obiettivo è di formare professionisti che sappiano misurarsi con i diversi ambiti con i quali l illustrazione può interagire: narrativa per ragazzi, editoria scientifica, stampa periodica, informazione culturale, pubblicità, comunicazione sociale. ABAV02 Litografia L obiettivo del corso è l apprendimento della conoscenza metodologica e dell utilizzo degli strumenti, dei mezzi, dei supporti e dei materiali tipici della litografia. L acquisizione della manualità delle tecniche litografiche consentirà allo studente di mettere in pratica autonomamente tutte le procedure tecniche che vanno dalla preparazione della pietra, al disegno della matrice e alla stampa su torchio litografico in più esemplari su carta in maniera corretta. ABAV06 TECNICHE PER LA PITTURA Il settore disciplinare, affronta questioni tecnico-stilistiche inerenti alle morfologie e alle tipologie dei materiali utilizzati nelle tecniche pittoriche, anche nelle diverse epoche. Rientra nelle competenze del settore lo studio e l'analisi dei colori, le indagini sui cambiamenti in atto nell' uso dei mezzi tecnici tradizionali, le ricerche sulle sperimentazioni anche relative all'uso dei nuovi media con i conseguenti adeguamenti sui linguaggi visivi ABAV06 Tecniche extramediali 8 - conoscere e saper gestire gli aspetti metodologici della creazione artistica, dall ideazione alla realizzazione finale; - saper leggere e analizzare le opere d arte contemporanea, distinguendone linguaggi utilizzati e integrazione dei vari media; - conoscere le procedure tecniche, i nuovi mezzi di rappresentazione e le più recenti tecnologie al fine di farne uso nella creazione artistica.

2 ABAV12 TECNICHE PER LA DECORAZIONE Il settore disciplinare comprende le competenze relative alla conoscenza ed all approfondimento delle tecniche, degli strumenti e dei materiali nell ambito dei quali si sviluppano attività progettuali laboratoriali finalizzate alla comprensione delle evoluzioni e delle potenzialità tecnico - espressive per la decorazione. ABAV12 Mosaico 8 ABLE01 Fornire allo studente le conoscenze e le capacità tecniche - progettuali primarie per operare nel campo della decorazione musiva, attraverso la progressiva acquisizione delle conoscenze estetiche, delle tecniche, dei metodi esecutivi, dei materiali, le loro proprietà e la loro storia. AREA LEGISLAZIONE ED ECONOMIA ABLE69 MARKETING E MANAGEMENT Il settore comprende le competenze inerenti la programmazione, la promozione e la gestione delle attività culturali ed artistiche con particolare riferimento ai metodi di elaborazione delle strategie relative al mercato dell'arte e della comunicazione. Particolare attenzione, è rivolta, inoltre, alle applicazioni collegate alla gestione dei beni culturali intesi come risorsa sociale ed economica del territorio. ABLE69 Comunicazione eventi culturali 6 Il corso ha l obiettivo di fornire competenze inerenti la programmazione e la gestione della comunicazione di eventi artistici e culturali con particolare riferimento ai metodi di elaborazione delle strategie relative alla promozione e alla visibilità mediatica di eventi nel settore dell'arte, del design, dello spettacolo e dei beni culturali. ABLE69 Marketing 6 Il corso ha l obiettivo di fornire competenze inerenti la programmazione, la promozione e la gestione di eventi artistici e culturali con particolare riferimento ai metodi di elaborazione delle strategie relative al marketing e alla comunicazione. Particolare attenzione, è rivolta, inoltre, alle applicazioni collegate alla gestione dei beni culturali intesi come risorsa sociale ed economica del territorio. ABLE70 LEGISLAZIONE ED ECONOMIA DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO I contenuti scientifico-disciplinari riguardano gli aspetti giuridici ed economici che caratterizzano la gestione del patrimonio culturale e il mercato dell arte. Riguardano inoltre il quadro normativo e gestionale delle imprese che operano nel settore dell arte e della valorizzazione del patrimonio culturale, viste nelle loro relazioni con le istituzioni e gli enti di tutela. ABLE70 Legislazione delle arti e dello spettacolo 6 L'insegnamento ha lo scopo di fornire allo studente tutti i mezzi giuridici per organizzare e gestire la propria attività lavorativa. In particolare, cercherà di trasmettere allo studente tutte le conoscenze normative volte ad evitare possibili errori professionali, allorché lo studente si trovi a lavorare su beni sottoposti a vincoli culturale e/o ambientale. L'insegnamento riguarderà il contenuto dei testi normativi italiani più importanti e dei principi elaborati in sede di convenzioni internazionali, soprattutto alla luce della nuova realtà europea, affermatasi ormai da tempo ed avente riflessi diretti sul piano legislativo italiano. Il corso verrà, inoltre, arricchito da elementi del diritto d'autore.

3 ABLIN01 ABLIN71 LINGUE AREA LINGUE Il settore abbraccia la conoscenza delle lingue con attenzione rivolta particolarmente all utilizzo dei differenti modelli linguistici in ambito artistico. Comprende, inoltre, le modalità espressive e più estesamente concettuali usate nella cultura europea, le diverse e specifiche terminologie critiche e tecniche utilizzate oggi nel mondo dell arte. ABLIN71 Lingua inglese 4 - saper utilizzare efficacemente la lingua inglese per lo scambio di informazioni generali e nell ambito di competenza; - saper produrre un testo o descrivere, in modo semplice, una idea o un progetto; - saper comprendere un testo su argomenti inerenti l ambito di competenza. specifiche terminologie critiche e tecniche utilizzate oggi nel mondo dell arte. ABPC01 AREA PROCESSI COMUNICATIVI ABPC67 METODOLOGIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE Il settore comprende le competenze relative alla comunicazione nelle diverse articolazioni connesse alla valorizzazione del patrimonio culturale, e in particolare i metodi e gli strumenti per l ideazione e l elaborazione di testi e di narrazioni; i principi generali e le tecniche impiegati nel campo dell informazione giornalistica; le forme di comunicazione creativa adottate dalla pubblicità sulla base delle conoscenze offerte dal marketing culturale; i problemi e i mezzi delle relazioni pubbliche finalizzate a promuovere le istituzioni e le attività culturali; le modalità dell organizzazione del lavoro editoriale per la produzione di pubblicazioni specializzate. ABPC67 Advertising 6 Il corso analizza le strategie comunicative piú significative, le modalitá operative e il target per la strutturazione della pubblicitá. Inoltre, verranno trattati gli aspetti necessari per meglio definire gli elementi creativi che, attraverso il corretto uso comunicativo del colore, della fotografia, dello styling e della percezione visiva, conducono alla comunicazione del prodotto. ABPC68 ANALISI DEI PROCESSI COMUNICATIVI Il settore comprende gli studi che hanno per oggetto le produzioni dell arte, considerate come articolazioni di segni, e i fenomeni comunicativi connessi alla produzione artistica. Comprende anche gli studi sulle esposizioni in quanto testi che articolano narrazioni complesse e sulla retorica applicata alla comunicazione nelle mostre e nei musei. ABPC68 Semiotica 6 Il corso verte sull'acquisizione di un approccio semiotico al design al fine di fornire una competenza critica e metodologica autonoma nell analisi dei fenomeni della cultura e della vita contemporanea,attraverso: costruzione di significati condivisi tra artista/designer, fruitori e contesto,segni E SISTEMI DI SEGNI, CONCETTO DI COMUNICAZIONE e gli ASPETTI GENERALI DEI LINGUAGGI: SINTASSI, SEMANTICA E PRAGMATICA, METODI ASTRATTI PER LA RAPPRESENTAZIONE DEL SIGNIFICATO. ANALISI SEMIOTICA DEI TESTI: VERSO UN INTEGRAZIONE SISTEMICA APPROCCIO ANALITICO vs. APPROCCIO SISTEMICO

4 ABPR01 AREA PROGETTAZIONE ABPR16 DISEGNO PER LA PROGETTAZIONE I contenuti del settore disciplinare riguardano gli elementi teorici e le metodologie operative che consentono rappresentazioni grafiche funzionanti da supporto ai diversi aspetti del percorso progettuale. Lo studio dei principi e dei procedimenti della geometria descrittiva, proiettiva e prospettica costituisce la struttura teoricoscientifica dei contenuti disciplinari dell'area. Il disegno, nella sua accezione più ampia, sia tradizionale che aperta alle nuove tecnologie, viene centralmente assunto quale strumento di costruzione, verifica e definizione esecutiva della forma artistica progettata ovvero rilevata e riprodotta come progetto. In quest ultimo contesto si collocano i metodi e gli strumenti per il processo inverso, dalla forma costruita alla forma restituita nel suo disegno, che costituiscono la complessità del rilievo. ABPR16 Disegno e rappr. del progetto di moda - fashion il corso afferisce e supporta l'attività di progettazione fashion design I,fashion design II e fashion design III, ed è finalizzato alla rappresentazione delle tavole di progetto proponendo di trasmettere gli strumenti teorici e pratici essenziali per la rappresentazione e la resa dei prodotti; dallo schizzo, al disegno geometrico, al rendering, si esamina l'importanza e l'utilità dei diversi metodi di rappresentazione. Tali metodi sono presentati attraverso l'analisi dei "momenti" fondamentali del disegno: l'ossevazione, la scelta della tecnica di rappresentazioen, la pianificazione e l'esecuzione del disegno. In particolare, il corso si costituisce di esercitazioni mirate alla resa dei tessuti e degli abiti. Il corso presenterà le prassi e le tecniche del disegno attraverso l analisi dei suoi "momenti" fondamentali: l osservazione, la scelta della tecnica di rappresentazione, la pianificazione e l esecuzione del disegno. Il corso è inoltre inteso a stimolare la ricerca e la sperimentazione personale. ABPR16 Fondamenti di disegno informatico - Autocad 6 Il Corso tratta delle possibilità applicative dei programmi di grafica vettoriale e del modo di rappresentare un progetto attraverso la continua verifica e modifica mediante simulazioni sia bidimensionali che tridimensionali. Le lezioni si baseranno sulla conoscenza del programma di disegno AutoCad, software base di progettazione automatizzata orientato al disegno tecnico Saranno comunque dati cenni su altri programmi compatibili di modellazione avanzata verso cui si può esportare. Si studieranno le funzioni principali del programma mirate alla conoscenza degli strumenti che il software mette a disposizione prevalentemente per il disegno bidimensionale per dare allo studente le nozioni necessarie alla redazione e controllo di semplici o più complessi disegni nelle loro parti fondamentali. ABPR16 Illustrazione e rendering per la moda - fashion 4 4 Il corso ha lo scopo di affrontare l'ambito della illustrazione descrittiva per finalità progettuali nel fashion design attraverso modalità di stretto rapporto tra figura umana e il capo d' abbigliamento. In tale ottica affrontare il disegno della silhouette con canone 1:8 e individuare su di essa i riferimenti geometrici necessari per lo sviluppo dei grafici della modellistica dell abbigliamento per l' individuazione di volume, forma e stile. ABPR16 Illustrazione e rendering per la moda - fashion 5 4 Il corso ha lo scopo di affrontare la redazione grafica per la comunicazione dei contenuti e dei valori espressivi del progetto di fashion design, attraverso lo studio e la applicazione di strumenti specifici e tecniche diversificate da applicare alla realizzazione di immagini per l'illustrazione commerciale.

5 ABPR19 GRAPHIC DESIGN Il settore disciplinare comprende l'insieme delle operazioni, dei metodi e dei processi impiegati per la progettazione visiva orientata alla comunicazione d'impresa. Il settore si articola in una pluralità di percorsi che vanno dalla progettazione e realizzazione di comunicazioni pubblicitarie e di prodotti editoriali, fino ai più recenti procedimenti proposti dall'industria e dal mercato, comprese le tecniche multimediali off-line e on line, con particolare riferimento alla conoscenza delle tecniche grafiche digitali contemporanee, atte alla realizzazione, alla visualizzazione, alla presentazione ed alla comunicazione del progetto grafico. ABPR19 Elem. di grafica editoriale 6 Il corso introduce al percorso creativo, tecnico e tecnologico che porta la scrittura tipografica di un testo alla composizione di una pagina e quindi di un prodotto editoriale, attraverso l'apprendimento dei software professionali utilizzati nel settore editoriale. La complessità del processo costruttivo parte da una corretta impostazione del flusso produttivo e comprende lo studio dell organizzazione spaziale bidimensionale, di caratteri e testi, quindi della loro leggibilità e visibilità, e del sistema comunicativo che innescano i contrasti e gli accostamenti cromatici, di stile e visivi. ABPR19 Grafica per l'allestimento 6 Lo scopo del corso è di fornire gli strumenti operativi e cognitivi per la progettazione grafica degli spazi espositivi: siano essi collocati in un museo, uno showroom, una galleria, piuttosto che nell ambito di un allestimento fieristico, un evento culturale, una sfilata di moda o un abitazione privata. Grandi spazi, superfici e luce diventano i fattori con cui il lavoro dello studente si confronta, dove l espressività comunicativa del segno dialoga con gli spazi architettonici, alla ricerca di soluzioni innovative attraverso cui gli elementi grafici trovino la collocazione più appropriata, integrandosi con l' allestimento. ABPR19 Graphic design 1 12 Il primo anno del percorso formativo è dedicato alla propedeutica, ovvero all acquisizione della formazione di base, dei riferimenti culturali, degli strumenti e delle regole che distinguono e caratterizzano un atteggiamento progettuale. In particolare: caratteri tipografici come strumenti fondamentali del grafico, genesi e percezione di forme e colori, software per la rappresentazione grafica, elaborazione delle immagini, nonché conoscenze culturali che permettano di interpretare e decodificare i linguaggi della comunicazione visiva e dell arte contemporanea. ABPR19 Graphic design 2 12 Le metodologie e le conoscenze strumentali acquisite nel primo anno sono approfondite attraverso l'utilizzo delle tecniche e dei software per la gestione dell'immagine e degli elementi grafici, applicati nella finalizzazione di un progetto completo. Il secondo anno si concentra sulla metodologia e sulla progettazione assistita. Si devono acquisire consapevolezza e competenza nelle specifiche aree professionali, attraverso esperienze pratiche guidate nei tre ambiti della comunicazione visiva: l area espressiva: simboli, marchi, logotipi, poster; l area razionale, L insieme di testi, immagini e pagine, in cui ogni elemento ha un suo ruolo preciso, che deve trovare riscontro nel trattamento grafico e tipografico; infine l organizzazione delle informazioni a disposizione dell utente.

6 ABPR19 Graphic design 3 12 Il corso ha l obiettivo di fornire competenze su operazioni, metodi e processi impiegati per la progettazione visiva orientata alla comunicazione d'impresa. Si articola in una pluralità di percorsi che vanno dalla progettazione e realizzazione di comunicazioni pubblicitarie e di prodotti editoriali, fino ai più recenti procedimenti proposti dall'industria e dal mercato, comprese le tecniche multimediali off-line e on line, con particolare riferimento alla conoscenza delle tecniche grafiche digitali contemporanee, atte alla realizzazione, alla visualizzazione, alla presentazione ed alla comunicazione del progetto grafico. ABPR19 Graphic design 4 10 Il corso é orientato all'acquisizione di capacitá progettuali relative alla concezione e realizzazione di infografica con riferimento specifico all organizzazione e della rappresentazione di dati e informazioni in forma grafica per la comunicazione. L'ambito di riferimento spazia tra editoria stampata e online, fornendo gli strumenti utili a semplificare i processi di sviluppo e comunicazione di informazioni astratte. ABPR19 St. della stampa e dell'editoria 6 L insegnamento si propone di affrontare la transizione dal libro manoscritto ai primi incunaboli, in particolare la nascita della stampa tipografica e la sua diffusione tra XV e XVI secolo fino alla completa affermazione dell'uso dei "caratteri mobili". ABPR21 MODELLISTICA Il settore comprende contenuti e metodologie per fornire alcuni concetti ritenuti basilari per realizzare e progettare "un Modello", inteso sia come "esempio" che come una realtà figurativa o astratta tridimensionale miniaturizzata, rilevata o progettata, che si sviluppa dallo studio e dall'organizzazione dello spazio ambientale abitabile, sia quale strumento di controllo, ausiliare od integrativo di disegni, derivante il processo di progettazione, di realizzazione e di verifica del risultato finale di una situazione artistica strutturata nello spazio. ABPR21 Modellistica 6 Obiettivo del corso è quello di fornire agli studenti una approfondita conoscenza teorica circa l'importanza ed il ruolo che il modello assume nelle varie fasi di concezione, sviluppo e presentazione dell'idea progettuale applicata all'oggetto decorativo, all'istallazione, alla scultura ed all'accessorio di moda. Visualizzare con software tridimensionali di modellazione solida l'oggetto progettato e la successiva prototipazione con macchine a controllo numerico. Applicare le tecniche adeguate di modellismo al progetto da realizzare.

7 ABPR22 SCENOGRAFIA Il settore raggruppa le discipline e le tematiche di ricerca che riguardano lo studio dei diversi aspetti della progettazione e della restituzione scenografica. Le discipline del settore comprendono la storia e i sistemi della scenografia teatrale, cinematografica e televisiva, sino alla progettazione e alla realizzazione di eventi di piazza, attività celebrative, rievocazioni. Il settore si interessa inoltre alla acquisizione dei metodi, degli strumenti e delle tecniche di allestimento connessi alla comunicazione pubblicitaria ed alla vetrinistica, anche mediante l'utilizzo di tecnologie. ABPR22 Composizione Scenografica per il Cinema 10 L obiettivo del corso è quello di fornire una visione completa del ruolo dello scenografo e della scenografia nell ambito cinematografico. Il mestiere dello scenografo, il suo ruolo, la scenografia e i suoi materiali, le tecniche e gli strumenti sono analizzati a partire dall esperienza diretta maturata sul campo e col supporto di lezioni multimediali. ABPR22 Composizione Scenografica per la Televisione 10 Obiettivo del corso è dare una preparazione specifica per la Scenografia Televisiva attraverso l approccio con il linguaggio televisivo - la comunicazione televisiva - ed i suoi mezzi. É perciò indispensabile lo studio del mezzo televisivo e sue applicazioni inerenti alla Scenografia. Lo studente durante il corso affronterà tutte le tematiche correlate alla scenografia televisiva quali i punti di ripresa e la regia. Le riprese audio e l'illuminazione da ripresa e quella scenografica. Il corso ha inoltre come finalità quella di preparare lo studente alla comprensione del linguaggio grafico-volumetrico televisivo accompagnandolo nei suoi vari generi: sit-com, talk show, show, telegiornale, reality, intrattenimento e news. ABPR23 SCENOTECNICA Il settore disciplinare comprende lo sviluppo esecutivo degli elementi di scenotecnica, illuminotecnici, intesi come approfondimento del progetto scenografico. L'area progettuale comprende anche lo studio dei materiali specialistici disponibili sul mercato per ogni tipologia di rappresentazione. ABPR23 Illuminotecnica 8 La finalità del corso è l'educazione alla LUCE in tutte le sue accezioni, sia nel campo dello spettacolo che nel campo artistico attraverso la teoria e l'applicazione pratica. Il lighting designer deve essere in grado, attraverso l'interazione automatizzata delle luci, di trasformare la luce stessa in emozione pura ed un canale alternativo di comunicazione. Il corso vuole portare l allievo ad essere in grado di instaurare una collaborazione con il regista, il produttore, il costumista e lo scenografo, per creare un progetto che permetta di tracciare una sequenza di scenografie luminose che tradurrà in effetti luminosi tutti i segnali visivi che sulla scena si alterneranno.

8 ABPR31 FOTOGRAFIA Il settore comprende la conoscenza dei linguaggi e delle tecniche della fotografia storica e contemporanea. Differenti campi di specifico interesse sono: gli usi della fotografia nella documentazione e nella rappresentazione dei beni culturali, l indagine fotografica scientifica sull opera d arte, l archiviazione e la condivisione digitale delle immagini; nonché tutti gli aspetti espressivi, comunicativi, linguistici ed operativi introdotti dalle tecnologie digitali. ABPR31 Editing della fotografia 8 Il termine Editing vuole indicare in genere un campo di lavoro ampio che riguarda un insieme di procedure di revisione, impaginazione e montaggio relative a un testo, un filmato, un programma televisivo e nello specifico un progetto di immagine relativo alle molteplici forme di comunicazione visiva. La finalità del corso è orientata a fornire competenze riguardo principalmente l Editing fotografico. Questo non può prescindere dalla conoscenza della storia della fotografia, dalle varie tecniche e modalità operative che portano ad evidenziare gli aspetti specifici del mezzo fotografico. ABPR31 Fotografia di moda - still life 6 Il corso appartiene al settore fotografia ed è rivolto alla elaborazione di immagini fotografiche specifiche per la composizione di set still life in ambito moda. Le competenze particolari sono rivolte alla comprensione della tecnica specifica, terminologie e all'uso di modalità creativa degli effetti. ABPR31 Laboratorio di fotografia Fashion 3 - Fashion 5 4 Il corso, di natura esclusivamente laboratoriale, appartiene al settore fotografia ed è rivolto alla produzione delle immagini fotografiche per fini documentativi dei progetti di moda eseguiti nei corsi di progettazione. ABPR31 Fotografia di moda - street style 6 Il corso appartiene al settore fotografia ed è rivolto alla conoscenza dell'uso del mezzo fotografico che possa sviluppare il rapporto tra gli ambiti tecnica / linguaggio /strumenti e i soggetti tessuto / corpo / abito.le specifiche sono rivolte alla educazione all'immagine visiva nel rapporto tra individuo\oggetto e ambiente. In tale visione si indagano gli effetti della texture del tessuto bidimensionale allo scopo di comprendere l'incidenza della luce, la distanza dal soggetto per la creazione di immagini utili alla stimolazione progettuale nel settore moda.l'attività didattica si svolge in coordinamento con il corso di Fashion Design 2. ABPR31 Fotografia digitale 4 - conoscere e saper utilizzare i più recenti strumenti di ripresa fotografica; - saper sperimentare utilizzando i più recenti strumenti di ripresa fotografica; - saper intervenire in fase di post-produzione utilizzando i software più adatti alla manipolazione e alla archiviazione, tenendo conto degli obiettivi comunicativi dell immagine. - uso dei software: Adobe Photoshop e Camera Raw ABPR31 Fotografia e comunicazione 6 Il corso ha l obiettivo di fornire competenze relative alla comunicazione attraverso il linguaggio fotografico nelle sue diverse articolazioni. Si richiede un particolare riguardo all analisi dei principi generali e delle tecniche adoperate nelle varie forme di comunicazione creativa utilizzate dalla pubblicità e nel campo della grafica editoriale nonché nell ambito delle arti visive.

9 ABPR34 FASHION DESIGN I contenuti scientifico-disciplinari riguardano la realizzazione di collezioni di abiti e accessori con una forte componente creativa, che applica la manualità e l acquisizione di tecniche artigiano-industriali impiegate in forme espressive e innovative. Le competenze riguardano lo studio e la ricerca di nuovi materiali idonei ad ampliare la gamma dei linguaggi formali multimaterici, la creazione del prototipo, comprendente la modellazione, il taglio e la confezione di capi in una struttura sartoriale-artigianale, nonché la comunicazione, attraverso lo studio e la progettazione sia di concept comunicabili attraverso la rete, sia di un sito inteso come media-vetrina e nuovo canale distributivo per proporre le proprie idee o avviare un attività di diffusione delle creazioni. ABPR34 Couture 1 6 Il corso di Couture 1 è orientato al design del tessuto inteso come processo elaborativo di sperimentazione rivolto ad affrontare percorsi di elaborazioni tessili finalizzati al decoro nella estensione che va dalla visone di parte,elemento o figura verso la struttura intera dell abito. Si affrontano le tecniche tradizionali del macramè, tintura shibori, stampa stencil, il decoro pittorico a mano,l'infeltrimento su lana e le nuove tendenze stilistiche della cucitura artistica, delle bruciature e delle tridimensionalità su tessuto con assemblaggio di differenti materiali. L'attività didattica è svolta in relazione con i corsi di progettazione fashion design 4 e fashion design 5 ABPR34 Couture 2 6 Il corso di couture 2 verte alla acquisizione di nozioni rivolte alla conoscenza delle nozioni necessarie per la strutturazione dei capi in visione della progettazione di una intera collezione di capi di abbigliamento in rapporto al progetto di fashion design 5. In particolare saranno affronta i seguenti argomenti: - I rapporti tra : pret à porter/alta moda, prodotto aziendale/artigianale, collezione/stile, collezione/mercato. - I concetti di : base - volume- taglia relativo al target, basico - tendenza, capo costruito - decostruito. - Analisi e ricerca di: accessori, tessuti, stampe (diretta, sublimatico, flock, gommata, quadricromia),ricamo o - lavorazione. - Relazione fra tessuto e capo d abbigliamento. - Elaborazione di :basi, varianti e proposte di capi d abbigliamento, total look,flash. - Realizzazione di un flash. ABPR34 Cultura sartoriale per l'innovazione tipologica 6 Il corso ha lo scopo di fornire competenze per eseguire i grafici complessi di tipologie di capi di innovazione tipologica e sperimentale e loro varianti in forma e vestibilità con possibilità di eseguire modelli dal vero. ABPR34 Cultura sartoriale 6 Il corso appartiene al settore disciplinare del fashion design e ha lo scopo di fornire strumenti utili per eseguire i grafici delle tipologie di capi base e loro varianti in forma e vestibilità riguardo misure rilevate o prestabilite di norma.

10 ABPR34 Cultura tessile, nuovi materiali e tessuti tecnologici 6 il corso appartiene al settore disciplinare del fashion design e gli obbiettivi formativi consistono nel fornire una conoscenza generale delle tipologie,delle qualità e delle prestazioni dei materiali tessili nella loro classificazione tra artificiali e sintetici ; in questa ottica fornire i mezzi idonei per individuare i materiali adeguati alla progettazione creativa nel campo della moda. Particolare attenzione si rivolge ai nuovi materiali e ai tessuti tecnologici in base alla loro composizione chimica,struttura, prestazione ed estetica. ABPR34 Fashion Design 1 6 ABPR34 Fashion Design 2 12 il corso ha l'obiettivo di svolgere attività di analisi dei processi progettuali specifici del prodotto di fashion design come approccio attraverso cui acquisire competenze metodologiche e pratiche utili allo sviluppo dei fenomeni creativi di composizione. È rivolto alla innovazione tipologica.. Il corso ha l'obiettivo di svolgere attività di sintesi progettuale orienta alla interpretazione dei valori funzionali ed espressivi della materia tessile intesa come mezzo per la realizzazione di un prodotto di textile design. In tale visione analizzare le qualità intrinseche della materia, per lo studio gli effetti visivi e tattili che il tessuto acquista elaborato con se stesso o accoppiato con altri per arrivare alla progettazione di elementi di arredamento, ibridi e capi d abbigliamento funzionali. ABPR34 Fashion Design 3 6 Il corso ha l'obiettivo di progettare abiti con riferimento al Dressing design elaborati con l analisi del rapporto tra funzionalità ed estetica finalizzati alla produzione industriale. Progettazione di una collezione flash di n 3 elementi di dressing design Analizzando il rapporto di un tema centrale legato alla funzionalità degli accessori indossabili ( abiti, borse, protesi) si vuole arrivare alla realizzazione di nuove tipologie del vestire che si integrino con il life style dell utente che lo indossa. ABPR34 Fashion Design 4 10 ABPR34 Fashion Design 5 10 ABPR34 Laboratorio tecniche sartoriali 6 Il corso ha lo scopo di svolgere attività di progettazione sistemica nel settore del fashion design al fine di individuare e poi comporre possibili estensioni tipologiche del prodotto diverso dal vestito. In tale ottica eseguire la progettazione all'interno di una visione globale degli oggetti dedicati alla persona o ad esso integrate in una visione di total look. Il corso verte sull analisi e sulla ricerca dei processi creativi ed evolutivi necessari per lo sviluppo e la progettazione di una collezione di abbigliamento uomo/donna su tema specifico. Il progetto consiste in una collezione flash di n 15 abiti. lo studente deve creare uno scrap book di idee che serva a raccontare un percorso progettuale svolto tramite una ricerca visiva di immagini, testi, assonanze e di ispirazioni. il corso afferisce e supporta l'attività di progettazione fashion design I,II, III,ed è finalizzato alla comprensione delle tecniche realizzative del progetto ed alla esecuzione di modelli ABPR34 Laboratorio tecniche sartoriali - fashion il corso afferisce e supporta l'attività di progettazione fashion design IV - V, ed è finalizzato alla comprensione delle tecniche realizzative del progetto ed alla esecuzione di modelli.

11 ABPR35 REGIA Il settore comprende gli studi di carattere teorico, storico, metodologico, organizzativo e realizzativo delle forme dello spettacolo in consonanza con le produzioni estetiche della contemporaneità, con particolare riferimento agli ambiti teatrale, videocinematografico e televisivo. Il settore si propone di esporre l'attitudine teorica, metodologica e progettuale, congiunta alla verifica sperimentale dell'operare concreto. ABPR35 Regia conoscere i differenti linguaggi della narrazione audiovisiva, la loro evoluzione storica e il rapporto con i mezzi di diffusione e comunicazione; - possedere le competenze tecniche, artistiche e metodologiche per la realizzazione di audiovisivi; - saper coordinare e gestire le diverse fasi di produzione. ABPR36 TECNICHE PERFORMATIVE PER LE ARTI VISIVE Comprende gli studi di carattere teorico, storico, metodologico, organizzativo e realizzativo dell'azione scenica legata alle arti visive, da svilupparsi anche in ambito teatrale, video-cinematografico, multimediale, con particolare attenzione agli aspetti della regia, della scenografia, della drammaturgia. ABPR36 Performance multimediale dell'evento moda 4 il corso ha lo scopo di analizzare le modalità compositive e a comprendere gli effetti espressivi degli eventi legati alle rappresentazioni del prodotto di moda. ABST01 AREA DISCIPLINE STORICHE, FILOSOFICHE, PSICOLOGICHE, PEDAGOGICHE, SOCIOLOGICHE E ANTROPOLOGICHE ABST45 TEORIE DELLE ARTI MULTIMEDIALI I contenuti del settore riguardano il complesso delle relazioni che definiscono il campo della cultura digitale con particolare riferimento agli aspetti informatici e mediali, affrontati secondo una prospettiva teorica, metodologica, organizzativa e critica. Riguardano altresì l evoluzione storica e le implicazioni di carattere sociologico, antropologico e scientifico delle ricerche artistiche dell ambito digitale. ABST45 Estetica dei new media 6 - comprendere la dimensione sociale, storica e politica dei nuovi media e conoscere la produzione artistica contemporanea che utilizza i nuovi media non solo come mezzi di diffusione, ma anche per le loro potenzialità creative; - conoscere le discussioni contemporanee sulle possibilità e sui limiti dei nuovi media; - saper fare una ricerca originale e articolare un discorso coerente sulle tematiche trattate.

12 ABST46 ESTETICA Il settore raccoglie un insieme di competenze che considerano come oggetto di indagine l estetica radicata nell esperienza originaria ed originale delle arti visive quale indissolubile intreccio tra riflessione storico-filosofica e pratica delle arti. In questo ambito il ruolo che la dimensione estetica riveste riguarda non solo la fruizione ma anche e soprattutto la produzione dell arte nelle sue varie articolazioni, nei contesti più significativi e nei più disparati materiali e tecniche, dalle tecniche tradizionali alle tecnologie più avanzate. Le ricerche nel settore sono condotte nella prospettiva fondativa di una archeologia del sentire e del sapere che trova nelle arti il campo di indagine e di espressione privilegiata. ABST46 Estetica 6 Il corso ha come oggetto di indagine l estetica radicata nell esperienza originaria ed originale delle arti visive quale indissolubile intreccio tra riflessione storico-filosofica e pratica delle arti, in relazione, non solo la fruizione, ma anche e soprattutto la produzione dell arte nelle sue varie articolazioni. - conoscenza di alcuni concetti base dell estetica (bello, sublime, armonia, gusto, ispirazione) e di alcune linee essenziali del dibattito sull arte e sul bello dai greci fino a Kant; - comprendere il rapporto tra l arte moderna (dagli impressionisti in poi) e la società moderna, soprattutto in quanto società industriale; - saper fare una ricerca originale e articolare un discorso coerente sulle tematiche trattate. ABST48 STORIA DELLE ARTI APPLICATE I contenuti scientifico-disciplinari del settore riguardano tutte le forme d arte che, pur essendo collegate alla pittura, scultura e architettura, non si inseriscono direttamente in questi ambiti, perché funzionali all industria e all artigianato. Gli studi del settore riguardano pertanto gli oggetti dal mobile al gioiello, dall abito all oggetto funzionale, dalla miniatura all illustrazione contemporanea, dall arazzo alla stoffa stampata, dal costume per il cinema e per il teatro fino alla decorazione, includendo le competenze per il riconoscimento degli stili e la loro evoluzione nella storia dell arte moderna e contemporanea. ABST48 Storia della moda 1 6 ABST48 Storia della moda 2 6 La finalità del corso è orientata a fornire competenze sulla evoluzione storica dei processi della moda in epoca moderna. In questo fare riferimento alle correnti artistiche e al design come margini di comprensione della evoluzione del gusto,della tecnica e delle forme di stile. Il corso ha lo scopo di approfondire fenomeni storici di riferimento nella cultura del fashion design specifici dell'epoca moderna e contemporanea. In questa ottica analizzare i rapporti specifici nell'ambito delle arti applicate come riferimento generale a cui l'ambito della moda si inserisce con riferimenti all'ambito produttivo,ai fenomeni culturali e alla cultura figurativa generale delle epoche prese in considerazione

13 ABST56 DISCIPLINE SOCIOLOGICHE Il settore contiene i presupposti teorici, storici e metodologici della ricerca sociale, nonché gli strumenti utilizzati nell analisi delle fenomeniche micro e macro-sociologiche: dai fenomeni della cultura, a quelli comunicativi, dai processi di socializzazione, all impatto sociale delle arti, dei media e delle tecnologie avanzate. ABST56 Fenomenologia delle mode urbane 6 La finalità del corso è quella di fornire elementi basilari di psicologia, sociologia, antropologia culturale per una riflessione sul rapporto tra identità individuale e sociale e codici di comunicazione correlati alla moda, alle culture giovanili e allo streetstyle. Particolare enfasi viene attribuita alle forme di rivolta simbolica ai codici adulti e alla società, che in seguito vengono metabolizzare, ridefinite e riproposte dal mondo della moda. I zoot-suiters, i teddy-boys, i mods, gli skinheads, il punk, la cultura hip-hop, il gothic e altre culture giovanili rappresentano forme di comunicazione simbolica e di rottura dei precedenti codici espressivi e che spesso hanno fatto da battistrada e da anticipazione all evoluzione di alcune tendenze a livello di massa. ABST56 Fenomenologia delle mode urbane 2 6 La finalità del corso è quella di approfondire alcuni passaggi nodali della relazione tra moda, identità di genere e gestione del corpo. In particolare vengono analizzati i vissuti, le rappresentazioni sociali e culturali che dal XIX secolo a oggi riguardano il rapporto tra mondo maschile e femminile. Al tempo stesso si prendono in esame i nuovi processi identitari che provengono soprattutto dal cosiddetto mondo queer, in cui viene fortemente rimesso in discussione il confine tra maschile e femminile. Il corpo, anche tramite il vestiario,è un prodotto decisamente culturale e politico in cui si rispecchiano, si affermano e si sovvertono i ruoli dati per naturali, le relazioni di genere, i domini sociali e gli spazi pubblici. ABTEC01 AREA TECNOLOGIE PER LE ARTI VISIVE ABTEC37 METODOLOGIA PROGETTUALE DELLA COMUNICAZIONE VISIVA L ambito disciplinare riguarda le metodologie progettuali propedeutiche alla comunicazione d impresa e di prodotto, in relazione ai diversi ambiti della moda, del design, della produzione culturale ed editoriale. A partire dalla conoscenza approfondita del rapporto immagine/testo, si affrontano il tale campo le questioni connesse alla traduzione del concept in comunicazione visiva. Le competenze sono acquisite nel campo dell ideazione creativa, della progettazione, della realizzazione e della diffusione della comunicazione d impresa e di prodotto. ABTEC37 Metodologia progettuale della comunicazione visiva 6 - conoscenza delle forme, delle figure retoriche e dei simboli della comunicazione visiva; - saper individuare i criteri e i metodi più efficaci nella ricerca delle soluzioni che garantiscono l esito comunicativo voluto; - capacità di utilizzare procedimenti sintetici nei quali più elementi entrano in relazione tra loro con il fine ultimo della comunicazione. ABTEC37 Moda Brand e Comunicazione 1 6 Il corso appartiene al settore delle metodologie e tecniche della comunicazione ed è orientato a fornire competenze utili ad ottenere un orientamento nel panorama generale degli ambiti, dei mezzi e delle tecniche specifiche per la comunicazione della moda.

14 ABTEC37 Mode, brand e comunicazione 2 4 Il corso appartiene al settore delle metodologie e tecniche della comunicazione ed è orientato a studiare ed approfondire le modalità espressive, i mezzi specifici,gli ambiti deputati e gli strumenti opportuni per la redazione della comunicazione specifica settore della moda. ABTEC37 Progetto e comunicazione dell'evento moda 4 il corso ha lo scopo di progettare e realizzare l'ambientazione del prodotto di moda con ausilio di competenze scenografiche, grafiche,video,fotografiche e musicali utili alla comprensione dei valori espressivi finalizzati alla comunicazione dei valori di una collezione di moda. ABTEC38 APPLICAZIONI DIGITALI PER LE ARTI VISIVE L ambito disciplinare riguarda le metodologie progettuali propedeutiche alla comunicazione d impresa e di prodotto, in relazione ai diversi ambiti della moda, del design, della produzione culturale ed editoriale. A partire dalla conoscenza approfondita del rapporto immagine/testo, si affrontano il tale campo le questioni connesse alla traduzione del concept in comunicazione visiva. Le competenze sono acquisite nel campo dell ideazione creativa, della progettazione, della realizzazione e della diffusione della comunicazione d impresa e di prodotto. ABTEC38 Computer graphic 8 Lo scopo del corso è di fornire strumenti operativi e cognitivi per potenziare la capacità di espressione e rappresentazione attraverso le possibilità della Computer Graphic. E un corso di comunicazione avanzata che si avvale dei sistemi multimediali nell'elaborazione dei dati digitali, inferendo da principi estetici risultanti da algoritmi e design procedurale. Oltre a fornire conoscenza pratiche sull'uso dei software, il corso é mirato alla ricerca di nuovi spazi di espressione grafica attraverso l uso del linguaggio Processing per la programmazione di grafica computazionale e generativa; ABTEC38 Fondamenti di disegno informatico (graphic design) 6 Fotoritocco e Disegno Vettoriale: Offre le basi pratico-metodologiche del disegno digitale, della rappresentazionerielaborazione grafica del fotoritocco e della progettazione vettoriale, utilizzando software standard quali Photoshop e Illustrator. Impaginazione Digitale mediante l'utilizzo di programmi di nuova generazione utilizzati nel graphic design. ABTEC38 Fondamenti di disegno informatico (media art) 6 - conoscenza dei programmi di disegno vettoriale e bitmap e delle loro funzioni e potenzialità; - saper utilizzare i vari strumenti per la realizzazione di progetti grafici sia per la stampa che per l applicazione nei media digitali; - capacità di analisi del tipo di progetto e scelta della migliore finalizzazione a seconda del tipo di comunicazione voluta. - uso dei software: Adobe Illustrator, Adobe Photoshop, Adobe In Design, Adobe Acrobat Professional. ABTEC38 Installazioni multimediali 6 Il corso ha come obiettivo la: - conoscenza del panorama della sperimentazione nel campo della video installazione e dell installazione multimediale contemporanea; - conoscenza delle metodologie di applicazione delle possibilità tecnologiche interattive nel campo delle installazioni multimediali contemporanee; - capacità formale, contenutistica, organizzativa e realizzativa di progetti ambientali e multimediali.

15 ABTEC38 Lab. Illustrazione digitale per la moda 6 Lab di illustrazione digitale per la moda _fashion 1 (ABTEC38) c.f.2 il corso afferisce e supporta l'attività di progettazione fashion design I,ed è finalizzato alla comprensione ed alla elaborazione dell'ambito della illustrazione digitale per la moda. La finalità è di operare la elaborazione artistica di immagini digitali tramite software specifico per assemblaggio e creazione di effetti, texture e disegni per il tessuto e la realizzazione del figurino realistico, che verrà poi completato con atmosfera, varianti/colore, tessuto/stampa,: - Tecniche di fotomontaggio per creazione bozzetti per mood board o textiles. - Composizione moodboard - Creazione di un elemento per disegno a rapporto (pattern per tessuti all over). - Composizione di un disegno per tessuto all over - Composizione di un disegno piazzato per accessori o abbigliamento. - Creazione di un illustrazione per tessuto stampato. Lab di illustrazione digitale per la moda _fashion 2 (ABTEC38) C.F. 2 il corso afferisce e supporta l'attività di progettazione fashion design II,ed è finalizzato alla comprensione ed alla elaborazione dell'ambito della illustrazione digitale per la moda. La finalità è di operare tramite software specifico disegni vettoriali per la creazione di forme, testo grafico, figurino, accessori, motivi ornamentali applicabili al disegno per tessuto, ambientazioni per le atmosfere applicate alla base d impaginazione dei disegni, e per la realizzazione di schede tecniche e disegni piatti per abbigliamento. Lab di illustrazione digitale per la moda _fashion 3 (ABTEC38) C.F. 2 il corso afferisce e supporta l'attività di progettazione fashion design III,ed è finalizzato alla comprensione ed alla elaborazione dell'ambito della illustrazione digitale per la moda In particolare si elaboreranno gli elementi digitali utili per la redazione complessiva delle tavole di rappresentazione finale del prodotto con estensione alla resa dei valori comunicativi di progetto ABTEC38 Web design 6 - conoscere e saper combinare linguaggi e strumenti (html5, css, javascript, php, mysql) per la realizzazione di progetti interattivi multipiattaforma per il web; - saper progettare e realizzare progetti grafici e comunicativi per il web; - conoscere i principi di usabilità e interazione per la realizzazione di architetture informative e interfacce per il web. ABTEC39 TECNOLOGIE PER L'INFORMATICA Il settore comprende le competenze informatiche di base da utilizzare in relazione agli ambienti operativi di maggiore diffusione. L'acquisizione delle conoscenze metodologiche ed applicative di tali strumenti costituisce il sostrato essenziale per lo sviluppo di capacità di utilizzo delle tecnologie digitali nei diversi settori delle arti visive. ABTEC39 Informatica generale (arti visive) 4 Il corso si prefigge di fornire agli studenti le conoscenze necessarie per utilizzare in maniera avanzata i programmi informatici necessari a supportare la loro attività nei rispettivi corsi. In modo particolare, il corso si focalizzerà sul funzionamento delle moderne reti di comunicazione e sulle problematiche legate alla gestione della complessità attraverso i principi generali della programmazione.

16 ABTEC39 Informatica generale (fashion) 4 Il percorso didattico offre una formalizzazione completa della disciplina, tenendo conto delle ultime innovazioni nel campo della Information and Communication Technology (ICT). L'obiettivo è mettere gli studenti in condizione di padroneggiare le nuove tecnologie: dai sistemi di elaborazione alle reti di computer, dai sistemi operativi alle applicazioni WEB, dai linguaggi alla programmazione, dai sistemi informativi alle basi di dati. ABTEC39 Informatica generale (media art) 4 Conoscenza dei principi di base della programmazione, delle strutture dati, del networking e dei database relazionali - Saper sviluppare un progetto software da utilizzare nell ambito di progetti multimediali interattivi - Capacità di progettare e realizzare software per la gestione e memorizzazione delle informazioni attraverso le reti informatiche. ABTEC40 PROGETTAZIONE MULTIMEDIALE Il settore ha per oggetto le metodologie di applicazione delle tecnologie informatiche e mediali alla produzione artistica ed estetica, dagli ambiti installativi a quelli performativi, dagli ambienti tecnologicamente sensibili al video, al video digitale e, più in generale, agli ambiti espressivi che, per attenzione e propensione, si muovono nei territori di giunzione e trasversalità dei linguaggi e dei codici comunicativi. Essi sono affrontati in un ottica prevalentemente progettuale, metodologica e applicativa, senza trascurare gli aspetti organizzativi e realizzativi. ABTEC40 Linguaggi multimediali 6 - conoscenza dei linguaggi multimediali e digitali che permettono di produrre opere e informazioni; - possedere strumenti metodologici e critici adeguati all acquisizione di competenze dei linguaggi espressivi; - capacità di analisi e lettura critica della produzione multimediale artistica contemporanea. ABTEC40 Multimedia 1 12 Il primo anno del percorso formativo è dedicato alla propedeutica, ovvero all acquisizione della formazione di base, dei riferimenti culturali, degli strumenti e delle regole che distinguono e caratterizzano un atteggiamento progettuale. In particolare: - capacità di analizzare le forme espressive ed estetiche che la multimedialità assume per veicolare l informazione; - conoscenza e utilizzo dei principali strumenti di gestione e organizzazione dati; - competenza nella gestione e nell uso di software multimediale e di computer grafica di base.

17 ABTEC40 Multimedia 2 12 Il corso introduce gli studenti alla progettazione e al design della comunicazione interattiva con l'utilizzo di nuove tecnologie di comunicazione, attraverso la creazione di spazi interattivi virtuali tridimensionali. - conoscenza della principale produzione multimediale artistica contemporanea; - capacità di realizzare modelli e animazioni 3D attraverso l uso del software Blender 3D; - capacità di realizzare progetti multimediali ed esperienze immersive e interattive in ambienti 3D. ABTEC40 Multimedia 3 12 Il corso ha come obiettivo la creazione e l implementazione di linguaggi visuali di diversa origine per la creazione di prodotti di motion graphics e animazione ad alto livello di complessitá visiva. In particolare: - capacità di realizzare progetti multimediali che facciano uso della motion graphic quale elemento primario di interazione; - capacità di progettare, organizzare e realizzare progetti multimediali in team. - uso dei software: Adobe After Effect, Adobe Flash ABTEC40 Progettazione multimediale 1 10 Il corso svilupperà il percorso del processo di ideazione e progettazione multimediale, sia dal punto di vista pratico che dal punto di vista teorico. Lo scopo é: - capacità di progettare, sperimentare, organizzare e realizzare progetti multimediali e interattivi. considerando la relazione tra dispositivo tecnologico, ambiente fisico e spettatore; le logiche sociali di interazione e interattività; lo studio e l'applicazione delle interfacce. - conoscere la nuova cultura digitale e le nuove tecniche di produzione di estetiche multimediali e interattive; - saper scegliere gli strumenti e i software più adatti allo sviluppo di un progetto multimediale e interattivo; - uso del toolkit di sviluppo node-based VVVV per la prototipazione e sviluppo di progetti multimediali interattivi ABTEC40 Progettazione multimediale 2 10 Il corso é orientato all applicazione delle possibilitá tecnologiche e interattive al progetto, attraverso la capacità di progettare, prototipare e realizzare progetti multimediali interattivi considerando: metodi di input e output, sistemi elettronici e physical computing, interaction design, stile ed estetica, ergonomia cognitiva e percezione, creatività e innovazione nel linguaggio multimediale; - al fine di organizzare il workflow operativo di progetti multimediali e interattivi in team. - saper leggere e interpretare opere multimediali e interattive, riconoscendone caratteristiche e contesto di riferimento; - uso del software Processing e dei sistemi legati alla piattaforma elettronica Arduino per la prototipazione e lo sviluppo di progetti multimediali interattivi;

18 ABTEC41 TECNICHE DELLA MODELLAZIONE DIGITALE Il settore comprende l'insieme dei saperi relativi al trattamento digitale delle immagini in ambiente 3D. Le possibili applicazioni di tali tecnologie vanno dalla realizzazione e ricostruzione di ambienti tridimensionali, alla progettazione e rappresentazione di oggetti e manufatti, sia ai fini della rappresentazione artisticoespressiva, sia in direzione di utilizzi legati all'ambito professionale e alla prototipazione industriale. ABTEC41 Tecn. della modellazione digitale - Architettura Virtuale 4 Il corso si occupa della progettazione degli spazi virtuali e della definizione delle possibili interazioni attraverso tecnologie multimediali. Con specifico riferimento alla: - capacitá di comprendere e codificare le significazioni degli spazi virtuali - capacitá metodologica per progettare spazi virtuali, dall'architettura dell'informazione alla definizione di ambienti immersivi della realtà aumentata. ABTEC42 SISTEMI INTERATTIVI I contenuti artistico-scientifico-disciplinari fanno riferimento all analisi, alla progettazione ed alla realizzazione di ambienti interattivi che coinvolgono gesto, spazio e suono. Si riferiscono, inoltre, ai concetti di base dell "image processing e dell' interazione uomo-macchina orientati alla costruzione di oggetti e scenari virtuali di interazione mono o multi-utente. ABTEC42 Progettazione di software interattivi 10 Il corso si propone i seguenti obiettivi: - conoscere e saper utilizzare i linguaggi e gli strumenti utili alla creazione di strumenti per la progettazione di ambienti interattivi mono o multi-utente; - saper progettare e creare interfacce utente secondo i principi di usabilità, efficienza, efficacia, utilità e facilità di apprendimento ; - capacità di gestire progetti multimediali in team, con specifico riferimento all armonizzazione di elementi spaziali, visivi e musicali.. - utilizzo di linguaggi di sviluppo multipiattaforma orientanti al networking - esperienza in progettazione e sviluppo di software multiutente - esperienza in progettazione e creazione di reti complesse per il trasporto di voce e dati

19 ABTEC43 LINGUAGGI E TECNICHE DELL'AUDIOVISIVO I contenuti artistico disciplinari del settore riguardano il pluralismo dei linguaggi e delle innovazioni nelle tecniche che caratterizzano la contemporaneità, tanto nell ambito dei linguaggi audiovisivi legati alle tecniche della tradizione, quanto nell elaborazione e nella sperimentazione di nuovi linguaggi espressivi. Il settore comprende sia la formazione tecnico-operativa relativamente ai settori di ricerca negli ambiti propri delle arti, delle tecniche e delle tecnologie della cinematografia, sia gli strumenti metodologici e critici per l acquisizione di competenze dei linguaggi espressivi. Il settore affronta altresì l estetica e la semiotica dell immagine in movimento, le tecniche della ripresa, di regia, fotografia, ripresa e montaggio, le tecniche di ripresa sonora, missaggio e sincronizzazione, le tecniche di lavorazione e di produzione degli audiovisivi. ABTEC43 Digital video 6 - conoscere e saper utilizzare i più recenti strumenti di ripresa e montaggio; - saper sperimentare e creare audiovisivi attraverso i più recenti strumenti di elaborazione digitale video; - saper scegliere il linguaggio più adatto al progetto da realizzare, percorrendo tutte le fasi creative e tecniche di produzione audiovisiva; - conoscere le tecniche di integrazione e streaming video nei diversi media digitali. - uso dei software: Adobe After Effect e Adobe Premiere - uso di software per il video tracking e il video mapping ABTEC43 Tecniche di montaggio 6 - conoscenza dei mezzi e delle tecniche di ripresa e montaggio; - saper analizzare generi e format, nonché possedere strumenti metodologici e critici adeguati alla scelta delle tecniche e tecnologie più adatte ai vari progetti; - competenza nell uso dei software Adobe Premiere e Adobe After Effect. ABTEC44 SOUND DESIGN La disciplina affronta lo studio e le metodologie di apprendimento di diverse strategie di indagine del suono legato anche all'analisi ambientale, comprendendo la ricerca di sperimentazioni multimediali. Dal paesaggio sonoro alla Sound Composition; dall'analisi compositiva legata all'aspetto installativo all'acoustic Design; dalle interazioni con la tecnologia video alla Videoarte, fino a giungere al Videoclip. ABTEC44 Sound Art 10 - conoscere il rapporto tra arte multimediale e acustica ambientale nel panorama artistico contemporaneo; - saper realizzare opere sonore da utilizzare nell ambito di progetti multimediali e interattivi; - saper sperimentare e realizzare opere sonore autonome. - uso dei software di editing audio

20 ABTEC44 Sound design 6 - conoscenza del panorama della sperimentazione sonora contemporanea; - saper riconoscere i diversi generi e tipologie di composizione sonora contemporanea; - capacità di sperimentazione e di composizione attraverso tecniche classiche o inusuali al fine di poter realizzare basi sonore per audiovisivi. ABVPA01 AREA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO ABVPA61 BENI CULTURALI E AMBIENTALI Il settore comprende gli studi teorici, storici e metodologici sul patrimonio culturale nel suo insieme, sul paesaggio, sulle singole categorie di beni individuati dalle tradizionali suddivisioni disciplinari e di più recente individuazione, in quanto oggetto di conoscenza, tutela e valorizzazione. Comprende altresì gli studi sulla fruizione e sui principi, i metodi, gli strumenti e la progettazione delle diverse forme della relazione tra il pubblico e gli oggetti che formano il patrimonio culturale. ABVPA61 Documentazione Informatica per i beni culturali 6 Obiettivi generali del corso sono: fornire gli strumenti necessari e le specifiche abilità per operare all interno del settore dei Beni Culturali attraverso l'uso delle tecnologie digitali e degli strumenti innovativi per la la gestione, la conservazione, la catalogazione e la fruizione del bene culturale. ABVPA64 MUSEOGRAFIA E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ESPOSITIVI Il settore raccoglie gli studi metodologici e applicativi accomunati dal riferimento alla progettazione di esposizioni temporanee e museali, che si articolano prevalentemente nel progetto di allestimento, nella distribuzione funzionale dei servizi, nella ricerca delle tecniche idonee, anche sotto il profilo ergonomico, nella presentazione degli oggetti esposti. Le discipline del settore curano in modo particolare la ricerca di soluzioni innovative sia per quanto riguarda l ideazione, sia per quanto attiene all articolazione dei percorsi espositivi e agli strumenti comunicativi. ABVPA64 Museografia 6 Il corso ha come finalità l'acquisizione di conoscenze teoriche di storia dei musei e degli allestimenti museali e di orientamento per l'organizzazione di mostre d'arte. Il corso fornisce una conoscenza di base della genesi e dell'evoluzione storica dei musei, attraverso una sintetica analisi del fenomeno del collezionismo e un più approfondito esame delle trasformazioni del significato e delle forme museali, del ruolo e delle funzioni che queste hanno assolto dal Settecento ad oggi. Ampio spazio verrà dato allo studio dell'organizzazione e delle attività del museo contemporaneo, dalla cura delle collezioni alle tecniche espositive alla progettazione dei servizi culturali, con uno sguardo rivolto anche alle componenti di attualità (standard di qualità, comunicazione e rapporto con il pubblico, aspetti giuridici, problematiche della conservazione). Altri approfondimenti riguardano soprattutto la museografia intesa come "scienza che traduce nello spazio le funzioni del museo", in relazione ai criteri di allestimento di collezioni permanenti e mostre temporanee.

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

CODIFICA DELLE LINGUE

CODIFICA DELLE LINGUE ELENCO DELLE MATERIE RIENTRANTI NEI PROGRAMMI D INSEGNAMENTO DELL ULTIMO ANNO DI CORSO, CON I CODICI RELATIVI ALLE MATERIE STESSE ED ALLE CLASSI DI CONCORSO CORRISPONDENTI CODIFICA DELLE LINGUE I codici

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata Diamo forma ai tuoi bisogni Consulenti di soluzioni GRAFICA grafica cartacea - grafica online - grafica applicata BROCHURES CARTELLINE CATALOGHI LOCANDINE VOLANTINI MANIFESTI CALENDARI MENU LOGOMARCHI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli