Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010)"

Transcript

1 Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010) LE FONDAMENTA DELL IMPERO di Luca Balbarini regia Fadia Bassmaji In scena al Teatro Civico 14 di Caserta IN SCENA IL 27 E 28 NOVEMBRE 2010 Le Fondamenta dell Impero, scritto da Luca Balbarini eprodotto dalla Compagnia Quinta Parete. In scena la voce monologante di Enrico Lombardi nel nuovo allestimento diretto da Fadia Bassmaji. UNA PRECARIETA IN VIA DI SPERIMENTAZIONE Una storia particolare invischiata in un contesto globale per necessità, per legami deterministici di causa-effetto. Un corpo narrante oscilla tra testo e contesto, nel racconto di un mondo guidato da un corollario naturale di interessi economici che regolano le sorti del mercato internazionale. L illusione ha l aspetto del potere d acquisto, l etica ha la maschera del controllo e delle massime concettuali che recitano: «le cose fatte bene vanno bene e le cose fatte male non vanno da nessuna parte». Umberto è un uomo positivo, un giovane arrivato e ancora promettente, ha un sostrato forte dentro di sé, che lo spinge a vivere un modello ideale di progresso, ragiona per sistemi di calcolo in vista di un fruttuoso profitto. «Agli affari bisogna approcciarsi con razionalità, con metodo scientifico, occorre accuratezza nelle mosse, meticolosità nelle sfumature, decisione nella scelta finale» ripete a se stesso l uomo, dialogando con la propria autostima, cercando una procedura per lanciarsi in quell imprevedibile vuoto in cui «i bravi fanno la differenza e gli incapaci si perdono». Umberto è un emblema del dinamismo finanziario delle economie neocapitaliste, è ciò che possiede, ottenuto «per precisione, abilità e persuasione». A cavallo di quella magnifica bestia indomabile, che il mercato sa essere radicandosi nelle realtà più strette e definite, il protagonista di questo monologo, dalle molteplici aperture, si riscopre voce malata di un blocco occidentale che perde progressivamente terreno rispetto allo stabilizzarsi dei nuovi equilibri asiatici e rispetto all entropia della mondializzazione. Da dominatore primario, il Sistema-Impero si riscopre coprotagonista e fatica a tenere il passo; nel tentativo di reagire fa leva su fondamenta precarie. Lo spazio della rappresentazione è un complesso di 22 cubi mobili che, in apertura, campeggiano bianchi sul fondo percorsi da un graffito curvilineo. Talvolta referenti dialogici di una mimesi portata in scena dalle digressioni descrittive del monologo, talvolta oggetti scenici installati per l interazione,

2 le geometrie componibili sviluppano ambientazioni diverse costruendo e decostruendo una scenografia ad incastro per un intreccio solitario di voci. Si assiste ad uno spettacolo che avviene in un altro-spazio, più esteso del quadrato di legno e luce, dove chi parla sperimenta e gestisce, come un grande burattinaio, quelle stesse fondamenta che, infine, gli si riversano addosso al suono di «trema la terra sotto i nostri passi». Attraverso articolazioni verbali sinuose quanto mitraglianti, che si impongono per contenuto e per musicalità fino a ritagliare idealmente la performance nella sezione di una bocca plastica, la storia di Umberto sovradetermina una profonda riflessione sul nostro tempo mettendo a nudo le debolezze del nostro vivere, il tarlo dei sensi di colpa, il capovolgimento delle prospettive che parlano alla nostra intimità nei momenti di solitudine e contemplazione, in quelle zone di silenzio in cui la percezione di noi stessi non è più certa. La prova d attore di Enrico Lombardi è davvero notevole, catalizzante, luminosa, sdoppia l attenzione del pubblico che si distribuisce tra la comprensione del racconto e il giudizio sul pieno dominio scenico. Impossibile non vedere la teatralità del corpo che si forma in scena assieme alla scenografia, ricondotta a struttura precisa attraverso un doppio esercizio di memoria. Totale, Lombardi si adatta alla spazialità come materia malleabile, spesso plasma la dimensione performativa soltanto attraverso un gesto, divenendo un aleph di corpi aperti e sicuri quanto immobili e fetali creati dalla voce. «Inizialmente siamo partiti con un lavoro d impronta stanislavskiana - racconta - però ci siamo accorti che era molto limitante, in seguito abbiamo deciso di approfondire lo studio su altri livelli lavorando su un teatro fisico al punto da togliere le parole e concentrarci solo sul corpo, infine siamo ritornati al linguaggio verbale prendendo la parola anche in quanto suono. Una sorta di musica del testo. In seguito c è stata anche una discussione insieme all autore Luca Balbarini sul messaggio e sull approfondimento delle tematiche del testo, realmente un grande testo vivo che appartiene all umanità». Dopo il debutto nel lo spettacolo torna con un nuovo allestimento di Fadia Bassmaji, il suo lavoro registico riesce pienamente a cogliere le spazialità evocate dal testo, attraverso una lettura attenta della presenza scenica contenuta nel testo e un analisi condotta sia sull aspetto psicologico del personaggio quanto sulla storicizzazione del ruolo sociale: «Ci siamo domandati - ha affermato - come poteva essere resa, senza essere realistica, l idea di un personaggio che pensa di avere tutto in mano, secondo la mania di controllo che abbiamo. Dal mio punto di vista siamo molto piccoli per pensare di poter controllare tutto. La scelta di questi cubi piccoli, che cambiano a seconda di ciò di cui il protagonista ha bisogno, nasce dall idea che il mondo, visto con gli occhi del personaggio, sia modificabile con precisione. Questo lo allontana dalla realtà». E necessario andare a teatro, dunque, anche per aprire gli occhi ed osservare, oltre lo spettacolo, dentro la nostra realtà. Christian Iorio Caserta, Teatro Civico 14, sabato 27 novembre 2010 ARTEATRO Direttore Responsabile Laura Soprano

3 "Le Fondamenta dell Impero" al Teatro Civico 14 di Redazione del 30/11/2010 in Musica & Spettacolo CASERTA. Sabato 27 e domenica 28 novembre, al teatro civico 14, la compagnia di Reggio Emilia, Quinta Parete, ha messo in scena lo spettacolo Le fondamenta dell impero. Il testo di Luca Balbarini, è stato messo in scena grazie all estro del protagonista, Enrico Lombardi, alle musiche di Giancarlo Corcillo e alla regia di Fadia Bassmaji. Il personaggio che si racconta nell opera è un uomo che non ha avuto bisogno di niente e di nessuno, che tutto ciò che possiede se lo è guadagnato grazie a meriti propri. Costruisce e distrugge il suo mondo, crea quel che gli serve per poi farne ciò che vuole. Si tratta però di un modo di sentire che non ha a che fare con l etica, quanto piuttosto con la presuntuosa convinzione di essere inserito all interno di una straordinaria e positiva forza che per giustizia meritocratica si è messa alla guida della società. In un aspro scontro tra forze razionali e irrazionali per il definitivo controllo della propria vita, si fanno largo episodi imprevedibili che mettono a repentaglio le fondamenta da cui Umberto (il protagonista) è partito per spingere sempre più avanti la sua condotta. Da notare che la scenografia è fatta di 22 cubi di cartone e rappresenta il mondo di Umberto, a portata di mano, modificabile, smontabile, ricostruibile. In questo modo i pezzi della scenografia saranno usati per costruire il letto, il tavolo, la poltrona fino a che il sistema utilizzato fino a quel momento diverrà, per una causa ben determinata, incontrollabile e tutto sarà diverso. Insomma, ancora un plauso va al teatro civico 14, vera fucina teatrale e coraggioso laboratorio sperimentale. Lo spettacolo è avvincente e coinvolgente. Lo spettatore viene messo dinanzi alle proprie verità. La realtà è messa in discussione e si fonde con la fantasia, il desiderio, l impossibile.

4 La recensione di Domenico Orsini Al suo debutto nel sud Italia la compagnia reggiana Quinta Parete ha portato sul palco del teatro Il primo lo spettacolo Le fondamenta dell impero, insolito ed inedito testo che mette in scena un umanità a noi vicina, un umanità estrema, che vive una realtà esasperata in cui domina "un individualismo feroce, inserito in un mondo in cui tutto è virtuale e le poche tracce di umanità sono percepite sotto la luce dell interesse. Con vigore Enrico Lombardi dà corpo e animo al protagonista, un uomo che mantiene in piedi con ostinazione la propria aberrante ed aberrata realtà, costruendo e distruggendo il suo mondo, creando quel che gli serve per poi farne ciò che vuole. Fulcro del suo vivere è una disinibita autoesaltazione, che si scontra inevitabilmente con tutto ciò che di irrazionale ed incontrollabile riserva la vita, con tutto ciò che mette pericolosamente in bilico la sua ostinata verità. Così il sinuoso monologo, insolito e originale testo di Luca Balbarini (che asciugato acquisterebbe forse maggior incisività), oscilla tra il surreale ed il crudamente reale, tra fantasie, ambizioni e desideri irrealizzabili, nell accanito perseguimento di un successo personale così fortemente legato a una irrefrenabile ansia di controllo totale: personale, familiare, economico, sociale. Singolare ed indovinata la regia di Fadia Bassmaji, che fa muovere il protagonista in un palco nudo, ingombro solo di anonimi cubi bianchi, scatole che racchiudono cose o emozioni, componenti con cui costruire o disfare elementi di scena, metaforici mattoni con cui edificare la realtà, destinata a crollare insiemi alle proprie illusorie certezze. Visto il 3/12/2010 a Napoli (NA) Teatro: Il Primo

5 LE FONDAMENTA DELL IMPERO TRA EMOZIONI E METAFORE di Marco Boccia 4 DICEMBRE 2010 Quando il pubblico entra in sala lo spettacolo si sta già compiendo, l attore è già nel personaggio, l azione scenica che si compie senza i soliti riti del teatro, è un divenire insolito che rende subito lo spettatore partecipe dei duri dissidi interiori ed umani di cui il protagonista è vittima. Le fondamenta dell impero, andato in scena per la sua prima napoletana ieri al teatro Il primo di via Del Capricorno, è un monologo capace di portare allo scoperto le inquiete convinzioni umane, capace di snidare senza mai banalizzarle ansie, paure, omissioni e imprudenze di cui spesso ci macchiamo. Il personaggio, interpretato da un bravo Enrico Lombardi, cerca costantemente di costruire una realtà che ha fondamenta salde nella cieca e spregiudicata auto glorificazione, un personaggio che è costantemente in bilico tra l autocelebrazione e l autodistruzione, trasformandosi in una metafora potentissima della condizione umana, condizione in cui la nostra società è ormai imprigionata. Lo spettacolo scritto da Luca Balbarini conduce con mano ferma lo spettatore nei dissidi di un animo, tormenti che si costruiscono e disfano continuamente cercando sempre una linearità, un ordine che si scontra con la natura umana. La scena, spoglia, occupata solo da circa 20 cubi di carta che divengono all occorrenza tutto il mondo fisico e non del protagonista sottolineano, perfettamente, quel senso di precarietà che accompagna tutto lo spettacolo. Solo quando tutto il castello di convinzioni fallaci si sgretolerà anche l ordine continuo dei cubi crollerà. Uno spettacolo visionario per la sua capacità di creare e disfare, dalla forte carica simbolica che rimanda continuamente ad altri mondi ad altre congetture, portando lo spettatore a smarrirsi nella mediocrità di cui spesso si attornia, restandone inconsapevolmente vittima.

6 Quei ritmi frenetici e lesionistici di Celeste Rossi NAPOLI. Al teatro Il Primo la rap- presentazione dello spettaco- lo/monologo della Compagnia reg- giana Quinta Parete che per la prima volta approda al Sud Italia. Le fondamenta dell Impero è il ti- tolo della rappresentazione di Luca Balbarini, con la regia di Fadia Bassmaji e interamente recitato dal giovane attore Enrico Lombardi. Nel nostro ventunesimo secolo in cui tutto sembra essere governato da elementi virtuali e in cui tutto sem- bra essere misurato solo ed esclu- sivamente dal metro del danaro e dalla ricchezza materiale che ognuno di noi ha, il protagonista riflet- te con sé stesso e con il pubblico sulla capacità che ognuno ha più o meno di crescere e arricchirsi grazie solo alle proprie capacità e senza l aiuto alcuno di nessuno. Il personaggio che si racconta è, infatti, un uomo che si elogia da solo di quello che è riuscito a creare da solo per sé stesso, della vita che conduce, della capacità che ha avuto di riuscire ad inserirsi con successo nel veloce e gelido mer- cato del lavoro attuale mantenen- do saldi dentro di sé i valori della tradizione in cui crede. L elogio a sé stesso avviene non solo attra- verso riflessioni, ma per lo più attraverso racconti ed aneddoti del- la sua vita quotidiana e nel farlo l attore interpreta più personaggi che fanno parte del suo mondo e che hanno sposato una filosofia di vita completamente diversa dalla sua, come la moglie che egli rap- presenta come donna senza pensieri; il fratello che invece viene rappresentato come colui il quale vive una vita basata sull aiuto altrui senza riuscire ad emergere in nulla da solo e con le sue sole for- ze e capacità. Proprio nel secolo del virtuale as- sistiamo ad una rappresentazione totalmente immaginaria, nella qua- le la scenografia è nulla o quasi, nulla perché creata solo da una se- rie di scatole di cartone che du- rante tutto lo spettacolo vengono dal protagonista mosse, aperte e chiuse come se fossero, di volta in volta, un mobile da cui prendere dei documenti, una borsa o il letto di casa sua. È attraverso una tale rappresentazione che lo spettatore può riuscire ad abbandonarsi al- l immaginazione e allo stesso tem- po a riflettere sull epoca in cui vi- ve; un mondo nel quale siamo in- seriti ed in cui tutti noi andiamo avanti trascinati da un ritmo che non dà pause di riflessione e che lascia quasi solo il desiderio di so- gnare e di poter raggiungere l im- possibile, che forse è più vicino di quanto sembra.

7 LA BATTAGLIA DELLA VITA Recensioni di prosa / Scritto da Maresa Galli Lunedì 6 Dicembre :57 Approda a Napoli (dopo le repliche a Caserta), al teatro Il Primo, Le Fondamenta dell Impero, il monologo di Luca Balbarini per la regia di Fadia Bassmaji. Una compagnia reggiana, Quinta Parete, mette in scena la crisi dell uomo contemporaneo sicuro di possedere la chiave del successo, di dominare gli eventi e addirittura la vita. Un uomo che si impegna al massimo e che ha l illusione di poter fare a meno degli altri, agisce negli angusti spazi ritagliati per lui dal capitalismo e dalle regole del mercato. Umberto è interpretato da Enrico Lombardi, attento nel cogliere le sfumature, la nevrosi, il delirio del protagonista, la sua sconfitta, pedina di un gioco molto più grande di lui. La scenografia è brillante: un gioco di ventidue cubi di cartone bianchi, scomposti e ricomposti come fossero muri che cadono, pareti che proteggono, barriere per il prossimo, moglie, fratello, datore di lavoro, partner francesi e quant altro, ma anche mura calde e accoglienti destinate a sgretolarsi. Tutto sembra procedere per il verso giusto, con la fede nel lavoro, nella ragione, nelle magnifiche sorti e progressive della scienza, quando le cose cominciano a prendere una diversa piega. Il fratello di Umberto, Leonardo, è un individuo negato per gli affari, che accumula fallimenti e si riduce a chiedere un prestito al fratello per aprire un attività già persa in partenza. Poi c è Franceschi, il datore di lavoro, che sa sempre tutto, pronto a gestire le crisi e a dispensare perle di saggezza perché lui è uno che ce l ha fatta E la moglie di Umberto, stanca di non far niente, assente, che finge vigliaccamente di dormire, presente solo quando deve perorare cause perse. Il socio Corrado, uno buono per il gabbio, che si caccia sempre nei guai, mette in forse le relazioni con i francesi, partner fondamentali. E raccontando la sua storia Umberto continua a grattarsi i piedi, in maniera compulsiva, nevrotica. Sarà una sciocchezza? Quanti medici dovranno visitarlo per capire che è affetto da un linfoma? Ecco l evento incontrollabile, la rottura dei piani, l ingiusta punizione per chi ha fatto tutto da solo e meritava di vivere a lungo. Il sistema di certezze è imploso, il futuro ci respinge come fossimo un bubbone. Non sono certo che questo mondo sia in grado di sopravvivere a se stesso, dirà Umberto nel finale di partita. Nel contesto un buon lavoro per riflettere sul contemporaneo ma da limare/tagliare in alcuni passaggi. Bene che la creatività venga da nuove compagnie che ancora sperimentano e impegnano i diversi linguaggi dell arte, lasciando spazio ai giovani.

8 NAPOLIONTHEROAD NAPOLIONTHEROAD TEATROCULT 7 dicembre 2010 LE FONDAMENTA DELL IMPERO AL TEATRO IL PRIMO Uno spettacolo immaginario che tira dentro e spinge fuori lo spettatore e lo mette di fronte alle sue verità Servizio di Guero Cacci Napoli - Pièce scritta da Luca Balbarini, Le fondamenta dell Impero è lo spettacolo d esordio della compagnia reggiana Quinta Parete andata in scena al teatro Il Primo il 3, 4 e 5 dicembre. Si tratta di un monologo per attore interpretato da Enrico Lombardi: all inizio della rappresentazione egli è al centro del palco e sembra quasi che il pubblico, appena accomodatosi, si sia insinuato in un azione che già si sta sviluppando. Grande calcolatore, razionale, decisionista, Umberto ha ottenuto tutto ciò che possiede solo con le proprie forze. Egli ha la ferma convinzione che in ogni campo della vita e alla base delle affermazioni professionali di ognuno ci siano elementi imprescindibili: le tradizioni ( sono vincoli meravigliosi, struggenti, ci dicono chi siamo ), il rispetto delle regole, la precisione, la bravura, l iniziativa, l ordine nella società, la forma, le buone maniere nei rapporti interpersonali, la persuasione e la determinazione. Sono questi i cardini su cui è imperniata la sua esistenza, veri e propri dogmi di una vita socio- professionale proficua e prestigiosa. Umberto è un vincente, non si fida di nessuno, conta solo su se stesso; a suo modo di vedere non agisce con immoralità, ma si dimena nel mondo degli affari semplicemente applicando quei principi che gli permettono di restare dignitosamente a galla in un mare pieno di squali. La sua filosofia di vita è imperniata sull ordine razionale delle cose: 22 scatole di carta a forma di parallelepipedo sono posizionate sul palco a significare ciò. Infatti, Umberto le muove e smuove a suo piacimento per rinnovare continuamente il suo mondo distruggendo quello plasmato in precedenza; le apre e le richiude di continuo per trarne gli strumenti necessari alla conservazione del suo Impero. Il mondo costruito da Umberto è però intaccato da circostanze inaspettate e incontrollabili, che minano sia le fondamenta di ciò che ha costruito, sia la sua sicurezza, avvolgendolo di paure, dubbi e inquietudini mai provate prima. Si scontra così con l inettitudine del fratello, capace di chiedergli un prestito dopo un affare andato male, l invidia e l immoralità dei colleghi, che godrebbero sicuramente dei suoi fallimenti, la compassione della moglie per il fratello, i tarli della coscienza che lo assillano: questi sono ostacoli che mai si dovrebbero presentare sul cammino di un uomo che va deciso per la sua strada. L autocontrollo di Umberto inizia gradatamente a vacillare, il suo mondo razionale si scontra con l irrazionalità degli eventi, che raggiunge il suo apice nel momento in cui egli scopre di avere una grave malattia. L ordine diventa così disordine imponderabile: le scatole gettate alla rinfusa nei suoi momenti di sconforto rappresentano in modo perfetto tale condizione. Maledetta la terra! è la sua imprecazione, più volte ripetuta nei suoi discorsi, ma ora vero e proprio grido di dolore verso il destino,

9 che non accetta: egli ha sempre operato con valori discutibili che però appartengono a tutti, ha rischiato, ha vinto e può tranquillamente continuare a vincere, ma una forza esterna alle sue cognizioni ha deciso negativamente per lui. Trema la terra sotto i nostri piedi, ripete con ritmo incalzante una voce in sottofondo alla fine dello spettacolo: le basi che l uomo ha posto per la sua vita non sono solide e la consapevolezza di ciò lo rende ancora più insicuro. Enrico Lombardi/Umberto si misura nuovamente con questo personaggio in un allestimento nuovo rispetto a quello originario. Preparato, conscio dei suoi mezzi, egli dà corpo e voce ad una storia individuale che gradatamente diventa una considerazione universale sul destino del mondo e il senso della vita. Infatti, osservando i suoi gesti, ascoltando le sue parole, non si può far a meno di pensare, in quel preciso istante, a un immagine globale che trascende il semplice racconto del protagonista: sul palco non sembra esserci una sola persona. Camaleontico, penetra abilmente nei diversi stati d animo del suo personaggio rimarcandone, di volta in volta, la sicurezza, il cinismo, il tormento, la paura. Curata è la regia di Fadia Bassmaji, che dirige i movimenti scenici dell unico attore soffermandosi soprattutto sulla sua gestualità. Il suo lavoro è agevolato da un gioco di luci anch esso attento ai lineamenti del protagonista e dall impegno, veramente fisico, che Enrico Lombardi profonde nell affrontare una prova sicuramente non semplice. Le fondamenta dell Impero è un dialogo con se stessi e il mondo intero; è un testo moderno, un analisi introspettiva sull uomo, che pensa erroneamente di avere tutto sotto controllo ma diventa insicuro anche davanti alle piccole cose e inetto quando gli si presentano situazioni più grandi di lui. Lo spettacolo è anche un amara riflessione sul mondo attuale: il denaro, la formalità, l opportunismo, il cinismo, sono sempre più valori strumentali alla realizzazione di un obiettivo, in ogni ambito. Alla fine si potrebbe pensare che il personaggio interpretato da Enrico Lombardi, un vincente, venga sconfitto: in un certo modo, a mio parere, egli ne esce vittorioso in quanto scopre i suoi limiti, nonostante le fondamenta del suo Impero non siano più stabili.

10 LA VOCE DI NAPOLI /www.lavocedinapoli.altervista.org " LE FONDAMENTA DELL' IMPERO" IN SCENA AL TEATRO "IL PRIMO" Francesco Manno La compagnia reggiana Quinta Parete arriva per la prima volta a Napoli con il suo spettacolo Le Fondamenta dell Impero. Si tratta di un monologo, messo in scena la prima volta nel 2007, con opportune modifiche nel corso degli anni. Il linguaggio è criptico in determinate fasi ma il tutto risulta comprensibile. Il protagonista racconta se stesso e il mondo circostante costituisce lo sfondo della narrazione. Tutto ruota intorno a lui, la visione dell ambiente circostante è unilaterale. Il personaggio che si racconta è un uomo che ha costruito da sé il proprio destino, un uomo che costruisce e disfa continuamente la propria fortuna affidandosi unicamente alle sue abilità. Ad un certo punto accade l imprevisto, tutto l impero da lui creato si dissolve miseramente. Metafora questa della società contemporanea, in cui ogni uomo non è altro che un punto infinitesimale nella vastità dell universo.

11 CORRIERE DEL MEZZOGIORNO/Le Fondamenta dell Impero Al Teatro Il Primo di Napoli Le fondamenta dell Impero un testo di Luca Balbarini e dalla regia firmata Fadia Bassmaji. La performance della compagnia emiliana Quinta Parete vedrà Enrico Lombardi interpretare Umberto, classico selfmademan che si scontra con un evento imprevisto che stravolge le sue conoscenze e certezze, perché lui è un uomo che non ha avuto bisogno di niente e di nessuno e tutto ciò che ha lo deve al proprio sudore, costruisce e annienta il suo mondo, crea quel che gli serve per poi farne ciò che vuole, è il conflitto tra questa condizione di celebrazione delle abilità individuali e di estrema fiducia nei propri mezzi e il mondo dell irrazionale che crea in Umberto panico. Queste condizioni aumentano e esplodono in tutta la loro violenza in seguito agli attentati dell 11 settembre, che sconvolgono la vita di chiunque. Il successo personale è legato a un ansia di controllo personale, familiare, economico e sociale, che si fa largo ad episodi inconcepibili che mettono in pericolo le fondamenta da cui Umberto è partito per spingere sempre più avanti la sua condotta. Uno spettacolo immaginario che mette lo spettatore di fronte alle sue verità www. napolinews.altervista.org/lefondam.htm = &archive=&start_from=&ucat=12

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba PRESENTAZIONE Le Acque compagnia teatrale, che svolge dal 1996 la propria attività in ambito artistico, formativo, scolastico e sociale, presenta dei progetti teatrali-educativi per la Scuola Primaria.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA 1 Circolo Didattico - Sondrio Scuola dell infanzia G. Segantini L attività psicomotoria consente ai bambini di mettere in moto contemporaneamente

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Liberamente tratto da Pierino e il lupo di Prokofiev Regia, realizzazione marionette e animazione Dino Arru Con Dino e Raffaele Arru HO VISTO IL LUPO Gli ultimi

Dettagli

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO Laboratorio bambini di 4/5 anni ANNO SCOLASTICO 2010-11 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO MUSICALE CON IL CAVALLO LALLO

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Libretto di aforismi di Dario Amadei

Libretto di aforismi di Dario Amadei Libretto di aforismi di a cura di La scrittura è uno strumento importante perché ci permette di esternare dei concetti che altrimenti non avremmo il coraggio di esprimere chiaramente, ammantandoli di una

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Scuola dell Infanzia M.Montessori Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Premessa Ogni bambino-a giunge alla Scuola dell Infanzia con un bagaglio di esperienze e conoscenze legate alla propria storia

Dettagli

Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine.

Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine. Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine. Fino alla fine, atto unico di 70 minuti scritto e

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

ANDREA BELLACICCO ATTORE GIOIESE A DISNEY CHANNEL-foto. Scritto da Dalila Bellacicco Venerdì 09 Novembre 2012 07:41

ANDREA BELLACICCO ATTORE GIOIESE A DISNEY CHANNEL-foto. Scritto da Dalila Bellacicco Venerdì 09 Novembre 2012 07:41 Andrea Bellacicco, giovane attore gioiese, su Disney Channel nella serie televisiva Tour, nelle vesti di Justin, ha conquistato nei giorni scorsi, un prestigioso riconoscimento: il Premio Off - Teatro

Dettagli

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI Obiettivi: * sviluppare il pensiero divergente controllato (pensiero esplorativo); * classificare i suoni ed i rumori in base alla fonte e alla provenienza.;

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Le nostre emozioni. Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ

Le nostre emozioni. Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ Le nostre emozioni Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ PREMESSA Ogni alunno porta nella scuola la sua storia, le sue emozioni, le

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

La Famiglia nell era digitale

La Famiglia nell era digitale La Famiglia nell era digitale sabato 22 gennaio 2011 Firenze - Convitto della Calza Alcuni siti web che possono essere utilmente consultati per Navigare sicuri bambini e adulti Siti che possono essere

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Team building e volontariato aziendale: nuove proposte per la crescita delle imprese

Team building e volontariato aziendale: nuove proposte per la crescita delle imprese Team building e volontariato aziendale: nuove proposte per la crescita delle imprese Definizioni di volontariato di impresa Il coinvolgimento del personale di un'impresa nella comunità attraverso forme

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Peter Brook, il famoso regista inglese nel libro La porta aperta dice:

Peter Brook, il famoso regista inglese nel libro La porta aperta dice: Un pubblico di bambini molto, molto piccoli conferenza di Roberto Frabetti, La Baracca Testoni Ragazzi di Bologna Seminario Linguagens em Educacão Infantil Campinas 11 luglio 2007 - mattino Peter Brook,

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Scuola dell infanzia Presentazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze,

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

Un passo in avanti d Autorità. Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona

Un passo in avanti d Autorità. Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona Un passo in avanti d Autorità Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona Con piacere prendo parola a questo nuovo appuntamento nazionale di Città

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Scuola dell Infanzia Via Bonn Docente: Virdis Cristina PROGETTO Accogliere per includere A.S. 2013/14 2014/15 COMPETENZE CHIAVE Traguardi di sviluppo specifici

Dettagli

Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini. TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo

Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini. TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo 1 https://www.youtube.com/watch?v=cxa13kh3 jpu&spfreload=10 LINK DEL PROMO GIOCHI

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli