Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010)"

Transcript

1 Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010) LE FONDAMENTA DELL IMPERO di Luca Balbarini regia Fadia Bassmaji In scena al Teatro Civico 14 di Caserta IN SCENA IL 27 E 28 NOVEMBRE 2010 Le Fondamenta dell Impero, scritto da Luca Balbarini eprodotto dalla Compagnia Quinta Parete. In scena la voce monologante di Enrico Lombardi nel nuovo allestimento diretto da Fadia Bassmaji. UNA PRECARIETA IN VIA DI SPERIMENTAZIONE Una storia particolare invischiata in un contesto globale per necessità, per legami deterministici di causa-effetto. Un corpo narrante oscilla tra testo e contesto, nel racconto di un mondo guidato da un corollario naturale di interessi economici che regolano le sorti del mercato internazionale. L illusione ha l aspetto del potere d acquisto, l etica ha la maschera del controllo e delle massime concettuali che recitano: «le cose fatte bene vanno bene e le cose fatte male non vanno da nessuna parte». Umberto è un uomo positivo, un giovane arrivato e ancora promettente, ha un sostrato forte dentro di sé, che lo spinge a vivere un modello ideale di progresso, ragiona per sistemi di calcolo in vista di un fruttuoso profitto. «Agli affari bisogna approcciarsi con razionalità, con metodo scientifico, occorre accuratezza nelle mosse, meticolosità nelle sfumature, decisione nella scelta finale» ripete a se stesso l uomo, dialogando con la propria autostima, cercando una procedura per lanciarsi in quell imprevedibile vuoto in cui «i bravi fanno la differenza e gli incapaci si perdono». Umberto è un emblema del dinamismo finanziario delle economie neocapitaliste, è ciò che possiede, ottenuto «per precisione, abilità e persuasione». A cavallo di quella magnifica bestia indomabile, che il mercato sa essere radicandosi nelle realtà più strette e definite, il protagonista di questo monologo, dalle molteplici aperture, si riscopre voce malata di un blocco occidentale che perde progressivamente terreno rispetto allo stabilizzarsi dei nuovi equilibri asiatici e rispetto all entropia della mondializzazione. Da dominatore primario, il Sistema-Impero si riscopre coprotagonista e fatica a tenere il passo; nel tentativo di reagire fa leva su fondamenta precarie. Lo spazio della rappresentazione è un complesso di 22 cubi mobili che, in apertura, campeggiano bianchi sul fondo percorsi da un graffito curvilineo. Talvolta referenti dialogici di una mimesi portata in scena dalle digressioni descrittive del monologo, talvolta oggetti scenici installati per l interazione,

2 le geometrie componibili sviluppano ambientazioni diverse costruendo e decostruendo una scenografia ad incastro per un intreccio solitario di voci. Si assiste ad uno spettacolo che avviene in un altro-spazio, più esteso del quadrato di legno e luce, dove chi parla sperimenta e gestisce, come un grande burattinaio, quelle stesse fondamenta che, infine, gli si riversano addosso al suono di «trema la terra sotto i nostri passi». Attraverso articolazioni verbali sinuose quanto mitraglianti, che si impongono per contenuto e per musicalità fino a ritagliare idealmente la performance nella sezione di una bocca plastica, la storia di Umberto sovradetermina una profonda riflessione sul nostro tempo mettendo a nudo le debolezze del nostro vivere, il tarlo dei sensi di colpa, il capovolgimento delle prospettive che parlano alla nostra intimità nei momenti di solitudine e contemplazione, in quelle zone di silenzio in cui la percezione di noi stessi non è più certa. La prova d attore di Enrico Lombardi è davvero notevole, catalizzante, luminosa, sdoppia l attenzione del pubblico che si distribuisce tra la comprensione del racconto e il giudizio sul pieno dominio scenico. Impossibile non vedere la teatralità del corpo che si forma in scena assieme alla scenografia, ricondotta a struttura precisa attraverso un doppio esercizio di memoria. Totale, Lombardi si adatta alla spazialità come materia malleabile, spesso plasma la dimensione performativa soltanto attraverso un gesto, divenendo un aleph di corpi aperti e sicuri quanto immobili e fetali creati dalla voce. «Inizialmente siamo partiti con un lavoro d impronta stanislavskiana - racconta - però ci siamo accorti che era molto limitante, in seguito abbiamo deciso di approfondire lo studio su altri livelli lavorando su un teatro fisico al punto da togliere le parole e concentrarci solo sul corpo, infine siamo ritornati al linguaggio verbale prendendo la parola anche in quanto suono. Una sorta di musica del testo. In seguito c è stata anche una discussione insieme all autore Luca Balbarini sul messaggio e sull approfondimento delle tematiche del testo, realmente un grande testo vivo che appartiene all umanità». Dopo il debutto nel lo spettacolo torna con un nuovo allestimento di Fadia Bassmaji, il suo lavoro registico riesce pienamente a cogliere le spazialità evocate dal testo, attraverso una lettura attenta della presenza scenica contenuta nel testo e un analisi condotta sia sull aspetto psicologico del personaggio quanto sulla storicizzazione del ruolo sociale: «Ci siamo domandati - ha affermato - come poteva essere resa, senza essere realistica, l idea di un personaggio che pensa di avere tutto in mano, secondo la mania di controllo che abbiamo. Dal mio punto di vista siamo molto piccoli per pensare di poter controllare tutto. La scelta di questi cubi piccoli, che cambiano a seconda di ciò di cui il protagonista ha bisogno, nasce dall idea che il mondo, visto con gli occhi del personaggio, sia modificabile con precisione. Questo lo allontana dalla realtà». E necessario andare a teatro, dunque, anche per aprire gli occhi ed osservare, oltre lo spettacolo, dentro la nostra realtà. Christian Iorio Caserta, Teatro Civico 14, sabato 27 novembre 2010 ARTEATRO Direttore Responsabile Laura Soprano

3 "Le Fondamenta dell Impero" al Teatro Civico 14 di Redazione del 30/11/2010 in Musica & Spettacolo CASERTA. Sabato 27 e domenica 28 novembre, al teatro civico 14, la compagnia di Reggio Emilia, Quinta Parete, ha messo in scena lo spettacolo Le fondamenta dell impero. Il testo di Luca Balbarini, è stato messo in scena grazie all estro del protagonista, Enrico Lombardi, alle musiche di Giancarlo Corcillo e alla regia di Fadia Bassmaji. Il personaggio che si racconta nell opera è un uomo che non ha avuto bisogno di niente e di nessuno, che tutto ciò che possiede se lo è guadagnato grazie a meriti propri. Costruisce e distrugge il suo mondo, crea quel che gli serve per poi farne ciò che vuole. Si tratta però di un modo di sentire che non ha a che fare con l etica, quanto piuttosto con la presuntuosa convinzione di essere inserito all interno di una straordinaria e positiva forza che per giustizia meritocratica si è messa alla guida della società. In un aspro scontro tra forze razionali e irrazionali per il definitivo controllo della propria vita, si fanno largo episodi imprevedibili che mettono a repentaglio le fondamenta da cui Umberto (il protagonista) è partito per spingere sempre più avanti la sua condotta. Da notare che la scenografia è fatta di 22 cubi di cartone e rappresenta il mondo di Umberto, a portata di mano, modificabile, smontabile, ricostruibile. In questo modo i pezzi della scenografia saranno usati per costruire il letto, il tavolo, la poltrona fino a che il sistema utilizzato fino a quel momento diverrà, per una causa ben determinata, incontrollabile e tutto sarà diverso. Insomma, ancora un plauso va al teatro civico 14, vera fucina teatrale e coraggioso laboratorio sperimentale. Lo spettacolo è avvincente e coinvolgente. Lo spettatore viene messo dinanzi alle proprie verità. La realtà è messa in discussione e si fonde con la fantasia, il desiderio, l impossibile.

4 La recensione di Domenico Orsini Al suo debutto nel sud Italia la compagnia reggiana Quinta Parete ha portato sul palco del teatro Il primo lo spettacolo Le fondamenta dell impero, insolito ed inedito testo che mette in scena un umanità a noi vicina, un umanità estrema, che vive una realtà esasperata in cui domina "un individualismo feroce, inserito in un mondo in cui tutto è virtuale e le poche tracce di umanità sono percepite sotto la luce dell interesse. Con vigore Enrico Lombardi dà corpo e animo al protagonista, un uomo che mantiene in piedi con ostinazione la propria aberrante ed aberrata realtà, costruendo e distruggendo il suo mondo, creando quel che gli serve per poi farne ciò che vuole. Fulcro del suo vivere è una disinibita autoesaltazione, che si scontra inevitabilmente con tutto ciò che di irrazionale ed incontrollabile riserva la vita, con tutto ciò che mette pericolosamente in bilico la sua ostinata verità. Così il sinuoso monologo, insolito e originale testo di Luca Balbarini (che asciugato acquisterebbe forse maggior incisività), oscilla tra il surreale ed il crudamente reale, tra fantasie, ambizioni e desideri irrealizzabili, nell accanito perseguimento di un successo personale così fortemente legato a una irrefrenabile ansia di controllo totale: personale, familiare, economico, sociale. Singolare ed indovinata la regia di Fadia Bassmaji, che fa muovere il protagonista in un palco nudo, ingombro solo di anonimi cubi bianchi, scatole che racchiudono cose o emozioni, componenti con cui costruire o disfare elementi di scena, metaforici mattoni con cui edificare la realtà, destinata a crollare insiemi alle proprie illusorie certezze. Visto il 3/12/2010 a Napoli (NA) Teatro: Il Primo

5 LE FONDAMENTA DELL IMPERO TRA EMOZIONI E METAFORE di Marco Boccia 4 DICEMBRE 2010 Quando il pubblico entra in sala lo spettacolo si sta già compiendo, l attore è già nel personaggio, l azione scenica che si compie senza i soliti riti del teatro, è un divenire insolito che rende subito lo spettatore partecipe dei duri dissidi interiori ed umani di cui il protagonista è vittima. Le fondamenta dell impero, andato in scena per la sua prima napoletana ieri al teatro Il primo di via Del Capricorno, è un monologo capace di portare allo scoperto le inquiete convinzioni umane, capace di snidare senza mai banalizzarle ansie, paure, omissioni e imprudenze di cui spesso ci macchiamo. Il personaggio, interpretato da un bravo Enrico Lombardi, cerca costantemente di costruire una realtà che ha fondamenta salde nella cieca e spregiudicata auto glorificazione, un personaggio che è costantemente in bilico tra l autocelebrazione e l autodistruzione, trasformandosi in una metafora potentissima della condizione umana, condizione in cui la nostra società è ormai imprigionata. Lo spettacolo scritto da Luca Balbarini conduce con mano ferma lo spettatore nei dissidi di un animo, tormenti che si costruiscono e disfano continuamente cercando sempre una linearità, un ordine che si scontra con la natura umana. La scena, spoglia, occupata solo da circa 20 cubi di carta che divengono all occorrenza tutto il mondo fisico e non del protagonista sottolineano, perfettamente, quel senso di precarietà che accompagna tutto lo spettacolo. Solo quando tutto il castello di convinzioni fallaci si sgretolerà anche l ordine continuo dei cubi crollerà. Uno spettacolo visionario per la sua capacità di creare e disfare, dalla forte carica simbolica che rimanda continuamente ad altri mondi ad altre congetture, portando lo spettatore a smarrirsi nella mediocrità di cui spesso si attornia, restandone inconsapevolmente vittima.

6 Quei ritmi frenetici e lesionistici di Celeste Rossi NAPOLI. Al teatro Il Primo la rap- presentazione dello spettaco- lo/monologo della Compagnia reg- giana Quinta Parete che per la prima volta approda al Sud Italia. Le fondamenta dell Impero è il ti- tolo della rappresentazione di Luca Balbarini, con la regia di Fadia Bassmaji e interamente recitato dal giovane attore Enrico Lombardi. Nel nostro ventunesimo secolo in cui tutto sembra essere governato da elementi virtuali e in cui tutto sem- bra essere misurato solo ed esclu- sivamente dal metro del danaro e dalla ricchezza materiale che ognuno di noi ha, il protagonista riflet- te con sé stesso e con il pubblico sulla capacità che ognuno ha più o meno di crescere e arricchirsi grazie solo alle proprie capacità e senza l aiuto alcuno di nessuno. Il personaggio che si racconta è, infatti, un uomo che si elogia da solo di quello che è riuscito a creare da solo per sé stesso, della vita che conduce, della capacità che ha avuto di riuscire ad inserirsi con successo nel veloce e gelido mer- cato del lavoro attuale mantenen- do saldi dentro di sé i valori della tradizione in cui crede. L elogio a sé stesso avviene non solo attra- verso riflessioni, ma per lo più attraverso racconti ed aneddoti del- la sua vita quotidiana e nel farlo l attore interpreta più personaggi che fanno parte del suo mondo e che hanno sposato una filosofia di vita completamente diversa dalla sua, come la moglie che egli rap- presenta come donna senza pensieri; il fratello che invece viene rappresentato come colui il quale vive una vita basata sull aiuto altrui senza riuscire ad emergere in nulla da solo e con le sue sole for- ze e capacità. Proprio nel secolo del virtuale as- sistiamo ad una rappresentazione totalmente immaginaria, nella qua- le la scenografia è nulla o quasi, nulla perché creata solo da una se- rie di scatole di cartone che du- rante tutto lo spettacolo vengono dal protagonista mosse, aperte e chiuse come se fossero, di volta in volta, un mobile da cui prendere dei documenti, una borsa o il letto di casa sua. È attraverso una tale rappresentazione che lo spettatore può riuscire ad abbandonarsi al- l immaginazione e allo stesso tem- po a riflettere sull epoca in cui vi- ve; un mondo nel quale siamo in- seriti ed in cui tutti noi andiamo avanti trascinati da un ritmo che non dà pause di riflessione e che lascia quasi solo il desiderio di so- gnare e di poter raggiungere l im- possibile, che forse è più vicino di quanto sembra.

7 LA BATTAGLIA DELLA VITA Recensioni di prosa / Scritto da Maresa Galli Lunedì 6 Dicembre :57 Approda a Napoli (dopo le repliche a Caserta), al teatro Il Primo, Le Fondamenta dell Impero, il monologo di Luca Balbarini per la regia di Fadia Bassmaji. Una compagnia reggiana, Quinta Parete, mette in scena la crisi dell uomo contemporaneo sicuro di possedere la chiave del successo, di dominare gli eventi e addirittura la vita. Un uomo che si impegna al massimo e che ha l illusione di poter fare a meno degli altri, agisce negli angusti spazi ritagliati per lui dal capitalismo e dalle regole del mercato. Umberto è interpretato da Enrico Lombardi, attento nel cogliere le sfumature, la nevrosi, il delirio del protagonista, la sua sconfitta, pedina di un gioco molto più grande di lui. La scenografia è brillante: un gioco di ventidue cubi di cartone bianchi, scomposti e ricomposti come fossero muri che cadono, pareti che proteggono, barriere per il prossimo, moglie, fratello, datore di lavoro, partner francesi e quant altro, ma anche mura calde e accoglienti destinate a sgretolarsi. Tutto sembra procedere per il verso giusto, con la fede nel lavoro, nella ragione, nelle magnifiche sorti e progressive della scienza, quando le cose cominciano a prendere una diversa piega. Il fratello di Umberto, Leonardo, è un individuo negato per gli affari, che accumula fallimenti e si riduce a chiedere un prestito al fratello per aprire un attività già persa in partenza. Poi c è Franceschi, il datore di lavoro, che sa sempre tutto, pronto a gestire le crisi e a dispensare perle di saggezza perché lui è uno che ce l ha fatta E la moglie di Umberto, stanca di non far niente, assente, che finge vigliaccamente di dormire, presente solo quando deve perorare cause perse. Il socio Corrado, uno buono per il gabbio, che si caccia sempre nei guai, mette in forse le relazioni con i francesi, partner fondamentali. E raccontando la sua storia Umberto continua a grattarsi i piedi, in maniera compulsiva, nevrotica. Sarà una sciocchezza? Quanti medici dovranno visitarlo per capire che è affetto da un linfoma? Ecco l evento incontrollabile, la rottura dei piani, l ingiusta punizione per chi ha fatto tutto da solo e meritava di vivere a lungo. Il sistema di certezze è imploso, il futuro ci respinge come fossimo un bubbone. Non sono certo che questo mondo sia in grado di sopravvivere a se stesso, dirà Umberto nel finale di partita. Nel contesto un buon lavoro per riflettere sul contemporaneo ma da limare/tagliare in alcuni passaggi. Bene che la creatività venga da nuove compagnie che ancora sperimentano e impegnano i diversi linguaggi dell arte, lasciando spazio ai giovani.

8 NAPOLIONTHEROAD NAPOLIONTHEROAD TEATROCULT 7 dicembre 2010 LE FONDAMENTA DELL IMPERO AL TEATRO IL PRIMO Uno spettacolo immaginario che tira dentro e spinge fuori lo spettatore e lo mette di fronte alle sue verità Servizio di Guero Cacci Napoli - Pièce scritta da Luca Balbarini, Le fondamenta dell Impero è lo spettacolo d esordio della compagnia reggiana Quinta Parete andata in scena al teatro Il Primo il 3, 4 e 5 dicembre. Si tratta di un monologo per attore interpretato da Enrico Lombardi: all inizio della rappresentazione egli è al centro del palco e sembra quasi che il pubblico, appena accomodatosi, si sia insinuato in un azione che già si sta sviluppando. Grande calcolatore, razionale, decisionista, Umberto ha ottenuto tutto ciò che possiede solo con le proprie forze. Egli ha la ferma convinzione che in ogni campo della vita e alla base delle affermazioni professionali di ognuno ci siano elementi imprescindibili: le tradizioni ( sono vincoli meravigliosi, struggenti, ci dicono chi siamo ), il rispetto delle regole, la precisione, la bravura, l iniziativa, l ordine nella società, la forma, le buone maniere nei rapporti interpersonali, la persuasione e la determinazione. Sono questi i cardini su cui è imperniata la sua esistenza, veri e propri dogmi di una vita socio- professionale proficua e prestigiosa. Umberto è un vincente, non si fida di nessuno, conta solo su se stesso; a suo modo di vedere non agisce con immoralità, ma si dimena nel mondo degli affari semplicemente applicando quei principi che gli permettono di restare dignitosamente a galla in un mare pieno di squali. La sua filosofia di vita è imperniata sull ordine razionale delle cose: 22 scatole di carta a forma di parallelepipedo sono posizionate sul palco a significare ciò. Infatti, Umberto le muove e smuove a suo piacimento per rinnovare continuamente il suo mondo distruggendo quello plasmato in precedenza; le apre e le richiude di continuo per trarne gli strumenti necessari alla conservazione del suo Impero. Il mondo costruito da Umberto è però intaccato da circostanze inaspettate e incontrollabili, che minano sia le fondamenta di ciò che ha costruito, sia la sua sicurezza, avvolgendolo di paure, dubbi e inquietudini mai provate prima. Si scontra così con l inettitudine del fratello, capace di chiedergli un prestito dopo un affare andato male, l invidia e l immoralità dei colleghi, che godrebbero sicuramente dei suoi fallimenti, la compassione della moglie per il fratello, i tarli della coscienza che lo assillano: questi sono ostacoli che mai si dovrebbero presentare sul cammino di un uomo che va deciso per la sua strada. L autocontrollo di Umberto inizia gradatamente a vacillare, il suo mondo razionale si scontra con l irrazionalità degli eventi, che raggiunge il suo apice nel momento in cui egli scopre di avere una grave malattia. L ordine diventa così disordine imponderabile: le scatole gettate alla rinfusa nei suoi momenti di sconforto rappresentano in modo perfetto tale condizione. Maledetta la terra! è la sua imprecazione, più volte ripetuta nei suoi discorsi, ma ora vero e proprio grido di dolore verso il destino,

9 che non accetta: egli ha sempre operato con valori discutibili che però appartengono a tutti, ha rischiato, ha vinto e può tranquillamente continuare a vincere, ma una forza esterna alle sue cognizioni ha deciso negativamente per lui. Trema la terra sotto i nostri piedi, ripete con ritmo incalzante una voce in sottofondo alla fine dello spettacolo: le basi che l uomo ha posto per la sua vita non sono solide e la consapevolezza di ciò lo rende ancora più insicuro. Enrico Lombardi/Umberto si misura nuovamente con questo personaggio in un allestimento nuovo rispetto a quello originario. Preparato, conscio dei suoi mezzi, egli dà corpo e voce ad una storia individuale che gradatamente diventa una considerazione universale sul destino del mondo e il senso della vita. Infatti, osservando i suoi gesti, ascoltando le sue parole, non si può far a meno di pensare, in quel preciso istante, a un immagine globale che trascende il semplice racconto del protagonista: sul palco non sembra esserci una sola persona. Camaleontico, penetra abilmente nei diversi stati d animo del suo personaggio rimarcandone, di volta in volta, la sicurezza, il cinismo, il tormento, la paura. Curata è la regia di Fadia Bassmaji, che dirige i movimenti scenici dell unico attore soffermandosi soprattutto sulla sua gestualità. Il suo lavoro è agevolato da un gioco di luci anch esso attento ai lineamenti del protagonista e dall impegno, veramente fisico, che Enrico Lombardi profonde nell affrontare una prova sicuramente non semplice. Le fondamenta dell Impero è un dialogo con se stessi e il mondo intero; è un testo moderno, un analisi introspettiva sull uomo, che pensa erroneamente di avere tutto sotto controllo ma diventa insicuro anche davanti alle piccole cose e inetto quando gli si presentano situazioni più grandi di lui. Lo spettacolo è anche un amara riflessione sul mondo attuale: il denaro, la formalità, l opportunismo, il cinismo, sono sempre più valori strumentali alla realizzazione di un obiettivo, in ogni ambito. Alla fine si potrebbe pensare che il personaggio interpretato da Enrico Lombardi, un vincente, venga sconfitto: in un certo modo, a mio parere, egli ne esce vittorioso in quanto scopre i suoi limiti, nonostante le fondamenta del suo Impero non siano più stabili.

10 LA VOCE DI NAPOLI /www.lavocedinapoli.altervista.org " LE FONDAMENTA DELL' IMPERO" IN SCENA AL TEATRO "IL PRIMO" Francesco Manno La compagnia reggiana Quinta Parete arriva per la prima volta a Napoli con il suo spettacolo Le Fondamenta dell Impero. Si tratta di un monologo, messo in scena la prima volta nel 2007, con opportune modifiche nel corso degli anni. Il linguaggio è criptico in determinate fasi ma il tutto risulta comprensibile. Il protagonista racconta se stesso e il mondo circostante costituisce lo sfondo della narrazione. Tutto ruota intorno a lui, la visione dell ambiente circostante è unilaterale. Il personaggio che si racconta è un uomo che ha costruito da sé il proprio destino, un uomo che costruisce e disfa continuamente la propria fortuna affidandosi unicamente alle sue abilità. Ad un certo punto accade l imprevisto, tutto l impero da lui creato si dissolve miseramente. Metafora questa della società contemporanea, in cui ogni uomo non è altro che un punto infinitesimale nella vastità dell universo.

11 CORRIERE DEL MEZZOGIORNO/Le Fondamenta dell Impero Al Teatro Il Primo di Napoli Le fondamenta dell Impero un testo di Luca Balbarini e dalla regia firmata Fadia Bassmaji. La performance della compagnia emiliana Quinta Parete vedrà Enrico Lombardi interpretare Umberto, classico selfmademan che si scontra con un evento imprevisto che stravolge le sue conoscenze e certezze, perché lui è un uomo che non ha avuto bisogno di niente e di nessuno e tutto ciò che ha lo deve al proprio sudore, costruisce e annienta il suo mondo, crea quel che gli serve per poi farne ciò che vuole, è il conflitto tra questa condizione di celebrazione delle abilità individuali e di estrema fiducia nei propri mezzi e il mondo dell irrazionale che crea in Umberto panico. Queste condizioni aumentano e esplodono in tutta la loro violenza in seguito agli attentati dell 11 settembre, che sconvolgono la vita di chiunque. Il successo personale è legato a un ansia di controllo personale, familiare, economico e sociale, che si fa largo ad episodi inconcepibili che mettono in pericolo le fondamenta da cui Umberto è partito per spingere sempre più avanti la sua condotta. Uno spettacolo immaginario che mette lo spettatore di fronte alle sue verità www. napolinews.altervista.org/lefondam.htm = &archive=&start_from=&ucat=12

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli