Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010)"

Transcript

1 Compagnia Quinta Parete RECENSIONI DE LE FONDAMENTA DELL IMPERO DATE CASERTA (27-28 novembre 2010)E NAPOLI (3-4-5 dicembre 2010) LE FONDAMENTA DELL IMPERO di Luca Balbarini regia Fadia Bassmaji In scena al Teatro Civico 14 di Caserta IN SCENA IL 27 E 28 NOVEMBRE 2010 Le Fondamenta dell Impero, scritto da Luca Balbarini eprodotto dalla Compagnia Quinta Parete. In scena la voce monologante di Enrico Lombardi nel nuovo allestimento diretto da Fadia Bassmaji. UNA PRECARIETA IN VIA DI SPERIMENTAZIONE Una storia particolare invischiata in un contesto globale per necessità, per legami deterministici di causa-effetto. Un corpo narrante oscilla tra testo e contesto, nel racconto di un mondo guidato da un corollario naturale di interessi economici che regolano le sorti del mercato internazionale. L illusione ha l aspetto del potere d acquisto, l etica ha la maschera del controllo e delle massime concettuali che recitano: «le cose fatte bene vanno bene e le cose fatte male non vanno da nessuna parte». Umberto è un uomo positivo, un giovane arrivato e ancora promettente, ha un sostrato forte dentro di sé, che lo spinge a vivere un modello ideale di progresso, ragiona per sistemi di calcolo in vista di un fruttuoso profitto. «Agli affari bisogna approcciarsi con razionalità, con metodo scientifico, occorre accuratezza nelle mosse, meticolosità nelle sfumature, decisione nella scelta finale» ripete a se stesso l uomo, dialogando con la propria autostima, cercando una procedura per lanciarsi in quell imprevedibile vuoto in cui «i bravi fanno la differenza e gli incapaci si perdono». Umberto è un emblema del dinamismo finanziario delle economie neocapitaliste, è ciò che possiede, ottenuto «per precisione, abilità e persuasione». A cavallo di quella magnifica bestia indomabile, che il mercato sa essere radicandosi nelle realtà più strette e definite, il protagonista di questo monologo, dalle molteplici aperture, si riscopre voce malata di un blocco occidentale che perde progressivamente terreno rispetto allo stabilizzarsi dei nuovi equilibri asiatici e rispetto all entropia della mondializzazione. Da dominatore primario, il Sistema-Impero si riscopre coprotagonista e fatica a tenere il passo; nel tentativo di reagire fa leva su fondamenta precarie. Lo spazio della rappresentazione è un complesso di 22 cubi mobili che, in apertura, campeggiano bianchi sul fondo percorsi da un graffito curvilineo. Talvolta referenti dialogici di una mimesi portata in scena dalle digressioni descrittive del monologo, talvolta oggetti scenici installati per l interazione,

2 le geometrie componibili sviluppano ambientazioni diverse costruendo e decostruendo una scenografia ad incastro per un intreccio solitario di voci. Si assiste ad uno spettacolo che avviene in un altro-spazio, più esteso del quadrato di legno e luce, dove chi parla sperimenta e gestisce, come un grande burattinaio, quelle stesse fondamenta che, infine, gli si riversano addosso al suono di «trema la terra sotto i nostri passi». Attraverso articolazioni verbali sinuose quanto mitraglianti, che si impongono per contenuto e per musicalità fino a ritagliare idealmente la performance nella sezione di una bocca plastica, la storia di Umberto sovradetermina una profonda riflessione sul nostro tempo mettendo a nudo le debolezze del nostro vivere, il tarlo dei sensi di colpa, il capovolgimento delle prospettive che parlano alla nostra intimità nei momenti di solitudine e contemplazione, in quelle zone di silenzio in cui la percezione di noi stessi non è più certa. La prova d attore di Enrico Lombardi è davvero notevole, catalizzante, luminosa, sdoppia l attenzione del pubblico che si distribuisce tra la comprensione del racconto e il giudizio sul pieno dominio scenico. Impossibile non vedere la teatralità del corpo che si forma in scena assieme alla scenografia, ricondotta a struttura precisa attraverso un doppio esercizio di memoria. Totale, Lombardi si adatta alla spazialità come materia malleabile, spesso plasma la dimensione performativa soltanto attraverso un gesto, divenendo un aleph di corpi aperti e sicuri quanto immobili e fetali creati dalla voce. «Inizialmente siamo partiti con un lavoro d impronta stanislavskiana - racconta - però ci siamo accorti che era molto limitante, in seguito abbiamo deciso di approfondire lo studio su altri livelli lavorando su un teatro fisico al punto da togliere le parole e concentrarci solo sul corpo, infine siamo ritornati al linguaggio verbale prendendo la parola anche in quanto suono. Una sorta di musica del testo. In seguito c è stata anche una discussione insieme all autore Luca Balbarini sul messaggio e sull approfondimento delle tematiche del testo, realmente un grande testo vivo che appartiene all umanità». Dopo il debutto nel lo spettacolo torna con un nuovo allestimento di Fadia Bassmaji, il suo lavoro registico riesce pienamente a cogliere le spazialità evocate dal testo, attraverso una lettura attenta della presenza scenica contenuta nel testo e un analisi condotta sia sull aspetto psicologico del personaggio quanto sulla storicizzazione del ruolo sociale: «Ci siamo domandati - ha affermato - come poteva essere resa, senza essere realistica, l idea di un personaggio che pensa di avere tutto in mano, secondo la mania di controllo che abbiamo. Dal mio punto di vista siamo molto piccoli per pensare di poter controllare tutto. La scelta di questi cubi piccoli, che cambiano a seconda di ciò di cui il protagonista ha bisogno, nasce dall idea che il mondo, visto con gli occhi del personaggio, sia modificabile con precisione. Questo lo allontana dalla realtà». E necessario andare a teatro, dunque, anche per aprire gli occhi ed osservare, oltre lo spettacolo, dentro la nostra realtà. Christian Iorio Caserta, Teatro Civico 14, sabato 27 novembre 2010 ARTEATRO Direttore Responsabile Laura Soprano

3 "Le Fondamenta dell Impero" al Teatro Civico 14 di Redazione del 30/11/2010 in Musica & Spettacolo CASERTA. Sabato 27 e domenica 28 novembre, al teatro civico 14, la compagnia di Reggio Emilia, Quinta Parete, ha messo in scena lo spettacolo Le fondamenta dell impero. Il testo di Luca Balbarini, è stato messo in scena grazie all estro del protagonista, Enrico Lombardi, alle musiche di Giancarlo Corcillo e alla regia di Fadia Bassmaji. Il personaggio che si racconta nell opera è un uomo che non ha avuto bisogno di niente e di nessuno, che tutto ciò che possiede se lo è guadagnato grazie a meriti propri. Costruisce e distrugge il suo mondo, crea quel che gli serve per poi farne ciò che vuole. Si tratta però di un modo di sentire che non ha a che fare con l etica, quanto piuttosto con la presuntuosa convinzione di essere inserito all interno di una straordinaria e positiva forza che per giustizia meritocratica si è messa alla guida della società. In un aspro scontro tra forze razionali e irrazionali per il definitivo controllo della propria vita, si fanno largo episodi imprevedibili che mettono a repentaglio le fondamenta da cui Umberto (il protagonista) è partito per spingere sempre più avanti la sua condotta. Da notare che la scenografia è fatta di 22 cubi di cartone e rappresenta il mondo di Umberto, a portata di mano, modificabile, smontabile, ricostruibile. In questo modo i pezzi della scenografia saranno usati per costruire il letto, il tavolo, la poltrona fino a che il sistema utilizzato fino a quel momento diverrà, per una causa ben determinata, incontrollabile e tutto sarà diverso. Insomma, ancora un plauso va al teatro civico 14, vera fucina teatrale e coraggioso laboratorio sperimentale. Lo spettacolo è avvincente e coinvolgente. Lo spettatore viene messo dinanzi alle proprie verità. La realtà è messa in discussione e si fonde con la fantasia, il desiderio, l impossibile.

4 La recensione di Domenico Orsini Al suo debutto nel sud Italia la compagnia reggiana Quinta Parete ha portato sul palco del teatro Il primo lo spettacolo Le fondamenta dell impero, insolito ed inedito testo che mette in scena un umanità a noi vicina, un umanità estrema, che vive una realtà esasperata in cui domina "un individualismo feroce, inserito in un mondo in cui tutto è virtuale e le poche tracce di umanità sono percepite sotto la luce dell interesse. Con vigore Enrico Lombardi dà corpo e animo al protagonista, un uomo che mantiene in piedi con ostinazione la propria aberrante ed aberrata realtà, costruendo e distruggendo il suo mondo, creando quel che gli serve per poi farne ciò che vuole. Fulcro del suo vivere è una disinibita autoesaltazione, che si scontra inevitabilmente con tutto ciò che di irrazionale ed incontrollabile riserva la vita, con tutto ciò che mette pericolosamente in bilico la sua ostinata verità. Così il sinuoso monologo, insolito e originale testo di Luca Balbarini (che asciugato acquisterebbe forse maggior incisività), oscilla tra il surreale ed il crudamente reale, tra fantasie, ambizioni e desideri irrealizzabili, nell accanito perseguimento di un successo personale così fortemente legato a una irrefrenabile ansia di controllo totale: personale, familiare, economico, sociale. Singolare ed indovinata la regia di Fadia Bassmaji, che fa muovere il protagonista in un palco nudo, ingombro solo di anonimi cubi bianchi, scatole che racchiudono cose o emozioni, componenti con cui costruire o disfare elementi di scena, metaforici mattoni con cui edificare la realtà, destinata a crollare insiemi alle proprie illusorie certezze. Visto il 3/12/2010 a Napoli (NA) Teatro: Il Primo

5 LE FONDAMENTA DELL IMPERO TRA EMOZIONI E METAFORE di Marco Boccia 4 DICEMBRE 2010 Quando il pubblico entra in sala lo spettacolo si sta già compiendo, l attore è già nel personaggio, l azione scenica che si compie senza i soliti riti del teatro, è un divenire insolito che rende subito lo spettatore partecipe dei duri dissidi interiori ed umani di cui il protagonista è vittima. Le fondamenta dell impero, andato in scena per la sua prima napoletana ieri al teatro Il primo di via Del Capricorno, è un monologo capace di portare allo scoperto le inquiete convinzioni umane, capace di snidare senza mai banalizzarle ansie, paure, omissioni e imprudenze di cui spesso ci macchiamo. Il personaggio, interpretato da un bravo Enrico Lombardi, cerca costantemente di costruire una realtà che ha fondamenta salde nella cieca e spregiudicata auto glorificazione, un personaggio che è costantemente in bilico tra l autocelebrazione e l autodistruzione, trasformandosi in una metafora potentissima della condizione umana, condizione in cui la nostra società è ormai imprigionata. Lo spettacolo scritto da Luca Balbarini conduce con mano ferma lo spettatore nei dissidi di un animo, tormenti che si costruiscono e disfano continuamente cercando sempre una linearità, un ordine che si scontra con la natura umana. La scena, spoglia, occupata solo da circa 20 cubi di carta che divengono all occorrenza tutto il mondo fisico e non del protagonista sottolineano, perfettamente, quel senso di precarietà che accompagna tutto lo spettacolo. Solo quando tutto il castello di convinzioni fallaci si sgretolerà anche l ordine continuo dei cubi crollerà. Uno spettacolo visionario per la sua capacità di creare e disfare, dalla forte carica simbolica che rimanda continuamente ad altri mondi ad altre congetture, portando lo spettatore a smarrirsi nella mediocrità di cui spesso si attornia, restandone inconsapevolmente vittima.

6 Quei ritmi frenetici e lesionistici di Celeste Rossi NAPOLI. Al teatro Il Primo la rap- presentazione dello spettaco- lo/monologo della Compagnia reg- giana Quinta Parete che per la prima volta approda al Sud Italia. Le fondamenta dell Impero è il ti- tolo della rappresentazione di Luca Balbarini, con la regia di Fadia Bassmaji e interamente recitato dal giovane attore Enrico Lombardi. Nel nostro ventunesimo secolo in cui tutto sembra essere governato da elementi virtuali e in cui tutto sem- bra essere misurato solo ed esclu- sivamente dal metro del danaro e dalla ricchezza materiale che ognuno di noi ha, il protagonista riflet- te con sé stesso e con il pubblico sulla capacità che ognuno ha più o meno di crescere e arricchirsi grazie solo alle proprie capacità e senza l aiuto alcuno di nessuno. Il personaggio che si racconta è, infatti, un uomo che si elogia da solo di quello che è riuscito a creare da solo per sé stesso, della vita che conduce, della capacità che ha avuto di riuscire ad inserirsi con successo nel veloce e gelido mer- cato del lavoro attuale mantenen- do saldi dentro di sé i valori della tradizione in cui crede. L elogio a sé stesso avviene non solo attra- verso riflessioni, ma per lo più attraverso racconti ed aneddoti del- la sua vita quotidiana e nel farlo l attore interpreta più personaggi che fanno parte del suo mondo e che hanno sposato una filosofia di vita completamente diversa dalla sua, come la moglie che egli rap- presenta come donna senza pensieri; il fratello che invece viene rappresentato come colui il quale vive una vita basata sull aiuto altrui senza riuscire ad emergere in nulla da solo e con le sue sole for- ze e capacità. Proprio nel secolo del virtuale as- sistiamo ad una rappresentazione totalmente immaginaria, nella qua- le la scenografia è nulla o quasi, nulla perché creata solo da una se- rie di scatole di cartone che du- rante tutto lo spettacolo vengono dal protagonista mosse, aperte e chiuse come se fossero, di volta in volta, un mobile da cui prendere dei documenti, una borsa o il letto di casa sua. È attraverso una tale rappresentazione che lo spettatore può riuscire ad abbandonarsi al- l immaginazione e allo stesso tem- po a riflettere sull epoca in cui vi- ve; un mondo nel quale siamo in- seriti ed in cui tutti noi andiamo avanti trascinati da un ritmo che non dà pause di riflessione e che lascia quasi solo il desiderio di so- gnare e di poter raggiungere l im- possibile, che forse è più vicino di quanto sembra.

7 LA BATTAGLIA DELLA VITA Recensioni di prosa / Scritto da Maresa Galli Lunedì 6 Dicembre :57 Approda a Napoli (dopo le repliche a Caserta), al teatro Il Primo, Le Fondamenta dell Impero, il monologo di Luca Balbarini per la regia di Fadia Bassmaji. Una compagnia reggiana, Quinta Parete, mette in scena la crisi dell uomo contemporaneo sicuro di possedere la chiave del successo, di dominare gli eventi e addirittura la vita. Un uomo che si impegna al massimo e che ha l illusione di poter fare a meno degli altri, agisce negli angusti spazi ritagliati per lui dal capitalismo e dalle regole del mercato. Umberto è interpretato da Enrico Lombardi, attento nel cogliere le sfumature, la nevrosi, il delirio del protagonista, la sua sconfitta, pedina di un gioco molto più grande di lui. La scenografia è brillante: un gioco di ventidue cubi di cartone bianchi, scomposti e ricomposti come fossero muri che cadono, pareti che proteggono, barriere per il prossimo, moglie, fratello, datore di lavoro, partner francesi e quant altro, ma anche mura calde e accoglienti destinate a sgretolarsi. Tutto sembra procedere per il verso giusto, con la fede nel lavoro, nella ragione, nelle magnifiche sorti e progressive della scienza, quando le cose cominciano a prendere una diversa piega. Il fratello di Umberto, Leonardo, è un individuo negato per gli affari, che accumula fallimenti e si riduce a chiedere un prestito al fratello per aprire un attività già persa in partenza. Poi c è Franceschi, il datore di lavoro, che sa sempre tutto, pronto a gestire le crisi e a dispensare perle di saggezza perché lui è uno che ce l ha fatta E la moglie di Umberto, stanca di non far niente, assente, che finge vigliaccamente di dormire, presente solo quando deve perorare cause perse. Il socio Corrado, uno buono per il gabbio, che si caccia sempre nei guai, mette in forse le relazioni con i francesi, partner fondamentali. E raccontando la sua storia Umberto continua a grattarsi i piedi, in maniera compulsiva, nevrotica. Sarà una sciocchezza? Quanti medici dovranno visitarlo per capire che è affetto da un linfoma? Ecco l evento incontrollabile, la rottura dei piani, l ingiusta punizione per chi ha fatto tutto da solo e meritava di vivere a lungo. Il sistema di certezze è imploso, il futuro ci respinge come fossimo un bubbone. Non sono certo che questo mondo sia in grado di sopravvivere a se stesso, dirà Umberto nel finale di partita. Nel contesto un buon lavoro per riflettere sul contemporaneo ma da limare/tagliare in alcuni passaggi. Bene che la creatività venga da nuove compagnie che ancora sperimentano e impegnano i diversi linguaggi dell arte, lasciando spazio ai giovani.

8 NAPOLIONTHEROAD NAPOLIONTHEROAD TEATROCULT 7 dicembre 2010 LE FONDAMENTA DELL IMPERO AL TEATRO IL PRIMO Uno spettacolo immaginario che tira dentro e spinge fuori lo spettatore e lo mette di fronte alle sue verità Servizio di Guero Cacci Napoli - Pièce scritta da Luca Balbarini, Le fondamenta dell Impero è lo spettacolo d esordio della compagnia reggiana Quinta Parete andata in scena al teatro Il Primo il 3, 4 e 5 dicembre. Si tratta di un monologo per attore interpretato da Enrico Lombardi: all inizio della rappresentazione egli è al centro del palco e sembra quasi che il pubblico, appena accomodatosi, si sia insinuato in un azione che già si sta sviluppando. Grande calcolatore, razionale, decisionista, Umberto ha ottenuto tutto ciò che possiede solo con le proprie forze. Egli ha la ferma convinzione che in ogni campo della vita e alla base delle affermazioni professionali di ognuno ci siano elementi imprescindibili: le tradizioni ( sono vincoli meravigliosi, struggenti, ci dicono chi siamo ), il rispetto delle regole, la precisione, la bravura, l iniziativa, l ordine nella società, la forma, le buone maniere nei rapporti interpersonali, la persuasione e la determinazione. Sono questi i cardini su cui è imperniata la sua esistenza, veri e propri dogmi di una vita socio- professionale proficua e prestigiosa. Umberto è un vincente, non si fida di nessuno, conta solo su se stesso; a suo modo di vedere non agisce con immoralità, ma si dimena nel mondo degli affari semplicemente applicando quei principi che gli permettono di restare dignitosamente a galla in un mare pieno di squali. La sua filosofia di vita è imperniata sull ordine razionale delle cose: 22 scatole di carta a forma di parallelepipedo sono posizionate sul palco a significare ciò. Infatti, Umberto le muove e smuove a suo piacimento per rinnovare continuamente il suo mondo distruggendo quello plasmato in precedenza; le apre e le richiude di continuo per trarne gli strumenti necessari alla conservazione del suo Impero. Il mondo costruito da Umberto è però intaccato da circostanze inaspettate e incontrollabili, che minano sia le fondamenta di ciò che ha costruito, sia la sua sicurezza, avvolgendolo di paure, dubbi e inquietudini mai provate prima. Si scontra così con l inettitudine del fratello, capace di chiedergli un prestito dopo un affare andato male, l invidia e l immoralità dei colleghi, che godrebbero sicuramente dei suoi fallimenti, la compassione della moglie per il fratello, i tarli della coscienza che lo assillano: questi sono ostacoli che mai si dovrebbero presentare sul cammino di un uomo che va deciso per la sua strada. L autocontrollo di Umberto inizia gradatamente a vacillare, il suo mondo razionale si scontra con l irrazionalità degli eventi, che raggiunge il suo apice nel momento in cui egli scopre di avere una grave malattia. L ordine diventa così disordine imponderabile: le scatole gettate alla rinfusa nei suoi momenti di sconforto rappresentano in modo perfetto tale condizione. Maledetta la terra! è la sua imprecazione, più volte ripetuta nei suoi discorsi, ma ora vero e proprio grido di dolore verso il destino,

9 che non accetta: egli ha sempre operato con valori discutibili che però appartengono a tutti, ha rischiato, ha vinto e può tranquillamente continuare a vincere, ma una forza esterna alle sue cognizioni ha deciso negativamente per lui. Trema la terra sotto i nostri piedi, ripete con ritmo incalzante una voce in sottofondo alla fine dello spettacolo: le basi che l uomo ha posto per la sua vita non sono solide e la consapevolezza di ciò lo rende ancora più insicuro. Enrico Lombardi/Umberto si misura nuovamente con questo personaggio in un allestimento nuovo rispetto a quello originario. Preparato, conscio dei suoi mezzi, egli dà corpo e voce ad una storia individuale che gradatamente diventa una considerazione universale sul destino del mondo e il senso della vita. Infatti, osservando i suoi gesti, ascoltando le sue parole, non si può far a meno di pensare, in quel preciso istante, a un immagine globale che trascende il semplice racconto del protagonista: sul palco non sembra esserci una sola persona. Camaleontico, penetra abilmente nei diversi stati d animo del suo personaggio rimarcandone, di volta in volta, la sicurezza, il cinismo, il tormento, la paura. Curata è la regia di Fadia Bassmaji, che dirige i movimenti scenici dell unico attore soffermandosi soprattutto sulla sua gestualità. Il suo lavoro è agevolato da un gioco di luci anch esso attento ai lineamenti del protagonista e dall impegno, veramente fisico, che Enrico Lombardi profonde nell affrontare una prova sicuramente non semplice. Le fondamenta dell Impero è un dialogo con se stessi e il mondo intero; è un testo moderno, un analisi introspettiva sull uomo, che pensa erroneamente di avere tutto sotto controllo ma diventa insicuro anche davanti alle piccole cose e inetto quando gli si presentano situazioni più grandi di lui. Lo spettacolo è anche un amara riflessione sul mondo attuale: il denaro, la formalità, l opportunismo, il cinismo, sono sempre più valori strumentali alla realizzazione di un obiettivo, in ogni ambito. Alla fine si potrebbe pensare che il personaggio interpretato da Enrico Lombardi, un vincente, venga sconfitto: in un certo modo, a mio parere, egli ne esce vittorioso in quanto scopre i suoi limiti, nonostante le fondamenta del suo Impero non siano più stabili.

10 LA VOCE DI NAPOLI /www.lavocedinapoli.altervista.org " LE FONDAMENTA DELL' IMPERO" IN SCENA AL TEATRO "IL PRIMO" Francesco Manno La compagnia reggiana Quinta Parete arriva per la prima volta a Napoli con il suo spettacolo Le Fondamenta dell Impero. Si tratta di un monologo, messo in scena la prima volta nel 2007, con opportune modifiche nel corso degli anni. Il linguaggio è criptico in determinate fasi ma il tutto risulta comprensibile. Il protagonista racconta se stesso e il mondo circostante costituisce lo sfondo della narrazione. Tutto ruota intorno a lui, la visione dell ambiente circostante è unilaterale. Il personaggio che si racconta è un uomo che ha costruito da sé il proprio destino, un uomo che costruisce e disfa continuamente la propria fortuna affidandosi unicamente alle sue abilità. Ad un certo punto accade l imprevisto, tutto l impero da lui creato si dissolve miseramente. Metafora questa della società contemporanea, in cui ogni uomo non è altro che un punto infinitesimale nella vastità dell universo.

11 CORRIERE DEL MEZZOGIORNO/Le Fondamenta dell Impero Al Teatro Il Primo di Napoli Le fondamenta dell Impero un testo di Luca Balbarini e dalla regia firmata Fadia Bassmaji. La performance della compagnia emiliana Quinta Parete vedrà Enrico Lombardi interpretare Umberto, classico selfmademan che si scontra con un evento imprevisto che stravolge le sue conoscenze e certezze, perché lui è un uomo che non ha avuto bisogno di niente e di nessuno e tutto ciò che ha lo deve al proprio sudore, costruisce e annienta il suo mondo, crea quel che gli serve per poi farne ciò che vuole, è il conflitto tra questa condizione di celebrazione delle abilità individuali e di estrema fiducia nei propri mezzi e il mondo dell irrazionale che crea in Umberto panico. Queste condizioni aumentano e esplodono in tutta la loro violenza in seguito agli attentati dell 11 settembre, che sconvolgono la vita di chiunque. Il successo personale è legato a un ansia di controllo personale, familiare, economico e sociale, che si fa largo ad episodi inconcepibili che mettono in pericolo le fondamenta da cui Umberto è partito per spingere sempre più avanti la sua condotta. Uno spettacolo immaginario che mette lo spettatore di fronte alle sue verità www. napolinews.altervista.org/lefondam.htm = &archive=&start_from=&ucat=12

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Di Dino Arru Con Dino Arru e le marionette del Dottor Bostik Regia Dino Arru e Silvano Antonelli Voce narrante Silvano Antonelli Musiche originali Silvano Antonelli

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico)

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico) Codice meccanografico: F G P S 0 4 0 0 0 4 Anno scolastico 2012 / 2013 Liceo Scientifico Statale G.Marconi Via Danimarca, 25-71122 FOGGIA PROGETTI INTEGRATIVI DI ISTITUTO (Definizione breve dell intervento):

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

INDICE. Introduzione... 7. 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11

INDICE. Introduzione... 7. 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11 INDICE Introduzione... 7 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11 1.1 Premessa metodologica: la moda come fenomeno sociale... 11 1.2 Il campo di analisi: la moda tra sogni,

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione CRT Teatro-educazione Centro Ricerche Teatrali Scuola Civica di Teatro, Musica, Arti visive e Animazione Comune di Fagnano Olona (Va) www.crteducazione.it info@crteducazione.it tel. 0331-616550 PROGETTO

Dettagli

Il teatro dietro le quinte: la scenotecnica

Il teatro dietro le quinte: la scenotecnica Il teatro dietro le quinte: la scenotecnica (Gaetano Oliva, Il teatro dietro le quinte: la scenotecnica, Scuola materna per l educazione dell infanzia, anno LXXXVIII n 14, 10 aprile 2001, pp. 18-19). Come

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

scritto e diretto da daniel gol

scritto e diretto da daniel gol ASSOCIAZIONE CULTURALE NON DIRLO A NESSUNO minuscolo viaggio segreto interpretato da laura marchegiani e alessandro nosotti scritto e diretto da daniel gol DESCRIZIONE Una città minuscola, luogo di segreti

Dettagli

Il più grande uomo scimmia del pleistocene Gioie e dolori di una famiglia di 400.000 anni fa Di Roy Lewis

Il più grande uomo scimmia del pleistocene Gioie e dolori di una famiglia di 400.000 anni fa Di Roy Lewis Agli organi d informazione Lugano, 22 gennaio 2013 Comunicato stampa Il Teatro Foce presenta per la rassegna HOME il nuovo spettacolo di Cambusateatro: Il più grande uomo scimmia del pleistocene Gioie

Dettagli

Progetto Attività parascolastiche condotte in forma ludica

Progetto Attività parascolastiche condotte in forma ludica Il Progetto può essere svolto in collaborazione con le Scuole e/o con le Amministrazioni Comunali interessate Via De Rada - Cosenza Per info: Mario Malizia Tel. 330700022 E-Mail: info@mariomalizia.it Progetto

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO Durata complessiva: max. 1h30-2h Persone necessarie: un attore, un attrice, uno/due animatore/i (nel caso di

Dettagli

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI Anno scolastico 2013/2014 PREMESSA Negli ultimi anni il rapporto scuola-famiglie è notevolmente mutato. I genitori sentendosi, a giusta ragione, parte

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

PSICOLOGIA E APNEA. di Lorenzo Manfredini

PSICOLOGIA E APNEA. di Lorenzo Manfredini PSICOLOGIA E APNEA di Lorenzo Manfredini Psicologia e Apnea 1 La paura dell acqua 3/4 Domande, luoghi comuni e responsabilità 4/5/6 Discipline come l apnea e Scuole come Apnea Academy riconoscono alla

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014

La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014 La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014 Intervista estratta dalla Tesi di Master in Teatro nel Sociale e Drammateriapia dal titolo: Teatro Sociale e Competenze Trasversali: per lo sviluppo degli

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA 1 Circolo Didattico - Sondrio Scuola dell infanzia G. Segantini L attività psicomotoria consente ai bambini di mettere in moto contemporaneamente

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Liberamente tratto da Pierino e il lupo di Prokofiev Regia, realizzazione marionette e animazione Dino Arru Con Dino e Raffaele Arru HO VISTO IL LUPO Gli ultimi

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 4 OVEST PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013 Il linguaggio è una sorta di utensile, l utensile più avanzato che noi abbiamo,

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE BAMBINI DI 5 ANNI. PREISTORIA I DINOSAURI Sfondo integratore

PROGRAMMAZIONE BAMBINI DI 5 ANNI. PREISTORIA I DINOSAURI Sfondo integratore PROGRAMMAZIONE BAMBINI DI 5 ANNI PREISTORIA I DINOSAURI Sfondo integratore TEMPO CHE TRASFORMA LA MIA STORIA (1) PROGETTO AMBIENTE (2) SCOPRIAMO I DINOSAURI(3) ESTINZIONE DEI DINOSAURI(4) BIG BANG SCOPRIAMO

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI

Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI Perché questo laboratorio-spettacolo? Per educare un bambino ci vuole un intero villaggio, recita un noto proverbio africano.

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

2MOSTRA INTERNAZIONALE DEL TEATRO PER LE SCUOLE LA MOSTRA 4 GRANDI SPETTACOLI. direzione artistica di GINO LANDI IN SCENA TUTTE LE MATTINE

2MOSTRA INTERNAZIONALE DEL TEATRO PER LE SCUOLE LA MOSTRA 4 GRANDI SPETTACOLI. direzione artistica di GINO LANDI IN SCENA TUTTE LE MATTINE 2MOSTRA Dall 8 Novembre al 27 Gennaio 4 GRANDI SPETTACOLI IN SCENA TUTTE LE MATTINE ALL AUDITORIUM DEL MASSIMO via Massimiliano Massimo, 1 - EUR SCOPRI IL CALENDARIO SU: www.mostradelteatro.it www.auditorium.it

Dettagli

Libretto di aforismi di Dario Amadei

Libretto di aforismi di Dario Amadei Libretto di aforismi di a cura di La scrittura è uno strumento importante perché ci permette di esternare dei concetti che altrimenti non avremmo il coraggio di esprimere chiaramente, ammantandoli di una

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba PRESENTAZIONE Le Acque compagnia teatrale, che svolge dal 1996 la propria attività in ambito artistico, formativo, scolastico e sociale, presenta dei progetti teatrali-educativi per la Scuola Primaria.

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO

CURRICOLO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Galileo Galilei Pieve a Nievole SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO DI ISTITUTO ADEGUAMENTO AI NUOVI TRAGUARDI DI SVILUPPO ALLINEAMENTO ALLE COMPETENZE CHIAVE E AGLI ASSI CULTURALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO Laboratorio bambini di 4/5 anni ANNO SCOLASTICO 2010-11 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO MUSICALE CON IL CAVALLO LALLO

Dettagli

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011 CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia.

Dettagli

FINCHÉ CONFLITTO NON CI SEPARI La crisi della coppia, tra consapevolezza del problema e opportunità di crescita

FINCHÉ CONFLITTO NON CI SEPARI La crisi della coppia, tra consapevolezza del problema e opportunità di crescita FINCHÉ CONFLITTO NON CI SEPARI La crisi della coppia, tra consapevolezza del problema e opportunità di crescita Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO

Dettagli

Momo alla conquista del tempo

Momo alla conquista del tempo Momo alla conquista del tempo La vita è fatta di eventi che si susseguono nel tempo che ci è dato da vivere. Vogliamo imparare con i bambini a considerare il tempo come occasione propizia per costruire

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI a) Scoprire le regole del vivere insieme b) Scoprire il piacere di stare insieme agli altri bambini c) Ascoltare racconti sulla vita di CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO a) Rispettare le regole del

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

SPETTACOLO del 10 novembre 2012

SPETTACOLO del 10 novembre 2012 SPETTACOLO del 10 novembre 2012 CONTRIBUTI DI : presso il teatro Studio Milano Zena Elisa, 4 A scientifico Cantaluppi Giulia, III A classico Scotto Davide, III A classico Gaddi Valentino, I A classico

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli