DEL DEL POPOLO POPOLO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEL DEL POPOLO POPOLO"

Transcript

1 DEL POPOLO palcoscenico Anno IV n. 40 Martedì, 3 marzo 2009 Sipario UN CAFFÈ CON... Maurizio Zacchigna Pagina 2 / FILODRAMMATICA Per ridere di noi Pagina 3 / LA RECENSIONE Cercivento, Antigone Pagine 4-5 / TEATROMESTIERI Andrea Stanisci Pagine 6-7 / CARNET PALCOSCENICO Il cartellone del mese Pagina 8

2 2 palcoscenico Martedì, 3 marzo 2009 UN CAFFÈ CON... Maurizio Zacchigna Maurizio Zacchigna di Rossana Poletti Un periodo di grande lavoro per Maurizio Zacchigna, che sabato ha debuttato alla 40. Biennale di Venezia in Capitano Ulisse e durante tutto il mese sarà impegnato nelle prove prima e nello spettacolo poi di Capriole in salita tratto dall omonimo romanzo di Pino Roveredo. Un bel impegno? Certo, meno male. Di questi tempi Triestino di nascita, romano d adozione, ma istriano d origine; da dove? Da Umago. Sono romano d adozione nel senso che ho vissuto gli anni della mia formazione nella capitale, ma ormai sono tornato da lungo tempo a Trieste. Il tuo aspetto e la tua voce, forte e robusta, sono un immagine riflessa di queste terre altrettanto aspre e dure. Ben si addicono all attore, ormai punta di un teatro come La Contrada, molto radicato sul territorio. Tra di noi c è un rapporto fiduciario reciproco. Quel è stata la molla che ti ha fatto diventare attore? Fin da bambino ero affascinato da questo mondo. Con i boy scout facevo le scenette. È stato un approdo naturale; arrivato il momento in cui mi sono chiesto cosa farò da grande, mi risposi; farò l attore. E così è stato. Un percorso facile o travagliato? Abbastanza lineare direi, una carriera costruita su quello che potevo valere. Non ho cercato scorciatoie tra amici e conoscenze, che poi non avrei nemmeno avuto. Ho salito con le mie forze un gradino dopo l altro. Ti senti più a tuo agio quando reciti in lingua italiana o quando sei nel teatro dialettale. Non sento una grande differenza in una lingua o nell altra, tant è che ho recitato anche in inglese. L unica cosa è che quando recito in dialetto sento una maggior immediatezza nel flusso delle parole, perché il linguaggio è più istintivo. Però l italiano è meraviglioso da usare, non avverto questa dicotomia. Poi a me piacciono tutti i generi, io non mi do dei limiti, a meno che non me li diano gli altri, i registi ad esempio. Tra il drammatico, il leggero e il comico mi impegno volentieri in qualunque avventura. Con La Contrada sei stato spesso in tournée in Istria e anche a Fiume. Sì, una volta si andava anche di più a dire il vero. Ma è sempre un momento emozionante l incontro con le nostre comunità, molto piacevole. Sento che con la nostra presenza lì, si riscalda la loro nostalgia. Sabato scorso hai debuttato al Teatro Goldoni di Venezia in Capitan Ulisse ; che cosa ti ha impressionato di più di questo lavoro? È impressionante la contemporaneità assoluta del linguaggio di questo testo che è stato scritto nel 25. Se Savinio fosse stato conosciuto prima di Pirandello sarebbe diventato più famoso di lui, probabilmente. Con la sua scrittura ha realizzato una rottura ancora più forte di quella che portò appunto Pirandello in quegli anni nel mondo letterario teatrale. Sfortunato? Non direi, nel senso che poi fece un sacco di altre cose; fu anche pittore, era il fratello di De Chirico, scrisse, viaggiò molto. Questo testo fu sfortunato perché gli promisero di metterlo in scena e invece la cosa andò in cavalleria e rimase nel cassetto per molti anni. Nel 38 ci fu un allestimento non particolarmente fortunato. Oggi noi lo rispolveriamo con questa ambiziosa operazione. Tu che ruolo hai? Faccio quattro ruoli diversi. Euriloco, che era il secondo sulla barca di Ulisse, il comandante in seconda suo amico dall infanzia, l unico che riuscì a non farsi trasformare in maiale da Circe. Poi faccio il mentore, cioè quello a cui Ulisse aveva affi dato la casa e il fi glio, quando partì per Troia. Poi faccio Alcinoo, re dei Feaci, quello che diede la barca a Ulisse per consentirgli di ripartire e tornare a Itaca. In ultimo sono Eumeo, il suo fedele guardiano dei porci, attraverso il quale Ulisse compirà la vendetta sui Proci. Tutte queste fi gure sono ovviamente traslate in altre dimensioni. Ci sono salti temporali, ogni scena è ambientata Siamo in trincea: Baricco dice se forse non sia il caso che lo stato tolga i finanziamenti al teatro. In Europa i contributi pubblici aumentano, da noi si auspica addirittura che vengano tolti. Follie, proprio follie in un contesto diverso. In una sembra di essere veramente sull isola di Circe, in un altra Calipso è calata in un atmosfera borghese ottocentesca, per fi nire in una dimensione rinascimentale. Tutti ruoli da buono. Tempo fa in un intervista dicesti di esserlo nella realtà, mentre ti capitava frequentemente di fare parti da cattivo. Mi succedeva qualche tempo fa, più facilmente in tv, nella fiction, probabilmente per la mia faccia. Poi anche lì la situazione è andata cambiando nel tempo. Il Gran Male arriva con Capriole in salita. Abbiamo appena cominciato le prove. Gran Male nel senso che l alcolismo è una piaga gravissima, dilagante soprattutto tra i giovanissimi nella società attuale. Capriole in salita è un progetto antico della Contrada che finalmente approda e siamo molto felici per questo. Vedremo di farlo al meglio, perché è un testo difficile; io avrò un bel impegno, sono il protagonista che si chiama Nino, autobiografico, faccio la parte di Roveredo, appunto. Ti sei preparato in qualche modo per fare questo personaggio? Esprimerò tutta una serie di informazioni e sensazioni raccolte in tutta una vita, perché abitando a Trieste non è che poi manchino occasioni di essere a contatto diretto con questo grande tema dell alcolismo. Sarà un po questo il tema, lavorare sulle memorie anche personali. Il livello di malattia che tocca il protagonista non l ho mai sperimentato per fortuna, ma dovrò riuscire a toccare queste corde, è il nostro lavoro. Il testo è molto poetico, non è una commedia naturalista, è proprio pane per i denti del regista Macedonio. Attendevo e desideravo da anni questo ruolo, da quando in Contrada si cominciò a parlarne. Ho atteso fiducioso che mi fosse assegnato e così è stato e ne sono orgoglioso. acchigna Maurizio È utile poi uscire dagli schemi a volte un po obsoleti del dialettale, per fare Ho costruito la carriera su quello che potevo valere. Non ho cercato scorciatoie tra amici e conoscenze, che poi non avrei nemmeno avuto. Ho salito con le mie forze un gradino dopo l altro spettacoli come questi che hanno un respiro culturale nazionale, per il tema e perché lo scrittore è famoso? All estero sembra che il dialettale sia la realtà della Contrada, invece è solo uno spettacolo in tutto l anno, con cui si inaugura la stagione. Per tutto il tempo rimanente facciamo tanta attività diversa, la produzione nazionale che gira poi in tutta Italia, le manifestazioni a Trieste sulla scienza, sul cervello, teatro a leggio; il dialettale è solo il 10 per cento. Certo, questo spettacolo sta già adesso avendo un eco notevole. Sono previste nove repliche, ma non è detto che non se ne facciano di più. Roveredo ha rotto il velo del perbenismo che in qualche modo faceva chiudere gli occhi su questa agghiacciante realtà. Lavoreremo con lui, verrà alle prove. Sarà un lavoro corale. Hai fatto anche altre cose nel frattempo? Cinema e televisione, sono importanti per il bilancio. Quello economico? In questi ultimi anni ho fatto anche operetta, mi sono divertito molto. È un genere brillante. C è l orchestra, il ballo. Rispetto la prosa, l impegno è relativo. Non sento una grande differenza in una lingua o nell altra, l unica cosa è che quando recito in dialetto sento una maggior immediatezza nel flusso delle parole, perché il linguaggio è più istintivo. Però l italiano è meraviglioso da usare Pensi di fare anche la Vedova allegra, quest estate? Stiamo a vedere, non ci sono molti ruoli per me, in questa operetta. E poi speriamo che non ci siano troppi tagli. Scrivilo che siamo in trincea. L altro giorno c è stato questo articolo allucinante di Baricco, che diceva se forse non sia il caso che lo stato tolga i fi - nanziamenti al teatro. In Europa i contributi pubblici aumentano, da noi si auspica addirittura che vengano tolti. Follie, proprio follie. Razionalizzare, sfrondare sì, ma tagliare È assurdo avere produzioni che costano miliardi. Bisogna trovare la strada del risparmio e della responsabilità, ma tagliare significa uccidere. FOTO PASTROVICCHIO

3 Martedì, 3 marzo 2009 palcoscenico 3 FILODRAMMATICA Per ridere (un po ) di noi In armonia con lo spirito carnevalesco, la Comunità degli Italiani Fulvio Tomizza di Umago in collaborazione con l Università popolare aperta Ante Babić, ha organizzato una serata all insegna del divertimento e del buon umore con una mini rassegna di filodrammatiche. Accanto agli attivisti del sodalizio umaghese, a salire sul palco sono stati gli attori delle CI di Salvore, San Lorenzo Babici, Matterada e Castelvenere. A rompere il ghiaccio è stata la filodrammatica giovani di Castelvenere che ha presentato lo sketch Tra marì e moglie di Dolores Barnabà, per la regia di Tamara Tomasich. La moglie, interpretata da Martina Brčić, cerca di convincere il marito (Igor Tomasich) a portarla fuori ma lui si rifiuta. Ecco allora che, attraverso uno scambio serrato di battute esilaranti e di classici insulti, la moglie riuscirà a convincerlo, dimostrando che è lei a comandare. Ad esaltare la comicità del testo, basato su stereotipi tradizionali ma sempre di grande efficacia, la torno sulla terra per comunicare all altro se il tennis si possa giocare o meno in paradiso. Una notte l amico defunto fa ritorno per comunicare a quello rimasto due notizie, una buona e una cattiva: all altro mondo ci sono campi da tennis ovunque, il tennis è lo sport nazionale degli angeli e si fanno sempre tornei; quella cattiva è che ha letto il nome dell amico sul tabellone per la partita del giorno seguente. Sempre Vlado Rota ha preparato il testo e diretto la commedia brillante Duto so pare presentata dalla filodrammatica della CI di Salvore. Nel pezzo incontriamo Bice (Irena Scrignar), una moglie e madre disperata che si confida con la vicina Carolina (Sara Prodan) per l incapacità del marito Piero (Gabriele Bosdachin) ereditata in tutto e per tutto dal figlio Carletto (Daniele Čikada), che ne combinano di cotte e di crude, passando di danno in danno. La Comunità di San Lorenzo Babici ha presentato Il primo amore, scritto e diretto da Roberta Zugan, nel quale l adolescente Elisa (Elisa Kraljević) ha per- disinvoltura e l affiatamento dei due giovani attori. Ancora più giovani, ma altrettanto bravi, Gianni Mocibob ed Endi Mikac della CI di Matterada che hanno portato in scena due pezzi estremamente semplici ma irresistibili, su testi ritoccati e tradotti da Vlado Rota che ne ha curato anche la regia. Nel primo, intitolato Farmacia umaghese troviamo un contadino buiese (Endi) alle prese con un farmacista umaghese (Gianni) che gli vende uno spazzolino, un dentifricio e infine un aspirina tutti di dimensioni gigantesche perché, come dice il farmacista stesso Qua a Umago xe tuto bel e tuto grande!. Si capisce così perché il contadino se la dia a gambe levate al momento di chiedere una supposta. Nella scenetta I due tennisti troviamo due amici, appassionati di questo sport, a chiedersi se nell al di là si possa giocare. Si mettono d accordo che il primo che passerà a miglior vita, farà ri- so la testa per un ragazzo di nome Marco (Marko Šorgo) al quale, però, non riesce nemmeno a dichiararsi visto che va in brodo di giuggiole appena lo vede. Due amiche, Lorena (interpretata di solito da Lorena Doz, sostituita per malattia dalla Zugan) e Martina (Martina Delesina), cercando di scoprire il motivo dell afflizione di Elisa, tirano fuori particolari imbarazzanti della sua vita. Il lieto fine arriva quando Elisa scopre che Marco è cugino di una delle due e può finalmente conoscerlo e dichiarare i suoi sentimenti. Dulcis in fundo, uno sketch inedito di Pippo Rota intitolato La casita interpretato da due pietre miliari nell ambito della filodrammatica del territorio umaghese: Pino Degrassi e Roberto Grassi. Anche se i due appartengono a sodalizi diversi (Grassi è della CI di San Lorenzo Babici) questo non ha pregiudicato l esito dell esibizione. Anzi! I due attori hanno dimostrato già nel corso degli anni e soprattutto nell interpretazione delle commedie di Pippo Rota, un eccezionale bravura. La storia verte intorno al problema di un contadino di una certa età (Pino Degrassi) che, dopo aver lavorato i campi e aver riposato nella sua casita, si sveglia con una certa voglia che non sa come poter soddisfare. Dopo diversi suggerimenti dati dal medico (Roberto Grassi), si decide di provare con un colpo di fucile: al risveglio, il contadino tira un colpo in aria che indica alla moglie di venire da lui e lei vi si precipita in bicicletta. Il problema insorge all arrivo del periodo della caccia Condotta da Cristina Sodomaco, la serata si è rivelata un vero successo a riconferma del bisogno del pubblico di lasciarsi alle spalle, almeno per qualche ora, i problemi del quotidiano, e farsi una sana risata a suon dell amato dialetto. Da rilevare inoltre la giovane e giovanissima età degli interpreti a confermare l interesse e garantire la continuità per questa attività. Marianna Jelicich Buić

4 4 palcoscenico Martedì, 3 marzo 2009 Martedì, 3 marzo RECENSIONE Cercivento «Per la patria mi fucilano e io non so perché» di Rossana Poletti Trieste. Politeama Rossetti. C è una cosa che lascia sempre disorientati, quando si parla di mafia, la straordinaria naturalezza dell omertosa quotidianità di quanti vivono in quel contesto. Paura, abitudine, tutte due le cose assieme. A noi distanti, ma non troppo, osservatori televisivi di truffe, rapine, intimidazioni, omicidi e stragi fa sempre un certo effetto sentire le interviste dei tanti io non c ero e se c ero non ho visto, non ho sentito niente, a me sembrava una brava persona. L omertà, la connivenza sono un male profondo che colpisce la società ed alcune parti di essa in particolare. Sconvolge il vedere poi che questi mali si insinuano sempre più tra di noi, che apparentemente credevamo di esserne esenti. Pensavamo che solo in Sicilia o giù di lì certe cose potessero accadere. E invece assistiamo sempre più ad un dilagante menefreghismo, alla fine di quel senso civico profondo che caratterizzò la nostra società fino a qualche decennio fa, che fa voltare dall altra parte per non vedere. E intanto persone vengono derubate, violentate, uccise sotto i nostri occhi, senza che noi ci rendiamo conto di quanto sia devastante il farsi i fatti propri. Giuseppe Fava, ucciso il 5 gennaio 1984 davanti al Teatro Stabile di Catania, era un ottimo scrittore e un coraggioso giornalista che non temeva di dire le cose così come stavano e che ha pagato con la vita proprio per aver posto in luce gli accordi e le intese fra Cosa Nostra e i cavalieri del lavoro catanesi. Era uno che non voleva farsi i fatti propri, scriveva, anzi dirigeva un giornale a Catania di denuncia e fu ucciso dagli uomini di Santapaola, per fare un favore ai siciliani e ai cavalieri, come ebbe a dire al processo uno degli esecutori del crimine, Maurizio Avola, collaboratore di giustizia, condannato quale esecutore materiale del delitto. L istruttoria è il lavoro teatrale che Claudio Fava, figlio del giornalista ucciso, ha scritto. Una delle cose migliori che abbia saputo fare per onorare la memoria del padre e per far conoscere il drammatico contesto della società siciliana. Si basa su alcune significative deposizioni al processo di un commissario di polizia, di un giornalista collega e di un potente editore, di un politico e dell amica di un mafioso. Emerge una società farsesca, in cui tutti sanno e tutti fanno finta di niente o ancor peggio si adoperano per dare una mano, coprire, sviare. Giganteggia l immagine di un mondo grottesco senza morale, senza dignità, una realtà schifosa, che fa vomitare. Il testo è conciso e comunque completo, l allestimento di Ninni Bruschetta è perfetto, i due attori Claudio Gioè e Donatella Finocchiaro, che ovviamente fanno più parti in scena, sono semplicemente bravi. Sono accompagnati da un gruppo di musicisti Giovanni Arena (contrabbasso), Vincenzo Gangi (chitarra), Riccardo Gerbino (percussioni) e dalla voce di Faisal Taher, che riproduce una nenia, la quale richiama ad un profondo dolore arcaico e tribale. Un interessante pagina di teatro contemporaneo d impegno civile proposta tra gli Altripercorsi dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Ogni processo è un palcoscenico irripetibile spiega l autore. Un luogo che incrocia destini, parole, follie. Che ricostruisce la storia dei fatti e quella dei pensieri che li precedettero. Che mescola menzogne a verità. In questo senso, il processo in morte di Giuseppe Fava è già teatro: per la storia civile che rivela, per l umanità malata di certi suoi personaggi, i testimoni imbelli, i mafiosi arroganti, gli investigatori ignavi. Ma anche per coloro che non si piegarono, che conservarono intatta la memoria delle cose accadute e del loro perché. Il regista Ninni Bruschetta rincara con partecipazione: Dopo aver letto questo testo mi sono chiesto a cosa serva un processo per omicidio. Là dove il peggio è fatto si continua a celebrare il male, aggiungendo al dolore l oscenità: il racconto dell omicida, la difesa immorale dei colpevoli, e fazioni di innocentisti e colpevolisti, che fanno riecheggiare, come in un effetto domino, la tragedia già consumata, ma non ancora finita. RECENSIONE Antigone Variazioni sul mito Antigone di Jean Anouilh il primo sforzo produttivo della Casa, al Teatro Popolare Istriano. L opera che è rivisitazione moderna della tragedia di Sofocle, è all oggi, il capolavoro di Anouilh. Scritta nel 1942, venne messa in scena nel 1944 a Parigi al teatro dell Atelier. Momento poco adatto: erano gli ultimi giorni dell occupazione, quelli più tragici: per qualcuno fu un successo, per altri una catastrofe. Sta di fatto che il pubblico reagì con molta cautela se non addirittura freddezza. Anouilh, come nella tragedia di Sofocle, ha messo di fronte Creonte e Antigone delineando il contrasto tra i bisogni di chi è al potere e le esigenze di una donna che non accetta compromesso alcuno fino a rinunciare alla vita. Siamo sempre negli intricati rapporti e legami tracciati da Sofocle, solo che questa Antigone parla anche di sigarette, shopping, quotidianità odierne. È una giovane scontrosa, chiusa in sè stessa, una piccola donna in rivolta; contrariamente alla sorella Ismene, alta, bionda, appariscente, con notevoli doti seduttive. Creonte è re di Tebe, padre di Emone, marito di Euridice, fratelli di Edipo, padre di Antigone e Ismene. A complicare faccende già complicate, il fidanzamento di Emone con Antigone. Di tanti intrecci non ne può uscire niente di buono. Nelle guerre e duelli per il potere, muore Polinice, fratello di Antigone e Creonte ne vieta la sepoltura ritenendolo traditore di Tebe e reo di averne messo in pericolo la sicurezza. Il sipario si alza sulla Nutrice che sgrida Antigone per un rientro a casa a notte fonda. La ragazza non è stata in discoteca: ha sepolto il fratello contravvenendo alle disposizioni del re. Ismene litiga con Antigone perchè ritiene inutile seppellire Polinice, il fratello morto nello scontro fratricida con Eteocle. Saputo della sepoltura, con Antigone ammanettata scortata da una guardia, Creonte vorrebbe mettere tutto a tacere per evitare uno scandalo ma anche perché Antigone è un po sangue suo ed è quasi nuora; vorrebbe salvarla a tutti i costi: minimizza, porta il gesto a livello di capriccioesto come fosse un capriccio infantile, giunge a mettere in dubbio le leggi divine e le svela la terribile vicenda del duello fra i due fratelli Eteocle e Polinice, assetati di potere. Antigone non cede, non si pente ed allora segna il suo destino. Condannata a morte terribile, riesce ad impiccarsi in cella evitando di venir sotterrata viva. Emone piange accanto a lei e quando Creonte si avvicina, si uccide gettandosi sulla propria spada. Creonte ritorna a Palazzo per subire un altro shock ancora: anche la moglie Euridice si è tolta la vita. Adesso Creonte è un uomo solo che altro non può fare se non contare i morti. Interessante la messinscena all Istriano, conq ualche modifica; il Coro sostituito da una voce fuori campo che annuncia l azione in scene piuttosto statiche. La messinscena è tutta della Casa: dagli interpreti (Sara Poljak, Nikola Ivošević, Lukas Jovanović, Iva Kevra, Mirjana Sinožić, Saša Stepanović, Marko Braić, Helena Vodopija, Božidar Smiljanić), alla regia (Božidar Smiljanić), ai vari assistenti (Manuel Kaučić, Goran Šaponja)...(Ro)

5 6 palcoscenico Martedì, 3 marzo 2009 TEATROMESTIERI Il dietro-le-quinte Andrea Stanisci, scenografo Da ragazzo avrei voluto fare l attore e mi sono ritrovato poi a fare le scene e i costumi degli spettacoli teatrali. La mia paura del palcoscenico e del pubblico era così forte che ho preferito dedicarmi alla mia prima passione giovanile: disegnare il teatro. Da bambino mio padre e mia madre mi portavano a vedere gli spettacoli e quando tornavo a casa mettevo subito con precisione sulla carta tutto quello che avevo visto. Sono un privilegiato, ho potuto fare quello che veramente mi piaceva Scenografo: questione di ingredienti Andrea Stanisci inizia infatti l attività di scenografo e costumista nel 1985 a Roma con l allestimento di uno spazio per spettacoli e talk-show nell ambito di Live Love. Da allora ha ideato scene e costumi per più di 40 spettacoli dedicandosi principalmente al teatro di prosa. Ha lavorato inoltre per il cinema, per la danza contemporanea e per la televisione. Svolge attività d insegnamento di scenografia e costume, sia presso l Accademia Nazionale d Arte Drammatica Silvio D Amico di Roma, che presso altri Enti, tra i quali il Centro Universitario Teatrale dell Università di Trieste. All attività professionale specifica, affianca quella di scrittore di romanzi per ragazzi e di autore teatrale e televisivo. Hai scoperto molto presto quindi il tuo talento? Talento non so. Sicuramente una passione, coltivata nel tempo perché andavo a teatro e con i gruppi dialettali triestini già da giovanissimo mi cimentavo in quello che sarebbe diventato il mio mestiere. Ma contemporaneamente ho fatto il liceo classico, ho approfondito tutte quelle materie fondamentali per questo tipo di creatività. Sono convinto che il lavoro dello scenografo non si basi solo sull estetica e sul buongusto. Una preparazione culturale e un impostazione mentale è indispensabile. Per cui dopo il liceo classico ho fatto l Accademia di Belle Arti a Roma e per una serie di coincidenze fortunate ho cominciato subito dopo a firmare le mie prime scenografie teatrali. Non ho dovuto fare l assistente di. La gavetta l avevi già fatta prima con il teatro dialettale. Si, è vero. Quello che voglio dire però è che da subito, avevo appena 23 anni, mi sono trovato ad essere responsabile di fronte ad un regista, ma anche di fronte ad una produzione, responsabile quindi di denaro. Per favore, perfette da subito Le scenografie costano molto? Si, costano. Adesso devono costare sempre meno e questo è il problema più difficile da risolvere. Oggi con la crisi che c è, non ci si può più permettere di fare una scena, costruirla, montarla, dire è sbagliata e buttare via tutto. Anche se le scenografie di adesso sono più complesse di quelle di una volta, bisogna quindi fare in modo che siano perfette da subito! Adesso bisogna prevedere moltissimo quello che sarà il risultato finale. Io sono uno scenografo bozzettista, il che vuol dire che devo lavorare a stretto contatto con i tecnici che poi realizzeranno le mie idee, anche nella fase di preparazione del lavoro. Una volta ideata una scenografia Come nasce una scenografia Come nasce l ideazione di una scenografia? Da una parte c è il testo e a mio avviso ogni testo chiede alcune cose, che non sono necessariamente quelle che vengono scritte dall autore nella didascalia: salotto borghese, una porta a destra e una a sinistra, per esempio. Da un salotto borghese si può passare ad un piano inclinato senza che la realizzazione dello spettacolo ne abbia a risentire. Si deve leggere il testo dal punto di vista della drammaturgia della scenografia. Ci sono testi come Feydeau o Strindberg che riportano le didascalie e Per la scenografia, da una parte c è il testo che chiede alcune cose, poi c è il regista che ha la sua visione del testo e propone una sua rivisitazione dello stesso chiedono alcune cose riguardo alle dinamiche dei personaggi, che non sono necessariamente il salotto borghese. Shakespeare invece non scrive nessuna didascalia nei suoi drammi, in compenso il testo è totalmente didascalico: è previsto ad esempio che il personaggio arrivi davanti al castello di Macbeth e lo dica oh, ecco il castello di Macbeth. Questo per quanto riguarda il testo nelle parti in cui non può essere disatteso. Poi c è il regista che ha la sua visione del testo e propone una sua rivisitazione dello stesso. Chi decide una traslazione delle ambientazioni da un salotto borghese della fine 800, per esempio, ad una situazione da seconda guerra mondiale? Esperimento che andava di gran moda negli anni Settanta e che per fortuna oggi è meno frequente. Generalmente il regista, poi il tutto matura in un lavoro di collaborazione tra scenografo e regista. Non sempre le indicazioni del regista sono rigide, dopo un approccio fra le due figure lo scenografo produce una serie di proposte tra le quali il regista sceglie quella che è più vicina alle sue esigenze e su quella si lavora, per Credo che la scenografia sia un lavoro di stratificazioni, il testo, il regista, lo scenografo, con la sua cultura e il suo gusto, indicazioni pittoriche, ad esempio d ambiente, d epoca, da tutto questo e tanto altro viene fuori l idea che darà vita alla scenografia vera e propria Dopo il liceo classico ho fatto l Accademia di Belle Arti a Roma e per una serie di coincidenze fortunate ho cominciato subito dopo a firmare le mie prime scenografie teatrali. Non ho dovuto fare l assistente di

6 Martedì, 3 marzo 2009 palcoscenico 7 arrivare al prodotto finale. La terza componente che incide sulla realizzazione di una scenografia è il fatto economico, non irrilevante. La produzione deve dire quale è il tetto di spesa, quale è la condizione economica nella quale posso operare. E costi aggiunti Ci sono i materiali da scegliere Materiali da scegliere, tempi di lavorazione, se lo spettacolo va in tournée o no. Spieghiamo come incide questa cosa sui costi. La scena ha il debutto in un teatro e viene quindi costruita per quel teatro, però poi deve andare durante la tournée in altri teatri, molto più piccoli o più grandi. E quindi bisogna pensare ad una serie di modifiche strutturali, le cosiddette ridotte. La scena deve essere modificabile a seconda delle esigenze dello spazio aggiungendo o togliendo pezzi senza che la sua funzionalità venga intaccata. Ci sono poi i trasporti che costano. Le scene devono essere trasportabili agilmente, possibilmente con un solo camion, per evitare costi esagerati di trasporto e carico scarico. Solo grandi produzioni possono permettersi scene faraoniche, otto camion, due giorni di montaggio e smontaggio La scintilla che illumina la scena Torniamo alla scintilla che illumina la scena. Non credo esista una musa che ti tocca e appare come per miracolo una idea. Credo che la scenografia sia un lavoro di stratificazioni, il testo, il regista, lo scenografo, con la sua cultura e il suo gusto, indicazioni pittoriche, ad esempio d ambiente, d epoca, da tutto questo e tanto altro viene fuori l idea che darà vita alla scenografia vera e propria. Ci sono attori protagonisti che hanno incidenza sulle scene? Vorrebbero averla! Gli attori arrivano però quando la scena è già fatta e salvo alcune agevolazioni necessarie, togliere qualche gradino per un attore troppo anziano ad esempio, altre variazioni non si possono più fare. Capita più spesso che gli attori chiedano modifiche sui costumi. Tutti ci vestiamo nella vita di ogni giorno e quindi ognuno si crede in grado di disputare sull argomento. Invece dietro il lavoro del costume c è lo stesso lavoro che c è dietro la scenografia. Un colore, una foggia, un taglio, uno strascico hanno sempre un perché. Magari c è una richiesta di comodità Invece spesso c è la pretesa che il costume stia bene o meno, dimenticando che Oggi con la crisi che c è, non ci si può più permettere di fare una scena, costruirla, montarla, dire è sbagliata e buttare via tutto dietro una scelta di realizzare una giacca ad esempio molto larga c è l esigenza di dare l immagine di un determinato personaggio. I realizzatori del prodotto, poi, sono artigiani specializzati. Il teatro è un meccanismo in cui tutte le rotelle si devono incastrare. Gli artigiani, falegnami o sarti, hanno una preparazione assolutamente specifica. I costumi devono poter resistere ad un usura molto forte, l attore mette il costume ogni giorno per parecchie ore, ci suda dentro moltissimo, se lo mette e se lo toglie a volte molto velocemente, è facile quindi comprendere che la costruzione di quel costume è particolare. L impegno di oggi Su cosa stai lavorando attualmente? Ho appena finito le scene e i costumi di Capitano Ulisse che la Contrada ha allestito per la Biennale di Venezia, in coproduzione con Il Teatro Fondamenta Nuove. Lo spettacolo è tratto da un testo di Alberto Savinio per la regia di Giuseppe Emiliani. Ho da poco invece cominciato a lavorare per la realizzazione delle scene di Capriole in salita, testo di Pino Roveredo e regia di Francesco Macedonio, che andrà in scena alla Contrada di Trieste al 27 di questo mese. A maggio a Milano realizzerò i costumi per l Elettra di Hofmannsthal. Con la Contrada e con il Dramma di Fiume qualche anno fa, qualcuno ricorderà, avevo fatto le scene di Zente refada di Giacinto Gallina. Che cosa ci dici di Capitano Ulisse, che forse vedremo a Trieste e in Istria nella prossima stagione? È interessantissima la figura di Alberto Savinio, il fratello meno famoso di De Chirico: autore teatrale, pittore, musicista e scenografo, personaggio poliedrico, probabilmente, qua lo dico e qua lo nego, più interessante di De Chirico, come personalità artistica. La storia è una reinterpretazione dell Ulisse, attraverso l incontro con tre donne, Circe, Calipso e Penelope. Un Ulisse dominato da un desiderio frustrante e disatteso. Molto diverso dall Ulisse omerico. Si, però è un personaggio che alla fine trova una sua via d uscita. La chiave per realizzare le scene di questo spettacolo sta nell azione del Savinio pittore e scenografo. Con il regista siamo stati subito d accordo nell avere presente il mondo figurativo di Savinio, pur reinventando e non riproducendo le sue opere. Ci sono sette cambi di scena, il tutto è molto complesso. Savinio chiede un teatro nel teatro e, attraverso le proiezioni delle foto Il teatro è un meccanismo in cui tutte le rotelle si devono incastrare. Gli artigiani, falegnami o sarti, hanno una preparazione assolutamente specifica tridimensionali dei modellini, che ho realizzato delle scene, abbiamo realizzato questa richiesta e risolto il problema. Per i costumi c era il fatto che abbiamo sette personaggi in scena con circa trenta cambi di costume, i problemi da risolvere non erano pochi. Anche in questo caso mi sono ispirato alla pittura dell autore, alla sua trasformazione della realtà, metafisico, ma non così cerebrale e angosciante come De Chirico. Savinio chiede che Ulisse (interpretato da Antonio Salines) sia in divisa da capitano, non c è un peplo in tutto lo spettacolo. C è invece una fusione di mondi ed epoche. Calipso è una signora altoborghese di fine 800. Circe è una decadente dannunziana. Non sono scelte nostre, queste, ma dell autore. D altronde Ulisse è un personaggio universale, senza tempo. E Capriole in salita? Mi piace l idea di fare un lavoro socialmente utile, perché credo fermamente che il teatro sia una cosa utile, socialmente e culturalmente Un altro mondo. Una delle cose belle del mio lavoro è di passare continuamente attraverso cose tanto diverse tra di loro. Mi piace l idea di fare un lavoro socialmente utile, perché credo fermamente che il teatro sia una cosa utile, socialmente e culturalmente. Il tema dell alcolismo trattato in questo testo è drammaticamente attuale e presente nella nostra realtà. Pertanto questo allestimento è importante perché parla della possibilità di uscire dall alcolismo e del dramma di restarne dentro, senza pudori. La scrittura di Roveredo è peraltro bellissima, il regista Macedonio è capace poi di trasfigurazioni poetiche. Le scene saranno necessariamente di una semplicità Zen. Un continuo fluire tra realtà presente, ricordo, immagine mentale, sogno, delirio, bisogna andare avanti più per cenni e segni che per raffigurazione della realtà. Una scena semplice favorisce l emergere di una recitazione forte, emotiva. Assolutamente sì. Palcoscenico troppo spigoloso Raccontaci in chiusura qualche fatto divertente che ti è capitato durante il tuo lavoro. Non farò il nome dell attrice neanche sotto tortura. Dopo un mese di prove si monta la scena, che era tutta una serie di pedane, di rettangoloni a vari livelli. Vengo convocato durante una pausa e la signora mi dice: Andrea la tua scena è piena di angoli. Morale della storia, abbiamo trascorso il giorno dopo a smussare tutti gli spigoli della scena. Poscari

7 8 palcoscenico Martedì, 3 marzo 2009 CARNET PALCOSCENICO rubriche a cura di Carla Rotta TEATRO Il cartellone del mese IN CROAZIA Teatro Nazionale Ivan de Zajc - Fiume 3 marzo ore 19,30 Nunsense di Dan Goggin. Regia Mojca Horvat. Interpreti Olivera Baljak /Andreja Blagojević, Vivien Galletta / Leonora Surian, Andreja Blagojević / Elena Brumini, Antonela Malis / Leonora Surian, Anastazija Balaž Lečić / Kristina Kaplan 12, 13, 14 e 21 marzo ore 19,30 La Traviata di Giuseppe Verdi. Regia Janusz Kica. 17, 18 e 19 marzo ore 19,30 Romeo e Giulietta balletto di Prokofjev. Regia Staša Zurovac. Interpreti Laura Popa Teatro cittadino - Pola 7 marzo ore 20 Jackie di Elfriede Jelinek. Regia Ivica Buljan. Interpreti Senka Bulić, Matija Ferlin 11 marzo ore 20 Rogonje / Cornuti di Miro Gavran. Regia Zoran Mužić. Interpreti Siniša Popović, Žarko Savić, Vlasta Ramljak / Cristina Lukanec / Sabina Voinea, Andrei Köteles / Leonid Antontsev, Staša Zurovac, Tomaš Danielis, Roberto Pereira Barbosa Junior / Ashatbek Yusupzhanov, Alen Nezirević, Dmitri Andrejčuk, Valeri Rasskazov, Ashatbek Yusupzhanov, Leonid Antontsev, Vitali Klok 24, 25, 28, 30 e 31 marzo ore 19,30; 26 e 27 marzo ore 12 ZAJC OFF Amy s view/differenti opinioni di David Hare. Regia Neva Rošić. 28, 30 e 31 marzo ore 19,30 Crnac 18 e 19 marzo ore 20 Tomizziana da Fulvio Tomizza. regia Damir Zlatar Frey. Interpreti Helena Minić, Robert Kurbaša, Rosanna Bubola Davor Svedružić, Roberta Razzi... IN ITALIA Politeama Rossetti - Trieste Ciclo: Altri percorsi 10, 11, 12, 13 e 14 marzo ore 21; 15 marzo ore 16 L uomo dal fiore in bocca di Luigi Pirandello. Regia Marco Rampoldi. Interpreti Corrado Tedeschi, Maurizio Dosi, Roberta Petrozzi 17 e 18 marzo ore 20,30 Romolo il Grande di Friedrich Dürrenmatt, traduzione di Aloisio Rendi. Regia Roberto Guicciardini. Interpreti Mariano Rigillo, Anna Teresa Rossini, Luciano D Amico, Pietro Faiella, Norma Martelli, Liliana Massari, Francesco Sala, Francesco Cutrupi, Davide D Antonio, Francesco Frangipane, Roberto Pappalardo, Lorenzo Praticò, Alfredo Troiano 18, 19, 20 e 21 marzo ore 21; 21 e 22 marzo ore 17 Il sentiero dei passi pericolosi di Michail Marc Bouchard. Regia Tommaso Tuzzoli. Interpreti Andrea Capaldi, Andrea Manzalini, Silvio Laviano Chiara Vecchi, Giacomo Angelini, Andrea Centi, Tiziano Edini, Ginamarco Gallo, Jonathan Re David, Pierluigi Gallo, Igor Montalto Pierluigi Gallo, Clelia Piscitello 28 marzo ore 20,30; 29 marzo ore 16 To be or not to be di Maria Letizia Compatangelo dal soggetto di Melchior Lengyel. Regia Antonio Calenda. Interpreti Giuseppe Pambieri, Daniela Mazzucato, Umberto Bortolani, Fulvio Falzarano, Stefano Bembi, Francesco Benedetto, Giulia Beraldo, Gianfranco Candia, Paolo Cartago, Daniela Di Bitonto, Carlo Ferreri, Francesco Gusmitta, Luciano Pasini, Raffaele Sinkovic, Jacopo Venturiero, Jacopo Zucca Ciclo: Musical & Grandi Eventi 4, 5, 6 e 7 marzo ore 20,30; 7 e 8 marzo ore 16 Slava s snowshow di Slava. Regia Viktor Kramer. Interpreti Scott Derek, Artem Zhimolokhov, Jef Johnson, Vanya Polunin, Yury Musatov, Tatiana Karamysheva, Francesco Bifano 19, 20 e 21 marzo ore 21; 21 e 22 marzo ore 16 A Chorus Line Ideato e originariamente diretto e coreografato da Michael Bennett. Regia Baayork Lee e Saverio Marconi. Interpreti Christian Amadori, Lucia Blanco, Federica Capra, Andrea Cerchia, Paola Ciccarelli, Roberto Colombo, Simone Di Bucci, Aldo Esposito, Antonio Franco, Giuseppe Galizia, Lynn Jamieson, Floriana Monici, Fabio Monti, Fiorella Nolis, Paola Quilli, Laura Safina, Annamaria Schiattarella, Luca Spadaro, Gianluca Spatti, Maria Grazia Valentino, Guy Van Damme, Nicola Zamperetti, Manuela Zero IN SLOVENIA Spettacoli fuori sede 27 e 28 marzo ore 20 Neboder / Grattacielo di Lana Šarić. Regia Edvin Liverić. Interpreti Filip Lugarić, Vedran Živolić, Lana Gojak, Luka Juričić, Mirjana Sinožić Teatro cittadino - Capodistria IN ITALIA Teatro lirico Giuseppe Verdi - Trieste 11, 12, 13 e 14 marzo ore 20,30; 13 e 14 marzo ore 15; 14 marzo ore 16 Coppélia (ou la Fille aux Yeux d ) Balletto in tre atti su libretto di Charles Nuitter e Arthur Saint-Léon. Musica di Leo Delibes. Interpreti: Corpo di Ballo del Teatro alla Scala 27 marzo e 31 marzo ore 20,30; 28 marzo ore 17; 29 marzo ore 16 Evgenij Onegin Opera su libretto di Pëtr Il ič Čajkovskij con la collaborazione di K. Šilovskij. Musica di Pëtr Il ič Čajkovskij. Regia Aleksandr Titel. Interpreti Natal ja Muradymova, Natal ja Petrožickaja, Larisa Andreeva, Elena Maksimova, Il ja Pavlov, Dmitrij Zuev, Aleksej Dolgov, Sergej Balašov, Roman Ulybin, Dimitrij Ulyanov (28, 29/III - 1/IV) 25, 26, 27 e 28 marzo ore 21; 29 marzo ore 17 India di Mara Baronti. Regia Alfonso Santagata. Interpreti Mara Baronti, Cristina Alioto, Patrizia Belardi 31 marzo ore 21 Alè Calais di Osvaldo Guerrieri. Regia Emanuela Giordano. Interpreti Marianella Bargilli, Ermanno Dodaro, Giovanna Famulari, Massimo De Lorenzi Ciclo: Fuori abbonamento 24 marzo ore 21 Disney High School Musical Regia Saverio Marconi - Regia associata Federico Bellone. Interpreti Jacopo Sarno, Denise Faro, Raffaele Cutolo, Valentina Gullace, Maria Dolores Diaz, Salvo Vinci, Eleonora Lana, Giulia Marangoni, Marco De Gaudio, Giuseppe Verzicco, Laura Bagnato, Annamaria De Matteo, Sara Pamploni, Arianna Sala, La Contrada - Trieste Anno IV / n. 40 del 3 marzo 2009 LA VOCE DEL POPOLO - Caporedattore responsabile: Errol Superina IN PIÙ Supplementi a cura di Errol Superina Progetto editoriale di Silvio Forza / Art director: Daria Vlahov Horvat Edizione: PALCOSCENICO Redattore esecutivo: Carla Rotta Impaginazione: Željka Kovačić Collaboratori: Marianna Jelicich Buić, Rossana Poletti Ciclo: Danza & Dintorni 10, 11, 12, 13 e 14 marzo ore 20,30; 14 e 15 marzo ore 16 Momix Bothanica uno spettacolo di Moses Pendleton. Regia Moses Pendleton. Interpreti Tsarra Bequette, Jennifer Chicheportiche, Simona Di Tucci, Sarah Nachbauer, Cassandra Taylor, Joshua Christopher, Jon Eden, Donatello Iacobellis, Robert Laqui, Steven Marshall 6, 7, 11, 12, 13, 14 marzo alle ore 20,30; 8 e 15 marzo ore 16,30 Michelina di Edoardo Erba. Regia Alessandro Benvenuti. Interpreti Giampiero Ingrassia, Maria Amelia Monti 27 e 28 marzo ore 20,30; 29 e 31 marzo ore 16,30 Capriole in salita di Pino Roveredo. Regia Francesco Macedonio. Interpreti Ariella Reggio, Massimiliano Borghesi, Maria Grazia Plos, Maurizio Zacchigna, Marzia Postogna, Giorgio Monte La pubblicazione del presente supplemento viene supportata dall Unione Italiana grazie alle risorse stanziate dal Governo italiano con la Legge 193/04, in esecuzione al Contratto N 83 del 14 gennaio 2008, Convezione MAE-UI N 2724 del 24 novembre 2004

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film

Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film di Elisa Guccione - 20, set, 2015 http://www.siciliajournal.it/franco-oppini-i-gatti-di-vicolo-miracoli-di-nuovo-insieme-in-un-film/

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

SPETTACOLO del 10 novembre 2012

SPETTACOLO del 10 novembre 2012 SPETTACOLO del 10 novembre 2012 CONTRIBUTI DI : presso il teatro Studio Milano Zena Elisa, 4 A scientifico Cantaluppi Giulia, III A classico Scotto Davide, III A classico Gaddi Valentino, I A classico

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere A modo mio Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante Le nuove etichette sui cibi e sulle bevande Sui cibi e sulle bevande

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano CARLO LUCARELLI PPP Pasolini, un segreto italiano Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano 2015 by Carlo Lucarelli Published by arrangement with Agenzia Letteraria Roberto Santachiara

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

OSSERVA LA LOCANDINA, RIESCI A INTUIRE DI CHE COSA TRATTA IL FILM?

OSSERVA LA LOCANDINA, RIESCI A INTUIRE DI CHE COSA TRATTA IL FILM? OSSERVA LA LOCANDINA, RIESCI A INTUIRE DI CHE COSA TRATTA IL FILM? Attività 1 1) Leggi la breve trama del film e vedi se le tue ipotesi sono confermate Cosa vuol dire avere una mamma bellissima, vitale,

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 16 Data. 05.11.2007 Ora 18.34 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE. La trama

SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE. La trama SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE La trama C è una regista teatrale che vuole mettere in scena la storia di una principessa che viveva tanto tempo fa in un regno bianco, grigio e nero. Ma in scena,

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

SENZA PAROLE. Illustrazione di Matteo Pericoli 2001

SENZA PAROLE. Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 SENZA PAROLE Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 Agente di viaggio. Vedo che ha deciso per la Transiberiana. Ottima scelta. Un viaggio difficile, ma che le darà enormi soddisfazioni. Cliente. Mi preoccupa

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA SCUOLA PRIMARIA ALDA COSTA FERRARA CLASSE IV A A.S. 2014/15 PARTECIPIAMO AL CONCORSO Luciana Albieri Edizione2015 Associazione Dammi la Mano SON TUTTE BELLE LE FAMIGLIE

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Gabriella Saitta: Formare professionisti ed artisti nutrendo l anima con energia positiva

Gabriella Saitta: Formare professionisti ed artisti nutrendo l anima con energia positiva Gabriella Saitta: Formare professionisti ed artisti nutrendo l anima con energia positiva di Elisa Guccione - 13, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/gabriella-saitta-formare-professionisti-ed-artisti-nutrendo-lanima-con-energiapositiva/

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Compagnia teatroblu CenerentolO

Compagnia teatroblu CenerentolO Compagnia teatroblu CenerentolO Di: Susanna Gabos Regia: Nicola Benussi Attori: Klaus Saccardo Marta Marchi Clara Setti Costumi: Giacomo Sega Scenografia: Andrea Coppi Luci: Luca De Martini Produzione:

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta FINALITA -EDUCARE ALLA CITTADINANZA PER SCOPRIRE GLI ALTRI, GESTIRE CONTRASTI, RICONOSCENDO DIRITTI E DOVERI ATTRAVERSO

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli