Informazioni di base sullo sviluppo sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni di base sullo sviluppo sostenibile"

Transcript

1 Informazioni di base sullo sviluppo sostenibile ONLINE Sommario Lo sviluppo sostenibile è diventato il concetto principe del ventunesimo secolo: con questa espressione si intende uno sviluppo che soddisfi le necessità della generazione presente, senza precludere le possibilità di crescita di quelle future. In Europa questo termine trova la sua origine nella selvicoltura, ma al giorno d oggi lo sviluppo sostenibile è divenuto un importante obiettivo generale per tutti i settori della vita moderna, a partire dall economia, passando attraverso l ecologia, fino ad arrivare all equità sociale. La progettazione e lo sviluppo del futuro dell umanità sono stati discussi a livello internazionale nelle conferenze di Rio de Janeiro e di Johannesburg; ciononostante questi temi vengono normalmente affrontati anche a livello nazionale in vari stati. In Germania, ad esempio, la Commissione di Sorveglianza del tredicesimo Bundestag (un ramo del Parlamento equivalente alla nostra Camera dei Deputati, ndt) ha varato l atto legislativo Protezione dell Uomo e dell Ambiente, al fine di indagare e approfondire gli aspetti connessi con le necessità dello sviluppo sostenibile. Nel suo rapporto finale, la Commissione ha identificato alcune regole ritenute fondamentali per ottenere uno sviluppo sostenibile in Germania. Tali principi sono stati accettati e ritenuti validi dalle massime autorità di vari settori dell economia e della politica. Al momento attuale, tuttavia, per la messa in pratica di queste direttive, le varie realtà del mondo produttivo hanno bisogno di consulenti esperti che possano fornire loro il supporto necessario per l applicazione delle suddette regole al rispettivo campo di attività. Si rende quindi necessaria l introduzione di un nuovo modello di sviluppo sostenibile a livello educativo: sebbene tale concetto sia già ampiamente accettato, infatti, rimangono comunque discrepanze ed incertezze sulle modalità attraverso le quali raggiungere questo obiettivo globale; risulta chiaro, ad esempio, che le prime necessità variano da persona a persona, da nazione a nazione e, infine, da continente a continente. 1

2 Che cosa significa sviluppo sostenibile? Lo sviluppo sostenibile viene anche chiamato sviluppo persistente, durevole, intenso o efficiente [1]. Questa espressione è stata utilizzata per la prima volta nel 1987 dalla Commissione Mondiale per l Ambiente e lo Sviluppo, diretta da Gro Harlem Brundtland (allora primo ministro norvegese). Nel rapporto finale dal titolo Il Nostro Futuro Comune, noto anche come rapporto Brundtland [2], lo sviluppo sostenibile viene definito come: Lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente, senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro... In altre parole, lo sviluppo è necessario per soddisfare i bisogni dell uomo e migliorarne la qualità della vita, ma nel contempo si deve basare su un uso efficiente e responsabile - da un punto di vista ambientale - delle scarse risorse della nostra società, siano esse naturali, umane o economiche. Storia dello sviluppo sostenibile Il concetto di sviluppo sostenibile nasce in tempi abbastanza recenti, sebbene la preoccupazione circa i bisogni delle generazioni future abbia radici abbastanza datate. Le prime indicazioni documentate sono state trovate nella storia delle tribù Irokoses del Nord America. Questi popoli pretendevano, infatti, che i loro capi-tribù, all atto di prendere una decisione, valutassero e considerassero anche i bisogni delle generazioni future [3, 4]. In Europa il concetto di sviluppo sostenibile è stato per la prima volta applicato nell ambito della selvicoltura: già nel tredicesimo secolo, ad esempio, erano in vigore norme in merito all uso sostenibile dei boschi (Ordinanza delle foreste; Norimberga, 1294) [5]. La questione della deforestazione indiscriminata, avulsa da programmi di riforestazione, fu successivamente trattata da Carlowitz, un nobile della Sassonia, nel suo scritto intitolato Sylvicultura Oeconomica - istruzioni per la coltivazione naturale degli alberi selvatici (1713). Carlowitz suggeriva lo studio dei libri pubblicati nel mondo della natura: secondo il suo pensiero, infatti, l uomo avrebbe dovuto indagare sulle leggi naturali in maniera continua e perpetua. Nei suoi scritti, Carlowitz chiedeva fervidamente l applicazione di svariate misure innovative per la costruzione degli edifici (come l incremento dell isolamento termico), l impiego di stufe per il riscaldamento e di forni per la fusione a basso consumo energetico, nonché un rigido programma di riforestazione (attraverso la semina e la piantagione). Per finire, egli auspicava l adozione dei cosiddetti surrogata (surrogati, materiali sostitutivi; ndt) del legno [6]. Sulla base di queste idee, Georg Ludwig Hartig pubblicò nel 1795 il documento Istruzioni per la tassazione e la caratterizzazione delle foreste, in cui affrontava il tema dell uso razionale delle foreste, un uso che tenesse in considerazione anche dei bisogni delle generazioni future [7, 8]: era nata l idea di sviluppo sostenibile, seppur solamente su base economica e sociale; d altronde, a quell epoca, la protezione della natura non era ancora considerata un problema. Questo concetto di sostenibilità portò a tagliare le originali foreste miste per soppiantarle con alberi in mono-coltura, in massima parte conifere a crescita rapida. A quel tempo, tuttavia, 2

3 l applicazione dell idea di sviluppo sostenibile rimase limitata alla selvicoltura e non si diffuse ad altre attività umane. In tempi più recenti, il termine sostenibilità - inteso in un contesto di protezione della biosfera a livello mondiale - è stato introdotto per la prima volta negli anni 80. Tale espressione venne utilizzata nel programma globale della ex International Union for Conservation of Nature and Natural Resources (IUCN - Unione Internazionale per la Conservazione della Natura; dal 1990 la denominazione esatta è: IUCN - The World Conservation Union) e dal WWF (World Wildlife Fund). L impiego di questo termine era riferito allo sfruttamento di un sistema biologico pre-esistente: tale utilizzo, in particolare, non avrebbe dovuto modificare le caratteristiche essenziali dell organismo stesso e per questo motivo venne adottato il termine sostenibilità [9]. Il concetto appena presentato è stato ulteriormente ampliato con l introduzione dell espressione sviluppo sostenibile; gli aspetti economici furono così integrati con quelli ecologici e sociali, espressi dal Rapporto Brundtlandt del 1987 (cfr. sopra). Il cammino che porta ai giorni nostri, tuttavia, non è ancora finito: un ulteriore pietra miliare è stata posta dalla United Nations Conference on Environment and Development (UNCED - Conferenza delle Nazioni Unite sull ambiente e lo sviluppo) di Rio de Janeiro del Circa 170 nazioni sottoscrissero in quella sede Agenda 21, un documento programmatico in cui lo sviluppo sostenibile veniva definito come un obiettivo globale [10]. Data la sua natura universale, tuttavia, tale documento descrive esclusivamente gli scopi generali, senza però entrare nel merito delle vie da intraprendere per raggiungerli. In realtà, non sono tanto i contenuti veri e propri del documento ad essere importanti, bensì lo spirito di fondo con cui esso è stato scritto: per la prima volta, infatti, viene veicolata l idea che solo dalla collaborazione di una partnership globale possa nascere la soluzione ai maggiori problemi ecologici e sociali del pianeta. Nel 1996, la suddetta Commissione di Sorveglianza Protezione dell Uomo e dell Ambiente del Bundestag tedesco ha proposto dei regolamenti per raggiungere l obiettivo dello sviluppo sostenibile a livello globale. Nel suo rapporto finale Concetto di Sostenibilità, dalla Teoria alla Pratica sono state definite alcune regole generali a proposito [11]. Tale Commissione ha dichiarato che la garanzia e il miglioramento dei beni ecologici, economici e sociali sono obiettivi primari per lo sviluppo sostenibile. Essa mira ad un modello in cui la sostenibilità si basa su tre colonne di uguale importanza: l ecologia, l economia e la società; il rapporto indica, inoltre, anche azioni e mezzi per raggiungere questa condizione. Nel Giugno del 2001, gli stati membri dell Unione Europea si sono riuniti a Göteborg, capitale della Svezia, per discutere del futuro dell Europa ed identificare delle linee-guida politiche di carattere generale; il risultato di questo incontro è riportato brevemente di seguito: Sviluppo sostenibile significa soddisfare i bisogni della presente generazione, senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro. Pertanto è necessario sviluppare le politiche economiche, ecologiche e sociali, facendo in modo che i vari settori possano instaurare delle sinergie. Se non sarà possibile frenare le tendenze che minacciano la qualità della vita futura, la necessità di risorse finanziarie della società aumenterà drammaticamente ed i trend negativi diverranno irreversibili. Il Consiglio Europeo ha accolto favorevolmente l annuncio 3

4 della creazione della Commissione sullo Sviluppo Sostenibile, alla quale spetta il compito di trovare soluzioni fondamentali per arrestare tali andamenti negativi. L Europa possiede una politica comune per lo sviluppo sostenibile, in cui ha definito le condizioni generali per il suo raggiungimento. I prossimi anni ci mostreranno in che modo e misura il modello prescelto potrà essere realizzato. Questo compito spetterà principalmente ai politici, tuttavia anche altri soggetti (come le organizzazioni non governative - ONG -, le associazioni degli industriali e le associazioni per la protezione della natura) giocheranno un ruolo molto importante per l evoluzione dell attuale modello di sviluppo sostenibile. Regole economiche Per il raggiungimento dello sviluppo sostenibile, la Commissione di Sorveglianza del Bundestag [11] (cfr. sopra) ha emanato le seguenti regole economiche: 1. Il sistema economico deve essere in grado di soddisfare efficientemente i bisogni sia individuali, che della società nel suo complesso. A tale scopo, l ordine economico deve essere strutturato in modo da favorire le iniziative personali (responsabilità del singolo) e far sì che l interesse individuale sia asservito a quello comune (responsabilità della collettività): questi requisiti sono fondamentali per assicurare il benessere delle popolazioni attuali e di quelle future. Il sistema economico deve, inoltre, essere organizzato in maniera tale che gli interessi del singolo e della comunità siano in perfetta sintonia tra loro. Ogni membro della società riceve benefici dallo stato sociale, in proporzione a ciò che egli versa nel sistema e ai suoi bisogni specifici. 2. I prezzi devono sempre fare da guida essenziale per il mercato. Essi dovrebbero riflettere la disponibilità delle risorse, le modalità produttive, nonché il reale valore di beni e servizi. 3. Le frontiere economiche devono creare e garantire condizioni favorevoli alla sana competizione dei mercati, spingere all innovazione, assicurare l efficacia dei piani a lungo termine e promuovere miglioramenti sociali, mantenendo nel contempo una certa flessibilità, così da consentire eventuali adeguamenti ai bisogni futuri. 4. Bisogna fornire un supporto continuo alla capacità economica della collettività, alla produzione e alle relazioni sociali. Questi aspetti, inoltre, devono migliorare progressivamente, non solo da un punto di vista quantitativo, ma anche qualitativo. Nell articolo Calcoli economici nella sostenibilità vengono descritti i requisiti di mercato per lo sviluppo sostenibile secondo l industria chimica. 4

5 Regole ecologiche Nel 1997 la già menzionata Commissione di Sorveglianza Protezione dell Uomo e dell Ambiente ha definito lo sviluppo sostenibile come l obiettivo primario per mantenere e migliorare i risultati già ottenuti nei settori ecologico, economico e sociale [11]: tale fine può essere raggiunto solo mantenendo un perfetto equilibrio tra la sostenibilità nei tre settori citati, che possono essere considerati delle vere e proprie colonne portanti del modello. La Commissione ha proposto le seguenti regole ecologiche per lo sviluppo sostenibile: 1. Il tasso di consumo delle risorse rinnovabili non deve superare quello di rigenerazione delle stesse. In pratica, deve essere garantita una performance ecologica dei processi che permetta di mantenere inalterato il capitale ecologico (un ipotetica grandezza definita sulla base della funzione che il processo stesso possiede). 2. Le emissioni di inquinanti nell ambiente non devono superare la capacità di assorbimento di ogni singolo ecosistema. 3. La finestra temporale entro cui l impatto antropico agisce sull ambiente, deve essere commisurata al tempo caratteristico dei processi fondamentali di auto-depurazione dell ambiente. 4. I pericoli e i rischi per la salute umana che derivano dalle attività antropiche, devono essere minimizzati. Regole sociali Infine, la suddetta Commissione di Sorveglianza ha proposto le seguenti regole sociali per la sostenibilità: 1. Lo stato sociale previsto dalla costituzione dovrebbe, al fine di mantenere la pace sociale, supportare e promuovere la dignità dell uomo ed il libero sviluppo della personalità per le generazioni presenti e per quelle future. 2. Ogni membro della società ottiene benefici dallo stato sociale sulla base di quanto precedentemente versato, nonché in caso di bisogno. 3. Ogni membro della società deve pagare un contributo di solidarietà alla comunità, in funzione delle proprie possibilità. 4. I sistemi di sicurezza sociale (sanità pubblica, pensioni, ecc... ) non possono crescere in maniera illimitata, ma devono essere commisurati agli standard economici. 5. Il potenziale produttivo di tutta la società e delle sue diramazioni deve essere preservato per le generazioni future. 5

6 La sostenibilità nella chimica In un contesto di sviluppo sostenibile, la chimica rappresenta un opportunità ed un pericolo, al tempo stesso. I rischi sono molto seri, come dimostrato dagli incidenti di Seveso in Italia, Bophal in India e presso la società Sandoz di Basilea, in Svizzera. Vanno, inoltre, considerati anche altri aspetti apparentemente meno importanti, come le emissioni di inquinanti organici persistenti (solitamente indicati con l abbreviazione POP o POPs, dall inglese Persistent Organic Pollutants) da parte delle industrie chimiche. Tali fuoriuscite sono ubiquitarie e spesso i contaminanti rilasciati tendono ad accumularsi nell ambiente. Nonostante questi pericoli, tuttavia, la chimica offre grandi (potenziali) applicazioni per lo sviluppo sostenibile [12]. L industria chimica, infatti, può favorire l adozione di uno stile di vita più sostenibile, mettendo a disposizione le sue competenze nel campo della trasformazione dei materiali e dei prodotti. Un buon esempio di quanto appena esposto sono i materiali isolanti, comunemente usati negli edifici pubblici e privati. I costi richiesti per la loro produzione vengono ammortizzati in un solo anno grazie alla minor richiesta di energia da parte degli impianti di riscaldamento [13]: con il loro utilizzo, diviene quindi possibile una riduzione a lungo termine dell energia usata per il riscaldamento degli edifici. Un altro esempio è quello dell introduzione delle marmitte catalitiche per gli autoveicoli: questo provvedimento ha portato ad una notevole diminuzione dell emissione di inquinanti, che si riflette a sua volta in un miglioramento della qualità dell aria. Nei prossimi paragrafi verranno descritte le posizioni e le dichiarazioni di vari soggetti, tra i quali anche l industria chimica, in relazione allo sviluppo sostenibile. Il punto di vista delle organizzazioni ambientali Attualmente la maggior parte degli stati moderni ha emesso normative dettagliate in materia di protezione ambientale: esse riguardano, ad esempio, la manipolazione dei composti e la manutenzione degli impianti chimici. Tali leggi sono il risultato di discussioni controverse (che risalgono agli anni 80) circa il ruolo della chimica. Al giorno d oggi, le forti contestazioni, con motti del tipo Seveso è ovunque [14], si sono placate e le organizzazioni ambientali non governative sono sempre più coinvolte nelle decisioni politiche concernenti aspetti chimici. Al posto delle discussioni di un tempo sulla chimica e l energia nucleare, oggi troviamo altri scottanti argomenti al centro dell attenzione, come l ingegneria genetica e le radiazioni non ionizzanti provenienti dai telefoni cellulari. In questo nuovo scenario, si sono sviluppate diverse collaborazioni fra le organizzazioni ambientali e le industrie chimiche, che hanno permesso la realizzazione di pubblicazioni come Sustainable Development - Vom Leitbild zum Werkzeug (Sviluppo Sostenibile - da concetto a strumento), pubblicato in Germania dalle ex-industrie Hoechst [15]. Questa cooperazione ha inoltre portato alla realizzazione del sistema Product Sustainability Assessment (PROSA - letteralmente: Valutazione di Sostenibilità di Prodotto), applicato come modello in vari settori produttivi. Sempre in Germania, collaborazioni simili hanno portato ad altre pubblicazioni, come PVC und Nachhaltigkeit (PVC e sostenibilità) [16]. 6

7 L innovativo obiettivo finale dei due esempi appena citati è quello d integrare diversi aspetti - soprattutto a livello economico, sociale ed ecologico - per raggiungere una concezione olistica dei prodotti chimici. Il punto di vista delle federazioni e dell industria Gli incidenti negli impianti chimici hanno contribuito a sensibilizzare l opinione pubblica in materia di protezione ambientale e ad aumentare l attenzione della politica verso questo tema; tutto ciò ha spinto diverse industrie chimiche e le rispettive associazioni di categoria a concepire le loro attività in maniera globale. Alla fine degli anni 80 nasce così il concetto di Responsible Care (Attenzione Responsabile) con cui l industria chimica si obbliga volontariamente a migliorare le proprie prestazioni in materia di sicurezza e di tutela della salute e dell ambiente, anche in assenza di normative specifiche. Su tale base, negli ultimi anni sono stati conseguiti notevoli miglioramenti, soprattutto nel campo della protezione ambientale: le emissioni di gas serra da parte dell industria chimica, ad esempio, sono state significativamente ridotte ricorrendo alla co-generazione di energia elettrica e calore per il riscaldamento [17]. La corretta applicazione di un modello di sviluppo sostenibile richiede, ad ogni modo, misure che vanno oltre quelle adottate con la sola responsible care. Le associazioni delle industrie chimiche a livello nazionale e internazionale [18, 19, 1], così come varie multinazionali [20, 21, 22], hanno valutato attentamente le sopraccitate misure, riconoscendo infine la validità dei principi dello sviluppo sostenibile. Peraltro, le multinazionali hanno richiesto che la normativa nazionale di settore venga affiancata da leggi internazionali per promuovere lo sviluppo sostenibile a livello globale [1]. Più di cento multinazionali si sono così riunite a formare il World Business Council of Sustainable Development - WBCSD (Consiglio Mondiale del Business per lo Sviluppo Sostenibile). Tale organizzazione è nata con il fine di sviluppare nuovi concetti di sostenibilità, nonché approcci innovativi ai problemi delle industrie chimiche (ad esempio: nei settori della performance ambientale o delle risorse rinnovabili) [23]. La sostenibilità nell insegnamento della chimica Le sfide dello sviluppo sostenibile per il settore della chimica provengono da tutti gli ambienti fondamentali della sostenibilità (l ecologia, l economia e la società). Gli esperti di ogni singola disciplina scientifica non possono, tuttavia, dare risposte a tutte le domande, pertanto si rende necessario un approccio multidisciplinare, che coinvolga figure con competenze differenti tra loro. In ambito scientifico, l obiettivo principale è quello di sviluppare procedure e processi sostenibili dal punto di vista ecologico: questi ultimi possono essere considerati tali, esclusivamente se l uso delle risorse (input, condizioni di produzione e carichi ambientali risultanti) è prossimo ai minimi predefiniti 1 [24]. 1 Se i costi finali (eventualmente ottimizzati) ed i carichi ambientali sono considerati elevati dalla maggior parte dei soggetti coinvolti, allora il processo deve essere sostituito da uno migliore, di nuova concezione; altrimenti, saranno i prodotti stessi del processo a dover essere sostituiti da altri. 7

8 Per lo sviluppo di tali processi è necessaria la presenza di scienziati esperti nella trasformazione dei materiali; questi ultimi dovranno anche prendere in considerazione i seguenti nuovi fattori di sostenibilità, tra cui: L applicazione di condizioni di reazione alternative, eco-compatibili ed a basso consumo energetico, sfruttando processi enzimatici e/o catalitici; L applicazione di tecniche alternative alle reazioni termiche (che richiedono riscaldamento e quindi grande energia), come quelle fotochimiche, elettrochimiche, o basate sull uso di microonde; L applicazione di moderne tecniche chemo-, regio- e stereoselettive; Un impiego di risorse che permetta di conservare materie prime ed intermedi e/o l utilizzo di risorse rinnovabili; L uso di solventi eco-compatibili; Il riciclo delle sostanze ausiliarie (usate per l ambiente di reazione) e dei solventi; Gli apporti richiesti ai chimici in termini di sostenibilità sono riportati in un articolo di Eissen et al., intitolato 10 years after Rio - Concepts for contribution of Chemistry towards sustainable development (Concetti per il contributo della chimica allo sviluppo sostenibile, dieci anni dopo Rio) [25]. Un istituto virtuale ha sviluppato interessanti concetti basandosi sui fondamenti della Green- Chemistry; tali idee sono quindi state codificate in dodici principi generali [26]: 1. È meglio prevenire la produzione di rifiuti, piuttosto che trattarli o rimuoverli dopo che sono stati generati. 2. I metodi di sintesi devono essere progettati in modo da massimizzare l incorporazione dei materiali usati durante il processo nel prodotto finale. 3. Quando possibile, i metodi di sintesi devono essere progettati in maniera tale da utilizzare e/o produrre sostanze che presentino tossicità per l uomo e per l ambiente bassa o nulla. 4. I metodi chimici devono essere progettati in modo da mantenere un elevata efficacia funzionale, ma riducendo nel contempo la tossicità. 5. Quando possibile, l uso di sostanze ausiliarie (ad esempio: solventi, agenti di separazione, ecc... ) deve essere evitato; in caso contrario, tali composti dovrebbero perlomeno essere innocui. 6. La richiesta di energia deve essere valutata in termini di impatto economico ed ambientale e deve conseguentemente essere minimizzata. Se possibile, le sintesi dovrebbero essere condotte a pressione atmosferica e temperatura ambiente. 8

9 Figura 1: Possibili stati degli impatti ambientali di una reazione (valutati sull asse y). 7. Ogniqualvolta sia tecnicamente ed economicamente realizzabile, materie prime e prodotti grezzi dovrebbero essere rinnovabili in seguito all utilizzo, piuttosto che deperibili. 8. Quando possibile, le derivatizzazioni (gruppi bloccanti, protezioni e loro rimozioni, modificazioni temporanee dei processi chimici o fisici) non necessarie devono essere evitate. 9. I reagenti catalitici (massimamente selettivi) sono superiori ai reagenti stechiometrici. 10. I prodotti chimici devono essere progettati in maniera tale che, alla fine della loro funzione, non persistano nell ambiente e formino composti di degradazione innocui. 11. I metodi analitici devono essere ulteriormente sviluppati, in modo da permettere un monitoraggio del processo in tempo reale, prima della formazione di composti dannosi. 12. Le sostanze e la forma in cui esse sono utilizzate in un processo chimico devono essere selezionate in modo da minimizzare il rischio di incidenti chimici, inclusi rilasci di materiale, esplosioni ed incendi. Oltre a queste richieste, deve essere considerato un approccio integrato: solo in questo modo, infatti, è possibile ottimizzare una reazione e minimizzarne i carichi ambientali. La figura seguente esplica questo concetto: 9

10 L impatto di una reazione sull ambiente - inteso in termini di tossicità per l uomo, ecotossicità, eutrofizzazione e alterazione del clima - è influenzato da molti fattori. Tale carico non dipende solo dai reagenti e dai composti ausiliari usati, ma anche dall energia richiesta dal processo. La risultante degli effetti di una data reazione è rappresentata al punto 1 del grafico; per ottenere condizioni di reazione che implichino il minor impatto ambientale possibile, tuttavia, è necessario adottare un approccio graduale (per passi). Quando si progetta una reazione con un approccio integrato, si devono considerare diversi fattori: le fasi di pre-equilibrio dei reagenti, l energia dei prodotti intermedi, nonché i possibili cambiamenti da apportare alle condizioni di reazione (eventualità da prendere in considerazione, ad esempio, qualora i solventi impiegati siano pericolosi per l ambiente). Grazie a questa ottimizzazione è possibile raggiungere lo stato descritto al punto 2 del grafico. A seguito di un ottimizzazione di tutti i parametri sperimentali (operazione che richiederebbe in ogni caso uno sforzo notevole), si potrebbe infine raggiungere il punto 3. Per ottenere una migliore performance ambientale, come quella descritta dal punto 4, bisognerebbe (a questo punto) apportare delle modifiche radicali alla reazione; un ipotetico miglioramento potrebbe derivare dall introduzione di un catalizzatore speciale o dall utilizzo di reagenti iniziali alternativi rispetto a quelli classici. Riferimenti bibliografici [1] Sustainable Development: Wegweiser für die Zukunft. Technical report, Verband der Chemischen Industrie e.v., Frankfurt, [2] World Commission on Environment and Development. Our Common Future. Oxford University Press, Oxford, [3] W. Sachs. Das Kyoto-Protokoll: Lohnt sich seine Rettung? Blaetter für deutsche und internationale Politik, Juli 2001, [4] T. Mergelsberg. Nachhaltigkeit - Was ist eigentlich Nachhaltigkeit. Mergelsberg, [5] M. Held. Geschichte der Nachhaltigkeit. Natur und Kultur, 1(1):17 31, [6] U. Grober. Der Erfinder der Nachhaltigkeit. Die Zeit, :98, [7] F. Greis. Wörterbuch zur lokalen Agenda 21. Universität Mainz, [8] M. Krott. Sonderdruck Zukunft Holz - Die Wurzeln des Prinzips der Nachhaltigkeit. Die Welt, :S. 16. [9] Nachhaltiges Deutschland, Wege zu einer dauerhaft umweltgerechten Entwicklung. Technical report, Umweltbundesamt, Berlin, [10] Report of the United Nations Conference on Environment and Development, Rio de Janeiro. Technical report, United Nations,

11 [11] Konzept Nachhaltigkeit - Vom Leitbild zur Umsetzung. Technical report, Deutscher Bundestag, Enquete-Kommission Schutz des Menschen und der Umwelt des 13. Deutschen Bundestages, Berlin, [12] S. Böschen, D. Lenoir, and M. Scheringer. Sustainable chemistry: starting points and prospects. Naturwissenschaften, 90(3):93 102, [13] Kunststoff ist Klimaschutz. Energiesparen, Ressourcen schonen. Technical report, Verband Kunststofferzeugende Industrie (VKE), Frankfurt, [14] E.R. Koch and F. Vahrenholt. Seveso ist überall - Die tödlichen Risiken der Chemie. Fischer, Frankfurt, [15] C. Ewen, F. Ebinger, C.-O. Gensch, R. Grießhammer, C. Hochfeld, and V. Wollny. Hoechst Nachhaltig. Öko-Institut Verlag, Freiburg, [16] Steuerungsgruppe zum Dialogprojekt PVC und Nachhaltigkeit und Arbeitsgemeinschaft PVC und Umwelt e.v., editor. PVC und Nachhaltigkeit: Systemstabilität als Massstab. Ausgewählte Produktsysteme im Vergleich. Deutscher Instituts-Verlag, Köln, [17] Responsible Care Bericht Daten der chemischen Industrie zu Sicherheit, Gesundheit, Umweltschutz. Technical report, Verband der Chemischen Industrie e.v., Frankfurt a.m., [18] The ICCA Chemical Sector Report to UNEP for the World Summit on Sustainable Development. Technical report, International Council of Chemical Associations, [19] CEFIC Statement on an integrated approach towards Sustainable development. Technical report, European Chemical Industry Council (CEFIC), Brüssel, [20] Sustainable Development Report Technical report, Bayer AG, Leverkusen, [21] Konzern-Umweltbericht. Technical report, Schering AG, Berlin, [22] Umweltbericht Technical report, BASF AG, Ludwigshafen, [23] Case Studies. Technical report, World Buisness Council of Sustainable Development, Genf, [24] G. Kreisel and A. Diehlmann. Definition einer ökologisch nachhaltigen Chemie. unveröffentlicht, [25] M. Eissen, J.O. Metzger, E. Schmidt, and U. Schneidewind. 10 Jahre nach Rio - Konzepte zum Beitrag der Chemie zu einer nachhaltigen Entwicklung. Angew. Chemie, 114(3): , [26] P.T. Anastas and J.C. Warner. Green Chemistry: Theory and Practice. Oxford University Press, Oxford, update 1 aprile

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Strategia per uno sviluppo sostenibile 2012-2015

Strategia per uno sviluppo sostenibile 2012-2015 Bundesamt für Umwelt BAFU Office fédéral de l'environnement OFEV Ufficio federale dell'ambiente UFAM Uffizi federal d'ambient UFAM Consiglio federale svizzero Strategia per uno sviluppo sostenibile 2012-2015

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Life 02 ENV/IT/000023. Provincia di Cremona Settore Ambiente

Life 02 ENV/IT/000023. Provincia di Cremona Settore Ambiente Life 02 ENV/IT/000023 Provincia di Cremona Settore Ambiente a cura di: Provincia di Cremona Settore Ambiente Via Dante, 134-26100 Cremona Tel. 0372-406672 Fax 0372-406461 agenda21@provincia.cremona.it

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Lo Sviluppo Sostenibile e le sue implicazioni nell ambito della Pianificazione Ecologica

Lo Sviluppo Sostenibile e le sue implicazioni nell ambito della Pianificazione Ecologica Lo Sviluppo Sostenibile e le sue implicazioni nell ambito della Pianificazione Ecologica Corso di Pianificazione Ecologica e sostenibile del Territorio Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Trento

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli