SOLUZIONI COMPITO A CHIMICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLUZIONI COMPITO A CHIMICA"

Transcript

1 SOLUZIONI COMPITO A CHIMICA A) Per combustione di una miscela (0,596 moli totali) di due idrocarburi di formula (C 7 H 16 e C 9 H 20 ) si ottengono g di acqua ed anidride carbonica. Calcolare (a) la % p/p del C 7 H 16 nella miscela iniziale e (b) la pressione parziale dell anidride carbonica quando la pressione totale della miscela di combustione (acqua ed anidride carbonica) vale 760 torr. C 7 H O 2 " 7 CO H 2 O C 9 H O 2 " 9 CO H 2 O n(h 2 O) = 5.69 moli x = moli C 7 H 16 y = C 9 H 20! +! = ! + 10! = 5.69 x = moli y = moli m(c 7 H 16 ) = g m(c 9 H 20 ) = g %(C 7 H 16 ) = n(co 2 ) = 5.09 moli p!"# =!!"#!!"! P!"! =!"#!!"# 2A) 1,974 g di un composto organico solido non elettrolita sono sciolti in 47,2 g di etere dietilico (C 4 H 10 O): la tensione di vapore della soluzione, a 10 C, vale 287,5 torr. Sapendo che la tensione di vapore dell etere puro vale, alla stessa temperatura, 291,8 torr e che la soluzione ha una densità di 0,786 g ml -1, si determini la pressione osmotica della soluzione a 10 C. 564 mg dello stesso composto, costituito solamente da C, H, O vengono bruciati in eccesso di ossigeno: si formano 1,67 g di diossido di carbonio e 195,2 mg di acqua. Calcolare la formula molecolare del composto organico. Indico il composto incognito con C x H y O z. Dall abbassamento della tensione di vapore della soluzione ricavo la massa molare del composto ΔP/P = - x composto x composto = -(287,5 291,8)torr/291,8 torr = x composto = n composto /(n composto + n solvente ) n solvente = 47,2 g/74 g mol -1 = 6, mol 1, = n composto /(n composto + 6, ) 1, n composto + 9, = n composto n composto = 9, mol n= massa/massa molare M composto = massa/n = 1,974g/9, mol = 207,4 g mol mg del composto sottoposti a combustione equivalgono a n = 0,564 g/207,4 g mol -1 = mol

2 La reazione di combustione è: C x H y O z + O 2 xco 2 + y/2 H 2 O Si ottengono: n CO2 = 1,67g/44.01 g mol -1 = 3, mol = moli carbonio n C = 3, mol = nx x = 3, /2, = ~ 14 n H2O = 0,1952g/18.02 g mol -1 = 1, mol = moli idrogeno/2 n H = 1, = mol = ny y = 2, /2, = 7.94 ~ 8 Posso ora calcolare i grammi di ossigeno e quindi le moli in 564 mg del composto. g O = 0,564 3, = 8, g moli ossigeno = 8, g/16 g mol -1 = 5, mol = nz z = 5, /2, = 1.97 ~ 2 La formula chimica del composto è: C 14 H 8 O 2 π = crt c = n/v n = 9, mol V = m/ρ = (1, ,2)g/0,786 g ml -1 = 62,56 ml π = (9, mol/62, L) 0,0821 L atm K -1 mol ,16 K= 3,54atm 3A) Calcolare l entalpia standard di combustione di N 2 H 4 (g), sapendo che le entalpie standard di formazione di H 2 O(g), NO 2 (g) e N 2 H 4 (g) corrispondono rispettivamente a kj/mol, 33.2 kj/mol e kj/mol. 2 [ H 2 (g) + 1/2 O 2 (g) H 2 O(g) ] 2ΔH 0 f(h 2 O) = kj/mol 2 [O 2 (g) + 1/2 N 2 (g) NO 2 (g)] 2ΔH 0 f(no 2 ) = kj/mol N 2 H 4 (g) N 2 (g) + 2 H 2 (g) -ΔH 0 f(n 2 H 4 ) = kj/mol N 2 H 4 (g) + 3O 2 (g) 2H 2 O(g) + 2NO 2 (g) ΔH 0 comb(n 2 H 4 ) =? ΔH 0 comb(n 2 H 4 ) = 2ΔH 0 f(h 2 O) + 2ΔH 0 f(no 2 ) -ΔH 0 f(n 2 H 4 ) = kj/mol 4A) In un recipiente del volume di 5,0 L, ad un certa temperatura, l anidride solforosa ed il biossido di azoto sono in equilibrio con anidride solforica e monossido di azoto. Si introducono inizialmente 4,0 mol di anidride solforosa, 0,5 mol di biossido di azoto, 2,0 mol di monossido di azoto e 3,0 mol di anidride solforica. La costante di equilibrio alla stessa temperatura vale 2, Calcolare il numero di moli di monossido di azoto che devono essere aggiunte nel recipiente (a temperatura costante) affinché la concentrazione del diossido di azoto diventi 0,5 M. SO 2(g) + NO 2(g) SO 3(g) + NO (g) [ ] i 0,8 0,1 0,6 0,4 [ ] i 0,8 + x 0,1 + x 0,6 - x 0,4 - x

3 K p = K c = (0,6 - x) (0,4 - x) / (0,8 + x) (0,1 + x) = 2, da cui x = 0,343 M Aggiungo y (mol/l) di NO 2. SO 2(g) + NO 2(g) SO 3(g) + NO (g) [ ] i 1,143 0,443 0,257 0,057 + y [ ] e 1,143 + x 0,443 + x 0,257 - x 0,057 + y - x 0,443 - x = 0,5 e quindi x = 0,057 M. K = 0,2 (y) / (1,2 0,5) = 2, da cui y = [NO] = 8, M n(no) = M V(5,0 L) = 0,4455 mol 5A) Ad una soluzione acquosa 0,8 M di ammoniaca si aggiunge HCl gassoso fino ad ottenere una soluzione tampone a ph = 9,40 (a). Ad una seconda soluzione acquosa 0,6 M di ammoniaca si aggiunge HCl gassoso fino ad ottenere una soluzione tampone a ph = 8,90 (b). Calcolare il ph della soluzione che si ottiene mescolando 100,0 ml della soluzione (a) con 166,0 ml della soluzione (b). [K b (NH 3 ) = 1, ] a) [NH 3 ] = 0,8 M + HCl (g) con ph = 9,40 NH 3 + H 3 O + + NH 4 [ ] i 0,8 x - [ ] e 0,8 - x - x + H 2 O NH 3 + H 2 O NH OH - K b = 1, = ([NH 4 + ] [OH - ]) / [NH 3 ] = x 10 -poh / (0,8 - x) dove [OH - ] = 10 -poh = 10 -(14-9,40) M = 2, M quindi x = [NH 4 + ] e = 0,333 M e [NH 3 ] e = 0,467 M b) [NH 3 ] = 0,6 M + HCl (g) con ph = 8,90 NH 3 + H 3 O + + NH 4 [ ] i 0,6 x - [ ] e 0,6 - x - x + H 2 O NH 3 + H 2 O NH OH - K b = 1, = ([NH + 4 ] [OH - ]) / [NH 3 ] = x 10 -poh dove [OH - ] = 10 -poh = 10 -(14-8,90) M = 7, M quindi x = [NH + 4 ] = 0,416 M e [NH 3 ] e = 0,184 M / (0,6 - x ) V a = 0,100 L V b = 0,166 L n(nh 3 ) tot = (M V a ) + (M V b ) = (0,467 mol/l 0,100 L) + (0,184 mol/l 0,166 L) =

4 = 7, mol n(nh 4 + ) tot = (M V a ) + (M V b ) = (0,333 mol/l 0,100 L) + (0,416 mol/l 0,166 L) = = 10, mol [NH 3 ] tot = n / V = 0,290 M [NH 4 + ] tot = n / V = 0,385 M con V tot = 0,266 L [OH - ] = (K b [NH 3 ] ) / [NH 4 + ] = 1, M quindi poh = 4,87 e ph = 9,13 6A) Indicare la polarità degli elettrodi della cella galvanica rappresentata dal diagramma Ag AgBr soluz. satura NaBr 5 10 moll 2 1 AgBr soluz. satura e calcolare il valore del prodotto di solubilità del bromuro di argento, a 25 C, sapendo che la f.e.m. vale, a 25 C, V. E una pila a concentrazione. La reazione distintiva degli elettrodi è: Ag + + e - Ag E sx = E Ag+ Ag log (1/[Ag + ] sx ) E dx = E Ag+ Ag log (1/[Ag + ] dx ) Ag Poiché [Ag + ] dx > [Ag + ] sx (effetto ione a comune) E dx > E sx L elettrodo schematizzato a destra è il polo +, quello a sinistra è il polo negativo. AgBr (s) Ag + + Br - K ps = [Ag + ][Br - ] [Ag + ] = K ps /[Br - ] [Ag + ] sx = K ps /[Br - ] sx [Br - ] sx = mol L -1 [Ag + ] sx = K ps / [Ag + ] dx = K ps f.e.m. = E + - E - = log ([Ag + ] dx /[Ag + ] sx ) = V log ([Ag + ] dx /[Ag + ] sx ) = [Ag + ] dx /[Ag + ] sx = K ps /(K ps / ) = / K ps = K ps = K ps =

5 SOLUZIONI COMPITO B CHIMICA B) Per combustione di una miscela (0,653 moli totali) di due idrocarburi di formula (C 8 H 18 e C 10 H 22 ) si ottengono 246,752 g di anidride carbonica ed acqua. Calcolare (a) la % p/p del C 10 H 22 nella miscela iniziale e (b) la pressione parziale dell acqua quando la pressione totale della miscela di combustione (acqua ed anidride carbonica) vale 760 torr. C 8 H O 2 " 8 CO H 2 O C 10 H O 2 " 10 CO H 2 O n(co 2 ) = moli x = moli C 8 H 18 y = C 10 H 22 x + y = x + 10y = x = moli y = moli m(c 8 H 18 ) = g m(c 10 H 22 ) = g %(C 10 H 22 ) = n(h 2 O) = moli p!"# =!!"#!!"! P!"! =!"#!!"# 2B) 1,51 g di un composto organico solido non elettrolita, sciolti in 75,0 g di benzene (K cr = 5,12 K Kg mol -1 ) ne abbassano la temperatura di congelamento di 0,32 C. Si calcoli la pressione osmotica di questa soluzione a 20 C sapendo che, a questa temperatura, la sua densità è pari a 0,91 kg L -1. 7,73 g dello stesso composto, costituito solamente da C, H, O vengono bruciati in eccesso di ossigeno: si formano 21,12 g di diossido di carbonio e 3,89 g di acqua. Si determini la formula molecolare del composto organico. Dall abbassamento della temperatura di gelo della soluzione ricavo la massa molare del composto ΔT = K cr m m = 0,32/5,12 = 6, mol kg -1 m = n composto /kg solvente n composto = 6, = 4, mol n= massa/massa molare M composto = massa/n = 1,51g/4, mol = 322 g mol -1 π = crt c = n/v n = 4, mol V = m/ρ = (1, ,0)g/0, g L -1 = 8, L π = (4, mol/8, L) 0,0821 L atm K -1 mol ,16 K = 1,34 atm 7,73 g del composto sottoposti a combustione equivalgono a n = 7,73 g/322 g mol -1 = mol La reazione di combustione è: C x H y O z + O 2 xco 2 + y/2 H 2 O Si ottengono:

6 n CO2 = 21.12g/44.01 g mol -1 = mol = moli carbonio n C = 0,480 mol = nx x = 0,480/2, = 20 n H2O = 3,89g/18.02 g mol -1 = 0,216 mol = moli idrogeno/2 n H = 0,216 2 = 0,432 mol = ny y = 0,432/2, = 18 Posso ora calcolare i grammi di ossigeno e quindi le moli in 564 mg del composto. g O = 7,73 0, , = 1,53 g moli ossigeno = 1,53g/16 g mol -1 = 9, mol = nz z = 9, /2, = 3.98 ~ 4 La formula chimica del composto è: C 20 H 18 O 4 3B) Calcolare l entalpia standard di formazione dell acido cloridrico (in fase gassosa), sapendo che le entalpie standard di formazione di NH 3 (g) e di NH 4 Cl(g) corrispondono a kj/mol e kj/mol rispettivamente, e che l entalpia standard della seguente reazione NH 3 (g) + HCl(g) NH 4 Cl(s) è uguale a kj/mol. NH 4 Cl(s) NH 3 (g) + HCl(g) -ΔH 0 r = kj/mol 1/2N 2 (g) + 2H 2 (g) + 1/2Cl 2 (g) NH 4 Cl(s) ΔH 0 f(nh 4 Cl) = kj/mol NH 3 (g) 1/2N 2 (g) + 3/2H 2 (g) -ΔH 0 f(nh 3 ) = 46.1 kj/mol 1/2H 2 (g) + 1/2Cl 2 (g) HCl(g) ΔH 0 f(hcl) =? ΔH 0 f(hcl) = -ΔH 0 r + ΔH 0 f(nh 4 Cl) - ΔH 0 f(nh 3 ) = kj/mol 4B) In un recipiente del volume di 5,0 L, ad un certa temperatura, il monossido di carbonio ed il biossido di azoto sono in equilibrio con anidride carbonica e monossido di azoto. Si introducono inizialmente 4,0 mol di monossido di carbonio, 0,5 mol di biossido di azoto, 2,0 mol di monossido di azoto e 3,0 mol di anidride carbonica. La costante di equilibrio alla stessa temperatura vale 3, Calcolare il numero di moli di monossido di azoto che devono essere aggiunte nel recipiente (a temperatura costante) affinché la concentrazione del diossido di azoto diventi 0,3 M. CO (g) + NO 2(g) CO 2(g) + NO (g) [ ] i 0,8 0,1 0,6 0,4 [ ] i 0,8 + x 0,1 + x 0,6 - x 0,4 - x K p = K c = (0,6 - x) (0,4 - x) / (0,8 + x) (0,1 + x) = 3, da cui x = 0,193 M Aggiungo y (mol/l) di NO 2.

7 SO 2(g) + NO 2(g) SO 3(g) + NO (g) [ ] i 0,993 0,293 0,407 0,207 + y [ ] e 0,993 + x 0,293 + x 0,407 - x 0,207 + y - x 0,293 - x = 0,3 e quindi x = 0,007 M. K = 0,4 (0,2 + y) / (1,0 0,3) = 3, da cui y = [NO] = 0,025 M n(no) = M V(5,0 L) = 0,125 mol g(no) = n PM(30 g/mol) = 3,75 g 5B) Ad una soluzione acquosa 0,6 M di ammoniaca si aggiunge HCl gassoso fino ad ottenere una soluzione tampone a ph = 8,90 (a). Ad una seconda soluzione acquosa 0,8 M di ammoniaca si aggiunge HCl gassoso fino ad ottenere una soluzione tampone a ph = 9,40 (b). Calcolare i volumi delle due soluzioni da prelevare per ottenere 200,0 ml di una soluzione tampone a ph 9,13. [K b (NH 3 ) = 1, ] a) [NH 3 ] = 0,6 M + HCl (g) con ph = 8,90 NH 3 + H 3 O + + NH 4 [ ] i 0,6 x - [ ] e 0,6 - x - x + H 2 O NH 3 + H 2 O NH OH - K b = 1, = ([NH + 4 ] [OH - ]) / [NH 3 ] = x 10 -poh dove [OH - ] = 10 -poh = 10 -(14-8,90) M = 7, M quindi x = [NH + 4 ] = 0,416 M e [NH 3 ] e = 0,184 M / (0,6 - x ) b) [NH 3 ] = 0,8 M + HCl (g) con ph = 9,40 NH 3 + H 3 O + + NH 4 [ ] i 0,8 x - [ ] e 0,8 - x - x + H 2 O NH 3 + H 2 O NH OH - K b = 1, = ([NH 4 + ] [OH - ]) / [NH 3 ] = x 10 -poh / (0,8 - x) dove [OH - ] = 10 -poh = 10 -(14-9,40) M = 2, M quindi x = [NH 4 + ] e = 0,333 M e [NH 3 ] e = 0,467 M V a = x V b = y n(nh 3 ) tot = (M V a ) + (M V b ) = (0,184 mol/l x L) + (0,467 mol/l y L) n(nh 4 + ) tot = (M V a ) + (M V b ) = (0,416 mol/l x L) + (0,333 mol/l y L)

8 x + y = 0,2000 L [OH - ] = 10 -poh = 10 -(14-9,13) M = 1, M [NH 4 + ] / [NH 3 ] = K b / [OH - ] = 1,323 = (0,416x + 0,333y) / (0,184x + 0,467y) da cui V a = x = 124,6 ml e V b = y = 75,4 ml 6B) Per la cella galvanica rappresentata dal diagramma Ag AgIO3 soluz. satura AgIO3 1 KIO 0.01 moll soluz. satura 3 indicare la polarità degli elettrodi e calcolarne a 25 C e P = 1 atm la f.e.m. A 25 C il prodotto di solubilità di AgIO 3 è K ps = E una pila a concentrazione. La reazione distintiva degli elettrodi è: Ag + + e - Ag E sx = E Ag+ Ag log (1/[Ag + ] sx ) E dx = E Ag+ Ag log (1/[Ag + ] dx ) Ag Poiché [Ag + ] dx > [Ag + ] sx (effetto ione a comune) E dx > E sx L elettrodo schematizzato a destra è il polo +, quello a sinistra è il polo negativo. AgIO 3(s) Ag + + IO 3 - K ps = [Ag + ][IO 3 - ] [Ag + ] = K ps /[IO - 3 ] [Ag + ] sx = K ps /[IO - 3 ] sx [IO - 3 ] sx = 0.01 mol L -1 [Ag + ] sx = /0.01 = mol L -1 [Ag + ] dx = K ps = mol L -1 f.e.m. = E + - E - = log ([Ag + ] dx /[Ag + ] sx ) = log( / ) = V

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 1A) Un campione impuro di bromito di potassio, del peso di 2,19 g, viene trattato in eccesso di acido solforico con del bicromato di potassio, ottenendo bromato di potassio

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

SOLUZIONI COMPITO DI CHIMICA DEL 07-10-09

SOLUZIONI COMPITO DI CHIMICA DEL 07-10-09 SOLUZIONI COMPITO DI CHIMICA DEL 07-10-09 1A) 500 ml di una soluzione contengono 6,8 g di KMnO 4. L aggiunta di 20 ml di tale soluzione a 10 ml di una soluzione di SnCl 2 fa avvenire la seguente reazione

Dettagli

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M - Calcolare la solubilità molare di CaCO 3 ( = 8,7 10-9 ). La reazione di solubilizzazione di CaCO 3 (carbonato di calcio) è: CaCO 3 (s) Ca 2+ + CO 3 L espressione della sarà quindi: = [Ca 2+ ] [CO 3 ]

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle I GAS Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas GAS IDEALI P V n T R n = 1 Isoterma: pv = cost Isobara: V/T = cost. Isocora: P/t = cost. n, T= cost Legge di Boyle n, P = cost Legge di

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura SOLUBILIZZAZIONE Simile scioglie il simile: le molecole di sostanze diverse si mescolano intimamente nelle miscele se possiedono forze intermolecolari simili (soluzioni ideali). Anche se le forze intermolecolari

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra)

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra) A.A. 2005/2006 Laurea triennale in Chimica Esercitazioni di stechiometria - Corso di Chimica Generale ed inorganica C ARGOMENTO 6: Equilibri in soluzione: equilibri acido/base, idrolisi e tamponi (6 h)

Dettagli

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2).

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2). Leggi dei Gas Esercizio 3.1. a) Bilanciare in forma ionica (1) e in forma molecolare (2) la seguente reazione in soluzione acquosa: permanganato di potassio + perossido d idrogeno biossido di manganese

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 A COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno di

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas

Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas 1. I gas si espandono fino a riempire completamente e ad assumere la forma del recipiente che li contiene 2. Igasdiffondonounonell altroesonoingradodimescolarsiintuttiirapporti

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi

Università telematica Guglielmo Marconi Università telematica Guglielmo Marconi GGGGG CF Chimica 1 Gli equilibri chimici Argomenti Gli argomenti che fanno parte di questa unità didattica sono: L equilibrio dinamico nelle reazioni chimiche Le

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B 1. Indicare le percentuali in massa degli elementi K, S e O presenti in K 2 SO 4 : A) 44,9% K; 18,4% S; 36,7% O B) 22,3% K; 52,6 % S; 25,1% O C) 56,1%

Dettagli

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14 Esercitazione 8 Misura del ph Soluzioni tampone Gli equilibri acido-base: Ka, Kb HA + H 2 O! H 3 O + + A - Ka = [H 3 O+ ][A - ] [HA] A - + H 2 O! OH - + HA Kb = [OH- ][HA] [A - ] Ka Kb = [ H 3 O + ] [

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

Quesiti e problemi. 10 Un gas viene compresso a temperatura costante. 11 Un cilindro con un pistone ha un volume di 250 ml. v f. v f.

Quesiti e problemi. 10 Un gas viene compresso a temperatura costante. 11 Un cilindro con un pistone ha un volume di 250 ml. v f. v f. SUL LIBRO DA PAG 110 A PAG 114 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 I gas ideali e la teoria cinetico-molecolare 1 Che cosa si intende per gas ideale? Rispondi in cinque righe. 2 Vero o falso? a) Le molecole

Dettagli

ESERCIZI STECHIOMETRICI

ESERCIZI STECHIOMETRICI ESERCIZI STECHIOMETRICI (con risultato) Differenze di qualche unità sull ultima cifra del risultato potrebbero essere dovute a una diversa approssimazione dei calcoli NB: Qualsiasi problema relativo alla

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Esercizi risolti di Chimica

Esercizi risolti di Chimica Università di Udine -Sede di Pordenone- C.d.L in Ingegneria Meccanica a.a. 006/007 Esercizi risolti di Chimica 1 I. Soluzioni e Diluizioni 1) Una soluzione di HNO 3 al 7% in peso ha una densità di 1.16

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Un campione di 0.85 moli di un gas ideale, inizialmente alla pressione di 15.0 atm e a 300 K, si espande isotermicamente finchè la pressione finale

Dettagli

mentre S vale -100 J / mol K. In quale intervallo

mentre S vale -100 J / mol K. In quale intervallo SECONDO ESONERO DI CHIMICA sessione F - 12/12/2011 TRACCIA F1 II 0.3 0.2 90 IV??? 0.3 120 2. In una reazione H vale -1200 kj / mol, mentre S vale 100 J / mol K. In quale intervallo di T la reazione è spontanea?

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B 1. Il diagramma indica la variazione dell'energia potenziale di un sistema durante il decorso di una reazione: A + B C + D Quale, fra le seguenti affermazioni,

Dettagli

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS CAPITOLO 5 I GAS 5.13 5.14 Strategia: poiché 1 atm = 760 mmhg, è necessario il seguente fattore di conversione per ottenere la pressione in atmosfere. Per la seconda conversione, 1 atm = 101.325 kpa. Soluzione:

Dettagli

Esame di CHIMICA per Ingegneria Edile Architettura Appello del 26/01/2009 Compito n 1 Cognome Nome N matricola Doc. Identità n

Esame di CHIMICA per Ingegneria Edile Architettura Appello del 26/01/2009 Compito n 1 Cognome Nome N matricola Doc. Identità n Esame di CHIMICA per Ingegneria Edile Architettura Appello del 26/01/2009 Compito n 1 1) La reazione di equilibrio in fase gassosa N 2(g) + O 2(g) NO (g) è fatta avvenire a 3000 C in un reattore da 3 m

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari.

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. Chimica generale Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. PARTE 5-2 1 ACIDI E BASI 2 1-Definizioni di acido e di base 1-1 Teoria

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 Chimica generale e Inorganica

Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 Chimica generale e Inorganica Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 1) La calce viva, CaO, viene preparata secondo la seguente reazione tra solfuro di calcio e solfato di calcio: CaS (l) + CaSO 4 (s) CaO (s) + SO 2 (g) a) Bilanciare

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Conoscere gli acidi e le basi

Conoscere gli acidi e le basi Conoscere gli acidi e le basi 1 1) Determinazione dell acidità totale del latte 2) Determinazione dell acidità totale del vino INTRODUZIONE: Gli acidi sono sostanze che possiedono alcune proprietà chimiche

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

Il bilanciamento delle reazioni chimiche

Il bilanciamento delle reazioni chimiche 1 Il bilanciamento delle reazioni chimiche Avete visto che gli atomi hanno diversi modi di unirsi l uno all altro. Si può anche iniziare a capire che una reazione chimica non è nient altro che un cambiamento

Dettagli

CHIMICA E LABORATORIO

CHIMICA E LABORATORIO [Digitare il testo] CHIMICA E LABORATORIO classe seconda ITT Dipartimento di Scienze IIS Primo Levi 1. LE SOLUZIONI. Una soluzione è un miscuglio omogeneo di due o più sostanze; le sue prorietà sono costanti

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

... corso di chimica elettrochimica 1

... corso di chimica elettrochimica 1 ... corso di chimica elettrochimica 1 CONTENUTI reazioni elettrochimiche pile e celle elettrolitiche potenziale d elettrodo e forza elettromotrice equazione di Nernst elettrolisi leggi di Faraday batterie

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B 1. L energia irradiata dal sole è originata da: A) fusione nucleare B) fissione nucleare C) combustione dell idrogeno D) perdita di massa per azione

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido.

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido. STTO LIQUIDO Una sostanza liquida è formata da particelle in continuo movimento casuale, come in un gas, tuttavia le particelle restano a contatto le une alle altre e risentono sempre delle notevoli forze

Dettagli

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H +

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + Teoria di Arrhenius Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + H-Cl H + + Cl - Vengono definiti basi quei composti che, in soluzione

Dettagli

EQUILIBRI ETEROGENEI

EQUILIBRI ETEROGENEI EQUILIBRI ETEROGENEI Finora abbiamo implicitamente considerato di aver a che fare con equilibri omogenei gassosi. I sistemi eterogenei, ovvero costituiti da più di una fase, sono coinvolti in una grande

Dettagli

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml Bari,11 gennaio 1999 Compito di analisi dei farmaci I 1) 1 ml di H 2 O 2 viene titolato con KMnO 4. Sono necessari 18.1 ml. La soluzione di KMnO 4 è 0.1023 N e la densità dell acqua ossigenata è 1.01 g/ml.

Dettagli

See more about www.scienzaescuola.it

See more about www.scienzaescuola.it See more about www.scienzaescuola.it ESERCIZI SUI GAS ORDINATI PER TIPOLOGIA E RISOLTI: Prof. Gabrielli Luciano (Lic. Scientifico L. da Vinci Sora FR) Charles, Boyle, Gay-Lussac, Eq. Stato, Eq. Stato e

Dettagli

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo 1 Obiettivo Capire che cosa è il ph, apprendere le leggi fondamentali che lo controllano e capire qualitativamente le applicazioni delle soluzioni tampone. Prerequisiti Il concetto di equilibrio (che comunque

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Giochi della Chimica 2007 Fase nazionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2007 Fase nazionale Classi A e B Giochi della Chimica 2007 Fase nazionale Classi A e B 1. Una soluzione è sicuramente satura quando é: A) in equilibrio dinamico con il soluto indisciolto B) in equilibrio statico con il soluto indisciolto

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Lo stato gassoso Classificazione della materia MATERIA Composizione Struttura Proprietà Trasformazioni 3 STATI DI AGGREGAZIONE SOLIDO (volume e forma propri) LIQUIDO

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

Per la cinetica del 1 ordine si ha:

Per la cinetica del 1 ordine si ha: 1. Si consideri la seguente reazione: CH 3 CHO (g) CH 4(g) + CO (g) Determinare l ordine di reazione e calcolare la costante di velocità della suddetta reazione a 518 C noti i seguenti dati sperimentali:

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m Diffusività dei Gas Descriviamo l assorbimento di un gas in un liquido per introdurre il concetto di diffusività. Si voglia ad esempio assorbire con acqua dell ammoniaca contenuta in un gas sia per liberare

Dettagli

Equilibri di Solubilità

Equilibri di Solubilità Equilibri di Solubilità Esercizio 6.1. Calcolare la solubilità in g L 1 dell idrossido di magnesio (a) in acqua pura e (b) in una soluzione acquosa di idrossido di potassio 0.10 M. (Kps = 1.2. 10 11 ;

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO G. Giacomo Guilizzoni Rivista: «Didattica delle Scienze» 4/1995 Gli insegnanti di chimica, durante l esposizione dei concetti fondamentali di acidità

Dettagli

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile Elettrochimica L elettrochimica studia l impiego di energia elettrica per promuovere reazioni non spontanee e l impiego di reazioni spontanee per produrre energia elettrica, entrambi i processi coinvolgono

Dettagli

Giochi della Chimica 2011 Fase nazionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2011 Fase nazionale Classi A e B Giochi della Chimica 2011 Fase nazionale Classi A e B 1. Una soluzione acquosa di NaCl (500 ml) contiene 5,85 g di sale. Indicare la sua molarità. A) 1,00 M B) 2,00 10 1 M C) 5,00 10 2 M D) 2,00 10 2 M

Dettagli

CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO

CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO Miscele di gas e gas puri per taratura, rilevazione gas, uso di laboratorio. Dispositivi di prelievo. Risam Gas srl Via Padova, 221-20127 Milano Uff.Comm./Operativo: Corso

Dettagli

Cu 2+ ) + Zn(s) potere ossidante. potere ossidante. Cu 2+ Cu. Zn 2+ Consideriamo le due reazioni di ossido-riduzione:

Cu 2+ ) + Zn(s) potere ossidante. potere ossidante. Cu 2+ Cu. Zn 2+ Consideriamo le due reazioni di ossido-riduzione: Elettrochimica Consideriamo le due reazioni di ossido-riduzione: Cu(s) ) + Zn 2+ 2+ (aq aq) Cu Cu 2+ 2+ (aq) + ) + Zn(s) Cu 2+ 2+ (aq) + ) + Zn(s) Cu(s) ) + Zn 2+ 2+ (aq) Cu Zn Zn 2+ Cu 2+ Cu potere ossidante

Dettagli

Corso di Chimica e Stechiometria per il corso di laurea in SCIENZE AMBIENTALI

Corso di Chimica e Stechiometria per il corso di laurea in SCIENZE AMBIENTALI Corso di Chimica e Stechiometria per il corso di laurea in SCIENZE AMBIENTALI Dott.ssa DANIELA DE VITA Orario ricevimento (previo appuntamento):lunedì 17.30-18.30 E-mail danidvd@hotmail.it daniela.devita@uniroma1.it

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

TABELLE CON LE PROPRIETA DI SOSTANZE DI IMPIEGO COMUNE NELLA FISICA TECNICA TABELLE DI CONVERSIONE DELLE UNITA DI MISURA

TABELLE CON LE PROPRIETA DI SOSTANZE DI IMPIEGO COMUNE NELLA FISICA TECNICA TABELLE DI CONVERSIONE DELLE UNITA DI MISURA TABELLE CON LE PROPRIETA DI SOSTANZE DI IMPIEGO COMUNE NELLA FISICA TECNICA TABELLE DI CONVERSIONE DELLE UNITA DI MISURA dipartimento di energetica PIANI TERMODINAMICI TABELLE CON LE PROPRIETA DI SOSTANZE

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli