L impiego dei Gruppi Focus come strumento di indagine sulla qualità percepita dagli utenti nei programmi di screening oncologici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L impiego dei Gruppi Focus come strumento di indagine sulla qualità percepita dagli utenti nei programmi di screening oncologici"

Transcript

1 L impiego dei Gruppi Focus come strumento di indagine sulla qualità percepita dagli utenti nei programmi di screening oncologici Carla Cogo*, Grazia Grazzini**, Anna Iossa** Centro di Riferimento Regionale - Registro Tumori Veneto, Padova ** CSPO Istituto Scientifico Regione Toscana, Firenze Introduzione Nel corso della nostra pratica quotidiana nell ambito degli screening oncologici, ci siamo poste nel tempo sempre di più un interrogativo: gli strumenti di analisi comunemente usati (questionari etc) sono del tutto sufficienti e adeguati per comprendere la complessità dei fenomeni che hanno a che fare con la percezione da parte degli utenti dell offerta di screening? Cercare di capire questi fenomeni analizzando risposte a domande chiuse e strutturate fino a che punto può portarci ad approfondire tali conoscenze o farci intravedere strade nuove? Spinte da questo senso di insoddisfazione da tempo abbiamo cercato, anche con molte difficoltà, di individuare strumenti che ci consentissero più forti feedback. Per questo ci siamo affacciate timidamente all utilizzo di tecniche qualitative, abbandonando le sicure sponde dell analisi statistica. Questo nostro intervento vuole esporre i risultati dei primi studi compiuti attraverso l impiego appunto di una tecnica qualitativa, i gruppi focus (GF). Che cosa sono i GF? I GF sono definiti come una tecnica di rilevazione per la ricerca sociale basata sulla discussione tra un piccolo gruppo di persone, alla presenza di uno o più moderatori, focalizzata su un argomento che si vuole indagare in profondità (Corrao 2004). La tecnica, nata negli Stati Uniti ad opera di due sociologi, K. Levin e R. Merton, fu utilizzata all inizio all interno degli ambienti accademici USA nel contesto della ricerca sociale e delle sue possibili applicazioni (ad es. sviluppo di materiale di propaganda bellica, approfondimento del problema della segregazione razziale nell'esercito). Dalla fine della seconda guerra mondiale a tutti gli anni '70 i GF furono usati quasi esclusivamente dal settore privato nel contesto di ricerche di mercato (famoso è rimasto il suggerimento di aggiungere un uovo ai preparati per torte, "aggiunta" che fece diventare un successo un prodotto che era stato accolto freddamente dai consumatori). Dagli anni 80 l uso della tecnica si è diffuso anche in settori diversi legati alla ricerca sociale, da quello sanitario, a quello della communication-research, a quello politico, educativo, ecc., spesso anche per l'esigenza dei fornitori di servizi, pubblici e privati, di valutare il punto di vista degli utenti, le loro percezioni. Dice Abramczyk a questo proposito che nell ambito delle ricerche di mercato da tanti anni i committenti sono fortemente interessati alle percezioni e alle preferenze dei consumatori, più di quanto lo siano stati per molto tempo i servizi sociali e sanitari. Di fatto, in ambito sanitario la tecnica si è recentemente diffusa a livello internazionale, mentre è ancora poco usata in Italia. Quali sono le caratteristiche peculiari dei GF? A che cosa servono? E una tecnica in cui la fonte di informazioni non è, come nel questionario o nell intervista, il singolo individuo, ma il gruppo di persone e la loro interazione durante il GF. In un GF ben condotto i partecipanti possono sentirsi liberi di esprimere le proprie idee sull argomento, possono confrontarsi con gli altri membri del gruppo per avere chiarimenti e anche cambiare l opinione che sull argomento avevano inizialmente. In questo modo, gli stimoli reciproci che si vengono a creare fanno scaturire nuove idee ed un ampia gamma di posizioni. Dice Sabrina Corrao I membri del gruppo non hanno alcun interesse cognitivo, l unico motivo che può indurli a partecipare è la soddisfazione di collaborare e di dare il proprio contributo ad un ricerca scientifica, o quello di ricevere un dono, soprattutto nelle ricerche di mercato, o di vivere un esperienza nuova La discussione di gruppo è una forma usuale di comunicazione umana. Per questo i GF, a differenza di altri strumenti, quali i questionari, sono in grado di coinvolgere anche soggetti con minori strumenti culturali o emarginati, in un confronto tra pari in cui le persone possono esprimersi liberamente utilizzando il proprio linguaggio. Essenziale è la figura del moderatore, che ha il compito di rendere possibile la libera espressione dei partecipanti, orientando però la discussione sull argomento da analizzare.

2 Servono per esplorare aspetti che non si conoscono, per capire in profondità e inserire in un contesto ciò che già si conosce. Riassumendo, si potrebbe dire che servono per "generare idee" su un argomento di interesse specifico. Possono essere usati come unico strumento di indagine o come tecnica complementare alle tecniche "classiche" di ricerca di tipo quantitativo (ad es. indagini campione). Come si svolgono? Sono discussioni che avvengono tra 6-10 persone che esplorano delle esperienze comuni a tutti i partecipanti, alla presenza di un moderatore e, di solito, di un osservatore. La discussione segue una lista di domande più o meno aperte che hanno lo scopo di aprire un dibattito sul maggior numero possibile di aspetti inerenti ad un determinato argomento. In aggiunta alle domande possono essere utilizzate anche altre tecniche, come ad esempio simulazioni di scenari o il "dare le preferenze" ad una serie di materiali od opzioni predefinite. La durata media è di circa un'ora e mezza. Quanti gruppi sono necessari? Dipende dall'obiettivo dello studio, dalle risorse a disposizione e dal grado di accuratezza che vogliamo raggiungere nei risultati, in genere da tre ad otto. Per la revisione di un set di materiale informativo (opuscolo, lettera/e, poster) si usano in genere tre-quattro gruppi nella fase di valutazione e sviluppo ed altrettanti per la verifica del nuovo materiale. Chi sono i partecipanti? È importante che tutti i partecipanti abbiano un'esperienza diretta dell'argomento dello studio. La composizione del gruppo è altrettanto cruciale. In quanto tecnica qualitativa, i GF non possono presumere di raggiungere la stessa rappresentatività dei gruppi randomizzati delle indagini campione. Proprio per questo è necessario essere opportunistici" nei criteri di scelta, non tralasciando di prendere in considerazione età, sesso, classe sociale dei partecipanti e ad altri aspetti che siano in relazione con l'obiettivo dello studio. Come si analizzano i risultati? L'analisi dei risultati è un argomento complesso, per i cui dettagli si rimanda ai riferimenti bibliografici. In generale, è importante precisare che l unità di analisi è il gruppo nella sua interezza e i risultati non vanno riferiti ai singoli partecipanti (Crabtree et al 1993, Morgan 1988). Inoltre, è opportuno non limitarsi ad una descrizione dei risultati, ma passare dalle risposte ai temi generali che queste sottendono. Diversamente dalla ricerca di tipo quantitativo, non vanno ricercati numeri e percentuali, ma la cosiddetta "saturazione teorica", cioè il fatto che certi concetti continuano ad emergere attraverso gruppi successivi fino a quando non proviamo la sensazione che non si aggiungano più temi nuovi. Vanno sempre considerati anche il contesto di ciascun gruppo, la coerenza interna e la frequenza dei commenti (quanto spesso è stata detta questa cosa?), la numerosità dei commenti (quante persone l hanno detta?), l intensità dei commenti e la specificità delle risposte (le esperienze personali sono spesso più significative delle "lezioni" teoriche), quello che non è stato detto, i grandi temi. Limiti dei GF La tecnica, oltre agli innegabili vantaggi già esposti, presenta anche una serie di svantaggi e di limitazioni. Il più importante limite è quello della generalizzabilità dei risultati, che non possono essere estrapolati dal contesto in cui sono scaturiti. Di fatto questa tecnica, anche se permette senza dubbio di individuare un ampia gamma di possibili punti di vista su una certa questione d interesse, non consente però di conoscerne la distribuzione nella popolazione (Dawson 1993) Problemi organizzativi e logistici, costituiti dalla difficoltà di reperire i partecipanti ai gruppi Necessità di un moderatore esperto, in grado di creare la giusta atmosfera affinché i partecipanti si sentano a loro agio e liberi di esprimersi Difficoltà nell elaborazione e analisi dei dati. Spesso il materiale che emerge dalla trascrizione dei GF è apparentemente confuso e compito del ricercatore è soprattutto quello di mettere ordine in questo caos, trovando le chiavi di lettura, in base agli obiettivi della ricerca (Corrao 2004) Comunemente si dice che i GF danno risultati rapidi e a basso costo, ma questo è spesso solo un mito da sfatare. In realtà essi richiedono risorse come ogni altra tecnica di ricerca. Nella nostra esperienza, in cui i quesiti da indagare erano ben circostanziati, siamo in realtà riuscite ad ottenere in breve tempo e con dispendio limitato di risorse gli scopi che ci eravamo prefisse.

3 Esperienze italiane nello screening mammografico e della cervice uterina: analisi degli strumenti informativi In questo studio sono stati valutati l opuscolo informativo e le lettere di invito e di risposta negativa di alcuni programmi del Veneto; sono stati effettuati 14 GF, con 94 partecipanti, sette per lo screening citologico e sette per quello mammografico. L analisi è stata fatta separatamente per i due screening, ma i risultati sono stati potenziati dal fatto che la maggior parte dei temi emersi erano comuni ad entrambi. Essi possono essere così riassunti: Dai gruppi è emersa la preminenza assoluta assunta dalla lettera di invito tra tutti i materiali esaminati. Per le utenti non vi sono stati dubbi sul fatto che essa sia prioritaria rispetto all opuscolo informativo spesso inviato assieme. Le utenti identificano il valore dell invito nel fatto che esso sia personale, proviene dall ASL, specifica che il test è gratuito e fornisce un appuntamento prefissato. Le fasce di età dello screening sono state percepite come discriminanti da tutti i gruppi. Per le utenti l esistenza di tali limiti è dovuta esclusivamente a motivazioni economiche. Il disagio è stato avvertito sia per i limiti superiori che inferiori di età, e per entrambi gli screening ( fa quasi pensare che prima dei 50 anni non dobbiamo pensare alla nostra salute, perchè ci abbandonano dopo i 64 anni? ). Per quanto riguarda il tema complesso e tuttora oggetto di studio di se e come presentare informazioni epidemiologiche, le utenti hanno espresso la preferenza per informazioni sì quantificate, ma riferite alla realtà locale ed espresse in positivo ( non si potrebbe mettere quante vite sono state salvate in Veneto da quando sono iniziati gli screening? ), (Fahey 1995). La lettera di risposta con ritorno a tre anni è stata giudicata chiara e tranquillizzante nei casi in cui utilizza la parola normale. Il termine negativo è invece stato giudicato non sufficientemente chiaro in un numero consistente di casi. Nei programmi in cui la lettera di risposta consisteva nel referto citologico, invariabilmente le utenti ritenevano di dover chiedere ulteriori chiarimenti o rassicurazioni al proprio Medico di Medicina Generale (MMG), anche nei casi in cui il referto era inviato congiuntamente ad una lettera in cui l esito del test era indicato come normale. In tutti i gruppi è emersa una precisa capacità delle utenti di valutare la qualità dei materiali sia dal punto di vista grafico che dei contenuti. Sono stati ad esempio giudicati inadeguati i testi troppo lunghi o con sezioni non separate, i caratteri troppo piccoli, la mancanza o l eccesso di evidenziazioni, l uso di termini specialistici ed eventuali contraddizioni fra testo e immagini. Sono stati considerati con scetticismo alcuni materiali troppo simili a quelli utilizzati nelle campagne di mercato ( sembra la pubblicità di un cosmetico ). Sono stati però valutati negativamente altri dall apparenza troppo scialba ( sembra fatto in casa, è come se non fossero convinti di quello che dicono; se non sono convinti loro come possono pretendere di convincere noi a fare il test?). Le lettere dello screening non sono tuttavia mai state scambiate per materiale pubblicitario, se l ASL era chiaramente identificabile come mittente, già sulla busta ancora chiusa. E stato costante l apprezzamento nei confronti del MMG, quando la sua firma o l invito a contattarlo appariva nei materiali, e altrettanto veniva notato il fatto che non fosse coinvolto. Altra figura percepita come qualificata e rassicurante è stata quella dell ostetrica. Molte donne hanno proposto di specificare nell invito e nell opuscolo che sarebbe stata lei ad effettuare il prelievo. Richiesta frequente è stata quella che in tutti i materiali venisse indicato il modo di reperire ulteriori informazioni e come: colloqui col MMG, telefonate al programma o siti internet, quest ultima modalità richiesta soprattutto dalle utenti giovani dello screening citologico. In varie occasioni le partecipanti hanno rimarcato la necessità che le informazioni fossero mirate alle diverse esigenze informative dei diversi momenti dello screening: invito, 1 e 2 livello, trattamento ( sì, forse c era scritto nell opuscolo che la risposta mi arrivava dopo un mese, ma quando ho fatto il test me l ero già dimenticato; se l ostetrica me lo diceva allora me lo sarei ricordata ). Anche se non rientrava fra gli obiettivi dei GF, sono emerse costantemente osservazioni sul contesto comunicativo in cui gli screening si inseriscono. Per le donne era chiaro che i materiali costituivano soltanto una componente del proprio processo decisionale e che altri elementi erano altrettanto se non più importanti: i rapporti di fiducia con i medici e nella sfera familiare, amicale e sociale; la frequente disomogeneità dei messaggi, la percezione dell efficienza o meno della struttura sanitaria; il carattere, le esperienze e le esigenze personali. Limiti I limiti dell indagine sono quelli propri degli studi di tipo qualitativo (Mays 2000, Morgan 1997). La possibilità di estrapolare i risultati deve anche tenere conto del contesto dello studio, svoltosi in realtà prevalentemente industriali del Nordest italiano, caratterizzate da un offerta di servizi sanitari pubblici abbastanza adeguata ed una ancora discreta fiducia in essi. Esperienze italiane nello screening del colon-retto: analisi degli strumenti informativi e di alcuni aspetti organizzativi

4 Lo studio si svolgeva nell ambito di due programmi di screening basati sull impiego di un test per la ricerca del sangue occulto fecale (FOBT). Lo screening per il carcinoma colorettale mediante FOBT è uno screening nuovo, che si rivolge anche agli uomini e che presenta caratteristiche molto peculiari (si chiede di campionare feci). Scopo dell indagine era la valutazione degli strumenti informativi e dell organizzazione di un programma pilota veneto e di un programma storico, come quello fiorentino che però si accingeva al coinvolgimento della città di Firenze. Ci si poneva anche l intento di valutare ipotesi organizzative nuove, quali la consegna del kit per il prelievo in farmacia o il loro invio postale. Sono stati condotti 7 GF in totale, con 56 partecipanti. I risultati: gli utenti hanno complessivamente espresso un giudizio positivo sui materiali informativi (busta, invito, foglio istruzioni, risposta, opuscolo) anche in questo caso è stata data grande importanza al logo ed all identificazione dell Ente che propone l invito di screening sono state notate in tutti i gruppi eventuali inaccuratezze grafiche (tra testo e immagini) e difformità informative tra i diversi materiali i GF hanno fornito forti indicazioni organizzative, soprattutto sulla necessità di ampia flessibilità nell orario di invito (in particolare i lavoratori) è riduttivo dare solo un orario per il ritiro; è un orario terribile per chi lavora a tempo pieno, perché poi si deve prendere un permesso, anche se stato colto l aspetto trainante dell appuntamento prefissato ( meglio dare un giorno preciso, se no poi si rimanda ). Tutti i gruppi hanno focalizzato la discussione sull importanza di un call center per spostare l appuntamento e sulla possibilità di delegare ad un familiare il ritiro del kit Sul ritiro e consegna delle provette, gli utenti di tutti i gruppi hanno espresso un impressione globale positiva, segnalando però alcune criticità, quali la necessità di maggiore riservatezza, i tempi di consegna troppi lunghi, una maggiore chiarezza nell identificazione del personale addetto alla consegna Avrei preferito che avesse una targhetta, con fotografia, nome e quello che rappresenta. Per me è importante sapere anche la qualifica Sì, la targhetta dovrebbe esserci sempre. Voi, ad esempio, ( rivolto alla conduttrice), perché non l avete?... o sul ruolo dei volontari Se c è l infermiera è meglio come figura Oppure, nel caso non si potesse, anche i volontari soli, ma solo se preparati Anche in questo caso sono emersi alcuni grandi temi, come quello della prevenzione, spesso enfatizzata: Quando vedo prevenzione non c è da allarmarsi; la prevenzione non fa paura; io sono uno che crede nella prevenzione o la richiesta di altra prevenzione, cioè molti uomini hanno lamentato che per gli uomini si fa meno, per esempio il mio medico non mi propone il PSA perché non si fa una cosa simile per il PSA? e iniziando prima dei 50 anni!... Ancora una volta le fasce di età sono vissute come discriminanti: Dopo i 69 non ne vale più la pena? Forse dopo i 69 non mi ricorderò di chiederlo al medico ogni 2 anni! Non è giusto smettere a 70 anni!... Dubbi sono stati espressi sulla credibilità del test: perché farlo su un solo prelievo, non è meglio su tre? Bisogna fare una dieta? Ne basta così poco?..., e sulle modalità di riconsegna del test negli scatoloni, a testimoniare la differente prospettiva da cui si valuta la qualità da parte degli utenti E dopo gli scatoloni che fine fanno? A noi dicono di riconsegnare al più presto, ma non è che poi gli scatoloni vengono lasciati lì per giorni?... Ipotesi farmacia e invio a domicilio: la maggior parte dei partecipanti ha espresso preferenza per la modalità organizzativa conosciuta rispetto all ipotesi di ritiro del kit in farmacia. Le perplessità sono legate al timore di non poter ricevere spiegazioni adeguate. Positivo il giudizio sulla possibilità di inviarlo per posta, ma viene sottolineata la necessità di un adeguata informazione, soprattutto per coloro che effettuano il test per la prima volta I limiti Sono ancora una volta quelli della ricerca qualitativa e del contesto, la scarsa partecipazione di lavoratori ai GF, i limiti delle risorse che in definitiva sono state comunque commisurate alle intenzioni. Conclusioni Da queste esperienze emerge come gli utenti dispongano di una precisa capacità discriminativa nella valutazione dei materiali informativi che è coerente con le attuali indicazioni sulla qualità dei materiali stessi, fatto questo che dovrebbe indurci a produrli insieme a loro (Charnock 1999, 2, 17, 18) Inoltre, ci siamo resi conto che gli attuali limiti della comunicazione sugli screening non sono soltanto relativi ad essi, ma vengono condivisi con altri settori della sanità, per esempio quelli coinvolti nel dibattito riguardante i rischi delle vaccinazioni, l influenza aviaria, il bioterrorismo, i trapianti, le terapie alternative, ecc. Tra tali limiti ricordiamo l estrema difficoltà della comunicazione sul rischio, la molteplicità e la disomogeneità delle informazioni fornite agli utenti e agli operatori, il mito dell onnipotenza della prevenzione (Biocca 2002, Covello 2001).

5 Riferimenti bibliografici 1. Abramczyk I.W. I gruppi focus come strumento di ricerca e valutazione. In Vecchiato T (a cura di ) La valutazione dei servizi sociali e sanitari , About accessible information. RNIB, Royal National Institute of the Blind. 3. Barbour R.S., Kitzinger J. Developing Focus Group Research. Politics, Theory and Practice. SAGE Publications, Barbour RS. Checklists for improving rigour in qualitative research: a case of the tail wagging the dog? BMJ 2001; 322: Biocca M. La comunicazione sul rischio per la salute. Nel teatro di Sagredo. Centro Scientifico Editore Charnock D. et al. DISCERN: an instrument for judging the quality of written consumer health information. Journal of Epidemiology and Community Health 1999; 53: Covello, V, Sandman P. "Risk communication: Evolution and Revolution," in Wolbarst A. (ed.) Solutions to an Environment in Peril. Baltimore, MD: John Hopkins University Press (2001) 8. Crabtree B.F. et al Selecting individual or groups interviews. In Morgan D.L. (Ed.) Successful focus groups. Advancing the state of art , Corrao S Il Focus Group. Franco Angeli Do it yourself screening to reduce mortality from colorectal cancer by completion of a Faecal Occult Blood Test 8FOBT): Findings from focus group discussion Fahey T et al. Evidence based purchasing: understanding results of clinical trials and systematic reviews. BMJ 311: , Green J, Britten N. Qualitative research and evidence based medicine. BMJ 1998; 316: Lambert H, McKevitt C. Anthropology in health research: from qualitative methods to multidisciplinarity. BMJ 2002; 325: Mays N, Pope C. Qualitative Research in Health Care. Second Edition. BMJ Books Morgan D.L. The Focus Group as qualitative research. Sage Morgan D.L. The Focus Group Guidebook. Sage The plain English guide to design and layout The plain English guide to writing medical information.

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

Il materiale informativo per l HPV. Anna Iossa - Marilena Manfredi - Debora Canuti

Il materiale informativo per l HPV. Anna Iossa - Marilena Manfredi - Debora Canuti Il materiale informativo per l HPV Anna Iossa - Marilena Manfredi - Debora Canuti Problematiche comunicative in uno screening con test HPV: il materiale informativo Tratto da HTA REPORT - RICERCA DEL DNA

Dettagli

Lo screening per il carcinoma colorettale Napoli 13 dicembre 2006

Lo screening per il carcinoma colorettale Napoli 13 dicembre 2006 Agenzia Regionale Sanitaria Lo screening per il carcinoma colorettale Napoli 13 dicembre 2006 L organizzazione del programma di screening Dr.ssa G. Grazzini Protocollo organizzativo RESIDENTI 50-70ENNI

Dettagli

Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale

Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale Progetto Donna e Salute Screening Citologico Azienda Ospedaliera e Ulss 16 di Padova Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale V.Savoca F.Sinigaglia M.Matteucci A.Del Mistro

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Il Focus Group. Intervista di gruppo

Il Focus Group. Intervista di gruppo Il Focus Group Intervista di gruppo Il Focus Goup: La nascita Il Focus Group risale agli anni quaranta, a quando cioè Robert R. Merton mise a punto una nunova tecnica per la rilevazione delle opinioni

Dettagli

Indagine sulla qualità grafica delle lettere di invito dei programmi italiani di screening citologico

Indagine sulla qualità grafica delle lettere di invito dei programmi italiani di screening citologico Indagine sulla qualità grafica delle lettere di invito dei programmi italiani di screening citologico Carla Cogo, Anna Iossa GISCi: Gruppo Organizzazione e Valutazione - Sottogruppo Comunicazione 1 Il

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Screening ASL Città di Milano: la comunicazione telefonica

Screening ASL Città di Milano: la comunicazione telefonica Esperienze di buona pratica nella gestione del secondo livello Screening ASL Città di Milano: la comunicazione telefonica Anna Dina De Mezza, Infermiera Professionale Comunicare con tutti 4 seminario su

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007 Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale Conferenza stampa per la presentazione della Campagna di prevenzione a favore

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ

RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ Workshop ONS Venezia, 26 maggio 2010 RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ Tavola rotonda con le Regioni Gianni Amunni Istituto

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLO SCREENING DEL CANCRO DEL COLON-RETTO. Angelo Tersidio

RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLO SCREENING DEL CANCRO DEL COLON-RETTO. Angelo Tersidio RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLO SCREENING DEL CANCRO DEL COLON-RETTO Angelo Tersidio ATTORE PROTAGONISTA: IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ( e non è la solita frase di circostanza!) CANCRO DEL

Dettagli

COMUNICARE CON TUTTI

COMUNICARE CON TUTTI OSSERVATORIO NAZIONALE SCREENING COMUNICARE CON TUTTI PROGRAMMA DELLA REGIONE BASILICATA PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO: STRATEGIA DI COMUNICAZIONE FINALITA Finalità del progetto è quella

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Le 100 domande sull HPV

Le 100 domande sull HPV Osservatorio Nazionale Screening Gruppo di Lavoro Interscreening sulla Comunicazione Le 100 domande sull HPV Versione 5 novembre 2007 Si suggerisce di consultare il sito per i regolari aggiornamenti 1

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO A) Prima parte: livello regionale 1) Attivazione dei programmi di screening La Regione Emilia-Romagna, con circolare n. 38

Dettagli

Screening del Cancro Colon Rettale (CCR) in Asl 5 Spezzino

Screening del Cancro Colon Rettale (CCR) in Asl 5 Spezzino Screening del Cancro Colon Rettale (CCR) in Asl 5 Spezzino Gli screening oncologici Per la prevenzione dei tumori caratterizzati da lento accrescimento in Italia viene promossa la pratica dello screening

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE

IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE TERRITORIO di riferimento PROVINCIA DI VARESE ESTENSIONE TERRITORIALE: 1.199 Kmq DENSITÀ ABITATIVA: 744,48 abitanti per Kmq (01/01/2015) TOTALE COMUNI: 139 POPOLAZIONE

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO ANALISI DATI RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA NELLA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE PRONTO SOCCORSO Anno 21 A cura di Daniela Negrini, Manuela Spoglianti Marzo 211

Dettagli

Counseling per smettere di fumare durante lo screening per la cervice: un occasione per la prevenzione, un opportunità per la donna

Counseling per smettere di fumare durante lo screening per la cervice: un occasione per la prevenzione, un opportunità per la donna Counseling per smettere di fumare durante lo screening per la cervice: un occasione per la prevenzione, un opportunità per la donna Anna Iossa S.C. Prevenzione Secondaria screening a.iossa@ispo.toscana.it

Dettagli

La valutazione del rischio con metodi soggettivi

La valutazione del rischio con metodi soggettivi Cos è la valutazione dello stress lavoro-correlato La professionalità dello psicologo per la valutazione del rischio Milano, 4 novembre 2010 La valutazione del rischio con metodi soggettivi Psicologo della

Dettagli

Uno strumento di comunicazione del ministero della Salute per gli screening oncologici della mammella, della cervice uterina e del colon retto

Uno strumento di comunicazione del ministero della Salute per gli screening oncologici della mammella, della cervice uterina e del colon retto Ministero della Salute Direzione Generale della Prevenzione Uno strumento di comunicazione del ministero della Salute per gli screening oncologici della mammella, della cervice uterina e del colon retto

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita Servizio Famiglia Infanzia Età Evolutiva Ufficio Promozione Qualità INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita anno 2012 Pag. 1 di 13 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

Reclami relativi all assistenza agli anziani DVD per gli utenti TESTO DEL VIDEO PER GLI UTENTI

Reclami relativi all assistenza agli anziani DVD per gli utenti TESTO DEL VIDEO PER GLI UTENTI Reclami relativi all assistenza agli anziani DVD per gli utenti TESTO DEL VIDEO PER GLI UTENTI C è qualcosa che mi preoccupa - Un video per le persone che usufruiscono dell assistenza agli anziani, le

Dettagli

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Gli stakeholder SONO I PORTATORI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DELL AZIENDA (che sono quindi

Dettagli

PROGETTI DI COMUNICAZIONE ESTERNA DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTI DI COMUNICAZIONE ESTERNA DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTI DI COMUNICAZIONE ESTERNA DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO RELAZIONE DI TIROCINIO di Lorenzo Murnigotti matricola 035626 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Psicologia a.a. 2005/06

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Oggetto: Analisi gradimento sito internet aziendale: anno 2011

Oggetto: Analisi gradimento sito internet aziendale: anno 2011 Oggetto: Analisi gradimento sito internet aziendale: anno 2011 Le iniziative di comunicazione hanno oggi un impostazione multimediale che affianca i tradizionali mezzi di informazione, con modalità adeguate

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Lo screening del carcinoma della cervice uterina

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Lo screening del carcinoma della cervice uterina Lo screening del carcinoma della cervice uterina JPH - Year 7, Volume 6, Number 2, Suppl. 2, 2009 Introduzione L esame citologico cervico-vaginale, o test di Papanicolau (pap test), è l unico test di screening

Dettagli

Altre informazioni sullo screening del colon retto

Altre informazioni sullo screening del colon retto Altre informazioni sullo screening del colon retto AGGIORNAMENTO: Queste informazioni per utenti e operatori completano quelle contenute nei documenti Un semplice esame contro il tumore del colon retto

Dettagli

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria La comunicazione con l assistito nel percorso di screening per i MAP 01 giugno 2013 e 16 novembre 2013

Dettagli

Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella

Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella Corso di Introduzione alla Cure Palliative -1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella Calman s Gap Situazione ideale Qualità

Dettagli

CNESPS PASSI PER L ITALIA. Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia. La modulistica per lo studio e l intervista telefonica

CNESPS PASSI PER L ITALIA. Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia. La modulistica per lo studio e l intervista telefonica CNESPS PASSI PER L ITALIA Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia La modulistica per lo studio e l intervista telefonica Francesco Sconza, Silvia Colitti Istituto Superiore di Sanità,

Dettagli

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione:

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: vaccinazioni e screening oncologici salute percepita e consigli dei sanitari Franca Mazzoli Marradi Coordinamento Regionale PASSI Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

USO E LIMITI DEI DATABASE CLINICI: LA RICERCA NELLE BANCHE DATI SPECIALIZZATE IN EBM

USO E LIMITI DEI DATABASE CLINICI: LA RICERCA NELLE BANCHE DATI SPECIALIZZATE IN EBM SM Romano. Dip.Area Critica Medico-Chirurgica, Università degli Studi di Firenze. Centro Italiano per la Medicina Basata sulle Prove. Clin. Med. Cardiol. FI Sapere eseguire una ricerca bibliografica accurata

Dettagli

Tumore al Seno: Il rapporto lavoratriceazienda e il rientro post malattia

Tumore al Seno: Il rapporto lavoratriceazienda e il rientro post malattia Tumore al Seno: Il rapporto lavoratriceazienda e il rientro post malattia SINTESI DEI RISULTATI Milano, febbraio 2015 Premessa Quando si affronta un dramma come il tumore al seno, la vita di una donna

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Prevenire il tumore del colon retto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 21-0 05/09/2012 INDICE Prevenire il tumore del colon. 4 Come si esegue

Dettagli

Valutazione del servizio di reference in ambito economico, medico, pedagogico e psicologico sessioni del 2010. Rapporto di Ilaria Moroni

Valutazione del servizio di reference in ambito economico, medico, pedagogico e psicologico sessioni del 2010. Rapporto di Ilaria Moroni Valutazione del servizio di reference in ambito economico, medico, pedagogico e psicologico sessioni del 2010 Rapporto di Ilaria Moroni Sommario Premessa Oggetto dell indagine Finalità dell indagine Modalità

Dettagli

IL FOCUS GROUP INDICE

IL FOCUS GROUP INDICE IL FOCUS GROUP INDICE Che cos è il Focus Group e a che cosa serve Pag. 3 Metodologia 3 Come utilizzare il Focus Group con diversi target 4 Attenzioni per la realizzazione di un Focus Group 5 Analisi dei

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità

Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Assessorato alle Politiche della Salute Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione Il presente allegato, parte

Dettagli

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi LA COMUNICAZIONE SULLA VACCINAZIONE CHIAREZZA E CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI DI SANITÀ PUBBLICA SUL VACCINO CONTRO

Dettagli

5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte. La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing

5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte. La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing 5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing Elisa Ferro, 30 maggio 2012 MARKETING SOCIALE è l'utilizzo dei principi

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Impatto sulla Medicina Generale SCOPI DEGLI SCREENING ONCOLOGICI Uno screening è un esame sistematico della popolazione per individuare le persone affette da una

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Dr. Francesco Rastrelli 19 gennaio 2015 Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Riassetto organizzativo Farmacisti territoriali Medici specialisti MEDICINA GENERALE Infermieri Medici

Dettagli

Riassunto primo focus (senior)

Riassunto primo focus (senior) Riassunto primo focus (senior) Il focus group si è svolto giovedì 25 marzo dalle 17.00 alle 18.30. I partecipanti erano persone in pensione appartenenti all associazione Amici della biblioteca. Sebbene

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

Il consenso informato del/per il paziente

Il consenso informato del/per il paziente Il consenso informato del/per il paziente Roberto Sfogliarini, Anna Maria Bona, Giorgio Depetri, Luciano Gandola, Giovanna Facchi (*), Francesca Gipponi AO - Direzione Medica, Dipartimento di Medicina,

Dettagli

Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino)

Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino) Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino) Il progetto Torino Domiciliarità Il progetto Torino Domiciliarità:

Dettagli

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema HEALTH NEEDS ASSESSMENT Sintesi di una selezione di articoli sul tema 1 INDICE 1. Wright J, Williams R, Wikinson JR Development and importance of health needs assessment, BMJ 1998; 316: 1310-1313 (25 April)

Dettagli

SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI. Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011

SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI. Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011 SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011 OBIETTIVI RILEVAZIONE SODDISFAZIONE GENITORI ULSS 3 Identificare il grado di

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

Lo sguardo dei pazienti: la qualità percepita dell assistenza infermieristica

Lo sguardo dei pazienti: la qualità percepita dell assistenza infermieristica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE RIASSUNTO DELL ELABORATO FINALE Lo

Dettagli

Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori

Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori Carlo Erminero e Carlo Santucci Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori Risultati preliminari della Ricerca CRM Roma, 13 dicembre 2004 Le imprese italiane e la PA

Dettagli

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO 1. Quadro generale Il dolore in ambito oncologico è diventato una questione sociale, una sfida per la persona che lo vive, ma anche per il mondo medico e

Dettagli

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG Marco Musella Italian Health Literacy Project (HLP-IT) DAOSan - Master Universitario di II Livello In Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

Master Specialistico. La comunicazione in ambito medico-sanitario. Teoria e pratica per una gestione efficiente del conflitti

Master Specialistico. La comunicazione in ambito medico-sanitario. Teoria e pratica per una gestione efficiente del conflitti Master Specialistico La comunicazione in ambito medico-sanitario Teoria e pratica per una gestione efficiente del conflitti Presentazione: Il master è frutto del lavoro di un gruppo eterogeneo e interdisciplinare

Dettagli

Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013

Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013 Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013 1) LINEA DI ATTIVITA E TITOLO DEL PROGETTO: 16-3.1.1,16-3.1.1 a/b,17-3.1.2 Consolidamento,promozione e miglioramento

Dettagli

Elaborazione di un programma di disassuefazione dal fumo apposto per i giovani. Riassunto-conclusioni-raccomandazioni

Elaborazione di un programma di disassuefazione dal fumo apposto per i giovani. Riassunto-conclusioni-raccomandazioni Consultation Santé Jeunes Elaborazione di un programma di disassuefazione dal fumo apposto per i giovani Riassunto-conclusioni-raccomandazioni «La dépendance, elle ne me semble pas réelle. Elle n est qu

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Fonti: Arai et al (2007); Rodgers et al (2009) Classici moderni della Valutazione

Fonti: Arai et al (2007); Rodgers et al (2009) Classici moderni della Valutazione Aspetti metodologici delle Narrative Review: l implementazione di interventi per la prevenzione degli incendi Fonti: Arai et al (2007); Rodgers et al (2009) Classici moderni della Valutazione a cura di

Dettagli

LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008

LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008 LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008 Dal luglio 2006 è iniziato il programma di screening del cancro del colon retto organizzato

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

CONFLITTO D INTERESSI TRA MEDICI E INDUSTRIA FARMACEUTICA

CONFLITTO D INTERESSI TRA MEDICI E INDUSTRIA FARMACEUTICA CONFLITTO D INTERESSI TRA MEDICI E INDUSTRIA FARMACEUTICA Uno studio quali-quantitativo sulla percezione degli studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bologna Alice Fabbri Centro Studi e Ricerche

Dettagli

HPV:una comunicazione efficace

HPV:una comunicazione efficace La comunicazione efficace Anna Iossa CSPO-Istituto Scientifico Di Prevenzione Oncologica - Firenze HPV:una comunicazione efficace PERCHE CI OCCUPIAMO DI COMUNICAZIONE E HPV? Il test HPV viene introdotto

Dettagli

Comitati Etici: il ruolo del componente laico

Comitati Etici: il ruolo del componente laico Comitati Etici: il ruolo del componente laico Paola Mosconi Laboratorio per il coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milano [CE Azienda USL Bologna] Perugia

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE SCHEDA TECNICA Campagne mirate di e-mail marketing. L e-mail marketing è un mezzo che consente di ottenere in modo continuo nuovi flussi di contatti commerciali qualificati e mirati (ovvero

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Progetto di consolidamento dello screening del cercivocarcinoma La popolazione target del Veneto è di circa 1.350.000 donne e programmi di screening citologico sono attivi in tutte le 21 Aziende ULSS della

Dettagli

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa National Community Education Initiative Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa Asking Questions Can Help: An aid for people seeing the palliative care team Italian

Dettagli

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 BOSCARO GIANNI 2 Analisi Statistica analisi descrittiva: descrizione dei dati campionari con grafici,

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

XII CONVEGNO dell Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant

XII CONVEGNO dell Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant XII CONVEGNO dell Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant La copertura vaccinale nelle popolazioni migranti e nelle popolazioni marginali L obiettivo è Facilitare Istituto Superiore

Dettagli

C. Goldenbeld, D. Twisk, S. Houwing. Institute for Road Safety Research SWOV, Duidoorn 32, 2262 AR Leidschendam, The Netherlands

C. Goldenbeld, D. Twisk, S. Houwing. Institute for Road Safety Research SWOV, Duidoorn 32, 2262 AR Leidschendam, The Netherlands COMUNICAZIONE PERSUASIVA E GRUPPI DI DISCUSSIONE: EFFETTI SULL ACCETTABILITA SOCIALE DELLE POLITICHE CONTRO LA VELOCITA DA PARTE DEI CONDUCENTI MASCHI E FEMMINE C. Goldenbeld, D. Twisk, S. Houwing Institute

Dettagli

Convegno Annuale GISCi 2004

Convegno Annuale GISCi 2004 Convegno Annuale GISCi 2004 Matera 11-12 marzo 2004 INDAGINE CONOSCITIVA SULLA COMUNICAZIONE NELLO SCREENING DELLA CERVICE UTERINA Relatore Dr.ssa A. Iossa Gruppo sulla comunicazione del GISCi Nato nel

Dettagli

IL MMG E LO SCREENING

IL MMG E LO SCREENING IL MMG E LO SCREENING Tirocinio Medicina Generale Siena 2009 RUOLO DEI MMG NEI PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICO 1. Progettazione 2. Correzione liste di invito 3. Firma dell invito personalizzato 4. Consegna

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Tecniche della ricerca qualitativa

Tecniche della ricerca qualitativa Tecniche della ricerca qualitativa Interviste - Strutturate - Semi-strutturate - Aperte - Ermeneutiche - Di gruppo - Foto-interviste - Etc Focus group - Discussione di gruppo coordinata da un ricercatore

Dettagli

I dati degli studi clinici registrati nell OsSC e l apertura al pubblico

I dati degli studi clinici registrati nell OsSC e l apertura al pubblico 4 I dati degli studi clinici registrati nell OsSC e l apertura al pubblico Introduzione Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali (OsSC) 1 è uno L strumento tecnico-scientifico

Dettagli

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO La ricerca La presente indagine, svoltasi nel mese di giugno 2006, aveva l obiettivo di indagare il rapporto degli Italiani con il risparmio e con le attività di investimento. Sono state raccolte 1.000

Dettagli