IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida"

Transcript

1 IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida 1. PRESENTAZIONE: COS È UN JOB CLUB Un Job Club è un gruppo spontaneo e gratuito di mutuo sostegno tra persone che si accompagnano e si aiutano reciprocamente nella scelta e la ricerca di un lavoro. Funziona come un gruppo autogestito - o gestito da animatori presso istituzioni pubbliche - in cui i partecipanti condividono e aumentano i loro contatti, le informazioni sui loro mercati di lavoro e i loro obiettivi, e forniscono supporto per un atteggiamento costruttivo nella ricerca di occupazione. 2. FINALITA : A COSA SERVE In Italia è molto alta la percentuale di scoraggiati e NEET, ovvero persone che non cercano più il lavoro o la formazione. Il primo fondamentale apporto di un Job Club è quello di permettere a chi cerca lavoro di uscire dalla condizione di non-occupato, ricominciando a ripensare il suo ruolo attivo e le sue strategie per la ricerca di un impiego. Lo fa anche grazie alla forza del gruppo, in cui i singoli si supportano gli uni gli altri e si spingono a restare costanti e positivi nella propria azione di ricerca. In secondo luogo, il Job Club spinge le persone a intraprendere una ricerca più attiva e informata del lavoro, operata tramite canali da sempre efficaci come il confronto sociale e lo scambio di contatti. Dati del ministero del Lavoro mostrano che oggi nel nostro Paese il 70% delle persone trova lavoro tramite i contatti. Inoltre, studi hanno dimostrato l efficacia del metodo Job Club nell 80% dei casi nel trovare un impiego entro un anno dall inizio del programma, se accuratamente eseguito. In particolare, all interno del progetto Job Club nel 2014 sono stati monitorati 19 Job Club nelle province di Vicenza e Padova. I risultati a 6 mesi hanno dimostrato che, a fronte di un abbandono del solo 8%, dei 201 partecipanti che avevano correttamente

2 concluso il programma il 60% era occupato con contratto a tempo indeterminato, il 29% occupato con contratto a tempo determinato, il 6% in formazione e il 3% con contratto di tirocinio, per una riattivazione complessiva del 99%. 3. OBIETTIVI: QUALI SONO I PRINCIPI DI UTILITA CHE ISPIRANO IL PROGETTO I principi cardine di un Job Club e gli obiettivi dei partecipanti sono: 1) STARE INSIEME: la ricerca del lavoro è un lavoro molto difficile da fare da soli. Utilizzare la forza del gruppo aiuta a superare paura, frustrazione e risentimento verso la situazione del mercato del lavoro, e andare oltre il conseguente scoraggiamento (3 milioni di persone che non cercano più lavoro in Italia nel 2013) 2) LAVORARE PER OBIETTIVI: attraverso un Job Club i partecipanti imparano a crearsi degli obiettivi professionali e ad apprendere e affinare specifiche tecniche di job-hunting. 3) FARE RETE: un Job Club permette di utilizzare il networking come mezzo per facilitare l'incontro tra domanda e offerta di lavoro. Fino al 70% (Dati Ministero Lavoro) dell'incontro tra domanda e offerta di lavoro passa attraverso autocandidatura o ricerca tramite contatti: il Job Club è l unico strumento di ricerca del lavoro che utilizza anche questo canale. 4) ACCEDERE AL MERCATO DEL LAVORO NASCOSTO: grazia a una ricerca preliminare delle possibilità di matching tra le proprie competenze e i possibili bisogni dell'azienda, è possibile trasformare le skill shortage (le mancanze di competenze) in una domanda. Le aziende cercano, ma non pubblicizzano le domande. Attraverso una autocandidatura è possibile fare emergere questa domanda e fare incontrare domanda e offerta di lavoro. 4. STRUMENTI: COSA E IL SITO JOB-CLUB.IT Il metodo Job Club si basa sul potenziamento del ruolo naturale e spontaneo delle persone, delle reti sociali e delle comunità locali nel fornire appoggio ai loro membri. I gruppi vengono creati volontariamente e liberamente dai cittadini, dalle comunità locali, oppure supportati dalle istituzioni pubbliche, come gli Informagiovani dei Comuni, i Centri Impiego o l'associazionismo. Generalmente un Job Club dovrebbe avere almeno sei membri e non averne più di quindici per essere efficace. La creazione e la promozione dei Job Club è facilitata grazie al sito creato da Nicola Giaconi, psicologo, e Riccardo Maggiolo, giornalista. L iniziativa è noprofit, e ha l obiettivo di divulgare la conoscenza del mercato del lavoro e la cultura

3 dell orientamento in Italia. Sul sito, attraverso una mappa e la creazione di forum per ogni Job-Club, per chi cerca lavoro è possibile comunicare la propria intenzione di trovare compagni di gruppo e interagire con loro, mentre per gli Enti segnalare i propri eventi relativi all'orientamento e alla ricerca del lavoro. Il sito è molto semplice da usare, e contiene tutte le spiegazioni per aprire e gestire un Job-Club. La partecipazione ai Job-Club è completamente libera e gratuita. Un breve manuale per l'organizzazione, l'animazione e la discussione dei metodi di lavoro e facilitazione nei Job Club è a disposizione dei partecipanti una volta che un Job Club raggiunge almeno sei partecipanti e viene chiuso. Questo manuale descrive accuratamente azioni ed esercizi da svolgere da parte del gruppo per dieci incontri. È a cura di Nicola Giaconi e di Trovare il Lavoro che Piace, il primo sito italiano di informazione per chi cerca o vuole cambiare lavoro. Inoltre, nel sito sono anche disponibili gratuitamente dei materiali promozionali: volantini e poster che possono essere scaricati, stampati e affissi o distribuiti, per facilitare la ricerca sul territorio di nuovi partecipanti e per diffondere l iniziativa. 5. DESTINATARI: CHI PUO PARTECIPARE Chiunque può prendere parte a un Job Club. La presenza di persone di età diversa e diversa esperienza lavorativa arricchisce il contributo, e aiuta ad aumentare di molto la cerchia di persone raggiungibili tramite lo scambio di contatti tra partecipanti. Un Job Club richiede attivazione personale, quindi può integrare le attività fatte con utenti diversamente abili o in grave situazione di disagio, ma per persone in queste situazioni può non essere sufficiente: in quei casi ci vuole un tutor o un animatore con un ruolo più importante ed esperienza specifica. 6. DOTAZIONI E METODOLOGIE: COSA SERVE PER CREARE UN JOB CLUB Una stanza, sedie per i partecipanti e il Programma Didattico Job-Club. Inoltre, spesso un Job Club può beneficiare della presenza di un moderatore o animatore, che ricordi ai partecipanti le azioni da intraprendere, moderi le interazioni tra tutti i membri e li tenga positivi e concentrati. Questo animatore non è un superiore agli altri membri ma un primus inter pares. In genere in ogni gruppo qualcuno ha il ruolo di organizzatore o di animatore, ma questa funzione può ruotare tra i partecipanti. L animatore può essere anche un operatore Informagiovani, un insegnante, un consulente di orientamento, un assistente sociale, o comunque una figura che rappresenti un tramite tra un ente o un istituzione e il gruppo di lavoro. Tuttavia, questa figura non è strettamente necessaria, e può essere sopperita dal lavoro di gruppo o dall affidamento del ruolo a turno.

4 7. INVESTIMENTO FINANZIARIO: QUANTO COSTA UN JOB CLUB Non costa niente, a parte gli spazi, il tempo, e l impegno personale dei partecipanti e degli animatori. I materiali didattici sono gratis, e vengono inviati via mail ai partecipanti appena il Job Club è segnalato sulla mappa del sito ed è pronto per partire con almeno 6 partecipanti. 8. ANALOGIE CON ALTRE INIZIATIVE PER AIUTARE A CERCARE LAVORO Un Job Club è anche un gruppo in cui si studia e si impara a cercare lavoro, ma non è solo una iniziativa di formazione. Ci può essere un docente che spiega gli argomenti, ma i leader sono dei partecipanti che si assumono il ruolo di animatori e organizzatori. I partecipanti si scambiano contatti, invitano ospiti e testimoni, ci si sostiene nella difficile attività di cercare lavoro. E più simile ad un Circolo di Studio e ad un gruppo di self-help. 9. TEMPI: QUANTO DURA UN JOB-CLUB Gli incontri in genere sono dieci, di una ora e mezza/due ore ciascuno. Il Job Club può continuare anche dopo i dieci incontri, come spazio per riportare, condividere e discutere la propria esperienza nella ricerca del lavoro. 10. CONTENUTI: COSA SI FA DURANTE IL JOB CLUB Durante gli incontri di Job Club si studia, ci si esercita e si discute un programma di orientamento seguendo il programma del manuale, che permette di affrontare tutti i temi della scelta del lavoro: della ricerca di informazioni alle tecniche di ricerca del lavoro. Il programma prevede degli esercizi e delle azioni da fare a casa, ed è oggetto di confronto tra i partecipanti e l eventuale animatore durante gli incontri, che discutono delle azioni intraprese e dei risultati ottenuti. In ogni incontro inoltre i partecipanti condividono i loro contatti, il loro network, per offrire agli altri partecipanti l opportunità di contattare potenziali datori di lavoro. In alcuni incontri è consigliato invitare un ospite, un esponente del mondo del lavoro a parlare del proprio lavoro, del proprio settore, del proprio mercato: può essere un lavoratore dipendente, un professionista, un imprenditore scelto dalla rete di contatti di ogni partecipante. 11. IL CICLO DI VITA DEL JOB-CLUB: COME SI CONCLUDE Quando tutti hanno trovato lavoro, o sono rientrati in percorsi di formazione. Nel caso, le persone rimaste in un Job Club in numero inferiore a quattro possono unirsi ad

5 un altro Job Club in partenza e portare la loro esperienza, fino a quando anch esse non avranno trovato lavoro. 12. APPROFONDIMENTI: COME AVERE ALTRE INFORMAZIONI Sul sito sono presenti spiegazioni più dettagliate nelle pagine 10 domande ed Help. Sempre sul sito, sulla relativa pagina Facebook e su YouTube è disponibile un video tutorial che illustra il funzionamento del sito. Inoltre, è anche possibile contattare direttamente i fondatori del progetto tramite l indirizzo mail a

IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida per enti

IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida per enti IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida per enti 1. PRESENTAZIONE: COS È UN JOB CLUB Un Job Club è un gruppo spontaneo e gratuito di mutuo sostegno tra persone che si accompagnano e si aiutano

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Sei un artista? Per vincere il bando serve il tuo aiuto.

Sei un artista? Per vincere il bando serve il tuo aiuto. Sei un artista? Per vincere il bando serve il tuo aiuto. Organizza un'esperienza nella tua home gallery #MHGDAY Vademecum #MHGDAY settembre 2015 Il bando chefare MyHomeGallery sta concorrendo per vincere

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot.n.10383 Bari,06.10.2014 Ai dirigenti scolastici della Puglia Ai coordinatori delle scuole paritarie della Puglia Ai docenti di ogni ordine e grado Al personale ATA Ai genitori dei Consigli di Istituto

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie. Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente, per se stessi

Dettagli

Prot. n.aoodrve12421 Venezia, 3 ottobre 2014

Prot. n.aoodrve12421 Venezia, 3 ottobre 2014 Prot. n.aoodrve12421 Venezia, 3 ottobre 2014 Ai Dirigenti amministrativi e tecnici della Direzione Generale di Venezia Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali del Veneto Ai dirigenti scolastici

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro)

La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro) La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro) Abdelkrim Boussetta Ispettorato Regionale - Rabat 1 Corso di formazione Accademia di Rabat, giovedi 21 ottobre 2010 Docente Studente Materia 2 Insegnamento

Dettagli

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA SSIS LAZIO 2007-2007 Indirizzi Tecnologico, Economico-Giuridico CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Pedagogia e Scienze dell Educazione nella cultura contemporanea Prof.ssa Eleonora Guglielman 1 06. Costruttivismo:

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle ultime classi delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle ultime classi delle Scuole Primarie. L IMPRONTA ECONOMICA Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente,

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea Percorsi di educazione non formale all Europa: - Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea - Progettazione e realizzazione di uno

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie. Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente, per se stessi

Dettagli

_Come segnalare che avete un dibattito in programma?

_Come segnalare che avete un dibattito in programma? _Come segnalare che avete un dibattito in programma? Tutto quello che sarà prodotto dalle scuole sarà reso pubblico alla pagina https://labuonascuola.gov.it/dibattiti/, e una sezione della pagina sarà

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo Puntare sul futuro Vivere e lavorare in un altro paese è un opportunità molto interessante per i cittadini europei di tutte le

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

GLI INCONTRI Il programma prevede 3 incontri di 1 ora e mezza ciascuno e l affiancamento di un tutor d azienda per lo svolgimento delle lezioni.

GLI INCONTRI Il programma prevede 3 incontri di 1 ora e mezza ciascuno e l affiancamento di un tutor d azienda per lo svolgimento delle lezioni. Allegato 1 L IMPRONTA ECONOMICA Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring?

Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring? Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring? Attività. Individuare gli ambiti valutativi e gli indicatori del mentoring Tempistica: 1 ora per il

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE?

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE? P.A.I.S. La scuola elementare Manzoni Bolzano Mirella Tronca, assistente agli alunni in situazione di handicap PERCHE DOCUMENTARE? La documentazione è una scienza per conoscere e una tecnica per far conoscere.

Dettagli

Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia Cesena, 2 e 3 settembre 2010

Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia Cesena, 2 e 3 settembre 2010 Corso di formazione Imparare ad imparare Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia 2010 L AUSL di Cesena, in collaborazione con Giunti O.S., organizza un corso di formazione dedicato

Dettagli

Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013

Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013 Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013 I.C. 2 di Arzignano (VI) Direttore del Corso: Dirigente Scolastico Frigotto Pier Paolo E-tutor: Dott.ssa Bevilacqua Barbara 1 Modello di formazione:

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO Sommario

ISTRUZIONI PER L USO Sommario ISTRUZIONI PER L USO Sommario PRESENTAZIONE... 2 DESCRIZIONE... 3 PROFILO UTENTE... 5 PAGINA AZIENDA... 6 PAGINA ASSOCIAZIONE... 9 DISCUSSIONI...12 GESTIONE AZIENDALE...13 DOMANDE...14 MERCATO DEL LAVORO...15

Dettagli

PON azione B4 formazione docenti Corso base sulla «flipped classroom» Come capovolgere la classe

PON azione B4 formazione docenti Corso base sulla «flipped classroom» Come capovolgere la classe PON azione B4 formazione docenti Corso base sulla «flipped classroom» Come capovolgere la classe Cosa non è la flipped classroom Non è una metodologia che lascia solo l alunno Lo studio non è guardare

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE TI SERVE

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE TI SERVE LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE TI SERVE Il progetto riguarda qualsiasi Pubblica Amministrazione (P.A.). Potrà, pertanto, essere ritagliato su misura della P.A. interessata per migliorare sportelli al

Dettagli

E-learning Guida pratica all utilizzo

E-learning Guida pratica all utilizzo E-learning Guida pratica all utilizzo Riccardo Picen 2014-2015 Sommario Cos è MOODLE?... 2 Come collegarsi alla pagina dei servizi... 2 PIATTAFORMA E-LEARNING... 3 1. Effettuare la registrazione (valida

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

Individuazione precoce del bambino con DSA, potenziamento delle abilità di base e recupero del ritardo di apprendimento della letto-scrittura

Individuazione precoce del bambino con DSA, potenziamento delle abilità di base e recupero del ritardo di apprendimento della letto-scrittura ISTITUTO COMPRENSIVO GUALDO TADINO Via G. Lucantoni 06023 - Gualdo Tadino Individuazione precoce del bambino con DSA, potenziamento delle abilità di base e recupero del ritardo di apprendimento della letto-scrittura

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

Il Titolo del progetto: Happy BioHour

Il Titolo del progetto: Happy BioHour Il Titolo del progetto: Happy BioHour L'evento: Un evento, qualunque sia il suo scopo, implica l incontro tra persone che si ritrovano per condividere un esperienza. Happy Biohour vuole essere un aperitivo

Dettagli

molte volte ci si distrae;

molte volte ci si distrae; FIRST LEGO LEAGUE ITALIA MILANO 6-7 marzo 2015 Squadra FLL4: LICEO ROSMINI RELAZIONE SCIENTIFICA TITOLO DEL PROGETTO: FLIP the SCHOOL ARGOMENTO STUDIATO L argomento che abbiamo deciso di affrontare si

Dettagli

MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE. La sfida di un progetto operativo interistituzionale

MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE. La sfida di un progetto operativo interistituzionale MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE La sfida di un progetto operativo interistituzionale CHI SIAMO Il Centro Interculturale Millevoci è una risorsa che opera

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

ASSOCIAZIONE GRUPPO VOLONTARI UNITI E SOLIDALI PER CONVIVERE CON IL PARKINSON - ONLUS GR.VOL.PARK. - ONLUS

ASSOCIAZIONE GRUPPO VOLONTARI UNITI E SOLIDALI PER CONVIVERE CON IL PARKINSON - ONLUS GR.VOL.PARK. - ONLUS ASSOCIAZIONE GRUPPO VOLONTARI UNITI E SOLIDALI PER CONVIVERE CON IL PARKINSON - ONLUS GR.VOL.PARK. - ONLUS Padova 9 Marzo 2013 PERCHÉ È STATA COSTITUITA L ASSOCIAZIONE GR.VOL.PARK. ONLUS? per dare una

Dettagli

Social Media Marketing

Social Media Marketing Durata: 168 ore Social Media Marketing OBIETTIVI Il corso, con una formazione di carattere tecnico/pratico, fornisce agli allievi un approfondita panoramica delle più innovative strategie dell unconventional,

Dettagli

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Valentina Gabusi Zanichelli Editore S.p.A. vgabusi@zanichelli.it Dal 2014 a oggi sono più di 14.000 i docenti che hanno

Dettagli

Piazza Mercoledì 1234, 45678 Roma. Tel. 012 34 56 78 Fax 123 45 67 89. www.adatum.com

Piazza Mercoledì 1234, 45678 Roma. Tel. 012 34 56 78 Fax 123 45 67 89. www.adatum.com Piazza Mercoledì 1234, 45678 Roma Tel. 012 34 56 78 Fax 123 45 67 89 www.adatum.com Sommario Introduzione... 3 Qual è lo scopo del progetto?... 4 A chi è rivolto l intervento?... 5 Come si articolerà il

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

Il corso di italiano on-line: presentazione

Il corso di italiano on-line: presentazione Il corso di italiano on-line: presentazione Indice Perché un corso di lingua on-line 1. I corsi di lingua italiana ICoNLingua 2. Come è organizzato il corso 2.1. Struttura generale del corso 2.2. Tempistica

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi Fondazione Lions per il Lavoro Presentazione e obiettivi Iniziativa a sostegno del service nazionale Help 2014 / 2015 LA FONDAZIONE : La Fondazione Lions per il lavoro Italia Onlus, con sede legale in

Dettagli

PIANO FORMATIVO 2014/2015

PIANO FORMATIVO 2014/2015 PIANO FORMATIVO 2014/2015 Il CFP Francesco d Assisi La Cooperativa "Francesco d'assisi" gestisce da più di otto anni un Centro di Formazione Professionale accreditato presso la Regione Veneto, rivolto

Dettagli

1 Circolo Didattico Mercato S. Severino

1 Circolo Didattico Mercato S. Severino 1 Circolo Didattico Mercato S. Severino Compito di realtà concretizzato nell ambito della formazione Senza Rete Classe terza B Plesso E. Pesce Insegnante Battista Anna Quintieri a.s. 2014/2015 Compito

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona Guida didattica Programma di. Epatente 1. Presentazione del programma 2. Struttura del programma 3. Metodologia didattica e contenuti 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona 5. Raccomandazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE L Ingresso alla Scuola dell Infanzia costituisce l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Accedi al tuo Genio Personale [ Self-Leadership ] Tre giorni d ispirazione per apprendere ad accedere alle potenzialità della tua mente per creare

Accedi al tuo Genio Personale [ Self-Leadership ] Tre giorni d ispirazione per apprendere ad accedere alle potenzialità della tua mente per creare Accedi al tuo Genio Personale [ Self-Leadership ] Tre giorni d ispirazione per apprendere ad accedere alle potenzialità della tua mente per creare successo in qualunque area della tua vita desideri ...

Dettagli

RISORSE UMANE NON UMANE

RISORSE UMANE NON UMANE P C ERSONE ONOSCENZE LA RIVISTA DI CHI INVESTE SU SE STESSO presenta il ciclo di convegni RISORSE UMANE NON UMANE Il ritorno al lavoro e all impresa Undici convegni sul territorio rivolti a chi in azienda

Dettagli

Georientiamoci. Parte la terza edizione del progetto didattico per l'orientamento scolastico

Georientiamoci. Parte la terza edizione del progetto didattico per l'orientamento scolastico Georientiamoci. Parte la terza edizione del progetto didattico per l'orientamento scolastico Parte la 3a edizione di Georientiamoci, il progetto didattico per l orientamento promosso a livello nazionale

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI 1 L ordine delle idee deve procedere secondo l ordine delle

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Treviglio, 30 maggio 2015 Maria Coelli 1 La formazione e la consulenza ai gruppi AMA è svolta

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

Linee guida per itunes U

Linee guida per itunes U Indice Panoramica 1 Per cominciare 2 Impostazioni del corso 3 Modificare e organizzare i contenuti 5 Aggiungere avvisi, compiti e materiali 6 Gestione e collaborazione 8 Gestire le iscrizioni 9 Best practice

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

I. Il progetto Andiamo a Lavorare!

I. Il progetto Andiamo a Lavorare! Andiamo a Lavorare! I. Il progetto Andiamo a Lavorare! I. Come è nato Il progetto Andiamo a lavorare! nasce dall incontro tra una Amministrazione Comunale di Canale Monterano,, gli Operatori del Servizio

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Giochi nel mondo. Laboratorio di intercultura

Giochi nel mondo. Laboratorio di intercultura Progetto per le attività laboratoriali Anno 2012-2013 Giochi nel mondo Laboratorio di intercultura Premessa: Oggi, più di ieri, ci si rende conto che le nuove generazioni hanno bisogno di una proposta

Dettagli

Studio dei casi Scuole medie superiori

Studio dei casi Scuole medie superiori Valutazione dei progetti: Valutazione formativa Studio dei casi Scuole medie superiori Allegorie in una classe di quinto superiore Gli studenti del quinto superiore nella classe della professoressa Marta

Dettagli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli Lezione con la LIM. unisalento Perché piace agli insegnanti - rinnova la lezione frontale consente salvataggio di attività didattiche e il recupero rapido - facilita la spiegazione di processi, la descrizione

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ICARUS Good Practices

ICARUS Good Practices ICARUS Good Practices Lista delle cose che possiamo fare per rendere più efficaci gli interventi sindacali sui comitati aziendali europei. Azioni possibili dei rappresentanti del CAE 1 Stabilire e mantenere

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION REPUTAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XII edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi Presentazione Di anno in anno, alle aziende nonprofit si richiede di assistere sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte aziende nonprofit

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills

PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills Il progetto Career Management Skills, ovvero capacità di gestione della propria carriera, nasce in un momento storico in cui l'orientamento non è più

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro CHIAVI In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei pronomi

Dettagli

Il clima cambia! Cambiamo anche noi! Progetta la casa intelligente.

Il clima cambia! Cambiamo anche noi! Progetta la casa intelligente. In collaborazione con: con il patrocinio di: Il clima cambia! Cambiamo anche noi! Progetta la casa intelligente. Progetto di educazione e informazione rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo

Dettagli

IL MANUALE DEL TIROCINANTE

IL MANUALE DEL TIROCINANTE IL MANUALE DEL TIROCINANTE Quello che c è da sapere sul tirocinio in Italia a cura di Giuseppe Iuzzolino Verona, 26 novembre 2015 Perché un Manuale sui tirocini? Perché il tirocinio è, insieme all apprendistato,

Dettagli