INDAGINE DI MERCATO SETTORE AGROALIMETARE EGIZIANO RIASSUNTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE DI MERCATO SETTORE AGROALIMETARE EGIZIANO RIASSUNTO"

Transcript

1 INDAGINE DI MERCATO SETTORE AGROALIMETARE EGIZIANO RIASSUNTO Il Cairo, agosto

2 Indice 1. NOTA METODOLOGICA INTRODUZIONE DESCRIZIONE DEL SETTORE AGROALIMENTARE EGIZIANO Nota sull interscambio commerciale tra Egitto e Italia nel settore agroalimentare SEGMENTAZIONE DEL MERCATO SETTORE AGRICOLO Cereali, Frutta e Verdura Allevamento Pesca INDUSTRIA DEL CIBO Industria lattiero-casearia Industria della carne Industria conserviera e dei prodotti in scatola Industria degli oli e grassi vegetali e animali Industria della macinatura e dei prodotti del grano Industria dello zucchero Industria di pane, pasta e dolciumi DIMENSIONE DEL MERCATO AGROALIMENTARE IN EGITTO ANALISI DEI CONSUMATORI PERCORSO DEI BENI AGROALIMENTARI IMPORTATI E CANALI DI DISTRIBUZIONE ANALISI DELLE CINQUE FORZE ANALISI SWOT CONCLUSIONI

3 1. NOTA METODOLOGICA L obbiettivo principale della seguente analisi del settore agro-alimentare egiziano e` di presentare una nota chiara e esaustiva dello stesso enfatizzando le relative opportunità di entrata per le aziende italiane che progettano di penetrare direttamente tale mercato esportandovi i propri prodotti. Prima di procedere a introdurre il mercato agro-alimentare egiziano, e` necessario porre chiarezza sulle definizioni e terminologia adottate in tale campo alle quali si farà costante riferimento in questo documento, in modo da poter fornire un punto di vista chiaro e imparziale che non sia influenzato dalle comuni misinterpretazioni esistenti in materia. Col termine settore/mercato agroalimentare si fa riferimento all insieme di attività orientate alla produzione, trasformazione e distribuzione di prodotti alimentari. Altre classificazioni quali settore agricolo e agribusiness (più specifica) - adottate in precedenti lavori di ricerca dai quali si e` tratto spunto -, possono essere e verranno considerate quali sinonimi di tale termine, fatta eccezione per settore primario dell economia, in quanto facendo quest ultimo riferimento, oltre che alle attività relative all agricoltura, allevamento e pesca, anche al prodotto delle foreste e all estrazione di materiali dal sottosuolo, quali gas e petrolio. Con il termine agricoltura ci riferiamo all agricoltura nel senso stretto del termine, all allevamento e alla pesca. E` inoltre importante precisare che i termini settore e mercato verranno adottati come sinonimi e saranno utilizzati per riferirsi al generale settore agroalimentare, mentre i vari sub-mercati, come ad esempio pesca, industria alimentare o industria delle bevande, verranno descritti usando il termine segmenti. Quando poi si porranno osservazioni su sottoinsiemi dei così definiti segmenti, allora verrà adottata la classificazione sub-segmenti. Si noti inoltre che questa ricerca di mercato tralascerà lo studio dei segmenti della carne di maiale e delle bevande alcoliche, in quanto essi rappresentano argomenti a parte la cui descrizione esula dallo scopo finale dell intera analisi. Si precisa infine che questa analisi di mercato farà principalmente riferimento ai dati forniti dall istituto di ricerca egiziano Capmas 1. I dati sono espressi tutti in Miliardi di dollari, con un cambio EGP-Dollaro dello 0, INTRODUZIONE 1 Che sono fino al 2013 per l import-export mentre risalgono al massimo al 2011 per tutto il resto 3

4 Lo schema organizzativo attraverso il quale si e` deciso di sviluppare questa ricerca e` stato scelto al fine di fornire una descrizione sintetica ma completa del mercato agroalimentare egiziano, che lo contestualizzi sia da un punto di vista delle dinamiche interne al Paese che in prospettiva internazionale, con una particolare attenzione alle possibilità di entrata per le imprese italiane. Seguendo tale linee guida, il primo capitolo d analisi propone una panoramica generale del settore, dalla quale risulta l importante ruolo che lo stesso occupa nell economia nazionale, a cui contribuisce per ben il 12,28% (quota sul PIL), e nei rapporti commerciale con il resto del mondo. Viene quindi evidenziato come l Egitto detenga il primato mondiale per quantità annue di grano importate, circostanza che comporta un deficit considerevole di bilancia commerciale per i beni agroalimentari. Viene poi presentata una nota sugli scambi commerciali tra Egitto e Italia, con una attenzione particolare alle importazioni. La maggiore componente di tale interscambio nel 2013 era la frutta commestibile, che l Egitto importa specialmente per motivi di differenziazione dell offerta e non strutturali. Sebbene i volumi di importazioni dall Italia per categorie di prodotti commerciati si siano ridotti nel 2013, il che e` principalmente dovuto alla instabilità sociopolitica che ha caratterizzato l Egitto in quell anno, i relativi tassi di crescita medi dal 2011 sono stati tutti positivi. Ciò dimostra come, in generale, il commercio di tali beni abbia essenzialmente resistito alle conseguenze negative della Primavera araba. Lo studio passa poi a definire la segmentazione di mercato, che e` uno strumento d analisi fondamentale che permette di orientarsi nel settore e comprendere le dinamiche dello stesso. L agroalimentare egiziano e` considerato come l insieme dei due segmenti aggregati definiti quali agricoltura, che identifica frutta,ortaggi, allevamento e pesca, e industria del cibo, che riguarda il settore della lavorazione dei beni alimentari. Il primo occupa un ruolo considerevolmente maggiore del secondo nell economia del Paese, con rispettive quote percentuali sul PIL pari a 11,33% e 0,95% 2. L analisi dei singoli segmenti e sub-segmenti ha poi dimostrato come la crescita che ha caratterizzato il settore agroalimentare egiziano dal 2009 al 2011 sia stata condivisa da tutte le proprie componenti, coi contributi più significativi dati dai settori dell agricoltura e industrie lattierocasearie, di dolciumi, della macinatura e dello zucchero 3. L individuazione e studio delle componenti ha fornito gli strumenti per definire la dimensione e andamento del settore agroalimentare egiziano quale aggregato, il cui valore totale e aggiunto nel 2011 ammontavano rispettivamente a 45,5 e 28,98 Miliardi dollari, con una quota complessiva sul PIL del 12,28% e un tasso di crescita medio dal 2009 al 2011, sia semplice che composto, del 12%. Si e` poi proseguito con l analisi dei consumatori, che considera una categorizzazione base per fasce di reddito della popolazione egiziana, dividendo per classi medio-bassa e medio-alta. 2 Per evitare confusione correlata a scambi tra i due settori aggregati, prodotti intermedi e via dicendo, e avere una idea chiara della dimensione di agricoltura e industria del cibo, si considerano le quote di partecipazione sul PIL, che sono state calcolate usando i relativi valori aggiunti, i quali ammontano rispettivamente a 26,74 e 2,24 Miliardi di dollari. I rispettivi valori della produzione in entrambi i settori sono di 37,44 e 8 Miliardi di dollari 3 In Egitto, questi ultimi due mercati vengono complessivamente monopolizzati dallo Stato si vedano tutte le relative osservazioni poste durante l intera ricerca e nelle conclusioni 4

5 Quest ultima viene individuata come il target di mercato per le imprese estere che esportano in Egitto prodotti agroalimentari di qualità. Si osserva che il potere contrattuale di questo gruppo di consumatori, in relazione a tale categoria di beni, risulta essere meno accentuato dei relativi valori che solitamente caratterizzano il rapporto offerta-domanda nel settore, i quali si dimostrano invece essere assai elevati. I consumatori della classe medio-alta sono oggi disposti a pagare prezzi più alti in cambio di maggiore qualità. Si passa poi a concludere l analisi della catena del valore, partendo da uno studio delle maggiori imprese presenti nel settore agroalimentare egiziano per poi considerare descrizione dei canali distributivi, con un attenzione particolare ai percorsi di arrivo e smercio dei beni importati. Si propone inoltre una nota sulle catene di supermercati, il cui sviluppo ha permesso di semplificare i processi distributivi e aumentare l offerta dei beni esteri nel mercato locale. Infine, l analisi delle 5 forze e SWOT chiudono la ricerca e permettono di trarre le conclusioni dello studio di settore, specialmente dal punto di vista delle imprese italiane che pianificano relative strategie di entrata. Per riassumere, la ricerca mostra come gli aspetti negativi, quali un concreto rischio valuta e un lento sviluppo dovuto alle condizioni di estrema povertà in cui oggi vive più di un quarto della popolazione egiziana, vengano più che compensati dalle caratteristiche e trend positivi. La neo raggiunta stabilità politica, la riacquistata fiducia dei consumatori della classe medio-alta che spinge la domanda per prodotti alimentari esteri di qualità, la contenuta forza contrattuale dei consumatori di tale gruppo, la validità della PPA per tale categoria di beni, gli andamenti positivi in tutti i segmenti e subsegmenti di settore, l affermarsi delle catene di supermercati, il lontano punto di saturazione del mercato, sono infatti quei fattori che contribuiscono a rendere il settore agroalimentare egiziano particolarmente attraente per le imprese italiane entranti. 3. DESCRIZIONE DEL SETTORE AGROALIMENTARE EGIZIANO In un paragone coi mercati agroalimentari dei vari Paesi del nord Africa e della regione araba, il settore agroalimentare egiziano può essere definito quale uno dei maggiori in assoluto. Nel 2011, esso ha contribuito al 12,28% del Prodotto Interno Lordo (PIL) del Paese, coinvolgendo circa il 34% della forza lavoro nazionale. I maggiori beni alimentari prodotti in Egitto sono riso, grano, granturco, fagioli, olive, frutta e verdura in generale, formaggio, zucchero, dolciumi e vari prodotti della macinatura; rappresentano inoltre importanza rilevante nel settore primario gli allevamenti di bovini, bufali d acqua, pecore e capre. L Egitto, situato in un area assai arida, desertica e secca dell Africa settentrionale, dove le precipitazioni sono rarissime e le sorgenti d acqua scarseggiano, e` stato capace di raggiungere i livelli di produzione agricola che tutt oggi lo caratterizzano grazie allo sviluppo di estesi sistemi di irrigazione opere pubbliche di dimensioni notevoli che il Paese intraprende ormai da più di vent anni. Questa rete idrica ha permesso all Egitto di disporre di circa 3,5 milioni di ettari di terra 5

6 arabile 4, la quale si concentra principalmente nelle zone limitrofe al fiume Nilo e che viene quasi completamente gestita da pochi proprietari privati. Oggi, nonostante le condizioni climatiche favorevoli permettano all Egitto di produrre beni agricoli durante tutto l arco dell anno e di esportare tali beni in tutta Europa, il Paese rimane ancora un importatore netto di beni alimentari 5 : nel corso del 2013, relativamente alla filiera agroalimentare, il Paese ha registrato esportazioni e importazioni per rispettivamente 6 e 14 miliardi di dollari USA. Le sostenute importazioni di prodotti agroalimentari sono sempre state una componente strutturale della bilancia commerciale egiziana. Tale dipendenza dal mercato estero e` una diretta conseguenza sia dell incapacità del Paese a far fronte a una sempre crescente domanda nazionale esso importa circa il 55% del proprio fabbisogno annuale di cibo che delle particolari abitudini alimentari della popolazione, le quali, essendo caratterizzate da alti consumi di prodotti derivati dal frumento, contribuiscono a fare dell Egitto il più grande importatore al mondo di grano 6. Le maggiori importazioni del Paese nel settore agroalimentare nel 2013 sono riassunte nella seguente tabella: Bene Importato Valore (Mld $) Quota sulle importazioni Tot Grano (cereali) 4,92 7,41% Grassi e oli vegetali e animali 1,63 2,45% Semi oleosi 1,36 2,05% Carne rossa 1,25 1,88% Prodotti caseari e uova 0,81 1,22% Caffe`, Te` e spezie 0,52 0,84% Zucchero 0,51 0,77% Dati Capmas 2013, Valori in Miliardi di Dollari, tasso di cambio EGP-Dollaro dello 0,14 I Paesi di provenienza sono alquanto vari, divisi tra Africa e Medio Oriente, Unione Europea e Stati Uniti. Le esportazioni nella filiera agroalimentare sono principalmente dirette verso Paesi arabi, quali Arabia Saudita, Libia e Sudan, e Unione Europea. E` possibile affermare che, in riferimento ai volumi di interscambio commerciale di beni agroalimentari tra Egitto e resto del mondo, le importazioni superano di gran lunga le esportazioni, e il bene principale che contribuisce a definire tale deficit quale caratteristica strutturale della bilancia commerciale di settore e` il grano. Inoltre, si nota come l Egitto importi e esporti anche beni alimentari della stessa categoria, e ciò sta a significare che i motivi che spingono il Paese a sostenere la relative importazioni non sono strutturali 7 ma bensì di guadagno, sia da un punto di vista 4 Che in ogni caso rimane approssimativamente solo il 3,5% della superficie totale del Paese; questo dato fa comprendere la tipologia del territorio, caratterizzato da un estesa desertificazione 5 Cioè che presenta una bilancia commerciale in deficit per i beni agroalimentari 6 Secondo i dati FAO, nel 2011 l Italia occupava il quarto posto 7 Correlati alla dipendenza del Paese dall estero per i beni considerati 6

7 qualitativo, e cioè relativi al poter disporre di una maggiore diversità i prodotti, che prettamente capitalistico. 3.1 Nota sull interscambio commerciale tra Egitto e Italia nel settore agroalimentare In generale, L Egitto e l Italia sono stati da sempre attivi partner commerciali. Nelle classifiche di totale interscambio commerciale dell Egitto verso il resto del mondo, l Italia occupa il terzo posto in assoluto (dati 2013), con un valore complessivo pari a 6,44 Miliardi di dollari USA e una quota totale del 6,8%. Differenziando per esportazioni e importazioni, l Italia e` il primo Paese di destinazione al mondo dei prodotti egiziani, con un relativo valore pari a circa 2,8 Miliardi di dollari (quota sulle esportazioni totali: 10,05%), ed il quarto da cui l Egitto importa, per un valore merce di pressappoco 3,64 Miliardi di dollari (quota sulle importazioni totali: 5,53%). Andiamo ora ad analizzare gli scambi commerciali tra i due Paesi per il settore agroalimentare. Le relative esportazioni totali dell Egitto verso l Italia nel 2013 ammontano a 62,23 Milioni di dollari (la relativa quota sulle esportazioni dell Egitto verso l Italia e` del 2,22%). Esse riguardano principalmente bevande, superalcolici e aceto, e frutta commestibile e noci (valori rispettivi di 21,3 e 17 Milioni di dollari); in quantità minori troviamo poi zucchero, preparati di frutta e verdura, pesci, e altri prodotti di origine animale (valori rispettivi di 7,7, 6,58, 5,74, e 1,68 Milioni di dollari), con il resto dei beni alimentari a seguire e rispettivi valori che non superano il Milione di dollari. Le importazioni dall Italia per il settore agroalimentare per il 2013 ammontano a 76,75 Milioni di dollari (quota sulle importazioni dall Italia: 2,1%). Al fine di comprendere meglio questo numero, vengono di seguito riportati i relativi andamenti per gli ultimi 3 anni: Tot. Importazioni dall Italia Settore Agroalimentare (Mln $) (Mln $) (Mln $) 94,56 129,82 76,75 Tasso di crescita annuale +120% 8 +37% -41% Dati Capmas, Valori in Milioni di Dollari, tasso di cambio EGP-Dollaro dello 0,14 Come si può notare, le importazioni dall Italia di beni agroalimentari sono aumentate moltissimo nel 2011 e 2012, per poi subire un brusca diminuzione nel Questo risultato negativo e` in relativa contraddizione con il generale andamento delle importazioni complessive dallo Stivale degli ultimi due anni, il quale e` rimasto comunque in crescita (si e` passati da un totale di 3,36 Miliardi di dollari nel 2012 a un totale di 3,64 Miliardi di dollari nel 2013, con un tasso di crescita percentuale positivo dello 0,8%). Una possibile spiegazione e` la seguente. Gli squilibri socio-politici che hanno caratterizzato il Paese durante l ultimo anno potrebbero aver influito maggiormente sulle importazioni del settore agroalimentare che su quelle relative agli altri beni importati dall Italia in quanto i primi si differenzino particolarmente per caratteristiche qualitative. La frutta e verdura che l Egitto importa 8 Basato sul valore del 2010, cioè 42,96 Milioni di dollari 7

8 dall Italia - componente che ha fatto la differenza tra il 2012 e ha un costo maggiore di quella che il Paese produce internamente. Detto ciò, e` normale che in un momento di crisi le importazioni di prodotti non essenziali si riducano mentre quelle strutturali rimangano tali. Un risultato che e` invece in linea con gli andamenti generali e` il deficit di bilancia commerciale che l Egitto registra nei confronti dell Italia nel settore agroalimentare 9, che nel 2013 ha raggiunto i 14,26 Milioni di dollari. La tabella sottostante riporta i valori per le principali classificazioni di merce (2013): Categoria Prodotto Importato dall Italia Valore (Mln $) Frutta commestibile 32,62 Prodotti della macinatura, amido e malto industriale 16,94 Cacao 6,02 Preparati di farina di cereali o amido 4,76 Caffe`, Te` e spezie 3,22 Preparati di frutta e verdura 2,80 Bevande, superalcolici e aceto 2,52 Dati Capmas 2013, Valori in Milioni di Dollari, tasso di cambio EGP-Dollaro dello 0,14 Questi dati, oltre ad evidenziare le categorie di prodotti di settore importati nel periodo di riferimento, mostrano come la frutta commestibile 10 e i prodotti della macinatura, amido e malto industriale corrispondano a quasi il 70% delle importazioni agroalimentari totali dall Italia per il Sempre al fine di comprendere al meglio le cifre più recenti riportate qui sopra, di seguito viene proposta una tabella che descrive gli andamenti negli ultimi tre anni delle principali categorie di importazioni dall Italia nel mercato agroalimentare: Categoria 2011 (Mln $) 2012 (Mln $) 2013 (Mln $) Tasso di crescita medio Frutta commestibile 49,56 73,64 32, % -56% Prodotti della macinatura 18,62 21,84 16,94 +31% -22% Cacao 5,72 6,72 6,02 +9% -10% Altri prodotti di origine animale 5,74 4,34 0,84-29% -81% Preparati di farina di cereali o amido 2,66 3,78 4,76 +35% +26% Tasso di crescita 2013 Dati Capmas 2013, Valori in Milioni di Dollari, tasso di cambio EGP-Dollaro dello 0,14 Come si può notare dai tassi di crescita medi, negli ultimi 3 anni le importazioni dall Italia dei principali beni agroalimentari sono mediamente aumentate, tranne quelle relative al gruppo altri prodotti di origine animale. 9 l Egitto importa dall Italia più beni di quanti ve ne esporti 10 Questo gruppo di beni alimentari e` caratterizzato da un attivo interscambio tra I due Paesi, il che indica che l Egitto importa dall Italia frutta fresca mediterranea mentre quest ultima importa dal primo frutta non coltivabile in Europa, quale frutta esotica. 8

9 Inoltre, i valori negativi dei tassi di crescita per il 2013 associati alle principali categorie di beni agricoli riportati in tabella 11 mettono nuovamente in risalto e specificano il considerevole calo delle importazioni agroalimentari dall Italia registrato durante l ultimo anno. Si noti infine che la controtendenza dei preparati di farina e amido combacia con quanto detto poco fa sull incorrelazione tra andamento di tali categorie di beni e rischio Paese. Questo tasso positivo e` in linea con il principio secondo cui una crisi socio-politica come quella che si e` verificata in Egitto influisca in maniera negativa esclusivamente sulle importazioni dei prodotti di maggior qualità, come quelle che riguardano i principali scambi con l Italia nel settore agroalimentare, mentre lasci inalterati l andamento degli import di beni essenziali, come tali preparati di farina SEGMENTAZIONE DEL MERCATO I segmenti del mercato agroalimentare egiziano verranno di seguito raggruppati nelle due categorie principali Agricoltura 13 e Industria del cibo. Per ogni segmento verranno poi riportati i dati specifici per i sub-segmenti di maggior interesse nell ambito di questa analisi di ricerca, che e` diretta ad imprese italiane che considerano di penetrare il mercato SETTORE AGRICOLO Valore totale (2011): 37,44 Miliardi di dollari 15 Valore Aggiunto (2011): 26,74 Miliardi di dollari Quota sul PIL (2011): 11,33% Cereali, Frutta e Verdura Il valore della produzione totale egiziana di cereali, frutta e verdura per il 2011 ammonta a circa 22,54 Miliardi di dollari, con valori relativi di rispettivamente 14,84, 3,5 e 4,2 Miliardi. Il tasso percentuale di crescita medio di tale segmento, riferendosi agli anni 2009, 2010 e 2011, e` stato del 14% (dati Capmas). Le maggiori tipologie di frutta raccolta sono mango, fichi, datteri, pere, mele, arance, fragole, albicocche, pesche, pompelmi, ananas, limoni, angurie e uva. 11 la componente che ha influito maggiormente e` stato un calo del 56% nelle importazioni di frutta commestibile 12 che, sebbene importati dall Italia, non si differenziano per particolari caratteristiche qualitative o per prezzi significativamente maggiori di quelli interni egiziani 13 Intesa come senso generale del termine 14 Sempre seguendo lo scopo di tale analisi, si e` scelto di non considerare il settore delle bevande, acqua in bottiglia e alcolici, mentre le bevande derivate dalla frutta e succhi verranno inclusi nel segmento Industria conserviera e dei prodotti in scatola 15 Se si sommano le cifre relative ai 3 segmenti che compongono tale settore, si ottiene un valore totale di 63,4 Miliardi di dollari c e` un errore di un miliardo dovuto all approssimazione 9

10 Gli agrumi sono la varietà prevalente: ad essi e` dedicata la maggior parte dei terreni destinati alla frutta e sono il frutto più prodotto in assoluto, al quale vengono inoltre associate le maggiori opportunità di esportazione. Per quanto riguarda il 2014, e` infatti probabile che l Egitto mantenga la sua posizione di secondo esportatore al mondo di arance e sesto Paese in assoluto per produzione delle stesse. Inoltre, il consumo domestico, che riguarda arance fresche per il 63% e succo di arancia per il resto, dovrebbe aumentare di circa l 1%. Come già sottolineato nella nota sull import-export tra Egitto e Italia nel settore agroalimentare, la componente principale delle relative importazioni e` la frutta commestibile. Un esempio di prodotto italiano presente nel mercato egiziano in questo segmento sono le mele della Val Venosta. Le principali verdure che l Egitto produce sono pomodori (1,68 Miliardi), patate e patate dolci (0,1 Miliardi), zucchine (0,7 Miliardi), cetrioli (0,3 Miliardi) 16, carciofi, fagiolini, piselli, lenticchie e fagioli Allevamento Il segmento Allevamento, per come viene definito in questa ricerca, comprende carne rossa, latte, carne bianca e uova. Il valore totale di tale segmento nel 2011 ammontava a 11,34 Miliardi di dollari, e in particolare da carne rossa per 4,9 Miliardi, latte per 3, 22 Miliardi, carne bianca per 2, 38 Miliardi e uova per 0,84 Miliardi. Il tasso percentuale di crescita medio del segmento per gli anni 2009, 2010 e 2011 e` stato del 13%. In Egitto, l allevamento di animali e` quasi interamente finalizzato alla produzione di prodotti caseari, mentre la produzione di carne di manzo continua a occupare un ruolo secondario questo fatto e` prevalentemente dovuto ai bassi livelli di riproduzione del bestiame. In generale, il segmento dell allevamento rimane significativamente dipendente dalle importazioni di ingredienti per il foraggio 17, che raggiungono il 60% del totale fabbisogno interno. Durante il 2012, si e` assistito a un calo del consumo nazionale dei prodotti derivanti dall allevamento, le cui cause vengono identificate principalmente nell incertezza politica e stagnazione economica che ha caratterizzato il Paese in quel periodo. Per di più, a causa dell elevato rischio Paese e del ritiro di importanti capitali da parte di investitori stranieri, i canali di finanziamento per gli importatori egiziani si sono sensibilmente ridotti. Sempre riferendosi al segmento dell allevamento e della carne, e` possibile affermare come le abitudini alimentari dei consumatori siano considerevolmente cambiate, specialmente nell ultimo periodo. Le malattie epidemiche dei bovini di cui si e` detto hanno comportato uno spostamento di preferenza dalla carne di manzo verso la carne bianca e pesce. Tuttavia, e` però probabile che la neo-raggiunta stabilità politica possa ridare fiducia ai consumatori e che la ripristinata domanda di carne rossa possa spingere i prezzi al rialzo, comportando a sua volta una maggior propensione verso l acquisto di carne congelata. 16 I valori in parentesi si riferiscono al Nonostante molti terreni vengano dedicati alle colture di Berseem, come menzionato a inizio ricerca; la causa e` la richiesta differenziazione per gli elementi del foraggio 10

11 4.1.3 Pesca Il valore totale di questo segmento, e quindi di quella che possiamo chiamare produzione di pesce in Egitto, ammontava a 2,52 Milioni di dollari nel Il tasso percentuale di crescita medio del segmento dal 2009 al 2011 e` stato attorno al 15%. Il segmento egiziano della pesca e` caratterizzato da alti consumi interni, essendo ivi il pesce la risorsa disponibile di proteine animali meno cara in assoluto. Nonostante l importanza attribuitavi e la presenza di cospicue quantità di acque territoriali di cui l Egitto dispone, il Paese non riesce a coprire la propria domanda interna e importa pesci per un valore pari a circa il 13% della produzione nazionale. Per far fronte a questa ulteriore fattore di dipendenza dall estero, l Egitto ha recentemente investito per aumentare il numero di punti vendita del pesce e nello sviluppo di tecnologie di allevamento, essendo così in grado di aumentare sensibilmente la propria produzione ad acquacolture. 4.2 INDUSTRIA DEL CIBO Valore produzione (2011): 8 Miliardi di dollari Valore aggiunto (2011): 2,24 Miliardi di dollari Quota sul PIL (2011): 0,95% Industria lattiero-casearia Considerando mercato egiziano, il segmento industria lattiero-casearia si riferisce alla produzione e vendita di prodotti quali latte pastorizzato e in polvere, panna, altri tipi di latte, yogurt, burro, margarina, formaggio bianco fresco, formaggio precotto, Rjkovrd, Cheddar e Rumi, gelato, e altri prodotti che derivano dal latte. Il valore complessivo del segmento ammontava a 1 Miliardo di dollari nel Riferendosi agli anni 2009, 2010 e 2011, Il tasso di crescita medio del segmento e` stato del 21% 18. Con un valore pari a circa l 11% della totale industria del cibo, il settore lattiero-caseario occupa un ruolo importante nella lavorazione dei prodotti alimentari in Egitto. Il segmento ha significatività rilevante anche su un piano continentale, corrispondendo il suo valore complessivo al 16% del mercato lattiero-caseario aggregato dell Africa e del Medio Oriente. Nonostante gli alti livelli di produzione, anche il segmento dell industria lattiero-casearia e` caratterizzato da un deficit negativo tra offerta e domanda interna, che e` tra l altro previsto rimanere stabile almeno fino al 2017 (BMI 2010). 18 Il segmento e` stato sempre in crescita, ma a livelli decrescenti nel tempo: I tassi del 2009, 2010 e 2011 ammontano rispettivamente a 25%, 20% e 19% 11

12 Il sub-segmento del latte lavorato resta quello caratterizzato da crescite maggiori, con un tasso di crescita del 26% e un valore totale pari a 0,2 Miliardi di dollari (dati 2012). Nel 2012, Juhayna Food Industries, leader del sub-segmento, ha aumentato ancora la propria quota di mercato, raggiungendo il 47% del totale delle vendite in tale settore (Euromonitor 2012). Il sub-segmento del formaggio e` il maggiore per volumi di vendite, che e` pari al 39% del totale dell industria lattiero-casearia 19. Il tasso di crescita registrato nel 2012 e` stato del 15%. L aumento del prezzo del latte come materia prima ha conseguentemente influenzato anche quello dei formaggi, che e` cresciuto di circa il 6% (2012). Il sub-segmento dello yogurt può essere classificato quale il più dinamico dell industria lattierocasearia. In riferimento a quest ultimo, la quota occupata da tale settore e` cresciuta di più di 6 punti percentuali dal 2010, raggiungendo un valore relativo pari al 20% del totale. Il tipico yogurt sfuso egiziano e` il prodotto più popolare, e le sue caratteristiche qualitative e prezzi relativamente abbordabili fanno grande concorrenza allo yogurt confezionato. Il valore delle vendite di yogurt e` aumentato del 23% nel 2012, anch esso spinto dall inflazione che ha caratterizzato il latte quale materia prima. Il segmento dell industria lattiero-casearia in Egitto sta attraversando un momento di grande innovazione. I maggiori cambiamenti riguardano le norme che regolano la produzione, il commercio, standard di igiene, immagazzinamento e trasporto, la tecnologia applicata all industria, le abitudini dei consumatori, l evoluzione nelle strategie di transizione delle imprese del settore e i canali distributivi 20. In questo periodo di transizione, anche se le barriere all ingresso per le PMI dovrebbero essere ridotte, le compagnie che perdurano nel mercato rimangono quelle che hanno la capienza e caratteristiche di produzione per rivolgersi al consumo di massa Industria della carne 21 L industria della carne comprende la preparazione di carne rossa e bianca congelata, hamburger, altri preparati di carne e preparati di pollo. Il valore totale di tale segmento nel 2011 ammontava a 0,35 Miliardi di dollari. Dopo un forte calo di 30 punti percentuali registrato nel 2009, il segmento si e` gradualmente ripreso, arrivando ad un tasso di crescita medio del 13,5% per 2010 e Come già accennato 22, si presume che una spinta della domanda per la carne fresca comporterà un aumento dei prezzi della stessa. Tale rincaro, a sua volta, potrebbe influire sulle abitudini dei consumatori, i quali, per risparmiare, diventerebbero più propensi ad acquistare carne congelata. Inoltre, e` stato documentato come le famiglie egiziane siano oggi più orientate verso la preparazione di cibi semplici che non richiedano troppo tempo e sforzi per essere cucinati. Questo 19 Il latte lavorato corrisponde solo al 28,4% 20 Attualmente, il maggiore canale distributivo del segmento e` composto da punti di vendita indipendenti, che sono il 55% dei totali presenti nel mercato. Nei prossimi anni ci si sposterà verso una distribuzione da supermercato 21 La carne in scatola viene considerata nel segmento dell industria conserviera 22 Si veda il segmento allevamento 12

13 fatto va a vantaggio dei consumi di carne congelata, la quale offre quella facilità di cottura e disponibilità immediata che la carne fresca non può dare. Con queste premesse, al segmento dell industria della carne vengono oggi associate rilevanti opportunità di crescita 23. I leader del sub-segmento della carne congelata sono Halwani Bros e Egyptian Advanced Food, con quote di mercato che ammontano rispettivamente al 45% e 29%. Halwani basa la sua leadership su solida presenza nel mercato e qualità del cibo, mentre l Egyptian Advanced Food, o più in particolare il brand di proprietà Faragello, riesce a mantenere una presenza anche in altre aree del settore del cibo confezionato grazie a sviluppate strategie di differenziazione Industria conserviera e dei prodotti in scatola Questo segmento e` definito quale aggregato di industria conserviera, che riguarda la trasformazione e conservazione dei prodotti ortofrutticoli, e quella dei prodotti in scatola. L industria conserviera egiziana include verdure congelate, aglio e cipolla in polvere, altri ortaggi secchi, patate fritte (anche semi-congelate), sottaceti, pelati e salse di pomodoro, conserve di legumi, succhi di frutta (e verdura), succhi di frutta industriali (sorbetto) e artificiali, frutta congelata, marmellata, conserve di arachidi, datteri, altre conserve di nocciole tostate, zuppe, salse e altri preparati, aceto, ketchup, mostarda e maionese. Il termine aggiuntivo prodotti in scatola fa sì che nel segmento rientri anche il pesce inscatolato, quale il tonno in scatola, che altrimenti non ne avrebbe potuto far parte, essendo di per sé escluso dall industria conserviera 24. Nel 2011, il valore totale del segmento ammontava a 0,77 Miliardi di dollari. Il tasso di crescita medio nel periodo e` stato lievemente positivo, pari all 1%. Questa timida crescita e` principalmente conseguenza dei tassi negativi che hanno caratterizzato il 2009 e il Nel 2011 il segmento si e` ripreso ed e` tornato ai livelli di vendita del 2008, registrando una solita crescita annuale del 12%, e nel 2012 e 2013 il trend ha continuato su questo passo. L instabilità socio-politica di quegli anni e l aumento dei prezzi e della disoccupazione hanno spinto i consumatori egiziani ad accumulare riserve di cibo e a comprare prodotti in scatola, in quanto meno cari dei beni freschi. I due leader del segmento dell industria conserviera e dei prodotti in scatola sono Songkla Canning e Americana, ciascuno dei quali possiede una quota di mercato del 24% (2013). Il punto di forza di Songkla Canning e` la linea del brand di proprietà Sunshine, che offre prodotti convenienti che vengono distribuiti sia dai supermercati che da piccoli punti vendita indipendenti. Americana basa il suo successo su solide caratteristiche qualitative e fiducia dei consumatori, ai quali l impresa e` stata in grado di far percepire il valore comunicato dei prodotti attraverso le proprie famose marche California Garden, Americana Olives, Lion Chips e Farm Frites. 23 anche se la crescita del segmento resta assai catalizzata dalla concorrenza con quello della carne fresca 24 Che, da definizione, riguarda solo beni ortofrutticoli 13

14 4.2.4 Industria degli oli e grassi vegetali e animali Il segmento dell industria degli oli e grassi vegetali e animali riguarda sia oli e grassi in quanto tali che semi oleosi. In Egitto, questo settore comprende olio di semi di girasole e di cotone (grezzosemiraffinato e raffinato), olio di semi di soia (raffinato e semiraffinato), olio d oliva raffinato, olio di semi di mais (grezzo, semi-raffinato e raffinato), olio di palma raffinato, olio di semi di lino raffinato, Tahini 25 bianco, grassi e oli vegetali idrogenati, e semi di soia, cotone, e lino. Il valore totale del segmento nel 2011 ammontava a 0,98 Miliardi di dollari. Dal 2009 al 2011, il segmento ha registrato un tasso di crescita medio del 15%, un trend positivo che e` stato significativamente catalizzato soprattutto dai risultati dell ultimo anno, durante il quale si e` registrato un aumento delle vendite del 38%. Nel 2013, l Egitto rimane il settimo Paese al mondo per volumi di importazioni di oli e grassi commestibili. Le quantità importate sono aumentate molto negli ultimi quindici anni anche grazie ad un forte sviluppo su piano nazionale dell industria di macinatura dei semi di soia. Oli e grassi sono sempre stati prodotti alquanto consumati in Egitto, dove il relativo consumo medio per persona supera notevolmente quella negli altri Paesi arabi. Attualmente, le abitudini alimentari dei consumatori si rivolgono maggiormente verso gli oli e grassi derivati da semi, che offrono prezzi più abbordabili se confrontati con prodotti di maggior qualità e complessivamente più sani quali l olio d oliva. Il leader del segmento della produzione di oli e grassi vegetali e animali e` Savola Sime Egypt Co, le cui vendite nel 2013 corrispondevano al 28% di quelle complessive del settore. Savola Sime Egypt possiede alcuni tra i migliori brand di oli vegetali e di semi, tra cui Slite e Afia. Il suo più grande concorrente di segmento e` Arma Food Industries, che, grazie a prodotti di alta qualità, prezzi competitivi e azzeccate campagne marketing, e` riuscita a raggiungere nel 2013 una quota di mercato del 18%. Accenniamo infine che, anche se in Egitto i consumi locali riguardano maggiormente oli di semi, il Paese ha grandi opportunità di sviluppo nel settore dell olio d oliva, principalmente dovute a una gran disponibilità di materia prima. L Egitto e` l ottavo Paese al mondo per produzione di olive e sono inoltre stati previsti degli investimenti pubblici e privati volti ad aumentare il terreno coltivato a ulivi nei prossimi anni. In ogni caso, L Egitto e` già un Paese produttore di olio d oliva di qualità, anche extra vergine Industria della macinatura e dei prodotti del grano L industria della macinatura e dei prodotti del grano si riferisce a tutti i beni derivati dal frumento tranne il pane e la pasta, che verranno inclusi nell ultimo segmento analizzato. In Egitto, questa industria comprende la produzione di farina di grano pregiata e non, farina di mais, farina di semola, farinaccio di grano, farinaccio di mais, fiocchi di mais, glucosio, fruttosio, amido, glutine, foraggio e foraggio concentrato, e pane croccante. 25 E` un impasto oleoso prodotto con semi di sesamo 14

15 Il valore totale del segmento nel 2011 ammontava a 1,95 Miliardi di dollari, il più grande dell industria del cibo. Nel periodo , il segmento ha registrato un tasso di crescita medio dell 8%, con un tasso annuo del 16% solo nel Lo Stato occupa un ruolo fondamentale in tale settore. In Egitto sono presenti 126 stabilimenti di macinazione del grano che vengono amministrati dal governo tramite 7 società pubbliche affiliate con la Food Industries Holding Company (FIHC). Il grano da essi macinato viene acquistato dalla General Authority for Supply Commodities (GASC) del Cairo. La maggior parte della farina prodotta in Egitto e` destinata alla preparazione del tipico pane egiziano Baladi e la commercializzazione della stessa viene interamente regolata dalla GASC. E` infine importante notare come almeno un terzo del pane Baladi prodotto venga destinato al foraggio degli animali, e ciò crea distorsione del concetto di uso razionale dei cereali nell industria e sprechi delle risorse pubbliche impiegate nei relativi sussidi. Uno dei maggiori gruppi privati che si occupa di macinatura del grano in Egitto e` la Five Star Flour Mills, 10% della quale e stata appena acquistata dalla società australiana GrainCorp, con un accordo di 10 Milioni di dollari (Luglio 2014) Industria dello zucchero Il segmento dell industria dello zucchero in Egitto comprende le seguenti classi di prodotto: zucchero di barbabietola raffinato, zucchero di canna puro e raffinato, e zucchero lavorato 26. Il valore totale del segmento nel 2011 era di 1,34 Miliardi di dollari. Il tasso di crescita medio che ha caratterizzato il segmento dal 2009 al 2011 e` stato del 25% 27 Il governo egiziano sta mirando a ridurre il deficit di importazioni del segmento finanziando un aumento della quantità di terreni destinati alle barbabietole da zucchero e investendo per accrescere la produttività di quelli già presenti, anche per quanto riguarda i campi coltivati a canne. Durante il 2012, il governo ha inoltre intrapreso delle campagne di sensibilizzazione volte a diminuire i consumi medi di zucchero per capita, che superano di molto la media degli altri Paesi. In Egitto, la lavorazione dello zucchero di canna e` monopolizzata dalla società pubblica Sugar and Integrated Industries Company (SIIC), che compra lo zucchero dai contadini e lo rivende ai fornitori autorizzati. La produzione di zucchero da barbabietola e` invece gestita da 5 imprese statali, a ciascuna delle quali viene affidata la distribuzione in diverse provincie. Per concludere, notiamo che nel breve termine i livelli di importazione di zucchero saranno destinati ad aumentare ancora, in quanto il ritorno degli investimenti del governo volti ad aumentare la produzione nazionale richiederà ancora un paio d anni per concretizzarsi. 26 Utilizzato per inzuccherare le gomme da masticare o per preparare la melassa 27 Esso e` risultato costante in tutti e tre gli anni del periodo considerato 15

16 4.2.7 Industria di pane, pasta e dolciumi In Egitto, il segmento dell industria di pane e simili, pasta e dolciumi comprende la preparazione di pane, pane Baladi, pane Fino, pane Shamy, pasta, pasta ripiena, pasta precotta e altri tipi di pasta, biscotti, torte, dolciumi orientali e stranieri, pasticcini, dolci secchi e essiccati, e altri dolci, polvere di cacao (senza e con aggiunta di dolcificanti), cioccolata, e Halvah 28. Il valore totale del segmento nel 2011 era di 0,83 Miliardi di dollari. Il tasso di crescita medio nel periodo e` stato del 4%, con una riduzione nelle vendite durante il 2009 del -25% e controbilanciata da un andamento positivo negli ultimi due anni con tassi rispettivi del 17 e 19 percento. Il sub segmento egiziano del pane e prodotti da panetteria e` caratterizzato da un forte potere contrattuale dei consumatori. Il pane e specialmente il pane Baladi e`stato da sempre un importante componente nell alimentazione degli egiziani, che riescono a mantenere il relativo prezzo a livelli molto bassi grazie ad una forte volontà popolare, la quale si manifesta nell astensione generale all acquisto o in grandi proteste di massa non appena il costo accenna a salire. Circa 50 milioni di egiziani mangiano il Baladi regolarmente, la domanda interna e` di circa 270 milioni di pagnotte al giorno ed esso viene acquistato a meno di un centesimo di dollaro a pagnotta. Il sussidio associato a tale bene costa al governo egiziano approssimativamente 3 Miliardi di dollari l anno. Il settore del pane include inoltre pane confezionato, il quale e` definito da un mercato con regole di domanda e offerta non così atipiche. Il leader del sub-segmento e`edita Food Industries SAE, che detiene una quota di mercato del 5%. Nonostante l instabilità politica che induce incertezza tra i consumatori, le vendite dei dolciumi e degli snacks hanno continuato a salire durante il Il tasso di crescita composto del sub segmento con riferimento all ultimo anno e` stato del 17%. Questo andamento positivo e` anche dovuto alle solide abitudini di alimentazione degli egiziani, che includono il consumo di molti prodotti dolci (specialmente durante il mese di Ramadan) 29. Chipsy for Food e` il leader indiscusso di questo sub segmento, con una quota di mercato del 53% (2013). Prima del 2013, il sub segmento della pasta era stato caratterizzato da livelli di crescita rilevanti: le abitudini di acquisto dei consumatori si erano spostate verso la pasta confezionata (invece che sfusa), principalmente a causa di una maggiore sensibilizzazione delle famiglie verso aspetti quali igiene e qualità. Questo trend positivo e` continuato nel 2013, ma per differenti cause. Le cattive condizioni climatiche globali e un indebolimento della valuta egiziana 30 hanno comportato una riduzione delle importazioni del grano, al quale a sua volta e` conseguita una riduzione dell offerta della pasta sfusa e un aumento degli acquisti di pasta impacchettata. Il leader del sub segmento della pasta e` al Farasha Co, che ha registrato una quota di mercato del 33% nel Dolce tipico egiziano 29 Inoltre la popolazione e` assai giovane, e gli adolescenti e bambini contribuiscono ad alzare il livello di consumo dei dolciumi 30 Verificatosi nonostante la riduzione delle riserve ufficiali della banca centrale egiziana 16

17 In futuro, e` possibile che il segmento della pasta perderà quote di mercato a favore di quello del pane: gli investimenti governativi si concentreranno maggiormente su quest ultimo 31, volendo lo Stato evitare che rivenditori non autorizzati sfruttino troppo i sussidi attualmente presenti sulla farina. 5. DIMENSIONE DEL MERCATO AGROALIMENTARE IN EGITTO Mercato Agroalimentare in Egitto = Settore Agricolo + Industria del Cibo Valore Totale (2011) = $37,4 M + $8 M = 45,5 Miliardi di dollari Tasso di crescita medio del mercato ( ) = 12% Tasso di crescita composto del mercato ( ) = 12% Valore Aggiunto (2011) = $26,74 M + $2,24 M = 28,98 Miliardi di dollari Percentuale del PIL (2011) = 12,28% 6. ANALISI DEI CONSUMATORI L Egitto ha una popolazione di 90 milioni di abitanti, caratterizzata da dei tassi di crescita annui stabili di circa il 2%. Il regolare aumento della popolazione continua a spingere la domanda interna di beni alimentari, che, superando in maniera rilevante la produzione nazionale, enfatizza a sua volta una crescita costante del deficit commerciale del Paese. Mentre l incremento demografico e` un elemento che accomuna tutta la popolazione egiziana, il reddito e` uno di quelli che la differenzia; infatti, fonti ufficiali riportano che, tutt oggi, 22 milioni di egiziani vivano in condizioni di estrema povertà. Facendo riferimento ad un raggruppamento semplificato per livelli di reddito, questa parte di popolazione viene solitamente identificata come componente della così chiamata classe medio-bassa, la quale comprende, inoltre, anche la metà più povera della classe media. Il secondo gruppo e` viceversa definito quale classe medio-alta, che include sia la parte più abbiente della classe media che la classe benestante. Facendo riferimento a tale classificazione, e` possibile trarre delle osservazioni chiare sulle abitudini alimentari della popolazione. L alimentazione di entrambi i gruppi ma specialmente quella della classe medio-bassa e` caratterizzata da alti consumi di pane (e di altri derivati della macinatura) e di zucchero e dolciumi vari. La grande popolarità di tali prodotti, unita ad una notevole forza contrattuale dei consumatori, contribuisce a fare dell Egitto il maggior Paese importatore di grano al mondo, e spiega inoltre la predominanza del settore pubblico nei segmenti della macinatura del frumento e della lavorazione dello zucchero. Come già accennato, al fine di evitare squilibri sociali, lo Stato egiziano ha intrapreso 31 Inteso come prodotto finito 17

18 e intraprende grandi campagne di spesa volte a monopolizzare questi mercati, imponendo una snaturalizzazione di domanda e offerta e riuscendo così ridurre la dinamicità dei prezzi. Entrambi i gruppi di reddito consumano inoltre grandi quantità di frutta, particolarmente sotto forma di succhi e prodotti simili. Quest aspetto spiega gli alti livelli registrati nei volumi delle importazioni di frutta commestibile dall Italia, la quale viene in ogni caso considerata più come una componente di differenziazione invece che un elemento strutturale della bilancia dei pagamenti del settore. Infine, un altro bene agroalimentare veramente popolare in entrambe le classi di reddito sono i prodotti lattiero-caseari locali. Quello che invece cambia dalla classe più povera a quella più ricca e` il grado di dinamicità di tali abitudini. Per quanto riguarda la classe medio-bassa, esse sono definite da una avversità al cambiamento. Le informazioni raccolte in questa ricerca indicano che, per il periodo a venire, tale classe continuerà a consumare principalmente beni locali, essenzialmente per ragioni correlate all estrema convenienza di prezzo possiamo affermare che in media i prodotti dell agricoltura egiziani costino la metà, se non meno, di quelli europei e alla forte cultura del cibo presente nel Paese. Le abitudini alimentari della classe medio-alta, invece, risultano essere più dinamiche. Oggi più che in passato, maggiore disponibilità economica e standard di vita più elevati stanno spingendo questi consumatori ad acquistare cibi di qualità. Tematiche quali sicurezza del cibo e tracciabilità di provenienza dei prodotti stanno guadagnando sempre più importanza e le abitudini d acquisto dei consumatori della classe medio-alta stanno cambiando a favore di prodotti con caratteristiche qualitative maggiori. Quest aspetto può essere classificato come la causa primaria della veloce espansione di catene di supermercati nel Paese: per le ragioni accennate e per fattori correlati alla comodità, la parte più benestante della popolazione preferisce oggi acquistare il cibo nei supermercati invece che dai piccoli rivenditori. Per riassumere, mentre la classe povera conserva le proprie abitudini alimentari (in parte in quanto obbligata), che comprendono essenzialmente cibi locali caratterizzati da prezzi molto bassi, la classe medio-alta della popolazione si sta dimostrando sempre più propensa all acquisto di beni alimentari più costosi e di maggiore qualità, sia locali che importati. Questa differenziazione e` in linea con gli aspetti generali che definiscono il progresso economico e sociale, che verificandosi velocemente crea disparità considerevoli, specialmente nella sua fase iniziale. Il cambiamento nelle abitudini alimentari della classe medio alta può essere visto dalle imprese italiane intenzionate ad entrare nel mercato agroalimentare egiziano come un importante aspetto positivo, che aumenta il grado di sostituibilità dei prodotti del settore a favore di beni stranieri con conosciute caratteristiche qualitative quali quelli italiani. 7. PERCORSO DEI BENI AGROALIMENTARI IMPORTATI E CANALI DI DISTRIBUZIONE Stiamo quindi considerando il rapporto commerciale tra attori economici stranieri che esportano in Egitto e importatori locali, sempre con riferimento al settore agroalimentare. La legge locale richiede che tutti gli importatori abbiano nazionalità egiziana. In più, un agente commerciale per poter essere legalmente in grado di importare beni dall estero deve aver risieduto in Egitto per 5 anni consecutivi, possedere una certificazione di una camera di 18

19 commercio locale o associazione professionale, non essere un impiegato pubblico o membro della People s Assembly, e non avere una relazione di parentela di primo grado con impiegati pubblici di gradi elevati 32 o facenti parte della People s Assembly. Nel caso in cui l attore commerciale in questione fosse una persona giuridica locale, sia il presidente che i membri del consiglio di amministrazione devono possedere la cittadinanza egiziana, e anche il capitale sociale deve essere detenuto al 100% da egiziani. Se si trattasse invece di una società straniera, basterebbe che il 51% del capitale fosse detenuto da soci egiziani. La legge egiziana afferma che gli attori economici autorizzati secondo i criteri appena descritti possono importare liberamente prodotti agroalimentari in Egitto senza limiti quantitativi 33, fatta eccezione per i prodotti a base di carne suina, per cui l import e` proibito, e per bevande alcoliche, su cui c e` un dazio del 3000% 34. I beni commerciati arrivano nei maggiori porti egiziani di Alessandria, Dekheila, Damietta, Port- Said, e Ain Sokhna. Qui avviene il processo di controllo doganale, gestito dal General Organization for Export and Import Control (GOEIC), che e` una sezione del Ministero dell Industria e del Commercio. Il primo step riguarda il controllo dei documenti che l impresa esportatrice deve allegare alla merce nell atto di spedirla, e cioè ricevuta di carico, fattura, certificato di licenza, permesso di consegna merce e procura per la consegna 35. Si passa poi alla fase di controllo visivo, che include l ispezione delle etichette e controlli generali di stato della merce. L etichetta deve riportare data di produzione 36 e scadenza, Paese di origine, nome o ragione sociale dell importatore egiziano, lista degli ingredienti e relative quantità percentuali, tutto sia in lingua originale che in lingua araba. Conclusa questa fase, la merce passa attraverso un controllo di sicurezza e qualità, che prevede un analisi in laboratorio di alcuni campioni selezionati, la quale e` regolata standard decretati dall Egyptian Organisation for Standardisation and Quality (EOS). Procedure particolari sono riservate alla carne e insaccati: viene eseguito un controllo aggiuntivo svolto dalla General Organisation for Veterinary Services, il macello da cui provengono le carni deve possedere i requisiti di certificazione HALAL, e viene richiesto che il Paese di provenienza rilasci un documento che attesti che la carne sia libera da diossina 37. Come regola generale, i laboratori devono far pervenire i risultati del controllo non più tardi di 7 giorni dal momento della estrazione del campione, tranne che per cibi congelati, cibi in scatola, bottiglie d acqua e prodotti sottoposti a controlli per diossine, per i quali i tempi limite sono di 15 giorni. Tuttavia, i prodotti freschi deperibili possono essere smerciati anche prima che i laboratori comunichino tali risultati. Una volta ottenuta l autorizzazione doganale allo smercio, le compagnie di importazione vengono liberate da relativa responsabilità e i beni agroalimentari importati vengono spediti ai grandi centri di 32 Dal grado Direttore generale in poi 33 Legge Import-Export N.118/1975 denominata Import-Export Law with its Executive Regulations 34 Le ragioni per queste limitazioni sono correlate alla religione musulmana 35 Precise istruzioni si ritrovano nell annesso 3 del Primo Decreto Ministeriale No. 1186/ Giorno/mese/anno se il prodotto ha un periodo di scadenza compreso nei 6 mesi, solo mese/anno se tale periodo e` superiore 37 Oltre a quello procurato dalla UE 19

20 immagazzinamento di Alessandria e Cairo, per poi venire distribuiti dai corrieri locali ai grossisti e rivenditori al dettaglio in tutto il paese. Quello qui sopra riportato e` il percorso distributivo generale associato ai beni agroalimentari importati in Egitto; esso ben descrive l attività di quelli che possiamo chiamare importatori standard di beni di consumo, quali le imprese di import-export. Se invece differenziamo per importatori particolari, tale processo si semplicizza notevolmente. Partiamo col premettere che le società e i rivenditori operanti nel settore agroalimentare egiziano mirino ad escludere i vari intermediari, quali aziende di import e grossisti, in modo da tagliare i relativi costi di scambio e produrre un mark-up più competitivo. Innanzitutto osserviamo che le società locali che soddisfano i criteri descritti a inizio capitolo 38 importano direttamente i prodotti che gli servono. Esse sono quindi veri e propri importatori, e si sostituiscono a tutti gli effetti alle imprese di import-export nel processo descritto sopra, per infine rientrare in possesso dei prodotti importati una volta passati i controlli doganali. Anche le società straniere presenti nel settore e che hanno il 51% del capitale sociale detenuto da cittadini egiziani agiscono da importatori autorizzati, occupandosi direttamente della propria fase import. D altro canto, le imprese straniere che non sono controllate da residenti che rappresentano la regola e che operano nel B2C dell agroalimentare 39 solitamente scelgono di creare delle partnership con società egiziane di comodo, le quali fungono da intermediari da importazione. Si noti che i costi intermedi in un simile accordo sono molto inferiori a quelli che caratterizzano gli scambi nel percorso standard. Infine, le società straniere che non hanno punti vendita autorizzati e che trattano coi rivenditori al dettaglio procedono solitamente a instaurare un rapporto strategico di reciproco beneficio con questi ultimi. Le catene di supermercati si sostituiscono quindi alle imprese di import-export nel processo principale descritto sopra, trattando direttamente coi produttori stranieri e organizzando la propria fase di importazione in modo da disporre direttamente dei beni in arrivo appena questi superano i controlli doganali. Questo aumento del grado di integrazione verticale sta permettendo ai supermercati di sfruttare larghe economie di scala e di aumentare i propri profitti, che ultimamente sono stati ancor più enfatizzati dai cambiamenti delle abitudini di acquisto dei consumatori. Come già precedentemente accennato, una maggiore sensibilizzazione verso prerequisiti di sicurezza e qualità del cibo ha spinto e sta spingendo le famiglie egiziane a comprare beni agroalimentari nei supermercati e hyperstore invece che dai piccoli rivenditori. Oggi, le maggiori catene presenti in Egitto sono Spinneys, Carrefour, Seoudi e Majid al Futtaim, le cui vendite aggregate sono aumentate di circa il 15% solo nel Detto questo, e` necessario però anche tener conto del fatto che circa la metà della popolazione egiziana viva tutt ora in condizioni di povertà di cui un quarto in povertà estrema e che tale classe di reddito medio-bassa continuerà ad acquistare i beni agroalimentare dai piccoli rivenditori, mantenendone la presenza nel mercato. 38 e che sono quindi importatori autorizzati 39 e che sono autorizzate alla vendita diretta (sono registrate) 20

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione SELEX ACETI AROMATIZZATI - BALSAMICI - CONDIMENTI Crema Classica all'aceto Balsamico

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

La contraffazione alimentare

La contraffazione alimentare disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 1 La contraffazione alimentare Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 2 Le due tipologie

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 12 maggio 2014, n. G06917 "Deliberazione della Giunta Regionale del 14 gennaio 2011 n. 3". Procedura

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Autore: Felice Sansonetti Reperibile presso: Azienda Sanitaria dell Alto Adige Comprensorio Sanitario di Bolzano Servizio

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num :15.105

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num :15.105 Centro Agroalimentare Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1-00012 Guidonia-Montecelio (RM) Tel: 06.60.50.12.01 - Fax : 06.60.50.12.75 www.agroalimroma.it LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num :15.102

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num :15.102 Centro Agroalimentare Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1-00012 Guidonia-Montecelio (RM) Tel: 06.60.50.12.01 - Fax : 06.60.50.12.75 www.agroalimroma.it LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli