INDAGINE DI MERCATO SETTORE AGROALIMETARE EGIZIANO RIASSUNTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE DI MERCATO SETTORE AGROALIMETARE EGIZIANO RIASSUNTO"

Transcript

1 INDAGINE DI MERCATO SETTORE AGROALIMETARE EGIZIANO RIASSUNTO Il Cairo, agosto

2 Indice 1. NOTA METODOLOGICA INTRODUZIONE DESCRIZIONE DEL SETTORE AGROALIMENTARE EGIZIANO Nota sull interscambio commerciale tra Egitto e Italia nel settore agroalimentare SEGMENTAZIONE DEL MERCATO SETTORE AGRICOLO Cereali, Frutta e Verdura Allevamento Pesca INDUSTRIA DEL CIBO Industria lattiero-casearia Industria della carne Industria conserviera e dei prodotti in scatola Industria degli oli e grassi vegetali e animali Industria della macinatura e dei prodotti del grano Industria dello zucchero Industria di pane, pasta e dolciumi DIMENSIONE DEL MERCATO AGROALIMENTARE IN EGITTO ANALISI DEI CONSUMATORI PERCORSO DEI BENI AGROALIMENTARI IMPORTATI E CANALI DI DISTRIBUZIONE ANALISI DELLE CINQUE FORZE ANALISI SWOT CONCLUSIONI

3 1. NOTA METODOLOGICA L obbiettivo principale della seguente analisi del settore agro-alimentare egiziano e` di presentare una nota chiara e esaustiva dello stesso enfatizzando le relative opportunità di entrata per le aziende italiane che progettano di penetrare direttamente tale mercato esportandovi i propri prodotti. Prima di procedere a introdurre il mercato agro-alimentare egiziano, e` necessario porre chiarezza sulle definizioni e terminologia adottate in tale campo alle quali si farà costante riferimento in questo documento, in modo da poter fornire un punto di vista chiaro e imparziale che non sia influenzato dalle comuni misinterpretazioni esistenti in materia. Col termine settore/mercato agroalimentare si fa riferimento all insieme di attività orientate alla produzione, trasformazione e distribuzione di prodotti alimentari. Altre classificazioni quali settore agricolo e agribusiness (più specifica) - adottate in precedenti lavori di ricerca dai quali si e` tratto spunto -, possono essere e verranno considerate quali sinonimi di tale termine, fatta eccezione per settore primario dell economia, in quanto facendo quest ultimo riferimento, oltre che alle attività relative all agricoltura, allevamento e pesca, anche al prodotto delle foreste e all estrazione di materiali dal sottosuolo, quali gas e petrolio. Con il termine agricoltura ci riferiamo all agricoltura nel senso stretto del termine, all allevamento e alla pesca. E` inoltre importante precisare che i termini settore e mercato verranno adottati come sinonimi e saranno utilizzati per riferirsi al generale settore agroalimentare, mentre i vari sub-mercati, come ad esempio pesca, industria alimentare o industria delle bevande, verranno descritti usando il termine segmenti. Quando poi si porranno osservazioni su sottoinsiemi dei così definiti segmenti, allora verrà adottata la classificazione sub-segmenti. Si noti inoltre che questa ricerca di mercato tralascerà lo studio dei segmenti della carne di maiale e delle bevande alcoliche, in quanto essi rappresentano argomenti a parte la cui descrizione esula dallo scopo finale dell intera analisi. Si precisa infine che questa analisi di mercato farà principalmente riferimento ai dati forniti dall istituto di ricerca egiziano Capmas 1. I dati sono espressi tutti in Miliardi di dollari, con un cambio EGP-Dollaro dello 0, INTRODUZIONE 1 Che sono fino al 2013 per l import-export mentre risalgono al massimo al 2011 per tutto il resto 3

4 Lo schema organizzativo attraverso il quale si e` deciso di sviluppare questa ricerca e` stato scelto al fine di fornire una descrizione sintetica ma completa del mercato agroalimentare egiziano, che lo contestualizzi sia da un punto di vista delle dinamiche interne al Paese che in prospettiva internazionale, con una particolare attenzione alle possibilità di entrata per le imprese italiane. Seguendo tale linee guida, il primo capitolo d analisi propone una panoramica generale del settore, dalla quale risulta l importante ruolo che lo stesso occupa nell economia nazionale, a cui contribuisce per ben il 12,28% (quota sul PIL), e nei rapporti commerciale con il resto del mondo. Viene quindi evidenziato come l Egitto detenga il primato mondiale per quantità annue di grano importate, circostanza che comporta un deficit considerevole di bilancia commerciale per i beni agroalimentari. Viene poi presentata una nota sugli scambi commerciali tra Egitto e Italia, con una attenzione particolare alle importazioni. La maggiore componente di tale interscambio nel 2013 era la frutta commestibile, che l Egitto importa specialmente per motivi di differenziazione dell offerta e non strutturali. Sebbene i volumi di importazioni dall Italia per categorie di prodotti commerciati si siano ridotti nel 2013, il che e` principalmente dovuto alla instabilità sociopolitica che ha caratterizzato l Egitto in quell anno, i relativi tassi di crescita medi dal 2011 sono stati tutti positivi. Ciò dimostra come, in generale, il commercio di tali beni abbia essenzialmente resistito alle conseguenze negative della Primavera araba. Lo studio passa poi a definire la segmentazione di mercato, che e` uno strumento d analisi fondamentale che permette di orientarsi nel settore e comprendere le dinamiche dello stesso. L agroalimentare egiziano e` considerato come l insieme dei due segmenti aggregati definiti quali agricoltura, che identifica frutta,ortaggi, allevamento e pesca, e industria del cibo, che riguarda il settore della lavorazione dei beni alimentari. Il primo occupa un ruolo considerevolmente maggiore del secondo nell economia del Paese, con rispettive quote percentuali sul PIL pari a 11,33% e 0,95% 2. L analisi dei singoli segmenti e sub-segmenti ha poi dimostrato come la crescita che ha caratterizzato il settore agroalimentare egiziano dal 2009 al 2011 sia stata condivisa da tutte le proprie componenti, coi contributi più significativi dati dai settori dell agricoltura e industrie lattierocasearie, di dolciumi, della macinatura e dello zucchero 3. L individuazione e studio delle componenti ha fornito gli strumenti per definire la dimensione e andamento del settore agroalimentare egiziano quale aggregato, il cui valore totale e aggiunto nel 2011 ammontavano rispettivamente a 45,5 e 28,98 Miliardi dollari, con una quota complessiva sul PIL del 12,28% e un tasso di crescita medio dal 2009 al 2011, sia semplice che composto, del 12%. Si e` poi proseguito con l analisi dei consumatori, che considera una categorizzazione base per fasce di reddito della popolazione egiziana, dividendo per classi medio-bassa e medio-alta. 2 Per evitare confusione correlata a scambi tra i due settori aggregati, prodotti intermedi e via dicendo, e avere una idea chiara della dimensione di agricoltura e industria del cibo, si considerano le quote di partecipazione sul PIL, che sono state calcolate usando i relativi valori aggiunti, i quali ammontano rispettivamente a 26,74 e 2,24 Miliardi di dollari. I rispettivi valori della produzione in entrambi i settori sono di 37,44 e 8 Miliardi di dollari 3 In Egitto, questi ultimi due mercati vengono complessivamente monopolizzati dallo Stato si vedano tutte le relative osservazioni poste durante l intera ricerca e nelle conclusioni 4

5 Quest ultima viene individuata come il target di mercato per le imprese estere che esportano in Egitto prodotti agroalimentari di qualità. Si osserva che il potere contrattuale di questo gruppo di consumatori, in relazione a tale categoria di beni, risulta essere meno accentuato dei relativi valori che solitamente caratterizzano il rapporto offerta-domanda nel settore, i quali si dimostrano invece essere assai elevati. I consumatori della classe medio-alta sono oggi disposti a pagare prezzi più alti in cambio di maggiore qualità. Si passa poi a concludere l analisi della catena del valore, partendo da uno studio delle maggiori imprese presenti nel settore agroalimentare egiziano per poi considerare descrizione dei canali distributivi, con un attenzione particolare ai percorsi di arrivo e smercio dei beni importati. Si propone inoltre una nota sulle catene di supermercati, il cui sviluppo ha permesso di semplificare i processi distributivi e aumentare l offerta dei beni esteri nel mercato locale. Infine, l analisi delle 5 forze e SWOT chiudono la ricerca e permettono di trarre le conclusioni dello studio di settore, specialmente dal punto di vista delle imprese italiane che pianificano relative strategie di entrata. Per riassumere, la ricerca mostra come gli aspetti negativi, quali un concreto rischio valuta e un lento sviluppo dovuto alle condizioni di estrema povertà in cui oggi vive più di un quarto della popolazione egiziana, vengano più che compensati dalle caratteristiche e trend positivi. La neo raggiunta stabilità politica, la riacquistata fiducia dei consumatori della classe medio-alta che spinge la domanda per prodotti alimentari esteri di qualità, la contenuta forza contrattuale dei consumatori di tale gruppo, la validità della PPA per tale categoria di beni, gli andamenti positivi in tutti i segmenti e subsegmenti di settore, l affermarsi delle catene di supermercati, il lontano punto di saturazione del mercato, sono infatti quei fattori che contribuiscono a rendere il settore agroalimentare egiziano particolarmente attraente per le imprese italiane entranti. 3. DESCRIZIONE DEL SETTORE AGROALIMENTARE EGIZIANO In un paragone coi mercati agroalimentari dei vari Paesi del nord Africa e della regione araba, il settore agroalimentare egiziano può essere definito quale uno dei maggiori in assoluto. Nel 2011, esso ha contribuito al 12,28% del Prodotto Interno Lordo (PIL) del Paese, coinvolgendo circa il 34% della forza lavoro nazionale. I maggiori beni alimentari prodotti in Egitto sono riso, grano, granturco, fagioli, olive, frutta e verdura in generale, formaggio, zucchero, dolciumi e vari prodotti della macinatura; rappresentano inoltre importanza rilevante nel settore primario gli allevamenti di bovini, bufali d acqua, pecore e capre. L Egitto, situato in un area assai arida, desertica e secca dell Africa settentrionale, dove le precipitazioni sono rarissime e le sorgenti d acqua scarseggiano, e` stato capace di raggiungere i livelli di produzione agricola che tutt oggi lo caratterizzano grazie allo sviluppo di estesi sistemi di irrigazione opere pubbliche di dimensioni notevoli che il Paese intraprende ormai da più di vent anni. Questa rete idrica ha permesso all Egitto di disporre di circa 3,5 milioni di ettari di terra 5

6 arabile 4, la quale si concentra principalmente nelle zone limitrofe al fiume Nilo e che viene quasi completamente gestita da pochi proprietari privati. Oggi, nonostante le condizioni climatiche favorevoli permettano all Egitto di produrre beni agricoli durante tutto l arco dell anno e di esportare tali beni in tutta Europa, il Paese rimane ancora un importatore netto di beni alimentari 5 : nel corso del 2013, relativamente alla filiera agroalimentare, il Paese ha registrato esportazioni e importazioni per rispettivamente 6 e 14 miliardi di dollari USA. Le sostenute importazioni di prodotti agroalimentari sono sempre state una componente strutturale della bilancia commerciale egiziana. Tale dipendenza dal mercato estero e` una diretta conseguenza sia dell incapacità del Paese a far fronte a una sempre crescente domanda nazionale esso importa circa il 55% del proprio fabbisogno annuale di cibo che delle particolari abitudini alimentari della popolazione, le quali, essendo caratterizzate da alti consumi di prodotti derivati dal frumento, contribuiscono a fare dell Egitto il più grande importatore al mondo di grano 6. Le maggiori importazioni del Paese nel settore agroalimentare nel 2013 sono riassunte nella seguente tabella: Bene Importato Valore (Mld $) Quota sulle importazioni Tot Grano (cereali) 4,92 7,41% Grassi e oli vegetali e animali 1,63 2,45% Semi oleosi 1,36 2,05% Carne rossa 1,25 1,88% Prodotti caseari e uova 0,81 1,22% Caffe`, Te` e spezie 0,52 0,84% Zucchero 0,51 0,77% Dati Capmas 2013, Valori in Miliardi di Dollari, tasso di cambio EGP-Dollaro dello 0,14 I Paesi di provenienza sono alquanto vari, divisi tra Africa e Medio Oriente, Unione Europea e Stati Uniti. Le esportazioni nella filiera agroalimentare sono principalmente dirette verso Paesi arabi, quali Arabia Saudita, Libia e Sudan, e Unione Europea. E` possibile affermare che, in riferimento ai volumi di interscambio commerciale di beni agroalimentari tra Egitto e resto del mondo, le importazioni superano di gran lunga le esportazioni, e il bene principale che contribuisce a definire tale deficit quale caratteristica strutturale della bilancia commerciale di settore e` il grano. Inoltre, si nota come l Egitto importi e esporti anche beni alimentari della stessa categoria, e ciò sta a significare che i motivi che spingono il Paese a sostenere la relative importazioni non sono strutturali 7 ma bensì di guadagno, sia da un punto di vista 4 Che in ogni caso rimane approssimativamente solo il 3,5% della superficie totale del Paese; questo dato fa comprendere la tipologia del territorio, caratterizzato da un estesa desertificazione 5 Cioè che presenta una bilancia commerciale in deficit per i beni agroalimentari 6 Secondo i dati FAO, nel 2011 l Italia occupava il quarto posto 7 Correlati alla dipendenza del Paese dall estero per i beni considerati 6

7 qualitativo, e cioè relativi al poter disporre di una maggiore diversità i prodotti, che prettamente capitalistico. 3.1 Nota sull interscambio commerciale tra Egitto e Italia nel settore agroalimentare In generale, L Egitto e l Italia sono stati da sempre attivi partner commerciali. Nelle classifiche di totale interscambio commerciale dell Egitto verso il resto del mondo, l Italia occupa il terzo posto in assoluto (dati 2013), con un valore complessivo pari a 6,44 Miliardi di dollari USA e una quota totale del 6,8%. Differenziando per esportazioni e importazioni, l Italia e` il primo Paese di destinazione al mondo dei prodotti egiziani, con un relativo valore pari a circa 2,8 Miliardi di dollari (quota sulle esportazioni totali: 10,05%), ed il quarto da cui l Egitto importa, per un valore merce di pressappoco 3,64 Miliardi di dollari (quota sulle importazioni totali: 5,53%). Andiamo ora ad analizzare gli scambi commerciali tra i due Paesi per il settore agroalimentare. Le relative esportazioni totali dell Egitto verso l Italia nel 2013 ammontano a 62,23 Milioni di dollari (la relativa quota sulle esportazioni dell Egitto verso l Italia e` del 2,22%). Esse riguardano principalmente bevande, superalcolici e aceto, e frutta commestibile e noci (valori rispettivi di 21,3 e 17 Milioni di dollari); in quantità minori troviamo poi zucchero, preparati di frutta e verdura, pesci, e altri prodotti di origine animale (valori rispettivi di 7,7, 6,58, 5,74, e 1,68 Milioni di dollari), con il resto dei beni alimentari a seguire e rispettivi valori che non superano il Milione di dollari. Le importazioni dall Italia per il settore agroalimentare per il 2013 ammontano a 76,75 Milioni di dollari (quota sulle importazioni dall Italia: 2,1%). Al fine di comprendere meglio questo numero, vengono di seguito riportati i relativi andamenti per gli ultimi 3 anni: Tot. Importazioni dall Italia Settore Agroalimentare (Mln $) (Mln $) (Mln $) 94,56 129,82 76,75 Tasso di crescita annuale +120% 8 +37% -41% Dati Capmas, Valori in Milioni di Dollari, tasso di cambio EGP-Dollaro dello 0,14 Come si può notare, le importazioni dall Italia di beni agroalimentari sono aumentate moltissimo nel 2011 e 2012, per poi subire un brusca diminuzione nel Questo risultato negativo e` in relativa contraddizione con il generale andamento delle importazioni complessive dallo Stivale degli ultimi due anni, il quale e` rimasto comunque in crescita (si e` passati da un totale di 3,36 Miliardi di dollari nel 2012 a un totale di 3,64 Miliardi di dollari nel 2013, con un tasso di crescita percentuale positivo dello 0,8%). Una possibile spiegazione e` la seguente. Gli squilibri socio-politici che hanno caratterizzato il Paese durante l ultimo anno potrebbero aver influito maggiormente sulle importazioni del settore agroalimentare che su quelle relative agli altri beni importati dall Italia in quanto i primi si differenzino particolarmente per caratteristiche qualitative. La frutta e verdura che l Egitto importa 8 Basato sul valore del 2010, cioè 42,96 Milioni di dollari 7

8 dall Italia - componente che ha fatto la differenza tra il 2012 e ha un costo maggiore di quella che il Paese produce internamente. Detto ciò, e` normale che in un momento di crisi le importazioni di prodotti non essenziali si riducano mentre quelle strutturali rimangano tali. Un risultato che e` invece in linea con gli andamenti generali e` il deficit di bilancia commerciale che l Egitto registra nei confronti dell Italia nel settore agroalimentare 9, che nel 2013 ha raggiunto i 14,26 Milioni di dollari. La tabella sottostante riporta i valori per le principali classificazioni di merce (2013): Categoria Prodotto Importato dall Italia Valore (Mln $) Frutta commestibile 32,62 Prodotti della macinatura, amido e malto industriale 16,94 Cacao 6,02 Preparati di farina di cereali o amido 4,76 Caffe`, Te` e spezie 3,22 Preparati di frutta e verdura 2,80 Bevande, superalcolici e aceto 2,52 Dati Capmas 2013, Valori in Milioni di Dollari, tasso di cambio EGP-Dollaro dello 0,14 Questi dati, oltre ad evidenziare le categorie di prodotti di settore importati nel periodo di riferimento, mostrano come la frutta commestibile 10 e i prodotti della macinatura, amido e malto industriale corrispondano a quasi il 70% delle importazioni agroalimentari totali dall Italia per il Sempre al fine di comprendere al meglio le cifre più recenti riportate qui sopra, di seguito viene proposta una tabella che descrive gli andamenti negli ultimi tre anni delle principali categorie di importazioni dall Italia nel mercato agroalimentare: Categoria 2011 (Mln $) 2012 (Mln $) 2013 (Mln $) Tasso di crescita medio Frutta commestibile 49,56 73,64 32, % -56% Prodotti della macinatura 18,62 21,84 16,94 +31% -22% Cacao 5,72 6,72 6,02 +9% -10% Altri prodotti di origine animale 5,74 4,34 0,84-29% -81% Preparati di farina di cereali o amido 2,66 3,78 4,76 +35% +26% Tasso di crescita 2013 Dati Capmas 2013, Valori in Milioni di Dollari, tasso di cambio EGP-Dollaro dello 0,14 Come si può notare dai tassi di crescita medi, negli ultimi 3 anni le importazioni dall Italia dei principali beni agroalimentari sono mediamente aumentate, tranne quelle relative al gruppo altri prodotti di origine animale. 9 l Egitto importa dall Italia più beni di quanti ve ne esporti 10 Questo gruppo di beni alimentari e` caratterizzato da un attivo interscambio tra I due Paesi, il che indica che l Egitto importa dall Italia frutta fresca mediterranea mentre quest ultima importa dal primo frutta non coltivabile in Europa, quale frutta esotica. 8

9 Inoltre, i valori negativi dei tassi di crescita per il 2013 associati alle principali categorie di beni agricoli riportati in tabella 11 mettono nuovamente in risalto e specificano il considerevole calo delle importazioni agroalimentari dall Italia registrato durante l ultimo anno. Si noti infine che la controtendenza dei preparati di farina e amido combacia con quanto detto poco fa sull incorrelazione tra andamento di tali categorie di beni e rischio Paese. Questo tasso positivo e` in linea con il principio secondo cui una crisi socio-politica come quella che si e` verificata in Egitto influisca in maniera negativa esclusivamente sulle importazioni dei prodotti di maggior qualità, come quelle che riguardano i principali scambi con l Italia nel settore agroalimentare, mentre lasci inalterati l andamento degli import di beni essenziali, come tali preparati di farina SEGMENTAZIONE DEL MERCATO I segmenti del mercato agroalimentare egiziano verranno di seguito raggruppati nelle due categorie principali Agricoltura 13 e Industria del cibo. Per ogni segmento verranno poi riportati i dati specifici per i sub-segmenti di maggior interesse nell ambito di questa analisi di ricerca, che e` diretta ad imprese italiane che considerano di penetrare il mercato SETTORE AGRICOLO Valore totale (2011): 37,44 Miliardi di dollari 15 Valore Aggiunto (2011): 26,74 Miliardi di dollari Quota sul PIL (2011): 11,33% Cereali, Frutta e Verdura Il valore della produzione totale egiziana di cereali, frutta e verdura per il 2011 ammonta a circa 22,54 Miliardi di dollari, con valori relativi di rispettivamente 14,84, 3,5 e 4,2 Miliardi. Il tasso percentuale di crescita medio di tale segmento, riferendosi agli anni 2009, 2010 e 2011, e` stato del 14% (dati Capmas). Le maggiori tipologie di frutta raccolta sono mango, fichi, datteri, pere, mele, arance, fragole, albicocche, pesche, pompelmi, ananas, limoni, angurie e uva. 11 la componente che ha influito maggiormente e` stato un calo del 56% nelle importazioni di frutta commestibile 12 che, sebbene importati dall Italia, non si differenziano per particolari caratteristiche qualitative o per prezzi significativamente maggiori di quelli interni egiziani 13 Intesa come senso generale del termine 14 Sempre seguendo lo scopo di tale analisi, si e` scelto di non considerare il settore delle bevande, acqua in bottiglia e alcolici, mentre le bevande derivate dalla frutta e succhi verranno inclusi nel segmento Industria conserviera e dei prodotti in scatola 15 Se si sommano le cifre relative ai 3 segmenti che compongono tale settore, si ottiene un valore totale di 63,4 Miliardi di dollari c e` un errore di un miliardo dovuto all approssimazione 9

10 Gli agrumi sono la varietà prevalente: ad essi e` dedicata la maggior parte dei terreni destinati alla frutta e sono il frutto più prodotto in assoluto, al quale vengono inoltre associate le maggiori opportunità di esportazione. Per quanto riguarda il 2014, e` infatti probabile che l Egitto mantenga la sua posizione di secondo esportatore al mondo di arance e sesto Paese in assoluto per produzione delle stesse. Inoltre, il consumo domestico, che riguarda arance fresche per il 63% e succo di arancia per il resto, dovrebbe aumentare di circa l 1%. Come già sottolineato nella nota sull import-export tra Egitto e Italia nel settore agroalimentare, la componente principale delle relative importazioni e` la frutta commestibile. Un esempio di prodotto italiano presente nel mercato egiziano in questo segmento sono le mele della Val Venosta. Le principali verdure che l Egitto produce sono pomodori (1,68 Miliardi), patate e patate dolci (0,1 Miliardi), zucchine (0,7 Miliardi), cetrioli (0,3 Miliardi) 16, carciofi, fagiolini, piselli, lenticchie e fagioli Allevamento Il segmento Allevamento, per come viene definito in questa ricerca, comprende carne rossa, latte, carne bianca e uova. Il valore totale di tale segmento nel 2011 ammontava a 11,34 Miliardi di dollari, e in particolare da carne rossa per 4,9 Miliardi, latte per 3, 22 Miliardi, carne bianca per 2, 38 Miliardi e uova per 0,84 Miliardi. Il tasso percentuale di crescita medio del segmento per gli anni 2009, 2010 e 2011 e` stato del 13%. In Egitto, l allevamento di animali e` quasi interamente finalizzato alla produzione di prodotti caseari, mentre la produzione di carne di manzo continua a occupare un ruolo secondario questo fatto e` prevalentemente dovuto ai bassi livelli di riproduzione del bestiame. In generale, il segmento dell allevamento rimane significativamente dipendente dalle importazioni di ingredienti per il foraggio 17, che raggiungono il 60% del totale fabbisogno interno. Durante il 2012, si e` assistito a un calo del consumo nazionale dei prodotti derivanti dall allevamento, le cui cause vengono identificate principalmente nell incertezza politica e stagnazione economica che ha caratterizzato il Paese in quel periodo. Per di più, a causa dell elevato rischio Paese e del ritiro di importanti capitali da parte di investitori stranieri, i canali di finanziamento per gli importatori egiziani si sono sensibilmente ridotti. Sempre riferendosi al segmento dell allevamento e della carne, e` possibile affermare come le abitudini alimentari dei consumatori siano considerevolmente cambiate, specialmente nell ultimo periodo. Le malattie epidemiche dei bovini di cui si e` detto hanno comportato uno spostamento di preferenza dalla carne di manzo verso la carne bianca e pesce. Tuttavia, e` però probabile che la neo-raggiunta stabilità politica possa ridare fiducia ai consumatori e che la ripristinata domanda di carne rossa possa spingere i prezzi al rialzo, comportando a sua volta una maggior propensione verso l acquisto di carne congelata. 16 I valori in parentesi si riferiscono al Nonostante molti terreni vengano dedicati alle colture di Berseem, come menzionato a inizio ricerca; la causa e` la richiesta differenziazione per gli elementi del foraggio 10

11 4.1.3 Pesca Il valore totale di questo segmento, e quindi di quella che possiamo chiamare produzione di pesce in Egitto, ammontava a 2,52 Milioni di dollari nel Il tasso percentuale di crescita medio del segmento dal 2009 al 2011 e` stato attorno al 15%. Il segmento egiziano della pesca e` caratterizzato da alti consumi interni, essendo ivi il pesce la risorsa disponibile di proteine animali meno cara in assoluto. Nonostante l importanza attribuitavi e la presenza di cospicue quantità di acque territoriali di cui l Egitto dispone, il Paese non riesce a coprire la propria domanda interna e importa pesci per un valore pari a circa il 13% della produzione nazionale. Per far fronte a questa ulteriore fattore di dipendenza dall estero, l Egitto ha recentemente investito per aumentare il numero di punti vendita del pesce e nello sviluppo di tecnologie di allevamento, essendo così in grado di aumentare sensibilmente la propria produzione ad acquacolture. 4.2 INDUSTRIA DEL CIBO Valore produzione (2011): 8 Miliardi di dollari Valore aggiunto (2011): 2,24 Miliardi di dollari Quota sul PIL (2011): 0,95% Industria lattiero-casearia Considerando mercato egiziano, il segmento industria lattiero-casearia si riferisce alla produzione e vendita di prodotti quali latte pastorizzato e in polvere, panna, altri tipi di latte, yogurt, burro, margarina, formaggio bianco fresco, formaggio precotto, Rjkovrd, Cheddar e Rumi, gelato, e altri prodotti che derivano dal latte. Il valore complessivo del segmento ammontava a 1 Miliardo di dollari nel Riferendosi agli anni 2009, 2010 e 2011, Il tasso di crescita medio del segmento e` stato del 21% 18. Con un valore pari a circa l 11% della totale industria del cibo, il settore lattiero-caseario occupa un ruolo importante nella lavorazione dei prodotti alimentari in Egitto. Il segmento ha significatività rilevante anche su un piano continentale, corrispondendo il suo valore complessivo al 16% del mercato lattiero-caseario aggregato dell Africa e del Medio Oriente. Nonostante gli alti livelli di produzione, anche il segmento dell industria lattiero-casearia e` caratterizzato da un deficit negativo tra offerta e domanda interna, che e` tra l altro previsto rimanere stabile almeno fino al 2017 (BMI 2010). 18 Il segmento e` stato sempre in crescita, ma a livelli decrescenti nel tempo: I tassi del 2009, 2010 e 2011 ammontano rispettivamente a 25%, 20% e 19% 11

12 Il sub-segmento del latte lavorato resta quello caratterizzato da crescite maggiori, con un tasso di crescita del 26% e un valore totale pari a 0,2 Miliardi di dollari (dati 2012). Nel 2012, Juhayna Food Industries, leader del sub-segmento, ha aumentato ancora la propria quota di mercato, raggiungendo il 47% del totale delle vendite in tale settore (Euromonitor 2012). Il sub-segmento del formaggio e` il maggiore per volumi di vendite, che e` pari al 39% del totale dell industria lattiero-casearia 19. Il tasso di crescita registrato nel 2012 e` stato del 15%. L aumento del prezzo del latte come materia prima ha conseguentemente influenzato anche quello dei formaggi, che e` cresciuto di circa il 6% (2012). Il sub-segmento dello yogurt può essere classificato quale il più dinamico dell industria lattierocasearia. In riferimento a quest ultimo, la quota occupata da tale settore e` cresciuta di più di 6 punti percentuali dal 2010, raggiungendo un valore relativo pari al 20% del totale. Il tipico yogurt sfuso egiziano e` il prodotto più popolare, e le sue caratteristiche qualitative e prezzi relativamente abbordabili fanno grande concorrenza allo yogurt confezionato. Il valore delle vendite di yogurt e` aumentato del 23% nel 2012, anch esso spinto dall inflazione che ha caratterizzato il latte quale materia prima. Il segmento dell industria lattiero-casearia in Egitto sta attraversando un momento di grande innovazione. I maggiori cambiamenti riguardano le norme che regolano la produzione, il commercio, standard di igiene, immagazzinamento e trasporto, la tecnologia applicata all industria, le abitudini dei consumatori, l evoluzione nelle strategie di transizione delle imprese del settore e i canali distributivi 20. In questo periodo di transizione, anche se le barriere all ingresso per le PMI dovrebbero essere ridotte, le compagnie che perdurano nel mercato rimangono quelle che hanno la capienza e caratteristiche di produzione per rivolgersi al consumo di massa Industria della carne 21 L industria della carne comprende la preparazione di carne rossa e bianca congelata, hamburger, altri preparati di carne e preparati di pollo. Il valore totale di tale segmento nel 2011 ammontava a 0,35 Miliardi di dollari. Dopo un forte calo di 30 punti percentuali registrato nel 2009, il segmento si e` gradualmente ripreso, arrivando ad un tasso di crescita medio del 13,5% per 2010 e Come già accennato 22, si presume che una spinta della domanda per la carne fresca comporterà un aumento dei prezzi della stessa. Tale rincaro, a sua volta, potrebbe influire sulle abitudini dei consumatori, i quali, per risparmiare, diventerebbero più propensi ad acquistare carne congelata. Inoltre, e` stato documentato come le famiglie egiziane siano oggi più orientate verso la preparazione di cibi semplici che non richiedano troppo tempo e sforzi per essere cucinati. Questo 19 Il latte lavorato corrisponde solo al 28,4% 20 Attualmente, il maggiore canale distributivo del segmento e` composto da punti di vendita indipendenti, che sono il 55% dei totali presenti nel mercato. Nei prossimi anni ci si sposterà verso una distribuzione da supermercato 21 La carne in scatola viene considerata nel segmento dell industria conserviera 22 Si veda il segmento allevamento 12

13 fatto va a vantaggio dei consumi di carne congelata, la quale offre quella facilità di cottura e disponibilità immediata che la carne fresca non può dare. Con queste premesse, al segmento dell industria della carne vengono oggi associate rilevanti opportunità di crescita 23. I leader del sub-segmento della carne congelata sono Halwani Bros e Egyptian Advanced Food, con quote di mercato che ammontano rispettivamente al 45% e 29%. Halwani basa la sua leadership su solida presenza nel mercato e qualità del cibo, mentre l Egyptian Advanced Food, o più in particolare il brand di proprietà Faragello, riesce a mantenere una presenza anche in altre aree del settore del cibo confezionato grazie a sviluppate strategie di differenziazione Industria conserviera e dei prodotti in scatola Questo segmento e` definito quale aggregato di industria conserviera, che riguarda la trasformazione e conservazione dei prodotti ortofrutticoli, e quella dei prodotti in scatola. L industria conserviera egiziana include verdure congelate, aglio e cipolla in polvere, altri ortaggi secchi, patate fritte (anche semi-congelate), sottaceti, pelati e salse di pomodoro, conserve di legumi, succhi di frutta (e verdura), succhi di frutta industriali (sorbetto) e artificiali, frutta congelata, marmellata, conserve di arachidi, datteri, altre conserve di nocciole tostate, zuppe, salse e altri preparati, aceto, ketchup, mostarda e maionese. Il termine aggiuntivo prodotti in scatola fa sì che nel segmento rientri anche il pesce inscatolato, quale il tonno in scatola, che altrimenti non ne avrebbe potuto far parte, essendo di per sé escluso dall industria conserviera 24. Nel 2011, il valore totale del segmento ammontava a 0,77 Miliardi di dollari. Il tasso di crescita medio nel periodo e` stato lievemente positivo, pari all 1%. Questa timida crescita e` principalmente conseguenza dei tassi negativi che hanno caratterizzato il 2009 e il Nel 2011 il segmento si e` ripreso ed e` tornato ai livelli di vendita del 2008, registrando una solita crescita annuale del 12%, e nel 2012 e 2013 il trend ha continuato su questo passo. L instabilità socio-politica di quegli anni e l aumento dei prezzi e della disoccupazione hanno spinto i consumatori egiziani ad accumulare riserve di cibo e a comprare prodotti in scatola, in quanto meno cari dei beni freschi. I due leader del segmento dell industria conserviera e dei prodotti in scatola sono Songkla Canning e Americana, ciascuno dei quali possiede una quota di mercato del 24% (2013). Il punto di forza di Songkla Canning e` la linea del brand di proprietà Sunshine, che offre prodotti convenienti che vengono distribuiti sia dai supermercati che da piccoli punti vendita indipendenti. Americana basa il suo successo su solide caratteristiche qualitative e fiducia dei consumatori, ai quali l impresa e` stata in grado di far percepire il valore comunicato dei prodotti attraverso le proprie famose marche California Garden, Americana Olives, Lion Chips e Farm Frites. 23 anche se la crescita del segmento resta assai catalizzata dalla concorrenza con quello della carne fresca 24 Che, da definizione, riguarda solo beni ortofrutticoli 13

14 4.2.4 Industria degli oli e grassi vegetali e animali Il segmento dell industria degli oli e grassi vegetali e animali riguarda sia oli e grassi in quanto tali che semi oleosi. In Egitto, questo settore comprende olio di semi di girasole e di cotone (grezzosemiraffinato e raffinato), olio di semi di soia (raffinato e semiraffinato), olio d oliva raffinato, olio di semi di mais (grezzo, semi-raffinato e raffinato), olio di palma raffinato, olio di semi di lino raffinato, Tahini 25 bianco, grassi e oli vegetali idrogenati, e semi di soia, cotone, e lino. Il valore totale del segmento nel 2011 ammontava a 0,98 Miliardi di dollari. Dal 2009 al 2011, il segmento ha registrato un tasso di crescita medio del 15%, un trend positivo che e` stato significativamente catalizzato soprattutto dai risultati dell ultimo anno, durante il quale si e` registrato un aumento delle vendite del 38%. Nel 2013, l Egitto rimane il settimo Paese al mondo per volumi di importazioni di oli e grassi commestibili. Le quantità importate sono aumentate molto negli ultimi quindici anni anche grazie ad un forte sviluppo su piano nazionale dell industria di macinatura dei semi di soia. Oli e grassi sono sempre stati prodotti alquanto consumati in Egitto, dove il relativo consumo medio per persona supera notevolmente quella negli altri Paesi arabi. Attualmente, le abitudini alimentari dei consumatori si rivolgono maggiormente verso gli oli e grassi derivati da semi, che offrono prezzi più abbordabili se confrontati con prodotti di maggior qualità e complessivamente più sani quali l olio d oliva. Il leader del segmento della produzione di oli e grassi vegetali e animali e` Savola Sime Egypt Co, le cui vendite nel 2013 corrispondevano al 28% di quelle complessive del settore. Savola Sime Egypt possiede alcuni tra i migliori brand di oli vegetali e di semi, tra cui Slite e Afia. Il suo più grande concorrente di segmento e` Arma Food Industries, che, grazie a prodotti di alta qualità, prezzi competitivi e azzeccate campagne marketing, e` riuscita a raggiungere nel 2013 una quota di mercato del 18%. Accenniamo infine che, anche se in Egitto i consumi locali riguardano maggiormente oli di semi, il Paese ha grandi opportunità di sviluppo nel settore dell olio d oliva, principalmente dovute a una gran disponibilità di materia prima. L Egitto e` l ottavo Paese al mondo per produzione di olive e sono inoltre stati previsti degli investimenti pubblici e privati volti ad aumentare il terreno coltivato a ulivi nei prossimi anni. In ogni caso, L Egitto e` già un Paese produttore di olio d oliva di qualità, anche extra vergine Industria della macinatura e dei prodotti del grano L industria della macinatura e dei prodotti del grano si riferisce a tutti i beni derivati dal frumento tranne il pane e la pasta, che verranno inclusi nell ultimo segmento analizzato. In Egitto, questa industria comprende la produzione di farina di grano pregiata e non, farina di mais, farina di semola, farinaccio di grano, farinaccio di mais, fiocchi di mais, glucosio, fruttosio, amido, glutine, foraggio e foraggio concentrato, e pane croccante. 25 E` un impasto oleoso prodotto con semi di sesamo 14

15 Il valore totale del segmento nel 2011 ammontava a 1,95 Miliardi di dollari, il più grande dell industria del cibo. Nel periodo , il segmento ha registrato un tasso di crescita medio dell 8%, con un tasso annuo del 16% solo nel Lo Stato occupa un ruolo fondamentale in tale settore. In Egitto sono presenti 126 stabilimenti di macinazione del grano che vengono amministrati dal governo tramite 7 società pubbliche affiliate con la Food Industries Holding Company (FIHC). Il grano da essi macinato viene acquistato dalla General Authority for Supply Commodities (GASC) del Cairo. La maggior parte della farina prodotta in Egitto e` destinata alla preparazione del tipico pane egiziano Baladi e la commercializzazione della stessa viene interamente regolata dalla GASC. E` infine importante notare come almeno un terzo del pane Baladi prodotto venga destinato al foraggio degli animali, e ciò crea distorsione del concetto di uso razionale dei cereali nell industria e sprechi delle risorse pubbliche impiegate nei relativi sussidi. Uno dei maggiori gruppi privati che si occupa di macinatura del grano in Egitto e` la Five Star Flour Mills, 10% della quale e stata appena acquistata dalla società australiana GrainCorp, con un accordo di 10 Milioni di dollari (Luglio 2014) Industria dello zucchero Il segmento dell industria dello zucchero in Egitto comprende le seguenti classi di prodotto: zucchero di barbabietola raffinato, zucchero di canna puro e raffinato, e zucchero lavorato 26. Il valore totale del segmento nel 2011 era di 1,34 Miliardi di dollari. Il tasso di crescita medio che ha caratterizzato il segmento dal 2009 al 2011 e` stato del 25% 27 Il governo egiziano sta mirando a ridurre il deficit di importazioni del segmento finanziando un aumento della quantità di terreni destinati alle barbabietole da zucchero e investendo per accrescere la produttività di quelli già presenti, anche per quanto riguarda i campi coltivati a canne. Durante il 2012, il governo ha inoltre intrapreso delle campagne di sensibilizzazione volte a diminuire i consumi medi di zucchero per capita, che superano di molto la media degli altri Paesi. In Egitto, la lavorazione dello zucchero di canna e` monopolizzata dalla società pubblica Sugar and Integrated Industries Company (SIIC), che compra lo zucchero dai contadini e lo rivende ai fornitori autorizzati. La produzione di zucchero da barbabietola e` invece gestita da 5 imprese statali, a ciascuna delle quali viene affidata la distribuzione in diverse provincie. Per concludere, notiamo che nel breve termine i livelli di importazione di zucchero saranno destinati ad aumentare ancora, in quanto il ritorno degli investimenti del governo volti ad aumentare la produzione nazionale richiederà ancora un paio d anni per concretizzarsi. 26 Utilizzato per inzuccherare le gomme da masticare o per preparare la melassa 27 Esso e` risultato costante in tutti e tre gli anni del periodo considerato 15

16 4.2.7 Industria di pane, pasta e dolciumi In Egitto, il segmento dell industria di pane e simili, pasta e dolciumi comprende la preparazione di pane, pane Baladi, pane Fino, pane Shamy, pasta, pasta ripiena, pasta precotta e altri tipi di pasta, biscotti, torte, dolciumi orientali e stranieri, pasticcini, dolci secchi e essiccati, e altri dolci, polvere di cacao (senza e con aggiunta di dolcificanti), cioccolata, e Halvah 28. Il valore totale del segmento nel 2011 era di 0,83 Miliardi di dollari. Il tasso di crescita medio nel periodo e` stato del 4%, con una riduzione nelle vendite durante il 2009 del -25% e controbilanciata da un andamento positivo negli ultimi due anni con tassi rispettivi del 17 e 19 percento. Il sub segmento egiziano del pane e prodotti da panetteria e` caratterizzato da un forte potere contrattuale dei consumatori. Il pane e specialmente il pane Baladi e`stato da sempre un importante componente nell alimentazione degli egiziani, che riescono a mantenere il relativo prezzo a livelli molto bassi grazie ad una forte volontà popolare, la quale si manifesta nell astensione generale all acquisto o in grandi proteste di massa non appena il costo accenna a salire. Circa 50 milioni di egiziani mangiano il Baladi regolarmente, la domanda interna e` di circa 270 milioni di pagnotte al giorno ed esso viene acquistato a meno di un centesimo di dollaro a pagnotta. Il sussidio associato a tale bene costa al governo egiziano approssimativamente 3 Miliardi di dollari l anno. Il settore del pane include inoltre pane confezionato, il quale e` definito da un mercato con regole di domanda e offerta non così atipiche. Il leader del sub-segmento e`edita Food Industries SAE, che detiene una quota di mercato del 5%. Nonostante l instabilità politica che induce incertezza tra i consumatori, le vendite dei dolciumi e degli snacks hanno continuato a salire durante il Il tasso di crescita composto del sub segmento con riferimento all ultimo anno e` stato del 17%. Questo andamento positivo e` anche dovuto alle solide abitudini di alimentazione degli egiziani, che includono il consumo di molti prodotti dolci (specialmente durante il mese di Ramadan) 29. Chipsy for Food e` il leader indiscusso di questo sub segmento, con una quota di mercato del 53% (2013). Prima del 2013, il sub segmento della pasta era stato caratterizzato da livelli di crescita rilevanti: le abitudini di acquisto dei consumatori si erano spostate verso la pasta confezionata (invece che sfusa), principalmente a causa di una maggiore sensibilizzazione delle famiglie verso aspetti quali igiene e qualità. Questo trend positivo e` continuato nel 2013, ma per differenti cause. Le cattive condizioni climatiche globali e un indebolimento della valuta egiziana 30 hanno comportato una riduzione delle importazioni del grano, al quale a sua volta e` conseguita una riduzione dell offerta della pasta sfusa e un aumento degli acquisti di pasta impacchettata. Il leader del sub segmento della pasta e` al Farasha Co, che ha registrato una quota di mercato del 33% nel Dolce tipico egiziano 29 Inoltre la popolazione e` assai giovane, e gli adolescenti e bambini contribuiscono ad alzare il livello di consumo dei dolciumi 30 Verificatosi nonostante la riduzione delle riserve ufficiali della banca centrale egiziana 16

17 In futuro, e` possibile che il segmento della pasta perderà quote di mercato a favore di quello del pane: gli investimenti governativi si concentreranno maggiormente su quest ultimo 31, volendo lo Stato evitare che rivenditori non autorizzati sfruttino troppo i sussidi attualmente presenti sulla farina. 5. DIMENSIONE DEL MERCATO AGROALIMENTARE IN EGITTO Mercato Agroalimentare in Egitto = Settore Agricolo + Industria del Cibo Valore Totale (2011) = $37,4 M + $8 M = 45,5 Miliardi di dollari Tasso di crescita medio del mercato ( ) = 12% Tasso di crescita composto del mercato ( ) = 12% Valore Aggiunto (2011) = $26,74 M + $2,24 M = 28,98 Miliardi di dollari Percentuale del PIL (2011) = 12,28% 6. ANALISI DEI CONSUMATORI L Egitto ha una popolazione di 90 milioni di abitanti, caratterizzata da dei tassi di crescita annui stabili di circa il 2%. Il regolare aumento della popolazione continua a spingere la domanda interna di beni alimentari, che, superando in maniera rilevante la produzione nazionale, enfatizza a sua volta una crescita costante del deficit commerciale del Paese. Mentre l incremento demografico e` un elemento che accomuna tutta la popolazione egiziana, il reddito e` uno di quelli che la differenzia; infatti, fonti ufficiali riportano che, tutt oggi, 22 milioni di egiziani vivano in condizioni di estrema povertà. Facendo riferimento ad un raggruppamento semplificato per livelli di reddito, questa parte di popolazione viene solitamente identificata come componente della così chiamata classe medio-bassa, la quale comprende, inoltre, anche la metà più povera della classe media. Il secondo gruppo e` viceversa definito quale classe medio-alta, che include sia la parte più abbiente della classe media che la classe benestante. Facendo riferimento a tale classificazione, e` possibile trarre delle osservazioni chiare sulle abitudini alimentari della popolazione. L alimentazione di entrambi i gruppi ma specialmente quella della classe medio-bassa e` caratterizzata da alti consumi di pane (e di altri derivati della macinatura) e di zucchero e dolciumi vari. La grande popolarità di tali prodotti, unita ad una notevole forza contrattuale dei consumatori, contribuisce a fare dell Egitto il maggior Paese importatore di grano al mondo, e spiega inoltre la predominanza del settore pubblico nei segmenti della macinatura del frumento e della lavorazione dello zucchero. Come già accennato, al fine di evitare squilibri sociali, lo Stato egiziano ha intrapreso 31 Inteso come prodotto finito 17

18 e intraprende grandi campagne di spesa volte a monopolizzare questi mercati, imponendo una snaturalizzazione di domanda e offerta e riuscendo così ridurre la dinamicità dei prezzi. Entrambi i gruppi di reddito consumano inoltre grandi quantità di frutta, particolarmente sotto forma di succhi e prodotti simili. Quest aspetto spiega gli alti livelli registrati nei volumi delle importazioni di frutta commestibile dall Italia, la quale viene in ogni caso considerata più come una componente di differenziazione invece che un elemento strutturale della bilancia dei pagamenti del settore. Infine, un altro bene agroalimentare veramente popolare in entrambe le classi di reddito sono i prodotti lattiero-caseari locali. Quello che invece cambia dalla classe più povera a quella più ricca e` il grado di dinamicità di tali abitudini. Per quanto riguarda la classe medio-bassa, esse sono definite da una avversità al cambiamento. Le informazioni raccolte in questa ricerca indicano che, per il periodo a venire, tale classe continuerà a consumare principalmente beni locali, essenzialmente per ragioni correlate all estrema convenienza di prezzo possiamo affermare che in media i prodotti dell agricoltura egiziani costino la metà, se non meno, di quelli europei e alla forte cultura del cibo presente nel Paese. Le abitudini alimentari della classe medio-alta, invece, risultano essere più dinamiche. Oggi più che in passato, maggiore disponibilità economica e standard di vita più elevati stanno spingendo questi consumatori ad acquistare cibi di qualità. Tematiche quali sicurezza del cibo e tracciabilità di provenienza dei prodotti stanno guadagnando sempre più importanza e le abitudini d acquisto dei consumatori della classe medio-alta stanno cambiando a favore di prodotti con caratteristiche qualitative maggiori. Quest aspetto può essere classificato come la causa primaria della veloce espansione di catene di supermercati nel Paese: per le ragioni accennate e per fattori correlati alla comodità, la parte più benestante della popolazione preferisce oggi acquistare il cibo nei supermercati invece che dai piccoli rivenditori. Per riassumere, mentre la classe povera conserva le proprie abitudini alimentari (in parte in quanto obbligata), che comprendono essenzialmente cibi locali caratterizzati da prezzi molto bassi, la classe medio-alta della popolazione si sta dimostrando sempre più propensa all acquisto di beni alimentari più costosi e di maggiore qualità, sia locali che importati. Questa differenziazione e` in linea con gli aspetti generali che definiscono il progresso economico e sociale, che verificandosi velocemente crea disparità considerevoli, specialmente nella sua fase iniziale. Il cambiamento nelle abitudini alimentari della classe medio alta può essere visto dalle imprese italiane intenzionate ad entrare nel mercato agroalimentare egiziano come un importante aspetto positivo, che aumenta il grado di sostituibilità dei prodotti del settore a favore di beni stranieri con conosciute caratteristiche qualitative quali quelli italiani. 7. PERCORSO DEI BENI AGROALIMENTARI IMPORTATI E CANALI DI DISTRIBUZIONE Stiamo quindi considerando il rapporto commerciale tra attori economici stranieri che esportano in Egitto e importatori locali, sempre con riferimento al settore agroalimentare. La legge locale richiede che tutti gli importatori abbiano nazionalità egiziana. In più, un agente commerciale per poter essere legalmente in grado di importare beni dall estero deve aver risieduto in Egitto per 5 anni consecutivi, possedere una certificazione di una camera di 18

19 commercio locale o associazione professionale, non essere un impiegato pubblico o membro della People s Assembly, e non avere una relazione di parentela di primo grado con impiegati pubblici di gradi elevati 32 o facenti parte della People s Assembly. Nel caso in cui l attore commerciale in questione fosse una persona giuridica locale, sia il presidente che i membri del consiglio di amministrazione devono possedere la cittadinanza egiziana, e anche il capitale sociale deve essere detenuto al 100% da egiziani. Se si trattasse invece di una società straniera, basterebbe che il 51% del capitale fosse detenuto da soci egiziani. La legge egiziana afferma che gli attori economici autorizzati secondo i criteri appena descritti possono importare liberamente prodotti agroalimentari in Egitto senza limiti quantitativi 33, fatta eccezione per i prodotti a base di carne suina, per cui l import e` proibito, e per bevande alcoliche, su cui c e` un dazio del 3000% 34. I beni commerciati arrivano nei maggiori porti egiziani di Alessandria, Dekheila, Damietta, Port- Said, e Ain Sokhna. Qui avviene il processo di controllo doganale, gestito dal General Organization for Export and Import Control (GOEIC), che e` una sezione del Ministero dell Industria e del Commercio. Il primo step riguarda il controllo dei documenti che l impresa esportatrice deve allegare alla merce nell atto di spedirla, e cioè ricevuta di carico, fattura, certificato di licenza, permesso di consegna merce e procura per la consegna 35. Si passa poi alla fase di controllo visivo, che include l ispezione delle etichette e controlli generali di stato della merce. L etichetta deve riportare data di produzione 36 e scadenza, Paese di origine, nome o ragione sociale dell importatore egiziano, lista degli ingredienti e relative quantità percentuali, tutto sia in lingua originale che in lingua araba. Conclusa questa fase, la merce passa attraverso un controllo di sicurezza e qualità, che prevede un analisi in laboratorio di alcuni campioni selezionati, la quale e` regolata standard decretati dall Egyptian Organisation for Standardisation and Quality (EOS). Procedure particolari sono riservate alla carne e insaccati: viene eseguito un controllo aggiuntivo svolto dalla General Organisation for Veterinary Services, il macello da cui provengono le carni deve possedere i requisiti di certificazione HALAL, e viene richiesto che il Paese di provenienza rilasci un documento che attesti che la carne sia libera da diossina 37. Come regola generale, i laboratori devono far pervenire i risultati del controllo non più tardi di 7 giorni dal momento della estrazione del campione, tranne che per cibi congelati, cibi in scatola, bottiglie d acqua e prodotti sottoposti a controlli per diossine, per i quali i tempi limite sono di 15 giorni. Tuttavia, i prodotti freschi deperibili possono essere smerciati anche prima che i laboratori comunichino tali risultati. Una volta ottenuta l autorizzazione doganale allo smercio, le compagnie di importazione vengono liberate da relativa responsabilità e i beni agroalimentari importati vengono spediti ai grandi centri di 32 Dal grado Direttore generale in poi 33 Legge Import-Export N.118/1975 denominata Import-Export Law with its Executive Regulations 34 Le ragioni per queste limitazioni sono correlate alla religione musulmana 35 Precise istruzioni si ritrovano nell annesso 3 del Primo Decreto Ministeriale No. 1186/ Giorno/mese/anno se il prodotto ha un periodo di scadenza compreso nei 6 mesi, solo mese/anno se tale periodo e` superiore 37 Oltre a quello procurato dalla UE 19

20 immagazzinamento di Alessandria e Cairo, per poi venire distribuiti dai corrieri locali ai grossisti e rivenditori al dettaglio in tutto il paese. Quello qui sopra riportato e` il percorso distributivo generale associato ai beni agroalimentari importati in Egitto; esso ben descrive l attività di quelli che possiamo chiamare importatori standard di beni di consumo, quali le imprese di import-export. Se invece differenziamo per importatori particolari, tale processo si semplicizza notevolmente. Partiamo col premettere che le società e i rivenditori operanti nel settore agroalimentare egiziano mirino ad escludere i vari intermediari, quali aziende di import e grossisti, in modo da tagliare i relativi costi di scambio e produrre un mark-up più competitivo. Innanzitutto osserviamo che le società locali che soddisfano i criteri descritti a inizio capitolo 38 importano direttamente i prodotti che gli servono. Esse sono quindi veri e propri importatori, e si sostituiscono a tutti gli effetti alle imprese di import-export nel processo descritto sopra, per infine rientrare in possesso dei prodotti importati una volta passati i controlli doganali. Anche le società straniere presenti nel settore e che hanno il 51% del capitale sociale detenuto da cittadini egiziani agiscono da importatori autorizzati, occupandosi direttamente della propria fase import. D altro canto, le imprese straniere che non sono controllate da residenti che rappresentano la regola e che operano nel B2C dell agroalimentare 39 solitamente scelgono di creare delle partnership con società egiziane di comodo, le quali fungono da intermediari da importazione. Si noti che i costi intermedi in un simile accordo sono molto inferiori a quelli che caratterizzano gli scambi nel percorso standard. Infine, le società straniere che non hanno punti vendita autorizzati e che trattano coi rivenditori al dettaglio procedono solitamente a instaurare un rapporto strategico di reciproco beneficio con questi ultimi. Le catene di supermercati si sostituiscono quindi alle imprese di import-export nel processo principale descritto sopra, trattando direttamente coi produttori stranieri e organizzando la propria fase di importazione in modo da disporre direttamente dei beni in arrivo appena questi superano i controlli doganali. Questo aumento del grado di integrazione verticale sta permettendo ai supermercati di sfruttare larghe economie di scala e di aumentare i propri profitti, che ultimamente sono stati ancor più enfatizzati dai cambiamenti delle abitudini di acquisto dei consumatori. Come già precedentemente accennato, una maggiore sensibilizzazione verso prerequisiti di sicurezza e qualità del cibo ha spinto e sta spingendo le famiglie egiziane a comprare beni agroalimentari nei supermercati e hyperstore invece che dai piccoli rivenditori. Oggi, le maggiori catene presenti in Egitto sono Spinneys, Carrefour, Seoudi e Majid al Futtaim, le cui vendite aggregate sono aumentate di circa il 15% solo nel Detto questo, e` necessario però anche tener conto del fatto che circa la metà della popolazione egiziana viva tutt ora in condizioni di povertà di cui un quarto in povertà estrema e che tale classe di reddito medio-bassa continuerà ad acquistare i beni agroalimentare dai piccoli rivenditori, mantenendone la presenza nel mercato. 38 e che sono quindi importatori autorizzati 39 e che sono autorizzate alla vendita diretta (sono registrate) 20

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Tipo D.I.A. 01. 11. 10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01. 11.

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

Tabella 1 - ITALIA - Interscambio commerciale per il totale delle attività economiche 1 (mln di euro)

Tabella 1 - ITALIA - Interscambio commerciale per il totale delle attività economiche 1 (mln di euro) Sommario 1. Interscambio commerciale Italia - Federazione Russa 1 2. Interscambio commerciale agroalimentare Italia - Federazione Russa 3 3. I principali prodotti agroalimentari importati ed esportati

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

Attività C.1.1. Attività C.1.1

Attività C.1.1. Attività C.1.1 Attività C.1.1 Attività C.1.1 Realizzazione di una indagine sullo stato dell'arte sulla legge e l'attuazione di procedure di qualità in campo economico euro-mediterraneo. Progetto AgroMed Quality Parte

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

LA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO. Reggio Emilia, 25 febbraio 2015

LA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO. Reggio Emilia, 25 febbraio 2015 AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO Reggio Emilia, 25 febbraio 2015 Cos è la Borsa Merci Telematica Italiana È il mercato telematico regolamentato dei prodotti agricoli, agroenergetici, agroalimentari,

Dettagli

Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale. CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013

Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale. CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013 FARE BUSINESS CON IL CANADA Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale AMBASCIATA DEL CANADA CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013 Agenda Ambasciata del Canada in Italia Perché il Canada Rapporti commerciali Canada

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il settore alimentare cinese sta progressivamente cambiando grazie all aumento del potere d acquisto e all evoluzione

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce IL MERCATO AGROALIMENTARE IN THAILANDIA Il settore del Food in Thailandia è sicuramente uno dei piu promettenti e in rapida crescita. La concorrenza sta crescendo di pari passo; ogni anno infatti assistiamo

Dettagli

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la carne, ma contengono una certa quantità di materia non

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Legge 598/94. Disciplina delle attività rientranti nei settori della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli

Legge 598/94. Disciplina delle attività rientranti nei settori della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Legge 598/94 Disciplina delle attività rientranti nei settori della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (classificazione ISTAT 1991) 15.11.1 Produzione di carne, non di volatili,

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA MACRO & GROCERY 1 PIANO PERSONALIZZATO Il fatto che stai leggendo questo ebook significa che conosci l'importanza della giusta nutrizione Quando cerchiamo

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

! " $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # "

!  $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # ! " $ % &' ( ) * * +,, -'./.'''..'' " , 1! " 2 ( 2 3 $ 4 4! 1 5.6 7 $ 2 $ 8, + " + $ + + La piramide alimentare del celiaco 9 + : / Verdure tal quali o conservate sott olio o sott aceto o surgelate Frutta

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione alimentare Sequenza di processo Progettazione,

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI Le importazioni di prodotti ottenuti con il metodo di produzione biologico provenienti da Paesi Terzi possono realizzarsi

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa.

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa. Dieta Atkins 1 Dieta Atkins: ecco tutto quello che c è da sapere. Dal menu, alla descrizione delle 4 fasi. Dalla versione per vegetariani, fino alla Dieta Atkins in versione Pdf La dieta Atkins è una dieta

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER Avvertenze I dati utilizzati sono gli ultimi disponibili, eccetto ove indicato. Le fonti sono istituti statistici

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Cambiamenti nei consumi alimentari

Cambiamenti nei consumi alimentari Cambiamenti nei consumi alimentari Evoluzione nel tempo Per lo studio dei consumi alimentari degli italiani è ovviamente necessario avvalersi di dati statistici, che pur con tutti i loro limiti consentono

Dettagli

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza Vania Patrone Istituto di Microbiologia NUTRIGEN - Centro di ricerca sulla Nutrigenomica Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Prospettive in breve

Prospettive in breve OECD-FAO Agricultural Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive OCSE-FAO sull agricoltura 2009 Sintesi in italiano Prospettive in breve Il contesto macroeconomico che fa da sfondo alle presenti prospettive

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari.

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari. Catalogo prodotti Pane Pane multicereali Panfiore Filone contadino Pane vitale Pane alla zucca Pane chiaro di farina di frumento mista con crosta gustosa e decorata con semi. Farina di frumento tipo 0,

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

Al Dipartimento di Prevenzione della ASL.. per il tramite del Comune di.. Allegato

Al Dipartimento di Prevenzione della ASL.. per il tramite del Comune di.. Allegato Modulo per la notifica all Autorità competente delle attività in campo alimentare soggette a registrazione ai sensi dell articolo 6 del Regolamento (CE) n. 852/2004 Allegato Al Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito.

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA MURICCHIO di Dott.sa Daniela Fasce &C. s.a.s. via Rattazzi, 36-19121 La Spezia tel./fax 0187 22953 CF - P.IVA 00762660116 - e mail: lab.muricchiodifasce@libero.it BI-FOOD

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana*

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Sono due gli errori che non ci permettono di perdere il peso in eccesso e tornare a vivere una vita sana e felice,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione alimentare Sequenza di processo Progettazione,

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2014

COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2014 APPORTO CREA 1. logo crea CMYN. eps 2. logo crea Pantone. eps PANTONE 3015 U PANTONE 363 U 1 COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2014 Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi

Dettagli

FOOD. revolution. rivoluziona il tuo modo di mangiare

FOOD. revolution. rivoluziona il tuo modo di mangiare FOOD revolution rivoluziona il tuo modo di mangiare rivoluziona il tuo modo di mangiare il mondo revolution un mondo interamente gluten free, dove l uso di materie prime selezionate, è il punto di partenza

Dettagli

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat Osservatorio Regionale Prezzi Spesa consapevole per il benessere dei consumatori Convegno Nazionale Usci Attori coinvolti Dal 2003 la Regione dell Umbria ha promosso la realizzazione di un importante progetto

Dettagli

7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco

7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco 7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco IN SINTESI Le esportazioni mondiali di prodotti agroalimentari sono piuttosto concentrate con i primi 10 paesi che

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1)

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) N. 3 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti domestici

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO

AREA AMBIENTE E TERRITORIO AREA AMBIENTE E TERRITORIO "VERSO UNA NUOVA STRATEGIA NAZIONALE PER L'AGRICOLTURA BIOLOGICA: LA VALORIZZAZIONE DEL BIOLOGICO ITALIANO» di Annalisa Saccardo Bologna 12 settembre 2015 IL PARADOSSO DEL BIOLOGICO

Dettagli

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE GLI EFFETTI DELLA CRISI: EROSIONE DEL CETO MEDIO E CRESCITA DELLA POVERTA COLLOCAZIONE SOCIALE DELLE FAMIGLIE IN BASE AL REDDITO, AI COMPORTAMENTI DI CONSUMO E AGLI STILI DI VITA COME E CAMBIATA LA SPESA

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

Provami: set 8 buste in 8 gusti diversi

Provami: set 8 buste in 8 gusti diversi Provami: set 8 buste in 8 gusti diversi Popcorn con Caramello, Mela e Cannella Peso Netto x 1 Busta 32g Mais, Zucchero, Burro (Latte), Sciroppo di mais, Pezzi di mela (4%) [Purea concentrata di mela, Succo

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale Referenziazioni

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA Cereali e derivati Avena 16,9 6,9 55,7 10,6 389 Farina di avena 12,6 7,1 72,9 7,6 388 Farina di castagne 5,8 3,7 71,6 10,9 323 Farina di ceci 21,8 4,9 54,3 13,8 334 Farina

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in DANIMARCA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in DANIMARCA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in DANIMARCA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 Nascita del mercato bio in Danimarca Nel 1982 il primo prodotto biologico fu

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO ART. 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO Il Comune di Caraglio, nell intento di promuovere i beni ed i servizi prodotti sul territorio comunale, adotta un marchio

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Evoluzione dei comportamenti alimentari

Evoluzione dei comportamenti alimentari Evoluzione dei comportamenti alimentari Di pari passo con l evoluzione dell agricoltura e della zootecnia si è assistito ad un radicale mutamento delle abitudini alimentari delle popolazioni. Nei paesi

Dettagli

Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti.

Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti. Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti. Gli Emirati Arabi Uniti sono la seconda popolazione piu numerosa tra le economie dei Paesi del Golfo, e seguono l Arabia Saudita. Si stima che la popolazione

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA.

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA. La terapia della intolleranza al glutine consiste solo nella dieta che NON deve contenere alimenti preparati con le farine dei cereali tossici per il paziente celiaco: FRUMENTO, ORZO, SEGALE (e analoghi

Dettagli

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2

Dettagli

Classe 30 Classificazione di Nizza - Farine e preparati fatti di cereali

Classe 30 Classificazione di Nizza - Farine e preparati fatti di cereali Classe 30 Classificazione di Nizza - Farine e preparati fatti di cereali Classe 30 Classificazione di Nizza Farine e preparati fatti di cereali Caffè, tè, cacao e succedanei del caffè; riso; tapioca e

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

TABELLA DI SUPPORTO CATEGORIE MERCEOLOGICHE (allegata al capitolato tecnico)

TABELLA DI SUPPORTO CATEGORIE MERCEOLOGICHE (allegata al capitolato tecnico) METAPRODOTTO CPV Prodotti di origine animale, carne e prodotti a base di carne 15100000-9 Carne 15110000-2 Carne bovina 15111000-9 Carne di manzo 15111100-0 Carne di vitello 15111200-1 Pollame 15112000-6

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni GF 1

Menù espresso per 14 giorni GF 1 Menù espresso per 14 giorni GF 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

DAL PERCORSO PARTECIPATO ALLA TABELLA MERCEOLOGICA DEL CAPITOLATO D APPALTO

DAL PERCORSO PARTECIPATO ALLA TABELLA MERCEOLOGICA DEL CAPITOLATO D APPALTO Prodotti bio (Pane, farine ecc) Uova allevate all aperto Materie prime di produzione biologica Farina di grano tenero, farina di mais, pane con farina bio; Pasta di semola di grano duro; Riso, orzo perlato

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio.

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio. Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Seconda edizione Note metodologiche Ufficio Sistema Statistico Direzione Risorse Umane

Dettagli