GoToWorld Prospettiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GoToWorld Prospettiva"

Transcript

1 GoToWorld Prospettiva Mercato e Raccomandazioni Azienda: Azienda Demo 1 Mercato: Brasile STRETTAMENTE CONFIDENZIALE è fatto assoluto divieto di divulgare il presente materiale 1

2 Sommario NOTA INTRODUTTIVA... 3 GoToWorld Prospettiva... 4 Percorso di analisi... 4 Analisi statistica e quantitativa... 4 Analisi qualitativa e selezione del mercato...10 Mercato_Brasile...14 Manifestazioni di settore...18 Informazioni utili e business etiquette...19 Raccomandazioni...20 Raccomandazioni preliminari...20 Criticità del progetto...21 Analisi dei rischi...22 Timing...23 Percorso strategico...23 Sviluppi futuri...24

3 NOTA INTRODUTTIVA Chi sa concentrarsi su qualche cosa e perseguirla come unico scopo ottiene, alla fine, la capacità di fare qualsiasi cosa. M. Gandhi La presente analisi - o GoToWorld Prospettiva - si inserisce all interno della catena del valore del GoToWorld Assessment. Rappresenta il secondo passaggio del percorso d internazionalizzazione aziendale dopo il GoToWorld Check Up, dal quale si era ricavato il coefficiente GoToWorld, indice sintetico del potenziale di sviluppo sul piano internazionale dell Azienda. Una volta individuate le peculiarità e le competenze dell Azienda in una prospettiva di espansione internazionale, si provvede, attraverso questo documento, a tracciarne la direzione di sviluppo mediante la selezione dello specifico mercato di destinazione e la predisposizione di un percorso d internazionalizzazione idoneo tarato sulle caratteristiche della specifica realtà aziendale. Al fine di raggiungere tale obiettivo, si provvede innanzitutto a svolgere un indagine statistico-quantitativa nella forma di una mappatura dei flussi di commercio internazionale sugli specifici prodotti offerti dall Azienda. In un secondo step le informazioni di tipo quantitativo raccolte ed elaborate nella prima fase vengono, poi, validate attraverso un analisi qualitativa del mercato di sbocco, passaggio, questo, a elevato valore aggiunto in quanto permette di tracciare una panoramica più completa del Paese di riferimento. In particolare, vengono investigati, a seconda della rilevanza nei singoli casi, elementi peculiari quali l ambiente competitivo, il grado di saturazione del mercato, i modelli d acquisto e la cultura del business presenti nel Paese oggetto d analisi. Il documento si conclude con una serie di consigli di carattere strategico sui diversi passaggi operativi del piano d internazionalizzazione e la loro implementazione pratica. In questo caso, ci si focalizza sulle raccomandazioni preliminari riguardanti lo sviluppo internazionale futuro, il timing del progetto e i potenziali rischi sottostanti. 3

4 GoToWorld Prospettiva Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sappia a quale porto approdare. Seneca L elemento centrale di una strategia di internazionalizzazione è la matrice Prodotto-Mercato, ovvero la matrice nella quale vengono idealmente incrociati le tipologie di prodotto che si intendono, per una serie di motivi, internazionalizzare e i mercati esteri sui quali si intende sbarcare. La progettazione di tale matrice, che deve partire dalla comprensione dei punti di forza dell Azienda, del prodotto offerto ma anche delle potenzialità e delle criticità del mercato, può avere output di dimensioni variabili, per cui l Azienda può decidere di affrontare contemporaneamente più mercati con diverse tipologie di prodotto. Tuttavia, un approccio sistemico, dove si proceda a implementare una, o comunque un numero limitato di configurazioni prodotto-mercato sarà in grado di garantire una focalizzazione delle risorse disponibili, tangibili e intangibili. In questo modo saranno maggiori le opportunità di conseguire gli obiettivi prefissati, generando così risorse addizionali per alimentare ulteriori progetti di crescita internazionale. Percorso di analisi Il percorso, volto all identificazione di un mercato di potenziale interesse per l Azienda mediante una struttura a imbuto che parta dal generale e giunga al particolare, si compone di due fasi principali, ovvero: a) Analisi statistico-quantitativa, consistente nella mappatura dei flussi commerciali di riferimento dell offerta aziendale e orientato all identificazione delle aree con maggiori opportunità per la stessa; b) Analisi qualitativa, integrante le precedenti statistiche con una serie di considerazioni finalizzate alla selezione del mercato più idoneo e in linea con la realtà aziendale esaminata. Analisi statistica e quantitativa L analisi statistica condotta si focalizza sulle importazioni a livello globale dei prodotti commercializzati da Azienda Demo 1 al fine di individuare le aree geografiche maggiormente ricettive dell offerta aziendale. Attraverso lo studio dei dati, si è successivamente ristretta l indagine ad alcune aree e categorie di prodotti ben definite, in grado di offrire maggiori opportunità di business per il portafoglio prodotti di Azienda Demo 1. L analisi è stata realizzata basandosi sui Codici HS (codici doganali) forniti dall Azienda, approfondita sulla base dei prodotti principali indicati durante la compilazione del questionario GoToWorld. L elenco dei codici analizzati durante questa fase viene riportato all inizio della pagina successiva. 4

5 Cod. Descrizione Macchine e apparecchi per la lavorazione della pasta per carta, della carta e del cartone, n.n.a. Il primo step consiste nell analisi a livello mondiale dell import facendo riferimento all ultimo anno per il quale si hanno a disposizione dati completi per tutti i Paesi, delle categorie merceologiche in esame. Dal grafico Import da Mondo emerge come gli Stati Uniti siano relativamente il principale importatore delle categorie merceologiche commercializzate da Azienda Demo 1. L import nel Paese, infatti, raggiunge i 158 milioni di dollari, risultando superiore al secondo Paese nella graduatoria, ovvero l Indonesia, il cui import è stato di 122 milioni di dollari. Seguono Cina, Germania e Francia. La rappresentazione proposta fornisce una visione piuttosto chiara dei volumi di importazioni e contribuisce a rendere più immediata la comprensione sulle distribuzione de valori. Difatti, spicca notevolmente la prima posizione degli STATI UNITI, i quali distanziano di un buon margine il secondo paese, l Indonesia, che si trova invece in una posizione poco distante dalla Cina, collocata in terza posizione. Il quarto Paese che si incontra scorrendo il grafico, la Germania, si contraddistingue per un volume di import che rappresenta meno della metà del Paese che lo precede, la Cina. Mentre a partire dalla Germania il grafico si fa sempre più regolare, orientamento che si traduce in un assottigliamento progressivo verso la coda del grafico. Emergono, comunque, diversi livellamenti tra i vari Paesi, che mettono in luce come i volumi importati in alcuni casi siano estremamente vicini a territori precedenti o successivi. È questo il caso, ad esempio, di Francia e Messico, Nigeria, Thailandia e Algeria, Malesia, Belgio e Corea del Sud, Regno Unito, Marocco, Polonia e Spagna, Arabia Saudita e Sud Africa, Paesi Bassi, Giappone, Australia e Argentina, e in coda Romania e Cile. Da questa prima analisi emerge come vi siano diversi Paesi emergenti tra i principali importatori, realtà che frequentemente compaiono nelle classifiche relative ai valori di importazione, ma non nelle primissime 5

6 posizioni, nelle quali si trova frequentemente la Cina, ad esempio, pertanto questa terza posizione non appare per nulla strana, ma in linea con quanto è possibile rilevare per molte altre tipologie di prodotti. Stupisce innanzitutto il secondo posto dell Indonesia, Paese a lungo sottovalutato ma che di recente sta emergendo quale economia in grado di rispondere con dinamicità e flessibilità alle richieste del mercato, presentando anche i propri prodotti e acquistando molto dall estero, in quanto Paese non autosufficiente sotto molti punti di vista. Anche il Messico, che occupa una ragguardevole sesta posizione, è un territorio che vale la pena considerare poiché caratterizzato da una forte crescita e da notevoli potenzialità in diversi settori, tanto da essere stato definito da molti analisti come un sorta di Paese BRICS nascosto, dato il volume di attività che registra e contestualmente la scarsa attenzione che riceve sul panorama internazionale. Molti altri sono i Paesi emergenti di rilievo, come India, Federazione Russa, Brasile, Turchia, Nigeria, Thailandia, Algeria, Malesia, Marocco, Polonia e via dicendo. I Paesi in espansione presenti nel grafico arrivano a superare il numero delle economie consolidata, mettendo in luce una tendenza che vede le realtà emergenti quali importanti destinatarie delle produzioni mondiali della tipologie di prodotto in esame. Infatti, mentre le economie consolidate sono caratterizzate da un mercato tendenzialmente maturo che lascia poco spazio all introduzione di nuovi prodotti, nonché già vicinissimo alla soglia di saturazione, le realtà che stanno conoscendo la crescita in questi tempi sono da tenere in debita considerazione, in quanto sedi di notevoli potenzialità non solo per l esportazione di prodotti, ma anche per valutare una presenza più stabile al loro interno, considerate le elevate opportunità in esse rinvenibili. Se prendiamo come riferimento gli Stati Uniti, ad esempio, notiamo come essi rappresentino indiscutibili protagonisti per la categoria di prodotto considerata nell analisi, come d altronde accade anche per moltissime altre produzioni, poiché il Paese si configura come una grande potenza economica, nella quale transitano notevoli flussi di import ed export per un gran numero di produzioni differenti. Gli Stati Uniti presentano un volume di import superiore di circa 1/4 rispetto all Indonesia, e pari a circa tre volte il volume registrato per la Germania. Considerando i Paesi in via di sviluppo, invece, emerge come essi siano caratterizzati da risultati importanti, pur non configurandosi tra le prime economie del mondo. È questo il caso di Indonesia, Messico, India, Brasile e Turchia, tutte nazioni presenti nei primi dieci posti della classifica considerata. Tale aspetto contribuisce a sottolineare verso quali destinazioni orientare l attenzione, considerando sia il breve che il medio-lungo termine. Infatti, se da un lato un azienda potrebbe sentirsi attratta dalle potenzialità che i flussi in discussione fanno emergere per determinati Paesi, come gli Stati Uniti, appunto, dall altro occorre ricordare che la congiuntura globale è in divenire e le realtà emergenti potrebbero rappresentare migliori porti di approdo nei quali far confluire le proprie mire, non solo oggi, ma anche in futuro. Senza contare il livello di concorrenza che un azienda si troverebbe ad affrontare nell operare in un mercato maturo e contraddistinto da grandi competitor spesso consolidati. Per individuare un mercato target l analisi dell import è stata ulteriormente approfondita nella Matrice PP (Paese - Prodotto) della pagina successiva, relativa al prodotto oggetto del presente documento nella quale ai colori più scuri corrispondono maggiori quote di mercato, viceversa per i colori più chiari. 6

7 Nazione Anno Ver. HS Stati Uniti d'america 2012 HS Indonesia 2012 HS Cina 2012 HS Germania 2012 HS Francia 2012 HS Messico 2012 HS India 2012 HS Federazione Russa 2012 HS Brasile 2012 HS Turchia 2012 HS Nigeria 2012 HS Tailandia 2012 HS Algeria 2012 HS Malesia 2012 HS Belgio 2012 HS Corea del Sud 2012 HS Regno Unito 2012 HS Marocco 2012 HS Polonia 2012 HS Spagna 2012 HS Arabia Saudita 2011 HS Sud Africa 2012 HS Vietnam 2011 HS Canada 2012 HS Paesi Bassi 2012 HS Giappone 2012 HS Australia 2012 HS Argentina 2012 HS Romania 2012 HS Cile 2012 HS Top World % Top 30 82% 7

8 La scelta di restringere l analisi ai primi 30 Paesi importatori viene giustificata dal fatto che questi assorbono in media l 82% dell import mondiale dei prodotti considerati. Dalla matrice si evince che l import mondiale di questa categoria di prodotti ha superato i 1,3 miliardi di dollari nel 2012 e che i Top 30 superano gli 1,07 miliardi di dollari. La matrice è specchio della rappresentazione precedente, e fornisce i dati relativi ai volumi di import nel dettaglio. Le diverse gradazioni di colore aiutano a comprendere con maggiore chiarezza la situazione, fornendo un ulteriore versione visiva della distribuzione dei valori fra i vari Paesi. Come si nota, la differenza degli importi tra i Paesi Top 30 e il mondo complessivamente considerato è piuttosto risicata, sintomo di una distribuzione fortemente concentrata nelle prime posizioni della classifica e quasi totalmente nulla, o comunque poco rilevante, per i Paesi esclusi dalla graduatoria presentata. E ancora, all interno di queste trenta posizioni emerge come siano i primissimi Paesi a rappresentare i centri di importazione più importanti, secondo le dinamiche già evidenziate in precedenza. Accanto a tale analisi, appare utile proporre una riflessione su quelli che sono i principali Paesi esportatori della categoria di prodotto considerata. Infatti, può capitare che un Paese fortemente ricettivo che si presenta ai primi posti quale importatore, sia a sua volta un grande esportatore, facendo emergere un saldo che vede l ammontare del valore di export superiore a quello di import. Ciò significa che il Paese in questione non sarà solamente un grande importatore, dunque acquirente, ma presumibilmente anche un rilevante produttore. Tale aspetto, rende talvolta poco conveniente andare a investire in queste tipologie di territori, soprattutto nel momento in cui si tratta di prodotti non contraddistinti da particolari specificità che consentirebbero di presentare le produzioni come innovative, destinandole, ad esempio, ad andare a sostituire quelle esistenti. In tal caso, il primo esportatore a livello mondiale risulta essere proprio l Italia, seguita da Cina, Germania, Giappone, Stati Uniti, Paesi Bassi, Francia, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Canada, Svezia, Corea, Brasile e Slovacchia. Considerando la Cina, ad esempio, si nota come il Paese esporti per un valore di 190 milioni di dollari, decisamente superiore rispetto al valore di import che si attesta intorno ai 113 milioni. Analogo discorso vale per la Germania, che esporta per 187 milioni di dollari e importa per 51. Gli Stati Uniti, invece, esportano per 66 milioni, ma importano per un ammontare di 158. Così come il Brasile, che esporta per poco più di 10 milioni di dollari e importa per 32, o del Messico, al 34 esimo posto fra i Paesi esportatori con poco più di 1 milione di dollari, e in sesta posizione per valori di import con oltre 44 milioni. Interessate, a questo punto, è andare a considerare le esportazioni italiane indirizzate al resto del mondo, al fine di individuare verso quali mercati sono orientati i flussi italiani e comprendere, dunque, come si muovono i competitor locali. Tali considerazioni sono utili al fine di valutare le potenziali mete, in quanto forniscono informazioni precise su dove si possono trovare sbocchi interessanti e, allo stesso tempo, dove si focalizzano i concorrenti. Considerando l ammontare di export complessivo italiano per quanto riguarda il codice considerato, si rileva come il primo partner commerciale per prodotto in esame siano gli Stati Uniti, presenti al primo posto anche nella classifica dei principali importatori a livello mondiale, con 114 milioni di dollari. Tale aspetto è pertanto perfettamente in linea con quanto rilevato nelle considerazioni svolte precedentemente, che vedono saldamente gli USA al primo posto. In seconda posizione troviamo la Turchia, le cui esportazioni dall Italia arrivano a toccare i 42 milioni di dollari. Già dall analisi delle prime due posizioni si riscontra come il valore esportato nel primo Paese sia oltre il doppio di quello del secondo. Successivamente è possibile rilevare la presenza di Cina (28 milioni), Germania (21), Egitto, Colombia (entrambi a 20 milioni), Federazione Russa (17), Svizzera, Spagna (16 milioni ciascuna), Marocco (14), Francia, Iran, Algeria (13 milioni di dollari ognuno), Messico (12) e Brasile (10). Sino ad ora, dunque, le realtà maggiormente interessanti paiono essere rappresentate dai territori dell America Latina, in quanto il confronto tra tutti i dati riportati, nonché le caratteristiche aziendali, fanno emergere una certa 8

9 corrispondenza per quanto concerne azienda/prodotto/mercato. In ogni caso, si tratta di considerazioni che verranno puntualmente riprese e discusse successivamente. Sulla base di queste prime analisi si può ora andare a focalizzare l attenzione sui mercati potenzialmente più interessanti, rappresentati graficamente nella mappa di seguito. In questo caso, si procede a esaminare i flussi commerciali in entrata relativi alla tipologia di prodotto esaminata finora, per individuare, anche alla luce delle competenze interne riscontrate in merito a Azienda Demo 1, il mercato che più si confaccia in questo momento alla sua specifica attività. La mappa fornisce una rappresentazione geografica dei volumi di importazione a livello mondiale precedentemente considerati. Le aree che presentano colori più scuri sono quelle maggiormente interessate dai flussi di import, viceversa quelle con colori più chiari sono specchio di realtà meno coinvolte dai flussi in esame. Sulla base di queste informazioni preliminari, è possibile suddividere la mappa in cluster entro i quali raggruppare i Paesi, al fine di ragionare non soltanto a livello di singola realtà, ma anche sulle potenzialità degli insiemi di nazioni. Predominano, come già rilevato, Paesi collocati in diverse aree geografiche, pertanto non è possibile individuare un unico cluster più interessante degli altri. L impatto visivo porta a guardare immediatamente verso gli Stati Uniti, contraddistinti dai notevoli volumi di import precedentemente analizzati, così come Indonesia, Cina e via via tutti gli altri. Per quanto concerne il Nord America si rileva anche l importanza del Messico, mentre nel sud del Paese si evincono colorazioni più lievi, ma comunque sufficientemente marcate da far emergere tale area come potenzialmente interessante. La zona africana appare ancora limitatamente coinvolta dai flussi di import, salvo alcuni Paesi che iniziano ad emergere come sede di un qualche tipo di opportunità, quali, ad esempio, Marocco, Nigeria e Algeria, mentre nelle zone centrali non è neanche possibile rilevare i dati. Nell area europea l import si concentra in Paesi quali Germania, Francia, Regno Unito, mentre l area dell Europa emergente non pare particolarmente rilevante nella classifica totale. In generale, sono diversi i Paesi dei Next Eleven presenti tra le principali realtà interessate dal prodotto considerato, gruppo composto da Bangladesh, Egitto, Indonesia, Iran, Messico, Nigeria, Pakistan, Filippine, Turchia, Corea del Sud e Vietnam, 9

10 nuovi mercati in forte ascesa dopo i famigerati BRIC, i quali pur dimostrando notevoli potenzialità di sviluppo, presentano al momento, al pari di altre economie in crescita, innegabili problematiche dal punto di vista valutario, nonché politico ed economico. Tuttavia, la situazione non è la medesima in tutti i casi ed è possibile rilevare Paesi a uno stadio di sviluppo più avanzato rispetto ad altri o nei quali si configurano situazioni decisamente più accoglienti per gli operatori esteri. Se si pensa, ad esempio, alla Federazione Russa, non è possibile fare a meno di richiamare le recenti problematiche interne che si sono verificate, mentre focalizzando l attenzione sul Brasile, notiamo come il Paese sarà al centro di una forte attenzione mediatica nei prossimi mesi (e anni) grazie ai mondiali di calcio e ai giochi olimpici che verranno disputati nel territorio. Per tali motivi, citati al fine di fornire un inquadramento di base, non è opportuno fare considerazioni generiche, in quanto risulterebbero poco accurate. Inoltre, al di là del ragionamento sui volumi di importazioni, occorre esaminare anche altri fattori, come la sopracitata problematica dei dazi, i quali possono rappresentare un notevole ostacolo all ingresso in un Paese, il costo del trasporto, che può essere considerevole e portare all esclusione delle aree più distanti, ma anche altri elementi, come le esperienze pregresse dell azienda in ambito internazionale e le competenze sugli altri mercati possono incidere sulle decisioni. Prendendo in considerazione il settore nel quale opera Azienda Demo 1 e avendo analizzato, attraverso la situation analysis, la struttura della medesima, i dati statistico-quantitativi incrociati con le necessarie considerazioni qualitative che saranno approfondite ulteriormente nel presente documento, portano a escludere l area asiatica e quella europea quale possibile destinataria di un attività di internazionalizzazione dell Azienda, in quanto non particolarmente interessata dai flussi di import, mentre orientano l analisi verso l area americana, nella quale si concentrano notevoli volumi di importazioni. Analisi qualitativa e selezione del mercato Le analisi sin qui svolte, che andranno approfondite in seguito, ci orientano quindi verso il continente americano in quanto ambiente potenzialmente ideale ove l Azienda ha la possibilità di sfruttare al meglio i propri punti di forza, nonché cogliere le opportunità prospettate e massimizzare il potenziale di cui dispone. Nel definire un potenziale mercato di interesse bisogna considerare, insieme alle condizioni quantitative derivanti da dati prettamente statistici, anche le dovute considerazioni qualitative. Dopo aver sottolineato i principali numeri che orientano la nostra analisi verso una serie di mercati, infatti, queste statistiche vanno integrate con valutazioni di tipo qualitativo. Una prima considerazione qualitativa possibile è quella di focalizzarsi su mercati che già risultano importatori del prodotto italiano. Questo perché sarà già diffusa la conoscenza del prodotto del nostro Paese sul mercato e, soprattutto, presso gli attori della filiera che intercorre tra l Azienda e il cliente finale (importatore-distributore-cliente). Il cliente in questo caso va inteso, infatti, sia come consumatore finale (B2C) che di livello intermedio (B2B). Sarà dunque comparativamente più facile riuscire a identificare e raggiungere i canali di distribuzione, perché questi ultimi risulteranno motivati a interfacciarsi con i produttori italiani, veicolo e immagine della qualità e dell eccellenza del Made in Italy. Sono molteplici le realtà che risultano apprezzare i prodotti nostrani. Gli Stati Uniti, ad esempio, si posizionano al terzo posto per quanto concerne le esportazioni italiane verso il resto del mondo, il Brasile si colloca in 19ª posizione, mentre il Messico alla 28ª. In particolare in questi ultimi due mercati, le relazioni si sono sviluppare in tempi 10

11 relativamente recenti, in quanto le economie in discussione sono cresciute notevolmente solo da qualche anno a questa parte, mentre gli Stati Uniti sono una realtà consolidata da tempo. In tutti i casi considerati, il Made in Italy rappresenta un valore distintivo, occorre tuttavia sottolineare che, considerate le peculiarità di queste aree, mentre nella zona statunitense il valore aggiunto sarà maggiormente percepito, grazie a consumatori più educati alle caratteristiche dei nostri prodotti, Messico e Brasile stanno aumentando in questi anni la consapevolezza su questi fronti. In ogni caso, è bene comunque ricordare che, nonostante nell immaginario comune quando si parla di eccellenza italiana si faccia riferimento ai settori moda, arredamento, alimentare, ecc., essa non comprenda esclusivamente tali aree, ma si estenda a tutto ciò che ha origine nel Belpaese, per il quale la qualità è un elemento imprescindibile e distintivo, almeno nella maggior parte dei casi. Il tessuto imprenditoriale italiano è contraddistinto, infatti, da realtà molto piccole che nel corso degli anni hanno necessariamente dovuto trovare una strada che le differenziasse nettamente dalla concorrenza. Ecco perché, ad esempio, anche la meccanica nostrana è molto rinomata, pur non appartenendo alle categorie più celebri, ed è arrivata a costituire una delle voci principali dell export italiano. Come riportato in precedenza, importanti mercati di sbocco per le produzioni del settore in esame sono rappresentati sia da alcuni Paesi americani, in particolare Stati Uniti, Brasile e Messico, che da un insieme di altre realtà europee e altre ancora dislocate nelle più disparate aree del mondo. Se consideriamo i principali Paesi che importano il prodotto italiano, oltre a quanto precedentemente riportato, possiamo rilevare come la Russia rappresenti il settimo Paese importatore, seguita da Polonia ottavo, Cina decimo, Turchia undicesimo. Dopo aver attestato il generale gradimento delle tipologie di prodotto strettamente connesse all attività aziendale soprattutto da parte dell area americana, rappresentativa di una delle destinazioni principali dei prodotti oggetto di export aziendale, nonché caratterizzata da una situazione logisticamente, burocraticamente e culturalmente sufficientemente accogliente. Risulta tuttavia fondamentale identificare i trend dei flussi in oggetto per i principali Paesi. Dunque, una ulteriore considerazione dal punto di vista qualitativo è l analisi dei trend caratterizzanti i Paesi risultanti di interesse per il processo di internazionalizzazione di Azienda Demo 1, schematizzato nel grafico Import da Mondo - Trend pluriennale. L andamento dei flussi d importazione, benché sia un dato parziale che nasconde spesso dinamiche complesse, risulta generalmente interessante in quanto non solo ci fornisce una panoramica sulla situazione pregressa ma ci permette anche di effettuare delle previsioni riguardo a quelli che possono essere gli sviluppi futuri e le dinamiche dei singoli mercati. 11

12 In questo caso vengono analizzati i primi 15 mercati d importazione delle categorie merceologiche in esame a livello mondiale nel periodo , unica eccezione è l Indonesia per la quale i dati dei primi tre anni non sono disponibili, presumibilmente a causa di una sostanziale irrilevanza degli stessi. In generale, è possibile notare una tendenza positiva per quanto concerne i volumi di importazione. Gli Stati Uniti, saldamente collocati in prima posizione, presentano un trend che potremmo definire altalenante, caratterizzato da una crescita per i primi due anni, per poi calare considerevolmente nel 2009 e riprendere il trend di crescita nei successivi tre anni. Tale condizione non deve sorprendere, poiché il periodo considerato comprende gli anni caratterizzati da buie pagine dell economia mondiale, a causa di una crisi economica che solo recentemente sta lasciando spazio alla ripresa. Tale riflessione può essere riproposta per quasi tutti i Paesi, in particolar modo per le economie mature. Come si nota, andando a considerare la Germania, ad esempio, si è verificato un tracollo considerevole nei primi cinque anni considerati e solo nel 2012 il volume di import ha ripreso a crescere. Per la Francia, invece, si rileva un andamento meno regolare, ove è il 2009 a rappresentare l anno caratterizzato dalla contrazione maggiore. Fra tutti gli altri Paesi è possibile notare come Cina, India, Federazione Russa, Brasile e Turchia siano caratterizzati da un trend decrescente, mentre per Francia e Messico la situazione è sostanzialmente stabile, almeno per quanto concerne gli ultimi due anni considerati. I restanti Paesi risultano, invece, in crescita. Indubbiamente, l incremento maggiore si rileva in Indonesia, per la quale si registra un aumento considerevole in soli tre anni: i valori nel 2012 risultano triplicati rispetto al La Cina, invece, rappresenta l area per la quale si è verificato il calo maggiore. Tali dati aiutano a comprendere come l economia in generale, in alcuni Paesi più che in altri, rappresenti un ambiente mutevole nel quale la congiuntura può rapidamente cambiare, rivelando risultati talvolta inaspettati. In generale, tuttavia, è possibile notare come non vi siano situazioni di grave contrazione nei volumi importati dai vari Paesi. Le diminuzioni risultano per lo più giustificabili dalla situazione economica globale, pertanto non è consigliato escludere a priori determinati Paesi solo per il calo verificatosi di recente. Infine, un elemento aggiuntivo di supporto nella selezione del mercato ideale riguarda quello che può essere definito l interesse registrato su Internet rispetto alle categorie di prodotti oggetto dell offerta di Azienda Demo 1. Tale interesse, o sentiment secondo la definizione delle modalità di Big Data, in altre parole mette in relazione il numero di ricerche effettuate su ciascun mercato, o area, rispetto a uno o più termini chiave, 12

13 facendo riferimento sia a blog che ad annunci e altre forme di scambio di informazioni on-line, includendo anche elementi di e-commerce quali le pubblicità sul web. Nel caso specifico l indagine viene condotta facendo riferimento alle seguenti parole chiave: sistemi di incollatura, carta, cartone, cartotecniche, scatolifici, riferite sia alle produzioni dell Azienda che agli ambiti di applicazione, al fine di avere un quadro più completo rispetto al relativo interesse suscitato su Internet. Nell analisi del sentiment si è proceduto a restringere l area ai Paesi del G20, al fine di comprendere quali emergono come sede delle maggiori opportunità. In tal caso, è possibile notare come la zona degli Stati Uniti risulti quella con le maggiori potenzialità, presentando un colore decisamente più scuro rispetto alle altre aree in esame. Il territorio statunitense, come precedentemente ricordato, è infatti estremamente dinamico e ricettivo per quanto riguarda diversi settori, ma il livello di saturazione del mercato lascia poco spazio per sviluppi futuri. Per quanto concerne le ricerche mensili, gli Stati Uniti si posizionano al primo posto con ricerche, distaccando notevolmente i Paesi a seguire. Al secondo posto del podio troviamo l India (60.240), seguita da Regno Unito (43.200), Germania (28.400), Canada (18.870), Brasile (18.400), Francia (15.920), Cina (14.420) e Australia (14.400). Per quanto concerne il costo per click, invece, si va da un minimo di 0,07 dell Indonesia, ad un massimo di 1,83 del Canada. Il Brasile si ferma ad uno 0,40, mentre altri Paesi maturi si contraddistinguono per un costo per click mediamente elevato, come Francia (1,68 ), Germania (1,32 ) e Regno Unito (1,17 ). Il livello concorrenziale rilevato, invece, risulta sostanzialmente contenuto, salvo alcuni specifici casi, quali Giappone e Germania, per i quali si evincono valori leggermente più elevati. Alla luce di queste rilevazioni, occorre ora soffermarsi su quello che risulta essere lo stadio di sviluppo nel quale si trovano le realtà presenti nei primi posti della classifica: si tratta, infatti, in quasi tutti i casi di economie già pienamente avviate, contraddistinte da un elevato livello di concorrenza e da un mercato vicino alla saturazione. Permangono India, Brasile e Cina quali centri sui quali focalizzare maggiormente l attenzione. 13

14 Incrociando questi dati con quanto rilevato in precedenza nell analisi dei flussi commerciali, emerge il Brasile quale area dalle maggiori opportunità, caratterizzata da un elevato numero di ricerche mensili, da una concorrenza limitata e da un costo per click contenuto. Dunque, tenuto conto dell esperienza internazionale dell Azienda e considerati i flussi di importazione nel Paese e di esportazione dall Italia, nonché il trend mostrato negli ultimi anni dagli stessi e il grado d interesse suscitato nel Paese dall analisi del sentiment, le valutazioni sin qui svolte, che andranno ulteriormente approfondite attraverso considerazioni qualitative sul mercato, ci orientano verso il Brasile in quanto ambiente idoneo per lo sviluppo di un progetto d internazionalizzazione. Su questo mercato, infatti, l Azienda potrà sfruttare al meglio i propri punti di forza, cogliere le opportunità che tale mercato prospetta e massimizzare il potenziale di cui dispone. Mercato_Brasile Il Brasile si configura come un economia emergente di notevole importanza, che negli ultimi anni si è imposta all attenzione mondiale quale area caratterizzata da notevoli potenzialità. Di grande rilievo per quanto riguarda l economia del Paese sono i settori agricolo, minerario, manifatturiero e dei servizi, contraddistinti da discreti livelli di sviluppo, nonché da un ampiezza importante. Il territorio in esame si configura come la sesta economia mondiale in termini di PIL nominale, risultando la più sviluppata e dinamica dell area sudamericana. Il Brasile, inoltre, rientra nella rosa dei cinque Paesi BRICS (con Russia, India, Cina e Sudafrica), termine coniato per identificare le grandi economie emergenti con alti tassi di crescita. Dal 2003, infatti, il Paese ha migliorato la propria stabilità macroeconomica, accumulando riserve straniere e riducendo il proprio debito pubblico. Tale processo di evoluzione e crescita, contraddistinto anche da tassi d interesse storicamente elevati, si è reso magnete per gli investimenti esteri, che hanno contribuito alla forte crescita del 2007 e 2008 e, dopo la battuta d arresto coincisa con due trimestri di recessione nel 2009, al +7,5% del 2010, il tasso più alto degli ultimi 25 anni. Nel 2011 e 2012 il Paese verde-oro ha continuato a crescere, ma su livelli più contenuti (rispettivamente +2,7% e + 1,3%) a causa delle misure restrittive prese dalla Banca Centrale per contrastare la crescente inflazione. Nel 2013 la crescita si è attestata a un +2,3%, mentre le previsioni per il biennio in corso vedono un +2,5% (2014) e un +2,1% (2015). Con i suoi quasi 200 milioni di abitanti, il Brasile si posiziona al primo posto tra i Paesi più popolosi dell America Latina e conquista la quinta piazza a livello mondiale. Le aree nelle quali si registra una maggiore densità demografica sono rappresentate dalla zona costiera e centro-meridionale, mentre più a Nord vi sono diversi territori nei quali la densità è più contenuta. Il Paese è stato, ed è tutt ora, al centro di importanti cambiamenti da un punto di vista delle infrastrutture, che hanno portato alla realizzazione di numerose grandi opere e il cui percorso non è ancora concluso. La vivacità sotto tali punti di vista è da ricercare non solo nella necessità di adeguare le strutture del Paese a un economia in espansione, ma anche all assegnazione dei campionati mondiali di calcio, svoltisi nell anno appena trascorso, e dei giochi olimpici di Rio de Janeiro, in programma nel 2016, eventi che hanno comportato notevoli investimenti in determinati settori e che tutt oggi vedono il coinvolgimento di ingenti capitali, i quali si sono tradotti, e stanno continuando a tradursi, in opere infrastrutturali, costruzioni, potenziamento, ristrutturazione all interno del Paese, al fine di riuscire a rendere le strutture ricettive in linea con le esigenze che si andranno a profilare nell immediato futuro. 14

15 In riferimento agli ambiti di specifico interesse per Azienda Demo 1, è possibile fare diverse considerazioni, su fronti differenti, in modo da inquadrare come si configura il settore relativo a pasta della carta, carta e cartone in Brasile. Un importante riflessione può essere fatta, innanzitutto, nel momento in cui andiamo a considerare la relazione commerciale esistente tra Brasile e Italia. Nel 2013 le esportazioni nostrane verso il territorio brasiliano hanno fatto registrare un incremento dell 1,9% e il Belpaese si configura come uno dei maggiori investitori nella nazione verde-oro. Scendendo a un maggior livello di dettaglio, è possibile focalizzare l analisi sulle esportazioni italiane di macchinari del settore della grafica e della cartotecnica dall Italia al Brasile. Prendendo in esame i dati riportati da ACIMGA - Associazione Costruttori Italiani Macchine per l Industria Grafica, Cartotecnica, Cartaria, di trasformazione e affini -, si rileva come, dopo una contrazione nel 2011 che ha fatto registrare un -4,9% per quanto concerne l intero mercato dell America Latina, le esportazioni di macchinari italiani del settore sono progressivamente risalite, grazie soprattutto ai macchinari per la cartotecnica e a quelli per il converting. L area brasiliana ha mostrato alcune flessioni per quanto riguarda le importazioni del comparto, ma l Italia si configura ancora come uno dei maggiori fornitori del Brasile in tali ambiti. In particolare, i macchinari per il converting sono quelli che hanno permesso di registrare l incremento maggiore: +7% rispetto all anno precedente. È comunque doveroso ricordare come, mentre la variazione tra 2010 e 2011 ha permesso di registrare un +70% nelle esportazioni, nel periodo 2011/2012 il trend non ha mantenuto i medesimi risultati positivi, mettendo a segno una performance decisamente negativa (-36%), la quale va a compensare l enorme crescita dell anno precedente. Tali valori sono tuttavia riconducibili all intero comparto dei macchinari destinati a essere impiegati nel settore della carta. Andando, infatti, ad analizzare lo specifico codice HS fornito dall Azienda, si osserva come nel triennio , il valore del relativo export dall Italia al Brasile sia notevolmente cresciuto: nel 2010 si attestava a 2,9 milioni di dollari, nel 2012 a 10,4 milioni, risultando, dunque, oltre tre volte superiore rispetto al primo dato in esame. Non si può, infatti, non notare alcune evidenze che contribuiscono a sottolineare l importanza del Paese in riferimento allo specifico comparto relativo a pasta della carta, carta e cartone. Questo perché il Brasile si posiziona ai primi posti in relazione alla produzione di pasta, carta e cartone, collocandosi anche tra i maggiori Paesi esportatori di tali tipologie di materiali. In particolare, se si considera la sola produzione di carta e cartone, il ranking riportato a seguire rende possibile capire come si posizionano e quanto producono le varie nazioni. Come si nota, il Brasile si colloca al nono posto, risultato ragguardevole se si considera che si tratta di un economia in via di sviluppo e in un settore ove il focus principale è concentrato su Cina e Stati Uniti. In questi primi Paesi, le realtà emergenti che è possibile riscontrare sono proprio Cina, Brasile e Indonesia. Secondo le stime riportate, risalenti al 2011, la quota di queste produzioni appannaggio del Brasile risulta in crescita del 2,5%. È stato, inoltre, possibile rilevare come si sia verificato un aumento ulteriore nel corso del 2012, tanto da far registrare un nuovo balzo in avanti del 3% rispetto ai dati esaminati del

16 2011 Paese Produzione 2011 (1.000 ton) Quota Cina ,9% 2 Stati Uniti ,8% 3 Giappone ,7% 4 Germania ,7% 5 Canada ,0% 6 Sud Corea ,9% 7 Finlandia ,8% 8 Svezia ,8% 9 Brasile ,5% 10 Indonesia ,5% Mondo ,0% Prendendo in esame altri utilizzi che vengono fatti di legname e derivati, è possibile citare le statistiche elaborate dalla FAO (Food and Agriculture Organization of United Nations), le quali considerano i principali Paesi produttori di beni derivanti dallo sfruttamento delle foreste. Come si nota, grazie alla grande disponibilità di legname, il Brasile compare tra le prime posizioni in quasi tutte le categorie riportate, non solo per quanto concerne la produzione di carta e cartone, ma anche in riferimento alla realizzazione di pasta per la carta, tra le altre. Di seguito vengono elencati i dati rilevati: Combustibili lignei: India (16%), Cina (10%), Brasile (8%), Etiopia (6%), Congo (4%); Legname per industria: Stati Uniti (19%), Brasile (9%), Canada (9%), Cina (9%), Federazione Russa (8%); Segatura: Stati Uniti (16%), Cina (13%), Canada (10%), Federazione Russa (8%), Brasile (6%), Germania (5%), Svezia (4%); Pannelli di legno: Cina (39%), Stati Uniti (11%). Federazione Russa (4%), Germania (4%), Canada (4%), Brasile (3%), Polonia (3%), Turchia (3%); Pasta per carta: Stati Uniti (28%), Cina (10%), Canada (9%), Brasile (8%), Svezia (6%), Finlandia (6%), Giappone (5%), Federazione Russa (4%), Indonesia (4%), Cile (3%); Recupero carta: Cina (22%), Stati Uniti (21%), Giappone (10%), Germania (7%), Corea (4%), Regno Unito (4%); Carta e cartone: Cina (26%), Stati Uniti (19%), Giappone (7%), Germania (6%), Brasile (3%), Svezia (3%), Corea (3%), Canada (3%), Finlandia (3%), India (3%), Indonesia (3%). Secondo le statistiche riportate da The Brazilian Pulp and Paper Association (Bracelpa), nel 2012 la produzione di pasta per la carta e carta è aumentata rispettivamente del 7,3% e dell 1,6% rispetto all anno precedente. Da gennaio a dicembre sono stati prodotti 15 milioni di tonnellate di pasta per carta e 10,4 di carta. Sulla base di tutte queste riflessioni possiamo comprendere come il Paese si configuri quale importante meta verso la quale orientare i flussi di macchinari destinati al comparto, per il quale sono previsti ulteriori incrementi nei prossimi anni. Nel momento in cui si vanno ad analizzare le tipologie di prodotto proposte da Azienda Demo 1 è possibile focalizzare l attenzione su uno specifico settore nel quale trovano applicazione le produzioni dell Azienda in esame. Dal questionario è stato possibile rilevare come i prodotti Azienda Demo 1 siano indirizzati a scatolifici e cartotecniche, ambiti dai quali escono diverse tipologie di prodotti. Al fine di orientare l analisi, si ritiene 16

17 utile individuare un comparto specifico nel quale vadano a immettersi tali produzioni, ovvero il mondo del packaging. Il tema legato al packaging è molto ampio e comprende una vasta serie di sotto-settori. Questo perché moltissimi prodotti vengono venduti inscatolati al pubblico e, a loro volta, tali involucri vengono inseriti in altri imballi per il trasporto, creando una sorta di matrioska di imballaggi. Per comprendere quanto siano importanti per un Paese gli imballaggi, è sufficiente guardare a tutta una serie di elementi a essi correlati: maggiore sarà la domanda di merci, il commercio con l estero, l intensità delle spedizioni, i sistemi legati alla logistica e al trasporto in generale, tanto più gli imballaggi si configureranno come di rilievo, poiché contenitori indispensabili per effettuare gli scambi. Da questo punto di vista il Brasile si colloca in una posizione di rilievo, soprattutto grazie all incrementale dinamicità che sta caratterizzando il suo tessuto industriale. Quando si parla di packaging si fa riferimento a un ampio insieme di materiali: da carta e cartone (i più utilizzati, costituiscono il 34% del totale del mercato), alla plastica rigida (27%), ad altri materiali come legno, vetro, ecc., che presentano quote decisamente inferiori. I grafici sopra riportati mettono in evidenza, da un lato, le quote di mercato dei materiali utilizzati per il packaging e, dall altro, le principali destinazioni: in merito al primo aspetto, gli imballaggi per il cibo sono al primo posto (51%). Tuttavia, mentre per alcuni prodotti è possibile fare a meno dell involucro esterno - si pensi, ad esempio, a frutta e verdura, o ad alcune tipologie di attrezzature -, la maggior parte dei prodotti è contenuto in qualche tipologia di imballo non solo alla vendita al consumatore finale, ma anche per quanto concerne il trasporto. Da ciò si può dedurre come vi sia un ampio utilizzo di imballaggi secondari e terziari, in particolare questi ultimi, utilizzati per la spedizione delle merci. La maggior parte delle spedizioni avviene, infatti, per mezzo di scatole in cartone. Secondo le stime, il Brasile rappresenta la settima economia a livello mondiale per quanto concerne il comparto del packaging, dietro ad altre realtà emergenti come Cina e India, ma davanti alla Federazione Russa. La crescita del comparto è legata anche alla forte espansione dovuta agli eventi sportivi ai quali si è fatto riferimento in apertura del paragrafo, poiché manifestazioni che in qualche modo stanno contribuendo a dare una spinta ai consumi, portando a un incremento dell utilizzo di tutto il mondo del packaging. In particolare, l industria degli imballaggi muove complessivamente un ammontare di 500 miliardi di dollari, mentre il Brasile da solo contribuisce per oltre 21 miliardi. Le stime vedono un incremento a oltre 33 miliardi di dollari entro il 2016 per un industria che nel Paese, direttamente o indirettamente, occupa circa persone. 17

18 In riferimento ai macchinari finalizzati al mondo del packaging, è possibile fare alcune considerazioni sullo stato del mercato e sulla domanda derivante dal Brasile. In particolare, è previsto che la domanda di queste tipologie di macchinari supererà i 41 miliardi di dollari entro il 2017, facendo registrare un aumento del 4,6% annuale. La domanda sarà originata principalmente dai Paesi asiatici (21% del totale), i quali vedranno una crescita annuale di circa il 5,7%, seguiti dal Centro e Sud America, aree nelle quali si prevede un importante incremento nell utilizzo di imballaggi, grazie all aumento degli acquisti legati in particolare ad alcuni comparti, come farmaceutico e cosmetico. Un altro ambito che è possibile considerare nel momento in cui si prendano in esame prodotti riconducibili ai comparti in discussione, riguarda l industria del libro. Questo perché, sulla base di quanto rilevato dal questionario, le produzioni Azienda Demo 1 sono ricollegabili anche al comparto della legatoria. Il Brasile risulta in 19ª posizione a livello mondiale per quanto concerne la pubblicazione di nuovi titoli e riedizioni (oltre 57 mila nel 2012), in costante crescita considerato il continuo miglioramento delle condizioni di vita nel Paese. Nel 2012 i libri prodotti sul territorio brasiliano sono stati più di 485 milioni, per un totale di oltre 1,85 miliardi di dollari, facendo registrare un +3,04% rispetto all anno precedente. Inoltre, al contrario di altri Paesi dove l elettronica è molto diffusa, il Brasile è ancora in uno stadio embrionale per quanto riguarda il mondo degli e-book, il quale rappresenta a malapena lo 0,5% del mercato totale. Secondo le stime, inoltre, i brasiliani acquistano circa 2,3 libri a testa, ammontare ben distante dalla media europea o statunitense. Questo è legato alle problematiche del sistema educativo (nel 2011 oltre il 20% della popolazione era ancora analfabeta), anche se la situazione sta progressivamente cambiando, come accade in molte delle economie emergenti. Presumibilmente, con il miglioramento degli standard di vita e un progressivo avanzamento del sistema Paese, anche tale aspetto andrà allineandosi con i dati dei Paesi sviluppati. Manifestazioni di settore Una volta vagliate le opportunità offerte dal Paese per l Azienda in esame, è ora il caso di proporre alcune riflessioni in merito all importanza di prendere parte a eventi fieristici e a come questo possa influire nello sviluppo del business. Si sottolinea come, per un azienda, la partecipazione a fiere si dimostri utile soprattutto per sondare il terreno nel quale si desidera espandere il proprio business. L adesione a questi eventi consente di constatare, ad esempio, la presenza di nuovi trend e di prodotti innovativi, le caratteristiche dei competitor ed eventuali cambiamenti nel mercato, ovvero tutta una serie di elementi che aiutano ad avere un idea più definita in merito alle peculiarità del settore nell area selezionata. È bene ricordare, tuttavia, che prendere parte alle fiere assume un significato nel momento in cui si tratta di un azione inclusa in un progetto più ampio, strutturato in modo puntuale, che dunque permetta di poter analizzare con occhio critico le informazioni raccolte, le quali possono aiutare a pianificare eventuali passaggi successivi. Alla luce di tale constatazione, è possibile notare come siano molteplici le manifestazioni legate ai settori precedentemente esaminati. In particolare, alcune fiere di potenziale interesse per Azienda Demo 1 sono: ExpoPrint Latin America - International Prepress, Printing and Converting Expo, , San Paolo; Digital Image&Print South America, , San Paolo; Forestal&Biomassa, , Lages - Santa Caterina. 18

19 Informazioni utili e business etiquette Operare in un Paese estero significa interfacciarsi con una cultura che può essere anche sensibilmente diversa rispetto a quella alla quale siamo abituati, rendendo, di fatto, più complesso gestire le relazioni e le dinamiche del business. Non è sempre facile, infatti, comprendere l atteggiamento delle persone e nel momento in cui si entra in contatto con individui facenti parte di un altra comunità è necessario prestare attenzione ai comportamenti, poiché, se errati, potrebbero compromettere la buona riuscita del business. Alcuni esempi per quanto concerne le caratteristiche proprie della business etiquette in Brasile sono riportati di seguito: Gli uomini di business brasiliani sono abituati a lunghe strette di mano e prolungato contatto visivo con l interlocutore; Alla fine di un incontro è considerata buona educazione procedere a stringere la mano e salutare tutti i presenti in modo consono; Nel momento in cui si organizza un meeting con un azienda brasiliana, è sempre opportuno specificare i temi che verranno trattati ed è probabile che venga richiesto di fornire alcuni dettagli in merito, in modo da chiarire le finalità dell incontro; È buona educazione iniziare un appuntamento partendo da alcuni discorsi di poca importanza, al fine di creare un ambiente favorevole alla conversazione e allo scambio di idee; Usanza nel sistema di business brasiliano è scambiarsi i biglietti da visita al momento della presentazione, quando ci si stringe la mano; Di rilievo per una controparte straniera è verificare come vengono strutturate le ferie, in quanto in determinati periodi dell anno, come la settimana di carnevale, molte attività vengono totalmente sospese; Può essere utilizzato il nome proprio per riferirsi a una persona, ma i titoli sono molto importanti, per cui è bene usarli e far comprendere alla controparte che gli si riconosce un certo ruolo; Alcuni buoni argomenti di conversazione sono rappresentati da calcio, famiglia e bambini, mentre inopportuni, quindi da evitare, sono considerati i discorsi su politica, povertà, religione e Argentina. 19

20 Sezione 2: Raccomandazioni Raccomandazioni Senza un impegno chiaro e condiviso ci sono sole promesse e speranze ma non piani. P. Drucker Definito il mercato di destinazione per i prodotti dell Azienda, va individuato in via preliminare l approccio all internazionalizzazione più adatto, tenendo conto delle caratteristiche aziendali interne e delle specificità del settore di riferimento. Vanno poi messe in evidenza le maggiori criticità del progetto, assieme a un analisi dei rischi relativi al Paese, e viene poi consigliato un percorso strategico di massima per lo sviluppo commerciale dell Azienda. In questo modo, vengono gettate le basi per il progetto d internazionalizzazione vero e proprio, il quale verrà accuratamente delineato in una seconda fase, tenendo opportunamente conto delle criticità rilevate e delle principali peculiarità del contesto esaminato. In questa prospettiva le presenti raccomandazioni risultano cruciali come trait d union tra la selezione del mercato più adeguato per l attività aziendale e il portfolio prodotti corrispondente, da un lato, e la definizione del progetto transfrontaliero in termini di obiettivi, strategia e metodi d implementazione, dall altro. Raccomandazioni preliminari Innanzitutto andrà identificata la tipologia d internazionalizzazione maggiormente in linea con le risorse interne dell Azienda oggetto d analisi, compatibilmente col mercato di destinazione e le relative peculiarità. Un progetto risulterà efficace, infatti, solo se tarato in modo chiaro e preciso sulle effettive possibilità dell Azienda stessa, in termini di competenze, struttura organizzativa interna, volumi d affari ed esperienze passate d internazionalizzazione. In questo caso, alla luce delle ridotte dimensioni interne e di un livello di fatturato non elevato in relazione alle prospettive d internazionalizzazione, si consiglia un approccio cauto e graduale alla penetrazione commerciale del mercato di destinazione. Le precedenti esperienze d internazionalizzazione vissute, infatti, non garantiscono la possibilità d investimenti eccessivamente consistenti per l Azienda, alla quale si consiglia, dunque, un approccio light nella forma di un ingresso tendenzialmente mediato sul mercato di sbocco. In particolare, vista la specificità dei prodotti offerti da Azienda Demo 1, si valuta opportuno procedere all individuazione di clienti direzionali ai quali proporre direttamente le produzioni aziendali, prevedendo una fase di iniziale mappatura e successivo monitoraggio, per procedere poi con la promozione dell Azienda stessa e l avvio di relazioni commerciali con i soggetti locali maggiorente interessati e interessanti nell ottica aziendale. L identificazione dei clienti dovrà necessariamente passare attraverso un adeguata mappatura del mercato stesso, al fine di comprendere lo stato attuale degli operatori all interno di esso e poter vagliare le opportunità, anche sulla base dei riscontri raccolti in seguito alla fase di promozione. L Azienda dovrebbe essere in grado di attivare un primo approccio orientato a promuovere adeguatamente la propria realtà ai potenziali clienti, cercando di trasmettere nel miglior modo possibile l immagine aziendale, al fine di consentire ai potenziali interlocutori di cogliere le specificità tecniche dei prodotti proposti da Azienda Demo 1, comprendendone i plus offerti e descrivendone le particolarità, facendo nel contempo emergere i vantaggi derivanti dall acquistare un prodotto Azienda Demo 1. 20

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Esportare la dolce vita Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Il rapporto è stato realizzato da: Alessandro Gambini, Manuela Marianera, Luca Paolazzi (Centro

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli