Manuale operativo degli standard di stima immobiliare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale operativo degli standard di stima immobiliare"

Transcript

1 NORMOTECNICA Manuale operativo degli standard di stima immobiliare ABC per l utilizzo degli standard internazionali di stima Graziano Castello

2 QUESTO EBOOK È UN'ANTEPRIMA GRATUITA Per ordinare la versione integrale utilizzare il link SHOPWKI.it o rivolgersi all agente di zona PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA 2013 Wolters Kluwer Italia S.r.l Strada I, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) ISBN: Il presente file può essere usato esclusivamente per finalità di carattere personale. I diritti di commercializzazione, traduzione, di memorizzazione elettronica, di adattamento e di riproduzione totale o parziale con qualsiasi mezzo sono riservati per tutti i Paesi. La presente pubblicazione è protetta da sistemi di DRM. La manomissione dei DRM è vietata per legge e penalmente sanzionata. L elaborazione dei testi è curata con scrupolosa attenzione, l editore declina tuttavia ogni responsabilità per eventuali errori o inesattezze.

3 INDICE INTRODUZIONE... pag. 1 parte i: richiami base degli standard estimativi 1. IL VALORE...» Estimo come scienza metodologica del valore...» Prezzo e valore...» Il valore nel mercato...» I livelli di mercato e il valore...» Livello edilizio...» Livello immobiliare...» Livello reddituale...» Livello speculativo...» percorsi DI STIMA...» Paradigmi, postulati e criteri di stima...» Primo postulato: postulato del valore...» Secondo postulato: postulato della previsione...» Terzo postulato: postulato della permanenza delle condizioni...» Quarto postulato: postulato dello scopo...» Quinto postulato: postulato dell ordinarietà...» Criteri di stima...» Criterio di stima fondamentale: il valore di mercato...» Criterio di stima fondamentale: il valore di costo...» Criterio di stima: il valore di trasformazione...» Criterio di stima: il valore complementare...» Criterio di stima: il valore di sostituzione o di surrogazione...» Criterio di stima: il valore di accumulo dei redditi futuri...» Metodi di stima...» Ricerca del tasso di capitalizzazione...» Metodo elementare di calcolo del tasso di capitalizzazione...» Metodo di ricerca remota del tasso di capitalizzazione...» Metodo della media aritmetica valutazioni del tasso di capitalizzazione...» Metodo della sommatoria delle componenti del tasso di capitalizzazione...» Metodo del rapporto tra costi dell abitare e tasso di capitalizzazione...» Metodo di calcolo attraverso l equivalenza dei tassi...» 43 III

4 Manuale operativo degli standard di stima immobiliare 3. approcci DI STIMA... pag Metodi orientati al mercato (Market Approach MA)...» Stima per Market Comparison Approach...» Stima per apprezzamenti e detrazioni...» Sistema generale di stima...» Metodi orientati al costo (Cost Approach CA)...» Metodo ibrido indiretto...» Computo metrico estimativo...» Metodi orientati al reddito (Income Approach IA)...» Direct capitalization...» Yeld capitalization...» Discounted cash flow analisys...» UNITÀ DI MISURA E NOMENCLATORI...» La misurazione e le unità di misura...» Le scale di misura e i nomenclatori...» I RAPPORTI TRA GRANDEZZE ESTIMATIVE ED ECONOMICHE...» I rapporti mercantili...» I rapporti strumentali...» 70 parte ii: operazioni valide per tutti i metodi 6. la CONSISTENZA...» La consistenza nel residenziale...» Stima per apprezzamenti e detrazioni...» Stima per MCA...» La consistenza nel terziario...» La consistenza nel commerciale...» La consistenza nell industriale...» Il rapporto tra popolazione e campione...» le FONTI DISPONIBILI...» La classificazione delle fonti d informazione...» Le fonti dirette...» Fonti dirette mercantili...» Fonti dirette strumentali...» Le fonti indirette...» Fonti indirette strumentali...» Fonti indirette mercantili...» 126 parte iii: valutazioni con approccio al mercato 8. la STIMA PER MCA...» La stima per mca spiegata senza formule...» 131 IV

5 Indice 8.2 Stima di un appartamento... pag Stima per MCA...» Esame della caratteristica: superficie...» Esame della caratteristica: data del contratto...» Esame della caratteristica: livello di piano...» Esame della caratteristica: stato di manutenzione generale...» Esame della caratteristica: orientamento prevalente...» Esame della caratteristica: affacci...» Esame della caratteristica: stato di manutenzione elementi...» Esame della caratteristica: grado estetico elementi...» Analisi dei prezzi marginali, differenziali e corretti...» Riconciliazione della stima...» Verifiche di stima...» Stima delle pertinenze...» Stima di un ufficio...» Esame della caratteristica: data del contratto...» Esame della caratteristica: superficie commerciale...» Esame della caratteristica: livello finiture...» Esame della caratteristica: dotazione d impianti...» Esame della caratteristica: funzionalità complessiva...» Esame della caratteristica: dotazione media di parcheggi...» Analisi dei prezzi marginali, differenziali e corretti...» Riconciliazione della stima...» Verifiche della stima...» Stima di un negozio...» Esame della caratteristica: data del contratto...» Esame della caratteristica: superficie commerciale...» Esame della caratteristica: livello di attrazione...» Esame della caratteristica: qualità del front shop...» Esame della caratteristica: centralità...» Analisi dei prezzi e verifica della stima...» Valutazione dell avviamento commerciale...» Stima immobiliare di un bene produttivo...» Esame della caratteristica: data del contratto...» Esame della caratteristica: superfici industriali...» Esame della caratteristica: grado efficienza degli impianti...» Esame della caratteristica: struttura portante...» Esame della caratteristica: vicinanza strategica...» Analisi dei prezzi marginali, differenziali e corretti...» Riconciliazione della stima e verifiche...» sistema GENERALE DI STIMA...» Il sistema generale di stima in breve...» Stima di un appartamento...» Stima di un ufficio...» 243 V

6 Manuale operativo degli standard di stima immobiliare 9.4 Il sistema delle differenze... pag Il sistema misto: MCA e sistema generale di stima...» la STIMA PER APPREZZAMENTI E DETRAZIONI...» La stima per apprezzamenti e detrazioni in breve...» Stima di un appartamento...» Stima di un ufficio...» Stima di un negozio...» Stima di un bene produttivo immobiliare...» 349 parte iv: valutazioni con approccio al costo 11. le STIME CON APPROCCIO AL COSTO...» Le stime con approccio al costo in breve...» Computo metrico estimativo...» Stima del costo di costruzione per computo metrico...» le STIME DELLE AREE FABBRICABILI...» Stima di un area fabbricabile...» Stima delle aree fabbricabili a valore di trasformazione...» Valore fiscale di un area fabbricabile...» Il metodo diretto o per comparazione...» Metodo del valore medio dei beni edificabili...» Stima dell indice di edificabilità...» LE STIME DEI DEPREZZAMENTI...» I vari deprezzamenti in breve...» Il deprezzamento lineare e non lineare del valore...» Costo di riproduzione deprezzato...» Costo di sostituzione...» Stima del deprezzamento funzionale del reddito...» Deprezzamento funzionale temporaneo...» Deprezzamento funzionale del valore per mancato completamento...» Stima del deprezzamento economico del reddito...» Deprezzamento economico per unità residenziale occupata...» Deprezzamento economico per la presenza di abusi edilizi...» Deprezzamento economico cauzionale o prudenziale...» 394 VI

7 Indice parte V: valutazioni con approccio al REDDITO 14. LA STIMA PER CAPITALIZZAZIONE DIRETTA DEL REDDITO... pag Stima di un appartamento...» Stima di un parcheggio a pagamento...» Stima di un ufficio...» Stima di un negozio...» Stima di un terreno agricolo e dell azienda agraria...» I dati del bilancio agrario...» Determinazione della PLV...» Determinazione delle spese complessive...» Stima di terreno destinato a colture erbacee avvicendate a rotazione regolare su un unico appezzamento...» Stima di terreno destinato a colture erbacee avvicendate a rotazione regolare su più lotti di un unico appezzamento...» Stima di grande terreno destinato a colture erbacee a rotazione libera...» Stima di terreno destinato a coltura specializzata per il pascolo...» Stima di terreno destinato a coltura specializzata a prato...» Stima di terreno destinato a coltura specializzata a risaia...» Stima di terreno destinato a coltura... specializzata a orto...» Stima dei terreni incolti...» Valutazione dell avviamento di un azienda agraria...» Determinazione del tasso di capitalizzazione...» Stima di un industria in base al reddito...» Calcolo del tasso di capitalizzazione...» Stima di un albergo (sistema misto)...» L Income Multiplier Hotel...» Stima di un cinema o teatro...» 460 Bibliografia essenziale...» 467 Fonti statistiche...» 468 Sitografia essenziale...» 469 VII

8

9 INTRODUZIONE Questo testo non vuole proporsi come il solito libro operativo di stime dove sono riportate numerose valutazioni eseguite da altri. Non vuole, dunque, essere un libro di esempi di stime da conservare e dimenticare nello scaffale del proprio studio e da consultare solamente per copiare il caso contingente. Il libro vuole, invece, riprendere i vari standard estimativi con l aggiunta di qualche metodo più consono alla realtà del mercato immobiliare italiano e che comunque non infici la validità dell impianto standardizzato proposto dalla comunità internazionale degli studiosi di valutazione. Il libro vuole riprendere questi standard spiegandone la loro applicazione pratica in base alle varie tipologie estimative e, dove possibile, fare anche un esempio numerico concreto a latere della spiegazione. Solo in questo modo si ritiene possa davvero essere realizzato un vero ABC degli standard immobiliari, caratterizzato da un percorso didattico applicato e non generalizzato, differentemente dai libri puramente istituzionali. Nel testo non ci si perde, dunque, in dimostrazioni matematiche del perché si compiono particolari procedure e anche le spiegazioni logiche sono ridotte ai concetti essenziali per capire il nocciolo del procedimento. Le formule sono ridotte proprio all essenziale e proposte solo dove queste rappresentano comunque un aspetto operativo della valutazione. Si parte, dunque, dalla triade dei metodi di stima presi in considerazione dagli standard internazionali: la stima con approccio al mercato (Market Approach o brevemente MA), la stima con approccio al costo (Cost Approach o CA) e, infine, la stima con approccio al reddito (Income Approach o IA); per passare poi, successivamente, ad analizzare per ogni genere metodologico i vari procedimenti consigliati sempre dalla comunità internazionale. Il testo certamente si dilunga nell esame dei metodi con approccio al mercato poiché si ritiene che questi, oltre a rappresentare i procedimenti migliori ai fini di una valutazione a livello di mercato immobiliare, sono i più ricorrenti nella pratica professionale. In questo spirito il metodo approfondito nel dettaglio non poteva che essere, quindi, quello della Market Comparison Approach (MCA), vale a dire la stima con approccio alla comparazione di mercato. La stima con il metodo della MCA rappresenta, infatti, lo standard estimativo più utilizzato per la valutazione dei beni immobiliari offerti a garanzia di obbligazioni. Il suo successo, soprattutto nei paesi anglosassoni (ancorché stia velocemente penetrando anche nella cultura estimativa italiana), risiede nell affidare le proprie valutazioni a un procedimento meccanico che lascia, almeno apparentemente, poco spazio alla valutazione soggettiva del perito e si rimette soltanto a prezzi di mercato e non a valori di mercato elaborati da istituti del settore immobiliare. Il predetto metodo, tuttavia, presenta molte difficoltà in merito al reperimento delle fonti d informazione considerata la poca trasparenza del nostro mercato. Per ovviare al problema abbiamo, quindi, cercato di fornire un sistema razionale per utilizzare comunque tale metodo anche nel nostro paese e di affiancarlo a un metodo più tradizionale e più facilmente adattabile alla realtà di mercato italiana: 1

10 Manuale operativo degli standard di stima immobiliare il metodo di stima per apprezzamenti e detrazioni che abbiamo unilateralmente inserito negli standard italiani. Abbiamo, però, anche proposto dei modi per riuscire ad accedere ugualmente al sistema d informazioni del mercato immobiliari e utilizzare così, razionalmente il metodo per MCA. La poca trasparenza del nostro mercato, del resto, risulta evidente anche alle istituzioni che si occupano di valutazione, basti pensare che le linee guida dell A- BI, in tema di stima degli immobili offerti in garanzia su obbligazioni finanziarie, propongono come standard di stima nei procedimenti basati sulla comparazione di mercato: la stima per MCA, il sistema generale di stima e il metodo proposto dall Agenzia del Territorio. Se si tiene conto che il sistema generale di stima è un intuizione di nostri studiosi, che il metodo misto proposto dalla guida operativa dell Agenzia del Territorio non costituisce certo uno standard internazionale e, infine, che le difficoltà oggettive della stima per MCA sono molteplici, si comprende immediatamente come anche da parte della stessa ABI ci sia una consapevolezza della poca trasparenza del nostro mercato e di una diffusa generale difficoltà ad accedere a dei dati certi per la valutazione immobiliare. Noi abbiamo cercato di andare oltre queste difficoltà e di fornire dei metodi pratici, cercando di superare in modo operativo gli ostacoli concreti che si presentano nell eseguire una stima immobiliare e di fornire, così, al perito estimatore una strada per arrivare comunque in fondo al suo compito. Forse alcuni accorgimenti e, forse, persino qualche metodo (tipo la stima per apprezzamenti e detrazioni), faranno storcere il naso ai più puristi sostenitori degli standard internazionali. Tuttavia, questo è lo stato dell arte del mercato immobiliare nel nostro paese e se il fine di una stima è comunque avere un valore che si discosti il minimo possibile dal prezzo reale, specie se il bene immobiliare è concesso come garanzia di copertura per un esposizione finanziaria, riteniamo che non giovi a questo fine fare accademismi fini a se stessi. L essenziale è che ci sia sempre un rigore scientifico e le eventuali semplificazioni o scorciatoie siano dichiarate e ne sia valutata la loro ininfluenza o, meglio, la loro minima incidenza sul valore finale del bene oggetto di stima; il tutto in modo che questo sia distante il minimo possibile dal prezzo reale. Il testo dedica meno spazio al metodo con approccio ai costi, ancorché non sia completamente trascurato. Si tratta di una stima estremamente specializzata e che ha valore solo per beni strumentali sottratti al mercato degli immobili ed è, peraltro, anche molto tecnicistico il modo di pervenire a un costo. Il metodo di stima per costo di costruzione, in ogni caso, rappresenta un operazione professionale consueta per un progettista e non dovrebbe riservare difficoltà particolari averne una sua visione operativa. Il metodo con approccio ai redditi si perde meno nella descrizione del procedimento giacché si tratta sostanzialmente di operazioni di matematica finanziaria che ogni perito estimatore conosce. La capitalizzazione diretta, peraltro, prevede una semplice divisione del reddito per il tasso di capitalizzazione. Abbiamo, quindi, spostato l attenzione più sul modo di determinare quale sia il reddito netto e quale sia il tasso o saggio di capitalizzazione da adottare. Il testo vuole comunque essere un libro aperto, vale a dire un libro che si potrà eventualmente arricchire di nuovi esempi operativi di stima oggi trascurati. In quest ottica si chiede, dunque, al lettore di segnalare eventuali categorie di stima che ritiene meritino di essere prese in considerazione e far parte di questo ABC. 2

11 Parte prima Richiami base degli standard estimativi

12

13 1. IL VALORE Sommario: 1.1 Estimo come scienza metodologica del valore 1.2 Prezzo e valore 1.3 Il valore nel mercato 1.4 I livelli di mercato e il valore 1.1 ESTIMO COME SCIENZA METODOLOGICA DEL VALORE L estimo è una metodologia con impostazione scientifica perché utilizza i procedimenti propri della scienza, ma non è una scienza. Non lo è perché non estrae leggi estimative dall osservazione della realtà e le traduce in formule. Non ha una struttura di tipo deterministico. L estimo per funzionare ha sempre bisogno di un intervento, magari minimo, dell individuo. Non può esserci automatismo nel fare estimo. Anche gli stessi software che si occupano di stima e valutazioni possono essere utilizzati solo per mezzo di un azione individuale e non è sufficiente inserire i dati derivati dalle rilevazioni nelle caselle dello schermo. Per questo si dice che l estimo è una metodologia che agisce però, utilizzando degli apparati scientifici. L estimo ha come compito precipuo quello di dare un valore (e non un prezzo, ma vedremo dopo la differenza tra i due concetti) ai beni per i quali non c è una tale quantità di cessioni da poter recuperare i dati semplicemente facendo una ricerca di mercato. Se vogliamo sapere il prezzo di un mattone o di un automobile, è sufficiente telefonare a un paio di rivenditori della zona per avere subito un idea precisa di quale sia il loro prezzo. Questo perché mattone e automobile sono beni seriali, vale a dire prodotti in identici esemplari in quantità notevoli e per i quali è possibile fissare il prezzo di vendita. Per i beni non seriali, ma dal carattere unico o perlomeno fatto da pochi esemplari, il problema si complica di molto. Se i beni sono oggetto di trattative sporadiche, o persino uniche, è impossibile rilevare un comportamento univoco tra acquirente e venditore. Lasciamo correre gli immobili per il momento e pensiamo a un quadro, come si fa a dare una valutazione di un quadro rilevando l andamento delle contrattazioni reali relative a quel quadro se le contrattazioni, ammesso che ci siano state, sono dilatate nel tempo da non essere attuali? È possibile solo ipotizzare un valore attraverso una quotazione da parte di un esperto. In questo caso entra in gioco l estimo. L estimo però, come detto, non fissa un prezzo per il bene da stimare perché il prezzo, come vedremo, discende solo da trattative reali di mercato già concluse. L estimo fissa un valore il quale rappresenta solo il più probabile prezzo Natura dell attività estimativa Finalità 5

14 Richiami base degli standard estimativi di mercato. Il valore si fissa, dunque, sul piano estimativo, mentre il prezzo si fissa sul piano economico. Definizione di estimo Si definisce estimo la valutazione del valore di un bene attraverso la quantità di valore nota di un altro bene. Campo di applicazione Stima di beni immobili Il bene descritto nella definizione è da intendersi in misura molto generale e, quindi, non solo inteso ai beni immobiliari (anche se questo testo è, in effetti, dedicato a questi). I beni stimabili dall estimo possono anche essere diritti, danni, impatti, sacrifici e qualsiasi generica entità avente un incidenza positiva o negativa sull economia di un individualità. Individualità che potrà essere rappresentata da una società o da una persona fisica. Dalla definizione data possiamo anche dedurre che la quantità di valore nota può anche definirsi come prezzo, giacché come vedremo a breve il prezzo, quale entità economica di misurazione, rappresenta proprio questo. Possiamo anche precisare che la definizione è volutamente astratta per essere generalizzabile il più possibile, ma appare del tutto ovvio che la quantità di valore di un altro bene, non trovandoci più ormai da tempo immemorabile in una società del baratto, sarà data dalla misura universale di riferimento di ogni scambio e cioè, il denaro. Volendo, quindi, potremmo restringere la definizione al nostro campo di studi oggetto del presente testo alla seguente: Definizione di estimo immobiliare Si definisce estimo immobiliare la valutazione del valore di un asset riferito agli immobili attraverso la previsione del suo prezzo più probabile. La definizione di estimo immobiliare rappresenta, dunque, il primo degli standard pratici da assimilare e che andremo a esaminare nel corso del presente testo. 1.2 PREZZO E VALORE Formazione del prezzo Il prezzo rappresenta la quantità di valore assegnata a un bene a conclusione una trattativa di mercato tra due parti delle quali una è interessata a cedere il bene e l altra ad averlo in via definitiva o provvisoria. Parliamo di acquisizione in via definitiva o provvisoria per far rilevare che un bene nel senso precisato al paragrafo precedente non necessariamente è ceduto in via definitiva e, pertanto, acquistato, ma può anche essere ceduto in via provvisoria per un certo periodo e poi tornare nella disponibilità del proprietario originario. Definizione di prezzo Si definisce prezzo la quantità di valore assegnata a un bene ed espressa in moneta a conclusione di una trattativa di mercato per commisurare il trasferimento definitivo o provvisorio del bene medesimo. 6

15 Capitolo 1 - Il valore Il prezzo è, quindi, un entità per misurare un valore. Valore che vedremo in seguito come si forma nei confronti di un bene immobiliare. Valore assegnato a un bene dopo un interazione di mercato conclusa tra due soggetti e dove si è trattata la cessione del bene in via definitiva o provvisoria. La misura di questo valore rappresenta la quantità di denaro, quale controprestazione per il bene ceduto, che ha corrisposto o corrisponderà periodicamente il beneficiario della cessione del bene al cedente. Si tratta, dunque, di una misurazione e non di una valutazione perché il prezzo è storicamente un fenomeno già avvenuto, è stato già fissato. Si tratta semplicemente di un operazione eseguita ex post alla formazione del prezzo medesimo per normale quantificazione, in questo caso monetaria. Il prezzo è, pertanto, un entità economica perché misurabile osservabile e scientificamente trattabile in maniera immediata. Il prezzo appartiene alla sfera dell economia e non a quello dell estimo, per cui ogni volta che si parlerà di prezzo si farà sempre riferimento a una quantità osservata e osservabile direttamente sul mercato, vale a dire un fenomeno concluso osservabile e misurabile con immediatezza (direttamente). Ci soffermiamo per un attimo sul concetto di valore, che ricordiamo ancora una volta va assolutamente distinto dal prezzo. Il valore rappresenta il concetto fondativo di tutta la materia estimativa e saperlo distinguere dal prezzo, che a sua volta rappresenta il fondamento del mercato nel settore dell economia, appare come uno dei principi di apprendimento basilari. Il valore rappresenta una percezione, cioè una sensazione mentale e corporale propria del singolo, attraverso la quale attribuiamo un significato migliore o peggiore a un qualcosa. Il valore è sempre legato al concetto di positività dell entità cui ci si riferisce. La percezione è, dunque, propria del singolo, dell individuo. Tuttavia esiste anche una percezione comune detta, appunto, senso comune, che s innesta nella percezione di ogni individuo in maniera più o meno preponderante. Maggiore sarà l aderenza per un maggiore numero d individui rispetto a un fenomeno e tanto più grande sarà il livello qualitativo e quantitativo del valore percepito. Grandezza economica di misura Valore come percezione, giudizio Definizione di valore Si definisce valore la forza di orientamento del senso positivo nei confronti di un bene. Il valore non è una misurazione, ma la formulazione interiore o esplicita di un giudizio. 1.3 IL VALORE NEL MERCatO Il valore è un concetto essenziale per l estimo che meriterebbe una trattazione esclusiva. Tuttavia per ragioni di spazio in un testo dichiaratamente operativo possiamo solo limitarci ai concetti essenziali e che delimitano i confini della materia. Il valore rappresenta la percezione quantitativa e qualitativa da parte del singolo di un entità positiva. E la positività di tale percezione assume quantità e qualità superiore o inferiore in base alla preponderanza del senso collettivo in- Contenuti sensoriali della percezione 7

16 Richiami base degli standard estimativi Senso collettivo e sistema culturale Giudizio di valore, formulazione Fasi della percezione nestato nell esperienza del singolo. In termini generali si può dire che un entità di qualsiasi specie assume un valore maggiore quando è comunemente più alta la percezione del senso di questa entità. Possiamo, quindi, affermare che il valore è la misura del riconoscimento del senso. Il valore è un concetto soggettivo influenzato dal senso collettivo. La misura del valore, come ogni misurazione, aumentandone all infinito le prove sui campioni, si approssima a un valore normale il cui discostamento tende a zero. La misura del valore normale se espressa quantitativamente con un valore monetario equivale al più probabile prezzo di mercato del bene che si avrebbe in una trattativa ordinaria. Il senso collettivo, nella sua moderna accezione, è derivazione del sistema culturale dal quale proviene, ne deriva, dunque, che anche il valore, essendo una misura di riconoscimento del senso, sarà riferito a questo sistema culturale. Il senso collettivo, tuttavia, è soltanto un astrazione intellettuale che s innesta nell esperienza del singolo osservatore e, quindi, anche nel sistema culturale dell individuo e che influenza, dunque, la percezione dello stesso senso collettivo. Nell estimo, per attribuire una misura affidabile del riconoscimento del senso collettivo, è necessario costruire, dunque, un sistema culturale all interno del quale la percezione sia unanimemente riconoscibile. Per ottenere un sistema culturale preciso e inequivocabile è pertanto indispensabile individuare e definire le finalità del riconoscimento del valore e, conseguentemente, modellare l esperienza dell osservatore all interno dei confini dello scopo predetto. Arrivare a stabilire il valore di un entità comunemente percepibile non è un operazione di misurazione. Fissare il valore è possibile solo attraverso un giudizio. Nella fattispecie un giudizio di valore. Il giudizio di valore opera a livello di percezione nell estimatore, e questa si manifesta in diverse maniere, dalla più superficiale a quella più profonda. La percezione normalmente avviene attraverso quattro fasi: prima fase della percezione oggettiva, vale a dire che la comprensione di un oggetto o entità qualsiasi attraverso un rigido codice chiuso stabilito dalla collettività, come potrebbe essere, ad esempio, la percezione geometrica di un oggetto. Il giudizio estimativo non può avere queste caratteristiche, tuttavia possono esserci comunque dei parametri oggettivi nel processo di valutazione come la misura delle superfici; seconda fase della percezione psicologica o soggettiva, l osservazione di un oggetto o entità attraverso il codice della propria diretta esperienza come può essere la percezione di un oggetto in base al proprio punto di osservazione. La componente soggettiva nell estimo rimane sempre un aspetto indispensabile per mettere in relazione il bene con la realtà oggettiva; terza fase della percezione associativa, vale a dire l identificazione di un oggetto in base alle relazioni di questo con gli oggetti prossimali, come può essere la vicinanza di un oggetto a un muro oppure riferendosi all estimo, come può essere la vicinanza del bene a un elemento valorizzante tipo mare, lago, monumento iconico ecc.; 8

17 Capitolo 1 - Il valore quarta fase della percezione fenomenologica che rappresenta, in pratica, la lettura di un oggetto o entità qualsiasi poiché fenomeno definibile, ad esempio i materiali di cui è costituito. Un giudizio di valore, ancorché sia riferito alla misura del senso comune per un entità, opera a livello di percezione e, pertanto, non può che essere un processo essenzialmente soggettivo. L estimatore è, dunque, sia un soggetto attivo perché il giudizio parte sempre dalla propria esperienza e sia soggetto passivo perché la stima sarà giudicata in base alla maggiore o minore aderenza all effettivo senso comune. Il giudizio di valore deve interpretare il senso comune affinché abbia egli stesso un valore per gli altri. E più questo senso comune od oggettivo sarà correttamente interpretato e più grande sarà il valore del giudizio espresso. Stabilire un giudizio di valore nei confronti di un entità presuppone, quindi, una conoscenza profonda e interiore della stessa entità, tale da poter sviluppare la propria capacità percettiva ed evidenziare gli aspetti meno evidenti di questa; il tutto con coscienza del senso collettivo da parte del soggetto estimatore. Un giudizio di valore non può essere un atto di ribellione al sistema culturale per il quale viene espresso. La ribellione appartiene alla politica, all arte o ad altro, ma non può far parte di un giudizio di valore, il quale per sua intima essenza è un atto pratico integrato e solidale con il senso collettivo, inteso come derivato di un sistema culturale ben preciso. In termini più propriamente estimativi e meno astratti, il valore può essere conclusivamente espresso come un giudizio atto a descrivere la quantità più probabile di beni con la quale riusciamo a definire la qualità assoluta di un altro bene. Vale a dire che, in termini pratici, il valore diventa un espressione quantitativa di un parametro qualitativo. Il prezzo, invece, rappresenta una misura calcolata e reale della quantità di beni necessari per definire un altro bene. Nelle economie evolute, poi, tutti i beni sono rapportati al denaro quale codice unico di definizione del prezzo. Il valore è, dunque, un giudizio, il prezzo una misurazione. La famosa teoria del valore, formulata da tutti gli economisti, attiene, quindi, più all estimo che alla stessa economia. Possiamo persino affermare che l estimo essendo la scienza del metodo per la formulazione di giudizi valoriali dei beni è una diretta conseguenza e prosecuzione della teoria del valore. Soggettività del giudizio Il valore come parametro 1.4 I LIVELLI DI MERCatO E IL VALORE La formazione del valore dei beni immobiliari oggetto di valutazione si concreta a diversi livelli e, per ognuno di questi, è diverso il modo con cui tale valore si costituisce. Il valore del resto rappresenta come abbiamo già affermato in precedenza la percezione quantitativa e qualitativa di un entità positiva. Sarà, pertanto, il tentativo di misurazione di tale positività percettiva ad aumentare o diminuire il desiderio di conclusione, facendola pagare il massimo possibile o acquistandola al minimo ammissibile, in un eventuale negoziazione immobiliare. 9

18 Richiami base degli standard estimativi Componenti del mercato Formazione del livello Ciclo di produzione Il segmento di mercato è un sintagma del linguaggio mercato, vale a dire la sua componente orizzontale, ciò che lega individui, bisogni, utilità e valori nella loro naturale successione. Il mercato però, per alcuni beni tipo gli immobili, ha anche una componente verticale, vale a dire una parte costitutiva paradigmatica o verticale detta dei livelli di mercato che andremo ora ad analizzare. Per comprendere bene il paradigma dei livelli di mercato occorre rifarsi alla percezione dell entità positiva che conferisce valore al bene immobiliare e ne qualifica e quantifica la sua entità. Durante la fase costruttiva, ad esempio, è ben diversa da quella riscontrabile in una fase successiva quando si passa a collocare il bene sul mercato degli immobili. Isolando la fase costruttiva e ponendo per esempio che non si passi, poi, alla vendita dell immobile, ma questo si utilizzi mettendolo a reddito. Pensiamo, per andare al concreto, a un albergo; in questo caso si avranno certamente diversi bisogni e desideri rispetto a un bene destinato al mercato immobiliare. Abbiamo, quindi, individuato nella componente verticale del mercato degli immobili diversi cicli di mercato autonomi e che investono il bene immobiliare da quando questo inizia a essere prodotto sino al momento in cui sullo stesso si effettuano operazioni di speculazione o derivate. Un livello di mercato s individua, quindi, in una fase di formazione di valore autonoma e conclusa e che non necessariamente deve accedere alla fase successiva di mercato. Un bene strumentale, ad esempio una stalla di un azienda agraria, costruito direttamente dall imprenditore, inizia e cessa il suo ciclo di formazione del valore soltanto al livello della sua edificazione, poiché l area fabbricabile è compresa nell azienda agraria e, quindi, nel capitale fondiario, e il bene edilizio non è immesso nel mercato degli immobili, ma è soltanto utilizzato a valore strumentale. Andiamo a esaminare i vari livelli analiticamente Livello edilizio Il primo dei livelli di mercato è il ciclo della produzione del bene definibile altrimenti come livello edilizio ; è in questa fase, infatti, che si decide di produrre un bene edilizio e dove entrano in gioco elementi di mercato della domanda e dell offerta, propri della produzione. A questo livello non si hanno ancora e, del resto, nemmeno si potrebbero avere giacché il bene non esiste, fattori, sempre della domanda e dell offerta, tipici del mercato immobiliare. A questo livello può esistere solo una simulazione di ciò che sarà il livello immobiliare, ma i rapporti tra acquirenti e offerenti avvengono solo a livello edilizio ed essenzialmente sono legati solo all economia della produzione del bene. Tutti i fattori della produzione del bene sono legati ai costi di costruzione e ai costi dell area sul quale il bene sorge. In alcuni casi, per semplificazione, i fattori legati esclusivamente all area fabbricabile e al mercato delle aree possono essere separatamente analizzati in un livello a latere detto livello urbano e legato, quindi, indissolubilmente ai prezzi dei terreni fabbricabili. 10

19 Capitolo 1 - Il valore La formazione del valore del bene a livello urbano sarà, dunque, data dai costi di produzione del manufatto edilizio ivi compresi i costi dell area sulla quale questo sorge. Il valore unitario del bene a livello urbano sarà, in altre parole, dato dalla sommatoria di tutti i fattori produttivi primo elemento dell equazione generale del valore edilizio e dalla sommatoria dei fattori legati alle caratteristiche dell area per il loro prezzo unitario. Il valore unitario a livello urbano è, quindi, la funzione riassuntiva delle funzioni del valore di costruzione e del valore dell area. Eseguire una stima a livello edilizio o urbano significa, dunque, considerare queste caratteristiche e non quelle proprie del livello immobiliare se non per simulazione; credere di poter determinare il valore di un bene a livello immobiliare soltanto con l analisi degli elementi propri dell equazione del valore a livello edilizio o urbano appare, quindi, assolutamente improbabile Livello immobiliare Il livello immobiliare si ha nel considerare il bene come merce di scambio finita, posta sul mercato nelle condizioni in cui si trova e dal quale detrarre eventuali costi di ritorno a livello edilizio. Appare evidente che a livello immobiliare il gioco della domanda e dell offerta è ben diverso da quanto accade al livello sottostante di produzione del bene. A livello immobiliare, infatti, le caratteristiche prese in esame dal mercato saranno ben diverse e legate perlopiù alle caratteristiche intrinseche ed estrinseche del bene medesimo. Appare, peraltro, altrettanto evidente che le caratteristiche del livello edilizio, date dai costi di costruzione e dell area, influenzeranno comunque il valore immobiliare come portato residuale sulla formazione di questo. Il valore unitario a livello immobiliare sarà, quindi, funzione riassuntiva delle funzioni non solo del valore di costruzione e del valore dell area, ma anche delle caratteristiche intrinseche ed estrinseche del bene medesimo. Le stime proposte dagli standard internazionali per i beni immobiliari offerti a garanzia di obbligazioni finanziarie avvengono tutte a questo livello e, pertanto, ogni stima di questo tipo dovrà contenere tutti gli elementi che ne costituiscono il valore. L equazione generale di formazione del valore di un immobile, rappresenterà, dunque, la relazione fondamentale per la stima dei beni compresi nel mercato immobiliare e vedrà l aggiunta, appunto, di due altri elementi nella strutturazione del valore di un bene: la componente estrinseca dove questo è collocato, quindi, l esterno o il fuori e quella intrinseca, cioè l interno o il dentro Livello reddituale Il livello reddituale o finanziario, invece, è basato sulla redditività ricavabile dai beni immobiliari in termini di flussi di cassa e di loro finanziarizzazione. Anche in questo caso appare evidente che tutto il portato proveniente dai livelli inferiori agirà anche a questo piano. Costi Mercato di scambio Redditività dell immobile 11

20 Richiami base degli standard estimativi Il valore reddituale unitario sarà, pertanto, funzione riassuntiva delle funzioni non solo del valore di costruzione, del valore dell area e delle caratteristiche intrinseche ed estrinseche, ma anche delle caratteristiche che influenzano la redditività del bene medesimo. L equazione generale del valore reddituale unitario sarà data, in semplici parole, dalla relazione valida per il valore immobiliare moltiplicata per la percentuale riassuntiva di tutti gli elementi che incidono sulla redditività, vale a dire il prezzo per l uso del valore immobiliare. La percentuale di redditività sarà, quindi, a sua volta determinata da ben precise caratteristiche prese in esame. Finanza derivata I prodotti derivati Livello speculativo L ultimo livello è quello della speculazione derivata. La matematica finanziaria tradizionale è basata essenzialmente sull interesse, vale a dire sul prezzo d uso del capitale, appartiene quindi al livello del reddito giacché l utile derivante dalla cessione temporanea di un bene patrimoniale altro non è, che il prezzo d uso per un capitale, ancorché espresso come patrimonio immobiliare anziché denaro. La finanza derivata, invece, non è più basata su questo principio, ma su quello di cessione o acquisto al buio. In base a un aspettativa e secondo le proprie convinzioni di cosa accadrà nel futuro si cede o si acquisisce patrimonio fissando un certo prezzo d uso e cedendo lo stesso a un costo diverso e tale da garantirsi un margine di guadagno. I livelli ora elencati sono gerarchizzati dalla produzione alla speculazione. La formazione del valore avviene a ogni livello in maniera autonoma con il portato del livello sottostante, come si può rilevare dalle equazioni generali di formazione del valore. Possiamo, pertanto, definire strumento finanziario immobiliare derivato qualsiasi prodotto il cui valore dipende da beni immobiliari a esso sottostanti. La matematica finanziaria non è più in grado di valutare scientificamente questi prodotti giacché i parametri da prendere i considerazione sono plurimi e non più il solo prezzo d uso in funzione del tempo. La materia si è, oggi, trasformata in finanza matematica basata, invece, su tre parametri ugualmente importanti: la valutazione dei contratti, il calcolo del rischio legato ai contratti sottoscritti e, infine, la gestione ottimale dei contratti in relazione al portafoglio titoli. Nella pratica professionale, il valore delle stime è richiesto nella maggior parte dei casi a livello immobiliare, vale a dire il valore di mercato più probabile che si fisserebbe in una reale compravendita di un bene immobiliare o patrimoniale. Tuttavia, non sono certamente rari i casi in cui siano commissionate stime del costo di costruzione o delle aree piuttosto che il valore del reddito o, più raramente almeno per il momento, la valutazione di andamenti del valore ai fini di operazioni speculative. 12

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Corso di estimo e di valutazione immobiliare

Corso di estimo e di valutazione immobiliare Corso di estimo e di valutazione immobiliare PREMESSA L ipotesi di corso nasce dall esigenza di fornire una proposta formativa agli ingegneri che esercitano la loro professione nell ambito delle valutazioni

Dettagli

LA VALUTAZIONE IMMOBILIARE Metodo del Confronto di Mercato a cura del Dott. Geom. Gianni Pezzuolo

LA VALUTAZIONE IMMOBILIARE Metodo del Confronto di Mercato a cura del Dott. Geom. Gianni Pezzuolo LA VALUTAZION IMMOBILIAR Metodo del Confronto di Mercato a cura del Dott. Geom. Gianni Pezzuolo 2012 A S S O C I A Z I O N N A Z I O N A L DO N N G O M T R A Note Biografiche Gianni Pezzuolo è un libero

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 Appunti di estimo Di che cosa si occupa l estimo? L estimo si occupa della stima dei beni economici, ossia quelli presenti in natura in quantità limitata. Per questi beni

Dettagli

L analisi di bilancio

L analisi di bilancio efacile Come fare... L analisi di bilancio di Stefano Pozzoli Il Bilancio La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Il Conto Economico e le aree di gestione La riclassificazione del Conto Economico

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

ESTIMO E VALUTAZIONI IMMOBILIARI BASATO SUGLI STANDARD INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE

ESTIMO E VALUTAZIONI IMMOBILIARI BASATO SUGLI STANDARD INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE SAPERE UTILE Corso di ESTIMO E VALUTAZIONI IMMOBILIARI BASATO SUGLI STANDARD INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE CORSO ACCREDITATO E-VALUATIONS Istituto di Estimo e Valutazioni Associazione dei Valutatori Immobiliari

Dettagli

Mercato Immobiliare. Caratteristiche specifiche del Mercato immobiliare.

Mercato Immobiliare. Caratteristiche specifiche del Mercato immobiliare. Mercato Immobiliare La stima del valore di mercato di un immobile si basa sulla conoscenza del mercato immobiliare. Non si tratta di una conoscenza basata su informazioni generiche filtrate dal valutatore

Dettagli

Premiati gli iscritti

Premiati gli iscritti iltriangolo R i v i s t a T r i m e s t r a l e D i n f o r m a z i o n e T e c n i c o P r o f e s s i o n a l e D e l C o l l e g i o D e i G e o m e t r i E D e i G e o m e t r i L a u r e a t i D e

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Il Market Comparison Approach (M.C.A.)

Il Market Comparison Approach (M.C.A.) Le valutazioni immobiliari secondo gli International Valuation Standards e le Linee Guida ABI Il Market Comparison Approach (M.C.A.) Siena, 21-22 Maggio 2015 Il Market Comparison Approach (comunemente

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Capitolo 2. Operazione di limite

Capitolo 2. Operazione di limite Capitolo 2 Operazione di ite In questo capitolo vogliamo occuparci dell operazione di ite, strumento indispensabile per scoprire molte proprietà delle funzioni. D ora in avanti riguarderemo i domini A

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

STIMATRIX foraii. Sandro Ghirardini

STIMATRIX foraii. Sandro Ghirardini STIMATRIX foraii Sandro Ghirardini Mantova, Novembre 2013 1 foraii rappresenta lo stato dell arte delle applicazioni STIMATRIX per la valutazione e l analisi degli investimenti immobiliari. foraii appartiene

Dettagli

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti 17.XII.2008 Scopo della comunicazione Abbiamo sino a qui analizzato i principali attori che entrano in gioco in un operazione di sviluppo immobiliare, le

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 Sono investimenti che vengono fatti in agricoltura e che riguardano il Capitale Fondiario Un investimento è un impiego di denaro in un attività produttiva

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA Factoring tour: Brescia - Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa (10 ottobre 2006 ) Giuseppe Masserdotti - Stefana S.p.A. Il factoring come soluzione ad alcune problematiche

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

IL VALORE MEDIO ORDINARIO

IL VALORE MEDIO ORDINARIO IL VALORE MEDIO ORDINARIO 1 INDICE 1. La situazione attuale...3 2. La legge 11 marzo 2014, n.23...5 3. Il valore medio ordinario...6 2 1. La situazione attuale Allo stato attuale delle cose la determinazione

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE, AEROSPAZIALE E DEI MATERIALI Estimo Anno accademico 2011-2012 Income approach M. Ciuna, M. Simonotti

Dettagli

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore.

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. Capitolo II La forma del valore 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. I beni nascono come valori d uso: nel loro divenire merci acquisiscono anche un valore (di scambio).

Dettagli

Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria

Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria LA PROPRIETÀ PRIVATA

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità ***

La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità *** La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità *** 1 - Premessa: La società come fattore di rischio L estensione dei tipi di contratti assicurativi ai rischi più disparati, ha trasformato la

Dettagli

Il catasto. Corso di Estimo - CLA - Prof. E. Micelli

Il catasto. Corso di Estimo - CLA - Prof. E. Micelli Il catasto Cos è il catasto Il Catasto rappresenta l inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale è la base per le imposizioni fiscali conserva le informazioni relative a: individuazione

Dettagli

VALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEUTSCHE BANK FONDIMMOBILIARI S.P.A. FONDO VALORE IMMOBILIARE GLOBALE AL 30 GIUGNO 2005

VALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEUTSCHE BANK FONDIMMOBILIARI S.P.A. FONDO VALORE IMMOBILIARE GLOBALE AL 30 GIUGNO 2005 VALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEUTSCHE BANK FONDIMMOBILIARI S.P.A. FONDO VALORE IMMOBILIARE GLOBALE AL 30 GIUGNO 2005 LUGLIO 2005 INDICE ARGOMENTO PAGINA PREMESSA 1 DEFINIZIONE DEL VALORE DI

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L analisi di bilancio con particolare riferimento all area finanziaria (2' parte)

L analisi di bilancio con particolare riferimento all area finanziaria (2' parte) Pagina 1 di 5 STAMPA L'ARTICOLO SALVA L'ARTICOLO L analisi di bilancio con particolare riferimento all area finanziaria (2' parte) l analisi di bilancio: strutturale, per indici, per flussi (a cura Dott.

Dettagli

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) La definizione del cambio obiettivo nell azienda industriale non è solo

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Nel 2015 raddoppia la scelta per il tasso fisso, il variabile perde appeal PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del

Dettagli

Teoria e metodologia estimativa

Teoria e metodologia estimativa Teoria e metodologia estimativa Definizioni L estimo è la parte della scienza economica definibile come l insieme dei principi logici e metodologici che regolano e, quindi, consentono la motivata, oggettiva

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

1 IL MODELLO CONCETTUALE

1 IL MODELLO CONCETTUALE 1 1 IL MODELLO CONCETTUALE IL CONTESTO DI PERFORMANCE Per performance si intende il grado con il quale un sistema realizza gli obiettivi che si è posto (figura 1.1). Da tale definizione, universalmente

Dettagli

Dott. Angelo Donato Berloco Coordinatore Nazionale E-Valuations Istituto di Estimo e Valutazioni

Dott. Angelo Donato Berloco Coordinatore Nazionale E-Valuations Istituto di Estimo e Valutazioni Le valutazioni immobiliari tra tradizione, standard internazionali e Basilea 2 Le valutazioni immobiliari tra tradizione, standard internazionali e Basilea 2 Dott. Angelo Donato Berloco Coordinatore Nazionale

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 93 25.03.2016 L ammortamento: disciplina contabile Analisi dell OIC 16 Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Ammortamento La nuova

Dettagli

Circolare N.140 del 10 Ottobre 2012. I controlli del Fisco sui rogiti 2011

Circolare N.140 del 10 Ottobre 2012. I controlli del Fisco sui rogiti 2011 Circolare N.140 del 10 Ottobre 2012 I controlli del Fisco sui rogiti 2011 I controlli del Fisco sui rogiti 2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla sui parametri adottati dall Agenzia

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

L Applicazione degli Standard Estimativi nella valutazione degli immobili nelle vendite Giudiziarie

L Applicazione degli Standard Estimativi nella valutazione degli immobili nelle vendite Giudiziarie Sandro Ghirardini Segretario Generale di E-Valuations Istituto di Estimo e Valutazioni Da un documento dei primi del 1800 Cosa chiede il mercato nel pieno della crisi? Valutazioni trasparenti e dimostrabili.

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

ANALISI DEL PRODOTTO

ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Il 2013 ha fatto segnare ancora variazioni negative nell erogazione del credito concesso alle famiglie, ma si registrano alcuni

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione 1 L attività economica L attività umana diventa attività ECONOMICA quando comporta l uso di beni, risorse ovvero di mezzi scarsi, per la

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

Il catasto 13.XII.2005. Corso di Estimo CLA - Prof. E. Micelli - Aa 2005.06. Cos è il Catasto

Il catasto 13.XII.2005. Corso di Estimo CLA - Prof. E. Micelli - Aa 2005.06. Cos è il Catasto Il catasto 13.XII.2005 Cos è il Catasto Il Catasto rappresenta l inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale; è la base per le imposizioni fiscali; conserva le informazioni relative

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Indice di rischio globale

Indice di rischio globale Indice di rischio globale Di Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione Con tale studio abbiamo cercato di creare un indice generale capace di valutare il rischio economico-finanziario

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio Centro Regionale di Programmazione L integrazione delle politiche di Pari Opportunità nei 13

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli