Figura 4: Le fasi proposte per la descrizione di una figura professionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Figura 4: Le fasi proposte per la descrizione di una figura professionale"

Transcript

1 2 Proposta metodologica per l individuazione, la descrizione e la classificazione dei tecnici superiori e per la progettazione dei relativi curricula formativi. Sulla base delle diverse esperienze riscontrate nella ricerca, è possibile delineare un processo di definizione e classificazione di una figura professionale articolato in due fasi, in parte ricorsive. A partire da queste si possono poi definire le linee di progettazione del curriculum formativo (fig. 4) AEA POFESSIONALE FIGUA POFESSIONALE CUICULUM FOMATIVO Figura 4: Le fasi proposte per la descrizione di una figura professionale 2.1 L Area professionale Per Area Professionale si intende 2 Un insieme di figure professionali che, seppure a diversi livelli di professionalità e complessità, hanno in comune: processi lavorativi di riferimento; discipline, tecniche, know-how di riferimento; percorsi formativi e professionali affini. In questa fase è possibile identificare tentativamente la specifica area professionale entro cui è possibile collocare la figura esaminata. 2 Butera F., Dalle occupazioni industriali alle nuove professioni, Milano, Franco Angeli, ISO 470

2 Talvolta (es. per nuove professioni), però, per attribuire una figura ad un area professionale di appartenenza è necessario approfondire prima la seconda fase di analisi della figura professionale. 2.2 La figura professionale Con figura professionale possiamo intendere: "la modalità responsabile e socialmente riconosciuta con cui una persona esercita un ruolo (o una serie di ruoli omologhi) in vista della gestione e dell'innovazione di processi definiti di servizio (professione come struttura produttiva), modalità che richiede definite abilità e competenze e regole deontologiche fondate su corpi di teorie e tecniche conseguite attraverso una storia di curriculum di studi e di esperienze legittimati da corpi sociali e/o dallo Stato, che in un modo o in altro certificano o autorizzano la persona ad esercitare la professione (professione come istituzione sociale)" (Butera, 1992). FP FP AEA POFESSIONALE processi lavorativi discipline di riferimento percorsi formativi e professionali FP FP FP Figura 5: elazioni tra area professionale, figura professionale e ruoli ISO 471

3 2.3 La figura professionale: un modello di descrizione e classificazione Sulla base di quanto riscontrato nella ricerca e degli studi di ISO sulle professioni, è possibile proporre un framework per l analisi e la classificazione delle figure professionali POFESSIONE uolo Professionale Contesto di ruolo Struttura della professione Attuali Caratteristiche professionali Orientamenti Prospettiche CAATTEISTICHE DEL LAVOATOE CAATTEISTICHE DEL MECATO DEL LAVOO Figura 6: Il framework proposto Una figura professionale può essere descritta come incrocio tra tre aree contigue: 1. La professione, articolata a sua volta in il ruolo professionale, ovvero i compiti o attività di lavoro, le relazioni e gli obiettivi ed i risultati; il contesto di ruolo, ovvero i processi, la tecnologia e l organizzazione cui il ruolo fa riferimento (contesto di riferimento); la struttura della professione, indicante il profilo di competenze ed i percorsi di sviluppo e di carriera. La struttura è caratterizzata da teorie e tecniche di riferimento, dalle responsabilità tipiche del modello professionale, dalle conoscenze ed abilità del ISO 472

4 comportamento professionale, la carriera, il curriculum di studi, le norme deontologiche e gli standard professionali. 2. Le caratteristiche del lavoratore, ovvero le caratteristiche socioprofessionali delle persone che esercitano il ruolo, a loro volta articolate in: Caratteristiche personali: valori, stili, competenze; Orientamenti personali: attese, motivazioni. 3. Le caratteristiche del mercato del lavoro, ovvero le caratteristiche socio-demografiche del mercato del lavoro, a loro volta articolate in: Caratteristiche attuali: condizioni di lavoro, retribuzione, rapporto di lavoro; Caratteristiche prospettiche: contiguità con altre occupazioni; prospettive del mercato del lavoro. L incrocio tra queste tre aree determina a sua volta degli spazi di sovrapposizione. Ad esempio, l incrocio tra professione e caratteristiche del lavoratore definisce gli spazi del ruolo effettivamente agito come mediazione tra il ruolo ascritto dall organizzazione e quello percepito dal lavoratore. Le competenze, i valori e le attese vanno viste proprio nell ambito del ruolo agito. ISO 473

5 L incrocio tra tutte e tre le aree (professione, caratteristiche del lavoratore, caratteristiche del mercato del lavoro) identifica invece uno spazio disponibile per l identificazione di politiche attive del lavoro. In questo spazio la leva formativa assume una importante e significativa valenza (cfr. figura 7). Figura 7: Intersezioni tra le tre aree ISO sezione D.doc - settembre

6 Di seguito si propone una descrizione analitica del framework proposto. Questo va inteso come una proposta non definitiva che, tenendo conto di quanto emerso nella presente ricerca, può richiedere ulteriori sviluppi e affinamenti. uolo Professionale relazioni compiti risultati POFESSIONE decisioni Contesto di ruolo processi Struttura della professione organizzazione tecnologie Percorsi di carriera competenze Condizioni di lavoro conoscenze attitudes abilità esperienze retribuzione Attuali Caratteristiche professionali valori stili lavoro Orientamenti motivazioni attese CAATTEISTICHE DEL LAVOATOE formazione apporto di lavoro Prospettiche Contiguità con altre occupazioni Presenza sul mkt Prospettive di mkt CAATTEISTICHE DEL MECATO DEL LAVOO Figura 8: Articolazione dei descrittori analitici proposti dal framework La Professione uolo professionale Il ruolo professionale è definito come: i compiti effettivamente svolti; le decisioni prese dalla persona; in vista di risultati, obiettivi e conseguenze attese; considerati nelle relazioni e nelle comunicazioni che esse implicano. ISO 475

7 Informazioni da rilevare per l analisi della dimensione 1. I compiti di lavoro Indica la tipologia di attività prevalente o il mix di attività, mentali o operative, che caratterizzano il processo di lavoro. Possibili descrittori sono: i contenuti del lavoro, ossia compiti e attività precise; i servizi resi e le loro caratteristiche (es. informazioni, consulenza, supporto operativo, etc.); le modalità di coordinamento e controllo; la discrezionalità nell apportare innovazioni; i vincoli, gli ostacoli, gli eventi imprevisti che intervengono nelle attività. 2. Le attività decisionali Indicano le modalità e il livello di autonomia con cui sono prese le decisioni. Possibili descrittori sono: il tipo di decisioni; la discrezionalità ed autonomia decisionale; la complessità dell oggetto della decisione; i processi cognitivi adottati nella decisione; la rilevanza delle decisioni. 3. Le relazioni e le comunicazioni di lavoro Indicano gli altri soggetti, figure professionali, unità organizzative con cui la figura è in relazione e comunicazione. Possibili descrittori sono: i clienti/utenti dell attività professionale; le figure professionali con cui ha relazioni di lavoro (sia all interno, sia all esterno della sua organizzazione); le modalità di collaborazione (es. supporto operativo, semplice scambio di informazioni, progettazione e ideazione). 4. I risultati e le responsabilità Indicano i risultati attesi dalla figura professionale e le responsabilità chiave sul loro conseguimento. Possibili descrittori sono: il tipo di risultati, l impatto sulla prestazione complessiva dell organizzazione; il livello di condivisione delle responsabilità. Contesto di ruolo Il contesto di ruolo è l insieme di processi, tecnologie e organizzazione cui il ruolo fa riferimento nello svolgimento delle proprie attività (contesto di riferimento). ISO 476

8 Informazioni da rilevare per l analisi della dimensione 1. Processi produttivi e di servizio Identifica il processo all interno del quale sono svolte le attività dalla figura professionale. Esse sono infatti componenti del processo più generale. Ad esempio, l attività fornire informazione è parte del più ampio processo di orientamento al lavoro. 2. Tecnologie di riferimento E l insieme di strumenti, mezzi, linguaggi, vincoli, attraverso cui la figura professionale opera. Esempi di tecnologie a supporto del lavoro sono: Internet, posta elettronica, le metodologie, etc. Possibili descrittori sono: le tecnologie utilizzate; il ruolo giocato nello svolgimento delle attività di lavoro; l utilizzo di tecnologie informatiche e della comunicazione (Internet, , etc.). 3. Organizzazione del lavoro Individua la modalità principale di svolgimento dell attività professionale (ad esempio divisione del lavoro, lavoro individuale, lavoro in team, lavoro sequenziale). Possibili descrittori sono: il lavoro individuale o in gruppo; le modalità di coordinamento con collaboratori e colleghi; il livello di dipendenza dell attività dalle decisioni di altre persone; i criteri adottati nell assegnazione dei compiti; il tipo di divisione del lavoro. 4. Tipo di organizzazione Indica il tipo di ente, ad esempio se è una piccola-media-grande impresa, un ente della Pubblica Amministrazione, un associazione o una impresa del terzo settore, etc.). Possibili descrittori sono: struttura organizzativa, ragione sociale, dimensioni, distribuzione sul territorio, articolazione della funzione di appartenenza. Struttura della professione La struttura della professione indica l insieme di competenze, esperienze richieste e percorsi e modalità di carriera connessi ad una figura professionale. 1. Le competenze di ruolo Le competenze sono definite dall insieme di conoscenze, capacità professionali e qualità personali della figura professionale. ISO 477

9 Le conoscenze, ossia il sapere necessario allo svolgimento delle attività, si possono distinguere in: conoscenze disciplinari di base, ossia le discipline di riferimento per la professione (psicologia, economia, sociologia, discipline giuridiche, biologia, comunicazione, etc.); conoscenze tecnico/metodologiche, ossia le tecniche e le metodologie associate all esercizio di una professione (tecniche di colloquio/intervista, metodologia della ricerca sociale, analisi statistica, programmazione, etc.); conoscenze di mercato/settore/dominio applicativo, ossia le conoscenze relative all area professionale di riferimento (ad esempio conoscenza del mercato del lavoro, dei fabbisogni delle tipologie clienti); conoscenze normative, ossia l insieme di leggi, atti, regolamenti cui si fa riferimento nello svolgimento delle attività (ad esempio leggi per la promozione dell imprenditoria, normative sulle cooperative sociali, leggi sul mercato del lavoro, etc.); conoscenze di processo, ossia le conoscenze associate allo svolgimento di uno specifico processo lavorativo (ad esempio analisi dei fabbisogni formativi, progettazione di un curriculum formativo/professionale, progettazione di un business plan, pianificazione commerciale, manutenzione di un impianto, etc.). Le capacità o abilità professionali, ossia il saper fare necessario allo svolgimento delle attività lavorative, si distinguono in: capacità organizzative (gestire un organizzazione, pianificare risorse e obiettivi, problem solving, sviluppare e gestire un team, etc.); capacità relazionali (sviluppare relazioni cooperative, teamworking, leadership, negoziazione, etc.); capacità comunicative (comunicare con chiarezza, sviluppare e trasferire le conoscenze, ascoltare e interpretare i feedback, etc.). Le qualità o attitudini personali, ossia il saper interpretare le esigenze derivanti dalle diverse situazioni lavorative adattando conseguentemente il proprio ruolo, definiscono le attitudini e gli atteggiamenti di cui la persona è portatrice e che possono determinare le sue prestazioni professionali. Esempi di qualità personali sono: socialità comunicatività proattività orientamento al servizio ISO 478

10 creatività analiticità ascolto Possibili descrittori sono: le conoscenze di tipo disciplinare necessarie al lavoro; le tecniche e metodologie; le modalità di aggiornamento; i riferimenti normativi (leggi, regolamenti, ); le competenze contestuali e pratiche ; le attitudini necessarie a svolgere correttamente il lavoro nelle più diverse condizioni. 2. Le esperienze richieste Le esperienze richieste consistono nel percorso di studio e formativo e nelle precedenti attività professionali: percorso di studio e formativo (ad esempio tipo di diploma, diploma IFTS o titolo di laurea richiesto, corso di specializzazione, iscrizione ad un albo, master, dottorato di ricerca, etc.); esperienze precedenti di lavoro, in termini di tipologia (stage, tirocinio abilitante, praticantato) e durata; Possibili descrittori sono: percorso di studio; titoli conseguiti e iter formativo; titolo necessario per svolgere la professione; eventuali certificazioni o specializzazioni/esami specifici; esperienze di lavoro o periodi di tirocinio; esperienze di lavoro delle persone che esercitano il ruolo. 3. Percorsi e modalità di carriera Questa categoria indica il tipo di sviluppo di carriera della figura professionale, in termini di: percorso di sviluppo professionale (ruoli in entrata, ruoli e posizioni ricoperti nel corso della carriera, ruoli in uscita); modalità di carriera (orizzontale/verticale/mista, formazione continua, valutazione e assessment) Possibili descrittori sono: carriera; percorsi formali di carriera; mobilità tra ruoli contigui; rapporto tra risultati e carriera; eventuali sistemi di valutazione delle competenze e dei risultati; attività formali di aggiornamento professionale Caratteristiche del mercato del lavoro Questa dimensione identifica una serie di informazioni generali sulla figura professionale e sul suo posizionamento nel mercato del lavoro nazionale. ISO 479

11 Caratteristiche attuali Informazioni da rilevare per l analisi della dimensione 1. Condizioni di lavoro Individua: le condizioni fisiche entro cui si svolge il lavoro (prevalentemente fisso, prevalentemente itinerante, un misto tra i due); le condizioni di ergonomia cognitiva (stress, attenzione richiesta, affidabilità); Possibili descrittori sono: mobilità del lavoratore; grado richiesto di attenzione/concentrazione; priorità delle scadenze; importanza del feedback sulla prestazione; fattori di affaticamento e stress. 2. Livello retributivo (meno di ; fino a.) Individua il range entro il quale si può collocare la retribuzione della figura professionale. 3. Presenza attuale sul mercato del lavoro Individua, a livello nazionale/regionale, la distribuzione quantitativa della figura professionale e la sua rilevanza rispetto alle aree professionali di riferimento. Possibili descrittori sono: dati e informazioni attraverso statistiche ufficiali, testi di riferimento e materiale reso disponibile dalle organizzazioni contattate. 4. apporto di lavoro Individua la tipologia prevalente di rapporto di lavoro della figura professionale (autonomo, dipendente, collaborazione occasionale, etc.) e la tipologia di contratto (formazione e lavoro, a tempo determinato/indeterminato, di collaborazione coordinata e continuativa, etc.). Possibili descrittori sono: rapporto di lavoro (dipendente, atipico, autonomo); posizione contrattuale. Caratteristiche prospettiche Informazioni da rilevare per l analisi della dimensione 1. Prospettive sul mercato del lavoro Individua il trend di crescita regionale/nazionale della figura professionale e delle aree professionali connesse. Possibili descrittori sono: dati e informazioni attraverso statistiche ufficiali, testi di riferimento, proiezioni e monitoraggi, studi di settore. ISO 480

12 2. Contiguità con altre figure professionali Individua il potenziale di mobilità nel mercato di lavoro e di versatilità professionale della figura presa ad esame. Possibili descrittori sono: area professionale di riferimento; contiguità, all interno e all esterno dell area professionale, delle competenze relative alla figura professionale con le competenze richieste ad altre figure professionali; percorsi di carriera Suggerimenti e indicazioni per la ricerca futura Il framework presentato è stato elaborato sulla base di quanto riscontrato nei quattro paesi esaminati e sulla base dei numerosi lavori di ricerca sulle professioni e sui lavoratori della conoscenza che ISO ha realizzato negli anni. Il framework richiede senza dubbio ulteriori affinamenti anche sulla base di un confronto con i diversi attori istituzionali che operano nel campo del lavoro e della formazione. E comunque possibile delineare, fin da ora, le possibili applicazioni di un framework unitario quale quello qui proposto. Ognuna di queste opzioni disponibili potrebbe infatti richiedere ulteriori iniziative di ricerca. Transcodifica delle classificazioni esistenti Uno dei problemi riscontrati nella ricerca è costituito dalla difficoltà a passare da un sistema di classificazione ad un altro. In alcuni casi è difficile ritrovare una determinata figura nei diversi sistemi. In altri si scopre come la medesima componente descrittiva ad esempio la competenza sia declinata con modalità non solo differenti ma anche incompatibili. A questa difficoltà, come si è visto, hanno cercato di ovviare negli altri paesi progetti quali O* Net o il ome. In Italia un framework condiviso, senza diventare un vincolo o creare rigidità, potrebbe comunque rappresentare una base per la transcodifica tra i diversi sistemi esistenti. La scelta di adottare un framework condiviso non deve limitare la discrezionalità dei diversi soggetti istituzionali nella declinazione delle componenti descrittive. Infatti, sia differenti obiettivi (monitoraggio del mercato del lavoro, incontro domanda-offerta, orientamento dei giovani, progettazione di curricula formativi) che diverse finalità di intervento (politiche attive del lavoro, monitoraggio del mercato, rilevazione di nuove figure, etc.) implicano approcci più o meno analitici alla articolazione delle componenti descrittive. Al tempo stesso, però, lo sviluppo di ramificazioni più o meno dettagliate e la raccolta di informazioni più o meno analitiche non mettono in ISO 481

13 discussione le aree comuni: è il framework comune a garantire unitarietà e possibilità di confronto. Modello unitario e integrato Un framework quale quello proposto può anche essere la base per lo sviluppo di un vero e proprio modello integrato di gestione (sulla scorta dell esperienza O* Net). Una finalità di questo tipo richiede probabilmente un presidio unitario e modalità di partnership tra attori pubblici e privati (istituzioni, parti sociali ma anche associazioni, ordini professionali, singole imprese e singoli lavoratori) per l aggiornamento bottom up dei dati relativi alle diverse componenti descrittive del modello. Così come sperimentato negli U.S.A., ad un ampio coinvolgimento di molteplici attori per l aggiornamento del dato deve però corrispondere uno sforzo altrettanto significativo di revisione, standardizzazione, verifica dell attendibilità. Negli U.S.A., ad esempio, questa esigenza viene soddisfatta da gruppi di esperti del Department of Labor s Employment and Training Administration, dagli State-based Occupational Analysis Field Centers e dagli Assessment esearch and Development Program Centers. Base informativa per la valutazione e la progettazione dei curricula formativi. Il framework consente inoltre di raccogliere informazioni preziose ai fini della progettazione di percorsi e curricula formativi. La progettazione di un percorso formativo può svilupparsi individuando, sulla base di quanto emerso in fase di descrizione della figura, contenuti specifici per ciascuna delle seguenti categorie: Contenuti Durata minima (n. ore) Pre-requisiti Modalità formative (moduli/ufc) Stage Verifiche intermedie di apprendimento Valutazione finale Certificazione rilasciata Vincoli e risorse ISO 482

14 Il processo di progettazione di moduli formativi è quindi il frutto di tre momenti fondamentali: 1. L analisi della figura e, in particolare, la dimensione della dimensione struttura professionale e delle caratteristiche del lavoratore; 2. La definizione di obiettivi e finalità specifiche dell intervento formativo da progettare; 3. L individuazione e la valutazione dei vincoli e delle risorse disponibili. Analisi Vincoli e risorse Obiettivi Progettazione Moduli formativi Figura 9: Dall analisi delle figure alla progettazione dei curricoli formativi Griglia per una più precisa descrizione dei tecnici superiori Infine, il framework può costituire una griglia per una più puntuale identificazione delle caratteristiche che accomunano i tecnici superiori (ad esempio differenziandoli, sempre nell ambito dei lavoratori della conoscenza, dai professionisti o dagli operativi ad elevata discrezionalità). La ricerca ha mostrato come, a parità di denominazione formale (es. operatore turistico), possano corrispondere, nei diversi paesi esaminati, figure sostanzialmente diverse. Lo sviluppo di alcune di queste richiede effettivamente percorsi formativi post-secondari; per altre sono invece sufficienti programmi di formazione professionale secondaria; altre ancora si configurano come figure alte, spesso formate attraverso percorsi del terziario universitario. ISO 483

15 Una più precisa identificazione delle caratteristiche che accomunao i tecnici superiori è cruciale anche ai fini della proposizione dell offerta formativa più adeguata. E possibile immaginare un applicazione, finalizzata a questo scopo, dei descrittori proposti dal framework. I tecnici superiori potrebbero essere più precisamente identificati dalla combinazione di diverse componenti del framework quali, a titolo esemplificativo: hanno competenze e caratteristiche personali di un certo tipo (specificare quali); di solito sono diplomati o in possesso di titoli di studio postsecondari non universitari; hanno relazioni non solo con i propri colleghi ma anche con l esterno; lavorano per obiettivi e realizzano prestazioni che contribuiscono indirettamente alla performance complessiva del sistema organizzativo; hanno responsabilita di efficacia, qualita o soddisfazione di clienti interni o esterni; integrano competenze proprie con conoscenze organizzative e di altri; agiscono da ponte tra mondo simbolico e mondo fisico (quindi per loro sono importanti non solo le dimensioni razionali/cognitive ma anche le competenze contestuali, applicative e le abilità fisiche); assumono decisioni relative a problemi specifici (ma non relative a sistemi) in autonomia; di solito lavorano in contesti di gruppo; etc. Il lavoro di descrizione ed identificazione dei tecnici superiori travalica sicuramente gli obiettivi assegnati alla presente indagine. Una definizione e caratterizzazione più precisa resta però un auspicabile ulteriore fronte di ricerca. I casi di studio riportati di seguito - relativi al settore del turismo - sono stati preparati a partire dalle componenti descrittive previste dal framework proposto. Si ritiene che questi stessi casi siano esempi concreti di come una descrizione sufficientemente articolata e ricca di una figura professionale possa consentire una identificazione più precisa e favorire la progettazione dei curricula formativi più opportuni. ISO 484

16 3 Studi di caso in Francia 3.1 La figura del manager alberghiero Identificazione della figura La figura del manager alberghiero, individuabile nel Directeur d Hébergement, patron d hotel, hotelier, fa parte di un settore che in Francia si caratterizza per una notevole espansione in termini di potenzialità occupazionali. Da un decina di anni infatti il settore alberghiero e della ristorazione sta vivendo una rinascita accelerata determinata sia dalla crescita di catene industriali (Hotel Ibis, Méridien, Pomme de Pain, etc.) che dalla definizione di nuove modalità gestionali legate all introduzione delle tecnologie informatiche. In poco più di un decennio il settore ha visto infatti una crescita di nuove possibilità occupazionali pari al 29%; dal 1981 al 1995 sono stati creati nuovi posti di lavoro. La figura del manager alberghiero assume quindi un nuovo rilievo e la sua trattazione è presente in tutti i sistemi di classificazione professionale: nelle fiche metier Onisep corrisponde al Directeur d Hotel; nelle classificazioni dell INSEE è inclusa all interno dei Cadres administratifs et commerciaux (CS 37); il ome la colloca all interno del Personnel de l hôtellerie come Directeur d hébergement (13 134) Il ruolo professionale e il contesto Le attività caratterizzanti il ruolo professionale di manager alberghiero sono sintetizzabili in gestione, commercializzazione e coordinamento, anche se la tipologia di processo sottostante può sensibilmente variare a seconda delle dimensioni della struttura alberghiera. Ad esempio il direttore di un piccolo hotel familiare si preoccuperà in prima persona della ricerca dei finanziamenti per la sua impresa, mentre nelle catene alberghiere questa attività è dominio della Direzione del Gruppo. In generale il manager alberghiero gestisce e dirige la struttura alberghiera nel quadro di un budget da lui stesso definito o che è stato delineato dalla Direzione Generale dell azienda o ancora dal proprietario dell albergo nel caso di struttura familiare. Solitamente il manager supervisiona tutto il funzionamento della struttura, gestendo l attività di selezione, formazione e animazione del personale e ISO 485

3 Studi di caso in Francia

3 Studi di caso in Francia 3 Studi di caso in Francia 3.1 La figura del manager alberghiero 3.1.1 Identificazione della figura La figura del manager alberghiero, individuabile nel Directeur d Hébergement, patron d hotel, hotelier,

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 4 sezioni: 1. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 2. CONOSCENZE 3. ABILITA 4. CARATTERISTICHE PERSONALI

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROFILO DI ORIENTAMENTO GIOVANNI BASTIANELLI

PROFILO DI ORIENTAMENTO GIOVANNI BASTIANELLI PROFILO DI ORIENTAMENTO DI GIOVANNI BASTIANELLI LUISS: capacità cognitive AREA CAPACITA COGNITIVE - Problem Solving 4- Creatività - Pensiero analitico 2- Pragmatismo/ Concretezza Durante tutto il corso

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

ANIMATORE PROFESSIONALE SOCIO EDUCATIVO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

ANIMATORE PROFESSIONALE SOCIO EDUCATIVO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE ANIMATORE PROFESSIONALE SOCIO EDUCATIVO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE Animatore professionale socio-educativo Educatore socio-culturale, animatore sociale Socio-sanitario, culturale

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale La cultura è ciò che resta GT Cooperation Consulting Il nome GT, oltre a ricordare le iniziali dei nomi dei soci fondatori, Giulio Care e Tullio

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO Definizione e significato degli esami di stato L Esame di Stato per l abilitazione alla professione di assistente sociale e di assistente sociale specialista consiste

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Corsi di specializzazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT. Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT. Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche MASTER IN TOURISM MANAGEMENT Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche Il Master in Tourism Management - Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche è il risultato

Dettagli

XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2015 2016 XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIRETTORE: Prof.ssa Paula Benevene VICE DIRETTORE: Dott. Emiliano Maria Cappuccitti COORDINAMENTO

Dettagli

ASSISTENTE SOCIALE. Aggiornato il 9 luglio 2009

ASSISTENTE SOCIALE. Aggiornato il 9 luglio 2009 ASSISTENTE SOCIALE Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze...

Dettagli

Le competenze richieste dalle imprese ai laureati (fonte: indagini Assolombarda)

Le competenze richieste dalle imprese ai laureati (fonte: indagini Assolombarda) Laura Mengoni Le competenze richieste dalle imprese ai laureati (fonte: indagini Assolombarda) Competenze specialistiche e life skills per le professioni del futuro Milano, 11 Novembre 2011 LE COMPETENZE

Dettagli

Master in Selezione, Gestione e Sviluppo delle Risorse umane

Master in Selezione, Gestione e Sviluppo delle Risorse umane Master in Selezione, Gestione e Sviluppo delle Risorse umane Titolo e presentazione del progetto La trasformazione strutturale delle organizzazioni, la necessità di incrementare la competitività attraverso

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora I poteri della dirigenza come datore di lavoro (Art. 5, comma

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIRETTORE: Prof.ssa Paula Benevene VICE DIRETTORE: Dott. Emiliano Maria Cappuccitti COORDINAMENTO DIDATTICO:

Dettagli

Master universitario di II livello in Master Universitario Nazionale per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS

Master universitario di II livello in Master Universitario Nazionale per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2008/2009 Master universitario di II livello in Master Universitario Nazionale

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST

MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST Il Master in Tourism Specialist è progettato per rispondere ai bisogni reali delle imprese turistiche e si rivolge sia a giovani interessati ad un primo inserimento professionale

Dettagli

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA Definizione Il Coordinatore di servizio/unità operativa/struttura è una figura che appartiene al management intermedio dell impresa cooperativa. Si

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-49)

Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-49) Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-4) Art. 1. Denominazione del Corso di studio 1. È istituito presso la Facoltà di Scienze politiche

Dettagli

Progetto/Projet Interreg III A Italia-Francia n 076

Progetto/Projet Interreg III A Italia-Francia n 076 Direttore d albergo SITUAZIONE L intero settore alberghiero sta vivendo una profonda metamorfosi: alla grossa diminuzione degli alberghi a una stella si contrappone l aumento di quelli a tre o quattro

Dettagli

MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN MARKETING E COMUNICAZIONE

MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN MARKETING E COMUNICAZIONE MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN MARKETING E COMUNICAZIONE Istituito a Cagliari nel 2000 da Interforma, il Master in Marketing e Comunicazione, è un corso postlaurea e professionale della durata di 6 mesi

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) (Classe L-16) Immatricolati fino all'a.a. 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MIDDLE MANAGER COMMERCIALE. GUIDARE I COLLABORATORI ALL INTERNO DELL AZIENDA E NELLA STRUTTURA DI VENDITA - A.A. 2014/15 CFU 27 ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua: Italiano Percentuale

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni

Il sistema di valutazione delle prestazioni Il sistema di valutazione delle prestazioni MANUALE aggiornato a gennaio 2015 a cura del servizio Organizzazione e sviluppo INDICE 1. Introduzione: il processo di valutazione 2. Pianificazione degli obiettivi

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Esperto Controlli Non Distruttivi

Esperto Controlli Non Distruttivi Esperto Controlli Non Distruttivi Il profilo professionale individuato deve assicurare l esecuzione dei Controlli Non Distruttivi, deliberando le parti e documentandone i risultati e garantire il rispetto

Dettagli

QUESTIONARIO sull EDUCATORE PROFESSIONALE

QUESTIONARIO sull EDUCATORE PROFESSIONALE QUESTIONARIO sull EDUCATORE PROFESSIONALE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 4 sezioni: 1. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 2. CONOSCENZE 3. ABILITA 4. CARATTERISTICHE PERSONALI

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

Formazione modulare per l accesso all esame di Diploma di Esperto/a in Sviluppo di Carriera

Formazione modulare per l accesso all esame di Diploma di Esperto/a in Sviluppo di Carriera Formazione modulare per l accesso all esame di Diploma di Esperto/a in Sviluppo di Carriera (opzione Transizione Professionale e/o opzione Sostegno al Team Leading) Presentazione 1 Introduzione... 3 2

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

I top manager non familiari nelle aziende familiari. Guido Corbetta e Daniela Montemerlo,

I top manager non familiari nelle aziende familiari. Guido Corbetta e Daniela Montemerlo, I top manager non familiari nelle aziende familiari Guido Corbetta e Daniela Montemerlo, Indice Parte I. Introduzione pag. 3 1. Una collaborazione necessaria e delicata 2. I timori e le opportunità da

Dettagli

O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI

O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI CHE COS È UNA COMPETENZA PROFESSIONALE? Set di slide per il 1 laboratorio di gruppo da UTILIZZARE O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI 01. ETIMOLOGIA Competenza deriva

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT MASTER IN TOURISM MANAGEMENT Gestione tione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche Il Master in Tourism Management - Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche è il risultato

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello

M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello Il Master MUNDIS è un titolo preferenziale per l accesso ai prossimi concorsi per la dirigenza delle

Dettagli

Per un integrazione del sapere Politiche e processi per ottimizzare fonti, competenze e risorse della formazione

Per un integrazione del sapere Politiche e processi per ottimizzare fonti, competenze e risorse della formazione Daniela Dodero Alessandro Broglio Susanna Mazzeschi Maggio 2007 Per un integrazione del sapere Politiche e processi per ottimizzare fonti, competenze e risorse della formazione INDICE La comprensione del

Dettagli

Elementi introduttivi

Elementi introduttivi Progetto Spin off Il marketing territoriale e il ruolo dei distretti industriali Elementi introduttivi Obiettivo La relazione intende delineare le opportunità imprenditoriali legate alla professione del

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano (Università di Bologna) Il Direttore come responsabile della gestione complessiva (1) Cosa vuol dire avere una visione gestionale complessiva,

Dettagli

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Quadro di riferimento Le opzioni per le aziende per crescere e garantirsi continuità incrementano: si acquisiscono imprese o

Dettagli

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione;

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione; 1.2.3.2.0 - Direttori e dirigenti del dipartimento organizzazione, gestione delle risorse umane e delle relazioni industriali Le professioni classificate in questa unità definiscono, dirigono e coordinano

Dettagli

Project manager di interventi educativi innovativi per le famiglie

Project manager di interventi educativi innovativi per le famiglie Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Project manager di interventi educativi innovativi per le famiglie Corsi di specializzazione.200,00 CORSO A CATALOGO

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

IL MODELLO SICUREZZA IN CATTEDRA

IL MODELLO SICUREZZA IN CATTEDRA INIZIATIVE ED ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO, NELLE SCUOLE E TRA I GIOVANI LAVORATORI cellulare: 349-5724637 e-mail: cescofrare@reteagenziesicurezza.it

Dettagli

MASTER BREVE HOTEL MANAGEMENT

MASTER BREVE HOTEL MANAGEMENT MASTER BREVE IN HOTEL MANAGEMENT Il Master breve in Hotel Management organizzato dal Centro Studi CTS risponde all esigenze delle imprese alberghiere di inserire personale altamente specializzato e qualificato

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6205 - Destination Marketing: Comunicazione & Promozione del territorio

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6205 - Destination Marketing: Comunicazione & Promozione del territorio CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6205 - Destination Marketing: Comunicazione & Promozione del territorio Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MIDDLE MANAGER COMMERCIALE. GUIDARE I COLLABORATORI ALL INTERNO DELL AZIENDA E NELLA STRUTTURA DI VENDITA A.A.

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MIDDLE MANAGER COMMERCIALE. GUIDARE I COLLABORATORI ALL INTERNO DELL AZIENDA E NELLA STRUTTURA DI VENDITA A.A. CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MIDDLE MANAGER COMMERCIALE. GUIDARE I COLLABORATORI ALL INTERNO DELL AZIENDA E NELLA STRUTTURA DI VENDITA A.A. 2013/14 Il corso consente di vivere una full immersion in azienda:

Dettagli

COMPETENZE DEL MASTER

COMPETENZE DEL MASTER COMPETENZE DEL MASTER Certificazione Rapporti interpersonali Competenze Master Gestionale Specializzante 1. Area gestionale abilità cognitive che permettono di sviluppare capacità indispensabili in relazione

Dettagli

L'ESPERTO DI OUTPLACEMENT

L'ESPERTO DI OUTPLACEMENT G L O S S A R I O JOB PROFILE L'ESPERTO DI OUTPLACEMENT tratto da www.isfol.it/orientaonline L'ESPERTO DI OUTPLACEMENT DEFINIZIONE L Esperto di outplacement è la Figura professionale che, soprattutto nei

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15

REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15 REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15 Articolo 1 -Definizione dell iniziativa Mimprendo Italia propone un esperienza formativa collegata ad una competizione nazionale tra team multidisciplinari di studenti

Dettagli

PROGETTO AGORA Osservatorio integrato del mercato del lavoro

PROGETTO AGORA Osservatorio integrato del mercato del lavoro Provincia di Firenze PROGETTO AGORA Osservatorio integrato del mercato del lavoro Seminario 27 gennaio 2004 Bando FSE M.D.A. 2003-04 3.2 Progetto Team esperti per attività di assistenza e azioni di accompagamento

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

I promotori Master Team consulenza e formazione professionalità sempre più distintive nuove leve di futuri manager

I promotori Master Team consulenza e formazione professionalità sempre più distintive nuove leve di futuri manager GRANDE MILANO, AUTUNNO 2012 PRIMAVERA 2013 PREPARATI ALL EXPO! La 26ma Edizione Speciale del Master in Hospitality Management nasce dalla necessità di progettare e realizzare un continuum virtuoso che

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

1. ORIENTAMENTO ONLINE: 2. L ORIENTATORE ONLINE

1. ORIENTAMENTO ONLINE: 2. L ORIENTATORE ONLINE 1. ORIENTAMENTO ONLINE: 2. L ORIENTATORE ONLINE Molto si è scritto sulla figura dell orientatore (ad esempio Soresi, 2000), alla ricerca di competenze e profili professionali specifici. Sebbene il lavoro

Dettagli

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel Master in Management degli Eventi Turismo Congressuale e Incentive Travel Il Master è stato progettato e strutturato sullo standard dei requisiti professionali approvati da Federcongressi & Eventi e MPI

Dettagli

Corso di Laurea in. Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici. Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008

Corso di Laurea in. Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici. Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008 Corso di Laurea in VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI TURISTICO-CULTURALI Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che intendono acquisire

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti 1 Finalità e valori di riferimento Il presente Sistema di Valutazione valido per

Dettagli

CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale

CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale Corso di Counseling riconosciuto da AICo (Associazione Italiana Counseling) Presentazione La PNL nasce negli anni 70 per opera

Dettagli

Sicurezza nel lavoro: quale formazione? Quale formazione dei formatori

Sicurezza nel lavoro: quale formazione? Quale formazione dei formatori Sicurezza nel lavoro: quale formazione? Un ambito di ricerca per la pedagogia sociale Formazione alla sicurezza: interrogativi pedagogici Prof.ssa Giuditta Alessandrini La porta dell apprendimento si apre.dal

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN INNOVAZIONE E RICERCA PER GLI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI-EDUCATIVI (IRIS)

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN INNOVAZIONE E RICERCA PER GLI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI-EDUCATIVI (IRIS) ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN INNOVAZIONE E RICERCA PER GLI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI-EDUCATIVI (IRIS) Classi di laurea magistrale: LM-50 Programmazione e gestione

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

DIOCESI di REGGIO EMILIA GUASTALLA UFFICIO SCUOLA Aggiornamento docenti di IRC 3 Incontro Reggio Emilia 21 novembre 2011 PROFESSIONALITÀ IDR e AUTONOMIA DELLA FUNZIONE DOCENTE Da diversi anni la strategia

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST

MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST Il Master breve in Tourism Specialist è progettato per rispondere ai bisogni reali delle imprese turistiche e si rivolge sia a giovani interessati ad un primo inserimento

Dettagli

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO Prof. Alberto Pasquale Programma 1. Elementi di economia e organizzazione aziendale 2. Contabilità e bilancio 3. Finanza aziendale 4. Sistemi di programmazione

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO ORIENTATORE TURISTICO CULTURALE-AMBIENTALE

PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO ORIENTATORE TURISTICO CULTURALE-AMBIENTALE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUIGI AMABILE AVELLINO a.s. 2015/2016 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO INDIRIZZO TURISMO TERZE CLASSI 3^ sez. E / 3^ sez. T LA NUOVA FIGURA PROFESSIONALE ORIENTATORE TURISTICO

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli