Figura 4: Le fasi proposte per la descrizione di una figura professionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Figura 4: Le fasi proposte per la descrizione di una figura professionale"

Transcript

1 2 Proposta metodologica per l individuazione, la descrizione e la classificazione dei tecnici superiori e per la progettazione dei relativi curricula formativi. Sulla base delle diverse esperienze riscontrate nella ricerca, è possibile delineare un processo di definizione e classificazione di una figura professionale articolato in due fasi, in parte ricorsive. A partire da queste si possono poi definire le linee di progettazione del curriculum formativo (fig. 4) AEA POFESSIONALE FIGUA POFESSIONALE CUICULUM FOMATIVO Figura 4: Le fasi proposte per la descrizione di una figura professionale 2.1 L Area professionale Per Area Professionale si intende 2 Un insieme di figure professionali che, seppure a diversi livelli di professionalità e complessità, hanno in comune: processi lavorativi di riferimento; discipline, tecniche, know-how di riferimento; percorsi formativi e professionali affini. In questa fase è possibile identificare tentativamente la specifica area professionale entro cui è possibile collocare la figura esaminata. 2 Butera F., Dalle occupazioni industriali alle nuove professioni, Milano, Franco Angeli, ISO 470

2 Talvolta (es. per nuove professioni), però, per attribuire una figura ad un area professionale di appartenenza è necessario approfondire prima la seconda fase di analisi della figura professionale. 2.2 La figura professionale Con figura professionale possiamo intendere: "la modalità responsabile e socialmente riconosciuta con cui una persona esercita un ruolo (o una serie di ruoli omologhi) in vista della gestione e dell'innovazione di processi definiti di servizio (professione come struttura produttiva), modalità che richiede definite abilità e competenze e regole deontologiche fondate su corpi di teorie e tecniche conseguite attraverso una storia di curriculum di studi e di esperienze legittimati da corpi sociali e/o dallo Stato, che in un modo o in altro certificano o autorizzano la persona ad esercitare la professione (professione come istituzione sociale)" (Butera, 1992). FP FP AEA POFESSIONALE processi lavorativi discipline di riferimento percorsi formativi e professionali FP FP FP Figura 5: elazioni tra area professionale, figura professionale e ruoli ISO 471

3 2.3 La figura professionale: un modello di descrizione e classificazione Sulla base di quanto riscontrato nella ricerca e degli studi di ISO sulle professioni, è possibile proporre un framework per l analisi e la classificazione delle figure professionali POFESSIONE uolo Professionale Contesto di ruolo Struttura della professione Attuali Caratteristiche professionali Orientamenti Prospettiche CAATTEISTICHE DEL LAVOATOE CAATTEISTICHE DEL MECATO DEL LAVOO Figura 6: Il framework proposto Una figura professionale può essere descritta come incrocio tra tre aree contigue: 1. La professione, articolata a sua volta in il ruolo professionale, ovvero i compiti o attività di lavoro, le relazioni e gli obiettivi ed i risultati; il contesto di ruolo, ovvero i processi, la tecnologia e l organizzazione cui il ruolo fa riferimento (contesto di riferimento); la struttura della professione, indicante il profilo di competenze ed i percorsi di sviluppo e di carriera. La struttura è caratterizzata da teorie e tecniche di riferimento, dalle responsabilità tipiche del modello professionale, dalle conoscenze ed abilità del ISO 472

4 comportamento professionale, la carriera, il curriculum di studi, le norme deontologiche e gli standard professionali. 2. Le caratteristiche del lavoratore, ovvero le caratteristiche socioprofessionali delle persone che esercitano il ruolo, a loro volta articolate in: Caratteristiche personali: valori, stili, competenze; Orientamenti personali: attese, motivazioni. 3. Le caratteristiche del mercato del lavoro, ovvero le caratteristiche socio-demografiche del mercato del lavoro, a loro volta articolate in: Caratteristiche attuali: condizioni di lavoro, retribuzione, rapporto di lavoro; Caratteristiche prospettiche: contiguità con altre occupazioni; prospettive del mercato del lavoro. L incrocio tra queste tre aree determina a sua volta degli spazi di sovrapposizione. Ad esempio, l incrocio tra professione e caratteristiche del lavoratore definisce gli spazi del ruolo effettivamente agito come mediazione tra il ruolo ascritto dall organizzazione e quello percepito dal lavoratore. Le competenze, i valori e le attese vanno viste proprio nell ambito del ruolo agito. ISO 473

5 L incrocio tra tutte e tre le aree (professione, caratteristiche del lavoratore, caratteristiche del mercato del lavoro) identifica invece uno spazio disponibile per l identificazione di politiche attive del lavoro. In questo spazio la leva formativa assume una importante e significativa valenza (cfr. figura 7). Figura 7: Intersezioni tra le tre aree ISO sezione D.doc - settembre

6 Di seguito si propone una descrizione analitica del framework proposto. Questo va inteso come una proposta non definitiva che, tenendo conto di quanto emerso nella presente ricerca, può richiedere ulteriori sviluppi e affinamenti. uolo Professionale relazioni compiti risultati POFESSIONE decisioni Contesto di ruolo processi Struttura della professione organizzazione tecnologie Percorsi di carriera competenze Condizioni di lavoro conoscenze attitudes abilità esperienze retribuzione Attuali Caratteristiche professionali valori stili lavoro Orientamenti motivazioni attese CAATTEISTICHE DEL LAVOATOE formazione apporto di lavoro Prospettiche Contiguità con altre occupazioni Presenza sul mkt Prospettive di mkt CAATTEISTICHE DEL MECATO DEL LAVOO Figura 8: Articolazione dei descrittori analitici proposti dal framework La Professione uolo professionale Il ruolo professionale è definito come: i compiti effettivamente svolti; le decisioni prese dalla persona; in vista di risultati, obiettivi e conseguenze attese; considerati nelle relazioni e nelle comunicazioni che esse implicano. ISO 475

7 Informazioni da rilevare per l analisi della dimensione 1. I compiti di lavoro Indica la tipologia di attività prevalente o il mix di attività, mentali o operative, che caratterizzano il processo di lavoro. Possibili descrittori sono: i contenuti del lavoro, ossia compiti e attività precise; i servizi resi e le loro caratteristiche (es. informazioni, consulenza, supporto operativo, etc.); le modalità di coordinamento e controllo; la discrezionalità nell apportare innovazioni; i vincoli, gli ostacoli, gli eventi imprevisti che intervengono nelle attività. 2. Le attività decisionali Indicano le modalità e il livello di autonomia con cui sono prese le decisioni. Possibili descrittori sono: il tipo di decisioni; la discrezionalità ed autonomia decisionale; la complessità dell oggetto della decisione; i processi cognitivi adottati nella decisione; la rilevanza delle decisioni. 3. Le relazioni e le comunicazioni di lavoro Indicano gli altri soggetti, figure professionali, unità organizzative con cui la figura è in relazione e comunicazione. Possibili descrittori sono: i clienti/utenti dell attività professionale; le figure professionali con cui ha relazioni di lavoro (sia all interno, sia all esterno della sua organizzazione); le modalità di collaborazione (es. supporto operativo, semplice scambio di informazioni, progettazione e ideazione). 4. I risultati e le responsabilità Indicano i risultati attesi dalla figura professionale e le responsabilità chiave sul loro conseguimento. Possibili descrittori sono: il tipo di risultati, l impatto sulla prestazione complessiva dell organizzazione; il livello di condivisione delle responsabilità. Contesto di ruolo Il contesto di ruolo è l insieme di processi, tecnologie e organizzazione cui il ruolo fa riferimento nello svolgimento delle proprie attività (contesto di riferimento). ISO 476

8 Informazioni da rilevare per l analisi della dimensione 1. Processi produttivi e di servizio Identifica il processo all interno del quale sono svolte le attività dalla figura professionale. Esse sono infatti componenti del processo più generale. Ad esempio, l attività fornire informazione è parte del più ampio processo di orientamento al lavoro. 2. Tecnologie di riferimento E l insieme di strumenti, mezzi, linguaggi, vincoli, attraverso cui la figura professionale opera. Esempi di tecnologie a supporto del lavoro sono: Internet, posta elettronica, le metodologie, etc. Possibili descrittori sono: le tecnologie utilizzate; il ruolo giocato nello svolgimento delle attività di lavoro; l utilizzo di tecnologie informatiche e della comunicazione (Internet, , etc.). 3. Organizzazione del lavoro Individua la modalità principale di svolgimento dell attività professionale (ad esempio divisione del lavoro, lavoro individuale, lavoro in team, lavoro sequenziale). Possibili descrittori sono: il lavoro individuale o in gruppo; le modalità di coordinamento con collaboratori e colleghi; il livello di dipendenza dell attività dalle decisioni di altre persone; i criteri adottati nell assegnazione dei compiti; il tipo di divisione del lavoro. 4. Tipo di organizzazione Indica il tipo di ente, ad esempio se è una piccola-media-grande impresa, un ente della Pubblica Amministrazione, un associazione o una impresa del terzo settore, etc.). Possibili descrittori sono: struttura organizzativa, ragione sociale, dimensioni, distribuzione sul territorio, articolazione della funzione di appartenenza. Struttura della professione La struttura della professione indica l insieme di competenze, esperienze richieste e percorsi e modalità di carriera connessi ad una figura professionale. 1. Le competenze di ruolo Le competenze sono definite dall insieme di conoscenze, capacità professionali e qualità personali della figura professionale. ISO 477

9 Le conoscenze, ossia il sapere necessario allo svolgimento delle attività, si possono distinguere in: conoscenze disciplinari di base, ossia le discipline di riferimento per la professione (psicologia, economia, sociologia, discipline giuridiche, biologia, comunicazione, etc.); conoscenze tecnico/metodologiche, ossia le tecniche e le metodologie associate all esercizio di una professione (tecniche di colloquio/intervista, metodologia della ricerca sociale, analisi statistica, programmazione, etc.); conoscenze di mercato/settore/dominio applicativo, ossia le conoscenze relative all area professionale di riferimento (ad esempio conoscenza del mercato del lavoro, dei fabbisogni delle tipologie clienti); conoscenze normative, ossia l insieme di leggi, atti, regolamenti cui si fa riferimento nello svolgimento delle attività (ad esempio leggi per la promozione dell imprenditoria, normative sulle cooperative sociali, leggi sul mercato del lavoro, etc.); conoscenze di processo, ossia le conoscenze associate allo svolgimento di uno specifico processo lavorativo (ad esempio analisi dei fabbisogni formativi, progettazione di un curriculum formativo/professionale, progettazione di un business plan, pianificazione commerciale, manutenzione di un impianto, etc.). Le capacità o abilità professionali, ossia il saper fare necessario allo svolgimento delle attività lavorative, si distinguono in: capacità organizzative (gestire un organizzazione, pianificare risorse e obiettivi, problem solving, sviluppare e gestire un team, etc.); capacità relazionali (sviluppare relazioni cooperative, teamworking, leadership, negoziazione, etc.); capacità comunicative (comunicare con chiarezza, sviluppare e trasferire le conoscenze, ascoltare e interpretare i feedback, etc.). Le qualità o attitudini personali, ossia il saper interpretare le esigenze derivanti dalle diverse situazioni lavorative adattando conseguentemente il proprio ruolo, definiscono le attitudini e gli atteggiamenti di cui la persona è portatrice e che possono determinare le sue prestazioni professionali. Esempi di qualità personali sono: socialità comunicatività proattività orientamento al servizio ISO 478

10 creatività analiticità ascolto Possibili descrittori sono: le conoscenze di tipo disciplinare necessarie al lavoro; le tecniche e metodologie; le modalità di aggiornamento; i riferimenti normativi (leggi, regolamenti, ); le competenze contestuali e pratiche ; le attitudini necessarie a svolgere correttamente il lavoro nelle più diverse condizioni. 2. Le esperienze richieste Le esperienze richieste consistono nel percorso di studio e formativo e nelle precedenti attività professionali: percorso di studio e formativo (ad esempio tipo di diploma, diploma IFTS o titolo di laurea richiesto, corso di specializzazione, iscrizione ad un albo, master, dottorato di ricerca, etc.); esperienze precedenti di lavoro, in termini di tipologia (stage, tirocinio abilitante, praticantato) e durata; Possibili descrittori sono: percorso di studio; titoli conseguiti e iter formativo; titolo necessario per svolgere la professione; eventuali certificazioni o specializzazioni/esami specifici; esperienze di lavoro o periodi di tirocinio; esperienze di lavoro delle persone che esercitano il ruolo. 3. Percorsi e modalità di carriera Questa categoria indica il tipo di sviluppo di carriera della figura professionale, in termini di: percorso di sviluppo professionale (ruoli in entrata, ruoli e posizioni ricoperti nel corso della carriera, ruoli in uscita); modalità di carriera (orizzontale/verticale/mista, formazione continua, valutazione e assessment) Possibili descrittori sono: carriera; percorsi formali di carriera; mobilità tra ruoli contigui; rapporto tra risultati e carriera; eventuali sistemi di valutazione delle competenze e dei risultati; attività formali di aggiornamento professionale Caratteristiche del mercato del lavoro Questa dimensione identifica una serie di informazioni generali sulla figura professionale e sul suo posizionamento nel mercato del lavoro nazionale. ISO 479

11 Caratteristiche attuali Informazioni da rilevare per l analisi della dimensione 1. Condizioni di lavoro Individua: le condizioni fisiche entro cui si svolge il lavoro (prevalentemente fisso, prevalentemente itinerante, un misto tra i due); le condizioni di ergonomia cognitiva (stress, attenzione richiesta, affidabilità); Possibili descrittori sono: mobilità del lavoratore; grado richiesto di attenzione/concentrazione; priorità delle scadenze; importanza del feedback sulla prestazione; fattori di affaticamento e stress. 2. Livello retributivo (meno di ; fino a.) Individua il range entro il quale si può collocare la retribuzione della figura professionale. 3. Presenza attuale sul mercato del lavoro Individua, a livello nazionale/regionale, la distribuzione quantitativa della figura professionale e la sua rilevanza rispetto alle aree professionali di riferimento. Possibili descrittori sono: dati e informazioni attraverso statistiche ufficiali, testi di riferimento e materiale reso disponibile dalle organizzazioni contattate. 4. apporto di lavoro Individua la tipologia prevalente di rapporto di lavoro della figura professionale (autonomo, dipendente, collaborazione occasionale, etc.) e la tipologia di contratto (formazione e lavoro, a tempo determinato/indeterminato, di collaborazione coordinata e continuativa, etc.). Possibili descrittori sono: rapporto di lavoro (dipendente, atipico, autonomo); posizione contrattuale. Caratteristiche prospettiche Informazioni da rilevare per l analisi della dimensione 1. Prospettive sul mercato del lavoro Individua il trend di crescita regionale/nazionale della figura professionale e delle aree professionali connesse. Possibili descrittori sono: dati e informazioni attraverso statistiche ufficiali, testi di riferimento, proiezioni e monitoraggi, studi di settore. ISO 480

12 2. Contiguità con altre figure professionali Individua il potenziale di mobilità nel mercato di lavoro e di versatilità professionale della figura presa ad esame. Possibili descrittori sono: area professionale di riferimento; contiguità, all interno e all esterno dell area professionale, delle competenze relative alla figura professionale con le competenze richieste ad altre figure professionali; percorsi di carriera Suggerimenti e indicazioni per la ricerca futura Il framework presentato è stato elaborato sulla base di quanto riscontrato nei quattro paesi esaminati e sulla base dei numerosi lavori di ricerca sulle professioni e sui lavoratori della conoscenza che ISO ha realizzato negli anni. Il framework richiede senza dubbio ulteriori affinamenti anche sulla base di un confronto con i diversi attori istituzionali che operano nel campo del lavoro e della formazione. E comunque possibile delineare, fin da ora, le possibili applicazioni di un framework unitario quale quello qui proposto. Ognuna di queste opzioni disponibili potrebbe infatti richiedere ulteriori iniziative di ricerca. Transcodifica delle classificazioni esistenti Uno dei problemi riscontrati nella ricerca è costituito dalla difficoltà a passare da un sistema di classificazione ad un altro. In alcuni casi è difficile ritrovare una determinata figura nei diversi sistemi. In altri si scopre come la medesima componente descrittiva ad esempio la competenza sia declinata con modalità non solo differenti ma anche incompatibili. A questa difficoltà, come si è visto, hanno cercato di ovviare negli altri paesi progetti quali O* Net o il ome. In Italia un framework condiviso, senza diventare un vincolo o creare rigidità, potrebbe comunque rappresentare una base per la transcodifica tra i diversi sistemi esistenti. La scelta di adottare un framework condiviso non deve limitare la discrezionalità dei diversi soggetti istituzionali nella declinazione delle componenti descrittive. Infatti, sia differenti obiettivi (monitoraggio del mercato del lavoro, incontro domanda-offerta, orientamento dei giovani, progettazione di curricula formativi) che diverse finalità di intervento (politiche attive del lavoro, monitoraggio del mercato, rilevazione di nuove figure, etc.) implicano approcci più o meno analitici alla articolazione delle componenti descrittive. Al tempo stesso, però, lo sviluppo di ramificazioni più o meno dettagliate e la raccolta di informazioni più o meno analitiche non mettono in ISO 481

13 discussione le aree comuni: è il framework comune a garantire unitarietà e possibilità di confronto. Modello unitario e integrato Un framework quale quello proposto può anche essere la base per lo sviluppo di un vero e proprio modello integrato di gestione (sulla scorta dell esperienza O* Net). Una finalità di questo tipo richiede probabilmente un presidio unitario e modalità di partnership tra attori pubblici e privati (istituzioni, parti sociali ma anche associazioni, ordini professionali, singole imprese e singoli lavoratori) per l aggiornamento bottom up dei dati relativi alle diverse componenti descrittive del modello. Così come sperimentato negli U.S.A., ad un ampio coinvolgimento di molteplici attori per l aggiornamento del dato deve però corrispondere uno sforzo altrettanto significativo di revisione, standardizzazione, verifica dell attendibilità. Negli U.S.A., ad esempio, questa esigenza viene soddisfatta da gruppi di esperti del Department of Labor s Employment and Training Administration, dagli State-based Occupational Analysis Field Centers e dagli Assessment esearch and Development Program Centers. Base informativa per la valutazione e la progettazione dei curricula formativi. Il framework consente inoltre di raccogliere informazioni preziose ai fini della progettazione di percorsi e curricula formativi. La progettazione di un percorso formativo può svilupparsi individuando, sulla base di quanto emerso in fase di descrizione della figura, contenuti specifici per ciascuna delle seguenti categorie: Contenuti Durata minima (n. ore) Pre-requisiti Modalità formative (moduli/ufc) Stage Verifiche intermedie di apprendimento Valutazione finale Certificazione rilasciata Vincoli e risorse ISO 482

14 Il processo di progettazione di moduli formativi è quindi il frutto di tre momenti fondamentali: 1. L analisi della figura e, in particolare, la dimensione della dimensione struttura professionale e delle caratteristiche del lavoratore; 2. La definizione di obiettivi e finalità specifiche dell intervento formativo da progettare; 3. L individuazione e la valutazione dei vincoli e delle risorse disponibili. Analisi Vincoli e risorse Obiettivi Progettazione Moduli formativi Figura 9: Dall analisi delle figure alla progettazione dei curricoli formativi Griglia per una più precisa descrizione dei tecnici superiori Infine, il framework può costituire una griglia per una più puntuale identificazione delle caratteristiche che accomunano i tecnici superiori (ad esempio differenziandoli, sempre nell ambito dei lavoratori della conoscenza, dai professionisti o dagli operativi ad elevata discrezionalità). La ricerca ha mostrato come, a parità di denominazione formale (es. operatore turistico), possano corrispondere, nei diversi paesi esaminati, figure sostanzialmente diverse. Lo sviluppo di alcune di queste richiede effettivamente percorsi formativi post-secondari; per altre sono invece sufficienti programmi di formazione professionale secondaria; altre ancora si configurano come figure alte, spesso formate attraverso percorsi del terziario universitario. ISO 483

15 Una più precisa identificazione delle caratteristiche che accomunao i tecnici superiori è cruciale anche ai fini della proposizione dell offerta formativa più adeguata. E possibile immaginare un applicazione, finalizzata a questo scopo, dei descrittori proposti dal framework. I tecnici superiori potrebbero essere più precisamente identificati dalla combinazione di diverse componenti del framework quali, a titolo esemplificativo: hanno competenze e caratteristiche personali di un certo tipo (specificare quali); di solito sono diplomati o in possesso di titoli di studio postsecondari non universitari; hanno relazioni non solo con i propri colleghi ma anche con l esterno; lavorano per obiettivi e realizzano prestazioni che contribuiscono indirettamente alla performance complessiva del sistema organizzativo; hanno responsabilita di efficacia, qualita o soddisfazione di clienti interni o esterni; integrano competenze proprie con conoscenze organizzative e di altri; agiscono da ponte tra mondo simbolico e mondo fisico (quindi per loro sono importanti non solo le dimensioni razionali/cognitive ma anche le competenze contestuali, applicative e le abilità fisiche); assumono decisioni relative a problemi specifici (ma non relative a sistemi) in autonomia; di solito lavorano in contesti di gruppo; etc. Il lavoro di descrizione ed identificazione dei tecnici superiori travalica sicuramente gli obiettivi assegnati alla presente indagine. Una definizione e caratterizzazione più precisa resta però un auspicabile ulteriore fronte di ricerca. I casi di studio riportati di seguito - relativi al settore del turismo - sono stati preparati a partire dalle componenti descrittive previste dal framework proposto. Si ritiene che questi stessi casi siano esempi concreti di come una descrizione sufficientemente articolata e ricca di una figura professionale possa consentire una identificazione più precisa e favorire la progettazione dei curricula formativi più opportuni. ISO 484

16 3 Studi di caso in Francia 3.1 La figura del manager alberghiero Identificazione della figura La figura del manager alberghiero, individuabile nel Directeur d Hébergement, patron d hotel, hotelier, fa parte di un settore che in Francia si caratterizza per una notevole espansione in termini di potenzialità occupazionali. Da un decina di anni infatti il settore alberghiero e della ristorazione sta vivendo una rinascita accelerata determinata sia dalla crescita di catene industriali (Hotel Ibis, Méridien, Pomme de Pain, etc.) che dalla definizione di nuove modalità gestionali legate all introduzione delle tecnologie informatiche. In poco più di un decennio il settore ha visto infatti una crescita di nuove possibilità occupazionali pari al 29%; dal 1981 al 1995 sono stati creati nuovi posti di lavoro. La figura del manager alberghiero assume quindi un nuovo rilievo e la sua trattazione è presente in tutti i sistemi di classificazione professionale: nelle fiche metier Onisep corrisponde al Directeur d Hotel; nelle classificazioni dell INSEE è inclusa all interno dei Cadres administratifs et commerciaux (CS 37); il ome la colloca all interno del Personnel de l hôtellerie come Directeur d hébergement (13 134) Il ruolo professionale e il contesto Le attività caratterizzanti il ruolo professionale di manager alberghiero sono sintetizzabili in gestione, commercializzazione e coordinamento, anche se la tipologia di processo sottostante può sensibilmente variare a seconda delle dimensioni della struttura alberghiera. Ad esempio il direttore di un piccolo hotel familiare si preoccuperà in prima persona della ricerca dei finanziamenti per la sua impresa, mentre nelle catene alberghiere questa attività è dominio della Direzione del Gruppo. In generale il manager alberghiero gestisce e dirige la struttura alberghiera nel quadro di un budget da lui stesso definito o che è stato delineato dalla Direzione Generale dell azienda o ancora dal proprietario dell albergo nel caso di struttura familiare. Solitamente il manager supervisiona tutto il funzionamento della struttura, gestendo l attività di selezione, formazione e animazione del personale e ISO 485

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap ZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI AI SENSI DELL ART. 46 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N. 445 Requisito 1: Titolo di studio voto finale di laurea l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap di essere

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli