IL CONCEPT TEST E IL PRODUCT TEST

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONCEPT TEST E IL PRODUCT TEST"

Transcript

1 IL CONCEPT TEST E IL PRODUCT TEST Laurea Specialistica in Marketing Corso di Funzioni di Marketing Strategico Prof. Aldo Burresi ANNO ACCADEMICO 2007/2008 A cura di: Michele Ducci Tommaso Ferrari Aggradi Leonardo Pinzauti 0

2 Indice: CONCEPT TEST E PRODUCT TEST Premessa... p. 2 1) Test per l innovazione p. 3 ( A cura di Michele Ducci ) 2) Concept test e metodologie di ricerca... p. 6 ( A cura di Tommaso Ferrari Aggradi ) 3) Product test e Market test. p. 12 ( A cura di Leonardo Pinzauti ) 4) Casi specifici.... p. 17 ( A cura di Michele Ducci ) Considerazioni finali.. p. 21 Bibliografia... p. 22 1

3 Premessa Il processo di sviluppo di nuovi prodotti implica oggi il ricorso sempre crescente ad un ampio spettro di risorse umane, finanziarie e commerciali. Preso in considerazione il basso tasso di sopravvivenza dei nuovi prodotti lanciati sul mercato, diventa necessario per le imprese realizzare prodotti che soddisfino i clienti e per questo lungo il processo innovativo di sviluppo di nuovi prodotti stanno assumendo sempre più importanza rispetto al passato le ricerche di marketing realizzate attraverso una serie di test che hanno lo scopo di valutare il grado di preferenza dei potenziali consumatori nei confronti prima dei diversi concetti di prodotto e poi degli eventuali prototipi. In questa ottica assumono un importanza centrale il concept test, attraverso il quale vengono selezionati e valutati i diversi concetti di prodotto, ed il product test, grazie al quale si valutano le reazioni dei consumatori nei confronti di un prototipo di prodotto concretamente realizzato, e che per tale motivo saranno oggetto di analisi nel corso dell elaborato. 2

4 1. Test per l innovazione La capacità di innovare con successo rappresenta per l azienda lo svincolo cruciale per ottenere successo e assicurarsi la sopravvivenza in un mercato come quello odierno altamente concorrenziale. Tuttavia si deve a buon diritto ricordare che lo sviluppo e il susseguente lancio di nuovi prodotti è una delle operazioni più delicate che un azienda possa affrontare, visto l elevato rischio di insuccesso che diventa tanto più alto quanto più risulta elevato il tasso di innovazione (secondo una ricerca effettuata da Booz, Allen e Hamilton risulta che la percentuale di successi sul lancio di nuovi prodotti risulta 1 su 3 1 ). Se a queste considerazioni introduttive aggiungiamo che i costi collegati all innovazioni sono tanto più elevati quanto più complessi diventano i processi innovativi in termini di impianti, uomini, know-how e ricerche di mercato, comprendiamo le ragioni che spingono le imprese ad adottare pianificazioni accurate onde evitare di incidere in maniera grave sulle capacità finanziarie dell impresa, visti anche gli alti costi richiesti nella fase successiva allo sviluppo del nuovo prodotto, ovvero quella di lancio (si pensi ai costi pubblicitari necessari per far conoscere il nuovo prodotto o a quelli di listing fee che le imprese devono pagare per far referenziare il nuovo prodotto di largo consumo dalla GDO). Per tali ragioni le imprese ricorrono in maniera cospicua a ricerche di mercato che permettano di avvicinarsi meglio alle aspettative e preferenze del consumatore evitando di sviluppare errori nella definizione delle caratteristiche dell idea di prodotto, per ridurre in tal modo i rischi collegati all innovazione. 2 Tra le varie ricerche di mercato quelle che interessa prendere in considerazione in questa sede sono rappresentate da 3 : - Ricerche a supporto dello sviluppo di nuovi prodotti o servizi (Concept test, Product test, Package test, Copy test, Price test, Brand-name test, Market test) - Ricerche di valutazione a priori o posteriori delle azioni di marketing 1 Corigliano G. (2004), Marketing, strategie e tecniche, Etas, Milano, p Caranza C. (1987), La sorgente del marketing, Ipsoa, Milano. 3 Raimondi M. (2005), Marketing del prodotto servizio, U. Hoepli, Milano, 2005, p

5 Queste tipologie di ricerche risultano complementari nella fase di innovazione e sviluppo dei nuovi prodotti consentendo di valutare e verificare il grado di accettazione del nuovo prodotto o servizio, nonché delle sue caratteristiche, e di selezionare gli strumenti del marketing mix ritenuti ideali per un efficace commercializzazione dello stesso. Le ricerche in oggetto si implementano attraverso un insieme di test che intervallano le varie fasi del processo di sviluppo del nuovo prodotto, inteso in questa sede come modello sequenziale di fasi coordinate, che partendo dalla generazione di idee creative consente di giungere allo sviluppo finale del nuovo prodotto, scartando i prodotti-servizi che non avrebbero buone probabilità di successo e facendo procedere alle varie fasi successive solamente i progetti che si dimostrano più validi anche in termini di fattibilità economica, tenendo conto anche delle competenze e risorse in possesso dell azienda 4. Premesso che ogni test effettuato dall azienda ha la funzione di anticipare ogni dinamica sfavorevole tra prodotto e potenziale consumatore, l azienda attraverso i test cerca di andare il più possibile verso le aspettative e i desideri di quest ultimo, mettendo a punto un sistema di offerta coerente con le percezioni del potenziale utilizzatore e riducendo in tal modo i rischi legati al processo innovativo 5. Proprio per queste ragioni non è un raro che l azienda esegua product test durante tutta la fase di ciclo di vita del prodotto, dalla sua introduzione e sviluppo fino alla fase di gestione e maturità. Dopo aver sottolineato l importanza svolta dai test, preme sottolineare le caratteristiche e i motivi che spingono l azienda ad effettuare i vari test nella fase di sviluppo del nuovo prodotto. Nella figura 1.1 viene proposto uno schema esemplificativo per comprendere l utilità dei test e il momento in cui gli stessi si rendono necessari nel processo di innovazione. 4 Raimondi M. (2005), Marketing del..., op. cit., pp Corigliano G. (2004), Marketing, strategie e tecniche, p

6 Figura 1.1 Utilità dei test nel processo di sviluppo del nuovo prodotto Generazione delle idee Selezione delle idee Sviluppo del concetto Concept test e conjoint analysis Analisi economica Sviluppo del prodotto Product test e package test Lancio e commercializzazione Market test Fonte: Nostra elaborazione su Burresi A., Aiello G., Guercini S. (2006), Il marketing per il governo d impresa, Giappichelli editore, Torino, p I test, che si susseguono nelle varie fasi del processo consentono in primis di effettuare importanti scelte strategiche in merito alla strutturazione del prodotto e dei suoi attributi, in base alle configurazioni che risultano preferite dai potenziali clienti, e in seguito nella fase del lancio di valutare se le scelte del programma di marketing prescelto risultano efficaci in termini di redditività. Procediamo ora ad una rapida disamina dei vari test rimandando ai capitoli successivi per un analisi più approfondita degli stessi, premettendo che molti studiosi americani come C. McDaniel e R. Gates inglobano la fase di product test direttamente nella fase di market test, andando in tal modo a testare contemporaneamente tutte le leve del marketing operativo in un area delimitata 6. I Concept test sono dei processi che usano metodi quantitativi e qualitativi per valutare quale sarebbe la risposta dei consumatori all'introduzione di un nuovo prodotto sul mercato 7. Si tratta di una ricerca finalizzata a testare la validità di un'idea imprenditoriale. Non essendo stato ancora realizzato il prodotto o il servizio, ne viene mostrato il concetto, presentato in genere in forma grafica seguito da una breve descrizione (evidenziandone le caratteristiche fondamentali e i benefici offerti). Rappresentano un primo banco di prova per valutare con maggiore sicurezza la fattibilità del proprio progetto imprenditoriale. 6 McDaniel C., Gates R. (2007), Marketing Research with SPSS, 7th Edition, Univ. of Texas, Arlington, pp

7 I Product test, che seguono la fase di messa a punto del prodotto, hanno l obiettivo di verificare la percezione delle caratteristiche organolettiche, funzionali e percettive di un prodotto su un campione rappresentativo di potenziali consumatori. Durante tali test vengono testate forma, colore, etichette, aspetti sensoriali, con lo scopo di consentire al consumatore di valutare le performance e gli aspetti fisici del prodotto 8. I packaging test poggiano la loro ricerca sulla confezione del prodotto, andando ad analizzare le caratteristiche materiali ed immateriali come immagini, colore, forma, dimensione, ecc... Servono a verificare il "livello di pertinenza" della confezione con il posizionamento desiderato, rispetto alla concorrenza e al target di riferimento, oltre che a testare gli elementi di attrattività, distintività e impatto del pack nei confronti del consumatore 9. I market test sono la sperimentazione del lancio e del piano di marketing in un area (paese) considerato come banco di prova, attraverso un test che coinvolge il nuovo prodotto e testa l attuale strategia di marketing a livello di prodotto, prezzo, comunicazione e promozione. L obiettivo è quello di limitare l eventuale insuccesso del lancio del nuovo prodotto ( che da uno studio effettuato risultano maggiori del 90% 10 ) andando a verificare alcune indicazioni sui volumi di vendita ottenibili nell area di indagine, prima di effettuare il lancio effettivo in un area più estesa. 2. Concept test e metodologie di ricerca Come abbiamo visto precedentemente la fase preliminare dello sviluppo di un nuovo prodotto è quella della generazione di idee innovative sui potenziali attributi dei nuovi prodotti, le quali possono essere prodotte da fonti interne all impresa o da fonti esterne. Le fonti interne utili in tale fase sono costituite da dipendenti, personale di vendita, ricercatori, ingegneri, marketing managers o altro personale McDaniel C., Gates R. (2007), Marketing..., op. cit., pp

8 organizzativo. In particolare le idee innovative possono essere create dal ricercatore innovatore (R&S) che incorpora processi tecnologici innovativi in nuovi prodotti (approccio technology push) oppure dal produttore innovatore (marketing manager) che parte da un analisi sistematica dei bisogni del mercato per verificare e valutare nuove opportunità in termini di prodotti (approccio demand pull). Le fonti esterne capaci di generare idee innovative sono clienti, concorrenti, distributori, agenzie pubblicitarie, consulenti e istituti di ricerca. È il mercato a produrre la maggiore quantità di nuovi possibili concetti di prodotto, che l impresa, grazie ad un orientamento al cliente e ad una gestione delle relazioni col mercato che non sia limitata all atto della vendita ma sfoci nell apprendimento reciproco, è in grado di raccogliere attraverso interazioni costanti ed approfondite con gli utilizzatori innovatori 11. Le fonti coinvolte in questa fase del processo di sviluppo di nuovi prodotti contribuiscono alla generazione di idee grazie all utilizzo di criteri specifici, che vengono distinti dalla letteratura di marketing in 12 : criteri creativi (focus group, brainstorming e sinettica), i quali vogliono ottenere soluzioni originali affrontando il problema in modo più o meno diretto fondandosi essenzialmente sull immaginazione, sull intuito e sulla convinzione che un gruppo di individui è maggiormente creativo del singolo individuo grazie all effetto sinergia e interazione che viene a crearsi all interno del gruppo stesso; criteri funzionali (elenco degli attributi, analisi morfologica, analisi delle percezioni e delle preferenze, analisi delle esperienze d uso), che coinvolgono in particolare le fonti esterne creatrici di idee innovative e che prendono in esame prodotti esistenti per migliorarli grazie a novità incrementali. Il risultato della fase di generazione delle idee è un elenco di potenziali idee che prima di essere trasformate in concetti di prodotto saranno sottoposte ad un processo di valutazione preliminare e di selezione. L obiettivo consiste 11 Von Hippel E. (1978), Successful Industrial Products from Customers Ideas, Journal of Marketing, n. 42, gennaio Burresi A., Aiello G., Guercini S. (2006), Il marketing per il governo d impresa, Giappichelli editore, Torino, p

9 nell eliminazione delle idee di nuovi prodotti poco attraenti o semplicemente incompatibili con le risorse o con gli obiettivi dell impresa. Un metodo semplice ed efficace per l implementazione di questa valutazione preliminare è quello della griglia di valutazione, nella quale: si elencano in maniera esaustiva gli indicatori di successo relativi alle dimensioni di attrattività del mercato e competitività dell impresa, ogni fattore o gruppo di fattori viene ponderato in funzione della sua importanza relativa, si giudica la nuova idea di prodotto alla luce di ciascun fattore (in base a giudizi di esperti interni o esterni all impresa), infine si elabora un indicatore di performance capace di riassumere le valutazioni 13. Le idee sopravvissute alle valutazioni preliminari, e che quindi potrebbero essere sviluppate poiché soddisfano i requisiti di redditività che l impresa si propone di ottenere, dovranno ora essere concretizzate e tradotte attraverso lo sviluppo del concetto di prodotto, definito come una descrizione, preferibilmente scritta, a) della promessa fatta dal nuovo prodotto e b) delle sue caratteristiche fisiche e percettive c) per un gruppo particolare di utenti 14. Dunque non una semplice scheda tecnica, ma la formalizzazione di un vero paniere di attributi che pone l accento sui vantaggi offerti dal prodotto ai potenziali acquirenti, la cui definizione chiara e precisa è cruciale sotto diversi aspetti: indica alla direzione generale dell impresa il posizionamento ricercato; costituisce l insieme di specifiche tecniche per il reparto R&S incaricato di verificarne la fattibilità tecnica; rappresenta la base per l elaborazione della copy strategy che dovrà contenere le caratteristiche distintive del nuovo prodotto. Entriamo così nella fase del processo di sviluppo di nuovi prodotti al centro dell analisi di questo paragrafo, in cui i concetti di prodotto devono essere sottoposti al giudizio dei potenziali utilizzatori attraverso il cosiddetto concept test, capace di fornire una serie di suggerimenti e di spunti per correggere il concetto ed una primissima valutazione del grado di accettazione che il prodotto potrebbe trovare sul mercato. Poiché in questa fase dello sviluppo del nuovo prodotto è necessario esplorare diverse alternative, solitamente si procede ad un concept test di tipo 13 Lambin J. (2002), Marketing strategico e operativo, McGraw-Hill, p Ibidem. 8

10 qualitativo, che lascia maggiore libertà espressiva ai soggetti intervistati consentendo l emergere di aspirazioni latenti o delle quali essi stessi non sono del tutto consapevoli, con lo scopo di valutare le diverse alternative di concetto. Le metodologie di ricerca maggiormente utilizzate in questa fase sono: le interviste individuali in profondità, con le quali è possibile cogliere aspetti più profondi del fenomeno indagato attraverso la raccolta di dati che non riguardano solo gli aspetti di comunicazione verbale dell intervistato, anche grazie alla semi-strutturazione o de-strutturazione del colloquio; i focus group, nei quali l oggetto di analisi principale è proprio l interazione fra i partecipanti, nella convinzione che le motivazioni, le opinioni, le percezioni, gli atteggiamenti, le preferenze e i comportamenti dei clienti si formano attraverso le interazioni sociali che avvengono nella naturale dinamica dei mercati, alcune delle quali vengono ricreate in piccolo all interno del focus group. Operativamente il concept test prevede che i diversi concetti vengano letti (o presentati su carta o video, nel caso abbiano una parte grafica) ad un campione rappresentativo di consumatori che costituiscono il bersaglio potenziale del nuovo prodotto. I tipi di domande utilizzate dipendono dagli specifici interessi della ricerca che possono essere molteplici 15 : verificare la comprensibilità dei nuovi concetti e le percezioni da parte del target; identificare i benefici evocati dai diversi concetti, sia funzionali sia simbolici; identificare il potenziale posizionamento di mercato che i nuovi concetti possono ottenere; identificare il posizionamento di prezzo ritenuto adeguato per il target; verificare il grado di compatibilità dei nuovi concetti con l immagine dell impresa/marca; verificare il gradimento e le preferenze espresse dal target verso i diversi concetti, anche in relazione all offerta della concorrenza; valutare il grado di innovatività percepito; valutare l interesse verso i diversi concetti e l eventuale intenzione d acquisto. Dalla tabella 2.1 è possibile capire come attraverso la somministrazione di domande di diverso tipo sia possibile ottenere preziose informazioni riguardo alla misurazione di importanti aspetti come la comprensione del nuovo concetto, la 15 Molteni L., Troilo G. (2003), Ricerche di marketing, McGraw-Hill, p

11 percezione dei suoi attributi, la sua credibilità, i vantaggi e gli svantaggi percepiti rispetto agli altri prodotti, i punti deboli e forti del nuovo concetto di prodotto, in quali situazioni potrebbe essere utilizzato, con quale frequenza, quale prodotto esistente potrebbe sostituire e quale sorta di persone potrebbe esserne attratta. Le domande chiave riguardano in particolare il grado di accettabilità complessiva, la propensione all acquisto e la percezione delle specifiche valenze di innovazione del prodotto. Tutte informazioni che influenzeranno le future decisioni strategiche di prodotto. Tabella 2.1 Concept test: informazioni ottenibili Interrogativi Aspetti misurati 1. I suoi vantaggi sono chiari? Comunicabilità e credibilità 2. Viene incontro ad un esigenza dell utilizzatore? Livello dell esigenza 3. Ci sono altri prodotti che attualmente soddisfano questa esigenza? Divario tra il nuovo prodotto e quelli esistenti ( unicità del prodotto) 4. Il prezzo è ragionevole rispetto al suo valore? Valore percepito 5. Acquisterebbe questo prodotto? Intenzione di acquisto 6. Chi possono essere gli utilizzatori di questo prodotto? Profilo percepito dagli utilizzatori target 7. In quali situazioni verrebbe acquistato/utilizzato? Occasioni di acquisto/utilizzo percepite 8. Quanto spesso verrebbe acquistato/utilizzato? Frequenza di acquisto/utilizzo attesa 9. Miglioramenti suggeriti Fonte: Raimondi M. (2005), Marketing del prodotto servizio, U. Hoepli, Milano, p Concluso il concept test qualitativo l impresa può valutare quali dei nuovi concetti godono delle potenzialità maggiori e possono quindi procedere nella fase di sviluppo e quali invece sembrano non ottenere l approvazione dei clienti potenziali. Si tratta ora di tradurre i bisogni emersi dal test qualitativo che il prodotto in fase di sviluppo è in grado di soddisfare in un insieme finito di caratteristiche tecniche capaci di garantire un adeguato soddisfacimento delle esigenze del cliente, in senso assoluto e in relazione all offerta della concorrenza, pur restando entro i vincoli di costo coerenti con l atteso posizionamento di prezzo del prodotto. Emergono così in questa fase le due prospettive relative al nuovo prodotto e a ciò che esso rappresenta: per il cliente è un aggregato di attributi e di 10

12 benefici derivanti dal suo utilizzo; per il produttore è un insieme di parti e di processi legato al suo ciclo di produzione. L obiettivo che l impresa si pone in questa fase è aiutare a tradurre i benefici espressi nei diversi concept in una serie di attributi di prodotto atti a fornire quei benefici, grazie alla misurazione del grado di preferenza espresso verso i diversi concetti potenzialmente realizzabili dall impresa. Di conseguenza l approccio di ricerca più appropriato è quello quantitativo e la conjoint analysis rappresenta uno degli strumenti oggi più utilizzati per risolvere questo tipo di esigenza di sviluppo, perché capace di misurare le preferenze del consumatore nell ambito di alternative di scelta riconducibili a modelli multiattributo 16. Questa tecnica presuppone lo sviluppo di vari possibili profili di prodotto alternativi, ottenuti combinando tra loro i differenti livelli di un determinato numero di attributi (per esempio design, nome, prezzo, ecc.), che saranno sottoposti alla valutazione di un campione di soggetti rappresentativo della popolazione di acquirenti target. Tale metodo statistico consente non solo di individuare la formulazione del concetto valutata in modo più favorevole (utilità totale), ma anche di stimare come i consumatori considerano i cambiamenti di ogni singolo attributo del prodotto (utilità parziali). Peculiarità e punto di forza dell analisi congiunta sta nel fatto che il contributo dei singoli livelli di ogni attributo viene dedotto, attraverso appositi metodi statistici, dal giudizio sintetico di preferenza assegnato al concetto nella sua completezza. Ciò aumenta il grado di realismo della tecnica statistica dell analisi congiunta, che in questo modo riesce a riprodurre in modo estremamente fedele il comportamento di acquisto di un cliente reale, chiamato non ad assemblare un prodotto astratto partendo dai suoi attributi elementari, ma a scegliere tra un insieme finito di alternative similari e concretamente disponibile 17. Esistono due principali approcci utilizzati per sottoporre la presentazione dei concetti di prodotto ai soggetti rispondenti 18 : 16 Molteni L., Troilo G. (2003), Ricerche di..., op. cit., p Ibidem, p Ibidem, p

13 la descrizione verbale, con l utilizzo di schede in cui sono sinteticamente riportati gli attributi che caratterizzano lo stimolo e i loro rispettivi livelli, oppure una descrizione più estensiva del prodotto e delle sue caratteristiche; la rappresentazione visiva, basate su disegni, su fotografie del prodotto o su modelli tridimensionali dello stesso. Se la prima modalità presenta bassi costi e facilità di implementazione, la seconda fornisce notevoli vantaggi in termini di avvicinamento alla dinamica delle attività di acquisto che coinvolgono effettivamente il cliente nella realtà quotidiana. In questa direzione la possibilità di utilizzare Internet come strumento di trasferimento capillare e a basso costo di immagini e informazioni relative ad un prodotto costituisce uno dei principali motivi che rendono l uso del Web molto promettente anche per finalità di ricerca. 3. Product test e market test Il concept test, analizzato nel capitolo precedente, porta alla definizione di alcune idee di prodotto ritenute più adatte alla soddisfazione della clientela. Lo step successivo da attuare nel processo di realizzazione e messa a punto di un prodotto innovativo sul mercato consiste nel product test. Tale processo non consta nel testare le caratteristiche fisiche o le funzioni di un prodotto per assicurarsi che esso garantisca standard tecnici e di sicurezza; esso consiste, invece, nel proporre, sotto il controllo dell azienda produttrice, un prototipo ad un target rappresentativo della popolazione con la finalità di conseguire importanti feedback per la messa a punto finale. Il risultato di questa indagine conoscitiva sarà quindi il prototipo, tra quelli risultanti dal concept test, che in termini di forma, design, colori, materiali etc. risulta essere più adatto alla soddisfazione del target di riferimento. Tale tecnica si fonda sul fatto che le preferenze di un cliente per le prestazioni di un prodotto tangibile riflettono non solo le prestazioni vere e proprie, ma anche altri aspetti, meno razionali e funzionali, che egli percepisce 12

14 come parte della qualità del prodotto incorporandole in essa. L individuo, infatti, coglie prima l insieme di ciò che si trova di fronte e non le singole parti ; egli non compie sempre la scelta che razionalmente risulta essere quella ottimale, ma si fa coinvolgere e trasportare anche dall impulso, dall istinto e dai propri gusti. L attenzione alla definizione dei dettagli, diviene, quindi, uno degli elementi di maggiore rilevanza nel mercato odierno, definito postmoderno 19. Nel processo di realizzazione di un nuovo prodotto e di successiva immissione sul mercato il product test ricopre un ruolo fondamentale; per la prima volta, infatti, il prototipo prende vita, diventa tangibile e materiale, dall idea e dal concetto si passa alla realizzazione fisica del prodotto, dalla teoria alla pratica, e per la prima volta esso esce dai ristretti confini aziendali incontrando colui il quale sarà il suo destinatario: il cliente. Ciò rende questo step dell innovazione altamente critico e influente per il successo futuro del prodotto sul mercato in quanto permette di anticipare ogni dinamica sfavorevole tra prodotto e pubblico e di apportare le necessarie modifiche. In questa fase, dunque, sui ha una valutazione e uno sviluppo del prodotto dal punto di vista di marketing, su misura del consumatore finale, per ottenere ciò che, nell economia globale, rappresenta l elemento cardine per il conseguimento del vantaggio competitivo: la costumer satisfaction. Nella realizzazione pratica di questo fondamentale step della messa a punto di un prodotto innovativo non esiste una tecnica attuabile in ogni situazione, ma la tipologia di metodologia da utilizzare è strettamente dipendente ad un notevole numero di variabili da tenere in considerazione quali, la tipologia di prodotto, la tipologia di mercato, il know-how del management e molte altre 20. Ciò fa sì che le metodologie utilizzate per effettuare il product test vengano spesso riviste, adattate e rielaborate secondo le peculiari esigenze dell azienda che lo effettua; un elencazione, dunque, delle varie tecniche di indagine risulta essere un compito non facilmente realizzabile. In aiuto ci giunge lo studio effettuato nel 1980 da Batsell e Wind in cui vengono distinte le metodologie in: monadic, comparative, sequential, con joint analysis. 19 Raimondi (2005), Marketing del prodotto servizio, U. Hoepli, Milano 20 pagina di riferimento 13

15 Le tecniche monadic, con le quali ad ogni soggetto viene dato un solo prototipo da provare, viene ritenuta da molti studiosi il metodo migliore. Con essa, si eliminano, infatti, i rischi di interazione tra i vari prototipi testati contemporaneamente, focalizzandosi su un solo prototipo il test fornisce le più accurate e rispondenti informazioni e, infine, si riducono i costi dell indagine, essendo la metodologia più economica da realizzare. La seconda tipologia di tecniche consiste in quelle comparative, nelle quali ai soggetti vengono fatti comparare due o più prototipi contemporaneamente. Essa è generalmente utilizzata quando si realizza una nuova formula di prodotto che viene confrontato con quelli in commercio per valutare se presenta caratteristiche che lo contraddistinguono e che vengono valorizzate dal cliente. Tale metodologia di indagine può assumere la forma di paragoni incrociati quando i prototipi confrontati sono come numero tre o più. In tal caso si otterranno delle classifiche che per ogni elemento analizzato riportando il ranking assunto da ogni prototipo. Il principale vantaggio di questa tecnica conoscitiva consiste nel fatto che la comparazione viene effettuata su base soggettiva direttamente dai soggetti che partecipano al test; risulta quindi molto più indicativa di una fredda comparazione aritmetica delle prestazioni garantite dai singoli prototipi. Le sequential costituisco la terza tipologia di tecniche utilizzate per la messa in pratica del product test; essa, come quella precedente, è caratterizzata da una comparazione tra due o più prototipi ma la valutazione avviene con una tempistica differente: i prototipi vengono provati dai tester uno alla volta secondo una sequenza prestabilita. Una volta che li ha testati tutti, il soggetto esprime un giudizio riguardante i punti di forza e di debolezza dei singoli prototipi in relazione agli latri analizzati. Tale metodologia, anche se molto costosa per via della lunga tempistica da rispettare, presenta il vantaggio di essere la più simile al modo in cui i consumatori comparano i prodotti nel mondo reale. La quarta ed ultima tipologia di product test è formata dalle conjoint analysis; esse si focalizzano sulle caratteristiche del prototipo indicando l importanza di ciascuna di esse dal punto di vista del consumatore finale. Tutte le informazioni necessarie vengono ottenute da un questionario in cui l intervistato evidenzia le caratteristiche fisiche ed estetiche che il prodotto dovrebbe 14

16 presentare, i dati ottenuti vengono poi elaborati su basi statistiche. Tale metodologia si differenzia notevolmente da quelle precedentemente citate in quanto, a differenza delle altre, non si mostra al tester il prototipo ma gli si chiede che caratteristiche dovrebbe avere. Il risultato di questa analisi risulta essere molto importante soprattutto nella fase di formulazione del prodotto, nella quale si comparano feedback ricevuti con le idee ed i concept realizzati 21. Lo sviluppo esponenziale di internet degli ultimi anni ha permesso di affiancare alle metodologie citate in precedenza, tecniche di analisi basate su piattaforme web. Il World Wide Web rappresenta, infatti, un importante ambiente all interno del quale il processo di selezione e identificazione del prodotto può essere più facilmente realizzato. Di notevole rilievo risulta il metodo sviluppato da Urban, Weinberg e Hauser nel 1996 chiamato Information Acceleration, che alla presentazione virtuale del prototipo associa un esperienza d acquisto virtuale. La peculiarità di questo approccio consiste nella sua capacità di prevedere la risposta di mercato all introduzione di innovazioni radicali. Negli ultimi anni l impiego di tale metodologia basata sulla rete è stata utilizzata da un numero di imprese sempre crescente in quanto presenta costi di realizzazione e di test del prototipo significativamente inferiori, la disponibilità di tecnologie capaci di stimolare più sensi permette di raccogliere informazioni più affidabili e, infine, il ricorso alla rete offre la possibilità di testare parallelamente molteplici prototipi 22. Un product test risulta veramente efficace se realizzato con una certa continuità all interno dell azienda: i risultati di una singola indagine sono sì significativi ma la loro utilità cresce esponenzialmente se inquadrati all interno di un programma di analisi molto più vasto e articolato. E altamente significativo paragonare i risultati dell indagine con quelli ottenuti in passato per prototipi simili; in tal modo siamo in grado di valutare non solo le peculiarità del singolo prodotto ma lo possiamo mettere in relazione con altri, ottenendo informazioni più rilevanti. Per far ciò risulta necessaria la creazione di un database di ampie dimensioni contenente informazioni facilmente comparabili; all interno dell azienda per prodotti della stessa categoria, si dovrà quindi cercare di realizzare product test altamente standardizzati, pur rispettando le necessità di 21 Ray, Kent (2007), Marketing Research, Thomson, London, p Molteni L., Troilo G. (2003), Ricerche di marketing, McGraw-Hill, p

17 ogni singola operazione, avvalendosi dello stesso istituto di ricerca per un lasso di tempo medio-lungo in modo da non stravolgere e non far perdete di attendibilità le informazioni ottenute 23. Il prototipo che si ottiene al termine del processo di product test risulta essere quello che presenta le caratteristiche fisiche e sensoriali più adatte a soddisfare la clientela. Nel processo di realizzazione e di successivo lancio sul mercato di un nuovo prodotto, la fase immediatamente successiva al product test è quella del market test. Essa si pone l obiettivo di valutare oggettivamente il potenziale economico di un prodotto all interno di un determinato mercato. Tale indagine risulta molto indicativa e utile in quanto permette di ridurre i rischi associati alla commercializzazione dei nuovi prodotti, eliminando i prodotti a basso potenziale molto prima della fase del lancio, riduce i costi, consente di migliorare i prodotti più promettenti e, quindi, di migliorare il potenziale in caso di commercializzazione. La realizzazione pratica di tale metodologia di indagine viene realizzata utilizzando un mercato testimone e prevede la commercializzazione del nuovo prodotto, nella sua struttura definita, con una strategia ben delineata, su un area geografica limitata per un periodo di tempo predefinito in modo da poter prevedere il livello della domanda su scala nazionale, ovvero la quota di mercato ottenibile dal prodotto, e identificare gli elementi della strategia di commercializzazione che potrebbero esse migliorati al momento del lancio vero e proprio. In genere, durante il periodo di test ed esclusivamente nell area in cui il test viene effettuato, l impresa agisce come se il prodotto fosse stato lanciato effettivamente: viene apposto il prezzo ritenuto adeguato, vengono selezionati i canali ritenuti più idonei e viene effettuata la comunicazione tramite i mezzi stabiliti 24. Nella pratica non esistono norme precise in materia di definizione e di organizzazione del mercato. In genere le imprese commercializzano i loro 23 pagina di riferimento 24 Mc Daniel, Gates (2007), Marketing research, Wiley, Danvers (USA), p

18 prodotti, per sei mesi fino ad un massimo di un anno, nelle città, il cui numero varia da due a sei, considerate particolarmente rappresentative. I risultati ottenuti da questa indagine permettono di individuare il numero di acquirenti del prodotto di periodo in periodo (giorno, settimana, mese), il numero di nuovi acquirenti per periodo, le quantità acquistate e il tasso di acquisto e di riacquisto. Questa metodologia di indagine che, se opportunamente realizzata e controllata, è in grado di fornire utili informazioni sul comportamento dei consumatori in relazione ad un determinato prodotto, presenta però costi molto elevati, soggetti ad aumentare con la durata del test. L incidenza di tali costi ha favorito lo sviluppo di indagini di test di mercato basati sull utilizzo di modelli di mercato simulati, capaci di fornire previsioni di vendita sulla base di dati raccolti in contesti di acquisto e di utilizzo non reali ma simulati in laboratorio; per questo motivo ricadono nella categoria dei Laboratory Test Market. Tali metodologie di indagine si sono rivelate molto affidabili e dalle notevoli capacità predittive in quanto recenti studi hanno evidenziato come i prodotti risultati, da questi modelli, adatti per il lancio hanno la probabilità dell 80% di successo sul mercato reale. In un tipico test di mercato simulato, ai potenziali clienti (il cui numero risulta solitamente tra 500 e 1000 unità) vengono mostrati in un area teatrale appositamente creata i messaggi comunicativi; viene poi dato loro un certo ammontare di denaro con cui effettuare gli eventuali acquisti nel supermercato di laboratorio e al momento del pagamento alla cassa viene rilevato il loro paniere di beni acquistati Casi specifici Come abbiamo visto i test, sia di concetto, che di prodotto e mercato, rappresentano un momento fondamentale per il corretto sviluppo del nuovo prodotto che tuttavia devono essere accompagnati da analisi di fattibilità e di valutazione del rapporto costi/benefici prima del definitivo lancio sul mercato. A 25 Molteni L., Troilo G. (2003), Ricerche di marketing, McGraw-Hill, p

19 testimonianza dell importanza delle metodologie di ricerca che abbiamo citato nelle pagine precedenti, ci apprestiamo a tratteggiare il caso di una grande multinazionale come Coca Cola, che accecata dalla spinta competitiva ricevuta dalla diretta rivale, fece ricorso a test sul prodotto in modo approssimato, rischiando forti ripercussioni sul piano finanziario 26. Nel 1985, infatti, Coca Cola preoccupata per la crescita della rivale Pepsi, che veniva sempre più preferita dai consumatori, decise di sviluppare una nuova Cola dal gusto più dolce per sostituire la precedente. Dopo un product blind test (ovvero del prodotto anonimo) risultò che la nuova bevanda aveva suscitato la preferenza di circa il 60% dei consumatori rispetto alla tradizionale. Questi risultati incoraggiarono la multinazionale di Atlanta a velocizzare il lancio e a supportarlo con rilevanti investimenti pubblicitari. I manager tuttavia si trovarono davanti ad una situazione del tutto imprevista: le reazioni dei consumatori furono violentissime, tanto da costringerli a rivedere le proprie decisioni e riproporre sul mercato il vecchio prodotto considerato come classico e originale. L errore più grosso da parte dell impresa statunitense è stato quello di effettuare solamente test anonimi, trascurando in tal modo gli aspetti emotivi collegati all utilizzo del celebre marchio Coca-Cola e l aver sottovalutato le voci di quel 40% di clienti che avevano mantenuto la loro preferenza per la vecchia bibita. In molti casi, tuttavia, dobbiamo sottolineare come le ricerche e i test non si pongono solo come metodologie per limitare gli insuccessi, ma al contrario si pongono come forza trascinatrice dell innovazione. È questo il caso di Henkel, che accortasi della grande crescita subita negli ultimi anni dai prodotti per i più piccoli, e vista anche la crescente attenzione delle mamme verso la qualità, la sicurezza e l igene dei prodotti destinati a questi ultimi, ha analizzato i bisogni delle mamme nel settore del mercato di detersivi (in cui già opera con altri prodotti) 27. A seguito di un test condotto nel 2006, Henkel ha rilevato che il 65% delle mamme lava i prodotti dei bambini piccoli separatamente dagli altri, e che i valori che prendono in considerazione per la scelta dei detersivi afferiscono alla pulizia, alla delicatezza sulla pelle del bambino e alla sicurezza (devono essere ipoallergenici e dermatologicamente testati). Per 26 Corigliano G. (2004), Marketing, strategie..., op. cit., p

20 rispondere a questa opportunità di mercato, l azienda ha studiato e realizzato un prodotto sulle indicazioni proposte dal gruppo di mamme intervistato: Bio Presto Baby, un detersivo specifico per i capi dei bambini, che consiste in un innovazione assoluta nel campo dei detersivi. Il prodotto, altamente innovativo, ha inglobato tutti i plus richiesti dal target in sede di sviluppo del prodotto e concept test: si è mostrato un prodotto che ha saputo coniugare le due dimensioni più importanti per le mamme, efficacia e sicurezza. Per confermare le proprie intuizioni, Henkel nell aprile 2007 ha effettuato un ulteriore ricerca, dove non solo l azienda ha avuto ulteriore conferma della personal relevance, ovvero della reale presenza del bisogno non ancora soddisfatto da alcuna industria, ma addirittura ha riscontrato elevatissimi valori di propensione all acquisto (94% delle intervistate). Le mamme attraverso i test condotti hanno non solo confermato pienamente l idea del nuovo prodotto, ma si sono sentite anche soddisfatte dalle sue potenziali caratteristiche, ritenendolo un detersivo mirato per le loro esigenze. Riprendendo il filo narrativo relativo all importanza delle ricerche, possiamo notare come odiernamente le imprese si trovano facilitate e coadiuvate nella somministrazione delle stesse e dei test, anche dallo sviluppo delle ICT, che si sono mostrate un ottimo strumento per facilitare la comprensione delle aspettative dei clienti e riuscire a soddisfarli in modo più appropriato. In questo ambito si collocano ad esempio le iniziative intraprese da Volvo e Hp, che grazie ad Internet ed appositi software hanno dato vita a iniziative virtuali dove svolgere i loro test, ampliando in tal modo anche il bacino di utenti su cui poter testare direttamente i prodotti e limitando da subito probabili idee non coerenti con i propri potenziali consumatori. Al Salone di New York del 2003 (i saloni dell auto da sempre rappresentano per il settore automobilistico un campo di confronto e di test tra il consumatore e i prototipi esposti dalle varie case, a cui successivamente apportare modifiche per poi introdurre correttamente il nuovo prodotto sul mercato), la Volvo ha presentato il suo Laboratorio Virtuale di design interattivo. Il Volvo Concept Lab, accessibile attraverso Internet (www.volvoconceptlab.com), permetteva agli utenti 19

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli