GEOMARKETING ED ESEMPI DI APPLICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GEOMARKETING ED ESEMPI DI APPLICAZIONE"

Transcript

1 FACOLTA DI ECONOMIA Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione aziendale QUADERNI DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE SERVICE MANAGEMENT GEOMARKETING ED ESEMPI DI APPLICAZIONE Mauro Preda n. 15 marzo 2011

2 Mauro Preda GEOMARKETING ED ESEMPI DI APPLICAZIONE IL GEOMARKETING: UN ESEMPIO DI GEOGRAFIA APPLICATA - Mauro Preda p. 5 PROGETTO STUDYMI - Lisa Casati e Martina Fossati p. 15 NAVIGA NAVIGLI 2NIGHT - Giulio Castagni Parasole, Alice Fusco, Andrea Manzoni p. 25 VINO E CANTINE IN VALPOLICELLA - Rosamaria Viviani p. 33 Questo working paper sintetizza i contenuti degli interventi del workshop dal titolo Geomarketing ed esempi di applicazione che si è svolto il 13 dicembre 2010 presso la Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni nell ambito del Corso di laurea in Economia e gestione aziendale - Service management, Facoltà di Economia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano. Mauro Preda è docente di Sistemi Informativi Geografici (Geomarketing) e di Geografia Economica presso l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Lisa Casati è laureata in Scienze statistiche, attuariali ed economiche curriculum Sistemi per la qualità e marketing in laurea triennale. Attualmente iscritta al II anno di laurea specialistica con medesimo indirizzo. Martina Fossati è laureata in Scienze statistiche, attuariali ed economiche curriculum Sistemi per la qualità e marketing in laurea triennale. Attualmente iscritta al II anno di laurea specialistica con medesimo indirizzo. 1

3 Giulio Castagni Parasole è iscritto al corso di Mercati e strategie di imprese. Alice Fusco è iscritta al corso di Scienze statistiche, attuariali ed economiche. Andrea Manzoni è iscritto al corso di Scienze statistiche, attuariali ed economiche. Rosamaria Viviani è iscritta al corso di Scienze Statistiche Attuariali ed economiche. I quaderni sono disponibili on-line all indirizzo e all indirizzo 2

4 GEOGRAFIA E GEOMARKETING In questa scena tratta dal celebre film Il medico della mutua (1968) il Dott. Guido Tersilli, interpretato da Alberto Sordi, in riunione familiare, mette in opera un piano strategico: dove aprire il nuovo studio medico? Si tratta di un esempio storico di geomarketing. Esperienza, metodo, conoscenza del territorio oltre a carta e penna sono stati sufficienti. 3

5 4

6 IL GEOMARKETING: UN ESEMPIO DI GEOGRAFIA APPLICATA Mauro Preda 5

7 In un paese, come l Italia, in cui la geografia stenta ancora a trovare una sua collocazione culturale ed a liberarsi dall eredità di una tradizione scolastica deteriore, così scriveva Giorgio Valussi nel 1977, in occasione della presentazione del volume dal titolo già molto significativo: L utilità della geografia 1. Una situazione molto simile la ritroviamo nella vicina Francia quando, già nel 1969, il geografo A. Meynier dichiarò che la geografia è entrata nel periodo degli scricchiolii. 2 Ad oltre trent anni di distanza qui le cose non sono migliorate... anzi. Si parla in modo dichiarato di crisi della geografia e si dubita della sua concreta utilità pratica appena al di fuori dagli ambienti accademici. Certo, pur non essendo questa la sede adatta per l apertura di un dibattito sul ruolo attivo e concreto della Geografia oggi, si è profondamente conviti che le voci sopra riportate siano rappresentative solo di un area culturale ben precisa, poiché altrove la Geografia gode oggi e più che mai a pieno titolo di un ruolo applicativo riconosciuto, non solo utile ma indispensabile nel contesto della vita civile, sociale, politica, economica. Chi riuscì in modo semplice, chiaro e rigoroso a delineare un quadro del necessario coinvolgimento attivo della geografia e dei geografi, fu l ex segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, che in occasione del 97 Meeting, Association of American Geographers, AAG New York, 1 marzo 2001, tenne un celebre discorso sulla collaborazione della Geografia nei riguardi delle Nazioni Unite. Il punto centrale del discorso, ruota attorno alla necessità di rinnovare e ridisegnare le mappe della globalizzazione in atto: Le nostre carte mentali sono costruzioni rigide, e sotto alcuni aspetti sono individualiste. Ma, siatene certi, esse stanno per essere ridisegnate per effetto della globalizzazione. La nostra sfida odierna è di serbare la loro diversità e, nel contempo, di approdare a una maggiore consapevolezza della nostra eredità comune, dei nostri comuni valori e interessi. Per approdare a ciò vengono individuati quattro campi ove i geografi devono prestare il loro contributo: 1) L istruzione. L insegnamento della geografia è uno dei primi corsi in cui i giovani vengono a contatto con il mondo, che si stende oltre lo spazio della loro comunità. Vi sollecito ad usare una simile piattaforma per diffondere un messaggio che non riguardi soltanto il ciclo del carbonio e le meraviglie del nostro mondo fisico, ma anche 1 Valussi G., a cura di, L Utilità della Geografia, Felice Le Monnier, Firenze, Meynier A., Histoire de la pensée géographique en France, Puf, Parigi,

8 la vita politica. Vi sarò riconoscente, se parlerete ai vostri studenti delle Nazioni Unite e degli sforzi con cui si stanno prodigando affinché il mondo affronti i problemi che gli stanno innanzi. Potreste anche informarli dell attivazione di un nuovo sito web delle Nazioni Unite il sito che accoglie carte geografiche, immagini satellitari, documenti giuridici e altre informazioni provenienti dalle organizzazioni di ricerca e dalle banche dati di tutto il mondo. Si tratta di un nuovo, potente modo per consentire alle persone, ovunque si trovino, di monitorare l ambiente e di sentirsi coinvolte nella sua protezione. 2) La creazione di capacità operativa nel mondo in via di sviluppo. La nuova onda delle tecnologie geografiche costituisce un potenziale enorme. Ci può mettere sull avviso in anticipo nei confronti dei disastri naturali e dei rischi ambientali, e ci può porre in grado di pianificare le nostre città in termini idonei a farci vivere meglio. Dobbiamo intensificare gli sforzi affinché questi nuovi strumenti siano disponibili nei Paesi in via di sviluppo. 3) La Conoscenza dell Ecosistema del Millennio [Millennium Ecosystem Assessment], che consiste in uno sforzo di collaborazione internazionale, finalizzato a cartografare la salute del nostro pianeta.( ). 4) La Creazione di un unica banca dati geografica: ( ) lo scorso anno, nell ambito delle Nazioni Unite, abbiamo costituito un Gruppo di Lavoro sull Informazione Geografica [Geographical Information Working Group] per migliorare il modo in cui le molteplici entità del nostro ampio sistema [delle Nazioni Unite] fanno uso dell informazione cartografica e geografica. Uno dei principali obiettivi del Gruppo consiste nel creare un unica banca dati geografici delle Nazioni Unite. A tale fine, il Gruppo lavorerà con le agenzie dei governi nazionali, con le organizzazioni non governative, con i gruppi industriali e con le istituzioni di ricerca. ( ) 7

9 IL GEOMARKETING Riallacciandosi alla questione ruolo della geografia apparentemente dimenticato, osserviamo, invece come sia in atto una vera esplosione di richieste di informazioni geografiche, cartografiche, basti seguire il successo di prodotti distribuiti in rete come Google Earth o simili, tanto che il pensare spazialmente 3 sta entrando come parte integrante del processo di analisi e gestione strategica delle aziende a tutti i livelli ed in tutti i settori produttivi. Il Geomarketing rappresenta un reale caso applicativo della geografia. Il termine composto (geo-marketing) vuole sottolineare la necessità di integrare due materie, che all apparenza, potrebbero sembrare molto distanti una dall altra: la geografia ed il marketing; l aggiunta del prefisso geo, all ormai familiare termine marketing ha, appunto, lo scopo di evidenziare che si tratta di un approccio volto a valorizzare la dimensione spaziale e geografica del processo commerciale nelle sue varie attività analitiche, decisionali ed operative: la geografia studia il territorio e il geomarketing ne studia specificatamente il peso nelle attività di impresa e sulle singole componenti di marketing. Appare quasi ovvio e scontato ricordare che l importanza del territorio nelle scelte strategiche e decisioni operative è stato da sempre ben noto! E sufficiente rileggere un brano tratto dalla celebre opera L arte della Guerra di Sun Tzu del VI V secolo a.c.: La conoscenza delle forme del terreno è di grande aiuto in battaglia, Saper valutare il nemico e determinare la vittoria, Saper analizzare luoghi erti e pianure, luoghi lontani e vicini, Questo è il Tao di un generale di grande valore. Chi conosce queste cose e dà battaglia sarà certamente vittorioso. Chi non conosce queste cose e dà battaglia sarà certamente sconfitto. Ora l importanza dell informazione geografica e questo strumento strategico si può desumere riflettendo sul fatto che tutte le imprese, di qualsiasi settore e dimensione, gestiscono processi commerciali su specifiche aree geografiche e anche le moderne esperienze della new economy utilizzano le conoscenze territoriali per portare a compimento le transazioni. Allo stesso tempo, la gran parte dei dati aziendali ha una componente di tipo spaziale, cioè un riferimento collegato al territorio. 3 PENSARE SPAZIALMENTE : I SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI A SUPPORTO DELLE PMI Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni, 16 dicembre

10 Pensiamo solo all indirizzo del cliente riportato in fattura, agli agenti di vendita che sono assegnati a territori e coordinati da responsabili di distretto, alle filiali di banche che operano su porzioni di territorio ben definite, ai piccoli negozi al dettaglio che hanno un bacino di attrazione geograficamente circoscritto e che utilizzano per la comunicazione mezzi locali, persino alle aziende agricole che effettuano agriturismo, le quali devono necessariamente entrare in diretta comunicazione con i potenziali clienti e turisti, visto il crescente interesse per il biologico e prodotto di qualità. Solo di recente ci si è resi conto che non veniva sfruttato appieno il potenziale informativo dei dati raccolti e che la variabile territorio partecipava ai processi di analisi ed a quelli decisionali in misura inferiore rispetto alle opportunità. Anche a partire da questa presa di coscienza si è sviluppato il geomarketing, che non fa altro che utilizzare le informazioni spaziali, che vengono così ad assumere un ruolo determinante nei processi decisionali; attraverso l utilizzo di questo approccio territoriale, di fatto, si inizia a guardare dove siano localizzati i clienti effettivi e potenziali, a mappare le sedi dei concorrenti sul territorio, a identificare percorsi di vendita ottimali, a correlare la produttività dei venditori alle distanze chilometriche che devono percorrere per visitare i clienti. La valorizzazione della dimensione geografica ed il suo utilizzo da parte delle imprese sono stati determinati dai progressi realizzati, negli ultimi anni, in due settori disciplinari strettamente collegati uno all altro. 1. Il primo settore che ha dato un grande impulso al geomarketing è quello informatico, con lo sviluppo sia dei Sistemi Informativi Geografici (GIS) sia di software in grado di trattare in modo molto efficace la cartografia elettronica. Con la traduzione delle carte geografiche in forma digitale, di fatto, è possibile non soltanto visualizzare i dati di mercato e di vendita su un supporto che è familiare sin dall infanzia, ossia la carta geografica, ma anche di vedere gli stessi dati in tanti modi diversi, zoomando, ampliando e correggendo la visuale secondo necessità. In questo modo viene sfruttata la componente territoriale delle informazioni presenti in azienda, ma è evidente che la rappresentazione su mappe geografiche dei soli dati interni costituisce una limitazione dell analisi, che viceversa potrebbe e dovrebbe essere molto più accurata, con l arricchimento della geografia di dati economici interessanti, quali: 9

11 popolazione residente, pendolarismo per ragioni di lavoro, di studio e di tempo libero, reddito prodotto e speso, consumi, risparmi, agenzie e sportelli bancari, presenza di infrastrutture e così via. 2. Il secondo ambito disciplinare che ha permesso l affermazione del marketing geografico è il settore della produzione delle informazioni. Oggi, infatti, è possibile disporre ed acquisire di dati statistici ed economici in maniera molto più semplice rispetto al passato, data la presenza di istituti di ricerca e di fornitori specializzati nel rilevamento di tali dati, che permettono di stimare il potenziale di mercato delle zone geografiche d interesse. Anche in Italia, analogamente ad altri Paesi, sono già disponibili numerosi indicatori territoriali utilizzabili per stimare e qualificare il potenziale di domanda, sviluppati da operatori pubblici e privati con varie finalità. Inoltre, la riorganizzazione di grandi banche dati in chiave anche territoriale ne ha reso possibile impieghi inediti, potenzialmente possibili anche prima, ma in realtà inaccessibili perché i dati si trovavano su documenti cartacei, fisicamente dispersi nelle sedi più disparate: la ricongiunzione di tanti dati in un unico luogo, sia fisico sia virtuale, consente di svolgere con rapidità analisi approfondite, che prima si riuscivano a ricostruire soltanto con fatica e in tempi lunghi. Il valore aggiunto del marketing geografico risiede proprio nella possibilità di valutare le opportunità di business legate al territorio, opportunità che emergono dal confronto tra le mappe geografiche che rappresentano i dati memorizzati nei database dell azienda ed i dati esterni significativi, cioè relativi al mercato di riferimento. Attraverso l immediatezza delle mappe geografiche, l azienda valorizza la dimensione spaziale e può così verificare la propria capacità competitiva nell intero territorio in cui opera. E possibile sintetizzare la dimensione spaziale di un dato con la semplice parola DOVE. Dove, cioè un elemento legato al territorio, è un informazione rilevante nel processo di marketing perché la geografia diventa un unità o addirittura l unità privilegiata di analisi dei dati. In quest ottica la sequenza informativa completa diviene CHI + COSA FA + DOVE + QUANDO + PERCHE : i primi due dati (chi, cosa fa) si legano così al territorio in cui si producono e si trasformano in un informazione rilevante per assumere una decisione. Ad esempio: 10

12 Quanti clienti attuali e potenziali (Chi) sono ubicati (Cosa fa) in una determinata provincia (Dove e Quando) è un informazione per strutturare le aree di vendita e per definire gli obiettivi da assegnare ai venditori; Quanto vale il reddito pro-capite (Cosa) degli abitanti (Chi) in una certa zona (Dove) è un informazione pregevole per una banca che desiderasse aprirvi uno sportello; Quanti consumatori residenti (Chi) in un definito bacino d attrazione (Dove) hanno sottoscritto la carta fedeltà di un supermercato (Cosa fa) è un informazione rilevante per conoscere il grado di sfruttamento del potenziale di domanda e così via. Il Perché vuole rappresentare in generale la propensione alla scoperta dei meccanismi nascosti, la ricerca delle cause, relazioni ed interazioni, in alternativa il geomarketing si ridurrebbe ad una superficiale descrizione degli eventi condotta con strumenti sofisticati. Dove può quindi assumere molti significati differenti a seconda dei decisori: dove risiedono i nostri clienti potenziali ed attuali, dove lavorano, dove si recano per gli acquisti e nel tempo libero; ma anche dove sono localizzati i nostri concorrenti, dove aprire nuovi negozi, come si configurano i giri visite dei nostri venditori, dove si trovano sportelli bancari, uffici pubblici, luoghi di attrazione e di divertimento (considerati generatori di traffico). Per valutare tutti questi aspetti il geomarketing consente, a differenza di altri strumenti di analisi, la rappresentazione e l analisi simultanea di tutti i fenomeni in una sola mappa. La condizione necessaria per analizzare qualunque dato in chiave geografica, di fatto, è la disponibilità delle relative coordinate spaziali, alle quali si può pervenire direttamente tramite l indirizzo; in questo modo, infatti, i dati possono essere georeferenziati, vale a dire, ricevono coordinate che ne consentono la localizzazione su una mappa geografica. Possiamo considerare, ad esempio il database dei clienti 4 di un azienda: poiché tutti i clienti memorizzati nel CDB hanno assegnato un indirizzo, il CDB dovrebbe essere il luogo di elezione per le analisi di geomarketing. Applicare il marketing geografico al CDB significa compiere due operazioni: rappresentare i dati memorizzati nel CDB su una mappa geografica ed evidenziare sulla stessa mappa le opportunità di business presenti nel territorio, confrontando i dati relativi al database interno con dati esterni significativi, tramite il quale si dà impulso, se necessario, alle varie iniziative economiche. 4 Il database dei clienti viene anche chiamato Customer Data Base (traduzione inglese) 11

13 Da ciò si intuisce che, dal punto di vista del geomarketing, il territorio può avere due principali modalità di impiego: come strumento di interpretazione e come dimensione di controllo delle attività poste in essere dei risultati ottenuti. La prima modalità consiste nella semplice visualizzazione su una mappa geografica di qualsiasi dato, interno o esterno all azienda, riferito ad una determinata entità geografica; con la seconda modalità, invece, confrontando il dato interno, ad esempio le vendite o dati analoghi, con un parametro esterno, ad esempio, di mercato potenziale. L azienda può valutare, quindi, la propria performance economica e competitiva in ogni singola area e, in funzione del grado di sfruttamento di tale potenziale, definire insieme alla forza commerciale i budget e le priorità di sviluppo geografico. Come esempio dell impiego del geomarketing con finalità di conoscenza, un supermercato potrebbe essere interessato a conoscere il numero e la distribuzione geografica della popolazione residente nel suo bacino d attrazione per valutare l adeguatezza della propria ubicazione; il completamento dell analisi ai fini di controllo della performance, potrebbe consistere nella visualizzazione sulla stessa mappa dei consumatori che hanno sottoscritto la carta fedeltà, che consentirebbe sia di valutare il grado di sfruttamento del potenziale sia di individuare eventuali zone scoperte. Da tutte le considerazioni fatte, si deduce che la condizione base per applicare il geomarketing è la rilevanza della dimensione territoriale nel processo commerciale: ciò significa che il territorio genera attriti nel comportamento degli operatori, quindi è causa di differenze nella manifestazione dei fenomeni oggetto di interesse. Gli attriti sono imputabili alla difficoltà di superare una distanza o meglio un costo generalizzato che comprende distanza metrica, tempo, costo di trasporto,ecc. per completare i processi di scambio. Le caratteristiche che forse meglio segnalano la criticità della dimensione territoriale sono la numerosità e il grado di dispersione geografica dei clienti: aziende. Istituzioni e settori con portafogli clienti molto consistenti e geograficamente molto dispersi sono gli ambiti ideali in cui sperimentare tutte le opportunità di impiego del geomarketing. Comincia ad apparire chiaro che questa disciplina rappresenta un approccio diverso al quotidiano problema di come vendere meglio beni e servizi ed è la scelta di nuove forme di riproduzione dei dati che lascia maggiore spazio alle capacità intuitive e rappresentative (mappe mentali) 12

14 proprie dell essere umano; fare geomarketing, significa, ancora, rappresentare le informazioni di mercato, confrontare ed integrare tali informazioni con dati statistici ed indicatori socio-economici associati alle varie entità territoriali. L integrazione in un unico sistema di dati aziendali e banche dati esterne, dati cartografici e territoriali, dati economici e sociodemografici, studi di settore e dati sulla concorrenza, consente di costruire un modello di rappresentazione del contesto nel quale un impresa opera e fa emergere relazioni che è possibile cogliere solo con il supporto della logica geografica: analizzando una mappa si può scoprire che due fenomeni, apparentemente non correlati, in realtà lo possono essere perché accadono nel medesimo luogo o solo perché sono molto vicini. Per la nota legge di Tobler (1970), infatti, Everything is related to everything else, but near things are more related than distant things La legge, tuttavia, ci appare assai riduttiva se la leghiamo ad un contesto solo spaziale, acquista, invece, maggiore capacità esplicativa se riusciamo a leggerla secondo una chiave interpretativa che vuole estendere il concetto di distanza oltre oltre il limite imposto dalle regole geometriche e della metrica spaziale. La realtà non può essere ridotta a figure geometriche a 2 dimensioni come nel celebre romanzo di Edwin Abbott Flatlandia! La distanza abbraccia, quindi, più dimensioni: spazio, tempo, cultura, politica, ecc. (le dimensioni nascoste del territorio). In questa direzione, l adozione di strumenti di analisi e di interpretazione delle dinamiche territoriali in termini di accessibilità spaziale, temporale, culturale, ecc, concorre ad una più approfondita analisi e previsione delle dinamiche stesse del mercato. Questi concetti base regolarmente sfuggono nelle applicazioni di geomarketing di basso profilo specialmente ad opera di personale poco preparato culturalmente e che rischiano di compromettere la validità dei risultati ottenuti con danni evidenti e tangibili a breve termine a carico dell azienda. La reale efficacia di un sistema di geomarketing si misura sia con la sua capacità di rappresentare su una mappa le principali relazioni logiche e spaziali al fenomeno che si vuole indagare, sia, e soprattutto, con l effettivo contributo delle mappe, l assunzione di decisioni di marketing. Il geomarketing può essere utilizzato, perciò, per identificare le migliori location per nuove aperture, per l analisi del mercato potenziale di un nuovo esercizio o l analisi di uno esistente, confrontando i dati disponibili con gli indicatori socio demografici ed economici della popolazione residente nell area interessata; è possibile monitorare la customer satisfaction, ottimizzare la 13

15 rete di distribuzione, organizzare al meglio il servizio clienti e la logistica distributiva e simulare la domanda futura in base ai dati socio-demografici; consente di ottimizzare le azioni di comunicazione ed advertising locale e di definire ed assegnare le zone e gli obiettivi di vendita per ogni agente; è possibile, anche personalizzare il mix d offerta nell ambito dei micromercati, pianificando campagne pubblicitarie ed azioni promozionali in funzione della localizzazione del proprio target. Una delle maggiori applicazioni di tale strumento si occupa quindi di studi riferiti a piccole porzioni del territorio, dove l azienda deve valutare se vi sono sviluppate le condizioni adatte ad aprire o proseguire una certa attività economica e, più in generale, deve capire le potenzialità di tale territorio. Il micromercato diventa, così, l oggetto centrale del geomarketing e il vero mercato risulta essere la somma dei micromercati, perché le differenze esistenti tra un micromercato e l altro sono molto forti e distanti dai valori medi. È evidente che il geomarketing si basa su un sofisticato sistema d analisi e può comprendere tutte le variabili nel maggior dettaglio possibile. Le ricerche di mercato sui clienti attuali e potenziali, la loro geocodifica, la mappatura delle zone e delle coordinate base, sono indispensabili per la pianificazione mirata del marketing nelle microaree: attese, soddisfazione dei bisogni, motivazioni, e così via devono essere misurate puntualmente in ogni area d attrazione. Per tutte queste ragioni, il geomarketing è oggi considerato uno strumento decisionale d indubbia valenza strategica di cui il marketing aziendale non può fare a meno per apportare quel differenziale in grado di rafforzare il vantaggio competitivo aziendale ed è destinato ad affermarsi di pari passo rispetto all esigenza di operare nella logica del micromarketing e di modulare l offerta sulle caratteristiche della domanda locale, per raggiungere quello che oggi è visto come obiettivo finale, cioè il marketing one-to-one. 14

16 PROGETTO STUDYMI Lisa Casati e Martina Fossati 15

17 Come nasce il progetto Dove? Quanto ci metto? Sono domande all ordine del giorno per una persona che vive in città. Spazi vasti e poco tempo per fare le commissioni. Dal nostro canto, noi studenti in sede abbiamo gli stessi problemi, figurarsi quelli che può avere uno studente fuorisede magari anche straniero. L idea del nostro progetto nasce per semplificare la vita in queste piccole cose, per poter organizzare meglio le pause e i tempi morti tra studio, frequenza universitaria e divertimento. Cellulare alla mano o pc sulla scrivania poco conta gli studenti vogliono capire e vedere in base alle esigenze come fare e soddisfare i loro piccoli bisogni. Tra i banchi della Cattolica ci è venuta l idea di studymi. Tu, studente, pensa allo studio ad aiutarti nell organizzare le commissioni ci pensiamo noi! L idea studymi L idea del logo per questo progetto, nasce dall intreccio delle numerose prospettive in cui esso stesso si può leggere. Innanzitutto studymi ha un forte riferimento al desiderio di fornire un utile servizio a tutti gli studenti universitari, ma non solo, presenti sul territorio lombardo. Secondariamente sta ad indicare ciò che sta alla base stessa del progetto, ovvero uno studio accurato dei servizi che possono essere utili agli studenti milanesi in relazione alla loro posizione geografica nell area 16

18 milanese tenendo in considerazione sia la rete di trasporti urbani (linee metropolitane, tram, bus) sia i distretti commerciali. Chiaramente tutto questo è ben rappresentato dalla lente di ingrandimento posta sulla parola MI. Vision Dare un luogo ai bisogni dello studente ecco il nostro motto. Con la continua introduzione di nuove tecnologie e lo sviluppo di modelli organizzativi, il nostro obiettivo è quello di soddisfare le esigenze degli studenti garantendo loro l'eccellenza delle prestazioni strumentali a supporto delle decisioni di vita quotidiana. Il fattore umano è al centro della nostra politica: lo studente perso nella città di Milano non sarà più un problema. Il nostro obiettivo sarà quello di non far perdere tempo a cercare gli esercizi commerciali che soddisferanno i suoi bisogni diurni. L informazione ai giorni nostri è indispensabile, è necessaria. Condivisione diventa perciò una parola chiave. Dove fotocopiare gli appunti del mio collega di corso? Dove prendere in prestito un libro? Dove poter studiare in un posto confortevole? Dove fare la spesa? Dove acquistare cibo già pronto? Dove lavare gli indumenti? Tutte queste domande avranno una risposta: studymi. Mission Attualmente stiamo creando il nostro progetto su un database composto dei dati di università, librerie, biblioteche, palestre, supermercati e gastronomie che verranno georeferenziate sul territorio del Comune di Milano. Creeremo un software per pc e delle applicazioni per le nuove piattaforme dei dispositivi mobili al fine di concretizzare e conciliare il bisogno di mobilità e informazione dello studente. Per mantenere alta la qualità del nostro servizio permetteremo ai nostri utenti la possibilità di lasciare un feedback sul servizio dell esercizio commerciale. 17

19 L adesione ad un circuito di fidelity card permetterà poi di monitorare l evoluzione delle esigenze in modo da poter rispondere in modo dinamico al variare delle richieste. SWOT Analysis Punti di forza Supporto multimediale aggiornabile; supporto bilingue (italiano/inglese); facile consultazione Punti di debolezza Necessita dell utilizzo di un supporto multimediale; Opportunità Renderlo disponibile in altre lingue per facilitare la consultazione per gli stranieri; possibilità di aggiornamento direttamente da parte degli esercizi commerciali; creazione di un sistema di fidelity card; Minacce Dati aggiornati dagli esercenti poco attendibili; Segmentazione del mercato Tenendo conto dell interesse che muove la realizzazione di questo progetto, ovvero rendere disponibile l elenco dei principali servizi per gli studenti a Milano, il nostro mercato di riferimento sono proprio tutti gli studenti universitari presenti sul territorio. Per il nostro lavoro abbiamo però pensato che sia di maggior interesse suddividerli in : 1) Studenti universitari in sede: studenti che abitano a Milano e, sempre a Milano, frequentano l università; 2) Studenti universitari fuori sede: studenti residenti o in Lombardia (non a Milano) oppure in altre parti di Italia che scelgono di frequentare l università a Milano; 3) Studenti universitari stranieri : in questa classe rientrano sia gli studenti che studiano in un ateneo milanese per un circoscritto periodo di tempo (programmi come Erasmus) sia coloro che hanno deciso di stabilirsi sul territorio per tutta la durata dei loro studi. 18

20 considerando i seguenti atenei milanesi: Università Cattolica del Sacro Cuore; Università degli Sudi di Milano; Università degli Studi di Milano- Bicocca; Politecnico di Milano; IULM; Università Vita e Salute San Raffaele. qualche dato il nostro mercato obiettivo Prodotti Studenti in sede Studenti fuori sede Studenti stranieri Università Biblioteche Librerie Palestre Supermercati Gastronomie Lavanderie I dati del nostro progetto I dati sono stati, inizialmente, raccolti in un foglio Excel suddivisi nelle seguenti categorie: università; biblioteche: librerie; cartolerie; 19

21 palestre; supermercati; gastronomie; lavanderie. Per ciascuna categoria sono stati riportati : indicando tutti gli esercizi commerciali presenti sul territorio di Milano. Riassumendo: Tipo Numero di records UNIVERSITA' 35 BIBLIOTECHE 24 LIBRERIE 176 CARTOLERIE 230 PALESTRE 117 SUPERMERCATI 224 GASTRONOMIE 246 LAVANDERIE 176 La realizzazione del progetto Eventuali applicazioni Questo progetto presenta diverse potenzialità da poter sviluppare. Tra le più interessanti : 20

22 Creazione di un circuito di fidelity card: i commercianti che vogliono partecipare attivamente al progetto/servizio possono creare una rete di negozi che espongano il nostro logo e che possano garantire degli sconti agli studenti presentando il tesserino universitario. In questo modo ci possono essere vantaggi sia per gli esercizi commerciali, che possono trovare nuovi clienti, sia per gli studenti che possono godere di riduzioni sui loro acquisti. Realizzazione di un sito internet: è stata aperta una pagina web contenente le principali informazioni dell elaborazione. Il sito viene arricchito con le mappe sia delle linee di trasporto presenti in città (metro, tram, bus) sia con quelle dei servizi/negozi da noi analizzati e georeferenziati. Caratteristica peculiare di questa pagina web è che il servizio viene offerto sia in lingua italiana che inglese per renderlo facilmente consultabile anche dagli studenti stranieri. profilo di accessibilità per sede universitaria: un pieghevole pratico (italiano/inglese)per ogni sede delle varie università milanesi contenente la localizzazione dei servizi (senza i nomi dei negozi) presenti nell area circostante, nonché i vari mezzi di trasporto per raggiungere la zona (fermate metro, bus, tram). Si è pensato anche ad uno spazio libero riservato a tutti quei punti vendita, negozi, ecc. ecc. che vogliono esporre il loro nome, marchio, ecc. e le loro offerte, e che possono sfruttare questa opportunità per farsi pubblicità ad un costo molto basso (questo discorso può essere ben ricollegato a quello del circuito della fidelity card). Questi pieghevoli possono essere distribuiti ai banchi dell orientamento in università al fine di produrre un vantaggio per gli studenti appena arrivati che possono avere a disposizione un piccolo manuale e guida di sopravvivenza realizzata da altri studenti. 21

23 22

24 Bibliografia Galante, Preda, Introduzione al geomarketing, Collana di geografia applicata, vol.1, EDUcatt, Milano, 2008; Boffi, Scienza dell informazione geografica introduzione ai GIS, Zanichelli, 2004; Carminati, Università- Corsi di laurea triennale, magistrale, a ciclio unico, del vecchio ordinamento, Sedi delle città di Milano, anno accademico 2008/09, Milano, Settore Statitistica e SIT ;

25 24

26 NAVIGA NAVIGLI 2NIGHT Giulio Castagni Parasole, Alice Fusco, Andrea Manzoni 25

27 Presentazione La scelta del titolo e del logo racchiude in sè l idea, l immagine e il senso reale del nostro progetto. Navigli in quanto è il distretto commerciale da noi considerato. Naviga ha un duplice significato: uno storico che riporta alla mente l antica e originaria funzione dei Navigli grazie ai quali era possibile far giungere in Milano le merci quando ancora la navigazione era la via di trasporto più comoda; uno più moderno che richiama subito alla mente il concetto di navigatore satellitare, che nell ambito del Geomarketing assume un ruolo sempre più rilevante. 2Night riconduce invece allo scopo della nostra ricerca ovvero georeferenziare i locali aperti sino ed oltre alle 2 di notte. Abbiamo affiancato al titolo il logo sopra riportato, per enfatizzare il nostro lavoro. Il logo presenta di sfondo un immagine dei Navigli e in primo piano gli artefici del progetto, questo per indicare la nostra partecipazione in prima persona al lavoro. Nel nostro caso la vision son le tecniche di raccolta dati e analisi del distretto Navigli di Milano, che attraverso interviste sia ai proprietari sia ai dipendenti dei locali, nonché, ai clienti delle medesime attività notturne (ristoranti, paninari, pub). Se ben definita la mission rappresenta una linea-guida, un riferimento per tutte le decisioni che i manager dovranno prendere, quindi la mission di questo caso di Geomarketing è appunto la mappatura degli esercizi notturni nei quali i clienti, giovani e meno giovani, possono tranquillamente trovare un punto sicuro dove poter soddisfare i bisogni culinari e apprezzare e conoscere in modo più approfondito il distretto Navigli. 26

28 La nostra idea è nata dal voler affrontare un esperienza di georeferenziazione non solo dal punto di vista teorico, ma andando di prima persona sul campo a raccogliere dati e informazioni. Nella valutazione dell area da considerare abbiamo scelto il distretto commerciale Navigli, in quanto è interessante analizzare la città di Milano non più sotto il profilo delle classiche zone in cui è suddivisa, bensì per distretti commerciali. Le zone di Milano sono 9, ma essendo al loro interno molto articolate, si è pensato negli ultimi tempi di suddividere la città in alcuni distretti commerciali in funzione non solo del territorio ma anche degli esercizi svolti all interno di essi. Abbiamo così organizzato la nostra ricerca in due giornate, una infrasettimanale e una durante il weekend in modo da poter cogliere le differenze che intercorrono tra i giorni lavorativi e il fine settimana. In entrambe le giornate abbiamo predefinito un itinerario sulla carta, che abbiamo percorso a piedi così da reperire informazioni in tutto il distretto. 27

29 Per raccogliere i dati ci siamo inoltre preparati dei questionari cartacei che abbiamo sottoposto ai titolari o gestori dei vari esercizi commerciali, in modo da poter avere informazioni uniformi così da poter inserire in modo più facile in un database. Oltre alle informazioni relative i locali, abbiamo posto la nostra attenzione su tematiche relative i servizi offerti in orario notturno quali la presenza o meno di parcheggi custoditi e non e la vicinanza a fermate di mezzi pubblici. Abbiamo inoltre posto la nostre attenzione sul tema della sicurezza con riguardo all illuminazione pubblica e alla presenza di forze dell ordine e di pubblica assistenza. Dai dati che abbiamo raccolto, abbiamo estrapolato le seguenti analisi relative a: Tipologie di locali Età media clientela Orari esercizi Rating Sicurezza Parcheggi e Mezzi pubblici 28

30 Di seguito i grafici e le statistiche in riferimento ai dati ottenuti tramite le interviste: 29

31 Alla luce dei risultati emersi e delle statistiche effettuate, notiamo che la distribuzione ottimale sia dei locali che dei rispettivi clienti, o potenziali tali, dipende non solo dalle caratteristiche che abbiamo descritto precedentemente, ma la parte del leone la fa il gusto personale del singolo individuo. 30

32 In conclusione, la nostra ricerca può considerarsi un progetto pilota in quanto potrebbe essere esteso ad altri distretti commerciali oltre quello da noi analizzato. 31

33 32

34 Rosamaria Viviani 33

35 Dal punto di vista geografico la Valpolicella è una zona collinare nella provincia di Verona. Attualmente è composta da sette comuni: Pescantina, San Pietro in Cariano, Negrar, Marano, Fumane, Sant Ambrogio e Sant Anna D Alfaedo. Da sempre la Valpolicella è stata rinomata per l agricoltura, una delle sue principali fonti di ricchezza. Infatti la Valpolicella è la terra che dà origine ad alcuni dei più grandi vini rossi italiani. I vini DOC (quindi quelli a Denominazione a Origine Controllata e principalmente prodotti nella Valpolicella Classica Fig.1) della Valpolicella sono: il Valpolicella Classico, il Valpolicella Ripasso, il Valpolicella Superiore, il Recioto e l Amarone. Fig.1 La Valpolicella Classica Attualmente la produzione di uva in Valpolicella è di circa 550 mila quintali con un incremento registrato negli ultimi anni. Si stima che la quota di uva destinata all appassimento per la produzione del Recioto e dell Amarone sia circa il 20% dell intera produzione. Il progetto Vino & Cantine in Valpolicella nasce proprio per conoscere meglio e da vicino ciò che caratterizza questo territorio nel veronese. 34

36 Recentemente infatti si è assistito all evolversi del fenomeno del turismo del vino che coinvolge gli appassionati che vogliono scoprire quello che c è attorno al vino e alla sua produzione. Si è voluto quindi creare un piccolo progetto di un applicazione del Geomarketing a dei dati reali. Dopo aver raccolto tutti i dati necessari per caratterizzare ogni tipologia di Cantina il passo successivo sarà quello di analizzare i dati e procedere quindi al processo di Geocoding, attraverso il quale le strighe di dati si concretizzeranno in veri e propri punti sulla mappa così da aver un impatto anche visivo. A questo punto dalla Mappa si potranno fare delle importanti osservazioni. Nel dettaglio: La prima fase è stata quella di inserire in un foglio di lavoro Excel i dati delle Cantine prese in esame e organizzarle in una tabella con le seguenti voci: Ogni voce che fa parte della tabella è stata ragionata in modo che ogni Cantina venisse identificata da più punti di vista (come la dimensione, i servizi offerti VENDITA DIRETTA AL PUBBLICO: In ogni cantina visitata (anche in quelle in cui non è stato possibile condurre l indagine) è presente la vendita diretta al pubblico. In quasi tutte le Cantine è presente un vero e proprio punto vendita mentre sono poche quelle in cui per poter acquistare il prodotto è necessario recarsi negli uffici per poter procedere all acquisto diretto. PRINCIPALI CANALI DI DISTRIBUZIONE: Si è voluto distinguere quali sono i canali di distribuzione preferiti da ogni cantina: in particolare se i loro prodotti sono presenti nella Grande Distribuzione ( ad es. i supermercati, i grandi magazzini ) o se prediligono la vendita Specializzata (come le Enoteche, la vendita a grossisti o se sono presenti negli alberghi e ristoranti ). A questo riguardo non sorprende che la maggior parte delle aziende preferiscono la rivendita Specializzata, probabilmente per preservare la qualità percepita del prodotto. 35

37 VENDITA ALL ESTERO Attualmente l esportazione di vino imbottigliato copre i mercati di tutto il mondo, in particolare il Nord America e l Europa Centrale ma sono in ampliamento anche i mercati dell est. Tutte le cantine visitate, anche le più piccole con una produzione di sole bottiglie, sono presenti nel mercato con l estero. Alcune aziende addirittura riservano allo scambio con l estero il 98% della loro produzione annua. PRODUZIONE MEDIA ANNUA La produzione media può essere espressa sia in Ettolitri sia in bottiglie tenendo presente che non tutta la produzione d uva può essere trasformata in Amarone e Recioto, ma solo il 30% ca. PREZZO RECIOTO Tra i vini DOC più rappresentativi della Valpolicella non possono mancare il Recioto e l Amarone, ma è stato aggiunto anche il Ripasso per la sua sempre maggiore diffusione sviluppatesi negli ultimi anni. Il Recioto è il fulcro della tradizione della Valpolicella, per ottenerlo è necessario far subire all uva un periodo di fermentazione durante i mesi invernali che va dai 30 ai 50 giorni e un ulteriore fermentazione nel periodo primaverile. E un vino dolce con una forte presenza di zuccheri non fermentati, considerato da dessert. PREZZO AMARONE Il successo dell Amarone negli ultimi anni ha ormai eroso anche la produzione del Recioto, infatti se un tempo le uve destinate alla produzione di Recioto erano il 70% oggi sono meno del 20%. Questo vino infatti si è imposto prepotentemente sul mercato, occultando in parte la notorietà del fratello Recioto. Questo vino è la versione secca del Recioto ed è ottenuto dalla fermentazione che interessa la totalità degli zuccheri. E caratterizzato da un alcolicità sostenuta, che va mediamente dai 15 ai 16 gradi con punti di oltre i 17 gradi. 36

38 PREZZO RIPASSO Il Ripasso è considerato il fratello minore dell Amarone, prevede una macerazione del vino Valpolicella con vinacce di uve appassite precedentemente utilizzate per la produzione del vino Recioto e Amarone. In questi ultimi anni ha visto un incremento esponenziale nel gradimento dei consumatori dovuta anche al rapporto qualità/prezzo, generalmente infatti questo vino DOC costa molto meno del Recioto e l Amarone ma non viene assolutamente trascurata la qualità. Il prezzo indicato di ogni bottiglia inserito nella tabella è riferito alla vendita diretta al pubblico. Tra i prezzi si può osservare una certa omogeneità se consideriamo la stessa annata, ma ad influire su questo c è soprattutto il nominativo del produttore. Dopo aver compilato la tabella è stato utilizzato il sito internet: in cui è stato possibile inserire i dati per creare una mappa in cui compaiono tutte le Cantine utilizzando il processo di Geocoding:. Infine è stato utilizzato Google Earth per aprire il file ottenuto: Come già anticipato, dopo quest analisi e la rappresentazione grafica è possibile fare delle osservazioni utilizzando dei grafici: 37

39 ZONE Pedemonte San'Ambrogio di Valpolicella Fumane Valgatara di Marano 8% 6% 6% 3% 3% 6% 6% 6% San Floriano Negrar San Pietro in Cariano Arbizzano 16% San Peretto di Negrar 16% 16% 8% Gargagnago di Valpolicella Marano di Valpolicella Santa Maria di Negrar Questo grafico mostra la distribuzione delle Cantine per Comune di appartenenza. Apparentemente sembra che i Comuni di Negrar e San Pietro in Cariano siano quelli con una maggior concentrazione ma in realtà le altre fette più piccole sono tutte piccole zone anche appartenenti a questi comuni. L unica eccezione la fa Valgatara, con una delle più alte concentrazioni anche se non è un comune a sé stante ma fa parte del Comune di Marano. DISTANZA DALLA STRADA PROVINCIALE (in metri) Serie oltre 2000 Per concludere questo grafico invece vuole mostrare la distanza dalla Strada Provinciale (e quindi da una strada ad alto scorrimento) scelta per la posizione delle Cantine. E facile intuire che la maggior parte delle Cantine ha una posizione vicino alla strada per aver maggior visibilità, ma quello che sorprende maggiormente è il numero delle Cantine che hanno sede oltre 1 km dalla Strada Provinciale, cantine anche dal nome molto famoso come la Cantina 38

40 Quintarelli che per essere raggiunta richiede oltre 2 km da percorrere oltre la Strada Provinciale. Questo porta alla conclusione che la Cantina se produce un buon prodotto non ha la necessità di cercare visibilità vicino alla strada per trovare potenziali clienti, ma sono la maggior parte dei clienti interessati a recarsi direttamente alla Cantina decidendo di percorrere anche più di un chilometro in strade a volte non proprio comodissime dato il territorio collinare di questa zona. 39

41 40

42 ELENCO DEI QUADERNI PUBBLICATI n. 1 Soddisfazione del cliente e brand equity, R. Fiocca (Aprile 2004) n. 2 Ripensare il lavoro, E. Beltramini (Maggio 2004) n. 3 Il mercato del credito al consumo in Italia: alcune considerazioni, F. Poli (Novembre 2004) n. 4 L efficacia della comunicazione aziendale, E.T. Brioschi (Aprile 2005) n. 5 Il terziario come motore e nuova frontiera dello sviluppo economico, G. Panzeri (Gennaio 2006) n. 6 Alcune scelte strategiche delle aziende del terziario e dei servizi, G. Pavan (Febbraio 2006) n. 7 Le traiettorie dell innovazione nei servizi: esperienze a confronto, R. Sebastiani (Gennaio 2007) n. 8 Innovazione tecnologica e coordinate etiche, A. Longo, N. Patrignani (Gennaio 2007) n. 9 Il Reclutamento e la Selezione: fattori critici di successo tra mercato, cultura aziendale, identità personali, R. Zuffo (Giugno 2008) n. 10 Il Codice del consumo: riflessioni ed esperienze a due anni dall entrata in vigore, G. Giordano (Settembre 2008) n. 11 Economia di mercato e forme del dono, S. Macchi (Gennaio 2009) n. 12 Le forme di lavoro non standard alle soglie della XVI legislatura, A. Tursi (Febbraio 2009) n. 13 Dall entropia all utopia. I consumi e la crisi, I. Piccoli (marzo 2010) n. 14 La statistica nelle aziende: alcune applicazioni di analisi dei dati, R. Paroli (marzo 2010) n. 15 Geomarketing ed esempi di applicazione, M. Preda (marzo 2011) 41

43 Finito di stampare da MILANO nel mese di Aprile

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COSA E QUANDO SERVE PERCHE USARLO E un servizio di Cloud Computing dedicato

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli