LIBERA UNIVERSITA DI LINGUE E COMUNICAZIONE IULM. Facoltà di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIBERA UNIVERSITA DI LINGUE E COMUNICAZIONE IULM. Facoltà di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo"

Transcript

1 LIBERA UNIVERSITA DI LINGUE E COMUNICAZIONE IULM Facoltà di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo Corso di Laurea Magistrale in Marketing, Consumi e Distribuzione Commerciale MILANO Anno Accademico 2008/2009 Consumi e Cambiamento sociale Prof. Mauro Ferraresi e Prof.ssa Giovanna Russo IL VINTAGE NEL MOTOCICLISMO Fieldwork Gruppo 10 Giuseppe Marazzotta, Francesca Alma Menini, Davide Roberti, Alessandro Santoro, Chiara Salomoni, Andrea Schiroli, Roberta Spinosi. 1

2 Introduzione 3 1. Premessa teorica al lavoro Il Vintage e la sua definizione Il vintage nel auto Il vintage nel motociclo 7 2. Premessa metodologica e impostazione del progetto di ricerca Area di riferimento Raccolta dati Elaborazione quantitativa dei dati e risultanze significative Elaborazioni di dati demografici Analisi dei dati sul fenomeno vintage Conclusioni 30 Bibliografia 33 Appendice 44 2

3 Introduzione Il presente elaborato è strutturato in tre parti concettualmente separate: la prima si prefissa l obiettivo di inquadrare il vintage come fenomeno sociale e di costume, precisandone anche la definizione e apportando alcuni esempi di ripristino di modelli d annata nel settore auto e nel settore moto; la seconda palesa la struttura dell indagine e il metodo utilizzato, mentre la terza ha come scopo l analisi dei dati raccolti durante le due rilevazioni effettuate e le conclusioni generali che emergono dall elaborato e dalle ipotesi preliminari alla ricerca. 1. Premessa teorica al lavoro Come premessa dell elaborato è necessario chiarire, attraverso una breve introduzione di stampo puramente teorico, alcuni concetti legati al vintage, al recupero di modelli d annata e al consumo in relazione alla memoria e alla nostalgia. Si tratta di una tendenza cogente nel mercato attuale, che continua una ricerca a tratti affannosa di nuovi spunti, esplicitata spesso con un ritorno a linee morbide di ispirazione non recente. Come se fossimo di fronte al neoclassicismo nell arte, allo stesso modo il vintage reinterpreta stilemi classici, sostituendosi di fatto, in molteplici casi, a quel segmento della moda che si fa portatore di innovazione stilistica oltre che tecnologica. 1.1 Il vintage e la sua definizione Il termine vintage proviene dal latino vendimina (vinum=vino e demere=raccogliere) e dal francese l'age du vin, che indicava il grado di pregiatezza di un vino tipico di una particolare annata. Con il tempo da questa etimologia 1, il termine si è progressivamente applicato a diversi settori, in particolare a quello degli strumenti musicali e della moda (sia capi di 1 Per l etimologia del termine vintage si è tenuto conto della definizione di Angela Eupani Serio, nell articolo Vintage for you Cosa significa Vintage?, Marketing Journal. 3

4 abbigliamento che accessori come orologi o calzature), per indicare abiti che sono stati in grado di caratterizzare momenti precisi della storia del costume 2. Un oggetto vintage, dunque, è identificabile come prodotto almeno vent anni prima rispetto al momento attuale 3. Oltre alla dimensione puramente temporale, gli oggetti vintage sono identificabili sia come prodotti caratterizzati da ideazione non recente sia da elementi funzionali particolarmente pregiati e unici che contribuiscono a definirli di culto per chi ne possiede uno e per chi no. Il vintage, oltre che negli oggetti, si riflette anche nella società e nelle singole persone che la compongono tramite la memoria collettiva 4, ossia, l'insieme delle tracce del passato che un gruppo sociale trattiene, elabora e trasmette da una generazione alla successiva, in relazione con i materiali della propria storia e con i contenuti delle proprie tradizioni 5. Alcuni oggetti del passato sono stati in grado di suscitare sensazioni ed emozioni rimaste vive nella memoria ed arrivate intatte, perfette e immutate fino ai giorni nostri. Si può affermare che la loro storia cominci due volte: la prima quando il modello viene concepito, prodotto e immesso nel mercato, la seconda quando il mito ritorna sotto forma di riedizione del modello originale (vedi successivo esempio di Ape Calessino) o in chiave di restyling. 1.2 Il vintage nell auto Per quanto riguarda il recupero di modelli d annata il celebre caso della Fiat 500, da questo punto di vista, fa scuola. Tale modello vide un successo epocale nell Italia del boom economico dei primi anni sessanta, riuscendo ad accorpare un notevole successo di pubblico accompagnato una nuova capillare diffusione ai giorni nostri. La 500, all epoca del lancio, venne caricata di valori molto sentiti e desiderati fortemente dall Italia post bellica e ansiosa del rilancio 2 Una precisa e detagliata analisi del fenomeno del vintage nel settore moda è presente nell elaborato di Isabella Bascialla dal titolo Vintage un fenomeno di costume (2002). 3 Sul sito dell associazione vintageworkshop.it si trovano le varie etimologie del termine, quella da noi utilizzata è l origine più accreditata. 4 Nel libro Memoria e Comunicazione Anna Bartoletti distignue e definisce i tre tipi di memoria; individuale, collettiva e sociale e di come tali tipologi di memorie si possano relazionare al mondo del consumo. 5 Definizione di memoria collettiva rielaborata dal dizionario di storiografia Mondadori. 4

5 culturale ed economico. Avere una 500 era sinonimo di libertà e affermazione sociale. Molti italiani la ricordano con nostalgia, come prodotto che seppe conquistare un Paese intero, in quanto fu la prima auto sia di chi poteva permettersi solo quel modello, sia di chi poteva permettersi di più, ma preferì la 500. Figura 1: Fiat 500, modello L e la nuova500 a confronto. Fonte: 06blog.it Un altro esempio nel settore automobilistico chiama in causa la Mini Bmc lanciata nei primi anni 60 e ripristinata dalla BMW con il medesimo marchio e un restyling accattivante; essa fu capace di attrarre sia un pubblico femminile, più attento agli elementi estetici, che un pubblico maschile, molto più focalizzato sulle performance e sulla funzionalità più tecniche e tangibili. Per quanto riguarda le riedizioni dei modelli vintage, le più note case d auto considerano sempre maggiormente il pubblico femminile: infatti, la nuova BMW Mini ha riscosso molto più successo in tale segmento di mercato. Figura 2: Mini Matic del 1973 e Mini Cooper S prima serie del Fonte: dreameroflove.splinder.com 5

6 Un ultimo esempio di ripristino di modelli d annata, che prendiamo in cosiderazione per il settore auto, è relativo al Maggiolino Volkswagen, che possiede una storia molto più florida rispetto alla 500 e alla Mini; infatti deteneva, prima di essere battuta dalla sorella Golf, il record di automobile più longeva (dal 1938 al 2003) della storia delle quattro ruote. In origine il modello era proposto come auto del popolo (format simile a quello dell italiana Fiat 500), destinato al grande pubblico della Germania, pochi anni prima della Seconda Guerra Mondiale. Nella contemporanea riedizione del Maggiolino sono state mantenute le linee estetiche reiterpretate in chiave moderna e non le caratteristiche tecniche del modello passato. Figura 3: Wolksvagen Maggiolino e Wolksvagen New Beetle. Fonte: dreameroflove.splinder.com Per quanto riguarda le moto, alcuni modelli non sono rimasti solo un mito del passato, ma hanno continuato a vivere anche dopo essere uscite di produzione. Un grandissimo numero di proprietari appassionati ed entusiasti, ne ha portato avanti l immagine e ha permesso di superare il limite di semplici oggetti industriali, portandoli a un livello superiore; alcuni di questi modelli non rappresentano più soltanto il concetto di motociclo, ma oggi divengono per il pubblico l icona di un vero e proprio stile di vita. Numerose sono le associazioni che raggruppano cultori di determinati prodotti vintage o d annata come il 500 fan club Italia che raccoglie circa 230 nostalgici 6 in tutto lo stivale del cinquino della casa torinese, organizzando regolari raduni e incontri. 6 Il numero di soci è relativo all anno sociale 2007, Fonte: Ufficio stampa Fiat 500 fan Club, sede di Roma. 6

7 1.3 Il vintage nel motociclo Nel mondo dei motori, il fenomeno vintage rappresenta la tendenza di un ritorno al passato riproposto però in chiave moderna. Questo filone coniuga i vantaggi di una tecnologia attuale, trasferiti su modelli in chiave old style, unendo così l'affidabilità di prodotti funzionalmente più evoluti, con le linee tipiche dei modelli che nel passato hanno fatto la fortuna di questa o quella casa costruttrice. Nel settore motociclistico, la tendenza verso questa filosofia progettuale sta dilagando in molteplici direzioni. A questo proposito risulta emblematico il caso Piaggio. La casa di Pontedere (Pisa) ha ristilizzato il suo già ottimo prodotto, la Vespa, dandole nuova linfa vitale con modelli attuali ma che richiamano nella linea, come nella scelta di alcuni materiali utilizzati, il modello originario. Sono sicuramente degne di nota le versioni del 60 anniversario di LX e GT. Figura 4: Vespa GT60 e Vespa Fonte: Archivio storico fotografico Piaggio. Il fenomeno Vespa fu fin da subito destinato a conquistare il mondo intero. Nel 1950 Vespa, a soli quattro anni dal debutto, viene prodotta in Germania; l anno dopo aprono anche le Licenziatarie di Gran Bretagna e Francia e alla Giornata Italiana Della Vespa accorrono ben ventimila vespisti. Nel 53 inizia la produzione anche in Spagna con la Moto Vespa S.A. di Madrid. Nello stesso 7

8 anno i Vespa Club di tutto il mondo contano già oltre 50 mila iscritti, tutti schierati contro i sostenitori della neonata Lambretta Innocenti. Nascono quindi stabilimenti a Jette, nei pressi di Bruxelles; in seguito anche a Bombay in Brasile e infine negli USA. Quel periodo di grande fermento non fu che l inizio: Vespa verrà successivamente prodotta in 13 Nazioni e commercializzata in 114 Paesi nel mondo. Anche in Australia, in Sud Africa, Iran e Cina. Degno di nota è sicuramente il processo di diffusione di Vespa negli Stati Uniti: dopo essere uscita dal mercato americano nel 1985 (a causa delle norme antinquinamento che penalizzavano i motori a due tempi) vi ha fatto ritorno solo nel 2000, attestandosi immediatamente come successo commerciale oltreoceano. Non a caso si è ritagliata nel giro di due anni, una quota del 20% circa del settore dello scooter in USA, un mercato ancora relativamente «piccolo» (va verso le unità all anno), ma in crescita. Nel 2001 sono state vendute Vespa negli USA e oltre nel Vespa inoltre non è solo un fenomeno commerciale. Se 500 nell italia della Dolce Vita era sinomino di automobile, Vespa era sinonimo di scooter, tanto da far percepire all estero l Italia come il Paese delle Vespa, sia per il ruolo giocato dal motociclo nel costume, che per la capillare presenza del mezzo nei film 7 e documentari del tempo. Storia che continua ancora oggi. Audrey Hepburn e Gregory Peck in "Vacanze Romane" sono solo i primi di una lunga serie di attrici e attori internazionali che negli anni sono stati ripresi sullo scooter più famoso del mondo, nelle foto, nei film e sui set, Vespa è stata "compagna di viaggio" di nomi quali Raquel Welch, Ursula Andress, Geraldine Chaplin, Joan Collins, Jayne Mansfield, Virna Lisi, Milla Jovovich, Marcello Mastroianni, Charlton Heston e John Wayne 8. Sempre nell ambito della memoria collettiva legata al sentimento di nostalgia del passato si riporta un ultimo esempio di questa introduzione sul vintage: l Ape Calessino. 7 Ci riferiamo a: Audrey Hepburn e Gregory Peck in "Vacanze Romane" (1953), American Graffiti (1973), Quadrophenia (1979) e Il talento di Mr. Ripley (1999). 8 L elenco dei nomi è stato tratto dal sito corporate di Vespa UK (vedi sitografia). 8

9 Nel 2007 dalla Piaggio fu rilanciata, in edizione limitata (999 pezzi venduti a 8.590, prezzo decisamente meno competitivo del modello originale), l identica versione del modello ideato nel 1948 come trasposizione a tre ruote della Vespa. La diffusione dell Ape Calessino ha lo stesso intervallo temporale della 500 e della Vespa e fu concepita come mezzo per gli spostamenti di più persone a breve raggio chilometrico, in particolare nei paesi con limitata viabilità stradale (basti pensare ai tanti borghi medievali del centro Italia con strade strette e ripide) o nelle piccole località turistiche della penisola. Furono molti i personaggi famosi e non provenienti dal Nord Europa o dagli Stati Uniti che usufruirono di questo mezzo a Capri, Alassio, Positano o Forte dei Marmi come taxi per gli spostamenti dall approdo fino all albergo o al mare grazie alla sua praticità e comodità. Figura 5: l ape calessino in un manifesto pubblicitario dell epoca e la sua riproposizione attuale. Fonte: archivio Piaggio e Google Images. Fiat per la riedizione della 500 ha inserito sul sito istituzionale una sezione dedicata alla pubblicazione dei pensieri di utenti e di appassionati denominata 500logia you, a writer 9. Sulla linea dell operazione promossa da Fiat anche sul sito Vespa è apparsa una medesima sezione, denominata Tu & Vespa, ospitante le molteplici storie di tutti i suoi utilizzatori, fan e amanti. Gli utenti registrati possono così inserire un immagine e un testo che testimonino la loro storia in compagnia del mito a due ruote. Essere vespisti significa dunque 9 Il sito è suddiviso in ordine alfabetico come una vera enciclopedia, dove ogni utente senza censure è libero di esprimere un giudizio, un commento scaturito dai suoi ricordi dedicati alla

10 appartenere a un gruppo sulla base del ricordo comune di un passato fondante 10. Lo strumento per la riproduzione di un collettivo che si configura come comunità del ricordo, a partire da un passato fondante, è la cosiddetta memoria collettiva. Essa è specifica e concreta, nel senso che definisce i confini di un gruppo particolare, che si connota per un proprio carattere che lo distingue da altri gruppi particolari. La concretezza di questa memoria si esplica in un riferimento concreto al tempo e allo spazio, che divengono tempo vissuto e spazio popolato dal gruppo, in cui si ancorano i suoi ricordi Roberta Bartoletti, Memoria e comunicazione. P Roberta Bartoletti, Memoria e comunicazione. P

11 2. Premessa metodologica e impostazione del progetto di ricerca Nella conduzione del progetto di ricerca è essenziale definire preliminarmente alle fasi operative la metodologia, o meglio, le metodologie che si intendono adottare nell impostazione complessiva del lavoro, oltre che le ipotesi risultanti da ragionamenti antecedenti dei ricercatori (o studi precedenti), cui farà seguito la verifica, o meno, delle stesse. Indagare il fenomeno del vintage nel settore motociclistico impone l integrazione della metodologia quantitativa con quella qualitativa, al fine di meglio tracciare i contorni e sollevare gli aspetti rilevanti di un fenomeno sociale che genera numerosi effetti sui consumi degli individui coinvolti in tale pattern. La metodologia qualitativa ha visto l utilizzo di tecniche di rilevazione, come l intervista in profondità, rivolta a due esperti del campo, con l obiettivo di far emergere le principali chiavi di lettura del fenomeno, sia in ottica commerciale che sociale; ciò ha consentito di sviluppare le basi sulle quali costruire il questionario quantitativo, successivamente somministrato. L integrazione dei metodi di ricerca segue una direzione conoscitiva atta a sviluppare la comprensione del fenomeno secondo un analisi statistica e la spiegazione dei fatti tramite l analisi delle unità campionarie intervistate. Pertanto, assume notevole rilevanza il significato che gli individui attribuiscono al fenomeno studiato. 2.1 Area di riferimento e ipotesi Il bacino geografico di riferimento in cui si è svolto il progetto è costituito dall area urbana della città di Milano; in particolar modo i luoghi in cui si è concentrata la raccolta dei dati sono stati : Il Salone dell EICMA; Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM. 11

12 È importante precisare che le ragioni della scelta di tale area verranno definite nella sezione dedicata alla presentazione della fase di raccolta dei dati. Una fase fondamentale in un progetto di ricerca è rappresentata dalla formulazione delle ipotesi. Il percorso per giungere alla definizione delle stesse si esplicita in tre step: in primo luogo vi è l articolazione, da parte dei ricercatori, di congetture riguardanti un fenomeno; in secondo luogo si procede con l analisi di studi precedenti che intrattengono relazioni di contiguità con il tema in esame; infine, si giunge alla formulazione delle ipotesi, sulla base delle quali si instrada la ricerca, optando per quelle metodologie che vengono ritenute più opportune. Nella fattispecie, al termine del percorso sopra enunciato, si è giunti alla formulazione delle seguenti ipotesi: 1. Vintage e motociclismo: moda e/o memoria; 2. influenza del fenomeno vintage nel settore motociclistico: i trend del mercato italiano tra la percezione dei consumatori e la lettura della produzione; 3. ruolo di sempre maggiore importanza delle donne nel settore del moto: consumarici esperte ed esigenti. 2.2 Raccolta dati La fase di raccolta dei dati assume notevole rilievo all interno di un indagine conoscitiva e soprattutto rappresenta un momento critico in cui è necessario mantenere un elevato grado di attenzione al fine di non commettere errori che potrebbero pregiudicare la veridicità dei risultati dell inchiesta. A titolo esemplificativo, è utile citare come l errore di campionamento possa provocare una significativa distorsione se non si opta per delle scelte che aumentino la numerosità campionaria, congiuntamente all utilizzo di tecniche per contenere l ampiezza dell errore, dipendente prevalentemente dal livello di omogeneità delle risposte fornite dagli intervistati. 12

13 La raccolta dati si struttura secondo un modello standard in cui gli step principali sono rappresentati da: Vaglio delle fonti; Metodi di campionamento; Modalità di raccolta dati; Gruppo empirico di riferimento. Prima di procedere alla trattazione delle variabili sopra citate, è opportuno chiarirne il filo conduttore. La base del lavoro si sviluppa su due direttrici parallele: la scelta della modalità più opportuna (comprendente metodo e strumenti di ricerca) e il raggiungimento di obiettivi apprezzabili. La costruzione dell intero progetto lungo le due linee guida testimonia la forte interdipendenza instauratasi tra tutte le fasi della ricerca, evidenziando, così, la rilevanza della consequenzialità logico-metodologica di tutti i passaggi che concorrono alla definizione complessiva del lavoro. Entrando nel merito operativo, è ora possibile esplicitare gli step precedentemente indicati e calarsi in un ottica analitica ben definita. In primis, il vaglio delle fonti è consistito nello studio di testi correlati all oggetto di ricerca, oltre che nella necessità di acquisire conoscenze strumentali alla definizione/stesura dell elaborato; il tutto incorporato in una visione orientata alla corretta impostazione scientifico-metodologica. La qualità dei contenuti, infatti, si fonda non solo su ciò che di concreto si è giunti a problematizzare, ma soprattutto sul rispetto della concatenazione dei passaggi logico-tecnici previsti dalla teoria della ricerca sociale. E bene precisare che tutte le fonti utilizzate saranno menzionate in seguito. Per quanto concerne il campionamento, invece, si è ritenuto opportuno adottare due tipologie di estrazione campionaria dall universo di tutti i soggetti intervistabili. Il primo campione è costituito da 100 soggetti ai quali è stato somministrato un questionario autocompilato, in occasione del salone dell EICMA. E possibile affermare che questo sia un campione casuale semplice, dal momento che vi è equiprobabilità di compilare il questionario da 13

14 parte di tutti i soggetti presenti al salone, nello stesso giorno e nel medesimo range di tempo. Pertanto trattasi di campione probabilistico, a partire dal quale è operabile la scelta di generalizzazione dei risultati ottenuti sul medesimo. L altro campione, invece, è costituito da 100 soggetti, nella fattispecie studenti dell università IULM, radunati in un aula precedentemente concordata, a cui è stato ugualmente somministrato il questionario autocompilato. In questo caso il campione si definisce per quote non probabilistico. In particolar modo si può parlare di una sorta di campione stratificato, poiché un sub-obiettivo della ricerca consiste nel leggere la percezione del fenomeno vintage nel motociclismo, all interno di una fascia di età (in questo caso uno strato dell universo della popolazione) compresa tra i 18 e i 25 anni. L unione delle due operazioni di estrazione campionaria, non consente evidentemente di fare inferenze statisticamente corrette. Ciò si giustifica con la necessità di condurre un indagine con finalità didattiche, entro una deadline, che non ha di fatto permesso l utilizzo di campionamenti unicamente probabilistici. A completamento della fase di campionamento risulta essenziale ricordare che sono stati sondati due soggetti, scelti aprioristicamente per la loro conoscenza e competenza del tema oggetto di studio, tramite un intervista in profondità di cui si presenterà un estratto in forma digitale, come documento allegato al presente elaborato. Altro punto di estrema rilevanza è rappresentato dalla modalità di raccolta dei dati, consistente nella scelta della più pertinente tecnica di rilevazione: il questionario autocompilato. Tale soluzione si spiega grazie alla facilità con cui è possibile sintetizzare le informazioni raccolte, tenendo ben presente al contempo, che si tratta di uno strumento formidabile, ma molto freddo 12. Il rischio che si corre è quello di elaborare aggregati di dati attraverso correlazioni non immediatamente chiare, oppure orchestrabili ad hoc. Quando si decide di predisporre un questionario, le variabili da gestire assumono un numero consistente; perciò è indispensabile curare nei minimi 12 Per modalità di raccolta fredda si intende una tipologia che non prevede eccessiva interazione comunicativa con il soggetto a cui si sottopone il questionario. Per approfondimenti si veda: NATALE Paolo, Il Sondaggio. 14

15 dettagli la struttura di tale strumento di rilevazione, prestando particolare attenzione alla modalità di formulazione delle domande, per capire (di frequente solo ex post) il grado di comprensione/chiarezza delle stesse. Muovendo il focus sulla struttura vera e propria del questionario si è fatto ricorso a tre tipologie classiche di domande a seconda dell obiettivo di ciascuna sezione: Domande struttura dalla 1 alla 5, volte a definire le caratteristiche individuali dei soggetti, altrimenti definibili come variabili strutturali di tipo ascrittivo (genere) o acquisitivo (es. titolo di studio); Domande contesto dalla n.6 alla n. 9.1, ovvero le domande di sfondo, riguardanti le possibili cause o concause di un certo atteggiamento, comportamento, conoscenza; Domande obiettivo dalla n.10 a alla 10 f, legate più specificatamente all obiettivo della rilevazione. 15

16 3. Elaborazione quantitativa dei dati: risultanze significative Sulla scorta dei questionari somministrati alla 66 Esposizione Internazionale del Ciclo e Motociclo EICMA e su quelli, identici per forma e contenuto, somministrati nel corso di una lezione di Consumi e cultura d impresa presso la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, si è proceduto all analisi quantitativa dei dati utilizzando la metodologia indicata di seguito; i dati sono stati inseriti in un database e successivamente si è proceduto al loro incrocio con conseguente elaborazione grafica e percentuale su di un foglio di calcolo. Numerose occorrenze significative sono emerse, alcune delle quali attese, altre invece hanno maggiormente stupito. A queste ultime in particolare si cercherà di fornire analisi estensiva in sede di conclusione della presente relazione sul fieldwork. In questa sede ci proponiamo di offrire una panoramica generale dei dati con delle finestre di approfondimento sulle occorrenze che più si discostano dal dato generale riscontrato. Saranno pertanto tralasciate quelle occorrenze che sono apparse meno significative ai fini della comprensione del fenomeno vintage nel settore motociclistico. In particolar modo i dati riguardanti l Università IULM saranno presentati spesso in forma aggregata (non differenziati per genere, età o quant altro) in quanto la composizione del pubblico non specializzato, rappresentato dagli studenti, presentava una elevata omogeneità demografica Elaborazione dei dati demografici L elaborazione dei seguenti dati è stata effettuata a partire da una numerosità di n 100 questionari somministrati all EICMA e di n 99 questionari somministrati presso l Università IULM. I risultati vengono di seguito elencati: 16

17 Figura 6: Rappresentazione grafica della composizione demografica del campione, Eicma e IULM. Fonte: Nostra elaborazione Per quanto riguarda il genere, i due campioni presentano una composizione alquanto differente. Il campione Eicma è composto da una percentuale di uomini pari al 66% e da una percentuale di donne pari al 34%. Da questo si evince che la presenza maschile alla manifestazione sia stata sicuramente più consistente rispetto a quella femminile. Nonostante il mercato motociclistico sia prevalentemente maschile, dai dati è possibile leggere un cambiamento di tendenza, dal momento che la componente femminile supera un terzo del campione totale. Figura 7: Rappresentazione grafica dell età del campione Eicma. Fonte: Nostra elaborazione 17

18 In riferimento all età il campione EICMA è composto in misura maggiore da soggetti di età compresa tra i 26 e i 35 anni. Stupisce per certi versi una presenza così contenuta di soggetti di età superiore ai 45 anni, dato che alcuni settori del mercato motociclistico - si veda a titolo di esempio il settore del mototurismo - sono indirizzati ad un segmento maturo della popolazione. Il dato riferito all Università IULM è stato ritenuto poco significativo ai fini della ricerca in quanto, come era possibile prevedere, presenta un valore vicinissimo al 100% per quanto riguarda i soggetti di età compresa tra i 18 ed i 25 anni. Figura 8: Rappresentazione grafica delle professioni del campione Eicma. Fonte: Nostra elaborazione Le percentuali relative alle professioni riscontrate nel campione EICMA presentano un dato particolarmente rilevante riguardo alla partecipazione di lavoratori dipendenti, presenti in numero tre volte maggiore rispetto alle categorie. In questo caso il dato riferito all Università IULM presentava una percentuale del 100% di studenti, pertanto è stato deciso di non rappresentarlo graficamente. 18

19 Questo dato va comunque interpretato alla luce dell orario e del giorno di somministrazione dei questionari, vale a dire in orario lavorativo in un giorno feriale. E possibile, anche se alla luce dei dati non v è modo di verificarlo, che in giorni ed orari differenti il campione subisse delle lievi variazioni. Figura 9: Rappresentazione grafica del titolo di studio del campione Eicma. Fonte: Nostra elaborazione. Il grado di istruzione più rappresentato nel campione EICMA è quello relativo ai possessori di diploma, presenti in una percentuale pari al 61%. Il dato non sorprende sia perché ricalca in linea di massima il dato ISTAT sul possesso dei titoli di studio in Italia sia perché appare coerente con lo spirito della manifestazione, che vuole essere di massa e non d èlite. 19

20 Figura 10: Rappresentazione grafica della residenza del campione Eicma. Fonte: Nostra elaborazione. Il dato della residenza appare molto sbilanciato verso il Nord. Il motivo, abbastanza ovvio, è la localizzazione della manifestazione nel polo fieristico di Rho Fiera, in provincia di Milano. Ciononostante la presenza di un 15% di popolazione proveniente dal centro denota l importanza dell evento, capace di attrarre un bacino d utenza dislocato ad alcune centinaia di chilometri di distanza. 3.2 Analisi dei dati sul fenomeno vintage La seconda parte del questionario si articola su una base di 11 item, alcuni dei quali - la maggior parte - elaborati con scala Likert da +1 a +7 (o, nel caso degli attributi, da -3 +3); i restanti invece presentano campi del tipo SI/NO. Si è cercato di appurare in primo luogo la conoscenza del fenomeno vintage, in seguito la percezione dello stesso e, con gli attributi finali, l importanza data ai singoli fattori in un modello di motociclo a carattere vintage. 20

21 Il primo item riguarda l accordo con una definizione di vintage tratta da Wikipedia.com. La scelta non è stata casuale ma dettata dalla volontà di far leva sul senso comune. In quest ottica Wikipedia, enciclopedia editabile dagli utenti che la consultano, rappresenta una sorta di scelta obbligata. La definizione citata è la seguente: Vintage è un attributo che definisce le qualità ed il valore di un oggetto prodotto almeno vent anni prima del momento attuale. E stato chiesto di esprimere un grado di accordo a questa definizione che variasse da +1 a +7; i risultati sono stati i seguenti: Figura 11: Rappresentazione grafica del grado di accordo con la definizione di vintage del campione Eicma e Iulm. Fonte: Nostra elaborazione. Si può notare uno spread rilevante tra il valore medio minimo ed il valore medio massimo. In generale si può osservare un accordo mediamente più 21

22 basso delle donne appartenenti ad un pubblico specializzato rispetto alla controparte maschile. Si tratta di un dato apparentemente poco interessante, ma che nel proseguo dell analisi dei dati ha consentito di rispondere a numerosi quesiti sorti. Sottolineato che le donne, nel campione EICMA, presentano il grado più basso di accordo con la definizione, è altresì interessante notare come il dato incrociato che genera il maggior grado di accordo è quello degli uomini caratterizzati da un impiego a carattere dipendente con un età compresa tra i 26 ed i 35 anni. Si tratta di un campione significativo perché generato dalle occorrenze presenti in numerosità maggiore all interno del campione indagato. E un dato ancora più interessante se si considera che è l unico ad avvicinarsi al dato aggregato ottenuto nell Università IULM, cosa che, di fatto, sembrerebbe far avvicinare la maggioranza dei partecipanti all EICMA, presi in esame come campione specializzato, alle caratteristiche del campione despecializzato. Alla luce di queste considerazioni il dato ottenuto dall item successivo non sorprende: Figura 12: Rappresentazione grafica della domanda 7 del campione Eicma, Iulm. Fonte: Nostra elaborazione. 22

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione

Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione 1 Premessa La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM del Ministero dello Sviluppo Economico ha realizzato, tra

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli