Rileggendo Karl Polanyi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rileggendo Karl Polanyi"

Transcript

1 Università degli Studi di Ancona Dipartimento di Economia Rileggendo Karl Polanyi Antonio G. Calafati (Intervista condotta da Sergio Sinigaglia) Pubblicato in: Una Città, n. 73, dicembre 1998 by the author

2 Rileggendo Karl Polanyi Antonio G. Calafati 1 (Intervista condotta da Sergio Sinigaglia) Polanyi non è un pensatore molto conosciuto al di là degli addetti ai lavori. Dipende dalla sua collocazione eretica rispetto all ortodossia neoclassica e a quella marxista? Certo il suo pensiero non rientra nel paradigma neoclassico e neanche in quello marxista, e questo non ha facilitato la diffusione della conoscenza delle sue opere, almeno in Italia. Opere che, comunque, nel nostro Paese sono state ampiamente tradotte anche se con prefazioni o introduzioni così diverse nell impostazione l una dall altra da far ogni volta pensare che si trattasse di un autore diverso. Credo che anche il suo itinerario professionale, anomalo e in un certo senso difficile, non abbia facilitato la diffusione dei risultati della sua ricerca. Polanyi ha potuto dedicarsi completamente alla ricerca soltanto dopo i cinquanta anni, nel 1947, quando entra come professore alla Columbia University di New York. Dopo aver lasciato l Ungheria era stato per molti anni giornalista a Vienna e successivamente insegnante in Inghilterra. Quando entra alla Columbia University aveva già scritto La grande trasformazione, che era uscita nel 1944 costituisce il gruppo di ricerca da cui nascerà il suo libro più impegnativo Traffici e mercati negli antichi imperi, pubblicato nel Una ricerca durata dieci anni che raccoglie scritti di Polanyi e dei suoi collaboratori. Polanyi muore nel 1964, e le altre sue opere più note Il commercio degli schiavi nel Dahomey (1964) e La sussistenza dell uomo (1977) usciranno postume a cura dei suoi allievi. Comunque, credo che la principale ragione delle difficoltà incontrate nella utilizzazione, sul piano analitico, del pensiero di Polanyi sia il carattere transdisciplinare della sua opera, un fattore che è in grado di spiegare la relativa diffusione del pensiero di altri scienziati sociali del Novecento. Resta il fatto che si tratta di un autore eretico Non so se sia veramente un autore eretico. Credo che Polanyi appartenga ad una linea di pensiero, molto ben visibile nel Novecento, che va da Veblen fino a Commons, da Myrdal a Hirsch, da Hirschman a Sen solo per citare alcuni nomi noti anche in Italia. L idea centrale di Polanyi vale a dire che il processo economico è incastonato nel sistema sociale, che l economia è un prodotto delle relazioni sociali non è a mio avviso eretica. Al contrario, si può dire che sia alla base del pensiero degli autori appena citati. Inoltre, si tratta di un idea che è stata dominante nelle politiche pubbliche. Nel campo delle politiche 1 Università degli Studi di Ancona, Dipartimento di Economia, Piazzale Martelli, Ancona (Italy) 2

3 pubbliche, in modo evidente a partire dagli anni Trenta, la regolazione sociale del processo economico è diventata centrale. Ad esempio, la insostenibilità sociale di un mercato competitivo del lavoro forse il punto centrale di tutta la critica di Polanyi all economia di mercato era una tesi largamente condivisa, niente affatto eretica. Suggerendo un parallelismo che andrebbe sviluppato (e per nulla singolare), sarebbe sufficiente ricordare che prima della definitiva affermazione dello Stato sociale, il lavoro come merce aveva perso di rilevanza teorica. Nell opera di Keynes i salari erano (e dovevano rimanere) fissi: nella sua teoria non c era un mercato del lavoro vero e proprio. I salari fissi sono importanti quanto la parziale socializzazione degli investimenti in Keynes. Se consideriamo Polanyi eretico, allora dobbiamo considerare eretico gran parte del pensiero sociale del Novecento. Non credo sia la strada giusta per orientarsi. Che influenza ha avuto la prospettiva metodologica di Polanyi sullo studio del processo economico? L ampliamento del sistema categoriale che Polanyi propone per lo studio del processo economico è di straordinario interesse. L utilizzo integrato delle categorie dello scambio, della redistribuzione e della reciprocità, così come la sua contrapposizione tra economia formale e economia sostanziale hanno permesso di stabilire nuovi nessi causali e di suggerire nuove interpretazioni. Ed è ciò che ha permesso a Polanyi di proporre l originale lettura dell emergere del capitalismo data ne La grande trasformazione. Allo stesso tempo ha posto Polanyi in sintonia con un rilevante e affascinante filone del pensiero sociale ed economico del Novecento. In primo luogo, e da una prospettiva storica, si potrebbe dire che Polanyi abbia sviluppato il progetto di Thorstein Veblen, il quale proprio negli ultimi anni dell Ottocento, si accorse chiaramente che la prospettiva antropologica avrebbe rivoluzionato l economia politica, costringendola a modificare radicalmente il proprio sistema categoriale. Polanyi non è un antropologo, ma la prospettiva antropologica che lui effettivamente introduce nella ricerca storica e nell analisi economica cosa che Veblen non era riuscito a fare ha permesso un radicale avanzamento della conoscenza dei sentieri evolutivi delle economie. Comunque, già in John R. Commons grande interprete dell istituzionalismo americano tra le due guerre il più ampio concetto di transazione era stato sostituito a quello di scambio. Polanyi rende ancora più complesso il sistema categoriale, non guarda all economico come alla sfera nella quale domina lo scambio. Per lui il processo economico è dato dalla produzione e circolazione di materia organizzata, di merci, all interno di un dato sistema umano. Polanyi ritiene che la tesi secondo cui soltanto lo scambio e, per di più, soltanto lo scambio competitivo sarebbe l unico principio organizzativo del processo economico è semplicemente falsa da una prospettiva storica. La distinzione tra economia sostanziale ed economia formale è molto importante. 3

4 Torniamo al rapporto tra il pensiero di Polanyi e le politiche pubbliche. Potremmo indicare Polanyi come uno dei padri fondatori dello Stato sociale (Welfare State)? Non saprei dire quanto La grande trasformazione abbia influenzato il definitivo consolidamento dello Stato sociale dopo la Seconda Guerra Mondiale. Certamente, Polanyi è stato un interprete straordinario del processo che ha condotto all affermazione dello Stato sociale dalle prime legislazioni in difesa dei lavoratori degli ultimi decenni del secolo scorso fino all introduzione dei sistemi sanitari nazionali. Polanyi interpreta lo Stato sociale come una risposta al bisogno di ridurre e compensare i costi sociali dell espansione del mercato. Al centro del sua opera c è la tesi che i mercati soprattutto del lavoro, della terra e della moneta determinano costi sociali insostenibili. Polanyi vede i fascismi degli anni Venti e Trenta come una risposta alla domanda sociale di controllo dei mercati. Si può dire che nella sua analisi lo Stato sociale è un alternativa alle dittature fasciste del periodo tra le due guerre, perché i fascismi sono visti come una modalità di risposta al bisogno di compensare i costi sociali del mercato. Polanyi muore quando il moderno Stato sociale si trovava nella sua fase iniziale. Credo si possa affermare, comunque, che la sua analisi non conduca ad una dicotomia Stato-mercato. In Polanyi ciò che si contrappone al mercato è la società non lo Stato e sarebbe stato in favore di politiche pubbliche basate su questa distinzione La sua concezione del Welfare State, dunque, non è, per usare una parola abusata, statalista. Polanyi sembra dare un maggiore ruolo alla società Certamente, nella sua opera viene data molta importanza all articolazione territoriale dello Stato. Si potrebbe dire che in Polanyi l unità di analisi è il villaggio, la municipalità in termini moderni e più generali si potrebbe dire che è il sistema locale (chiuso o semichiuso). Anche se il processo di integrazione politica ed economica tra sistemi locali ha condotto alla nascita dello Stato, rimangono tanti livelli territoriali (e di regolazione) ai quali si può reagire alla invadenza del mercato, vale a dire ai quali si possono mantenere sfere di interazione non-di-mercato. Ad esempio, la redistribuzione una delle modalità elementari di trasferimento di merci (materia organizzata) da un individuo ad un altro mediata da un autorità non si esprime (e non si dovrebbe esprimere) soltanto a livello di Stato. Se si osservano i sistemi sociali nel tempo e nello spazio, l operare del principio redistributivo lo si trova appena sorge un qualche tipo di interazione tra individui: famiglia, tribù, comunità, società. Lo Stato sociale è, dunque, soltanto una modalità nella quale si può esprimere l operare del principio redistributivo. È importante sottolineare che, nella prospettiva di Polanyi, lo Stato sociale è la riaffermazione in chiave moderna del principio di redistribuzione che limita la sfera dello scambio. Tuttavia, è altrettanto importante sottolineare che la redistribuzione non può sostituire la reciprocità. Ecco, dalla prospettiva di Polanyi, si potrebbe dire che il principale difetto dello Stato sociale è di avere favorito una riduzione dell estensione ed efficacia dei meccanismi di reciprocità. Robert Walzer, in Sfere di giustizia, conduce una lettura moderna della concezione della giustizia redistributiva che sembra emergere dall analisi Polanyi. 4

5 In Polanyi lo scambio non è l unico principio organizzativo del processo economico, dunque. Ma, reciprocità e redistribuzione sono concetti chiave per capire le nostre economie, oppure sono utili soltanto per lo studio delle economie arcaiche o primitive Economie totalmente dominate dalla scambio competitivo non sono mai esistite: il sistema categoriale proposto da Polanyi è dunque applicabile anche alle nostre economie. In primo luogo, è utile sottolineare come Polanyi differenzi lo scambio dallo scambio competitivo, e quindi i mercati dai mercati competitivi. Si tratta di una distinzione fondamentale in Polanyi ma anche utile per capire quanta finzione ci sia oggi nell uso esteso del temine mercato. Vi possono essere degli scambi delle relazioni orizzontali tra sistemi locali, e l insieme di questi scambi danno luogo ad un mercato. Il termine mercato può anche assumere (e spesso assume) un significato spaziale quando le transazioni si concentrano nello spazio con una certa frequenza temporale. Ma lo scambio competitivo è un altra cosa.: si ha soltanto quando lo scambio avviene sulla base di una equivalenza (prezzo) che si è spontaneamente formato dall'interazione multilaterale tra i soggetti che comprano e vendono. I mercati competitivi sono mercati che si autoregolano, mercati nei quali il prezzo si forma dall intersezione di contrattazioni bilaterali tra compratore e venditore. In secondo luogo, per descrivere il processo economico Polanyi introduce le categorie della redistribuzione e della reciprocità. Reciprocità, redistribuzione e scambio sono le tre categorie (che Polanyi considera preliminari) che egli usa per interpretare la circolazione delle merci all interno dei sistemi umani (famiglie, villaggi, comuni, ). Con l espressione reciprocità Polanyi fa riferimento alla circolazione di materia organizzata da un individuo ad un altro determinata dallo status dalle relazioni di status tra gli individui. In una famiglia della società italiana oggi lo status di moglie o figlio fonda il diritto ad una parte della disponibilità di merci del marito o genitore. Non ci sono scambi, non ci sono equivalenze (prezzi): la materia organizzata (o la moneta) circola da un individuo ad un altro date le relazioni di status. La cultura, con i suoi valori e norme, determina la circolazione delle merci all interno del sistema umano di riferimento. La reciprocità in Polanyi è un principio ancora più elementare della redistribuzione. La redistribuzione ha una carattere politico, nel senso che si fonda su un processo di decisione collettiva. Le transazioni che avvengono sulla base del principio della reciprocità, invece, sono direttamente connesse alla cultura di una data comunità. L economia di mercato sarebbe dunque una innovazione recente, nata circa duecento anni fa insieme alla Rivoluzione industriale un esperienza secondo Polanyi nata con l abolizione delle Poor Laws nel 1834 e terminata circa quaranta anni dopo con l introduzione dei vincoli posti al funzionamento del mercato del lavoro, in particoalre con il riconoscimento dei Sindacati Polanyi interpreta l ascesa del capitalismo come un processo di trasformazione in merci vale a dire di materia-energia contrattata sui mercati competitivi del lavoro, della terra e della moneta. Pone la sua attenzione, tuttavia, sull ascesa e declino del mercato del lavoro e 5

6 del mercato della moneta. (A proposito del mercato della moneta, la discussione attuale sugli effetti di mercati dei capitali competitivi e globalizzati, rende molto attuali la prospettiva di Polanyi). Quale è stato il processo che ha condotto alla nascita dell economia di mercato? Da una prospettiva storica (ed analitica) potremmo dire che il punto di partenza di Polanyi sono sistemi umani chiusi o semi-chiusi in senso orizzontale. Polanyi interpreta l evoluzione istituzionale come un proceso di integrazione di sistemi locali. Si può fare l esempio del famiglia appoderata. La famiglia contadina con podere è un sistema aperto in termini di relazioni verticali: la produzione avviene sulla base di manipolazione di materia/energia presente come consistenza o come flusso nello spazio geografico di riferimento. Le transazioni orizzontali sono minime, al limite nulle. All interno della famiglia la materia organizzata, la produzione, viene distribuita tra i membri sulla base delle modalità della reciprocità e della redistribuzione. La sussistenza del sistema nel suo complesso era assicurata, data la tecnologia, dalla materia/energia disponibile nello spazio geografico. La sussistenza dei singoli membri era determinata dall operare dei princìpi della redistribuzione e della reciprocità e scollegata dalla posizione del singolo individuo nell ambito del processo di produzione. Il villaggio funzionava allo stesso modo. Le relazioni orizzontali erano maggiori, e servivano a ridurre la dipendenza della produzione dallo spazio geografico. Ma il fatto che vi fossero delle transazioni bilaterali o multilaterali tra villaggi non riduceva l importanza della reciprocità e della redistribuzione all interno del villaggio. In effetti, secondo l interpretazione di Polanyi la prima fase di espansione dei mercati riguarda i commerci tra sistemi umani (famiglie, tribù, comunità) all interno dei quali il mercato non ha ruolo: vi sono mercati senza economie locali di mercato. Il che equivale a dire che lavoro, terra e moneta non sono merci scambiate sulla base di prezzi. Per Polanyi dunque l economia di mercato l economia con mercati che si autoregolano è una costruzione artificiale? L utilizzazione della dicotomia naturale/artificiale in riferimento ad un processo economico organizzato da mercati competitivi è un nodo irrisolto della scienza sociale contemporanea. Le normative che impedivano la formazione di mercati del lavoro, della terra e della moneta erano eliminate durante la Rivoluzione industriale da decisioni politiche. I mercati sono duqnue artificiali nel senso che sono stati costruiti. Solo che per gli economisti inglesi dell Inizio del XIX secolo ciò che era naturale era l esito di tali trasformazioni. Un economia di mercato sembrava essere il riflesso della natura umana. Polanyi propone una diversa prospettiva: l economia di mercato nasce da una determinata idea di società, da politiche pubbliche influenzate da un ideologia, appunto il laissez faire. L aspetto interessante di Polanyi è la prospettiva empirica da cui muove: lui ritiene di osservare e in questo modo interpreta la storia economica e sociale (e politica) del XIX secolo che un economia dominata da mercati che si auto-regolano ha costi sociali insostenibili. In un certo senso, si può dire che Polanyi non ha una opposizione di principio 6

7 al mercato. La sua analisi è rivolta a spiegare l emergere di quei costi sociali che nel XIX secolo conducono alla questione sociale. Il capitalismo del laissez faire è artificiale come può esserlo un esperimento. Un esperimento che già intorno al 1870 mostra i segni del fallimento anche se, secondo Polanyi, ci vorrà l ascesa dei fascismi e la Seconda Guerra mondiale per convincere le società europee che l esperimento era veramente fallito. Questa prospettiva empirica prosaicamente ancorata ai costi sociali è molto interessante ed attuale; la ritroviamo ad esempio in K.W. Kapp quando scrive I costi sociali dell impresa (1950) e costituisce un importante filone dell ambientalismo moderno. Perché si è andati in questa direzione? Che cosa avrebbe spinto verso mercati competitivi per il lavoro, la terra e la moneta? La Rivoluzione industriale, la scoperta della macchina. Secondo l interpretazione di Polanyi sono stati la nascita della fabbrica e il successo che la macchina ha mostrato nella capacità di utilizzare l energia al fine di incrementare la produzione a rendere credibile tra la classe media inglese l esperimento dell economia di mercato. Il mercato del lavoro è stato fatto nascere, secondo Polanyi, perché veniva considerato funzionale ad un ulteriore espansione della produzione di fabbrica in particolare funzionale all aumento di scala della produzioni e alle fluttuazioni degli scambi determinata dalla tumultuosa dinamica commerciale. L accumulazione di capitale, ovvero il crescere attraverso la fabbrica del ruolo della macchina, non doveva trovare ostacoli, visti i benefici che determinava. E l espansione del sistema della fabbrica aveva bisogno di un mercato del lavoro. Una questione di flessibilità, allora come oggi Ma Polanyi sottolinea la resistenza della società alla nascita di un mercato del lavoro. L esperienza della Speenhamland Law sembra essere molto importante nella sua riflessione? La Speenhamland Law introdusse in Inghilterra nel 1795 un sussidio di integrazione del salario. Secondo Polanyi, essa fu l ultima forma di resistenza della società alla formazione di un mercato del lavoro. Fu abolita nel 1834, di fronte alla insostenibilità di un meccanismo redistributivo che non incentivava né la qualità del lavoro né l innovazione tecnologica e che i cui effetti redistributivi erano diventato politicamente insostenibile. Il sussidio di integrazione del salario viene interpretato da Polanyi come rifiuto di una società dominata dal mercato rifiuto che viene dalle élite dominante. In effetti, nei primi decenni dell Ottocento ciò che cambia è la concezione della società delle classi dominanti. Sullo sfondo di questo cambiamento la Speenhamland Law perdono di significato. Anche l ultimo decennio è stato un periodo di discussione sulla forma che le nostre società e le nostre economie dovrebbero assumere. L estensione dei mercati di cui tanto oggi si discute ha una base ideologica, non tecnica e la sua difesa è legittima, come la difesa di una ideologia, niente di più. 7

8 Come si colloca il pensiero di Polanyi rispetto alla concezione marxista del cambiamento sociale In primo luogo, Polanyi, a differenza di Marx, non aveva una concezione lineare in definitiva per stadi dell evoluzione del sistema sociale. Espansione e dominio dei mercati, formazione della classe operaia, socialismo: non era questa la sequenza che Polanyi vedeva. La grande trasformazione di cui parla Polanyi non scaturisce dall ineluttabile passaggio da uno stadio all altro. Polanyi interpreta il cambiamento istituzionale come regolato da un insieme di meccanismi di stabilizzazione locali, puntuali. I sistemi sociali reagiscono al disequilibrio sulla base di meccanismi di retroazione parziali, dal cui operare emerge un assetto istituzionale generale. Le società reagiscono ai costi sociali del mercato con mutamenti istituzionali diffusi, il cui esito globale non è predeterminato. Per usare un termine moderno si potrebbe parlare di complessità con riferimento al concetto di doppio movimento di Polanyi. Questi meccanismi di regolazione parziali e locali non appartengono al marxismo ortodosso e neanche al pensiero socialdemocratico classico. Il doppio movimento di Polanyi l espansione dei mercati e la reazione sociale che si manifesta attraverso un aumento della regolazione dell espansione dei mercati non si esprime attraverso le forme della collettivizzazione. Questo evoluzione istituzionale che frena l espansione dei mercati e limita il dominio non ha nulla a che vedere con l alternativa tra proprietà privata e proprietà collettiva dei mezzi di produzione. In questo senso, tra il pensiero di Polanyi e il marxismo ortodosso c è una differenza radicale. Un altra differenza riguarda ciò che determina il valore delle merci. Polanyi ritiene che la teoria del valorelavoro non abbia alcun significato e la rifiuta. Per Polanyi non è il lavoro la misura del valore di un oggetto prodotto, non è la quantità di lavoro incorporato direttamente e indirettamente in esso. Piuttosto il valore di un artefatto dipende dal significato che esso ha all interno di un dato sistema culturale, simbolico. L attenzione che Polanyi ha dedicato alla formazione delle equivalenze e la sua dimostrazione che le equivalenze non sono prezzi è emblematica. Lo sfruttamento si esprime in termini di una iniqua distribuzione delle merci: sono sfruttato se sono troppo povero (in relazione agli standard della collettività di riferimento). Come tanta parte della riflessione contemporanea, da Rawls a Walzer, da Dahrendorf a Sen, Polanyi pone al centro la questione della giustizia distributiva. Ma che cosa c è all origine del freno che le società pongono all invadenza del mercato attraverso mutamenti istituzionali locali e diffusi? Ne La grande trasformazione Polanyi cerca di risolvere un apparente paradosso. Negli ultimi decenni del XIX secolo la reazione contro l espansione del mercato, l introduzione di norme che vincolano gli esiti della contrattazione bilaterale, avvengono in società governate da regime politici molto diversi. D altra parte, sarà la stessa cosa per il consolidamento dello stato sociale dopo la Seconda Guerra Mondiale: tra il Welfare State dei Laboristi inglese e il Sozialstaat dei liberali tedeschi c era di fatto molto in comune. Polanyi sembra dare una risposta a questa generalità della reazione ancorandola a dei valori etici universali, in particolare all universalità del concetto di minimi esistenziali (di nuovo un tema che ritroviamo in Kapp). Dopotutto, nella stessa tradizione liberale classica la competizione e il 8

9 cambiamento non sono valori in sé come sembrano pensare molti liberali dell ultima ora (in Italia, abbastanza diffusi). La sofferenza determinata dalla povertà e dalla indigenza viene riconosciuta dai sistemi di decisione collettiva indipendentemente dall orientamento politico generale. Soltanto quando l esito degli esperimenti di ingegneria sociale diventa una fede e il laissez faire in Inghilterra a metà del secolo scorso era una fede allora questi valori universali cessano di orientare le decisioni collettive e i costi sociali, per quanto elevati, vengono visti come necessari per raggiungere un benessere sociale futuro maggiore. Di nuovo, si tratta di una valutazione sociale sui costi e benefici di un dato assetto istituzionale. La società civile nelle sue tante articolazioni reagisce ai costi sociali prodotti dal mercato. Ne La grande trasformazione ci sono pagine molto belle nelle quali viene descritta questa reazione. Nel XIX secolo la questione sociale la povertà aveva un rilievo centrale. La miseria non colpiva l intera collettività, ma componenti precise della popolazione: quelle la cui sussistenza era totalmente basata sulle relazioni di scambio (del proprio lavoro), senza più alcuna possibilità di confidare su relazioni verticali. In effetti, il nesso tra disoccupazione e povertà esiste soltanto se le relazioni orizzontali scambio di materia tra individui sono interamente dominate dal mercato. Se dominano reciprocità e redistribuzione tale nesso non c è. Polanyi è molto attento alla esperienza comunitaria di Owen Sì, almeno a giudicare da La grande trasformazione. Credo che Polanyi avesse in mente, come tutti noi d altra parte, una sua personale utopia. Proprio per la sua tendenza pragmatica, Polanyi non ha dedicato molto tempo a sviluppare i dettagli di questa utopia, ma credo che essa fosse basata sull immagine di una società articolata su sistemi locali di piccole dimensioni e largamente autosufficienti sulla base delle relazioni verticali, e che avessero un certo grado di apertura orizzontale governata dalle decisioni collettive del sistema locale stesso. Da questo punto di vista, il progetto di Owen ma non solo di Owen doveva apparire a Polanyi come un passo nella direzione giusta: appunto come un tentativo di ripristinare i meccanismi di reciprocità e redistribuzione. Si può aggiungere che, come Owen, Polanyi non era contro l innovazione tecnologica, ma riteneva che l innovazione tecnologica dovesse avere un controllo sociale. Una posizione che è successivamente riemersa nell ambientalismo (e nella legislazione sulla difesa dell ambiente). L utopia di Polanyi sembra riemergere, almeno in parte, anche nell ambito del comunitarismo americano. La situazione odierna sembra caratterizzata, come nel primo Ottocento, da un ritorno alla fede per il laissez faire (liberismo radicale) e all illusione dell efficienza sociale di mercati che si autoregolano. Da questo punto di vista, quanto è attuale il pensiero di Polanyi? L interesse per l opera di un autore dipende da così tanti fattori che è impossibile dire quanto Polanyi possa tornare al centro dell attenzione. Certo la sua attualità è straordinaria, 9

10 ma in un dibattito così sincopato e superficiale sulle relazioni Stato-mercato come quello che si sta svolgendo in Italia, ad esempio, non vedo che uso si possa fare delle categorie di uno studioso come Polanyi. Troppa complessità, troppo coerente pragmatismo per gran parte degli analisti e commentatori italiani. D altra parte, poiché liberismo radicale (laissez faire) e globalizzazione sono fedi così condivise tra gli analisti che hanno occupato la sfera della comunicazione, non vedo chi possa avere interesse a riprendere i temi di Polanyi. Certo, lontano dai riflettori del dibattito politico quotidiano è un altra cosa. Credo che Polanyi nelle università italiane sia letto e studiato, e magari lo sarà ancora di più nei prossimi anni. Anche perché è veramente interessante. D altra parte, proprio Polanyi ci ha insegnato che l evoluzione sociale ha origini diffuse e locali. Le politiche pubbliche non sono soltanto il riflesso del dibattito politico quotidiano Vuoi dire che la logica di mercato non è poi ancora così rilevante nel determinare le politiche pubbliche Se si guarda ai fatti, credo che sia difficile affermare che siamo entrati nuovamente in una fase di capitalismo radicale, di laissez faire. Nonostante i disperati e quotidiani tentativi di molti analisti di far credere che questa sarebbe la strada giusta, sono stati compiuti soltanto dei timidi (e in parte nascosti) passi in questa direzione. Inoltre, è difficile dire quanto le società europee siano disposte ad andare avanti lungo questa strada. Si deve fare attenzione a giudicare partendo dall esperienza italiana. In Italia lo Stato sociale non ha mai avuto una legittimità politica. Prima l inflazione e successivamente l evasione fiscale generalizzata hanno permesso la costruzione di uno stato sociale senza che ci sia stato bisogno di una discussione sulle sue implicazioni redistributive. E oggi sembra politicamente più semplice e tecnicamente più interessante liberalizzare piuttosto che ridare legittimità politica ai meccanismi di redistribuzione e dignità sociale ai meccanismi di reciprocità. Ma in gran parte dei paesi europei le cose stanno diversamente, e un nuovo trionfo dell ideologia del laissez faire non sembra ancora in vista. Credo che la società europea sia oggi disposta ad accettare il riemergere della questione sociale molto meno di quanto non lo fosse la società del secolo scorso. Il laissez faire è oggi tutt altro che l ideologia dominante. Poi, certo, come ci ha insegnato Hirschman i tempi e la direzione del cambiamento sono imprevedibili Rileggere Polanyi, dunque? Credo che gli storici non hanno mai smesso di leggerlo. L esortazione è forse più giustificata per gli economisti. D altra parte, il grande interesse per i cambiamenti istituzionali e per il rapporto tra istituzioni e processo economico richiamano l attenzione sull opera di Polanyi. Ma anche su tutta la tradizione di pensiero economico alla quale Polanyi appartiene. Rileggere Polanyi, come ancoraggio per un itinerario del Novecento poco frequentato e tuttavia così influente nel determinare le nostre istituzioni economiche. 10

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010

Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010 Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010 Per chi avesse trovato appassionante o anche solo interessante, il testo di Guala e Motterlini (Mente Mercati Decisioni,

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura IL Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura Che cos è il modello Beveridge? Il 20 Novembre del 1942, nel pieno della seconda guerra mondiale, in Inghilterra venne data alle stampe una proposta

Dettagli

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale Capitolo VII Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale 33. Il processo lavorativo. Abbiamo visto che il lavoro produce così valori d uso. Quindi può essere rappresentato in merci

Dettagli

Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO

Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO PADOVA 25 MARZO 2015 1 Inizio esprimendo il più vivo ringraziamento al centro Levi Cases,

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno reagire a ciò che dirò e non potranno dire se le mie riflessioni sono aderenti

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia L oggetto di studio della scienza

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

Daniel Goleman Intelligenza ecologica tr. it. a cura di D. Didero, Rizzoli, Milano 2009, pp. 314, 19

Daniel Goleman Intelligenza ecologica tr. it. a cura di D. Didero, Rizzoli, Milano 2009, pp. 314, 19 Daniel Goleman Intelligenza ecologica tr. it. a cura di D. Didero, Rizzoli, Milano 2009, pp. 314, 19 L ultimo lavoro di Daniel Goleman, Intelligenza ecologica, completa la trilogia che inizia con Intelligenza

Dettagli

Introduzione alla macroeconomia

Introduzione alla macroeconomia Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Introduzione alla macroeconomia Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Cosa cerca di spiegare la macroeconomia Mentre la microeconomia ci mostra

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

La sostenibilità nel pensiero economico. Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014

La sostenibilità nel pensiero economico. Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014 La sostenibilità nel pensiero economico Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014 I CLASSICI Malthus e Ricardo Thomas Malthus (1766 1834) LIMITI ASSOLUTI : lo sviluppo dell economia avrebbe

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo

La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo È PROFESSORE ORDINARIO ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA, MEMBRO DEL CONSEIL

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE DISPENSA 5 Economia ed Organizzazione Aziendale INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE 1 LA CRESCITA DELLE ORGANIZZAZIONI La teoria economica tradizionale: la teoria dei mercati la mano invisibile

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto

Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto Convegno Giovani e mercato del lavoro: instabilità, transizioni, partecipazione, politiche Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto Bologna, 1 febbraio 2013 Con il patrocinio di CALL

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Le sfide per i diritti sociali: tra diritto e politica **

Le sfide per i diritti sociali: tra diritto e politica ** ALBERTO MATTEI * Le sfide per i diritti sociali: tra diritto e politica ** Il percorso filosofico-giuridico dei diritti sociali che Thomas Casadei intraprende nel suo lavoro muove dalla genesi di quello

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice. 1. Competenza e orientamento...3. 2. Competenza ed expertise...5

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice. 1. Competenza e orientamento...3. 2. Competenza ed expertise...5 INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE VII COMPETENZA E ORIENTAMENTO PROF. SSA M. BEATRICE LIGORIO Indice 1. Competenza e orientamento...3 2. Competenza ed expertise...5

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Lezioni Lincee di Economia Milano 2 marzo 2015 Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Una volta uno studente chiese a N. Kaldor (un grande economista di Cambridge, ma di origine ungherese) se

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA. VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta)

Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA. VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta) Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta) ore 8.50-9.00 Sintesi della lezione numero 1 La discussione avvenuta nella lezione precedente ha messo in

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno.

I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno. I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno. La dislessia sembra essere un tema molto recente ed attuale; in realtà la dislessia probabilmente è sempre esistita e in letteratura, nel corso

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Indice. 1 Il ruolo dello stato nell economia ---------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il ruolo dello stato nell economia ---------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE X IL RUOLO DELLO STATO NELL ECONOMIA PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il ruolo dello stato nell economia ----------------------------------------------------------------------

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

La Grande Crisi può essere considerata uno spartiacque nella storia economica e sociale. Per farvi fronte tutti i paesi si videro obbligati a

La Grande Crisi può essere considerata uno spartiacque nella storia economica e sociale. Per farvi fronte tutti i paesi si videro obbligati a Giorgio Morganti La Grande Crisi può essere considerata uno spartiacque nella storia economica e sociale. Per farvi fronte tutti i paesi si videro obbligati a inventare nuove forme di politica economica

Dettagli

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen In questa terza lezione si incominciano a studiare le grandi utopie del XIX sec. Nate per dare risposta alle disfunzioni della citta industriale. Partiamo

Dettagli

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO.

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. Paolo Gianni, Università di Pisa Chi fosse interessato ad un quadro chiaro ed esaustivo di cosa significhi valore legale di un titolo di studio, e della evoluzione

Dettagli

Argomenti. L influenza della cultura nei processi produttivi e di consumo

Argomenti. L influenza della cultura nei processi produttivi e di consumo CORSO DI SOCIOLOGIA DEL LAVORO ANNO ACCADEMICO 2004-20052005 LE VARIE VIE ALLA MODERNIZZAZIONE DEL LAVORO Prof. Bruno Angelini 1 Argomenti Obiettivi Le varie vie alla modernizzazione del lavoro Le correlazioni

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

DALLA CRISI AL BEN-ESSERE. a cura di Luigino Bruni

DALLA CRISI AL BEN-ESSERE. a cura di Luigino Bruni Attualità DALLA CRISI AL BEN-ESSERE a cura di Luigino Bruni AMARTYA SEN CAMBIAMO L ECONOMIA B. Das/AP UNO STUDIOSO CHE CITA DANTE E CAPOVOLGE IL PENSIERO DOMINANTE. INTERVISTA ESCLUSIVA CON IL PREMIO NOBEL

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Carlo Fiorentini La collaborazione ci ha portato ad individuare 5 aspetti caratterizzanti l educazione ambientale 1.

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCIATI

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCIATI Riflessioni sulla c.d. tutela reale del rapporto di lavoro. Ovvero, tanto rumore, forse, per nulla. Le polemiche scatenate intorno alla modifica dell art.18 della L.300/70 e della L.604/66 sui licenziamenti

Dettagli

Convinzioni e Convenzioni

Convinzioni e Convenzioni Convinzioni e Convenzioni Il mio background accademico è l Antropologia Culturale, la scienza sociale che si occupa dello studio dell uomo dal punto di vista delle sue manifestazioni culturali, ossia quegli

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1

Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1 1 Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1 DI STEFANO BATTINI SOMMARIO: 1. Premessa 2. Ordine e disordine 3. Politica e diritto 4. Uniformità e difformità 1. Premessa

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA PSICOLOGIA STRATEGIE E PERCORSI DI CURA 1

IL CONTRIBUTO DELLA PSICOLOGIA STRATEGIE E PERCORSI DI CURA 1 IL CONTRIBUTO DELLA PSICOLOGIA STRATEGIE E PERCORSI DI CURA 1 Giorgio Blandino Secondo Freud, tre sono le cause del disagio e delle sofferenze umane: la natura, il corpo e gli altri. La terza area, che

Dettagli

Il Dono nell Economia del Ben-Essere: riflessioni sul Fundraising. Paolo Venturi, AICCON

Il Dono nell Economia del Ben-Essere: riflessioni sul Fundraising. Paolo Venturi, AICCON Il Dono nell Economia del Ben-Essere: riflessioni sul Fundraising. Paolo Venturi, AICCON Il fundraising è un attività ch sta sempre più acquisendo peso rispetto al passato. Solitamente in Italia così come

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University)

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) 8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) Il benessere materiale di un individuo è determinato in primo luogo dalla quantità

Dettagli

Per i diritti umani di Barbara Pezzini

Per i diritti umani di Barbara Pezzini Accademia della Guardia di Finanza, Bergamo 25 novembre 2009 Premiazione del Concorso ScuolAccademia 2009 Per i diritti umani di Barbara Pezzini Questo intervento si rivolge ad una comunità di studenti

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Il minore cittadino:proposte e spunti di riflessione. Introduzione

Il minore cittadino:proposte e spunti di riflessione. Introduzione Introduzione Questa tesi nasce come tentativo di esplorare e, per quanto possibile, approfondire, un tema oggi più che mai attuale ma ancora fin troppo poco discusso: i diritti di rappresentanza dei minori.

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli