Rileggendo Karl Polanyi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rileggendo Karl Polanyi"

Transcript

1 Università degli Studi di Ancona Dipartimento di Economia Rileggendo Karl Polanyi Antonio G. Calafati (Intervista condotta da Sergio Sinigaglia) Pubblicato in: Una Città, n. 73, dicembre 1998 by the author

2 Rileggendo Karl Polanyi Antonio G. Calafati 1 (Intervista condotta da Sergio Sinigaglia) Polanyi non è un pensatore molto conosciuto al di là degli addetti ai lavori. Dipende dalla sua collocazione eretica rispetto all ortodossia neoclassica e a quella marxista? Certo il suo pensiero non rientra nel paradigma neoclassico e neanche in quello marxista, e questo non ha facilitato la diffusione della conoscenza delle sue opere, almeno in Italia. Opere che, comunque, nel nostro Paese sono state ampiamente tradotte anche se con prefazioni o introduzioni così diverse nell impostazione l una dall altra da far ogni volta pensare che si trattasse di un autore diverso. Credo che anche il suo itinerario professionale, anomalo e in un certo senso difficile, non abbia facilitato la diffusione dei risultati della sua ricerca. Polanyi ha potuto dedicarsi completamente alla ricerca soltanto dopo i cinquanta anni, nel 1947, quando entra come professore alla Columbia University di New York. Dopo aver lasciato l Ungheria era stato per molti anni giornalista a Vienna e successivamente insegnante in Inghilterra. Quando entra alla Columbia University aveva già scritto La grande trasformazione, che era uscita nel 1944 costituisce il gruppo di ricerca da cui nascerà il suo libro più impegnativo Traffici e mercati negli antichi imperi, pubblicato nel Una ricerca durata dieci anni che raccoglie scritti di Polanyi e dei suoi collaboratori. Polanyi muore nel 1964, e le altre sue opere più note Il commercio degli schiavi nel Dahomey (1964) e La sussistenza dell uomo (1977) usciranno postume a cura dei suoi allievi. Comunque, credo che la principale ragione delle difficoltà incontrate nella utilizzazione, sul piano analitico, del pensiero di Polanyi sia il carattere transdisciplinare della sua opera, un fattore che è in grado di spiegare la relativa diffusione del pensiero di altri scienziati sociali del Novecento. Resta il fatto che si tratta di un autore eretico Non so se sia veramente un autore eretico. Credo che Polanyi appartenga ad una linea di pensiero, molto ben visibile nel Novecento, che va da Veblen fino a Commons, da Myrdal a Hirsch, da Hirschman a Sen solo per citare alcuni nomi noti anche in Italia. L idea centrale di Polanyi vale a dire che il processo economico è incastonato nel sistema sociale, che l economia è un prodotto delle relazioni sociali non è a mio avviso eretica. Al contrario, si può dire che sia alla base del pensiero degli autori appena citati. Inoltre, si tratta di un idea che è stata dominante nelle politiche pubbliche. Nel campo delle politiche 1 Università degli Studi di Ancona, Dipartimento di Economia, Piazzale Martelli, Ancona (Italy) 2

3 pubbliche, in modo evidente a partire dagli anni Trenta, la regolazione sociale del processo economico è diventata centrale. Ad esempio, la insostenibilità sociale di un mercato competitivo del lavoro forse il punto centrale di tutta la critica di Polanyi all economia di mercato era una tesi largamente condivisa, niente affatto eretica. Suggerendo un parallelismo che andrebbe sviluppato (e per nulla singolare), sarebbe sufficiente ricordare che prima della definitiva affermazione dello Stato sociale, il lavoro come merce aveva perso di rilevanza teorica. Nell opera di Keynes i salari erano (e dovevano rimanere) fissi: nella sua teoria non c era un mercato del lavoro vero e proprio. I salari fissi sono importanti quanto la parziale socializzazione degli investimenti in Keynes. Se consideriamo Polanyi eretico, allora dobbiamo considerare eretico gran parte del pensiero sociale del Novecento. Non credo sia la strada giusta per orientarsi. Che influenza ha avuto la prospettiva metodologica di Polanyi sullo studio del processo economico? L ampliamento del sistema categoriale che Polanyi propone per lo studio del processo economico è di straordinario interesse. L utilizzo integrato delle categorie dello scambio, della redistribuzione e della reciprocità, così come la sua contrapposizione tra economia formale e economia sostanziale hanno permesso di stabilire nuovi nessi causali e di suggerire nuove interpretazioni. Ed è ciò che ha permesso a Polanyi di proporre l originale lettura dell emergere del capitalismo data ne La grande trasformazione. Allo stesso tempo ha posto Polanyi in sintonia con un rilevante e affascinante filone del pensiero sociale ed economico del Novecento. In primo luogo, e da una prospettiva storica, si potrebbe dire che Polanyi abbia sviluppato il progetto di Thorstein Veblen, il quale proprio negli ultimi anni dell Ottocento, si accorse chiaramente che la prospettiva antropologica avrebbe rivoluzionato l economia politica, costringendola a modificare radicalmente il proprio sistema categoriale. Polanyi non è un antropologo, ma la prospettiva antropologica che lui effettivamente introduce nella ricerca storica e nell analisi economica cosa che Veblen non era riuscito a fare ha permesso un radicale avanzamento della conoscenza dei sentieri evolutivi delle economie. Comunque, già in John R. Commons grande interprete dell istituzionalismo americano tra le due guerre il più ampio concetto di transazione era stato sostituito a quello di scambio. Polanyi rende ancora più complesso il sistema categoriale, non guarda all economico come alla sfera nella quale domina lo scambio. Per lui il processo economico è dato dalla produzione e circolazione di materia organizzata, di merci, all interno di un dato sistema umano. Polanyi ritiene che la tesi secondo cui soltanto lo scambio e, per di più, soltanto lo scambio competitivo sarebbe l unico principio organizzativo del processo economico è semplicemente falsa da una prospettiva storica. La distinzione tra economia sostanziale ed economia formale è molto importante. 3

4 Torniamo al rapporto tra il pensiero di Polanyi e le politiche pubbliche. Potremmo indicare Polanyi come uno dei padri fondatori dello Stato sociale (Welfare State)? Non saprei dire quanto La grande trasformazione abbia influenzato il definitivo consolidamento dello Stato sociale dopo la Seconda Guerra Mondiale. Certamente, Polanyi è stato un interprete straordinario del processo che ha condotto all affermazione dello Stato sociale dalle prime legislazioni in difesa dei lavoratori degli ultimi decenni del secolo scorso fino all introduzione dei sistemi sanitari nazionali. Polanyi interpreta lo Stato sociale come una risposta al bisogno di ridurre e compensare i costi sociali dell espansione del mercato. Al centro del sua opera c è la tesi che i mercati soprattutto del lavoro, della terra e della moneta determinano costi sociali insostenibili. Polanyi vede i fascismi degli anni Venti e Trenta come una risposta alla domanda sociale di controllo dei mercati. Si può dire che nella sua analisi lo Stato sociale è un alternativa alle dittature fasciste del periodo tra le due guerre, perché i fascismi sono visti come una modalità di risposta al bisogno di compensare i costi sociali del mercato. Polanyi muore quando il moderno Stato sociale si trovava nella sua fase iniziale. Credo si possa affermare, comunque, che la sua analisi non conduca ad una dicotomia Stato-mercato. In Polanyi ciò che si contrappone al mercato è la società non lo Stato e sarebbe stato in favore di politiche pubbliche basate su questa distinzione La sua concezione del Welfare State, dunque, non è, per usare una parola abusata, statalista. Polanyi sembra dare un maggiore ruolo alla società Certamente, nella sua opera viene data molta importanza all articolazione territoriale dello Stato. Si potrebbe dire che in Polanyi l unità di analisi è il villaggio, la municipalità in termini moderni e più generali si potrebbe dire che è il sistema locale (chiuso o semichiuso). Anche se il processo di integrazione politica ed economica tra sistemi locali ha condotto alla nascita dello Stato, rimangono tanti livelli territoriali (e di regolazione) ai quali si può reagire alla invadenza del mercato, vale a dire ai quali si possono mantenere sfere di interazione non-di-mercato. Ad esempio, la redistribuzione una delle modalità elementari di trasferimento di merci (materia organizzata) da un individuo ad un altro mediata da un autorità non si esprime (e non si dovrebbe esprimere) soltanto a livello di Stato. Se si osservano i sistemi sociali nel tempo e nello spazio, l operare del principio redistributivo lo si trova appena sorge un qualche tipo di interazione tra individui: famiglia, tribù, comunità, società. Lo Stato sociale è, dunque, soltanto una modalità nella quale si può esprimere l operare del principio redistributivo. È importante sottolineare che, nella prospettiva di Polanyi, lo Stato sociale è la riaffermazione in chiave moderna del principio di redistribuzione che limita la sfera dello scambio. Tuttavia, è altrettanto importante sottolineare che la redistribuzione non può sostituire la reciprocità. Ecco, dalla prospettiva di Polanyi, si potrebbe dire che il principale difetto dello Stato sociale è di avere favorito una riduzione dell estensione ed efficacia dei meccanismi di reciprocità. Robert Walzer, in Sfere di giustizia, conduce una lettura moderna della concezione della giustizia redistributiva che sembra emergere dall analisi Polanyi. 4

5 In Polanyi lo scambio non è l unico principio organizzativo del processo economico, dunque. Ma, reciprocità e redistribuzione sono concetti chiave per capire le nostre economie, oppure sono utili soltanto per lo studio delle economie arcaiche o primitive Economie totalmente dominate dalla scambio competitivo non sono mai esistite: il sistema categoriale proposto da Polanyi è dunque applicabile anche alle nostre economie. In primo luogo, è utile sottolineare come Polanyi differenzi lo scambio dallo scambio competitivo, e quindi i mercati dai mercati competitivi. Si tratta di una distinzione fondamentale in Polanyi ma anche utile per capire quanta finzione ci sia oggi nell uso esteso del temine mercato. Vi possono essere degli scambi delle relazioni orizzontali tra sistemi locali, e l insieme di questi scambi danno luogo ad un mercato. Il termine mercato può anche assumere (e spesso assume) un significato spaziale quando le transazioni si concentrano nello spazio con una certa frequenza temporale. Ma lo scambio competitivo è un altra cosa.: si ha soltanto quando lo scambio avviene sulla base di una equivalenza (prezzo) che si è spontaneamente formato dall'interazione multilaterale tra i soggetti che comprano e vendono. I mercati competitivi sono mercati che si autoregolano, mercati nei quali il prezzo si forma dall intersezione di contrattazioni bilaterali tra compratore e venditore. In secondo luogo, per descrivere il processo economico Polanyi introduce le categorie della redistribuzione e della reciprocità. Reciprocità, redistribuzione e scambio sono le tre categorie (che Polanyi considera preliminari) che egli usa per interpretare la circolazione delle merci all interno dei sistemi umani (famiglie, villaggi, comuni, ). Con l espressione reciprocità Polanyi fa riferimento alla circolazione di materia organizzata da un individuo ad un altro determinata dallo status dalle relazioni di status tra gli individui. In una famiglia della società italiana oggi lo status di moglie o figlio fonda il diritto ad una parte della disponibilità di merci del marito o genitore. Non ci sono scambi, non ci sono equivalenze (prezzi): la materia organizzata (o la moneta) circola da un individuo ad un altro date le relazioni di status. La cultura, con i suoi valori e norme, determina la circolazione delle merci all interno del sistema umano di riferimento. La reciprocità in Polanyi è un principio ancora più elementare della redistribuzione. La redistribuzione ha una carattere politico, nel senso che si fonda su un processo di decisione collettiva. Le transazioni che avvengono sulla base del principio della reciprocità, invece, sono direttamente connesse alla cultura di una data comunità. L economia di mercato sarebbe dunque una innovazione recente, nata circa duecento anni fa insieme alla Rivoluzione industriale un esperienza secondo Polanyi nata con l abolizione delle Poor Laws nel 1834 e terminata circa quaranta anni dopo con l introduzione dei vincoli posti al funzionamento del mercato del lavoro, in particoalre con il riconoscimento dei Sindacati Polanyi interpreta l ascesa del capitalismo come un processo di trasformazione in merci vale a dire di materia-energia contrattata sui mercati competitivi del lavoro, della terra e della moneta. Pone la sua attenzione, tuttavia, sull ascesa e declino del mercato del lavoro e 5

6 del mercato della moneta. (A proposito del mercato della moneta, la discussione attuale sugli effetti di mercati dei capitali competitivi e globalizzati, rende molto attuali la prospettiva di Polanyi). Quale è stato il processo che ha condotto alla nascita dell economia di mercato? Da una prospettiva storica (ed analitica) potremmo dire che il punto di partenza di Polanyi sono sistemi umani chiusi o semi-chiusi in senso orizzontale. Polanyi interpreta l evoluzione istituzionale come un proceso di integrazione di sistemi locali. Si può fare l esempio del famiglia appoderata. La famiglia contadina con podere è un sistema aperto in termini di relazioni verticali: la produzione avviene sulla base di manipolazione di materia/energia presente come consistenza o come flusso nello spazio geografico di riferimento. Le transazioni orizzontali sono minime, al limite nulle. All interno della famiglia la materia organizzata, la produzione, viene distribuita tra i membri sulla base delle modalità della reciprocità e della redistribuzione. La sussistenza del sistema nel suo complesso era assicurata, data la tecnologia, dalla materia/energia disponibile nello spazio geografico. La sussistenza dei singoli membri era determinata dall operare dei princìpi della redistribuzione e della reciprocità e scollegata dalla posizione del singolo individuo nell ambito del processo di produzione. Il villaggio funzionava allo stesso modo. Le relazioni orizzontali erano maggiori, e servivano a ridurre la dipendenza della produzione dallo spazio geografico. Ma il fatto che vi fossero delle transazioni bilaterali o multilaterali tra villaggi non riduceva l importanza della reciprocità e della redistribuzione all interno del villaggio. In effetti, secondo l interpretazione di Polanyi la prima fase di espansione dei mercati riguarda i commerci tra sistemi umani (famiglie, tribù, comunità) all interno dei quali il mercato non ha ruolo: vi sono mercati senza economie locali di mercato. Il che equivale a dire che lavoro, terra e moneta non sono merci scambiate sulla base di prezzi. Per Polanyi dunque l economia di mercato l economia con mercati che si autoregolano è una costruzione artificiale? L utilizzazione della dicotomia naturale/artificiale in riferimento ad un processo economico organizzato da mercati competitivi è un nodo irrisolto della scienza sociale contemporanea. Le normative che impedivano la formazione di mercati del lavoro, della terra e della moneta erano eliminate durante la Rivoluzione industriale da decisioni politiche. I mercati sono duqnue artificiali nel senso che sono stati costruiti. Solo che per gli economisti inglesi dell Inizio del XIX secolo ciò che era naturale era l esito di tali trasformazioni. Un economia di mercato sembrava essere il riflesso della natura umana. Polanyi propone una diversa prospettiva: l economia di mercato nasce da una determinata idea di società, da politiche pubbliche influenzate da un ideologia, appunto il laissez faire. L aspetto interessante di Polanyi è la prospettiva empirica da cui muove: lui ritiene di osservare e in questo modo interpreta la storia economica e sociale (e politica) del XIX secolo che un economia dominata da mercati che si auto-regolano ha costi sociali insostenibili. In un certo senso, si può dire che Polanyi non ha una opposizione di principio 6

7 al mercato. La sua analisi è rivolta a spiegare l emergere di quei costi sociali che nel XIX secolo conducono alla questione sociale. Il capitalismo del laissez faire è artificiale come può esserlo un esperimento. Un esperimento che già intorno al 1870 mostra i segni del fallimento anche se, secondo Polanyi, ci vorrà l ascesa dei fascismi e la Seconda Guerra mondiale per convincere le società europee che l esperimento era veramente fallito. Questa prospettiva empirica prosaicamente ancorata ai costi sociali è molto interessante ed attuale; la ritroviamo ad esempio in K.W. Kapp quando scrive I costi sociali dell impresa (1950) e costituisce un importante filone dell ambientalismo moderno. Perché si è andati in questa direzione? Che cosa avrebbe spinto verso mercati competitivi per il lavoro, la terra e la moneta? La Rivoluzione industriale, la scoperta della macchina. Secondo l interpretazione di Polanyi sono stati la nascita della fabbrica e il successo che la macchina ha mostrato nella capacità di utilizzare l energia al fine di incrementare la produzione a rendere credibile tra la classe media inglese l esperimento dell economia di mercato. Il mercato del lavoro è stato fatto nascere, secondo Polanyi, perché veniva considerato funzionale ad un ulteriore espansione della produzione di fabbrica in particolare funzionale all aumento di scala della produzioni e alle fluttuazioni degli scambi determinata dalla tumultuosa dinamica commerciale. L accumulazione di capitale, ovvero il crescere attraverso la fabbrica del ruolo della macchina, non doveva trovare ostacoli, visti i benefici che determinava. E l espansione del sistema della fabbrica aveva bisogno di un mercato del lavoro. Una questione di flessibilità, allora come oggi Ma Polanyi sottolinea la resistenza della società alla nascita di un mercato del lavoro. L esperienza della Speenhamland Law sembra essere molto importante nella sua riflessione? La Speenhamland Law introdusse in Inghilterra nel 1795 un sussidio di integrazione del salario. Secondo Polanyi, essa fu l ultima forma di resistenza della società alla formazione di un mercato del lavoro. Fu abolita nel 1834, di fronte alla insostenibilità di un meccanismo redistributivo che non incentivava né la qualità del lavoro né l innovazione tecnologica e che i cui effetti redistributivi erano diventato politicamente insostenibile. Il sussidio di integrazione del salario viene interpretato da Polanyi come rifiuto di una società dominata dal mercato rifiuto che viene dalle élite dominante. In effetti, nei primi decenni dell Ottocento ciò che cambia è la concezione della società delle classi dominanti. Sullo sfondo di questo cambiamento la Speenhamland Law perdono di significato. Anche l ultimo decennio è stato un periodo di discussione sulla forma che le nostre società e le nostre economie dovrebbero assumere. L estensione dei mercati di cui tanto oggi si discute ha una base ideologica, non tecnica e la sua difesa è legittima, come la difesa di una ideologia, niente di più. 7

8 Come si colloca il pensiero di Polanyi rispetto alla concezione marxista del cambiamento sociale In primo luogo, Polanyi, a differenza di Marx, non aveva una concezione lineare in definitiva per stadi dell evoluzione del sistema sociale. Espansione e dominio dei mercati, formazione della classe operaia, socialismo: non era questa la sequenza che Polanyi vedeva. La grande trasformazione di cui parla Polanyi non scaturisce dall ineluttabile passaggio da uno stadio all altro. Polanyi interpreta il cambiamento istituzionale come regolato da un insieme di meccanismi di stabilizzazione locali, puntuali. I sistemi sociali reagiscono al disequilibrio sulla base di meccanismi di retroazione parziali, dal cui operare emerge un assetto istituzionale generale. Le società reagiscono ai costi sociali del mercato con mutamenti istituzionali diffusi, il cui esito globale non è predeterminato. Per usare un termine moderno si potrebbe parlare di complessità con riferimento al concetto di doppio movimento di Polanyi. Questi meccanismi di regolazione parziali e locali non appartengono al marxismo ortodosso e neanche al pensiero socialdemocratico classico. Il doppio movimento di Polanyi l espansione dei mercati e la reazione sociale che si manifesta attraverso un aumento della regolazione dell espansione dei mercati non si esprime attraverso le forme della collettivizzazione. Questo evoluzione istituzionale che frena l espansione dei mercati e limita il dominio non ha nulla a che vedere con l alternativa tra proprietà privata e proprietà collettiva dei mezzi di produzione. In questo senso, tra il pensiero di Polanyi e il marxismo ortodosso c è una differenza radicale. Un altra differenza riguarda ciò che determina il valore delle merci. Polanyi ritiene che la teoria del valorelavoro non abbia alcun significato e la rifiuta. Per Polanyi non è il lavoro la misura del valore di un oggetto prodotto, non è la quantità di lavoro incorporato direttamente e indirettamente in esso. Piuttosto il valore di un artefatto dipende dal significato che esso ha all interno di un dato sistema culturale, simbolico. L attenzione che Polanyi ha dedicato alla formazione delle equivalenze e la sua dimostrazione che le equivalenze non sono prezzi è emblematica. Lo sfruttamento si esprime in termini di una iniqua distribuzione delle merci: sono sfruttato se sono troppo povero (in relazione agli standard della collettività di riferimento). Come tanta parte della riflessione contemporanea, da Rawls a Walzer, da Dahrendorf a Sen, Polanyi pone al centro la questione della giustizia distributiva. Ma che cosa c è all origine del freno che le società pongono all invadenza del mercato attraverso mutamenti istituzionali locali e diffusi? Ne La grande trasformazione Polanyi cerca di risolvere un apparente paradosso. Negli ultimi decenni del XIX secolo la reazione contro l espansione del mercato, l introduzione di norme che vincolano gli esiti della contrattazione bilaterale, avvengono in società governate da regime politici molto diversi. D altra parte, sarà la stessa cosa per il consolidamento dello stato sociale dopo la Seconda Guerra Mondiale: tra il Welfare State dei Laboristi inglese e il Sozialstaat dei liberali tedeschi c era di fatto molto in comune. Polanyi sembra dare una risposta a questa generalità della reazione ancorandola a dei valori etici universali, in particolare all universalità del concetto di minimi esistenziali (di nuovo un tema che ritroviamo in Kapp). Dopotutto, nella stessa tradizione liberale classica la competizione e il 8

9 cambiamento non sono valori in sé come sembrano pensare molti liberali dell ultima ora (in Italia, abbastanza diffusi). La sofferenza determinata dalla povertà e dalla indigenza viene riconosciuta dai sistemi di decisione collettiva indipendentemente dall orientamento politico generale. Soltanto quando l esito degli esperimenti di ingegneria sociale diventa una fede e il laissez faire in Inghilterra a metà del secolo scorso era una fede allora questi valori universali cessano di orientare le decisioni collettive e i costi sociali, per quanto elevati, vengono visti come necessari per raggiungere un benessere sociale futuro maggiore. Di nuovo, si tratta di una valutazione sociale sui costi e benefici di un dato assetto istituzionale. La società civile nelle sue tante articolazioni reagisce ai costi sociali prodotti dal mercato. Ne La grande trasformazione ci sono pagine molto belle nelle quali viene descritta questa reazione. Nel XIX secolo la questione sociale la povertà aveva un rilievo centrale. La miseria non colpiva l intera collettività, ma componenti precise della popolazione: quelle la cui sussistenza era totalmente basata sulle relazioni di scambio (del proprio lavoro), senza più alcuna possibilità di confidare su relazioni verticali. In effetti, il nesso tra disoccupazione e povertà esiste soltanto se le relazioni orizzontali scambio di materia tra individui sono interamente dominate dal mercato. Se dominano reciprocità e redistribuzione tale nesso non c è. Polanyi è molto attento alla esperienza comunitaria di Owen Sì, almeno a giudicare da La grande trasformazione. Credo che Polanyi avesse in mente, come tutti noi d altra parte, una sua personale utopia. Proprio per la sua tendenza pragmatica, Polanyi non ha dedicato molto tempo a sviluppare i dettagli di questa utopia, ma credo che essa fosse basata sull immagine di una società articolata su sistemi locali di piccole dimensioni e largamente autosufficienti sulla base delle relazioni verticali, e che avessero un certo grado di apertura orizzontale governata dalle decisioni collettive del sistema locale stesso. Da questo punto di vista, il progetto di Owen ma non solo di Owen doveva apparire a Polanyi come un passo nella direzione giusta: appunto come un tentativo di ripristinare i meccanismi di reciprocità e redistribuzione. Si può aggiungere che, come Owen, Polanyi non era contro l innovazione tecnologica, ma riteneva che l innovazione tecnologica dovesse avere un controllo sociale. Una posizione che è successivamente riemersa nell ambientalismo (e nella legislazione sulla difesa dell ambiente). L utopia di Polanyi sembra riemergere, almeno in parte, anche nell ambito del comunitarismo americano. La situazione odierna sembra caratterizzata, come nel primo Ottocento, da un ritorno alla fede per il laissez faire (liberismo radicale) e all illusione dell efficienza sociale di mercati che si autoregolano. Da questo punto di vista, quanto è attuale il pensiero di Polanyi? L interesse per l opera di un autore dipende da così tanti fattori che è impossibile dire quanto Polanyi possa tornare al centro dell attenzione. Certo la sua attualità è straordinaria, 9

10 ma in un dibattito così sincopato e superficiale sulle relazioni Stato-mercato come quello che si sta svolgendo in Italia, ad esempio, non vedo che uso si possa fare delle categorie di uno studioso come Polanyi. Troppa complessità, troppo coerente pragmatismo per gran parte degli analisti e commentatori italiani. D altra parte, poiché liberismo radicale (laissez faire) e globalizzazione sono fedi così condivise tra gli analisti che hanno occupato la sfera della comunicazione, non vedo chi possa avere interesse a riprendere i temi di Polanyi. Certo, lontano dai riflettori del dibattito politico quotidiano è un altra cosa. Credo che Polanyi nelle università italiane sia letto e studiato, e magari lo sarà ancora di più nei prossimi anni. Anche perché è veramente interessante. D altra parte, proprio Polanyi ci ha insegnato che l evoluzione sociale ha origini diffuse e locali. Le politiche pubbliche non sono soltanto il riflesso del dibattito politico quotidiano Vuoi dire che la logica di mercato non è poi ancora così rilevante nel determinare le politiche pubbliche Se si guarda ai fatti, credo che sia difficile affermare che siamo entrati nuovamente in una fase di capitalismo radicale, di laissez faire. Nonostante i disperati e quotidiani tentativi di molti analisti di far credere che questa sarebbe la strada giusta, sono stati compiuti soltanto dei timidi (e in parte nascosti) passi in questa direzione. Inoltre, è difficile dire quanto le società europee siano disposte ad andare avanti lungo questa strada. Si deve fare attenzione a giudicare partendo dall esperienza italiana. In Italia lo Stato sociale non ha mai avuto una legittimità politica. Prima l inflazione e successivamente l evasione fiscale generalizzata hanno permesso la costruzione di uno stato sociale senza che ci sia stato bisogno di una discussione sulle sue implicazioni redistributive. E oggi sembra politicamente più semplice e tecnicamente più interessante liberalizzare piuttosto che ridare legittimità politica ai meccanismi di redistribuzione e dignità sociale ai meccanismi di reciprocità. Ma in gran parte dei paesi europei le cose stanno diversamente, e un nuovo trionfo dell ideologia del laissez faire non sembra ancora in vista. Credo che la società europea sia oggi disposta ad accettare il riemergere della questione sociale molto meno di quanto non lo fosse la società del secolo scorso. Il laissez faire è oggi tutt altro che l ideologia dominante. Poi, certo, come ci ha insegnato Hirschman i tempi e la direzione del cambiamento sono imprevedibili Rileggere Polanyi, dunque? Credo che gli storici non hanno mai smesso di leggerlo. L esortazione è forse più giustificata per gli economisti. D altra parte, il grande interesse per i cambiamenti istituzionali e per il rapporto tra istituzioni e processo economico richiamano l attenzione sull opera di Polanyi. Ma anche su tutta la tradizione di pensiero economico alla quale Polanyi appartiene. Rileggere Polanyi, come ancoraggio per un itinerario del Novecento poco frequentato e tuttavia così influente nel determinare le nostre istituzioni economiche. 10

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre

COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre La storia della presenza umana sul pianeta è stata tracciata dai mutamenti nella relazione tra comunità umane e comunità ecologiche, in un processo in cui

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ comune-info.net http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ T-tip, il re è nudo Nelle foto di Riccardo Troisi l azione diretta di sabato 18 aprile contro i fantasmi del T- tip nel centro di Roma.

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO

L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO 1 L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO Punto di convergenza tra le discipline biologiche, psicologiche e sociali, l ecologia dello sviluppo umano è un indirizzo di studio e ricerca che si propone di indagare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA

GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Economia Aziendale Anna CODINI GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA Paper numero 69 Dicembre 2007 GOVERNO DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO

DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ventiseiesima Sessione Filadelfia, 10 maggio

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

La povertà. Morlicchio Sociologia della povertà

La povertà. Morlicchio Sociologia della povertà La povertà Morlicchio Sociologia della povertà Le origini della povertà La povertà è sempre esistita, era considerata una condizione naturale per gran parte della popolazione mondiale. Fino al XVIII secolo

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli