Rileggendo Karl Polanyi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rileggendo Karl Polanyi"

Transcript

1 Università degli Studi di Ancona Dipartimento di Economia Rileggendo Karl Polanyi Antonio G. Calafati (Intervista condotta da Sergio Sinigaglia) Pubblicato in: Una Città, n. 73, dicembre 1998 by the author

2 Rileggendo Karl Polanyi Antonio G. Calafati 1 (Intervista condotta da Sergio Sinigaglia) Polanyi non è un pensatore molto conosciuto al di là degli addetti ai lavori. Dipende dalla sua collocazione eretica rispetto all ortodossia neoclassica e a quella marxista? Certo il suo pensiero non rientra nel paradigma neoclassico e neanche in quello marxista, e questo non ha facilitato la diffusione della conoscenza delle sue opere, almeno in Italia. Opere che, comunque, nel nostro Paese sono state ampiamente tradotte anche se con prefazioni o introduzioni così diverse nell impostazione l una dall altra da far ogni volta pensare che si trattasse di un autore diverso. Credo che anche il suo itinerario professionale, anomalo e in un certo senso difficile, non abbia facilitato la diffusione dei risultati della sua ricerca. Polanyi ha potuto dedicarsi completamente alla ricerca soltanto dopo i cinquanta anni, nel 1947, quando entra come professore alla Columbia University di New York. Dopo aver lasciato l Ungheria era stato per molti anni giornalista a Vienna e successivamente insegnante in Inghilterra. Quando entra alla Columbia University aveva già scritto La grande trasformazione, che era uscita nel 1944 costituisce il gruppo di ricerca da cui nascerà il suo libro più impegnativo Traffici e mercati negli antichi imperi, pubblicato nel Una ricerca durata dieci anni che raccoglie scritti di Polanyi e dei suoi collaboratori. Polanyi muore nel 1964, e le altre sue opere più note Il commercio degli schiavi nel Dahomey (1964) e La sussistenza dell uomo (1977) usciranno postume a cura dei suoi allievi. Comunque, credo che la principale ragione delle difficoltà incontrate nella utilizzazione, sul piano analitico, del pensiero di Polanyi sia il carattere transdisciplinare della sua opera, un fattore che è in grado di spiegare la relativa diffusione del pensiero di altri scienziati sociali del Novecento. Resta il fatto che si tratta di un autore eretico Non so se sia veramente un autore eretico. Credo che Polanyi appartenga ad una linea di pensiero, molto ben visibile nel Novecento, che va da Veblen fino a Commons, da Myrdal a Hirsch, da Hirschman a Sen solo per citare alcuni nomi noti anche in Italia. L idea centrale di Polanyi vale a dire che il processo economico è incastonato nel sistema sociale, che l economia è un prodotto delle relazioni sociali non è a mio avviso eretica. Al contrario, si può dire che sia alla base del pensiero degli autori appena citati. Inoltre, si tratta di un idea che è stata dominante nelle politiche pubbliche. Nel campo delle politiche 1 Università degli Studi di Ancona, Dipartimento di Economia, Piazzale Martelli, Ancona (Italy) 2

3 pubbliche, in modo evidente a partire dagli anni Trenta, la regolazione sociale del processo economico è diventata centrale. Ad esempio, la insostenibilità sociale di un mercato competitivo del lavoro forse il punto centrale di tutta la critica di Polanyi all economia di mercato era una tesi largamente condivisa, niente affatto eretica. Suggerendo un parallelismo che andrebbe sviluppato (e per nulla singolare), sarebbe sufficiente ricordare che prima della definitiva affermazione dello Stato sociale, il lavoro come merce aveva perso di rilevanza teorica. Nell opera di Keynes i salari erano (e dovevano rimanere) fissi: nella sua teoria non c era un mercato del lavoro vero e proprio. I salari fissi sono importanti quanto la parziale socializzazione degli investimenti in Keynes. Se consideriamo Polanyi eretico, allora dobbiamo considerare eretico gran parte del pensiero sociale del Novecento. Non credo sia la strada giusta per orientarsi. Che influenza ha avuto la prospettiva metodologica di Polanyi sullo studio del processo economico? L ampliamento del sistema categoriale che Polanyi propone per lo studio del processo economico è di straordinario interesse. L utilizzo integrato delle categorie dello scambio, della redistribuzione e della reciprocità, così come la sua contrapposizione tra economia formale e economia sostanziale hanno permesso di stabilire nuovi nessi causali e di suggerire nuove interpretazioni. Ed è ciò che ha permesso a Polanyi di proporre l originale lettura dell emergere del capitalismo data ne La grande trasformazione. Allo stesso tempo ha posto Polanyi in sintonia con un rilevante e affascinante filone del pensiero sociale ed economico del Novecento. In primo luogo, e da una prospettiva storica, si potrebbe dire che Polanyi abbia sviluppato il progetto di Thorstein Veblen, il quale proprio negli ultimi anni dell Ottocento, si accorse chiaramente che la prospettiva antropologica avrebbe rivoluzionato l economia politica, costringendola a modificare radicalmente il proprio sistema categoriale. Polanyi non è un antropologo, ma la prospettiva antropologica che lui effettivamente introduce nella ricerca storica e nell analisi economica cosa che Veblen non era riuscito a fare ha permesso un radicale avanzamento della conoscenza dei sentieri evolutivi delle economie. Comunque, già in John R. Commons grande interprete dell istituzionalismo americano tra le due guerre il più ampio concetto di transazione era stato sostituito a quello di scambio. Polanyi rende ancora più complesso il sistema categoriale, non guarda all economico come alla sfera nella quale domina lo scambio. Per lui il processo economico è dato dalla produzione e circolazione di materia organizzata, di merci, all interno di un dato sistema umano. Polanyi ritiene che la tesi secondo cui soltanto lo scambio e, per di più, soltanto lo scambio competitivo sarebbe l unico principio organizzativo del processo economico è semplicemente falsa da una prospettiva storica. La distinzione tra economia sostanziale ed economia formale è molto importante. 3

4 Torniamo al rapporto tra il pensiero di Polanyi e le politiche pubbliche. Potremmo indicare Polanyi come uno dei padri fondatori dello Stato sociale (Welfare State)? Non saprei dire quanto La grande trasformazione abbia influenzato il definitivo consolidamento dello Stato sociale dopo la Seconda Guerra Mondiale. Certamente, Polanyi è stato un interprete straordinario del processo che ha condotto all affermazione dello Stato sociale dalle prime legislazioni in difesa dei lavoratori degli ultimi decenni del secolo scorso fino all introduzione dei sistemi sanitari nazionali. Polanyi interpreta lo Stato sociale come una risposta al bisogno di ridurre e compensare i costi sociali dell espansione del mercato. Al centro del sua opera c è la tesi che i mercati soprattutto del lavoro, della terra e della moneta determinano costi sociali insostenibili. Polanyi vede i fascismi degli anni Venti e Trenta come una risposta alla domanda sociale di controllo dei mercati. Si può dire che nella sua analisi lo Stato sociale è un alternativa alle dittature fasciste del periodo tra le due guerre, perché i fascismi sono visti come una modalità di risposta al bisogno di compensare i costi sociali del mercato. Polanyi muore quando il moderno Stato sociale si trovava nella sua fase iniziale. Credo si possa affermare, comunque, che la sua analisi non conduca ad una dicotomia Stato-mercato. In Polanyi ciò che si contrappone al mercato è la società non lo Stato e sarebbe stato in favore di politiche pubbliche basate su questa distinzione La sua concezione del Welfare State, dunque, non è, per usare una parola abusata, statalista. Polanyi sembra dare un maggiore ruolo alla società Certamente, nella sua opera viene data molta importanza all articolazione territoriale dello Stato. Si potrebbe dire che in Polanyi l unità di analisi è il villaggio, la municipalità in termini moderni e più generali si potrebbe dire che è il sistema locale (chiuso o semichiuso). Anche se il processo di integrazione politica ed economica tra sistemi locali ha condotto alla nascita dello Stato, rimangono tanti livelli territoriali (e di regolazione) ai quali si può reagire alla invadenza del mercato, vale a dire ai quali si possono mantenere sfere di interazione non-di-mercato. Ad esempio, la redistribuzione una delle modalità elementari di trasferimento di merci (materia organizzata) da un individuo ad un altro mediata da un autorità non si esprime (e non si dovrebbe esprimere) soltanto a livello di Stato. Se si osservano i sistemi sociali nel tempo e nello spazio, l operare del principio redistributivo lo si trova appena sorge un qualche tipo di interazione tra individui: famiglia, tribù, comunità, società. Lo Stato sociale è, dunque, soltanto una modalità nella quale si può esprimere l operare del principio redistributivo. È importante sottolineare che, nella prospettiva di Polanyi, lo Stato sociale è la riaffermazione in chiave moderna del principio di redistribuzione che limita la sfera dello scambio. Tuttavia, è altrettanto importante sottolineare che la redistribuzione non può sostituire la reciprocità. Ecco, dalla prospettiva di Polanyi, si potrebbe dire che il principale difetto dello Stato sociale è di avere favorito una riduzione dell estensione ed efficacia dei meccanismi di reciprocità. Robert Walzer, in Sfere di giustizia, conduce una lettura moderna della concezione della giustizia redistributiva che sembra emergere dall analisi Polanyi. 4

5 In Polanyi lo scambio non è l unico principio organizzativo del processo economico, dunque. Ma, reciprocità e redistribuzione sono concetti chiave per capire le nostre economie, oppure sono utili soltanto per lo studio delle economie arcaiche o primitive Economie totalmente dominate dalla scambio competitivo non sono mai esistite: il sistema categoriale proposto da Polanyi è dunque applicabile anche alle nostre economie. In primo luogo, è utile sottolineare come Polanyi differenzi lo scambio dallo scambio competitivo, e quindi i mercati dai mercati competitivi. Si tratta di una distinzione fondamentale in Polanyi ma anche utile per capire quanta finzione ci sia oggi nell uso esteso del temine mercato. Vi possono essere degli scambi delle relazioni orizzontali tra sistemi locali, e l insieme di questi scambi danno luogo ad un mercato. Il termine mercato può anche assumere (e spesso assume) un significato spaziale quando le transazioni si concentrano nello spazio con una certa frequenza temporale. Ma lo scambio competitivo è un altra cosa.: si ha soltanto quando lo scambio avviene sulla base di una equivalenza (prezzo) che si è spontaneamente formato dall'interazione multilaterale tra i soggetti che comprano e vendono. I mercati competitivi sono mercati che si autoregolano, mercati nei quali il prezzo si forma dall intersezione di contrattazioni bilaterali tra compratore e venditore. In secondo luogo, per descrivere il processo economico Polanyi introduce le categorie della redistribuzione e della reciprocità. Reciprocità, redistribuzione e scambio sono le tre categorie (che Polanyi considera preliminari) che egli usa per interpretare la circolazione delle merci all interno dei sistemi umani (famiglie, villaggi, comuni, ). Con l espressione reciprocità Polanyi fa riferimento alla circolazione di materia organizzata da un individuo ad un altro determinata dallo status dalle relazioni di status tra gli individui. In una famiglia della società italiana oggi lo status di moglie o figlio fonda il diritto ad una parte della disponibilità di merci del marito o genitore. Non ci sono scambi, non ci sono equivalenze (prezzi): la materia organizzata (o la moneta) circola da un individuo ad un altro date le relazioni di status. La cultura, con i suoi valori e norme, determina la circolazione delle merci all interno del sistema umano di riferimento. La reciprocità in Polanyi è un principio ancora più elementare della redistribuzione. La redistribuzione ha una carattere politico, nel senso che si fonda su un processo di decisione collettiva. Le transazioni che avvengono sulla base del principio della reciprocità, invece, sono direttamente connesse alla cultura di una data comunità. L economia di mercato sarebbe dunque una innovazione recente, nata circa duecento anni fa insieme alla Rivoluzione industriale un esperienza secondo Polanyi nata con l abolizione delle Poor Laws nel 1834 e terminata circa quaranta anni dopo con l introduzione dei vincoli posti al funzionamento del mercato del lavoro, in particoalre con il riconoscimento dei Sindacati Polanyi interpreta l ascesa del capitalismo come un processo di trasformazione in merci vale a dire di materia-energia contrattata sui mercati competitivi del lavoro, della terra e della moneta. Pone la sua attenzione, tuttavia, sull ascesa e declino del mercato del lavoro e 5

6 del mercato della moneta. (A proposito del mercato della moneta, la discussione attuale sugli effetti di mercati dei capitali competitivi e globalizzati, rende molto attuali la prospettiva di Polanyi). Quale è stato il processo che ha condotto alla nascita dell economia di mercato? Da una prospettiva storica (ed analitica) potremmo dire che il punto di partenza di Polanyi sono sistemi umani chiusi o semi-chiusi in senso orizzontale. Polanyi interpreta l evoluzione istituzionale come un proceso di integrazione di sistemi locali. Si può fare l esempio del famiglia appoderata. La famiglia contadina con podere è un sistema aperto in termini di relazioni verticali: la produzione avviene sulla base di manipolazione di materia/energia presente come consistenza o come flusso nello spazio geografico di riferimento. Le transazioni orizzontali sono minime, al limite nulle. All interno della famiglia la materia organizzata, la produzione, viene distribuita tra i membri sulla base delle modalità della reciprocità e della redistribuzione. La sussistenza del sistema nel suo complesso era assicurata, data la tecnologia, dalla materia/energia disponibile nello spazio geografico. La sussistenza dei singoli membri era determinata dall operare dei princìpi della redistribuzione e della reciprocità e scollegata dalla posizione del singolo individuo nell ambito del processo di produzione. Il villaggio funzionava allo stesso modo. Le relazioni orizzontali erano maggiori, e servivano a ridurre la dipendenza della produzione dallo spazio geografico. Ma il fatto che vi fossero delle transazioni bilaterali o multilaterali tra villaggi non riduceva l importanza della reciprocità e della redistribuzione all interno del villaggio. In effetti, secondo l interpretazione di Polanyi la prima fase di espansione dei mercati riguarda i commerci tra sistemi umani (famiglie, tribù, comunità) all interno dei quali il mercato non ha ruolo: vi sono mercati senza economie locali di mercato. Il che equivale a dire che lavoro, terra e moneta non sono merci scambiate sulla base di prezzi. Per Polanyi dunque l economia di mercato l economia con mercati che si autoregolano è una costruzione artificiale? L utilizzazione della dicotomia naturale/artificiale in riferimento ad un processo economico organizzato da mercati competitivi è un nodo irrisolto della scienza sociale contemporanea. Le normative che impedivano la formazione di mercati del lavoro, della terra e della moneta erano eliminate durante la Rivoluzione industriale da decisioni politiche. I mercati sono duqnue artificiali nel senso che sono stati costruiti. Solo che per gli economisti inglesi dell Inizio del XIX secolo ciò che era naturale era l esito di tali trasformazioni. Un economia di mercato sembrava essere il riflesso della natura umana. Polanyi propone una diversa prospettiva: l economia di mercato nasce da una determinata idea di società, da politiche pubbliche influenzate da un ideologia, appunto il laissez faire. L aspetto interessante di Polanyi è la prospettiva empirica da cui muove: lui ritiene di osservare e in questo modo interpreta la storia economica e sociale (e politica) del XIX secolo che un economia dominata da mercati che si auto-regolano ha costi sociali insostenibili. In un certo senso, si può dire che Polanyi non ha una opposizione di principio 6

7 al mercato. La sua analisi è rivolta a spiegare l emergere di quei costi sociali che nel XIX secolo conducono alla questione sociale. Il capitalismo del laissez faire è artificiale come può esserlo un esperimento. Un esperimento che già intorno al 1870 mostra i segni del fallimento anche se, secondo Polanyi, ci vorrà l ascesa dei fascismi e la Seconda Guerra mondiale per convincere le società europee che l esperimento era veramente fallito. Questa prospettiva empirica prosaicamente ancorata ai costi sociali è molto interessante ed attuale; la ritroviamo ad esempio in K.W. Kapp quando scrive I costi sociali dell impresa (1950) e costituisce un importante filone dell ambientalismo moderno. Perché si è andati in questa direzione? Che cosa avrebbe spinto verso mercati competitivi per il lavoro, la terra e la moneta? La Rivoluzione industriale, la scoperta della macchina. Secondo l interpretazione di Polanyi sono stati la nascita della fabbrica e il successo che la macchina ha mostrato nella capacità di utilizzare l energia al fine di incrementare la produzione a rendere credibile tra la classe media inglese l esperimento dell economia di mercato. Il mercato del lavoro è stato fatto nascere, secondo Polanyi, perché veniva considerato funzionale ad un ulteriore espansione della produzione di fabbrica in particolare funzionale all aumento di scala della produzioni e alle fluttuazioni degli scambi determinata dalla tumultuosa dinamica commerciale. L accumulazione di capitale, ovvero il crescere attraverso la fabbrica del ruolo della macchina, non doveva trovare ostacoli, visti i benefici che determinava. E l espansione del sistema della fabbrica aveva bisogno di un mercato del lavoro. Una questione di flessibilità, allora come oggi Ma Polanyi sottolinea la resistenza della società alla nascita di un mercato del lavoro. L esperienza della Speenhamland Law sembra essere molto importante nella sua riflessione? La Speenhamland Law introdusse in Inghilterra nel 1795 un sussidio di integrazione del salario. Secondo Polanyi, essa fu l ultima forma di resistenza della società alla formazione di un mercato del lavoro. Fu abolita nel 1834, di fronte alla insostenibilità di un meccanismo redistributivo che non incentivava né la qualità del lavoro né l innovazione tecnologica e che i cui effetti redistributivi erano diventato politicamente insostenibile. Il sussidio di integrazione del salario viene interpretato da Polanyi come rifiuto di una società dominata dal mercato rifiuto che viene dalle élite dominante. In effetti, nei primi decenni dell Ottocento ciò che cambia è la concezione della società delle classi dominanti. Sullo sfondo di questo cambiamento la Speenhamland Law perdono di significato. Anche l ultimo decennio è stato un periodo di discussione sulla forma che le nostre società e le nostre economie dovrebbero assumere. L estensione dei mercati di cui tanto oggi si discute ha una base ideologica, non tecnica e la sua difesa è legittima, come la difesa di una ideologia, niente di più. 7

8 Come si colloca il pensiero di Polanyi rispetto alla concezione marxista del cambiamento sociale In primo luogo, Polanyi, a differenza di Marx, non aveva una concezione lineare in definitiva per stadi dell evoluzione del sistema sociale. Espansione e dominio dei mercati, formazione della classe operaia, socialismo: non era questa la sequenza che Polanyi vedeva. La grande trasformazione di cui parla Polanyi non scaturisce dall ineluttabile passaggio da uno stadio all altro. Polanyi interpreta il cambiamento istituzionale come regolato da un insieme di meccanismi di stabilizzazione locali, puntuali. I sistemi sociali reagiscono al disequilibrio sulla base di meccanismi di retroazione parziali, dal cui operare emerge un assetto istituzionale generale. Le società reagiscono ai costi sociali del mercato con mutamenti istituzionali diffusi, il cui esito globale non è predeterminato. Per usare un termine moderno si potrebbe parlare di complessità con riferimento al concetto di doppio movimento di Polanyi. Questi meccanismi di regolazione parziali e locali non appartengono al marxismo ortodosso e neanche al pensiero socialdemocratico classico. Il doppio movimento di Polanyi l espansione dei mercati e la reazione sociale che si manifesta attraverso un aumento della regolazione dell espansione dei mercati non si esprime attraverso le forme della collettivizzazione. Questo evoluzione istituzionale che frena l espansione dei mercati e limita il dominio non ha nulla a che vedere con l alternativa tra proprietà privata e proprietà collettiva dei mezzi di produzione. In questo senso, tra il pensiero di Polanyi e il marxismo ortodosso c è una differenza radicale. Un altra differenza riguarda ciò che determina il valore delle merci. Polanyi ritiene che la teoria del valorelavoro non abbia alcun significato e la rifiuta. Per Polanyi non è il lavoro la misura del valore di un oggetto prodotto, non è la quantità di lavoro incorporato direttamente e indirettamente in esso. Piuttosto il valore di un artefatto dipende dal significato che esso ha all interno di un dato sistema culturale, simbolico. L attenzione che Polanyi ha dedicato alla formazione delle equivalenze e la sua dimostrazione che le equivalenze non sono prezzi è emblematica. Lo sfruttamento si esprime in termini di una iniqua distribuzione delle merci: sono sfruttato se sono troppo povero (in relazione agli standard della collettività di riferimento). Come tanta parte della riflessione contemporanea, da Rawls a Walzer, da Dahrendorf a Sen, Polanyi pone al centro la questione della giustizia distributiva. Ma che cosa c è all origine del freno che le società pongono all invadenza del mercato attraverso mutamenti istituzionali locali e diffusi? Ne La grande trasformazione Polanyi cerca di risolvere un apparente paradosso. Negli ultimi decenni del XIX secolo la reazione contro l espansione del mercato, l introduzione di norme che vincolano gli esiti della contrattazione bilaterale, avvengono in società governate da regime politici molto diversi. D altra parte, sarà la stessa cosa per il consolidamento dello stato sociale dopo la Seconda Guerra Mondiale: tra il Welfare State dei Laboristi inglese e il Sozialstaat dei liberali tedeschi c era di fatto molto in comune. Polanyi sembra dare una risposta a questa generalità della reazione ancorandola a dei valori etici universali, in particolare all universalità del concetto di minimi esistenziali (di nuovo un tema che ritroviamo in Kapp). Dopotutto, nella stessa tradizione liberale classica la competizione e il 8

9 cambiamento non sono valori in sé come sembrano pensare molti liberali dell ultima ora (in Italia, abbastanza diffusi). La sofferenza determinata dalla povertà e dalla indigenza viene riconosciuta dai sistemi di decisione collettiva indipendentemente dall orientamento politico generale. Soltanto quando l esito degli esperimenti di ingegneria sociale diventa una fede e il laissez faire in Inghilterra a metà del secolo scorso era una fede allora questi valori universali cessano di orientare le decisioni collettive e i costi sociali, per quanto elevati, vengono visti come necessari per raggiungere un benessere sociale futuro maggiore. Di nuovo, si tratta di una valutazione sociale sui costi e benefici di un dato assetto istituzionale. La società civile nelle sue tante articolazioni reagisce ai costi sociali prodotti dal mercato. Ne La grande trasformazione ci sono pagine molto belle nelle quali viene descritta questa reazione. Nel XIX secolo la questione sociale la povertà aveva un rilievo centrale. La miseria non colpiva l intera collettività, ma componenti precise della popolazione: quelle la cui sussistenza era totalmente basata sulle relazioni di scambio (del proprio lavoro), senza più alcuna possibilità di confidare su relazioni verticali. In effetti, il nesso tra disoccupazione e povertà esiste soltanto se le relazioni orizzontali scambio di materia tra individui sono interamente dominate dal mercato. Se dominano reciprocità e redistribuzione tale nesso non c è. Polanyi è molto attento alla esperienza comunitaria di Owen Sì, almeno a giudicare da La grande trasformazione. Credo che Polanyi avesse in mente, come tutti noi d altra parte, una sua personale utopia. Proprio per la sua tendenza pragmatica, Polanyi non ha dedicato molto tempo a sviluppare i dettagli di questa utopia, ma credo che essa fosse basata sull immagine di una società articolata su sistemi locali di piccole dimensioni e largamente autosufficienti sulla base delle relazioni verticali, e che avessero un certo grado di apertura orizzontale governata dalle decisioni collettive del sistema locale stesso. Da questo punto di vista, il progetto di Owen ma non solo di Owen doveva apparire a Polanyi come un passo nella direzione giusta: appunto come un tentativo di ripristinare i meccanismi di reciprocità e redistribuzione. Si può aggiungere che, come Owen, Polanyi non era contro l innovazione tecnologica, ma riteneva che l innovazione tecnologica dovesse avere un controllo sociale. Una posizione che è successivamente riemersa nell ambientalismo (e nella legislazione sulla difesa dell ambiente). L utopia di Polanyi sembra riemergere, almeno in parte, anche nell ambito del comunitarismo americano. La situazione odierna sembra caratterizzata, come nel primo Ottocento, da un ritorno alla fede per il laissez faire (liberismo radicale) e all illusione dell efficienza sociale di mercati che si autoregolano. Da questo punto di vista, quanto è attuale il pensiero di Polanyi? L interesse per l opera di un autore dipende da così tanti fattori che è impossibile dire quanto Polanyi possa tornare al centro dell attenzione. Certo la sua attualità è straordinaria, 9

10 ma in un dibattito così sincopato e superficiale sulle relazioni Stato-mercato come quello che si sta svolgendo in Italia, ad esempio, non vedo che uso si possa fare delle categorie di uno studioso come Polanyi. Troppa complessità, troppo coerente pragmatismo per gran parte degli analisti e commentatori italiani. D altra parte, poiché liberismo radicale (laissez faire) e globalizzazione sono fedi così condivise tra gli analisti che hanno occupato la sfera della comunicazione, non vedo chi possa avere interesse a riprendere i temi di Polanyi. Certo, lontano dai riflettori del dibattito politico quotidiano è un altra cosa. Credo che Polanyi nelle università italiane sia letto e studiato, e magari lo sarà ancora di più nei prossimi anni. Anche perché è veramente interessante. D altra parte, proprio Polanyi ci ha insegnato che l evoluzione sociale ha origini diffuse e locali. Le politiche pubbliche non sono soltanto il riflesso del dibattito politico quotidiano Vuoi dire che la logica di mercato non è poi ancora così rilevante nel determinare le politiche pubbliche Se si guarda ai fatti, credo che sia difficile affermare che siamo entrati nuovamente in una fase di capitalismo radicale, di laissez faire. Nonostante i disperati e quotidiani tentativi di molti analisti di far credere che questa sarebbe la strada giusta, sono stati compiuti soltanto dei timidi (e in parte nascosti) passi in questa direzione. Inoltre, è difficile dire quanto le società europee siano disposte ad andare avanti lungo questa strada. Si deve fare attenzione a giudicare partendo dall esperienza italiana. In Italia lo Stato sociale non ha mai avuto una legittimità politica. Prima l inflazione e successivamente l evasione fiscale generalizzata hanno permesso la costruzione di uno stato sociale senza che ci sia stato bisogno di una discussione sulle sue implicazioni redistributive. E oggi sembra politicamente più semplice e tecnicamente più interessante liberalizzare piuttosto che ridare legittimità politica ai meccanismi di redistribuzione e dignità sociale ai meccanismi di reciprocità. Ma in gran parte dei paesi europei le cose stanno diversamente, e un nuovo trionfo dell ideologia del laissez faire non sembra ancora in vista. Credo che la società europea sia oggi disposta ad accettare il riemergere della questione sociale molto meno di quanto non lo fosse la società del secolo scorso. Il laissez faire è oggi tutt altro che l ideologia dominante. Poi, certo, come ci ha insegnato Hirschman i tempi e la direzione del cambiamento sono imprevedibili Rileggere Polanyi, dunque? Credo che gli storici non hanno mai smesso di leggerlo. L esortazione è forse più giustificata per gli economisti. D altra parte, il grande interesse per i cambiamenti istituzionali e per il rapporto tra istituzioni e processo economico richiamano l attenzione sull opera di Polanyi. Ma anche su tutta la tradizione di pensiero economico alla quale Polanyi appartiene. Rileggere Polanyi, come ancoraggio per un itinerario del Novecento poco frequentato e tuttavia così influente nel determinare le nostre istituzioni economiche. 10

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura IL Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura Che cos è il modello Beveridge? Il 20 Novembre del 1942, nel pieno della seconda guerra mondiale, in Inghilterra venne data alle stampe una proposta

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Convegno Federconsumatori Toscana. Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali

Convegno Federconsumatori Toscana. Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali Firenze, 12 aprile 2011 Auditorium Monte dei Paschi di Siena Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA Pagina

Dettagli

Mercato mondiale. Lezione 13 18 Marzo 2015. UniGramsci 2014-2015 (ii parte)

Mercato mondiale. Lezione 13 18 Marzo 2015. UniGramsci 2014-2015 (ii parte) Mercato mondiale Lezione 13 18 Marzo 2015 1 dalla scorsa lezione Lo sviluppo dell accumulazione genera i seguenti fenomeni: Aumento della produttività del lavoro (quindi incremento del rapporto lavoro

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

LE TEORIE ECONOMICHE

LE TEORIE ECONOMICHE L INTERNAZIONALIZZAZIONE NELLE TEORIE ECONOMICHE Barbara Francioni LE TEORIE ECONOMICHE Teorie del commercio internazionale Teorie degli investimenti diretti all estero LE TEORIE DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

Dettagli

La sostenibilità nel pensiero economico. Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014

La sostenibilità nel pensiero economico. Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014 La sostenibilità nel pensiero economico Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014 I CLASSICI Malthus e Ricardo Thomas Malthus (1766 1834) LIMITI ASSOLUTI : lo sviluppo dell economia avrebbe

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009 Sessione Parallela OSPEDALI RELIGIOSI: UN OPERA PUBBLICA LA FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI Gianbattista Martinelli Vice Direttore Generale e Responsabile Area Formazione e Sviluppo della Fondazione Don Carlo

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

KEYNES E I SUOI SEGUACI

KEYNES E I SUOI SEGUACI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Berlusconi Presidente - Il Popolo della Libertà KEYNES E I SUOI SEGUACI 10 gennaio 2014 EXECUTIVE SUMMARY 2 La figura di Keynes ha

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0 Social Learning, la formazione 2.0 È IL MODO PIÙ NUOVO DI EROGARE CONTENUTI E INFORMAZIONI A DIPENDENTI, CLIENTI E FORNITORI, MA È ANCHE LA FORMA PIÙ ANTICA DI APPRENDIMENTO, CHE PASSA DALLE RELAZIONI,

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen In questa terza lezione si incominciano a studiare le grandi utopie del XIX sec. Nate per dare risposta alle disfunzioni della citta industriale. Partiamo

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I CORSO DI DIRITTO COMUNITARIO IL NOTAIO TRA REGOLE NAZIONALI E EUROPEE Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I Alfredo Maria Becchetti Notaio in Roma Componente Commissione Affari

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Proprietà contratti e potere

Proprietà contratti e potere Proprietà contratti e potere Le istituzioni formali e informali Definiscono le regole dello scambio Possono risolvere i problemi di free riding Hanno effetti redistributivi 1) Definiscono e difendono i

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Rivoluzione HR. human resource revolution

Rivoluzione HR. human resource revolution Rivoluzione HR human resource revolution L a tecnologia sta modificando le abitudini e lo stile di vita delle persone ma, nel nuovo mondo che verrà sarà il loro modo di pensare che dovrà cambiare. Ogni

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Introduzione alla macroeconomia

Introduzione alla macroeconomia Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Introduzione alla macroeconomia Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Cosa cerca di spiegare la macroeconomia Mentre la microeconomia ci mostra

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3 Angelo Bonomi COSA E LA TECNOLOGIA Con il nome di tecnologia si indicano cose con vari significati come una tecnologia

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Come affrontare i monopoli naturali

Come affrontare i monopoli naturali Come affrontare i monopoli naturali Il problema del monopolio naturale è che se anche l impresa volesse fissare il prezzo a un livello pari al costo marginale (efficienza sociale), produrrebbe in perdita

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli