Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Management Information GIA-L02 prima parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Management Information GIA-L02 prima parte"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Management Information prima parte

2 Sommario della lezione Competitività e Information Management Natura delle Informazioni e Organizzazione dei dati, Integrazione dell Informazione Aziendale nell analisi dei processi, Evoluzione di Sistemi informativi verso sistemi integrati nativi e gestione della base dati, pagina 2

3 Information Management Natura delle informazioni I bisogni di informazioni sono simili per ogni impresa e organizzazione anche se il dettaglio della loro natura può apparire molto diverso. Le informazioni per loro natura sono classificabili in : non quantitative raccolte da osservazioni ed azioni quantitative esprimibili mediante performance) numeri (indicatori economici e di informazioni amministrative» contabili» non monetarie (KPI) Fonte Sistemi di Controllo pagina 3

4 Information Management Natura delle informazioni Fonte Sistemi di Controllo pagina 4

5 Information Management Natura delle informazioni Le Informazioni Operative Informazioni necessarie per le attività di un organizzazione. Sono la principale fonte di dati elementari sulla quale si basano la contabilità direzionale, il bilancio e la contabilità generale. Le Informazioni di Bilancio Informazioni utilizzate dal management e dagli azionisti relative alla prestazione economico - finanziaria dell impresa. Le Informazioni di Contabilità Direzionale Il management è interessato a disporre di sintesi che abbiano alla base informazioni analitiche, non a conoscere i singoli dettagli. Il management si affida alla sintesi delle informazioni per le attività decisionali di programmazione (piano azioni e budget), implementazione e controllo (PDCA, MBO). pagina 5

6 Information Management Flusso Ogni flusso reale (beni) e finanziario (capitali) tra attori economici (imprese) genera un flusso di informazioni inerenti ai passaggi di beni e di denaro. Il vantaggio competitivo delle imprese dipende quindi dalla capacità di mettere in connessione le informazioni generate e di saperle elaborare per produrre nuove informazioni per finalità diverse. FLUSSO INFORMATIVO impresa FLUSSO BENI FLUSSO FINANZIARIO impresa FLUSSO INFORMATIVO Fonte Management Information System pagina 6

7 Information Management Competitività Cambia il modello di impresa: Le imprese sono oggetto di un una forte pressione competitiva dovuta a: Ciclo di vita del prodotto ridotto Sviluppo veloce delle tecnologie e loro applicazioni Clienti più esigenti (flessibilità e gestione dell informazione strutturata) Sviluppo delle comunicazioni e scambio delle informazioni globale e veloce (ridotti tempi di risposta) Trade off Reach e Richness (mailing list, struttura vendite, internet) Dai Dati all Informazione - Competenza verso la Competitività. Ogni impresa è in grado di sviluppare una mole di dati ogni giorno. Organizzare i dati e dare loro un valore (Business Intelligent e Management Information System) per ottenere informazioni. Maggiore è la capacità dell impresa di sfruttare i dati per creare informazioni che aiutino le decisioni, maggiore è la probabilità di successo nel mercato. pagina 7

8 Information Management Competitività Senza conoscere gli obiettivi e come misurare i risultati il management potrebbe agire con azioni non in linea con le strategie (è necessario sviluppare la COMPETENZA) Competenza INTEGRAZIONE Conoscenza Informazione Dato Piramide della competenza pagina 8

9 Information Management Competitività Il primo livello rappresenta la moltitudine di dati ancora tutti da organizzare. Il secondo livello rappresenta le informazioni derivanti dai dati accorpati e organizzati. Le informazioni non sono quindi da intendersi un semplice archivio di dati ma dati organizzati e finalizzati ad un obiettivo (pianificazione, azione, gestione e controllo). Organizzare i dati per ottenere le informazioni diventa uno strumento indispensabile verso la riduzione del lead time nel processo decisionale (DSS) pagina 9

10 Information Management Competitività Il terzo livello rappresenta l uso dell informazione (conoscenza dei processi). Vale a dire il processo di elaborazione interpretativa dell informazione con lo scopo di applicare azioni atte a modificare i dati (misura dei risultati) da cui essa ha origine per migliorare le performance del processo. Interpretare ed applicare in modo operativo le informazioni (COME utilizzare le informazioni?) per attuare le azioni atte a migliorare e controllare i processi e rendere l impresa competitiva sul mercato. Il quarto livello è la competenza che significa prendere coscienza delle informazioni (PERCHE servono determinate informazioni?) per acquisire competenza pagina 10

11 Information Management Competitività La competitività dell impresa si misura da come ha organizzato i dati dal livello di integrazione che essa è stata in grado di sviluppare da quanto le informazioni generate siano a supporto delle decisioni da come accresce il vantaggio competitivo con processi decisionali più rapidi e riduzione dei costi con accesso alle informazioni ai livelli intermedi da come sia in grado di passare da una realtà burocratica ad una adhocratica. Dove le persone sono fortemente responsabilizzate verso un risultato comune pagina 11

12 Information Management Competitività Diventa fondamentale quindi definire le procedure di raccolta dei dati ed un efficace approccio di analisi per focalizzare i risultati e gli obiettivi Quali dati si sono raccolti fino ad ora (e con quali strumenti) Quali dati si devono raccogliere Quali decisioni vengono prese in funzione dei dati raccolti Con quale frequenza si sono raccolti Come devono essere raccolti e memorizzati Come devono essere accorpati e presentati pagina 12

13 Information Management Sistema Informativo L informazione è l output del processo di elaborazione del dato. Il dato componente elementare, che deve essere organizzato e trasformato in output utile informazione. L informazione è un insieme di dati organizzati per poter essere utilizzati dal processo decisionale aziendale e deve avere le seguenti caratteristiche: Affidabile (contenuto) per soddisfare le esigenze e problemi specifici nell ambito dei sistemi di supporto alle decisioni (DSS) Tempestiva (tempo) per consentire rapide decisioni e soluzioni al problema Disponibile (luogo) dove serve, dove cioè si devono prendere le decisioni Semplice (forma) nelle modalità del suo utilizzo pagina 13

14 Information Management Sistema Informativo Il sistema informativo è lo strumento: attraverso il quale si producono e si gestiscono i flussi informativi necessari alle attività di tutte le unità organizzative dell impresa di raccolta e di organizzazione del dato, il collettore tra i processi aziendali interni (intra-aziendali) ed esterni (inter-aziendali) di automazione dei processi di controllo delle decisioni Gli elementi che costituiscono il sistema informativo sono: L insieme dei dati significativi che descrivono l impresa Le procedure utilizzate per la raccolta e la distribuzione dei dati Le risorse utilizzate (umane e tecnologiche) pagina 14

15 Information Management Sistema Informativo Agli inizi degli anni 60 i sistemi EDP (Electronic Data Processing systems) hanno avuto il loro sviluppo come strumenti a supporto delle applicazioni di tipo contabile e amministrativo Gli EDP si sono poi orientati anche verso le procedure operative e non solo verso quelle amministrative dando vita al Sistema Informativo per le attività operative (SIO). Dalle competenze amministrative i sistemi informativi hanno allargato la propria competenza verso le procedure operative aziendali creando il Sistema Informativo Operativo. Dall esigenza di pianificare, programmare e controllare le attività aziendali sono nati i Sistemi Informativi Direzionali (SID). Pianificazione, programmazione e controllo delle attività aziendali hanno implicato la creazione di strumenti a supporto delle attività creando il Sistema Informativo Direzionale. Il Sistema Informativo Aziendale (SIA) è scomposto in due sottosistemi: Sistema Informativo Operativo (SIO) Sistema Informativo Direzionale (SID) pagina 15

16 Information Management Sistema Informativo La funzione primaria del sistema informativo è supportare chi, nei propri ambiti di competenza, fa funzionare l azienda o parte di essa attraverso la propria attività. Alta Direzione Attività Strategiche Direzione Funzionale AttivitàTattiche Personale Esecutivo Attività Operative pagina 16

17 Information Management Sistema Informativo I sottosistemi SIO e SID possono scomporsi in sotto sistemi funzionali Funzioni (sottosistema commerciale, sottosistema produzione, etc. etc.) sotto sistemi di processo Processi (sottosistema gestione ciclo attivo e sottosistema gestione ciclo passivo, gestione offerte commerciali, gestione progetto sviluppo prodotto) Il criterio di scomposizione Operativo e Direzionale ci aiuta anche a comprendere meglio le due macro classi dei prodotti applicativi: ERP (gestione) Business Intelligence (misura) pagina 17

18 Information Management Sistema Informativo PER FUNZIONI (verticalizz verticalizz.) PER PROCESSI (trasversalità) pagina 18

19 Information Management Sistema Informativo Operativo Il Sistema Informativo Operativo E un sottosistema che ha come obiettivo quello di rilevare ed integrare i dati dell area operativa aziendale da cui sono generati: all interno dei processi operativi aziendali (processo di trasformazione del semilavorato) fra differenti processi o sottoprocessi dello stesso sistema aziendale (vendite, acquisti, etc. etc.) fra processi operativi appartenenti a sistemi diversi (clienti, fornitori, outsourcing) Il concetto operativo riferito al processo fa diretto riferimento alla natura delle attività che costituiscono il processo e che hanno come caratteristica comune la standardizzazione. (attività operative std) pagina 19

20 Information Management Sistema Informativo Operativo Cicli di trasf. Supply Chain Fonte Management Information System pagina 20

21 Information Management Sistema Informativo Operativo Il SIO ha quindi la funzione di rilevazione dei dati, produzione delle informazioni per alimentare data base in relazione all area operativa origine del dato. Le informazioni di tipo operativo elaborate da un Sistema Informativo Operativo (SIO) sono: Anagrafiche: (dati) Descrivono la proprietà degli oggetti (macchinari, prodotti) e dei soggetti (clienti e fornitori) Transazioni: (flussi/cicli processi e procedure) Contratti, trasformazioni, movimentazioni e certificazioni contabili Pianificazione e Programmazione delle operazioni: (risorse) Pianificazione e programmazione della produzione, piano principale di produzione pagina 21

22 Information Management Sistema Informativo Operativo Per comprendere la logica che sta alla base delle dinamiche del Sistema Informativo Operativo, si usa scomporlo in aree funzionali distinte per individuare le sottofunzioni svolte da ciascuna area funzionale ed individuare così le applicazioni a supporto per ognuna di esse, quali: marketing logistica e produzione R&D e ingegneria di processo amministrazione e controllo risorse umane SIO DB OP MKT LOG ENG CdGe pagina 22

23 Information Management Evoluzione SIO Applicativi distinti non interconnessi MRP (Material Requirements Planning) MRPII (Manufactoring Resource Planning) ERP (Enterprise Resource Planning) SCM (Supply Chain Mng) CRM (Customer Relationship Mng) 40 anni di informatizzazione delle applicazioni operative nelle aziende manifatturiere Fonte Management Information System pagina 23

24 Information Management Sistema Informativo Direzionale Il Sistema Informativo Direzionale supporta le attività di management volte sia alla gestione e al controllo dei processi, basate su strumenti quali il budget ed i report direzionali, che a porre in essere interventi correttivi sulle azioni per il raggiungimento dell obiettivo attraverso strumenti decisionali di medio e lungo periodo. Le informazioni di tipo quantitativo non momentario su cui si basa il Sistema Informativo Direzionale sono gli Indicatori chiave di processo (KPI) che misurano le prestazioni aziendali e i Fattori Critici di Successo (CFS) che misurano la strategia. Il SID fa da contraltare al SIO e fornisce al management informazioni di livello superiore (sintesi) filtrando le informazioni operative di I livello che vengono gestite dal SIO. pagina 24

25 Information Management Sistema Informativo Direzionale Come per il SIO esiste la scomposizione funzionale così per il SID esiste la scomposizione, legata alla finalità del sistema, vale a dire prospettiva strategica e gestionale. L output del SID è un reporting di natura contabile (informazioni quantitative monetarie) integrato da un reporting di natura extracontabile (informazioni quantitative non monetarie). Spesso i dati contabili si dimostrano insufficienti per monitorare tutte le dinamiche aziendali (natura consuntiva e preventiva del dato) Il SIO interagisce con il SID poiché il SID elabora gli obiettivi ed il SIO fornisce il feedback sui risultati ottenuti nel raggiungimento degli stessi. pagina 25

26 Information Management Sistema Informativo Direzionale Fonte Management Information System pagina 26

27 Information Management Sistema Informativo Direzionale Il sottosistema di Reporting del SID ha la finalità di informatizzare la fase gestionale del controllo e quella di alto livello dedicata al decision system. Gli strumenti che costituiscono un supporto di questo sottosistema sono definiti Management Information System (MIS) Un qualunque sistema MIS deve poter interagire con il SIO. I sistemi di DataWarehousing e le tecnologie On Line Analytical Processing (OLAP) supportano questo scambio di flussi informativi. Un reporting di tipo contabile ed extracontabile deve poter interagire con il SIO (in particolare area operativa amministrazione) per poter produrre informazioni quali; Finanziarie, Rendiconti Economici e Transazioni contabili per evidenziare punti critici dei processi Fonte Management Information System pagina 27

28 Information Management Sistema Informativo Direzionale Il sottosistema di supporto alle decisioni può essere suddiviso a sua volta in due sotto aree: DSS Decision Support Systems EIS Executive Information Systems I DSS, hanno la finalità di supportare il management nel breve/medio periodo nelle fasi decisionali in relazione ad eventi non deterministici e determinabili a priori. Non esistono procedure standard ma modelli analitici. In generale raccoglie informazioni interne dal SIO e dal MIS ed esterne dal mercato (prezzi e competitors) Gli EIS supportano il management nel medio/lungo periodo nelle fasi decisionali destrutturate caratterizzate da numerosi obiettivi spesso in conflitto. Raccoglie informazioni da SIO, DSS oltre che esterne di carattere economico, legislativo e tecnologico pagina 28

29 Information Management Evoluzione SID Reporting contabili Reporting contabili ed extracontabili Supporto alle decisioni (DSS) Sistemi Esperti 40 anni di informatizzazione delle applicazioni direzionali nelle aziende manifatturiere Fonte Management Information System pagina 29

30 Information Management Integrazione SIO I Sistemi Informativi Operativi si sono evoluti passando da Sistemi basati su applicativi non interconnessi a Sistemi Integrati. Questa genesi ripercorre le metodologie in essere per la rivisitazione dei flussi dell informazione all interno di un impresa. Per funzioni Per processi si intendono Funzioni le operazioni di gestione omogenee dal punto di vista economico e tecnico le conoscenze necessarie per lo svolgimento delle attività la gestione per funzioni è il sistema di attività ed operazioni realizzate in azienda da unità organizzative predefinite pagina 30

31 Information Management Integrazione SIO Le aree funzionali sono distinte in: Aree funzionali operative» Caratteristiche (Mkt; R&S; Prod; Log)» Integrative (Fin; Org; HR) Aree di informazione e controllo» Amministrazione» Pianificazione Strategica» Controllo di gestione» Sistema Informativi I limiti di un approccio per funzioni :» Focus sulla specializzazione» Mancanza di un meccanismo di coordinamento» Debole apporto alla creazione del valore pagina 31

32 Management Information Integrazione SIO Al concetto di funzione e di struttura per funzioni si affianca il concetto di processo e di gestione ed organizzazione per processi. Processo si intende un insieme di attività che partendo da input definiti portano ad un output che è l oggetto di scambio tra l impresa ed il mercato; servizio/prodotto (valore per il cliente) (modello IPO) per ogni insieme di processi vi sono i macroprocessi che rappresentano le linee operative fondamentali della filiera delle attività (produzione, logistica, vendita e sviluppo prodotto) pagina 32

33 Management Information Integrazione SIO Per ogni macroprocesso si identificano differenti aggregazioni (livelli) di attività: Subprocesso (commerciale pubblicità e promozioni) Segmento (pubblicità e promozione pubblicità) Macroattività (pubblicità vari mass media) Operazioni elementari (contratti e negoziazione) In sintesi il processo è una somma di attività finalizzate ad un obiettivo (oggetto del valore). Per raggiungere l obiettivo vanno gestiti gli input e garantite le risorse pagina 33

34 Information Management Integrazione SIO FUNZIONI MKT/COM PROD R&D AMM e CdG PERSON. FINAZA Promozio ni e analisi di mercato Previsione vendite Acquisizi one ordini cliente Carico ed evasione ordini Programmaz ione della produzione Approvvigio namento e ricevimento materia prima Ordini interni e controllo avanzamento della produzione Nuovi prodotti, nuovi NPI processi Innovazi one e tecnologia Costi operativi e contabilità industriale Contabilità generale Formazi one Progetti MBO Politica di incentiva zione Gestion e delle fonti SOTTO FUNZIONI PROCESSI pagina 34

35 Information Management Integrazione SIO Un impresa può quindi essere rappresentata per processi prescindendo dalla struttura adottata. La definizione e la mappatura per processi risulta essere più complessa rispetto alla mappatura per funzioni comunque influenzata dalle specificità aziendali Un impresa può migliorare le sue performance modificando la logica gestionale da una prospettiva funzionale ad una prospettiva per processo.» Ciclo attivo» Ciclo passivo» Processo amministrazione» Processo progettazione» Processo di trasformazione» Processo delle vendite». pagina 35

36 Information Management Integrazione SIO Le imprese si sono trovate ad operare in mercati sempre più competitivi caratterizzati dalla globalizzazione e dalla concorrenza (secondo nuovi fattori fondati sulla flessibilità e tempi di risposta del servizio piuttosto che su fattori qualità / prezzo). Tale scenario ha implicato per molte imprese un adeguamento del sistema di generazione e distribuzione delle informazioni con l obiettivo di integrazione e gestione trasversale dei processi. Dai sistemi ad integrazione di ciclo CRP, MRP, MRPII basati sull integrazione tra diverse unità funzionali dello stesso processo, ai sistemi integrati nativi. Dal punto di vista dell offerta si è assistito negli anni all evoluzione e affermazione dei Sistemi Aperti Scalabili Dal lato della domanda l interesse è stato rivolto ai Sistemi Integrati nativi (ERP) pagina 36

37 Management Information Integrazione SIO I sistemi aperti scalabili sono ambienti di elaborazione che utilizzano prodotti tra loro funzionalmente integrabili e sostenuti da specifiche standard. Si intendono scalabili nel termine di modularità e crescente capacità del sistema I sistemi integrati nativi si traducono nelle piattaforme gestionali ERP (Enterprise Resource Planning) come soluzione ai problemi di integrazione della pianificazione delle risorse aziendali. A differenza dei sistemi ad integrazione di ciclo, i sistemi ERP non richiedono aggregazioni successive poiché sono sistemi integrati nativi. I sistemi ERP integrano tra loro le principali funzioni aziendali, dall amministrazione, alla finanza, dalla produzione alle vendite, con l obiettivo di pianificare, gestire e controllare tutte le risorse. pagina 37

38 Information Management Sistema Informativo - ERP I sistemi ERP permettono: correlazione delle procedure operative (integrazione delle attività) visibilità sui processi (comunicazione) informazioni aggiornate (processi decisionali) Le caratteristiche principali di un sistema ERP sono: flessibilità modularità (finance, controlling, sales, material mng, production planning) personalizzazione in funzione dei processi aziendali integrazione (interfacciabilità) SAP - Business Management Software Solutions Applications and Services pagina 38

39 Information Management Sistema Informativo - ERP I SIO di tipo tradizionale sono stati costruiti con il principio dei sistemi interoperativi a moduli (ad integrazione di ciclo). Ogni applicazione si appoggia su archivi propri e non integrati con conseguente possibile ridondanza dei dati. pagina 39

40 Information Management Sistema Informativo - ERP Ai SIO di tipo evoluto ha contribuito la creazione di database di dati integrati ai quali possono accedere più applicativi. In ciascuna attività ogni risorsa accede ad un archivio condiviso e gestito dal DBMS (DataBase Management System) che agisce come interfaccia fra i programmi applicativi e il data base. pagina 40

41 Information Management Sistema Informativo - ERP Il database ha la funzione di un grande contenitore di dati e necessita di un supporto che organizzi il dato. La parte organizzativa la svolgono i sistemi di gestione del database, DataBase Management System (DBMS) I database così organizzati costituiscono un unica base logica di dati a cui accedono i diversi applicativi Dal DBMS al RDBMS (Relational DBMS) gestione integrata delle risorse e non solo database unificato (MRP ERP) I database sono quindi intesi come organizzazione integrata dei dati a cui diversi applicativi possono accedere a seconda delle specifiche esigenze e possono essere strutturati in differenti modelli: gerarchico a rete (reticolare) relazionale pagina 41

42 Information Management Sistema Informativo - ERP Il database gerarchico presenta i dati organizzati in una struttura ad albero. Per accedere ad un dato si parte dalla classificazione a cui esso appartiene. L informazione viene suddivisa in segmenti (attraverso gli indirizzi). La ricerca del dato avviene top - down passando attraverso sottocategorie di appartenenza (classificazioni e segmenti) Il database di tipo gerarchico è utilizzato nei casi in cui i dati presentano legami stabili e riconosciuti Classificazione I segmento II segmento Dato pagina 42

43 Information Management Sistema Informativo - ERP Il database reticolare permette un accesso al dato sia top-down che buttom up. (logica padre/figli). Il modello reticolare incontra il suo limite quando le relazioni si complicano in relazioni molti a molti I limiti dei due modelli precedenti vengono superati con il modello database relazionale. I dati sono organizzati in tabelle a due dimensioni (campi (dati elementari) e record (le occorrenze)). Ad esempio tabelle fornitori/componenti oppure clienti/prodotti pagina 43

44 Information Management Sistema Informativo - ERP Nel modello relazionale l organizzazione del dato è garantita dall integrazione dei dati inseriti nelle tabelle correlandoli con relazioni. Le tabelle del modello sono divisi in due tipologie: Tabella dei fatti: una per ogni oggetto di business (evento da misurare) in analisi (es. vendite) contenente attributi (dimensionali e descrittivi) e informazioni numeriche (misura) che assume l oggetto in funzione delle dimensioni (attributi) scelte, ad esempio: oggetto di business vendite; dimensione scelta prodotto; la tabella dei fatti conterrà il valore (misura scelta) (prezzo, costo e quantità) del prodotto venduto. Tabella delle dimensioni: una per ogni dimensione (non descrittiva) d analisi degli oggetti considerati. Le dimensioni collocano il fatto nello spazio e nel tempo e dicono a cosa esso si riferisce. Sono le chiavi di lettura del fatto (esempio: dimensione tempo; dimensione prodotto; dimensione unità organizzativa). Per ogni dimensione vi sono gli elementi (esempio; codici prodotti, linee di prodotto, giorno mese anno, allocazione geografica, funzione) pagina 44

45 Information Management Sistema Informativo - ERP Le tabelle delle dimensioni infine includono una colonna i cui valori identificano in modo univoco ogni riga della tabella chiave primaria. Le chiavi primarie consentono di correlare i dati condivisi da più tabelle per generare un output che sia il risultato dell interazione righe colonne di ogni tabella (esempio: tabella dei fatti vendite per prodotto; tabella delle dimensioni prodotti; elementi codici prodotto; chiave primaria prodotti; correlazione tra le due tabelle è la chiave primaria prodotto) La colonna i cui valori si riferiscono alla chiave primaria di un altra tabella è detta chiave esterna (esempio: la tabella delle dimensioni (prodotti) contiene la colonna chiave primaria che mette in relazione la tabella delle dimensioni (prodotti) con la tabella dei fatti (vendite) per la quale la chiave primaria diventa chiave esterna. Ogni tabella dei fatti contiene un colonna di chiave esterna per la chiave primaria di tutte le tabelle dimensioni ad essa correlate. La combinazione di queste chiavi esterne definisce la chiave composta pagina 45

46 Information Management Sistema Informativo - ERP I Sistemi Informativi Integrati permetto di operare con un insieme di dati intesi come input di molteplici processi aziendali e destinare gli output a molteplici soggetti operativi in ottica di gestione unitaria ed organizzata del dato. La gestione unitaria e correlata del dato consente di generare informazioni utili a diversi soggetti operativi ed è presupposto indispensabile per la costruzione di strutture dati flessibili. Il passaggio dai metodi di gestione del dato di tipo tradizionale, caratterizzati da una duplicazione delle rilevazioni, ad un sistema integrato ha permesso di avere come risultato un sistema in grado di produrre output standard e allo stesso tempo interrogazioni ed analisi mirate e specifiche. Tuttavia anche il modello relazionale presenta alcuni limiti fra i quali quello di gestire solo dati elementari e non documenti (dati memorizzati in modo semplice che richiedono metodologie applicative di estrazione del dato) pagina 46

47 Information Management Sistema Informativo - ERP Questo limite è stato superato con le applicazioni che gestiscono documenti (database ad oggetti) Lo stesso vale per i database relazionali che hanno inglobato dati complessi passando dalla visione per dati alla visione per dati e documenti DataWarehousing multidimensionali per applicazioni OLAP che superano un altro limite dei DB tradizionali relazionali, vale a dire quello di riferirsi solo alle transazioni operative (On Line Transaction Processing) pagina 47

48 Information Management Sistema Informativo - ERP Il concetto di DataWarehouse viene proposto per la prima volta da Barry Davlin e Paul Murphy nel Attraverso il loro articolo pubblicato sull IBM System Journal definiscono il datawarehouse come un singolo, completo e consistente deposito di dati, ottenuti da diverse fonti e resi disponibili agli utenti in maniera da poter essere immediatamente fruibili Caratteristiche dei dati contenuti all interno di un DWH: Tematici per soggetto; Integrati; Temporali; Permanenti. pagina 48

49 Information Management Sistema Informativo - ERP pagina 49

50 Information Management Sistema Informativo - ERP Livello 4 Livello 3 Livello 2 Livello 1 Livello 0 pagina 50

51 Information Management Sistema Informativo - ERP Ciclo attivo semplificato Ricevimento ordini cliente Invio ordine a magazzino Analisi giacenze Ordini interno di produzione del prodotto finito Carico/Scarico del prodotto finito da magazzino e spedizione Fatturazione Incasso credito commerciale pagina 51

52 Information Management Sistema Informativo - ERP Ciclo passivo semplificato Invio ordine d acquisto Ricevimento materiale in magazzino Carico a magazzino Fattura d acquisto Pagamento debito verso fornitore pagina 52

53 Information Management Sistema Informativo Direzionale IL SID ha il compito di supportare le attività svolte dal management nel medio/lungo periodo producendo, come output, reporting a supporto delle attività di controllo e gestione di tipo direzionale e strategico. Le informazioni (di tipo quantitativo non monetario) gestite dal SID sono dette indicatori in quanto misure delle performance aziendali, derivati dalle mappature dei processi. Scopo del SID è quello di sintetizzare le informazioni selezionandole attraverso sistemi di indicatori bilanciati (BSC). Il reporting così strutturato assume il ruolo sia di strumento di misura delle prestazioni che di supporto alle decisioni. Il SID risulta essere di fatto costituito da un insieme di rilevazione dati sui processi attraverso strumenti definiti Business Intelligence (BI). pagina 53

54 Information Management Sistema Informativo Direzionale La Business Intelligence come strumento di misura dei processi: Reporting contabile ed extracontabile che presidia l organizzazione aziendale, i relativi processi e i centri di responsabilità estendendo tale presidio a tutta la filiera (supply chain) Management Accounting Critical Success Factors (CSF) Key Performance Indicator (KPI) Tableau de Bord Balanced Scorecard (BSC) DSS e EIS DSS Decision Support Systems EIS Executive Information Systems pagina 54

55 Information Management Sistema Informativo Direzionale Il SID deve interfacciarsi con il SIO per raccogliere dati e informazioni seguendo due fasi Trasformazione delle informazioni operative in informazioni direzionali dal dato operativo al dato direzionale di sintesi Elaborazione delle informazioni per generare gli output di sintesi (reporting) pagina 55

56 Information Management Sistema Informativo Direzionale Il flusso del dato all interno di un SID è quindi strutturato a più livelli: 0 dati delle transazioni 1 estrazione dei dati e filtro di sintesi 2 memorizzazione ed organizzazione dei dati 3 analisi e presentazione delle informazioni 4 accesso alle informazioni pagina 56

57 Information Management Sistema Informativo Direzionale decisioni DSS / EIS presentazione controllo OLAP analisi DataWareHousing integrazione informazioni CoCli CoFor CdGe CoAn Ciclo attivo / Ciclo passivo CoInd transazioni dati Qualità Logistica PianificazioneProduzione Engineering Vendite pagina 57

58 Information Management Sistema Informativo Direzionale Livello 0 (transazioni operative) Inserimento ordine cliente Pianificazione Acquisti Accettazione e Movimentazione a magazzino Produzione Consegna e Logistica trasporti Registrazione contabile (attiva e passiva) Livello 1 (primo livello di sintesi) Estrazione del dato Trasformazione del dato per la produzione delle informazioni direzionali Caricamento delle informazioni così trasformate Livello 2 (memorizzazione) Memorizzazione ed organizzazione delle informazioni tramite DWH e Data Mart (sottoinsieme di DW estratto per semplificare l interrogazione) pagina 58

59 Information Management Sistema Informativo Direzionale Livello 3 (analisi) Front end (analisi ed elaborazione e presentazione) Calcolo OLAP (analisi relazionale multidimensionali) Presentazione prodotto Cubo di Reporting (fatto e dimensioni) mese centro di responsabilità Livello 4 (fruibilità) Processi di accesso alle funzionalità del precedente livello 3 (web browser) pagina 59

60 Information La Multidimensionalità Management Sistema Informativo Direzionale Le tecnologie OLAP fanno parte degli strumenti che supportano i DWH in fase di analisi ed interpretazione delle informazioni. Tramite l OLAP si è in grado di elaborare e strutturare i dati secondo diversi modelli per effettuare analisi mirate agli obiettivi direzionali. A differenza dei sistemi di interrogazione delle basi dati transazionali (On Line Transaction Processing OLTP) che utilizzano elaborazioni pre-configurate mediante queries, i sistemi OLAP supportano il processo di accesso ai dati attraverso un analisi interattiva e modificabile. Gli OLTP trattano dati elementari, relativi ad un elevato volume di transazioni, corrispondenti alla gestione delle attività giornaliere (es: fatturazione, magazzino, acquisti, vendite), gli OLAP dati aggregati su più dimensioni a supporto del processo decisionale pagina 60

61 Information OLAP Vs OLTP Management Sistema Informativo Direzionale Nel 1998 Nigel Pendse per descrivere i sistemi OLAP e definirne le regole coniò il termine FASMI che è tuttora accettato e spesso citato nell ambito di sistemi applicativi OLAP. Scomponendo l acronimo FASMI, le caratteristiche principali che rendono un sistema adatto all analisi interattiva dei dati sono le seguenti. Fast; Analytical; Shared; Multidimensional; Informational. Caratteristiche OLTP OLAP Funzionalità aziendali Classi di utenza Granularità dei dati Operative Utenti operativi Dati elementari Decisionali Top e middle management Dati elementari ed aggregati Storicità dei dati Dati attuali Dati attuali e storici Modalità di accesso Inserimento, variazione, cancellazione, lettura Lettura pagina 61

62 Information La Multidimensionalità Management Sistema Informativo Direzionale La funzionalità chiave di ogni prodotto OLAP è l abilità di definire un insieme di dati in termini di dimensioni multiple. Le dimensioni, infatti, possono essere pensate come prospettive, entità, fattori o componenti di un determinato fenomeno reale (evento o fatto). La possibilità di vedere il fatto aziendale in un modello multidimensionale permette all utente di posizionarsi nella prospettiva più confacente alle decisioni che deve assumere. Dimensioni Operatori di Aggregazione; Misure; Fatti; pagina 62

63 Information La Multidimensionalità Management Sistema Informativo Direzionale Ogni lato dell ipercubo rappresenta una dimensione ed ogni cella rappresenta un fatto relativo a specifici valori delle dimensioni considerate. Ogni dimensione ha al suo interno gli elementi che corrispondono alle misure di analisi. pagina 63

64 Information Management Sistema Informativo Direzionale Il termine Business Intelligence è stato coniato nel 1989 da Howared Dresner, un analista del Gartner Group, con il quale ha identificato l insieme dei concetti, delle metodologie e la capacità di un azienda di accedere e analizzare le informazioni al proprio interno, normalmente archiviate in grandi database. Gli obiettivi principali della Business Intelligence sono poter : Velocizzare, minimizzando il tempo per raccogliere le informazioni rilevanti; Automatizzare, personalizzando la raccolta dei dati secondo le esigenze dell utenze; Analizzare, attraverso tools in grado di effettuare confronti ed indicare possibili decisioni; Decidere, chiudendo il processo con azioni concrete. pagina 64

65 Information Management Sistema Informativo Direzionale Il sistema di reporting è il punto di riferimento per la gestione di tutte le richieste informative riferite sia ai dati finanziari che ai dati quantitativi non monetari veicolati all interno dell azienda verso il management, o all esterno verso i clienti, i mercati di appartenenza, le banche, i mercati finanziari e gli organismi di controllo. L affidabilità dei sistemi di reporting è quindi di assoluta importanza per tutti gli stakeholder delle società. Le caratteristiche essenziali di un efficiente sistema di reporting sono le seguenti: Affidabilità; Tempestività; Chiarezza e Semplicità; Articolazione; Interazione. Carattere Preventivo pagina 65

66 Information Management Sistema Informativo Direzionale La Balanced Scorecard di Norton e Kaplan è un documento di pianificazione e controllo ideato per fornire ai manager un sistema di riferimento completo che traduca gli obiettivi strategici dell azienda in un insieme coerente di misura delle performance (Fin/Mkt/Op/HR). pagina 66

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Sistemi Informativi Direzionali

Sistemi Informativi Direzionali DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Sistemi Informativi Direzionali 1 Architettura per la Business Intelligence KPI DSS MKT CRM HR Datamart-1 Datamart-2 Datamart-3

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

CAPITOLO 9 Piattaforme di Business Intelligence e DSS

CAPITOLO 9 Piattaforme di Business Intelligence e DSS CAPITOLO 9 Piattaforme di Business Intelligence e DSS Lucidi di Gianmario Motta 2010 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Identificare quali sono le applicazioni d uso dei sistemi di BI Spiegare quali sono le caratteristiche

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI INDICE PREMESSA...1 PARTE PRIMA CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CAPITOLO PRIMO IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI 1. I concetti di pianificazione strategica

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Operatore giuridico d impresa Informatica Giuridica A.A 2002/2003 II Semestre Sistemi informativi aziendali prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi DA CHE COSA E COMPOSTO COME SI ACCEDE CHI LO USA A CHE COSA SERVE Risorse hardware e software: - Server - LAN (router, HUB Firewall,..) - Storage - pacchetti

Dettagli

Economia e. Prof. Arturo Capasso

Economia e. Prof. Arturo Capasso Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

IPO: Il vantaggio competitivo dei Sistemi Informativi per il Controllo di Gestione

IPO: Il vantaggio competitivo dei Sistemi Informativi per il Controllo di Gestione 27 Gennaio, 2009 IPO: Il vantaggio competitivo dei Sistemi Informativi per il Controllo di Gestione Fabrizio Alberton Partner di Reply Consulting La quotidianità 2003/51/CE Modernizzazione 2004/109/CE

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007 Data warehousing Introduzione A partire dalla metà degli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Data warehousing Introduzione A partire dagli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa lezione vedremo

Dettagli

L [ERP] PER IL MERCATO DEL [WINE & BEVERAGE] WINE BEVERAGE

L [ERP] PER IL MERCATO DEL [WINE & BEVERAGE] WINE BEVERAGE L [ERP] PER IL MERCATO DEL [ & ] ERP per il settore Wine&Beverage Enterprise Resource Planning Wine&Beverage for Sap Business One è un ERP, appositamente parametrizzato per il commercio del vino, alcolici,

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

Business Intelligence, OLAP e il monitoraggio del proprio Business

Business Intelligence, OLAP e il monitoraggio del proprio Business Business Intelligence, OLAP e il monitoraggio del proprio Business Con il termine business intelligence (BI) ci si può solitamente riferire a: 1. un insieme di processi aziendali per raccogliere ed analizzare

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Lezione 4. Controllo di gestione. Il controllo direzionale

Lezione 4. Controllo di gestione. Il controllo direzionale Lezione 4 Il controllo direzionale Sistema di pianificazione e controllo PIANIFICAZIONE STRATEGICA PIANO 1 2 OBIETTIVI OBIETTIVI ATTIVITA 3 DI LUNGO PERIODO DI BREVE PERIODO OPERATIVA 5 BUDGET FEED-BACK

Dettagli

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni Data warehouse Data warehouse La crescita dell importanza dell analisi dei dati ha portato ad una separazione architetturale dell ambiente transazionale (OLTP on-line transaction processing) da quello

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER Sistemi Informativi Catena del valore di PORTER La catena del valore permette di considerare l'impresa come un sistema di attività generatrici del valore, inteso come il prezzo che il consumatore è disposto

Dettagli

emanager La soluzione a supporto dei processi di Clinical Governance www.dedalus.eu

emanager La soluzione a supporto dei processi di Clinical Governance www.dedalus.eu emanager La soluzione a supporto dei processi di Clinical Governance www.dedalus.eu 3 La Clinical Governance Nell ambito dell erogazione di servizi sanitari è sempre più evidente l esigenza di poter disporre

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

La Business Intelligence Ready to go Ready to work

La Business Intelligence Ready to go Ready to work SIDI SpA Soluzione KPI S La Business Intelligence Ready to go Ready to work Monitoring KPI s Monitoring KPI s è una Soluzione che fornisce, nella modalità sintetica e di maggior dettaglio, informazioni

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 4 1 Le esigenze di cambiamento LA TRADIZIONALE STRUMENTAZIONE E LE METODOLOGIE DEL CONTROLLO si contraddistinguono per: Focalizzazione

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing

Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing Università degli studi di Bologna FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing Tesi di laurea di: Emanuela Scionti Relatore: Chiar.mo Prof.Montesi

Dettagli

www.24oreformazione.com

www.24oreformazione.com FORMAZIONE TECNOLOGIA E BUSINESS www.24oreformazione.com BUSINESS INTELLIGENCE: I DATI AZIENDALI A SUPPORTO DELLE DECISIONI STRATEGICHE D IMPRESA Milano, 10 e 11 dicembre 2001 Il corso si completa in rete

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L.

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L. DATA WAREHOUSE Un Dataware House può essere definito come una base di dati di database. In molte aziende ad esempio ci potrebbero essere molti DB, per effettuare ricerche di diverso tipo, in funzione del

Dettagli

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Gli elementi chiave del db

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One

SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One La Soluzione per le piccole e medie imprese di impiantistica e macchinari myjob.e&c è la soluzione qualificata mysap All-in-One basata su mysap

Dettagli

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione La missione Affiancare le aziende clienti nello sviluppo e controllo del loro business Servire il suo Cliente con una offerta illimitata e mirata a risolvere le Sue principali esigenze Selezionare Partners

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Data warehouse Introduzione

Data warehouse Introduzione Database and data mining group, Data warehouse Introduzione INTRODUZIONE - 1 Pag. 1 Database and data mining group, Supporto alle decisioni aziendali La maggior parte delle aziende dispone di enormi basi

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

elios SOFTWARE SISTEMA GESTIONALE PER LA PMI Helios - Sistema Gestionale Integrato per la PMI

elios SOFTWARE SISTEMA GESTIONALE PER LA PMI Helios - Sistema Gestionale Integrato per la PMI elios GESTIONALE PER LE PMI SISTEMA SOFTWARE GESTIONALE PER LA PMI Helios - Sistema Gestionale Integrato per la PMI L applicativo software per la Gestione delle Attività Aziendali ERP HELIOS GESTIONE PRODUZIONE

Dettagli

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA A.A. 2012-2013 Mercoledi 7 marzo 2012 La Business Intelligence verso il 2015: Il Collaborative Decision Making Cos è la Business Intelligence (1)

Dettagli

Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici

Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici Jennifer Moro Indice L organizzazione: funzioni o processi? Le tecnologie e i cambiamenti organizzativi ERP di cosa stiamo parlando?

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. prof. Stefano Pedrini stefano.pedrini@unibg.it

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. prof. Stefano Pedrini stefano.pedrini@unibg.it UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini stefano.pedrini@unibg.it Introduzione al corso (Contenuti, Testi, Esami, Calendario e orari, Riferimenti)

Dettagli

Identificazione degli indicatori utili ai manager

Identificazione degli indicatori utili ai manager Identificazione degli indicatori utili ai manager La rappresentatività delle informazioni direzionali QUALI INDICATORI SONO UTILI A CIASCUN MANAGER PER SUPPORTARE LE SUE DECISIONI? COME CONFEZIONARE TALI

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse

Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse Sommario Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse 1. Riassunto concetti principali dalle slide della lezione di teoria 2.Studio di caso : progettazione di un Data Warehouse di una catena

Dettagli

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Controllo di Gestione e Gestione Commesse TARGET DEL MODULO Il modulo Controllo di Gestione e Gestione Commesse di Passepartout Mexal è stato progettato

Dettagli

WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le seguenti aree: Data Warehousing. Business Intelligence. Disegno di architetture integrate

WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le seguenti aree: Data Warehousing. Business Intelligence. Disegno di architetture integrate Migliorare l organizzazione per migliorare la qualità delle decisioni. Migliorare la qualità dei collaboratori per migliorare il servizio alla clientela. WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Data Warehousing: concetti base e metodologie

Data Warehousing: concetti base e metodologie Data Warehousing: concetti base e metodologie Paolo Atzeni (con la collaborazione di Luca Cabibbo e Riccardo Torlone) Università di Roma Tre Dipartimento di Informatica e Automazione atzeni@dia.uniroma3.it

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE

LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE SCEGLIERE PER COMPETERE : Soluzione Sme.UP per i processi metallurgici e siderurgici La logica Bringing Light per il governo dell azienda

Dettagli

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing)

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Metodi e Modelli per il Supporto alle Decisioni 2002 Dipartimento di Informatica Sistemistica e Telematica (Dist) Il termine OLAP e l acronimo di On-Line

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione

I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione Elena Bisconti Business Developer Financial Management Solution Public Sector, SAS Il Processo di Pianificazione Integrato:

Dettagli

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence dal Controllo di Gestione alla strumenti strategici per la gestione delle imprese Giovanni Esposito Bergamo, 29 Ottobre 2012 dal Controllo di Gestione alla 25/10/2012 1 Agenda 14:00 Benvenuto Il Sistema

Dettagli

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE Modulo di Gestione Magazzino www.kisar.it JUNAK3 - SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE Il Sistema di Gestione Aziendale JUNAK3 è una piattaforma realizzata in ambiente Windows,

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

Sviluppo Applicazione di BI/DWH. con tecnologia Microsoft. per il supporto della catena logistica

Sviluppo Applicazione di BI/DWH. con tecnologia Microsoft. per il supporto della catena logistica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari di Modena Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) Sviluppo Applicazione di BI/DWH con tecnologia

Dettagli

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi vincenzo.calabro@computer.org Agenda Il ruolo dei Sistemi Informativi Nozioni Processi di business e SI Tipi di SI per il business Sistemi d impresa Tipi di

Dettagli

OLAP Evolus Suite. Analsysis and Reporting per tutte le Imprese

OLAP Evolus Suite. Analsysis and Reporting per tutte le Imprese Analsysis and Reporting per tutte le Imprese Di cosa si tratta INTRODUZIONE 3 OLAP EVOLUS 4 OLAP BUILDER 5 CONSOLE BUILDER 6 Fattori chiave Soluzione Plug&Play Analisi Predefinite Point & Click Personalizzabile

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo

Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo Introduzione Tutte le aziende, anche di medie o piccole dimensioni,

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344

Dettagli

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO DEL PERSONALE IN TURNAZIONE Di cosa si tratta? La Suite Archimede è uno strumento scalabile, pratico ed efficiente, per la pianificazione e la gestione strategica

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

1. Introduzione agli ERP e a SAP

1. Introduzione agli ERP e a SAP 1. Introduzione agli ERP e a SAP ERP (Enterprise Resource Planning) è un sistema informativo che integra tutti gli aspetti del business, inclusi la pianificazione, la realizzazione del prodotto (manufacturing),

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda Si Fides R7 Si Fides è un extended ERP realizzato interamente da Sinfo One. Si Fides nasce dalla conoscenza e dal monitoraggio dei processi dei nostri clienti e con i quali interagiamo in maniera proattiva.

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli