Premesse di storia dell arte contemporanea Potere e istituzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premesse di storia dell arte contemporanea Potere e istituzioni"

Transcript

1 Premesse di storia dell arte contemporanea Cosa stiamo conservando e cosa stiamo irrimediabilmente perdendo nella nostra storia dell arte recente? Vorrei partire da questa domanda che solo apparentemente può sembrare fuori luogo. Al contrario, credo, infatti, sia un quesito importante soprattutto perché non ci siamo mai trovati di fronte a una situazione simile a quella attuale in cui i problemi, che generalmente derivano dalla mancanza di fonti questione che assilla molti dei nostri colleghi storici dell arte che si occupano di periodi temporalmente distanti dal nostro, sono piuttosto causati dalla sovrabbondanza di informazioni, così come di artisti, mostre, musei, gallerie, riviste, cataloghi. La nostra preoccupazione aumenta se ci fermiamo a pensare che alla profusione di materiali non corrisponde necessariamente una accresciuta autorevolezza dei dati a cui è possibile accedere. Allora cosa dobbiamo trattenere, approfondire, studiare, conservare? Certamente ci troviamo in una situazione caotica che, in Italia ancor più che in altri Paesi, difficilmente riusciamo a dirimere. Nella nostra Penisola, infatti, non abbiamo solidi riferimenti riguardanti quella stretta fascia (in termini temporali) dell'attualità culturale e artistica, perché da tempo siamo privi di istituzioni che se ne occupino. Potere e istituzioni È facile osservare che le informazioni (e la facilità di accesso ad esse) aumentano proporzionalmente con l economia della mostra/opera/artista e con la centralità di potere dei luoghi in cui si espone. Certamente è possibile leggere quest ultima condizione come una costante del nostro lavoro: da sempre è più facile trovare materiali di archivio, informazioni precise su luoghi, avvenimenti, artefici e artefatti che si trovano nei centri più importanti, mentre diventa spesso complicato raggiungere un certo grado di informazioni per opere, anche molto significative, ma realizzate lontano dalla Storia che quasi sempre coincide con i poteri economici e politici. Ma quale sono i poteri che si sono interessati all'arte nell'italia di questi ultimi anni? Altra domanda a cui non è per nulla facile fornire una risposta. La più spontanea potrebbe essere che nessuno dei poteri forti si è mai occupato di arte perché, per usare un eufemismo, conta poco; almeno fino a quando non ne se ne intravedono dei benefici in termini di ritorno economico, tramite il turismo o i biglietti e il merchandising connesso alle mostre (o come modo di riciclare soldi, ma questa è un'altra storia). Ma è difficile fare i conti in questo campo e, soprattutto, i conti non sempre tornano, o almeno non tornano in tempi brevi, soprattutto se pensiamo in modo semplicistico che costruire un museo sia un investimento con un ritorno economico immediato. Certamente la

2 tentazione di riuscire a raggiungere i 5 milioni di visitatori annualmente ottenuti dalla Tate Modern di Londra, oppure dal Centre Pompidou a Parigi (esempio tanto fortunato da raddoppiare nella versione di Metz), così come l'impulso turistico ricevuto dalla Regione Basca con la realizzazione del Guggenheim progettato da Frank Gehry, sono un miraggio per ogni amministrazione. Ma questi esempi sono di difficile replicabilità non solo perché la situazione economica non favorisce tali investimenti, ma anche perché il senso delle istituzioni in Italia è prossimo allo zero. E tale ragionamento si può, purtroppo, estendere anche a musei o spazi espositivi molto più piccoli e con budget contenuti. In altre parole, per raggiungere dei risultati, anche in termini di biglietti emessi e di popolarità, è necessario credere nelle istituzioni: puntare a un gruppo di lavoro professionale che possa dedicarsi, con le proprie competenze e specificità, a un progetto qualificato. Insomma per progettare delle mostre è necessario scegliere persone che hanno studiato e continuano a farlo e affiancarle ad altre persone che hanno studiato e continuano a farlo e che siano in grado di costruire una collezione. Inoltre bisogna individuare esperti capaci di costruire una biblioteca specializzata, un archivio di documenti cartacei e uno multimediale... Accanto a loro un ufficio comunicazione... e una sezione commerciale... Insomma serve un gruppo di lavoro preparato. Un'istituzione in cui le persone chiamate a svolgere uno qualsiasi dei ruoli dal direttore al bibliotecario, dal tecnico degli allestimenti al responsabile dei prestiti siano selezionate per la loro professionalità. Osservando il panorama espositivo pubblico da questo punto di vista si fa davvero fatica a individuare l'esistenza di istituzioni in Italia. Ci sono musei e tanti spazi espositivi, ma le nomine sono ad esclusivo appannaggio della politica e tale procedura, soprattutto in Italia, non è certamente garanzia di professionalità. Non si può negare che ci siano anche validi professionisti all'interno dei musei, ma penso che si possa affermare con una certa sicurezza che non esistono (quasi) istituzioni. Non molto tempo fa ho sentito l'assessore alla cultura del comune di Milano, Massimiliano Finazzer Flory, affermare che non c'era bisogno di un direttore del Padiglione d'arte Contemporanea perché tanto la programmazione l'avrebbe fatta direttamente lui. Una dichiarazione significativa di quanto la politica tenga in conto della professionalità. Ma tanto, si potrebbe dire, si parla di gusti personali: a me piace il pesce a te la carne; a me piacciono Cattelan e Damien Hirst, a te Richter e Paladino. Insomma ci vuole tanto a scegliere degli artisti? Naturalmente il problema è che si vogliono organizzare eventi, non creare istituzioni che, tra l'altro, pretendono la loro autonomia. Quindi non si vuole costruire cultura, ma offrire al pubblico cose divertenti e popolari. Per tanto Regioni o Comuni non si contendono i validi professionisti, ma i Goldin bravi a vendere neve e impressionismo. E se non si debbono approfondire temi, o creare mostre al termine di uno studio serio e approfondito sull'argomento, ha ragione Finazzer Flory: la

3 programmazione del PAC la può fare lui, almeno si risparmia una lauta parcella per la consulenza. Però, per favore, non parliamo più di valori né, tanto meno, di meritocrazia. E rassegnamoci pure all'evidenza che, se la protervia della politica è sintetizzata in quella frase (così come la mancanza di una politica culturale seria), essa cela, anche, la mancanza di progettualità e di credibilità della classe intellettuale italiana. (Se poi qualcuno mi può spiegare perché la società civile dovrebbe sostituire i politici e i politici possono fare i direttori di museo gliene sarò grato). Lo spazio lasciato vuoto dalle istituzioni pubbliche in qualche caso è stato occupato dalle Fondazioni. Alcune con l'intento di sopperire ai vuoti nel settore divulgativo/educativo, come la Fondazione Ratti che organizza questo dibattito (oppure la Bevilacqua La Masa, Dena), altre con un obiettivo più mirato a valorizzare le proprie collezioni rendendole fruibili al pubblico (Nomas, Remotti, Giuliani), a volte proponendosi come veri e propri spazi espositivi permanenti (Sandretto Re Rebaudengo). Altre ancora con il fine di autopromuovere un marchio (Prada o Trussardi) attraverso mostre di straordinario profilo; e per finire ci sono anche fondazioni nate direttamente dagli sforzi di un singolo artista (Pistoletto, Merz, Pomodoro). Nonostante la situazione non sia sempre confortante, negli ultimi anni si è assistito a un progressivo aumento dell'attenzione da parte delle istituzioni nei riguardi dell'arte contemporanea. Nuovi musei e nuovo spazi espositivi sono stati aperti, anche se non sono sicuro che tale investimento di risorse e di energie corrisponda a un effettivo miglioramento dello stato delle cose. Indubitabilmente l'offerta espositiva è cresciuta e questo è senz'altro un dato incontrovertibile e positivo. Ma per cambiare veramente la situazione in Italia non dovremmo cambiare il modo di fare le cose e non soltanto farne di più? Curatori Una delle tante conseguenza che tale situazione ha comportato è la formazione di una generazione di curatori che raramente si sono confrontati con un lavoro serio e meticoloso sulle motivazioni e le esigenze sottese alla creazione di una mostra. La "normalità" nella pratica curatoriale consiste nel doversi arrangiare per diventare bravi nelle public relations, soprattutto nella capacità di tessere una rete di conoscenze nella sfera politica, e nella ricerca di sponsor, che spesso, nell'impossibilità di trovarne, si risolve nella formazione di un gruppo di interessi comuni con gallerie e/o collezionisti (che ovviamente perseguono i loro). È ovvio che in queste condizioni vige il convincimento che essere informati equivalga esattamente a essere preparati. Ma dar vita a un evento, mettendo insieme artisti più o meno presenti nelle riviste e nelle gallerie di tendenza, non è esattamente equivalente a condurre uno studio solo al termine del quale si può presentare un progetto espositivo. E se rivolgiamo lo sguardo ai nostri maestri Bonito Oliva, Celant, Barilli,

4 ecc., che certamente hanno affrontato molto seriamente problemi storico critici, non possiamo non constatare che l'unico modo per avere successo è creare una propria scuderia di artisti (con annessi galleristi e sostenitori vari). E, guardando con un po' di distacco storico gli avvenimenti, non vi sembrano poco più che pretesti formali le motivazioni che inducevano tali critici ad ascrivere all'interno di un gruppo artisti così diversi tra loro come Alighiero Boetti e Luciano Fabro o Nicola De Maria e Francesco Clemente, o anche Salvo e Luciano Bartolini? Se ci soffermiamo ad analizzare l impostazione curatoriale di Celant che forse è stato il curatore italiano che è stato più presente nelle istituzioni internazionali possiamo facilmente notare che ha escluso ogni artista che avesse scelto nello sviluppo del proprio lavoro aspetti narrativi, o che fosse legato ai media utilizzati, o i cui lavori fossero esplicitamente politici (nonostante, inizialmente parlasse di arte di guerriglia). Addirittura, sono stati estromessi tutti gli artisti esplicitamente realisti, e tali scelte hanno tarpato, per esempio, possibili sviluppi dell arte Pop o serie riflessioni politiche del lavoro artistico. Quello che Celant aveva costruito era un gruppo solido, formato esclusivamente da uomini, con un linguaggio internazionale efficace di poetiche condivise, negli anni Sessanta, in gran parte dell occidente. Una perfetta macchina per riuscire a costruire un'identità fittizia con un gruppo di bravi e bravissimi artisti che però forse non avevano bisogno (se non in termini di mercato o di autoaffermazione) che le loro opere fossero lette nell'ambito di quel "formato famiglia" che è stata l'arte Povera. Formato che sembra non passare mai di moda in Italia. E quando si costruiscono le famiglie, inevitabilmente, non si costruiscono le generazioni successive in nome della professionalità, bensì del clientelismo anche quando si è perfettamente in buona fede nel puntare sulla qualità di un gruppo di artisti. Gallerie e mercato Allora come ha funziona il sistema italiano? Ci sono le gallerie che sono state per molti anni lo snodo più importante ed efficiente del sistema artistico italiano. Le gallerie ci hanno permesso di vedere le mostre degli artisti stranieri più importanti, hanno sostenuto gli artisti italiani, hanno dato da vivere a riviste d'arte (facendo pubblicità sulle loro pagine) e case editrici (stampando cataloghi). E naturalmente ci sono i collezionisti, che hanno continuato a credere nell'arte e negli artisti (oltre che nei galleristi che li rappresentavano), forse vero motore di tutto il sistema di cui facciamo parte. Ci sono buone gallerie e pessime gallerie, ma si deve riconoscere che, nonostante l'inefficenza e la latitanza pubblica, questo segmento del sistema ha lavorato abbastanza bene, fermo restando che non sono le gallerie private a poter assolvere ai compiti che spettano alle istituzioni. Sicuramente le gallerie hanno svolto la loro parte stabilendo, secondo il proprio punto di vista, gerarchie e valori, e poco importa se sempre non coincidono con le mie valutazioni.

5 Essere supportati dal mercato e dal sistema dell arte non può essere considerato come un segno assoluto e incontrovertibile di qualità del lavoro, ma, tuttavia, non bisogna rifiutarsi di interessarsi al mainstream adducendo come scusa l'asservimento dell'opera al mercato, come è stato a volte sostenuto (soprattutto nei fatti) nella nostre università. Oltretutto, spostato in chiave storica, tale atteggiamento equivarrebbe a sostenere che è importante e utile occuparsi soltanto dei fenomeni artistici lontani dalle grandi committenze. Più laicamente potremmo affermare che l interesse da parte del mercato e delle istituzioni museali (che spesso sostengono e fiancheggiano il sistema economico che supporta anche loro) vada considerato un dato. Un dato significativo perché nessuno tra i professionisti dell arte contemporanea vuole mettere a repentaglio la propria reputazione con scelte che non corrispondono a un criterio di qualità. Allo stesso tempo, solo pochi tra i curatori sono disposti a uscire dal coro per sostenere posizioni poco funzionali e non condivise dal sistema stesso (anche perché chi finanzierebbe le mostre e il proprio lavoro?) che necessita di merce non di idee, di oggetti e non di posizioni critiche. Anche se, l'esperienza recente lo dimostra, tutto performance, azioni politiche, relazioni intersoggettive può diventare oggetto e merce. I problemi nascono quando il sistema è monodimensionale. A quel punto l'arte che viene supportata diventa conformista anche se utilizza la novità e la trasgressione come armi a propria disposizione. È pur vero che in teoria, il sistema stesso potrebbe smentire la mia affermazione proponendo artisti e opere che per loro natura sono anticonformisti e poco disposti ad andare incontro all'esigenza del mercato di produrre valori (relativamente) duraturi. Ed è vero anche che spesso le stesse gallerie si disputano l artista più provocatorio perché incarna il condiviso clichè che dell artista anticonformista, innovativo, trasgressivo (o quanto meno ironico). Difficile quindi sposare in toto uno dei due estremi, ma, entrando più nel dettaglio del caso Italia e delle sue anomalie, non si può non sottolineare come la mancanza quasi totale di un articolazione del sistema che si appiattisce sul lavoro (spesso mirabile) fatto dalle gallerie italiane ci obblighi a una riflessione su quanto sia diventata condizionante la monodimensionalità del sistema. In varie occasioni è risultato evidente che alcune sperimentazioni, legate alla performance o alla realizzazione di installazioni deperibili, sono state trascurate dal sistema di gallerie che intendeva proporre ai propri collezionisti opere oggettuali oppure ricorrere esclusivamente al più tradizionalmente media pittorico. E i diversi e ricorrenti ritorni alla pittura che hanno attraversato il corso del Novecento ne sono una chiara prova. Fernando De Filippi, ad esempio, sostiene di aver smesso di fare performance e di aver integralmente e esclusivamente abbracciato la pittura soprattutto per mancanza di committenza e di concrete possibilità di sostenersi economicamente con un lavoro effimero e politico quale era il suo prima dell'addomesticamento del mercato. Le affermazioni di un artista come lui, che ha lungamente ricoperto posizione centrali nel nostro

6 sistema dell arte (per esempio come direttore dell accademia di Brera), anche se possono sembrare un'ottima e intelligente attenuante per i suoi cedimenti al mercato, ci fanno riflettere sulle carenze di fondo di un sistema completamente abbandonato a se stesso. Si può dedurre dalle sue parole quanto fosse condizionante la pressione dell'economia non soltanto nella richiesta da parte di gallerie e collezionisti di un particolare tipo di opere quadri che potessero essere facilmente immessi nel flusso economico, possibilmente figurativi e decorativi ma anche nell imporre, in modo più o meno evidente, scelte tematiche e perfino tecniche. Università e accademie Anche il sistema educativo e di ricerca ha le sue responsabilità. È, infatti, difficile pensare che un sistema sia sano se gli spazi del dibattito intellettuale sul contemporaneo hanno, nella maggior parte dei casi, abdicato al proprio ruolo. È raro che le università si siano occupate di ciò che è successo nel mondo delle mostre dagli anni Sessanta, Settanta in poi. Chi si occupa di quanto è accaduto successivamente a quelle date è spesso considerato con sospetto e ridotto al ruolo di critico militante e non di storico dell'arte. Ovviamente ci sono alcune buone ragioni per sostenere tale posizione, ma bisogna essere consapevoli che rinunciando a quel ruolo le pubblicazioni che sono state editate negli ultimi anni sono state quasi esclusivamente cataloghi, commissionati da musei o da gallerie private, che hanno avuto (nella stragrande maggioranza dei casi) il compito di sottolineare l'importanza degli artisti che si volevano sostenere o di celebrare la qualità delle mostre che si intendeva promuovere senza che venga istillato alcun dubbio o si insinuino posizioni critiche. Negli ultimi anni qualcosa, faticosamente, sta cambiando. Sono stati pubblicati alcuni volumi che, con risultati altalenanti, cercano di affrontare il caos in cui ci troviamo immersi. A questo punto proviamo a porci una semplice domanda: quali libri sulla contemporaneità italiana suggerireste di tradurre e pubblicare a un editore straniero? Ci sono alcuni saggi su singoli artisti di un buon livello critico-teorico, ma sono davvero scarse le letture di situazioni più complesse, anche perché la possibilità di stampare un libro rimane quasi sempre legata a un evento espositivo. A ulteriore conferma di ciò è sufficiente ricordare il numero di October, prestigiosissima rivista dell MIT, che vede tra le sue firme Rosalind Krauss, Hal Foster, o Benjamin Buchloh (vincitore del leone d oro per la critica a Venezia) n.124 del 2008, dedicato interamente all arte in Italia nel dopoguerra, in cui non è stato invitato nessun critico italiano per la stesura dei testi. Forse tale scelta denuncia anche residui di colonialismo misti all'incredulità che coglie ogni studioso straniero quando si trova a contatto con la situazione istituzionale italiana provate a spiegare a uno straniero le affermazioni di Finazzer Flory... ma, tutto sommato, tali esclusioni, per quanto per noi dolorose, sono giustificabili.

7 Se poi rivolgiamo lo sguardo alle Accademie il giudizio si fa ancora più impietoso. Il livello dell'insegnamento (con alcune lodevoli eccezioni) è penosamente basso. Il sistema di reclutamento oscuro e antimeritocratico. Le accademie, pertanto, sono affollate da insegnanti/artisti che riversano le frustrazioni del proprio mancato riconoscimento su studenti che rimarranno ignari di processi e ricerche attuali (almeno finché non decidono di cercare possibili fonti alternative da soli) e che verranno indotti a rifugiarsi nel mito romantico dell'artista incompreso. Non è del resto tanto meglio imbattersi in professionisti che cercano di formare artisti manager, pronti a combattere nelle maglie del mercato per raggiungere il loro posto al sole, senza fornire loro gli strumenti per interrogarsi sulle posizione che vogliono assumere, sui tei di cui vogliono occuparsi con le loro ricerche, senza, insomma stimolare una sana riflessione teorica sul ruolo di artista. profit e no-profit Un altro tassello di un sistema sano è costituito dagli spazi autonomi di progettazione. Siano essi artists run space, associazione culturali, project room, o, come si è usi scrivere, spazi no profit. Questo genere di luoghi costituisce una rete di conoscenze e di sperimentazione molto utile alla crescita sia quantitativa sia qualitativa di un sistema. A parte il pionieristico lavoro fatto a Milano da Careof e Viafarini (che da qualche anno hanno unito gli sforzi oltre che i loro preziosi archivi) e, in parte, dalla galleria Neon di Bologna (che ha sempre agito da associazione culturale più che da galleria), non abbiamo avuto in Italia una grande tradizione di spazi no profit, ma la nostra discussione non è che una conseguenza di ciò negli ultimi anni sono proprio loro la vera risorsa inaspettata di quel sistema monodimensionale i cui limiti lamentavo prima. Non cercherò di entrare nelle questioni specifiche del reperimento delle risorse (se ne sta occupando con grande professionalità Marina Sorbello), e mi limiterò a sollecitare delle riflessioni da parte dei nostri interlocutori Emanuela De Cecco e Stefano Chiodi entrambi alle prese con l'insegnamento in università e con la scrittura critica. Insomma le lamentazioni, che giustamente caratterizzano e monopolizzano ogni incontro sulla situazione italiana, le ho anticipate già io (anche se mi sono limitato a elencarle senza pretesa di esaustività), e l'intento di questa giornata è capire come proprio dalla bizzarra e anarchica conformazione del sistema Italia siano emerse sacche di resistenza e di sperimentazione e come tali esperienze possono diventare le basi su cui imbastire i nostri ragionamenti. Il sistema non profit (e non solo) è stato, quindi, messo al centro del nostro dibattito per capire come i difetti si possano trasformare, se non in pregi, almeno (parzialmente) in spunti di riflessione e ipotesi per un miglioramento della situazione.

8 Una serie di domande per iniziare il dibattito Le istituzioni, da me tanto invocate, sono anche un sistema coercitivo di condizionamento dei processi artistici. Quali spazi di ricerca, che in situazioni più strutturate non esistono, sono rimasti aperti o sono nati proprio a causa delle deficienze italiane? Che ruolo possono avere gli spazi non profit nel creare le premesse per un sistema maggiormente indipendente rispetto al mercato e alla mercificazione che viene richiesta all'artista? Che aspettativa di vita hanno tali esperienze? Sono solo il risultato di esigenze contingenti o si può ipotizzare la crescita o la stabile presenza di tale modello? C'è una specificità delle esperienze legate alla programmazione, alle modalità espositive e progettuali promosse da queste realtà o hanno solo cercato di supplire alle carenze del sistema? Ci sono artisti, esperienze, modalità di approccio all'arte che potrebbero nascere e svilupparsi proprio grazie a tali condizioni? La struttura complessa e contraddittoria dello sviluppo degli spazi non profit può essere rappresentativo di un sistema, per dirla con le parole di Bauman, liquido? E in questo caso corrisponde anche un'evoluzione auspicabile, più feconda di sviluppi che possiamo convenire come positivi?

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi Presentazione Di anno in anno, alle aziende nonprofit si richiede di assistere sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte aziende nonprofit

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura Il valore economico della cultura: come reinvestire l indotto generato dalla produzione culturale Intervento del Sindaco di Siena Franco Ceccuzzi

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Le frasi sono state mescolate

Le frasi sono state mescolate Roma o Venezia? 1 Questo percorso ti aiuterà a capire che cosa sia e come si costruisca un testo argomentativo Nella prossima pagina troverai un testo in cui ad ogni frase corrisponde un diverso colore.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1

Dettagli

IL LINGUAGGIO DELLA VENDITA

IL LINGUAGGIO DELLA VENDITA IL LINGUAGGIO DELLA VENDITA 1 -Che fare, se non si nasce Venditori? Non necessariamente si nasce venditori. Non necessariamente a chi non nasce venditore, però, è impedito di imparare a vendere. Certo,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013 Elenco e Programmi dei candidati ISIA Firenze, aprile 2010 ELENCO DEI CANDIDATI PER LA CONSULTA DEGLI STUDENTI TRIENNIO 2010-2013

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

Crediti? Mutui? Non servono più!

Crediti? Mutui? Non servono più! Crediti? Mutui? Non servono più! La formula beepartner rende i nostri patrimoni: Compravendibili senza che l acquirente debba accedere al credito Una fonte di reddito garantito Interessanti come investimento...e

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

Il centro diurno per disabili secondo me

Il centro diurno per disabili secondo me Gruppo Solidarietà Il centro diurno per disabili secondo me Il Gruppo Solidarietà ha promosso lo scorso 5 novembre presso la propria sede un seminario di ricerca, dal titolo Il centro diurno per disabili

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

COSA POSSO FARE PER AMPLIFICARE LA PERCEZIONE DI VALORE DEL MIO OPERATO NEI CONFRONTI DEI MIEI CLIENTI ATTUALI E POTENZIALI

COSA POSSO FARE PER AMPLIFICARE LA PERCEZIONE DI VALORE DEL MIO OPERATO NEI CONFRONTI DEI MIEI CLIENTI ATTUALI E POTENZIALI COSA POSSO FARE PER AMPLIFICARE LA PERCEZIONE DI VALORE DEL MIO OPERATO NEI CONFRONTI DEI MIEI CLIENTI ATTUALI E POTENZIALI 25 20 15 10 5 0 Comunicazione Personalizzata ed originale Area Informazione Cambio

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

BANDO PER L'AMMISIONE AL MASTER ACCADEMICO. Organizzazione E Comunicazione Delle Arti Visive

BANDO PER L'AMMISIONE AL MASTER ACCADEMICO. Organizzazione E Comunicazione Delle Arti Visive 1 BANDO PER L'AMMISIONE AL MASTER ACCADEMICO Organizzazione E Comunicazione Delle Arti Visive L'Accademia di Belle Arti di Brera nel quadro di un progetto formativo Comunità Europea / Fondo Sociale Europeo

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

COME GESTIRE UN BLOG AZIENDALE

COME GESTIRE UN BLOG AZIENDALE Registro 10 COME GESTIRE UN BLOG AZIENDALE Consigli per comunicare con efficacia TIPS&TRICKS DI RICCARDO SCANDELLARI INDEX 3 5 9 13 Introduzione Blog aziendale: a chi serve e perché Come usare efficacemente

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Come Attuare il Cambiamento Attraverso la PNQ e il Modellamento della Realtà 2 Titolo LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Autore Luca Clun Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Beauty Business Coaching

Beauty Business Coaching Beauty Business Coaching Il trainer del corso Sono Marco Postiglione, mi occupo di formazione alla vendita da più di 15 anni e sono il primo formatore e consulente aziendale (oggi è più di moda dire business

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO

LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO di Stefano Inverardi (Responsabile Divisione Tutela Credito di SESVIL srl) E indubbio che la crisi economica ha avuto effetti anche e soprattutto

Dettagli

Clara Caselli, Organizzazioni non profit e sviluppo: il caso del Cono Norte di Lima, 2005

Clara Caselli, Organizzazioni non profit e sviluppo: il caso del Cono Norte di Lima, 2005 n. 2-2015 Clara Caselli, Organizzazioni non profit e sviluppo: il caso del Cono Norte di Lima, 2005 Mario Molteni Abstract Mario Molteni presenta l articolo Organizzazioni non profit e sviluppo: il caso

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME Con la firma del CIR 2012/2013, avvenuta il giorno 15 maggio

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù Bollettino Itals Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù di Francesca Tammaccaro Gaia Chiuchiù si è laureata in linguistica applicata con una tesi sperimentale. È attualmente responsabile

Dettagli