Premesse di storia dell arte contemporanea Potere e istituzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premesse di storia dell arte contemporanea Potere e istituzioni"

Transcript

1 Premesse di storia dell arte contemporanea Cosa stiamo conservando e cosa stiamo irrimediabilmente perdendo nella nostra storia dell arte recente? Vorrei partire da questa domanda che solo apparentemente può sembrare fuori luogo. Al contrario, credo, infatti, sia un quesito importante soprattutto perché non ci siamo mai trovati di fronte a una situazione simile a quella attuale in cui i problemi, che generalmente derivano dalla mancanza di fonti questione che assilla molti dei nostri colleghi storici dell arte che si occupano di periodi temporalmente distanti dal nostro, sono piuttosto causati dalla sovrabbondanza di informazioni, così come di artisti, mostre, musei, gallerie, riviste, cataloghi. La nostra preoccupazione aumenta se ci fermiamo a pensare che alla profusione di materiali non corrisponde necessariamente una accresciuta autorevolezza dei dati a cui è possibile accedere. Allora cosa dobbiamo trattenere, approfondire, studiare, conservare? Certamente ci troviamo in una situazione caotica che, in Italia ancor più che in altri Paesi, difficilmente riusciamo a dirimere. Nella nostra Penisola, infatti, non abbiamo solidi riferimenti riguardanti quella stretta fascia (in termini temporali) dell'attualità culturale e artistica, perché da tempo siamo privi di istituzioni che se ne occupino. Potere e istituzioni È facile osservare che le informazioni (e la facilità di accesso ad esse) aumentano proporzionalmente con l economia della mostra/opera/artista e con la centralità di potere dei luoghi in cui si espone. Certamente è possibile leggere quest ultima condizione come una costante del nostro lavoro: da sempre è più facile trovare materiali di archivio, informazioni precise su luoghi, avvenimenti, artefici e artefatti che si trovano nei centri più importanti, mentre diventa spesso complicato raggiungere un certo grado di informazioni per opere, anche molto significative, ma realizzate lontano dalla Storia che quasi sempre coincide con i poteri economici e politici. Ma quale sono i poteri che si sono interessati all'arte nell'italia di questi ultimi anni? Altra domanda a cui non è per nulla facile fornire una risposta. La più spontanea potrebbe essere che nessuno dei poteri forti si è mai occupato di arte perché, per usare un eufemismo, conta poco; almeno fino a quando non ne se ne intravedono dei benefici in termini di ritorno economico, tramite il turismo o i biglietti e il merchandising connesso alle mostre (o come modo di riciclare soldi, ma questa è un'altra storia). Ma è difficile fare i conti in questo campo e, soprattutto, i conti non sempre tornano, o almeno non tornano in tempi brevi, soprattutto se pensiamo in modo semplicistico che costruire un museo sia un investimento con un ritorno economico immediato. Certamente la

2 tentazione di riuscire a raggiungere i 5 milioni di visitatori annualmente ottenuti dalla Tate Modern di Londra, oppure dal Centre Pompidou a Parigi (esempio tanto fortunato da raddoppiare nella versione di Metz), così come l'impulso turistico ricevuto dalla Regione Basca con la realizzazione del Guggenheim progettato da Frank Gehry, sono un miraggio per ogni amministrazione. Ma questi esempi sono di difficile replicabilità non solo perché la situazione economica non favorisce tali investimenti, ma anche perché il senso delle istituzioni in Italia è prossimo allo zero. E tale ragionamento si può, purtroppo, estendere anche a musei o spazi espositivi molto più piccoli e con budget contenuti. In altre parole, per raggiungere dei risultati, anche in termini di biglietti emessi e di popolarità, è necessario credere nelle istituzioni: puntare a un gruppo di lavoro professionale che possa dedicarsi, con le proprie competenze e specificità, a un progetto qualificato. Insomma per progettare delle mostre è necessario scegliere persone che hanno studiato e continuano a farlo e affiancarle ad altre persone che hanno studiato e continuano a farlo e che siano in grado di costruire una collezione. Inoltre bisogna individuare esperti capaci di costruire una biblioteca specializzata, un archivio di documenti cartacei e uno multimediale... Accanto a loro un ufficio comunicazione... e una sezione commerciale... Insomma serve un gruppo di lavoro preparato. Un'istituzione in cui le persone chiamate a svolgere uno qualsiasi dei ruoli dal direttore al bibliotecario, dal tecnico degli allestimenti al responsabile dei prestiti siano selezionate per la loro professionalità. Osservando il panorama espositivo pubblico da questo punto di vista si fa davvero fatica a individuare l'esistenza di istituzioni in Italia. Ci sono musei e tanti spazi espositivi, ma le nomine sono ad esclusivo appannaggio della politica e tale procedura, soprattutto in Italia, non è certamente garanzia di professionalità. Non si può negare che ci siano anche validi professionisti all'interno dei musei, ma penso che si possa affermare con una certa sicurezza che non esistono (quasi) istituzioni. Non molto tempo fa ho sentito l'assessore alla cultura del comune di Milano, Massimiliano Finazzer Flory, affermare che non c'era bisogno di un direttore del Padiglione d'arte Contemporanea perché tanto la programmazione l'avrebbe fatta direttamente lui. Una dichiarazione significativa di quanto la politica tenga in conto della professionalità. Ma tanto, si potrebbe dire, si parla di gusti personali: a me piace il pesce a te la carne; a me piacciono Cattelan e Damien Hirst, a te Richter e Paladino. Insomma ci vuole tanto a scegliere degli artisti? Naturalmente il problema è che si vogliono organizzare eventi, non creare istituzioni che, tra l'altro, pretendono la loro autonomia. Quindi non si vuole costruire cultura, ma offrire al pubblico cose divertenti e popolari. Per tanto Regioni o Comuni non si contendono i validi professionisti, ma i Goldin bravi a vendere neve e impressionismo. E se non si debbono approfondire temi, o creare mostre al termine di uno studio serio e approfondito sull'argomento, ha ragione Finazzer Flory: la

3 programmazione del PAC la può fare lui, almeno si risparmia una lauta parcella per la consulenza. Però, per favore, non parliamo più di valori né, tanto meno, di meritocrazia. E rassegnamoci pure all'evidenza che, se la protervia della politica è sintetizzata in quella frase (così come la mancanza di una politica culturale seria), essa cela, anche, la mancanza di progettualità e di credibilità della classe intellettuale italiana. (Se poi qualcuno mi può spiegare perché la società civile dovrebbe sostituire i politici e i politici possono fare i direttori di museo gliene sarò grato). Lo spazio lasciato vuoto dalle istituzioni pubbliche in qualche caso è stato occupato dalle Fondazioni. Alcune con l'intento di sopperire ai vuoti nel settore divulgativo/educativo, come la Fondazione Ratti che organizza questo dibattito (oppure la Bevilacqua La Masa, Dena), altre con un obiettivo più mirato a valorizzare le proprie collezioni rendendole fruibili al pubblico (Nomas, Remotti, Giuliani), a volte proponendosi come veri e propri spazi espositivi permanenti (Sandretto Re Rebaudengo). Altre ancora con il fine di autopromuovere un marchio (Prada o Trussardi) attraverso mostre di straordinario profilo; e per finire ci sono anche fondazioni nate direttamente dagli sforzi di un singolo artista (Pistoletto, Merz, Pomodoro). Nonostante la situazione non sia sempre confortante, negli ultimi anni si è assistito a un progressivo aumento dell'attenzione da parte delle istituzioni nei riguardi dell'arte contemporanea. Nuovi musei e nuovo spazi espositivi sono stati aperti, anche se non sono sicuro che tale investimento di risorse e di energie corrisponda a un effettivo miglioramento dello stato delle cose. Indubitabilmente l'offerta espositiva è cresciuta e questo è senz'altro un dato incontrovertibile e positivo. Ma per cambiare veramente la situazione in Italia non dovremmo cambiare il modo di fare le cose e non soltanto farne di più? Curatori Una delle tante conseguenza che tale situazione ha comportato è la formazione di una generazione di curatori che raramente si sono confrontati con un lavoro serio e meticoloso sulle motivazioni e le esigenze sottese alla creazione di una mostra. La "normalità" nella pratica curatoriale consiste nel doversi arrangiare per diventare bravi nelle public relations, soprattutto nella capacità di tessere una rete di conoscenze nella sfera politica, e nella ricerca di sponsor, che spesso, nell'impossibilità di trovarne, si risolve nella formazione di un gruppo di interessi comuni con gallerie e/o collezionisti (che ovviamente perseguono i loro). È ovvio che in queste condizioni vige il convincimento che essere informati equivalga esattamente a essere preparati. Ma dar vita a un evento, mettendo insieme artisti più o meno presenti nelle riviste e nelle gallerie di tendenza, non è esattamente equivalente a condurre uno studio solo al termine del quale si può presentare un progetto espositivo. E se rivolgiamo lo sguardo ai nostri maestri Bonito Oliva, Celant, Barilli,

4 ecc., che certamente hanno affrontato molto seriamente problemi storico critici, non possiamo non constatare che l'unico modo per avere successo è creare una propria scuderia di artisti (con annessi galleristi e sostenitori vari). E, guardando con un po' di distacco storico gli avvenimenti, non vi sembrano poco più che pretesti formali le motivazioni che inducevano tali critici ad ascrivere all'interno di un gruppo artisti così diversi tra loro come Alighiero Boetti e Luciano Fabro o Nicola De Maria e Francesco Clemente, o anche Salvo e Luciano Bartolini? Se ci soffermiamo ad analizzare l impostazione curatoriale di Celant che forse è stato il curatore italiano che è stato più presente nelle istituzioni internazionali possiamo facilmente notare che ha escluso ogni artista che avesse scelto nello sviluppo del proprio lavoro aspetti narrativi, o che fosse legato ai media utilizzati, o i cui lavori fossero esplicitamente politici (nonostante, inizialmente parlasse di arte di guerriglia). Addirittura, sono stati estromessi tutti gli artisti esplicitamente realisti, e tali scelte hanno tarpato, per esempio, possibili sviluppi dell arte Pop o serie riflessioni politiche del lavoro artistico. Quello che Celant aveva costruito era un gruppo solido, formato esclusivamente da uomini, con un linguaggio internazionale efficace di poetiche condivise, negli anni Sessanta, in gran parte dell occidente. Una perfetta macchina per riuscire a costruire un'identità fittizia con un gruppo di bravi e bravissimi artisti che però forse non avevano bisogno (se non in termini di mercato o di autoaffermazione) che le loro opere fossero lette nell'ambito di quel "formato famiglia" che è stata l'arte Povera. Formato che sembra non passare mai di moda in Italia. E quando si costruiscono le famiglie, inevitabilmente, non si costruiscono le generazioni successive in nome della professionalità, bensì del clientelismo anche quando si è perfettamente in buona fede nel puntare sulla qualità di un gruppo di artisti. Gallerie e mercato Allora come ha funziona il sistema italiano? Ci sono le gallerie che sono state per molti anni lo snodo più importante ed efficiente del sistema artistico italiano. Le gallerie ci hanno permesso di vedere le mostre degli artisti stranieri più importanti, hanno sostenuto gli artisti italiani, hanno dato da vivere a riviste d'arte (facendo pubblicità sulle loro pagine) e case editrici (stampando cataloghi). E naturalmente ci sono i collezionisti, che hanno continuato a credere nell'arte e negli artisti (oltre che nei galleristi che li rappresentavano), forse vero motore di tutto il sistema di cui facciamo parte. Ci sono buone gallerie e pessime gallerie, ma si deve riconoscere che, nonostante l'inefficenza e la latitanza pubblica, questo segmento del sistema ha lavorato abbastanza bene, fermo restando che non sono le gallerie private a poter assolvere ai compiti che spettano alle istituzioni. Sicuramente le gallerie hanno svolto la loro parte stabilendo, secondo il proprio punto di vista, gerarchie e valori, e poco importa se sempre non coincidono con le mie valutazioni.

5 Essere supportati dal mercato e dal sistema dell arte non può essere considerato come un segno assoluto e incontrovertibile di qualità del lavoro, ma, tuttavia, non bisogna rifiutarsi di interessarsi al mainstream adducendo come scusa l'asservimento dell'opera al mercato, come è stato a volte sostenuto (soprattutto nei fatti) nella nostre università. Oltretutto, spostato in chiave storica, tale atteggiamento equivarrebbe a sostenere che è importante e utile occuparsi soltanto dei fenomeni artistici lontani dalle grandi committenze. Più laicamente potremmo affermare che l interesse da parte del mercato e delle istituzioni museali (che spesso sostengono e fiancheggiano il sistema economico che supporta anche loro) vada considerato un dato. Un dato significativo perché nessuno tra i professionisti dell arte contemporanea vuole mettere a repentaglio la propria reputazione con scelte che non corrispondono a un criterio di qualità. Allo stesso tempo, solo pochi tra i curatori sono disposti a uscire dal coro per sostenere posizioni poco funzionali e non condivise dal sistema stesso (anche perché chi finanzierebbe le mostre e il proprio lavoro?) che necessita di merce non di idee, di oggetti e non di posizioni critiche. Anche se, l'esperienza recente lo dimostra, tutto performance, azioni politiche, relazioni intersoggettive può diventare oggetto e merce. I problemi nascono quando il sistema è monodimensionale. A quel punto l'arte che viene supportata diventa conformista anche se utilizza la novità e la trasgressione come armi a propria disposizione. È pur vero che in teoria, il sistema stesso potrebbe smentire la mia affermazione proponendo artisti e opere che per loro natura sono anticonformisti e poco disposti ad andare incontro all'esigenza del mercato di produrre valori (relativamente) duraturi. Ed è vero anche che spesso le stesse gallerie si disputano l artista più provocatorio perché incarna il condiviso clichè che dell artista anticonformista, innovativo, trasgressivo (o quanto meno ironico). Difficile quindi sposare in toto uno dei due estremi, ma, entrando più nel dettaglio del caso Italia e delle sue anomalie, non si può non sottolineare come la mancanza quasi totale di un articolazione del sistema che si appiattisce sul lavoro (spesso mirabile) fatto dalle gallerie italiane ci obblighi a una riflessione su quanto sia diventata condizionante la monodimensionalità del sistema. In varie occasioni è risultato evidente che alcune sperimentazioni, legate alla performance o alla realizzazione di installazioni deperibili, sono state trascurate dal sistema di gallerie che intendeva proporre ai propri collezionisti opere oggettuali oppure ricorrere esclusivamente al più tradizionalmente media pittorico. E i diversi e ricorrenti ritorni alla pittura che hanno attraversato il corso del Novecento ne sono una chiara prova. Fernando De Filippi, ad esempio, sostiene di aver smesso di fare performance e di aver integralmente e esclusivamente abbracciato la pittura soprattutto per mancanza di committenza e di concrete possibilità di sostenersi economicamente con un lavoro effimero e politico quale era il suo prima dell'addomesticamento del mercato. Le affermazioni di un artista come lui, che ha lungamente ricoperto posizione centrali nel nostro

6 sistema dell arte (per esempio come direttore dell accademia di Brera), anche se possono sembrare un'ottima e intelligente attenuante per i suoi cedimenti al mercato, ci fanno riflettere sulle carenze di fondo di un sistema completamente abbandonato a se stesso. Si può dedurre dalle sue parole quanto fosse condizionante la pressione dell'economia non soltanto nella richiesta da parte di gallerie e collezionisti di un particolare tipo di opere quadri che potessero essere facilmente immessi nel flusso economico, possibilmente figurativi e decorativi ma anche nell imporre, in modo più o meno evidente, scelte tematiche e perfino tecniche. Università e accademie Anche il sistema educativo e di ricerca ha le sue responsabilità. È, infatti, difficile pensare che un sistema sia sano se gli spazi del dibattito intellettuale sul contemporaneo hanno, nella maggior parte dei casi, abdicato al proprio ruolo. È raro che le università si siano occupate di ciò che è successo nel mondo delle mostre dagli anni Sessanta, Settanta in poi. Chi si occupa di quanto è accaduto successivamente a quelle date è spesso considerato con sospetto e ridotto al ruolo di critico militante e non di storico dell'arte. Ovviamente ci sono alcune buone ragioni per sostenere tale posizione, ma bisogna essere consapevoli che rinunciando a quel ruolo le pubblicazioni che sono state editate negli ultimi anni sono state quasi esclusivamente cataloghi, commissionati da musei o da gallerie private, che hanno avuto (nella stragrande maggioranza dei casi) il compito di sottolineare l'importanza degli artisti che si volevano sostenere o di celebrare la qualità delle mostre che si intendeva promuovere senza che venga istillato alcun dubbio o si insinuino posizioni critiche. Negli ultimi anni qualcosa, faticosamente, sta cambiando. Sono stati pubblicati alcuni volumi che, con risultati altalenanti, cercano di affrontare il caos in cui ci troviamo immersi. A questo punto proviamo a porci una semplice domanda: quali libri sulla contemporaneità italiana suggerireste di tradurre e pubblicare a un editore straniero? Ci sono alcuni saggi su singoli artisti di un buon livello critico-teorico, ma sono davvero scarse le letture di situazioni più complesse, anche perché la possibilità di stampare un libro rimane quasi sempre legata a un evento espositivo. A ulteriore conferma di ciò è sufficiente ricordare il numero di October, prestigiosissima rivista dell MIT, che vede tra le sue firme Rosalind Krauss, Hal Foster, o Benjamin Buchloh (vincitore del leone d oro per la critica a Venezia) n.124 del 2008, dedicato interamente all arte in Italia nel dopoguerra, in cui non è stato invitato nessun critico italiano per la stesura dei testi. Forse tale scelta denuncia anche residui di colonialismo misti all'incredulità che coglie ogni studioso straniero quando si trova a contatto con la situazione istituzionale italiana provate a spiegare a uno straniero le affermazioni di Finazzer Flory... ma, tutto sommato, tali esclusioni, per quanto per noi dolorose, sono giustificabili.

7 Se poi rivolgiamo lo sguardo alle Accademie il giudizio si fa ancora più impietoso. Il livello dell'insegnamento (con alcune lodevoli eccezioni) è penosamente basso. Il sistema di reclutamento oscuro e antimeritocratico. Le accademie, pertanto, sono affollate da insegnanti/artisti che riversano le frustrazioni del proprio mancato riconoscimento su studenti che rimarranno ignari di processi e ricerche attuali (almeno finché non decidono di cercare possibili fonti alternative da soli) e che verranno indotti a rifugiarsi nel mito romantico dell'artista incompreso. Non è del resto tanto meglio imbattersi in professionisti che cercano di formare artisti manager, pronti a combattere nelle maglie del mercato per raggiungere il loro posto al sole, senza fornire loro gli strumenti per interrogarsi sulle posizione che vogliono assumere, sui tei di cui vogliono occuparsi con le loro ricerche, senza, insomma stimolare una sana riflessione teorica sul ruolo di artista. profit e no-profit Un altro tassello di un sistema sano è costituito dagli spazi autonomi di progettazione. Siano essi artists run space, associazione culturali, project room, o, come si è usi scrivere, spazi no profit. Questo genere di luoghi costituisce una rete di conoscenze e di sperimentazione molto utile alla crescita sia quantitativa sia qualitativa di un sistema. A parte il pionieristico lavoro fatto a Milano da Careof e Viafarini (che da qualche anno hanno unito gli sforzi oltre che i loro preziosi archivi) e, in parte, dalla galleria Neon di Bologna (che ha sempre agito da associazione culturale più che da galleria), non abbiamo avuto in Italia una grande tradizione di spazi no profit, ma la nostra discussione non è che una conseguenza di ciò negli ultimi anni sono proprio loro la vera risorsa inaspettata di quel sistema monodimensionale i cui limiti lamentavo prima. Non cercherò di entrare nelle questioni specifiche del reperimento delle risorse (se ne sta occupando con grande professionalità Marina Sorbello), e mi limiterò a sollecitare delle riflessioni da parte dei nostri interlocutori Emanuela De Cecco e Stefano Chiodi entrambi alle prese con l'insegnamento in università e con la scrittura critica. Insomma le lamentazioni, che giustamente caratterizzano e monopolizzano ogni incontro sulla situazione italiana, le ho anticipate già io (anche se mi sono limitato a elencarle senza pretesa di esaustività), e l'intento di questa giornata è capire come proprio dalla bizzarra e anarchica conformazione del sistema Italia siano emerse sacche di resistenza e di sperimentazione e come tali esperienze possono diventare le basi su cui imbastire i nostri ragionamenti. Il sistema non profit (e non solo) è stato, quindi, messo al centro del nostro dibattito per capire come i difetti si possano trasformare, se non in pregi, almeno (parzialmente) in spunti di riflessione e ipotesi per un miglioramento della situazione.

8 Una serie di domande per iniziare il dibattito Le istituzioni, da me tanto invocate, sono anche un sistema coercitivo di condizionamento dei processi artistici. Quali spazi di ricerca, che in situazioni più strutturate non esistono, sono rimasti aperti o sono nati proprio a causa delle deficienze italiane? Che ruolo possono avere gli spazi non profit nel creare le premesse per un sistema maggiormente indipendente rispetto al mercato e alla mercificazione che viene richiesta all'artista? Che aspettativa di vita hanno tali esperienze? Sono solo il risultato di esigenze contingenti o si può ipotizzare la crescita o la stabile presenza di tale modello? C'è una specificità delle esperienze legate alla programmazione, alle modalità espositive e progettuali promosse da queste realtà o hanno solo cercato di supplire alle carenze del sistema? Ci sono artisti, esperienze, modalità di approccio all'arte che potrebbero nascere e svilupparsi proprio grazie a tali condizioni? La struttura complessa e contraddittoria dello sviluppo degli spazi non profit può essere rappresentativo di un sistema, per dirla con le parole di Bauman, liquido? E in questo caso corrisponde anche un'evoluzione auspicabile, più feconda di sviluppi che possiamo convenire come positivi?

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Archivio Opera Piero Piero Manzoni. Merda d'artista

Archivio Opera Piero Piero Manzoni. Merda d'artista Archivio Opera Piero Piero Manzoni Consumazione dell'arte dinamica del pubblico divorare l'arte Basi Magiche - Sculture viventi Stefano Cappelli La Il corpo magico dell'artista Il 12 agosto 1961, in occasione

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli