Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria"

Transcript

1 Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Ringrazio gli organizzatori di quest incontro, in particolare l Assessore Brenna, per quest invito. Cercherò di essere più breve possibile ma credo che questa sia un occasione importante di confronto soprattutto per confrontarsi su alcune idee, su alcune linee, su alcuni messaggi e credo che oggi ne siano emersi tanti. Su molti di questi io mi trovo d accordo, su altri credo che sia utile un po provare ad aggiungere qualcosa. Prima di tutto vorrei cercare di spiegare come noi in Confindustria vediamo lo scenario della ricerca e dell innovazione in Italia. Ancora una volta siamo partiti o comunque abbiamo tutti in mente i dati sul ritardo tecnologico dell Italia. La Dottoressa Helander ha presentato alcuni dati in cui viene mostrato che l Italia non solo è in ritardo rispetto ai principali indicatori, ma mostra anche una certa lentezza nel recuperare il terreno perduto. In riferimento a questi indicatori, devo dire che nei confronti della ricerca si è creta un ipocrisia, nel senso che tutti, specialmente gli addetti a queste materie, conoscono che la spesa per la ricerca è un indicatore molto impreciso di un concetto più ampio che è l innovazione. E ovvio che la ricerca è fondamentale nell industria farmaceutica tanto che chi non fa non vende, perde quote di mercato, non occupa e quindi nell industria farmaceutica la ricerca è fondamentale per la competitività. Però qui stiamo parlando della ricerca definita dall OCSE, dall Istat, dall Unione europea ovvero quella fatta da persone che hanno un camice bianco e che lavorano in laboratorio. Se andiamo a guardare, per esempio, nel settore delle macchine utensili un impresa che utilizza un gas messo a punto dal Politecnico di Milano e lo sostituisce a quello precedente usato per raffreddare in metà tempo la macchina in modo da avere una macchina più efficiente rispetto al concorrente tedesco, questa non viene classificata come ricerca ma è fondamentale. Perché alla prossima fiera il nostro imprenditore vende più del suo collega tedesco. Questo non viene misurato. Noi continuiamo tutti quanti a ripetere il dato sulla ricerca ma si deve sottolineare che, prima di tutto, questo dato sulla ricerca è un indicatore di specializzazione. Evidentemente la bassa spesa per ricerca specialmente delle imprese italiane significa che noi siamo poco

2 presenti nei settori ad alta tecnologia.. Quindi la domanda diventa non più semplicemente come facciamo a spendere di più nella ricerca ma come cambiare il modello di specializzazione del sistema produttivo italiano. Nella maggior parte del mondo chi fa la ricerca sono le imprese ad alta tecnologia in alcuni settori chiave, principalmente le ICT e le biotecnologie. Se voi andate a vedere la differenza della spesa per la ricerca delle imprese tra Europa e Stati Uniti scoprite che la quasi totalità del gap è dovuto al differenziale di spesa per ricerca in questi due settori. Quindi il problema è come facciamo noi ad aumentare la spesa per la ricerca nell alta tecnologia in Italia? Difficile immaginare che da un giorno all altro ci inventiamo delle grandi aziende nell ICT o nelle biotecnologie. Ma non è così che ha fatto il Canada. Non è così che ha fatto l Irlanda. Non è così che ha fatto l Inghilterra, il Galles. Come hanno fatto? Hanno semplicemente attratto investimenti da multinazionali straniere. Allora il primo punto da dire è che se noi veramente vogliamo vedere l indicatore della spesa per ricerca salire dobbiamo fare in modo che le multinazionali straniere, la Siemens, la Macrosoft, la IBM o la Roche decidano di spendere in Italia. Finché loro decidono di andare in Canada o in Inghilterra o in Irlanda piuttosto che in Italia noi non vedremo aumentare la spesa per ricerca. La domanda è: ma come si fa ad attrarre le multinazionali straniere e ad investire in ricerca? E un punto che tratterò dopo, ma è il vero problema. Non occorre semplicemente spendere di più perché noi abbiamo una forte competitività, un vantaggio comparato in alcuni settori a media alta tecnologia come, per esempio, il settore dei macchinari oppure ad altissimo contenuto di conoscenza, come per esempio tutto il sistema moda, tutto il sistema made in Italy che ha nel design un vantaggio comparato fortissimo. Prima si parlava di Cina. Noi siamo a rischio su moltissimi settori, ma certamente non siamo a rischio sul made in Italy. Nel senso che certamente quello è un settore che resisterà alla concorrenza cinese, perché il problema di affrontare la concorrenza cinese è riuscire a produrre un qualche cosa che gli altri non riescono a produrre ovvero a differenziare i nostri prodotti in un modo che loro non possono. Però la Cina sta già attraendo moltissimi investimenti di multinazionali straniere sulla ricerca. C è stato di recente un documento, una riunione della European Round Table, che raccoglie le più grandi aziende multinazionali in cui è stato sottolineato lo spostamento di molti investimenti in ricerca da varie parti del mondo in Cina Il modello italiano, fatto di specializzazione in settori a media tecnologia maggiore di altri paesi come l Inghilterra e la Francia, inferiore solo alla Germania, deriva soprattutto dal fatto che, a partire da un certo punto in poi, cioè dagli anni 70, il trend di specializzazione del sistema produttivo italiano è cambiato totalmente. Fino agli anni 70 noi avevamo campioni industriali in settori ad alta tecnologia, l elettronica, l energia il farmaceutico, che dagli anni 70 in poi hanno cambiato strategie. Si sono scritti molti libri per spiegare che ci sono stati tutta una serie di errori, però bisogna fare attenzione a pensare agli imprenditori

3 italiani come quelli che sbagliano sempre, che non vedono a lungo termine, che non ottimizzano come invece fanno i loro colleghi stranieri. Bisogna pensare al fatto che un imprenditore ottimizza, massimizza il suo profitto sempre in base ai vincoli, alle condizioni in cui vive. Ma cosa è successo dagli anni 70 in poi? Dagli anni 70 in poi il costo del lavoro rispetto ad altri paesi è aumentato. la rigidità del mercato è aumentata, sono stati introdotti numerosi vincoli alla crescita delle imprese in una situazione in cui non esisteva una politica, una cultura di collaborazione tra università e impresa, in una situazione in cui non esisteva una politica della ricerca di lungo periodo che permettesse di fare strategie di lungo periodo, in cui invece esisteva una possibilità di recuperare competitività attraverso svalutazioni competitive, in cui il mercato non era così concorrenziale. In questa situazione il problema di molte aziende non è stato quello di competere sui mercati internazionali in settori ad alta tecnologia, fortemente incerti, con forti innovazioni di prodotto ma ovviamente è stato quello di ridurre il grado di rigidità del sistema, riducendo il fabbisogno unitario di lavoro con investimenti fortissimi in innovazione di processo. Un dato che non è molto conosciuto, ma il nostro rapporto capitale lavoro, se volete, semplificando, il numero di macchine per uomo in Italia, è uno dei più alti del mondo. Perché noi abbiamo investito tanto, troppo in macchine, più degli americani. Sembra paradossale dato che non siamo specializzati in alta tecnologia. Ma questa flessibilità, attenzione, non ha prodotto redditività. Abbiamo sì aumentato la flessibilità ma abbiamo ridotto la redditività rispetto ad altri paesi. Per fortuna questa situazione negli ultimi anni è andata cambiando. Certamente ora il grado di flessibilità comincia ad aumentare. Sarebbe un errore pensare che la flessibilità non è un fattore importante per l innovazione. Il costo del lavoro effettivamente si è ridotto rispetto agli altri Paesi ma soprattutto il mercato è diventato estremamente più concorrenziale. Lo scenario cambia totalmente, le imprese oggi si trovano a dover adottare politiche di massimizzazione dei profitti basate su l innovazione di prodotto, sulla capacità di competere con prodotti che non possono essere imitati da altri. Da qui c è una fortissima esigenza di innovazione, di passare da un innovazione che io chiamo generalmente di secondo livello cioè a un innovazione incrementale, da un innovazione soprattutto contingente, occasionale, a un innovazione di carattere più strutturato, a un innovazione pensata nel medio periodo, a un innovazione più profonda certamente fatta maggiormente in collaborazione con l università e in cui ovviamente la dimensione locale conta. Da qui nasce anche l interesse di Confindustria che da alcuni anni ha cominciato a focalizzare su questo tema per renderlo uno delle priorità del paese. Noi abbiamo fatto recentemente insieme alla Commissione europea e al CNR uno studio a anni sul futuro del settore manifatturiero. In altri paesi studi del genere sono abbastanza frequenti ma in Italia gli esercizi di scenario vengono fatti raramente. Facendo un esercizio di

4 scenario anni si dimostra che su tutta una serie di probabili driver di competitività del settore manifatturiero la tecnologia è fondamentale, così come la necessità di creare una qualità compatibile con l ambiente. Da quindi il problema dei biomateriali e delle nano e micro tecnologie. La richiesta di salute applicata a tutta una serie di prodotti dall alimentare al tessile sono problematiche che richiedono un forte investimento in tecnologia anche nei settori più tradizionali, anche nelle nostre piccole e medie imprese. Quindi lo scenario è quello di un impresa che non può più permettersi di non gestire l innovazione. Le imprese devono imparare a gestire l innovazione, se non lo fanno usciranno dal mercato. Quindi non è una scelta da parte delle imprese ma una necessità. Non è un problema di scegliere, è un problema di capire. Per questo noi crediamo in una politica dello sviluppo e questo credo sia stato veramente il punto in comune tra Confindustria e le tre principali confederazioni sindacali nel firmare l accordo per lo sviluppo, che significa fondamentalmente chiedere di guardare nel medio periodo, definire una politica nel medio periodo. Pe far ciò occorre necessariamente incominciare a operare oggi, introducendo una serie di meccanismi che possono creare delle evoluzioni, degli adattamenti in un certo numero di anni. Una cosa che certamente caratterizza una politica dello sviluppo è la definizione, la certezza, la stabilità delle politiche, che non sono quelle che vengono decise in ogni finanziaria giorno per giorno, anno per anno. E stato accennato prima, per esempio, alla tecno-tremonti. La tecno-tremonti è una cosa buona indubbiamente: finalmente in Italia un agevolazione fiscale per la ricerca, ma solo per un anno. Allora il problema qual è? Il problema deve essere quello di creare degli incentivi che siano anche intervento nel processo decisionale dell impresa, orientare una strategia di investimento che si allontani dal processo di automazione verso, per esempio, un miglioramento della qualità tecnologica dei prodotti. Ma questo si può fare soltanto se si ha un orizzonte per lo meno di qualche anno; purtroppo in Italia oggi non esiste non solo un orizzonte di qualche anno, ma assurdamente le imprese nel centro nord che hanno presentato progetti di ricerca sui principali strumenti per il finanziamento della ricerca industriale, cioè il fondo FAI e il fondo FIT, attendono ancora una qualche risposta. E stata approvata la Legge 488, la 46 per il FIT e la 297, ma, per esempio, quest ultima, che risale al 2001, per ciò che riguarda la ricerca industriale, ovvero gli articoli 5 e 6, non è mai stata finanziata. In questa condizione le imprese hanno certamente continuato a fare ricerca, perché è vero come diceva la dottoressa De Cesare che poi le imprese comunque non guardano soltanto al finanziamento,; infatti i dati ci dicono che il finanziamento pubblico alla ricerca industriale rappresenta solamente il 13% del totale. Però è un problema di politiche, di strategie: capire dove il governo andrà, dove andrà il paese, tanto più nel settore dell alta tecnologia in un contesto mondiale globalizzato.

5 Questa è un altro elemento che spesso conviene colto.oggi noi stiamo parlando delle politiche regionali dell innovazione, ma le imprese operano in un mondo globalizzato non soltanto perché si trovano il loro concorrente cinese in casa ma perché quando devono scegliere di comprare una macchina o quando devono scegliere di farsi fare una ricerca non possono pensare di rivolgersi soltanto alle università locali. Se vogliono stare sul mercato devono andarsi a cercare l occasione migliore. A questo proposito cito l esempio del Canada che, agli inizi degli anni 90, non vedeva un futuro in un industria in cui la stragrande maggioranza delle esportazioni erano esportazioni di materiali e quindi ha introdotto sia a livello federale che a livello regionale un credito d imposta per la ricerca e l innovazione non automatico, ma selettivo del 40% ovvero, fatta la valutazione principalmente ex post, con costi amministrativi bassissimi per l impresa, l impresa riceveva il 40% della spesa che aveva fatto. Hanno tagliato i fondi all università, intesi come fondi liberi, aumentando invece la quantità dei fondi orientati al trasferimento verso le imprese. E stata una scelta coraggiosissima che ha provocato una rivoluzione in Canada, però in questo periodo Crétien è rimasto continuativamente al governo. In questi 10 anni le più grandi imprese americane ed europee comprese diverse imprese italiane si sono tutte localizzate nel confine canadese-americano, in particolar modo nell Ontario e Québec, aree in cui adesso c è una concentrazione di imprese ad alta tecnologia impensabile 10 anni fa. Il 30% delle esportazioni canadesi oggi sono IT. Questi dati dimostrano che questa strategia è vincente. Questo è l esempio del Canada ma se andiamo a vedere altri paesi, come l Irlanda, il Galles, la Spagna oppure la Francia, possiamo vedere quali aspetti funzionano e quali no. Sappiamo tutti benissimo che l innovazione è un sistema composto da tanti sottosistemi che devono funzionare coerentemente ma occorre una politica di medio periodo in cui i meccanismi siano corretti. Le imprese non hanno tanto bisogno di incentivi intesi come soldi a fondo perduto che sono importanti per la ricerca più avanzata dove c è un alta quantità di rischio e mille ragioni economiche per giustificarlo. Ma l impresa ha bisogno, soprattutto, di certezze e stabilità delle risorse, politiche chiare, definite, meccanismi corretti che rendano più ottimale fare certe scelte piuttosto che altre. In Italia è stato più ottimale fare un distretto industriale che fare un impresa farmaceutica ma, nelle attuali condizioni di mercato, il rischio è che i distretti industriali oggi non vedano un futuro. Effettivamente molti distretti industriali stanno delocalizzando, cosa che sembra un po assurda perchè un distretto industriale che delocalizza significa che andiamo a perdere quel fattore di competitività fondamentale che era proprio la cultura del territorio. Delocalizzare, però, è obbligatorio perché il costo di produzione di uno scarpone da sci in Romania è troppo più basso che farlo a Montebelluna. Perciò si spostano in Romania e cosa rimane a Montebelluna?

6 Questa è la sfida. A Montebelluna deve rimanere la ricerca di nuovi materiali, deve rimanere il design. Dobbiamo inevitabilmente andare a cercare di ridefinire le competenze perché non riusciamo a competere con il basso costo del lavoro. In Cina il costo del lavoro è 30 volte più basso che in Italia. Probabilmente in 15 anni recupereranno molto di questo gap, ma servirà molto tempo. Volevo soltanto chiudere dicendo qualche cosa sul ruolo della politica regionale. Credo che ovviamente in questa sede non c è bisogno di ribadire che l innovazione ha una dimensione locale fondamentale. L innovazione avviene a livello locale; la scelta di introdurre una concorrenzialità nella gestione della politica della ricerca, attraverso una modifica costituzionale, non è stata soltanto una scelta politica, è l indirizzo in cui si muove il mondo, in cui si muove l Europa. In tutti i paesi la ricerca avviene a livello regionale, anche se, secondo me, a volte non capiamo bene come funziona questa dimensione regionale. La dimensione regionale soprattutto, per ciò che riguarda la capacità di sviluppare i settori a media alta tecnologia, avviene attraverso i cluster. Non sono le regioni intese come territorio, sono i cluster. Che cosa sono i cluster? I distretti? No, non sono i distretti industriali. I cluster tecnologici cioè quelli che attraggono ricerca, e ce ne sono molti esempi nel mondo ma anche in Italia, sono delle aree in cui si incontrano delle eccellenze scientifiche con degli incentivi intesi in senso generale, un costo ed una produttività della ricerca notevolmente vantaggiosi rispetto ad altre aree, per cui si crea un fattore di aggregazione. La ricerca è un economia di scala perché presenta rendimenti crescenti cioè più se ne fa, più si accumula e più aumenta la produttività; per questo motivo si realizza il fenomeno dei cluster. Ecco questo è il modo in cui noi dobbiamo pensare la politica regionale: quello di favorire lo sviluppo dei cluster. Come si fa a favorire lo sviluppo dei cluster? A questo proposito è fondamentale capire bene qual è il ruolo della politica nazionale e qual è il ruolo della politica regionale. La mia idea, riprendendo una definizione che ho sentito in un convegno sulle politica regionale a Perugia, è che la politica della ricerca non può essere una politica di coesione perché è una politica di selezione. Quindi sono d accordo con la dottoressa De Cesare quando ci mette in guardia dal rischio di moltiplicare la ricerca dell eccellenza. La capacità della politica regionale è creare tutto l ambiente ottimale affinché queste eccellenze si sviluppino ma le risorse per far crescere questi cluster devono essere liberate da scelte nazionali, anche se moltissimo può essere fatto a livello regionale per favorirne lo sviluppo. Un ultima cosa a cui tengo molto è il ruolo del sistema associativo. Soprattutto per ciò che riguarda le piccole e medie imprese, questo emerge anche da un indagine che abbiamo fatto insieme al Ministero alcuni anni fa, il problema è il loro isolamento. L innovazione è fondamentalmente collegata alla partecipazione in una rete di fornitori, di clienti, di altre imprese, dell università, è la rete associativa; un impresa isolata è un impresa che inevitabilmente è a rischio, che declina. Il sistema associativo è un sistema che in molti casi

7 costituisce una rete fondamentale. Credo che come sistema possiamo fare moltissimo sia per favorire un flusso di informazioni alle piccole e medie imprese, e lo facciamo già, sia soprattutto per creare uno sviluppo culturale anche con gli altri attori del sistema, in modo particolare con le università. Proprio qualche giorno fa abbiamo firmato un accordo con la conferenza dei Rettori per investire insieme in due direzioni: la prima è quella di una maggiore collaborazione tra università e imprese attraverso una serie di progetti, la seconda è quella di introdurre una cultura della valutazione all interno dell università. Credo che questo ruolo che può svolgere il sistema associativo sia nei confronti delle piccole e medie imprese che nei confronti del sistema è fondamentale.

8

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione Capitolo 7 Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 7-1 Struttura della presentazione

Dettagli

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi.

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Sono lieta di presentare, a seguito di una consistente, attenta opera di consultazione, documentazione ed analisi il Programma

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

THE AUTOMOBILE SECTOR

THE AUTOMOBILE SECTOR Crisis in a Global Economy. Re-planning the Journey Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 16, 2011 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta16/acta16-montezemolo.pdf THE AUTOMOBILE SECTOR LUCA

Dettagli

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono Economia e Servizi Delocalizzazione e occupazione: il caso delle medie imprese nel Nord-Est Claudio Gagliardi Direttore Centro Studi Unioncamere Nazionale Un interessante studio di Unioncamere testimonia

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012

Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012 Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012 Gennaio 2011 1 Premessa: l attuale situazione economica A causa della crisi economico-finanziaria che ha colpito il nostro paese, alla

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Buon pomeriggio. Grazie per questo invito. E un piacere doppio essere qui a questa tavola rotonda ed in questa splendida città. Tra le cose che vorrei portare alla vostra attenzione, vorrei innanzitutto

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Più profitti, meno debiti

Più profitti, meno debiti Strettamente riservato Più profitti, meno debiti La lezione delle imprese industriali italiane «leggere» (con limitata dotazione di capitale) di Filippo Peschiera e Marco Visani, Maggio 2014 2013 The European

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare, diceva Seneca. Oggi l Italia, con la crisi quasi alle spalle

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Come le politiche industriali di innovazione dei servizi possono contribuire

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it IN ITALY. (Hanoi, UNIDO, 2010)

PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it IN ITALY. (Hanoi, UNIDO, 2010) PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it CLUSTER DEVELOPMENT POLICIES IN ITALY (Hanoi, UNIDO, 2010) PARTE 1: CHE COSA SONO I CLUSTER? Una concentrazione spaziale

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

Qual è la Sua posizione di fronte alla crescente richiesta di replicare il nostro modello distrettuale in altri paesi?

Qual è la Sua posizione di fronte alla crescente richiesta di replicare il nostro modello distrettuale in altri paesi? Sempre più forte è l interesse di altri paesi al modello di sviluppo italiano e sempre più spesso si parla di internazionalizzazione dei distretti, se non addirittura di vera e propria clonazione. E evidente

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già Bozza dell intervento di Cosmo Colonna, del Dipartimento industria Cisl, al Policy Workshop: "La ripresa economica e la politica industriale e regionale: dalla strategia ai progetti" (Milano, 20 marzo

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI LA GLOBALIZZAZIONE NEL TERZO MILLENNIO: LA SFIDA DELLE ECCELLENZE (SANREMO, 18 OTTOBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON.

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA

RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA In questi ultimi anni la crisi economica, in particolare europea, ha inferto colpi durissimi alle PMI. Alcune piccole e medie imprese

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive CONTENUTI a) La filiera Automotive in Italia e in Abruzzo b) La sfida,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Panthera: l erp italiano per eccellenza.

Panthera: l erp italiano per eccellenza. PRESENTA Panthera: l erp italiano per eccellenza. Panthera è l ERP italiano per eccellenza. Frutto di esperienze trentennali in ambito gestionale, sviluppato utilizzando tecnologie all avanguardia, Panthera

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR La valutazione del personale Come la tecnologia può supportare i processi HR Introduzione Il tema della valutazione del personale diventa semprè più la priorità nella gestione del proprio business. Con

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

Il rinascimento industriale e le PMI: come raggiungere l obiettivo del 20% del PIL entro il 2020

Il rinascimento industriale e le PMI: come raggiungere l obiettivo del 20% del PIL entro il 2020 Il rinascimento industriale e le PMI: come raggiungere l obiettivo del 20% del PIL entro il 2020 FULVIO COLTORTI, Direttore emerito Area Studi Mediobanca Roma, Senato della Repubblica; Riunione dei Presidenti

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Documenti a portata di mouse

Documenti a portata di mouse RIVOLUZIONE DIGITALE/1. La gestione delle informazioni aziendali Documenti a portata di mouse 34 L impresa n 3/2009 Novità normative e tecnologie sempre più friendly offrono l opportunità di passare dalla

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Innovare in Filiere Tradizionali. Federchimica 19-05-2014

Innovare in Filiere Tradizionali. Federchimica 19-05-2014 Innovare in Filiere Tradizionali Federchimica 19-05-2014 Icap Leather chem L Azienda, fondata nel 1944, a seguito di espansione e di variazioni nell assetto societario acquisisce la denominazione di Icap

Dettagli

Paolo Giaretta, sottosegretario allo Sviluppo Economico

Paolo Giaretta, sottosegretario allo Sviluppo Economico Paolo Giaretta, sottosegretario allo Sviluppo Economico INNOVAZIONE ED IMPRESE AD ALTA TECNOLOGIA Conclusioni convegno 2 febbraio 2007 Università di Padova Desidero ringraziare gli organizzatori del Convegno

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Ma come si raggiunge un elevata e continuativa redditività nel lungo periodo?

Ma come si raggiunge un elevata e continuativa redditività nel lungo periodo? 1 COS È UNA STRATEGIA? Siate vincenti. Imparate a leggere il mercato. Siate unici. Acquisite vantaggi competitivi. Governate i cambiamenti. Incrementate i profitti Michael E. Porter è una autorità nel

Dettagli

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a MASSIMO CAPUANO Amministratore Delegato della Borsa Italiana Mi appresto a un compito difficile: riuscire a concludere un dibattito così interessante in questa vostra prima giornata di convegno, a un ora

Dettagli

La liberalizzazione dei servizi sanitari

La liberalizzazione dei servizi sanitari La liberalizzazione dei servizi sanitari INTRODURRE PRINCIPI E REGOLE ISPIRATE ALLA SUSSIDIARIETÀ PUÒ ESSERE DI GRANDE AIUTO NELL AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ ECONOMICA, POLITICA E SOCIALE DELLA GESTIONE

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 Massimo G. Colombo Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Le gazzelle high-tech Le gazzelle

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

HR E LE SFIDE DEL FUTURO

HR E LE SFIDE DEL FUTURO HR E LE SFIDE DEL FUTURO 03/11/2014 HR e le sfide del futuro g.facco nov.2014 1 HR cambia velocemente: i principali fattori della mutazione il ruolo della Direzione HR sta mutando : è tra le funzioni aziendali

Dettagli

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista MASSIMO PLESCIA Come esportare prodotti & servizi sul Mercato Estero

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista MASSIMO PLESCIA Come esportare prodotti & servizi sul Mercato Estero www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista MASSIMO PLESCIA Come esportare prodotti & servizi sul Mercato Estero Michele : Massimo : Michele : Massimo : Michele : Massimo : Buongiorno Business Tribe

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

V CONFERENZA ITALIA-AMERICA LATINA E CARAIBI Roma, Ministero degli Affari Esteri, 5-6 ottobre 2011 INTERVENTO

V CONFERENZA ITALIA-AMERICA LATINA E CARAIBI Roma, Ministero degli Affari Esteri, 5-6 ottobre 2011 INTERVENTO V CONFERENZA ITALIA-AMERICA LATINA E CARAIBI Roma, Ministero degli Affari Esteri, 5-6 ottobre 2011 INTERVENTO Gherardo La Francesca, Ambasciatore d Italia in Brasile: presentazione delle best practices

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

connettono, e le tasse che ti sconnettono. Risultato. Un pandemonio. E allora cominciamo con il dire qualcosa che ai fautori dello slow mind, del

connettono, e le tasse che ti sconnettono. Risultato. Un pandemonio. E allora cominciamo con il dire qualcosa che ai fautori dello slow mind, del RobertoCotroneo Immaginare uno scenario culturale per l Italia dei prossimi anni è davvero molto difficile. E iniziare un intervento sugli scenari culturali futuri con questa affermazioneèdavveromoltofacile.

Dettagli

Accelerare l internazionalizzazione. Marco Costaguta

Accelerare l internazionalizzazione. Marco Costaguta Accelerare l internazionalizzazione Marco Costaguta La ripresa c è. noi non la vediamo ancora 2 Senza export non riusciremo a ripartire +2% Gli ultimi 4-5 anni hanno mostrato PIL stabile/in contrazione

Dettagli

Il soft power italiano: punti di forza e criticità

Il soft power italiano: punti di forza e criticità Il soft power italiano: punti di forza e criticità Giorgio Alleva Presidente Istat L Italia, «potenza morbida»: gli strumenti culturali della nostra politica estera ISAG ISTITUTO DI ALTI STUDI IN GEOPOLITICA

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

3 dicembre 2002 FACOLTA DI FARMACIA. Prof.ssa Maria Chiara Cassone

3 dicembre 2002 FACOLTA DI FARMACIA. Prof.ssa Maria Chiara Cassone 3 dicembre 2002 FACOLTA DI FARMACIA Prof.ssa Maria Chiara Cassone Questo incontro è parte di un ciclo di conferenze svolto in 12 momenti, iniziati ad ottobre e che termineranno ad aprile. Il titolo come

Dettagli

Il vero cloud computing italiano

Il vero cloud computing italiano Il vero cloud computing italiano Elatos srl ha sponsorizzato la ricerca e l edizione del libro edito da Franco Angeli sul cloud computing in italia (Esperienze di successo in italia: aspettative, problemi,

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi

Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi Convegno autunnale Assofermet Capri 12 ottobre 2002 Intervento del Presidente di Eurometrec, Fernando Duranti Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi La congiuntura

Dettagli

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano. Con l occasione, oltre alle consuete

Dettagli

Progetto Incontriamoci in azienda IIS Luzzatti Mestre VE

Progetto Incontriamoci in azienda IIS Luzzatti Mestre VE Progetto Incontriamoci in azienda IIS Luzzatti Mestre VE La classe 4AL dell IIS Luzzatti di Mestre, indirizzo di studio servizi commerciali ad ottobre ha iniziato il progetto Incontriamoci In Azienda,

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice Numero 7 del 4 febbraio 2013 Edito da Borsari Casa Editrice Disclaimer: l intento di BorsariTrade è quello di analizzare i mercati nei loro movimenti passati e attuali, innanzitutto per capire come cambia

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

VENDERE ALL ESTERO 8.1 8.2 8.3

VENDERE ALL ESTERO 8.1 8.2 8.3 VENDERE ALL ESTERO 8 Vendere all estero... 125 8.1 Le differenze tra i mercati: un opportunità da cogliere... 128 8.2 Da esportatore per caso a international e-commerce manager!... 131 8.3 E per chi preferisce

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

REPUTATION FORUM ITALIA

REPUTATION FORUM ITALIA Reputation Institute Barilla REPUTATION FORUM ITALIA Parma, 11 settembre 2012 La Reputazione è il #1 Driver di Valore Per quale motivo la Reputazione è il primo driver di valore per un azienda? Quali sono

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Report n 1 «Il processo strategico d internazionalizzazione delle imprese»

Report n 1 «Il processo strategico d internazionalizzazione delle imprese» Un caso di studio nel settore dell abbigliamento: l intervento di Orga 1925 a supporto dell impresa nella proiezione verso i mercati esteri. A cura di Ezio Nicola e Silvano Magnabosco 1 Introduzione L

Dettagli