Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria"

Transcript

1 Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Ringrazio gli organizzatori di quest incontro, in particolare l Assessore Brenna, per quest invito. Cercherò di essere più breve possibile ma credo che questa sia un occasione importante di confronto soprattutto per confrontarsi su alcune idee, su alcune linee, su alcuni messaggi e credo che oggi ne siano emersi tanti. Su molti di questi io mi trovo d accordo, su altri credo che sia utile un po provare ad aggiungere qualcosa. Prima di tutto vorrei cercare di spiegare come noi in Confindustria vediamo lo scenario della ricerca e dell innovazione in Italia. Ancora una volta siamo partiti o comunque abbiamo tutti in mente i dati sul ritardo tecnologico dell Italia. La Dottoressa Helander ha presentato alcuni dati in cui viene mostrato che l Italia non solo è in ritardo rispetto ai principali indicatori, ma mostra anche una certa lentezza nel recuperare il terreno perduto. In riferimento a questi indicatori, devo dire che nei confronti della ricerca si è creta un ipocrisia, nel senso che tutti, specialmente gli addetti a queste materie, conoscono che la spesa per la ricerca è un indicatore molto impreciso di un concetto più ampio che è l innovazione. E ovvio che la ricerca è fondamentale nell industria farmaceutica tanto che chi non fa non vende, perde quote di mercato, non occupa e quindi nell industria farmaceutica la ricerca è fondamentale per la competitività. Però qui stiamo parlando della ricerca definita dall OCSE, dall Istat, dall Unione europea ovvero quella fatta da persone che hanno un camice bianco e che lavorano in laboratorio. Se andiamo a guardare, per esempio, nel settore delle macchine utensili un impresa che utilizza un gas messo a punto dal Politecnico di Milano e lo sostituisce a quello precedente usato per raffreddare in metà tempo la macchina in modo da avere una macchina più efficiente rispetto al concorrente tedesco, questa non viene classificata come ricerca ma è fondamentale. Perché alla prossima fiera il nostro imprenditore vende più del suo collega tedesco. Questo non viene misurato. Noi continuiamo tutti quanti a ripetere il dato sulla ricerca ma si deve sottolineare che, prima di tutto, questo dato sulla ricerca è un indicatore di specializzazione. Evidentemente la bassa spesa per ricerca specialmente delle imprese italiane significa che noi siamo poco

2 presenti nei settori ad alta tecnologia.. Quindi la domanda diventa non più semplicemente come facciamo a spendere di più nella ricerca ma come cambiare il modello di specializzazione del sistema produttivo italiano. Nella maggior parte del mondo chi fa la ricerca sono le imprese ad alta tecnologia in alcuni settori chiave, principalmente le ICT e le biotecnologie. Se voi andate a vedere la differenza della spesa per la ricerca delle imprese tra Europa e Stati Uniti scoprite che la quasi totalità del gap è dovuto al differenziale di spesa per ricerca in questi due settori. Quindi il problema è come facciamo noi ad aumentare la spesa per la ricerca nell alta tecnologia in Italia? Difficile immaginare che da un giorno all altro ci inventiamo delle grandi aziende nell ICT o nelle biotecnologie. Ma non è così che ha fatto il Canada. Non è così che ha fatto l Irlanda. Non è così che ha fatto l Inghilterra, il Galles. Come hanno fatto? Hanno semplicemente attratto investimenti da multinazionali straniere. Allora il primo punto da dire è che se noi veramente vogliamo vedere l indicatore della spesa per ricerca salire dobbiamo fare in modo che le multinazionali straniere, la Siemens, la Macrosoft, la IBM o la Roche decidano di spendere in Italia. Finché loro decidono di andare in Canada o in Inghilterra o in Irlanda piuttosto che in Italia noi non vedremo aumentare la spesa per ricerca. La domanda è: ma come si fa ad attrarre le multinazionali straniere e ad investire in ricerca? E un punto che tratterò dopo, ma è il vero problema. Non occorre semplicemente spendere di più perché noi abbiamo una forte competitività, un vantaggio comparato in alcuni settori a media alta tecnologia come, per esempio, il settore dei macchinari oppure ad altissimo contenuto di conoscenza, come per esempio tutto il sistema moda, tutto il sistema made in Italy che ha nel design un vantaggio comparato fortissimo. Prima si parlava di Cina. Noi siamo a rischio su moltissimi settori, ma certamente non siamo a rischio sul made in Italy. Nel senso che certamente quello è un settore che resisterà alla concorrenza cinese, perché il problema di affrontare la concorrenza cinese è riuscire a produrre un qualche cosa che gli altri non riescono a produrre ovvero a differenziare i nostri prodotti in un modo che loro non possono. Però la Cina sta già attraendo moltissimi investimenti di multinazionali straniere sulla ricerca. C è stato di recente un documento, una riunione della European Round Table, che raccoglie le più grandi aziende multinazionali in cui è stato sottolineato lo spostamento di molti investimenti in ricerca da varie parti del mondo in Cina Il modello italiano, fatto di specializzazione in settori a media tecnologia maggiore di altri paesi come l Inghilterra e la Francia, inferiore solo alla Germania, deriva soprattutto dal fatto che, a partire da un certo punto in poi, cioè dagli anni 70, il trend di specializzazione del sistema produttivo italiano è cambiato totalmente. Fino agli anni 70 noi avevamo campioni industriali in settori ad alta tecnologia, l elettronica, l energia il farmaceutico, che dagli anni 70 in poi hanno cambiato strategie. Si sono scritti molti libri per spiegare che ci sono stati tutta una serie di errori, però bisogna fare attenzione a pensare agli imprenditori

3 italiani come quelli che sbagliano sempre, che non vedono a lungo termine, che non ottimizzano come invece fanno i loro colleghi stranieri. Bisogna pensare al fatto che un imprenditore ottimizza, massimizza il suo profitto sempre in base ai vincoli, alle condizioni in cui vive. Ma cosa è successo dagli anni 70 in poi? Dagli anni 70 in poi il costo del lavoro rispetto ad altri paesi è aumentato. la rigidità del mercato è aumentata, sono stati introdotti numerosi vincoli alla crescita delle imprese in una situazione in cui non esisteva una politica, una cultura di collaborazione tra università e impresa, in una situazione in cui non esisteva una politica della ricerca di lungo periodo che permettesse di fare strategie di lungo periodo, in cui invece esisteva una possibilità di recuperare competitività attraverso svalutazioni competitive, in cui il mercato non era così concorrenziale. In questa situazione il problema di molte aziende non è stato quello di competere sui mercati internazionali in settori ad alta tecnologia, fortemente incerti, con forti innovazioni di prodotto ma ovviamente è stato quello di ridurre il grado di rigidità del sistema, riducendo il fabbisogno unitario di lavoro con investimenti fortissimi in innovazione di processo. Un dato che non è molto conosciuto, ma il nostro rapporto capitale lavoro, se volete, semplificando, il numero di macchine per uomo in Italia, è uno dei più alti del mondo. Perché noi abbiamo investito tanto, troppo in macchine, più degli americani. Sembra paradossale dato che non siamo specializzati in alta tecnologia. Ma questa flessibilità, attenzione, non ha prodotto redditività. Abbiamo sì aumentato la flessibilità ma abbiamo ridotto la redditività rispetto ad altri paesi. Per fortuna questa situazione negli ultimi anni è andata cambiando. Certamente ora il grado di flessibilità comincia ad aumentare. Sarebbe un errore pensare che la flessibilità non è un fattore importante per l innovazione. Il costo del lavoro effettivamente si è ridotto rispetto agli altri Paesi ma soprattutto il mercato è diventato estremamente più concorrenziale. Lo scenario cambia totalmente, le imprese oggi si trovano a dover adottare politiche di massimizzazione dei profitti basate su l innovazione di prodotto, sulla capacità di competere con prodotti che non possono essere imitati da altri. Da qui c è una fortissima esigenza di innovazione, di passare da un innovazione che io chiamo generalmente di secondo livello cioè a un innovazione incrementale, da un innovazione soprattutto contingente, occasionale, a un innovazione di carattere più strutturato, a un innovazione pensata nel medio periodo, a un innovazione più profonda certamente fatta maggiormente in collaborazione con l università e in cui ovviamente la dimensione locale conta. Da qui nasce anche l interesse di Confindustria che da alcuni anni ha cominciato a focalizzare su questo tema per renderlo uno delle priorità del paese. Noi abbiamo fatto recentemente insieme alla Commissione europea e al CNR uno studio a anni sul futuro del settore manifatturiero. In altri paesi studi del genere sono abbastanza frequenti ma in Italia gli esercizi di scenario vengono fatti raramente. Facendo un esercizio di

4 scenario anni si dimostra che su tutta una serie di probabili driver di competitività del settore manifatturiero la tecnologia è fondamentale, così come la necessità di creare una qualità compatibile con l ambiente. Da quindi il problema dei biomateriali e delle nano e micro tecnologie. La richiesta di salute applicata a tutta una serie di prodotti dall alimentare al tessile sono problematiche che richiedono un forte investimento in tecnologia anche nei settori più tradizionali, anche nelle nostre piccole e medie imprese. Quindi lo scenario è quello di un impresa che non può più permettersi di non gestire l innovazione. Le imprese devono imparare a gestire l innovazione, se non lo fanno usciranno dal mercato. Quindi non è una scelta da parte delle imprese ma una necessità. Non è un problema di scegliere, è un problema di capire. Per questo noi crediamo in una politica dello sviluppo e questo credo sia stato veramente il punto in comune tra Confindustria e le tre principali confederazioni sindacali nel firmare l accordo per lo sviluppo, che significa fondamentalmente chiedere di guardare nel medio periodo, definire una politica nel medio periodo. Pe far ciò occorre necessariamente incominciare a operare oggi, introducendo una serie di meccanismi che possono creare delle evoluzioni, degli adattamenti in un certo numero di anni. Una cosa che certamente caratterizza una politica dello sviluppo è la definizione, la certezza, la stabilità delle politiche, che non sono quelle che vengono decise in ogni finanziaria giorno per giorno, anno per anno. E stato accennato prima, per esempio, alla tecno-tremonti. La tecno-tremonti è una cosa buona indubbiamente: finalmente in Italia un agevolazione fiscale per la ricerca, ma solo per un anno. Allora il problema qual è? Il problema deve essere quello di creare degli incentivi che siano anche intervento nel processo decisionale dell impresa, orientare una strategia di investimento che si allontani dal processo di automazione verso, per esempio, un miglioramento della qualità tecnologica dei prodotti. Ma questo si può fare soltanto se si ha un orizzonte per lo meno di qualche anno; purtroppo in Italia oggi non esiste non solo un orizzonte di qualche anno, ma assurdamente le imprese nel centro nord che hanno presentato progetti di ricerca sui principali strumenti per il finanziamento della ricerca industriale, cioè il fondo FAI e il fondo FIT, attendono ancora una qualche risposta. E stata approvata la Legge 488, la 46 per il FIT e la 297, ma, per esempio, quest ultima, che risale al 2001, per ciò che riguarda la ricerca industriale, ovvero gli articoli 5 e 6, non è mai stata finanziata. In questa condizione le imprese hanno certamente continuato a fare ricerca, perché è vero come diceva la dottoressa De Cesare che poi le imprese comunque non guardano soltanto al finanziamento,; infatti i dati ci dicono che il finanziamento pubblico alla ricerca industriale rappresenta solamente il 13% del totale. Però è un problema di politiche, di strategie: capire dove il governo andrà, dove andrà il paese, tanto più nel settore dell alta tecnologia in un contesto mondiale globalizzato.

5 Questa è un altro elemento che spesso conviene colto.oggi noi stiamo parlando delle politiche regionali dell innovazione, ma le imprese operano in un mondo globalizzato non soltanto perché si trovano il loro concorrente cinese in casa ma perché quando devono scegliere di comprare una macchina o quando devono scegliere di farsi fare una ricerca non possono pensare di rivolgersi soltanto alle università locali. Se vogliono stare sul mercato devono andarsi a cercare l occasione migliore. A questo proposito cito l esempio del Canada che, agli inizi degli anni 90, non vedeva un futuro in un industria in cui la stragrande maggioranza delle esportazioni erano esportazioni di materiali e quindi ha introdotto sia a livello federale che a livello regionale un credito d imposta per la ricerca e l innovazione non automatico, ma selettivo del 40% ovvero, fatta la valutazione principalmente ex post, con costi amministrativi bassissimi per l impresa, l impresa riceveva il 40% della spesa che aveva fatto. Hanno tagliato i fondi all università, intesi come fondi liberi, aumentando invece la quantità dei fondi orientati al trasferimento verso le imprese. E stata una scelta coraggiosissima che ha provocato una rivoluzione in Canada, però in questo periodo Crétien è rimasto continuativamente al governo. In questi 10 anni le più grandi imprese americane ed europee comprese diverse imprese italiane si sono tutte localizzate nel confine canadese-americano, in particolar modo nell Ontario e Québec, aree in cui adesso c è una concentrazione di imprese ad alta tecnologia impensabile 10 anni fa. Il 30% delle esportazioni canadesi oggi sono IT. Questi dati dimostrano che questa strategia è vincente. Questo è l esempio del Canada ma se andiamo a vedere altri paesi, come l Irlanda, il Galles, la Spagna oppure la Francia, possiamo vedere quali aspetti funzionano e quali no. Sappiamo tutti benissimo che l innovazione è un sistema composto da tanti sottosistemi che devono funzionare coerentemente ma occorre una politica di medio periodo in cui i meccanismi siano corretti. Le imprese non hanno tanto bisogno di incentivi intesi come soldi a fondo perduto che sono importanti per la ricerca più avanzata dove c è un alta quantità di rischio e mille ragioni economiche per giustificarlo. Ma l impresa ha bisogno, soprattutto, di certezze e stabilità delle risorse, politiche chiare, definite, meccanismi corretti che rendano più ottimale fare certe scelte piuttosto che altre. In Italia è stato più ottimale fare un distretto industriale che fare un impresa farmaceutica ma, nelle attuali condizioni di mercato, il rischio è che i distretti industriali oggi non vedano un futuro. Effettivamente molti distretti industriali stanno delocalizzando, cosa che sembra un po assurda perchè un distretto industriale che delocalizza significa che andiamo a perdere quel fattore di competitività fondamentale che era proprio la cultura del territorio. Delocalizzare, però, è obbligatorio perché il costo di produzione di uno scarpone da sci in Romania è troppo più basso che farlo a Montebelluna. Perciò si spostano in Romania e cosa rimane a Montebelluna?

6 Questa è la sfida. A Montebelluna deve rimanere la ricerca di nuovi materiali, deve rimanere il design. Dobbiamo inevitabilmente andare a cercare di ridefinire le competenze perché non riusciamo a competere con il basso costo del lavoro. In Cina il costo del lavoro è 30 volte più basso che in Italia. Probabilmente in 15 anni recupereranno molto di questo gap, ma servirà molto tempo. Volevo soltanto chiudere dicendo qualche cosa sul ruolo della politica regionale. Credo che ovviamente in questa sede non c è bisogno di ribadire che l innovazione ha una dimensione locale fondamentale. L innovazione avviene a livello locale; la scelta di introdurre una concorrenzialità nella gestione della politica della ricerca, attraverso una modifica costituzionale, non è stata soltanto una scelta politica, è l indirizzo in cui si muove il mondo, in cui si muove l Europa. In tutti i paesi la ricerca avviene a livello regionale, anche se, secondo me, a volte non capiamo bene come funziona questa dimensione regionale. La dimensione regionale soprattutto, per ciò che riguarda la capacità di sviluppare i settori a media alta tecnologia, avviene attraverso i cluster. Non sono le regioni intese come territorio, sono i cluster. Che cosa sono i cluster? I distretti? No, non sono i distretti industriali. I cluster tecnologici cioè quelli che attraggono ricerca, e ce ne sono molti esempi nel mondo ma anche in Italia, sono delle aree in cui si incontrano delle eccellenze scientifiche con degli incentivi intesi in senso generale, un costo ed una produttività della ricerca notevolmente vantaggiosi rispetto ad altre aree, per cui si crea un fattore di aggregazione. La ricerca è un economia di scala perché presenta rendimenti crescenti cioè più se ne fa, più si accumula e più aumenta la produttività; per questo motivo si realizza il fenomeno dei cluster. Ecco questo è il modo in cui noi dobbiamo pensare la politica regionale: quello di favorire lo sviluppo dei cluster. Come si fa a favorire lo sviluppo dei cluster? A questo proposito è fondamentale capire bene qual è il ruolo della politica nazionale e qual è il ruolo della politica regionale. La mia idea, riprendendo una definizione che ho sentito in un convegno sulle politica regionale a Perugia, è che la politica della ricerca non può essere una politica di coesione perché è una politica di selezione. Quindi sono d accordo con la dottoressa De Cesare quando ci mette in guardia dal rischio di moltiplicare la ricerca dell eccellenza. La capacità della politica regionale è creare tutto l ambiente ottimale affinché queste eccellenze si sviluppino ma le risorse per far crescere questi cluster devono essere liberate da scelte nazionali, anche se moltissimo può essere fatto a livello regionale per favorirne lo sviluppo. Un ultima cosa a cui tengo molto è il ruolo del sistema associativo. Soprattutto per ciò che riguarda le piccole e medie imprese, questo emerge anche da un indagine che abbiamo fatto insieme al Ministero alcuni anni fa, il problema è il loro isolamento. L innovazione è fondamentalmente collegata alla partecipazione in una rete di fornitori, di clienti, di altre imprese, dell università, è la rete associativa; un impresa isolata è un impresa che inevitabilmente è a rischio, che declina. Il sistema associativo è un sistema che in molti casi

7 costituisce una rete fondamentale. Credo che come sistema possiamo fare moltissimo sia per favorire un flusso di informazioni alle piccole e medie imprese, e lo facciamo già, sia soprattutto per creare uno sviluppo culturale anche con gli altri attori del sistema, in modo particolare con le università. Proprio qualche giorno fa abbiamo firmato un accordo con la conferenza dei Rettori per investire insieme in due direzioni: la prima è quella di una maggiore collaborazione tra università e imprese attraverso una serie di progetti, la seconda è quella di introdurre una cultura della valutazione all interno dell università. Credo che questo ruolo che può svolgere il sistema associativo sia nei confronti delle piccole e medie imprese che nei confronti del sistema è fondamentale.

8

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio.

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio. RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSEMBLEA PUBBLICA Roma, 3 luglio 2014 L INDUSTRIA FARMACEUTICA IN ITALIA, UN ECCELLENZA EUROPEA. Autorità, cari Amici imprenditori, Signore e Signori, grazie di cuore per aver

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta

L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta Indice Introduzione 1. L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta I primi passi e il ruolo dello Stato. Pil 1/3 della Francia, Inghilterra 2000 km ferrovia contro 9000 Francia, 17000

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli