Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi."

Transcript

1 Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr Uliano Giuseppina A. matr

2 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana Verso i primi anni Settanta si estrinsecano con forza i mutamenti politici e sociali già iniziati negli ultimi anni Sessanta e si determina un forte aumento del peso dei sindacati nel governo dell economia, rafforzato anche da un sistema elettorale proporzionale puro che spinge I partiti alla ricerca di compromessi e scambi politici a carico del bilancio pubblico. La politica economica degli anni Settanta è quindi una filosofia di governo dell economia imperniata sulla raccolta di consenso sociale politico, sull intervento di direzione nei diversi mercati, sulla supposta irrilevanza del vincolo intertemporale e di bilancio con sottomissione della politica monetaria al finanziamento dei crescenti deficit pubblici. Le forti rivendicazioni salariali, avviate durante l autunno caldo del 1969 ed esplose negli anni 70-72, determinano una pressione al rialzo dei prezzi che, associata al primo shock petrolifero verificatosi nel 1973 porta alla quadruplicazione del tasso di inflazione. Shock petrolifero, salari ed inflazione ANNI VARIAZIONE DEL PREZZO DEL PETROLIO (%) VARIAZIONE DEI PREZZI AL CONSUMO (%) VARIAZIONE DEI SALARI NOMINALI (%)

3 var pz petr var pz cons var salari L incremento di oltre il 50% (dal 1973 al 1975) del costo della vita in soli tre anni implica sicuramente, per le autorità di politica economica, un riassetto degli obiettivi a medio e breve termine. La perdita di potere d acquisto viene compensata dall indicizzazione delle retribuzioni che passerà addirittura al 101% e più con l accordo sul punto unico di scala mobile del Nel frattempo, caduto il sistema di Bretton Woods, si era passati al cambio flessibile che aumentava a sua volta dall esterno, attraverso i prezzi delle importazioni, l aspirale perversa salari-prezzi-svalutazione del cambio. L impennata delle spese pubbliche correnti, poiché si era allargato ed esteso l intervento statale nel sociale, affiancate da una politica fiscale in permanente ritardo di getto, anche se a seguito delle difficoltà collegate all introduzione nei primi anni Settanta della riforma delle imposte dirette-indirette, comporta uno squilibrio strutturale nel bilancio pubblico corrente, che dal 71 comincia ad esprimere addirittura un disavanzo corrente, e un disavanzo complessivo che, nel periodo si colloca al 9% in media del Pil. In questo contesto solo grazie alla dinamica frenetica dei prezzi, che permetteva di drenare risorse attraverso il fiscal drag (cioè all automatico incremento della pressione fiscale dovuto all incremento nominale dei redditi rispetto ai vari scaglioni di imposta), e al favorevole livello dei tassi di interesse nominali, inferiori persino all inflazione, e quindi con tassi reali negativi, si riusciva a non subire l esplosione del rapporto tra debito pubblico e Pil che rimaneva infatti, nella seconda metà del decennio, pressoché stabile intorno al 60%. Contratti collettivi e scala mobile per I sindacati, inflazione e fiscal drag per il bilancio pubblico sembravano aver permesso di superare le difficoltà senza individuare un vero e proprio pagatore di ultima istanza. Questo pagatore si è trovato nelle famiglie che in quegli anni ha pagato il saldo con una imponente

4 perdita reale della propria ricchezza finanziaria. Le famiglie hanno infatti subito forti perdite dal 1972 fino al Nel 1980 l inflazione sfonda la barriera del 20% alimentata da forti aumenti salariali nominali, che a loro volta sono decurtati dall alta inflazione. L indicizzazione non sembra più possibile. La disoccupazione aumenta al 10% e poi sale oltre il 20% per poi stabilirsi al 5-6% a fine decennio. La presenza di disavanzi pubblici e deficit esteri rende evidente ed urgente una correzione di rotta nella politica economica al fine di evitare il deprezzamento della lira rispetto dollaro e marco. All inizio del decennio, attraverso il divorzio Tesoro-Banca d Italia avviene la svolta, ma solo sul fronte della politica monetaria. Da ricordare è l adesione nel 1978 dell Italia allo Sme, sebbene con una banda di oscillazione più ampia rispetto agli altri paesi. La dirompente crescita dei tassi d interesse aumenta il disavanzo. Grazie alla scelta di far recuperare autonomia e, di conseguenza, ambito di manovra alla Banca Centrale, I tassi di interesse reale rimbalzano all insù. ANNI TASSI INT. NOMINALE TASSI INT. REALE

5 25 20 tassi int.nominale tassi int. reale Negli anni Settanta la spirale salari-prezzi-svalutazione soffocava l Italia, mentre I tassi di interesse negativi erano lo stratagemma con il quale ci si illudeva di impedire che gli squilibri finanziari producessero una pericolosa crescita del debito. Agli inizi degli anno Ottanta, mutando però la strategia politico-monetaria e del cambio, prende vita un nuovo circolo vizioso. La spesa per interessi passa da un 5% rispetto al Pil nel 1980 a quasi il 10%. Alla fine degli anni Ottanta gli elementi che scateneranno la crisi valutaria e finanziaria si manifestano in alcuni fatti essenziali: 1987 inizia la seconda fase dello Sme a cambi relativamente fissi 1989 cade il muro di Berlino e si realizza l unificazione della Germania 1990 in Italia si ha la piena liberalizzazione dei movimenti di capitale dopo tre anni di cambio relativamente fisso l Italia entra nella banda stretta di oscillazione dello Sme. Da questo periodo possiamo imparare che: quanto più ritardate sono le manovre di politica economica, tanto meno sono credibili, e tanto meno sono credibili, tanto più forti sono gli effetti punitivi che il mercato esprime spingendo verso l alto l inflazione e tassi d interesse, e verso il basso il valore del cambio. La classe politica italiana si era illusa, negli anni Settanta, di saper reagire adeguatamente agli shock internazionali ponendosi come obiettivo il consenso sociale e politico ed un effimera difesa dell occupazione mediante deficit pubblici, inflazione crescente e ricorrente svalutazione. Negli anni Ottanta è radicalmente mutata la politica monetaria, ma sono rimasti invariati I meccanismi di convenienza politico-elettorale che hanno lasciato ovviamente crescere la spesa e i deficit pubblici. Quindi alla scarsa credibilità delle

6 promesse fatte e non mantenute, il mercato ha risposto con ripercussione sui prezzi dei beni, in termini di alta inflazione, e i risparmiatori - italiani e stranieri hanno risposto con ripercussioni sui prezzi delle attività finanziarie in termini di alti tassi d interesse. Negli anni Novanta si ereditano ed emergono i frutti di politiche economiche disinvolte del ventennio precedente, la delegittimazione della classe politica determina un ulteriore aggravamento. L Italia diviene bersaglio ottimale della speculazione interna ed internazionale anche a causa degli accordi di Maastricht e la non credibile difesa del tasso di cambio fisso. Depressioni al ribasso sulla lira divengono insostenibili già all inizio dell estate 1992, per poi generare nell agosto. Nel settembre si tenta una svalutazione concordata della lira ed una rivalutazione del marco; nonostante ciò l Italia è costretta a far uscire la lire dallo Sme lasciandola fluttuare liberamente. Se si fosse operata una manovra di politica economica credibile, non solo riferendosi alla quantità ed alla qualità, ma anche, e forse soprattutto ai tempi della sua effettiva realizzazione, avrebbe consentito di contenere enormemente le dimensioni della crisi stessa e soprattutto di contenere I costi dell opera di risanamento che si era resa necessaria negli anni successivi. Il valore economico della credibilità (misurato attraverso il differenziale sui tassi di interesse) Non esiste un unico tasso di interesse che possa rappresentare un intero paese sinteticamente, ogni economia esprime una struttura di tassi articolata sia in riferimento a diverse scadenze (breve, medio, lungo termine) che ha diverse tipologie di strumenti finanziari (titoli di stato, obbligazioni, azioni ). Come mai I tassi italiani sono stati costantemente superiori ai tassi dell Europa? Innanzitutto bisogna considerare le attese di svalutazione, i rischi di cambio ovvero il rischio di Paese in senso lato. Il primo rischio rappresenta il rischio di cambio in senso stretto, mentre il secondo rappresenta il rischio che proviene dall eventuale diversità di inflazione tra Paesi. Si nota infatti negli anni Novanta un elevato differenziale fra tassi d interesse italiani ed europei. L alta probabilità di alti differenziale equivale a dire che i mercati non assegnano al policy maker italiano, rispetto a quelli europei, una solida credibilità. La stima di un modello con switch markoviani ci permette di ottenere stime separate relative ai diversi regimi considerati (credibile e non credibile). L imponente sforzo di correzione dei conti pubblici varato dal Governo Amato nell autunno 1992 sembra convincere gli operatori a riassegnare credibilità alla politica economica italiana. La svalutazione della lira fa crescere le esportazioni; oltre ad una manovra correttiva l Esecutivo vara un pacchetto di provvedimenti atti a ridurre il deficit pubblico fino al 6% del Pil.

7 Durante il Governo Ciampi le misure adottate sembrano mantenere la credibilità recuperata dal precedente Governo Amato. Viene varata una manovra bis, si garantisce una concertazione tra governo, sindacati, imprenditori. Questi provvedimenti confortano gli operatori che, scommettendo sulla determinazione del Governo e della Banca Centrale verso il risanamento finanziario e il controllo dell inflazione, garantiscono una riduzione del rischio paese intorno all 1%. Nel maggio 1994 il clima di fiducia, ritrovato con difficoltà, viene a rompersi nuovamente a causa del dissesto finanziario che l Italia non era ancora riuscita a correggere in termini strutturali. Il debito pubblico raggiunge la quota del 125% rispetto al Pil e il perverso meccanismo spesa per interessi-deficit-debito dà poche possibilità di manovra ai policy maker. Nello stesso anno il clima politico volge di nuovo verso l instabilità che appare nettamente espressa nelle opinioni degli operatori durante l estate del All esplodere della crisi politica e alla formazione del Governo Dini, nei primi mesi del 1995, la fiducia appare scesa a livelli bassissimi e quando qualche mese dopo esplode la crisi messicana l Italia sfiorerà una situazione di irrimediabile crisi finanziaria. Le aspettative degli operatori ne risentono e quindi I differenziali dei tassi di interesse cominciano a crescere di nuovo passando rapidamente da poco più del 3% a circa il 5,5% nel Solo l impellenza della scadenza della seconda fase dell' unione Monetaria dà il coraggio politico necessario a mettere in pratica manovre economiche credibili ed efficaci per la convergenza verso i parametri di Maastricht. La credibilità viene però riconquistata quando il Governo Prodi vara il raddoppio della manovra prevista effettuando così un azione che appare tardiva ma efficace per produrre il necessario sforzo di correzione degli aggregati di finanza pubblica. Analisi teorica dell effetto di credibilità Interagendo empiricamente risulta interessante valutare l impatto determinato dalla mancanza di credibilità della politica economica ovvero del valutare cosa sarebbe successo se la politica economica avesse continuato ad essere non credibile in assenza di manovre correttive anche nei periodi successivi nei quali in realtà I mercati e gli operatori, proprio a seguito delle manovre intraprese, l hanno giudicata credibile. Il problema di fondo di tale esercizio empirico è che non si possono applicare indiscriminatamente clausole di tipo ceteris paribus, considerando in modo del tutto discrezionale alcune variabili esogene (cioè non influenzate da quella stessa grandezza economica) e altre variabili come endogene (cioè influenzate da quella stessa variabile) la critica di Lucas, basata sulla contestazione che al mutare delle regole di politica economica possano variare I comportamenti dei soggetti e degli operatori, è valida per qui modelli che presuppongono parametri uguali sia per l ipotesi di credibilità che di non credibilità di politica economica.

8 L Italia si è trovata in almeno due periodi di turbolenza in cui il mercato ha giudicato scarsamente credibile le politiche economiche poste in essere dai policy maker. In termini formali ciò equivale a dire che la probabilità di essere in un regime credibile era in quei momenti pari a zero. Se al contrario si ipotizza che gli stessi policy maker si fossero dimostrati credibili a partire dal 1990, con una linea di politica economica virtuosa e varata tempestivamente si sarebbero ottenuti I seguenti risultati: l andamento dei tassi di interesse sarebbe stato molto più stabile e avrebbe presentato un trend decrescente producendo risultati positivi sia sugli equilibri di finanza pubblica, sia in termini di incentivo alla ripresa degli investimenti privati. La differenza tra I tassi di interesse effettivamente realizzati e quelli stimati nella nostra ipotesi rappresentano il costo della non credibilità. Tale costo ha portato ad appesantire il bilancio pubblico per maggiori spese per interessi e alla fine ha determinato la stringente necessità di varare la maxi-manovra del Governo Prodi. La mancanza di credibilità ha prodotto due differenze rilevanti: 1. lo stock di debito pubblico è oggi ben più alto di quello che si sarebbe potuto determinare; 2. il costo rappresentato dalla manovra Prodi, che altrimenti non sarebbe stata necessaria In termini contabili la non credibilità è costata quasi il 4% dei tassi di interesse in più, ossia che solo nel 1992 si è dovuto sostenere spese per interessi in più pari a circa miliardi. Se si fosse verificato sempre un regime credibile si sarebbe riuscito ad effettuare un risparmio di spesa per interessi pari a miliardi in un decennio che sarebbe stato usato per ridurre la pressione fiscale, per maggiori spese di investimento e quindi per avere una maggiore crescita e piena occupazione. Per contro invece la forte crescita della spesa per interessi ha determinato sia una maggiore tassazione che un taglio delle spese per investimenti. Il risparmio che si sarebbe potuto ottenere in termini di spesa per interessi avrebbe per di più avuto un impatto notevole sull ammontare del debito, nonché sulla determinazione del fabbisogno pubblico. E evidente quindi che esiste un costo reale e tangibile della credibilità quando questa viene a mancare. Alla stessa stregua esiste un dividendo che si può ottenere e impiegare proficuamente qualora si tenga una condotta adeguata e coerente. Quindi la continuità della tenuta di una condotta credibile da parte degli operatori di politica economica genera effetti positivi per l economia non solo in termini di risparmio di spese per interessi, ma anche in termini di risorse non più vincolate all esigenza di finanziamento del deficit e del debito pubblico. Per contro un comportamento lassista e irresponsabile di continua non credibilità avrebbe generato un avvitamento incontrollabile dell economia italiana. Se nel caso di non credibilità I governi non avessero realizzato le manovre e quindi la probabilità di acquistare credibilità sarebbe stata zero, I tassi di interesse sarebbero stati soggetti a una maggiore turbolenza designata da un notevole rialzo dei tassi stessi. Il costo medio del debito pubblico avrebbe assunto proporzioni insostenibili e la conseguenza in termini di aggregati di finanza pubblica sarebbe stata devastante.

9 Si mostra quindi in modo chiaro e inequivocabile quali possano essere le conseguenze di un persistente comportamento inaffidabile degli operatori di politica economica. In questo caso l Italia si sarebbe trovata a non riuscir a raggiungere I parametri di Maastricht e avrebbe determinato una crisi di fiducia dovuta all insostenibilità finanziaria dell elevato stock di debito raggiunto. Se l aggiustamento necessario a risanare le finanze pubbliche italiane fosse cominciato prima avrebbe probabilmente consentito di raggiungere in anticipo gli obiettivi di finanza pubblica fissati nel trattato di Maastricht. Se le politiche di rientro fossero state accompagnate da un incisiva azione di riforma del mercato del lavoro e di liberalizzazione dei mercati dei prodotti, si sarebbe potuto ottenere anche un apprezzabile e duratura riduzione del livello della disoccupazione. Questi due fattori determinano, congiuntamente, un forte freno alle prospettive di sviluppo e occupazione del paese. Le politiche d aggiustamento, seppur partite con ritardo, hanno comunque consentito di raggiungere in tempo i parametri di Maastricht e di entrare nella Moneta Unica del gruppo di testa. Tale risultato consente ora di recuperare pienamente la leva di bilancio come strumento di politica economica, rivolto non solo al fine di riequilibrio dei saldi finanziari (deficit), ma anche al raggiungimento di obiettivi di maggiore crescita e più elevata occupazione, tramite politiche di riduzione della pressione fiscale, rese possibili dalle necessarie riduzioni di spesa che lascino inalterati i saldi di bilancio. Nell analisi empirica la composizione e la struttura della manovra anticipata al 1990 è stata considerata analoga a quella effettivamente realizzata dal Governo Amato alla fine del gli effetti attesi sono molteplici: in particolare è immaginabile che una riduzione del deficit pubblico già dai primi anni Novanta avrebbe consentito un conseguente annullamento del premio a rischio sui tassi di interesse. Inoltre l impatto dell anticipato taglio del deficit avrebbe prodotto una minor crescita nel breve periodo, ma avrebbe consentito un accelerazione dello sviluppo negli anni successivi. Infine un più rapido riequilibrio dei conti pubblici sarebbe stato meno costoso e soprattutto avrebbe aperto prima consistenti spazi di manovra per il policy maker che si sarebbe così riappropriato del bilancio pubblico come strumento effettivo di politica economica volta a sostenere e a promuovere sviluppo e occupazione, senza incorrere nelle illusioni pseudo-keynesiane del deficit e del debito. Si può sottolineare con forza che il tempo delle decisioni costituisce un valore economico: una politica economica credibile fatta tempestivamente costa di meno e rende di più. L impatto effettivo della manovra sulle entrate è di aumentare il gettito complessivo delle imposte dirette; in particolare la pressione fiscale continua ad aumentare fino al 1992 poi cala gradualmente. Alla fine del periodo la pressione delle imposte dirette risulta di quasi un punto percentuale inferiore rispetto a quella effettivamente verificatasi per effetto di una più elevata crescita del Pil. La riduzione della pressione fiscale e contributiva che si evidenzia negli anni è frutto della avversa fase ciclica e anche della natura temporanea di molti provvedimenti della manovra Amato del dal lato delle spese si ha

10 una riduzione sul regime delle spese per pensioni a causa degli effetti di isteresi dell andamento della spesa negli anni precedenti. La forte riduzione della spesa corrente trova spiegazione anche nell annullamento del rischio Paese sul tasso di interesse. Il tasso medio sui Bot sarebbe diminuito fortemente già a partire dal 1992 rispetto ai livelli che si sono effettivamente realizzati, per effetto del minore indebitamento e della minore inflazione. Il calo dei tassi che si sarebbe determinato avrebbe quindi indotto una minore spesa per interessi, che avrebbe raggiunto un massimo di miliardi nel 1992 per scendere a circa miliardi. La riduzione della spesa per interessi rispetto alla storia sarebbe dunque stata pari a miliardi già nel 1992 e si sarebbe attestata attorno ai miliardi alla fine del Un primo risultato rilevante all analisi è che in una fase di crescita modesta dell economia e di elevato tasso di disoccupazione, come quella della fine degli anni Novanta, l anticipo delle manovre e il conseguente effetto positivo dell acquisita credibilità dell Italia avrebbero creato consistenti spazi per una riduzione della pressione fiscale e contributiva. L anticipo delle manovre di aggiustamento avrebbe evidenziato una maggior crescita del sistema economico italiano indotta dall accelerazione degli investimenti resa possibile dalla minor spesa per interessi. Il rallentamento nella crescita dei salari pubblici e la minor spesa per interessi si sarebbero riflessi anche in una dinamica dei prezzi che avrebbe annullato in anticipo i differenziali di inflazione con i paesi più virtuosi dell Unione Europea. Già dagli anni , il tasso di inflazione al consumo sarebbe infatti sceso al di sotto del 3%. Questo avrebbe determinato anche una minore svalutazione del cambio della lira che avrebbe avuto inoltre effetti sulla stessa dinamica dei prezzi, rafforzando il comportamento di riduzione virtuosa dell inflazione italiana. Quanto alla domanda estera, l effetto netto della minore svalutazione e della maggiore competitività determinata dal minore aumento dei prezzi interni avrebbe consentito comunque di raggiungere un cospicuo avanzo della bilancia dei pagamenti di parte corrente. Con un ritardo di un anno rispetto a quanto visto per il Pil anche l occupazione totale sarebbe risultata più elevata rispetto a quella effettivamente verificatasi, di circa unità nel 1997.

11 Il valore del tempo delle decisioni e l efficacia della politica economica Si è potuto quantificare che decisioni anticipate e prese al momento dell apparire dei primi segnali seri di squilibrio e di crisi avrebbero consentito di contenere fortemente i costi dell aggiustamento. Infatti la manovra Amato realizzata nel 1992 quantificata in miliardi e di fatto attuata per circa miliardi avrebbe potuto limitarsi a miliardi se la correzione fosse avvenuta due anni prima. Misurando il solo effetto di impatto, questo minor costo si sarebbe prodotto a seguito di una maggior credibilità, che avrebbe fortemente ridotto i differenziali dei tassi di interessi. Nel tempo però i minori tassi sarebbero stati ulteriormente abbassati dalla minore inflazione e avrebbero ancor di più prodotto effetti di risanamento sulla finanza pubblica ed effetti di sostegno e stimolo sugli investimenti produttivi. Ciò avrebbe determinato prospettive migliori in termine di crescita del Pil e di occupazione. Sul piano finanziario il macigno del debito pubblico sarebbe stato in gran parte ridimensionato. Sul piano reale, gli spazi di risorse creati da manovre credibili tempestive e strutturali avrebbero certamente dato alla nostra economia migliori prospettive di sviluppo, di occupazione e di benessere e più solide ed equilibrate basi di equità e di giustizia distributiva.

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 Il quadro programmatico per l economia italiana qui presentato

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15 Politica Economica Europea 4 Aggiustamento a shock asimmetrici: il ruolo dei salari reali Paese indipendente Abbiamo visto che in caso di shock asimmetrici permanenti la politica monetaria nazionale sarà

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo Nota congiunturale Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo L indagine congiunturale di previsione per il primo trimestre 2016 di Confindustria Cuneo evidenzia

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

ALTRO CHE SALVA ITALIA!

ALTRO CHE SALVA ITALIA! 79 i dossier www.freefoundation.com ALTRO CHE SALVA ITALIA! Panorama, 18 ottobre 2012 18 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 All inizio del disastro è stato l anticipo del pareggio di bilancio al

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Significato della bilancia dei pagamenti: registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo le entrate di moneta dall estero sono crediti le

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali.

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali. MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE LEZIONE 12 Cos è il Sistema monetario internazionale (SMI)?: Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli