Evoluzione dell ambiente e controllo di gestione dell albergo. Associazione Giovani Albergatori

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Evoluzione dell ambiente e controllo di gestione dell albergo. Associazione Giovani Albergatori"

Transcript

1 Evoluzione dell ambiente e controllo di gestione dell albergo Associazione Giovani Albergatori Dicembre 2011

2 Sintesi Obiettivi dell incontro Premessa: Controllo di gestione degli alberghi: Uniform System of Accounts of Hotels USAH 1. Controllo a costi diretti o a costi pieni? 2. Controllo per destinazione 3. Controllo concomitante, in tempo reale 4. Controllo di qualità 5. Tecnologia management oriented 6. Budget 7. Sintesi delle linee di evoluzione 2

3 Obiettivi dell incontro Obiettivi dell incontro RIPRENDERE LA STRUTTURA BASE DELL UNIFORM SYSTEM OF ACCOUNTS OF HOTELS (USAH) VERIFICARLA IN BASE ALL EVOLUZIONE ATTUALE DEL MERCATO E DELL INDUSTRIA ALBERGHIERA ITALIANA IDENTIFICARE LINEE DI POSSIBILE EVOLUZIONE CONFRONTARE TALI LINEE CON L ESPERIENZA PRATICA DEI GIOVANI ALBERGATORI 3

4 PREMESSA: Controllo di gestione degli alberghi: USAH PREMESSA: Controllo di gestione degli alberghi: USAH USAH: Uniform System of Accounts for Hotels = Il primo e più usato sistema di controllo di gestione (1926): successivamente sviluppato per: LOGDGING INDUSTRY (dal 1926) è arrivato oggi alla 9a edizione che riunisce le due versioni precedenti: per grandi e piccoli hotels FOOD SERVICE INDUSTRY (dal 1927) oggi: 7a edizione CLUB INDUSTRY (dal 1942) oggi: 5a edizione SPA INDUSTRY (dal 2004) 1a edizione GAMING INDUSTRY: in corso di realizzazione 4

5 PREMESSA: Controllo di gestione degli alberghi: USAH USAH : CONTENUTI Sistema completo di report economici e finanziari e indicatori: Balance sheet = Stato patrimoniale Statement of income = Conto economico Shareholders, partners, owners equity = situazione delle azioni, partecipazioni, capitale netto Financial statements (changes in financial position, cash flow) = modifiche nella situazione finanziaria e cash flow Ma sviluppa particolarmente: IL CONTO ECONOMICO GESTIONALE DEI CENTRI DI RESPONSABILITA ECONOMICA DELL AZIENDA 5

6 PREMESSA: Controllo di gestione degli alberghi: USAH USAH : I CENTRI DI RESPONSABILITA ECONOMICA Dettaglio dei centri di profitto = Appartamento, F&B, Telefono, Garage e parking, Lavanderia, Golf, Tennis, SPA, Piscina, cabine, bagni; Affitti; Dettaglio di centri di costo = Amministrazione; IT; Risorse umane; Trasporti; Marketing; Entertainment; Energia; Altri costi fissi Consolidati in un CONTO ECONOMICO AZIENDALE rigorosamente per destinazione a CENTRI 6

7 7

8 8

9 9

10 1 Struttura di costo a costi diretti o a costi pieni? 1 Struttura di costo a costi diretti o a costi pieni? è basato sul cd. direct costing = imputazione ai prodotti, ai centri, ai segmenti di mercato, dei soli costi diretti senza ribaltamento dei costi comuni, anche se molti manager amano conoscere costi pieni = imputazione ai prodotti, ai centri, ai segmenti di mercato, dei costi diretti + costi comuni addebitati con qualche criterio 10

11 1 Struttura di costo a costi diretti o a costi pieni? I costi diretti = i costi incorporati nel prodotto e quelli necessari per generare e commercializzare il prodotto stesso. Almeno 3 livelli di costi diretti: Costi variabili Costi variabili + costi diretti industriali Costi variabili + costi diretti industriali + costi diretti commerciali 11

12 1 Struttura di costo a costi diretti o a costi pieni? VANTAGGI Costi pieni Possibilità a consuntivo (e preventivo) di confrontare il costo di ogni prodotto-servizio con il prezzo e determinarne l utile complessivo. Formulare un prezzo in base al costo totale del prodotto-servizio SVANTAGGI Criteri differenti d imputazione > differenti risultati economici Il prezzo è determinato dal mercato, non dal costo VANTAGGI Costi diretti Evitare errori di valutazione e di decisione generati da criteri contabili d imputazione dei costi Un costo certificato è una corretta base di riferimento per la formulazione commerciale del prezzo basato sulla concorrenza sull impatto di di strumenti promozionali, sul posizionamento SVANTAGGI I prodotti evidenziano i margini di contribuzione, non l utile dei prodotti 12

13 1 Struttura di costo a costi diretti o a costi pieni? Insistiamo a privilegiare la struttura dei costi a soli costi diretti e non a costi pieni 13

14 2. Controllo per destinazione 2. Controllo per destinazione USAH Riclassifica il conto economico civilistico in un conto economico gestionale che è la sommatoria dei conti economici dei centri di costo e di profitto. I ricavi della room division sono suddivisi tra 3 categorie di domanda: regular (passanti), group (gruppi, conventions), permanent (residenziali) MA IL MONDO E CAMBIATO 14

15 2. Controllo per destinazione IL MONDO E CAMBIATO Incoming da nuovi paesi (Cina, Corea, India, Russia, Polonia, EST Europeo, Paesi del golfo, ) con nuove esigenze, cadenze, capacità di spesa Nuove fasce di consumatori Nuovi canali di vendita, in concorrenza tra loro Prezzi differenziati per prestazioni non dissimili Necessità continua di cogliere nicchie di mercato turistico in sviluppo, verificarne l entità e la capacità di spesa, integrarle nel proprio marketing In un periodo di elevate criticità nell ambiente esterno. QUINDI 15

16 2. Controllo per destinazione SONO NECESSARI STRUMENTI PIU EVOLUTI PER TENER LA BARRA DRITTA Copyright by Deloitte & Touche,

17 2. Controllo per destinazione IL CONTROLLO DI GESTIONE E IN GRADO DI FORNIRE: Situazioni economiche riclassificate per le differenti viste del mercato Sviluppate con ricavi e costi diretti fino al margine di contribuzione diretto (Income before management fees and fixed charges) A cadenze frequenti (max 1 mese) Con tecniche di elevata automazione e semplificazione per ridurre l impatto sui costi di struttura 17

18 2. Controllo per destinazione Operating Departments Segments of market Sales channels Countries Rooms Passanti Vendita diretta Italia Food and beverage Gruppi Contratti con TO USA Telephone Conventions aziend Sito aziendale Deutschland Garage and parking Conventions assoc Providers Switzerland Guest laundry Overflow Social Network Holland Golf course Eventi Last minute China Golf pro shop Altri proventi oper Altri proventi oper Japan Tennis-racquet club Altri ricavi Altri ricavi Altri paesi Tennis pro shop Altri proventi oper Health club Altri ricavi Swimming pool-cabanas-bath Rentals and other income Total Operating Departments Total Segments Total Sales channels Total Countries Undistributed Operating Expenses Administrative and general Data processing Human resources Transportation Marketing Guest entertainment Energy costs Total Undistr Oper Expenses Total Company 18

19 2. Controllo per destinazione I PROBLEMI EMERGENTI: Le difficoltà tecniche di automazione sono superabili dagli strumenti di business intelligence che consentono agili e rapide e personalizzate selezioni dei dati drill-in: dalla sintesi all analisi facili e personali zzate rappresentazioni grafiche a basso costo I maggiori problemi nascono per i costi (mentre per i ricavi già la ricevuta fiscale contiene tutti I dati di imputazione), che nascono indifferenziati e servono, di regola, contestualmente, più classi di clienti. 19

20 2. Controllo per destinazione PROCESSO PROPOSTO: 1. Definire gli standard di servizio e di costo per presenza/giorno e per pasto delle differenti classi di clientela, fino al margine di contribuzione diretto (Income before management fees and fixed charges), comprensivo dei ricavi e dei costi diretti 2. A ogni segmento di clientela viene agganciato il suo standard di costo 3. La rilevazione di presenze e pasti e di tipologia di clientela richiamano oltre ai ricavi effettivi gli standard di costo 4. Vengono quindi composti automaticamente i conti economici gestionali nelle diverse viste pianificate, fino al margine di contribuzione diretto. 5. A fine periodo di gestione (mensile, trimestrale) viene effettuato il ciclo usuale della contabilità analitica e calcolati gli scostamenti tra costi standard e costi effettivi. 6. A fine periodo viene completato il conto economico fino a livello di net income, per natura e per destinazione, tutto a costi effettivi (che consente di adeguare anche gli standard) 20

21 ROOMS FOOD AND BEVERAGE STRUTTURA A STANDARD CONS/STD IN TEMPO REALE CONSUNTIVO (FINE PERIODO) Revenue Revenue Revenue Revenue Revenue Transient-regular Food Rooms Rooms EFF Rooms EFF Transient-group Beverage Food Food EFF Food EFF Permanent Total Beverage Beverage EFF Beverage EFF Other rooms revenue Allowances Net Revenue Net Revenue EFF Net Revenue EFF Total Revenue Net Revenue Allowances Other Income Net Revenue Total Revenue Cost of Sales Cost of Sales Cost of Sales STD Cost of Sales STD Cost of food consumed Cost of food consumed Cost of food consumed STD Cost of food consumed STD Less cost of employee meals Cost of beverage sales Cost of beverage sales STD Cost of beverage sales STD Net cost of food sales Cost of beverage sales Other cost of sales Net Cost of Sales Net Cost of Sales Net Cost of Sales STD Net Cost of Sales STD Gross Profit Gross Profit Gross Profit STD Gross Profit STD Expenses Expenses Expenses Expenses STD Expenses STD Salaries and wages Salaries and wages Employee benefits Employee benefits Total Payroll & Related Expenses Total Payroll and Related Expenses Total Payroll and Related Expenses Total Payroll and Related Expenses STD Total Payroll and Related Expenses STD Other Expenses Other Expenses Commissions China, glassware, silver and linen Contract cleaning Contract cleaning Guest transportation Laundry and dry cleaning Laundry & dry cleaning Licenses Total Other Expensès Total Other Expensès Total Other Expensès Linen Music and entertainment Operating supplies Operating supplies Reservations Uniforms Uniforms Other Other Total Other Expensès Total Other Expenses Total Expenses Total Expenses Total Expenses Total Expenses Total Expenses Departmental Income Departmental Income Departmental Income Departmental Income Departmental Income 21 CONS - STANDARD

22 Flussi nella contabilita anal. Tradizionale e conto economico per destinazione 2. Controllo per destinazione Cont. analitica Costi e ricavi per natura CentrI ausil. Energia elettrica telefono Riscal./condiz. Lavanderia Centri di responsabilità CentrI operativi Altri reparti Bagni Impianti sportivi Garage e parking Telefono Ristorazione Appartamento CentrI struttura Altri indiretti Conduz. impianti Pubblicità e mkg Amministrazione e Dir. Generale Operating Departments Rooms Food and beverage Telephone Garage and parking Guest laundry Golf course Golf pro shop Tennis-racquet club Tennis pro shop Health club Swimming pool-cabanas-bath Rentals and other income Total Operating Departments Consuntivo - Standard Administrative and general Data processing Human resources Transportation Marketing Guest entertainment Energy costs Total Undistr Oper Expenses Financial profit and loss Extraordinary profit and loss Earnings before income taxes Income taxes Net income 22

23 Flussi nella contabilita anal. Tradizionale e conto economico per natura 2. Controllo per destinazione Cont. analitica Costi e ricavi per natura CentrI ausil. Energia elettrica telefono Riscal./condiz. Lavanderia Centri di responsabilità CentrI operativi Altri reparti Bagni Impianti sportivi Garage e parking Telefono Ristorazione Appartamento CentrI struttura Altri indiretti Conduz. impianti Pubblicità e mkg Amministrazione e Dir. Generale A) Valore della produzione 1 Ricavi delle vendite e delle prestazioni 5) Altri ricavi e proventi Totale Valore della produzione B) Costi della produzione 6) Per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci 7) Per servizi 8) Per godimento di beni di terzi 9) Per il personale: 10) Ammortamenti e svalutaz 11)Variazioni delle rimanenze 12) Accantonamenti per rischi 13) Altri accantonamenti 14) Oneri diversi di gestione Totale costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione C)Proventi e oneri finanziari E)Proventi e oneri straordinari Risultato prima delle imposte Imposte sul reddito dell eserc Risultato dell esercizio 23

24 3. Controllo concomitante, in tempo reale 3. Controllo concomitante, in tempo reale L USAH Controllo contabile, attuato tramite il budget e la contabilità analitica tradizionale Procedura consuntiva: rilevazione immediata dei ricavi e dei dati quantitativi; a fine periodo: rilevazione dei costi e ricavi contabili -> calcolo dei ratei di competenza di tutte le spese -> conto economico contabile Ottima in ambiente di stabilità di: Prezzi Canali di vendita Competizione tradizionale Acquisti viaggi e soggiorni pianificati ma 24

25 3. Controllo concomitante, in tempo reale IL MONDO E CAMBIATO I prezzi variano non solo più per effetto della stagionalità e del potere d acquisto (individuali/gruppi) ma anche per l effetto dei differenti canali di vendita momenti di vendita (vendite programmate, last minute) eventi-occasioni (week end) livello di servizio Le quantità non si traducono più automaticamente in ricavi e margini, che invece devono essere tenuti costantemente sotto controllo con mix che variano di giorno in giorno Non vi è più tempo di attendere la contabilità analitica (uno o più mesi di ritardo) per conoscere la redditività E necessario pervenire al controllo non solo dei ricavi, ma della redditività: IN TEMPO REALE 25

26 3. Controllo concomitante, in tempo reale Il flusso dei costi e ricavi Secondo il principio della competenza, in un certo periodo di tempo: i costi rilevati devono corrispondere alle effettive risorse utilizzate i ricavi devono corrispondere alle vendite effettuate nel periodo i costi devono essere correlati ai ricavi del periodo. Durante l anno, la contabilità generale ai fini civilistici di regola rileva i fenomeni nel momento in cui è disponibile la documentazione formale (fatture attive o passive, pagamento salari stipendi e oneri, ecc.). In quel momento, il costo o il ricavo si è già manifestato da tempo, quindi la registrazione ai fini civilistici è "in ritardo" sugli eventi reali (la vendita e la consegna può già essere avvenuta in periodi precedenti; le prestazioni e i materiali acquistati possono già essere stati da tempo utilizzati; stipendi e oneri del personale non comprendono gli accantonamenti per i ratei di retribuzione differita che di regola la contabilità civilistica calcola a fine anno), Oppure è in anticipo (assicurazioni, rate di leasing pagate in soluzioni anticipate, ecc.) 26

27 3. Controllo concomitante, in tempo reale Quindi, ben poche transazioni di natura prettamente civilistica determinano correttamente costi e ricavi di competenza. Solo a fine periodo contabile (annuale o semestrale), anche ai fini civilistici sono accertati i costi e i ricavi di competenza e sono calcolati i ratei e risconti. Le procedure alimentanti devono essere disegnate per rilevare, durante l'anno sia i dati accertati, sia gli stanziamenti di competenza, nel modo più possibile automatico. 27

28 3. Controllo concomitante, in tempo reale Approccio innovativo al controllo di gestione Da sistema contabile a sistema misto contabile-gestionale E privilegiato l aspetto decisionale rispetto a quello contabile Ribaltamento delle priorità: direttamente dai sistemi gestionali (ciclo attivo e passivo) successivamente riconciliati con COAN Controllo delle redditività in tempo reale, alimentato dal ciclo attivo e non da quello contabile. Possibilità di analisi quali-quantitativa e di redditività sui clienti tramite una Analisi multidimensionale 28

29 3. Controllo concomitante, in tempo reale Analisi multidimensionale Presuppone la creazione di un Data Warehouse unico creato dai sistemi alimentanti, e in cui ogni informazione (es. pernottamento) è connotata da più dimensioni o caratteristiche, quali: Luogo di provenienza N pernottamenti N pasti Canale di vendita Tipo di contratto (individuale, gruppo, meeting, ecc:) Servizi acquistati Data di arrivo e partenza Modalità di viaggio Claims eventuali Inoltre, ogni dimensione può avere differenti livelli di dettaglio (es. per il luogo: il continente, la nazione, la regione, la città). 29

30 3. Controllo concomitante, in tempo reale Business Intelligence I sistemi DSS (Decision Support System tra cui i sistemi di Business Intelligence) consentono di elaborare i dati con differenti dimensioni e differenti livelli di aggregazione, al fine di approfondire le cause degli eventi positivi e negativi, effettuare simulazioni non solo quantitative (es. stagionalità per origine, canale canale e origine, ecc.), ma anche di redditività (redditività per origine, canale canale e origine, ecc) e qualitative (fidelizzazione del cliente, claims, customer satisfaction, ecc.) La semplicità di uso, inoltre, ne favorisce l utilizzo da parte del management e quindi la capitalizzazione delle sue capacità, dell esperienza e della capacità intuitiva L impatto in tempo reale dà un rilevante vantaggio competitivo in un periodo di elevato cambiamento. 30

31 3. Controllo concomitante, in tempo reale Ricavi e costi per natura Conto economico gestionale Ciclo attivo CONTAB. GENER.: piano dei conti CONTAB. ANALIT.: piano delle voci di spesa CONTAB. ANALITICA: Centri di costo 1. Rooms 2. Food and beverage 3. Telephone 4. Other operating revenues 5. Rentals and other revenues 6. Net revenues 7. Cost of food 8. Cost of beverage 9. Cost of goods sold 10. Cost of direct personnel 11 Other direct costs 12 Total direct costs 13 Gross profit 14 Costi personale indiretto 15 Costi amm. e generali 16 Pubblicità e promozione 17 Conduzione impianti e manut. 18 Affitti passivi 19 Ammortamenti 20 Totale costi della produzione 21 Risultato operativo 22 Oneri e proventi finanziari 23 Oneri e proventi straordinari 24 Risultato ante imposte 25 Imposte e tasse 26 Risultato netto d esercizio RICEVUTE FISCALI E FATTURE ATTIVE (PER CLIENTE-PRODOTTO) QUANTITA VENDUTE COSTI EFFETTIVI O STANDARD DEL VENDUTO 31

32 3. Controllo concomitante, in tempo reale 32

33 3. Controllo concomitante, in tempo reale 33

34 3. Controllo concomitante, in tempo reale 34

35 3. Controllo concomitante, in tempo reale 35

36 4. Controllo di qualità 4. Controllo di qualità L USAH presidia gli aspetti quantitativi e economici Ma : le normative di legge la sensibilità internazionale, lo sviluppo di nuovi segmenti di mercato sensibili alla sostenibilità, il ricupero di redditività anche sotto il profilo dei costi la necessità di un immagine reale (e non un puro e semplice GREEN WASHING ) Propongono una crescente attenzione agli investimenti e ai processi diretti alla: Protezione dell ambiente naturale, culturale, sociale

37 4. Controllo di qualità E necessario quindi integrare il reporting direzionale con processi e indicatori di presidio dei fenomeni qualitativi, che abbracciano ormai non solo i fenomeni ormai consueti di: Customer satisfaction Motivazione Sviluppo tecnico e organizzativo del personale Cura dell immagine aziendale Ma anche aspetti di: Sostenibilità e protezione dell ambiente (adozione di materie prime, arredi e materiali locali ecosostenibili, uso di energie rinnovabili, risparmio e ricupero di acque, raccolta differenziata, enfasi sulla cultura locale, ) Etica della gestione d impresa (CSR = Corporate Social Responsibility) che vede nel soddisfacimento degli stakeholders (coloro che hanno interessi per l impresa) e non solo degli shareholders (gli azionisti) I obiettivo delle scelte e dei comportamenti d impresa.

38 5. Tecnologia management oriented 5. Tecnologia management oriented USAH È sorto e si è evoluto in un periodo (anni 20) e in un ambiente (amministrativo-contabile) sensibile a aspetti logici più che di automazione e soprattutto legati a processi e a tempi lunghi. OGGI È necessaria una direzione d impresa in grado di Cogliere segnali deboli Approfondire Decidere Intervenire in tempi rapidi. Quindi: Processi gestionali e non (solo) contabili Strumenti software user friendly (B.I.) Sistemi inform e strumenti management oriented

39 5. Tecnologia management oriented DALL AMBIENTE ESTERNO SUL TAVOLO DEL MANAGEMENT ELABORARE E INVIARE IN TEMPO REALE DALL INTERNO DELL HOTEL 39

40 6. Budget 6. Budget I report dell USAH non comprendono esplicitamente report e output relativi al BUDGET Il budget è diventato il principale strumento di controllo (preventivo) dell azienda. E uno strumento di competitività e quanto più è tempestivo e aggiornato, tanto migliore è la vista del futuro e la tempestività della decisione. Oggi gli approcci di budget prevedono: UN IMPOSTAZIONE STRATEGICA (PRE-BUDGET) TOP-DOWN + UN DETTAGLIO (BUDGET) BOTTOM-UP In grado di anticipare il quadro di budget e di effettuare le revisioni di budget a livello di management in tempi rapidi e efficaci.

41 6. Budget Processo attuale Lungo e sequenziale: solo al termine è noto il risultato Difficile pilotaggio dall alto Forte coordinamento e normalizzazione di AFC AFC sviluppa i budget delle spese di struttura per molte delle Funzioni Elaborazione manuale del budget delle Funzioni Modelli delle Funzioni differenti tra loro Processo rigido: non consente simulazioni Processo proposto Elaborazione di un pre-budget in tempi brevi e successivo sviluppo del budget dettagliato delle Funzioni in parallelo Elevata autonomia delle Funzioni a valle delle linee di pre-budget Stesura dettaglio dei budget di competenza delle Funzioni Forte automazione del processo Modelli di budget unici per tutti, con autonomia dei criteri Esteso processo simulativo, anche da parte delle Funzioni 41

42 6. Budget a) Previsioni ambiente esterno c) PREBUDGET b) Previsioni ambiente interno PREBUDGET E OBIETTIVI (settembre) d) Budget letter f) Budget Invest e ammor g) Budget costi strutt l) Budget Conto Econ h) Budget personale j) Budget centri m) Budget Stato Patr e) Budget Ricavi k) Budget costi var. n) Budget Finanz.. BUDGET TRAINANTI(ottobre) BUDGET FUNZIONALI (nov) BUDGET DESTINAZIONE BUDGET SINTESI (nov-dic) 42

43 7. Sintesi delle linee di evoluzione 7. Sintesi delle linee di evoluzione del sistema di controllo 1. Basato su direct costing senza ribaltamento dei costi comuni, per un corretto processo di verifica della contribuzione reale e di formulazione dei prezzi. 2. Multidimensionale per centro, prodotto, segmento di mercato, canale di vendita, area di incoming. 3. Controllo concomitante, in tempo reale, grazie a sistemi di business intelligence. 4. Integrato da un controllo di qualità e da indicatori di customer satisfaction, motivazione e sviluppo del personale, immagine aziendale, ed esteso alla sostenibilità e all etica della gestione d impresa. 5. Con una tecnologia che invii direttamente, in tempo reale, dati e indicatori di sintesi sul pc/palmare/tablet del top management. 6. Preceduto da un sistema di budget impostato top-down e realizzato bottom-up che anticipi la vision del futuro di breve periodo. 43

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015 I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Economia Aziendale CLASSE 5 SEZIONE: A Amm.Finanz.Mark. DOCENTE Antonio Barone ORE DI LEZIONE 8 Ore Settimanali STRUMENTI Con noi

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri

Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri Partire dall analisi dei costi alberghieri per riuscire a migliorare il vostro revenue Aziendale. My-Costpar è un servizio di consulenza specifica per l analisi

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

EASY SHARE FINANCE S.r.l.

EASY SHARE FINANCE S.r.l. EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE certificata ISO 9001:2000 Sincert - accreditata dalla Regione Lombardia Il software si compone di tre sezioni: 1) Controllo

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PER LE IMPRESE TURISTICHE Revenue Management Miriam Berretta Programmazione miriam.berretta@gmail.com e controllo

Dettagli

La dinamica economica, patrimoniale e finanziaria di impresa

La dinamica economica, patrimoniale e finanziaria di impresa Università degli Studi di Torino Laboratorio "Internazionalizzazione delle imprese: strategie di mercato e di investimento Le dinamiche economiche, patrimoniali e finanziarie dell impresa Massimo Battuello

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Business modeling & profitability optimization. Budgeting & forecasting. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it

Business modeling & profitability optimization. Budgeting & forecasting. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it Business modeling & profitability optimization Budgeting & forecasting 1 INDICE BUSINESS MODELING & PROFITABILITY OPTIMIZATION BUDGETING & FORECASTING Business Modeling & Profitability Optimization. Pag.3

Dettagli

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION.

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling. JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni Food Processing

JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling. JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni Food Processing JBT Corporation è un gruppo americano, organizzato in due business unit: JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Marketing Strategico L'analisi attenta del mercato di riferimento può aprire nuove prospettive al business alberghiero:

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Argomenti - Il controllo in azienda - Il controllo di direzione - Il controllo antecedente - Il controllo concomitante - Il controllo susseguente

Dettagli

Il controllo di gestione nelle imprese alberghiere

Il controllo di gestione nelle imprese alberghiere Il controllo di gestione nelle imprese alberghiere Progettazione e implementazione del controllo di gestione: il sistema di controllo Vincenzo Ferragina Dottore commercialista, Partner Kon Spa Tutte le

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Reporting direzionale GIA-L05

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Reporting direzionale GIA-L05 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Reporting direzionale GIA-L05 Indice Definizione del sistema di reporting direzionale Obiettivi di

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Contabilità generale e contabilità analitica

Contabilità generale e contabilità analitica 1/5 Contabilità generale e contabilità analitica La sfida della contabilità analitica è di produrre informazioni sia preventive che consuntive. Inoltre questi dati devono riferirsi a vari oggetti (prodotti,

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M079 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

Programmazione e controllo

Programmazione e controllo Programmazione e controllo Capitolo 1 L attività di direzione e il sistema di misurazione dei costi Un quadro di riferimento 1.a. I tratti caratteristici dell attività di direzione nelle imprese moderne

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R 1 CLASSE II R U.D. I credito e i relativi calcoli finanziari - I finanziamenti dell attività economica - Remunerazione del credito: l interesse - Compenso per l anticipata riscossione di un credito: lo

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Analisi dei costi e contabilità industriale

Analisi dei costi e contabilità industriale Analisi dei costi e contabilità industriale A cura di dottor Alessandro Tullio La Contabilità Industriale 1 CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE? ANALIZZARE I COSTI ORIENTARE I PREZZI DETERMINARE RISULTATI

Dettagli

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO B2corporate Maurizio Nizzola LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO La lettura e la corretta interpretazione del bilancio d esercizio è di fondamentale importanza per valutare l andamento economico

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE

EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE Il software Easy Costing è uno strumento per il calcolo dei costi di produzione e per la corretta imputazione degli stessi

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO

L ANALISI DI BILANCIO L ANALISI DI BILANCIO Teoria e caso su Personal Computer Prof. Massimo Saita Direttore Istituto di Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Il controllo di gestione nell industria alimentare

Il controllo di gestione nell industria alimentare S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il controllo di gestione nell industria alimentare RICCARDO CODA WWW STUDIORICCARDOCODA.COM Milano 8 giugno 2015 - Sala Convegni Italian Makers Village Il

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Ø L analisi degli scostamenti è l operazione conclusiva del processo di controllo Ø Viene di solito posta in essere al termine del periodo di cui si è programmata la gestione

Dettagli

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo E un software dedicato alla categoria che, oltre a tutte le elaborazioni de Budget e Cash-Flow elabora una serie di prospetti che aiutano l Azienda a determinare

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

10 TIMBRO E FIRMA DEL TITOLARE O DEL /DEI LEGALI RAPPRESENTANTE/I

10 TIMBRO E FIRMA DEL TITOLARE O DEL /DEI LEGALI RAPPRESENTANTE/I I.6 Descrizione del profilo imprenditoriale e commerciale La titolare, Anna Frasca, dell' impresa individuale "A tutto ruota" nata a settembre del 2014 ha lo scopo di far conoscere la storia della città

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Molto spesso nelle Aziende commerciali e/o di Servizi si ha la necessità di analizzare, sia a livello economico che finanziario,

Dettagli

Prospettive del Pricing alberghiero Revenue Management. Dove stiamo andando. Bit 2013 15 febbraio

Prospettive del Pricing alberghiero Revenue Management. Dove stiamo andando. Bit 2013 15 febbraio Prospettive del Pricing alberghiero Revenue Management. Dove stiamo andando Bit 2013 15 febbraio Vito D Amico Ceo & Revenue Manager Sicaniasc.it Presidente WHR Corporate 1 Ieri e Oggi Il Revenue Management

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: tecnico dei servizi turistici TEMA DI ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA 2008 In base

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

web solutions Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato così facile! web booking engine

web solutions Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato così facile! web booking engine web booking engine web solutions aggiornamento tariffe nei portali monitoraggio concorrenza servizio editoriale Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

!"# $ "% $ &# * ' "&() * + ' &( ) " + ' &(), ""! - -. / "

!# $ % $ &# * ' &() * + ' &( )  + ' &(), ! - -. / !"# $ "% $ &# * ' "&() * + ' &( ) " + ' &(), ""! - -. / "!" #$% & ( '!"# &#!% $ "% "% # # ' "&() + ' *# *# &( ) + ' # # &() & ) ) )*+ *" ' "&() + ' *# &( ) + ' # &(), ""! - * &%,( -. *- / " ./ 0-1/1/ 1

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE Pisa 16 marzo 2014 Pisa 16 marzo 2014 1 VALUTAZIONE-CONFRONTO RISULTATI DI DUE AZIENDE: Impresa A Impresa B CAPITALE INVESTITO 50 100

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

Premessa la pianificazione

Premessa la pianificazione Premessa la pianificazione Nell attuale contesto competitivo e finanziario non è più sufficiente saper gestire un operazione di sviluppo immobiliare per trarne un adeguato margine imprenditoriale: il Credit

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Customer Plan. La soluzione completa per gestire il piano cliente in maniera semplice ed efficace

Customer Plan. La soluzione completa per gestire il piano cliente in maniera semplice ed efficace Customer Plan La soluzione completa per gestire il piano cliente in maniera semplice ed efficace RISORSA RISORSA SalesWare Customer Plan Il piano Cliente come strumento di pianificazione aziendale nei

Dettagli