INDAGINE CONOSCITIVA SUL MERCATO DEL LAVORO IN TOSCANA NELL AMBITO DELL ASSISTENZA FAMILIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE CONOSCITIVA SUL MERCATO DEL LAVORO IN TOSCANA NELL AMBITO DELL ASSISTENZA FAMILIARE"

Transcript

1 INDAGINE CONOSCITIVA SUL MERCATO DEL LAVORO IN TOSCANA NELL AMBITO DELL ASSISTENZA FAMILIARE L'assistenza non ha valore a meno che non venga prodigata con piacere. [ ] L'aiuto dispensato senza gioia non benefica né il datore né il ricevente; invece scompaiono gli altri piaceri e le altre passioni se paragonati alla gioia che procura il prendersi lietamente cura del proprio prossimo. "La mia vita per la libertà", Mahatma Gandhi

2 Sommario 1. INTRODUZIONE ANALISI DEI BISOGNI E FASE DI RICERCA CONCLUSIONI

3 1. INTRODUZIONE Riportiamo in apertura alcuni elementi sintetici di presentazione dell indagine, per favorire la leggibilità dei risultati e la loro contestualizzazione da parte dei soggetti o enti esterni al partenariato, ritenendo utile la diffusione a più ampio raggio dei risultati emersi. La ricerca ha interessato la Regione Toscana, coinvolgendo, in particolare le province di Firenze, Siena e Pisa per le fasi di osservazione diretta e sperimentazione e si pone l obiettivo di: intervenire sul territorio e sui servizi, facilitando la connessione tra stranieri badanti e i bisogni delle famiglie con non autosufficienza, creando percorsi di inserimento sociale e lavorativo che favoriscano processi di regolarizzazione e l emersione dal mercato nero. Il contesto di riferimento è caratterizzato da un mercato con molte zone d'ombra, caratterizzato da un'elevata percentuale di lavoro nero e dominato dalla presenza di immigrati, spesso irregolari. Spesso, infatti, la collaboratrice è una donna straniera e in molti casi lavora senza regolare contratto. Per combattere l'illegalità che caratterizza queste professioni si devono imboccare nuove strade, anche creando una collaborazione tra pubblico e privato, come una rete di soggetti privati no profit, che a livello locale si fa garante di un'offerta qualificata ed affidabile di collaboratori domestici, primo requisito per favorire assunzioni regolari. Tra le altre cose l indagine si prefiggeva anche la creazione di una sinergia tra gli operatori del pubblico e del privato agevolando la risposta ai bisogni delle famiglie del territorio e supportando i percorsi di inserimento sociale e lavorativo delle badanti domestiche. Enaip Toscana Formazione e Lavoro, in qualità di agenzia formativa del sistema ACLI, intende integrare i servizi tradizionali del proprio sistema regionale, a servizi innovativi che rilevino il bisogno delle famiglie e delle badanti per organizzare percorsi virtuosi di riuscita nell incontro delle due esigenze, garantendo trasparenza, sicurezza ed affidabilità. Il progetto di ricerca si sviluppa attraverso azioni parallele e successive nel tempo, quali: a) analisi del fenomeno e dei bisogni: indagine su un campione significativo di famiglie in 3 province mediante intervista strutturata; focus group con badanti già in attività sul territorio di una provincia per indagare i bisogni di supporto e le problematiche incontrate nel giungere ad ottenere un impiego o per mantenerlo; Focus group con attori chiave del territorio di una provincia, pubblico e privato, per rilevare opinioni di miglioramento. 2

4 b) programmazione: analisi delle priorità emerse e pianificazione di servizi mediante incontri e focus group con operatori sociali, finalizzati ad individuare percorsi virtuosi di collocazione al lavoro di badanti per rispondere alle necessità delle famiglie. c) verifica e diffusione: analisi del raggiungimento degli obiettivi prefissati e dei risultati ottenuti. 2. ANALISI DEI BISOGNI E FASE DI RICERCA La fase di ricerca si è basata su due diverse ricerche: - una di livello provinciale - una di livello interprovinciale I dati raccolti sono stati poi letti e confrontati con i risultati di un incontro tra esperti di settore pubblici e del privato sociale che si è tenuto secondo la formula del focus group. La ricerca è di tipo qualitativo e ha coinvolto direttamente sia i lavoratori (badanti) che le famiglie che abbiano avuto una significativa esperienza di rapporto lavorativo con una assistente familiare. Per quanto riguarda la metodologia utilizzata, sono stati scelti due strumenti di ricerca differenti per indagare il target dei lavoratori e il target della famiglie. Per le famiglie è stato scelto lo strumento del questionario conoscitivo, per i lavoratori quello del focus group. Per agevolare e uniformare la gestione delle fasi di ricerca è stata elaborata una matrice di indagine che si è tradotta poi in un questionario fatto compilare alle badanti a conclusione del focus e lasciato a disposizione di altre badanti così da implementare il campione per l indagine. I due tipi di questionario ovviamente presentano argomenti e domande volte a sollecitare l intervistato ad esplicitare: finalità della richiesta, caratteristiche del soggetto richiedente, motivo e contenuti del lavoro richiesto, specificità della domanda, condizioni culturali, economiche, di convivenza. Si tratta di strumenti complementari che cercano di fornire una interpretazione del fenomeno studiato il più ampio e completo possibile. La base conoscitiva di questo dossier è costituita da: - 90 interviste a famiglie condotte sulla base di questionari strutturati, 30 interviste per 3 province; - 1 focus group con 9 badanti più 100 questionari compilati dai lavoratori. 3

5 Lavoratori e datori di lavoro sono stati prevalentemente reperiti all interno del sistema ENAIP/ACLI. Attualmente gli strumenti continuano ad essere disponibili presso gli sportelli badanti ACLI e saranno oggetto di valutazione dagli operatori di sportello. L indagine sulle famiglie che ospitano una badante si è concentrata su tre province toscane: Pisa, Siena, Firenze. Per la realizzazione di questa ricerca, si è scelto di avvalersi di un Questionario. I questionari sono stati depositati presso gli sportelli ACLI a partire dal Febbraio I questionari sono stati compilati prevalentemente dalle famiglie che si recavano allo sportello per sbrigare pratiche burocratiche. In totale i questionari raccolti sono stati 90: 30 per ciascuna provincia. I questionari sono ad oggi ancora reperibili presso gli sportelli. In particolare, il questionario utilizzato è composto da 19 domande strutturate, per la maggior parte a risposta chiusa per permettere la rilevazione di dati anagrafici e standardizzabili; per alcune domande si prevede la possibilità di argomentare la risposta così per meglio cogliere le peculiarità legate alle esperienze delle singole intervistate. Il primo gruppo di domande (da 1 a 3) è volto ad indagare le caratteristiche dell assistito. Le successive tre domande (da 4 a 6) sono relative al tempo e alle modalità con cui si è venuti in contatto con la badante. Seguono poi le gli item relativi alle informazioni anagrafiche e personali della badante (da 7 a 12). Le domande da 13 a 17 sono relative all attività svolta della badante e alle motivazioni per cui si la famiglia ha optato per quel servizio rispetto ad altri servizi di cura/assistenza. Le ultime due domande (da 17 a 19) sono relative a capire all utilità di prevedere corsi di formazione ed individuare per quali tematiche/argomenti. I dati e le informazioni raccolte dal questionario sono poi stati elaborati e riprodotti nel report intermedio. In questa sede intendiamo riprodurre solo un estratto dei dati più significativi. Nell 82% dei casi il questionario è stato compilato da un familiare dell assistito, solo nel 7% dei casi il questionario è stato compilato direttamente dalla persona che assistita La maggior parte degli assistiti ha più di 85 anni (il 59%) e la maggior parte problemi motori e cognitivi parziali. 4

6 La maggior parte delle famiglie intervistate, 76%, ha più di una esperienza con badanti e il principali canali di conoscenza sono quelli informali: amici, conoscenti, parenti, vicini di casa per il 57% dei casi, altra badante nel 28% dei casi. Quasi la totalità delle badanti ha il permesso di soggiorno e la maggior parte proviene dai paesi dell est: Ucraina (30%) e Romania (28). A seguire troviamo badanti di origini filippine e peruviane. La maggior parte delle badanti ha un titolo di studio elementare (43%), ma il 26% ha frequentato le scuole superiori. Il 93% delle badanti che svolgono la lavoro attività presso le famiglie intervistate non ha frequentato alcun corso per ADB. Il campione analizzato è composto dalla maggior parte di lavoratori che hanno da 40 a 49 anni (47%) e sono sposati (69%). Le principali attività affidate alla badante sono: attività domestica (96%) e assistenza personale (94%). Relativamente agli aspetti problematici il 36% degli intervistati ha dichiarato di avere problemi di comunicazione/comprensione; il 26% ha dichiarato di non avere nessun problema; marginali risultano essere gli altri problemi indicati. Per le motivazioni a rivolgersi ad una badante il 96% degli intervistati ha dichiarato di avere necessità di un assistenza continua, il 74% di poter continuare a lavorare e il 70% di mantenere la persona nel proprio domicilio. Quasi tutti gli intervistati hanno dato più risposte alla presente domanda. Non tutti gli intervistati hanno chiara la panoramica dei servizi di assistenza presenti, molti (81%) ricorre a sostegni economici assistenziali. In merito alla partecipazione a corsi di formazione il 58% delle famiglie intervistate dichiara di non essere interessata a corsi di preparazione. Del 42% degli intervistati che considerano utile un corso di formazione il 40% competenze linguistiche, il 28% richiedono capacità relazionali, il 24% qualità dei cibi. Per l analisi delle lavoratrici si è scelto di utilizzare lo strumento del focus group. Questa scelta è dovuta essenzialmente a due fattori: in primo luogo le badanti risultano maggiormente incentivate e meno intimorite nel partecipare in quanto si tratta di un momento di gruppo; in secondo luogo il focus group ha un forte valore aggiunto legato alla possibilità di osservare le dinamiche di interazione e confronto tra pari. Il focus group, della durata di 2 ore circa, si è svolto alla presenza di 9 lavoratori e due ricercatori i quali, per consentire un adeguata gestione dei tempi, hanno seguito una griglia di indagine elaborata ex ante. 5

7 In merito alle modalità di reperimento del campione va precisato che si è fatto riferimento agli utenti dello Sportello Badanti ACLI di Pisa. L iniziativa è stata diffusa sia dagli operatori di sportello sia dai ricercatori di progetto che hanno contattato telefonicamente un numero di 60 badanti iscritte allo sportello. Si segnala a questo proposito una forte diffidenza delle lavoratrici e la difficoltà di individuare una data comune in cui queste fossero disponibili. Delle badanti contattate solo 12 hanno aderito all iniziativa e solo 9 si sono presentati all incontro (che si è realizzato dopo due precedenti appuntamenti andati deserti). Maggiore disponibilità è stata dimostrata da badanti italiane, di cui segnaliamo un forte aumento nell ultimo biennio, che tuttavia abbiamo deciso di non coinvolgere nella ricerca perché non previste nel target individuato dal progetto. Per garantire maggiore efficacia dell intervento si è deciso di lasciare il questionario a disposizione dello Sportello. È stato compilato, in forma anonima da 100 lavoratori. Nel report verranno riportati prima i contenuti del focus, dando evidenzia agli aspetti problematici che sono emersi, in seguito saranno tabulati i questionari. Il campione che ha preso parte al focus è così composto: - n. 9 lavoratrici: 2 di cittadinanza peruviana, 1 di cittadinanza albanese, 3 di cittadinanza ucraina, 3 filippina. L età di tutte le partecipanti è compresa tra 40 e 50 anni e sono tutte in Italia da più di 5 anni. 5 di loro hanno avuto esperienza pluriennali con la stessa famiglia, due esperienze di solo 1 anno con lo stesso assistito. Nella prima parte di gestione aperta del focus sono state affrontate le seguenti questioni: - definizione di sé; - giornata tipo/routine - aspetti economici e contrattuali - aspetti problematici L incontro si è aperto invitando le partecipanti a dare la definizione di sé. Si è osservato che dopo un iniziale titubanza le risposte sono state tutte convergenti anche nei casi di rapporto di lavoro diverso sia come orari che come bisogni degli assistiti: la stessa descrizione di sé proviene infatti sia da chi si occupa per poche ore al giorno di un anziano, autosufficiente, sia da chi convive con un anziano privo di autonomia. Le definizioni sono state si riportano testualmente quelle più esemplificative: Accudire un anziano, tenere la casa pulita 6

8 La badante è una persona che si prende cura di un anziano: alzarlo da letto, pulirlo, vestirlo, fare da magiare. Tutto. Fare la badante significa lavorare dentro una casa con una persona anziana, fare tutte le cose che bisogna fare dentro una casa. Da queste definizioni di sé fornite dalle intervistate si ricava la descrizione di un ruolo scarsamente definito, afferente a compiti attribuiti ad un ruolo femminile tradizionale, che non richiede particolari specifiche. In alcuni casi si avverte una certa nota critica da parte delle signore presenti per un compito che nella loro società di provenienza è gestito interamente all interno della famiglia e non richiede l intervento di persone esterne. Quest ultima osservazione sembra provenire prevalentemente da quelle lavoratrici che nel paese di origine avevano un identità sociale diversa, che si affermava con una professionalità più elevata. Le assistenti familiari, invitate a parlare della loro routine lavorativa quotidiana, producono delle descrizioni spesso piuttosto scarne, e ripetitive: sembra che la routine quotidiana sia sempre la stessa con poche differenze, dove i momenti migliori sono spesso quelli delle poche ore libere. In buona parte ci si limita alla scansione di quei momenti cardine che sono individuati da tutte, con poche differenze. In sintesi dai racconti la giornata lavorativa della badante può essere schematizzata come segue: 7

9 Conviventi Sveglia (in genere tra le 7 e le 8) momenti di preparazione personale della badante sveglia dell anziano/a (tra le 8 e le 9 ) igiene personale dell assistito/a colazione somministrazione dei farmaci pulizie e altre faccende domestiche ( in genere l anziano guarda la TV) œ eventuali commissioni esterne preparazione e somministrazione del pranzo riposo pomeridiano dell anziano/a œ ore libere della badante eventuali commissioni esterne preparazione e somministrazione dello spuntino pomeridiano dove richiesto cena igiene personale dell anziano in preparazione per il riposo notturno A giornata Arrivo dell assistente domiciliare (verso le otto ) igiene personale dell assistito/a colazione somministrazione dei farmaci pulizie e altre faccende domestiche ( in genere l anziano guarda la TV) preparazione e somministrazione del pranzo riposo pomeridiano dell anziano rientro dei familiari e termine della giornata lavorativa ( casi più rari) altrimenti la giornata prosegue principalmente secondo due possibilità: Pomeriggio libero e rientro al lavoro per un paio di ore verso sera Rientro dei familiari nel tardo pomeriggio ore libere della badante Faccende domestiche notte ( in genere la badante riferisce di doversi rientro verso ora (stirare ecc.) alzare per prestare assistenza ) di cena e ( a Spuntino volte) Rientro dei somministrazione familiari del pasto (eventualmente) serale preparazione e igiene personale somministrazione dell anziano in e della cena e preparazione igiene personale per il riposo dell anziano in notturno preparazione per il riposo notturno In genere sabato pomeriggio e domenica sono liberi In merito agli aspetti economici e contrattuali tutte le lavoratrici riferiscono di un primo periodo di permanenza in Italia in condizioni di irregolarità, risoltosi in genere grazie alle sanatorie o all incontro con un datore di lavoro disposto alla regolarizzazione. Per le lavoratrici è evidente l importanza di un contratto regolare innanzitutto per la possibilità di continuare a vivere in Italia in condizioni di regolarità. Dai racconti però emerge che, per quanto riguarda le famiglie, si avverte una diffusa percezione dell importanza della regolarizzazione del rapporto di lavoro, soprattutto per timore di incorrere in sanzioni. Nonostante questa propensione alla regolarizzazione presente nel campione di riferimento, è comunque pratica diffusa dichiarare orari e retribuzione inferiori rispetto alla realtà, per abbassare gli oneri contributivi, anche perché non esistono forme contrattuali 8

10 effettivamente calzanti per questo profilo professionale, soprattutto nel caso di badanti conviventi con l anziano. Le ore effettive di lavoro in questo caso sono davvero 24 su 24, al limite con qualche ora libera durante il giorno. Inoltre la notte che sicuramente è un momento lavorativo, anzi in alcuni casi anche il peggiore, non può essere riconosciuto. Il primo problema riportato dalle lavoratrici nella ricerca di un lavoro è senza dubbio la condizione di soggiorno irregolare: a differenza dell opinione diffusa secondo cui la richiesta di badanti irregolari sia alta, soprattutto per il loro minore costo, dalle parole del nostro campione emerge un immagine un po diversa. Il problema fondamentale è quello di non essere in regola Ulteriore criticità è quella di conoscere e farsi conoscere, quindi di poter dimostrare delle referenze, data l importanza che questo fattore riveste comprensibilmente per le famiglie. Come specificato in precedenza, in questo caso la maggiore efficacia sembrano avere i rapporti informali. Alcune delle lavoratrici intervistate legano questo aspetto anche a un problema di diffidenza maggiore verso gli stranieri. Mentre non sembra difficile trovare un lavoro come conviventi, molti problemi nascono nel momento in cui si cerca un occupazione a giornata, per la quale le richieste sono sicuramente minori. In generale comunque nessuna riferisce periodi di disoccupazione particolarmente lunghi: la durata del periodo di disoccupazione delle donne qui intervistate è stata al massimo 5 mesi (in 2 casi); in tre casi il periodo di disoccupazione massimo è stato di una settimana-dieci giorni. 2 non sono mai state disoccupate: in entrambi i casi il primo rapporto di lavoro instauratosi all arrivo in Italia si protrae tutt ora ( in un caso da quattro anni e nell altro da quattro anni e mezzo). La preoccupazione verso la perdita del lavoro è comunque, chiaramente, molto elevata, data la precarietà delle loro condizioni di vita che sono totalmente legate alla possibilità di lavoro, tali che anche un periodo di disoccupazione anche solo di un mese e mezzo può diventare fortemente diplomatico. Uno degli aspetti che caratterizza il lavoro dell assistente familiare sembra essere la precarietà, connaturata al lavoro stesso, in quanto dipende in ultima analisi dalle condizioni di salute dell anziano, che sono chiaramente soggette a mutamenti rapidi e in larga parte imprevedibili. Questo si rivela essere un notevole problema per le lavoratrici sia per le 9

11 difficoltà economiche in cui si vengono a trovare al termine di ogni rapporto di lavoro, sia perché nei casi di convivenza con l anziano ciò implica anche il dover trovare una nuova sistemazione anche abitativa, con il rischio di doversi allontanare dal territorio divenuto familiare e in ogni caso implica una nuova organizzazione del tempo e della routine giornaliera, resa particolarmente complicata sia dalla presenza eventuale della propria famiglia che dalla mancanza dell automobile. L obbiettivo di tutte quindi è trovare un lavoro quanto più possibile stabile, ma questa problema non sembra eliminabile: anche nel nostro campione in cui sono presenti donne in Italia da molto tempo, questo elemento di precarietà non sembra superato: ad esempio la donna in Italia da più tempo (12 anni) al momento dell intervista era senza un lavoro stabile, ma faceva solo poche ore in nero presso una famiglia. Naturalmente la precarietà del lavoro diventa ulteriore elemento che non permette alle lavoratrici straniere di fare progetti di vita a lungo termine. In merito alle cause dell interruzione l elemento più frequente riguarda la morte dell assistito oppure un tale peggioramento delle condizioni di salute da non permettere più a una persona sola di prendersene cura a domicilio, con la conseguente decisione della famiglia per il ricovero in strutture specializzate. In altri casi l interruzione del rapporto di lavoro è dovuta all insoddisfazione della badante verso le condizioni lavorative, sia da un punto di vista economico che come orari o disponibilità richiesta, mai come mansioni, tranne nei casi in cui le condizioni di salute dell anziano si sono talmente aggravate da rendere il lavoro troppo oneroso. Al focus è seguita la somministrazione del questionario, in forma anonima, volta ad indagare, oltre agli spetti anagrafici, gli aspetti lavorativi/relazionali e le aspirazioni delle lavoratrici. Sono stati raccolti 100 questionari, tuttavia non tutti sono stati compilati in ogni parte. Relativamente agli aspetti anagrafici il 74% degli intervistati è di sesso femminile e il 34% ha un età compresa tra i 45/55 anni. La maggior parte degli intervistati ha il permesso di soggiorno: il 58%, tra coloro che non hanno il permesso di soggiorno, il 15%, la maggior parte sono solo da poco tempo in Italia. In merito al livello di scolarizzazione possiamo registrare che la maggior parte degli intervistati ha un livello medio di istruzione, corrispondente ad una scuola professionale. Pochi intervistati hanno svolto corsi di formazione in Italia, il 68% non ha svolto alcun corso 10

12 di formazione (si intende coloro che non hanno risposto), solo il 20% ha svolto un corso di lingua italiana. Per quanto riguarda lo svolgimento dell attuale attività lavorativa di badante il 39% lavora 24 ore al giorno (chi risponde altro alla domanda sugli orari) e l 77% lavora 5/6 giorni alla settimana; una piccola parte, l 13% lavora anche la domenica. Dai questionari si evidenzia un elevato turnover, il 37% degli intervistati ha avuto più di 5 datori di lavoro. La maggior parte dei datori di lavoro regolarizza il rapporto, il 62%, e i lavoratori hanno una buona conoscenza dei diritti loro riconosciuti. Seguono poi le domande relative alla gestione del tempo libero. La maggior parte degli intervistati nel tempo libero frequenta gli amici, il 60%, e quasi tutti frequentano persone della propria nazionalità, il 94%. Gli intervistati hanno comunque anche amici italiani, il 92%; i principali luoghi di incontro sono: casa, bar, parco. Tutti gli intervistati dichiarano di essere felici di vivere in Italia. In merito al lavoro che vorrebbero fare in Italia, il 16% dei lavoratori vorrebbe fare l infermiera o la badante; il 33% non risponde. La maggior parte degli intervistati non conosce alcuna associazione di immigrati, il 76%. Tra coloro che le conoscono, il 7% conosce gruppi religiosi. In merito poi alle modalità di ricerca di lavoro si evidenzia la prevalenza dei canali informali: l 76% degli intervistati ha trovato lavoro tramite parenti, amici, conoscenti vicini di casa; il 16% tramite altra badante, il 20% attraverso una agenzia di badanti. Gli ultimi due item sono relativi all utilità di prevedere corsi di formazione: l 87% si dichiara interessato a frequentare corsi di formazione, gli argomenti più richiesti sono la lingua italiana, per il 52% ; la cucina e qualità dei cibi, per il 40%. Alla fase di ricerca quantitativa è seguita poi una lettura critica dei risultati e un indagine qualitativa volta far incontrare gli operatori del settore nella modalità del focus group per far emergere punti di forza e punti di debolezza. Sostanzialmente, questa parte di indagine si è posta due obiettivi: 1. leggere il quadro dell offerta territoriale di servizi per l incontro tra famiglie e assistenti familiari (sportelli per l incontro, segretariato sociale, elenchi/albi di assistenti familiari, corsi di formazione/aggiornamento); 2. identificare gli approcci e le pratiche utilizzate dagli enti territoriali per valorizzare e ottimizzare gli strumenti di incontro tra famiglie e assistenti familiari. 11

13 Occorre preliminarmente osservare che in fase di focus group si sono avvalorate le criticità emerse dalle lavoratrici, le quali avevano fornito una descrizione obiettiva dei principali ostacoli: dalla difficoltà di ricorrere ad uffici di intermediazione, data la natura estremamente fiduciaria del rapporto di lavoro, per cui il passa parola è il principale strumento di ricerca di lavoro, alla complessità della procedura di riconoscimento dei titoli di studio conseguiti nel paese di origine. In merito alla formazione svolta in Italia i presenti concordano sulla poca importanza che fino ad oggi aveva la questione. Fino a pochi anni fa la sola formazione che veniva erogata era quella dei corsi di italiano per stranieri erogata dai CTP. Dal 2011 la Regione Toscana ha avviato un importante fase di sensibilizzazione e formazione, mettendo a bando: - percorsi di formazione e di orientamento, rivolti sia a lavoratrici disoccupate che a lavoratrici occupate, per l'acquisizione di competenze specifiche nell ambito del profilo di assistente familiare, anche attraverso attività di counseling individuale, prevalentemente svolte come fase propedeutica del percorso formativo; - azioni di empowerment e rafforzamento delle competenze di base e trasversali svolte come fase propedeutica del percorso formativo; - azioni di alfabetizzazione. Quanto alla ricostruzione dei processi il gruppo di lavoro ha fatto il punto sulle disposizione attualmente in essere. Il sistema territoriale per la non autosufficienza, delinea un articolazione organizzativa strutturata su due piani tra loro fortemente coordinati e prevede: un livello di indirizzo e di governo costituito dalle Società della Salute, o in loro sostituzione, dalle Conferenze di Zona dei Sindaci attraverso la Zona Distretto un livello di coordinamento operativo, rappresentato dai livelli base di cittadinanza sociale per la non autosufficienza: il Punto Unico di Accesso, la rete dei Punti Insieme e le Unità di Valutazione Multidimensionali (UVM). Sinteticamente si indicano gli interlocutori presenti. La Società della Salute, definisce le linee della programmazione operativa e attuativa di territorio, organizza e gestisce le relative attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria, le prestazioni sanitarie a rilevanza sociale e le altre prestazioni sociali a rilevanza sanitaria, attiva i controlli programmati. 12

14 Il Punto Unico di Accesso (PUA), assicura la gestione e il coordinamento della rete territoriale dei servizi per la non autosufficienza, promuovendo l integrazione della rete territoriale dei servizi sociali e sanitari, la presa in carico della persona interessata, la gestione integrata delle risorse, la continuità assistenziale, il coordinamento dell attività dei punti insieme e della (UVM), la gestione del sistema informativo integrato delle attività territoriali e la nomina del responsabile del PAP che avrà il compito di seguire l attuazione del PAP e di essere il referente organizzativo della persona interessata e dei suoi familiari. I circa 300 Punti Insieme, costituiscono i presidi dell accesso al sistema integrato territoriale, garantendo l accoglienza del bisogno, la registrazione della segnalazione del bisogno, l orientamento e informazione del cittadino, l avvio della raccolta di tutte le informazioni utili ad orientare la valutazione multidimensionale delle condizioni di bisogno. L Unità di Valutazione Multidimensionale (UVM), valuta e definisce il Piano di Assistenza Personalizzato (PAP), presente in ogni Zona-Distretto, garantisce la valutazione multidimensionale delle condizioni di bisogno della persona non autosufficiente, la verifica della sussistenza delle condizioni di bisogno che hanno dato luogo all attivazione del fondo, l individuazione dell indice di gravità del bisogno, la definizione del PAP, con indicazioni quantitative e temporali relative alle prestazioni sociosanitarie appropriate domiciliari, semiresidenziali e residenziali, dando ad esso immediata eseguibilità, la sua condivisione con la famiglia, ai sensi dell articolo 11, comma 5, lettera e) della L.R. 66/2008 e la periodica verifica degli obiettivi del PAP e della appropriatezza delle prestazioni erogate, nonché le eventuali rivalutazioni previste. Medici di base è abitualmente il primo contatto della persona e fornisce un accesso aperto agli assistiti e a tutti i loro problemi di salute. Il suo rapporto con il paziente è peculiare: conosce il contesto lavorativo e familiare dell assistito, conosce i suoi problemi e quello che è stato fatto per affrontarli. I Comuni, attraverso gli assistenti sociali, gli sportelli sociali e gli sportelli di inclusione sociale, garantiscono il sostegno alle famiglie dove è presente una persona non autosufficiente, con misure che spaziano da specifici interventi a sostegno del nucleo familiare fino al sostegno finanziario per l avvio di percorsi di assistenza diretta o indiretta della persona. 13

15 La rete territoriale, le Misericordie, il terzo settore, la Caritas diocesana, le ACLI e le Cooperative sociali, completano il quadro dei soggetti che contribuiscono a vari livelli a sostenere cittadini e famiglie nei loro bisogni. Il sistema regionale del lavoro toscano 1 prevede due livelli di gestione, uno regionale con funzioni di coordinamento e controllo ed uno provinciale dove sono posizionate le funzioni più operative. La Regione svolge le funzioni di programmazione, indirizzo, coordinamento e attuazione di politiche di intervento che attengono ad esigenze di carattere unitario su base regionale ed esprime i motivati pareri previsti dalle leggi vigenti. Il sistema regionale per l impiego è costituito dalla rete dei sistemi provinciali. Tutte le funzioni operative in materia di mercato del lavoro e di politiche del lavoro, con la L.R. 32/2002, sono attribuite alle 10 Province ed al Circondario Empolese-Valdelsa. Il sistema provinciale è costituito dalla rete delle strutture territoriali 2 che erogano i servizi per l impiego: a. 10 Centri direzionali b. 35 Centro per l impiego; c. 12 servizi territoriali; d. 66 sportelli di prima accoglienza (attivati presso Comuni, Organizzazioni Sindacali e Associazioni di Categoria. I servizi per l impiego, svolgono nell ambito del territorio di propria competenza, le funzioni amministrative ed i servizi ad essi assegnati dalle Province. Le Province promuovono e favoriscono l interazione tra i diversi soggetti operanti nell ambito territoriale, ed il loro collegamento alla rete telematica del sistema regionale per l impiego secondo gli standard tecnici regionali. Il collegamento digitale fra questi soggetti per la Toscana è garantito dal sistema IDOL (Incontro Domanda Offerta di Lavoro). La Regione è intervenuta per valorizzare e sviluppare ulteriormente le esperienze di collaborazione tra pubblico e privato (L.R. 20/2005 ed il successivo regolamento 22/r del 2005) attraverso lo strumento dell accreditamento per i servizi al lavoro. 1 L. R. n. 32 del 26 Luglio 2002 Testo Uunico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro e dal successivo regolamento attuativo n. 47/r del 08/08/2003 e s.m.i. 2 Fonte dati: Regione Toscana Settore Lavoro - Masterplan

16 Si affiancano ai soggetti accreditati a livello regionale, i soggetti autorizzati a livello nazionale ed in particolare: - Agenzie di intermediazione (di cui DM ); - Agenzie di somministrazione (di cui una autorizzata anche a livello regionale); - Consulenti del lavoro delegati all intermediazione dalla Fondazione Nazionale Consulenti del Lavoro (FNCL). Il numero totale delle Agenzie per il Lavoro che opera in Toscana, è pari a 90 con 215 sportelli su tutto il territorio regionale 3. Occorre inoltre considerare, le novità introdotte dal D.M. del 20 settembre 2011 in materia di autorizzazione per l attività di intermediazione fra domanda offerta di lavoro (viene reso operativo l ampliamento dei soggetti che possono svolgere l attività di intermediazione), che ampliano ulteriormente la rete dei soggetti e dei servizi/opportunità da mettere a disposizione famiglie e gli assistenti familiari (oggi 90 soggetti con 215 sportelli e prima del erano 66 soggetti con 166 sportelli). L adozione di un sistema unitario regionale di gestione dei servizi per le famiglie e gli assistenti familiari prevede un percorso che promuova azioni su tre piani distinti, ma strettamente correlate tra loro. Si prevede la definizione di una procedura per l estensione del sistema di incontro domanda e offerta di lavoro al fine di includere la figura dell'assistente familiare. Il sistema sarà gestito a livello provinciale attraverso i CpI per gli adempimenti di al D.gls 181/2000 e s.m.i. (prima iscrizione, aggiornamento esperienze formative e lavorative), e sarà reso disponibile ai Comuni attraverso la rete informativa territoriale del progetto ReSISTo, per la successiva fase di accreditamento di cui alla L.R. 82/2009. L'estensione del sistema di incontro domanda e offerta di lavoro (IDOL) permette la possibilità di disporre di una banca dati unitaria regionale finalizzata all'incontro domanda e offerta di lavoro e riportante tutte le informazioni relative al percorso formativo, al curriculum e all'accreditamento. La banca dati unitaria regionale sarà fruita dalle famiglie, anche attraverso i soggetti pubblici e privati che operano nel mercato del lavoro Toscano. Le famiglia dal momento in cui richiede l accesso al Fondo regionale per la non autosufficienza, sarà avviata in un percorso di informazione e assistenza per la ricerca di un 3 Fonte Cliclavoro dic

17 assistente familiare e/o la regolarizzazione del rapporto di lavoro in essere, con coinvolgimento dei Centri per l Impiego e della rete territoriale dei servizi per il lavoro. Le persone che intendono svolgere l attività di assistenza familiare, al momento dell iscrizione ai Centri per l Impiego, oltre ad essere avviati nei percorsi di orientamento, formazione ed inserimento lavorativo, saranno inseriti all'interno della banca dati unitaria regionale che operano nella cura ed assistenza domiciliare per il matching domanda offerta. 3. CONCLUSIONI La recente ratifica da parte dell'italia della Convenzione dell'organizzazione internazionale del Lavoro sul lavoro domestico ha posto in evidenza una professione che finora, da molti, non era considerata tale, nonostante sia un importante tassello di quel welfare familiare che a sua volta assume un ruolo di rilievo nell'attuale periodo di crisi. in più, se si considera che il costante invecchiamento della nostra società implica un inevitabile aumento del numero di persone anziane da accudire, concentrare l'attenzione sugli stranieri che si occupano di assistenza familiare significa contribuire a dare soluzione a un rilevante elemento di fragilità sociale. Da qui l'esigenza di conoscere meglio chi sono questi immigrati, cosa fanno, come vengono trattati, come essi considerano gli italiani e quali rapporti hanno con i Paesi di origine. Sulla base dei dati più recenti messi a disposizione dall'inps, sono oltre 750mila i lavoratori stranieri censiti che si occupano, in forme diverse, di assistenza familiare. Un numero sicuramente inferiore a quello effettivo, in conseguenza della non marginale presenza di persone che per la legge italiana risultano clandestine, ma che svolgono regolarmente anche attività di collaborazione domestica. Il principale obiettivo conoscitivo dell'indagine è consistito nell'offrire una panoramica qualitativa più aggiornata di questo comparto lavorativo, che rispetto ai decenni passati ha conosciuto una notevole evoluzione. L'assenza di formazione specifica e la carenza di precise qualifiche professionali di chi per lavoro si dedica alla cura della persona e della casa, rappresentano un punto critico che emerge dall'indagine. Problema che va affrontato non solo nell'interesse del lavoratore, ma 16

18 anche della famiglia-datore di lavoro, dello Stato, delle Regioni e, soprattutto, dei Comuni, dato che una migliore qualità del 'welfare familiare' migliora la qualità della vita delle comunità e può concorrere a contenere i costi pubblici sia per le cure, sia per l'assistenza, in particolare dette persone anziane. Proprio perché il contributo degli immigrati al 'welfare familiare' è destinato a crescere, nonostante la crisi, soprattutto per il progressivo invecchiamento della popolazione, va affrontato il problema di come incentivare la loro formazione professionale. L'indagine consente di fare con maggiore precisione il punto anche su altri obiettivi operativi da perseguire, sui quali si è sviluppato un ampio dibattito con proposte non sempre convergenti. L'inserimento del personale immigrato è spesso avvenuto attraverso l'intermediazione delle famiglie e in una cornice legislativa dalla scarsa capacità previsionale. Queste persone, più che nell'ambito di flussi programmati, sono venute in visita e poi si sono trattenute come overstayers, oppure sono entrate senza autorizzazione al soggiorno per riuscire ad emergere successivamente in occasione dei provvedimenti di sanatoria o di regolarizzazione. Sono state diverse le proposte avanzate per intervenire nel settore: - favorire l'incontro tra domanda e offerta attraverso idonei sistemi di reclutamento, da sottoporre a costanti controlli anche una volta che le persone sono state assunte; - definire meglio la figura professionale della persona badante e le sue mansioni a complemento di quanto precisato nel contratto collettivo nazionale. - incrementare la formazione professionale (inclusa quella sanitaria), linguistica e culturale e l'informazione legislativa e contrattuale, ricorrendo maggiormente al supporto dell'informatica; - tendere al raggiungimento di una maggiore uniformità tra le regioni, alcune delle quali sono intervenute legislativamente per definire in maniera più esaustiva il profilo professionale di questa categoria tra le quali l'istituzione di un albo di colf e badanti; 17

19 - approvare una legge nazionale sulla non autosufficienza, includendovi anche aspetti relativi al badantato; - pervenire a un quadro organico delle provvidenze da erogare per chi fa ricorso alle assistenti familiari. All'inizio del 2012 il Ministero del Lavoro (Direzione Generale Immigrazione e Politiche Sociali) ha previsto un piano per la qualificazione del lavoro di curai favorendo l'incontro tra domanda e offerta e insistendo sulla formazione (corsi della durata massima di 80 ore) e la regolarizzazione degli addetti del settore (utilizzo dei voucher). È stata manifestata, invece, la contrarietà alle detrazioni fiscali e ai crediti d'imposta, pur sollecitate da diverse parti, perché a differenza del voucher - queste non sono state ritenute in grado di attivare la rete di servizi e si è parlato di "scorciatoia delle agevolazioni". Al termine di queste riflessioni si può concludere che occorrono idee "di sistema" per riformare il settore della collaborazione familiare e collegarlo più funzionalmente al sistema pubblico di assistenza. Le carenze in materia di assistenza alle famiglie e ai suoi componenti non dipendono tanto dagli immigrati inseriti nel settore, quanto dalle politiche sociali che lo regolano. L'indagine evidenzia che queste persone possiedono un buon livello dj scolarizzazione (che andrebbe completato con una adeguata formazione specifica), sono fortemente motivate nel lavoro e si mostrano molto attaccate alle nuove famiglie (l'aspetto, forse, più sorprendente che è emerso), nonostante pesi la lontananza dal proprio nucleo familiare. Altro aspetto di non poco conto è la disponibilità con cui svolgono le mansioni affidate, pur non essendo la funzione di "colf" o "badante" quella più confacente al loro livello di formazione. I lavoratori e le lavoratrici impegnate nell'assistenza familiare risultano essere in prevalenza persone: - di media immigrazione (fattore che incide sulla stabilità del soggiorno) ma non giovanissime (un terzo di esse ha superato i 50 anni) e sempre molto motivate nello svolgimento del lavoro; 18

20 - meno interessate rispetto ad altre categorie di immigrati, al ricongiungimento dei familiari in Italia e ad acquistarvi casa (fatta eccezione per quelli più giovani), come anche al rimpatrio, genericamente mandato al futuro; - propense a mandare dei soldi a casa (dai 100 ai 250 euro mensili), seppure non tutte, essendo diventata più difficile la possibilità di risparmiare; dedite tanto all'assistenza delle persone anziane quanto a numerosi altri adempimenti tipici della vita familiare, a partire dall'assistenza ai minori; - consapevoli in misura crescente di dover perfezionare la propria formazione specifica per la cura delle persone; - pronte a considerare gli italiani "buoni" e "disponibili" e consapevoli di poter riuscire a ottenere da loro un positivo apprezzamento, senza che funga da impedimento il fatto di dover cambiare spesso le famiglie presso le quali prestare servizio (specialmente se sono in Italia da poco tempo); - socialmente aperte e perciò poco interessate a trascorrere il tempo libero da sole o all'interno delle famiglie dove lavorano e più propense a socializzare con i connazionali e gli italiani al di fuori della realtà lavorativa; I risultati della ricerca accreditano gli/le assistenti familiari immigrati come una categoria che vive con una certa serenità di spirito e positività di comportamento una situazione lavorativa impegnativa ma precaria quanto alla durata del contratto e del soggiorno. Ciò sollecita tutte le parti interessate a interventi più incisivi: - il legislatore nazionale a farsi carico di interventi significativi che vadano nel senso di una maggiore stabilità (e da ultimo è stato fatto un passo in tale direzione, sia ribaltando in positivo il discorso pubblico sull'immigrazione con la previsione di un Ministro preposto all'integrazione degli immigrati, sia portando la permanenza in caso di disoccupazione da sei a dodici mesi); - i datori di lavoro (sui generis, perché si tratta delle famiglie) e i sindacati (alle prese con le difficoltà operative proprie di una realtà lavorativa polverizzata), a impegnarsi nel rinnovo del contratto collettivo nazionale e nella ricezione di aspetti innovativi, non tanto relativamente agli aspetti retribuitivi (specialmente in questa fase in cui il reddito delle 19

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona CONVEGNO Servizi alla persona e occupazione nel welfare che cambia AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona REALIZZAZIONI E PROSPETTIVE Mario Conclave Roma,

Dettagli

Quali badanti per quali famiglie?

Quali badanti per quali famiglie? STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Quali badanti per quali famiglie? I lavoratori domestici in Italia (dagli archivi Inps) pag. 2 Quanti sono e quanto contribuiscono L identikit del lavoratore

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI CRITERI E MODALITÀ DI AMMISSIONE A TEMPO PROLUNGATO SUI POSTI DI CASA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvato

Dettagli

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio 1 ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio Distretto Sanitario n.2 ( Cz Lido) Presentazione La Calabria negli ultimi anni ha visto progressivamente

Dettagli

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA REGIONE ABRUZZO L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA Art. 1 - Obiettivi e finalità 1. Per "vita indipendente", nell'ambito delle presenti linee-guida, si intende

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE TOSCANA - UPI TOSCANA - ANCI TOSCANA - UNCEM TOSCANA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE TOSCANA - UPI TOSCANA - ANCI TOSCANA - UNCEM TOSCANA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE TOSCANA - UPI TOSCANA - ANCI TOSCANA - UNCEM TOSCANA II giorno ^.SrtyiQftQ dell'anno % >A1... presso la Regione Toscana, nella sede di via di Novoli 26, sono presenti:

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati

Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati 2013 Documento di sintesi a cura del Centro Studi e Ricerche Idos in collaborazione con Il panorama della collaborazione familiare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI -

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - 1) L INDAGINE La legge quadro 328/2000, Per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital L accesso alla casa rappresenta uno degli aspetti salienti del processo di integrazione sociale degli stranieri nel nostro paese.

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. 1. Premessa

AVVISO PUBBLICO. 1. Premessa Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute U.O. Terza Età e Case di Riposo Direzione AVVISO PUBBLICO Reperimento di Strutture residenziali per le persone anziane disponibili all inserimento

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI

PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI ALLEGATO B PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI ANALISI DEL CONTESTO L identikit della badante, di seguito denominata assistente familiare, al lavoro in Italia è quello di una donna straniera, spesso originaria

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari

Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari I contenuti del provvedimento e le osservazioni della Uil Pensionati Il 3 agosto il Parlamento ha approvato la regolarizzazione

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO

COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO INDICE ART. 1 Definizione e finalità ART. 2 Compiti degli operatori ART. 3 Requisiti di accesso al Registro ART. 4 Modalità di presentazione della domanda ART. 5 Procedimento

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ASSISTENTI FAMILIARI

AVVISO PUBBLICO ASSISTENTI FAMILIARI AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DEL REGISTRO PUBBLICO DI AMBITO DI ASSISTENTI FAMILIARI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER I DIPENDENTI E PENSIONATI PUBBLICI ISCRITTI

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti Università Vita e Salute Milano Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti Georgia Casanova Università Vita e Salute San Raffaele, Milano geo.casanova@gmail.com

Dettagli

ANZIANI DA ACCUDIRE, FAMIGLIE DA SOSTENERE Ricerca sul fabbisogno di assistenza domiciliare in provincia di Treviso - SINTESI -

ANZIANI DA ACCUDIRE, FAMIGLIE DA SOSTENERE Ricerca sul fabbisogno di assistenza domiciliare in provincia di Treviso - SINTESI - Presidenza provinciale Acli di Treviso ANZIANI DA ACCUDIRE, FAMIGLIE DA SOSTENERE Ricerca sul fabbisogno di assistenza domiciliare in provincia di Treviso - SINTESI - In provincia di Treviso, come anche

Dettagli

PROGETTO F.A.S.I. Family assistance and social integration

PROGETTO F.A.S.I. Family assistance and social integration PROGETTO F.A.S.I. Family assistance and social integration La gestione delle attività di progetto ed i risultati ottenuti European Commission -Employment Social Affairs and Equal Opportunities DG Application

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI ROVIGO AVVISO PUBBLICO Comune di Rovigo Perché non c è posto migliore della tua casa Comuni del distretto n.1 : Arquà Polesine, Boara Pisani, Bosaro, Ceregnano, Costa di Rovigo, Crespino, Frassinelle Polesine, Gavello, Guarda

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA A S S E S S O R A T O A L L E P O L I T I C H E S O C I A L I E A L L O S P O R T DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE E DELL ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI EROGATORI

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Bussola - Un sistema

Dettagli

Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII

Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII ISTRUTTORIA PUBBLICA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE Bologna, 21 Settembre 2010 Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII 1 IL CONTESTO In questi anni a Bologna abbiamo assistito a: aumento del

Dettagli

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo Terapia Occupazionale La cultura della professione Milano, 23 maggio 2009 Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo T.O. Antonella Sartore A.O.U. Maggiore

Dettagli

SCHEDA IDEA DI PROGETTO

SCHEDA IDEA DI PROGETTO SCHEDA IDEA DI PROGETTO Requisiti: - respiro temporale di medio-lungo termine - coinvolgimento di più soggetti (possibilmente integrazione pubblico-privato) - intersettorialità / multidisciplinarità (non

Dettagli

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze.

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto TEMPO del Comune di Firenze. FORUM PA IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze. Nozione di tempo e implicazioni culturali; Normativa esistente

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN MODELLO PREVISIONALE DEL FABBISOGNO DI SERVIZI ASSISTENZIALI ALLA PERSONA

ELABORAZIONE DI UN MODELLO PREVISIONALE DEL FABBISOGNO DI SERVIZI ASSISTENZIALI ALLA PERSONA ELABORAZIONE DI UN MODELLO PREVISIONALE DEL FABBISOGNO DI SERVIZI ASSISTENZIALI ALLA PERSONA Presentazione dei risultati delle indagini Giuseppe Roma, DG Censis Roma, 14 maggio 2013 Metodologia Indagine

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5)

MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5) MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5) INDICE ART. 1 OGGETTO 2 ART. 2 FINALITÁ 2 ART. 3 DESTINATARI 2 ART. 4 IMPORTO DELL ASSEGNO DI CURA

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014

BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014 BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014 Premessa La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni,

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari

Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari Legge Regionale 25 maggio 2015, n. 15 Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari (BURL n. 22, suppl. del 28 Maggio 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-05-25;15

Dettagli

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale dell Immigrazione Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Programmi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga la

Dettagli

Art.1 - Oggetto del regolamento

Art.1 - Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE SPERIMENTALE DI ASSEGNI DI CURA AD ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CARICO ALL UNITA DI VALUTAZIONE GERIATRICA DEL DISTRETTO N.1 DELL A.S.L. 5 Art.1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione Relazione sull attività svolta nell anno 2003 L attività in sintesi Dal mese di aprile 2002 ad oggi, aprile 2004 si sono svolte sette sedute plenarie del durante le quali sono state esaminate numerose

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio Sede legale: Via Lusardi 26 22017 Menaggio (Co) Sede operativa:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI 1 ai sensi della delibera G. R. 26 luglio

Dettagli

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l.

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. Soggetti coinvolti nell implementazione del progetto: Soggetto attuatore del progetto di accoglienza

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA NELL AREA TEMATICA ANZIANI

PROTOCOLLO PER L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA NELL AREA TEMATICA ANZIANI PROTOCOLLO PER L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA NELL AREA TEMATICA ANZIANI (in attuazione dell art. 7 dell atto d intesa dd.13/11/07 fra l Ambito 1.1, Ambito 1.2 Ambito 1.3 e l Azienda per i Servizi Sanitari

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/88/CR06/C3-C7-C13 VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI SOGGETTI GESTORI DEI SERVIZI DI ACCOGLIENZA a) organizzazioni di natura privata volti alla

Dettagli