Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni."

Transcript

1 Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile Copyright Liliana Jaramillo 2009 Vietata la riproduzione con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione scritta da parte dell autrice

2 2

3 INDICE Introduzione pag. 4 CAP. 1 - Il cervello, protagonista della conoscenza. pag. 5 CAP. 2 - Le quattro aree dello sviluppo infantile... pag. 6 CAP. 3 - Gioco, sperimento, imparo. pag. 9 CAP. 4 - Le sette chiavi della stimolazione efficace pag. 11 CAP. 5 La stimolazione in pratica: il caso del neonato pag. 15 Conclusione...pag. 16 3

4 Introduzione Trasformarsi in mamma è una decisione per tutta la vita: richiede tempo e preparazione ma soprattutto molto amore e cura. Dopo nove mesi di ansiosa attesa, diventi mamma senza avere l esperienza e ignorando il futuro che aspetta questo esserino che ora stringi tra le braccia. E successo anche a me I nostri sogni sono grandi: vogliamo che sia il nostro bimbo il più felice ed intelligente possibile però nessuno ci ha insegnato a renderlo tale. Proprio per questo mi sono impegnata a ricercare estensivamente tutte quelle modalità di stimolazione infantile che sono state scientificamente provate e che permettono di: 1. crescere un bimbo più sano, intelligente e socievole 2. rafforzare il legame emotivo con la mamma. Quest ebook costituisce l introduzione ideale al concetto e alla pratica della stimolazione infantile. Sul sito è inoltre disponibile*gratuitamente* una serie di 3 ebook sul tema dello sviluppo infantile. Cosa scoprirai grazie a quest ebook L incredibile verità sul cervello del bimbo nei suoi primi 3 anni di vita. Come ogni bimbo può sviluppare al massimo il suo potenziale. Le 4 aree delle sviluppo infantile e perché conoscerle ti aiuta a fornire al tuo bimbo gli stimoli giusti. Cos è esattamente la stimolazione infantile 7 segreti per un adeguata stimolazione. e molto altro ancora! 4

5 CAP. 1 Il cervello, protagonista della conoscenza Lo sapevi che nei primi 3 anni di vita del bimbo si crea la maggior quantità di connessioni neurali nel cervello? Già a partire dalla decima settimana di gestazione quest organo dall apparenza rugosa comincia a formarsi e a crescere, fino a raggiungere alla nascita una grandezza pari ad un quarto del cervello adulto. E, per quanto possa sembrare incredibile, in questo piccolo organo comincia a prodursi il maggior lavoro che realizza il cervello in tutta la sua vita. Tutti gli stimoli giochi, carezze, dialoghi o la tua semplice compagnia producono delle impronte neurali che rendono possibile l apprendimento di nuove informazioni. In questo processo giocano un ruolo importante anche altri fattori come l eredità genetica, la nutrizione e la salute in generale. Tuttavia, se questi elementi si integrassero con un adeguata stimolazione, con la quale si trasmette sicurezza, affetto, e la possibilità di esplorare e sperimentare nuove sensazioni e relazioni con l ambiente esterno, il bimbo può sviluppare al massimo il suo potenziale. Ora, questo NON significa essere un genio, ma diventare ciò che è in potenza: un bimbo felice e sicuro di se stesso. 5

6 CAP. 2 Le quattro aree dello sviluppo infantile Per favorire lo sviluppo evolutivo del bimbo è necessario prendere in considerazione quattro aree, strettamente relazionate fra loro, dalla cui interazione e progresso dipende l integrità di ogni essere umano. Si tratta precisamente dell area cognitiva, senso-motoria, linguistica e socio-emotiva. Vediamo di che si tratta in dettaglio L area cognitiva Consiste nella capacità che ha il bimbo di ordinare la realtà tramite strutture ed associazioni mentali, che gli permettono di esplorare, confrontare, scegliere, domandare, classificare ecc L area cognitiva comprende tutti quegli stimoli di cui ha bisogno la mente per comprendere, porsi in relazione e adattarsi a situazioni nuove mediante l uso del pensiero e l interazione diretta con gli oggetti ed il mondo esterno. Per raggiungere questa conoscenza, l essere umano utilizza tre sistemi di elaborazione: a) l azione, facilitata dalla sua dimensione senso-motoria; b) la costruzione di immagini mentali, cioè la capacità di capire che un oggetto esiste indipendentemente dal fatto che si possa vedere o toccare; c) il linguaggio, che permette di rappresentare le esperienze con maggiore flessibilità. In questo ambito di sviluppo, esistono anche tre parole chiave: curiosità, osservazione e sperimentazione. La prima è l impulso che muove il bimbo a indagare e porre domande su tutto. Quest impulso si associa all osservazione, che gli permette di scoprire dettagli o intuire analogie. Tuttavia, ciò che fornisce al bimbo i maggiori stimoli è la realizzazione di attività: ad es., un frutto può essere bello, giallo, grande ecc, ma, per capire che si mangia ed è buono, il bimbo deve assaggiarlo. Solo nella misura in cui gli proponi della esperienze, il bimbo può sviluppare la sua capacità di pensare, ragionare, porre attenzione, seguire 6

7 istruzioni, risolvere problemi e reagire rapidamente di fronte a diverse situazioni. L area senso-motoria Consiste nella capacità di muoversi e permette al bimbo di conoscere il mondo e prendere contatto con questo. Come indica il suo nome, comprende due dimensioni: a) i sensi, cioè la capacità di vedere, udire, odorare, percepire sapori, la consistenza della materia e la temperatura; b) i movimenti. Questi ultimi, a loro volta, si suddividono in fini che richiedono la coordinazione tra ciò che si vede e ciò che si tocca, come ad es. prendere oggetti con le dita, dipingere, disegnare, fare nodi ecc e globali cioè spostamenti, cambi di posizione, postura ed equilibrio. Queste caratteristiche dell area senso-motoria aiutano inoltre lo sviluppo cerebrale del bimbo. Per questo, è fondamentale permettergli di toccare, manipolare oggetti, portarsi alla bocca quello che vede, senza troncargli delle possibilità, stabilendo comunque dei limiti di fronte a potenziali pericoli. L area linguistica Si riferisce alla capacità del bimbo di comunicare con gli altri. Comprende tre aspetti principali: la capacità comprensiva, espressiva e gestuale. Il bimbo padroneggia l area linguistica quando ha la capacità di comprendere ed interpretare stimoli uditivi, ricordare parole ed ordinarle in forma logica per esprimere un idea sia verbalmente sia utilizzando il linguaggio del corpo. Senza dubbio, la prima capacità a svilupparsi è quella della comprensione: stimoli sonori costanti dalla nascita (o anche dalla gravidanza) permetteranno al piccolo di intendere certe parole ben prima che sia in grado di pronunciare suoni di senso compiuto. Per questo è importante parlargli continuamente, scandendo bene le parole, senza ricorrere a diminutivi o a parole tipo bau, bua ecc, cantargli e dare un nome ad ogni oggetto che tocca, poiché solo in questo 7

8 modo imparerà a riconoscere i suoni delle parole per poi imitarli, dargli un significato e farne uso come strumento di comunicazione. Ogni bimbo nasce con un linguaggio che gli permette di esprimere le sue necessità, disagi, emozioni e sensazioni, inizialmente attraverso il pianto, e poi lamenti, grida, gesti e movimenti e alla fine attraverso le parole. L area socio-emotiva Quest area implica la capacità di riconoscere ed esprimere emozioni e sentimenti. Rappresenta tutto quell insieme di esperienze affettive e sociali che permettono al piccolo di percepirsi come un individuo unico, diverso dagli altri, ma contemporaneamente amato, sicuro di sé e compreso, capace di entrare in relazione con gli altri secondo certe regole sociali. Da questo punto di vista, il tuo ruolo di mamma è essenziale per creare un profondo legame affettivo. E nei primi tre anni di vita, infatti, che il bimbo avrà un contatto quasi esclusivo con te. Da qui l importanza di dargli affetto, sicurezza, farlo sentire membro della famiglia nella quale troverà sempre amore, cura ed attenzione e che sempre avrà a cuore la sua crescita. Tu fungerai da modello perché lui possa imparare a comportarsi nei confronti degli altri in un determinato modo. Il gioco rappresenta in quest area lo strumento principale per ottenere questi obiettivi. Giocando il bimbo impara a sorridere, interagire con gli altri, aspettare il suo turno, rispettare ed avere fiducia nelle persone che lo circondano. Tramite il gioco e le dimostrazioni di affetto il bimbo impara l importanza dei valori familiari, le regole sociali che gli permettono di controllare la sua condotta e raggiungere poco a poco lo sviluppo della sua volontà, autonomia e l espressione dei suoi sentimenti. 8

9 CAP. 3 Gioco, sperimento, imparo Sono stati nove mesi di attesa. Nove mesi in cui hai tessuto i sogni più incredibili su questo bimbo che ora stringi tra le braccia: vuoi che sia il più grande, il più intelligente, il più simpatico, il più bel bimbo al mondo La sai una cosa? Non è poi così difficile ottenere questo risultato, anche se migliore non significa che si trasformerà in un genio, ma nel miglior bimbo che può diventare con le sue caratteristiche personali. Il piccolo è avido di conoscere tutto ciò che lo circonda, vuole entrare in contatto con il mondo, osservare questa nuova realtà che lo impressiona con i suoi colori, odori, sensazioni e suoni. Vuole apprendere da queste esperienze le conoscenze necessarie ad integrarsi nella società ed interagire con l ambiente che lo circonda con sempre maggior autonomia e indipendenza. Tutti i segnali che il bimbo riceve costituiscono stimoli fondamentali per la sua crescita fisica, emotiva ed intellettuale, soprattutto se avvengono nei primi 3 anni di vita. Infatti, è proprio questo il periodo in cui si produce la maggior parte delle connessioni neurali nel suo cervello. Questo processo può essere favorito da una corretta stimolazione infantile. Ma in cosa consiste esattamente? Una corretta stimolazione comprende tutta una serie di attività di contatto o gioco con un neonato o con un bimbo che favorisca, appoggi e rafforzi adeguatamente le sue potenzialità in tutte le diverse aree del suo sviluppo. 9

10 Da questo punto di vista, tu, come mamma, hai un ruolo fondamentale. Il legame affettivo incondizionato che crei con il tuo bimbo in questi delicatissimi anni della sua vita avrà delle ripercussioni enormi sul suo futuro. Se questo legame sarà sufficientemente forte, tuo figlio diventerà un uomo sicuro di sé, capace di dare amore e di affrontare efficacemente le diverse sfide che la vita inevitabilmente gli porrà. L affetto è naturalmente uno degli ingredienti più importanti. Gesti semplici come una carezza, un sorriso, il gioco durante il bagnetto o mentre gli cambi i vestiti, segnano in modo indelebile la vita del piccolo. Tuttavia, è opportuno che tu comprenda a fondo le diverse tappe di vita che sta vivendo e gli offra degli stimoli adeguati che arricchiscano ulteriormente i gesti di affetto che manifesti nei suoi confronti. Vediamo ora come sia possibile. 10

11 CAP. 4 Le sette chiavi della stimolazione efficace Non è difficile renderti conto che tuo figlio è molto diverso da un altro per carattere, comportamento o modo di relazionarsi agli altri. Proprio per queste caratteristiche individuali è necessario conoscere e rispettare i ritmi propri di apprendimento tipici del tuo bimbo, in modo da non produrre in lui frustrazione per l impossibilità di rispondere adeguatamente a ciò che gli proponi. Per una stimolazione adeguata esistono delle regole fondamentali che qui ho chiamato chiavi riguardo il tempo, l attitudine, l ambiente ecc richiesti. La prima domanda da porsi è: Come stimolare? Non esiste una formula magica per condurre attività di stimolazione. Ci sono però degli ingredienti che ne aumentano la produttività. Vediamone alcuni: 1. Disposizione del bimbo Il primo elemento da tenere in considerazione è la disposizione del bimbo per realizzare esercizi e attività. Ciò significa che non si deve stravolgere la sua routine giornaliera, né tanto meno obbligarlo a compiere le attività quando è di malumore, assonnato, stanco o quando piange o ha fame. Al contrario, è necessario trovare il momento adeguato in cui il bimbo sia tranquillo e sia disposto a giocare che è in definitiva ciò che si vuole realizzare. Normalmente, il bimbo è ben disposto qualche minuto prima e dopo il bagnetto o anche durante quest ultimo mentre si cambia il vestito, al risveglio la mattina o mentre sta già giocando con te. A questo punto è fondamentale imparare a riconoscere i differenti gesti, movimenti ed espressioni che utilizza il bimbo per manifestare le sue necessità. Un semplice lamento, pianto, grido o sguardo possono rivelare il suo stato d animo. 11

12 Se non si verificano le condizioni favorevoli alla stimolazione, è meglio rinviarla e prendersi cura delle necessità immediate del piccolo. 2. La tua attitudine. Anche per te ci possono essere dei giorni inadeguati a stimolare il bimbo! Una giornata lavorativa molto intensa, problemi economici o familiari ecc sono situazioni distraesti che ti impediscono di realizzare un buon lavoro di stimolazione. Questo è ancora più importante se pensi che il più grande dono che tu possa fare a tuo figlio è la tua totale attenzione nei suoi confronti! Il bimbo ha necessità del tuo buon umore, attenzione e disponibilità. Per questo, prima ancora di iniziare qualunque attività è necessario che tu: b. Diventi consapevole del tuo stato d animo; c. Ti renda conto se questo è adeguato o meno a realizzare attività di stimolazione; d. Ti tranquillizzi e lasci per un momento da parte i tuoi problemi per concentrarti esclusivamente sul bimbo. Tieni conto che tuo figlio come una sensibilissima pellicola fotografica capta immediatamente il tuo umore e quello delle altre persone che lo circondano. 3. L ambiente fisico Se il momento è opportuno, si deve trovare anche un ambiente fisico adatto a realizzare le attività di stimolazione. In particolare, un ambiente che abbia: - una buona illuminazione; - la minore quantità di distrazioni, come ad es. rumori esterni che interferiscono con l apprendimento; - la temperatura e la ventilazione adatte perché il bimbo si mantenga sveglio e si senta comodo e attivo. Questo non significa che si debba necessariamente disporre di ampi spazi ed un ambiente specifico per la stimolazione, basta solo un po di creatività e organizzazione. 12

13 Ogni angolo della tua casa può diventare adatto a realizzare attività di stimolazione, dando un tocco speciale ad ogni parete, porta o finestra che sia alla vista del bimbo: un mobile, un disegno, ritagli di figure o foto possono rappresentare elementi molto importanti nella stimolazione di tuo figlio. Anche una semplice coperta o tappeto collocati in una certa parte della casa possono offrire un mondo di possibilità. Man mano che il bimbo cresce si può adattare questo spazio aggiungendo una piccola palestra, un tavolo con una sediolina o altri elementi di questo genere, facendo sempre attenzione alla sicurezza del bimbo, cioè senza lasciare nelle vicinanze oggetti pericolosi o appuntiti. 4. Il tempo Riguardo al tempo da dedicare alla stimolazione esistono diverse scuole di pensiero. Ad ogni modo, si raccomanda di considerare tre aspetti di base: a) L età del bimbo; b) La sua capacità di rimanere attento e rispondere ai diversi stimoli; c) La sua disposizione ad essere stimolato in un dato momento. Qualunque attività si scelga, è bene non applicarla in orari rigidamente fissati come se si trattasse di una scuola, ma approfittare delle diverse circostanze di disponibilità spontanea da parte del bimbo che sorgono durante il giorno, ad es. dopo pranzo, al momento di vestirlo, durante i lavori domestici ecc 5. Rinforzo positivo Ogni attività deve comprendere sempre carezze, elogi, baci, comunicazione affettiva e rinforzi positivi costanti per tutto quello che il tuo bimbo riesce a realizzare, per quanto insignificante possa sembrare. Allo stesso modo, quando affronta degli ostacoli o sente che ha fallito in qualche compito, lo dovrai motivare a superare questo momento di avversità, incoraggiandolo a provare nuovamente. Solo in questo modo il piccolo potrà rafforzare la sua autostima, diventare autonomo e apprendere in modo efficace a partire dai propri errori. 13

14 È fondamentale sapere che i bimbi non realizzano tutti gli obiettivi immediatamente, ma hanno bisogno di un certo lasso di tempo che dipende in larga misura dalla tappa di sviluppo in cui si trovano. All inizio, sembra che il bimbo non interagisca affatto con l ambiente che ha intorno, però, man mano che cresce, diventa più attivo e partecipativo. E quindi indispensabile fornire stimoli, ma sempre lasciando al bimbo un sufficiente spazio di libertà per esplorare e godere pienamente del gioco e delle attività che gli si propongono. 6. Il vestiario Non meno importante è la comodità del vestire. Esiste una grande varietà di vestiti per bimbi, che però rischiano di limitare la sua capacità di muoversi. Se la temperatura lo permette, non c è nulla di meglio che un pannolino ed un vestito leggero di cotone per poter muovere gambe e braccia! Se fa freddo, bisogna tenere l ambiente sufficientemente riscaldato in modo da non coprire eccessivamente il bimbo, impedendogli anche in questo caso di muoversi liberamente. 7. Attenzione a NON stimolare troppo! L ansia di raggiungere un ottimo sviluppo delle capacità del tuo bimbo e di ottenere risultati imposti da una società sempre più esigente, portano molte mamme a nutrire aspettative irrealistiche nei confronti del proprio bimbo. Iniziano a riempirlo di attività, gli chiedono più di una cosa alla volta, lo sovraccaricano di stimoli pensando che lo renderanno più intelligente. Qual è il risultato? Quello di trasformarlo in un essere insicuro, con scarso senso di indipendenza e con un alta probabilità di avere in futuro problemi di condotta, difficoltà di attenzione e/o iper-attività e conseguenti problemi di apprendimento. Il problema è questo: se si forniscono TROPPI stimoli contemporaneamente, ma non si dà tempo sufficiente per la crescita cognitiva del cervello, il pensiero si disperde generando nel bimbo un senso di frustrazione o astio. Per questo, è opportuno conoscere gli stimoli adeguati per ogni tappa dello sviluppo, considerando le caratteristiche individuali del piccolo ed il suo proprio ritmo di apprendimento. 14

15 Tuo figlio è unico sulla faccia della terra ed il tuo modo di educarlo e di comunicare con lui è anch esso unico. Lascia che sia lui stesso a suggerirti come accompagnarlo alla scoperta del mondo! 15

16 CAP. 5 Le stimolazione in pratica: il caso del neonato A questo punto è probabile che tu ti stia chiedendo: ma come stimolare in pratica? In quest ultimo capitolo dell ebook voglio darti un assaggio di alcune attività di stimolazione che insegno nei miei seminari dal vivo. Si tratta solo di alcuni dei possibili esercizi che puoi mettere in pratica se ad es. il tuo bimbo è nato da poco. Ci sono attività di stimolazione adatte a qualunque età e tappa di sviluppo del tuo bimbo. Siccome sei iscritta alla newsletter di BimbiFeliciOnline.it riceverai periodicamente suggerimenti e proposte pratiche per attività di stimolazione anche per bimbi più grandi. Per ora e puramente a titolo esemplificativo prendo in considerazione degli esercizi che puoi praticare se hai un neonato. Vediamo in dettaglio di che si tratta. Attività per lo sviluppo sensoriale 1. Obiettivo: stimolare il senso dell udito - Suona al bimbo diversi oggetti come sonagli, maracas, scatole ripiene di semi ecc ad una certa distanza per non infastidirlo. Suona questi oggetti prima verso l orecchio sinistro, poi il destro, da lontano, da vicino, in alto, in basso ecc - Parla al bimbo con diversi toni e volumi di voce. 16

17 2. Obiettivo: stimolare il senso dell olfatto - Mentre gli fai il bagnetto, avvicinagli con cura oggetti profumati come sapone, olii essenziali ecc... in modo che apprenda a differenziare diversi odori e preferisca alcuni di questi rispetto ad altri. - Mentre lo allatti, assicurati che tra te ed il bimbo ci sia un contatto stretto, pelle contro pelle, in modo che possa riconoscere il tuo odore. 3. Obiettivo: stimolare il senso del tatto - Lo sviluppo del tatto è la chiave dell evoluzione del bimbo. Le carezze favoriscono lo sviluppo fisico, motorio, affettivo ed immunologico del bimbo. - Fai distendere il bimbo e strofina con le due mani la parte inferiore del torace, procedendo dall alto verso il basso. I movimenti devono essere ritmici e continui. - Con le punta delle dita, massaggia la schiena del bimbo, disegnando piccoli cerchi. Realizza quest esercizio su tutta la superficie della spalla. 4. Obiettivo: stimolare il senso della vista - La vista è il primo senso che comincia a svilupparsi quando il bimbo è ancora nell utero, tuttavia è l ultimo a raggiungere il suo pieno sviluppo solo verso i 6 anni di età. ad Utilizza giocattoli dai colori bianco, nero e rosso dal momento che i neonati possono percepire solo questi colori. Poni questi giocattoli una distanza di circa cm dai suoi occhi, quindi avvicinali ed allontanali da lui diverse volte. 5. Obiettivo: stimolare lo sviluppo motorio - Verso il primo mese di vita, poni il bimbo con il viso in giù, mostrandogli oggetti vistosi e sonori da un lato e poi dall altro, in modo che cerchi di sollevare la testa e rafforzi i muscoli del collo. 17

18 - Durante il primo mese, ogni volta che gli cambi il pannolino o lo vesti, afferra le sue braccia e muovile dolcemente verso l alto e poi verso il basso; poi aprile e chiudile. Fai lo stesso con le gambe e termina l esercizio piegandole e stirandole con cura. Ripeti la sequenza 5 o 6 volte. Attività per lo sviluppo affettivo - Prendi il bimbo in braccio, bacialo, sussurragli parole dolci o cantagli delle canzoni. Non temere che si possa viziare tenendolo in braccio: questo può accadere solo quando il bimbo avrà già compiuto un anno, cioè quando è già cosciente dell effetto dei suoi comportamenti sulle altre persone. - Una voce soave può essere come una carezza per il bimbo: guardalo negli occhi, chiamalo per nome e sorridigli. Questo rafforzerà la relazione tra te ed il tuo bimbo. Attività per lo sviluppo del linguaggio - Accompagna a parole ogni attività che realizzi con il bimbo, ad esempio mentre gli fai il bagnetto, gli dai la pappa, lo vesti o lo coccoli. Parlagli chiaramente e soprattutto con un tono affettuoso. Ripeti ogni suono che produce il bimbo, anche se solo rumori vocali: così comprenderà che questo è un modo di comunicare. Seguendo le attività consigliate, potrai sviluppare l intelligenza fisica, mentale ed emotiva del neonato, rafforzare il legame emotivo con lui e prepararlo al meglio per le sfide mentali e fisiche delle tappe successive della sua crescita. CONCLUSIONE 18

19 Bene, spero che quest ebook ti abbia fornito delle informazioni utili ed interessanti riguardo l affascinante mondo della stimolazione infantile. Naturalmente, il contenuto del libro è solo la punta dell iceberg di ciò che si può conoscere su questo tema. Ma puoi stare tranquilla: siccome sei iscritta alla newsletter di BimbiFeliciOnline riceverai ogni settimana, direttamente nella tua casella di posta elettronica, informazioni, suggerimenti e offerte di materiale formativo su quest argomento. Se vuoi scoprire come il tuo bimbo si sviluppa nel corso del tempo, in modo da proporgli attività di stimolazione adeguate, puoi consultare: Potrai consultare *gratuitamente* una serie di 3 volumi sullo sviluppo infantile. In particolare: - Il vol. I tratta dello sviluppo infantile che avviene da 0 a 6 mesi; - Il vol. II, dai 7 ai 12 mesi - Il vol. III, dai 13 ai 18 mesi. Ti auguro una buona lettura! Cordialmente, Liliana Jaramillo, psicologa, esperta in stimolazione infantile e mamma del piccolo Lucas 19

20 20

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura!

E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! Sei un nuovo amministrato? NoiPA - Servizi

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Come far accettare che il problema c è.

Come far accettare che il problema c è. Tredimensioni 2(2005) 81-92 Come far accettare che il problema c è. Vincenzo Percassi * I l cammino formativo, dato che mira a formare la persona nella sua motivazione profonda e interiore, deve tenere

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO CIRIBIRICOCCOLE s.n.c Via Don Paviolo 3, tel 011-8005349 10036 settimo torinese P.IVA. :10565620019 Asilo.ciribiricoccole@gmail.com ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO ANNO EDUCATIVO 2012-2013

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli