LA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA"

Transcript

1 T E O R I A E P R A T I C A D E L D I R I T T O SEZIONE II: DIRITTO COMMERCIALE 19 FRANCESCO DEL VECCHIO LA LIQUIDAZIONE IN GENERALE, DELLE ASSICURAZIONI E DELLE BANCHE GIUFFRE mcil EDITORE MILANO 1998

2 INDICE GENERALE Partei LA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRAUVA IN GENERALE CAPITOLO I DELLA LIQUID AZIONE COATTA AMMINISTRATIVA IN GENERALE 1. Controlli della pubblica amministrazione sulle grandi imprese e loro liquidazione coatta nei casi d'insolvenza o di violazione di leggi o regolamenti 3 2. Norme generali e speciali disciplinatrici della liquidazione coatta amministrativa 6 3. Disciplina del rapporto tra liquidazione coatta amministrativa e fallimento (art. 2 L. fall.) 6 4. Imprese soggette a liquidazione coatta amministrativa con esclusione del fallimento 7 5. Imprese soggette a liquidazione coatta amministrativa e a fallimento 8 6. Coordinamento fra gli artt. 2 e 196 L. fall.: esclusione del fallimento in ipotesi di liquidazione coatta amministrativa prevista espressamente dalla legge 9 7. Concorso tra fallimento e liquidazione coatta amministrativa Questioni d'illegittimitä costituzionale dell'istituto di liquidazione coatta amministrativa e di talune sue norme Rapporti tra liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo e amministrazione controllata Rapporti tra liquidazione coatta amministrativa e leggi speciali Natura giuridica della liquidazione coatta amministrativa 27

3 VI LA LIQUIDAZIONE CAPITOLO II IL PROWEDIMENTO DI LIQUIDAZIONE 1. Natura giuridica del prowedimento di liquidazione Forma, contenuto e pubblicitä del prowedimento di liquidazione Decorrenza degli effetti del prowedimento di liquidazione Impugnazione del prowedimento di liquidazione Accoglimento o rigetto del ricorso giurisdizionale awerso il provvedimento di liquidazione 36 CAPITOLO III GLI ORGANI DELLA LIQUIDAZIONE 1. I singoli organi della liquidazione coatta amministrativa L'autoritä governativa ehe vigila sulla liquidazione ed i suoi poteri II commissario liquidatore e la sua nomina Requisiti di nomina del commissario liquidatore Natura giuridica del commissario liquidatore Mezzi d'impugnazione degli atti del commissario liquidatore Poteri del commissario liquidatore Obblighi del commissario liquidatore Compenso del commissario liquidatore II comitato di sorveglianza Funzioni del comitato di sorveglianza Se i componenti del comitato di sorveglianza sono o meno pubblici ufficiali Compenso dei componenti del comitato di s'orveglianza 68 CAPITOLO IV DEGLI EFFETTI DELLA LIQUIDAZIONE PER LTMPRESA E PER I CREDITORI 1. Gli effetti della liquidazione coatta amministrativa in generale Gli effetti della liquidazione coatta amministrativa per l'impresa (artt. 42 a 47 L. fall., eccetto l'art. 43) Gli effetti della liquidazione coatta amministrativa per i creditori Gli effetti della liquidazione coatta amministrativa sugli atti pregiudizievoli ai creditori: rinvio al cap. VIII 107

4 INDICE CAPITOLO V DEGLI EFFETTI DELLA LIQUIDAZIONE SUI RAPPORTI GIURIDICI PREESISTENTI 1. Gli effetti della liquidazione coatta amministrativa sui rapporti giuridici preesistenti: disciplina I singoli rapporti giuridici preesistenti I rapporti giuridici preesistenti sciolti per effetto della liquidazione coatta amministrativa I rapporti giuridici preesistenti non sciolti per effetto della liquidazione coatta amministrativa Possesso del fallito a titolo precario Gli effetti della liquidazione coatta sul rapporto di lavoro 129 CAPITOLO VI ACCERTAMENTO GIUDIZIARIO DELLO STATO D'INSOLVENZA ANTERIORE ALLA LIQUIDAZIONE 1. II potere discrezionale dell'autoritä amministrativa in ordine all'emissione del prowedimento ehe ordina la liquidazione coatta amministrativa II potere vincolato dell'autoritä amministrativa a seguito dell'accertamento giudiziario dello stato d'insolvenza La natura giuridica della sentenza dichiarativa dello stato d'insolvenza La competenza per l'emanazione della sentenza dichiarativa dello stato d'insolvenza La legittimazione attiva dei creditori L'audizione del debitore L'audizione dell'autoritä governativa La comunieazione, notifieazione ed afflssione della sentenza dichiarativa dello stato d'insolvenza L'opposizione alla sentenza dichiarativa dello stato d'insolvenza L'impugnazione della sentenza pronunciata a seguito del giudizio di opposizione Gli effetti della sentenza ehe revoca la dichiarazione dello stato d'insolvenza Reiezione del ricorso per la dichiarazione dello stato d'insolvenza Esclusione deiraccertamento giudiziario dello stato d'insolenza nei confronti degli enti pubblici 149

5 /HI LA LIQUIDAZIONE CAPITOLO VII ACCERTAMENTO GIUDIZIARIO DELLO STATO D'INSOLVENZA POSTERIORE ALLA LIQUIDAZIONE 1. L'art. 202, primo comma, L. fall II mancato richiamo dei commi primo, settimo ed ottavo dell'art. 195 L. fall La legittimazione attiva del commissario liquidatore e del pubblico ministero a chiedere l'accertamento giudiziario dello stato d'insolvenza I soggetti della legittimazione passiva Opposizione alla sentenza di accertamento dello stato d'insolvenza e successiva impugnazione II problema dell'impugnabilitä da parte del pubblico ministero del decreto del tribunale reiettivo della sua istanza di accertamento dello stato d'insolvenza Esclusione del potere del tribunale di dichiarare il fallimento in sede di accertamento dello stato d'insolvenza 158 CAPITOLO VIII DEGLI EFFETTI DELL'ACCERTAMENTO GIUDIZIARIO DELLO STATO D'INSOLVENZA SUGLI ATTI PREGIUDIZIEVOLI AI CREDITORI 1. Le azioni revocatorie e la loro estensione nei confronti dei soci illimitatamente responsabili II concetto di azione revocatoria ed i suoi presupposti L'azione revocatoria ordinaria in sede fallimentare (art. 66 L. fall.) L'azione revocatoria fallimentare (art. 67, primo comma, L. fall.) I singoli casi di revocatoria L'art. 67, secondo comma Le esenzioni dalla revocatoria fallimentare (art. 67, Ultimo comma, e leggi speciali) Le esenzioni dalla revocatoria nella interpretazione della giurisprudenza La prescrizione dell'azione revocatoria fallimentare La competenza a conoscere delle azioni revocatorie L'inefficacia degli atti a titolo gratuito (art. 64 L. fall.) L'inefficacia dei pagamenti di crediti non scaduti (art. 65 L. fall.) L'esenzione dalla revocatoria del pagamento di cambiale scaduta (art. 68 L. fall.) 214

6 IX 14. La revocatoria degli atti a titolo oneroso compiuti tra coniugi (art. 69 L. fall.) ed il problema della sua applicabilitä o meno agli atti a titolo gratuito tra i coniugi stessi: le sentenze al riguardo della Corte cost II problema della prescrittibilitä o meno dell'azione revocatoria degli atti tra coniugi La presunzione muciana concernente i beni acquisiti dal coniuge del fallito (art. 70 L. fall.) e la sua incompatibilitä col regime di comunione legale dei beni II recente insegnamento della Cassazione negativo della soprawivenza della presunzione muciana Le caratteristiche della presunzione muciana Gli effetti dell'azione revocatoria (art. 71) 230 CAPITOLO IX LA FORMAZIONE DELLO STATO PASSIVO 1. Le fasi della procedura di liquidazione coatta amministrativa La comunicazione ai creditori e ai terzi ex art. 207 L. fall L'art. 209 L. fall, e la formazione dello stato passivo I prowedimenti del commissario liquidatore nella formazione dello stato passivo Particolari problemi in sede di formazione dello stato passivo La natura giuridica dell'elenco dei creditori formato dal commissario liquidatore Gli obblighi del commissario nella formazione dello stato passivo I mezzi d'impugnazione dello stato passivo Le dichiarazioni tardive dei crediti La revocazione contro crediti ammessi Le domande di rivendicazione, restituzione e separazione di cose mobili L'accertamento del passivo e le nuove norme processuali civili CAPITOLO X LA LIQUIDAZIONE DELL'ATTIVO NELLA LIQUIDAZIONE 1. I poteri del commissario liquidatore nella liquidazione coatta dell'attivo La vendita e l'affitto dell'azienda: ammissibilitä e modalitä 279

7 X LA LIQUIDAZIONE 3. II problema dell'applicabilitä o meno dell'art. 107 L. fall, alle espropriazioni immobiliari in corso: soluzione positiva Competenza e modalitä per la cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie sui beni liquidati: soluzioni varie e riconoscimento del potere all'autoritä governativa di vigilanza Versamento ancora dovuto dai soci a responsabilitä iimitata (art. 210 L. fall.): credito esigibile ex lege e decreto monitorio del presidente del tribunale Versamento dei soci con responsabilitä sussidiaria Iimitata o illiniitata (art. 211 L. fall.): formazione del piano di riparto e modalitä per le osservazioni e contestazioni 290 CAPITOLO XI LA RIPARTIZIONE DELL'ATTIVO E LA CHIUSURA DELLA LIQUIDAZIONE 1. L'art. 212 L. fall, sulla ripartizione dell'attivo e il rinvio all'art. lll stessa legge concernente l'ordine di distribuzione delle somme La distribuzione di acconti parziali: potere discrezionale del commissario liquidatore e loro concessione anche prima del realizzo di tutte le attivitä e deu'accertamento del passivo Le ripartizioni parziali: diversitä dagli acconti, limiti quantitativi ed impugnabilitä Ordine di distribuzione dell'attivo: disciplina ex art. 111 L. fall.; in particolare pagamento dei debiti di massa, dei crediti privilegiati e dei crediti pignoratizi ed ipotecari Le ripartizioni flnali previa approvazione del bilancio, del conto della gestione e del piano di riparto. In difetto di approvazione, giudizio avanti al tribunale sulle contestazioni degli interessati La chiusura della procedura di liquidazione coatta amministrativa ed i suoi effetti II problema dell'applicabilitä dell'istituto della riabilitazione civile au'imprenditore individuale o sociale tornato in bonis: soluzione positiva. 308 CAPITOLO XII IL CONCORDATO NELLA LIQUIDAZIONE 1. La proposta di concordato (art. 214 L. fall.)...:. 311

8 INDICE XI 2. Le varie specie di concordato e la inammissibilitä del concordato con cessione di beni Le condizioni e le eventuali garanzie della proposta Le modalitä del procedimento: autorizzazione deu'autoritä di vigilanza al deposito della proposta nella cancelleria del tribunale; pubblicazione nelle forme disposte dall'autoritä stessa; eventuali opposizioni degli interessati e decisione del tribunale Le impugnazioni contro la sentenza ehe approva o respinge il concordato; la legittimazione dei soggetti a proporle La natura giuridica del concordato: contrattualistica o pubblicistica; soluzione per quest'ultima e conseguenze Gli effetti del concordato L'esecuzione del concordato e le funzioni di sorveglianza degli organi della liquidazione La risoluzione del concordato: inadempimento; richiesta del commissario o ricorso dei creditori; sentenza del tribunale in camera di consiglio e non soggetta a gravame; limiti temporali per la pronuncia del tribunale L'annullamento del concordato: limiti e termine per la proponibilitä dell'azione; legittimazione attiva e passiva; sentenza del tribunale in camera di consiglio ed impugnabilitä con mezzi ordinari La riapertura della liquidazione coatta amministrativa a seguito della risoluzione ed annullamento del concordato: richiamo in ufficio degli organi della procedura; concorso dei vecchi e nuovi creditori; riproposizione delle azioni revocatorie e realizzazione delle garanzie Offerte ai creditori 327 CAPITOLO XIII LE DISPOSIZIONI PENALI NELLA LIQUIDAZIONE 1. La diseiplina dei reati nella liquidazione coatta amministrativa: gli artt. 237 e 203 L. fall I soggetti attivi delle disposizioni penali L'art. 203 L. fall, e Perroneo richiamo dell'intero art. 217, n. 4, L. fall, concernente la bancarotta semplice In particolare la responsabilitä penale dei soci illimitatamente responsabili II problema della responsabilitä penale dell'imprenditore individuale per i reati di bancarotta: contrasti fra dottrina e giurisprudenza di legittimitä 341

9 XII LA UQUIDAZIONE 6. I singoli reati fallimentari e la pregiudizialitä tra controversia fallimentare e giudizio penale I reati commessi dal fallito o dall'assoggettato a liquidazione coatta amministrativa I reati commessi da persone diverse dal fallito o dall'assoggettato a liquidazione coatta amministrativa 364 CAPITOLO XIV LA DISCIPLINA FISCALE DELLA LIQUIDAZIONE 1. Identitä della disciplina fiscale tra fallimento e liquidazione coatta amministrativa L'accertamento dei crediti tributari Obblighi fiscali del commissario liquidatore L'IVA e le vendite mobüiari ed immobiliari L'IVA e il credito di rivalsa degli imprenditori e dei professionisti L'IVA ed il compenso del commissario liquidatore L'imposta di registro Le sanzioni pecuniarie, l'indennitä di mora e le soprattasse La tassa di concessione governativa ed annuale sulle societä La ritenuta d'acconto LTNVIM e l'ici 426 Parte II LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE CAPITOLO I LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 1. L'evoluzione della legislazione sulle imprese di assicurazione Le leggi concernenti la liquidazione coatta amministrativa delle imprese di assicurazione L'applicabilitä alle imprese di assicurazione delle norme della legge fallimentare concernenti la liquidazione coatta amministrativa Esclusione del fallimento nei confronti delle imprese di assicurazione 435

10 5. Esclusione del concordato preventivo e deh'amministrazione controllata nei confronti delle imprese di assicurazione sulla vita II problema della esclusione o meno del concordato preventivo e dell'amministrazione controllata nei confronti delle imprese di assicurazione contro i danni 436 CAPITOLO II I PRESUPPOSTI DELLA LIQUIDAZIONE DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 1. I presupposti subiettivi della liquidazione coatta amministrativa delle imprese di assicurazione del ramo vita e contro i danni Le varie specie di assicurazione del ramo vita L'oggetto delle assicurazioni contro i danni I soggetti esclusi dalle disposizioni sull'assicurazione, a norma degli artt. 3 e 4 dei rispettivi D. Lgs. nn. 174 e 175/ I presupposti obiettivi della liquidazione coatta amministrativa delle imprese di assicurazione La copertura delle riserve tecniche L'obbligo per le imprese assicurative di disporre di un margine di solvibilitä e di una quota di garanzia Le conseguenze giuridiche della violazione delle disposizioni sulle riserve tecniche Le conseguenze giuridiche della violazione delle disposizioni sul margine di solvibilitä e sulla quota di garanzia La violazione delle disposizioni sulle operazioni di capitalizzazione. 458 CAPITOLO III IL PROWEDIMENTO DI LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE ED I POTERI DEL MINISTRO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO 1. II prowedimento di liquidazione coatta amministrativa delle imprese di assicurazione e le sue differenze da quello previsto dalla legge fallimentare per le imprese in genere I poteri del Ministro dell'industria, del commercio e deu'artigianato in materia assicurativa 464

11 XIV LA LIQUIDAZIONE CAPITOLO IV GLI ORGANI DELLA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 1. Gli organi della liquidazione coatta amministrativa delle imprese di assicurazione L'ISVAP ed i suoi organi I poteri e le funzioni dell'isvap in base alla legge istitutiva 12 agosto 1982, n in base ai D.Lgs. 17 marzo 1995, nn. 174 e II commissario liquidatore: natura giuridica, funzioni, poteri ed obblighi in generale (rinvio alla parte I, capp. III e IX I poteri e le funzioni del commissario liquidatore in base alla L. 24 dicembre 1969, n. 990 e successive modificazioni, sulla assicurazione obbligatoria dei veicoli a motore e dei natanti II comitato di sorveglianza: nomina, composizione, poteri e compenso 509 CAPITOLO V DELLA LIQUIDAZIONE E DEL RISARCIMENTO DEL DANNO 1. II Fondo di garanzia per le vittime della strada: sua originaria costituzione presso l'istituto nazionale delle assicurazioni (INA); successivamente subentro al suo posto della Concessionaria servizi assicurativi pubblici S.p.A. (CONSAP) La liquidazione del danno da parte deh'impresa designata ex art. 20 L. n. 990/ La liquidazione del danno da parte del commissario liquidatore La disciplina delle spese inerenti alla liquidazione degli indennizzi e dei danni, a seconda ehe gravino sul commissario o sul «Fondo» Le modalitä di antieipazione delle spese al commissario da parte del «Fondo» La liquidazione del dannano da parte deu'impresa cessionaria del portafoglio trasferitole, previo suo consenso, col decreto di liquidazione (art. 1 L. n. 738/1978) La disciplina dei privilegi inerenti ai contratti di assicurazione nelle leggi speciali succedutesi nei tempo Problemi interpretativi delle norme sui privilegi degli assicurati di cui agli artt. 67 e 78 D.Lgs. nn. 174 e 175/ II privilegio del danneggiato sull'indennitä dovuta dall'assicuratore, ex art cod. civ.: inapplicabilitä nei caso di risareimento di danni causati dalla circolazione dei veicoli e dei natanti 532

12 CAPITOLO VI DEGLI EFFETTI DELLA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SUI RAPPORTI GIURIDICI PREESISTENTI. LA RIPARTIZIONE DELL'ATTIVO, LA CHIUSURA DELLA PROCEDURA ED IL CONCORDATO 1. I rapporti giuridici preesistenti: identitä di disciplina tra liquidazione coatta amministrativa in generale e liquidazione coatta delle imprese di assicurazione. Particolari aspetti concernenti i rapporti di lavoro e di agenzia ed i contratti di assicurazione I rapporti di lavoro I rapporti di agenzia I contratti di assicurazione e la loro diversa durata a seconda ehe trattisi assicurazione sulla vita e contro i danni in genere owero in tema di assicurazione obbligatoria auto II duplice problema se i crediti ehe sorgono verso l'ufficio concorsuale per i sinistri verificatisi dopo il prowedimento di liquidazione coatta siano o meno da soddisfare con prededuzione e se l'assicurato possa, awalendosi della norma dell'art cod. civ., sospendere il pagamento del premio: soluzione negativa Ripartizione dell'attivo, chiusura della procedura e concordato: rinvio a parte I, capp. X e XI ed applicabilitä della norma dell'art. 84 L. n. 449/1959 sul riparto delle attivitä 551 Partein LA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DELLE BANCHE CAPITOLO I LA NUOVA LEGGE BANCARIA IN ATTUAZIONE DELLA SECONDA DIRETTIVA DEL CONSIGLIO CEE 15 DICEMBRE 1989, N La nuova legge bancaria (T.U. approvato con D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385) e la disciplina della liquidazione coatta amministrativa delle banche Presupposti soggettivi della liquidazione coatta 560

13 XVI LA LIQUIDAZIONE 3. Presupposti oggettivi della liquidazione coatta II prowedimento di liquidazione coatta: decreto del Ministro del tesoro su proposta della Banca d'italia; suo contenuto; modalitä di comunicazione e di pubblicitä; effetti del decreto nei confronti degli organi aziendali; rinvio, in quanto applicabili, a particolari disposizioni della legge fallimentare Gli organi della procedura: la nomina da parte della Banca d'italia e loro prowedimenti iniziali Le indennitä spettanti agli organi della procedura I mezzi d'impugnazione del prowedimento di liquidazione 572 CAPITOLO II ACCERTAMENTO GIUDIZIALE DELLO STATO D'INSOLVENZA ANTERIORE E POSTERIORE ALLA LIQUIDAZIONE 1. La dichiarazione giudiziale dell'insolvenza anteriore alla liquidazione coatta amministrativa : La legittimazione a chiedere l'accertamento giudiziale e l'audizione dei soggetti interessati da parte del tribunale prima della decisione II richiamo dell'art. 195 L. fall L'accertamento giudiziale dell'insolvenza posteriore alla liquidazione coatta amministrativa Gli effetti dell'accertamento giudiziale dell'insolvenza, sia anteriore ehe posteriore, sugli atti pregiudizievoli ai creditori e sulle disposizioni penali 578 CAPITOLO III DEGLI EFFETTI DEL PROWEDIMENTO DI LIQUIDAZIONE 1. Effetti del prowedimento di liquidazione coatta per la banca Effetti del prowedimento di liquidazione coatta per i creditori Effetti del prowedimento di liquidazione sugli atti pregiudizievoli ai creditori e sui rapporti giuridici preesistenti Effetti del prowedimento di liquidazione sugli adempimenti iniziali dei commissari liquidatori 582

14 INDICE XVII CAPITOLO IV POTERI E FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI DELLA LIQUIDAZIONE 1. Nomina e composizione degli organi della liquidazione coatta e loro adempimenti iniziali I commissari liquidatori: funzioni, poteri e requisiti II comitato di sorveglianza: funzioni, poteri e requisiti La Banca d'italia: poteri di determinazione di principi e criteri deh'attivitä di vigilanza sulle banche; poteri in tema di amministrazione straordinaria delle banche e del gruppo bancario; prowedimenti specifici di competenza; poteri regolamentari nei casi previsti dalla legge 592 CAPITOLO V L'ACCERTAMENTO DEL PASSIVO 1. La fase amministrativa dell'accertamento del passivo: le comunicazioni dei commissari liquidatori; i reclami e le richieste dei creditori e dei titolari di diritti reali II deposito presso la Banca d'italia dell'elenco dei creditori ammessi e non ammessi e di quello dei titolari di diritti reali II deposito presso la cancelleria del tribunale del solo elenco dei creditori privilegiati e dei titolari di diritti reali, con esclusione dei creditori chirografari dovuta alla tutela del segreto bancario Le varie teoriche sul fondamento giuridico del segreto bancario Le questioni di costituzionalitä della normativa concernente il trattamento riservato ai creditori chirografari e la sentenza della Corte cost., 24 gennaio 1977, n La comunicazione dei commissari ai creditori del deposito dello stato passivo e dei crediti in tutto o in parte non ammessi La fase giudiziale della stato passivo La legittimazione dei soggetti a proporre opposizione ed impugnazione contro i crediti ammessi La proposizione del ricorso, la designazione del giudice, la comunicazione del ricorso ai legittimati passivi e la costituzione in giudizio dell'opponente L'istruzione e decisione delle cause riunite e la pubblicazione della sentenza L'appello e il ricorso per Cassazione 616

15 XVIII LA LIQUIDAZIONE 12. Le insinuazioni tardive La revocazione contro crediti ammessi 620 CAPITOLO VI LA LIQUIDAZIONE E RIPARTIZIONE DELL'ATTIVO 1. La liquidazione deu'attivo Le varie forme di cessione dell'attivo La continuazione dell'esercizio dell'impresa bancaria e le modifiche apportate dal D.Lgs. 23 luglio 1996, n I poteri dei commissari in sede di liquidazione dell'attivo La ripartizione dell'attivo 628 CAPITOLO VII ADEMPIMENTT FINALI DELLA PROCEDURA E CONCORDATO DI LIQUIDAZIONE 1. Adempimenti finali: il bilancio finale di liquidazione, il rendiconto finanziario e il piano di riparto Le formalitä delle contestazioni e dei successivi giudizi awerso detti adempimenti II concordato di liquidazione: modalitä della proposta, parere degli organi liquidatori, contestazioni degli interessati, decisione del tribunale e mezzi d'impugnazione Esecuzione del concordato e chiusura della liquidazione Risoluzione e annullamento del concordato 643 CAPITOLO VIII LA LIQUIDAZIONE DELLE SUCCURSALI DI BANCHE ESTERE E DEL GRUPPO BANCARIO 1. La liquidazione coatta delle succursali di banche comunitarie ed extracomunitarie Sistemi di garanzia dei depositi e sostituzione degli organi della liquidazione ordinaria La liquidazione coatta del gruppo bancario La conversione in liquidazione coatta delle procedure concorsuali delle sodetä del gruppo 655

16 XIX 5. La sorte dei giudizi pendenti ed i mezzi d'impugnazione della sentenza di conversione La liquidazione coatta dei gruppi e societä non iscritti all'albo L'arriministrazione straordinaria delle banche, delle succursali di banche extracomunitarie, della capogruppo e delle societä del gruppo bancario 660 Indice degli autori 671 Indice analitico 677

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Riferimenti normativi e ambito di applicazione. 3. I tempi di pagamento della prededuzione: i poteri

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA. Le Procedure Concorsuali

SCHEDA RIASSUNTIVA. Le Procedure Concorsuali SCHEDA RIASSUNTIVA ARGOMENTO: Le procedure concorsuali la riforma del diritto fallimentare sentenza dichiarativa di fallimento: annotazione e cancellazione DESCRIZIONE: Le Procedure Concorsuali COSA SONO:

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014.

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014. CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA PRONTUARIO ADEMPIMENTI PUBBLICITARI IN MATERIA DI PROCEDURE CONCORSUALI Settima Edizione Gennaio 2014 CONTATTI LE CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE (DECRETO LEGISLATIVO 7 settembre 2005, n. 209) redazione a cura della Sezione Consulenza Legale aggiornato ad aprile 2010 [1] INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right MASTER PART TIME FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI 2 0 1 4 TRENTESIMA EDIZIONE LIVORNO N A P O L I When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di formazione IPSOA fa parte del Gruppo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

I N D I C E. 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito.

I N D I C E. 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito. I. IL QUADRO NORMATIVO. 1. La legge fallimentare del 1942. I N D I C E 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito. II. LA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

IL DIRITTO FALLIMENTARE RIFORMATO

IL DIRITTO FALLIMENTARE RIFORMATO IL DIRITTO FALLIMENTARE RIFORMATO Commento sistematico a cura di GIORGIO SCHIANO DI PEPE APPENDICE DI AGGIORNAMENTO G. SCHIANO DI PEPE (a cura di), Il diritto fallimentare riformato - Appendice di aggiornamento.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo è finalizzato all identificazione dei creditori (aventi titolo anteriore alla procedura)

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive

La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive Atti del Convegno del 18 Gennaio 2014 La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive Relatore Dott. Geom. Gabriele Di Natale www.studiodinatale.it --- info@studiodinatale.it 1 1. Premessa:

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli