Reti di comunicazione industriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reti di comunicazione industriali"

Transcript

1 Reti di comunicazione industriali S. Vitturi IEIIT-CNR Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Padova Via Gradenigo 6/B Padova s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

2 Programma delle Lezioni Lezione di Lunedì 17 Febbraio Alcuni cenni sui controllori logici programmabili (PLC) Sistemi di comunicazione usati in ambienti industriali; Cenni sull architettura delle reti di comunicazione; Modello di riferimento ISO/OSI; Alcuni esempi di reti di comunicazione di campo: - DeviceNet; - Controller Area Network (CAN); - WorldFIP; Reti di comunicazione di campo specifiche per il collegamento di azionamenti elettrici: - La rete Sercos La rete di comunicazione di campo Profibus: - Descrizione; - Profibus FMS; - Profibus PA. Lezione di Lunedì 24 Febbraio La rete di comunicazione di campo Profibus DP: - Funzionamento; - Descrizione dei messaggi di Parametrizzazione, Configurazione e Diagnostica; - Tempi di risposta di reti Profibus DP; - Funzioni DP estese; - ASIC per la realizzazione di dispositivi conformi allo standard. - Profilo di Profibus DP per il collegamento di azionamenti elettrici Prove pratiche su Profibus DP - Configurazione di una rete di prova - Collegamento di un inverter alla rete di prova; - Start-up della rete di prova; - Esempi di trasferimento dati di ingresso/uscita tra master e slave; - Variazione del riferimento di velocità dell inverter tramite la rete - Acquisizione dei parametri di funzionamento dell inverter - Esempi di lettura dei messaggi diagnostici degli slave. s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

3 CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI (PLC) Dispositivi a microprocessore progettati in hardware e software per l automazione di impianto. Essi comprendono: Struttura hardware Software Sistemi di interfaccia operatore s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

4 STRUTTURA HARDWARE CPU, Processori di Comunicazione Sezione di ingresso\uscita Interfaccia con altri dispositivi s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

5 Interfaccia Seriale Memoria Unità Centrale Alimentatore Interfacce verso reti di comunicazione Schede di ingresso/uscita Interfaccia verso I/O distribuiti Guida profilata Schede di uscita digitali Schede di ingresso digitali Interfaccia I/O distribuiti Guida profilata Schede di ingresso analogiche Schede di uscita analogiche Schede speciali Interfaccia I/O distribuiti Guida profilata Figura 1: Esempio di struttura hardware di un controllore programmabile s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

6 SOFTWARE Sistema di sviluppo Supporto fisico Linguaggi di programmazione s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

7 LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Schema a contatti Schema funzionale Lista di istruzioni Linguaggi di alto livello s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

8 Linguaggio a contatti Sequential Flow Chart E 5.1 E 5.2 A 1.0 E 5.3 Schema funzionale S1 T1 T6 S2 T2 Transizione Step Rami simultanei Rami alternativi E 5.1 & E 5.2 > = 1 E 5.3 A 1.0 S3 T3 S4 S7 T7 S8 T9 S10 T4 T8 T10 S5 S9 Lista di istruzioni T5 U E 5.1 U E 5.2 ON E 5.3 = A 1.0 T6 S6 S2 Salto Figura 2: Linguaggi di programmazione di un controllore programmabile s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

9 FUNZIONAMENTO DI UN PLC Acquisizione degli ingressi Elaborazione del programma utente Comando delle uscite E UN FUNZIONAMENTO CICLICO s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

10 Descrizione di un impianto dal punto di vista CIM Altri Impianti Magazzino Scorte Rete di Impianto Controllore di cella Controllore di cella Controllore di dispositivo Controllore di dispositivo Controllore di dispositivo attuatore sensore sensore attuatore sensore attuatore sensore sensore sensore Dispositivo Dispositivo Dispositivo Cella Cella s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

11 Uso di reti di comunicazione industriali in ambito CIM Altri Impianti Magazzino Scorte Intranet Rete di comunicazione di campo Controllore di cella Bridge Rete di comunicazione di campo Bridge Controllore di cella Controllore di dispositivo Rete di comunicazione di campo Repeater Controllore di dispositivo Controllore di dispositivo Rete di comunicazione di campo attuatore attuatore sensore sensore sensore sensore Dispositivo sensore Dispositivo sensore Dispositivo sensore Cella Cella s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

12 Reti di comunicazione industriali Reti per la trasmissione di dati ai vari livelli dei sistemi di automazione industriali Nel corso degli anni molte sono state le soluzioni adottate: Internet/Intranet Wide Area Networks, WAN Local Area Networks, LAN Reti MAP Reti di comunicazione di campo, fieldbus s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

13 Reti di Comunicazione di Campo Caratteristiche fisiche simili alle LAN I protocolli adottati possono essere anche molto diversi Sostituiscono i collegamenti punto-punto tra controllore di dispositivo e sensori/attuatori Sostituiscono i collegamenti tra controllori di dispositivo e controllore di cella s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

14 Vantaggi derivanti dall uso di una rete di comunicazione di campo Possibilità di uso a livello cella e dispositivo Riduzione dei cablaggi Uso di tecniche di trasmissione digitali Possibilità di diagnosi e calibrazione remota Aggiunta di nuovi nodi molto semplice Ogni grandezza può essere resa accessibile a ogni nodo della rete senza cablaggi addizionali s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

15 Prestazioni richieste a una rete di comunicazione di campo Scambio di dati ciclico Traffico urgente aciclico Messaggistica di alto livello s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

16 Scambio di dati ciclico Avviene a livello di dispositivo Operazione di polling su sensori/attuatori collegati al controllore Deve essere una prestazione implicita s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

17 Traffico urgente aciclico Avviene a livello di dispositivo e talvolta a livello di cella Prestazione necessaria per notificare situazioni di allarme nel più breve tempo possibile Richiede la trasmissione di piccole quantità di dati Deve essere previsto un tempo limite per l esecuzione di questa funzione

18 Messaggistica di alto livello Realizza la comunicazione a livello di cella Permette il trasferimento di elevate quantità di dati con caratteristiche temporali non stringenti Operazioni tipiche sono lettura/scrittura di variabili, uploading/downloading di aree di memoria s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

19 Modello di riferimento ISO/OSI /1 ISO (International Standard Organization) ha emanato nel 1984 il modello di riferimento per Open System Interconnection (OSI) Lo standard che porta la sigla ISO 7498 fornisce una struttura che permette lo sviluppo di sistemi di comunicazione in grado di garantire l interoperabilità tra prodotti di costruttori diversi s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

20 Modello di riferimento ISO/OSI / Application layer Presentation layer Session layer Transport layer Network layer Data Link layer Physical layer s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

21 Tipico Profilo di Comunicazione di una rete di di campo User task # n User task # m User task # k User task # 1 Cyclic Data Exchange and Asynchronous Traffic (These functions do not use layer 7 protocols) Layer 7: Application Messaging Service Layers 3 to 6 usua lly e mp ty Layers 3 to 6 usually empty Layer 2: Data Link Layer 1: Physical s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

22 Situazione normativa Standard Europeo EN50170 Standard Europeo EN50254 Standard Europeo EN50295 Standard Europeo EN50325 Standard Internazionale IEC Standard Internazionale IEC Standard Internazionale IEC s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

23 Principali standard e prodotti di mercato IEC CENELEC MARKET IS Type 1 EN50170 part 4 Foundation Fieldbus H1 IS Type 2 EN50170 part 5 ControlNet IS Type 3 EN50170 part 2 Profibus IS Type 4 EN50170 part 1 P-Net IS Type Foundation Fieldbus HSE IS Type SwiftNet IS Type 7 EN50170 part 3 WorldFIP IS Type 8 EN50254 part 2 Interbus IS Type 3 EN50254 part 3 Profibus DP IS Type 7 EN50254 part 4 WorldFIP profile 1 IS EN50295 part 2 Actuator Sensor - interface IS EN50325 part 2 DeviceNet IS EN50295 part 3 Smart Distributed System ADIS Seriplex s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

24 Standard Internazionale IEC61784 Communication Profile Families CPF-1 (Fielbus Foundation) CPF-2 (ControlNet) CPF-3 (PROFIBUS) CPF-4 (P-NET) CPF-5 (WorldFIP) CPF-6 (INTERBUS) CPF-7 (SwiftNet) Communication Profiles CPF-1/1 - H1 CPF-1/2 - HSE CPF-2/1 - ControlNet CPF-2/2 - EtherNet/IP CPF-3/1 PROFIBUS (asincrono) CPF-3/2 PROFIBUS (sincrono) CPF-3/3 - PROFINet ( New ) CPF-4/1 - P-NET RS485 CPF-4/2 - P-NET RS232 CPF-5/1 - WorldFIP CPF-5/2 - WorldFIP CPF-5/3 - WorldFIP CPF-6/1 - INTERBUS CPF-6/2 - INTERBUS TCP/IP ( New ) CPF-6/3 - ritaglio di CPF-6/1 ( New ) CPF-7/1 - SwiftNet Transport CPF-7/2 - SwiftNet Full Stack s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

25 DeviceNet Physical layer e data link layer sono basati sullo standard Controller Area Network, CAN (ISO 11898) DeviceNet è un protocollo del livello applicazione di CAN Utilizzato in numerosi settori: Alimentare Impianti di distribuzione dell energia elettrica Impianti chimici s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

26 DeviceNet: Profilo di comunicazione User App licatio ns ISO/OSI Model A p p licatio n DeviceNet Protocol Specification Layers 3 to 6 empty Data Link Physical Logica l Link C o ntro l LLC Medium Access Control MAC Physical Layer Signalling Co n tro lle r Area Network (CA N ) Protocol Specification DeviceNet s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

27 Campo di applicazione di DeviceNet Altri Impianti Magazzino Scorte Rete di Impianto Rete di campo Controllore di cella Bridge Rete di campo Bridge Controllore di cella Controllore di dispositivo Rete di campo Controllore di dispositivo Rete di campo Controllore di dispositivo Rete di campo attuatore sensore sensore attuatore sensore sensore sensore sensore sensore Dispositivo Cella Dispositivo Dispositivo Cella s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

28 Caratteristiche di CAN Semplice ed economico Ampia disponibilità di componenti e strumenti di sviluppo Molto diffuso: decine di milioni di nodi CAN attualmente installati s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

29 CAN: Livello fisico Topologia a bus condiviso Usa un semplice doppino intrecciato Estensione fino a 1 Km (a 50 Kbps) Velocità di trasmissione fino a 1 Mbit/s (massima estensione in questo caso 50 m) Interfaccia simile ai circuiti a collettore aperto: livello sul bus dominante o recessivo s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

30 Medium Access Control Rete multimaster ad accesso casuale (CSMA) simile a Ethernet Le stazioni sulla rete NON hanno indirizzo fisico Sulla rete vengono scambiati frame secondo il principio produttore/consumatore I frame sono individuati univocamente da un identificatore s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

31 Collisioni Due o più frame trasmessi contemporaneamente causano una collisione Essa viene risolta in base alla priorità dei frame Fase di arbitraggio non distruttiva per risolvere le contese sul bus Comportamento deterministico e prevedibile s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

32 Fase di arbitraggio BUS A B C A B C A perde BUS B perde C trasmette s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

33 Data Frame S O F IDENTIFIER R T R CONTROL CONTROL DATA DATA CRC CRC ACK ACK EOF EOF umero di bit Il campo Identifier nella versione estesa di CAN è costituito da 29 bit s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

34 DeviceNet: Physical layer Ammette tre delle possibili velocità di trasmissione di CAN: 125, 250 e 500 kbit/s Distanze coperte: 500, 250 e 100 metri rispettivamente Massimo numero di stazioni presenti sulla rete: 64 s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

35 DeviceNet: Application layer Basato sul concetto di oggetti di comunicazione Ogni stazione connessa alla rete è vista come un insieme di oggetti DeviceNet introduce le seguenti definizioni: Class: insieme di oggetti dello stesso tipo Instance: effettiva occorrenza di un oggetto Attribute: caratteristiche dell oggetto Behaviour: comportamento dell oggetto Service: funzioni (di comunicazione) dell oggetto s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

36 Connessioni DeviceNet stabilisce che qualsiasi comunicazione avvenga tramite connessioni stabilite in precedenza Una connessione è un canale di comunicazione virtuale tra due o più nodi DeviceNet definisce due tipi di connessioni: I/O connections: usate per trasferire dati in tempo reale Explicit messaging connections: usate per trasferire dati di bassa priorità in tempi non critici s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

37 Predefined Master Slave Connection Set La procedura per stabilire una connessione può essere complicata Il predefined master slave connection set permette di stabilire facilmente delle connessioni particolarmente adatte allo scambio dati in modalità master-slave In pratica il master deve inviare solamente due messaggi per stabilire la connessione s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

38 Modalità di comunicazione master slave Con il predefined master slave connection set lo scambio dati può avvenire in quattro diverse modalità: Bit strobe command/response messages Poll command/response messages Change of state/cyclic messages Explicit response/request messages s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

39 FIP: Factory Instrumentation Protocol Nasce verso la fine degli anni 80 come standard nazionale francese Nel 1992, con l adesione di Honeywell, Allen&Bradley, SquareD, viene denominato WorldFIP Tipica architettura a tre livelli Campi comuni di utilizzo: Produzione di energia Industria automobilistica Building Automation Controllo di Processo s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

40 WorldFIP: Profilo di comunicazione ISO/ OS I Model User A pplication s User Applications Application M an ufact urin g P eriodic/aperiodic Services (MPS) Subset of M anufacturing Message Specification (SubM M S) Layers 3 to 6 empty Data Link P eriodic/aperiodic Services Messaging Services Physical Physical Layer WorldFIP s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

41 Campo di applicazione di WorldFIP Altri Impianti Magazzino Scorte Rete di Impianto Rete di campo Controllore di cella Bridge Rete di campo Bridge Controllore di cella Controllore di dispositivo Rete di campo Controllore di dispositivo Rete di campo Controllore di dispositivo Rete di campo attuatore sensore sensore attuatore sensore sensore sensore sensore sensore Dispositivo Cella Dispositivo Dispositivo Cella s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

42 WorldFIP: Physical Layer Doppino schermato o fibra ottica Velocità di trasmissione: kbit/s, 1 Mbit/s, 2.5 Mbit/s, 5 Mbit/s Topologia a segmenti Massima lunghezza segmento: 1900 m Massimo numero segmenti: 5 Massima lunghezza totale: 9500 m Numero massimo di stazioni: 128 s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

43 WorldFIP: Data link layer/1 Fornisce i seguenti servizi: Scambio di variabili identificate Trasferimento di messaggi Tali servizi possono essere: Ciclici (solo scambio di variabili) Aciclici s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

44 WorldFIP: Data link layer /2 Definisce un insieme di variabili identificate che possono essere prodotte o consumate Per ogni variabile definita esistono: un nodo produttore uno o più nodi consumatori Mette a disposizione i servizi per il trasferimento dei messaggi s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

45 Arbitro del bus Richiede la trasmissione delle variabili con periodicità stabilite in fase di configurazione In ogni istante sul bus deve essere presente uno e uno solo arbitro Necessità di ridondanza s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

46 WorldFIP: Esempio di funzionamento Scanning Table Va ria ble Pe rio dicity (ms) Ty pe Time (us) A 10 IN T_ B 20 UN S_ C 30 IN T_8 170 Elementary cycle 10 ms Time A B C A A B A C A B A A B C A A B A C A B A M acrocycle Time available for aperiodic traffic s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

47 Traffico aciclico Variabili Un nodo produttore può richiedere la trasmissione di variabili Messaggi Un nodo produttore può richiedere il diritto di trasmettere messaggi ad altri nodi s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

48 Scambio di Variabili Durante la fase ciclica il produttore di una variabile comunica all arbitro del bus di avere delle richieste di scambio aciclico di variabili Nel tempo a disposizione per scambio aciclico l arbitro chiede alla stazione la lista delle variabili da produrre aciclicamente Nel tempo a disposizione per scambio aciclico l arbitro esegue le richieste di produzione delle variabili specificate in precedenza s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

49 Scambio di Messaggi Durante la fase ciclica il produttore di una variabile comunica all arbitro del bus di avere delle richieste di scambio di messaggi Nel tempo a disposizione per scambio aciclico l arbitro fornisce alla stazione che ne ha fatto richiesta il diritto di inviare messaggi La stazione che ne ha fatto richiesta invia i messaggi alle destinazioni La stazione restituisce all arbitro il diritto di trasmettere s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

50 WorldFIP: Application Layer Costituito da due componenti MPS (Manufacturing periodical\aperiodical services) SubMMS MPS fornisce servizi del tipo: Gestione dell integrità e della consistenza delle variabili consumate lettura\scrittura di variabili locali o remote s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

51 SubMMS Fornisce un subset dei servizi previsti dallo standard ISO MMS, fra i quali: Gestione degli allarmi Monitoraggio delle variabili Gestione dei messaggi Upload\Download di programmi s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

52 SERCOS SErial Real-time Communication System Standard IEC 61491

53 SERCOS Sistema di comunicazione digitale progettato per il collegamento tra controllore e drives Utilizzato esclusivamente per azionamenti elettrici La norma standardizza molti dei parametri che possono essere scambiati e permette l introduzione di altri definibili dall utente s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

54 Configurazione tipica di SERCOS Controllore (Master) Slave #1 Drive Slave #1 Drive Slave #1 Drive s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

55 Livello Fisico La configurazione tipica di SERCOS consiste in una topologia ad anello in fibra ottica Una stazione ha funzioni master, le altre sono slave Il numero di slave dipende dalla velocità di trasmissione, dalla quantità di dati trasmessi e dal tempo di ciclo richiesto Distanza massima tra stazioni: 60 m con fibra di plastica; 250 m con fibra di vetro Velocità di trasmissione: fino a 4 Mbit/s Tempi di ciclo selezionabili tra: ms; ms; 0.25 ms e multipli di 0.25 ms s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

56 Funzionamento Due fasi: Inizializzazione Scambio dati ciclico Inizializzazione: Configurazione del sistema Assegnazione dei time-slot agli slave Scambio dati ciclico: Master Sync Telegram (MST) Drive Telegram (AT) Master Data Telegram (MDT) s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

57 Master Sync Telegram Inviato dal master contemporaneamente a tutti gli slave all inizio di ogni ciclo Costituisce il trigger di inizio ciclo Comprende un solo byte che riporta lo stato della rete s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

58 Drive Telegram Inviato da ogni slave al master L istante in cui il messaggio viene spedito è specificato in base al time-slot ricevuto nella fase di inizializzazione Contiene 4 byte di stato e un numero variabile di byte di dati s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

59 Master Data Telegram Inviato dal master a tutti gli slave dopo la ricezione dei Drive Telegram L istante in cui il messaggio vine spedito è specificato nella fase di inizializzazione E costituito da 4 byte di stato e, per ogni slave, da un data record contenente i dati da inviare Inizio e lunghezza del data record sono specificati in ogni slave durante la fase di inizializzazione s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

60 Esempi di Dati Ciclici Scambiati Dal master agli slave: Riferimento di coppia Riferimento di velocità Riferimento di posizione Dagli slave al master: Valore di feedback di coppia Valore di feedback di velocità Valore di feedback di posizione s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

61 Dati Aciclici SERCOS permette anche lo scambio di dati aciclici Per svolgere tale funzione sono a disposizione 2 dei 4 byte di stato nei messaggi MDT e AT Il trasferimento può aver luogo sempre e soltanto su iniziativa del master Possono essere trasferiti solo dati predefiniti s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

62 PROFIBUS: un po di storia Nasce nel 1991 come standard nazionale tedesco: norma DIN parti 1 e 2 Nel 1994 viene aggiunta allo standard la parte 3: Profibus DP Nel 1995 viene pubblicata la parte 4 della norma DIN 19245: Profibus PA Nel 1996 le parti 1, 2 e 3 diventano standard europeo EN50170, successivamente anche PA entra in EN50170, mentre DP viene inglobato in EN Nel 1999 entra a far parte dello standard internazionale IEC61158 s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

63 PROFIBUS: Normativa Nasce nel 1991 come standard nazionale tedesco: norma DIN parti 1 e 2 Nel 1994 viene aggiunta allo standard la parte 3: Profibus DP Nel 1995 viene pubblicata la parte 4 della norma DIN 19245: Profibus PA Nel 1996 le parti 1, 2 e 3 diventano standard europeo EN50170

64 Profibus e modello ISO/OSI application layer application layer: FMS presentation layer session layer transport layer livelli 3-6 vuoti network layer data link layer physical layer Modello ISO/OSI data link layer: FDL physical layer: RS 485 Profibus

65 Physical Layer Caratteristiche elettriche dei segnali conformi allo standard EIA RS 485 Topologia a bus a più segmenti collegati da repeater: sono collegabili massimo 32 stazioni per segmento e 127 stazioni in totale Mezzo trasmissivo: doppino (eventualmente) schermato fibra ottica disponibile in alternativa

66 Physical Layer Velocità di trasmissione da 9,6 a 1500 kbit/s Lunghezza massima di un segmento: 1200 m a 93,75 kbit/s 200 m a 1500 kbit/s Tra due nodi possono essere presenti al massimo 3 repeater e quindi la distanza massima è 4800 m

67 PROFIBUS - Transmission Line Length RS 485 Baudrate in kbit/s Line Length in m (Cable Type A)

68 Data Link Layer: FDL Specifica le modalità di accesso al bus Garantisce l integrità dei dati trasmessi Realizza un accesso di tipo ibrido combinando tecniche di accesso di tipo Token passing Master-slave

69 Features of the PROFIBUS Data Link Layer (FDL) Master or Slave stations may be added or removed at any point of time. The FDL will automatically reconfigure the logical token ring. The Token Passing procedure ensures that each Master will have enough time to fulfill its communication tasks. Therefore, the user has to calculate the overall Target Token Rotation Time (TTR). The Bus Access Protocol is able to detect defective stations, lost Token, double Token, transmission errors and all other possible network failures.

70 Principle of the Token Passing Procedure In Multi Master Networks the Token Passing procedure must ensure that each master has enough time to fulfill it s communication tasks. The user therefore configures the overall Target Token Rotation Time (TTR) taking into account the communication tasks of all masters. Each Master calculates the available amount of time for its communication tasks at token receipt according to the following rule: TTH = TTR - TRR TTH = Token Hold Time TTR = Target Token Rotation Time TRR = Real Token Rotation Time

71 Servizi FDL Send data with acknowledge, SDA Send and request data with reply, SRD Send data with no acknowledge, SDN Cyclic send and request data with reply, CSRD

72 FDL Stazione X (SAP n) FDL Stazione Y (SAP m) FDL_DATA_ACK.request FDL_DATA_ACK.indication FDL_DATA_ACK.confirm Servizio SDA

73 Service Access Point (SAP) Usati assieme all indirizzo fisico di rete per identificare univocamente le entità che richiedono/ricevono servizi Presenti in tutti i livelli del modello di riferimento OSI

74 FDL Stazione X (SAP n) FDL Stazione Y (SAP m) FDL_DATA_UPDATE.request FDL_DATA_REPLY.request FDL_DATA_UPDATE.confirm FDL_DATA_REPLY.indication FDL_DATA_REPLY.confirm Servizio SRD

75 Structure of important PROFIBUS Telegrams Legenda: Token Message SD4 DA SA FDL Status Request Telegram SD1 DA SA FC FCS ED Data Telegram DA = Destination Address DU = Data Unit DSAP = Destination Service Access Point ED = End Delimiter FC = Function Code FCS = Frame Check Sequence LE = Length LEr = Repeated Length SA = Source Address SD2 = Start Delimiter 2 SD4 = Start Delimiter 4 SSAP = Source Service Access Point SD2 LE LEr SD DA SA FC DSAP SSAP DU FCS ED

76 FDL State Diagram PON Claim Tok 3 Off 0 Li To 1 A Idle 2 Use Token 4 P Idle 10 Ch To 8 Await 5 Check 6 Aw St 9 Pass Token 7 0: Offline 1: Listen Token 2: Active Idle 3: Claim Token 4: Use Token 5: Await Data Response 6: Check Access Time 7: Pass Token 8: Check Token Pass 9: Await Status Response 10: Passive Idle

77 CSRD E il servizio di Profibus che permette lo scambio di dati ciclico Una stazione master in possesso del token può comunicare al proprio controllore FDL la polling list Successivamente, ogni volta che la stazione riceve il token, automaticamente il controllore FDL invia dati ai nodi della polling list e riceve i dati da questi

78 Application Layer: FMS Deriva dallo standard internazionale MMS (ISO ) FMS si basa sulla definizione di oggetti di comunicazione che possono essere scambiati tra nodi della rete Gli oggetti di comunicazione sono contenuti nel Virtual Fieldbus Device (VFD) e descritti nel Dizionario degli Oggetti La comunicazione è di tipo client-server

79 PROFIBUS - FMS Protocol Architecture Application Process Application Layer Interface (ALI) EN Vol 2 Part 2 Application-Layer (7) Fieldbus Message Specification (FMS) Lower Layer Interface (LLI) Layer 3 to 6 are not explicit EN Vol 2 Part 1 Data-Link-Layer (2) Fieldbus Data Link (FDL) Physical-Layer (1) PROFIBUS Transmission Medium

80 Esempi di oggetti di comunicazione Variabili Eventi Dizionario degli oggetti Domain Program Invocation

81 Servizi FMS I servizi FMS sono orientati alla gestione degli oggetti; pertanto a ogni tipo di oggetto corrisponde un gruppo di servizi. Tra i più importanti vi sono: Servizi di gestione del dizionario degli oggetti Servizi di accesso alle variabili Servizi di gestione degli eventi Servizi di gestione domain e program invocation

82 Gestione Dizionario degli Oggetti Mantiene la descrizione degli oggetti presenti nel VFD Gli oggetti sono identificati da un indice numerico e opzionalmente da una stringa I servizi messi a disposizione da FMS permettono di: Leggere le caratteristiche di un oggetto Inserire un nuovo oggetto nel dizionario

83 Accesso alle variabili FMS definisce 5 tipi di variabili: Variabili semplici Array Record Liste di variabili Accesso fisico I servizi a disposizione sono tipicamente Read e Write

84 Gestione degli Eventi Sono oggetti usati per inviare messaggi importanti quali allarmi Il servizio usato in questo caso è denominato Notifica

85 Gestione Domain e Program Invocation Un oggetto di tipo domain descrive un area di memoria contenente dati o programmi Un oggetto di tipo program invocation è un insieme di domain che costituiscono un programma eseguibile I servizi relativi ai domain sono: Downloading Uploading

86 Servizi relativi alle Program Invocation Creazione Cancellazione Avvio Arresto Ripartenza Reset

87 Profibus DP Progettato per scambio dati ciclico ad alta velocità tra master e slave Velocità di trasmissione massima 12 Mbit/s Physical layer e Data link layer sono gli stessi di Profibus s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

88 Profibus PA Progettato per collegare controllori a strumentazione di processo anche in ambienti a sicurezza intrinseca Physical layer conforme a IEC Data link layer: FDL Sfrutta le funzioni estese di Profibus DP s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

89 Profibus PA e modello ISO/OSI Profili Profibus PA Profibus DP esteso livelli da 3 a 7 VUOTI data link layer: FDL physical layer: IEC Anche in questo caso sono assenti funzioni di livello 7 Profibus PA si basa sul concetto di Profilo che consente di caratterizzare completamente i tipi di dispositivo collegabili Profibus PA s. vitturi corso azionamenti elettrici uniud 17 e 24 Febbraio

PROFIBUS: bus standard per industria e building automation

PROFIBUS: bus standard per industria e building automation PROFIBUS: bus standard per industria e building automation Luca ing. Marani Softing Industrial Solutions Italia Via Sesini 20 37138 Verona Sommario Il bus di campo Profibus, si adatta perfettamente ad

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Reti industriali. Parte II ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Reti industriali. Parte II ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 Reti industriali Parte II ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 1 Scenario Industriale ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 2 Bus di campo (FieldBus) Utilizzati per la comunicazione a livello di cella e al livello

Dettagli

Controllo distribuito

Controllo distribuito I sistemi complessi di automazione industriale e di controllo di processo richiedono una notevole integrazione tra i vari sottosistemi che li compongono, tanto che li si può definire sistemi di controllo

Dettagli

I I Field Bus sono sistemi di di comunicazione industriale per lo lo

I I Field Bus sono sistemi di di comunicazione industriale per lo lo I I Field Bus sono sistemi di di comunicazione industriale per lo lo scambio di di informazioni tra tra sistemi di di automazione e dispositivi di di campo distribuiti. Con questa nuova tecnologia è possibile

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

Fieldbus. Introduzione terminologia. Industrial network systems. A short introduction to fieldbus for industrial applications. Systems interconnection

Fieldbus. Introduzione terminologia. Industrial network systems. A short introduction to fieldbus for industrial applications. Systems interconnection Fieldbus Industrial network systems A short introduction to fieldbus for industrial applications Introduzione terminologia Systems interconnection Es. The OSI model (not mandatory) LAYER FUNCTION EXAMPLES

Dettagli

La Comunicazione Digitale

La Comunicazione Digitale La Facoltà di Ingegneria, Università degli Studi di Bologna DIEM - Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni Meccaniche, Nucleari, Aeronautiche e di Metallurgia Slide 1 Qualche domanda a cui dare risposta

Dettagli

Profibus. Decentralized Perifery (DP) Fast data exchange. Process Automation (PA) Intrinsicaly safe environment. Fieldbus Messaging System (FMS)

Profibus. Decentralized Perifery (DP) Fast data exchange. Process Automation (PA) Intrinsicaly safe environment. Fieldbus Messaging System (FMS) Profibus Decentralized Perifery (DP) Fast data exchange Process Automation (PA) Intrinsicaly safe environment Fieldbus Messaging System (FMS) Peer to peer communications Stefano Panzieri Profibus - 1 Tecnologia

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

Introduzione alla tecnologia. LonWorks

Introduzione alla tecnologia. LonWorks Introduzione alla tecnologia LonWorks La tecnologia LonWorks viene sviluppata da Echelon a partire dal 1990 Echelon é quotata in borsa dal 1998 (asdaq:elo) > 4000 OEM nel mondo > 30 mio di nodi installati

Dettagli

8. Smart sensors e bus a livello di campo

8. Smart sensors e bus a livello di campo A. Flammini 8. Smart sensors e bus a livello di campo 8.1 Sensori tradizionali e sensori smart L informazione rilevata dal sensore non è fine a se stessa, ma deve essere trasmessa a uno o più utilizzatori,

Dettagli

Dispense del modulo "Reti di fabbrica e impianti aziendali" (appunti e trasparenze proiettate)

Dispense del modulo Reti di fabbrica e impianti aziendali (appunti e trasparenze proiettate) Programma operativo Regione Lombardia/Ministero del Lavoro/Fondo Sociale Europeo, Obiettivo 3 Misura C.3 Progetto ID 88966 Moduli e contenuti professionalizzanti inseriti nei corsi di laurea e diplomi

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC);

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC); Standard Lan Introduzione Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in:. strato MAC (Medium Access Control);. strato LLC (Logical Link Control). Le funzioni del livello 2 sono:. delimitazione

Dettagli

Reti di campo, Controller Area Network (CAN), CANopen

Reti di campo, Controller Area Network (CAN), CANopen Reti di campo, Controller Area Network (CAN), CANopen Davide Quaglia Reti di campo CAN CANopen Sommario 2 1 RETI DI CAMPO 3 rk Sistemi di automazione Dal punto di vista della disciplina dei controlli automatici

Dettagli

La migliore soluzione Ethernet per l automazione!

La migliore soluzione Ethernet per l automazione! PROFINET La migliore soluzione Ethernet per l automazione! Unrestricted Siemens AG 2014 All rights reserved. Siemens.it/packteam PROFINET è la soluzione ideale per ogni applicazione PROFINET NON TEME CONFRONTI!

Dettagli

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB Protocollo USB Elementi di un sistema USB HOST: dispositivo master (PC), l unico autorizzato ad avviare una comunicazione sul bus HUB: come nelle reti di computer, l hub fornisce un punto di connessione

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Architetture di rete e performance con PROFINET

Architetture di rete e performance con PROFINET Architetture di rete e performance con PROFINET Paolo Ferrari Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Brescia, Via Branze 38-25123 Brescia (Italy) Tel: +39-030-3715445 fax: +39-030-380014

Dettagli

3. I Sistemi Distribuiti

3. I Sistemi Distribuiti Sistemi Logico Programmabili Cap. 3 3. I Sistemi Distribuiti 3.1 Dai sistemi centralizzati a quelli distribuiti L uso dei calcolatori è nel bel mezzo di una rivoluzione. Dal 1945, quando cominciò l era

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Sistemi di Supervisione e Controllo

Sistemi di Supervisione e Controllo Sistemi di Supervisione e Controllo Argomento Docente - Sistemi di Controllo Distribuito (DCS) - Prof. Elio USAI eusai@diee.unica.it Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Torna al programma Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Tecnologie e sistemi di comunicazione per il controllo di generatori distribuiti e reti L. Capetta Definizione

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Advantys Device Type Manager STB su EtherNet/IP Manuale utente

Advantys Device Type Manager STB su EtherNet/IP Manuale utente Advantys Device Type Manager EIO0000000778 09/2013 Advantys Device Type Manager STB su EtherNet/IP Manuale utente 09/2013 EIO0000000778.02 www.schneider-electric.com Questa documentazione contiene la descrizione

Dettagli

PROFINET La rete di comunicazione di prossima generazione

PROFINET La rete di comunicazione di prossima generazione PROFINET La rete di comunicazione di prossima generazione» G e s t i o n e d e l l a r i d o n d a n za» S t a n d a r d a p e r t o» C o n f i g u ra z i o n e s e m p l i f i c a t a PROFINET Standard

Dettagli

Get connected! Connecting Devices

Get connected! Connecting Devices Get connected! Connecting Devices Tecnologia Anybus di HMS Industrial Networks La gamma di prodotti Anybus di HMS Industrial Networks, che include gateway, interfacce embedded ultra-compatte e sistemi

Dettagli

LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP

LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7 Prof.Ing.Salvatore Cavalieri Università di Catania, Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e Informatica

Dettagli

Verifica sperimentale di PROFINET IO in grandi impianti manifatturieri

Verifica sperimentale di PROFINET IO in grandi impianti manifatturieri Verifica sperimentale di IO in grandi impianti manifatturieri Paolo Ferrari Università di Brescia, Via Branze 38-25123 Brescia (Italy) Tel: +39-030-3715445 fax: +39-030-380014 CSMT Gestione Scarl, Centro

Dettagli

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Davide Quaglia Local Area Network (LAN) Apparecchiature indipendenti Canale ad alta capacita ma condiviso da piu stazioni Basso tasso di errore nel caso di

Dettagli

Controlli automatici per la meccatronica

Controlli automatici per la meccatronica Controlli automatici per la meccatronica Informatica per il controllo Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Premessa In queste slide si fornirà un quadro, necessariamente sommario, del ruolo dei sistemi

Dettagli

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo ITIS G. Fauser Classe 4^ BI Materia: Sistemi Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo Numero ore di lezione settimanali: 4 Testi adottati: - Materiale didattico

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Livello DataLink. Error detection and error correction. Management and control of the accessto the media

Livello DataLink. Error detection and error correction. Management and control of the accessto the media Livello DataLink Livello DataLink According to the OSI model, the DataLink layer is placede directly abovethe physicallayerand itsgoal isassuringefficiencyand reliability in the communication process between

Dettagli

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet Sistemi LAN Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Principali Standard per LAN

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

CompactCom. Moduli di comunicazione compatti progettati per la connessione dei dispositivi di automazione alle reti industriali. Connecting Devices

CompactCom. Moduli di comunicazione compatti progettati per la connessione dei dispositivi di automazione alle reti industriali. Connecting Devices CompactCom Moduli di comunicazione compatti progettati per la connessione dei dispositivi di automazione alle reti industriali Profibus DeviceNet CANopen CC-Link CompoNet ControlNet Modbus-RTU Profinet

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

PROGETTO E REALIZZAZIONE DI UN INTERFACCIA SLAVE WIRELESS PER PROFIBUS-DP

PROGETTO E REALIZZAZIONE DI UN INTERFACCIA SLAVE WIRELESS PER PROFIBUS-DP UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA PER L AUTOMAZIONE PROGETTO E REALIZZAZIONE DI UN INTERFACCIA SLAVE WIRELESS

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

CAN Controller Area Network

CAN Controller Area Network CAN Controller Area Network 1 di 15 Università degli studi Roma Tre Dipartimento di Informatica e Automazione Corso di Controllo Digitale Prof. Lorenzo Sciavicco Prof. Stefano Panzieri CAN Controller Area

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Configurazione Una volta lanciato il Configuratore, per creare un nuovo progetto accedere al menu File -> Nuovo

Dettagli

PROFINET in impianto: esperienze vissute, opportunità immediate e visione futura

PROFINET in impianto: esperienze vissute, opportunità immediate e visione futura : esperienze vissute, opportunità immediate e visione futura Paolo Ferrari Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Brescia Via Branze 38-25123 Brescia (Italy) CSMT Gestione Scarl Centro

Dettagli

La sicurezza sui fieldbus: anche la comunicazione è sicura. Micaela Caserza Magro Università di Genova Micaela.caserza@unige.it

La sicurezza sui fieldbus: anche la comunicazione è sicura. Micaela Caserza Magro Università di Genova Micaela.caserza@unige.it La sicurezza sui fieldbus: anche la comunicazione è sicura Micaela Caserza Magro Università di Genova Micaela.caserza@unige.it Che cosa è la sicurezza funzionale La Sicurezza Funzionale è: Porzione della

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

Posizionatore elettropneumatico intelligente SP500 Guida alle funzionalità HART

Posizionatore elettropneumatico intelligente SP500 Guida alle funzionalità HART 3.568.5275.310 IM-P343-40 CH Ed. 1 IT - 2012 Posizionatore elettropneumatico intelligente SP500 Guida alle funzionalità HART 1. Indice 2. Introduzione 3. Scheda opzionale HART 4. HART network 5. Point-to-point

Dettagli

Le tendenze future nella tecnologia PC Bus

Le tendenze future nella tecnologia PC Bus Le tendenze future nella tecnologia PC Bus Agenda Bus Il software NI Demo Domande I Bus Test and Measurement Message based GPIB Ethernet USB Register-based VXI PCI PXI PCI Express Cos è la GPIB? General

Dettagli

Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni

Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni Nome e Cognome Laurea Diploma in Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni 31/7/2003 1. La realizzazione asincrona di un servizio sincrono (segnare tutto ciò che è corretto) fa sì che l'allocazione

Dettagli

PROFINET (2000 -CBA-, 2004 -I/O-)

PROFINET (2000 -CBA-, 2004 -I/O-) PROFINET (2000 -CBA-, 2004 -I/O-) www.profibus.com 1 PROFINET: L APPROCCIO 2 PROFINET I/O e CBA 3 PROFINET CBA 4 PROFINET I/O e CBA 5 Ethernet: il il frame 6 Ethernet: address Ethernet: Indirizzo Ethernet

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli automatici Tecnologie informatiche per il controllo Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Introduzione In queste

Dettagli

Tecnologia aperta CC-Link Reti per l automazione

Tecnologia aperta CC-Link Reti per l automazione PARTNER ASSOCIATION Tecnologia aperta CC-Link Reti per l automazione Produttività massimizzata grazie a gigabit Ethernet Accettata e supportata in tutto il mondo La prima scelta per il mercato asiatico

Dettagli

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3.

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3. 69.6 Punti dati decentralizzati thernet Profibus RS-485 PCD3.T 665 PCD3.T 76 Regolatori di 2 Controllo e camera dedicati monitoraggio e Rilevamento dei dati di consumo 3 5 Componenti Stazioni di automazione.6.

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Componenti per l automazione industriale

Componenti per l automazione industriale Componenti per l automazione industriale Gest. Aziend. Pian. Prod. EDP PIMS Supervisione Controllo di base SCADA PLC / PID DCS Misura e comando Sensori e attuatori Architettura a singolo anello Realizzata

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x

Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Pietro Nicoletti Studio Reti http://www.studioreti.it Basato sul capitolo 8 di: M. Baldi,

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Global network of innovation Simatic S7-200 comunicazioni

Global network of innovation Simatic S7-200 comunicazioni Global network of innovation Simatic S7-200 comunicazioni SIMATIC S7-200 5 cpu Max 24 kb prog 248 I/O 6 HSC Text Display programmabili con Microwin Wizard (programmazione semplificata) 8 PID Moduli di

Dettagli

Topologie di connessione (rete) (punto a punto, bus lineare, a stella, daisy-chain)

Topologie di connessione (rete) (punto a punto, bus lineare, a stella, daisy-chain) Topologie di connessione (rete) (punto a punto, bus lineare, a stella, daisy-chain) I dispositivi di campo (trasduttori, attuatori, valvole, ) possono essere collegati tra loro e con uno o più sistemi

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

CONTROLLO DIGITALE SISTEMI DI CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS)

CONTROLLO DIGITALE SISTEMI DI CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS) CONTROLLO DIGITALE SISTEMI DI CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS) La tecnologia del controllo digitale è stata applicata al controllo dei processi sin dal 1959 (DDC: Direct Digital Control), ma la dipendenza totale

Dettagli

L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus

L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus Micaela Caserza Magro Genoa Fieldbus Competence Centre srl Via Greto di Cornigliano 6r/38 16152 Genova

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

BUS DI CAMPO. Utilizzati per la comunicazione a livello di cella e al livello di sensori/attuatori

BUS DI CAMPO. Utilizzati per la comunicazione a livello di cella e al livello di sensori/attuatori BU DI CAMPO Utilizzati per la comunicazione a livello di cella e al livello di sensori/attuatori Dai protocolli proprietari su R485 ( 80) alla definizione di standard di uso generale ( 90) Principali requisiti:

Dettagli

Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, Modbus TCP a Modbus RTU serie deltadue

Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, Modbus TCP a Modbus RTU serie deltadue BT. 02.30 DXDY/I Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, TCP a serie deltadue Integra le linee di strumentazione ASCON nel tuo sistema DX 5000 Convertitore di linea RS232/ Ripetitore / Adattatore di

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Industrial Automation. Siemens HMI. Standardizzazione dell'interfaccia utente per massimizzare l'efficienza. SIEMENS S.p.A. IA - AS - Gruppo HMI

Industrial Automation. Siemens HMI. Standardizzazione dell'interfaccia utente per massimizzare l'efficienza. SIEMENS S.p.A. IA - AS - Gruppo HMI Siemens HMI Standardizzazione dell'interfaccia utente per massimizzare l'efficienza Hardware L introduzione di nuove tecnologie sia hardware che software e la diminuzione dei costi dei componenti ha modificato

Dettagli

EDSETHIND.K>0. L force Communication. Ä.K>0ä. Manuale di comunicazione. Ethernet. Ethernet nelle applicazioni industriali

EDSETHIND.K>0. L force Communication. Ä.K>0ä. Manuale di comunicazione. Ethernet. Ethernet nelle applicazioni industriali EDSETHIND.K>0 L force Communication Ä.K>0ä Manuale di comunicazione Ethernet Ethernet nelle applicazioni industriali i Sommario 1 Introduzione..............................................................

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 18 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 18 maggio Reti di calcolatori Lezione del 18 maggio Riepilogo concetti Il software di rete La gestione della rete non può essere lasciata alle applicazioni-utente Necessità di un software specifico dedicato a gestire

Dettagli

L unico protocollo libero che combina prestazione e flessibilità:

L unico protocollo libero che combina prestazione e flessibilità: RELATORE: Ing. Epis Diego BOSCH REXROTH AG L unico protocollo libero che combina prestazione e flessibilità: integra su un unico cavo il motion realtime con protocollo safety, Ethernet IP e standard TCP/IP

Dettagli

PlantPAx : interfaccia per dispositivi di campo e asset management

PlantPAx : interfaccia per dispositivi di campo e asset management PlantPAx : interfaccia per dispositivi di campo e asset management Simone Cerizza Commercial Engineer Process Italian Region Agenda Cenni generali fieldbus digitale Tecnologia FDT/DTM Piattaforma di integrazione

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Interconnessione di LAN Problema di Interconnesisone di LAN o Limitazioni: n Propagazione n Disturbi n Protocollo di Accesso Multiplo o Occorrono

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)?

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)? INTRODUZIONE Una rete LAN (Local Area Network) è costituita da numerosi computer e periferiche connessi tramite un sistema di cablaggio entro un area limitata, quale il reparto di un azienda o l interno

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Corso di Sistemi Automatici di Misura

Corso di Sistemi Automatici di Misura Corso di Sistemi Automatici di Misura GENERALITA SUL VXI BUS Oggi che i sistemi di misura automatici costituiscono una realtà consolidata, l interesse va spostandosi sempre più verso la qualità dell automazione

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Semplifica la tua automazione con Control Technology Inc.

Semplifica la tua automazione con Control Technology Inc. Semplifica la tua automazione con Control Technology Inc. mantenendo il controllo dei costi CTI Serie 2500 Dei PLC robusti e potenti per il controllo di processo e l automazione Una supervision/scada intelligente

Dettagli

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 2 Installazione 1 3 Dettagli sulla comunicazione 1 5 Descrizione del modulo interfaccia AS-i OM8 2 5 Protocollo interfaccia AS-i 3 6 Interfaccia

Dettagli

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Gli Standards I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Dipartimento ICT Istituto e Liceo tecnico statale di Chiavari 2004 prof. Roberto Bisceglia ISO: International Standards Organization. ANSI: American

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! L interfaccia tra i sistemi di controllo ed i sistemi elettrici: nuove architetture basate su reti e/o bus di comunicazione Andrea Bazzani Michele Monaco Sergio Guardiano SISTEMI

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable Sommario Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi Dispositivi di I/O Organizzazione delle funzioni di I/O Problematiche di Progettazione I/O Buffering Disk Scheduling Categorie di Dispositivi di I/O Area

Dettagli

Advantys Configuration Software 8.0 Manuale dell utente

Advantys Configuration Software 8.0 Manuale dell utente Advantys Configuration 33003490 09/2013 Advantys Configuration Software 8.0 Manuale dell utente 09/2013 33003490.12 www.schneider-electric.com Questa documentazione contiene la descrizione generale e/o

Dettagli

the digital connection company Full Lighting Management

the digital connection company Full Lighting Management Ailux S.r.l. è una realtà tecnologica che ha come strategia aziendale la connettività. L azienda ed il suo management si riconoscono e amano identificarsi come una digital connection. L unione di un management

Dettagli

AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 31

AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 31 AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 31 Z-RTU Unità remota di telecontrollo serie Z-PC UNITÀ DI CONTROLLO MODULI I/O DIGITALI MODULI I/O ANALOGICI MODULI SPECIALI MODULI DI COMUNICAZIONE SOFTWARE E ACCESSORI I/O

Dettagli