LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Curriculum Progettazione Meccanica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Curriculum Progettazione Meccanica"

Transcript

1 LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Curriculum Progettazione Meccanica

2 I ANNO Modulo: Disegno assistito dal calcolatore SSD: ING-IND/15 CFU: 9 Ore di:lezione: 50 Esercitazione: 30 Laboratorio: Obiettivi formativi: Il corso ha lo scopo di fornire agli allievi i metodi per la creazione di modelli computazionali in grado di rappresentare la geometria di particolari meccanici e di complessivi. Vengono forniti gli elementi di base del linguaggio di comunicazione tecnica nel settore meccanico in modo tale da permettere allo studente di saper leggere e scrivere secondo le pratiche usuali del disegno tecnico, impiegando programmi CAD di ricorrente impiego. Contenuti: Richiami fondamentali di disegno tecnico Metodo di Monge per la rappresentazione di solidi tridimensionali. Metodi di rappresentazione dei prodotti industriali: schizzi quotati, disegni di particolari e disegni d insieme. Disegni per la produzione, per la gestione e per la diffusione sul mercato dei prodotti industriali. Standardizzazione e normazione. Sistemi per la progettazione assistita da calcolatore Principi alla base della progettazione assistita da calcolatore. Illustrazione delle caratteristiche dei sistemi CAD. Componenti hardware e software dei sistemi CAD e possibili configurazioni. Dispositivi di input ed output per i sistemi CAD. Metodi per la modellazione nel piano: sistemi di drafting. Metodi per la modellazione nello spazio: volumetrici, mediante il contorno (rappresentazione boundary), mediante sweep. Metodi per la rappresentazione per interpolazione e per approssimazione, di superfici sculturate. Sistemi parametrici e variazionali. Sistemi basati sulla conoscenza. Reverse Engineering. Rapid Prototyping. Tendenze attuali e sviluppi futuri. Addestramento all impiego di sistemi CAD nella progettazione industriale: analisi morfologica e funzionale, metodi di rappresentazione Applicazione di codici di diffuso impiego per la realizzazione di disegni particolari e d insieme. Tolleranze dimensionali. Tolleranze geometriche. Sistema ISO di accoppiamenti per la scelta e l applicazione delle tolleranze dimensionali, di forma e di posizione. Gestione mediante sistema CAD delle catene di tolleranze. Rugosità e stato superficiale. Collegamenti mobili e fissi. Rappresentazione di montaggi di elementi meccanici. Scelta di elementi unificati da catalogo e loro impiego. Testi consigliati: Propedeuticità obbligatorie: Nessuna Propedeuticità consigliate: Nessuna Modalità di accertamento del profitto: Modulo: Economia ed organizzazione aziendale SSD ING-IND/35 CFU: 6 Ore di: Lezione: 34 Esercitazione: 20 Laboratorio: Obiettivi formativi: Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti fondamentali di microeconomia, al fine di far comprendere il ruolo dell impresa nel sistema ambiente-mercato. Nell analisi dei processi decisionali e dei meccanismi organizzativi dell impresa, particolare attenzione si dedica alle sue decisioni di investimento. Contenuti: Elementi di analisi economica. Soggetti, sistemi e attività economiche. L economia di mercato e la funzione dei prezzi. Analisi marginale. Condizioni di ottimalità per problemi vincolati. Il comportamento dei consumatori. La teoria della produzione: tecnologia, costi, scelte di processo e di utilizzazione degli impianti; la distinzione tra breve e lungo periodo; la domanda di input produttivi. Obiettivi e comportamenti dell impresa. Le strutture di mercato, la formazione dei prezzi 2

3 e la determinazione delle quantità scambiate: il caso della concorrenza perfetta e monopolistica, dell oligopolio e del monopolio. Problemi di decisione intertemporali: risparmi, investimenti e tassi di interesse. Le metodologie di analisi dei progetti di investimento. Elementi di matematica finanziaria. Interesse e capitalizzazione. Attualizzazione ed equivalenza finanziaria. Annualità e montante. Valore attuale e costo opportunità del capitale. Il criterio del valore attuale netto: metodi di calcolo e giustificazione teorica. Il confronto con altri criteri (tasso interno di redditività, annualità equiva-lenti, periodo di recupero). Il razionamento del capitale. Testi consigliati: Varian, Microeconomia, Cafoscarina, 2007; Thuesen, Fabrycky, Economia per ingegneri, Il Mulino 1996; Sullivan, Wicks, Luxhoj, Economia Applicata all Ingegneria, Pearson Prentice Hall, 2006 Propedeuticità obbligatorie: Nessuna Propedeuticità consigliate: Nessuna Modalità di accertamento del profitto: Prova scritta ed orale Modulo: Misure meccaniche e termiche SSD: ING-IND/12 CFU: 9 Ore di: Lezione: 50 Esercitazione: 15 Laboratorio: 30 Obiettivi formativi: Il corso sviluppa ed approfondisce i principi delle misure meccaniche e termofluidodinamiche nei suoi aspetti metodologici ed applicativi. In particolare esso fornisce agli allievi le metodologie necessarie alla scelta ed all utilizzo dei sistemi di misura delle principali grandezze termiche e fluidodinamiche. Contenuti: Richiami sulla Teoria della misura. Errori ed Incertezze. Richiami di Stima e Propagazione delle incertezze. La Misura della Temperatura: Scale di temperatura e principali sensori. Termometri a resistenza; Principio di misura ed Esercitazioni. Termocoppie; Principio di misura ed Esercitazioni. Termometria a radiazione; Principio di misura ed Esercitazioni. La misura della grandezza pressione: Scale di Pressione e principali sensori. Metodi primari (bilance di pressione). Elementi di fluidodinamica. Moto nei condotti. Introduzione alle misure di portata. Le Misure di pressione e velocità nei fludi. I misuratori di portata a pressione differenziale e volumetrici. Misuratori di portata ad Ultrasuoni, Vortex e Magnetici. Limiti ed applicazioni. Le misure dimensionali, principi di misura e principali categorie di strumenti. Calibri, Micrometri e Blocchetti pianoparalleli:esercitazioni. Macchina di misura a coordinate: esercitazioni. Le misure di massa principi di misura ed esercitazioni (campioni di massa e bilance). Le misure di forza e coppia principi di misura ed esercitazioni (macchine dinamometriche universali e torsiometri). Il Benessere termico, acustico e visivo, Esercitazioni. Metodi di taratura sensori di temperatura. Metodi di taratura sensori di pressione. Metodi di taratura sensori di lunghezza. Metodi di taratura sensori di massa, forza e coppia. Propedeuticità obbligatorie:nessuna. Propedeuticità consigliate: Nessuna Modalità di accertamento del profitto: Prova Pratica ed Esame orale. Modulo: Costruzione di macchine SSD: ING-IND/14 CFU: 9 Ore di: Lezione: 58 Esercitazione: 22 Laboratorio: Obiettivi formativi: Il corso si propone di fornire agli allievi gli estrumenti teorico-analitici fondamentali per il dimensionamento e la verifica di componenti meccanici soggetti a cimenti 3

4 statici e dinamici, in regime di bassa ed alta temperatura, con particolare riferimento agli specifici meccanismi di rottura ed alcuni tipologie di componenti. Contenuti:Introduzione su i meccanismi di rottura nei metalli e nelle leghe. Fatica ad alto numero di cicli: richiami, fatica random e multi assiale, spettri di carico e criteri cumulativi del danno. Fatica a basso numero di cicli: meccanismo, comportamento ciclico dei materiali, gardening, softening, ratcheting, curva stabilizzata, diagrammi di durata, criterio di Neuber per i componenti intagliati, effetto tensione media deformazione media. Frattura fragile: meccanismo di cedimento per clivaggio, meccanica della frattura lineare elastica, approccio energetico ed approccio su base sforzo, effetti di bordo, K dominanza, dimensionamento di componenti difettati, meccanica della frattura elasto-plastica, campo di HRR, integrale J, J-dominanza, curva di resistenza, modulo di tearing, criterio di CTOD. Fatica in componenti difettati: legge di Paris. Progettazione ad elevata temperatura: creep, meccanismi, diagrammi di Ashby, fenomenologia, modelli semiempirici e modelli fisici su base dislocazionale. Metodo di accelerazione meccanica e termica per prove a durata ridotta, parametro di Larson-Miller, creep in regime multiassiale di sforzo. Fatica ad elevata temperatura: interazione creep e fatica, metodo del total strain range partitioning. Componenti meccanici: stati di sollecitazione in solidi assialsimmetrici, dischi e serbatoi in pressione, accoppiamento fondo mantello, dimensionamento di dischi ed alberi in rapida rotazione, dimensionamento di serbatoi in pressione ad elevata temperatura. Propedeuticità obbligatorie:nessuna. Propedeuticità consigliate: Nessuna. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e colloquio orale Modulo: Metallurgia II SSD: ING-IND/21 CFU: 9 Ore di: Lezione: 57 Esercitazione: 0 Laboratorio: 13 Obiettivi formativi: Scopo del corso è quello di approfondire le conoscenze relative alle leghe non ferrose e alle leghe ferrose innovative, considerando i rispettivi meccanismi di rafforzamento. Inoltre vengono analizzati i meccanismi di danneggiamento nel caso di sollecitazioni statiche, quasi statiche, lente e dinamiche, considerando anche l intervento dell ambiente (temperatura, ambiente corrosivo ed ossidativo, radiazioni). Contenuti: Leghe a base Cu, Al, Mo, Ti, Ni, Sn, Mg, Pb: fasi e costituenti strutturali; Diagrammi di fase; Trattamenti termici e termomeccanici; principali applicazioni; acciai innovativi. Principali meccanismi di rafforzamento; Criteri di scelta di leghe (ferrose e non): diagrammi di Ashby; Corrosione : diagrammi di Pourbaix e cinetica elettrochimica; corrosione generalizzata e forme di corrosione localizzata; ossidazione a caldo; ;Meccanismi di propagazione di cricche di fatica; Meccanismi di infragilimento; Infragilimento da idrogeno; Analisi frattografica mediante microscopio elettronico a scansione; Danneggiamento a caldo (invecchiamento e sovra invecchiamento); Scorrimento viscoso; Danneggiamento da radiazioni. Propedeuticità obbligatorie:nessuna. Propedeuticità consigliate: Nessuna. Modalità di accertamento del profitto: prova orale Modulo: Progettazione di Meccanismi SSD: ING-IND/13 CFU: 9 Ore di: Lezione: 56 Esercitazione: 15 Laboratorio: 4

5 Obiettivi formativi: Il corso si prefigge di fornire le conoscenze fondamentali della progettazione meccanica funzionale, con particolare riferimento alla progettazione di meccanismi per la generazione del moto e dei principali componenti delle macchine, anche in considerazione della dinamica del sistema meccanico. Contenuti: Macchine e meccanismi; Tipologie di macchine (utensili, agricole, trasporto, movimentazione, movimento terra, sollevamento, stampa, uso domestico, etc.); Iter progettuale (idea-schizzo-progetto); Progettazione meccanica funzionale e dimensionale. Meccanismi: Coppie e catene cinematiche; Meccanismi e gradi di libertà; Tipologie di meccanismi (sistemi articolati, ruote dentate, meccanismi a camme, flessibili, etc.); Classificazione funzionale (moto alternativo, moto intermittente, moto vario, etc.). Sintesi cinematica di sistemi articolati: Sintesi di tipo e dimensionale; Generatori di funzioni; Generatori di traiettorie; Generatori di moto rigido. Meccanismi per movimenti intermittenti e a camma. Meccanismi moltiplicatori di forza. Ruote di frizione: Ruote di frizione piane/coniche; Esempi applicativi (forni, betoniere, punzonatrici, presse per tipografia); Variatori meccanici di velocità (a piatto, a cono, a sfera, globoidali). Ruote dentate: Sintesi di ruote dentate cilindriche, coniche e sghembe (metodi dell inviluppo e dell epiciclo); Asse di istantanea rotazione e iperboloidi primitivi; Ruote coniche; Ruota elicoidale - vite senza fine; Esempi applicativi (riduttori, cambi di velocità). Rotismi epicicloidali: Formula di Willis; Rotismi combinatori e differenziali; Esempi applicativi (riduttori epicicloidali, differenziale automobilistico). Flessiblili: Trasmissione a cinghie; Trasmissione a catene Esempi applicativi (nastri trasportatori). Giunti articolati: Giunto di Oldham; Giunto di Cardano. Meccanismi ad attrito: Freni (a pattino, a ceppi, a disco, a nastro); Frizioni (piane e/o multidisco, coniche); Esempi applicativi (autoveicoli, apparecchi di sollevamento). Analisi dinamica dei transitori: Motori e carichi (curve caratteristiche); Accoppiamento motorecarico diretto e indiretto (riduttore); Innesto di una frizione; Macchine in regime periodico (irregolarità del moto/volano); Esempi applicativi (autoveicoli, motore a c.i., presse, apparecchi di sollevamento). Dinamica dei rotori: Elementi di dinamica del corpo rigido nello spazio (tensore di inerzia); Bilanciamento statico e dinamico; Esempi applicativi (motocicletta in curva, elicotteri). Meccanica delle vibrazioni: Sistemi ad 1 grado di libertà (vibrazioni libere, smorzate, forzate); Fattore di amplificazione dinamica (risonanza); Isolamento dalle vibrazioni (Trasmissibilità). Propedeuticità obbligatorie: nessuna. Propedeuticità consigliate: nessuna. Modalità di accertamento del profitto: esame orale II ANNO Modulo: Progetto di macchine SSD: ING-IND/08 CFU: 9 Lezioni frontali in aula. Esercitazioni relative al dimensionamento delle macchine. Utilizzo di codici numerici per l analisi del flusso negli elementi delle macchine. Ore di: Lezione: 50 Esercitazione: 15 Laboratorio: 15 Obiettivi formativi: Il corso si propone di approfondire la conoscenza dei processi termofluidodinamici caratteristici delle macchine, fornendo indicazioni utili sia per il progetto di massima che per l utilizzo delle stesse. Gli allievi, inoltre, saranno introdotti all uso di strumenti utili per l analisi qualitativa e quantitativa dei flussi negli elementi delle macchine. Contenuti: Richiami: classificazioni delle macchine ed equazioni fondamentali. Approccio al progetto: soluzione 3-d, approssimazioni 2-d, 1-d e 0-d.; Cenni di fluidodinamica computazionale. Soluzione dei flussi turbolenti. Scale dei fenomeni turbolenti e numeri di Reynolds. La cascata energetica nelle correnti turbolente. Modellazione dei flussi turbolenti. Cenni sull approccio diretto. 5

6 Approccio RANS. Modello k-eps per la chiusura delle equazioni di bilancio; La similitudine nelle macchine a fluido. Punti di funzionamento corrispondenti per macchine simili. Gruppi adimensionali caratteristici delle turbomacchine idrauliche. Il numero di giri specifico. Diagrammi statistici. Gruppi adimensionali per macchine termiche; Cenni sulla teoria alare. Comportamento del profilo isolato: portanza e resistenza. Il distacco della vena fluida ed il fenomeno dello stallo. Messa in schiera dei profili. Caratteristiche delle schiere; Macchine idrauliche operatrici. Richiami sul lavoro di palettatura e lavoro utile; perdite e rendimenti; correzione di Pfleiderer. Curve caratteristiche dimensionali e adimensionali. Diagrammi statistici. Calcolo del numero di stadi. Cavitazione ed altezza di aspirazione. Dimensionamento di una pompa radiale; Macchine termiche motrici. Diagrammi statistici. Triangoli delle velocità reali: fattori di riduzione delle velocità, correlazione di Vavra. Termodinamica dello stadio. Rendimenti di stadio. Coefficiente di pressione ottimale. La teoria dell'equilibrio radiale e tecniche di svergolamento delle pale. Cenni sulle perdite energetiche. Correlazione di Soderberg. Richiami sulla gasdinamica degli ugelli. Condizioni critiche. Comportamento in fuoriprogetto. Curve caratteristiche. Dimensionamento di una turbina a vapore parzializzata. Macchine motrici idrauliche. Richiami sull'architettura delle macchine. Perdite e rendimenti. Curve caratteristiche. Diagrammi statistici e campi di applicazioni. Cavitazione ed altezza di aspirazione. Cenni sul dimensionamento del diffusore. Dimensionamento di una turbina a grande passo di palettatura; Macchine termiche operatrici.compressori assiali: teoria elementare dello stadio. Approccio bidimensionale. Cenni sulle perdite nei compressori. Cenni sul comportamento in fuori progetto: stallo e pompaggio. Curve caratteristiche. Dimensionamento di massima dello stadio di un compressore assiale. Richiami sui motori a combustione interna. Il ricambio della carica nei motori alternativi 4 tempi e 2 tempi. Effetti quasi-stazionari che influenzano il coefficiente di riempimento. Effetti dinamici nei motori 4 tempi. Dimensionamento di condotti di aspirazione. Propedeuticità consigliate: nessuna. Modalità di accertamento del profitto: Correzione di un elaborato progettuale ed esame orale. Modulo: Progettazione assistita di strutture meccaniche SSD: ING-IND/14 CFU: 9 Ore di: Lezione: 31 Esercitazione: 70 Laboratorio: Obiettivi formativi: Il corso si propone di fornire agli allievi gli strumenti di calcolo numerico assistito al cacolatore per l analisi delle sollecitazioni e la progettazione meccanica attraverso la comprensione delle strategie numeriche per i principali problemi dell ingegneria meccancia e l addestramento all uso del codice di calcolo commerciale MSC.MARC Contenuti: Introduzione ai metodi numerici: metodi di interpolazione, integrazione numerica, derivazione numerica, risoluzione di sistemi lineari e non lineari, risoluzione di equazioni differenziali. Metodo agli elementi finiti: fondamenti teorici, formulazione dei principali elementi, schemi di calcolo per problemi lineari e non lineari. Addestramento all'uso del codice FEM MSC.MARC: analisi delle sollecitazioni, esempi di calcolo in regime elastico lineare, contatto e tying, esempi di modellazione costitutiva, analisi in regime elastoplastico. Problematiche di integrità strutturale: calcolo del SIF e di G attraverso il metodo del virtual crack extension, uso del metodo dell integrale di dominio per problemi elasto-plastici. Verifica delle soluzioni ed integrazione con i manuali di progettazione ( ASME Sec. VIII, Div. 3, e R6). Esempi di problemi temomeccanici: il problema termico, modellazione costitutiva dei materiali, accoppiamento termico+meccanico. Calcolo a creep. Realizzazione di un progetto. Propedeuticità obbligatorie: Costruzione di macchine II. Propedeuticità consigliate: Modalità di accertamento del profitto: Colloquio orale e discussioni del progetto. 6

7 Modulo: Affidabilità e sicurezza SSD: ING-IND/14 CFU: 9 Ore di:lezione: 61 Esercitazione: 21 Laboratorio: 0 Obiettivi formativi: Il corso si propone di fornire gli strumenti per la stima, la verifica e il miglioramento dell affidabilità del prodotto. Un ampio numero di esempi esplicativi sono proposti con l obiettivo di sviluppare un adeguata confidenza nell utilizzo e la gestione di metodologie per una corretta progettazione. Contenuti: Cenni sulle modalità di cedimento dei materiali. Affidabilità nella progettazione meccanica. Affidabilità e inaffidabilità, densità di probabilità, tasso di guasto. Curve Bathtub. Tempo di missione, affidabilità condizionata. Elementi di statistica descrittiva, distribuzione Normale, Esponenziale e di Weibull; livello di confidenza e Median Rank. Affidabiltà dei sistemi complessi: serie, parallelo, "stand-by". Teorema di Bayes. Misura e analisi dell'affidabilità: metodi di campionamento. Periodo ottimale di Burn-in. Modello di Gompertz per la previsione di crescita dell'affidabilità. Introduzione alla FMEA e alla FMECA. Albero dei guasti. Tecniche di progettazione probabilistiche. Prove accelerate di durata. Specifiche, Concept e Architettura di Prodotto. Progettazione in sicurezza - Direttiva macchine. Propedeuticità consigliate: Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e colloquio orale. Modulo: Tecnologia Meccanica II SSD: ING-IND/16 CFU: 9 Ore di: Lezione:44 Esercitazione:36 Laboratorio: Obiettivi formativi: Il modulo si propone di fornire le conoscenze necessarie per analizzare criticamente i processi di lavorazione basati, principalmente, sulla deformazione plastica. Al termine del modulo l'allievo, anche con l ausilio di un software basato sul metodo agli elementi finiti, sarà in grado di operare valutazioni, tecnologicamente corrette, sui processi, le macchine e le attrezzature e determinare i parametri di lavoro necessari per la realizzazione di semplici prodotti. Contenuti: Cenni sulla deformazione plastica di una struttura cristallina e sulle prove di trazionecompressione-torsione per la caratterizzazione meccanica dei materiali metallici. Teoria della plasticità: richiami di meccanica del corpo continuo, criteri di plasticizzazione, specializzazione delle equazioni in campo plastico. Metodi per la soluzione di problemi di deformazione plastica dei metalli. Il metodo agli elementi finiti (FEM). Classificazione delle lavorazioni per deformazione plastica. Tecniche di lavorazione per deformazione plastica massive: lo stampaggio, la laminazione, la trafilatura, l'estrusione. Per ogni lavorazione verrà fornita una descrizione generale del processo ed inoltre saranno esaminati anche mediante l ausilio di un software basato sul FEM: lo stato di sforzo e di deformazione, le forze e il lavoro necessarie per eseguire la lavorazione, utensili e materiali, difetti di lavorazione. Le lavorazioni per deformazione plastica della lamiera: la tranciatura, la piegatura, l'imbutitura, l'idroformatura, la formatura superplastica. Per ogni lavorazione verrà fornita una descrizione generale del processo e le applicazioni principali. Per alcune di esse saranno esaminati mediante FEM: lo stato di sforzo e di deformazione, le forze necessarie per eseguire la lavorazione. Taglio dei metalli per asportazione di truciolo: formazione del truciolo, meccanica del taglio ortogonale. Analisi del processo di taglio ortogonale mediante FEM. Cenni su utensili da taglio ad alta velocità e meccanismi di usura. Ottimizzazione dei processi di lavorazione per asportazione di truciolo. Richiami di fonderia. Criteri di progettazione di pezzi ottenuti per fusione. 7

8 Contenuto delle esercitazioni: il corso prevede esercitazioni numeriche di supporto agli argomenti sviluppati a lezione e l'uso di software dedicato alla progettazione dei processi di lavorazione. Propedeuticità consigliate: Disegno assistito dal calcolatore. Modalità di accertamento del profitto: L esame consta di una prova orale. Modulo: Progettazione e Gestione degli Impianti Industriali SSD: ING-IND/17 CFU: 9 Ore di: Lezione: 60 Esercitazione: 20 Laboratorio: 10 Obiettivi formativi: Il corso è volto a fornire i fondamenti metodologici per la progettazione e la gestione degli impianti industriali analizzando problematiche di tipo tecnico, economico, esaminando i principi alla base di una corretta manutenzione e fornendo i principi generali della prevenzione nell ambiente di lavoro, esaminandone e definendone i relativi fattori di rischio degli impianti stessi. Contenuti: Introduzione al corso. Impiego della programmazione lineare per ottimizzare le risorse produttive: Introduzione ai problemi di ottimizzazione. Problemi di ottimizzazione. Funzioni non vincolate. Funzioni vincolari. Problemi di programmazione lineare Impostazione di un modello di programmazione lineare. Metodo grafico. Determinazione del valore MAX della funzione obiettivo. Determinazione del valore MIN della funzione obiettivo. Analisi di alcuni casi particolari: infinite soluzioni ottime, soluzione ottima illimitata, soluzione ottima inesistente; massimo finito con variabili non limitate. Algoritmo del simplesso. Tecniche per la gestione e il controllo di un progetto: Il processo di pianificazione: il project management. Il brainstorming. Il meeting. La negoziazione. Ruolo del project manager e quality manager nella gestione dei progetti. Ciclo di vita di un progetto. Strumenti e tecniche per la pianificazione il controllo dei progetti. WBS (Work Breakdown Structure). OBS (Organization Breakdown Structure). RAM (Responsibility Assignment Matrix). Tecniche di scheduling. Il diagramma di Gantt. Il PERT deterministico o CPM (Critical Path Method). Il PERT probabilistico. Il PERT costi. Strumenti sftware (WinProject). Linee di Produzione: Bilanciamento delle linee di produzione: metodo di Kottas- Lau. Programmazione operativa della produzione. Modelli di scheduling. Sistema monostadio: metodo delle priorità, metodo SPT. Sistema composto da due macchine e da più macchine. Sicurezza e Manutenzione: L approccio dell ingegneria alla sicurezza: definizione dei rischi; determinazione ed identificazione dei fattori di rischio; gli eventi di rischio negli impianti industriali; criteri utilizzati per l individuazione dei rischi. Il progetto di sicurezza di un impianto industriale. Le basi legislative della sicurezza. La prevenzione degli infortuni e l igiene sul lavoro: linee guida per la valutazione dei rischi; i soggetti della prevenzione. Analisi dei principali rischi. Il Documento di valutazione rischi. I Costi della sicurezza. Elementi di manutenzione degli impianti industriali. Meccanismi e cause di guasto. Costi della manutenzione. Politiche di manutenzione. Normativa per la manutenzione. Impiego della simulazione nella progettazione e gestione degli impianti industriali. Decision Making e sistemi decisionali multicriterio: Il processo decisionale: tecniche di decision making e di problem solving. I modelli decisionali ed i sistemi di supporto decisionale (DSS). I Metodi decisionali multi attributo (Analytical Hierachy Process Analytic Network Process). Propedeuticità obbligatorie: Propedeuticità consigliate: Modalità di accertamento del profitto: Prova scritta ed orale. Modulo: Impianti termotecnici 8

9 SSD: ING-IND/10 CFU: 9 Ore di: Lezione: 46 Esercitazione: 40 Laboratorio: 4 Obiettivi formativi: Scopo del corso è dare agli allievi ingegneri una conoscenza tecnicaprogettuale attinente all esteso campo degli impianti termotecnici ad uso industriale e civile. Partendo dall esame del microclima richiesto e dall analisi dei carichi termici ed igrometrici in gioco, vengono illustrati i vari tipi di impianto ed i criteri di scelta da un punto di vista energetico ed economico per una ottimizzazione e razionalizzazione impiantistica. Vengono inoltre illustrate le problematiche e le metodologie di progettazione degli impianti di condizionamento nei sistemi di trasporto. È prevista una parte esercitativa in cui le nozioni apprese vengono utilizzate nella progettazione di un certo numero di elaborati progettuali. Contenuti: I componenti negli impianti di riscaldamento; le perdite di carico nei condotti; le reti di distribuzione dell'acqua; il bilanciamento delle reti idrauliche; il benessere termoigrometrico; le condizioni di progetto; la verifica termoigrometrica; il bilancio di energia sull'involucro edilizio; misura delle proprietà termofisiche dei componenti edilizi; DLgs 192 e 311 e successive integrazioni (Parametri di stima del fabbisofno energetico); esercitazione numerica sul dimensionamento di un impianto di riscaldamento; i diffusori negli impianti termici; centrali termiche: aspetti progettuali e normativi; impianti di climatizzazione: principi generali; carichi termici estivi; impianti di climatizzazione a tutt'aria: regime estivo, regime invernale; impianti di climatizzazione misti aria-acqua: regime estivo, regime invernale; scelta e dimensionamento dei ventilconvettori; impianti idronici: aspetti progettuali ed impiantistici; regolazione batterie di scambio termico; reti aerauliche: dimensionamento; terminali aeraulici: scelta e dimensionamento; centrali termo-frogorifere: aspetti normativi e progettuali. Propedeuticità consigliate: Modalità di accertamento del profitto: Esame orale con presentazione e discussione di progetti sviluppati durante il corso. Modulo: Metodologie metallurgiche e metallografiche SSD: ING-IND/21 CFU: 9 Ore di: Lezione: 20 Esercitazione: 6 Laboratorio: 70 Obiettivi formativi: Scopo del corso è quello di approfondire le modalità di degenerazione delle superfici metalliche, con una particolare attenzione alle modalità sperimentali con le quali questa degenerazione viene quantificata. Vengono approfonditi sperimentalmente alcuni processi di protezione superficiale (zincatura, nichelatura) e le principali problematiche relative ai processi di saldatura. Contenuti: Analisi dell influenza della microstruttura sui risultati delle prove elettrochimiche negli acciai inossidabili; Zincatura a caldo (procedure, e caratterizzazione meccanica e micro strutturale delle superfici zincate); Nichelatura chimica; Analisi delle morfologia di frattura al microscopio elettronico a scansione; Metallurgia della saldatura: realizzazione di giunzioni di saldatura in leghe ferrose ed analisi metallografica del risultato ottenuto Propedeuticità obbligatorie: Metallurgia II. Propedeuticità consigliate: Modalità di accertamento del profitto: prova orale Modulo: Corrosione e protezione dei materiali SSD: ING-IND/22 CFU: 9 tipo c 9

10 Ore di: Lezione: 50 Esercitazione: 11 Laboratorio: 18 Obiettivi formativi: Il modulo si prefigge l'obiettivo di fornire gli strumenti per la comprensione della corrosione elettrochimica dei materiali metallici, sia di tipo generalizzato che di tipo localizzato, con accenno alle forme di degrado delle altre categorie di materiali. Saranno altresì esaminate le tecniche a disposizione dell ingegnere per contenere le problematiche connesse alla corrosione. Contenuti: Costi della corrosione. Misura della corrosione: velocità ed intensità della corrosione. Richiami di elettrochimica: anodo, catodo e potenziale elettrochimico. Serie dei potenziali Red-Ox. Termodinamica della corrosione: diagrammi di Pourbaix. Cinetica della corrosione: leggi di Faraday; fenomeni di polarizzazione di elettrodo e sovratensione. Equazione di Butler-Volmer e sue forme approssimate. Diagrammi di Evans. Teoria del potenziale misto e potenziale di corrosione. Misura del potenziale di corrosione. Morfologia della corrosione: corrosione uniforme e misura della velocità di corrosione uniforme con tecniche ponderali e tecniche elettrochimiche. Forme di corrosione localizzata: corrosione galvanica, interstiziale, per pitting, integranulare. Corrosione sotto sforzo. Corrosione negli ambienti naturali: acque dolci, acqua di mare, terreno, atmosfera. Ossidazione alle alte temperature: diagrammi di Ellingham. Metodi di protezione attivi e passivi dalla corrosione. Protezione catodica: principi di funzionamento e impianti utilizzabili: anodi galvanici e correnti impresse. Dimensionamento di impianti di protezione catodica. Monitoraggio della protezone catodica. Protezione anodica; principio di funzionamento e problematiche applicative. Protezione dalla corrosione mediante strati protettivi: rivestimenti metallici, rivestimenti inorganici non metallici e rivestimenti organici. Inibitori della corrosione. Propedeuticità consigliate: Metallurgia II. Modalità di accertamento del profitto: prova orale Modulo: Meccanica computazionale delle strutture SSD: ICAR/08 CFU: 9 Ore di: Lezione: 40 Esercitazione: 41 Laboratorio: Obiettivi formativi: Il corso di Meccanica Computazionale delle Strutture ha la finalità di fornire agli studenti la capacità di sviluppare ed utilizzare tecniche numeriche per l analisi di mezzi continui e di strutture tramite l utilizzo di strumenti di calcolo elettronici. Lo studente acquisirà la capacità di sviluppare codici di calcolo personali e, quindi, di utilizzare con sicurezza codici di calcolo commerciali, in quanto avrà conoscenza della logica di funzionamento di tali strumenti di calcolo. Il corso deve considerarsi di grande interesse per l ingegnere progettista che intenda affrontare problemi del calcolo automatico. Contenuti: I metodi numeri per la soluzione di problemi ingegneristici. Il metodo delle differenze finite. Il problema assiale e flessionale della trave. Formulazioni variazionali. Formulazione debole. Il metodo degli elementi finiti. Approccio via energia potenziale. Il problema della trave inflessa. Modello di trave senza e con deformazione a taglio. Elasticità bidimensionale. Elementi triangolari. Funzioni di forma. Elementi rettangolari. Famiglia Lagrangiana. Famiglia Serendipity. Assemblaggio di sottostrutture. Elementi 3D. Integrazione numerica. Trasformazione di coordinate. Integrazione numerica 1D - 2D - 3D. Tensioni piane e deformazioni piane. Elementi finiti piani. Modelli di piastra inflessa. Problemi di locking. Patch test e stima dell errore. Norme dell errore e velocità di convergenza. Algoritmi solutori per problemi non lineari. Propedeuticità consigliate: Modalità di accertamento del profitto: prova orale 10

DIDATTICA PROGRAMMATA A.A. 2015/2016 REGOLAMENTO DIDATTICO PARTE SPECIALE COORTE 2015/2018 INGEGNERIA MECCANICA L-9 SP

DIDATTICA PROGRAMMATA A.A. 2015/2016 REGOLAMENTO DIDATTICO PARTE SPECIALE COORTE 2015/2018 INGEGNERIA MECCANICA L-9 SP DIDATTICA PROGRAMMATA A.A. 2015/2016 REGOLAMENTO DIDATTICO PARTE SPECIALE COORTE 2015/2018 INGEGNERIA MECCANICA 32846 LINGUA INGLESE (CDL) 3 VER. CONOSC. LINGUA STRANIERA Per la Conoscenza di Almeno Una

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO Programma d'esame CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO

Dettagli

Meccanica applicata alle macchine. Laurea Triennale in Ingegneria Industriale. Livello e corso di studio ING-IND/13

Meccanica applicata alle macchine. Laurea Triennale in Ingegneria Industriale. Livello e corso di studio ING-IND/13 Insegnamento Livello e corso di studio Settore scientifico disciplinare (SSD) Meccanica applicata alle macchine Laurea Triennale in Ingegneria Industriale ING-IND/13 Anno di corso 2 Numero totale di crediti

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: ENERGIA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C1) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 1

Indice. 1 Introduzione 1 Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 2 Elementi di modellistica 9 2.1 Introduzione... 9 2.2 Equazioni di conservazione per processi a fluido... 9 2.2.1 Portata massica e volumetrica... 9 2.2.2 Principio

Dettagli

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica, PROGRAMMA MINIMO COMUNE DI TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

Dettagli

DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE

DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE I.I.S REMO BRINDISI MANUTENZIONE ed ASSISTENZA TECNICA DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Programmazione Secondo Biennio Conoscenze Tolleranze caratteristiche degli

Dettagli

Acquisire le conoscenze propedeutiche alle tematiche che saranno trattate in corsi successivi:

Acquisire le conoscenze propedeutiche alle tematiche che saranno trattate in corsi successivi: 1 Acquisire i principi e le metodologie che si impiegano nella moderna ingegneria per la progettazione strutturale e funzionale delle macchine e dei sistemi meccanici. Acquisire le conoscenze propedeutiche

Dettagli

ARTICOLAZIONE: MECCANICA E MECCATRONICA. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C1)

ARTICOLAZIONE: MECCANICA E MECCATRONICA. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C1) ARTICOLAZIONE: MECCANICA E MECCATRONICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C1) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale,

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA

Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI

PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI PROVA, SVILUPPO di SOFTWARE INGEGNERISTICO ITERA è una società

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia articolazione: Meccanica e meccatronica

Attività e insegnamenti dell indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia articolazione: Meccanica e meccatronica Attività e insegnamenti dell indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia articolazione: Meccanica e meccatronica Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Il docente di Complementi di matematica concorre

Dettagli

Indice. XI Prefazione

Indice. XI Prefazione Indice XI Prefazione 3 Capitolo 1 Introduzione alle macchine a fluido e ai sistemi energetici 3 1.1 Introduzione storica 9 1.2 Fonti di energia 19 1.3 Macchine a fluido e sistemi energetici 25 Capitolo

Dettagli

POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE SINTESI DEI CONTENUTI DESCRIZIONE Profilo Professionale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016

Anno scolastico 2015/2016 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA A LLEGATO B PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA FUNZIONE 1: MECCANICA NAVALE A LIVELLO DIRETTIVO Gestisce il funzionamento dell

Dettagli

Lezioni. Esercitazioni Presentate dal docente Eseguite in aula dagli studenti. Seminari

Lezioni. Esercitazioni Presentate dal docente Eseguite in aula dagli studenti. Seminari 1 Lezioni Nuovo ordinamento: 60 ore Vecchio ordinamento: 90 ore Esercitazioni Presentate dal docente Eseguite in aula dagli studenti Seminari Acquisire i principi e le metodologie che si impiegano nella

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Anno Scolastico2015/2016 Istituto Tecnico Tecnologico E. Barsanti Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina SISTEMI E AUTOMAZIONE Classe

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO OPZIONI Schede disciplinari e quinto anno (Art. 8, comma 4, lettera c) d.p.r. n. 87 del 15 marzo 2010) ISTITUTI PROFESSIONALI -

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA EVOLUZIONE DELLA FABBRICA NUOVE TECNOLOGIE NELLA PRODUZIONE PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO H.S.C. High Speed Cutting (Lavorazione ad altissima velocità di taglio) Viene utilizzata in quelle lavorazioni che

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Università degli Studi di Palermo Corso in: SIMULAZIONE NUMERICA PER L'INGEGNERIA MECCANICA Docente: Prof. Antonio Pantano Anno Accademico

Dettagli

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6 Indice 1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo................ 6 2 Elementi di modellistica 8 2.1 Modelli nel dominio del tempo................... 8 2.2 La trasformata di Laplace......................

Dettagli

BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili

BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili Profilo Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni

Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Questionario Ridefinizione del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica INTRODUZIONE Il Consiglio di Corso

Dettagli

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F Pagina 1 di 6 Disciplina: Fisica Classe I Sezione F A.S. 2015/2016 Docente Lombardi Sara INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI E DEFINIZIONE DELLE LINEE COMPORTAMENTALI Nello studio della disciplina terrò presenti

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 4 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: SISTEMI E MODELLI (30 ore)

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

Macchine e Sistemi Energetici

Macchine e Sistemi Energetici Macchine e Sistemi Energetici Coordinatore: Prof. Roberto Bettocchi Determinazione delle prestazioni per macchine motrici / operatrici Progettazione fluidodinamica di ventilatori, compressori e pompe SIMULAZIONE

Dettagli

Obiettivi di apprendiment 2/7

Obiettivi di apprendiment 2/7 TIM - TECNICO DELLE INDUSTRIE MECCANICHE --- Programmi MINISTERIALI di insegnamento delle discipline Area di indirizzo corso TIM (approvati con DM 15 aprile 1994 e pubblicati sulla GU dell 1-7-1994 - Supplemento

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica

Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica INTRODUZIONE Il Consiglio di Corso di Studi in

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-02-Elettrico

Dettagli

Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole

Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole INGEGNERIA DI MANUTENZIONE Innovazioni sulle valvole dei compressori alternativi Studi ed esperienze per migliorarne la capacità di tenuta e l efficienza fluidodinamica M. Schiavone, A. Bianchi, Dott.

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 pag. 1 di 6 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Meccanica Macchine ed Energia Classe: III^ Meccanica

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA: TECNOLOGIA MECCANICA A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 4^ TIM 1) PREREQUISITI Possedere conoscenze relative alle proprietà chimico-strutturali,

Dettagli

Art. 4. Curricula Il corso di laurea in Ingegneria Meccanica (sede di La Spezia) è articolato in unico curriculum.

Art. 4. Curricula Il corso di laurea in Ingegneria Meccanica (sede di La Spezia) è articolato in unico curriculum. FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Meccanica (sede di La Spezia) Classe L-9 Ingegneria industriale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale Art. 1. Premessa e ambito di competenza Il presente

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Regolamento didattico

Regolamento didattico Regolamento didattico Corso di studio: Facoltà: Classe: Ingegneria dell Automazione Ingegneria Sede di Bologna 9 Ingegneria dell informazione Obiettivi formativi specifici I laureati verranno a conoscenza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE A.S. 2005 / 2006 Prima riunione

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE A.S. 2005 / 2006 Prima riunione Distretto Scolastico n. 2 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Ettore Majorana Avezzano (AQ) Specializzazioni:Chimica Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica e automazione Meccanica Sperimentazioni:

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici. Docente/i

Anno scolastico 2015 / 2016. Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici. Docente/i Alessandria, 17 ottobre 2015 Anno scolastico 2015 / 201 Classe 5AE Indirizzo Materia Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici Docente/i Nome e cognome Franco GABRIELE Firma Nome e cognome Antonietta

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale. (curriculum Parallelo all Attività Professionale)

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale. (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Dipartimento Tecnologie Innovative, Ingegneria Elettronica (2010/2011), v 1.0, 12.2010

Dettagli

Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Corso matricola 2011SI0890

Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Corso matricola 2011SI0890 Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Corso matricola 2011SI0890 Unità Formativa Capitalizzabile UFC Gestione del servizio di manutenzione:organizzazione,

Dettagli

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17 Indice Prefazione 15 Introduzione 17 1. Pianificazione della qualità 1.1. Il concetto di 6 sigma 1.1.1. Le aree e le fasi del sei sigma 1.2. I processi produttivi e la variabilità 1.2.1. Cause comuni 1.2.2.

Dettagli

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2012-2013 INTRODUZIONE Docente Francesco Benzi Università di Pavia e-mail: fbenzi@unipv.it Dispense in collaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO: DISCIPLINE MECCANICHE E TECNOLOGIA MATERIA: TUTTE CLASSE 1-2 A.S. 2012 / 2013

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO: DISCIPLINE MECCANICHE E TECNOLOGIA MATERIA: TUTTE CLASSE 1-2 A.S. 2012 / 2013 Pagina 1 di 20 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO: DISCIPLINE MECCANICHE E TECNOLOGIA MATERIA: TUTTE CLASSE 1-2 A.S. 2012 / 2013 STRUTTURA DEL DIPARTIMENTO: Classe Settore Disciplina Materie/Argomenti 1(*)

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

Curricolo per Competenze triennio

Curricolo per Competenze triennio Curricolo per Competenze triennio proposte settore meccanico area specialistica tecnologica Istituto Tecnico Industriale Statale Marie Curie PREMESSA I percorsi degli istituti tecnici hanno l obiettivo

Dettagli

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE A- Idrostatica o Principali proprietà dei fluidi (densità, peso specifico, viscosità, comprimibilità e dilatabilità) o Nozione di liquido reale e liquido ideale.

Dettagli

ITIS ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE. ITIS ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE disciplina: ELETTROTECNICA

ITIS ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE. ITIS ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE disciplina: ELETTROTECNICA ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE 1. ELETTROTECNICA 2. SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI 3. IMPIANTI ELETTRICI 4. TDP 5. ELETTRONICA PROGRAMMAZIONI DISCIPLINARI a.s. 2012-2013 disciplina: ELETTROTECNICA FINALITA

Dettagli

TECNICA-INDUSTRIALE ELETTROTECNICA E IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI CORSO BASE DI OLEODINAMICA INDUSTRIALE CORSO AVANZATO DI OLEODINAMICA INDUSTRIALE

TECNICA-INDUSTRIALE ELETTROTECNICA E IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI CORSO BASE DI OLEODINAMICA INDUSTRIALE CORSO AVANZATO DI OLEODINAMICA INDUSTRIALE - MECCANICA E DISEGNO TECNICO METALLOGRAFIA METALLURGIA PER ANALISI METALLI MESCOLE GOMME ELETTRO E IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI CORSO BASE DI OLEODINAMICA CORSO AVANZATO DI OLEODINAMICA CORSO PROPORZIONALE

Dettagli

Caratteristiche costruttive dei robot industriali

Caratteristiche costruttive dei robot industriali 61 Caratteristiche costruttive dei robot industriali L architettura del robot è quella descritta schematicamente in figura 1, costituita dai seguenti sottoinsiemi: struttura meccanica; sistema d azionamento;

Dettagli

Attività Svolte. Ricercatore Ing. M. Sasso. Dottorandi Ing. M. Natalini. Collaboratore Ing. E. Mancini. Assegnista Ing. G.

Attività Svolte. Ricercatore Ing. M. Sasso. Dottorandi Ing. M. Natalini. Collaboratore Ing. E. Mancini. Assegnista Ing. G. Attività Svolte Ricercatore Ing. M. Sasso Assegnista Ing. G. Chiappini Dottorandi Ing. M. Natalini Collaboratore Ing. E. Mancini - Progettazione Meccanica - Studio di Prodotto-Processo - Analisi di Immagine

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica Indirizzo Generale ISTITUTI TECNICI - Settore: Industria e artigianato.- Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. ISTITUTI

Dettagli

MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI.

MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI. MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI. Classi prime Gli insiemi con relative operazioni Operazioni ed espressioni

Dettagli

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2015-2016 A. Ponno (aggiornato al 19 gennaio 2016) 2 Ottobre 2015 5/10/15 Benvenuto, presentazione

Dettagli

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Articolazione Elettronica Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di Segnali Unità di misura delle grandezze

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING)

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Meccanica (classe 36/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA Classe 3^ Meccanica meccatronica

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA Classe 3^ Meccanica meccatronica Anno Scolastico2015/2016 Istituto Tecnico Tecnologico E. Barsanti Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Sistemi e Automazione Industriale Classe: 4 a Meccanici Sez.

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM 33 Ingegneria Meccanica Ordine degli Studi 2010/2011 Anni attivati I e II Obiettivi formativi specifici Nell ambito

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Engineering Computation Vol. 1 N. 1 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Marzo ITERA S.r.l. è una società di ingegneria che da molti anni opera nel mercato della simulazione numerica. Una delle attività

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A Test di ingresso MECCANICA Classe 0A 1. Tre corpi di massa rispettivamente m, m e 3m, collegati rigidamente fra loro con elementi di massa trascurabile, sono disposti in senso orario su una semicirconferenza

Dettagli

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Superfici Reali e Nominali Ing. Alessandro Carandina Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Disegno tecnico Informazioni qualitative (i vari tipi

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Mondovì IISS G. CIGNA ITIS MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

Istituto Tecnico Industriale Statale Mondovì IISS G. CIGNA ITIS MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IISS G. CIGNA ITIS MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE MATERIA: IMPIANTI ENERGETICI, DISEGNO E PROGETTAZIONE CLASSE: 4 A MME DOCENTI: DHO MARCO - PIZZO ALDO TESTO: DAL PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2013/2014 Classe:4 Sez. 4AELT INDIRIZZO: Elettronica ed Elettrotecnica articolazione Elettrotecnica Docenti : Prof. Giovanni Antonio Fadda,

Dettagli

Rilievi e Procedure per la Diagnosi dei Principali Difetti Metallurgici

Rilievi e Procedure per la Diagnosi dei Principali Difetti Metallurgici Rilievi e Procedure per la Diagnosi dei Principali Difetti Metallurgici Riferimenti Normativi Il produttore è responsabile del danno cagionato da difetti del suo prodotto (art. 1 DPR 24/5/1988 n 224),

Dettagli

Art. 4 Curricula Art. 5 Impegno orario complessivo Art. 6 Piani di studio e propedeuticità

Art. 4 Curricula Art. 5 Impegno orario complessivo Art. 6 Piani di studio e propedeuticità Dipartimento di ingegneria Meccanica, Energetica, Gestionale e dei Trasporti Corso di laurea in Ingegneria in Ingegneria Meccanica Classe L-9 Ingegneria industriale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale

Dettagli

Il software KISSsys associa l analisi

Il software KISSsys associa l analisi Ingranaggi in 3D Potenzialità, caratteristiche e applicazioni di KISSsys, un software destinato alla progettazione di trasmissioni a ingranaggi. In particolare, si presentano esperienze e prestazioni analizzando

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Sensori e trasduttori Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Gli Obiettivi Struttura generale di sistemi di controllo e misura Sensori, trasduttori, attuatori Prima classificazione dei sistemi-sensori

Dettagli

Pin-on-Disk. Caratteristiche: Forza 0 10 kn Velocità 0 420 mm/s Temperatura 20 300 C 20 C (usura) Tipo di prove: Misura d attrito Prove d usura

Pin-on-Disk. Caratteristiche: Forza 0 10 kn Velocità 0 420 mm/s Temperatura 20 300 C 20 C (usura) Tipo di prove: Misura d attrito Prove d usura Pin-on-Disk Tipo di prove: Misura d attrito Prove d usura Caratteristiche: Forza 0 10 kn Velocità 0 420 mm/s Temperatura 20 300 C 20 C (usura) - Valutazione dell attrito nelle operazioni di stampaggio

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA

MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA 1 Anno: 1 semestre Analisi matematica 3 A MAT/05 6 60 Metodi della ricerca operativa A MAT/09

Dettagli

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica Prodotti Progetto e prototipo di scultura dinamica 1 A - Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE a.s. 2015/2016 INDIRIZZO SCOLASTICO: ORE SETTIMANALI: 5 (5) TOTALE ANNUALE : 165

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE a.s. 2015/2016 INDIRIZZO SCOLASTICO: ORE SETTIMANALI: 5 (5) TOTALE ANNUALE : 165 ISTITUTO SUPERIORE ENRICO FERMI PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE a.s. 2015/2016 INDIRIZZO SCOLASTICO: BIENNIO IT xtriennio IT LSSA DISCIPLINA: TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO ORE

Dettagli