Contro quali elementi si è dovuto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contro quali elementi si è dovuto"

Transcript

1 TEMPORARY MANAGEMENT COSA IMPARARE DALL EUROPA Il temporary management in Italia è in costante sviluppo, nonostante il suo utilizzo sia ancora lontano da quanto avviene in altri paesi europei. Capire le ragioni di successo del TM in questi paesi può senz altro aiutare a identificare quali elementi ne ritardino la crescita e lo sviluppo e quali invece le favoriscono Maurizio Quarta Contro quali elementi si è dovuto e bisogna continuare ad operare per far comprendere il valore del TM e per farlo affermare come una normale prassi gestionale da parte delle aziende? Il primo grosso ostacolo da superare è stato quello di convincere le aziende che i temporary manager fossero manager di qualità e non solo il prodotto forzato dei processi di razionalizzazione (in altre parole, i rifiuti) di altre aziende. Si è trattato quindi di lavorare sulla qualità del servizio, il che sostanzialmente ha significato: posizionare correttamente il servizio rispetto a strumenti manageriali in parte affini, soprattutto nei confronti 22 Maurizio Quarta si occupa di TM da alcuni anni: oggi dirige le operazioni di Boyden Temporary Management, avendo cominciato ad occuparsi del tema a livello no profit in Atema, di cui è stato socio fondatore e vicepresidente, nonché chairman dell iniziativa Certificazione e Formazione. È stato ideatore e coordinatore della prima ricerca sul TM in Italia. Suoi contributi su temi di management sono stati pubblicati su Il Sole 24 Ore, Il Mondo, L Impresa, Espansione, Hamlet, Banca e Lavoro, Direct Marketing e Comunicazione, L Imprenditore, Italia Oggi.

2 della consulenza; qualificare l offerta, sia per quanto riguarda la materia prima (i manager), sia per quanto riguarda gli intermediari che offrono il servizio. Per raggiungere tali obiettivi, Gran Bretagna e Olanda, seguite a ruota dal Belgio, hanno utilizzato forme associative di matrice professionale: Aties, ora divenuta Ima (Interim management association) in Gran Bretagna, Rim in Olanda e Bima in Belgio. Si tratta di entità estremamente significative in termini di rappresentatività del mercato: ad esempio, l Ima raccoglie 25 società, ovvero l 85% di un mercato che cresce del 25-30% annuo, mentre oltre 15 sono gli associati del Rim; il pur piccolo Belgio raduna in Bima almeno otto società. In tutti i paesi il mercato del TM si caratterizza per la forte presenza di gruppi multinazionali. Uno dei primi obiettivi delle associazioni citate è stato quello di assicurare al mercato un corretto e stabile livello di qualità, a tutti i livelli, attraverso la definizione e l implementazione di adeguati standard di riferimento al fine di evitare fenomeni di opzioni nominalistiche da parte di operatori senza tradizione e che non fanno investimenti specifici. Prioritario diviene quindi definire rigorosi criteri di natura professionale per regolare l ammissione all associazione, oltre a promulgare un codice di comportamento che regola alcuni aspetti chiave della professione, quali i criteri di selezione dei manager o la gestione del rapporto triangolare manager-società di TM-cliente. Anche i clienti vanno educati e un accurata attività di sensibilizzazione e informazione viene continuamente svolta, in maniera più o meno diretta, sui potenziali utilizzatori per sfatare i falsi miti, ma anche per insegnare a utilizzare correttamente lo strumento. Non è infrequente incontrare aziende che, pur avendo focalizzato correttamente il bisogno, non sanno poi come muoversi operativamente. Il tema della qualità dei manager rappresenta forse l area più delicata, in quanto un cattivo temporary crea più danno di quanto beneficio ne creino cinque buoni. Un cattivo temporary manager, dunque, a parte i problemi che competenze non adeguate possono creare al cliente, sostanzialmente significa: Temporary Management ASCOLTIAMO L EUROPA Un libro di Maurizio Quarta, scritto per Aisl Associazione italiana per gli studi sul lavoro - per aiutare a comprendere come sviluppare il mercato italiano seguendo i modelli europei più evoluti. Il libro ripercorre le tappe di sviluppo di questo innovativo strumento di gestione nei paesi europei ove è ormai prassi consolidata; l autore si è avvalso del contributo di ben otto opinion leader nei diversi paesi, ciascuno apportatore di esperienze e visioni differenti: da rappresentanti di associazioni di società fornitrici del servizio a rappresentanti di associazioni di temporary manager, a fornitori qualificati del servizio. In sintesi si tratta di un libro che offre interessanti spunti di riflessione a diverse categorie di lettori: ai manager interessati a diversificare le proprie esperienze; ai temporary manager per confrontarsi con realtà più evolute; alle aziende per capire a fondo valenze e problematiche dello strumento; al legislatore d impresa per creare un quadro normativo facilitante. Il volume può essere ordinato, al prezzo di 16, a: AISL - Via Tonale Milano tel fax una persona scarsamente motivata alla professione; che non ha fatto una scelta professionale e di vita; che quindi è alla ricerca di un riempitivo tra un job e l altro e, in buona sostanza, solamente di un posto fisso. Ad esempio in Olanda l Erasmus University di Rotterdam, in collaborazione con le associazioni manageriali di interim, organizza regolarmente due corsi specifici, Interim management essential e Master class in interim management. Il tema della qualificazione professionale dei manager ha poi trovato, sia in Inghilterra che in Olanda, un interessante via di soluzione attraverso la creazione dell associazione nazionale dei temporary manager, che opera non tanto come entità di matrice e impostazione sindacale per la difesa di interessi collettivi, quanto come organismo professionale mirato soprattutto a: qualificare e posizionare adeguatamente la professione; creare e sviluppare competenze di interim management nel mercato e negli associati. Non è casuale che l Institute of temporary management, di recente costituzione in Gran Bretagna, fondi le sue attività sui seguenti principi di base: qualificazione professionale, la cui verifica viene fatta attraverso un processo di assessment definito dall Institute of management, una delle più note realtà europee in materia di sviluppo manageriale; sviluppo professionale continuo. In Gran Bretagna, così come in Olanda, uno degli aspetti sicuramente più interessanti è rappresentato dallo stretto rapporto di collaborazione esistente con la rispettiva associazione delle società specializzate, vista come un partner con cui condividere un comune obiettivo - 23

3 24 definibile come lo sviluppo di un mercato di qualità - piuttosto che come una controparte con cui scannarsi per negoziare clausole contrattuali. In Gran Bretagna, l associazione degli interim manager è stata di fatto promossa e fatta crescere, dall associazione delle società di interim management, in partnership con il citato Institute of management. Fattori di crescita La crescita è stata inizialmente favorita dal cambio culturale e di atteggiamento nei confronti del TM iniziato verso la fine degli anni Ottanta e rafforzatosi nel corso degli anni Novanta; ciò è stato possibile grazie a una definizione di standard professionali e a un aumento della consapevolezza dei benefici ottenibili da interventi di temporary e del riconoscimento dei risultati ottenuti nei progetti via via realizzati. I fattori di crescita emersi da indagini effettuate in alcuni paesi sono: la continua attività di professionalizzazione dei temporary manager; la tendenza, pressoché generalizzata, a ridurre le risorse permanenti e, specie sulle attività non-core, a operare secondo i canoni più corretti del project management; la necessità da parte di molte aziende, specie medio-piccole, di adeguare, velocemente e in tempi stretti, le competenze chiave per non perdere competitività in un contesto che muta sempre più rapidamente. Management diviene per molte aziende sinonimo di gestione del cambiamento, ove la capacità di giocare d anticipo può determinare il successo; la possibilità di avere a disposizione team di temporary manager; l affermarsi, tra i manager, di uno stile di vita maggiormente orientato alla riappropriazione del proprio tempo e quindi alla visione delle pause tra un intervento e il successivo come momento da dedicare alla propria formazione e alla gestione dei propri interessi; una prospettiva di crescita globale dell economia. È stato peraltro rilevato che il TM, proprio per la sua natura di operare a costi variabili, cresce - a un tasso minore ma cresce - anche in situazioni di congiuntura non in sviluppo. Indicazione degli utilizzi di TM in alcuni dei principali mercati europei (%) INGHILTERRA 1. Project management Vuoto manageriale imprevisto Change management Vuoto manageriale pianificato 5. Crisis management 10 BELGIO 1. Project management Turnaround Nuove iniziative Crisis management 8 OLANDA 1. Change management Project management Transition management Crisis management Expertise management 7 GERMANIA 1. Vuoto manageriale temporaneo Project management Coaching Ristrutturazione M&A 8 Fattori di ritardo I fattori che invece possono porre delle serie ipoteche allo sviluppo sono: la non percezione del bisogno, intesa nel senso di non saper identificare situazioni o problemi facilmente risolvibili con l assunzione di un termporary; i possibili ritorni derivanti da esperienze negative e non di successo da parte di aziende ricorse a battitori liberi non professionali e improvvisati; la possibile carenza di manager dotati delle necessarie competenze e delle corrette motivazioni per la professione. Dove trovare il temporary manager È più opportuno rivolgersi a una struttura specializzata oppure percorrere la via del professionista indipendente? In Belgio ciò che emerge è la nettissima preferenza per la gestione di progetti TM attraverso società specializzate (oltre il 75% delle aziende private e quasi il 90% di quelle pubbliche). In Gran Bretagna, i temporary manager operano in maniera equivalente sia attraverso società specializzate, sia attraverso contatti individuali. Per quello che riguarda un possibile modello per il mercato italiano, sulla base anche di approfondimenti fatti con i vari operatori nazionali, si potrebbe estrapolare quanto segue: il modello belga, tendenzialmente orientato verso le società specializzate, si dimostra valido specie in una situazione di mercato nascente, ove è più che mai necessario fissare determinati parametri di qualità che regolamentino (in senso sostanziale e non formale) l esercizio di questa professione, ed evitare una selvaggia corsa del tipo me too da parte di manager e società; a fronte poi di un mercato in forte sviluppo è chiaro che l offerta non può basarsi esclusivamente su un numero limitato di società, per quanto crescente; ciò implica il ricorso sempre maggiore a manager indipendenti. Diviene allora importante che i manager indipendenti siano stati esposti a corrette metodologie di intervento sia attraverso esperienze pratiche di progetti gestiti con società specializzate, sia attraverso esperienze di tipo formativo originate da chi fa questa professione. Al di là di posizioni preconcette, è fondamentale comprendere che in un mercato equilibrato è possibile per i clienti accedere a diverse soluzioni caratterizzate da livelli di prezzo differenti in funzione di diversi livelli di servizio offerto: il tutto però a partire da requisiti di qualità assolutamente irrinunciabili. La dimensione dei mercati più importanti In Olanda, dopo un periodo di continua crescita nel corso degli anni Settanta e Ottanta, il mercato del management temporaneo ha fatto registrare una crescita esplosiva negli anni Novanta. Tale crescita è strettamente connessa alla flessibilizzazione dell economia olandese ed è stata favorita anche dai mutamenti occorsi all interno del mercato del lavoro e a livello di legislazione (anche sociale).

4 Le percentuali di crescita tra il 10 e il 20% - e di oltre il 30% presso alcune società di management temporaneo di punta - sono risultate, per quanto riguarda il 2001, in un volume di mercato stimato in 0,5 miliardi di euro. Nel periodo dal 1989 al 1999 il giro d affari annuo delle società affiliate al Rim (associazione tra le società fornitrici di servizi temporary) è cresciuto da 17 milioni a 102 milioni di euro. Nel 1994 le stime del giro d affari totale oscillavano tra i 45 milioni e i 91 milioni di euro all anno. Secondo lo studio del 1994 i Paesi Bassi contavano circa 800 manager temporanei e 60 società. Per il 2001 abbiamo stimato un volume di mercato pari a oltre manager temporanei qualificati (su un totale di persone iscritte come liberi professionisti presso la Camera di commercio), 100 società e un giro d affari che si attesta su un livello di oltre 0,5 miliardi di euro. Il mercato inglese, che si è sviluppato a tassi di crescita molto elevati, viene stimato oggi tra i 500 e i 700 milioni di sterline. Negli ultimi 5 anni si è assistito a una chiara dicotomia del mercato: da una parte un gruppo di aziende specializzate (cinque) operanti quasi esclusivamente a livello di board, che insieme totalizzano un volume d affari di circa 50 milioni di sterline per anno, con un fee medio giornaliero di sterline. Incarichi tipici sono a livello di Ceo, Cfo e altri ruoli di general management; dall altra, una ventina circa di società che operano su livelli funzionali più bassi con un fee medio giornaliero di 450 sterline; infine, una buona parte degli incarichi di interim viene gestita attraverso il marketing diretto dei manager. Il numero di interim manager operanti su base continuativa è stimabile in circa 5.000, ciascuno dei quali è attivo in media per 160 giorni all anno. Più in particolare, si stima che ci siano in ogni momento interim manager impegnati su progetti, dei quali almeno operanti attraverso le società di servizi specializzate. Quando utilizzare il TM Il Rim distingue cinque categorie principali di management temporaneo a cui tutti gli interventi possono in buona sostanza essere ricondotti: Questionario di autovalutazione Accedendo al sito Fendac, alla pagina manager_mercato/dirigenti/index.html è possibile compilare il questionario di autovalutazione. Questa sezione è stata sviluppata con l obiettivo di aiutare coloro che, intravvedendo nel TM una concreta opportunità di crescita e diversificazione professionale, vogliano avvicinarsi a questo nuovo mestiere con la consapevolezza di possedere i necessari requisiti personali e professionali. La scheda di autovalutazione non vuole essere uno strumento di misurazione scientifica, bensì un supporto alla riflessione personale. Una volta compilato il questionario, per ulteriori informazioni o chiarimenti l autore è raggiungibile all indirizzo mail 1.management transitorio (gestione di fasi di copertura di improvvisi e temporanei vuoti manageriali); 2. project management (gestione di progetti); 3.crisis management (gestione di crisi aziendali); 4.management delle competenze (gestione di competenze); 5. change management (gestione di cambiamenti aziendali). Chi è il temporary manager Il requisito primario è l aver maturato una considerevole esperienza in ruoli senior all interno del settore privato o anche pubblico. In generale, si tratta dunque di manager che possono vantare un pedigree di successo che li ha portati ad occupare posizioni di responsabilità sia a livello di conduzione d azienda, sia a livello di primi riporti funzionali. La specializzazione professionale e funzionale non è in sé rilevante. Tutto ciò però non basta: il temporary manager risulta dal connubio tra un profilo professionale da cui emerga con chiarezza la sua capacità a risolvere dei problemi - più che a ricoprire una posizione - e un profilo personale e motivazionale particolare. Alcuni tratti comuni: la rapidità di analisi e di valutazione di una data situazione unite alla capacità di definire rapidamente dei piani operativi vincenti; l attitudine a creare rapidamente un ambiente di lavoro motivante e a gestire attraverso l esempio e il coinvolgimento operativo diretto; il senso e il valore del risultato: il lavoro deve essere fatto e deriva soddisfazione personale dal raggiungere qualcosa in un lasso di tempo relativamente breve; un forte coinvolgimento personale unito ad una grande capacità di lavoro; il desiderio di trasmettere know-how ed esperienza; non amano la componente politica di una carriera a lungo termine; amano il cambiamento; amano scegliere cosa fare e cosa non fare; hanno ancora un forte desiderio di lasciare briglia sciolta alla loro passione, entusiasmo ed energia per il lavoro; sono capaci di strutturarsi e pensare come un azienda: non si tratta solamente di un fatto formale circa le modalità di pagamento delle imposte, la gestione degli aspetti assicurativi e previdenziali, o la gestione della propria pensione; è una vera e propria rivoluzione copernicana nel modo di vedere se stessi, il proprio lavoro e il valore del proprio lavoro. Come una normale azienda esiste un prodotto/servizio da vendere, ovvero se stessi e il proprio know-how, che deve risultare appealing nel tempo e non diventare rapidamente obsoleto. Come una normale azienda esiste un attività di marketing da portare avanti e una struttura di costi fissi che si decide di voler sostenere e che, nel caso del temporary manager, è funzione dello stile di vita che si è scelto o a cui si è abituati. Diventare un temporary manager è sostanzialmente un percorso mentale: fatta salva la componente di competenze tecniche, ciò che fa la differenza tra un vero temporary manager e chi si improvvisa tale per necessità è il percorso personale, psicologico e mentale che è stato fatto. Semplificando, il tipico temporary ma- 27

5 nager, risultante dalle esperienze degli altri paesi, può essere così definito: di età compresa tra i 45 e i 55 anni; persona che ha attraversato 5 cambiamenti d azienda con fino a 10 diversi ruoli ricoperti durante tutto l arco della carriera; oltre 20 anni come manager permanente; consapevole di vendere know-how; non più interessato alla carriera intesa in senso tradizionale, e quindi passato da una logica di status a una logica di contributo al cliente e di investimento su se stesso. Non è casuale che chi non è ancora riuscito a compiere questa transizione parli non tanto di incarichi o progetti di TM, quanto di numero di anni da dirigente necessari ad esempio per raggiungere determinati valori pensionistici. Il rapporto contrattuale Varia in funzione delle modalità di gestione del progetto di temporary management Modalità a progetto La società di TM assume la responsabilità del progetto nei confronti del cliente, facendosi carico di gestire il rapporto contrattuale con il manager e mettendo così in essere un rapporto di tipo triangolare, in cui il manager avrà ovviamente, da parte dell azienda cliente, deleghe, procure e quant altro sia necessario alla realizzazione del progetto. Nella prassi il rapporto che si instaura tra società di TM e manager è di tipo professionale, genericamente riconducibile alla fattispecie della collaborazione coordinata e continuativa, con diverse modulazioni a seconda che il manager operi come professionista individuale oppure si sia costituito in forma societaria egli stesso (normalmente una srl o una sas, che permette al manager un compenso netto più elevato, essendo possibile portare in detrazione i propri costi operativi). 28 Si sta però progressivamente delineando uno scenario distinto, ovvero quello del manager più giovane - tra i 35 e i 45 anni - che, a fronte di progetti ben definiti e particolarmente interessanti, accetti di operare in maniera interinale e che in seguito potrà sia continuare la propria carriera come temporary, sia rientrare in un ottica più tradizionale di management permanente. Per semplificare, abbiamo provato a sintetizzare i percorsi più comuni per diventare un temporary manager: Il pensionato annoiato ha una situazione economica e finanziaria sostanzialmente tranquilla: talvolta si accontenta di lavorare sottocosto perché può permetterselo; ha un bisogno psicologico di lavorare per vincere la noia esistenziale; è in generale un manager maturo; è passato attraverso esperienze di consulenza post-pensione da cui non ha ricavato grandi soddisfazioni; dimostra grande serenità nella scelta, anche perché può scegliere. Il cinquantenne illuminato è conscio che la probabilità di espulsione dal mercato del lavoro può essere alta, indipendentemente dalle proprie capacità e risultati; ha maturato quindi la convinzione che, puntando su se stesso, può avere ritorni più alti; pianifica attentamente la transizione. Modalità search In questo caso la società di TM si occupa della ricerca del manager più adatto a risolvere il problema e del monitoraggio periodico dell intervento, che può esplicitarsi in un supporto sempre più ricco e complesso fino a diventare quasi simile a una gestione a progetto. In questo caso viene a instaurarsi un duplice rapporto contrattuale: tra azienda cliente e società di TM per quanto riguarda i servizi citati, e tra azienda cliente e manager per quanto riguarda l esecuzione del progetto. Il rapporto contrattuale tra azienda e manager è lasciato all autonomia delle parti e potrà assumere diverse configurazioni: rapporto di dirigenza a tempo determinato, in funzione di specifiche policy interne dell azienda e delle esigenze contributive del manager, interessato a beneficiare di contribuzione addizionale senza dover pagare il dazio della contribuzione volontaria; rapporto di tipo professionale, sempre però in presenza delle opportune deleghe operative, in cui la controparte manageriale può operare in forma personale o in forma societaria (vedi sopra). Il giovane lungimirante è attratto dalla sfida e dai ritorni economici della sfida stessa; si pianifica con estrema attenzione, cercando di bilanciare una serie di fattori come le aspettative e aspirazioni personali, il reddito di lungo periodo e il trade off tra vita privata e vita lavorativa. Si può però anche credere, in totale e perfetta buona fede, di aver compiuto questo percorso senza rendersi conto di averlo fatto solamente in maniera fittizia e che difficilmente un riscontro potrà arrivare dal mercato, come nei seguenti casi: Il cinquantenne spaventato è conscio che la probabilità di espulsione dal mercato del lavoro può essere alta, indipendentemente dalle proprie capacità e risultati; è però convinto che il TM sia un male ineluttabile e lo vede come una soluzione temporanea ai propri problemi; ha bisogno di crearsi un orizzonte temporale di medio termine in cui vedersi attivo e impegnato; ha sostanzialmente paura di diventare inutile. Il disperato le ha provate tutte; cerca in realtà solamente un lavoro.

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli