Contro quali elementi si è dovuto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contro quali elementi si è dovuto"

Transcript

1 TEMPORARY MANAGEMENT COSA IMPARARE DALL EUROPA Il temporary management in Italia è in costante sviluppo, nonostante il suo utilizzo sia ancora lontano da quanto avviene in altri paesi europei. Capire le ragioni di successo del TM in questi paesi può senz altro aiutare a identificare quali elementi ne ritardino la crescita e lo sviluppo e quali invece le favoriscono Maurizio Quarta Contro quali elementi si è dovuto e bisogna continuare ad operare per far comprendere il valore del TM e per farlo affermare come una normale prassi gestionale da parte delle aziende? Il primo grosso ostacolo da superare è stato quello di convincere le aziende che i temporary manager fossero manager di qualità e non solo il prodotto forzato dei processi di razionalizzazione (in altre parole, i rifiuti) di altre aziende. Si è trattato quindi di lavorare sulla qualità del servizio, il che sostanzialmente ha significato: posizionare correttamente il servizio rispetto a strumenti manageriali in parte affini, soprattutto nei confronti 22 Maurizio Quarta si occupa di TM da alcuni anni: oggi dirige le operazioni di Boyden Temporary Management, avendo cominciato ad occuparsi del tema a livello no profit in Atema, di cui è stato socio fondatore e vicepresidente, nonché chairman dell iniziativa Certificazione e Formazione. È stato ideatore e coordinatore della prima ricerca sul TM in Italia. Suoi contributi su temi di management sono stati pubblicati su Il Sole 24 Ore, Il Mondo, L Impresa, Espansione, Hamlet, Banca e Lavoro, Direct Marketing e Comunicazione, L Imprenditore, Italia Oggi.

2 della consulenza; qualificare l offerta, sia per quanto riguarda la materia prima (i manager), sia per quanto riguarda gli intermediari che offrono il servizio. Per raggiungere tali obiettivi, Gran Bretagna e Olanda, seguite a ruota dal Belgio, hanno utilizzato forme associative di matrice professionale: Aties, ora divenuta Ima (Interim management association) in Gran Bretagna, Rim in Olanda e Bima in Belgio. Si tratta di entità estremamente significative in termini di rappresentatività del mercato: ad esempio, l Ima raccoglie 25 società, ovvero l 85% di un mercato che cresce del 25-30% annuo, mentre oltre 15 sono gli associati del Rim; il pur piccolo Belgio raduna in Bima almeno otto società. In tutti i paesi il mercato del TM si caratterizza per la forte presenza di gruppi multinazionali. Uno dei primi obiettivi delle associazioni citate è stato quello di assicurare al mercato un corretto e stabile livello di qualità, a tutti i livelli, attraverso la definizione e l implementazione di adeguati standard di riferimento al fine di evitare fenomeni di opzioni nominalistiche da parte di operatori senza tradizione e che non fanno investimenti specifici. Prioritario diviene quindi definire rigorosi criteri di natura professionale per regolare l ammissione all associazione, oltre a promulgare un codice di comportamento che regola alcuni aspetti chiave della professione, quali i criteri di selezione dei manager o la gestione del rapporto triangolare manager-società di TM-cliente. Anche i clienti vanno educati e un accurata attività di sensibilizzazione e informazione viene continuamente svolta, in maniera più o meno diretta, sui potenziali utilizzatori per sfatare i falsi miti, ma anche per insegnare a utilizzare correttamente lo strumento. Non è infrequente incontrare aziende che, pur avendo focalizzato correttamente il bisogno, non sanno poi come muoversi operativamente. Il tema della qualità dei manager rappresenta forse l area più delicata, in quanto un cattivo temporary crea più danno di quanto beneficio ne creino cinque buoni. Un cattivo temporary manager, dunque, a parte i problemi che competenze non adeguate possono creare al cliente, sostanzialmente significa: Temporary Management ASCOLTIAMO L EUROPA Un libro di Maurizio Quarta, scritto per Aisl Associazione italiana per gli studi sul lavoro - per aiutare a comprendere come sviluppare il mercato italiano seguendo i modelli europei più evoluti. Il libro ripercorre le tappe di sviluppo di questo innovativo strumento di gestione nei paesi europei ove è ormai prassi consolidata; l autore si è avvalso del contributo di ben otto opinion leader nei diversi paesi, ciascuno apportatore di esperienze e visioni differenti: da rappresentanti di associazioni di società fornitrici del servizio a rappresentanti di associazioni di temporary manager, a fornitori qualificati del servizio. In sintesi si tratta di un libro che offre interessanti spunti di riflessione a diverse categorie di lettori: ai manager interessati a diversificare le proprie esperienze; ai temporary manager per confrontarsi con realtà più evolute; alle aziende per capire a fondo valenze e problematiche dello strumento; al legislatore d impresa per creare un quadro normativo facilitante. Il volume può essere ordinato, al prezzo di 16, a: AISL - Via Tonale Milano tel fax una persona scarsamente motivata alla professione; che non ha fatto una scelta professionale e di vita; che quindi è alla ricerca di un riempitivo tra un job e l altro e, in buona sostanza, solamente di un posto fisso. Ad esempio in Olanda l Erasmus University di Rotterdam, in collaborazione con le associazioni manageriali di interim, organizza regolarmente due corsi specifici, Interim management essential e Master class in interim management. Il tema della qualificazione professionale dei manager ha poi trovato, sia in Inghilterra che in Olanda, un interessante via di soluzione attraverso la creazione dell associazione nazionale dei temporary manager, che opera non tanto come entità di matrice e impostazione sindacale per la difesa di interessi collettivi, quanto come organismo professionale mirato soprattutto a: qualificare e posizionare adeguatamente la professione; creare e sviluppare competenze di interim management nel mercato e negli associati. Non è casuale che l Institute of temporary management, di recente costituzione in Gran Bretagna, fondi le sue attività sui seguenti principi di base: qualificazione professionale, la cui verifica viene fatta attraverso un processo di assessment definito dall Institute of management, una delle più note realtà europee in materia di sviluppo manageriale; sviluppo professionale continuo. In Gran Bretagna, così come in Olanda, uno degli aspetti sicuramente più interessanti è rappresentato dallo stretto rapporto di collaborazione esistente con la rispettiva associazione delle società specializzate, vista come un partner con cui condividere un comune obiettivo - 23

3 24 definibile come lo sviluppo di un mercato di qualità - piuttosto che come una controparte con cui scannarsi per negoziare clausole contrattuali. In Gran Bretagna, l associazione degli interim manager è stata di fatto promossa e fatta crescere, dall associazione delle società di interim management, in partnership con il citato Institute of management. Fattori di crescita La crescita è stata inizialmente favorita dal cambio culturale e di atteggiamento nei confronti del TM iniziato verso la fine degli anni Ottanta e rafforzatosi nel corso degli anni Novanta; ciò è stato possibile grazie a una definizione di standard professionali e a un aumento della consapevolezza dei benefici ottenibili da interventi di temporary e del riconoscimento dei risultati ottenuti nei progetti via via realizzati. I fattori di crescita emersi da indagini effettuate in alcuni paesi sono: la continua attività di professionalizzazione dei temporary manager; la tendenza, pressoché generalizzata, a ridurre le risorse permanenti e, specie sulle attività non-core, a operare secondo i canoni più corretti del project management; la necessità da parte di molte aziende, specie medio-piccole, di adeguare, velocemente e in tempi stretti, le competenze chiave per non perdere competitività in un contesto che muta sempre più rapidamente. Management diviene per molte aziende sinonimo di gestione del cambiamento, ove la capacità di giocare d anticipo può determinare il successo; la possibilità di avere a disposizione team di temporary manager; l affermarsi, tra i manager, di uno stile di vita maggiormente orientato alla riappropriazione del proprio tempo e quindi alla visione delle pause tra un intervento e il successivo come momento da dedicare alla propria formazione e alla gestione dei propri interessi; una prospettiva di crescita globale dell economia. È stato peraltro rilevato che il TM, proprio per la sua natura di operare a costi variabili, cresce - a un tasso minore ma cresce - anche in situazioni di congiuntura non in sviluppo. Indicazione degli utilizzi di TM in alcuni dei principali mercati europei (%) INGHILTERRA 1. Project management Vuoto manageriale imprevisto Change management Vuoto manageriale pianificato 5. Crisis management 10 BELGIO 1. Project management Turnaround Nuove iniziative Crisis management 8 OLANDA 1. Change management Project management Transition management Crisis management Expertise management 7 GERMANIA 1. Vuoto manageriale temporaneo Project management Coaching Ristrutturazione M&A 8 Fattori di ritardo I fattori che invece possono porre delle serie ipoteche allo sviluppo sono: la non percezione del bisogno, intesa nel senso di non saper identificare situazioni o problemi facilmente risolvibili con l assunzione di un termporary; i possibili ritorni derivanti da esperienze negative e non di successo da parte di aziende ricorse a battitori liberi non professionali e improvvisati; la possibile carenza di manager dotati delle necessarie competenze e delle corrette motivazioni per la professione. Dove trovare il temporary manager È più opportuno rivolgersi a una struttura specializzata oppure percorrere la via del professionista indipendente? In Belgio ciò che emerge è la nettissima preferenza per la gestione di progetti TM attraverso società specializzate (oltre il 75% delle aziende private e quasi il 90% di quelle pubbliche). In Gran Bretagna, i temporary manager operano in maniera equivalente sia attraverso società specializzate, sia attraverso contatti individuali. Per quello che riguarda un possibile modello per il mercato italiano, sulla base anche di approfondimenti fatti con i vari operatori nazionali, si potrebbe estrapolare quanto segue: il modello belga, tendenzialmente orientato verso le società specializzate, si dimostra valido specie in una situazione di mercato nascente, ove è più che mai necessario fissare determinati parametri di qualità che regolamentino (in senso sostanziale e non formale) l esercizio di questa professione, ed evitare una selvaggia corsa del tipo me too da parte di manager e società; a fronte poi di un mercato in forte sviluppo è chiaro che l offerta non può basarsi esclusivamente su un numero limitato di società, per quanto crescente; ciò implica il ricorso sempre maggiore a manager indipendenti. Diviene allora importante che i manager indipendenti siano stati esposti a corrette metodologie di intervento sia attraverso esperienze pratiche di progetti gestiti con società specializzate, sia attraverso esperienze di tipo formativo originate da chi fa questa professione. Al di là di posizioni preconcette, è fondamentale comprendere che in un mercato equilibrato è possibile per i clienti accedere a diverse soluzioni caratterizzate da livelli di prezzo differenti in funzione di diversi livelli di servizio offerto: il tutto però a partire da requisiti di qualità assolutamente irrinunciabili. La dimensione dei mercati più importanti In Olanda, dopo un periodo di continua crescita nel corso degli anni Settanta e Ottanta, il mercato del management temporaneo ha fatto registrare una crescita esplosiva negli anni Novanta. Tale crescita è strettamente connessa alla flessibilizzazione dell economia olandese ed è stata favorita anche dai mutamenti occorsi all interno del mercato del lavoro e a livello di legislazione (anche sociale).

4 Le percentuali di crescita tra il 10 e il 20% - e di oltre il 30% presso alcune società di management temporaneo di punta - sono risultate, per quanto riguarda il 2001, in un volume di mercato stimato in 0,5 miliardi di euro. Nel periodo dal 1989 al 1999 il giro d affari annuo delle società affiliate al Rim (associazione tra le società fornitrici di servizi temporary) è cresciuto da 17 milioni a 102 milioni di euro. Nel 1994 le stime del giro d affari totale oscillavano tra i 45 milioni e i 91 milioni di euro all anno. Secondo lo studio del 1994 i Paesi Bassi contavano circa 800 manager temporanei e 60 società. Per il 2001 abbiamo stimato un volume di mercato pari a oltre manager temporanei qualificati (su un totale di persone iscritte come liberi professionisti presso la Camera di commercio), 100 società e un giro d affari che si attesta su un livello di oltre 0,5 miliardi di euro. Il mercato inglese, che si è sviluppato a tassi di crescita molto elevati, viene stimato oggi tra i 500 e i 700 milioni di sterline. Negli ultimi 5 anni si è assistito a una chiara dicotomia del mercato: da una parte un gruppo di aziende specializzate (cinque) operanti quasi esclusivamente a livello di board, che insieme totalizzano un volume d affari di circa 50 milioni di sterline per anno, con un fee medio giornaliero di sterline. Incarichi tipici sono a livello di Ceo, Cfo e altri ruoli di general management; dall altra, una ventina circa di società che operano su livelli funzionali più bassi con un fee medio giornaliero di 450 sterline; infine, una buona parte degli incarichi di interim viene gestita attraverso il marketing diretto dei manager. Il numero di interim manager operanti su base continuativa è stimabile in circa 5.000, ciascuno dei quali è attivo in media per 160 giorni all anno. Più in particolare, si stima che ci siano in ogni momento interim manager impegnati su progetti, dei quali almeno operanti attraverso le società di servizi specializzate. Quando utilizzare il TM Il Rim distingue cinque categorie principali di management temporaneo a cui tutti gli interventi possono in buona sostanza essere ricondotti: Questionario di autovalutazione Accedendo al sito Fendac, alla pagina manager_mercato/dirigenti/index.html è possibile compilare il questionario di autovalutazione. Questa sezione è stata sviluppata con l obiettivo di aiutare coloro che, intravvedendo nel TM una concreta opportunità di crescita e diversificazione professionale, vogliano avvicinarsi a questo nuovo mestiere con la consapevolezza di possedere i necessari requisiti personali e professionali. La scheda di autovalutazione non vuole essere uno strumento di misurazione scientifica, bensì un supporto alla riflessione personale. Una volta compilato il questionario, per ulteriori informazioni o chiarimenti l autore è raggiungibile all indirizzo mail 1.management transitorio (gestione di fasi di copertura di improvvisi e temporanei vuoti manageriali); 2. project management (gestione di progetti); 3.crisis management (gestione di crisi aziendali); 4.management delle competenze (gestione di competenze); 5. change management (gestione di cambiamenti aziendali). Chi è il temporary manager Il requisito primario è l aver maturato una considerevole esperienza in ruoli senior all interno del settore privato o anche pubblico. In generale, si tratta dunque di manager che possono vantare un pedigree di successo che li ha portati ad occupare posizioni di responsabilità sia a livello di conduzione d azienda, sia a livello di primi riporti funzionali. La specializzazione professionale e funzionale non è in sé rilevante. Tutto ciò però non basta: il temporary manager risulta dal connubio tra un profilo professionale da cui emerga con chiarezza la sua capacità a risolvere dei problemi - più che a ricoprire una posizione - e un profilo personale e motivazionale particolare. Alcuni tratti comuni: la rapidità di analisi e di valutazione di una data situazione unite alla capacità di definire rapidamente dei piani operativi vincenti; l attitudine a creare rapidamente un ambiente di lavoro motivante e a gestire attraverso l esempio e il coinvolgimento operativo diretto; il senso e il valore del risultato: il lavoro deve essere fatto e deriva soddisfazione personale dal raggiungere qualcosa in un lasso di tempo relativamente breve; un forte coinvolgimento personale unito ad una grande capacità di lavoro; il desiderio di trasmettere know-how ed esperienza; non amano la componente politica di una carriera a lungo termine; amano il cambiamento; amano scegliere cosa fare e cosa non fare; hanno ancora un forte desiderio di lasciare briglia sciolta alla loro passione, entusiasmo ed energia per il lavoro; sono capaci di strutturarsi e pensare come un azienda: non si tratta solamente di un fatto formale circa le modalità di pagamento delle imposte, la gestione degli aspetti assicurativi e previdenziali, o la gestione della propria pensione; è una vera e propria rivoluzione copernicana nel modo di vedere se stessi, il proprio lavoro e il valore del proprio lavoro. Come una normale azienda esiste un prodotto/servizio da vendere, ovvero se stessi e il proprio know-how, che deve risultare appealing nel tempo e non diventare rapidamente obsoleto. Come una normale azienda esiste un attività di marketing da portare avanti e una struttura di costi fissi che si decide di voler sostenere e che, nel caso del temporary manager, è funzione dello stile di vita che si è scelto o a cui si è abituati. Diventare un temporary manager è sostanzialmente un percorso mentale: fatta salva la componente di competenze tecniche, ciò che fa la differenza tra un vero temporary manager e chi si improvvisa tale per necessità è il percorso personale, psicologico e mentale che è stato fatto. Semplificando, il tipico temporary ma- 27

5 nager, risultante dalle esperienze degli altri paesi, può essere così definito: di età compresa tra i 45 e i 55 anni; persona che ha attraversato 5 cambiamenti d azienda con fino a 10 diversi ruoli ricoperti durante tutto l arco della carriera; oltre 20 anni come manager permanente; consapevole di vendere know-how; non più interessato alla carriera intesa in senso tradizionale, e quindi passato da una logica di status a una logica di contributo al cliente e di investimento su se stesso. Non è casuale che chi non è ancora riuscito a compiere questa transizione parli non tanto di incarichi o progetti di TM, quanto di numero di anni da dirigente necessari ad esempio per raggiungere determinati valori pensionistici. Il rapporto contrattuale Varia in funzione delle modalità di gestione del progetto di temporary management Modalità a progetto La società di TM assume la responsabilità del progetto nei confronti del cliente, facendosi carico di gestire il rapporto contrattuale con il manager e mettendo così in essere un rapporto di tipo triangolare, in cui il manager avrà ovviamente, da parte dell azienda cliente, deleghe, procure e quant altro sia necessario alla realizzazione del progetto. Nella prassi il rapporto che si instaura tra società di TM e manager è di tipo professionale, genericamente riconducibile alla fattispecie della collaborazione coordinata e continuativa, con diverse modulazioni a seconda che il manager operi come professionista individuale oppure si sia costituito in forma societaria egli stesso (normalmente una srl o una sas, che permette al manager un compenso netto più elevato, essendo possibile portare in detrazione i propri costi operativi). 28 Si sta però progressivamente delineando uno scenario distinto, ovvero quello del manager più giovane - tra i 35 e i 45 anni - che, a fronte di progetti ben definiti e particolarmente interessanti, accetti di operare in maniera interinale e che in seguito potrà sia continuare la propria carriera come temporary, sia rientrare in un ottica più tradizionale di management permanente. Per semplificare, abbiamo provato a sintetizzare i percorsi più comuni per diventare un temporary manager: Il pensionato annoiato ha una situazione economica e finanziaria sostanzialmente tranquilla: talvolta si accontenta di lavorare sottocosto perché può permetterselo; ha un bisogno psicologico di lavorare per vincere la noia esistenziale; è in generale un manager maturo; è passato attraverso esperienze di consulenza post-pensione da cui non ha ricavato grandi soddisfazioni; dimostra grande serenità nella scelta, anche perché può scegliere. Il cinquantenne illuminato è conscio che la probabilità di espulsione dal mercato del lavoro può essere alta, indipendentemente dalle proprie capacità e risultati; ha maturato quindi la convinzione che, puntando su se stesso, può avere ritorni più alti; pianifica attentamente la transizione. Modalità search In questo caso la società di TM si occupa della ricerca del manager più adatto a risolvere il problema e del monitoraggio periodico dell intervento, che può esplicitarsi in un supporto sempre più ricco e complesso fino a diventare quasi simile a una gestione a progetto. In questo caso viene a instaurarsi un duplice rapporto contrattuale: tra azienda cliente e società di TM per quanto riguarda i servizi citati, e tra azienda cliente e manager per quanto riguarda l esecuzione del progetto. Il rapporto contrattuale tra azienda e manager è lasciato all autonomia delle parti e potrà assumere diverse configurazioni: rapporto di dirigenza a tempo determinato, in funzione di specifiche policy interne dell azienda e delle esigenze contributive del manager, interessato a beneficiare di contribuzione addizionale senza dover pagare il dazio della contribuzione volontaria; rapporto di tipo professionale, sempre però in presenza delle opportune deleghe operative, in cui la controparte manageriale può operare in forma personale o in forma societaria (vedi sopra). Il giovane lungimirante è attratto dalla sfida e dai ritorni economici della sfida stessa; si pianifica con estrema attenzione, cercando di bilanciare una serie di fattori come le aspettative e aspirazioni personali, il reddito di lungo periodo e il trade off tra vita privata e vita lavorativa. Si può però anche credere, in totale e perfetta buona fede, di aver compiuto questo percorso senza rendersi conto di averlo fatto solamente in maniera fittizia e che difficilmente un riscontro potrà arrivare dal mercato, come nei seguenti casi: Il cinquantenne spaventato è conscio che la probabilità di espulsione dal mercato del lavoro può essere alta, indipendentemente dalle proprie capacità e risultati; è però convinto che il TM sia un male ineluttabile e lo vede come una soluzione temporanea ai propri problemi; ha bisogno di crearsi un orizzonte temporale di medio termine in cui vedersi attivo e impegnato; ha sostanzialmente paura di diventare inutile. Il disperato le ha provate tutte; cerca in realtà solamente un lavoro.

Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager

Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager Maurizio Quarta Managing Partner Temporary Management & Capital Advisors National Coordinator - IIM Italian Chapter Congresso

Dettagli

la gestione temporanea di un impresa o di una sua parte da parte di manager altamente qualificati e motivati

la gestione temporanea di un impresa o di una sua parte da parte di manager altamente qualificati e motivati INTRODUZIONE La Provincia di Milano, nell ottica di fornire alle imprese un costante servizio di aggiornamento sulle più innovative modalità di gestione, ritiene utile dare una visione approfondita su

Dettagli

Il Temporary Management per affrontare situazioni di discontinuità gestionale

Il Temporary Management per affrontare situazioni di discontinuità gestionale per affrontare situazioni di discontinuità gestionale Angelo Vergani Caratteristiche distintive del Temporary/Contract Management 1 2 3 Attività svolta da società specializzate Per il contract manager

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI MARIANNA CARBONARI Presidente e Amministratore Delegato di Value for Talent. Ha maturato più di dieci anni di esperienza nella gestione di progetti di Executive Search articolati e complessi. Ha condotto

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

www.mauriziovinci.it

www.mauriziovinci.it www.mauriziovinci.it Il mercato impone decisioni rapide ed efficaci, obiettivi chiari e sostenibili, strategie ben strutturate che non lasciano spazio all improvvisazione. Studio di consulenza integrata

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali Catalogo Humanform 2015 Area Sviluppo competenze manageriali PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è

Dettagli

Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte -

Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte - Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte - di Valentina Gagliardo Facciamo seguito all articolo del mese scorso sul tema Temporary Manager. L intervista a Gian Andrea Oberegelsbacher prosegue

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

COACHING ACADEMY FOUNDATION

COACHING ACADEMY FOUNDATION COACHING ACADEMY FOUNDATION In collaborazione con:!!! Riccardi Coaching Introduzione Sviluppatosi negli anni 80 in America con eccellenti risultati, il coaching si è poi esteso in Europa, prevalentemente

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Ippolito Consulting temporary management restructuring & turnaround consulenza di direzione temporary management consulenza di direzione

Ippolito Consulting temporary management restructuring & turnaround consulenza di direzione temporary management consulenza di direzione Ippolito Consulting IppolitoConsulting nasce da un iniziativa di Francesco Ippolito, che ha concentrato in un unica proposta una rete di contatti professionali specializzati nella gestione di crisi aziendali

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* Indice UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 1. Le caratteristiche generali e strutturali 2 2. L analisi del processo di lavoro e le figure

Dettagli

Consulente, mentor, coach, counselor, tutor

Consulente, mentor, coach, counselor, tutor Marzo 2014, anno VIII N. 3 Consulente, mentor, coach, counselor, tutor oppure di Vito B. Del Volgo 1 Succede, a volte, che per le ragioni più diverse esperti manager con brillanti carriere alle spalle

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Il Temporary Management Profilo del Temporary Manager Lorenzo Nicoletti & C. «Business Temporary Management» Aree di Attività Processo Metodologico

Il Temporary Management Profilo del Temporary Manager Lorenzo Nicoletti & C. «Business Temporary Management» Aree di Attività Processo Metodologico Il Temporary Management Profilo del Temporary Manager Lorenzo Nicoletti & C. «Business Temporary Management» Aree di Attività Processo Metodologico Aspetti Contrattuali Profilo Professionale Il Temporary

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI

Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI PROGETTARE PROCESSI COMPLESSI INSIEME ALLA COMUNITA DEI PROFESSIONSITI DELLA SANITA E AL MERCATO HTA: THE PROJECT

Dettagli

CODICE ETICO L INCONTRO SRL e L INCONTRO BANCHETTI SRL

CODICE ETICO L INCONTRO SRL e L INCONTRO BANCHETTI SRL CODICE ETICO L INCONTRO SRL e L INCONTRO BANCHETTI SRL Indice 1. Ambito di applicazione e destinatari 2. Principi etici 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 2.2 Valore della persona

Dettagli

La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi.

La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi. La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi. I fattori per i quali il tessile abbigliamento soffre di consistenti fenomeni di contraffazione,

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967. Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V.

Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967. Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V. Management Your knowledge, our passion requisiti richiesti agli entri di formazione accreditati presso la Regione Lombardia. Eduteam è un Microsoft Certified Partner. Dal 2003 si posiziona come Partner

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING Cos è che rende Cristiano il Coaching? Sebbene la crescita spirituale non sia il "fine ultimo" del Coaching, il coach non ha paura di affrontare problemi e questioni

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Uno di noi! Diventa Consulente assicurativo personale ERGO.

Uno di noi! Diventa Consulente assicurativo personale ERGO. Uno di noi! Diventa Consulente assicurativo personale ERGO. Diventare Consulente assicurativo personale ERGO significa essere protagonista nel mercato, in uno scenario unico del panorama italiano, con

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE 1 Indice 1. Premessa 2. Obiettivo 3. Le competenze del profilo ideale Competenze 3.1. Età ed esperienza 3.2. Le reali competenze

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Provincia di Pesaro e Urbino PIA2 il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Curriculum di base Project

Dettagli

La discontinuità: una sfida da vincere Maggio 2012

La discontinuità: una sfida da vincere Maggio 2012 R e s t a r t Industrial Restructuring La discontinuità: una sfida da vincere Maggio 2012 Gi Group Gi Group è una multinazionale italiana, leader nella fornitura di servizi per lo sviluppo del mercato

Dettagli

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Nell ambito del Programma Leonardo da Vinci, i partner, provenienti da sei nazioni europee (Austria, Belgio, Italia, Olanda, Regno Unito, Spagna)

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

UBI Pramerica Bridge Solution

UBI Pramerica Bridge Solution UBI Pramerica Bridge Solution Dopo il lavoro e prima della pensione. Adesso c è la soluzione. Il primo piano di accumulo per la Grey Zone tra il lavoro e la pensione. Grey Zone: una nuova realtà. LA GREY

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013 IL DATORE DI LAVORO AFFIDA ALL ESTERNO LE COMPETENZE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) PER ESSERE SUPPORTATO NELL INDIVIDUAZIONE DELLE SOLUZIONI ADOTTABILI AL FINE DI EVITARE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale News letter Numero 7 15 gennaio 2010 Editoriale Sommario I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Come sviluppare abilità per gestire i clienti interni in una

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company 1. Perchè crescere all estero: lo scenario internazionale Integrazione

Dettagli

EXTERNAL HR MANAGEMENT

EXTERNAL HR MANAGEMENT EXTERNAL HR MANAGEMENT PER LO SVILUPPO CONTINUO DEI KEY PEOPLE AZIENDALI Dotarsi dei servizi di una moderna Direzione di Sviluppo delle Risorse Umane per la cura dei propri Key People abbattendo i costi

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti?

Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti? 4 Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti? Nell agosto 2000, facendo una ricerca in Internet sulla gestione di progetti uno dei principali motori di ricerca ha individuato 579.232 siti

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B I programmi di Mentoring sono un approccio multidisciplinare allo sviluppo del Leader al fine di aumentare la performance manageriale, acquisire e ampliare competenze di ruolo. MENTORING MENTORING FOR

Dettagli

DALLA PARTE DI CHI CRESCE

DALLA PARTE DI CHI CRESCE DALLA PARTE DI CHI CRESCE MANAGERITALIA: COS È CHI RAPPRESENTA Manageritalia è l Organizzazione di rappresentanza dei manager del terziario: dirigenti, quadri e professional. È una Federazione apartitica

Dettagli

I WORKSHOPS PER APPRENDERLA

I WORKSHOPS PER APPRENDERLA LA NUOVA FRONTIERA DELLA VENDITA DEI PRODOTTI BANCARI E ASSICURATIVI I WORKSHOPS PER APPRENDERLA WORKSHOP CRUCIALITY APPROACH (UNA GIORNATA) WORKSHOP SOLVENCY MANAGEMENT della FAMIGLIA (UNA GIORNATA) WORKSHOP

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Una nuova generazione per l albergo di domani

Una nuova generazione per l albergo di domani I Una nuova generazione per l albergo di domani Indagine su come i giovanni vedono il proprio futuro professionale. Lettura assai utile anche ai senior Il Gruppo Giovani Albergatori sta vivendo una stagione

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

HR = 1 Business Partner aziendale. La trasformazione della funzione HR

HR = 1 Business Partner aziendale. La trasformazione della funzione HR HR = 1 Business Partner aziendale La trasformazione della funzione HR 1 Il viaggio che vi vorrei proporre nella tematica in oggetto avrà come obiettivo quello di fonire alcuni spunti di riflessione, senza

Dettagli

La figura del security manager

La figura del security manager 18 maggio 2009 La figura del security manager giovanni minervini security manager EAV chi è? perché un azienda dovrebbe averne bisogno? Cercheremo di arrivare alla definizione del ruolo e del profilo che

Dettagli

DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE

DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE Obiettivi del progetto Un percorso per chi decide di

Dettagli

Per info: antonellacigarini@cspmi.it; cristinacomastri@cspmi.it Sede di Reggio Emilia

Per info: antonellacigarini@cspmi.it; cristinacomastri@cspmi.it Sede di Reggio Emilia STRATEGIA E SVILUPPO ORGANIZZATIVO Sede di Reggio Emilia Corso 02 Formazione pratica al Project Management Corso 02 - Formazione pratica al Project Management Docenti: Drei Giulio Durata: 14 ore Avvio:

Dettagli

A FORMAZIONE. Le persone motivate lavorano meglio e sono fidelizzate, le persone PER UN CORRETTO INSERIMENTO IN AZIENDA

A FORMAZIONE. Le persone motivate lavorano meglio e sono fidelizzate, le persone PER UN CORRETTO INSERIMENTO IN AZIENDA Occorre dare importanza alla gestione delle risorse umane anche in termini di formazione dedicata. L A FORMAZIONE PER UN CORRETTO INSERIMENTO IN AZIENDA Dott.ssa Pamela Pettine Responsabile Sviluppo Risorse

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com BUSINESS DEVELOPMENT noesisweb.com Guidiamo le persone nel diventare attori principali della propria realtà, costruendo, negli ambiti professionali e di vita privata, un mondo al quale sia piacevole appartenere

Dettagli